QUADRO SINOTTICO DEI RISULTATI. Classi di Priorità. Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero. Classi di punteggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO SINOTTICO DEI RISULTATI. Classi di Priorità. Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero. Classi di punteggio"

Transcript

1 Appendice QUADRO SINOTTICO DEI RISULTATI Nel presente quadro sinottico sono riportate nelle tabelle le principali informazioni raccolte dalle schede dei siti mappati, utilizzate per il calcolo di punteggi e Classi di priorità e riportate nei singoli report. In ogni singola tabella vengono riportati gli esiti per Provincia delle risposte date ai quesiti del questionario in sede di sopralluogo. Di seguito si riportano gli stessi esiti in forma grafica dei risultati regionali, aggregando i dati nei tre gruppi di edifici in base alla loro destinazione: 1. attività produttive intese come Impianti di Categoria 1 e Siti Dismessi; 2. popolazione sensibile e scolastica intese come Edifici Pubblici frequentati dalla porzione di popolazione maggiormente sensibile quali Scuole di ogni ordine e grado, Ospedali e Case di Cura; 3. tempo libero inteso come Edifici Pubblici adibiti al tempo libero quali Biblioteche, Luoghi di Culto, Grande Distribuzione Commerciale, Impianti Sportivi, Cinema, Teatri e Sale Convegno. Fig. 1: Classi di Priorità. Classi di Priorità 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Fig. 2: Classi di punteggio. Classi di punteggio 100% 80% 60% 40% 20% 0% < no punteggio Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 387

2 Dalle figure 1 e 2 è possibile osservare che: i gruppi degli edifici pubblici ( popolazione sensibile e tempo libero ) si collocano in prevalenza in Classe di Priorità 2 (edifici pubblici accessibili e con presenza di amianto compatto non confinato) e i loro punteggi si concentrano nelle Classi di punteggio e ; i siti delle attività produttive si collocano prevalentemente in Classe 4 poiché non accessibili e ottengono punteggi mediamente inferiori agli altri due gruppi esaminati concentrandosi nella fascia <500; poiché il punteggio massimo acquisibile è di 6768, complessivamente si osservano fasce di punteggio medio-basse a significare l irrilevanza di situazioni particolarmente gravi. Fig. 3: Proprietà. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% Proprietà 0% privata pubblica Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Le attività produttive sono tutti edifici di proprietà privata; mentre per gli edifici pubblici, i siti relativi alla popolazione sensibile a prevalente proprietà pubblica (87%), quelli adibiti al tempo libero sono ripartiti tra proprietà pubblica e privata, rispettivamente 48% e 52% (fig. 3). Fig. 4: Localizzazione del materiale contenente amianto (mca). Materiale Contenente Amianto (mca) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% tetto pavimento altro Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 388

3 In tutti e tre i gruppi di edifici è stato riscontrato prevalentemente materiale contenente amianto (mca) in matrice compatta. Negli edifici utilizzati per il tempo libero le coperture (tetto) rappresentano la maggior parte della tipologia di manufatto rinvenuta (90%). I pavimenti rappresentano una quota significativa di mca compatto, rispetto agli altri gruppi, negli edifici destinati alla popolazione sensibile (fig. 4). Con il termine altro, rinvenuto maggiormente all interno delle attività produttive, si intendono mca sia in matrice friabile che compatta quali: guarnizioni, coibentazioni, canne fumarie, controsoffittature, vasche/vasi di espansione, condotte per il riscaldamento o per la ventilazione, materiali da laboratorio, glasal di facciata, rivestimenti isolanti, cisterne, porte tagliafuoco, pareti divisorie prefabbricate, pannelli, intonaco a spruzzo, vernice di protezione, intonaco fonoassorbente, sipario tagliafuoco, tamponamenti laterali delle coperture. Dalla tabella 2.14 si osserva che in tutti i Siti Dismessi sono presenti materiali in matrice compatta ad eccezione di un sito in cui è presente anche mca in matrice friabile. Fig. 5: Estensione del sito. Estensione del Sito 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% <500 mq mq >5000 mq non indicata Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Le attività produttive emergono per grande estensione del sito in relazione alla loro tipologia costruttiva e alla loro destinazione d uso rispetto agli edifici pubblici (fig. 5). Si può osservare come il 74% di questi occupi una superficie superiore a 5000 mq. Fig. 6: Stato dell attività. Stato dell'attività 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% attiva dismessa Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 389

4 Alla domanda sullo stato dell attività, ovviamente per gli edifici pubblici questa risulta largamente in funzione, mentre per le attività produttive il 49% risulta dismesso, di questi il 42% sono Impianti di Cat.1 poi risultati dismessi nel momento del sopralluogo e il 58% impianti già noti come strutture non attive. Un obiettivo specifico del progetto era quello di eseguire la mappatura dei Siti Dismessi già noti (1997) con presenza di amianto friabile o compatto per i quali non era ancora stato presentato un piano di lavoro ex art. 34 D.Lgs. 277/91. Fig. 7: Frequenza di utilizzo. Frequenza di Utilizzo 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% occasionale periodica costante non indicata Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Gli Edifici Pubblici indipendentemente dalla loro destinazione d uso sono a frequenza di utilizzo costante poiché quasi sempre attivi (fig. 7). Il 39% delle attività produttive hanno una frequentazione occasionale, anche se in questo gruppo sono inclusi siti classificati come dismessi, in quanto questi mantengono delle attività collaterali che implicano un accesso (es. magazzini, depositi, attività di vigilanza etc.). Fig. 8: Stato di conservazione del mca. Stato di Conservazione del mca 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% danni < 10% danni 10% non indicata Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 390

5 In generale, per oltre il 60% dei siti mappati lo stato di conservazione del mca è buono in quanto presentano danni minori del 10%. Nel caso specifico è necessario puntualizzare che il 68% dei soli Siti Dismessi presenta danni >10%, mentre il 79% degli Impianti di Categoria 1 si trova in un buono stato di conservazione. Ciò indica che la presenza delle situazioni più gravi si riscontra nei siti in cui non sussiste più alcun tipo di attività produttiva (vedi tab. 1.9 e 2.9). I casi in cui non viene indicato lo stato del mca sono soprattutto quelli in cui i materiali risultano confinati e pertanto non visionabili. Fig. 9: Accessibilità del sito. Accessibilità del Sito 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% recinzione vietata libera non indicata Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Come atteso gli edifici pubblici presentano sempre un accessibilità del sito libera (ad eccezione di situazioni con accesso controllato es. centrali termiche), per le attività produttive si è evidenziato che il 65% di queste sono recintate mentre per il 16% l accesso viene semplicemente vietato con un cartello (fig.9). Fig. 10: Distanza dal centro abitato. Distanza dal Centro Abitato 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% oltre 1000 m entro 1000 m centro abitato non indicata Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 391

6 Fig. 11: Densità di popolazione interessata. Densità di Popolazione Interessata 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% case sparse aggregato urbano non indicata Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Definizione centro abitato: art. 3 del nuovo codice della strada; letteralmente "insieme di edifici, delimitato lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un raggruppamento continuo, ancorché intervallato da strade, piazze, giardini o simili, costituito da non meno di venticinque fabbricati e da aree di uso pubblico con accessi veicolari o pedonali sulla strada. Come prevedibile gli Edifici Pubblici ( popolazione sensibile e tempo libero ) si trovano prevalentemente all interno del centro abitato e in prossimità di aggregati urbani dove la densità di popolazione è maggiore, mentre le attività produttive sono posizionate in parte al di fuori dei centri abitati (50%) e il restante 50% distribuito in zone comunque abitate a testimonianza di insediamenti produttivi ancora inglobati in aggregati urbani. Dalle tabelle 1.11/12 e 2.11/12 è possibile osservare che per le attività produttive, solamente una piccola percentuale di Impianti di Cat. 1 si trova in prossimità di zone abitate mentre il 49% dei Siti Dismessi si trovano in prossimità di centri abitati e il 58% all interno di aggregati urbani, indicando un rischio più elevato connesso a questa tipologia di edificio (vedi anche fig. 8). Fig. 12: Tipologia di amianto. Tipologia di amianto 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% crisotilo crisotilo + anfiboli non indicato Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 392

7 Il 40% degli edifici indipendentemente dalla loro destinazione d uso presenta mca con una doppia tipologia di amianto: crisotilo più anfiboli. Il tipo di amianto contenuto nei diversi mca dipende dalla tipologia di manufatto: in genere nelle coperture, nei serbatoi, nelle canne fumarie si riscontra la contemporanea presenza di crisotilo e anfiboli, nelle pavimentazioni del solo crisotilo, nei mca in matrice friabile come le coibentazioni crisotilo e anfiboli con prevalenza di anfiboli. Fig. 13: Tipologia di mca. Tipologia di mca 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% compatto friabile Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Fig. 14: Quantità di mca compatto stimata. Quantità di mca Compatto Stimata 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 50 mq mq >500 mq non indicato Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 393

8 Fig. 15: Quantità di mca friabile stimata. Quantità di mca Friabile Stimata 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 500 kg kg >10000 kg non indicato Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero La tipologia di mca, a conferma del tipo di manufatti rinvenuti (vedi fig. 4), sia per gli edifici pubblici che per le attività produttive è prevalentemente compatta (fig. 13). Mediamente le attività produttive presentano delle quantità di mca compatto superiori, in ragione della loro maggiore estensione (fig. 14). La presenza di amianto friabile è modesta e dalla figura 15 si può osservare come la quantità di mca friabile negli edifici pubblici ( popolazione sensibile ) sia per il 95% inferiore a 500 kg e che solo il 6% di tutti gli edifici presenta una quantità superiore a kg. Spesso nei casi con mca friabile è stata rinvenuta la contemporanea presenza di compatto e friabile; le singole situazioni sono ben esplicitate nelle tabelle conclusive. Si osservano comunque limitate situazioni di amianto friabile, a dimostrazione delle numerose azioni di bonifica attuate a partire dal censimento del 1997, che confermano ancora una volta l impegno della Regione Emilia-Romagna nella tutela della salute dei cittadini e nella protezione dell ambiente. Fig. 16: Quantità di mca esposta all aria. Quantità di mca Esposta all'aria 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 500 mq mq >10000 mq non indicato Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero 394

9 La quantità di mca esposto all aria (es. tetti e/o pavimenti) è variamente distribuita in relazione all estensione del sito/dei locali e nella maggior parte dei casi. Fig. 17: Presenza di confinamento del mca. Presenza di Confinamento del mca 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% si no non indicato Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero La presenza di confinamento dei materiali è strettamente legata alla tipologia di manufatto; poiché sono stati riscontrati soprattutto mca nei tetti e nelle pavimentazioni il confinamento si è reso necessario solo per poco più del 10% dei casi. Fig. 18: Valutazione del rischio. Valutazione del Rischio 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% si no non indicato Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero Si evidenzia come per le attività produttive sia stata effettuata la valutazione del rischio per il 33% dei casi, per gli edifici della popolazione sensibile per il 38% e per quelli del tempo libero per il 17%. 395

10 1. IMPIANTI DI CATEGORIA 1 Tab Classi di Priorità Classe Classe % Classe % Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % % % % % senza punteggio % Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro 13 (1) 6 (2) 7 (3) 12 (4) 7 (5) 0 10 (6) % (1) in 13 edifici è presente mca friabile quali coibentazioni o guarnizioni; (2) in 6 edifici è presente mca friabile quali coibentazioni o guarnizioni; (3) in 7 edifici sono presenti altri materiali quali guarnizioni di caldaie/centrali termiche o vasche in cemento-amianto; (4) in 12 edifici sono presenti altri materiali quali guarnizioni di caldaie/tubazioni o intonaci; (5) in tutti e 7 i siti oltre alla copertura in cemento-amianto sono presenti altri materiali quali guarnizioni e coibentazioni; (6) in 10 edifici sono presenti altri materiali quali guarnizioni di caldaie/centrali termiche o vasche in cemento-amianto. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % non indicata % Tab Stato dell Attività attiva % dismessa % Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % non indicata %

11 Tab Durata del Periodo di Dismissione < 3 anni % 3 10 anni % > 10 anni % non indicata % Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % non indicata % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato % Tab Tipologia di mca compatto % friabile 12 (1) 5 (2) 5 (3) 9 (4) 7 (5) 0 9 (6) % (1) in 4 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (2) in 2 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (3) in 2 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (4) in 4 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (5) in 7 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (6) in 7 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile. 397

12 Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq % non indicato 2 (1) % (1) data la formulazione dell algoritmo, per questi siti non è stato possibile calcolare il punteggio. Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg % kg % >10000 kg % non indicato 1 (1) % (1) data la formulazione dell algoritmo, per questi siti non è stato possibile calcolare il punteggio. Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % non indicato % Tab Valutazione del Rischio si % no % non indicato 1 (1) % (1) data la formulazione dell algoritmo, per questo sito non è stato possibile calcolare il punteggio. Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta % Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no %

13 2. SITI DISMESSI Tab Classi di Priorità Classe Classe % Classe % Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % % % % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro 1 (1) (2) 1 (3) % (1) oltre al tetto in cemento-amianto è presente 1 canna fumaria; (2) oltre al tetto è presente amianto nelle guarnizioni di tubazioni; (3) oltre al tetto è presente una controsoffittatura in cemento-amianto. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % Tab Stato dell Attività attivo (1) % dismesso % (1) l edificio è una caserma in parte ancora occupata. Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante (1) % non indicata % (1) una parte del sito (si tratta di una caserma) è utilizzata costantemente. 399

14 Tab Durata del Periodo di Dismissione < 3 2% % > % non indicata % Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicata % Tab Tipologia di mca compatto % friabile (1) % (1) compatto + friabile. Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq %

15 Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg kg % > kg Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione del Rischio si % no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta % Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no % SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Tab Classi di Priorità Classe % Classe % Classe Classe % Classe %

16 Tab Classi di punteggio < % % % % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Proprietà pubblica % privata % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro 3 (1) 4 (2) 31 (3) 11 (4) 4 (5) 0 8 (6) 3 (7) 39 (8) % (1) in 3 siti sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti, quali vasche di espansione o condotte per il riscaldamento in cemento-amianto; (2) in 4 siti sono presenti altri materiali quali canne fumarie, materiali da laboratorio, 1 guarnizione; (3) in 31 siti sono presenti altri materiali quali canne fumarie, cisterne, guarnizioni, glasal di facciata; (4) in 11 siti sono presenti altri materiali quali cisterne, vasche di espansione, canne fumarie; (5) in 4 siti sono presenti altri materiali quali glasal di facciata, canne fumarie; (6) in 8 siti sono presenti altri materiali quali tubi, cisterne, canne fumarie, guarnizioni; (7) in 3 siti sono presenti altri materiali quali coibentazioni, rivestimento isolante, vaso di riscaldamento; (8) in 39 siti sono presenti altri materiali quali guarnizioni di caldaie e centrali termiche, canne fumarie, vasi di espansione, cisterne. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % non indicata % Tab Stato dell Attività attiva % dismessa % Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % non indicata %

17 Tab Durata del Periodo di Dismissione < ,2% ,2% > % non indicata ,6% Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % non indicata % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % non indicata % Tab Densità di popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % non indicata % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato % Tab Tipologia di mca compatto % friabile 0 3 (1) 15 (2) % (1) in 1 situazione c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (2) in 3 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (3) in 16 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq %

18 Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg % kg % >10000 kg % Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione del Rischio si % no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta % Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no % OSPEDALI E CASE DI CURA Tab Classi di Priorità Classe % Classe % Classe Classe % Classe %

19 Tab Classi di punteggio < % % % % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Proprietà pubblica % privata % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro 4 (1) 3 (2) 1 (3) 3 (4) 1 (5) 2 (6) 1 (7) 0 2 (8) 17 15% (1) in 4 siti sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti, quali condotti di ventilazione, canne fumarie, coibentazioni; (2) in 4 siti sono presenti altri materiali, quali materiali da laboratorio e tubazioni; (3) in 1 sito sono presenti altri materiali, quali pannelli in cemento-amianto; (4) in 3 siti sono presenti altri materiali, quali lastre e vasche in cemento-amianto, guarnizioni; (5) in 1 sito sono presenti altri materiali, quali porte tagliafuoco; (6) in 2 siti sono presenti altri materiali, quali glasal e camino in cemento-amianto; (7) in 1 sito sono presenti altri materiali, quali materiali di rivestimenti; (8) in 2 siti sono presenti altri materiali, quali guarnizioni, pareti divisorie di ambulatori. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % non indicata % Tab Stato dell Attività attiva % dismessa % Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % non indicata %

20 Tab Durata del Periodo di Dismissione < % % > % non indicata % Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato % Tab Tipologia di mca compatto % friabile 1 (1) 3 (2) 0 1 (3) (4) 6 6% (1) in 1 situazione c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (2) in 2 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (3) in 1 situazione c è la contemporanea presenza di compatto e friabile; (4) in 1 situazione c è la contemporanea presenza di compatto e friabile. Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq %

21 Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg % kg % >10000 kg % Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione del Rischio si % no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l 1 % <1 ff/l o nessuna risposta % Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no % PENITENZIARI Tab Classi di Priorità Classe Classe Classe Classe 4 Classe

22 Tab Classi di punteggio < Tab Tipologia di Attività uso pubblico uso privato Tab Proprietà pubblica privata Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto pavimento altro Tab Estensione del Sito <500 mq mq >5000 mq Tab Stato dell Attività attiva dismessa Tab Frequenza di Utilizzo occasionale periodica costante Tab Durata del Periodo di Dismissione < > non indicata Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% danni 10% 408

23 Tab Accessibilità del Sito recinzione vietata libera Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m entro 1000 m centro abitato Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse aggregato urbano Tab Tipologia di Amianto crisotilo crisotilo+anfiboli Tab Tipologia di mca compatto friabile Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq mq >500 mq Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg kg >10000 kg Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq mq >10000 mq Tab Presenza di Confinamento del mca si no 409

24 Tab Valutazione del Rischio si no Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l <1 ff/l o nessuna risposta Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si no Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si no BIBLIOTECHE Tab Classi di Priorità Classe % Classe % Classe Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % ,5% ,5% % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico 100% uso privato % Tab Proprietà pubblica 100% privata % 410

25 Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro (1) (2) 2 20% (1) in 1 sito sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti: intonaco a spruzzo; (2) in 1 sito sono presenti altri materiali: vaso di espansione. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % Tab Stato dell Attività attiva 100% dismessa % Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % Tab Durata del Periodo di Dismissione < % % > % non indicata 100% Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % 411

26 Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato % Tab Tipologia di mca compatto % friabile % Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq 13% mq % >500 mq % Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg kg % >10000 kg Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione del Rischio si 11% no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta 100% 412

27 Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no 100% Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no % 7. LUOGHI DI CULTO Tab Classi di Priorità Classe % Classe % Classe Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % % % % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico 100% uso privato % Tab Proprietà pubblica % privata % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro (1) 2 (2) 0 2 (3) % (1) in 1 sito sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti: controsoffittatura della copertura; (2) in 2 siti sono presenti altri materiali, quali intonaco a spruzzo e deposito di cemento-amianto; (3) in 2 siti sono presenti altri materiali, quali canne fumarie. 413

28 Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % non indicata % Tab Stato dell Attività attiva % dismessa % Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % non indicata % Tab Durata del Periodo di Dismissione < % % > % non indicata % Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % non indicata % Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % non indicata % 414

29 Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato % Tab Tipologia di mca compatto % friabile % Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq % Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg kg % >10000 kg Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione del Rischio si % no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta 100% Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % 415

30 Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no % 8. GRANDE DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Tab Classi di Priorità Classe ,% Classe % Classe Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % % % % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Proprietà pubblica % privata % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro (1) 1 (2) (3) 1 (4) 4 6% (1) in 1 sito sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti: controsoffittatura in cemento-amianto; (2) in 1 sito sono presenti altri materiali: guarnizioni nella centrale termica; (3) in 1 sito sono presenti altri materiali: vernice di protezione delle strutture metalliche; (4) in 1 sito sono presenti altri materiali. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % non indicata %

31 Tab Stato dell Attività attiva % dismessa % Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % Tab Durata del Periodo di Dismissione < % % > % non indicata % Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato %

32 Tab Tipologia di mca compatto % friabile (1) % (1) in 1 situazione c è la contemporanea presenza di compatto e friabile. Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq % Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg % kg % >10000 kg % Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione del Rischio si % no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta % Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no %

33 9. IMPIANTI SPORTIVI Tab Classi di Priorità Classe % Classe % Classe Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % ,6% % % ,4% Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Proprietà pubblica % privata % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro (1) 0 1 (2) 1 (3) 0 11 (4) 14 5% (1) in 1 sito sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti: controsoffittatura in cemento-amianto; (2) in 1 sito sono presenti altri materiali: canna fumaria; (3) in 1 sito sono presenti altri materiali: pannelli in cemento-amianto; (4) in 11 siti sono presenti altri materiali, quali guarnizioni e canne fumarie. Tab Estensione del Sito <500 mq ,6% mq % >5000 mq % non indicata ,4% Tab Stato dell Attività attiva % dismessa %

34 Tab Frequenza di Utilizzo occasionale % periodica % costante % non indicata % Tab Durata del Periodo di Dismissione < % ,4% > ,4% non indicata ,2% Tab Stato di Conservazione del mca danni < 10% % danni 10% % non indicata % Tab Accessibilità del Sito recinzione % vietata % libera % non indicata % Tab Distanza dal Centro Abitato oltre 1000 m % entro 1000 m % centro abitato % non indicata % Tab Densità di Popolazione Interessata case sparse % aggregato urbano % non indicata % Tab Tipologia di Amianto crisotilo % crisotilo+anfiboli % non indicato % Tab Tipologia di mca compatto % friabile (1) 10 4% (1) in 5 situazioni c è la contemporanea presenza di compatto e friabile. 420

35 Tab Quantità di mca Compatto Stimata 50 mq % mq % >500 mq % Tab Quantità di mca Friabile Stimata 500 kg % kg % >10000 kg % Tab Superficie di mca Esposta all Aria 500 mq % mq % >10000 mq % non indicato % Tab Presenza di Confinamento del mca si % no % Tab Valutazione Del Rischio si % no % Tab Misure di Concentrazione di Fibre Aerodisperse >1 ff/l % <1 ff/l o nessuna risposta % Tab Coinvolgimento in Lavori di Urbanizzazione si % no % Tab Cause Favorevoli alla Dispersione di Fibre si % no %

36 10. CINEMA, TEATRI E SALE CONVEGNO Tab Classi di Priorità Classe % Classe % Classe Classe % Classe % Tab Classi di punteggio < % % % % % Tab Tipologia di Attività uso pubblico % uso privato % Tab Proprietà pubblica % privata % Tab Materiale Contenente Amianto (mca) tetto % pavimento % altro (1) 2 (2) 2 (3) (4) 13 21% (1) in 1 sito sono presenti materiali differenti da tetti e pavimenti: intonaco fonoassorbente; (2) in 1 sito sono presenti altri materiali, quali lastre ornamentali e condotte di mandata dell aria calda; (3) in 2 siti sono presenti altri materiali, quali sipario tagliafuoco e rivestimenti in amianto a spruzzo; (4) in 8 siti sono presenti altri materiali, quali tamponamenti laterali, vaso di espansione, guarnizioni. Tab Estensione del Sito <500 mq % mq % >5000 mq % non indicata % Tab Stato dell Attività attiva % dismessa %

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI AUTONOTIFICA DEI SITI CON MATERIALI CONTENENTE AMIANTO NELLA REGIONE LAZIO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI AUTONOTIFICA DEI SITI CON MATERIALI CONTENENTE AMIANTO NELLA REGIONE LAZIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI AUTONOTIFICA DEI SITI CON MATERIALI CONTENENTE AMIANTO NELLA REGIONE LAZIO L'acquisizione delle conoscenze relative alle situazioni in cui sono presenti MCA

Dettagli

Linee guida per la corretta acquisizione delle informazioni relative alla mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto

Linee guida per la corretta acquisizione delle informazioni relative alla mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto Nota In merito alla Mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto, ai sensi dell art. 20 della Legge 23 marzo 200, n. 93 e del Decreto ministeriale 18 marzo 2003, n. 101, si

Dettagli

Verona, 13 dicembre 2014 ASPETTI NORMATIVI, AMBIENTALI, SANITARI E MEDICO LEGALI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO AMIANTO

Verona, 13 dicembre 2014 ASPETTI NORMATIVI, AMBIENTALI, SANITARI E MEDICO LEGALI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO AMIANTO Verona, 13 dicembre 2014 ASPETTI NORMATIVI, AMBIENTALI, SANITARI E MEDICO LEGALI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO AMIANTO La tutela della popolazione dal rischio amianto Dr.ssa Fiorini Cristina SPISAL ULSS 20

Dettagli

AMIANTO : che fare. Sezione provinciale di Reggio Emilia Specializzazione Amianto e Fibre

AMIANTO : che fare. Sezione provinciale di Reggio Emilia Specializzazione Amianto e Fibre AMIANTO : che fare Sezione provinciale di Reggio Emilia Specializzazione Amianto e Fibre AMIANTO : che fare gli impieghi la pericolosità dei materiali gli interventi possibili DOVE E STATO IMPIEGATO L

Dettagli

SCHEDA DI AUTONOTIFICA PER IL CENSIMENTO DI EDIFICI/SUOLI CON PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

SCHEDA DI AUTONOTIFICA PER IL CENSIMENTO DI EDIFICI/SUOLI CON PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO All ASP di Catanzaro S.P.I.S.A.L. di..... U.O.I.S.P di.... "SCHEDA DI AUTONOTIFICA PER IL CENSIMENTO DI EDIFICI/SUOLI CON PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO" (da compilare per ogni immobile, pubblico

Dettagli

SEGNALAZIONE PRESUNTA PRESENZA DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO

SEGNALAZIONE PRESUNTA PRESENZA DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO SERVIZIO SANITARIO FRIULI VENEZIA GIULIA Azienda per i servizi sanitari n. 2 Isontina Centro Regionale Unico Amianto - CRUA Riferimento CRUA/7/2014 Telefono 0481487588 Persona da contattare TdP Laura Leban

Dettagli

CENSIMENTO E MAPPATURA DEI SITI CON AMIANTO: DALLE DIRETTIVE DEL 2008 ALLO STATO ATTUALE

CENSIMENTO E MAPPATURA DEI SITI CON AMIANTO: DALLE DIRETTIVE DEL 2008 ALLO STATO ATTUALE CENSIMENTO E MAPPATURA DEI SITI CON AMIANTO: DALLE DIRETTIVE DEL 2008 ALLO STATO ATTUALE 1. Premessa Con la pubblicazione della Legge Regionale 23 dicembre 2005, n. 22 Norme per l approvazione del Piano

Dettagli

RIEPILOGO PROGETTO MAPPATURA SCUOLE PROVINCIA RIETI

RIEPILOGO PROGETTO MAPPATURA SCUOLE PROVINCIA RIETI RIEPILOGO PROGETTO MAPPATURA SCUOLE PROVINCIA RIETI L INAIL, in collaborazione con il Centro Regionale Amianto della Regione Lazio (CRA), il Ministero della Salute e l Istituto Superiore di Sanità (ISS),

Dettagli

DICHIARA. Al Dipartimento di Prevenzione Medica della ASL Provincia di Como

DICHIARA. Al Dipartimento di Prevenzione Medica della ASL Provincia di Como Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto registri e sistema informativo Modulo Na/1- NOTIFICA PRESENZA DI AMIANTO IN STRUTTURE O LUOGHI Al Dipartimento di Prevenzione Medica della ASL Provincia

Dettagli

Il mio contributo di oggi:

Il mio contributo di oggi: Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe

Dettagli

LA MAPPATURA DELLE ZONE DEL TERRITORIO REGIONALE INTERESSATE DALLA PRESENZA DI AMIANTO

LA MAPPATURA DELLE ZONE DEL TERRITORIO REGIONALE INTERESSATE DALLA PRESENZA DI AMIANTO LA MAPPATURA DELLE ZONE DEL TERRITORIO REGIONALE INTERESSATE DALLA PRESENZA DI AMIANTO Dott. Emilio Renna ARPA sez. provinciale Reggio Emilia GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO Bologna, 20 ottobre 2004 D.M.

Dettagli

GLI INTERVENTI IN PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

GLI INTERVENTI IN PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO GLI INTERVENTI IN PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ROVIGO 29 OTTOBRE 2010 Trattazione Dott. Ermanno Sarti Tecnico della Prevenzione AMIANTO ex D.L.gs. n 257/06 ora D.Lgs integrato dal D.L.gs 03/08/2009

Dettagli

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO La Regione Lombardia, attraverso l'approvazione del Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL), avvenuta con Decreto di Giunta Regionale n. 8/1526 del 22/12/2005, si è posta

Dettagli

COMUNE DI SCORDIA. ASSESSORATO ALL AMBIENTE Area 3 Servizio Territorio e Ambiente AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI SCORDIA. ASSESSORATO ALL AMBIENTE Area 3 Servizio Territorio e Ambiente AVVISO PUBBLICO COMUNE DI SCORDIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Area 3 Servizio Territorio e Ambiente AVVISO PUBBLICO CENSIMENTO OBBLIGATORIO PRESENZA AMIANTO/ETERNIT NEL TERRITORIO COMUNALE IL SINDACO VISTA la Legge 27 Marzo

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

"GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali

GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali Convegno sul tema: "GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali CASI APPLICATIVI DI BONIFICA DA AMIANTO GEOM. ROBERTO RAFFAELE - Operations Manager Bonifiche Amianto, Teseco

Dettagli

- Impianti di lavor dell'amianto (impianti nei quali l'amianto era

- Impianti di lavor dell'amianto (impianti nei quali l'amianto era CRITERI PER LA MAPPATURA DELLA PRESENZA DI AMIANTO La mappatura ha come finalità quella di evidenziare i siti nei quali è la presenza di amianto, ovvero I'utilizzo di materiali che Io contengono nell'analisi

Dettagli

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione)

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) E pericoloso quando si trova nelle condizioni di disperdere le sue fibre nell ambiente circostante

Dettagli

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Modulo NA/1 - pag. 1 di 2 Modulo NA/1 - NOTIFICA PRESENZA DI AMIANTO IN STRUTTURE O LUOGHI Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Tab. RN.1: Sintesi dei siti mappati suddivisi nelle categorie 1-2-3 del D.M. 101/2003.

Tab. RN.1: Sintesi dei siti mappati suddivisi nelle categorie 1-2-3 del D.M. 101/2003. 4.9. PROVINCIA DI RIMINI Nella Provincia di Rimini sono stati mappati complessivamente 107 siti che, in base alle categorie del D.M. 101/2003, possono essere suddivisi come segue: Tab. RN.1: Sintesi dei

Dettagli

Censimento Amianto: perché farlo?

Censimento Amianto: perché farlo? Ing. Maurizio Villa MINUS ENERGY - NETWORKENERGIA Censimento Amianto: perché farlo? MINUS ENERGY NETWORKENERGIA Group Via Meda, 2-20020 Dairago CENSIMENTO AMIANTO: Rif. Normativi Legge 257/92, comma 5:

Dettagli

Bollettino Giuridico Ambientale n. 29

Bollettino Giuridico Ambientale n. 29 DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n. 101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n.101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

REGIONE N. SITI ANTROPICI NATURALI

REGIONE N. SITI ANTROPICI NATURALI Parere tecnico (emesso in merito alla nota n. 2128/TRI/DI del 31/01/2012 sul Decreto ministeriale 18/3/2003, n. 101, Regolamento per la realizzazione di una mappatura del territorio nazionale interessate

Dettagli

CAPITOLO 16 - L AMIANTO

CAPITOLO 16 - L AMIANTO CAPITOLO 16 - L AMIANTO 16.1 IL PROBLEMA AMIANTO Il termine amianto (dal greco amiantos: incorruttibile) viene usato per indicare la forma fibrosa di alcuni minerali che in passato sono stati sfruttati

Dettagli

ANACI Varese Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. Ediltek 2009

ANACI Varese Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. Ediltek 2009 Ediltek 2009 La presenza di AMIANTO in CONDOMINIO: : adempimenti dell'amministratore, anche a tutela della salute dei condomini. 1 - La normativa regionale vigente e il PRAL. 2 - Problematiche di gestione

Dettagli

Titolo IX Capo III Protezione dei lavoratori dai rischi connessi all esposizione ad amianto

Titolo IX Capo III Protezione dei lavoratori dai rischi connessi all esposizione ad amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE /AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

Materiali contenenti amianto. Le novità normative

Materiali contenenti amianto. Le novità normative Dipartimento di Prevenzione Medico Materiali contenenti amianto Le novità normative Eugenio Ariano Marzia Soresini Il Piano Regionale Amianto A fine 2005 in applicazione della norma nazionale è stato varato

Dettagli

Valutazione dello stato di conservazione di materiali contenenti amianto in matrice compatta

Valutazione dello stato di conservazione di materiali contenenti amianto in matrice compatta Valutazione dello stato di conservazione di materiali contenenti amianto in matrice compatta C. Bancomina 1, P. Bisi 2, L. Bovone 1, A. Manti 1, S. Prandi 2. 1) Asl 4 Chiavarese: S.C. Igiene Sanità Pubblica

Dettagli

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza DOCUMENTO D INDIRIZZO CONGIUNTO N. 1 LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Emissione 15 ottobre 2003 SOMMARIO 1. Premessa 2. Gli

Dettagli

AMIANTI silicati idrati di magnesio, ferro e altri elementi

AMIANTI silicati idrati di magnesio, ferro e altri elementi Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RISCHIO AMIANTO 5.23 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 AMIANTI silicati idrati di magnesio,

Dettagli

AMIANTO: aggiornamenti normativi. AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative

AMIANTO: aggiornamenti normativi. AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative AMIANTO: aggiornamenti normativi AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative COS E L AMIANTO? L amianto è un minerale che si trova in natura, in diverse parti del globo terrestre, e si ottiene

Dettagli

AMIANTO. Censimento e rimozione Aspetti normativi, sanitari e tecnici Procedure, obblighi e sanzioni. Mercoledì 6 marzo 2013. In collaborazione con

AMIANTO. Censimento e rimozione Aspetti normativi, sanitari e tecnici Procedure, obblighi e sanzioni. Mercoledì 6 marzo 2013. In collaborazione con AMIANTO Censimento e rimozione Aspetti normativi, sanitari e tecnici Procedure, obblighi e sanzioni 1 Mercoledì 6 marzo 2013 In collaborazione con Ufficio di Sanità Pubblica Bonate Sotto AGENDA 2 L Evoluzione

Dettagli

C.S.O.A. GABRIO PIANO DI MANUTENZIONE E CONTROLLO EX SCUOLA MEDIA INFERIORE ALIBERTI SUCC. PEZZANI VIA MILLIO 42 A TORINO

C.S.O.A. GABRIO PIANO DI MANUTENZIONE E CONTROLLO EX SCUOLA MEDIA INFERIORE ALIBERTI SUCC. PEZZANI VIA MILLIO 42 A TORINO C.S.O.A. GABRIO PIANO DI MANUTENZIONE E CONTROLLO EX SCUOLA MEDIA INFERIORE ALIBERTI SUCC. PEZZANI VIA MILLIO 42 A TORINO i Sommario 1 Premessa... 1 2 Descrizione del sito... 3 3 Ricostruzione dello storico

Dettagli

L AMIANTO : COSA È DOVE SI TROVA. a cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASL 17

L AMIANTO : COSA È DOVE SI TROVA. a cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASL 17 L AMIANTO : COSA È DOVE SI TROVA a cura del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASL 17 CHE COSA E L AMIANTO La parola amianto non è un termine scientifico ma commerciale amianto (incorruttibile)

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA AMIANTO

GUIDA INFORMATIVA AMIANTO GUIDA INFORMATIVA AMIANTO CHE COS E L AMIANTO L amianto o asbesto è un minerale presente in natura costituito da silicati a struttura cristallina e fibrosa; di esso esistono giacimenti e miniere in numerosi

Dettagli

LE NOSTRE CERTIFICAZIONI

LE NOSTRE CERTIFICAZIONI 1 Emme S.p.A. è una società italiana operativa dal 1995 su tutto il territorio nazionale e all estero, specializzata nel settore delle bonifiche di siti contaminati, nelle decontaminazioni da amianto e

Dettagli

I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO

I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO NELL AMBIENTE Gabriele Fornaciai AMIANTO: PANDEMIA O BOLLA MEDIATICA? 1 TIPI DI AMIANTO L A. E UN MINERALE COMPOSTO

Dettagli

La pericolosità dell amianto e quadro normativo

La pericolosità dell amianto e quadro normativo Dipartimento di Prevenzione S.P.I.S.A.L La pericolosità dell amianto e quadro normativo Dott. Gianfranco Albertin - Medico del Lavoro Terrassa 10 Aprile 2015 Cos è l amianto Materiale di origine minerale,

Dettagli

AMIANTO Gestione del rischio negli edifici pubblici e privati

AMIANTO Gestione del rischio negli edifici pubblici e privati DESENZANO DEL GARDA 9 APRILE 2015 Sala Pelèr Palazzo Todeschini AMIANTO Gestione del rischio negli edifici pubblici e privati Cos è l amianto Con il termine amianto, o asbesto, si intende un gruppo di

Dettagli

Comune di S. Paolo d Argon (BG)

Comune di S. Paolo d Argon (BG) Comune di S. Paolo d Argon (BG) Censimento della presenza di manufatti contenenti amianto negli immobili comunali ai sensi Legge Regionale n.17 del 29 sett. 2003 REDATTA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi VERIFICATA

Dettagli

Modulo 3. Identificazione dei materiali contenenti amianto

Modulo 3. Identificazione dei materiali contenenti amianto Modulo 3 Identificazione dei materiali contenenti amianto Nel Modulo 3 prenderemo in esame Le attività durante le quali può verificarsi l'esposizione all'amianto Strutture e oggetti in cui l'amianto può

Dettagli

VERSO UN PIANO NAZIONALE DELL AMIANTO FERRARA, 16 NOVEMBRE 2013 ROSSELLA ZADRO

VERSO UN PIANO NAZIONALE DELL AMIANTO FERRARA, 16 NOVEMBRE 2013 ROSSELLA ZADRO VERSO UN PIANO NAZIONALE DELL AMIANTO FERRARA, 16 NOVEMBRE 2013 ROSSELLA ZADRO Campagna Asbestus Free a Ferrara, maggio 2013 Linee di intervento per un azione coordinata delle amministrazioni statali e

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano mianto nell edilizia Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano Inquinamento indoor: l amianto nell edilizia 1 Argomenti 1. Cos è l amianto? 2. Come e dove lo possiamo trovare

Dettagli

AMIANTO. Pericoli e rischi

AMIANTO. Pericoli e rischi AMIANTO. Pericoli e rischi per la salute e per la sicurezza Pietro Gino Barbieri Direttore Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Brescia Cemento-amianto: togliamocelo dalla testa I (principali)

Dettagli

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO Dr.ssa Marinella Natali Dr.ssa Mariella Riefolo Assessorato Sanità REGIONE

Dettagli

AMIANTO: aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni

AMIANTO: aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni AMIANTO: aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Modena 22 maggio 2009 Dr.ssa Anna Ricchi Tecnico della Prevenzione Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Modena COS E L AMIANTO?

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 1.00 IDENTIFICAZIONE DELL IMMOBILE: Comune... Prov...

Dettagli

CORSO INFORMATIVO AMIANTO

CORSO INFORMATIVO AMIANTO Via Stazione 19 CH - 6934 Bioggio www.econs.ch CORSO INFORMATIVO AMIANTO Esempi di prodotti e materiali da costruzione contenenti amianto: presentazione di casi reali (Lista non esaustiva) Gustavo Milani

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO 1 RIFERIMENTI NORMATIVI L. 257/92, art. 9, 10 Norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto. D.M. 06/09/94 Normative e metodologie tecniche di applicazione

Dettagli

C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 7 AMBIENTE- PROTEZIONE CIVILE-IGIENE PUBBLICA

C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 7 AMBIENTE- PROTEZIONE CIVILE-IGIENE PUBBLICA C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 7 AMBIENTE- PROTEZIONE CIVILE-IGIENE PUBBLICA ORDINANZA N. 94 DEL 04/11/2010 OGGETTO: Dismissione amianto. Premesso che : IL SINDACO -da una stima visiva,

Dettagli

Il/la Sottoscritto/a. (Cod. Fisc/ Partita IVA) nato a ( ) il. Residente a ( ) in Via. Recapiti: Tel.: Fax: Email: in qualità di *********************

Il/la Sottoscritto/a. (Cod. Fisc/ Partita IVA) nato a ( ) il. Residente a ( ) in Via. Recapiti: Tel.: Fax: Email: in qualità di ********************* Protocollo in arrivo Marca da bollo 14,62 SPETT.LE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PIAZZA GARIBALDI, 5/1 42011 BAGNOLO IN PIANO (RE) OGGETTO: Richiesta di assegnazione contributo finalizzato alla realizzazione

Dettagli

dove si trova Usi dell amianto nei mezzi di trasporto Usi dell amianto nell industria

dove si trova Usi dell amianto nei mezzi di trasporto Usi dell amianto nell industria amianto L amianto rappresenta un pericolo per la salute umana. Nel corso degli scorsi decenni se ne è fatto un abbondante uso per via dei suoi bassi costi. Proprio per questo occorre conoscere bene le

Dettagli

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE REGISTRO: NUMERO: DATA: OGGETTO: Determinazione 0001965 04/11/2015 15:56 Approvazione del Protocollo di intesta tra i Comuni di Terred acqua, l Azienda USL di Bologna, e la

Dettagli

Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte

Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte Comune: Bizzarone Edificio: Centro polifunzionale (Palestra, spogliatoi, bar) Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte Dati anagrafici generali edifici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

Comune di GANGI. Provincia di PALERMO

Comune di GANGI. Provincia di PALERMO Comune di GANGI Provincia di PALERMO SETTORE TECNICO URBANISTICA, COMMERCIO ED ARTIGIANATO (Politiche di Gestione - Sviluppo del Territorio, dell Ambiente e dello Sviluppo Economico) PIANO COMUNALE AMIANTO

Dettagli

Ing. Maurizio Villa Seminario Formativo APAC

Ing. Maurizio Villa Seminario Formativo APAC AMIANTO «Il Rischio di un Respiro» Ing. Maurizio Villa Seminario Formativo APAC Ing. Maurizio Villa MINUS ENERGY - NETWORKENERGIA Classificazione e Identificazione dell Amianto Dove Trovarlo e Pericoli

Dettagli

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO Dr. Stefano Galavotti Servizio Igiene Pubblica Medolla, 28 febbraio 2015 1 Amianto nelle Scuole 2 Amianto sui giornali 3 EPIDEMIOLOGIA in Italia nei Siti

Dettagli

Il monitoraggio delle bonifiche dell amianto mediante l analisi dei dati art. 9 L. 257/92: l esperienza nella Regione Lazio e nella Regione Toscana

Il monitoraggio delle bonifiche dell amianto mediante l analisi dei dati art. 9 L. 257/92: l esperienza nella Regione Lazio e nella Regione Toscana Il monitoraggio delle bonifiche dell amianto mediante l analisi dei dati art. 9 L. 257/92: l esperienza nella Regione Lazio e nella Regione Toscana ISS - Roma, 12/12/2013 Dott. Fulvio Cavariani direttore

Dettagli

DOVE SI TROVA E COME BONIFICARLO

DOVE SI TROVA E COME BONIFICARLO DOVE SI TROVA E COME BONIFICARLO L'amianto o asbesto, è un minerale con struttura microcristallina dall'aspetto fibroso; appartiene alla classe dei silicati, serie mineralogiche del serpentino e anfibolo

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Lezione di Enzo Lo Cascio Amianto: quando è pericoloso? Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è

Dettagli

AMIANTO. a cura di Regonesi Antonella. Università degli Studi di Dalmine Maggio 2007

AMIANTO. a cura di Regonesi Antonella. Università degli Studi di Dalmine Maggio 2007 AMIANTO a cura di Regonesi Antonella Università degli Studi di Dalmine Maggio 2007 AMIANTO: Tipologie di amianto Friabile: : materiale che può essere facilmente sbriciolato o ridotto in polvere con la

Dettagli

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto The Italian Association of Asbestos Remediation and Disposal Contractors & Consultants www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto Sedi: MILANO - CIVATE (LECCO)

Dettagli

Asbesto. Principali materiali contenenti amianto e loro rilascio di fibre di amianto. Elevato

Asbesto. Principali materiali contenenti amianto e loro rilascio di fibre di amianto. Elevato Asbesto Note in materia di valutazione del rischio ed obblighi di legge 1 Definizione... 1 2 Utilizzo... 1 3 Tossicità... 2 4 Valori limite... 2 5 Obblighi... 2 6 Intervento di bonifica... 3 6.1 Valutazione

Dettagli

INDICE GENERALITÀ... 2

INDICE GENERALITÀ... 2 INDICE GENERALITÀ... 2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO... 2 DATI GENERALI... 2 ACCESSI AL FABBRICATO... 2 STRUTTURE PORTANTI... 3 COPERTURA... 3 DESCRIZIONE INTERVENTO PROPOSTO... 3 IMPIANTO TERMICO.... 3 ISOLAMENTO

Dettagli

NON E STATA ABROGATA LA LEGGE 257 / 92 E TUTTI I RELATIVI DECRETI APPLICATIVI

NON E STATA ABROGATA LA LEGGE 257 / 92 E TUTTI I RELATIVI DECRETI APPLICATIVI Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs. 81 del 30.04.2008 TITOLO IX CAPO III : Amianto cosa cambia William

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

AMIANTO PER SAPERNE DI PIÙ. Dipartimento di Prevenzione

AMIANTO PER SAPERNE DI PIÙ. Dipartimento di Prevenzione AMIANTO PER SAPERNE DI PIÙ Dipartimento di Prevenzione Elaborato da: Dipartimento di Prevenzione dell'azienda Sanitaria dell'alto Adige Servizio aziendale di medicina del lavoro - Sezione Ispettorato TdP

Dettagli

Studio di Architettura Design e Ambiente Tommaso De Nicola Architetto. Viale Libia 189 Roma Tel.340/4076775 archdenicola@libero.

Studio di Architettura Design e Ambiente Tommaso De Nicola Architetto. Viale Libia 189 Roma Tel.340/4076775 archdenicola@libero. AMIANTO Il Killer silenzioso 1. Amianto: l invenzione più tragica dell era industriale Con il termine amianto o asbesto s intende una varietà fibrose di minerali silicati che si trovano in alcune tipologie

Dettagli

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO La Regione Lombardia, attraverso l'approvazione del Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL), avvenuta con Decreto di Giunta Regionale n. 8/1526 del 22/12/2005, si è posta

Dettagli

L ESPERIENZA DI RILEVAMENTO DELL AMIANTO IN EDIFICI PUBBLICI. Dr.ssa Antonella Campopiano

L ESPERIENZA DI RILEVAMENTO DELL AMIANTO IN EDIFICI PUBBLICI. Dr.ssa Antonella Campopiano L ESPERIENZA DI RILEVAMENTO DELL AMIANTO IN EDIFICI PUBBLICI Dr.ssa Antonella Campopiano Laboratorio Polveri e Fibre Dipartimento Igiene del Lavoro- ISPESL INTRODUZIONE Le straordinarie qualità tecniche

Dettagli

PIANO COMUNALE AMIANTO

PIANO COMUNALE AMIANTO 1. PREMESSE La storia dell amianto è caratterizzata da forti contraddizioni in quanto, nel giro di pochi decenni da materiale per la sicurezza a garanzia dell incolumità dei cittadini, in quanto ignifugo

Dettagli

Comparto abitativo denominato Ex CINEMA EUROPA, Via XX Settembre angolo. Con riferimento all oggetto, con la presente siamo a comunicare che e stata

Comparto abitativo denominato Ex CINEMA EUROPA, Via XX Settembre angolo. Con riferimento all oggetto, con la presente siamo a comunicare che e stata Oggetto: smaltimento dei materiali contenente amianto Comparto abitativo denominato Ex CINEMA EUROPA, Via XX Settembre angolo Vicolo San Francesco, Cervia Con riferimento all oggetto, con la presente siamo

Dettagli

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI

Dettagli

TEMI TRATTATI. Amianto: istruzioni per l uso. Relatore: dott. Matteo Mazzali e-mail: matteo.mazzali@gruppoalis.it. AMIANTO: istruzioni per l uso

TEMI TRATTATI. Amianto: istruzioni per l uso. Relatore: dott. Matteo Mazzali e-mail: matteo.mazzali@gruppoalis.it. AMIANTO: istruzioni per l uso AMIANTO: istruzioni per l uso indicazioni pratiche per la corretta gestione dell amianto negli immobili Relatore: Matteo Mazzali TEMI TRATTATI Intro Leggi Obblighi Rischio Gestione Bonifica Caratteristiche

Dettagli

Dipartimento Politiche dell Ambiente. Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie

Dipartimento Politiche dell Ambiente. Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Dipartimento Politiche dell Ambiente Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie A cura di Unità Speciale Amianto (U.S.A.) 2013 Unità Speciale Amianto (U.S.A.) Ing. Salvatore Epifanio Dirigente

Dettagli

AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013. Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L.

AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013. Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L. AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013 Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L. 5 di Pisa Procedura di classificazione M.C.A. Localizzazione e caratterizzazione

Dettagli

Comune di Castiglione Cosentino PROVINCIA DI COSENZA

Comune di Castiglione Cosentino PROVINCIA DI COSENZA Prot. 5980/16-06-2014 Ord. N 16/16-06-2014 Comune di Castiglione Cosentino PROVINCIA DI COSENZA Piazza Vittorio Veneto, 16 CAP 87040 P. IVA 00391420783 Tel 0984.442007/442775 Fax 0984.442185 C.F. 00391420783

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO COMUNALE AMIANTO (Legge regionale n. 10-2014 - art. 4, c.1, lettera b)

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO COMUNALE AMIANTO (Legge regionale n. 10-2014 - art. 4, c.1, lettera b) Allegato LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO COMUNALE AMIANTO (Legge regionale n. 10-2014 - art. 4, c.1, lettera b) APRILE 2015 Premesse L amianto (o asbesto) comprende una famiglia di silicati fibrosi

Dettagli

Esempi indagini termografiche. Esempi di indagine

Esempi indagini termografiche. Esempi di indagine Esempi indagini termografiche Esempi di indagine Nel visibile il certificatore energetico difficilmente riesce a individuare le strutture L immagine nell infrarosso permette di svelare aspetti sconosciuti,

Dettagli

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO AVVISO CENSIMENTO PRESENZA AMIANTO (ETERNIT) Il Sindaco Ufficiale di Igene Pubblica e L Amministrazione Comunale di Carugo, con delibera della Giunta Comunale n del ha

Dettagli

FULVIO D ORSI AMIANTO VALUTAZIONE, CONTROLLO, BONIFICA

FULVIO D ORSI AMIANTO VALUTAZIONE, CONTROLLO, BONIFICA FULVIO D ORSI AMIANTO VALUTAZIONE, CONTROLLO, BONIFICA Manuale per la gestione del rischio Aggiornato con il D.Lgs. 81/08 modificato e integrato dal D.Lgs. 106/09 III Edizione 1 Una pietra dell Arcadia

Dettagli

Circolare N.15 del 24 Gennaio 2013. Lombardia. Censimento amianto entro il 30 gennaio 2013

Circolare N.15 del 24 Gennaio 2013. Lombardia. Censimento amianto entro il 30 gennaio 2013 Circolare N.15 del 24 Gennaio 2013 Lombardia. Censimento amianto entro il 30 gennaio 2013 Lombardia: censimento amianto entro il 30 gennaio 2013 Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che,

Dettagli

La gestione del rischio da materiali con amianto presenti negli edifici Incontro rivolto ai cittadini

La gestione del rischio da materiali con amianto presenti negli edifici Incontro rivolto ai cittadini La gestione del rischio da materiali con amianto presenti negli edifici Incontro rivolto ai cittadini Piacenza, 23 ottobre 2014 A cura di Anna Bosi Referente per Rischio da Amianto negli Ambienti di Vita

Dettagli

Seminario per i giornalisti 3 novembre 2005 Bonifica da amianto Christian Weber, Settore costruzione, Suva

Seminario per i giornalisti 3 novembre 2005 Bonifica da amianto Christian Weber, Settore costruzione, Suva Seminario per i giornalisti 3 novembre 2005 1. Quando va eseguita una bonifica? 2. Chi esegue la bonifica? 3. Come viene eseguita la bonifica? 4. Monitoraggio dei lavori 5. Esempio di una bonifica 6. Considerazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO. DECRETO 18 marzo 2003, n.101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto,

Dettagli

, (per la rimozione di coperture pari a 30 /m 2 ) (per amianto in matrice friabile pari al 50% del costo)

, (per la rimozione di coperture pari a 30 /m 2 ) (per amianto in matrice friabile pari al 50% del costo) Allegato 1 CRITERI, MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO REGIONALE PER LA BONIFICA DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PER GLI ANNI 2009 E 2010 (art. 4 della L.R. 30/2008) FINALITÀ

Dettagli

Comune di Laterza Provincia di Taranto

Comune di Laterza Provincia di Taranto Comune di Laterza Provincia di Taranto Settore 5 Urbanistica, Ambiente e Igiene Urbana AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

REPORT SULLA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO IN SARDEGNA

REPORT SULLA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO IN SARDEGNA REPORT SULLA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO IN SARDEGNA ANNO 2012 INDICE 1. PREMESSA 3 2. LA RIMOZIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO NEL 2012 5 2.1. LE RELAZIONI ANNUALI, EX ART.

Dettagli

Incentivi e proposte operative disponibili per gli edifici di Bologna. Sabato 19 ottobre 2013

Incentivi e proposte operative disponibili per gli edifici di Bologna. Sabato 19 ottobre 2013 Workshop aperto alla cittadinanza e alle imprese di Bologna Organizzato da: Con i l supporto del Comune di Bologna nell ambito dell attuazione del Pia d Azione per l Energia Sostenibile RISPARMIARE ENERGIA

Dettagli

AMLETO (by siloscav, 2013)

AMLETO (by siloscav, 2013) ALLEGATO 2 AMLETO (by siloscav, 20) I materiali contenenti amianto presenti in un edificio o in un impianto non comportano di per sé l'esistenza di un pericolo per la salute degli occupanti. Se il materiale

Dettagli

4. IL PROBLEMA IN ITALIA: L'ETERNIT NELLE COPERTURE

4. IL PROBLEMA IN ITALIA: L'ETERNIT NELLE COPERTURE 4. IL PROBLEMA IN ITALIA: L'ETERNIT NELLE COPERTURE In edilizia l amianto è stato largamente utilizzato unitamente al cemento per la produzione di manufatti in "Cemento-Amianto" noti con il nome commerciale

Dettagli

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Documento estratto dal Manuale interno di istruzione per la raccolta e la trasmissione di campioni per analisi di fibre: microscopia ottica ed elettronica. Contarp

Dettagli

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga RESIDENZA MARAINI Edificazione n. 4 appartamenti Lugano - Mapp.2437 Via Maraini Sommaruga INQUADRAMENTO Residenza MARAINI a LUGANO LOCALIZZAZIONE SEDIME LUGANO Via Maraini Sommaruga Mapp. 2437 Residenza

Dettagli