La financial literacy tra deficit cognitivi e bias comportamentali: il ruolo del consulente. Nadia Linciano Consob

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La financial literacy tra deficit cognitivi e bias comportamentali: il ruolo del consulente. Nadia Linciano Consob"

Transcript

1 I Professionisti Certificati EFPA per una ducazione finanziaria corretta e consapevole del risparmiatore La financial literacy tra deficit cognitivi e bias comportamentali: il ruolo del consulente Nadia Linciano Consob

2 Outline Alcune evidenze: scelte di portafoglio domanda di consulenza canali di informazione Financial literacy e programmi di educazione finanziaria Il ruolo del regolatore tra educazione finanziaria e paternalismo la product intervention Il ruolo del consulente finanziario 2

3 Alcune evidenze su scelte di portafoglio, domanda di consulenza e canali di informazione

4 Scelte di portafoglio: partecipazione Diffusione dei prodotti e strumenti finanziari fra le famiglie italiane (percentuale di famiglie che detiene il prodotto o strumento finanziario indicato) titoli di Stato italiani fondi o Sicav obbligazioni bancarie italiane azioni di società quotate italiane obbligazioni italiane non bancarie prodotti a capitale o rendimento garantito obbligazioni estere azioni estere gestioni patrimoniali programmi misti (polizze- fondi) azioni di società non quotate italiane derivati 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 10% 11% 12% 13% 14% Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market (dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). 4

5 Scelte di portafoglio: composizione Composizione del portafoglio delle famiglie italiane attività finanziarie polizze azioni risparmio gestito obbligazioni titoli di Stato depositi e risparmio postale 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% 50% media semplice della quota investita polizze azioni risparmio gestito obbligazioni titoli di Stato depositi e risparmio postale 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: stime su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. La voce depositi e risparmio postale include i depositi in c/c bancari e postali, i libretti di risparmio bancari e postali, i depositi in valute diverse dall euro, i pronti contro termine, i certificati di deposito. La voce risparmio gestito include fondi comuni e Sicav italiani ed esteri, programmi di accumulo (Pac), gestioni patrimoniali mobiliari (Gpm) e in fondi (Gpf), programmi misti polizze-fondi, servizi di gestione della liquidità. La voce polizze include le polizze del ramo III e V, i prodotti a capitalizzazione, le polizze multiramo, i piani pensionistici integrativi. La ricchezza finanziaria non include il circolante. 5

6 Scelte di portafoglio (segue) A fine 2012 la quota di famiglie che partecipano ai mercati finanziari (ossia che investono in strumenti finanziari rischiosi quali azioni, obbligazioni, risparmio gestito e polizze vita) si è attestata al 25% circa, risultando di 10 punti percentuali inferiore al Le flessioni più marcate hanno riguardato polizze vita, fondi pensioni e risparmio gestito. È calata anche la quota di famiglie che investe in azioni quotate italiane (da circa il 7% del 2007 a poco meno del 3% a fine 2012). Rispetto al 2007 il grado di diffusione delle azioni quotate e dei prodotti del risparmio gestito si è ridotto rispettivamente dal 6,4 al 2,9% e dall 11,7 al 6,1%. La quota di famiglie che possiedono titoli di Stato italiani è tornata sui livelli del 2007 (13%); è rimasto stabile al 9,3% il dato relativo alle obbligazioni bancarie italiane. La quota delle attività finanziarie investite in titoli di Stato è cresciuta dal 13,4 del dicembre 2007 (14,2% nel 2011) al 17,1% del dicembre 2012; nello stesso periodo l investimento in azioni ha subito una lieve flessione, passando dal 10,5 (5,6 nel 2011) al 5,3 % delle attività finanziarie. La quota di attività finanziarie relativa alle obbligazioni è rimasta invece piuttosto stabile al 15% circa (15,2% nel 2007; 15,4 nel 2012). L investimento in depositi e risparmio postale, infine, è aumentato portandosi al 47% (38% nel 2007). 6

7 Domanda di consulenza Caratteristiche del servizio di consulenza finanziaria alle famiglie in Italia 100% diffusione del servizio di consulenza 100% distribuzione delle famiglie che ricevono servizi di consulenza MiFID in base alla modalità con la quale ricevono il servizio 80% 80% 60% 60% 40% 40% 20% 20% 0% % servizio di consulenza MiFID consulenza generica consulenza passiva nessuna consulenza famiglie che non sanno distinguere la modalità con la quale ricevono il servizio famiglie che ricevono una proposta di investimento su iniziativa dell'intermediario famiglie che ricevono una proposta di investimento a seguito di una loro specifica richiesta Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market. Il gruppo consulenza passiva include le famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia per gli investimenti del quale, tuttavia, non sono state contattate negli ultimi 12 mesi. Il gruppo consulenza generica include le famiglie che hanno un consulente di fiducia, dal quale vengono contattate senza ricevere proposte di investimento relative a specifici strumenti finanziari. Il gruppo servizio di consulenza MiFID include le famiglie che vengono contattate dal proprio consulente di fiducia per gli investimenti e ricevono proposte di investimento personalizzate e riferite a uno specifico strumento finanziario. Sul grafico di destra sono riportate quote percentuali sul totale delle famiglie che ricevono il servizio di consulenza MiFID. 7

8 Domanda di consulenza (segue) Continua a essere scarsa la diffusione del servizio di consulenza presso gli investitori retail. Sulla base dei dati GfK Eurisko, a fine 2012 la percentuale di famiglie che ricevono proposte di investimento personalizzate dal proprio consulente su uno specifico strumento finanziario (cd consulenza MiFID) è circa il 7% (più del 10% nel 2007). È rimasta stabile attorno al 49% la quota di famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia dal quale, tuttavia, non ricevono proposte di investimento (consulenza passiva), così come quella relativa alla consulenza generica (proposte di investimento che non si riferiscono a uno specifico strumento finanziario). Infine la percentuale di investitori retail che dichiarano di decidere senza alcun supporto da parte degli intermediari finanziari (nessuna consulenza) è pari al 26,7% (28,4 nel 2007). 8

9 Perché la consulenza è poco diffusa? L evidenza disponibile per il caso Italiano (QdF Consob n. 64, 2009) mostra che: la diffusione dei servizi di consulenza dipende sia dal profilo socio-economico delle famiglie sia dalla percezione della presenza e dell intensità di conflitti di interessi e dal giudizio sul livello qualitativo dei servizi. A parità di altre condizioni, le famiglie con una maggiore ricchezza finanziaria (ultimo quartile della distribuzione) hanno una probabilità di ricevere servizi di consulenza di 20 punti percentuali più elevata rispetto alle altre famiglie, mentre la probabilità di ricevere servizi di consulenza si riduce di 10 punti percentuali per le famiglie più avverse al rischio. Le famiglie che ritengono che il consulente sia in conflitto di interessi oppure hanno la percezione di una qualità dei servizi non elevata hanno invece una forte probabilità di interrompere i legami con il consulente e di passare ad una situazione di consulenza passiva. L offerta di servizi di consulenza ha un impatto molto rilevante sulle scelte di portafoglio delle famiglie. Le famiglie che ricevono servizi di consulenza hanno una probabilità di oltre 20 punti percentuali più elevata di detenere prodotti o strumenti finanziari rischiosi, probabilità che sale ulteriormente quando vi è la percezione di un forte legame fiduciario (assenza di conflitti di interessi) e di una elevata qualità del servizio. Questo effetto è dovuto quasi interamente a una maggiore probabilità di detenere prodotti del risparmio gestito e polizze a contenuto finanziario. 9

10 Servizio di consulenza, livello di istruzione e percezione dei conflitti di interesse (dati a dicembre 2012) 100% 80% Come è percepita la consulenza servizio di consulenza e grado di istruzione 30% 25% % di famiglie che percepiscono conflitti di interesse nel servizio di consulenza 60% 20% 40% 15% 20% 10% 0% diploma di titolo di laurea studio inferiore diploma di titolo di laurea studio inferiore % 0% nessuna consulenza consulenza passiva consulenza generica servizio di consulenza MiFID Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. Il gruppo consulenza passiva include le famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia per gli investimenti del quale, tuttavia, non sono state contattate negli ultimi 12 mesi. Il gruppo consulenza generica include le famiglie che hanno un consulente di fiducia, dal quale vengono contattate senza ricevere proposte di investimento relative a specifici strumenti finanziari. Il gruppo servizio di consulenza MiFID include le famiglie che vengono contattate dal proprio consulente di fiducia per gli investimenti e ricevono proposte di investimento personalizzate e riferite a uno specifico strumento finanziario. Una maggiore istruzione si associa a una maggiore propensione a investire con il supporto di un intermediario. La percentuale di investitori retail che usufruisce del servizio di consulenza MiFID è maggiore tra i soggetti laureati, benché in calo (11% circa a dicembre 2012, a fronte del 15% circa nel 2007). Continua a crescere la quota di famiglie che percepiscono conflitti di interessi nell erogazione del servizio di consulenza. A fine 2012 tali famiglie costituivano il 23% del totale degli investitori assistiti da un consulente, (circa il 24% nel 2007; valore minimo pari al 14% nel 2010). 10

11 Come è percepita la consulenza (segue) Grado di soddisfazione delle famiglie italiane per il servizio di consulenza finanziaria (percentuali sul totale delle famiglie raggruppate per tipologia di servizio di consulenza ricevuto) 35% % % 25% 25% 20% 15% 20% 15% 10% 10% 5% 5% 0% 0% basso elevato basso elevato servizio di consulenza MiFID consulenza generica consulenza passiva Fonte: nostre elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. Si assume che una famiglia abbia un elevato livello di soddisfazione rispetto ai servizi di consulenza ricevuti quando alla domanda Complessivamente, quanto è soddisfatto del suo consulente di fiducia per gli investimenti la risposta è Molto. Si assume che una famiglia abbia un basso livello di soddisfazione rispetto ai servizi di consulenza ricevuti quando alla domanda Complessivamente, quanto è soddisfatto del suo consulente di fiducia per gli investimenti la risposta è Poco o nulla. Il gruppo consulenza passiva include le famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia per gli investimenti dal quale, tuttavia, non sono state contattate negli ultimi 12 mesi. Il gruppo consulenza generica include le famiglie che hanno un consulente di fiducia, dal quale vengono contattate senza ricevere proposte di investimento relative a specifici strumenti finanziari. Il gruppo servizio di consulenza MiFID include le famiglie che vengono contattate dal proprio consulente di fiducia per gli investimenti e ricevono proposte di investimento personalizzate e riferite a uno specifico strumento finanziario. La percentuale di investitori che dichiarano un basso livello di soddisfazione per il servizio di consulenza MiFID (15,7%) rimane più alta della quota di famiglie che dichiarano un elevato livello di soddisfazione (9% circa) anche se tale differenza è meno accentuata di quella rilevata nel

12 Consulenza e scelte di portafoglio Anche nel 2012 si conferma l evidenza secondo l a quale gli investitori retail che ricevono il servizio di consulenza MiFID detengono un portafoglio più diversificato, che include almeno un prodotto finanziario rischioso in circa il 70% dei casi (rispetto a circa l 8% rilevato per famiglie che decidono in autonomia). Servizio di consulenza e partecipazione al mercato finanziario (dati a dicembre 2012) servizio di consulenza MiFID consulenza generica consulenza passiva nessuna consulenza 0% 25% 50% 75% 100% investitori che detengono almeno un asset rischioso investitori che non detengono asset rischiosi Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. Per prodotti o strumenti finanziari rischiosi si intendono azioni, obbligazioni, risparmio gestito e polizze vita. 12

13 100 Comportamenti e decisioni finanziarie per partecipazione al mercato finanziario Comportamenti assunti prima di prendere decisioni di tipo finanziario (valori percentuali) Valuto le varie alternative di investimento Controllo le Mi rivolgo ad una entrate e le uscite persona esperta e del denaro di fiducia familiare Mi rivolgo alla banca Famiglie che non partecipano al mercato finanziario Fonte: elaborazioni sulle risposte alla domanda del questionario: Le leggo ora una serie di frasi per ciascuna dovrebbe dirmi se è abbastanza prossimo aciòcheleifaopensa:a)primadifarequalsiasiacquistovalutoattentamentelevariealternative;b)controlloattentamenteleentrateeleuscitedel denaro familiare; c) Se trovassi una persona esperta e di fiducia le affiderei volentieri la gestione dei miei risparmi; d) mi piacerebbe che la mia banca mi desse consigli pratici su come gestire le mie risorse economiche. (GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market). Stabilità dei comportamenti nel tempo (confronto ) e tra sottogruppi di famiglie (distinti in funzione del possesso di almeno uno strumento finanziario rischioso); ovviamente coloro che partecipano al mercato finanziario hanno una maggiore propensione a rivolgersi a persone esperte e di fiducia e alla banca. Il 25% delle famiglie che partecipano al mercato finanziario domandano consulenza(7% del campione complessivo). 0 Valuto le varie alternative di investimento Controllo le entrate e le uscite del denaro familiare Famiglie che partecipano al mercato finanziario Mi rivolgo ad una persona esperta e di fiducia 13

14 Comportamenti e decisioni finanziarie in funzione del ricorso alla consulenza Comportamenti assunti prima di prendere decisioni di tipo finanziario 2012 (valori percentuali) Famiglie che non ricevono il servizio di consulenza Famiglie che ricevono il servizio di consulenza Valuto le varie alternative di investimento Controllo le entrate e le uscite del denaro familiare Mi rivolgo ad una persona esperta e di fiducia Mi rivolgo alla banca Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market(dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). Dalle dichiarazioni dei soggetti intervistati non sembrerebbero emergere differenze significative rispetto alla valutazione delle varie alternative di investimento e all attitudine al controllo delle entrate e delle uscite. Chi usufruisce del servizio di consulenza mostra una maggiore propensione a rivolgersi a persone esperte e di fiducia e, ovviamente, alla banca. 14

15 Canali di informazione e autovalutazione delle competenze per partecipazione al mercato finanziario Fonti dell informazione e percezione delle proprie competenze 2012 (valori percentuali) Canali di informazione Nessuno Giornali quotidiani e/o riviste periodiche Banca e/o internet Colleghi, amici, parenti Famiglie che non partecipano al mercato finanziario Autovalutazione del proprio livello di competenze Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market(dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). Tra coloro che non partecipano al mercato finanziario il peso dei canali informali (rappresentati da colleghi, amici e parenti) è equivalente a quello della banca (dato stabile negli ultimi cinque anni). Gli investitori che partecipano al mercato finanziario si ritengono più competenti. Il divario tra i due sotto-gruppi di investitori è aumentato negli ultimi cinque anni Molto Abbastanza Poco Niente Famiglie che partecipano al mercato finanziario 15

16 Canali di informazione e autovalutazione delle competenze in funzione del ricorso alla consulenza Fonti dell informazione e percezione delle proprie competenze 2012 (valori percentuali) Canali di informazione Nessuno Giornali quotidiani e/o riviste periodiche Banca e/o internet Colleghi, amici, parenti Valutazione del proprio livello di competenze Molto Abbastanza Poco Niente Famiglie che non ricevono il servizio di consulenza Famiglie che ricevono il servizio di consulenza Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market(dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). Gli investitori che non ricevono il servizio di consulenza si informano meno e privilegiano il canale informale (colleghi, amici e parenti) rispetto alla banca o internet. Con riguardo all autovalutazione delle proprie competenze, il 40% circa degli intervistati si ritiene poco competente a prescindere dal fatto che riceva o meno consulenza. 16

17 Comportamenti e decisioni finanziarie Di chi hai fiducia per aiutarti a prendere una decisione finanziaria? 180% 160% 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Regno Unito Francia Italia Spagna Germania Fonte: TNS Nipo. soggetti pubblici consulenti internet media (TV, radio, stampa) banche colleghi amici famiglia La quota di consumatori europei che si affida alla famiglia per le decisioni finanziarie diminuisce con l età Le donne tendono ad affidarsi alla famiglia per le decisioni finanziarie più degli uomini 17

18 Financial literacye programmi di educazione finanziaria 18

19 Livello delle conoscenze finanziarie Financial literacy in Italia: un confronto internazionale rank Paese 2011 rank Paese 2011 rank Paese Danimarca 8,31 21 Filippine 7,12 41 UAE 6,00 2 Usa 8,08 22 Taiwan 7,11 42 Indonesia 5,86 3 Irlanda 8,08 23 Malesia 7,06 43 Messico 5,82 4 Australia 8,00 24 Nuova Zelanda 7,04 44 Italia 5,81 5 Svizzera 8,00 25 Singapore 6,94 45 Portogallo 5,76 6 Svezia 7,91 26 Colombia 6,84 46 Corea 5,65 7 Canada 7,86 27 Russia 6,75 47 Slovenia 5,52 8 Israele 7,83 28 Lussemburgo 6,72 48 Giordania 5,50 9 Finlandia 7,79 29 Kazakhstan 6,72 49 Ucraina 5,49 10 Honk Kong 7,60 30 Francia 6,71 50 Cina 5,48 11 India 7,60 31 Spagna 6,70 51 Perù 5,41 12 Paesi Bassi 7,57 32 Argentina 6,67 52 Venezuela 5,37 13 Norvegia 7,52 33 Tailandia 6,47 53 Brasile 5,35 14 Germania 7,50 34 Giappone 6,38 54 Sud Africa 5,01 15 Islanda 7,40 35 Grecia 6,29 55 Lituania 4,83 16 Cile 7,33 36 Qatar 6,27 56 Croazia 4,49 17 Turchia 7,31 37 Repubblica Slovacca 6,25 57 Estonia 4,42 18 Regno Unito 7,29 38 Ungheria 6,21 58 Romania 4,30 19 Belgio 7,24 39 Repubblica Ceca 6,16 59 Bulgaria 3,73 20 Austria 7,18 40 Polonia 6,04 Fonte: IMD World Competitiveness Yearbook

20 Financial literacy: l indice di cultura finanziaria di PattiChiari Una misurazione del livello di cultura finanziaria in Italia è quella proposta da PattiChiari (ICF). L ICF è articolato in tre sotto-indicatori (livello di preparazione finanziaria, livello d informazione finanziaria e scelte comportamentali) L indicatore nel 2010 assume il valore di 4,3 su una scala crescente da 0 a 10, dove 0 significa totale assenza di qualsiasi concetto o idea correlata al mondo finanziario, mentre 10 indica una conoscenza ottimale di nozioni, termini e concetti finanziari di base. «I risultati sembrano indicare dunque che gli italiani possiedono mediamente un livello di preparazione verso concetti, nozioni e terminologia finanziaria che, seppur non totalmente sufficiente, è maggiore rispetto al livello di informazione finanziaria ed effettuano scelte comportamentali che sembrano essere poco allineate a comportamenti razionali dal punto di vista finanziario. L analisi dell ICF PattiChiari2010 per area geografica conferma la performance osservata nel 2008: il Nord Est2 mostra il livello più elevato di cultura finanziaria (4,9) mentre il Sud si colloca all ultimo posto in classifica (3,6). In generale, si riscontra un diffuso miglioramento trasversale alle geografiche e alle componenti dell ICF rispetto al 2008.» (L educazione finanziaria italiana, PattiChiari 2010) 20

21 Financial literacy: perché è importante Per l Ocse (2005) l EF ha l obiettivo di stimolare la capacità di compiere scelte efficienti e non incappare in errori o cadere vittima di comportamenti scorretti (financial capability). Per alcuni accademici l EF ha compiti più ampi poiché rientra tra i suoi obiettivi anche il disegno di strumenti capaci di favorire migliori decisioni (Lusardi, 2008). I potenziali benefici di un aumento della financial literacy sono riconducibili alla migliore capacità degli individui di gestire il proprio denaro, alla maggiore partecipazione ai mercati finanziari, alla scelta di prodotti meno costosi (ad es., fondi comuni con commissioni più basse), a una maggiore capacità di risparmio e accumulazione di ricchezza. Inoltre investitori più consapevoli stimolano la concorrenza nell industria dei servizi di investimento, prendono decisioni meno pro-cicliche, favorendo la stabilità dei mercati, con riflessi positivi anche sui costi della vigilanza e della regolamentazione dei mercati finanziari (Oecd, 2012; cfr. 21

22 Educazione finanziaria (EF) L EF si sviluppa in tre ambiti differenti: offerta di informazione educazione/istruzione supporto attivo e training. Pensare che l EF sia la strada da seguire è una visione seducente in quanto consente di mantenere un sistema liberale e basato sulle forze di mercato e al contempo di aumentare il benessere dei cittadini (Alemanni, Brighetti, Lucarelli, 2012, p. 254) ma diverse questioni rimangono aperte. I programmi di EF (soprattutto quelli intesi come strumenti sia informativi sia educativi) servono a rendere gli investitori consapevoli ed autonomi? hanno effetti apprezzabili sul livello di financial literacy? hanno effetti apprezzabili sulle scelte finanziarie? 22

23 I programmi di EF sono efficaci? Affinchè sia efficace un programma di EF devono essere soddisfatte due condizioni: il programma deve aumentare il livello di financial literacy il maggior livello di financial literacy deve riflettersi nei comportamenti e nelle scelte. Le evidenze sulla capacità delle campagne di EF di influire sulla financial literacy e sui comportamenti è insufficiente e contraddittoria (anche perché a livello empirico può essere complesso isolarne gli effetti). Si dispone di evidenza prevalentemente per il caso statunitense e soprattutto per iniziative che ricadono nell ambito dell offerta di informazione (Feng e Seasholes, 2005; Lusardi e Mitchell, 2007). L educazione (e la cultura finanziaria) sembrano avere un impatto positivo ma modesto su tasso di risparmio, ricchezza e risparmio previdenziale. Una buona rassegna dei contributi più recenti, inoltre, è riportata in uno studio FSA (de Meza, Irlenbusch e Reyniers, 2008). Con riferimento a programmi di EF nelle High school Mandell just find no connection between education and financial literacy, measured, in most cases, within a year after taking such a course (Mandell, 2006, Nessun effetto di seminari datoriali sulla previdenza complementare (così come misurato da test compilati dai dipendenti; Benartzi & Thaler, 2007). 23

24 I programmi di EF sono efficaci? (segue) Divario tra intenzioni e azioni: in una inchiesta campionaria, Clark et al. (2006) rilevano che circa il 40% è intenzionato a partecipare a piani pensionistici ovvero ad aumentarne la contribuzione; subito dopo aver partecipato a un seminario in materia di previdenza complementare, tuttavia, meno della metà degli intervistati ha poi dato seguito alle intenzioni dichiarate. Cavezzali et al. (2012) analizzano, in un contesto sperimentale, le scelte di asset allocation di un gruppo di 200 investitori statunitensi. Essi trovano che l EF può avere un ruolo importante nelle scelte di investimento di soggetti non esperti ma solo in casi particolari, poiché rende i soggetti più informati e li aiuta nelle scelte di allocazione dei propri risparmi tra diverse asset class, ma beneficia in modo apprezzabile solo per individui che vantano elevati livelli di istruzione. 24

25 EF e bias comportamentali I programmi tradizionali di EF sono tesi a colmare deficit cognitivi e si rifanno all impostazione della finanza classica, che ipotizza agenti economici razionali, in grado di acquisire ed elaborare correttamente tutte le informazioni disponibili al fine di massimizzare una funzione di utilità. Come mostra l evidenza sperimentale ed empirica, i soggetti sono vittime di bias comportamentali, sono propensi ad utilizzare scorciatoie di pensiero e mostrano preferenze instabili rispetto al contesto di riferimento che si traducono in errori sistematici. La finanza comportamentale può fornire indicazioni utili per una opportuna rimodulazione dei programmi di EF. Ad esempio, è stato suggerito l impiego di tecniche di correzione delle distorsioni cognitive (debiasing) e dei cosiddetti decision support systems (DSS; Evans, 1989; O Donnell and Grice, 1993). 25

26 EF e tecniche di debiasing Un programma di debiasing dovrebbe simulare un processo decisionale e potrebbe prevedere l applicazione combinata di più tecniche (Fischhoff, 1982; Keren 1990): avviso (warning) descrizione del problema riscontro personalizzato (feedback) training Esempi di tecniche di debiasing: consider-the-opposite strategy rendere conto delle scelte (accountability) giochi ripetuti con feedback chiaro e immediato cooling-off decisioni di gruppo Critiche (Willis, 2008): Riconoscere gli errori può essere utile ma non implica un cambiamento automatico dei comportamenti. Le tecniche di debiasing non sono sempre efficaci; in alcuni casi correggono un errore esacerbandone altri. 26

27 I limiti dell EF secondo la finanza comportamentale Non è scontato che l EF abbia riflessi solo positivi (Calvet et al., 2007; Willis, 2008). È complicato correggere gli errori di comportamento, soprattutto se derivanti da errori di preferenze. Tra gli effetti indesiderati l evidenza empirica segnala information overload (cues competition e cues salience; Kruschke, e Johansen,1999; Lacko e Pappalardo, 2004; Betrand et al. 2005); rafforzamento di alcuni errori (ottimismo; overconfidence che può alimentare illusione del controllo e/o miscalibration; confirmationbias; Griffin e Tversky, 1992;Weinstein e Klein, 2002). impatto sulla propensione a detenere attività rischiose ma non sulla propensione a delegare le scelte di investimento (Gentile, Linciano e Siciliano, 2006). Una maggiore conoscenza delle leggi della probabilità consentirebbe tuttavia di disapplicare le euristiche più comuni (Fong et al., 1986; Gigerenzer e Hoffrage, 1995). L EF rischia di responsabilizzare eccessivamente il risparmiatore che, ritenuto edotto e consapevole, diviene l unico responsabile degli errori compiuti (blame-the-consumer mentality). 27

28 Il ruolo del regolatore tra educazione finanziaria e paternalismo 28

29 I programmi di EF di lungo termine In alcuni ordinamenti sono state avviate iniziative trasversali e di lungo termine variamente articolate. Survey tese a misurare il livello medio di financial capability della popolazione Financial capability is a broad measure of the knowledge, skills, attitudes and behaviours necessary to manage personal finances and to choose and make appropriate use of financial products (http://www.oecd.org/finance/financial-education/ pdf). Programmi mirati, che coinvolgono le istituzioni scolastiche. Poichè programmi di EF più pervasivi e di lungo termine sono stati avviati solo di recente (Oecd, 2012), non siamo ancora in grado di valutarne l impatto; è certo, tuttavia, che gli effetti riguarderanno le generazioni future. Cosa fare per le generazioni di investitori attuali? 29

30 I programmi di EF di lungo termine (segue) Istituzioni con ruoli di coordinamento delle strategie nazionali di educazione finanziaria Governo Authority ed Ente regolatore dei Banca Centrale Altri mercati Francia X X X Irlanda Italia MIUR X X X Paesi Bassi Min. Finanze Portogallo X X Regno Unito Min. Tesoro X Spagna X X Svezia Min. Finanze X NGOs India Min. Finanze X X NGOs Giappone X X CCFSI Stati Uniti Min. Tesoro Fonte: Fondazione Rosselli, Le esperienze di educazione alla cittadinanza economica, X 30

31 I programmi di EF di lungo termine (segue) Rassegna dei principali programmi di educazione finanziaria in Europa Regno Unito Irlanda Paesi Bassi Principali Enti Principali programmi * National Strategy for Financial Capability * Making the Most of Your Money * Learning Money Matters * Money for life * Money Doctors Financial Services Authority * Young People and Money Money Adivce Service * Parent's Guide to Money Bank of England * Moneymadeclear Personal Finance Education Group * Partnership Development BBC * Health Check from the Money Advice Service OFSTED * Education Programme Scottish Centre for Financial Education * Divorce and Separation * The Redudancy Handbook * Financial Capability Online Tools * Pounds and Pence * Boosting financial capability in schools * Talking shop * It's Your Money Irish Financial Regulator * Money Skills For Life Central Bank of Ireland * Get Smart With Your Money National Consumer Agency * Taking Charge MinistryofFinance * CentiQ Autoriteit Financière Markten * Finances in Order National InstituteforBudget * Learning to Deal with Money Early On Information * Providing for the Future 31

32 I programmi di EF di lungo termine (segue) Rassegna dei principali programmi di educazione finanziaria in Europa - segue Francia Germania Italia Spagna Principali Enti Autorité des Marchés Financiers Institut pour l Education Financière du Public Banque de France Autorità di vigilanza (BAFIN) DeutscheBundesbank Praeventionsnetzwerk Finanzkompetenz MIUR Banca d'italia Consob Patti chiari Associazioni categoria Bank of Spain Comisiòn Nacional del Mercado de Valores Caixa Terrassa Principali programmi * La Finance pour Tous * ARCAF (EpargneRetraite.org) * Comment gérer son budget sans déraper * Les Clés de la Banque * SchülerBanking * Personal Economics fit für die wirtschaft * SCHUFA macht Schule * School kit on price stability * The European Stock Market Learning * SchulBank-Wirtschaft für den Unterricht * (f)in-fit - Financial training for migrants * Conoscere per decidere * Impariamo ad investire * L'impronta economica * Edufinet(Educación financiera en la red) * Employee trainings from ESCA * Learn to manage your money Fonte: Fondazione Rosselli, Le esperienze di educazione alla cittadinanza economica,

La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza

La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza Nadia Linciano Roma, 4 giugno 2010 Il ruolo delle Autorità di vigilanza: la chiave di lettura comportamentale

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Nadia Linciano Ufficio Studi Economici Outline I comportamenti degli investitori italiani

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità

Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità A S C O S I M 3 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità Giovanni Musella CONSOB -Divisione

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Le nostre soluzioni d investimento. Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio

Le nostre soluzioni d investimento. Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio Le nostre soluzioni d investimento Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio Siamo al vostro fianco per aiutarvi a raggiungere gli obiettivi d investimento che vi siete prefissi.

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni!

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! Sensori induttivi miniaturizzati Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! AZIENDA Grazie alla sua visione per l innovazione e la valorizzazione tecnologica, Contrinex continua a fissare nuovi standard

Dettagli

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali 4 ottobre 2011 consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: itinerari previdenziali le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio possibile? a che punto

Dettagli

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G.

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G. CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI DI CONSULENZA FINANZIARIA M. Gentile,

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G.

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G. CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI DI CONSULENZA FINANZIARIA M. Gentile,

Dettagli

FAST-START Program SAP La proposta Altea

FAST-START Program SAP La proposta Altea FAST-START Program SAP La proposta Altea www.alteanet.it altea@alteanet.it SAP World SAP AG Oltre 95.000 aziende clienti Installazioni in 120 paesi per: Integrare i processi Aumentare la competitività

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria. Bergamo, 23 gennaio 2009

Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria. Bergamo, 23 gennaio 2009 Convegno adeimf Nuove politiche per la gestione bancaria Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria Bergamo, 23 gennaio 2009 Maurizio Trifilidis maurizio.trifilidis@bancaditalia.it

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Commerzbank, leader europeo dei prodotti di borsa, propone da oggi i suoi certificati a Leva Fissa sul mercato italiano! Messaggio pubblicitario La banca al tuo fianco 2 I Certificati

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Alessandra Annoni, Listed Products Banca IMI Mario Romani, Ufficio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo

Alessandra Annoni, Listed Products Banca IMI Mario Romani, Ufficio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo Relatori: Alessandra Annoni, Listed Products Banca IMI Mario Romani, Ufficio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo Banca IMI: leader in Italia nei prodotti di Investimento Banca IMI è la banca d investimento

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Il Programma per Installatori Qualificati di PROINSO supera le 2.000 aziende integrate in tutto il mondo

Il Programma per Installatori Qualificati di PROINSO supera le 2.000 aziende integrate in tutto il mondo Il Programma per Installatori Qualificati di PROINSO supera le 2.000 aziende integrate in tutto il mondo La società consolida così la sua leadership internazionale Da quando è stato attivato, nel 2010,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche?

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Maria Teresa Siniscalco National Project Manager PISA 2003 Roma, 17 aprile 2007 1. La fotografia che PISA

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Come cambia il consumatore : riflessioni sulle relazione fra stakeholders ed il mercato. GfK Eurisko Milano, Febbraio 2014

Come cambia il consumatore : riflessioni sulle relazione fra stakeholders ed il mercato. GfK Eurisko Milano, Febbraio 2014 Fornezza Come cambia il consumatore : riflessioni sulle relazione fra stakeholders ed il mercato GfK Eurisko Milano, Febbraio 2014 1 01 Lo scenario 2 Il Paese, tra luci e ombre, elabora linguaggi, toni

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

di Onorato Castellino ed Elsa Fornero

di Onorato Castellino ed Elsa Fornero SCENARI EUROPEI PER LA PREVIDENZA INTEGRATIVA PRIVATA di Onorato Castellino ed Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Collegio Carlo Alberto Torino, 30 ottobre 2006 Outline La distinzione (sfumata) tra

Dettagli

Oggetto: Documento di consultazione sulla distribuzione di prodotti complessi ai clienti retail.

Oggetto: Documento di consultazione sulla distribuzione di prodotti complessi ai clienti retail. Spett.le C O N S O B Divisione Intermediari Via Broletto, n. 7 20121 MILANO Milano, 20 giugno 2014 Oggetto: Documento di consultazione sulla distribuzione di prodotti complessi ai clienti retail. Spett.le

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria Giovanni Carosio 13 dicembre 2007 Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria 1. L educazione finanziaria 2. La soluzione delle controversie 1 L educazione finanziaria 1. Un bisogno crescente 2.

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Comunicato Stampa. Cresce nel mondo il piacere e la voglia di Cucinare. Una ricerca GfK in occasione di Expo.

Comunicato Stampa. Cresce nel mondo il piacere e la voglia di Cucinare. Una ricerca GfK in occasione di Expo. Comunicato Stampa Milano, 20 Maggio 2015 Ufficio Stampa GfK Italia: Vitalba Paesano GfK Italia via Tortona, 33 20144 Milano M +39 338 93.83.436 vitalba.paesano@gfk.com Cresce nel mondo il piacere e la

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

PREPARA QUI IL TUO FUTURO

PREPARA QUI IL TUO FUTURO PREPARA QUI IL TUO FUTURO LIUC Università Cattaneo Siete connessi? Allora partiamo! LIUC Campus: Vivere a Castellanza «Vicino a una città europea, ma lontana dal caos» LIUC Campus 3 buone ragioni per scegliere

Dettagli

Edizione autunnale dell Osservatorio ANIMA - GfK sul risparmio delle famiglie italiane

Edizione autunnale dell Osservatorio ANIMA - GfK sul risparmio delle famiglie italiane COMUNICATO STAMPA Edizione autunnale dell Osservatorio ANIMA - GfK sul risparmio delle famiglie italiane Aumentano gli ottimisti sulle prospettive dell Italia e calano i pessimisti In attesa che la ripresa

Dettagli

Hai mai pensato di diventare

Hai mai pensato di diventare Hai mai pensato di diventare Collegati al sito WWW.TU-WELFARE.IT/DITUTTI Compila il modulo di manifestazione di interesse e inviaci il tuo curriculum Attendi l invito all incontro di presentazione del

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE

SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE Annuncio Pubblicitario CONOSCERE I NOSTRI CLIENTI I bisogni, le aspettative ed il modo di interpretare gli investimenti sono differenti per ogni Cliente. Siamo certi che

Dettagli

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89%

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% Rapporto tra pensione e ultima retribuzione lorda Le

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

6^ Commissione Finanze e tesoro - Senato della Repubblica

6^ Commissione Finanze e tesoro - Senato della Repubblica 6^ Commissione Finanze e tesoro - Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulle condizioni del sistema bancario e finanziario italiano e la tutela del risparmio Audizione del Presidente di Ascosim

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

P ER CRESCERE. Prima della riforma Età: 63 anni. Dopo la riforma Età: 69 anni. Il bisogno pensionistico in Italia. La necessità del fondo pensione

P ER CRESCERE. Prima della riforma Età: 63 anni. Dopo la riforma Età: 69 anni. Il bisogno pensionistico in Italia. La necessità del fondo pensione UN PROGETTO DI P ER CRESCERE il progetto di formazione 2016 di Fondo Telemaco Il bisogno pensionistico in Italia. La necessità del fondo pensione I dati diffusi in diversi contesti e settori parlano chiaro

Dettagli