La financial literacy tra deficit cognitivi e bias comportamentali: il ruolo del consulente. Nadia Linciano Consob

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La financial literacy tra deficit cognitivi e bias comportamentali: il ruolo del consulente. Nadia Linciano Consob"

Transcript

1 I Professionisti Certificati EFPA per una ducazione finanziaria corretta e consapevole del risparmiatore La financial literacy tra deficit cognitivi e bias comportamentali: il ruolo del consulente Nadia Linciano Consob

2 Outline Alcune evidenze: scelte di portafoglio domanda di consulenza canali di informazione Financial literacy e programmi di educazione finanziaria Il ruolo del regolatore tra educazione finanziaria e paternalismo la product intervention Il ruolo del consulente finanziario 2

3 Alcune evidenze su scelte di portafoglio, domanda di consulenza e canali di informazione

4 Scelte di portafoglio: partecipazione Diffusione dei prodotti e strumenti finanziari fra le famiglie italiane (percentuale di famiglie che detiene il prodotto o strumento finanziario indicato) titoli di Stato italiani fondi o Sicav obbligazioni bancarie italiane azioni di società quotate italiane obbligazioni italiane non bancarie prodotti a capitale o rendimento garantito obbligazioni estere azioni estere gestioni patrimoniali programmi misti (polizze- fondi) azioni di società non quotate italiane derivati 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 10% 11% 12% 13% 14% Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market (dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). 4

5 Scelte di portafoglio: composizione Composizione del portafoglio delle famiglie italiane attività finanziarie polizze azioni risparmio gestito obbligazioni titoli di Stato depositi e risparmio postale 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% 50% media semplice della quota investita polizze azioni risparmio gestito obbligazioni titoli di Stato depositi e risparmio postale 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: stime su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. La voce depositi e risparmio postale include i depositi in c/c bancari e postali, i libretti di risparmio bancari e postali, i depositi in valute diverse dall euro, i pronti contro termine, i certificati di deposito. La voce risparmio gestito include fondi comuni e Sicav italiani ed esteri, programmi di accumulo (Pac), gestioni patrimoniali mobiliari (Gpm) e in fondi (Gpf), programmi misti polizze-fondi, servizi di gestione della liquidità. La voce polizze include le polizze del ramo III e V, i prodotti a capitalizzazione, le polizze multiramo, i piani pensionistici integrativi. La ricchezza finanziaria non include il circolante. 5

6 Scelte di portafoglio (segue) A fine 2012 la quota di famiglie che partecipano ai mercati finanziari (ossia che investono in strumenti finanziari rischiosi quali azioni, obbligazioni, risparmio gestito e polizze vita) si è attestata al 25% circa, risultando di 10 punti percentuali inferiore al Le flessioni più marcate hanno riguardato polizze vita, fondi pensioni e risparmio gestito. È calata anche la quota di famiglie che investe in azioni quotate italiane (da circa il 7% del 2007 a poco meno del 3% a fine 2012). Rispetto al 2007 il grado di diffusione delle azioni quotate e dei prodotti del risparmio gestito si è ridotto rispettivamente dal 6,4 al 2,9% e dall 11,7 al 6,1%. La quota di famiglie che possiedono titoli di Stato italiani è tornata sui livelli del 2007 (13%); è rimasto stabile al 9,3% il dato relativo alle obbligazioni bancarie italiane. La quota delle attività finanziarie investite in titoli di Stato è cresciuta dal 13,4 del dicembre 2007 (14,2% nel 2011) al 17,1% del dicembre 2012; nello stesso periodo l investimento in azioni ha subito una lieve flessione, passando dal 10,5 (5,6 nel 2011) al 5,3 % delle attività finanziarie. La quota di attività finanziarie relativa alle obbligazioni è rimasta invece piuttosto stabile al 15% circa (15,2% nel 2007; 15,4 nel 2012). L investimento in depositi e risparmio postale, infine, è aumentato portandosi al 47% (38% nel 2007). 6

7 Domanda di consulenza Caratteristiche del servizio di consulenza finanziaria alle famiglie in Italia 100% diffusione del servizio di consulenza 100% distribuzione delle famiglie che ricevono servizi di consulenza MiFID in base alla modalità con la quale ricevono il servizio 80% 80% 60% 60% 40% 40% 20% 20% 0% % servizio di consulenza MiFID consulenza generica consulenza passiva nessuna consulenza famiglie che non sanno distinguere la modalità con la quale ricevono il servizio famiglie che ricevono una proposta di investimento su iniziativa dell'intermediario famiglie che ricevono una proposta di investimento a seguito di una loro specifica richiesta Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market. Il gruppo consulenza passiva include le famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia per gli investimenti del quale, tuttavia, non sono state contattate negli ultimi 12 mesi. Il gruppo consulenza generica include le famiglie che hanno un consulente di fiducia, dal quale vengono contattate senza ricevere proposte di investimento relative a specifici strumenti finanziari. Il gruppo servizio di consulenza MiFID include le famiglie che vengono contattate dal proprio consulente di fiducia per gli investimenti e ricevono proposte di investimento personalizzate e riferite a uno specifico strumento finanziario. Sul grafico di destra sono riportate quote percentuali sul totale delle famiglie che ricevono il servizio di consulenza MiFID. 7

8 Domanda di consulenza (segue) Continua a essere scarsa la diffusione del servizio di consulenza presso gli investitori retail. Sulla base dei dati GfK Eurisko, a fine 2012 la percentuale di famiglie che ricevono proposte di investimento personalizzate dal proprio consulente su uno specifico strumento finanziario (cd consulenza MiFID) è circa il 7% (più del 10% nel 2007). È rimasta stabile attorno al 49% la quota di famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia dal quale, tuttavia, non ricevono proposte di investimento (consulenza passiva), così come quella relativa alla consulenza generica (proposte di investimento che non si riferiscono a uno specifico strumento finanziario). Infine la percentuale di investitori retail che dichiarano di decidere senza alcun supporto da parte degli intermediari finanziari (nessuna consulenza) è pari al 26,7% (28,4 nel 2007). 8

9 Perché la consulenza è poco diffusa? L evidenza disponibile per il caso Italiano (QdF Consob n. 64, 2009) mostra che: la diffusione dei servizi di consulenza dipende sia dal profilo socio-economico delle famiglie sia dalla percezione della presenza e dell intensità di conflitti di interessi e dal giudizio sul livello qualitativo dei servizi. A parità di altre condizioni, le famiglie con una maggiore ricchezza finanziaria (ultimo quartile della distribuzione) hanno una probabilità di ricevere servizi di consulenza di 20 punti percentuali più elevata rispetto alle altre famiglie, mentre la probabilità di ricevere servizi di consulenza si riduce di 10 punti percentuali per le famiglie più avverse al rischio. Le famiglie che ritengono che il consulente sia in conflitto di interessi oppure hanno la percezione di una qualità dei servizi non elevata hanno invece una forte probabilità di interrompere i legami con il consulente e di passare ad una situazione di consulenza passiva. L offerta di servizi di consulenza ha un impatto molto rilevante sulle scelte di portafoglio delle famiglie. Le famiglie che ricevono servizi di consulenza hanno una probabilità di oltre 20 punti percentuali più elevata di detenere prodotti o strumenti finanziari rischiosi, probabilità che sale ulteriormente quando vi è la percezione di un forte legame fiduciario (assenza di conflitti di interessi) e di una elevata qualità del servizio. Questo effetto è dovuto quasi interamente a una maggiore probabilità di detenere prodotti del risparmio gestito e polizze a contenuto finanziario. 9

10 Servizio di consulenza, livello di istruzione e percezione dei conflitti di interesse (dati a dicembre 2012) 100% 80% Come è percepita la consulenza servizio di consulenza e grado di istruzione 30% 25% % di famiglie che percepiscono conflitti di interesse nel servizio di consulenza 60% 20% 40% 15% 20% 10% 0% diploma di titolo di laurea studio inferiore diploma di titolo di laurea studio inferiore % 0% nessuna consulenza consulenza passiva consulenza generica servizio di consulenza MiFID Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. Il gruppo consulenza passiva include le famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia per gli investimenti del quale, tuttavia, non sono state contattate negli ultimi 12 mesi. Il gruppo consulenza generica include le famiglie che hanno un consulente di fiducia, dal quale vengono contattate senza ricevere proposte di investimento relative a specifici strumenti finanziari. Il gruppo servizio di consulenza MiFID include le famiglie che vengono contattate dal proprio consulente di fiducia per gli investimenti e ricevono proposte di investimento personalizzate e riferite a uno specifico strumento finanziario. Una maggiore istruzione si associa a una maggiore propensione a investire con il supporto di un intermediario. La percentuale di investitori retail che usufruisce del servizio di consulenza MiFID è maggiore tra i soggetti laureati, benché in calo (11% circa a dicembre 2012, a fronte del 15% circa nel 2007). Continua a crescere la quota di famiglie che percepiscono conflitti di interessi nell erogazione del servizio di consulenza. A fine 2012 tali famiglie costituivano il 23% del totale degli investitori assistiti da un consulente, (circa il 24% nel 2007; valore minimo pari al 14% nel 2010). 10

11 Come è percepita la consulenza (segue) Grado di soddisfazione delle famiglie italiane per il servizio di consulenza finanziaria (percentuali sul totale delle famiglie raggruppate per tipologia di servizio di consulenza ricevuto) 35% % % 25% 25% 20% 15% 20% 15% 10% 10% 5% 5% 0% 0% basso elevato basso elevato servizio di consulenza MiFID consulenza generica consulenza passiva Fonte: nostre elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. Si assume che una famiglia abbia un elevato livello di soddisfazione rispetto ai servizi di consulenza ricevuti quando alla domanda Complessivamente, quanto è soddisfatto del suo consulente di fiducia per gli investimenti la risposta è Molto. Si assume che una famiglia abbia un basso livello di soddisfazione rispetto ai servizi di consulenza ricevuti quando alla domanda Complessivamente, quanto è soddisfatto del suo consulente di fiducia per gli investimenti la risposta è Poco o nulla. Il gruppo consulenza passiva include le famiglie che dichiarano di avere un consulente di fiducia per gli investimenti dal quale, tuttavia, non sono state contattate negli ultimi 12 mesi. Il gruppo consulenza generica include le famiglie che hanno un consulente di fiducia, dal quale vengono contattate senza ricevere proposte di investimento relative a specifici strumenti finanziari. Il gruppo servizio di consulenza MiFID include le famiglie che vengono contattate dal proprio consulente di fiducia per gli investimenti e ricevono proposte di investimento personalizzate e riferite a uno specifico strumento finanziario. La percentuale di investitori che dichiarano un basso livello di soddisfazione per il servizio di consulenza MiFID (15,7%) rimane più alta della quota di famiglie che dichiarano un elevato livello di soddisfazione (9% circa) anche se tale differenza è meno accentuata di quella rilevata nel

12 Consulenza e scelte di portafoglio Anche nel 2012 si conferma l evidenza secondo l a quale gli investitori retail che ricevono il servizio di consulenza MiFID detengono un portafoglio più diversificato, che include almeno un prodotto finanziario rischioso in circa il 70% dei casi (rispetto a circa l 8% rilevato per famiglie che decidono in autonomia). Servizio di consulenza e partecipazione al mercato finanziario (dati a dicembre 2012) servizio di consulenza MiFID consulenza generica consulenza passiva nessuna consulenza 0% 25% 50% 75% 100% investitori che detengono almeno un asset rischioso investitori che non detengono asset rischiosi Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko - Multifinanziaria Retail Market. Per prodotti o strumenti finanziari rischiosi si intendono azioni, obbligazioni, risparmio gestito e polizze vita. 12

13 100 Comportamenti e decisioni finanziarie per partecipazione al mercato finanziario Comportamenti assunti prima di prendere decisioni di tipo finanziario (valori percentuali) Valuto le varie alternative di investimento Controllo le Mi rivolgo ad una entrate e le uscite persona esperta e del denaro di fiducia familiare Mi rivolgo alla banca Famiglie che non partecipano al mercato finanziario Fonte: elaborazioni sulle risposte alla domanda del questionario: Le leggo ora una serie di frasi per ciascuna dovrebbe dirmi se è abbastanza prossimo aciòcheleifaopensa:a)primadifarequalsiasiacquistovalutoattentamentelevariealternative;b)controlloattentamenteleentrateeleuscitedel denaro familiare; c) Se trovassi una persona esperta e di fiducia le affiderei volentieri la gestione dei miei risparmi; d) mi piacerebbe che la mia banca mi desse consigli pratici su come gestire le mie risorse economiche. (GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market). Stabilità dei comportamenti nel tempo (confronto ) e tra sottogruppi di famiglie (distinti in funzione del possesso di almeno uno strumento finanziario rischioso); ovviamente coloro che partecipano al mercato finanziario hanno una maggiore propensione a rivolgersi a persone esperte e di fiducia e alla banca. Il 25% delle famiglie che partecipano al mercato finanziario domandano consulenza(7% del campione complessivo). 0 Valuto le varie alternative di investimento Controllo le entrate e le uscite del denaro familiare Famiglie che partecipano al mercato finanziario Mi rivolgo ad una persona esperta e di fiducia 13

14 Comportamenti e decisioni finanziarie in funzione del ricorso alla consulenza Comportamenti assunti prima di prendere decisioni di tipo finanziario 2012 (valori percentuali) Famiglie che non ricevono il servizio di consulenza Famiglie che ricevono il servizio di consulenza Valuto le varie alternative di investimento Controllo le entrate e le uscite del denaro familiare Mi rivolgo ad una persona esperta e di fiducia Mi rivolgo alla banca Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market(dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). Dalle dichiarazioni dei soggetti intervistati non sembrerebbero emergere differenze significative rispetto alla valutazione delle varie alternative di investimento e all attitudine al controllo delle entrate e delle uscite. Chi usufruisce del servizio di consulenza mostra una maggiore propensione a rivolgersi a persone esperte e di fiducia e, ovviamente, alla banca. 14

15 Canali di informazione e autovalutazione delle competenze per partecipazione al mercato finanziario Fonti dell informazione e percezione delle proprie competenze 2012 (valori percentuali) Canali di informazione Nessuno Giornali quotidiani e/o riviste periodiche Banca e/o internet Colleghi, amici, parenti Famiglie che non partecipano al mercato finanziario Autovalutazione del proprio livello di competenze Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market(dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). Tra coloro che non partecipano al mercato finanziario il peso dei canali informali (rappresentati da colleghi, amici e parenti) è equivalente a quello della banca (dato stabile negli ultimi cinque anni). Gli investitori che partecipano al mercato finanziario si ritengono più competenti. Il divario tra i due sotto-gruppi di investitori è aumentato negli ultimi cinque anni Molto Abbastanza Poco Niente Famiglie che partecipano al mercato finanziario 15

16 Canali di informazione e autovalutazione delle competenze in funzione del ricorso alla consulenza Fonti dell informazione e percezione delle proprie competenze 2012 (valori percentuali) Canali di informazione Nessuno Giornali quotidiani e/o riviste periodiche Banca e/o internet Colleghi, amici, parenti Valutazione del proprio livello di competenze Molto Abbastanza Poco Niente Famiglie che non ricevono il servizio di consulenza Famiglie che ricevono il servizio di consulenza Fonte: elaborazioni su dati GfK Eurisko- Multifinanziaria Retail Market(dati di sondaggio su un campione di circa famiglie italiane). Gli investitori che non ricevono il servizio di consulenza si informano meno e privilegiano il canale informale (colleghi, amici e parenti) rispetto alla banca o internet. Con riguardo all autovalutazione delle proprie competenze, il 40% circa degli intervistati si ritiene poco competente a prescindere dal fatto che riceva o meno consulenza. 16

17 Comportamenti e decisioni finanziarie Di chi hai fiducia per aiutarti a prendere una decisione finanziaria? 180% 160% 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Regno Unito Francia Italia Spagna Germania Fonte: TNS Nipo. soggetti pubblici consulenti internet media (TV, radio, stampa) banche colleghi amici famiglia La quota di consumatori europei che si affida alla famiglia per le decisioni finanziarie diminuisce con l età Le donne tendono ad affidarsi alla famiglia per le decisioni finanziarie più degli uomini 17

18 Financial literacye programmi di educazione finanziaria 18

19 Livello delle conoscenze finanziarie Financial literacy in Italia: un confronto internazionale rank Paese 2011 rank Paese 2011 rank Paese Danimarca 8,31 21 Filippine 7,12 41 UAE 6,00 2 Usa 8,08 22 Taiwan 7,11 42 Indonesia 5,86 3 Irlanda 8,08 23 Malesia 7,06 43 Messico 5,82 4 Australia 8,00 24 Nuova Zelanda 7,04 44 Italia 5,81 5 Svizzera 8,00 25 Singapore 6,94 45 Portogallo 5,76 6 Svezia 7,91 26 Colombia 6,84 46 Corea 5,65 7 Canada 7,86 27 Russia 6,75 47 Slovenia 5,52 8 Israele 7,83 28 Lussemburgo 6,72 48 Giordania 5,50 9 Finlandia 7,79 29 Kazakhstan 6,72 49 Ucraina 5,49 10 Honk Kong 7,60 30 Francia 6,71 50 Cina 5,48 11 India 7,60 31 Spagna 6,70 51 Perù 5,41 12 Paesi Bassi 7,57 32 Argentina 6,67 52 Venezuela 5,37 13 Norvegia 7,52 33 Tailandia 6,47 53 Brasile 5,35 14 Germania 7,50 34 Giappone 6,38 54 Sud Africa 5,01 15 Islanda 7,40 35 Grecia 6,29 55 Lituania 4,83 16 Cile 7,33 36 Qatar 6,27 56 Croazia 4,49 17 Turchia 7,31 37 Repubblica Slovacca 6,25 57 Estonia 4,42 18 Regno Unito 7,29 38 Ungheria 6,21 58 Romania 4,30 19 Belgio 7,24 39 Repubblica Ceca 6,16 59 Bulgaria 3,73 20 Austria 7,18 40 Polonia 6,04 Fonte: IMD World Competitiveness Yearbook

20 Financial literacy: l indice di cultura finanziaria di PattiChiari Una misurazione del livello di cultura finanziaria in Italia è quella proposta da PattiChiari (ICF). L ICF è articolato in tre sotto-indicatori (livello di preparazione finanziaria, livello d informazione finanziaria e scelte comportamentali) L indicatore nel 2010 assume il valore di 4,3 su una scala crescente da 0 a 10, dove 0 significa totale assenza di qualsiasi concetto o idea correlata al mondo finanziario, mentre 10 indica una conoscenza ottimale di nozioni, termini e concetti finanziari di base. «I risultati sembrano indicare dunque che gli italiani possiedono mediamente un livello di preparazione verso concetti, nozioni e terminologia finanziaria che, seppur non totalmente sufficiente, è maggiore rispetto al livello di informazione finanziaria ed effettuano scelte comportamentali che sembrano essere poco allineate a comportamenti razionali dal punto di vista finanziario. L analisi dell ICF PattiChiari2010 per area geografica conferma la performance osservata nel 2008: il Nord Est2 mostra il livello più elevato di cultura finanziaria (4,9) mentre il Sud si colloca all ultimo posto in classifica (3,6). In generale, si riscontra un diffuso miglioramento trasversale alle geografiche e alle componenti dell ICF rispetto al 2008.» (L educazione finanziaria italiana, PattiChiari 2010) 20

21 Financial literacy: perché è importante Per l Ocse (2005) l EF ha l obiettivo di stimolare la capacità di compiere scelte efficienti e non incappare in errori o cadere vittima di comportamenti scorretti (financial capability). Per alcuni accademici l EF ha compiti più ampi poiché rientra tra i suoi obiettivi anche il disegno di strumenti capaci di favorire migliori decisioni (Lusardi, 2008). I potenziali benefici di un aumento della financial literacy sono riconducibili alla migliore capacità degli individui di gestire il proprio denaro, alla maggiore partecipazione ai mercati finanziari, alla scelta di prodotti meno costosi (ad es., fondi comuni con commissioni più basse), a una maggiore capacità di risparmio e accumulazione di ricchezza. Inoltre investitori più consapevoli stimolano la concorrenza nell industria dei servizi di investimento, prendono decisioni meno pro-cicliche, favorendo la stabilità dei mercati, con riflessi positivi anche sui costi della vigilanza e della regolamentazione dei mercati finanziari (Oecd, 2012; cfr. 21

22 Educazione finanziaria (EF) L EF si sviluppa in tre ambiti differenti: offerta di informazione educazione/istruzione supporto attivo e training. Pensare che l EF sia la strada da seguire è una visione seducente in quanto consente di mantenere un sistema liberale e basato sulle forze di mercato e al contempo di aumentare il benessere dei cittadini (Alemanni, Brighetti, Lucarelli, 2012, p. 254) ma diverse questioni rimangono aperte. I programmi di EF (soprattutto quelli intesi come strumenti sia informativi sia educativi) servono a rendere gli investitori consapevoli ed autonomi? hanno effetti apprezzabili sul livello di financial literacy? hanno effetti apprezzabili sulle scelte finanziarie? 22

23 I programmi di EF sono efficaci? Affinchè sia efficace un programma di EF devono essere soddisfatte due condizioni: il programma deve aumentare il livello di financial literacy il maggior livello di financial literacy deve riflettersi nei comportamenti e nelle scelte. Le evidenze sulla capacità delle campagne di EF di influire sulla financial literacy e sui comportamenti è insufficiente e contraddittoria (anche perché a livello empirico può essere complesso isolarne gli effetti). Si dispone di evidenza prevalentemente per il caso statunitense e soprattutto per iniziative che ricadono nell ambito dell offerta di informazione (Feng e Seasholes, 2005; Lusardi e Mitchell, 2007). L educazione (e la cultura finanziaria) sembrano avere un impatto positivo ma modesto su tasso di risparmio, ricchezza e risparmio previdenziale. Una buona rassegna dei contributi più recenti, inoltre, è riportata in uno studio FSA (de Meza, Irlenbusch e Reyniers, 2008). Con riferimento a programmi di EF nelle High school Mandell just find no connection between education and financial literacy, measured, in most cases, within a year after taking such a course (Mandell, 2006, Nessun effetto di seminari datoriali sulla previdenza complementare (così come misurato da test compilati dai dipendenti; Benartzi & Thaler, 2007). 23

24 I programmi di EF sono efficaci? (segue) Divario tra intenzioni e azioni: in una inchiesta campionaria, Clark et al. (2006) rilevano che circa il 40% è intenzionato a partecipare a piani pensionistici ovvero ad aumentarne la contribuzione; subito dopo aver partecipato a un seminario in materia di previdenza complementare, tuttavia, meno della metà degli intervistati ha poi dato seguito alle intenzioni dichiarate. Cavezzali et al. (2012) analizzano, in un contesto sperimentale, le scelte di asset allocation di un gruppo di 200 investitori statunitensi. Essi trovano che l EF può avere un ruolo importante nelle scelte di investimento di soggetti non esperti ma solo in casi particolari, poiché rende i soggetti più informati e li aiuta nelle scelte di allocazione dei propri risparmi tra diverse asset class, ma beneficia in modo apprezzabile solo per individui che vantano elevati livelli di istruzione. 24

25 EF e bias comportamentali I programmi tradizionali di EF sono tesi a colmare deficit cognitivi e si rifanno all impostazione della finanza classica, che ipotizza agenti economici razionali, in grado di acquisire ed elaborare correttamente tutte le informazioni disponibili al fine di massimizzare una funzione di utilità. Come mostra l evidenza sperimentale ed empirica, i soggetti sono vittime di bias comportamentali, sono propensi ad utilizzare scorciatoie di pensiero e mostrano preferenze instabili rispetto al contesto di riferimento che si traducono in errori sistematici. La finanza comportamentale può fornire indicazioni utili per una opportuna rimodulazione dei programmi di EF. Ad esempio, è stato suggerito l impiego di tecniche di correzione delle distorsioni cognitive (debiasing) e dei cosiddetti decision support systems (DSS; Evans, 1989; O Donnell and Grice, 1993). 25

26 EF e tecniche di debiasing Un programma di debiasing dovrebbe simulare un processo decisionale e potrebbe prevedere l applicazione combinata di più tecniche (Fischhoff, 1982; Keren 1990): avviso (warning) descrizione del problema riscontro personalizzato (feedback) training Esempi di tecniche di debiasing: consider-the-opposite strategy rendere conto delle scelte (accountability) giochi ripetuti con feedback chiaro e immediato cooling-off decisioni di gruppo Critiche (Willis, 2008): Riconoscere gli errori può essere utile ma non implica un cambiamento automatico dei comportamenti. Le tecniche di debiasing non sono sempre efficaci; in alcuni casi correggono un errore esacerbandone altri. 26

27 I limiti dell EF secondo la finanza comportamentale Non è scontato che l EF abbia riflessi solo positivi (Calvet et al., 2007; Willis, 2008). È complicato correggere gli errori di comportamento, soprattutto se derivanti da errori di preferenze. Tra gli effetti indesiderati l evidenza empirica segnala information overload (cues competition e cues salience; Kruschke, e Johansen,1999; Lacko e Pappalardo, 2004; Betrand et al. 2005); rafforzamento di alcuni errori (ottimismo; overconfidence che può alimentare illusione del controllo e/o miscalibration; confirmationbias; Griffin e Tversky, 1992;Weinstein e Klein, 2002). impatto sulla propensione a detenere attività rischiose ma non sulla propensione a delegare le scelte di investimento (Gentile, Linciano e Siciliano, 2006). Una maggiore conoscenza delle leggi della probabilità consentirebbe tuttavia di disapplicare le euristiche più comuni (Fong et al., 1986; Gigerenzer e Hoffrage, 1995). L EF rischia di responsabilizzare eccessivamente il risparmiatore che, ritenuto edotto e consapevole, diviene l unico responsabile degli errori compiuti (blame-the-consumer mentality). 27

28 Il ruolo del regolatore tra educazione finanziaria e paternalismo 28

29 I programmi di EF di lungo termine In alcuni ordinamenti sono state avviate iniziative trasversali e di lungo termine variamente articolate. Survey tese a misurare il livello medio di financial capability della popolazione Financial capability is a broad measure of the knowledge, skills, attitudes and behaviours necessary to manage personal finances and to choose and make appropriate use of financial products (http://www.oecd.org/finance/financial-education/ pdf). Programmi mirati, che coinvolgono le istituzioni scolastiche. Poichè programmi di EF più pervasivi e di lungo termine sono stati avviati solo di recente (Oecd, 2012), non siamo ancora in grado di valutarne l impatto; è certo, tuttavia, che gli effetti riguarderanno le generazioni future. Cosa fare per le generazioni di investitori attuali? 29

30 I programmi di EF di lungo termine (segue) Istituzioni con ruoli di coordinamento delle strategie nazionali di educazione finanziaria Governo Authority ed Ente regolatore dei Banca Centrale Altri mercati Francia X X X Irlanda Italia MIUR X X X Paesi Bassi Min. Finanze Portogallo X X Regno Unito Min. Tesoro X Spagna X X Svezia Min. Finanze X NGOs India Min. Finanze X X NGOs Giappone X X CCFSI Stati Uniti Min. Tesoro Fonte: Fondazione Rosselli, Le esperienze di educazione alla cittadinanza economica, X 30

31 I programmi di EF di lungo termine (segue) Rassegna dei principali programmi di educazione finanziaria in Europa Regno Unito Irlanda Paesi Bassi Principali Enti Principali programmi * National Strategy for Financial Capability * Making the Most of Your Money * Learning Money Matters * Money for life * Money Doctors Financial Services Authority * Young People and Money Money Adivce Service * Parent's Guide to Money Bank of England * Moneymadeclear Personal Finance Education Group * Partnership Development BBC * Health Check from the Money Advice Service OFSTED * Education Programme Scottish Centre for Financial Education * Divorce and Separation * The Redudancy Handbook * Financial Capability Online Tools * Pounds and Pence * Boosting financial capability in schools * Talking shop * It's Your Money Irish Financial Regulator * Money Skills For Life Central Bank of Ireland * Get Smart With Your Money National Consumer Agency * Taking Charge MinistryofFinance * CentiQ Autoriteit Financière Markten * Finances in Order National InstituteforBudget * Learning to Deal with Money Early On Information * Providing for the Future 31

32 I programmi di EF di lungo termine (segue) Rassegna dei principali programmi di educazione finanziaria in Europa - segue Francia Germania Italia Spagna Principali Enti Autorité des Marchés Financiers Institut pour l Education Financière du Public Banque de France Autorità di vigilanza (BAFIN) DeutscheBundesbank Praeventionsnetzwerk Finanzkompetenz MIUR Banca d'italia Consob Patti chiari Associazioni categoria Bank of Spain Comisiòn Nacional del Mercado de Valores Caixa Terrassa Principali programmi * La Finance pour Tous * ARCAF (EpargneRetraite.org) * Comment gérer son budget sans déraper * Les Clés de la Banque * SchülerBanking * Personal Economics fit für die wirtschaft * SCHUFA macht Schule * School kit on price stability * The European Stock Market Learning * SchulBank-Wirtschaft für den Unterricht * (f)in-fit - Financial training for migrants * Conoscere per decidere * Impariamo ad investire * L'impronta economica * Edufinet(Educación financiera en la red) * Employee trainings from ESCA * Learn to manage your money Fonte: Fondazione Rosselli, Le esperienze di educazione alla cittadinanza economica,

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE FINANZIARIA. Indagine sulla realtà italiana nel contesto internazionale.

LE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE FINANZIARIA. Indagine sulla realtà italiana nel contesto internazionale. 2010 LE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE FINANZIARIA. Indagine sulla realtà italiana nel contesto internazionale. Indagine realizzata dalla Fondazione Rosselli con il contributo del Consorzio PattiChiari A cura

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VI (FINANZE)

CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VI (FINANZE) CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VI (FINANZE) Audizione nell ambito dell esame dello schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/138/CE in materia di accesso ed esercizio delle

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli