REGOLAMENTO DEL MASTER DI SECONDO LIVELLO ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA ARCHEOLOGIA PER L ARCHITETTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL MASTER DI SECONDO LIVELLO ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA ARCHEOLOGIA PER L ARCHITETTURA"

Transcript

1 PRIMA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA LUDOVICO QUARONI DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA DI.AR. FACOLTÀ DI SCIENZE UMANISTICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, ARCHEOLOGICHE E ANTROPOLOGICHE DELL ANTICHITÀ REGOLAMENTO DEL MASTER DI SECONDO LIVELLO In ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA ARCHEOLOGIA PER L ARCHITETTURA Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche Premesso - che l Università di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto previsto dall articolo 3, comma 8, e dall articolo 7, comma 4, del D. M. n. 509/99, nonché dagli articoli 2, 3 e 15 del Regolamento didattico d Ateneo, emanato con D.R. n del , promuove corsi istituzionali di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente, anche in collaborazione con altre Università, enti e soggetti pubblici e privati, alla conclusione dei quali sono rilasciati i titoli di Master universitario di 1 e 2 livello; - che per accedere ai Master universitari di 2 livello è necessario aver conseguito la Laurea specialistica; - che l iscrizione ai Master universitari di 2 livello è consentita anche ai possessori di Diploma di Laurea, conseguiti in base alle normative previgenti all applicazione del Regolamento Generale sull Autonomia; Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni e il Dipartimento di Architettura Di.Ar. dell Università di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Umanistiche e il Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e Antropologiche dell Antichità intendono istituire un Master universitario di 2 livello in Architettura per l Archeologia Archeologia per l Architettura. Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche, riservandosi di estendere in un secondo momento la partecipazione alla gestione e organizzazione del Master anche ad altre Università nazionali ed estere. Il Master è strutturato secondo il presente Regolamento: 1

2 Articolo 1 DEFINIZIONI L Università di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3,comma 8 e 7, comma 4 del D.M. n. 509/99, promuove corsi istituzionali di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente, anche in collaborazione con altre Università, enti e soggetti pubblici e privati, alla conclusione dei quali e rilasciato il titolo di Master universitario di II livello. Tale corso integra l offerta didattica dell Università ed e registrato nella apposita banca dati promossa dal MIUR attraverso il CINECA. Per iscriversi al Master di secondo livello Architettura per l Archeologia Archeologia per l Architettura. Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche è necessario aver conseguito la laurea specialistica nelle classi 4/S (Ingegneria edile e Architettura), o nelle classi 2/S (Archeologia) e 12/S (Conservazione e Restauro del Patrimonio Storico-Artistico) o nelle classi equipollenti secondo la normativa riformata. L iscrizione ai Master di secondo livello è consentita anche ai possessori di Diplomi di Laurea in Architettura e in Lettere, conseguiti in base alle normative previgenti all applicazione del Regolamento Generale sull Autonomia. Articolo 2 REQUISITI E DURATA DEL MASTER Il curriculum del corso di Master dell Università di Roma La Sapienza, collocandosi successivamente a percorsi formativi compiuti di laurea specialistica, in conformità alle previsioni del Regolamento Didattico d Ateneo, riveste un adeguata caratterizzazione rispetto a corsi di laurea specialistica e di Dottorato di ricerca appartenenti all offerta didattica dell Università. Il corso di Master ha durata annuale. Il corso per Master comprende attività didattica frontale ed altre forme di studio guidato e di didattica interattiva, nonché un periodo dedicato a stage e/o alla redazione di un elaborato organicamente inserito nel progetto formativo che consenta allo studente di dedicare allo studio un numero di ore non inferiore a 420 di didattica frontale ed assistita, calcolando l obbligo di frequenza del 70 per cento sul monte ore della didattica pari a 600 distribuite nel corso dell anno. Il corso è aperto a candidati stranieri e prevede la possibilità di erogare insegnamenti in lingua inglese. Il corso può essere erogato anche con l utilizzo di forme di didattica a distanza. All insieme delle suddette attività, integrate con l impegno da riservare allo studio ed alla preparazione individuale per un totale di 1500 ore, corrisponde l acquisizione da parte degli iscritti di 60 crediti formativi universitari. Articolo 3 OBIETTIVO E FUNZIONI Il Master mira alla formazione di un linguaggio comune fra architettura ed archeologia, al fine di realizzare un migliore coordinamento in campo professionale fra i laureati in archeologia ed i laureati in architettura. 2

3 Le interazioni fra le due professioni vengono accentuate dalle più recenti normative che riguardano le valutazioni preventive di interesse archeologico nei progetti di interesse pubblico. Il percorso didattico è suddiviso in due parti; nel primo semestre è prevista una preparazione teorica che si articola in due sezioni parallele, l una per i laureati in architettura che si avvicineranno alle tematiche e alle metodologie archeologiche, l altra per i laureati in archeologia che acquisiranno alcuni strumenti fondamentali per la valutazione di un intervento progettuale. Nel secondo semestre i due gruppi amplieranno insieme le conoscenze su tematiche concernenti la valorizzazione e la fruizione dei Beni archeologici in un laboratorio di progettazione che avrà per oggetto siti ed aree archeologiche di diversa tipologia appositamente scelti per la prova finale. Il luogo della formazione sarà Roma e il suo territorio in età antica. I laureati in architettura che abbiano frequentato il Master acquisiranno competenze specifiche nell ambito dei Beni Archeologici, che troveranno applicazione in due indirizzi principali: 1. nel campo della pianificazione urbanistica e paesistica, la preparazione sulle metodologie di indagine archeologica urbana e territoriale sia a larga scala, sia sui singoli siti o complessi monumentali, nonché la conoscenza dei principali sistemi informatici di gestione dei dati, permetteranno loro di coniugare, fin dalle prime fasi dell analisi, la tutela del patrimonio archeologico con la pianificazione territoriale, anche alla luce degli indirizzi e della normativa nazionale europea ed internazionale; 2. nel campo della progettazione di infrastrutture finalizzate alla fruizione e alla valorizzazione di siti archeologici (allestimenti, servizi, apprestamenti per la didattica) e negli interventi in aree ad alto rischio archeologico (metropolitane, parcheggi, ecc.), la conoscenza delle problematiche archeologiche affinerà le loro capacità di intervento sia in relazione all organizzazione reale degli spazi, basata su una rigorosa interpretazione archeologica, sia in termini di comunicazione didatticoscientifica. All interno di questi percorsi particolare attenzione sarà prestata alle ricostruzioni virtuali con il duplice scopo di verificare le ipotesi ricostruttive e di intervenire in termini non irreversibili sulla percezione del passato. La formazione mira pertanto a preparare specificamente i laureati in architettura ad una progettazione cosciente di allestimenti di carattere archeologico e di spazi museali, armonizzando le scelte progettuali relative al contenitore con il contenuto archeologico. I laureati in archeologia che abbiano frequentato il Master affineranno le loro conoscenze sulla cultura architettonica dell antichità, acquisiranno competenze specifiche nella gestione di un cantiere non soltanto dal punto di vista tecnico-scientifico, ma anche sotto l aspetto dell impatto ambientale ed urbanistico, assimileranno le principali linee guida nel campo degli allestimenti degli interni e della pianificazione urbana e territoriale. Alla fine del percorso formativo, potranno interagire con i laureati in architettura e gli urbanisti ed acquisire un adeguata preparazione per una futura attività di consulenza: 1. nella progettazione delle sistemazioni in corso d opera e finali degli scavi e delle indagini sul terreno, 2. nella progettazione degli allestimenti delle aree e parchi archeologici e dei musei, 3. nella progettazione degli interventi in aree ad alto rischio archeologico (ad es. metropolitane, parcheggi, ecc.). 3

4 4. nella progettazione di forme innovative di valorizzazione e fruizione dei beni archeologici. Il Master fornirà loro inoltre una preparazione tecnica sui principali sistemi di gestione dati e sui programmi di grafica e di cartografia digitale, nonché di modellazione tridimensionale virtuale, indirizzata anche alla prototipazione fisica. Oggetto di studio e di sperimentazione del Master è dunque il rapporto fra architettura e archeologia, nel tentativo di far convergere due campi disciplinari che, anche se contigui da un punto di vista epistemologico, storicamente si sono affrontati (almeno in Italia) in modo conflittuale. In questa ottica è prevista una stretta collaborazione con gli enti preposti alla tutela dei beni archeologici, con cui verranno stipulati accordi specifici e/o convenzioni con l apporto di docenze specialistiche e la possibilità di ospitare stages per gli iscritti al Master presso le loro strutture. Per conseguire il Master universitario lo studente deve aver acquisito almeno 60 (sessanta) crediti formativi universitari. I sessanta crediti corrispondono a 1500 ore di lavoro complessive. Di queste 1500 ore il 40% (almeno 600) è riservato alle lezioni, esercitazioni, seminari, workshops, allestimento mostre dei lavori in corso e conclusivi, incontri aperti al pubblico, nonché attività di laboratorio e stages, ed il 60% (almeno 900) alle ore di studio ed impegno personale. Al completamento del corso degli studi, sulla base dei risultati degli esami relativi ai diversi moduli, della prova finale e del giudizio espresso da una apposita Commissione per la valutazione finale, viene conferito il Diploma di Master Universitario di secondo livello in Architettura per l archeologia Archeologia per l Architettura. Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche. Tale commissione è nominata dal Consiglio Didattico-Scientifico del Master. In relazione alle esigenze della didattica il Master promuove ricerche, studi e collaborazioni con enti ed Università nazionali ed estere sui temi propri del Master. Articolo 4 ORDINAMENTO DIDATTICO L Ordinamento didattico del Master è di competenza del Consiglio Didattico-Scientifico, che può rivedere e modificare l articolazione e la sequenza degli insegnamenti in relazione alle necessità scientifiche e didattiche del Master stesso. Il corso degli studi è organizzato sulla base di due semestri. Nel corso del primo semestre verranno concentrati gli insegnamenti relativi alla preparazione teorica che permetta ai frequentanti di familiarizzare con gli argomenti specifici dell altra disciplina. Per quanto riguarda i laureati in architettura, verranno particolarmente approfonditi gli aspetti che riguardano le strutture urbane e territoriali antiche e le metodologie di ricerca per indagarle e ricostruirle, nonché le discipline attinenti al rilievo archeologico, cioè al rilievo come strumento di comprensione delle vicende insediamentali, alla gestione di sistemi GIS e database archeologici. Per quanto riguarda i laureati in archeologia, verranno forniti i fondamenti della cultura architettonica dell antico, nonché i lineamenti della progettazione sia nel campo degli allestimenti di interni sia nel campo della pianificazione urbana e territoriale. Una parte 4

5 degli insegnamenti sarà inoltre dedicata alla conoscenza dei principali programmi di grafica, di cartografia digitale e di modellazione. Il secondo semestre verterà invece sulla specializzazione progettuale, analizzando le possibili metodologie di intervento progettuale in area archeologica nel tentativo, fatta salva la creatività del singolo progetto, di mettere a punto una serie di protocolli in relazione alle diverse situazioni tipologizzabili. In questo secondo semestre laureati in architettura ed in archeologia collaboreranno quotidianamente. Il corso è suddiviso in moduli didattici, ciascuno composto di lezioni, esercitazioni e attività di laboratorio. Al termine di ogni modulo didattico si svolgeranno verifiche. Nel corso del secondo semestre verrà concordato con la direzione didattica del Master un tema di progetto che costituirà il soggetto della prova finale. Il lavoro di tesi dovrà essere svolto da un équipe composta da almeno un laureato in archeologia ed un laureato in architettura e verrà presentato e discusso di fronte ad una commissione di docenti. Il numero di crediti di ogni modulo è proporzionale al numero di ore didattiche erogate (un credito equivale a 25 ore di impegno dello studente, 10 di lezione o esercitazione, 15 di studio individuale) 10 crediti vengono attribuiti al lavoro finale di tesi. Per il conseguimento del Master è richiesto un totale di 60 crediti. E necessario il 70% delle presenze affinché sia ritenuta valida la frequenza al Master ai fini del rilascio del Diploma di Master. La valutazione finale terrà conto delle valutazioni di verifica e dei risultati ottenuti nell ambito del Corso. Nel caso in cui i risultati ottenuti si ritengano non soddisfacenti, verrà richiesto al candidato di ripresentare entro 60 gg. gli elaborati giudicati insufficienti. Il corso di Master universitario in Architettura per l archeologia Archeologia per l Architettura. Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche è un corso di formazione e specializzazione di alta formazione permanente e ricorrente per laureati e operatori di settore in possesso dei requisiti di cui ai successivi artt. 12 e 13 del presente Regolamento. I corsi e le attività di supporto didattico si svolgeranno nelle sedi che saranno messe a disposizione dall Università di Roma La Sapienza, con numerose escursioni sui siti oggetto di studio. La didattica annuale del Master è articolata in 2 semestri ciascuno composto di lezioni, esercitazioni e/o stages e workshops di sintesi alla fine di ciascun modulo didattico nel quale saranno invitati per seminari ospiti di fama internazionale. L ultimo periodo è dedicato all elaborazione della prova finale per il Diploma. Nella prima fase i laureati in architettura ed in archeologia affrontano le tematiche specifiche della disciplina diversa dal proprio curriculum di laurea. Essa è dedicata allo svolgimento di moduli didattici in cui viene messa a punto la formazione teorica e pratica finalizzata alla comprensione dell altra disciplina. La sua durata è di 1 semestre, corrispondente a 625 ore. La seconda fase, di pari entità, è incentrata sullo studio della progettazione in ambiente archeologico. L ultima fase costituisce la sintesi dell iter formativo svolto, finalizzata alla verifica del livello di apprendimento dei contenuti del corso attraverso l elaborazione di un tema di progetto, la sua durata è di 250 ore. Secondo quanto previsto dal 1 comma, art. 5 del predetto Regolamento, ad 1 credito formativo corrispondono 25 ore di lavoro dello studente. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti con il superamento dell esame e/o altra forma di verifica del profitto, eventualmente prevista in seguito ad aggiornamenti di quanto previsto dal comma 7 5

6 art. 11 del Regolamento (3.XI.1999). L attribuzione dei 60 crediti necessari al conseguimento del Diploma, in funzione delle attività di verifica e monitoraggio relative agli insegnamenti previsti dal piano di studio, è così ripartita: 25 al termine del primo semestre, 25 al termine del secondo semestre, 10 alla presentazione e alla discussione dell elaborato finale dello studente così come previsto dall ordinamento didattico e concordato con il Consiglio Didattico e Scientifico. L attività di lavoro dello studente è stabilita in 1500 ore complessive ( 60 crediti x 25 ore ), di cui almeno 300 ore per lezioni in aula e 300 per esercitazioni e attività in situ con tutoraggio ed il rimanente (per un cumulo di massimo 900 ore) per attività di studio personale o altre attività formative di tipo individuale. Ciascun periodo prevede la realizzazione dei seguenti moduli didattici: Preparazione di base (laureati in architettura ed in ingegneria) I semestre Fondamenti di archeologia Archeologia e storia dell arte greca e romana Archeologia e storia della città e del territorio Il cantiere archeologico e i metodi dell archeologia sul campo: - diagnostica e ricognizione - scavo programmato e di emergenza Il rilievo archeologico banche dati e GIS in archeologia Ore L + E + I Stages e visite Crediti Preparazione di base (laureati in archeologia) I semestre Fondamenti di architettura Cultura tecnologica dell architettura antica Caratteri morfologici e tipologici dell architettura antica Architettura degli spazi interni e allestimenti Metodologie di rilievo, cartografia digitale e modellazione. Analisi del territorio e del paesaggio Ore L + E + I Stages e visite Crediti 6

7 Laboratorio di progettazione Progetto-tesi Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche Ore L + E + I Stages e visite Crediti Museografia Storia dell architettura antica Aspetti normativi nazionali ed 25 1 internazionali per i Beni Culturali Restauro e consolidamento degli edifici storici Archeologia, città e territorio Allestimenti per l archeologia Tema:elaborazione di un progetto in area archeologica Ore I Progetto tesi finale Crediti Elaborazione e allestimento Totale ore * L = lezione frontale E = esercitazione e laboratorio con tutor I = studio individuale Articolo 5 SVOLGIMENTO DEI CORSI E DEI MODULI Per lo svolgimento dei Corsi e per la definizione e l organizzazione dei Moduli, il Master si avvale delle competenze didattiche e scientifiche del corpo docente della Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni, della Facoltà di Scienze Umanistiche, delle altre Facoltà dell Ateneo de La Sapienza e di specifici apporti provenienti sia dal mondo accademico nazionale ed estero, che dagli operatori ed esperti in ambito nazionale ed internazionale. Articolo 6 - ORGANI DEL MASTER Gli organi del Master sono: - Il Consiglio Didattico-Scientifico - Il Direttore Articolo 7 IL CONSIGLIO DIDATTICO SCIENTIFICO Il Consiglio Didattico-Scientifico, composto in prevalenza da docenti dell Ateneo de La Sapienza, è costituito da un numero, massimo, di 12 membri, di cui: - numero 4 membri interni scelti fra i docenti della Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni, di cui almeno numero 2 professori ordinari e numero 2 professori associati; - numero 4 membri interni scelti fra i docenti della Facoltà di Scienze Umanistiche; di cui almeno numero 2 professori ordinari e numero 2 professori associati; - numero 3 membri esterni alle facoltà organizzatrici; - numero 1 Segretario del Master, senza diritto di voto. 7

8 I membri sono nominati dal Consiglio di Facoltà della Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni su proposta del Consiglio del Dipartimento di Architettura Di.Ar. e dal Consiglio di Facoltà della Facoltà di Scienze Umanistiche su proposta del Consiglio del Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e Antropologiche dell Antichità. I membri interni ed il Segretario del Master durano in carica 3 anni e sono riconfermabili; quelli esterni, proposti ai Consigli dei Dipartimenti su menzionati dal membro interno Decano, prima dell elezione del Direttore del Master e successivamente da quest ultimo, durano in carica un anno e sono anch essi rinnovabili. Il Consiglio Didattico-Scientifico una volta costituito, elegge a maggioranza assoluta il Direttore del Master tra i professori di ruolo de La Sapienza, designati dai Consigli dei Dipartimenti organizzatori, con apposita seduta convocata dai Direttori dei Dipartimenti stessi. Il Consiglio Didattico-Scientifico: - propone e approva le eventuali modifiche al Regolamento del Master; - sovrintende e promuove le attività e le iniziative necessarie all organizzazione e alla programmazione didattica del Master; - definisce i rapporti disciplinari e scientifici di collaborazione con Enti universitari e privati esterni; - approva i Bilanci preventivo e consuntivo e le eventuali variazioni al Bilancio preventivo; - propone e approva i provvedimenti che comportano entrate e uscite finanziarie; - elegge il Segretario del Master, su proposta del Direttore del Master; - nomina e revoca, annualmente, i docenti; - delibera sugli incarichi, sui compiti e sugli obblighi inerenti i rapporti di collaborazione da parte del personale e della docenza esterna; - vigila sullo svolgimento delle attività didattiche; - delibera sull Ordinamento didattico e propone eventuali modifiche necessarie; - predispone, prima dell inizio di ciascun anno accademico, l Offerta formativa del Master; - decide e delibera riguardo ai contenuti delle prove di selezione; - decide annualmente l eventuale revisione del numero massimo e minimo degli ammessi; - nomina i membri delle commissioni previste per le prove di selezione; - decide e delibera riguardo ai criteri di assegnazione di eventuali Borse di Studio. In caso di parità di voti, prevale la deliberazione votata dal Direttore. Articolo 8 IL DIRETTORE Il Direttore del Master è eletto dai membri del Consiglio Didattico-Scientifico del Master tra i professori di ruolo della Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni e della Facoltà di Scienze Umanistiche designati dai Consigli dei Dipartimenti organizzatori. Il Direttore del Master rimane in carica per un anno. Nella carica di Direttore del Master si avvicenderanno annualmente un professore di ruolo della Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni ed un professore di ruolo della Facoltà di Scienze Umanistiche. Il Direttore rappresenta il Master nei rapporti didattico-scientifici, organizzativi e amministrativi con il Consiglio di Facoltà e gli altri organi accademici, con gli organismi e le Istituzioni esterne interessate e/o coinvolte nelle attività e nel funzionamento del Master. 8

9 Il Direttore convoca e presiede il Consiglio Didattico-Scientifico del Master e predispone l ordine del giorno sulla base delle necessità e degli adempimenti. Il Direttore propone ai Consigli dei Dipartimenti organizzatori i membri esterni all Ateneo che rimangono in carica un anno all interno del Consiglio Didattico-Scientifico del Master. Il Direttore, sentito il Consiglio Didattico-Scientifico del Master, predispone il Bilancio preventivo e il Bilancio consuntivo. Predispone annualmente il Rendiconto Contabile e lo trasmette alla Ragioneria dell Università degli Studi di Roma La Sapienza. Si avvale, per le suddette funzioni, del supporto del Segretario Amministrativo del Dipartimento di Architettura Di.Ar.. Il Direttore determina, in base al piano economico, la misura dei compensi da erogare. In caso di pareggio economico/finanziario, decide riguardo ad eventuali incentivazioni da attribuire ai docenti in servizio presso la Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni o preso la Facoltà di Scienze Umanistiche, che svolgono le attività di pertinenza del Master al di fuori del loro impegno didattico ordinario e del relativo monte ore (120), ed al personale tecnico-amministrativo in servizio presso i Dipartimenti organizzatori che collabori allo svolgimento del Master in aggiunta ai normali obblighi di servizio ed in proporzione all impegno orario svolto. Il Direttore propone al Consiglio Didattico-Scientifico del Master, che lo elegge, il Segretario del Master, che rimane in carica per 3 anni ed è riconfermabile, con funzioni di supporto e collaborazione alle attività del Consiglio Didattico-Scientifico e del Direttore, di coordinamento organizzativo delle attività scientifiche e culturali del Master, di coordinamento delle attività didattiche ed in rappresentanza dei tutores. Il Direttore designa uno o più tutores, con competenze specifiche in relazione ai contenuti e alle finalità dei vari segmenti formativi del Master, per svolgere attività di supporto organizzativo, sostegno alla didattica attiva, collegamento tra docenti e coordinamento delle attività di tirocinio. Il Direttore ha facoltà di adottare provvedimenti d urgenza per l attività didattica e scientifica salvo ratifica del Consiglio Didattico-Scientifico del Master.. Articolo 9 ATTIVAZIONE ANNUALE L attivazione annuale del Master, sentito il parere del Consiglio Didattico-Scientifico del Master, è autorizzata dai Consigli di Facoltà della Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni e della Facoltà di Scienze Umanistiche mediante la pubblicazione del Bando che potrà avvenire solo dopo la firma del Rettore de La Sapienza. Nel Bando sono indicati: - Gli obiettivi formativi: Programma dell Ordinamento didattico del Master; - La data di scadenza delle domande; - La data e le modalità di svolgimento della prova di ammissione; - i titoli di studio riconosciuti idonei per l ammissione; - L indicazione di eventuali titoli valutabili ai fini della graduatoria di merito; - L entità e le modalità di pagamento della quota di iscrizione - Il numero delle eventuali Borse di Studio e di altri riconoscimenti per studenti in base al merito ed alla condizione economica; 9

10 - Le modalità di svolgimento dell attività formativa e le caratteristiche delle verifiche di profitto intermedie e della prova finale; L attivazione del Master è subordinata al numero minimo di 25 iscritti previsti dal Consiglio Didattico-Scientifico del Master per ciascun anno. Articolo 10 FINANZIAMENTO DEL MASTER E QUOTE DI ISCRIZIONE II Master, di norma, si auto-finanzia con le quote di iscrizione; il Master può fruire, inoltre, di eventuali finanziamenti da parte di Enti pubblici e privati ovvero di Società pubbliche e private. La quota di iscrizione e stata fissata in 4.000,00; le modalità di pagamento saranno riportate nel bando. L ammontare del contributo potrà essere differenziato ed è definito nel piano finanziario, anche in funzione di eventuali contribuzioni e finanziamenti esterni, espressamente finalizzati al corso di Master. Sui proventi derivanti dalle quote d iscrizione al netto della tasse di cui al comma 2 e dagli eventuali finanziamenti esterni finalizzati al corso di Master universitario, è riservata all Università una percentuale del 5% da attribuire ad un apposito conto di bilancio utilizzabile per finanziare le iniziative in favore degli studenti dei Master che il Senato Accademico vorrà assumere, tra le quali borse di studio. La restante quota del 95% è di spettanza dei dipartimenti cui è demandata la gestione del corso. I dipartimenti provvederanno a sostenere le spese inerenti le attività del corso con priorità per le spese vive comprensive delle indennità di missione e le retribuzioni della docenza esterna al mondo universitario, secondo quanto programmato nel piano finanziario, nonché per le attività di cui all art. 6 comma 4. Eventuali importi residui potranno essere attribuiti ai docenti in servizio presso l Università, che svolgono le attività di pertinenza del Master al di fuori del loro impegno didattico ordinario e del relativo monte ore (120), ed al personale tecnico-amministrativo in servizio presso l Università che collabori allo svolgimento del corso in aggiunta ai normali obblighi di servizio ed in proporzione all impegno orario svolto. Le attività di cui sopra sono considerate attività incentivate mediante l erogazione di un corrispettivo commisurato al carico di lavoro aggiuntivo sostenuto dal personale coinvolto, alla natura dell impegno richiesto ed alle professionalità rivestite. Il Direttore del Master, definito l importo da trasferire al bilancio universitario, nel rispetto del principio del pareggio economico finanziario, determina, ai fini di cui al comma precedente, la misura dei compensi da erogare. Il Direttore del Master predispone annualmente il rendiconto contabile e lo trasmette alla Ragioneria. Articolo 11 AUTONOMIA DIDATTICA E AMMINISTRATIVA Il Master, nel rispetto della normativa vigente, ha autonomia didattica ed organizzativa. La struttura universitaria che assume, in autonomia, la gestione amministrativa e contabile è il Dipartimento di Architettura Di.Ar.. 10

11 Articolo 12 AMMISSIONE AL MASTER Il Master è aperto a laureati e operatori di settore italiani e stranieri, in possesso di laurea specialistica nelle classi 4S (Ingegneria Edile e Architettura) e nelle classi 2/5 (Archeologia) e 12/5 (Conservazione e Restauro del Patrimonio Storico-Artistico) o nelle classi equipollenti secondo la normativa riformata in base alla legge 270; di laurea in Architettura, Ingegneria/Architettura, Scienze Umanistiche, Lettere e Beni Culturali conseguita precedentemente al Regolamento Generale sull Autonomia; o di titoli equipollenti conseguiti all estero, riconosciuti idonei in base alla Normativa vigente. Non è ammessa la contemporaneità di iscrizione al Master e ad altro corso di studi universitario. Il corsista iscritto al Master è automaticamente inserito nell anagrafe nazionale degli studenti. Al Master si accederà tramite una selezione e relativa graduatoria basata su una valutazione per titoli (tra cui la laurea con votazione non inferiore a 102/110) e per prova di ammissione e/o colloquio, le cui modalità di svolgimento saranno riportate nel bando. La graduatoria di merito sarà valida per l attribuzione, secondo i criteri stabiliti dal Consiglio Didattico-Scientifico del Master, delle eventuali Borse di Studio. Il numero massimo di iscritti ammissibili è di 35. Articolo 13 AMMISSIONE AL MASTER DEGLI UDITORI Ai sensi dell art. 9 del Regolamento per l istituzione, attivazione e gestione dei Master universitari e dei Corsi di Alta Formazione de La Sapienza si prevede la possibilità di frequenza del Master da parte di persone (Uditori) aventi titolo, ai sensi dell articolo 12 del presente Regolamento, che desiderino aggiornare la loro preparazione mediante la frequenza di Moduli didattici per un numero minimo di 3 crediti (CFU) ed uno massimo di 20 crediti (CFU). Il numero massimo degli Uditori ammessi è fissato nel numero minimo dei corsisti iscritti al Master (inclusi i partecipanti stranieri). La quota di iscrizione per gli auditori è fissata in 700 come tassa di iscrizione e un contributo proporzionale al numero di crediti da acquisire calcolato sulla quota di contribuzione ordinaria (pari al 75% di 4.000,00). Le domande di iscrizione ai Moduli del Master da parte degli Uditori devono pervenire presso la Segreteria del Master almeno 15 giorni prima dell inizio del Modulo (come da calendario annuale dell Offerta didattica del Master) al quale l Uditore è interessato, previo versamento della corrispondente quota di iscrizione. Articolo 14 MODALITA DI ISCRIZIONE AL MASTER Dopo lo svolgimento della prova di ammissione il Direttore del corso trasmette alla Segreteria dei Master l elenco degli aventi diritto alla immatricolazione al corso. L immatricolazione avviene mediante inserimento da parte dello studente dei propri dati anagrafici sulla pagina per i Master appositamente attivata sul sito web infostud. Le modalità operative saranno, in ogni caso, riportate nel bando. Lo studente iscritto ai Master di II livello è inserito anche nell anagrafe nazionale degli 11

12 studenti. Qualora Enti e Società pubbliche e/o private mettano a disposizione degli studenti ammessi al Master borse di studio, dovranno, di norma, procedere al versamento dei relativi importi agli interessati. In casi eccezionali, preventivamente autorizzati dall Amministrazione, è possibile accettare direttamente da detti soggetti pagamenti delle quote d iscrizione in nome e per conto degli studenti a mezzo dell istituto bancario cassiere. Tali pagamenti dovranno essere corredati da schede anagrafiche dei singoli studenti, complete di tutti i dati necessari. Articolo 15 DIPLOMA DI MASTER E ATTESTATO DI FREQUENZA Il conseguimento del Diploma di Master di 2 livello in Architettura per l Archeologia Archeologia per l Architettura. Cantieri, progetti ed allestimenti in aree archeologiche conferito dall Università degli Studi di Roma La Sapienza, è subordinato all acquisizione di 60 crediti formativi, come previsto dall art. 7 del Regolamento ministeriale sull Autonomia universitaria, attraverso il superamento delle verifiche intermedie relative ai moduli didattici e la discussione della Tesi finale di diploma. Il Consiglio Didattico-Scientifico del Master deciderà annualmente le caratteristiche ed i contenuti dell Elaborato di Tesi finale di diploma. La Commissione per la valutazione finale sarà costituita dai Docenti del Master e da eventuali membri esterni, appositamente nominati dal Consiglio Didattico-Scientifico e deciderà sull assegnazione del titolo. Non è prevista una votazione finale da riportare nel titolo, ma soltanto l eventuale lode. Gli studenti che abbiano provveduto al pagamento delle quote di iscrizione, nei tempi e modalità precisate dal Bando, che abbiano conseguito la frequenza al Corso e che abbiano superato la valutazione finale, riceveranno il Diploma di Master di 2 livello rilasciato dall Università degli Studi di Roma La Sapienza e sottoscritto dal Rettore e dal Direttore Amministrativo. Ai corsisti che non avessero conseguito il 70% delle presenze richieste ai fini del rilascio del Diploma di Master riceveranno un Attestato di frequenza relativo ai Moduli con il conseguimento dei rispettivi crediti rilasciato dal Direttore del Master. Gli Uditori, infine, riceveranno un Attestato di frequenza ai relativi Moduli con il conseguimento dei rispettivi crediti rilasciato dal Direttore del Master. 12

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Architettura e Progetto. MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Architettura e Progetto. MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di Architettura e Progetto MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN GESTIONE GLOBALE E MARKETING DELL EDILIZIA

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN GESTIONE GLOBALE E MARKETING DELL EDILIZIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO I T A C A UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA PRIMA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA Ludovico Quaroni REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F.

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F. REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F. Art. 1 - Istituzione del Master in Criminologia Forense MA.CRI.F. E istituito presso l Università Carlo

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di Giurisprudenza DIRITTO PRIVATO EUROPEO E DELLA COOPERAZIONE. Regolamento

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di Giurisprudenza DIRITTO PRIVATO EUROPEO E DELLA COOPERAZIONE. Regolamento Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Giurisprudenza MASTER DI II LIVELLO IN DIRITTO PRIVATO EUROPEO E DELLA COOPERAZIONE Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi

Dettagli

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri.

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri. OBIETTIVI FORMATIVI Scopo del Master è di consentire l approfondimento delle tematiche della progettazione, dell adeguamento e del recupero degli Edifici per il culto. DOCENTI Docenti universitari provenienti

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE Anno Accademico 2007 2008 Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO Corso di Master e suoi Organi 1. Per l anno accademico 2014-2015 è istituito il Corso di Master di II livello in: OPEN - ARCHITETTURA

Dettagli

Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO

Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO Art.1 - Istituzione È istituito, presso il Dipartimento di Ingegneria Elettronica

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Master europeo in Storia dell Architettura

Master europeo in Storia dell Architettura Area Servizi per gli studenti e relazioni con il pubblico. Divisione segreterie studenti Master europeo in Storia dell Architettura Bando 2008-2009 Il Rettore visto l art. 3 del D.m. 509/99, ora integrato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione Articolo 1 «E istituito presso l Università Carlo Cattaneo -

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione Università degli Studi di Messina Regolamento dei corsi di alta formazione Art. 1. - Ambito di applicazione TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per l'istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina le finalità, l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA Art. 1 - Fonti normative Legge n. 508 del 21 dicembre 1999 Riforma delle Accademie di Belle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Facoltà di architettura Valle Giulia BANDO DEL MASTER

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Facoltà di architettura Valle Giulia BANDO DEL MASTER BANDO DEL MASTER GOVERNO DEL TERRITORIO DELL'AMBIENTE E SVILUPPO LOCALE Presso la Facoltà d Architettura Valle Giulia, dell Università di Roma La Sapienza, è istituito il Master Universitario di 2 livello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza

Università degli studi di Roma La Sapienza D.R. n. 4703 Facoltà di Ingegneria dell informazione, Informatica e Statistica ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il corso di laurea in Informatica

Dettagli

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263 IL RETTORE UPD Dec.n. 263 Vista la convenzione Regione Campania- Università degli Studi della Campania stipulata il 27/3/2001, attraverso la quale si è inteso attivare, nell ambito del POR Campania 2000-2006,

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015 Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto

Dettagli

Decreto n. 4577 (33) Anno 2014

Decreto n. 4577 (33) Anno 2014 Il Rettore Decreto n. 4577 (33) Anno 2014 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza

Università degli Studi di Roma La Sapienza D.R. n. 000502 IL RETTORE VISTA la legge n. 341 del 19 novembre 1990; VISTO il D.M. 3 novembre 1999 n. 509; VISTO VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Roma La Sapienza, emanato con D.R. del

Dettagli

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura Vista Viste IL RETTORE Il D.M. n. 270/2004 ed in particolare l art.3 comma 9 che, in attuazione dell art.1 comma 15 della legge n. 4 del 14.01.1999, dispone

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) in PRODUZIONI ANIMALI (Classe L-38) Ai sensi del D.M. 270/2004 Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

pubblicato sull'albo ufficiale online dal 26 agosto al 24 settembre n. 4957 Il Rettore Decreto n. 64620 (718) Anno 2014

pubblicato sull'albo ufficiale online dal 26 agosto al 24 settembre n. 4957 Il Rettore Decreto n. 64620 (718) Anno 2014 Il Rettore pubblicato sull'albo ufficiale online dal 26 agosto al 24 settembre n. 4957 Decreto n. 64620 (718) Anno 2014 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO Prova scritta Art.6 D.M.312/2014 comma 2 DISPOSIZIONI NORMATIVE E MINISTERIALI Le prove di accesso vertono sui programmi disciplinari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI MASTER DI I E DI II LIVELLO, DI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI CORSI DI ALTA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (Emanato con DR n. 401, Prot. n. 8186 del

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Ingegneria dell Emergenza

Ingegneria dell Emergenza FACOLTA DI INGEGNERIA Concorso di ammissione al Master universitario di primo livello in Ingegneria dell Emergenza Anno 2005-2006 (Bando dell 11 Agosto 2005) Codice corso di studio da inserire nel bollettino

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. FACOLTA DI ARCHITETTURA Ludovico Quaroni

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. FACOLTA DI ARCHITETTURA Ludovico Quaroni FACOLTA DI ARCHITETTURA Ludovico Quaroni Master di II Livello in Progettazione Architettonica di Impianti Sportivi BANDO Codice corso di studio : 13474 Obiettivi e finalità Il Master in Progettazione Architettonica

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN

BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano all estero Istituito ai sensi del DM 22.10.2004

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

I L R E T T O R E D E C R E TA

I L R E T T O R E D E C R E TA Segreteria Studenti Area didattica Ingegneria I L R E T T O R E VISTI VISTA VISTA l art.43 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II gli artt. 2 e 19 del Regolamento didattico di

Dettagli

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Il Rettore Decreto n. 65468 (997) Anno 2011 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia. MASTER DI SECONDO LIVELLO IN Mindfulness: Pratica, Clinica e Neuroscienze.

Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia. MASTER DI SECONDO LIVELLO IN Mindfulness: Pratica, Clinica e Neuroscienze. Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia MASTER DI SECONDO LIVELLO IN Mindfulness: Pratica, Clinica e Neuroscienze Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi Sapienza

Dettagli

Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo

Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo Il seguente regolamento, redatto a suo tempo per il biennio dell a.a. 2004-2005, non ha a tutt oggi subito modifiche.

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

D. R. n. 3280 IL RETTORE DECRETA

D. R. n. 3280 IL RETTORE DECRETA D. R. n. 3280 Facoltà di Medicina e Odontoiatria ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Odontoiatria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172 81,9(56,7 '(*/,678',',6,(1$ ',3$57,0(172',',5,772'(// (&2120,$ )$&2/7 ',(&2120,$³5,&+$5'0*22':,1 In convenzione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PUBBLICO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli