Voluntary Disclosure

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Voluntary Disclosure"

Transcript

1 Voluntary Disclosure Elementi di base e questioni interpretative Ferrara, 18 Febbraio 2015 Marco Montefameglio Dottore commercialista in Bologna e Milano Partner VD Consulting 1

2 Legge , n.186 (pubblicata su G.U Serie generale n.292) Introduzione di: disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero in violazione della normativa sul monitoraggio fiscale, c.d. voluntary disclosure (cfr. articolo 1, legge n.186/2014 che ha innestato gli articoli da 5-quater a 5-septies nel d.l , n.167); disposizioni funzionali a sanare le violazioni degli obblighi di dichiarazione (anche dei sostituti di imposta) commesse anche da soggetti diversi da quelli destinatari degli obblighi previsti dalla normativa sul monitoraggio fiscale, c.d. voluntary disclosure interna (cfr. articolo 1, legge 186/2014 che ha innestato l articolo 5-quater, comma 1 nel d.l , n.167); disposizioni in materia di auto-riciclaggio (cfr. articolo 3, legge 186/2014 che ha innestato l articolo 648-ter.1 nel codice penale). 2

3 La voluntary disclosure non è uno scudo fiscale; non è un condono fiscale; è un auto-denuncia del contribuente, all esito della quale sarà chiamato a pagare (i) le imposte e i relativi interessi per intero, (ii) le sanzioni amministrative in misura ridotta, ottenendo taluni effetti premiali anche sul piano penale. 3

4 Soggetti interessati alla voluntary disclosure Soggetti fiscalmente residenti in Italia che hanno costituito o detenuto e/o detengono attività finanziarie e patrimoniali fuori del territorio dello Stato in violazione degli obblighi di dichiarazione di cui all art.4, comma 1, d.l. n.167/1990 (modulo RW). art.4, comma 1, d.l. n.167/ Le persone fisiche, gli enti non commerciali e le società semplici ed equiparate ai sensi dell'articolo 5 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.917, residenti in Italia che, nel periodo d imposta, detengono investimenti all'estero ovvero attività estere di natura finanziaria, suscettibili di produrre redditi imponibili in Italia, devono indicarli nella dichiarazione annuale dei redditi. Sono altresì tenuti agli obblighi di dichiarazione [nds., dal e, quindi, con riferimento alle dichiarazioni relative all anno 2013] i soggetti indicati nel precedente periodo che, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria, siano titolari effettivi dell investimento secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, lettera u), e dall'allegato tecnico del decreto legislativo 21 novembre 2007, n

5 Soggetti interessati alla voluntary disclosure persone fisiche (anche esercenti attività d impresa); società semplici ed equiparate ai sensi dell art.5, t.u.i.r.; enti non commerciali (quali trust e fondazioni); fiscalmente residenti in Italia (anche non formalmente) in uno o più dei periodi di imposta ancora accertabili alla data di presentazione della richiesta 5

6 Le fondamenta della voluntary disclosure Contesto internazionale: Il Common Reporting Standard (CRS) Contesto italiano: Il nuovo reato di autoriciclaggio 6

7 Evoluzione in atto: contesto internazionale INTESE PER SCAMBIO DATI VERIFICHE FISCALI Australia Austria Belgio Danimarca Finalndia Francia Germania 1994 Lituania 2006 Norvegia Polonia Slovacchia Spagna 1984 Svezia Trinidad e Tobago 1985 Tunisia 1987 Ungheria USA ULTIMI ACCORDI STIPULATI dall'italia paese accordo firma entrata in vigore Hong Kong DTC 2013 not yet Panama DTC 2010 not yet S. Marino DTC Mauritius DTC Jersey TIEA 2012 not yet Guernsey TIEA 2012 not yet Isola di Man TIEA 2013 not yet Cayman Island TIEA 2012 not yet Bermuda TIEA 2012 not yet Cook Islands TIEA 2011 not yet Gibilterra TIEA 2012 not yet DTC: double tax convention TIEA: tax information exchange agreement 7

8 Evoluzione in atto: contesto internazionale Nuovi trattati sottoscritti tra Italia e paesi paradisiaci (DTC, TIEA). Common reporting standard (CRS) - standard globale sullo scambio automatico di informazioni finanziarie elaborato dall'ocse e sottoscritto da oltre 50 paesi tra i quali anche Austria, Lussemburgo, Singapore e Svizzera. entro : le banche dovranno trasmettere all Amministrazione finanziaria nazionale i rapporti costituiti dal e quelli preesistenti intestati a persone fisiche di maggiore rilevanza; entro : saranno ricompresi anche i rapporti intestati alle persone fisiche di minore entità e alle società. Avvio della procedura FATCA da parte del governo USA (a partire dal 1 luglio 2014). Direttiva 2011/16/UE per lo scambio automatico delle informazioni. Scambio automatico delle informazioni in ambito comunitario dal 01/01/2015 a valere sull anno 2014 (direttiva recepita in Italia con il d.lgs. n.29/2014, pubblicato su G.U. n.63 del ). 8

9 Modifiche al codice penale Evoluzione in atto: contesto italiano art.648-bis (riciclaggio) e art.648-ter (reimpiego): innalzamento delle cornici edittali di pena previste per il delitto di riciclaggio e di reimpiego, ora comprese tra e (contro i precedenti e ). Introduzione del delitto di autoriciclaggio - articolo 648-ter.1 - per chi, avendo commesso o concorso a commettere un delitto non colposo, impiega, sostituisce, trasferisce, in attività economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculative, il denaro, i beni o le altre utilità provenienti dalla commissione di tale delitto, in modo da ostacolare concretamente l identificazione della loro provenienza delittuosa. [ segue] 9

10 Il delitto di auto-riciclaggio Pene previste: da 2 a 8 anni di reclusione; e multa da a Le pene si riducono - nel caso in cui il delitto non colposo presupposto sia punito con la reclusione inferiore nel massimo a cinque anni - a: da 1 a 4 anni di reclusione; e multa da a Il reato di auto-riciclaggio dovrebbe essere escluso nel caso in cui il denaro, i beni o le altre utilità vengano destinate alla mera utilizzazione e/o al godimento personale. 10

11 Il delitto di auto-riciclaggio Art. 648 ter-1 C.P. 1. Si applica la pena della reclusione da due a otto anni e della multa da euro a euro a chiunque, avendo commesso o concorso a commettere un delitto non colposo, impiega, sostituisce, trasferisce, in attivita' economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculative, il denaro, i beni o le altre utilita' provenienti dalla commissione di tale delitto, in modo da ostacolare concretamente l'identificazione della loro provenienza delittuosa. 4. Fuori dei casi di cui ai commi precedenti, non sono punibili le condotte per cui il denaro, i beni o le altre utilita' vengono destinate alla mera utilizzazione o al godimento personale. 11

12 Periodi di imposta accertabili e sanzioni amministrative (nel caso di richiesta presentata nel corso del 2015) violazione anni accertabili sanzioni omessa / infedele compilazione modulo RW white list: dal 2009 white list dal 3 al 15% black list: dal 2004 (1) black list dal 6 al 30% (3) omessa presentazione della dichiarazione dei redditi infedele presentazione della dichiarazione dei redditi dal 2009, ovvero dal 2004 in presenza (i) del delitto di cui all art.5, d.lgs. n.74/2000 e/o (ii) di paese black list (4) dal 2010, ovvero dal 2006 in presenza (i) del delitto di cui all art.4, d.lgs. n.74/2000 e/o (ii) di paese black list (4) white list dal 120 al 240% (2) black list dal 240 al 480% (2) (3) white list dal 100 al 200% (2) black list dal 200 al 400% (2) (3) (1) per l operare del raddoppio dei termini di cui all art.12, comma 2-ter, d.l. n.78/2009 (2) aumentate di un terzo per redditi prodotti all estero ex art.1, comma 3, d.lgs. n.471/1997 (3) il raddoppio delle sanzioni non opera ovvero la sanzione per le violazioni del monitoraggio fiscale si applica nella misura del 3% se le attività oggetto di collaborazione volontaria sono riferibili a uno stato che stipuli con l Italia un accordo per lo scambio effettivo delle informazioni entro sessanta giorni dall entrata in vigore della legge n.186/2014 (4) la riferibilità degli attivi a un paese black list comporta il raddoppio dei termini per l accertamento ex art.12, comma 2-bis, d.l. n.78/2009 allorquando, tra le altre condizioni, lo stato paradisiaco non sottoscriva con l Italia un accordo per lo scambio effettivo delle informazioni entro sessanta giorni dall entrata in vigore della legge n.186/

13 Periodi di imposta accertabili e sanzioni amministrative Nel caso di costituzione e/o detenzione delle attività in un paese black list, allorquando questo ultimo stipuli un accordo con l Italia per lo scambio effettivo delle informazioni entro sessanta giorni dall entrata in vigore della legge n.186/ le sanzioni per le violazioni del monitoraggio fiscale sono innanzitutto ridotte al 3%; - non opera il raddoppio della sanzione per omessa e/o infedele dichiarazione di cui all art.12, comma 2, secondo periodo, d.l. n.78/2009; - il contribuente è nelle condizioni di ottenere la disapplicazione del raddoppio dei termini (prevista dall art.12, comma 2-bis, d.l. n.78/2009) per la presunzione di cui all art.12, comma 2, d.l. n.78/2009 (1) ; - permane invece il raddoppio dei termini per l applicazione delle sanzioni per le violazioni del monitoraggio fiscale (art.12, comma 2-ter, d.l. n.78/2009). (1) in base alla prassi accertativa dell Amministrazione finanziaria sarà comunque fatto salvo il raddoppio dei termini in presenza di notizia di reato per uno dei delitti di cui al d.lgs. n.74/2000, salvo che non trovi attuazione il principio sancito dall art.8 della legge n.23/2014 (invio della denuncia entro il termine ordinario per l accertamento). 13

14 Emendamento SANGA Termini di prescrizione per le sanzioni RW Emendamento al disegno di legge di conversione del DL 31 dicembre 2014 n. 192, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative Milleproroghe Dopo il comma 12, aggiungere il seguente: 12-bis. All'articolo 5-quater, comma 4, del decreto-legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, dopo la parola: «accertamento» sono inserite le seguenti: «e i termini di cui all'articolo 20 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472» e dopo le parole: «comma 2-bis» sono inserite le seguenti: «e 2-ter» 14

15 Schema di Dlgs 24 dicembre 2014 Certezza del diritto Art. 17 (Modifiche alla disciplina del raddoppio dei termini per l accertamento) 1. All articolo 43, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n.600, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Il raddoppio opera a condizione che la denuncia sia presentata o trasmessa entro la scadenza ordinaria dei termini.. 2. All articolo 57, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: Il raddoppio opera a condizione che la denuncia sia presentata o trasmessa entro la scadenza ordinaria dei termini.. 3. Sono comunque fatti salvi gli effetti degli atti di controllo divenuti definitivi alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo. 15

16 Soglie di punibilità penale delitto fatti commessi prima del (1) fatti commessi dal (2) imposta evasa elementi attivi sottratti a tassazione imposta evasa elementi attivi sottratti a tassazione omessa dichiarazione (art.5, d.lgs. n.74/2000) > ,53 n.r. > n.r. dichiarazione infedele (art.4, d.lgs. n.74/2000) > ,38 > 10% di quelli dichiarati e in ogni caso se superiori a ,60 > > 10% di quelli dichiarati e in ogni caso se superiori a dichiarazione fraudolenta mediante l uso di altri artifici (art.3, d.lgs. n.74/2000) > ,53 > 5% di quelli dichiarati e in ogni caso se superiori a ,70 > > 5% di quelli dichiarati e in ogni caso se superiori a dichiarazione fraudolenta mediante l uso di fatture per operazioni inesistenti (art.2, d.lgs. n.74/2000) nessuna soglia nessuna soglia nessuna soglia nessuna soglia (1) tali soglie di punibilità rilevano, in linea generale, sino alla dichiarazione dei redditi per l anno 2009 (2) tali soglie di punibilità rilevano, in linea generale, a partire dalla dichiarazione dei redditi per l anno

17 Effetti della collaborazione volontaria: la riduzione delle sanzioni amministrative Sanzioni per le violazioni sostanziali: La misura minima delle sanzioni per le violazioni in materia di imposte sui redditi e relative addizionali, imposte sostitutive, imposta regionale sulle attività produttive, imposta sul valore aggiunto e ritenute, è fissata al minimo edittale ridotto di un quarto. Le sanzioni così determinate sono ridotte a 1/6 nel caso di acquiescenza all invito dell ufficio ex art. 5, d.lgs. 218/1997. Le sanzioni così determinate sono ridotte a 1/3 nel caso di accertamento con adesione ex art. 6, d.lgs. 218/

18 Effetti della collaborazione volontaria: la riduzione delle sanzioni amministrative Sanzioni omessa / infedele compilazione modulo RW (art. 5, comma 2, d.l. n.167/1990). Sono ridotte del: * 50% se gli attivi sono: - trasferiti o già esistenti in un paese UE o SEE; - trasferiti / mantenuti in un paese diverso a condizione che il contribuente produca l autorizzazione rilasciata all intermediario estero (e da questi controfirmata) a comunicare alle autorità fiscali italiane tutti i dati relativi agli attivi regolarizzati. * 25% in tutti gli altri casi. Le sanzioni come sopra determinate sono quindi ridotte a 1/3 (ex art. 16 d.lgs. 472/1997), nel rispetto della disposizione di cui all art.5-quinquies, comma 6, d.l. 167/

19 Effetti della collaborazione volontaria: la non punibilità penale Esclusione della punibilità per i reati di: dichiarazione fraudolenta (artt.2 e 3, d.lgs. n.74/2000); dichiarazione infedele (art.4, d.lgs. n.74/2000); omessa dichiarazione (art.5, d.lgs. n.74/2000); omesso versamento (artt.10-bis e 10-ter, d.lgs. n.74/2000). Esclusione della punibilità per i reati di riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita di cui agli artt.648-bis e 648-ter del codice penale; Esclusione della punibilità per il reato di auto-riciclaggio (art.648-ter.1 del codice penale) relativo alle condotte commesse fino al Entro 30 giorni dall effettuazione dei versamenti, l Agenzia delle Entrate comunicherà all Autorità giudiziaria competente la conclusione della procedura. 19

20 Evoluzione in atto: contesto italiano Per effetto delle modifiche introdotte dall art. 9 della legge n.97/2013, l obbligo di monitoraggio fiscale è esteso ai titolari effettivi degli investimenti, anche qualora non ne siano i possessori / detentori diretti; Ai fini della definizione di titolare effettivo, la disciplina rinvia - in linea generale - a quanto definito dalla normativa anti-riciclaggio, in base alla quale: In caso di fondazioni e trust, per titolare effettivo si intende la persona fisica o le persone fisiche che siano beneficiarie del 25 per cento o più del patrimonio dell entità giuridica o che esercitino un controllo sul 25 per cento o più del patrimonio dell entità stessa. 20

21 Art.4, comma 1, d.l. n.167/1990 Voluntary disclosure e trust I beneficiari del Trust Monitoraggio fiscale 1..i soggetti indicati nel precedente periodo che, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria, siano titolari effettivi dell investimento secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, lettera u), e dall'allegato tecnico del decreto legislativo 21 novembre 2007, n.231. Art.1, comma 2, lettera u), e dall'allegato tecnico del decreto legislativo 21 novembre 2007, n.231 «1. Per titolare effettivo s'intende: a) omissis b) in caso di entità giuridiche quali le fondazioni e di istituti giuridici quali i trust, che amministrano e distribuiscono fondi: 1) se i futuri beneficiari sono già stati determinati, la persona fisica o le persone fisiche beneficiarie del 25 per cento o più del patrimonio di un'entità giuridica; 2) se le persone che beneficiano dell'entità giuridica non sono ancora state determinate, la categoria di persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l'entità giuridica; 3) la persona fisica o le persone fisiche che esercitano un controllo sul 25 per cento o più del patrimonio di un'entità giuridica». Circolare dell AdE n.38/e del 23 dicembre 2013 «Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti dei contribuenti» 21

22 Voluntary disclosure e trust I beneficiari del Trust Monitoraggio fiscale Circolare dell AdE n.38/e del 23 dicembre 2013 «Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti dei contribuenti»: Non si ritiene che la titolarità effettiva del trust possa essere attribuita al trustee posto che quest ultimo amministra i beni segregati nel trust e ne dispone secondo il regolamento del trust o le norme di legge e non nel proprio interesse; nel caso in cui i beneficiari del trust non siano ancora determinati, l articolo 2, comma 1, lettera b), n. 2), dell allegato tecnico al decreto legislativo n. 231 del 2007, specifica che per titolare effettivo si intende «la categoria di persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l entità giuridica». Considerato,tuttavia, che la dizione categoria di persone non consente di individuare puntualmente un soggetto tenuto all obbligo di monitoraggio, il quadro RW deve essere compilato dal Trust; Il titolare effettivo del trust deve indicare nel quadro RW le attività estere che l entità giuridica controllata detiene direttamente e per il tramite di altri soggetti esteri situati in Paesi non collaborativi e fintantoché si configuri la titolarità effettiva degli investimenti; Per permettere ai titolari effettivi del trust di adempiere ai suddetti obblighi dichiarativi, il trustee è tenuto ad individuare i titolari effettivi degli investimenti e delle attività detenuti all estero dal trust e comunicare agli stessi i dati utili per la compilazione del quadro RW: la quota di partecipazione al patrimonio, gli investimenti e le attività estere detenute anche indirettamente dal trust, la loro valorizzazione, nonché i dati identificativi dei soggetti esteri. 22

23 Voluntary disclosure e trust I beneficiari del trust Monitoraggio fiscale Trust residenti Beneficiari Obblighi di monitoraggio SI Beneficiari residenti titolari effettivi (pari o superiore al 25% del patrimonio) a. Valore complessivo delle attività estere incluse nel Fondo in Trust, incluse quelle detenute tramite soggetti esteri situati in Paesi non white-list (approccio «look through» anche se il trust è istituito in un paese collaborativo) Beneficiari non titolari effettivi (meno del 25% del patrimonio) b. Percentuale di patrimonio del trust Trust non residenti NO Gli obblighi di monitoraggio ricadono sul Trust con l indicazione del valore delle attività estere e della percentuale del patrimonio non attribuibile ai titolari effettivi Beneficiari Obblighi di monitoraggio SI Beneficiari residenti titolari effettivi (pari o superiore al 25% del patrimonio) Beneficiari non titolari effettivi (meno del 25% del patrimonio) a. Valore complessivo delle attività estere incluse nel Fondo in Trust, incluse quelle detenute tramite soggetti esteri situati in Paesi non white-list (approccio «look through» anche se il trust è istituito in un paese collaborativo) b. Percentuale di patrimonio del trust Valore della quota di patrimonio del trust che il beneficiario ha diritto di ricevere SI 23

24 Voluntary disclosure e trust I beneficiari del trust Imposte sui redditi Trust residenti Tipologia trust Redditi in capo ai beneficiari Opaco NO I redditi distribuiti ai beneficiari non scontano alcuna tassazione Trasparente SI Reddito (di capitale) attribuito automaticamente ai beneficiari individuati ed assoggettato ad Irpef con aliquota progressiva (1) (1) Voluntary interna eventualmente collegata a quella internazionale effettuata dal trust 24

25 Voluntary disclosure e trust Il trust Monitoraggio fiscale Trust residenti Oggetto del monitoraggio Valore complessivo delle attività estere incluse nel Fondo in Trust, incluse quelle detenute tramite soggetti esteri situati in Paesi non white-list Obblighi di monitoraggio SI 25

26 Voluntary disclosure e trust Il trust Imposte sui redditi Trust residenti Tipologia trust Redditi in capo al trust Fittiziamente Interposto SI Il trust è fiscalmente inesistente la VD dovrà essere presentata dal disponente, che non ha mai perso la proprietà dei beni Esterovestito SI Il trust dovrà dichiararsi residente, eseguendo la VD con riferimento a redditi prodotti ovunque nel mondo (1) (1) In tal caso la Vd dovrà avere ad oggetto anche le violazioni sul monitoraggio fiscale 26

27 Voluntary disclosure vs. scudo fiscale VOLUNTARY DISCLOSURE SCUDO FISCALE di cosa si tratta ruolo degli intermediari finanziari italiani ruolo di terzi soggetti riservatezza per il contribuente tassazione autodenuncia: dichiarazione di scienza spontanea che sfocia in accertamento/procedimento tributario. non hanno un ruolo attivo indispensabile professionista iscritto all'albo (commercialista o avvocato) per istruttoria posizione cliente. Il professionista riceve procura speciale per rappresentare il cliente nei confronti dell'ucifi non c'è anonimato fin dall'origine sono dovute tutte le imposte e gli interessi liquidati caso per caso dall Amministrazione finanziaria per gli anni ancora accertabili presentazione dichiarazione riservata che copre gli anni fino al 31/12/08 con gli effetti tipici del condono e della sanatoria avevano ruolo attivo solo eventuale. Il cliente presenta e sottoscrive direttamente la dichiarazione riservata presso l'intermediario anonimato e regime di segretezza dei rapporti. Tale regime cade solo in seguito ad esibizione della dichiarazione riservata, al mancato pagamento dell'imposta speciale di bollo sui rapporti secretati, alla rinuncia espressa del cliente ovvero all'immissione nei rapporti di attività non scudate dovuta imposta fissa e predeterminabile d'iniziativa da parte del contribuente pagamento imposte direttamente a mezzo modello F24 tramite intermediario finanziario sanzioni sono dovute le sanzioni, ancorché in misura ridotta nessuna sanzione copertura penale copertura per i reati di dichiarazione fraudolenta, per quelli di infedele ed omessa dichiarazione e per i reati di omesso versamento; nessuna copertura per reati societari copertura penale completa: dichiarazione infedele, omessa e fraudolenta, reati societari (2621 e 2622 c.c.), reati comuni di falso, purché detti reati siano stati commessi per eseguire o occultare i reati tributari scudabili 27

28 Voluntary disclosure vs. scudo fiscale VOLUNTARY DISCLOSURE SCUDO FISCALE antiriciclaggio/sos da parte degli intermediari finanziari l'adesione alla VD non ha alcun impatto sull'applicazione delle sanzioni e dei presidi antiriciclaggio ex d.lgs. n.231/07 (nota del MEF n.8624 del 31/01/14). le operazioni di emersione relative allo scudo fiscale-ter non comportavano l obbligo di segnalazione di operazione sospetta di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo di cui all art. 41 del d.lgs. n.231/2007 antiriciclaggio/sos da parte dei professionisti l'obbligo di segnalazione non si applica per le informazioni che i professionisti ricevono dal cliente nell'esame della propria posizione finalizzata a evitare un contenzioso tributario l'obbligo di segnalazione non si applica per le informazioni che i professionisti ricevono dal cliente nell'esame della propria posizione finalizzata a evitare un contenzioso tributario utilizzo della dichiarazione per accertamento vs. contribuente e/o terzi l'autodenuncia attiva l'accertamento nei confronti del contribuente ed eventualmente di altri soggetti terzi ad esso collegati (ad es.: società) la dichiarazione riservata non attiva alcun accertamento nei confronti della società; continuano ad applicarsi i normali strumenti di accertamento 28

29 Perché aderire alla voluntary disclosure? Lo scambio automatico di informazioni renderà più agevole all Amministrazione finanziaria italiana l individuazione dei patrimoni detenuti all estero. Riduzione delle sanzioni amministrative. Non punibilità per la maggior parte dei reati penal-tributari e dei connessi reati di riciclaggio e impiego; Non punibilità per il reato di auto-riciclaggio (per i fatti compresi tra la data di introduzione del nuovo delitto e quella del ). 29

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali Avv. Vincenzo José Cavallaro MEDIA PARTNER 1 DECRETO LEGGE NR. 4-28 GENNAIO 2014 L art. 1 del DL 4/2014 prevedeva una disciplina

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Pagina 1 di 13 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Bussola > V > Voluntary disclosure di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio IL PERIMETRO DELLA QUESTIONE L Agenzia delle Entrate, stima in

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 8/2015 ARGOMENTO: VOLUNTARY DISCLOSURE - RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO - PROROGATI I Gentile Cliente, a ridosso della scadenza del termine ultimo per l invio

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità Voluntary disclosure Contenuti e opportunità BERGAMO, 23 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009

Dettagli

Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure

Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure CONVERSAZIONE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Londra Venerdì 3Ottobre 2014 Paolo Battaglia Dottore Commercialista in Ragusa p.battaglia@crescitapmi.it

Dettagli

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure : i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure Roma Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Ginevra PlaceNeuve, 4 Tel. +410223216233 E-mail: avvocati@studioblasio.it 1 Lo studio

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN a legge La legge 15 dicembre 2014, n. 186 introduce nell ordinamento italiano la disciplina della collaborazione volontaria (c.d. voluntary disclosure) in materia

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure Voluntary disclosure La procedura di regolarizzazione dei patrimoni detenuti all estero Proposte operative Bolzano, 17 aprile 2015 Via Monte di Pietà, 15 20121 MILANO TEL.(+39) 02 30305.1 FAX (+39) 02

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO SDA Bocconi Milano, 10 dicembre 2014 LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 La voluntary disclosure Iter normativo: L art.

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186

Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Rezzato, 21 marzo 2015 Renzo Parisotto aggiornato al 17 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione

Dettagli

Trust e titolare effettivo: compilazione quadro RW. Le indicazioni dell Amministrazione Finanziaria

Trust e titolare effettivo: compilazione quadro RW. Le indicazioni dell Amministrazione Finanziaria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 73 11.03.2014 Trust e titolare effettivo: compilazione quadro RW Le indicazioni dell Amministrazione Finanziaria Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio

Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio Bologna, 30 ottobre 2014 Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 Monitoraggio fiscale a seguito

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi N. 1037/INCC Roma, 18 giugno 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186: Disposizioni

Dettagli

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Premessa Dopo la falsa partenza del D.L. 4 del 2014 promosso dal governo Letta, provvedimento che durante l iter parlamentare venne epurato degli articoli

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Voluntary Disclosure: analisi delle principali caratteristiche. Dott. Alberto Chiesa. Milano, 28 Aprile 2015

Voluntary Disclosure: analisi delle principali caratteristiche. Dott. Alberto Chiesa. Milano, 28 Aprile 2015 Voluntary Disclosure: analisi delle principali caratteristiche Dott. Alberto Chiesa Milano, 28 Aprile 2015 1. La voluntary disclosure a) Contenuti normativi 2 La voluntary disclosure I requisiti soggettivi

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

COLLABORAZIONE VOLONTARIA

COLLABORAZIONE VOLONTARIA COLLABORAZIONE VOLONTARIA Presupposti e Strumenti Applicativi secondo il DL n. 4/2014 ( Voluntary Disclosure ) SDA BOCCONI MILANO 13 FEBBRAIO 2014 LUIGI BELLUZZO luigi.belluzzo@belluzzo.net Partner Belluzzo&Partners

Dettagli

La Voluntary Disclosure in Italia

La Voluntary Disclosure in Italia La Voluntary Disclosure in Italia Verso la regolarizzazione dei capitali illecitamente detenuti all estero Aggiornamento del 7 novembre 2013 LO SCENARIO Stando a stime ufficiali almeno 200 miliardi di

Dettagli

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) 010 56 47 12 fax: (+39) 010

Dettagli

Avv. Fabrizio Vedana. Voluntary disclosure: cos'è e come funziona. Il ruolo del professionista, della banca e della

Avv. Fabrizio Vedana. Voluntary disclosure: cos'è e come funziona. Il ruolo del professionista, della banca e della Avv. Fabrizio Vedana Voluntary disclosure: cos'è e come funziona. Il ruolo del professionista, della banca e della fiduciaria La «voluntary disclosure» CONTESTO INTERNAZIONALE Le procedure di voluntary

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Le informazioni oggetto dell istanza, le variabili di costo e le cause ostative

VOLUNTARY DISCLOSURE Le informazioni oggetto dell istanza, le variabili di costo e le cause ostative VOLUNTARY DISCLOSURE Le informazioni oggetto dell istanza, le variabili di costo e le cause ostative Paola Marzetta Maisto e Associati MEDIA PARTNER 1 Completezza e veridicità Attività estere REQUISITI

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Roma, 7 settembre 2015 A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Oggetto: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Riferimento analitico: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 - Voluntary disclosure

Dettagli

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011)

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) by Redazione - Tuesday, February 03, 2015 http://www.ascheri.net/2015/02/03/principali-reati-tributari-normativa-vigore-dal-1792011/ Attenzione

Dettagli

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Monitoraggio fiscale e ambito di applicazione Con decorrenza dal 2015, è stata introdotta una procedura di collaborazione volontaria

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

I REATI TRIBUTARI PUNITI PENALMENTE

I REATI TRIBUTARI PUNITI PENALMENTE I REATI TRIBUTARI PUNITI PENALMENTE INTRODUZIONE I contribuenti che effettuano comportamenti "illeciti" da un punto di vista tributario devono conoscere le conseguenze non solo amministrative, ma spesso

Dettagli

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi.

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary disclosure: profili operativi e prime riflessioni a seguito della Circolare 10E dell Agenzia delle Entrate Esame dei periodi da regolarizzare e

Dettagli

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTIVO 87 dove è stata costituita la società che ne è intestataria 22 ; ne costituiscono esempio le norme dell art. 5-quinquies, co. 4 e 7, D.L. 167/1990, appena ricordate, che

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

Trasparenza e scambio di informazioni.

Trasparenza e scambio di informazioni. VOLUNTARY DISCLOSURE dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara Trasparenza e scambio di informazioni. 1 Un nuovo contesto di riferimento. Un nuovo

Dettagli

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali.

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. 1 Attività estere: dove tenerle Le attività finanziarie o patrimoniali oggetto di voluntary disclosure, potranno: A) essere

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie e patrimoniali

2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie e patrimoniali 78 VOLUNTARY DISCLOSURE giorno di detenzione) e al termine dello stesso (ovvero al termine del periodo di detenzione nello stesso)» 6. Secondo le istruzioni sulla compilazione del modello di accesso alla

Dettagli

LE NOVITA FISCALI 2014

LE NOVITA FISCALI 2014 LE NOVITA FISCALI 2014 I NUOVI OBBLIGHI DI MONITORAGGIO FISCALE A SEGUITO DELLE LEGGE EUROPEA 2013 & Dichiarazione spontanea dei redditi esteri in Italia (Voluntary Disclosure): Renzo Parisotto Rezzato,

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Emersione dei capitali nazionali ed esteri Premessa Il contribuente che ha omesso la segnalazione nel quadro RW di Unico, ai fini del monitoraggio fiscale, di attività finanziarie o patrimoniali,

Dettagli

Voluntary Disclosure ultima chiamata!

Voluntary Disclosure ultima chiamata! Voluntary Disclosure ultima chiamata! Sanremo, Palazzo Bellevue - 12 novembre 2015 Voluntary Disclosure costi e benefici dell adesione a poche settimane dalla scadenza Avv. Alberto Michelis Via Feraldi

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

Vito Dulcamare ALTRE NOVITA FISCALI DI PERIODO

Vito Dulcamare ALTRE NOVITA FISCALI DI PERIODO Vito Dulcamare ALTRE NOVITA FISCALI DI PERIODO 5 febbraio 2015 1 INDICE COLLABORAZIONE VOLONTARIA RIENTRO CAPITALI COLLABORAZIONE VOLONTARIA NAZIONALE INTRODUZIONE REATO DI AUTORICICLAGGIO CERTIFICAZIONE

Dettagli

Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni. Valerio Stroppa

Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni. Valerio Stroppa Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni Valerio Stroppa Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza ) D.L. 167/1990 (art. da 5-quater a 5-septies) Provvedimento

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Voluntary disclosure. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott.

Voluntary disclosure. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott. Salvatore Sanna POSSESSO DI ATTIVITÀ ESTERE PER INTERPOSTA PERSONA L adesione alla voluntary

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure MAP Voluntary disclosure e ravvedimento operoso A cura di Renato Bogoni Dottore Commercialista in Padova. Specializzato in riorganizzazione e ristrutturazione dell impresa in crisi, anche nell ambito di

Dettagli

LEGGE 15 dicembre 2014, n. 186

LEGGE 15 dicembre 2014, n. 186 LEGGE 15 dicembre 2014, n. 186 Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all'estero nonche' per il potenziamento della lotta all'evasione fiscale. Disposizioni in materia di autoriciclaggio.

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE 2 a (GIUSTIZIA) E 6 a (FINANZE E TESORO)

COMMISSIONI RIUNITE 2 a (GIUSTIZIA) E 6 a (FINANZE E TESORO) COMMISSIONI RIUNITE 2 a (GIUSTIZIA) E 6 a (FINANZE E TESORO) SENATO AUDIZIONI SUL DISEGNO DI LEGGE N. 1642 (RIENTRO CAPITALI DETENUTI ALL'ESTERO E AUTORICICLAGGIO) CONTRIBUTI DEGLI AUDITI 20 NOVEMBRE 2014

Dettagli

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Studio n. 250-2015/T Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Approvato dall Area Scientifica Studi Tributari il 23 ottobre 2015 Approvato dal CNN nella seduta del 18-19 novembre 2015 ***

Dettagli

LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE

LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE Franco Dante A.N.T.I. SEZIONE PIEMONTE E VALLE D AOSTA 12 Novembre 2009 INDICE Slide n. 1: Finalità

Dettagli

SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA AMMINISTRAZIONI E

SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA AMMINISTRAZIONI E SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA AMMINISTRAZIONI E COLLABORAZIONE VOLONTARIA Presupposti e Strumenti Applicativi secondo il DL n. 4/2014 ( Voluntary Disclosure ) e il nuovo set normativo per investire regolarmente

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Padova, 25 settembre 2009 Ai Clienti dello

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Febbraio 2014. Francesco Bonichi e Giulia Abruzzese, Allen & Overy

Febbraio 2014. Francesco Bonichi e Giulia Abruzzese, Allen & Overy Febbraio 2014 L ultima (?) chiamata per i capitali all estero: linee guida, opportunità e aspetti critici della recente normativa italiana in tema di voluntary disclosure Francesco Bonichi e Giulia Abruzzese,

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI Torino, 19 Marzo 2013 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI NOZIONE DI RICICLAGGIO DESTINATARI DEGLI ADEMPIMENTI Dott.sa LUCIA STAROLA EVOLUZIONE NORMATIVA 1 L. 5/7/1991 n. 191 (cd

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, 1 Brevi note sulla novella in tema di reati tributari recata dall art. 2, comma 36- vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011 n.

Dettagli

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino)

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino) Lucia Starola (Commercialista in Torino) Antiriciclaggio 1 Antiriciclaggio Figura criminosa di 2 grado Ha per oggetto proventi di altre figure criminose (reato presupposto) Attività volta a dissimulare

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 36/2015 RIFORMA DEL SISTEMA SANZIONATORIO: ASPETTI PENALI

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 36/2015 RIFORMA DEL SISTEMA SANZIONATORIO: ASPETTI PENALI Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 16/11/2015 Ai Signori

Dettagli

Workshop Voluntary Disclosure

Workshop Voluntary Disclosure Workshop Voluntary Disclosure L intesa Italia-Svizzera sulla lotta all evasione La circolare N. 10/E dell La determinazione dei costi e i calcoli di convenienza Il reato di autoriciclaggio Milano, 20 aprile

Dettagli

ITALIA 2015: VOLUNTARY DISCLOSURE

ITALIA 2015: VOLUNTARY DISCLOSURE ITALIA 2015: VOLUNTARY DISCLOSURE Dott. Leo De Rosa Dottore commercialista Pubblicista leo.derosa@rdra.it Avv. Fabrizio Cavallaro Avvocato fabrizio.cavallaro@rdra.it Partner di: Associato a: Rimini, 21

Dettagli