SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004"

Transcript

1 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

2

3 INDICE: 1 PREMESSA Costi parametrici Servizio Acquedotto Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto Costo nuove condotte di distribuzione dell acquedotto Costo di sostituzione di condotte di adduzione dell acquedotto Costo medio sostituzione di condotte di distribuzione dell acquedotto Modello di costo parametrico realizzazione di un serbatoio Voci di costo per implementare sistema di ricerca e recupero delle perdite dell acquedotto Adeguamento antisismico serbatoi pensili Voci di costo parametrico servizio acquedotto varie Costi parametrici Servizio Fognatura Costo estensione servizio di fognatura Separazione delle reti fognarie Collettori di trasferimento delle portate Riqualifica sfioratori esistenti Voci di costo parametrico servizio fognatura varie Costi parametrici Servizio Depurazione Costo realizzazione di nuovi impianti di depurazione Costi di potenziamento impianti di depurazione Costi di adeguamento piccoli impianti di depurazione Costi di dismissione impianti di depurazione Costi di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione SDC/GG G-RELGN docx 1 di 16

4

5 1 PREMESSA Ad ogni intervento previsto dal Piano degli Interventi è associato un importo che è stato ottenuto attraverso l attribuzione di un costo parametrico (costo unitario) moltiplicato per la quantità dell indicatore dell investimento. Tali costi parametrici sono ricavati da: - costi unitari riportati nel Piano Stralcio dell Area Settentrionale ed Occidentale (parte II), di seguito, per brevità, PSASO, opportunamente verificati ed aggiornati; - modelli di costo, ossia curve parametriche dalle quali si ricava l importo complessivo avendo a disposizione opportuni indicatori; - voci di costo per lavorazioni standard. unitari. Nel seguito vengono riportate le metodologie utilizzate per la determinazione dei costi SDC/GG G-RELGN docx 2 di 16

6 2 COSTI PARAMETRICI SERVIZIO ACQUEDOTTO 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto Le condotte di adduzione costituiscono i rami principali di una rete di acquedotto. Esse si dipartono dai serbatoi e vanno ad alimentare le varie reti di distribuzione locali. Il parametro in base al quale si valuterà il costo di realizzazione di una condotta di adduzione è la lunghezza. Come da PSASO, si calcoleranno, quindi, dei costi unitari che esprimeranno il costo di realizzazione della linea completa in acciaio (scavo con sostegno e prosciugamento, condotta, valvolame, posa, ricoprimento e ripristini), considerando sempre posa sotto strada asfaltata e in funzione del diametro della condotta principale. Si è, quindi, considerata una sezione di scavo con profondità media 1,50 m ed una larghezza pari a DN + 1,00 m. Si sono poi calcolati i costi di rimozione asfalto, scavo, formazione del letto di posa, fornitura e posa della condotta principale, fornitura e posa del valvolame di manovra (saracinesche, sfiati, scarichi, strumenti di misura e telecontrollo), ricoprimento, rinterro e ripristino considerando un tronco di lunghezza 1 m. Quanto ottenuto è stato incrementato del 20% per tener conto degli imprevisti, dello spostamento di sotto servizi, delle spese tecniche e di quant altro necessiti per consegnare l opera finita. L incremento percentuale appena descritto è stato valutato considerando la media calcolata su quadri economici di lavori analoghi. Si è così ottenuta la tabella di seguito riportata. Regime di moto Condotta in pressione Tipologia di strada Strada Asfaltata Diametro [mm] (materiale: acciaio) Importo [ /ml] diam diam diam diam diam diam diam diam Tabella 2-1: Costi unitari a metro lineare per la realizzazione di condotte di adduzione SDC/GG G-RELGN docx 3 di 16

7 2.2 Costo nuove condotte di distribuzione dell acquedotto Le condotte di distribuzione sono quelle che dalle adduttrici principali si diramano lungo le strade da servire e comprendono le relative opere di allaccio alle utenze. Anche in questo caso, il parametro in base al quale si valuterà il costo di realizzazione di una condotta di distribuzione è la lunghezza. Come da PSASO, si sono calcolati i medesimi costi unitari già illustrati per le condotte di adduzione, aggiungendovi i costi degli allacci alle utenze, valutati in riferimento alla realizzazione della presa in carico dalla condotta distributrice, della tubazione di allaccio e delle relative valvole di manovra (saracinesca, rubinetto, valvola di non ritorno). Quanto ottenuto è stato incrementato del 20% per tener conto degli imprevisti, dello spostamento di sotto servizi, delle spese tecniche e di quant altro necessiti per dare l opera finita. L incremento percentuale appena descritto è stato valutato considerando la media calcolata su quadri economici di lavori analoghi. Si è così ottenuta la tabella di seguito riportata. Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] Condotta in pressione Strada Asfaltata diam diam diam Tabella 2-2: Costi unitari a metro lineare per la realizzazione di condotte di distribuzione 2.3 Costo di sostituzione di condotte di adduzione dell acquedotto Come da PSASO, si prevede la sostituzione delle adduttrici più vetuste del sistema. I relativi costi vengono stimati in base alla lunghezza riprendendo i costi di realizzazione delle nuove adduzioni illustrati in precedenza e maggiorandoli del 10% per tenere conto degli oneri relativi al rilievo e smaltimento delle condotte esistenti e delle necessarie opere di by-pass temporaneo. Ne risultano i costi complessivi riportati in tabella. SDC/GG G-RELGN docx 4 di 16

8 Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] Condotta in pressione Strada Asfaltata diam diam diam diam diam diam diam diam Tabella 2-3: Costi unitari a metro lineare per la sostituzione di condotte di adduzione 2.4 Costo medio sostituzione di condotte di distribuzione dell acquedotto Come da PSASO, si prevede la sostituzione delle adduttrici più vetuste del sistema. I relativi costi vengono stimati in base alla lunghezza riprendendo i costi di realizzazione delle nuove distribuzioni illustrati in precedenza e maggiorandoli del 10% per tenere conto degli oneri relativi al rilievo e smaltimento delle condotte esistenti, all effettuazione di by-pass temporanei e di allacci provvisori. Ne risultano i costi complessivi riportati in tabella. Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] Condotta in pressione Strada Asfaltata diam diam diam Tabella 2-4: Costi unitari a metro lineare per la sostituzione di condotte di distribuzione 2.5 Modello di costo parametrico realizzazione di un serbatoio L indicatore di costo per la determinazione dell importo di costruzione di un serbatoio sono i mc di invaso dello stesso. Le voci di costo considerate per arrivare a determinare l importo sono il getto in ca (ipotizzando una vasca a forma quadrata), gli impianti e le opere edili generali, oltre che alla componente percentuale determinata da imprevisti, esproprio e spese tecniche. Come da PSASO, si prevede un costo complessivo di /m 3 per la realizzazione di nuovi serbatoi di accumulo. SDC/GG G-RELGN docx 5 di 16

9 2.6 Voci di costo per implementare il sistema di ricerca e recupero delle perdite dell acquedotto Il costo previsto per le attività di ricerca delle perdite dell acquedotto entro il territorio della CATOI Lemene è il seguente: Attività di: Sistema di ricerca perdite utilizzato Costo UDM - studio, modellazione e distrettualizzazione della rete (55%) - implementazione del software di controllo (15%) 425 /km - posa in opera della strumentazione (20%) - gestione del sistema (10%) Tabella 2-5: Costi parametrici per attività di ricerca delle perdite dell acquedotto 2.7 Adeguamento antisismico serbatoi pensili Gli interventi di questa categoria sono ritenuti strategici per il servizio acquedotto in quanto la continuità di servizio dei serbatoi pensili presenti sul territorio deve essere garantita sempre, anche in situazioni di eventi sismici. La determinazione degli importi di tali interventi è il risultato di una stima di massima delle lavorazioni e interventi strutturali da effettuare considerando la dimensione dei serbatoi e la complessità delle lavorazioni da eseguire su una struttura che deve garantire la continuità di esercizio durante il corso dei lavori. Si prevede un costo complessivo medio di /cadauno per l adeguamento antisismico dei serbatoi pensili. 2.8 Voci di costo parametrico servizio acquedotto varie Si riportano di seguito gli importi relativi ad alcune attività, lavorazioni e/o installazione di componenti impiantistiche relative al servizio acquedotto, utilizzate nella determinazione degli importi degli interventi di piano, ricavate da voci di costo ricavate da computi metrici: SDC/GG G-RELGN docx 6 di 16

10 Descrizione Importo [ ] Udm Installazione nuovi contatori 350 /cad Sostituzione contatori 300 /cad Installazione misuratori di portata /cad Installazione di impianto di potabilizzazione /cad Installazione di rubinetti per fontane e lavatoi 200 /cad Installazione di sistema telecontrollo su - opera di captazione /cad - impianto di potabilizzazione /cad - serbatoio /cad - partitore di portata /cad - interruttore di pressione /cad - stazione di sollevamento acquedotto /cad Realizzazione strade di accesso ad impianti /cad Realizzazione della zona di tutela assoluta per le opere di captazione che ne sono prive /cad Rilievo delle reti acquedottistiche 900 /km Redazione progetto generale acquedotto 700 /km Tabella 2-6: Costi unitari per attività e lavorazioni specifiche del servizio acquedotto SDC/GG G-RELGN docx 7 di 16

11 3 COSTI PARAMETRICI SERVIZIO FOGNATURA 3.1 Costo estensione servizio di fognatura Per estensione del servizio di fognatura si intendono le condotte con le relative opere di allaccio alle utenze. Il parametro in base al quale si valuterà il costo di realizzazione di una rete fognaria è la lunghezza. Come da PSASO, si calcoleranno, quindi, dei costi unitari che esprimeranno il costo di realizzazione della linea completa (scavo con sostegno e prosciugamento, condotta principale, pozzetti di ispezione circolari in cls con chiusino in ghisa, tubazioni e pozzetti di allaccio alle utenze, posa, ricoprimento e ripristini), considerando sempre posa sotto strada asfaltata e in funzione del diametro della condotta principale. Inoltre, ci si è sempre riferiti a condotte funzionanti a gravità, essendo il regime di pressione incompatibile con l allacciamento delle utenze. Si è quindi considerata una sezione di scavo con profondità media 2,50 m ed una larghezza pari a DN + 1,00 m. Si sono poi calcolati i costi di rimozione asfalto, scavo, formazione del letto di posa, fornitura e posa della condotta principale, fornitura e posa dei pozzetti di ispezione, ricoprimento, rinterro e ripristino, considerando un tronco di lunghezza 1 m. Si sono, infine, aggiunti i costi di realizzazione delle condotte di allaccio, in riferimento a tubazioni DN 160 mm in PVC e considerando in proporzione i medesimi oneri visti per le condotte principali per un altezza di scavo di 1,5 m, unitamente ai costi dei pozzetti di allaccio alle utenze, previsti in calcestruzzo DN 500 mm con chiusino in ghisa. Quanto ottenuto è stato incrementato del 20% per tener conto degli imprevisti, dello spostamento di sotto servizi, delle spese tecniche e di quant altro necessiti per dare l opera finita. L incremento percentuale appena descritto è stato valutato considerando la media calcolata su quadri economici di lavori analoghi. Si è così ottenuta la tabella di seguito riportata. Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] Condotta a gravità Strada Asfaltata diam diam diam diam diam diam diam Tabella 3-1: Costi unitari a metro lineare per la realizzazione di collettori fognari SDC/GG G-RELGN docx 8 di 16

12 3.2 Separazione delle reti fognarie Come da PSASO, i costi relativi alla separazione delle reti fognarie saranno comparabili con quelli di estensione delle reti, in quanto si tratta in effetti di realizzare nuove linee per acque nere accanto alle miste esistenti. In più, si valuta una maggiorazione di costo dell ordine del 10% sul totale, per tenere conto dei lavori aggiuntivi relativi alla riqualifica delle miste esistenti (sigillatura degli allacci alle utenze, sistemazioni varie). La tabella seguente riassume i costi unitari così ottenuti. Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] diam Condotta a gravità Strada Asfaltata diam diam diam diam diam diam Tabella 3-2: Costi unitari relativi alla separazione delle reti fognarie. 3.3 Collettori di trasferimento delle portate I collettori di trasferimento delle portate si rendono necessari per la realizzazione degli schemi depurativi centralizzati. Il parametro in base al quale si valuterà il costo di realizzazione e di gestione di un collettore fognario è la lunghezza. Come da PSASO, si calcoleranno, quindi, dei costi unitari che esprimeranno il costo di realizzazione della condotta (scavo con prosciugamento e sostegni, tubazione, pozzetti, posa, ricoprimento, e ripristini) in funzione della condizione di posa e del diametro della condotta. In particolare il costo parametrico è stato calcolato suddividendo tra condotte a gravità e condotte in pressione e, all interno di tali due grandi categorie, sono stati considerati i casi di posa su strada asfaltata, strada bianca o in campagna. Per le condotte a gravità, si è considerata una sezione di scavo con profondità media 2,50 m ed una larghezza pari a DN + 1,00 m, mentre per le condotte in pressione si è considerato un ricoprimento medio di 1,30 m. In entrambi i casi si sono calcolati i costi di rimozione asfalto, scavo, SDC/GG G-RELGN docx 9 di 16

13 formazione del letto di posa, fornitura e posa della condotta, fornitura e posa dei pozzetti di ispezione, ricoprimento, rinterro e ripristino, considerando un tronco di lunghezza 1 m. Quanto ottenuto è stato incrementato del 20% per tener conto degli imprevisti, dello spostamento di sotto servizi, delle spese tecniche e di quant altro necessiti per dare l opera finita. L incremento percentuale appena descritto è stato valutato considerando la media calcolata su quadri economici di lavori analoghi. Si è così ottenuta la tabella di seguito riportata. Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] diam diam diam Strada Asfaltata diam diam diam diam diam diam Condotta a gravità Strada Bianca diam diam diam diam diam diam Campagna diam diam diam diam diam diam diam diam diam Tabella 3-3: Costi unitari relativi alla realizzazione delle condotte di trasferimento dei reflui fognari. SDC/GG G-RELGN docx 10 di 16

14 Regime di moto Tipologia di strada Diametro [mm] Importo [ /ml] diam diam Strada Asfaltata diam diam diam diam Condotta in pressione Strada Bianca diam diam diam diam diam diam Campagna diam diam diam diam diam diam Tabella 3-4: Costi unitari relativi alla realizzazione delle condotte di trasferimento dei reflui fognari. 3.4 Riqualifica sfioratori esistenti A riqualifica degli sfioratori esistenti si prevede l inserimento di una griglia automatica in acciaio per il trattenimento dei solidi grossolani, a presidio della sezione di uscita delle acque di sfioro, oppure di una griglia fissa che copra il 50% della sezione della condotta di scarico. Installazione griglia su scaricatori di piena Descrizione Importo [ ] Udm - griglia automatica /cad - griglia fissa che copra il 50% della sezione della condotta di /cad scarico Tabella 3-5: Voci di costo parametrico unitario per sfioratori SDC/GG G-RELGN docx 11 di 16

15 3.5 Voci di costo parametrico servizio fognatura varie Si riportano, di seguito, gli importi relativi ad alcune attività, lavorazioni e/o installazione di componenti impiantistiche relative al servizio fognatura utilizzate nella determinazione degli importi degli interventi di piano: Descrizione Importo [ ] Udm Installazione di sistema telecontrollo su impianto - impianto di depurazione /cad - scaricatori /cad - stazione di sollevamento fognatura /cad Installazione di gruppo elettrogeno su stazioni sollevamento /cad Installazione telecontrollo su stazioni di sollevamento /cad Rifacimento impianto elettrico su stazioni sollevamento /cad Costruzione sfioratore con griglia fissa /cad Costruzione di stazione di sollevamento /cad Costruzione impianto di trattamento primario /cad Realizzazione strade di accesso ad impianti /cad Video ispezioni 11,5 /m Redazione progetto generale fognatura 800 /km Tabella 3-6: Voci di costo parametrico unitario per voci del servizio fognatura SDC/GG G-RELGN docx 12 di 16

16 4 COSTI PARAMETRICI SERVIZIO DEPURAZIONE 4.1 Costo realizzazione di nuovi impianti di depurazione Come da PSASO, data la complessità delle relazioni che legano i costi di realizzazione e gestione degli impianti di depurazione al numero di abitanti equivalenti serviti, si è scelto di costruire delle curve di Costo realizzazione/abitanti Equivalenti e Costo gestione/abitanti Equivalenti sulla base di dati relativi ad impianti già realizzati ed in esercizio o in progetto. In particolate la curva di costo di costruzione è stata ricavata sulla base di dati relativi ad impianti di depurazione realizzati in aree analoghe a quella in esame. La curva che lega il costo di costruzione unitario al numero di abitanti equivalenti serviti è rappresentata nel grafico sotto riportato. Figura1: Costi di realizzazione depuratori Moltiplicando il valore ottenuto per il numero di abitanti equivalenti serviti si ottiene il costo di realizzazione totale dell impianto. La curva ricavata, come molte delle curve normalmente utilizzate nello studio dei piani d ambito, ben si adatta agli impianti di medie e grandi dimensioni, ma sottostima i costi degli SDC/GG G-RELGN docx 13 di 16

17 impianti di piccole dimensioni (sotto i A.E.). Per tale motivo il costo dei piccoli impianti sarà valutato con un valore a corpo determinato su esperienze dirette e stimato in per AE servito. 4.2 Costi di potenziamento impianti di depurazione Come da PSASO, la valutazione del costo di costruzione per l ampliamento di impianti di depurazione esistenti si effettuerà utilizzando la relazione ricavata al punto precedente e considerando un maggior onere del 25% teso a considerare le maggiori complessità nell esecuzione dell intervento. 4.3 Costi di adeguamento piccoli impianti di depurazione I piccoli impianti di depurazione sono quelli aventi potenzialità di progetto <2000AE. I nuovi bacini di depurazione prevedono la dismissione di buona parte di questi piccoli impianti, per i restanti, viste sia le potenzialità ridotte (in genere <500AE), si è scelto di prevedere l adeguamento convertendo tali impianti in sistemi a biomasse adese su letto mobile (sistema MBBR), una tecnologia che consente la conversione degli impianti esistenti in altri che garantiscono il rispetto delle prescrizioni previste con costi di intervento, complessivamente, ridotti. I costi di adeguamento di tali impianti, che di fatto sono impianti primari tipo imhoff, sono quelli corrispondenti agli interventi richiesti dalle prescrizioni previste dalle Norme di Attuazione del Piano di Tutela delle Acque del FVG e del Piano di Tutela Acque del Veneto. Per il Friuli Venezia Giulia, le Norme di Attuazione del Piano di Tutela (si veda figura 2) prevedendo, per gli impianti a partire da 50 AE, particolari sistemi di trattamento delle acque reflue e il rispetto di fissati limiti di emissione, impongono, di fatto, l adeguamento dell impianto tipo imhoff (trattamento primario) in un impianto con un trattamento più spinto. Per il Veneto, il PTA, all art.22, comma 2, impone fino alla soglia S l installazione di vasche imhoff, possibilmente seguite da sistemi di affinamento del refluo ( ). SDC/GG G-RELGN docx 14 di 16

18 Modelli di costo parametrico Figura 2: Allegato 2 alle Norme di Attuazione del PTA del FVG SDC/GG G-RELGN docx 15 di 16

19 Viste sia le potenzialità ridotte di questi impianti (in genere <500AE) sia il loro elevato numero sul territorio, si è scelto di prevedere l adeguamento convertendo tali impianti in sistemi a biomasse adese su letto mobile (sistema MBBR), una tecnologia che consente la conversione degli impianti esistenti in altri atti a garantire il rispetto delle prescrizioni previste, con costi di intervento, complessivamente, ridotti. La definizione dei costi di adeguamento è stata determinata in forma parametrica, per taglie di impianto, considerando varie componenti di costo (costo per realizzazione impianto e altre voci, quali allacciamento alla rete elettrica, esproprio, spese tecniche). Taglie [AE] Costo di realizzazione [ ] Altre voci di costo [ ] Costo totale dell intervento MBBR [ ] Tabella 4-1: Costi per adeguamento degli impianti di depurazione con trattamento primario in sistemi MBBR (per taglie di impianto) 4.4 Costi di dismissione impianti di depurazione I costi di dismissione degli impianti di depurazione vengono messi in conto per quegli impianti che non verranno più utilizzati, in virtù del fatto che i liquami saranno inviati ad altro polo depurativo. Come da PSASO, i costi di dismissione di impianti o altre opere di cui si prevede l abbandono vengono valutati come percentuale sul costo di costruzione dell opera esistente. In particolare si considera che la dismissione comporti un impegno finanziario valutabile nel 20% del costo di costruzione. Viene inoltre calcolato un importo pari a per la sistemazione dello sfioratore che rimarrà in funzione, al fine di evitare di doverne realizzare uno nuovo ad ogni dismissione di impianto. 4.5 Costi di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione I costi di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione possono essere di fatto valutati come percentuale sul costo di costruzione dell opera esistente. In particolare, si considera che la manutenzione straordinaria comporti un impegno finanziario valutabile nel 30% del costo di costruzione. SDC/GG G-RELGN docx 16 di 16

1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3

1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo medio rifacimento di rete di distribuzione dell acquedotto... 4 2.3 Modello

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev.

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. 02 del 20/09/2013 In vigore dal 01/10/2013 Tabella spese di istruttoria... pg.

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO della Gestione PIANO DI AMBITO della Gestione SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Modalità: D. Lgs. 267/2000 art. 113 comma 5 lettera c) Gestore individuato: CIIP spa Periodo di affidamento: 2008-2032 Allegato B.1.3

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Proprietà ANCONAMBIENTE S.p.A. Via Del Commercio 27, 60127 ANCONA RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05. 2010 Rev. 01 21/05/2010 Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.2010 Approvato dall Assemblea del Consorzio dell Autorità d Ambito Ottimale della Provincia di Bergamo il 30.06.2010 Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 1 7 1.1 Denominazione del progetto Separazione reti fognarie dei comuni dell area AVS 1.2 Settore d'intervento Captazione

Dettagli

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 2010 Rev. 01 12/2010 Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 SOMMARIO 1. CONTRIBUTI ALLACCIAMENTO E ALTRE PRESTAZIONI...3 A. Allacciamenti con scavo... 3 B. Allacciamenti senza scavi...

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO RELAZIONE TECNICA La rete fognaria del comune di Azzanello è del tipo misto, cioè con reti che trasportano sia acque cosiddette nere che le acque meteoriche. La rete fognaria, sottesa al centro storico,

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00 Computo metrico estimativo: A)- BASATI ( Via S. Ansano Fognature) 1)- Demolizione con mezzo meccanico di pavimentazione in calcestruzzo,compreso trasporto a discarica del materiale di risulta. Mq. 212,00

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE Determinazione del Direttore N. DI REG.: 4 N. DI PROT.: 24 OGGETTO: A.V.S. S.p.A. PROGETTO DI COSTRUZIONE FOGNATURA NERA IN LOCALITÀ GIACOMONI

Dettagli

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella AZIONI STRUTTURALI La maggior parte delle azioni strutturali previste dalla normativa e pianificazione settoriale e messe in campo nella Regione

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

LISTINO PREZZI PER REALIZZAZIONE DI ALLACCIAMENTI STANDARD ALL'ACQUEDOTTO

LISTINO PREZZI PER REALIZZAZIONE DI ALLACCIAMENTI STANDARD ALL'ACQUEDOTTO LISTINO PREZZI PER REALIZZAZIONE DI ALLACCIAMENTI STANDARD ALL'ACQUEDOTTO Allacciamento eseguito all'interno di nuove lottizzazioni Allacciamento eseguito in concomitanza di estensioni di rete Allacciamento

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

TRIVIGNANO ZELARINO INTERVENTI DI ESTENSIONE E AMMODERNAMENTO DELLA RETE FOGNARIA

TRIVIGNANO ZELARINO INTERVENTI DI ESTENSIONE E AMMODERNAMENTO DELLA RETE FOGNARIA TRIVIGNANO ZELARINO INTERVENTI DI ESTENSIONE E AMMODERNAMENTO DELLA RETE FOGNARIA 23-10-2014 INTERVENTI NELLA ZONA DI TRIVIGNANO - ZELARINO VIE TARU E MOLINO MARCELLO VIA CA LIN A NORD DI VIA GATTA PROGETTO

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale lavori a base d'asta 1.344.

A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale lavori a base d'asta 1.344. RETI FOGNARIE VALMORBIA - DOSSO - ZOCCHIO: 1 S TRALCIO QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

Consorzio della bonifica Reno Palata - Bologna

Consorzio della bonifica Reno Palata - Bologna Progetto di realizzazione di un impianto di sollevamento d acqua da fiume per la distribuzione igienico-potabile al contesto abitativo e all ospedale del villaggio rurale di Matadi Babusongo (Provincia

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA Allegato n. 7) CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 0 1 1.1 Denominazione del progetto Completamento collettore principale del sistema fognario consortile Astico. 1.2

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA OGGETTO: Lavori di urbanizzazione primaria della collina Coppolino villaggio S. Lucia sopra Contesse - completamento e la messa in esercizio della rete fognante, acque

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

Regione Campania A.T.O. n.1 Calore Irpino. Indice delle schede. Manutenzione straordinaria n.4

Regione Campania A.T.O. n.1 Calore Irpino. Indice delle schede. Manutenzione straordinaria n.4 Indice delle schede Scheda Servizio Componente Intervento Pag. n.1 RISORSE Manutenzione straordinaria delle opere di SORGENTI IDRICHE captazione 3 n.2 RISORSE Manutenzione straordinaria delle opere di

Dettagli

ALLEGATO D. Schede descrittive degli interventi (criteri)

ALLEGATO D. Schede descrittive degli interventi (criteri) ALLEGATO D Schede descrittive degli interventi (criteri) 1 Indice delle schede Sched a Servizio Componente Intervento Pag. n.1 RISORSE Manutenzione straordinaria e programmata SORGENTI IDRICHE delle opere

Dettagli

Quesito n 30: IN RELAZIONE ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE IN EXCEL SOTTOPONGO I SEGUENTI QUESITI:

Quesito n 30: IN RELAZIONE ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE IN EXCEL SOTTOPONGO I SEGUENTI QUESITI: Quesito n 29: QUALORA VI SIANO RETI DI ACQUEDOTTO DI ADDUZIONE TRA PIÙ SERBATOI CHE INTERSECANO PLANIMETRICAMENTE RETI DI ACQUEDOTTO DI DISTRIBUZIONE LOCALE OCCORRE PROCEDERE COME DA CAPITOLATO D'ONERI

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE SERVIZIO DI FOGNATURA anno 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE SERVIZIO DI FOGNATURA anno 2013 COMUNE DI TUENNO Provincia di Trento RENDICONTO DELLA GESTIONE SERVIZIO DI FOGNATURA anno 2013 Allegato al Rendiconto della Gestione dell anno 2013 del Comune di Tuenno approvato con deliberazione del

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

$ $ %" " # & +, -) %! & " ". /!0". 1 % * & - / % & -))2 :))!-))2 : -))2 2 "-))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 22!-))2 -- "-))( -- -))2 1 50657' 51 58 9 9

$ $ %  # & +, -) %! &  . /!0. 1 % * & - / % & -))2 :))!-))2 : -))2 2 -))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 22!-))2 -- -))( -- -))2 1 50657' 51 58 9 9 ! "# $ $ %" " # & '!%" #()*& +, -) %! & " ". /!0". 1 % * & - / % & -)))))) -))2 )3-!-))2-4""-))2 - -))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 :;!-))2 4 -)); - -))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 :(!-))2 4 -)); - -))2 1 50657'

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

COMITATO ISTITUZIONALE

COMITATO ISTITUZIONALE COMITATO ISTITUZIONALE Verbale della Deliberazione n. 23 del 18 giugno 2015 Oggetto: Acque Veronesi scarl - Approvazione progetto definitivo Sistemazione rete fognaria Via Mangano Comune di San Giovanni

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia Maggio 2012 Enia Reggio Emilia srl 3 Ciclo Idrico Integrato: gli assets Abitanti Residenti: 525.776 su 44 Comuni della Provincia di RE Acquedotto

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO ACQUA POTABILE E RACCOLTA LIQUAMI PER MODULI SERVIZI/CUCINA.

APPROVVIGIONAMENTO ACQUA POTABILE E RACCOLTA LIQUAMI PER MODULI SERVIZI/CUCINA. 10436 SISTEMA DI GESTIONE ACQUA X MODULI BAGNO DOCCIE CUCINA Questo Sistema Permette Di Gestire L emergenza Di Bagni Docce Cucine Immediatamente Con Semplicità APPROVVIGIONAMENTO ACQUA POTABILE E RACCOLTA

Dettagli

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Ing. Giorgio MARTINO ACEA ATO2 Spa Roma -Regione Lazio Sala Tevere 25 luglio 2013

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 4 - ZONA 6 - SCUOLA N 5269/5 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO ANTINCENDIO PRESSO LA SCUOLA MATERNA

Dettagli

Tariffe e addebiti vari (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa)

Tariffe e addebiti vari (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa) (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa) Allegato al REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Parte seconda Fognatura e Depurazione Allegato 2 CONTRIBUTO

Dettagli

Richiesta di un credito di fr. 310'000.- per il rifacimento della fognatura e della condotta AAP nel quartiere di Medeglia - Chiesa, seconda tratta

Richiesta di un credito di fr. 310'000.- per il rifacimento della fognatura e della condotta AAP nel quartiere di Medeglia - Chiesa, seconda tratta COMUNE DI MONTECENERI Messaggio Municipale No. 107 Risoluzione municipale No. 434 22 giugno 2015 Richiesta di un credito di fr. 310'000.- per il rifacimento della fognatura e della condotta AAP nel quartiere

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

COMPUTO CONSUNTIVO. Comune di Firenze Provincia di Firenze. Rifacimento impianto smaltimento liquami Condominio Via Passerini OGGETTO:

COMPUTO CONSUNTIVO. Comune di Firenze Provincia di Firenze. Rifacimento impianto smaltimento liquami Condominio Via Passerini OGGETTO: Comune di Firenze Provincia di Firenze pag. 1 COMPUTO CONSUNTIVO OGGETTO: Rifacimento impianto smaltimento liquami Condominio Via Passerini COMMITTENTE: Delta Studio per conto Condominio Via Passerini

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 20 aprile 2014 Messaggio municipale No. 106-2014 che chiede la concessione di un credito di CHF 351'000.00 per la sostituzione della canalizzazione delle acque miste fognarie e il rifacimento

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E POTENZIAMENTO RETE FOGNATURA ACQUE NERE ESISTENTE

STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E POTENZIAMENTO RETE FOGNATURA ACQUE NERE ESISTENTE Allegato A) Delibera G.C. n. 26 del 08.05.2013 Il Segretario Comunale f.to Silvio Grieco Provincia di CREMONA Regione LOMBARDIA Comune di AZZANELLO STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

NUOVA CENTRALE DI SOLLEVAMENTO DELL ACQUEDOTTO SULL ISOLA NUOVA DEL TRONCHETTO INTERVENTI DI COMPLETAMENTO

NUOVA CENTRALE DI SOLLEVAMENTO DELL ACQUEDOTTO SULL ISOLA NUOVA DEL TRONCHETTO INTERVENTI DI COMPLETAMENTO COMUNE DI VENEZIA NUOVA CENTRALE DI SOLLEVAMENTO DELL ACQUEDOTTO SULL ISOLA NUOVA DEL TRONCHETTO PROGETTAZIONE INTERVENTI DI COMPLETAMENTO Marzo 2014 Finalità dell intervento Realizzazione dell edificio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

PREMESSA IL TERRITORIO

PREMESSA IL TERRITORIO PREMESSA La presente relazione accompagna il progetto esecutivo delle attività di pronto intervento diurno e notturno, feriale e festivo e la realizzazione di manutenzioni ordinarie delle reti, allacciamenti

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F INTERVENTI SU SPAZI PUBBLICI E RETI DEI SOTTOSERVIZI - ATTESTAZIONE DEL NESSO DI CAUSALITA

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO

LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO Dott.ssa Marina Martin Dott. Sandro Bressan Funzionari del Servizio Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate della Provincia di Pordenone Pordenone, 25.05.10 acqua@provincia.pordenone.it

Dettagli

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine -

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - - REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - ACQUEDOTTO POIANA SPA TITOLO AGGIORNAMENTO DEL GENERALE DELLE FOGNATURE

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli