ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO"

Transcript

1 ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO II presente Capitolato si riferisce alla FORNITURA DI ALLESTIMENTI MUSEALI ED ARREDI per il Museo di Archeologia ed annessa Biblioteca con sede presso il Palazzo Ingrassia, nel comune di Catania, di proprietà dell Università degli Studi di Catania. Gli arredi dovranno essere consegnati e istallati finiti a regola d'arte e perfettamente funzionanti presso l immobile denominato Palazzo Ingrassia, Via Biblioteca, Catania o presso qualsiasi altra sede, nel Comune di Catania, che l Amministrazione intenderà in fase esecutiva. L esecuzione dell'appalto avverrà secondo le indicazioni del presente Capitolato e degli allegati di progetto predisposti dai progettisti incaricati, alle condizioni tutte contenute nei seguenti articoli. L'appalto prevede la fornitura di allestimenti museali ed arredi per il Museo di Archeologia ed annessa Biblioteca con sede presso il Palazzo Ingrassia, nel comune di Catania, di proprietà dell Università degli Studi di Catania. L'arredo dovrà essere installato e posizionato secondo la distribuzione specificata negli elaborati grafici. Tale distribuzione è da considerarsi di carattere indicativo e pertanto suscettibile di modifiche e aggiustamenti dettate sia da esigenze organizzative sia da variazioni che potrebbero essere introdotte dal Responsabile dell'amministrazione nel corso dell esecuzione dell'appalto. In ogni caso le eventuali modifiche della disposizione degli arredi oggetto della fornitura non potranno costituire in alcun modo titolo per la richiesta di ulteriori compensi o rimborsi per eventuali maggiori oneri. ART. 2 - AMMONTARE E DESCRIZIONE DELLE FORNITURE L importo complessivo presunto per le forniture, delicate nel successivo articolo, ammonta a base d asta presuntivamente ad ,66 (diconsi Euro quattrocento novanta novemila cinquecento cinquanta tre/66) oltre I.V.A.. La fornitura, articolata per lotti, riguarda i seguenti elementi: LOTTO 1 Forniture di produzione di serie (industriale) Articolo Descrizione Quantità ARR.01 Scaffalatura modulare sala lettura N. 29,00 ml Fornitura, montaggio e posa in opera di scaffalatura modulare per sala lettura, composta da montanti in triplo tondino d'acciaio, dotati di piedini regolabili e da piani in lamiera d'acciaio microforata o piena, con piega d'irrigidimento a "doppio spessore" sul bordo frontale arrotondato e con bordo posteriore rialzato e ripiegato nella parte inferiore, per formare la guida di scorrimento dei reggilibri. Il ripiano si aggancia direttamente ai montanti e può essere posizionato sia in orizzontale che in posizione inclinata. La struttura è resa stabile mediante elementi di sostegno quali crociere e schienalini in tondino d'acciaio o schienali in lamiera microforata. Caratteristiche tecniche Piedino: Profondità:45 cm Altezza: Montanti disponibili nell'altezza di 282 cm Colore montanti: Nero bruciato o grigio metallizzato 1

2 Colore piani: Nero semiopaco o grigio metallizzato Montanti: Composti da tre tondini di acciaio verticali Ø7mm allineati frontalmente e tre con pari caratteristiche nella parte posteriore, uniti tra di loro tramite elettrosaldatura da una doppia fila di tondini orizzontali Ø6mm che permettono l'aggancio dei ripiani ogni 11 cm. La luce tra i tondini verticali misurata frontalmente é di 5mm, distanza che permette il passaggio di viti M4 atte a fissare accessori, segnaletiche e nella parte posteriore crocere di irrigidimento o altri elementi di supporto della struttura. I montanti sono dotati inoltre di una doppia fila di tondini Ø6mm inclinati, che irrigidiscono la struttura e che permettono il montaggio dei piani inclinati ogni 22cm. La verniciatura è realizzata con polveri epossidiche di tipo termoindurente color nero bruciato o grigio metallizzato. I piedini regolabili (regolazione max. 15 mm) sono composti da un puntale in tecnopolimero con un inserto filettato in acciaio zincato annegato nella fusione e da una vite in acciaio zincato la cui estremità é annegata in un piedino di appoggio in nylon. I montanti sono inoltre dotati di "tappi" di protezione nella parte superiore realizzati in nylon. Schienali in lamiera microforata: Realizzati in lamiera di acciaio microforata sp.1 mm con tutti i bordi risvoltati antinfortunio. Le estremità sono forate per permettere l'aggancio al montante mediante 4 viti M4 e dadi ad alette con rondelle. Verniciati con polveri epossidiche di tipo termoindurente color nero bruciato, o grigio metallizzato. Ripiani in lamiera microforata : Realizzati in lamiera di acciaio microforata, con piega di irrigidimento a "doppio spessore" sui bordi frontali e posteriori, opportunamente arrotondati anti - infortunio. Il bordo posteriore è rialzato per frenare la caduta dei libri. I bordi trasversali dei piani in metallo sono piegati in modo da potersi incastrare direttamente sui tondini orizzontali dei montanti senza ulteriori sistemi di supporto. La verniciatura è realizzata con polveri epossidiche di tipo termoindurente normalmente color nero opaco o grigio metallizzato. Fissaggio a parete: Staffa di fissaggio a parete realizzata in acciaio sagomata e verniciata con polveri epossidiche di colore nero, atta al fissaggio del montante in tondino d'acciaio alla parete. La staffa è dotata di due fori laterali che permettono l'inserimento dell'opportuna viteria per l'ancoraggio a muro. Compresi inoltre tutti gli accessori per il montaggio ed ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. ARR.02 Tavoli per sala lettura n. 6 Fornitura, montaggio e posa in opera di tavoli per sala lettura realizzati con pannelli in multistrato da 40 mm, rivestiti con essenza ciliegio e trattati su tutta la superficie con vernice poliuretanica opaca. Aventi gambe di sostegno ellittiche in trafilato di alluminio cromato, compresi accessori per il montaggio ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. Dimensioni pari a cm 115x115x72 ARR.03 Sedia fissa con braccioli n. 24 Fornitura, montaggio e posa in opera di sedia fissa con braccioli realizzata in metallo, monoscocca realizzata con un unico foglio di lamiera forata e sagomata verniciata con polveri epossidiche di colore alluminio metallizzato, con gambe e braccioli in tondino di acciaio cromato. Bordo superiore ed inferiore, arrotondato antiurto e antinfortunio. Profilo superiore a filo continuo. Compreso ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. Dim. cm 52x50x78. ARR.04 Scaffalatura compattabile a movimentazione meccanica n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di scaffalatura compattabile a movimentazione meccanica costruita nel rispetto delle norme di tutti gli adempimenti connessi al D.Lgs n.626/94 ed alla Direttiva Macchine (Direttiva 89/392 CEE, e successive modifiche ed integrazioni, atte ad ottenere una maggiore capacità di archiviazione pur diminuendo l'altezza delle scaffalature per potere sempre operare senza l'utilizzo di scale, avendo tutti i ripiani di 2

3 archivio ad altezza uomo. Caratteristiche tecniche : COMPATTABILI A MOVIMENTAZIONE MECCANICA - Le basi delle scaffalature compattabili devono essere realizzate mediante una piattaforma in lamiera d'acciaio da 1,8 mm di spessore presso piegata alla quale devono essere saldate opportune traverse ad omega, dello spessore di 2,5 mm, che sorreggono la scaffalatura e distribuendone il carico legano ulteriormente la struttura di base in modo tale da formare un robusto telaio. Le ruote da 124 mm di diametro (due per ogni slitta, ricavate per tornitura dal pieno) in acciaio ad alto tenore di carbonio e supportate da due cuscinetti schermati a lubrificazione permanente, sono montate su slitte trasversali realizzate in lamiera da 2,5 mm di spessore presso piegata e saldata, le quali vengono imbullonate alla struttura di base, costituendone parte integrale e contribuendo ad aumentare la rigidità torsionale e la resistenza complessiva del carrello. - La traslazione deve avvenire su rotaie poste a pavimento, tramite la rotazione di un volantino a tre razze, posto sul fronte d'ogni singolo carrello. Azionando il volantino si agisce su un ingranaggio che, attraverso una catena di trasmissione, trasmette il moto ad una corona inferiore, la quale a sua volta agisce direttamente sulle ruote. Le ruote delle slitte esterne del carrello sono scanalate e scorrono su binari sagomati, in modo da avere una guida sicura durante la traslazione, mentre quelle interne scorrono su binari piani, costituiti da trafilato d'acciaio. L'impianto deve essere fornito di una pedana che livella il piano, portandolo all'altezza dei binari. Le pedane devono essere costituite da un materiale resistente all'acqua, alle muffe ed ignifugo; con una superficie antisdrucciolo ed antigraffio. Per migliorare l'estetica dell'impianto, il sistema di trasmissione (carter) deve essere "nascosto" tra lo scaffale e la parete frontale lasciando in vista solo il volantino di manovra. Le pareti frontali e le pareti posteriori dei carrelli devono essere rivestite con pannelli in bilaminato (colore grigio), i rivestimenti devono essere forniti, alle estremità, di profili in PVC, sedi per l'inserimento della guarnizioni al fine di garantire la protezione dalla polvere. Gli elementi strutturali verticali che compongono la scaffalatura interna devono essere realizzati con materiali selezionati. La fiancata è formata 2 montanti ricavati da nastro di acciaio fortemente nervato di spessore 15/10, con sagoma ad U da mm. 28x50, provvisto di asole ogni 35 mm. I montanti sono collegati tra di loro da traversini a passo 1500 mm (sagomati nel punto di incastro con i montanti con una nervatura uguale e opposta agli stessoi in modo da creare, una volta incastrati, un blocco unico). I traversini devono essere realizzati con nastro di spessore 12/10. La fiancata deve essere incastrata nella base per mm. 70 in modo da rendere perfettamente rigida la sovrastruttura montata sul carrello. -I ripiani devono essere realizzati da lamiera lucida di prima scelta di spessore 8/10 con bordi scatolati e puntati elettricamente senza presentare nessun punto tagliente. I ripiani descritti devono essere agganciati ai montanti tramite i ganci costruiti in acciaio stampato con nastro di spessore 30/10, posizionati nelle asole dei montanti. -Caratteristiche dimensionali generali - luce netta campate mm altezza totale mm 2680; - ripiani per singolo modulo n. 6 vani utili da 390 mm piano di copertura - profondità netta piani di carico mm Larghezza corridoi mm.900 -antischiacciamento da 700 incluso - Portacartellini inclusi - Fiancate frontali (inizio carrello) in lamiera o Bilaminato colore grigio - Fiancate posteriori (fine carrello) in lamiera - Pedana con scivoli di raccordo inclusa - Parapolveri verticali e superiore incluso - Tinta tutto colore Argento (silver) totale = ml. 832 Utili totali -Impianto "A " dim 3900x3000x2680h = ml. 162 di archiviazione N. 1 Basi fisse monofronti da mm Lungh x prof. 350 fronte carrello formato da n. 3 campate da mm 960; 3

4 N. 1 Basi fisse bifronti da mm Lungh x prof. 650 fronte carrello formato da n. 3 campate da mm 960; N. 3 Basi mobili bifronti da mm Lungh x prof. 650 fronte carrello formato da n. 3 campate da mm 960; -Impianto "B " dim 5450x3000x2680h = ml 335 di archiviazione N. 1 Basi fisse bifronti da mm. Lungh x prof. 650 fronte carrello formato da n. 4 campate da mm 960; N. 6 Basi mobili bifronti da mm Lungh x prof. 650 fronte carrello formato da n. 4 campate da mm 960; -Impianto "C " dim 5450x3000x2680h = ml 335 di archiviazione N. 1 Basi fisse monofronti da mm Lungh x prof. 650 fronte carrello formato da n. 4 campate da mm 960; N. 6 Basi mobili bifronti da mm. Lungh x prof. 650 fronte carrello formato da n. 4 campate da mm 960. Compresi tutti gli accessori per il montaggio ed ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. ARR.07 Postazione di lavoro angolare n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di postazione di lavoro angolare realizzata con pannelli in multistrato da 40 mm, rivestiti con essenza ciliegio e trattati su tutta la superficie con vernice poliuretanica opaca. Avente le seguenti caratteristiche: gambe di sostegno ellittiche in trafilato di alluminio cromato, gonna frontale in vetro acidato di dimensioni pari a cm. 200x204x72h. Compresi accessori per il montaggio ed ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. ARR.08 Cassettiera su ruote a tre cassetti n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di cassettiera su ruote a tre cassetti realizzata con pannelli in multistrato da 19 mm, rivestiti con essenza ciliegio e trattati su tutta la superficie con vernice poliuretanica opaca ed assemblati con perni ed eccentrici. Dotata di serratura con chiave piatta in duplice esemplare. Compreso ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. Dimensioni pari a cm 60x45x58h. ARR.19 Mobile metallico porta disegni n. 4 Fornitura, montaggio e posa in opera di mobile metallico porta disegni costituito da due corpi sovrapposti da 5 cassetti. Realizzato interamente in lamiera d'acciaio verniciato con polveri epossidiche di dimensioni pari a cm. 94x137x112. Compresi accessori per il montaggio ed ogni onere e magistero per dare l'oera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. ARR.20 Casellario a 10 caselle n. 3 Fornitura, montaggio e posa in opera di casellario a 10 caselle, con struttura realizzata in lamiera d'acciaio verniciata a polveri epossidica di colore grigio RAL 7035, provvista di piegature di irrigidimento e fori di areazione posteriori. Avente ante disponibili in colore grigio, arancio, rosso, blu ciascuna chiusa con serratura indipendente, di dimensioni pari a cm. 70x50x180. Compresi accessori per il montaggio ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. ARR.21 Poltrona presidenziale n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di poltrona presidenziale con schienale alto e poggiatesta regolabile, con coppia di braccioli in polipropilene antiurto ed antigraffio regolabili in altezza ( 7 cm ) e larghezza ( cm 4 ) con top in pelle. Progettata e prodotta ai sensi della Normativa DIN Garantita dal marchio GS - Geprüfte Sicherheit - ovvero Sicurezza Controllata. Conforme ai requisiti previsti dalla Norma dell'unione Europea EN 1335 parte Avente sedile di forma anatomica con piano concavo, progettato per il corretto alloggiamento del bacino, per una 4

5 agevole flessione delle ginocchia e per evitare la compressione della muscolatura delle gambe. La parte interna del sedile è composta da multistrati di faggio abbinati a schiumati in poliuretano, rivestiti senza l'utilizzo di collanti. Con schienale di forma anatomica con adeguata supporto del tratto lombare e dorsale per ridurre l'attività muscolare statica del tronco. La parte interna dello schienale è composta da una solida struttura in poliuretanio espanso stampato a freddo abbinato a schiumati in poliuretano, rivestiti senza l'utilizzo di collanti. Avente base di sicurezza a cinque razze in Alluminio con diametro antiribaltamento pari a cm 69, ruote di sicurezza autofrenanti in funzione del carico specifiche per pavimenti duri. Dimensioni totali cm. 69x69x132/144h. Regolatore di altezza del sedile con ammortizzatore di seduta incorporato. Regolatore sincronizzato del movimento sedile e schienale con possibilità di sincronia permanente o posizionamento micrometrico del sedile ( da - 12 ) e dello schienale ( fino a ). Regolatore personalizzato dell' intensità oscillante dello schienale in funzione del peso corporeo dell' operatore ( Kg ) Regolatore dell' altezza dello schienale con sistema easy-touch (cm 7) Imbottiture di spessore antifatica a sostegno della regione lombare, dorsale e cervicale. Rivestimento in pelle. Compresi accessori per il montaggio ed ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. ARR.22 Poltrona attesa n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di poltrona attesa con schienale medio alto (cm 46)con braccioli in acciaio cromato e con top in pelle. Avente telaio di sicurezza a slitta antiribaltamento in acciaio a sezione tonda e finitura in alluminio. Con sedile di forma anatomica con piano concavo, progettato per il corretto alloggiamento del bacino, per una agevole flessione delle ginocchia e per evitare la compressione della muscolatura delle gambe. La parte interna del sedile è composta da multistrati di faggio abbinati a schiumati in poliuretano, rivestiti senza l'utilizzo di collanti. Lo schienale di forma anatomica con adeguato supporto del tratto lombare e dorsale per ridurre l'attività muscolare e statica del tronco. La parte interna dello schienale composta da una solida struttura in poliuretano espanso stampato a freddo abbinato a schiumati in poliuretano, rivestiti senza l'utilizzo di collanti. Le imbottiture di spessore antifatica a sostegno della regione dorsale, lombare con rivestimento in pelle. Progettata e prodotta ai sensi della Normativa DIN Garantita dal marchio GS (Geprüfte Sicherheit ) ovvero Sicurezza Controllata. Compreso ogni onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. Dimensioni totali cm. 59x67x90h. IMPORTO PRESUNTO LOTTO 1 LOTTO 2 Forniture di arredi su misura (artigianali) ,92 + IVA Articolo Descrizione Quantità ARR.05 Armadio n.1 Fornitura, montaggio e posa in opera di armadio atto ad accogliere volumi cartacei, di dimensioni complessive pari a mm 2000 x 700 x 2500 h con struttura portante realizzata con lamiere dello spessore 15/10, pressopiegate a forma rettangolare così da contenere materiale termoisolante, trattate con vernici anticorrosive, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. Provvisto di due ante apribili, cristalli sicurvis 10/11; vano inferiore contenente un deumidificatore con caratteristiche di estrema silenziosità, controllo automatico delle funzioni, dotato di valvola di scarico e di troppo pieno, capacità di deumidificazione minima 0,8 l/h, portata d'aria minima 50 l/s, alimentazione 230 V - 50 Hz. Compreso ogni accessorio, onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici ARD". 5

6 ARR.06 Espositore vetrina orizzontale n. 2 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina orizzontale, di dimensioni pari a mm 700x700x1700 h; con campana in sicurvis 10/11 di dimensioni pari a mm 700x700x700, con sistema di apertura a sollevamento manuale; piedistallo di dimensioni pari a mm 700x700x1000, strutture in scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, pannellature in MDF di adeguato spessore, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. E' incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto. Compresi accessori per il montaggio ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo degli elaborati grafici VT01". ARR.09 Espositore a vetrina a sviluppo verticale n. 9 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina a parete con sviluppo verticale di dimensioni pari a mm 1500x685x2300 h, costituito da strutture portanti in profilati e scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, pannellature in MDF di adeguato spessore, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. Avente apertura con anta del blocco frontale, cristalli 8/9 sicurvis; illuminazione interna con lampade fluorescenti poste sopra un celino di separazione rispetto al vano espositivo; mensole di cristallo dello spessore di mm 10 con bordi lavorati a filo lucido; compreso ogni cablaggio e accessorio elettrico, incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto, ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTV1". ARR.10 Espositore a vetrina a sviluppo verticale n. 8 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina a parete con sviluppo verticale, di dimensioni pari a mm 1200x685x2300 h, costituito da strutture portanti in profilati e scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, pannellature in MDF di adeguato spessore, avente finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. Apertura con anta del blocco frontale, cristalli 8/9 sicurvis; illuminazione interna con lampade fluorescenti poste sopra un celino di separazione rispetto al vano espositivo; mensole di cristallo dello spessore di mm 10 con bordi lavorati a filo lucido. Compreso ogni cablaggio e accessorio elettrico, incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto, ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTV2". ARR.11 Espositore vetrina orizzontale n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina orizzontale, di dimensioni pari a mm 1200x1200x1700 h; campana in sicurvis 10/11 di dimensioni pari a mm 1200x1200x700 h, sistema di apertura a sollevamento manuale; piedistallo di dimensioni pari a mm 1200x1200x1000 h, strutture in scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, pannellature in MDF di adeguato spessore, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. E' incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto. Compreso ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTO2". 6

7 ARR.12 Espositore vetrina orizzontale n. 4 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina orizzontale, di dimensioni pari a mm 1200x700x1700 h; campana in sicurvis 10/11 di dimensioni pari a mm 1200x700x700 h, sistema di apertura a sollevamento manuale; piedistallo di dimensioni pari a mm 1200x700x1000 h, strutture in scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, pannellature in MDF di adeguato spessore, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, colori a scelta della D.LL.. E' incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto. Compresi accessori per il montaggio ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera completa e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTO3". ARR.13 Espositore vetrina orizzontale n. 1 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina orizzontale, di dimensioni pari a mm 1000x500x1700 h; campana in sicurvis 10/11 di dimensioni pari a mm 1000x500x700 h, sistema di apertura a sollevamento manuale; piedistallo di dimensioni pari a mm 1000x500x1000 h, strutture in scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, pannellature in MDF di adeguato spessore, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, colori a scelta della D.LL.. E' incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto. Compresi accessori per il montaggio ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTO4". ARR.14 Pannello modulare n. 87 Fornitura, montaggio e posa in opera di pannello modulare per la costruzione di pareti espositive attrezzate, di dimensioni pari a mm 500 x 2800 h, con struttura portante in scatolari di acciaio e facce esterne in MDF di adeguato spessore, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, colori a scelta della D.LL.; sistema di fissaggio alle pareti; predisposto per l'inserimento di binario elettrificato atto a consentire l'illuminazione delle superfici espositive mediante faretti dicroici o similari. Compresi cavi, accessori elettrici ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici CPM". ARR.15 Pannelli didattico esplicativi n. 26 Fornitura, montaggio e posa in opera di pannelli didattico - esplicativi realizzati con plottaggi ad alta definizione, contenenti immagini e testi secondo indicazione della D.LL.. Montaggio delle stampe su GATOFORM 13 mm; plastificazione antiriflesso; composizione grafica; sistemi di fissaggio a parete e quant'altro occorra per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici PND". ARR.16 Pannelli introduttivi segnaletici n. 6 Fornitura, montaggio e posa in opera di pannelli introduttivi / segnaletici realizzati con plottaggi ad alta definizione, contenenti immagini e testi secondo indicazione della D.LL.; montaggio delle stampe su FOREX 5 mm; plastificazione antiriflesso; composizione grafica; sistemi di fissaggio a parete e quant'altro occorra per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici PNI". 7

8 ARR.17 Espositore vetrina con sviluppo orizzontale n. 5 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina con sviluppo orizzontale, delle dimensioni pari a mm. 2000x1000x1000 h, costituito da strutture portanti in scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate con spessore di 30/10, trattate con vernici anticorrosive, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. L'apertura del vano superiore (espositivo) con anta assistita, cristalli 10/11 sicurvis, con illuminazione interna con lampade fluorescenti, separazione rispetto al vano espositivo con vetro diffusore e vano inferiore attrezzato per la conservazione di monete con appositi cassetti estraibili. E' incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto. Compreso cablaggio e accessori elettrici, ed ogni onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTM1". ARR.18 Espositore vetrina orizzontale n. 2 Fornitura, montaggio e posa in opera di espositore vetrina orizzontale, di dimensioni pari a mm 800x600x1000, con campana in sicurvis 10/11, sistema di apertura a sollevamento manuale, strutture in scatolari di acciaio di sezione adeguata, lamiere di acciaio pressopiegate, trattate con vernici anticorrosive, finiture con vernici poliesteri o poliuretaniche, antigraffio e antiriflesso, di classe 1, date a spruzzo a più mani, con colori a scelta della D.LL.. E' incluso e compensato nel prezzo l'onere per la sistemazione del reperto. Compresi accessori per il montaggio ed ogni onere e magistero per dare l'opera finita e funzionante a perfetta regola d'arte. "Codice identificativo negli elaborati grafici VTM2". IMPORTO PRESUNTO LOTTO ,74 + IVA L'aggiudicazione avverrà per lotti. Ogni concorrente potrà comunque presentare offerta per un singolo lotto o per l intera fornitura. Gli arredi relativi al lotto 1, ai punti specificati qui appreso, dovranno altresì avere conseguito il livello indicato nelle prove fisico-meccaniche eseguite secondo le norme U.N.I. previste, che saranno attestate da apposite certificazioni rilasciate da idonei laboratori specializzati secondo i seguenti requisiti minimi: Sedute singole : (Articolo ARR.03) Rispondente ai seguenti test qualitativi con esito minimo di livello 4 o conforme. UNI EN 1728:2002 (resistenza e durabilità della struttura) UNI EN 1022:2005 (determinazione della stabilità) Poltrone (Articoli ARR.21 ARR.22) Rispondente ai seguenti test qualitativi con esito minimo di livello 5 o conforme, UNI EN 1728:2002 (resistenza e durabilità della struttura) UNI 9084:2002 (durata del meccanismo per la regolazione in altezza del sedile) 8

9 UNI EN 1022:2005 (determinazione della stabilità) Tavoli e scrivanie (ARR.02 ARR.07) Rispondente ai seguenti test qualitativi con esito minimo di livello 4 o conforme. UNI EN 527-3:2003 (resistenza della struttura) UNI 8594:2004 (flessione dei piani) Librerie (Articolo ARR.01 ARR.04) Rispondente ai seguenti test qualitativi con esito minimo di livello 4 o conforme; UNI 8596:2005 (stabilità) UNI 8600:2005 (flessione con carico concentrato) Armadi (Articolo ARR.20) Rispondente ai seguenti test qualitativi con esito minimo di livello 4 o conforme; UNI 9081:2005 (resistenza delle porte carico verticale) UNI EN 14074:2005 (resistenza e durabilità delle parti mobili) UNI 8607:2005 (durata delle porte) Cassettiere: (Articoli ARR.08 ARR.19) Rispondente ai seguenti test qualitativi con esito minimo di isvollo 4 a conforme: UNI 8596:2005 (stabilità) UNI 8604:2005 (durata guida cassetti) UNI 8596:2005 (stabilità) UNI 8600:2005 (flessione con carico concentrato) I prodotti con imbottitura relativi agli articoli ARR.21 e ARR.22, dovranno altresì essere realizzati con l impiego di imbottitura e rivestimento in materiale ignifugo. Per gli articoli in questione, a semplice richiesta del Responsabile dell Amministrazione, dovrà essere prodotta certificazione per una reazione al fuoco di classe 1 IM. Le certificazioni UNI relative a tavoli, librerie e cassettiere possono riferirsi anche ad un prodotto avente dimensioni diverse da quelle richieste, purché della stessa serie. Per gli arredi di produzione di serie (lotto 1) ogni Ditta potrà presentare offerte di elementi aventi dimensioni determinate dalla propria produzione industriale con una tolleranza in più o in meno contenuta nella misura del 10% rispetto a quella indicata. 9

10 Ogni elemento della fornitura del lotto 1, alla consegna e su richiesta del Responsabile dell'amministrazione, dovrà essere accompagnato dalle seguenti informazioni per l uso, redatte nella lingua del paese in cui viene venduto: Informazioni sull'uso previsto Informazioni sulle regolazioni e sul tipo; Istruzioni operative sui meccanismi di regolazione; Istruzioni sulla manutenzione. Per gli arredi di produzione su misura (lotto2), indicati nei disegni di progetto, valgono le misure riportate nei grafici di progetto. A tal fine si precisa che ogni misura indicata per gli articoli del lotto 2 dovrà essere verificata, a cura della ditta assuntrice prima della loro produzione in contraddittorio con il Responsabile dell Amministrazione e potrà essere suscettibile di lievi modifiche dimensionali senza che ciò costituisca elemento per la richiesta di maggiori oneri o danni da parte dell impresa. Costituiscono pane integrante del presente capitolato tecnico i seguenti elaborati grafici: Tav. A RELAZIONE TECNICA Tav. B ANALISI PREZZI Tav. C ELENCO PREZZI UNITARI Tav. D COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Tav. E COMPETENZE TECNICHE PRESUNTIVE Tav. F QUADRO ECONOMICO Tav. G QUADRO INCIDENZA MANO D OPERA Tav. I CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Tav. 1 COROGRAFIA Tav. 2 PIANTE STATO DI FATTO Tav. 3 SEZIONI Tav. 4 PIANTE DI PROGETTO Tav. 5 PIANTE ARREDO MUSEO Tav. 6 PIANTE ARREDO BIBLIOTECA Tav. 7 PIANTE ARREDO SALA LETTURA Tav. 8 ARREDI CON REPERTI ARCHEOLOGICI Tav. 9 BOOK FOTOGRAFICO Tav. 10 RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEGLI ARREDI ART. 3 - OSSERVANZA DELLA NORMATIVA SULLA FORNITURA DI BENI La fornitura è disciplinata dalle seguenti disposizioni, per quanto non previsto nel presente Capitolato: il Testo Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (D.L.vo 12/04/2006, n 163). 10

11 Capitolato d oneri generale per le forniture ed i servizi di competenza del Provveditorato Generale dello Stato (Decreto Ministero del Tesoro 28/10/1985 e successive modifiche ed integrazioni). R.D.2440/1923 e R.D.827/1924 (Regolamento relativo sulla Amm.ne del Patrimonio e per la Contabilità Generale dello Stato e succ. mod. ed integrazioni. Regolamento per l'amministrazione, la contabilità e la finanza dell Università degli Studi di Catania approvato con D.R. n.3994 del 25/09/1996. ART. 4 - DOCUMENTAZIONE DELL'OFFERTA L offerta, a pena di esclusione, dovrà essere compilata in conformità alle prescrizioni contenute nel presente capitolato, nel bando di gara e nell elaborato contenente modalità di partecipazione e di svolgimento della gara. Le offerte saranno impegnative per le imprese concorrenti per il periodo di centottanta giorni decorrenti dal termine ultimo stabilito per la presentazione delle stesse. La documentazione da allegare a corredo dell offerta dovrà comprendere in originale + 1 copia: 1A )Per gli arredi di serie di produzione industriale (Lotto n 1): a) relazione illustrativa degli arredi proposti con l indicazione per ogni singolo pezzo della fornitura, della Ditta produttrice, della serie, del modello e ove richiesto, delle loro dimensioni, delle finiture e colori disponibili; b) disegni, depliant e/o l equivalente materiale illustrativo, necessario alla completa rappresentazione di ogni singolo pezzo della fornitura; 1B)Per gli arredi realizzati su misura (Lotto n 2): c) relazione illustrata della esecuzione, con la indicazione di dettaglio, per ogni singolo articolo della fornitura, delle loro dimensioni, delle finiture e colori; d) disegni integrativi, redatti dalla Ditta, e materiale illustrativo, necessario alla completa rappresentazione della fornitura. Tutta la documentazione e il materiale illustrativo e tecnico allegato dovrà essere contrassegnato con timbro e firma del concorrente. 2 ) Dichiarazione controfirmata dal concorrente dei tempi di consegna della fornitura e completamento dell appalto proposti dall offerente. ART. 5 - DOCUMENTI CONTRATTUALI, AGGIUDICAZIONE E PERFEZIONAMENTO DEL CONTRATTO Fanno parte integrante del contratto: a. II presente Capitolato, l elenco prezzi e gli elaborati grafici. 11

12 b. L'offerta della Ditta assuntrice. L aggiudicazione sarà effettuata in favore dell'impresa che avrà presentato l'offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 60, comma 8 del Regolamento per l'amministrazione, la contabilità e la finanza di questa Università e dell art. 83 del D. Lgs. n 163/2006, la scelta verrà effettuata sul la base dei seguenti elementi con i parametri ed i punteggi di seguito indicati: Per i lotti 1 e 2: Elementi di valutazione: - prezzo 55 - maggiore qualità dei prodotti rispetto al Capitolato 25 - design e finiture 15 - tempi di consegna 5 Punti Per complessivi 100 II prezzo dovrà intendersi complessivo di tutte le spese ed oneri accessori necessari per la fornitura, la consegna e la posa in opera dei prodotti per darli sul posto perfettamente funzionanti e operativi. L offerta economica dovrà essere formulata mediante ribasso d asta sull elenco prezzi posto a base di gara. Si procederà all aggiudicazione anche se sia pervenuta una sola offerta, purché valida. L impresa aggiudicataria, entro 15 (quindici) giorni dalla comunicazione dell esito della gara, dovrà presentare la documentazione prevista nel presente Capitolato. Qualora l Impresa non rimetta i documenti richiesti in regola, o risulti da qualcuno di essi che l Impresa aggiudicataria non è in possesso dei requisiti per l assunzione della fornitura, l Università annullerà l aggiudicazione con provvedimento motivato, incamerando la cauzione provvisoria ed aggiudicherà l appalto al concorrente secondo classificato, il quale rimarrà vincolato all offerta presentata sino al trentesimo giorno successivo alla comunicazione dell esito della gara. Sono fatti salvi ogni altro diritto ed azione spettanti all'università in virtù di norme vigenti in materia. ART. 6 - MODO DI ESECUZIONE DELLE FORNITURE - INADEMPIENZE La Ditta deve effettuare le consegne a proprio rischio e con carico delle spese di qualsiasi natura, nei locali indicati, entro i termini stabiliti e nelle ore in cui i locali sono aperti. Sono compresi tutti gli oneri relativi alla loro installazione nei luoghi che saranno indicati dall incaricato dell Amministrazione, ed è compreso altresì lo sgombero e trasporto a rifiuto di tutti i materiali residui provenienti dal disimballaggio delle forniture, dal loro assemblaggio ed installazione. Nei prezzi offerti deve intendersi compreso, oltre l'utile della Ditta Assuntrice, qualunque spesa, anche se non espressamente prevista, che si rendesse necessaria per dare compiuta a regola d arte la fornitura e ciò perché l Amministrazione non intende, sotto nessun titolo, sostenere altra spesa oltre 12

13 quella convenuta, eccezion fatta per le sole varianti che eventualmente venissero ordinate nei modi di cui all art. 27 del Capitolato d Oneri Generali (Decreto Ministero del Tesoro 28/10/1985). Sono a carico della Ditta assuntrice le seguenti prestazioni: a) la consegna di tutte le parti cogenti i prodotti previsti nella fornitura, comprensivi di ogni spesa di imballaggio, di trasporto, e dì qualsiasi altro genere; b) il montaggio dei prodotti, compresa la manovalanza in aiuto sia per il trasporto che per il montaggio; sono inoltre a carico della ditta eventuali opere murarie strettamente connesse alla posa in opera delle forniture appaltate nonché il ripristino di tutte le opere edili che venissero danneggiate a seguito delle prestazioni previste a carico della ditta; c) le spese di imballaggio, trasporto della merce, trasferta per gli operai, pulizia finale del locali; d) qualunque spesa sebbene non espressamente concordata che, all'atto esecutivo, si renda necessaria per garantire il lavoro a perfetta regola d'arte deve intendersi a carico della Ditta assuntrice, poiché l'amm.ne non sosterrà altra spesa oltre quella convenuta, ad eccezione di eventuali varianti che potrebbero essere come sopra ordinate. La Ditta deve sempre dare avviso all'incaricato dell'amm.ne, per iscritto entro congruo termine, del giorno ed orario in cui dovrà essere effettuata la consegna. L assuntore o persona rivestita di mandato, dovrà essere sempre presente durante le operazioni di consegna, sia per il loro coordinamento sia per le verifiche e visti delle distinte di spedizione, di cui sarà ritenuto l unico responsabile di fronte all Amm.ne. La Ditta assuntrice delle forniture assume la completa responsabilità della buona riuscita e del perfetto funzionamento dei prodotti, i quali dovranno rispondere perfettamente a tutte le condizioni stabilite ne! presente Capitolato. L esecuzione delle forniture deve essere coordinata e subordinata alle esigente di qualsiasi genere che possono sorgere sia dalla contemporanea esecuzione di altre opere affidate ad altre ditte, sia alle attività svolte nei locali interessati dalle forniture medesime. Si precisa sin d ora che, qualora le forniture dei lotti 1 e 2 dovessero essere affidate ad imprese distinte, sarà obbligo e cura di ognuna delle ditte aggiudicatarie consentire l accesso e l uso, anche contemporaneo, dei locali oggetto della fornitura. Qualora si riscontrassero difetti, irregolarità o deperimento di qualsiasi parte dei prodotti, la Ditta dovrà porvi rimedio sostituendo in tutto o in parte le forniture in modo che ogni inconveniente sia eliminato. Se per tali difetti delle forniture o per riparazioni, sostituzioni di parte di queste già in opera o per ritardi nella consegna o per altre cause imputabili alla Ditta Assuntrice, fossero danneggiate o fosse necessario manomettere altre opere (rivestimenti, intonaci, coloriture, ecc.) le spese necessari al ripristino delle opere manomesse sono a carico della Ditta stessa. 13

14 In caso di inadempienza di tale obbligo, e di qualsiasi altro previsto nel presente atto, se entro dieci giorni dall avvertimento scritto da parte del Responsabile dell Amm.ne, la Ditta non avrà provveduto alla esecuzione dei lavori o delle riparazioni richieste, l Amm.ne si riserva ampia facoltà di eseguire direttamente i lavori, riparazioni o sostituzioni, addebitando il relativo importo alla Ditta Assuntrice. ART. 7 - CAUZIONI - SPESE CONTRATTUALI II deposito cauzionale provvisorio dovrà essere costituito secondo i modi e nella misura stabiliti dall Elaborato contenente modalità di partecipazione e di svolgimento della gara. Subito dopo l aggiudicazione della gara i depositi provvisori vengono restituiti alle imprese non risultate aggiudicatarie, ad eccezione della seconda classificata, la quale sarà vincolata sino al 30 giorno successivo alla data di comunicazione dell esito della gara. L Impresa aggiudicataria dovrà costituire cauzione definitiva di importo pari al 10% (dieci percento) dell importo di aggiudicazione, con le medesime modalità previste per la cauzione provvisoria, che potrà essere svincolata non prima della scadenza del periodo di garanzia dei prodotti forniti, e ciò a garanzia dell adempimento di tutti gli obblighi del contratto, nonché del risarcimento dei danni derivanti dall inadempimento degli obblighi stessi, salvo il risarcimento del maggior danno. L impresa aggiudicataria è tenuta a versare presso la Cassa dell Università la somma indicata dall Amministrazione per le spese di copia, stampa, carta bollata nonché per le spese di registrazione degli atti di gara, dovute secondo le leggi in vigore. Il versamento deve essere effettuato entro cinque giorni dalla data di ricezione della richiesta dell'amministrazione. Ove il versamento avvenga in ritardo l importo viene aumentato degli interessi legali per tutta la durata del ritardo. Per il caso di mancato versamento, l Amministrazione ha facoltà di trattenere la somma dovuta, aumenta degli interessi legali, dal deposito provvisorio ovvero in sede di primo pagamento relativo al contratto e ne versa l'ammontare nel competente capitolo d'entrata. ART. 8 TEMPO UTILE PER LA ESECUZIONE DELLE FORNITURE - PENALITÀ II tempo utile per dare complete le forniture previste è di massimo giorni 90 (novanta) naturali, successivi e continui decorrenti dalla data di formalizzazione dell atto negoziale. La ditta aggiudicataria dovrà, con congruo anticipo (almeno 10 gg) comunicare formalmente l avvenuto approvvigionamento degli articoli previsti nella fornitura e la data prevista per la consegna e posa in opera degli stessi. A insindacabile scelta dell Amministrazione, la consegna e posa in opera di tutti gli articoli o parte di essi previsti nella fornitura potrà essere procrastinata per un periodo massimo di sei mesi a decorrere dalla suddetta data prevista per la consegna senza che ciò possa dare diritto a richieste risarcitorie di qualsiasi natura. In tale evenienza l Amministrazione, darà tempestiva comunicazione e l impresa approvvigionerà gli articoli della fornitura presso locali o depositi propri. Nessun rimborso o risarcimento sarà comunque riconosciuto all Impresa per i costi che la stessa potrebbe eventualmente sostenere per il suddetto deposito. Nel caso sopra esposto i tempi previsti 14

15 per la consegna degli articoli, come eventualmente modificati in sede di offerta, si intenderanno interrotti per il periodo indicato dall Amministrazione senza che ciò possa costituire diritto per richieste risarcitorie di qualsiasi natura. Le penalità saranno calcolate ed applicate sulla base delle motivazioni e modalità previste agli artt. 47, 48 e 49 del Capitolato d oneri generale por le forniture ed i servizi di competenza del Provveditorato Generale dello Stato. ART. 9 - ONERI ED OBBLIGHI DIVERSI E RESPONSABILITÀ DELLA DITTA Sono a carico della. Ditta assuntrice, oltre quelli di cui al Capitolato d'oneri Generale e degli altri specificati nel presente Capitolato, gli obblighi ed oneri di cui appresso: a) le prove che l Amministrazione ordinasse in ogni tempo, da eseguirsi presso gli Istituti da essa incaricati, dei materiali impiegati e da impiegarsi, in correlazione a quanto prescritto nel presente Capitolato. Dei campioni può essere ordinata la conservazione a cura dell Amministrazione munendoli di suggelli a firma delle parti nei modi più adatti a garantire l autenticità. b) Il permesso di accedere ai locali in cui si esegue la fornitura agli operai di altre ditte che vi debbono eseguire lavori affidati alle medesime, e la relativa sorveglianza per evitare danno e manomissioni alle proprie forniture, tenendo sollevata l Amm.ne da qualsiasi responsabilità al riguardo. c) La segnalazione all Amm.ne entro i termini prescritti dalla medesima, di tutte le notizie relative all impiego della manodopera. d) Lo sgombero e la completa pulizia, subito dopo il completamento delle installazioni delle forniture, dei locali; la ditta è obbligata alla manutenzione dei prodotti fino alla data di collaudo, restando implicitamente inteso che è in facoltà dell Amm.ne di esercire i prodotti stessi anche nel periodo anteriore a tale data. e) La protezione del pavimento e delle altre finiture durante le operazioni di scarico e installazione dei prodotti, con tutte le cautele che si rendessero necessarie al fine di evitare danni. f) La programmazione concertata con eventuali altre ditte fornitrici e/o installatrici nel caso di lavorazioni contemporanee nei locali oggetto della fornitura nel pieno rispetto delle norme della sicurezza nei cantieri. ART ASSISTENZA TECNICA, MANUTENZIONE E GARANZIA La ditta aggiudicataria è obbligata a garantire gli arredi, le attrezzature e le apparecchiature fornite per il periodo di 2 (due) anni dalla data del collaudo con esito favorevole. Il prezzo offerto è comprensivo della garanzia. Il servizio comprende l assistenza tecnica e la manutenzione ordinaria e straordinaria alle condizioni e con le modalità previste dal presente articolo. 15

16 La ditta, pertanto, garantisce il buon funzionamento di tutte le componenti delle forniture assumendo l obbligo di sostituirle e/o ripararle, senza alcun addebito e risponde dei danni che possano derivare dai vizi delle cose vendute. Tutti i componenti difettosi devono essere sostituiti con i corrispondenti componenti originali della casa produttrice, ovvero, qualora questi non fossero più in produzione con componenti equivalenti o superiori della stessa casa produttrice. Nel caso in cui la riparazione e/o sostituzione richiedano tempi superiori ai due giorni lavorativi, l'impresa sostituirà l apparecchiatura o l arredo in riparazione per tutto il tempo necessario per riattivarla, con un altra di pari caratteristiche e valore. Resta inteso che l Università procederà allo svincolo della cauzione definitiva prevista dall'art.7 dopo la scadenza del periodo di garanzia. ART CESSIONE E SUBAPPALTO Con le limitazioni e prescrizioni di cui all art.118 del D.Lgs. 163/2006 ai concorrenti è data la possibilità di indicare nell offerta le parti dell appalto che intendano eventualmente subappaltare a terzi, come previsto nell elaborato contenente modalità di partecipazione e di svolgimento della gara. E fatto divieto di cessione o subappalto ad avvenuta stipulazione del contratto. In tal caso alla cessione o subappalto di tutto o di parte del contratto di fornitura consegue di diritto la risoluzione del contratto la perdita del deposito cauzionale definitivo, nonché il risarcimento di ogni danno maggiore. I suddetti provvedimenti sono adottati da questa Università con semplice atto amministrativo, senza bisogno di messa in mora, né di pronuncia giudiziale. Nei casi di subappalto autorizzati, rimane impregiudicata la responsabilità dell impresa contraente, la quale continua a rispondere pienamente di tutti gli obblighi contrattuali. L Amm.ne non corrisponderà al subappaltatore o al cottimista l importo dei lavori eseguiti e, pertanto, è fatto obbligo al soggetto aggiudicatario di trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento copie delle fatture quietanzate relative ai pagamenti corrisposti al subappaltatore o al cottimista, con l indicazione delle ritenute di garanzia effettuate. Si applicano le ulteriori disposizioni previste dall art. 18 della L. 19/03/1990 n 55 e successive modifiche ed integrazioni. ART CORRISPETTIVO DELLA FORNITURA Il corrispettivo della fornitura per come determinato in sede di aggiudicazione, si intende comprensivo di tutte le spese, oneri fiscali, obblighi previsti nel presente capitolato e nell elaborato contenente modalità di partecipazione e di svolgimento della gara; nonché comprensivo di ogni altro onere a carico dell impresa sulla base delle norme in vigore, ed in connessione con l esecuzione del contratto, quali ad es. il confezionamento, l imballaggio ed il trasporto fino al luogo indicato per la consegna, installazione, etc.. Detto corrispettivo rimarrà fisso ed invariabile e non sarà soggetto a variazioni o 16

17 revisione. Saranno corrisposti pagamenti in acconto di somme dovute nella misura di diciotto ventesimi dell importo (ritenuta del 10%) delle forniture installate, previa redazione di apposito verbale di presa in consegna di cui all art. 14, ogniqualvolta le medesime avranno raggiunto l importo di ,00 (diconsi euro cinquantamila/00) al netto della succitata ritenuta, ovvero qualora sia stata completata la fornitura relativa ad ogni lotto a prescindere dell importo dello stesso. La rata di saldo sarà pagata dall Università degli Studi di Catania entro quarantacinque giorni dalla data del collaudo favorevole, o se successiva, dalla data di presentazione della fattura. Rimangono totalmente a carico dell impresa aggiudicataria le spese sostenute per la partecipazione alla gara, le spese sostenute dall Amm.ne per l espletamento della stessa, tranne quelle di pubblicità, nonché le spese di scritturazione, copie, stampe, etc., gli oneri fiscali di bollo e di registro. L IVA gravante sull importo della fornitura sarà regolata dal D.P.R. 26/10/1972, n 633 e successive modificazioni. ART PER LA VALUTAZIONE DELLE FORNITURE Per tutte le forniture contemplate nel contratto, sono stabiliti i prezzi convenuti, che sono da ritenersi comprensivi di tutti gli oneri che si rendessero necessari ad assicurare che le forniture eseguite rispondano pienamente ai requisiti prescritti dal contratto. Tuttavia se durante l esecuzione delle forniture l Amm.ne richiedesse varianti che portino aumenti o diminuzioni delle forniture da eseguire, il relativo importo sarà valutato in base ai prezzi unitari convenuti, e nel caso che non fossero previsti, mediante la stipulazione di nuovi prezzi. La Ditta assuntrice da parte sua, durante l esecuzione delle forniture, non può introdurre variazioni alle forniture senza avere ricevuto l autorizzazione per iscritto da parte del responsabile dell Amm.ne, con l indicazione dell'avvenuta approvazione superiore. ART COMPLETAMENTO PARZIALE E TOTALE DELLE FORNITURE Al completamento parziale o totale delle forniture la ditta dovrà informare per iscritto il responsabile dell Amm.ne che, previo congruo preavviso, procederà alle necessarie contestazioni in contraddittorio con la ditta, redigendo apposito verbale di presa di consegna che dovrà essere firmato dall incaricato della Ditta e dal responsabile dell Amm.ne. Nei verbali di presa di consegna debbono essere riportati esclusivamente i beni e le apparecchiature, poste in opera o messe in funzione, conformemente a quanto previsto in contratto, salvo eventuali piccole manchevolezze, difetti, guasti, inconvenienti, in genere e difformità di lieve entità, constatati all atto della consegna e della posa in opera, che a giudizio del Responsabile dell Amm.ne si ritiene possono essere posti dalla Ditta nelle condizioni prescritte in contratto. Detti rilievi debbono essere verbalizzati nel medesimo verbale dì presa in consegna. I verbali di ricevimento debbono essere allegati, a tempo debito, alle fatture di pagamento unitamente alle distinte di spedizione, inerenti le forniture verbalizzate, che in copia dovranno essere prodotte dalla Ditta. 17

18 La Ditta sarà sempre ritenuta responsabile dei difetti di costruzione e della cattiva qualità dei materiali impiegati. ART COLLAUDO A prescindere dai collaudi parziali che potranno essere disposti dall'amm ne, le operazioni di collaudo definitivo avranno inizio nel termine di trenta giorni dalla data dell'ultimo verbale di presa in consegna attestante il completamento totale delle forniture e saranno portate a compimento nel termine di quindici giorni dall inizio, con l'emissione del relativo verbale e l'invio dei documenti all'amm.ne. La Ditta dovrà a propria cura e spese, mettere a disposizione del Collaudatore gli operai ed i mezzi d'opera occorrenti, oltre il ripristino e/o sostituzione di tutte le parti delle forniture deteriorate a seguito dell esecuzione di prove, accertamenti, analisi, disposte per le operazioni di collaudo delle forniture. Le operazioni di collaudo debbono sempre risultare da specifico verbale, firmato dagli esecutori e dagli incaricati della Ditta e dovranno eseguirsi secondo le modalità previste dagli artt.42, 43, 44 e 45 del Capitolato d'oneri generale per le forniture ed i servizi di competenza del Provveditorato Generale dello Stato, che si richiamano integralmente. Alle operazioni di collaudo la Ditta può farsi rappresentare dai propri incaricati. ART DIFETTI DI COSTRUZIONE E GARANZIE DELLA DITTA Si richiamano integralmente le disposizioni di cui all'art.46 del Capitolato d'oneri generale per le forniture ed i servizi di competenza del Provveditorato Generale dello Stato, con estensione della garanzia su tutti gli articoli forniti a 2 anni complessivamente, che si intendono estese anche in conseguenza dell uso, purché corretto, delle forniture medesime. ART OSSERVANZA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO Si richiamano integralmente le disposizioni di cui all'art.10 del Capitolato d'oneri generale per le forniture ed i servizi di competenza del Provveditorato Generale dello Stato. Dovranno essere inoltre rispettate tutte le norme in materia di sicurezza, con specifico riferimento alle attività relative al cantiere edile, assicurando tutte le operazioni di coordinamento con altre imprese presenti nei luoghi oggetto della fornitura. Per le inadempienze denunciate dall'ispettorato del Lavoro e/o da Enti preposti alla gestione delle assicurazioni sociali e previdenziali, l'amm.ne si riserva il diritto di operare una ritenuta fino al 20% dell'importo contrattuale. La ditta è responsabile dell'ordine e della disciplina del proprio personale ed operai, impegnandosi ad allontanare tempestivamente il personale che, a giudizio dell'amm.ne, non fosse idoneo agli incarichi affidatigli. ART DISPOSIZIONI FINALI 18

19 Per quanto non previsto e non in contrasto con gli articoli del presente Capitolato si richiamano le norme contenute nel Capitolato d'oneri generale per le forniture ed i servizi di competenza del Provveditorato Generale dello Stato (D. Min. Tesoro 28/10/85). Per qualsiasi controversia relativa alla validità, interpretazione ed esecuzione del contratto è competente esclusivamente il Foro di Catania. 19

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

CAPITOLATO/DISCIPLINARE

CAPITOLATO/DISCIPLINARE CAPITOLATO/DISCIPLINARE Il presente bando è finalizzato all acquisto di nr. 1 trattore stradale usato per traino semirimorchi da utilizzare per il servizio di trasporto RSU prodotti nel territorio del

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Prodotti tecnicamente evoluti

Prodotti tecnicamente evoluti Tavoli&sedie Prodotti tecnicamente evoluti Tavoli & Sedie La collezione Point tavoli & sedie realizzata per Mondo Convenienza raggruppa una famiglia di prodotti adatti per la casa, spazi per l ufficio

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli