SPECIFICA TECNICA SISTEMA MOBILE PER RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIFICA TECNICA SISTEMA MOBILE PER RACCOLTA DIFFERENZIATA"

Transcript

1 SPECIFICA TECNICA SISTEMA MOBILE PER RACCOLTA DIFFERENZIATA Premesse : Il sistema Mobile per la raccolta differenziata di rifiuti urbani ed assimilati viene utilizzato per avviare il servizio di Raccolta Porta a Porta di Prossimità al fine di sensibilizzare gli utenti e di raccogliere grandi quantità di rifiuti conferiti in forma differenziata, Il sistema deve essere composto da: Item Q.tà Descrizione A 1 Centro Ecomobile per la raccolta differenziata di rifiuti urbani, ivi compresi RUP e RAEE, con impianto fotovoltaico, cabina operatore attrezzata. B 1 Container Scarrabile Attrezzato idoneo per la raccolta differenziata di una pluralità di materiali

2 Descrizioni Tecniche delle Attrezzature Prescrizioni tecniche e funzionali minime A - Centro Ecomobile per la raccolta differenziata di rifiuti urbani, ivi compresi RUP e RAEE, con impianto fotovoltaico, cabina operatore attrezzata. Il Centro Ecomobile è un isola ecologica itinerante presidiata multifunzionale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, ivi compresi i pericolosi RUP e elettrici ed elettronici RAEE. Il Centro Ecomobile dovrà poter essere allocabile quotidianamente in differenti aree del territorio grazie ad una struttura scarrabile compatibile con i mezzi muniti di sistema di aggancio di normale impiego. Il Centro Ecomobile dovrà permettere di raccogliere tipologie differenti di materiali pericolosi, elettrici ed elettronici, oltre che varie tipologie di materiali differenziati e consentire, grazie alla sua mobilità, l estensione del servizio svolto dai Centri di Raccolta anche ad aree specifiche in cui operare secondo un calendario predefinito o per specifiche manifestazioni a carattere ambientale. Il Sistema dovrà essere composto da due parti principali integrati fra loro: - N 1 CONTAINER: struttura scarrabile da 6,2 metri, dotato di una pluralità di contenitori, con impianto fotovoltaico, compatibile con i mezzi muniti di sistema standard di aggancio Multilift installati su automezzi a 3 assi 6x2; - N 1 Centro Ecomobile per la raccolta differenziata di rifiuti urbani, ivi compresi RUP e RAEE, con impianto fotovoltaico, cabina operatore attrezzata Il Centro Ecomobile dovrà garantire una notevole flessibilità per quanto attiene all impiego degli spazi interni al container: dovranno esistere zone attrezzate per le singole tipologie di materiali, ma al contempo i vari contenitori dovranno poter essere collocati ed ancorati in varie ubicazioni con ancoraggi idonei anche per le fasi di carico e trasporto. Ciò dovrà consentire all operatore che presidierà il Centro Ecomobile di gestire i conferimenti in funzione delle tipologie e delle dimensioni dei materiali che gli utenti progressivamente conferiranno nelle varie giornate di operatività del Centro Ecomobile sul territorio. Container Robusto container scarrabile avente le seguenti caratteristiche: - dimensioni di ingombro in condizione di trasporto (container chiuso): circa 6,2 m x 2,5 m x h max. 2,65 m (la lunghezza è pari circa 6 metri + il sistema di aggancio) - altezza gancio di presa: 1470 mm da terra (centro tondo) - bancata: circa 1060 mm (esterno delle travi di appoggio a terra) - dimensioni di ingombro in condizione di lavoro (aperto): circa 7,4 m x 3,8 m x h max. 2,65 m - peso pari a circa 4000 kg. Il container dovrà essere realizzato in materiale ferroso con spessore minimo pari a 3 mm, con scatolati esterni di irrigidimento. La protezione superficiale esterna del container dovrà essere realizzata mediante un trattamento di sabbiatura, una mano di fondo ed una verniciatura finale di colore bianco semi-lucido. Il Centro Ecomobile dovrà comprendere aree attrezzate destinate principalmente alla raccolta dei RAEE e dei RUP. La zona RAEE dovrà essere strutturata per accogliere le diverse tipologie di apparecchiature elettriche ed elettroniche previste dalle leggi e direttive vigenti.

3 La zona RUP dovrà essere idonea al posizionamento e all ancoraggio di adeguati contenitori a norma ADR per il conferimento di rifiuti pericolosi per quanto attiene allo stoccaggio temporaneo di modeste quantità di materiali. Il Centro Ecomobile dovrà prevedere la possibilità di svuotare le varie zone in modo indipendente una dall altra, mediante la apertura dei portelli posizionati sul lato destro del container (rispetto al senso di marcia in fase di trasporto). Il lato sinistro del container dovrà essere costituito da portelloni rotanti verso l alto che dovranno costituire una protezione per circa un metro dagli agenti atmosferici diretti e da pedane ruotanti verso il basso che dovranno realizzare il piano di calpestio di accesso al container per il conferimento. Le pedane dovranno essere rivestite in lamiera di alluminio mandorlato antisdrucciolo. I portelloni e le pedane dovranno essere ad apertura manuale servoassistita. Il lato destro del Container dovrà prevedere una coppia di ampi portelli per il prelievo dei contenitori. Zona per la raccolta dei RUP. Sotto al grigliato dovranno essere collocati idonei dispositivi per la raccolta di eventuali liquidi che non dovranno quindi poter fuoriuscire anche durante le fasi di carico e trasporto del container. Dovranno essere previsti idonei sistemi di chiusura con serrature e lucchetti al fine di consentire il deposito temporaneo del Centro Ecomobile su suolo pubblico. Impianto elettrico ed Alimentazione elettrica Il Centro Ecomobile dovrà essere operativo con tensione pari a 24 volt. L impianto dovrà comprendere la illuminazione artificiale interna. L alimentazione elettrica dovrà essere basata su pannelli fotovoltaici che dovranno essere di tipo ad alto rendimento e dovranno essere ancorati sul tetto del container. Gli accumulatori dovranno essere del tipo senza manutenzione e dovranno trovare posto all interno del container in un apposito vano. I pannelli fotovoltaici dovranno consentire di funzionare in modalità stand-alone, cioè senza alcuna connessione alla rete elettrica per almeno 72 ore di impiego continuo. Il Centro Ecomobile dovrà operare a 24 Volt. Il Centro Ecomobile dovrà essere comunque dotato di una presa esterna di tipo industriale per il collegamento alla rete elettrica a 220 Volt; si dovrà prevedere la presenza di un carica batterie. Il Centro Ecomobile dovrà essere in grado di alimentare un Container Scarrabile Attrezzato (non compreso in questa voce del progetto) mediante un idoneo impianto elettrico a 24 volt che dovrà comprendere quantomeno un interruttore, una presa ed un cavo elettrico di lunghezza pari a 5 metri al fine di fruire della energia accumulata nelle batterie del Centro Ecomobile anche per alimentare l impianto di luce artificiale del Container Attrezzato. Cabina Operatore Attrezzata Il container dovrà comprendere una cabina attrezzata dedicata alla funzione di ufficio per l operatore che presidierà il Centro Ecomobile. La cabina dovrà prevedere anche un bagno con gli elementi base per la permanenza di un operatore nelle ore di servizio e dovrà prevedere anche un idoneo serbatoio di recupero delle acque nere. Contenitori

4 Il Centro Ecomobile dovrà prevedere una molteplicità di contenitori di varie tipologie e dimensioni fra cui fusto per oli vegetali, fusto per oli minerali, vano attrezzato per neon, contenitore per raccolta toner e cartucce, contenitore per raccolta vernici e solventi, contenitore raccolta pile, contenitore raccolta farmaci, contenitore raccolta batterie esauste, cassetti per RAEE di piccole e medie dimensioni. Nel Centro Ecomobile dovranno trovare posto varie tipologie di contenitori dotati di elementi di aggancio a terra o a parete; all interno del Centro Ecomobile si dovranno trovare inoltre vani attrezzati per l ancoraggio e lo stoccaggio temporaneo di rifiuti voluminosi. Dotazioni minime: N 1 cassettiera dotata di almeno n.10 cassetti da almeno 50 litri ciascuno. I cassetti dovranno consentire il conferimento di RAEE di piccole e medie dimensioni. Ogni cassetto prevedere la sede per un pannello mobile in forex (compreso) per la icona del materiale da posizionare. N 1 struttura metallica per l ancoraggio di n. 3 contenitori carrellati da 360 litri a norma EN 840 (compresi); la struttura dovrà essere ancorata al piano interno del Container e dovrà consentire di mantenere in posizione verticale ciascuno dei contenitori garantendo la possibilità di conferimento; la struttura dovrà essere dotata di una traversa rimovibile che dovrà consentire all operatore di prelevare i contenitori per lo svuotamento. N 1 carenatura metallica rotante atta a contenere n. 3 fusti da 60 litri per la raccolta di oli. La carenatura dovrà consentire un agevole rotazione manuale a cura dell operatore in fase di apertura del Container; la rotazione dovrà avvenire attorno ad un asse verticale posizionato all interno della parete del lato-gancio del container. La carenatura rotante dovrà prevedere un vano attrezzato per la raccolta di lampade al NEON: l introduzione e l estrazione dovranno avvenire attraverso un apposito antello dotato di chiusura con chiave. N 5 contenitori da 30 litri per la raccolta di materiali di piccole dimensioni quali ad esempio pile scariche, medicinali scaduti, CD-ROM. Ciascun contenitore dovrà essere dotato di vaschetta interna e di sportello frontale completo di serratura a chiave. I contenitori dovranno essere ancorati all interno di un apposito armadio in acciaio completo di bocchette di conferimento e di apposite sedi per posizionare i pannelli (compresi) in forex intercambiabili che indicano i materiali. N 1 contenitore per Batterie al piombo da 250 litri. N. 2 Roll-Container in filo di acciaio da 800 x 710 x h 1800 mm con 3 lati, 1 ripiano e 2 cinghie di chiusura frontale. Il Centro Ecomobile dovrà inoltre prevedere: N. 2 Pedane metalliche mobili ripiegabili per il carico e lo scarico dei materiali a cura dell operatore addetto al presidio del Centro Ecomobile. N. 8 Cinghie flessibili complete di tendi-cinghia per l ancoraggio di materiali sfusi con i relativi ancoraggi ausiliari a parete e/o a pavimento. N 1 KIT ADR comprendente: elmetto, filtro A2B2E2K2, maschera facciale, stivali in gomma, completo pluvio, doccia lava-occhi, n.2 lampade segnaletiche arancione, n.4 batterie per lampada, rotolo nastro segnalatore biancorosso, guanti in gomma, tappetino in gomma, badile, sacco di segatura. N 1 Estintore in polvere da 6 kg.

5 Impianto idrico: lavandino, serbatoio con rubinetto per carico acqua con indicatore di livello, serbatoio di raccolta acqua di scarico con rubinetto di spurgo. Mensola in acciaio per posizionamento della Doccia lava-occhi d emergenza. Segnaletica: adesivi posteriori bianchi e rossi rifrangenti, banda gialla posteriore rifrangente, bande gialle rifrangenti su pedana e portellone per visibilità in posizione di lavoro con Centro Ecomobile aperto. Tutto quanto necessario a norma di legge. Estetica e comunicazione Decorazione esterna personalizzata di tutto il container con immagini, loghi e slogan a colori. N. 12 Espositori formato A4 in poliammide entro cui infilare i pannelli mobili in forex da 3 mm che dovranno indicare le differenti tipologie di rifiuto. N. 2 Espositori formato 100x50 cm in poliammide entro cui infilare i pannelli mobili in forex da 3 mm che dovranno indicare le regole generali da seguire per il conferimento ed aspetti legati alla comunicazione. I soggetti grafici per pannelli e la decorazione saranno successivamente comunicati dalla SA. B - Container Scarrabile Attrezzato Container Scarrabile Attrezzato da circa 6,7 metri complessivi, con gancio di presa e rulli su entrambi i lati corti del container, comprendente due camere che dovranno occupare l intero volume del container. Le camere dovranno operare in modo indipendente garantendo la possibilità di caricare e scaricare rifiuti urbani ed assimilati da entrambi i lati lunghi del container mediante sportelli apribili verso l alto e piani inclinati da un lato, e portelloni con apertura a libro sul secondo lato lungo al fine di garantire la massima ampiezza di apertura lungo i fianchi del container. Il Container Attrezzato dovrà essere uno scarrabile compatibile con gli automezzi 6x2 dotati gancio idraulico di carramento/scarramento da 25 tonnellate (tipo Multilift). DIMENSIONI CONTAINER dimensioni di ingombro in condizione di trasporto (container chiuso): circa 6,7 m x 2,5 m x h max. 2,65 m (compresi i due sistemi di aggancio) altezza ganci di presa: 1470 mm da terra (centro tondo) bancata: circa 1060 mm (esterno delle travi di appoggio a terra) dimensioni di ingombro in condizione di lavoro (aperto): circa 6,7 m x 4,3 m x h max. 2,65 m peso a vuoto dovrà essere di circa 4000 kg. Il Container Scarrabile Attrezzato dovrà poter operare in modo autonomo e quindi dovrà poter essere posizionato su suolo pubblico ed altresì all interno di un centro di raccolta per la raccolta di varie frazioni di rifiuto urbano o assimilato anche di tipo pericoloso. Inoltre, il Container Scarrabile Attrezzato dovrà poter operare in combinazione con il Centro Ecomobile informatizzato al fine di garantire un ampio volume per lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti conferiti dagli utenti in modo differenziato. Il Container Scarrabile Attrezzato dovrà essere realizzato in materiale ferroso con spessore minimo pari a 3 mm, con scatolati esterni di irrigidimento. La protezione superficiale esterna del Container dovrà essere realizzata mediante un trattamento di sabbiatura, una mano di

6 fondo ed una verniciatura finale di colore bianco semi-lucido. Tutto il pavimento interno del Container dovrà essere posizionato a max. 380 mm da terra e dovrà essere realizzato in grigliato, sotto il quale dovranno essere posizionati elementi idonei a garantire la protezione contro la fuoriuscita di eventuali liquidi. Dovranno essere fornite almeno n.12 barre ferma-carico mobili a disposizione dell operatore per ancorare materiali sfusi e/o carrelli Roll-Container; le barre fermacarico dovranno essere profili in acciaio con piedi antiscivolo in grado di impegnarsi verticalmente fra il piano interno a pavimento ed il piano interno a soffitto. Il Container dovrà prevedere la possibilità di svuotare le camere in modo indipendente una dall altra, mediante la apertura di portelli apribili a 180 posizionati sul lato del container. Dovranno essere previsti idonei sistemi di chiusura con serrature e lucchetti al fine di consentire il deposito temporaneo del Container Attrezzato su suolo pubblico. Dovranno essere compresi nella fornitura: N.1 Carrello manuale per il trasporto di oggetti (ad es., una lavatrice) ancorabile a parete. N. 20 cinghie complete di tendi-cinghia per l ancoraggio di materiali sfusi. N. 12 Roll-Container in acciaio da 800 x 710 x h 1800 mm con 4 lati ed 1 ripiano e 2 cinghie ausiliarie, che dovranno essere posizionabili ed ancorabili all interno di una delle camere del Container Attrezzato. Impianto di illuminazione artificiale interno al Container Attrezzato con apparecchi illuminanti a 24 volt, interruttore di accensione, presa per la alimentazione esterna per le fasi di lavoro in combinazione con il Centro Ecomobile che dovrà fornire l energia necessaria. Segnaletica: adesivi posteriori bianchi e rossi rifrangenti, banda gialla rifrangente posteriore e nelle parti prominenti in fase di lavoro, nel rispetto delle norme vigenti. Estetica e comunicazione Decorazione esterna personalizzata di tutto il container con immagini, loghi e slogan a colori. N. 12 Espositori formato A4 in poliammide entro cui infilare i pannelli mobili in forex da 3 mm che dovranno indicare le differenti tipologie di rifiuto. N. 2 Espositori formato 100x50 cm in poliammide entro cui infilare i pannelli mobili in forex da 3 mm che dovranno indicare le regole generali da seguire per il conferimento ed aspetti legati alla comunicazione. I soggetti grafici per pannelli e la decorazione saranno successivamente comunicati dalla SA. Formazione del personale L'impresa aggiudicataria dovrà sostenere a proprie spese un corso di addestramento sull'uso e la manutenzione delle attrezzature al personale AMA S.p.A. presso gli stabilimenti AMA S.p.A.; in particolare dovrà essere garantita. formazione minima del personale presso la sede indicata dalla Stazione Appaltante di almeno 8 ore con la partecipazione indicativa di 4 6 addetti per sessione, per circa 60 operatori. La formazione dovrà essere completa ed esaustiva delle caratteristiche delle attrezzature oggetto di fornitura e del modo di utilizzarle al fine di rendere la Stazione Appaltante indipendente nell utilizzo delle attrezzature stesse.

7 I corsi dovranno iniziare entro 1 (uno) giorno dalla consegna della prima attrezzatura(le date saranno stabilite insieme agli incaricati del Servizio Prevenzione e Protezione AMA). La ditta dovrà far pervenire ai competenti uffici aziendali il materiale didattico ed il riepilogo delle tematiche operative e di sicurezza affrontate nel corso. Ai partecipanti ai corsi dovrà essere distribuito materiale didattico inerente i vari argomenti trattati. La ditta aggiudicataria dovrà impegnarsi a garantire ulteriori corsi di formazione del personale, su richiesta dell'ama, per almeno i tre anni successivi alla scadenza del periodo di garanzia dell'ultima macchina consegnata. I corsi tenuti dalla ditta aggiudicataria dovranno comprendere le informazioni e le istruzioni d'uso delle attrezzature, con particolare attenzione in merito alla sicurezza, alle condizioni d'impiego e alle situazioni anomale prevedibili. Tutte le informazioni date ai lavoratori dovranno risultare chiare e comprensibili Il personale formatore designato dalla impresa aggiudicataria dovrà avere la necessaria competenza e comprovata professionalità per eseguire la formazione richiesta. Egli dovrà avere cura di registrare su apposito foglio firma i discenti che parteciperanno alle sessioni formative e dovrà consegnare copia di tali fogli firma debitamente controfirmati alla stazione appaltante (Servizio Prevenzione e Protezione). Assistenza post vendita Dovrà essere garantito un Servizio di Assistenza e Manutenzione per una durata minima iniziale di 24 mesi con decorrenza dalla data di collaudo. La fornitura delle attrezzature verrà corredata di un servizio di Garanzia, la cui remunerazione è comunque compresa nel prezzo di fornitura, su tutti le attrezzature fornite comprendente interventi di riparazione e di ripristino delle condizioni originali di funzionamento dell intera fornitura. Il servizio di assistenza in garanzia sarà svolto e seguito da centri di assistenza successivamente indicati da parte della società risultata aggiudicataria, e comprenderà quanto di seguito indicato: - Servizio di Manutenzione Ordinaria; - Servizi di aggiornamento registri di manutenzione e certificazione periodica interventi effettuati (art. 71 del D.lgs. 81/08); - Servizio di effettuazione eventuali campagne di richiamo e/o risanamento sulle attrezzature - Indicazione dei referenti dei centri di assistenza post vendita con annessa reperibilità quotidiana; - Adempimenti dei centri di assistenza post vendita in materia di sicurezza sul lavoro. Manutenzione Ordinaria

8 In caso di guasto e/o anomalia di funzionamento delle attrezzature, la società aggiudicataria provvederà quindi a far effettuare a sua cura ed onere, presso uno dei centri di assistenza indicati in funzione del tipo di guasto, gli interventi di Manutenzione Ordinaria di che trattasi sulle attrezzature affette da guasti e/o anomalie non imputabili a: - danneggiamenti acclarati ed in equivoci; - imperizia; - incuria; - errata manovra o uso improprio del Centro e/o dell attrezzatura. Tali interventi prevedranno da parte del centro di assistenza l utilizzo di parti di ricambio originali nuove di fabbrica e materiali di consumo di prima qualità, necessari ad eliminare i guasti occorsi o le anomalie segnalate. I tempi di realizzazione del singolo intervento in garanzia non potranno essere superiori alle 24 ore, salvo interventi concordati con la Stazione Appaltante. Il periodo di garanzia decorrerà dal momento del Collaudo per accettazione del primo Centro e terminerà allo scadere del periodo indicato in sede di offerta (non inferiore comunque a 24 mesi) successivo alla data di Collaudo dell ultimo Centro con esito positivo. Il collaudo di ciascun Centro consegnato verrà effettuato entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla data della relativa consegna che verrà attestata nel Verbale di consegna a firma congiunta tra AMA e l aggiudicatario. Delle operazioni di collaudo verrà redatto apposito Verbale di collaudo a firma congiunta tra AMA e l aggiudicatario, nel quale verrà attestata la data del collaudo con esito positivo. Nel caso di esito negativo del collaudo, il Centro si considererà come non consegnato; ciò fino alla data di collaudo con esito positivo: fino a tale data AMA potrà applicare al Fornitore le penali per mancata consegna di cui allo Schema di contratto. In caso di esito negativo del collaudo, il Fornitore deve sostituire ciascun Centro il cui collaudo non ha avuto esito positivo e sottoporre i nuovi Veicoli a collaudo entro e non oltre il termine di 15 (quindici) giorni solari consecutivi decorrenti dalla data del Verbale di collaudo con esito negativo. Servizio di registrazione e certificazione interventi manutentivi in garanzia (art. 71 del D.Lgs. 81/08) Nel periodo di garanzia indicato, in relazione alle disposizioni legislative vigenti, i centri di assistenza della ditta aggiudicataria provvederanno a tenere un apposito registro nel quale saranno contenute le singole Schede Macchina. Ogni Scheda Macchina, da tenere anche sotto forma di file informatico, dovrà contenere tutti gli interventi eseguiti mensilmente su ognuno dei Centri forniti registrandone: - la data - l orario; - il luogo di intervento; - il tipo di eventuale difetto riscontrato; - il tipo di intervento effettuato;

9 - la durata; - i materiali eventualmente sostituiti; - lo/gli operatore/i che ha/hanno eseguito l intervento; - eventuali annotazioni a margine dell intervento (qualora ritenute necessarie). I vari file relativi a tutte le Schede Macchina di tutti i Centri forniti, appositamente compilati, dovranno essere consegnati periodicamente ai competenti uffici AMA Parimenti alla consegna delle Schede Macchina, i centri di assistenza della ditta fornitrice dovranno consegnare, per ogni Centro oggetto di interventi di manutenzione nel mese, la dichiarazione di conformità degli interventi realizzati agli standard previsti dal costruttore. Campagne di richiamo e risanamento veicoli e allestimenti Nell ambito del servizio di Garanzia la ditta fornitrice si impegna comunque a far effettuare presso i centri di assistenza tutti gli interventi (a titolo gratuito) derivanti da eventuali difetti di fabbricazione, di costruzione e/o montaggio dei Centri (anche in presenza di particolari non rilevatisi di sufficiente qualità o affidabilità operativa). La ditta avrà inoltre l obbligo di estendere, il più rapidamente possibile a propria cura, onere e responsabilità, eventuali campagne di richiamo o di risanamento per guasti e/o difetti individuati dal costruttore del Centro o dell allestimento forniti dandone tempestiva comunicazione alle preposte unità del gruppo AMA. Reperibilità referenti dei centri di assistenza La ditta aggiudicataria provvederà ad indicare i responsabili di detti centri ai quali verranno inviate tutte le comunicazioni da parte degli organi di controllo del gruppo AMA quali interfacce ufficiali per la gestione della Garanzia con annesso Servizio di Manutenzione. Di tali referenti la ditta dovrà indicare: - il nominativo; - i recapiti telefonici: cellulare fisso e fax; - l indirizzo ; - indicazione di un eventuale sostituto in caso di congedi o indisponibilità. Tali referenti dovranno essere reperibili dalle ore 7.00 alle ore di ogni giorno. Dovrà essere indicato altresì l orario di lavoro normalmente svolto dal centro di assistenza. Luogo esecuzione dei lavori - adempimenti centri di assistenza Gli interventi di manutenzione ordinaria in garanzia previsti saranno eseguiti di norma nelle officine dei centri di assistenza indicati dalla Ditta aggiudicataria. Prima dell inizio del Servizio di Manutenzione in parola, la ditta aggiudicataria dovrà:

10 - convocare le preposte unità aziendali al fine di visionare i centri di assistenza e le attrezzature in dotazione. - comunicare ufficialmente ad AMA S.p.A. la nomina degli incaricati alla supervisione dei lavori e di garantire l applicazione e il rispetto di tutte le norme di sicurezza, prevenzione infortuni ed igiene del lavoro ai sensi del D. Lgs.81/08 e successive modifiche ed integrazioni; - comunicare le generalità dei datori di Lavoro ai fini del D. Lgs. 81/08; - produrre apposita dichiarazione attestante che tutto il personale dei centri di assistenza operanti sui veicoli forniti, è qualificato in maniera specifica per svolgere tutte le attività di manutenzione sui veicoli (art. 71 del D.Lgs 81/08). - Assicurarsi che tutto il personale dei centri di assistenza sia dotato di tesserini di riconoscimento nel caso di accesso ai luoghi di lavoro AMA (art. 26 del D.Lgs. 81/08). Il numero di dipendenti/addetti del concessionario per la manutenzione delle attrezzature di compattazione che devono essere messi a disposizione per l espletamento delle attività di assistenza post vendita non dovrà essere inferiore a n. 10 unità relativamente alle figure di tecnici qualificati: saldatori, carpentieri, meccanici, ecc.. Per tale Garanzia la stazione appaltante non corrisponderà alla ditta aggiudicataria alcun canone periodico in quanto detto servizio sarà da ricomprendersi nell importo di aggiudicazione della fornitura. Si ritiene compreso: - Trasporto franco sede della Stazione Appaltante.

COMUNE DI FRATTAMAGGIORE PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI FRATTAMAGGIORE PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI FRATTAMAGGIORE PROVINCIA DI NAPOLI Servizio Tutela del Territorio Piazza Umberto I- CAP. 80027 tel. 081/8890214-345 - fax 081/8346616 http://www.comune.frattamaggiore.na.it PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

Città di Portici Provincia di Napoli

Città di Portici Provincia di Napoli CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI OLII ESAUSTI DI ORIGINE DOMESTICA CLASSIFICATI CON IL C.E.R. 20.01.25 (OLI E GRASSI COMMESTIBILI) ART. 1 NATURA E OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Allestimenti veicoli commerciali. Catalogo n ii S05 00

Allestimenti veicoli commerciali. Catalogo n ii S05 00 Allestimenti veicoli commerciali Catalogo n ii S05 00 Indice pag. 4-5 L AZIENDA pag. 6-7 UNA GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI pag. 8-9 STRATEGICAMENTE FORTI pag. 10-27 LINEA FAST. Ottimizzazione dello spazio

Dettagli

Indice. Pagina 2 di 11

Indice. Pagina 2 di 11 Pagina 1 di 11 CAPITOLATO TECNICO Procedura Aperta per l affidamento del servizio di soccorso stradale, di traino e/o sollevamento di automezzi del parco aziendale AMA S.p.A., per un periodo di 24 mesi.

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura di montaferetri-elevatore, scale a palchetto e scale a pioli allungabili per il cimitero del Comune di Portici.

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura di montaferetri-elevatore, scale a palchetto e scale a pioli allungabili per il cimitero del Comune di Portici. CAPITOLATO SPECIALE Fornitura di montaferetri-elevatore, scale a palchetto e scale a pioli allungabili per il cimitero del Comune di Portici. Art. 1 Oggetto della fornitura ed importo presunto stimato.

Dettagli

Allegato 1. Articolo 1 - Oggetto dell appalto

Allegato 1. Articolo 1 - Oggetto dell appalto CAPITOLATO PER L ACQUISTO MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA (COTTIMO FIDUCIARIO) DI UN AUTOCARRO DOTATO DI SPONDA IDRAULICA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI- Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

Arredi e attrezzature magazzino

Arredi e attrezzature magazzino CARTELLI SEGNALETICI STANDARD E PERSONALIZZATI CONTENITORI A BOCCA DI LUPO VARIE DIMENSIONI E MODELLI A RICHIESTA CONTENITORI IN RETE, LAMIERA, PEDANE METALLICHE, IN VARIE MISURE E MODELLI CONTENITORI

Dettagli

bott vario L allestimento per il vostro Renault Twizy Auto Kangoo Trafic Master

bott vario L allestimento per il vostro Renault Twizy Auto Kangoo Trafic Master bott vario L allestimento per il vostro Renault Twizy Auto Kangoo Trafic Master 5 bott vario Proteggere i valori 6 4 2 2 4 3 1 Rivestimenti pareti interne vario protect-light Pavimenti e rivestimenti interni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

SHELTER ESTENSIBILE OFFICINA/MAGAZZINO MOD. C.E. 130

SHELTER ESTENSIBILE OFFICINA/MAGAZZINO MOD. C.E. 130 12/04/2005 Pagina 1 di 14 Company certified CLAQ-110 (AQAP 110 UNI EN ISO 9001) SHELTER ESTENSIBILE OFFICINA/MAGAZZINO MOD. C.E. 130 O.M.A.R. TECHNOLOGY S.R.L. VIA CIVESIO, 14-20097 S. DONATO MILANESE

Dettagli

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO TECNICO N.11 GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Dovrà essere fornito generatore di corrente con torre faro, scarabbile,

Dettagli

Allestimento veicoli commerciali

Allestimento veicoli commerciali DISCIPLINARE TECNICO Edizione APRILE 2015 Allestimento veicoli commerciali ACEA ATO2 ACEA DISTRIBUZIONE INDICE OGGETTO DEL CONTRATTO E DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI... 3 LUOGO DI ESECUZIONE... 5 DURATA

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Fornitura e Posa in Opera di segnaletica nel Complesso Didattico e di ricerca di via Laura 48 a Firenze DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA

Fornitura e Posa in Opera di segnaletica nel Complesso Didattico e di ricerca di via Laura 48 a Firenze DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA PREMESSA Le opere oggetto dell appalto consistono nella fornitura e posa in opera di segnaletica interna ed esterna, di tipo murale a sospensione, o su gambe, nelle varie dimensioni secondo le caratteristiche

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

COMUNE di TARANTO Direzione Lavori Pubblici

COMUNE di TARANTO Direzione Lavori Pubblici COMUNE DI TARANTO Direzione Lavori Pubblici Servizio Progettazione Esecuzione e Manutenzione Opere Relative alla Pubblica Illuminazione ed Energia OGGETTO: OGGETTO: Appalto per l affidamento di lavori

Dettagli

Protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento provocato da certe sostanze pericolose

Protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento provocato da certe sostanze pericolose Protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento provocato da certe sostanze pericolose In particolare: contenitori per il carburante e olio esausto Nell'ambito del PSR Campania 2007/2013 la misura

Dettagli

SIRA SEGNALETICA E FANALERIA. Pannelli di segnalazione ingombro posteriore. Pannelli per motrici. Kit di 2 pannelli formato mm 140x565

SIRA SEGNALETICA E FANALERIA. Pannelli di segnalazione ingombro posteriore. Pannelli per motrici. Kit di 2 pannelli formato mm 140x565 Pannelli di segnalazione ingombro posteriore Pannelli per motrici G 20442 G 20443 Kit di 2 pannelli formato mm 140x565 Kit di 2 pannelli formato mm 140x565 omologati ECE ONU 70 emend. 01 Pannelli per rimorchi

Dettagli

SEZIONE 1 SICUREZZA SUL LAVORO

SEZIONE 1 SICUREZZA SUL LAVORO Studio Tecnico Parascandolo LISTINO PREZZI PER LE AZIENDE PRIVATE ANNO 2015 SEZIONE 1 SICUREZZA SUL LAVORO SEZIONE 2 FORMAZIONE SEZIONE 3 PRIVACY SEZIONE 4 SEGNALETICA SEZIONE 5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO 1. IDENTIFICAZIONE DEL CONTRATTO... 1 2. DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE L IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica CARRELLO TRASPORTATORE ELETTRICO CON BRACCIO IDRAULICO.

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica CARRELLO TRASPORTATORE ELETTRICO CON BRACCIO IDRAULICO. C.P. 072/11/0086 LOTTO N. B7 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica CARRELLO TRASPORTATORE ELETTRICO CON BRACCIO IDRAULICO QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. - n.1 Vaschetta raccogli liquidi. - n.1 Poggiatesta regolabile in altezza. - n.1 Arco di supporto imbottito

CAPITOLATO TECNICO. - n.1 Vaschetta raccogli liquidi. - n.1 Poggiatesta regolabile in altezza. - n.1 Arco di supporto imbottito ALLEGATO N.1 CAPITOLATO TECNICO N.1 POLTRONA TRAVAGLIO PARTO Struttura letto articolata progettata per il maggior numero di posizioni di parto possibili, facilità di utilizzo, pulizia e disinfezione, superfici

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Fornitura ed installazione delle apparecchiature elettromeccaniche delle stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani ubicate nei comuni di La Thuile e Villeneuve 1 FASE

Dettagli

1 - OGGETTO DELL APPALTO

1 - OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Appalto ha ad oggetto il servizio di noleggio di bagni chimici, occorrenti ad AMA S.p.A. durante eventi pubblici quali feste, manifestazioni culturali,

Dettagli

LOTTO1 CAPITOLATO TECNICO

LOTTO1 CAPITOLATO TECNICO Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Ufficio II LOTTO1 Procedura comunitaria

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Centro di Raccolta Rifiuti (stazione ecologica) I Centri sono luoghi a disposizione

Dettagli

E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI

E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI E1.01 Accesso al cantiere S1.4.40 Accesso al cantiere realizzato con telaio in elementi tubolari controventati chiuso con lamiera metallica, ondulata o grecata,

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo Calendario 0 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano stampato su riciclata ottobre 0 Per informazioni Servizio Clienti Utenze non domestiche 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00

Dettagli

Area Amministrativo - Contabile

Area Amministrativo - Contabile P r o v i n c i a d i P i s t o i a Area Amministrativo - Contabile S e r v i z i o E c o n o m a t o P r o v v e d i t o r a t o P a t r i m o n i o m o b i l i a r e e S e r v i z i I n f o r m a t i

Dettagli

TRATTORI AGRICOLI SPECIFICHE RICHIESTE

TRATTORI AGRICOLI SPECIFICHE RICHIESTE C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 8 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI QUANTITA 3 (+ 2 opz. Acq. Fut. ) AREA IMPIEGO

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

AUSILIARI DELLA VIABILITA

AUSILIARI DELLA VIABILITA AUSILIARI DELLA VIABILITA IL FURGONE FOGLIO CONDIZIONI Allegato C 1 FOGLIO CONDIZIONI PER LA FORNITURA A NOLEGGIO DI FURGONI PER AUSILIARI DELLA VIABILITÀ Art. 1 Descrizione del servizio di noleggio Il

Dettagli

Servizio Clienti Utenze non domestiche 800.999.700. costi variabili in base all operatore e al profilo tariffario scelto

Servizio Clienti Utenze non domestiche 800.999.700. costi variabili in base all operatore e al profilo tariffario scelto Calendario Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio,Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale stampato su riciclata www.ondecomunicazione.it

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI

CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI Art. 1 Oggetto dell appalto...1 Art. 2 Caratteristiche

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Comune di GENONI COMPUTO COSTI DELLA SICUREZZA. Provincia di ORISTANO IL TECNICO OGGETTO:

PROGETTO ESECUTIVO. Comune di GENONI COMPUTO COSTI DELLA SICUREZZA. Provincia di ORISTANO IL TECNICO OGGETTO: Comune di GENONI Provincia di ORISTANO Regolamento (CE) N 1698/2005 Programma di sviluppo Rurale (P.S.R.) della Sardegna 2007-2013 - Asse 1 Misura 122 - Migliore valorizzazione economica delle foreste

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche)

Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche) Calendario Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio,Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche)

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

ONERI DELLA SICUREZZA

ONERI DELLA SICUREZZA APPRESTAMENTI DI CANTIERE 3 volte/tem po fornitura e/o noleggio, posa in opera e mantenimento in efficienza di transenne metalliche zincate a caldo 0 x 0 cm. compreso segnaletica di segnalamento e sicurezza

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

Realizzazione di strutture per l archiviazione di volumi e riviste nel seminterrato della

Realizzazione di strutture per l archiviazione di volumi e riviste nel seminterrato della Realizzazione di strutture per l archiviazione di volumi e riviste nel seminterrato della Biblioteca Nazionale a Firenze in via Magliabechi. Descrizione dell intervento Il progetto è finalizzato alla realizzazione

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

COMUNE DI LASTRA A SIGNA

COMUNE DI LASTRA A SIGNA COMUNE DI LASTRA A SIGNA PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO SVOLTA IN MODALITÀ TELEMATICA PER L ACQUISTO DI UN AUTOMEZZO SCUOLABUS CON ALIMENTAZIONE IBRIDA METANO/BENZINA E CONTESTUALE PERMUTA DI UN AUTOMEZZO

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica 1 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.21 comma 2 del D.Lvo. n.22 del 5/2/1997, ha per oggetto

Dettagli

Elenco prezzi. Tutti i prezzi di seguito indicati sono comprensivi di costi generali (10%) e utili d impresa (15%) ed esclusi di IVA.

Elenco prezzi. Tutti i prezzi di seguito indicati sono comprensivi di costi generali (10%) e utili d impresa (15%) ed esclusi di IVA. Elenco prezzi I prezzi di seguito riportati saranno utilizzati dall Amministrazione Consortile come riferimento per mezzi, personale, servizi e forniture indicati nel Capitolato Speciale d Appalto. Tutti

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA C.F. / P.IVA 04721260877 Via S. Maria La Grande n. 5 95124 Catania

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA C.F. / P.IVA 04721260877 Via S. Maria La Grande n. 5 95124 Catania REGIONE SICILIANA CAPITOLATO TECNICO Servizio di revisione periodica estintori, idranti ed attrezzature antincendio di questo D.I.C. dei PP.OO. Gravina e Santo Pietro di Caltagirone. Nei vari reparti dei

Dettagli

COMPUTO METRICO ONERI PER LA SICUREZZA

COMPUTO METRICO ONERI PER LA SICUREZZA Comune di Civitavecchia Provincia di Roma pag. 1 COMPUTO METRICO ONERI PER LA SICUREZZA OGGETTO: ONERI DELLA SICUREZZA - Adeguamento e ristrutturazione Cimitero Monumentale di Aurelia Nord - Ristrutturazione

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

SCHEDE TECNICHE ATTREZZATURE E STRUMENTAZIONI LOTTO 2)

SCHEDE TECNICHE ATTREZZATURE E STRUMENTAZIONI LOTTO 2) SCHEDE TECNICHE ATTREZZATURE E STRUMENTAZIONI LOTTO 2) 1 N.4 ISOLE ECOLOGICHE INFORMATIZZATE MOBILI Centro Ecomobile consistente in un isola ecologica informatizzata itinerante comprendente una pluralità

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISTO DI N 1 VEICOLO CABINATO CON PIATTAFORMA AEREA PORTA OPERATORI CIG: 6060322FE8 2 OGGETTO: Acquisto di n 1 veicolo cabinato con

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

www.safety-first.it FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ITINERANTE

www.safety-first.it FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ITINERANTE www.safety-first.it FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ITINERANTE Una veduta d insieme della struttura utilizzata per la formazione itinerante. In alto a destra due momenti di formazione 2 L addestramento: obblighi

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17 PREMESSA MANUALE D USO QUADRO ELETTRICO E LINEE DI DISTRIBUZIONE TERMINALI : PRESE IMPIANTI RILEVAZIONE E ALLARME INCENDIO IMPIANTO TELEFONICO IMPIANTO DI MESSA A TERRA UPS GRUPPO DI CONTINUITA IMPIANTO

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014 Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio, Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Pietro in Casale, San

Dettagli

Benito Carloni fondatore e ancora alla guida dell Azienda

Benito Carloni fondatore e ancora alla guida dell Azienda CATALOGO PRODOTTI Benito Carloni fondatore e ancora alla guida dell Azienda L AZIENDA La Benito Carloni è stata fondata nel 1970. Nel corso degli anni l azienda ha registrato un crescente successo acquisendo

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

Gli efficienti. Carrelli elevatori. per picking. Portata da 0,5 a 12 t. Carrello elevatore multidirezionale elettrico per picking

Gli efficienti. Carrelli elevatori. per picking. Portata da 0,5 a 12 t. Carrello elevatore multidirezionale elettrico per picking Gli efficienti Portata da 0,5 a 12 t Carrello elevatore multidirezionale elettrico per picking Carrello elevatore multidirezionale con piattaforma rimovibile per picking Carrello elevatore multidirezionale

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA. Garanzia. 2 SMA BIANCO Garanzia 2 anni

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA. Garanzia. 2 SMA BIANCO Garanzia 2 anni C.P. 072/11/0015 LOTTO N. A9 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna 2 SMA

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DOCUMENTO TECNICO DI DESCRIZIONE DEL SERVIZIO PER I SERVIZI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E RACCOLTA RIFIUTI SPECIALI PER LE SEDI DELLE REGIONI VENETO, TRENTINO ALTO ADIGE E FRIULI VENEZIA GIULIA

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE

COMUNE DI PREGNANA MILANESE 5. ALLEGATI ALLEGATO 1 - ELENCO STRUTTURE 1. Campo di calcetto Trattasi di struttura coperta, con pavimentazione in erba sintetica e copertura costituita da campate e arcarecci in legno lamellare e telo

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O R I P O R T O pag. 2 LAVORI A CORPO Protezione (SpCat 1) 1 / 1 Dispositivi di protezione individuale, dotati di 005 marchio di conformita' CE ai sensi del DLgs 475/92: 01/07/2010 Occhiali di sicurezza

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 8 Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto

Dettagli

Possibilità di stampaggio secondo le specifiche dell Amministrazione.

Possibilità di stampaggio secondo le specifiche dell Amministrazione. Allegato 4 - Caratteristiche tecniche delle attrezzature da fornirsi. 1) Caratteristiche tecniche minime dei sacchi Organico: Sacchi Biodegradabili certificati, fornitura sacchetti biodegradabili e compostabili

Dettagli

CITTÀ DI ARIANO IRPINO

CITTÀ DI ARIANO IRPINO CAPITOLATO D ONERI PER L ACQUISTO DI AUTOMEZZI E ATTREZZATURE OCCORRENTI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Il presente Capitolato disciplina l appalto di procedura aperta per la fornitura di Automezzi

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

DOCUMENTO PREVENTIVO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

DOCUMENTO PREVENTIVO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE APPALTO PER SERVIZI DI MANUTENZIONE HARDWARE DELLE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL INPS DOCUMENTO PREVENTIVO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (DVRI PREVENTIVO) (AI SENSI

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI COMUNE DI SENNORI PROVINCIA DI SASSARI APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI ANALISI ECONOMICA Responsabile dell Area Tecnica Dott. Ing. Pier Giovanni Melis Il

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Comune di Osio Sotto (Provincia di Bergamo) Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Novembre 2011 Art. 1 Istituzione del servizio Il Comune di Osio Sotto istituisce il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI. Aragona, 3/6/2008. Pag. 1 di 12

ELENCO DEI PREZZI. Aragona, 3/6/2008. Pag. 1 di 12 Oggetto: Progetto per la realizzazione di centri zonali di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani nel Comune di Agrigento. Aggiornamento prezzi stralcio funzionale. ELENCO DEI PREZZI Il Progettista:

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

Fluorite di Silius S.p.A. In liquidazione SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA. Disciplinare tecnico Allegato 3

Fluorite di Silius S.p.A. In liquidazione SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA. Disciplinare tecnico Allegato 3 Servizio di fornitura, controllo, di verifica, manutenzione, degli autorespiratori di emergenza e ricarica bombole della Fluorite di Silius SpA, per un anno con opzione di rinnovo per un ulteriore anno.

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO ARTICOLO 2. CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME INDEROGABILI DEL NUOVO SCUOLABUS.

CAPITOLATO D APPALTO ARTICOLO 2. CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME INDEROGABILI DEL NUOVO SCUOLABUS. PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UNO SCUOLABUS PER TRASPORTO ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO. CPV 34121000-1. CODICE CIG 0349768DAB. CAPITOLATO D APPALTO ARTICOLO

Dettagli

Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera

Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera di acciaio spessore 30/10 e verniciate a polveri epossidiche

Dettagli

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE TIPOLOGIE DI RIFIUTI DIFFERENZIATI, PROVENIENTI DALL UTENZA DOMESTICA,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione e dell'utilizzo dell'area opportunamente

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. VEICOLI UTILITARI PICK-UP 4x4 (tipo Porter Piaggio) Garanzia

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. VEICOLI UTILITARI PICK-UP 4x4 (tipo Porter Piaggio) Garanzia C.P. 072/10/0089 LOTTO N. C5 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica VEICOLI UTILITARI PICK-UP 4x4 (tipo Porter Piaggio) QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Soluzioni per l' Officina Auto-Moto

Soluzioni per l' Officina Auto-Moto Soluzioni per l' Officina Auto-Moto Magazzino utensili Gestione fluidi Smaltimento dei rifiuti cubio Bott Soluzioni per l' Officina Auto-Moto Su misura per le vostre esigenze Progettazione e configurazione

Dettagli