ACCOMPAGNARE IL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: complessità e casi di successo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCOMPAGNARE IL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: complessità e casi di successo"

Transcript

1 ACCOMPAGNARE IL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: complessità e casi di successo Monica Gheser, Head of CBBM Lombardia Network Coordination Cross Border Business Management Milano, 8 luglio 2011

2 AGENDA IL SISTEMA INDUSTRIALE E PRODUTTIVO ITALIANO LE DINAMICHE DEI FLUSSI IMPORT EXPORT L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE OPPORTUNITA E RISCHI NELL OPERARE CON L ESTERO UNICREDIT UNA BANCA NON SOLO EUROPEA RUOLO E FUNZIONI DEL CBBM

3 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

4 Il TESSUTO IMPREDITORIALE ITALIANO Le piccole e medie imprese secondo la classificazione UE si dividono in 3 tipologie: Con aziende, l Italia vanta il maggior numero di PMI nel comparto manifatturiero in ambito europeo. Una cifra di gran lunga superiore agli inglesi (n PMI), francesi (n PMI), tedeschi (n PMI) il numero delle PMI in Italia appartenenti al comparto industria e servizi di persone sono occupate in PMI il 99,9% delle imprese italiane è rappresentato da PMI il 55,7% dell export italiano riviene dalle PMI 71,7% del valore aggiunto della produzione italiana viene generato dalle PMI Fonte: Rapporto Confindustria febbraio 2010 Piccola Industria Progetto di Vita

5 Il TESSUTO IMPRENDITORIALE ITALIANO I tratti peculiari delle imprese italiane Aziende caratterizzate prevalentemente da un basso livello di integrazione verticale Pochi campioni nazionali hanno una dimensione realmente multinazionale Aziende scarsamente integrate nella filiera produttiva Sistema produttivo parcellizzato, con focus delle imprese su mono fasi della catena del valore IL VALORE AGGIUNTO DEL PRODOTTO NON VIENE OTTIMIZZATO PERCHE SI DISPERDE LUNGO LA FILIERA DI PRODUZIONE. LA CRISI, INDUCENDO UN ATTENTA RICERCA DI EFFICIENZA E OTTIMIZZAZIONE, STA INVERTENDO IL TREND STORICO

6 LA DIMENSIONE D IMPRESA COME FATTORE STRATEGICO E VARIABILE FONDAMENTALE DELLE SCELTE IMPRENDITORIALI In un mercato sempre più globalizzato e altamente competitivo, le PMI devono affrontare la loro sfida più grande: una dimensione insufficiente Il size factor Descrizione Mancanza di economie di scala Inefficienze di costo Divisione interna del lavoro non ottimale Minore potere contrattuale rispetto ai fornitori rispetto ai clienti Visibilità limitata sul mercato PMI raramente sono in grado di stabilire nuove relazioni collaborative con grandi imprese o di sviluppare e promuovere il marchio Rendicontazione finanziaria e business plan poco sofisticati e, solitamente, scarsa patrimonializzazione (con effetti negativi sullo stato creditizio) Potenziali conseguenze Investimenti in R&S limitati o duplicati che riducono l efficienza sui programmi di R&S Minore produttività Processi produttivi obsoleti Incapacità di adattamento tempestivo ai cambiamenti dei trend e della domanda di mercato Crescita inferiore al pieno potenziale nel mercato domestico nei mercati internazionali Le PMI, singolarmente, fanno fatica a competere sul mercato

7 LA DINAMICA CONGIUNTURALE: LA RIPRESA PARTE DALL ESTERO 45% 30% 15% 0% -15% -30% -45% -60% Dinamica corrente e attese Situazione corrente Situazione attesa I Sem 2007 II Sem 2007 I Sem 2008 II Sem 2008 Livello produzione Livello ordini Livello del fatturato Variazione utile lordo I Sem 2009 II Sem 2009 I Sem 2010 II Sem 2010 I Sem 2011 Esportatori Non - Esportatori Livello della produzione 22,4% 1,3% Livello ordini 18,8% -0,8% di cui: livello degli ordini in Italia 7,4% di cui: livello degli ordini dall'estero: UE 11,2% di cui: livello degli ordini dall'estero: extra - UE 13,7% Fatturato 14,0% -2,7% di cui: fatturato in Italia 6,5% di cui: fatturato in UE 8,6% di cui: fatturato extra - UE 22,1% Occupazione -0,6% -9,8% Livello della produzione 16,2% -2,4% Livello ordini 16,1% -1,6% di cui: livello degli ordini in Italia 8,2% di cui: livello degli ordini dall'estero: UE 15,8% di cui: livello degli ordini dall'estero: extra - UE 24,1% Fatturato 13,9% -4,6% di cui: fatturato in Italia 8,0% di cui: fatturato in UE 15,1% di cui: fatturato extra - UE Occupazione 25,8% -0,8% -5,0% Il PIL 2Q10 ha segnato uno +0,5% vs 1Q10. Indagine UniCredit Confapi (3.184 interviste): produzione, ordini e fatturato si mantengono in territorio negativo, indicando un maggior numero di imprese che vedono peggioramenti nel I semestre 2010 rispetto alle imprese che vivono un recupero. Sono 21,4% le imprese che aumentano la produzione contro il 27,8% che la diminuisce. A crescere sono, però, i mercati europei e extra UE, mentre il mercato domestico si raffredda, sia per quanto riguarda la situazione corrente che le attese per il prossimo semestre. La congiuntura mostra dei segnali di ripresa ancora piuttosto deboli soprattutto per l Italia. Ma per le imprese internazionalizzate, la prospettiva è più rosea. Fonte: UniCredit Corporate Sector Analysis su dati Confapi. I valori in tabella rappresentano i saldi, ovvero la differenza tra imprese indicanti aumento rispetto a quelle indicanti diminuzione e il totale delle risposte. Si interpreta come se fosse un termometro: più la temperatura scende, più il mercato si raffredda.

8 LA DINAMICA CONGIUNTURALE: LA RIPRESA PARTE DALL ESTERO 20% 15% 10% 5% 0% -5% -10% -15% -20% -25% -30% -35% Produzione Ordini ordini in Italia ordini UE ordini extra UE SITUAZIONE CORRENTE Occupazione Produzione Ordini ordini in Italia ESPORTA NON ESPORTA ordini UE ordini extra UE SITUAZIONE ATTESA Occupazione Le imprese che hanno relazioni con l estero si trovano in una situazione nettamente migliore di quelle meramente domestiche. Curiosamente questo sembra riguardare tutti i mercati, anche quelli nazionali: essere esportatori aiuta le aziende ad essere più efficienti anche sul mercato domestico. L unica area che rimane ancora negativa è quella relativa all occupazione Ordini interni Ordini UE Ordini extra UE Il settore delle macchine è uno dei pochi che mostra una situazione corrente positiva, con un saldo della produzione di 16,7%, contro il -6,8% del dato complessivo Anche le prospettive sono positive, sebbene il saldo scenda a 8,6%. -60 Come si vede dalla situazione degli ordini, rappresentati nel grafico, l andamento è trainato più che altro dal mercato extra unione. Agroalimentare Mobile-Arredo Pelli-Cuoio- Calzature Tessile e Abbigliamento Carta-Grafica- Editoria Ceramica-Vetro Gomma e Plastica Chimica Metallurgico Lavorazioni meccaniche Macchine Elettromeccanica Fonte: UniCredit Corporate Sector Analysis su dati Confapi. I valori in tabella rappresentano i saldi, ovvero la differenza tra imprese indicanti aumento rispetto a quelle indicanti diminuzione e il totale delle risposte. Si interpreta come se fosse un termometro: più la temperatura scende, più il mercato si raffredda.

9 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

10 IMPORT ED EXPORT NAZIONALI NELL ULTIMO DECENNIO I flussi import-export nazionali nel 2010 (dati provvisori) presentano entrambi risultati positivi, in aumento rispettivamente del +24% e + 17% circa vs. ai saldi 2009 Per quanto riguarda il mercato Lombardia, i dati relativi all importazione per il 2010 mostrano un saldo pari a Eur 115,9 miliardi (pari al 32% circa del totale nazionale), mentre il flusso di esportazioni è pari a Eur 93,9 miliardi (pari al 28% circa) (Eur bn) IMP EXP Fonte: elaborazione su dati ISTAT; dati al 2010 provvisori

11 LE IMPRESE ITALIANE SUL MERCATO ESTERO: UN CONFRONTO INTERNAZIONALE % di imprese che hanno esportato nel In generale nel confronto internazionale, l Italia parrebbe il paese che ha una maggiore attitudine alle esportazioni: sono il 63,5% le imprese che hanno esportato nel corso del 2008 contro il 55,6% del Regno Unito, il 47,9% della Spagna, il 45,4 della Francia e il 41,2% della Germania FRA GER ITA SPA UK 7% 6% 5.8% Imprese che svolgono parte della produzione all'estero 5.8% IDE Accordi con imprese locali 5.5% Ma i rapporti con l estero non si concretizzano esclusivamente tramite le esportazioni; come si vede dal grafico molti paesi come la Germania hanno anche una quota di imprese che fa investimenti diretti esteri L Italia tende, invece, a prediligere altre forme di internazionalizzazione, come gli accordi con imprese locali, piuttosto che IDE o M&A internazionali. 5% 4% 3% 2% 1% 0% 4.4% 4.1% 3.9% 3.6% 2.5% 2.7% 1.6% FRA GER ITA SPA UK Fonte: Survey Efige/UniCredit, indagine internazionale co-finanziata da UniCredit e dall unione europea in cui sono state intervistate circa 3000 imprese per ogni paese considerato in figura.

12 ORIENTAMENTO ALL EXPORT DELLE IMPRESE LOMBARDE Il grado di orientamento all esportazione Trend 2009 vs 2008 per macro-settore 25% - 50% 29% > 50% 31% Industria -6,2% Servizi +2,7% non indicato 2% 10 5 < 25% 38% Industria Servizi 2009 Più del 30% delle aziende campione del mercato lombardo esporta più del 50% del proprio fatturato Una significativa parte delle realtà analizzate è ancora caratterizzata da un forte orientamento domestico: il 38% delle aziende infatti esporta meno del 25% La quota di fatturato esportato, nonostante la crisi, mostra solo una lieve flessione Il settore dei servizi, nel biennio 2008/2009 si è mostrato difensivo e in leggera crescita (ca. 3%) Fonte: Assolombarda, L internazionalizzazione delle imprese della provincia di Milano, gennaio 2010

13 FOCUS SULLA LOMBARDIA I paesi di sbocco I paesi di sbocco nel 2009 e nei prossimi 3 anni Francia Germania Spagna GB USA Svizzera Rep.Pop.Cinese Grecia Fed. Russa Polonia Austria EAU Turchia Romania Egitto Brasile Belgio Portogallo Svezia Paesi Bassi Germania Francia Cina Russia USA India GB Spagna Brasile EAU Austria Giappone Romania Polonia Turchia ArabiaSaudita Egitto Algeria Libia Grecia 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 0% 2% 4% 6% 8% 10% I mercati di sbocco nei prossimi 3 anni saranno quelli delle economie emergenti, quali Cina, Russia e India UniCredit, grazie ad un Network consolidato è presente in quei Paesi e può offire supporto agli imprenditori che decidano di dirigere le loro attività anche nei Paesi non-cee Fonte: Assolombarda, L internazionalizzazione delle imprese della provincia di Milano, gennaio 2010

14 INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Focus sulla Lombardia Le modalità di presenza all estero (% di aziende sul totale del campione) Commenti Partner Comm. Uff.Rappresentanza 10,2% 37,0% Le aziende che avviano un processo di internazionalizzazione, prediligono, almeno in una fase iniziale, una presenza prevalentemente commerciale (37% del campione analizzato) Filiale comm./assist.tecnica (controllata) 5,6% Poche aziende scelgono di fare un investimento produttivo in un paese estero Filiale produttiva (controllata) Filiale comm./assit.tecnica (JV) Centro di R&S 2,9% 2,5% 1,2% Questo trend è rafforzato dalla tendenza delle aziende del campione a non delocalizzare le lavorazioni all estero, dedicando invece maggiore attenzione alla scelta dei fornitori Il 10% circa delle aziende campione del mercato lombardo ha stabilito un ufficio di rappresentanza nel mercato estero prescelto Filiale produttiva (JV) 0,9% 0,0% 5,0% 10,0% 15,0% 20,0% 25,0% 30,0% 35,0% 40,0% Fonte: Assolombarda, L internazionalizzazione delle imprese della provincia di Milano, gennaio 2010

15 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

16 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: FUSIONI & ACQUISIZIONI Principali criticità: Difficoltà connesse alla mentalità/cultura italiana desiderosa di essere artefice del proprio destino. Il tessuto industriale italiano è prevalentemente costituito da aziende familiari che esprimono il soggetto economico ed il management. Necessità di ripensare con nuova ottica alle acquisizioni/fusioni, soprattutto in periodo di crisi, per evitare le piccole dimensioni principale ostacolo alla competizione sui mercati internazionali. Ripensare al concetto di proprietà/gestione dell impresa: gli shareholders incassano i dividendi e controllano la gestione dei managers a cui è delegato il compito quotidiano di governare il business operativo dell azienda.

17 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: FUSIONI & ACQUISIZIONI Volumi Italia Deal Italia trim Già dal 2008 il mercato degli M&A sembra essersi fermato, sicuramente in termini di volumi ma anche in termini di numero di deals Il rapporto KPMG indica che, anche nel primo trimestre del 2010 il mercato non sembra essere ripartito nonostante il leggero incremento rispetto al medesimo periodo del 2009 (42 operazioni con EUR 4,6 bn di controvalore) Per un raffronto, nel primo trimestre del 2007 si erano registrate 90 operazioni per un controvalore di EUR 40 bn Rallentamento delle operazioni di fusione e acquisizione, ma la aggregazione tra imprese passa anche attraverso altre forme, che non intaccano la proprietà dell impresa

18 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: COLLABORAZIONE & PARTNERSHIP Gli accordi sono rapporti contrattuali di medio-lungo termine attraverso cui due o più imprese gestiscono congiuntamente alcune tipologie di attività. Ad esempio: la produzione, la commercializzazione, l acquisto di materie prime e prodotti intermedi. In particolare gli accordi possono costituire una via per l internazionalizzazione dell impresa, permettendole di accedere a mercati lontani o con grosse barriere all entrata, senza perdere proprietà ed indipendenza. Questa via è molto seguita sia dalle PMI che dalle grandi imprese. Qui di seguito tabella con i dati che esprimono percentuali sulle varie forme di collaborazione a livello Italia: Rapporti di subfornitura Attività comuni per commercializzazione Rapporti di subfornitura con terzisti Attività comuni per il credito Attività comuni per R&D Altre forme Nessuna collaborazione 13,9% 11,3% 12,7% 4,2% 4% 13,4% 52,9% Fonte: 7 Rapporto UniCredit sulle piccole Imprese La Ricerca di Nuovi Mercati: la sfida delle piccole imprese tra cambiamento e tradizione

19 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE RETI DI IMPRESA La creazione di una RETE permette di aumentare la dimensione senza perdere proprieta ed indipendenza Motivazioni alla base della cooperazione tra PMI Accesso a nuovi e più grandi mercati Maggiore offerta di prodotti Accesso a know-how e tecnologie Maggiore capacità produttiva Riduzione dei costi

20 NEL 2009, UNA NUOVA LEGGE (LEGGE SVILUPPO ) HA GETTATO LE BASI PER L AGGREGAZIONE DELLE PMI IN RETI DI IMPRESA Legge Sviluppo Reti d Impresa Caratteristiche principali: Obiettivo: Fornire un metodo alternativo per quelle imprese che vogliano aumentare la loro forza senza doversi fondere o subordinare sotto il controllo di un unico soggetto Creare le opportunità per le PMI di stabilire partnership produttive e tecnologiche con imprese di regioni diverse ma appartenenti alla stessa catena produttiva Elementi essenziali del contratto: Definizione degli obiettivi strategici e delle attività congiunte alla base delle rete Identificazione di un programma di rete (definizione dei diritti e doveri di ogni impresa partecipante) Identificazione di una struttura comune dedicata alla gestione della rete, inclusi i suoi poteri di rappresentanza e le modalità di partecipazione ad ogni attività intrapresa Creazione di un fondo patrimoniale comune Benefici chiave: Aumentare la massa critica e acquisire maggiore potere contrattuale verso terzi (fornitori, clienti) senza dover sottostare al controllo di un singolo soggetto Idoneità a ricevere speciali agevolazioni amministrativi, finanziari e per ricerca e sviluppo fino ad oggi riservate solo ai distretti

21 IL CONTRATTO DI RETE Con il contratto di rete, più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato Le imprese si obbligano, sulla base di un programma comune di rete a: Collaborare in forme e in ambiti predeterminati attinenti all esercizio delle proprie imprese Scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica Esercitare in comune una o più attività rientranti nell oggetto della propria impresa Gli elementi costitutivi: Il programma di rete: è assimilabile ad un piano industriale in cui i contraenti stabiliscono fra loro chi fa cosa e come per poter conseguire lo scopo comune e le regole che devono improntare le relazioni tra le imprese partecipanti Fondo patrimoniale comune (eventuale): il programma di rete deve fissare la misura e i criteri di valutazione dei conferimenti iniziali e degli eventuali contributi successivi cui ciascun partecipante si obbliga, e le regole di gestione del fondo. Se consentito dal programma, l esecuzione del conferimento può avvenire anche mediante apporto di un patrimonio destinato ex art bis c.c. Organo comune (eventuale): soggetto incaricato di gestire, in nome e per conto dei partecipanti, l esecuzione del contratto o di singole parti o fasi dello stesso Source:

22 IL CONTRATTO DI RETE Le agevolazioni: Sono previste le stesse agevolazioni amministrative, finanziarie e per la promozione di ricerca e sviluppo già fissate per i distretti dalla l.n.266/2005 e ss.mm.ii Sono previsti 30 milioni di Euro (accordo di programma tra Ministero dello Sviluppo Economico e Unioncamere) per realizzare progetti diretti a promuovere le reti di impresa, supportando le imprese attraverso studi di prefattibilità e la stesura delle tipologie contrattuali Gli incentivi fiscali: Gli utili di esercizio reinvestiti dalle imprese nel fondo patrimoniale o per la realizzazione entro l esercizio successivo degli investimenti previsti nel programma di rete asseverato da organismi espressione dell associazionismo imprenditoriale, godono di una defiscalizzazione, fino a un massimo di 1 milione di Euro L Agenzia delle Entrate è chiamata ad effettuare verifiche periodiche sulla realizzazione degli investimenti che hanno dato accesso alla agevolazione Gli utili concorrono alla formazione del reddito nell esercizio in cui la riserva è utilizzata per scopi diversi dalla copertura di perdite di esercizio, ovvero in cui viene meno l adesione al contratto di rete Source:

23 IL CONTRATTO DI RETE I vantaggi del contratto di rete: Strumento per il superamento della logica dei distretti territoriali in favore di una aggregazione funzionale per progetti trasversali sui territori Stimolo all autonomia delle imprese, che consente la transizione graduale a forme di collaborazione più strutturate, premiate con l accesso agli incentivi fiscali Rapporto con altri strumenti aggregativi: Le possibili applicazioni all Export Il contratto di rete non prevede necessariamente la nascita di un nuovo soggetto giuridico o, comunque, la costituzione di un fondo o la nomina di un organo comune, elementi che, invece, caratterizzano il modello consortile Rispetto alle forme di collaborazione temporanee di impresa, il contratto di rete non si limita a perseguire la realizzazione di un singolo affare, ma mira a realizzare obiettivi strategici di integrazione di più ampio respiro Il contratto di rete sembra idoneo a realizzare il potenziamento di forme di collaborazione fra imprese che aspirano ad intraprendere cambiamenti tecnologici ed organizzativi per operare su mercati più dinamici attraverso: 1. Sviluppo di funzioni condivise 2. Realizzazione di servizi o progetti comuni nel campo della ricerca ed innovazione 3. Implementazione delle reti di sub-fornitura 4. Adozione di marchi, loghi o packaging comuni Source:

24 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

25 OPPORTUNITA E RISCHI LEGATI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA PUNTI DI FORZA: Qualità del prodotto Buona immagine del prodotto all estero (effetto made in Italy ) Qualità del processo produttivo PUNTI DI DEBOLEZZA: Dimensione aziendale Distribuzione (mancanza di una Rete commerciale adeguata per vendere all estero Organizzazione interna (mancanza di risorse e strutture idonee in termini ad es. di conoscenze lin guistiche e normativa internazionale) VINCOLI: Relazioni commerciali difficoltose (diverse prassi commerciali, incertezza sui tempi di incasso) Onerosità (costi di trasporto, trasferte, incertezza degli standard produttivi all estero Scarsa assistenza e supporto in Italia e in loco (fare sistema ), difficoltà a ottenere credito bancario all estero OPPORTUNITA : Allargare i mercati di sbocco Stare al passo con la concorrenza Sfruttare le opportunità offerte dai mercati emergenti ad alto tasso di crescita Fonte: 7 Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La ricerca di Nuovi Mercati: la sfida delle piccole imprese tra cambiamento e tradizione

26 I RISCHI CONNESSI CON L OPERATIVITA CON L ESTERO L attuale contesto economico, caratterizzato da un aumento dell incertezza, induce un maggior bisogno da parte degli operatori di identificare appropriatamente i rischi legati all operatività con l estero Crescita nella richiesta di protezione Bisogno di aggregazione Gli Specialisti Estero di UniCredit ed i Centri Estero Merci dislocati sul territorio, sono a disposizione per offrire adeguato supporto e consulenza Rischio del credito Rischio finanziario (cambio e tassi) Rischio Paese (sovrano, pubblico, difficoltà trasferimenti valutari) Rischio Controparte Rischio indebita escussione garanzie Rischio Produzione Rischio Trasporto (resa merce) Rischio giuridico e contrattuale Rischio mancato ritiro merce

27 LE PRINCIPALI DIFFICOLTA CHE GLI IMPRENDITORI ITALIANI INCONTRANO ALL ESTERO Tra le principali difficoltà segnalate dalle aziende che hanno avviato un processo di internazionalizzazione, si evidenziano le seguenti (per ordine di importanza): Vincoli legislativi e burocratici Scarsa conoscenza dei mercati esteri Inaffidabilità dei partner locali Instabilità politica Ostacoli culturali Servizi ed infrastrutture locali Proprio personale inadeguato (lingue, etc.) Manodopera locale non professionale Investimenti ICT inadeguati Assolombarda, I processi di internazionalizzazione delle imprese milanesi,

28 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

29 IL GRUPPO UNICREDIT HA UNA FORTE PRESENZA INTERNAZIONALE Forte presenza consolidata in 22 paesi Europei Network internazionale in ca. 50 paesi Approx. 160,000 1 dipendenti Approx. 9,600 1 filiali Operating income: EUR 6,928 mn (Q1 2011); EUR 26,347 mn (FY 2010) Operating profit: EUR 3,070 mn (Q1 2011); EUR 10,864 mn (FY 2010) A/Aa3/A medium/long-term ratings 2 (Fitch Ratings, Moody s, S&P) Core tier I at 9.06% Home markets Italia, Germania, Austria, Central and Eastern Europe (CEE) E presente in 3 Austria: #1 (15.6%) 3 Italia: #2 (13.9%) 3 Germania: #3 (3.5%) 3 nei paesi CEE Azerbaijan Bosnia- Erzegovina Bulgaria Croazia Rep. Ceca Estonia Latvia Lituania Polonia Romania Russia Serbia Slovacchia e nei mercati internazionali Ungheria Slovenia Kazakhstan Turchia Kyrgyzstan Ucraina UK America Asia Paesi CEE in cui UniCredit Group opera attraverso le proprie banche locali Home Markets International Markets 1 Al 31 marzo 2011; include tutti i dipendenti, e branches di controllate incluse nel bilancio consolidato i.e.koç Financial Services 2 Al 9 Ottobre Ranking e market shares in parentesi: market shares in termini di total loans a settembre 2010 (fonte: UniCredit Research) Fonte: Company Data

30 ...NEI PAESI CEE Paesi Baltici Russia Polonia 202 dipendenti 5 filiali 3,669 dipendenti 106 filiali 20,143 dipendenti 1,014 filiali Ucraina Rep. Ceca 7,535 dipendenti 443 filiali 1,759 dipendenti 83 filiali Romania Slovacchia 1,234 dipendenti 76 filiali 3,007 dipendenti 235 filiali Bulgaria Ungheria 1,935 dipendenti 133 filiali 3,799 dipendenti 235 filiali Kazakhstan** Slovenia 566 dipendenti 21 filiali Croazia Bosnia Serbia Kyrgyzstan 3,070 dipendenti 123 filiali Turchia*** 4,588 dipendenti 136 filiali 1,831 dipendenti 155 filiali 929 dipendenti 71 filiali 746 dipendenti 40 filiali 16,821 dipendenti 927 filiali * Incluso UniCredit Bank in Ukraina ** Incluso Bank Sibir in Russia, ma esclusa ATF Bank in Kyrgyzstan *** Incluso Yapi Kredi in Azerbaijan Dati al 31/12/2010

31 E NEL MONDO.. Branches and subsidiaries Core markets Representative Offices, Delegates, Consultants, Investment Centers

32 IN QUESTO PROCESSO L IMPRENDITORE ITALIANO ALL ESTERO VIENE SUPPORTATO DA CROSS BORDER BUSINESS MANAGEMENT (CBBM) MISSION CBBM ha l obiettivo di supportare la rete italiana Corporate e F&SME, che si trova quotidianamente ad interfacciare le esigenze della clientela operante nei mercati internazionali Tale attività viene perseguita in stretta connessione con le Banche e le filiali estere di UniCredit Coordina e promuove le attività di sviluppo e implementazione di business cross border e delle relative linee guida Garantisce un supporto costante ed efficace a tutta la clientela italiana operante nei mercati internazionali in stretta sinergia con le Filiali/Rappresentanze//Delegati e Banche Estere di UniCredit ATTIVITA Assicura assistenza e consulenza per: la ricerca di partner commerciali studi di fattibilità joint ventures operazioni M&A informativa su bandi di gare pubblici nazionali ed internazionali studi di settore consulenza per accesso a forme di finanziamento e a coperture assicurative Promuove le attività di internazionalizzazione UniCredit presso le competenti istituzioni italiane e le strutture governative responsabili per la politica economica internazionale (Ministeri competenti SACE, SIMEST, FINEST, INFORMEST, CCIAA, ICE) Promuove e partecipa a seminari e conferenze sul tema Internazionalizzazione

33 DAGLI INTERNATIONAL DESK MISSION UniCredit supporta l'internazionalizzazione delle imprese italiane, grazie alla propria presenza all estero, in particolare nei paesi dell Europa Centro Orientale Gli International Desk, presenti in ogni banca del gruppo, hanno lo scopo di accompagnare le aziende Italiane nella difficile penetrazione dei mercati esteri Gli International Desk sono il Single Point of Entry nel Paese in cui operano, sono il primo contatto per un imprenditore Italiano che voglia operare all estero ATTIVITA Analizzano le esigenze delle imprese cross border e offrono assistenza dedicata, adatta alle esigenze locali, compreso l'accesso a tutta la rete di filiali e società prodotto, quali il leasing, il factoring, l investment banking, etc Introducono l azienda presso l establishment produttivo locale favorendo la ricerca di partner commerciali Introducono l azienda presso le istituzioni italiane presenti nel paese (Ambasciata, CCIAA, Associazioni Industriali, ICE ) Offrono accesso alla rete di consulenti legali e amministrativi indipendenti, al fine di sostenere la creazione di iniziative cross border Punto di accesso a prodotti e servizi disponibili nel network delle banche del Gruppo UniCredit nella CEE in coordinamento con le competenti strutture di UniCredit Interfaccia in lingua italiana, che conosce le caratteristiche e le esigenze di business del sistema imprenditoriale italiano e fornisce suggerimenti e indicazioni all imprenditore riguardo il contesto locale

34 E DALLA BANCA, TRAMITE I SEGUENTI SERVIZI: EXPORT Conoscenza della controparte (accordo con Eurocredit) Copertura rischio controparte (SACE) Lettere di credito/bondistica Incassi Conto accentratore Factoring Trade finance/structured Trade Finance SOCIETA COMMERCIALE ALL ESTERO Apertura conto corrente (gestibile anche dall Italia) Cash-management (cash pooling internazionale, ) Anticipo fatture Lettere di credito Bondistica Electronic banking BRANCH ALL ESTERO SOCIETA PRODUTTIVA ALL ESTERO Apertura conto corrente (gestibile anche dall Italia) Fidejussioni Incassi/pagamenti Factoring Electronic banking Apertura conto corrente (gestibile anche dall Italia) Cash-management (cash pooling internazionale) Anticipo fatture Lettere di credito Forex Finanziamento agli investimenti (project finance) Operazioni di finanza straordinaria (JV/M&A) Electronic banking I nostri prodotti Cross-Border: CB Account Opening, CB PLUS Credit, FlashPayment, MultiCash, EuropeanGate

35 GAMMA DI PRODOTTI DEDICATA AI CLIENTI CROSS BORDER CROSS BORDER PLUS CREDIT Rilascio di testo unificato di garanzia a prima richiesta prestato da una Banca del Gruppo per conto di proprio cliente, a favore di Banca consorella (ubicata in paese diverso da quello di emissione), a garanzia di affidamenti concessi nell interesse di cliente di quest ultima. Tale garanzia viene utilizzata qualora un azienda (Casa Madre) intenda supportare, tramite la propria Banca, gli affidamenti che verranno concessi ad una propria affiliata da parte di Banca consorella, estendendo in tal modo alle proprie affiliate la propria capacità di credito, in un approccio sinergico al mercato Cross Border. FLASH PAYMENTS Il servizio Flash Payment UniCredit garantisce l accredito di bonifici entro un solo giorno lavorativo presso le banche del Gruppo, in 21 Paesi, anche nella valuta locale. 8 dei Paesi in cui il servizio è disponibile non fanno parte dell area SEPA. WELCOME PACKAGE Pacchetto di condizioni speciali per aziende, italiane residenti o estere, presentate da banche estere, sia UniCredit che esterne, predisposto al fine di semplificare e velocizzare l iter commerciale per l apertura di nuovi rapporti in UniCredit consentendo alla banca estera una quotazione immediata alla propria clientela che intenda attingere ai servizi offerti da UniCredit.

UniCredit e il supporto all internazionalizzazione. Ancona, 11 febbraio 2011

UniCredit e il supporto all internazionalizzazione. Ancona, 11 febbraio 2011 UniCredit e il supporto all internazionalizzazione Ancona, 11 febbraio 2011 UNICREDIT HA SISTEMATICAMENTE ADOTTATO SCELTE STRATEGICHE CHE GLI HANNO CONSENTITO DI RAGGIUNGERE ECCELLENTI RISULTATI... Svolta

Dettagli

UniCredit a supporto dell internazionalizzazione delle imprese:

UniCredit a supporto dell internazionalizzazione delle imprese: UniCredit a supporto dell internazionalizzazione delle imprese: FOCUS SERBIA Claudio Croce, Head of CBBM Centre North Market Coordination Bologna, 7 novembre 2011 IL GRUPPO UNICREDIT HA UNA FORTE PRESENZA

Dettagli

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione.

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione. Investire in Francia Nuove opportunità di insediamento e incentivi messi a disposizione dal governo francese Assolombarda Milano, 6 Aprile 2011 La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo

Dettagli

Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto. Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione

Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto. Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione Milano, 4 febbraio 2014 1 Egitto in cifre Expenditure on GDP (%

Dettagli

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales L esperienza di UniCredit nei Balcani Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales Bari, 22 Febbraio 2012 AGENDA Le economie dei Balcani Le opportunità Il supporto di UniCredit 2 La presenza delle

Dettagli

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese italiane in Russia: il Gruppo UniCredit

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese italiane in Russia: il Gruppo UniCredit Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese italiane in Russia: il Gruppo UniCredit Giulia Pedrazzi Head of CBBM Lombardia Piemonte Cross Border Business Management Milano, 20 Gennaio

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Milano, 3 giugno 2014 Interscambio commerciale, settore Manifatturiero Italia 5 partner

Dettagli

INFORMEST CONSULTING

INFORMEST CONSULTING Company Profile INFORMEST CONSULTING Commerciale Finanza agevolata CHI E INFORMEST CONSULTING Missione: favorire l internazionalizzazione delle aziende italiane, sostenendo la loro capacità di export in

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo. Gianluca Lauria Luigi Ardizzone

Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo. Gianluca Lauria Luigi Ardizzone Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo Gianluca Lauria Luigi Ardizzone Agenda Il sostegno all internazionalizzazione di BNL-BNP Paribas (G.Lauria) L Italian Desk

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

VI Forum Finanza Impresa

VI Forum Finanza Impresa VI Forum Finanza Impresa "Credito e sviluppo: scenari ed evoluzione del rapporto Banca Impresa" Dott. Stefano Giorgini, Area Manager Toscana Est Prato, 9 maggio 2013 AGENDA Unicredit International o East

Dettagli

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda 1 Coface- Rischio Paese 2011 Assolombarda 09/03/2011 La missione di Coface

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese All. 1 - Prot. n. 363/13SB ASSOCIAZIONE NAZIONALE INDUSTRIALI PRIVATI GAS E SERVIZI ENERGETICI Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del

Dettagli

INDAGINE TELEMARKETING

INDAGINE TELEMARKETING INDAGINE TELEMARKETING INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre

Dettagli

guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE

guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 2 guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 3 INDICE 1 Cos è la SEPA?

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

SERVIZI FINANZIARI 1. Orientamento ai finanziamenti per l internazionalizzazione 2. Consulenza finanziaria Simest 3. Consulenza Assicurativa SACE

SERVIZI FINANZIARI 1. Orientamento ai finanziamenti per l internazionalizzazione 2. Consulenza finanziaria Simest 3. Consulenza Assicurativa SACE CARTA SERVIZI 1 INDICE SERVIZI COMMERCIALI 1. Dati sui mercati esteri 2. Ricerca operatori e partner produttivi e assistenza per l organizzazione di incontri commerciali 3. Supporto operativo 4. Informazioni

Dettagli

Il Gruppo UBI Banca oggi

Il Gruppo UBI Banca oggi 1 UBI Banca nasce nel 2007 dalla fusione tra. BPU BANCA LOMBARDA e PIEMONTESE Il Gruppo UBI Banca oggi Oltre 4 milioni di clienti serviti tramite un modello divisionalizzato e segmentato 1888 filiali in

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

INVESTMENT REFORM INDEX 2006

INVESTMENT REFORM INDEX 2006 INVESTMENT REFORM INDEX 2006 Prof.ssa Giorgia Giovannetti Ice - Area Studi, ricerche e statistiche Università di Firenze Albania, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Moldavia, Montenegro,

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA L approccio e l offerta del nostro Gruppo Gli accordi con Confindustria Confindustria Piccola Industria L accordo, rinnovato lo scorso 1 marzo, richiama la rilevanza

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Federici Assicurazioni Agenzia di Milano Atradius Credit Insurance N.V.

Federici Assicurazioni Agenzia di Milano Atradius Credit Insurance N.V. Federici Assicurazioni Agenzia di Milano Atradius Credit Insurance N.V. Una forza trainante nelle assicurazioni del credito e delle cauzioni Atradius - page 1 Una partnership solida Con decenni di esperienza

Dettagli

Operare con l estero: il supporto di MPS alle imprese

Operare con l estero: il supporto di MPS alle imprese Operare con l estero: il supporto di MPS alle imprese Fabrizio Schintu 17 novembre 2011 GRUPPO MONTEPASCHI AREA ESTERO Prodotti, Servizi e Presenza Internazionale a sostegno delle attività con l Estero

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

SOLUZIONI PER CRESCERE ALL ESTERO: GLI STRUMENTI SIMEST E BERS. Carlo de Simone Responsabile Funzione Desk Italia

SOLUZIONI PER CRESCERE ALL ESTERO: GLI STRUMENTI SIMEST E BERS. Carlo de Simone Responsabile Funzione Desk Italia SOLUZIONI PER CRESCERE ALL ESTERO: GLI STRUMENTI SIMEST E BERS Carlo de Simone Responsabile Funzione Desk Italia Ancona, 6 giugno 2013 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese italiane

Dettagli

Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero

Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Roma, 27 marzo 2014 Francesco Montaruli Addetto Finanziario presso il Consolato di San Paolo La presentazione è articolata

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI Progettare l Internazionalizzazione d impresa COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI 20 21 ottobre 2009 Principali incentivi per l internazionalizzazione: PROGRAMMI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO

Dettagli

La tua impresa è pronta per espandersi all estero? UniCredit International, pronte 4 azioni concrete per il decollo.

La tua impresa è pronta per espandersi all estero? UniCredit International, pronte 4 azioni concrete per il decollo. La tua impresa è pronta per espandersi all estero? UniCredit International, pronte 4 azioni concrete per il decollo. 1 CONTROPARTI PRODOTTI CONSULENZA UniCredit International 4 azioni concrete per aiutarti

Dettagli

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 15 dicembre 2014 Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel 2012, la presenza delle multinazionali italiane all estero

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini Milano, 8 luglio 2009 L Area MeG 30 Parallelo SIMEST - BNL Gruppo BNP Paribas - ASSAFRICA & MEDITERRANEO

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero. Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013

Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero. Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013 Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013 Solidi, dinamici, internazionali, italiani UNA BANCA SOLIDA SU CUI CONTARE La

Dettagli

Forum ABI Internazionalizzazione 2007 Un ponte verso l India: strumenti e servizi per l internazionalizzazione delle aziende

Forum ABI Internazionalizzazione 2007 Un ponte verso l India: strumenti e servizi per l internazionalizzazione delle aziende Forum ABI Internazionalizzazione 2007 Un ponte verso l India: strumenti e servizi per l internazionalizzazione delle aziende Maurizio Accinni: Referente per l attività in India Roma, 25 settembre 2007

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA

Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA 2008-2010 Linee Direttrici per gli Interventi della SIMEST SpA 2008-2010 1 Indice Prefazione 3 SCENARI E TENDENZE: INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI ED ECONOMIA

Dettagli

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi Roma, 14 ottobre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

La convenzione tra CONFAPI INDUSTRIA e Cribis D&B è nata per soddisfare le seguenti esigenze:

La convenzione tra CONFAPI INDUSTRIA e Cribis D&B è nata per soddisfare le seguenti esigenze: La convenzione tra CONFAPI INDUSTRIA e Cribis D&B è nata per soddisfare le seguenti esigenze: Report su aziende Italia - Estero Liste marketing Italia - Estero 1. Per le piccole imprese e i professionisti

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

UniCredit Bank Pekao Il supporto all'internazionalizzazione. Andrea Rovatti Head of CBBM Foreign Network Cross Border Business Management

UniCredit Bank Pekao Il supporto all'internazionalizzazione. Andrea Rovatti Head of CBBM Foreign Network Cross Border Business Management UniCredit Bank Pekao Il supporto all'internazionalizzazione Andrea Rovatti Head of CBBM Foreign Network Cross Border Business Management Treviso 23 aprile 2013 AGENDA UniCredit Bank Polonia Gruppo UniCredit

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

Che cos è l impresa simulata?

Che cos è l impresa simulata? Che cos è l impresa simulata? E una metodologia didattica che intende riprodurre all interno di un corso di studi il concreto modo di operare di un azienda negli aspetti che riguardano: l organizzazione

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Guidizzolo, 25 novembre Contratto di Rete Descrizione Caratteristiche Obiettivi strategici

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

Il contesto del credito

Il contesto del credito Il contesto del credito Italia & Puglia Francesco Paolo ACITO Direttore Territoriale Corporate SUD Trani, 23 novembre 2012 Agenda Il contesto ed il sistema PMI I driver per la crescita e le Reti di Impresa

Dettagli

Internazionalizzazione e servizi a supporto delle imprese Daniele Marcheselli Paolo Ciancio Desk Americhe Internazionalizzazione Imprese

Internazionalizzazione e servizi a supporto delle imprese Daniele Marcheselli Paolo Ciancio Desk Americhe Internazionalizzazione Imprese Internazionalizzazione e servizi a supporto delle imprese Daniele Marcheselli Paolo Ciancio Desk Americhe Internazionalizzazione Imprese Servizio Imprese - Direzione Marketing - Area Sales & Marketing

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 13 dicembre 2013 Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO La presenza delle imprese italiane all estero si conferma rilevante

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Progetto a supporto della Internazionalizzazione. Presentazione di International Professional Network

Progetto a supporto della Internazionalizzazione. Presentazione di International Professional Network Progetto a supporto della Internazionalizzazione Presentazione di International Professional Network AJM CONSULTING è uno studio di consulenza italo-polacco che offre un supporto concreto alle piccole

Dettagli

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Augusto Scaglione Desk Asia Ufficio Internazionalizzazione Imprese Como, 25 marzo 2014 Le previsioni sulla crescita per

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Il supporto di Finest S.p.A. alla cooperazione economica tra Italia e Armenia. Ing. Renato Pujatti, Presidente Finest S.p.A.

Il supporto di Finest S.p.A. alla cooperazione economica tra Italia e Armenia. Ing. Renato Pujatti, Presidente Finest S.p.A. Il supporto di Finest S.p.A. alla cooperazione economica tra Italia e Armenia Ing. Renato Pujatti, Presidente Finest S.p.A. Finest oggi L. 19/91 6 uffici Finest: lo specialista finanziario per la cooperazione

Dettagli

Seminario CDO Milano. Come finanziare i tuoi progetti di crescita all estero, discutiamone con Intesa San Paolo

Seminario CDO Milano. Come finanziare i tuoi progetti di crescita all estero, discutiamone con Intesa San Paolo Seminario CDO Milano Come finanziare i tuoi progetti di crescita all estero, discutiamone con Intesa San Paolo Lomaglio Stefano Coordinatore Imprese/Area Milano Città Dragonetti Giovanni Specialista Trade

Dettagli

INFORMEST CONSULTING INSERIMENTO COMMERCIALE PERSONALIZZATO RAPPRESENTANZA COMMERCIALE FINANZA AGEVOLATA PER L EXPORT FONDI EUROPEI PER IMPRESE

INFORMEST CONSULTING INSERIMENTO COMMERCIALE PERSONALIZZATO RAPPRESENTANZA COMMERCIALE FINANZA AGEVOLATA PER L EXPORT FONDI EUROPEI PER IMPRESE Presentazione INFORMEST CONSULTING INSERIMENTO COMMERCIALE PERSONALIZZATO RAPPRESENTANZA COMMERCIALE FINANZA AGEVOLATA PER L EXPORT FONDI EUROPEI PER IMPRESE Udine, 8 gennaio 2015 CHI E INFORMEST CONSULTING

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Vincenzo Pagano Dipartimento Sviluppo e Advisory Referente SIMEST Area Nord Est Vicenza,

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Paesi difficili: perché?

Paesi difficili: perché? Paesi difficili: perché? Inconvertibilità della valuta Limiti di rimpatrio Pericolo di una nazionalizzazione Economie amministrate Basso livello di qualificazione della manodopera locale Elevato indebitamento

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri Giovanni Foresti Direzione Studi e Ricerche Guidizzolo, 25 novembre

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI. Enrica Rubatto Desk Italia. Novara, 10 dicembre 2015

LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI. Enrica Rubatto Desk Italia. Novara, 10 dicembre 2015 LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI Enrica Rubatto Desk Italia Referente SIMEST per Piemonte e Liguria Novara, 10 dicembre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione ii globale l Finanziaria controllata

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli

20 anni 500 260 mln di euro 1,75 md di euro

20 anni 500 260 mln di euro 1,75 md di euro FINEST S.p.A. 20 anni di progetti di internazionalizzazione 500 operazioni sviluppate all estero 260 mln di euro investiti 1,75 md di euro di investimenti complessivi generati 30 Paesi di competenza: CHI

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Alcune riflessioni sui mezzi di pagamento Giancarlo Bianchi Responsabile Trade & Export Finance Banca Popolare di Vicenza Componente del Gruppo di lavoro

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI

1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI THE FIRST CORPORATE FINANCE PORTAL 1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI SINTESI Il progetto Valori Imprenditoriali è stato avviato in un gruppo di studio coordinato da Investment & Banking Group, composto

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli