ACCOMPAGNARE IL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: complessità e casi di successo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCOMPAGNARE IL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: complessità e casi di successo"

Transcript

1 ACCOMPAGNARE IL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: complessità e casi di successo Monica Gheser, Head of CBBM Lombardia Network Coordination Cross Border Business Management Milano, 8 luglio 2011

2 AGENDA IL SISTEMA INDUSTRIALE E PRODUTTIVO ITALIANO LE DINAMICHE DEI FLUSSI IMPORT EXPORT L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE OPPORTUNITA E RISCHI NELL OPERARE CON L ESTERO UNICREDIT UNA BANCA NON SOLO EUROPEA RUOLO E FUNZIONI DEL CBBM

3 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

4 Il TESSUTO IMPREDITORIALE ITALIANO Le piccole e medie imprese secondo la classificazione UE si dividono in 3 tipologie: Con aziende, l Italia vanta il maggior numero di PMI nel comparto manifatturiero in ambito europeo. Una cifra di gran lunga superiore agli inglesi (n PMI), francesi (n PMI), tedeschi (n PMI) il numero delle PMI in Italia appartenenti al comparto industria e servizi di persone sono occupate in PMI il 99,9% delle imprese italiane è rappresentato da PMI il 55,7% dell export italiano riviene dalle PMI 71,7% del valore aggiunto della produzione italiana viene generato dalle PMI Fonte: Rapporto Confindustria febbraio 2010 Piccola Industria Progetto di Vita

5 Il TESSUTO IMPRENDITORIALE ITALIANO I tratti peculiari delle imprese italiane Aziende caratterizzate prevalentemente da un basso livello di integrazione verticale Pochi campioni nazionali hanno una dimensione realmente multinazionale Aziende scarsamente integrate nella filiera produttiva Sistema produttivo parcellizzato, con focus delle imprese su mono fasi della catena del valore IL VALORE AGGIUNTO DEL PRODOTTO NON VIENE OTTIMIZZATO PERCHE SI DISPERDE LUNGO LA FILIERA DI PRODUZIONE. LA CRISI, INDUCENDO UN ATTENTA RICERCA DI EFFICIENZA E OTTIMIZZAZIONE, STA INVERTENDO IL TREND STORICO

6 LA DIMENSIONE D IMPRESA COME FATTORE STRATEGICO E VARIABILE FONDAMENTALE DELLE SCELTE IMPRENDITORIALI In un mercato sempre più globalizzato e altamente competitivo, le PMI devono affrontare la loro sfida più grande: una dimensione insufficiente Il size factor Descrizione Mancanza di economie di scala Inefficienze di costo Divisione interna del lavoro non ottimale Minore potere contrattuale rispetto ai fornitori rispetto ai clienti Visibilità limitata sul mercato PMI raramente sono in grado di stabilire nuove relazioni collaborative con grandi imprese o di sviluppare e promuovere il marchio Rendicontazione finanziaria e business plan poco sofisticati e, solitamente, scarsa patrimonializzazione (con effetti negativi sullo stato creditizio) Potenziali conseguenze Investimenti in R&S limitati o duplicati che riducono l efficienza sui programmi di R&S Minore produttività Processi produttivi obsoleti Incapacità di adattamento tempestivo ai cambiamenti dei trend e della domanda di mercato Crescita inferiore al pieno potenziale nel mercato domestico nei mercati internazionali Le PMI, singolarmente, fanno fatica a competere sul mercato

7 LA DINAMICA CONGIUNTURALE: LA RIPRESA PARTE DALL ESTERO 45% 30% 15% 0% -15% -30% -45% -60% Dinamica corrente e attese Situazione corrente Situazione attesa I Sem 2007 II Sem 2007 I Sem 2008 II Sem 2008 Livello produzione Livello ordini Livello del fatturato Variazione utile lordo I Sem 2009 II Sem 2009 I Sem 2010 II Sem 2010 I Sem 2011 Esportatori Non - Esportatori Livello della produzione 22,4% 1,3% Livello ordini 18,8% -0,8% di cui: livello degli ordini in Italia 7,4% di cui: livello degli ordini dall'estero: UE 11,2% di cui: livello degli ordini dall'estero: extra - UE 13,7% Fatturato 14,0% -2,7% di cui: fatturato in Italia 6,5% di cui: fatturato in UE 8,6% di cui: fatturato extra - UE 22,1% Occupazione -0,6% -9,8% Livello della produzione 16,2% -2,4% Livello ordini 16,1% -1,6% di cui: livello degli ordini in Italia 8,2% di cui: livello degli ordini dall'estero: UE 15,8% di cui: livello degli ordini dall'estero: extra - UE 24,1% Fatturato 13,9% -4,6% di cui: fatturato in Italia 8,0% di cui: fatturato in UE 15,1% di cui: fatturato extra - UE Occupazione 25,8% -0,8% -5,0% Il PIL 2Q10 ha segnato uno +0,5% vs 1Q10. Indagine UniCredit Confapi (3.184 interviste): produzione, ordini e fatturato si mantengono in territorio negativo, indicando un maggior numero di imprese che vedono peggioramenti nel I semestre 2010 rispetto alle imprese che vivono un recupero. Sono 21,4% le imprese che aumentano la produzione contro il 27,8% che la diminuisce. A crescere sono, però, i mercati europei e extra UE, mentre il mercato domestico si raffredda, sia per quanto riguarda la situazione corrente che le attese per il prossimo semestre. La congiuntura mostra dei segnali di ripresa ancora piuttosto deboli soprattutto per l Italia. Ma per le imprese internazionalizzate, la prospettiva è più rosea. Fonte: UniCredit Corporate Sector Analysis su dati Confapi. I valori in tabella rappresentano i saldi, ovvero la differenza tra imprese indicanti aumento rispetto a quelle indicanti diminuzione e il totale delle risposte. Si interpreta come se fosse un termometro: più la temperatura scende, più il mercato si raffredda.

8 LA DINAMICA CONGIUNTURALE: LA RIPRESA PARTE DALL ESTERO 20% 15% 10% 5% 0% -5% -10% -15% -20% -25% -30% -35% Produzione Ordini ordini in Italia ordini UE ordini extra UE SITUAZIONE CORRENTE Occupazione Produzione Ordini ordini in Italia ESPORTA NON ESPORTA ordini UE ordini extra UE SITUAZIONE ATTESA Occupazione Le imprese che hanno relazioni con l estero si trovano in una situazione nettamente migliore di quelle meramente domestiche. Curiosamente questo sembra riguardare tutti i mercati, anche quelli nazionali: essere esportatori aiuta le aziende ad essere più efficienti anche sul mercato domestico. L unica area che rimane ancora negativa è quella relativa all occupazione Ordini interni Ordini UE Ordini extra UE Il settore delle macchine è uno dei pochi che mostra una situazione corrente positiva, con un saldo della produzione di 16,7%, contro il -6,8% del dato complessivo Anche le prospettive sono positive, sebbene il saldo scenda a 8,6%. -60 Come si vede dalla situazione degli ordini, rappresentati nel grafico, l andamento è trainato più che altro dal mercato extra unione. Agroalimentare Mobile-Arredo Pelli-Cuoio- Calzature Tessile e Abbigliamento Carta-Grafica- Editoria Ceramica-Vetro Gomma e Plastica Chimica Metallurgico Lavorazioni meccaniche Macchine Elettromeccanica Fonte: UniCredit Corporate Sector Analysis su dati Confapi. I valori in tabella rappresentano i saldi, ovvero la differenza tra imprese indicanti aumento rispetto a quelle indicanti diminuzione e il totale delle risposte. Si interpreta come se fosse un termometro: più la temperatura scende, più il mercato si raffredda.

9 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

10 IMPORT ED EXPORT NAZIONALI NELL ULTIMO DECENNIO I flussi import-export nazionali nel 2010 (dati provvisori) presentano entrambi risultati positivi, in aumento rispettivamente del +24% e + 17% circa vs. ai saldi 2009 Per quanto riguarda il mercato Lombardia, i dati relativi all importazione per il 2010 mostrano un saldo pari a Eur 115,9 miliardi (pari al 32% circa del totale nazionale), mentre il flusso di esportazioni è pari a Eur 93,9 miliardi (pari al 28% circa) (Eur bn) IMP EXP Fonte: elaborazione su dati ISTAT; dati al 2010 provvisori

11 LE IMPRESE ITALIANE SUL MERCATO ESTERO: UN CONFRONTO INTERNAZIONALE % di imprese che hanno esportato nel In generale nel confronto internazionale, l Italia parrebbe il paese che ha una maggiore attitudine alle esportazioni: sono il 63,5% le imprese che hanno esportato nel corso del 2008 contro il 55,6% del Regno Unito, il 47,9% della Spagna, il 45,4 della Francia e il 41,2% della Germania FRA GER ITA SPA UK 7% 6% 5.8% Imprese che svolgono parte della produzione all'estero 5.8% IDE Accordi con imprese locali 5.5% Ma i rapporti con l estero non si concretizzano esclusivamente tramite le esportazioni; come si vede dal grafico molti paesi come la Germania hanno anche una quota di imprese che fa investimenti diretti esteri L Italia tende, invece, a prediligere altre forme di internazionalizzazione, come gli accordi con imprese locali, piuttosto che IDE o M&A internazionali. 5% 4% 3% 2% 1% 0% 4.4% 4.1% 3.9% 3.6% 2.5% 2.7% 1.6% FRA GER ITA SPA UK Fonte: Survey Efige/UniCredit, indagine internazionale co-finanziata da UniCredit e dall unione europea in cui sono state intervistate circa 3000 imprese per ogni paese considerato in figura.

12 ORIENTAMENTO ALL EXPORT DELLE IMPRESE LOMBARDE Il grado di orientamento all esportazione Trend 2009 vs 2008 per macro-settore 25% - 50% 29% > 50% 31% Industria -6,2% Servizi +2,7% non indicato 2% 10 5 < 25% 38% Industria Servizi 2009 Più del 30% delle aziende campione del mercato lombardo esporta più del 50% del proprio fatturato Una significativa parte delle realtà analizzate è ancora caratterizzata da un forte orientamento domestico: il 38% delle aziende infatti esporta meno del 25% La quota di fatturato esportato, nonostante la crisi, mostra solo una lieve flessione Il settore dei servizi, nel biennio 2008/2009 si è mostrato difensivo e in leggera crescita (ca. 3%) Fonte: Assolombarda, L internazionalizzazione delle imprese della provincia di Milano, gennaio 2010

13 FOCUS SULLA LOMBARDIA I paesi di sbocco I paesi di sbocco nel 2009 e nei prossimi 3 anni Francia Germania Spagna GB USA Svizzera Rep.Pop.Cinese Grecia Fed. Russa Polonia Austria EAU Turchia Romania Egitto Brasile Belgio Portogallo Svezia Paesi Bassi Germania Francia Cina Russia USA India GB Spagna Brasile EAU Austria Giappone Romania Polonia Turchia ArabiaSaudita Egitto Algeria Libia Grecia 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 0% 2% 4% 6% 8% 10% I mercati di sbocco nei prossimi 3 anni saranno quelli delle economie emergenti, quali Cina, Russia e India UniCredit, grazie ad un Network consolidato è presente in quei Paesi e può offire supporto agli imprenditori che decidano di dirigere le loro attività anche nei Paesi non-cee Fonte: Assolombarda, L internazionalizzazione delle imprese della provincia di Milano, gennaio 2010

14 INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Focus sulla Lombardia Le modalità di presenza all estero (% di aziende sul totale del campione) Commenti Partner Comm. Uff.Rappresentanza 10,2% 37,0% Le aziende che avviano un processo di internazionalizzazione, prediligono, almeno in una fase iniziale, una presenza prevalentemente commerciale (37% del campione analizzato) Filiale comm./assist.tecnica (controllata) 5,6% Poche aziende scelgono di fare un investimento produttivo in un paese estero Filiale produttiva (controllata) Filiale comm./assit.tecnica (JV) Centro di R&S 2,9% 2,5% 1,2% Questo trend è rafforzato dalla tendenza delle aziende del campione a non delocalizzare le lavorazioni all estero, dedicando invece maggiore attenzione alla scelta dei fornitori Il 10% circa delle aziende campione del mercato lombardo ha stabilito un ufficio di rappresentanza nel mercato estero prescelto Filiale produttiva (JV) 0,9% 0,0% 5,0% 10,0% 15,0% 20,0% 25,0% 30,0% 35,0% 40,0% Fonte: Assolombarda, L internazionalizzazione delle imprese della provincia di Milano, gennaio 2010

15 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

16 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: FUSIONI & ACQUISIZIONI Principali criticità: Difficoltà connesse alla mentalità/cultura italiana desiderosa di essere artefice del proprio destino. Il tessuto industriale italiano è prevalentemente costituito da aziende familiari che esprimono il soggetto economico ed il management. Necessità di ripensare con nuova ottica alle acquisizioni/fusioni, soprattutto in periodo di crisi, per evitare le piccole dimensioni principale ostacolo alla competizione sui mercati internazionali. Ripensare al concetto di proprietà/gestione dell impresa: gli shareholders incassano i dividendi e controllano la gestione dei managers a cui è delegato il compito quotidiano di governare il business operativo dell azienda.

17 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: FUSIONI & ACQUISIZIONI Volumi Italia Deal Italia trim Già dal 2008 il mercato degli M&A sembra essersi fermato, sicuramente in termini di volumi ma anche in termini di numero di deals Il rapporto KPMG indica che, anche nel primo trimestre del 2010 il mercato non sembra essere ripartito nonostante il leggero incremento rispetto al medesimo periodo del 2009 (42 operazioni con EUR 4,6 bn di controvalore) Per un raffronto, nel primo trimestre del 2007 si erano registrate 90 operazioni per un controvalore di EUR 40 bn Rallentamento delle operazioni di fusione e acquisizione, ma la aggregazione tra imprese passa anche attraverso altre forme, che non intaccano la proprietà dell impresa

18 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE: COLLABORAZIONE & PARTNERSHIP Gli accordi sono rapporti contrattuali di medio-lungo termine attraverso cui due o più imprese gestiscono congiuntamente alcune tipologie di attività. Ad esempio: la produzione, la commercializzazione, l acquisto di materie prime e prodotti intermedi. In particolare gli accordi possono costituire una via per l internazionalizzazione dell impresa, permettendole di accedere a mercati lontani o con grosse barriere all entrata, senza perdere proprietà ed indipendenza. Questa via è molto seguita sia dalle PMI che dalle grandi imprese. Qui di seguito tabella con i dati che esprimono percentuali sulle varie forme di collaborazione a livello Italia: Rapporti di subfornitura Attività comuni per commercializzazione Rapporti di subfornitura con terzisti Attività comuni per il credito Attività comuni per R&D Altre forme Nessuna collaborazione 13,9% 11,3% 12,7% 4,2% 4% 13,4% 52,9% Fonte: 7 Rapporto UniCredit sulle piccole Imprese La Ricerca di Nuovi Mercati: la sfida delle piccole imprese tra cambiamento e tradizione

19 ALCUNE FORME DI INTERNAZIONALIZZAZIONE RETI DI IMPRESA La creazione di una RETE permette di aumentare la dimensione senza perdere proprieta ed indipendenza Motivazioni alla base della cooperazione tra PMI Accesso a nuovi e più grandi mercati Maggiore offerta di prodotti Accesso a know-how e tecnologie Maggiore capacità produttiva Riduzione dei costi

20 NEL 2009, UNA NUOVA LEGGE (LEGGE SVILUPPO ) HA GETTATO LE BASI PER L AGGREGAZIONE DELLE PMI IN RETI DI IMPRESA Legge Sviluppo Reti d Impresa Caratteristiche principali: Obiettivo: Fornire un metodo alternativo per quelle imprese che vogliano aumentare la loro forza senza doversi fondere o subordinare sotto il controllo di un unico soggetto Creare le opportunità per le PMI di stabilire partnership produttive e tecnologiche con imprese di regioni diverse ma appartenenti alla stessa catena produttiva Elementi essenziali del contratto: Definizione degli obiettivi strategici e delle attività congiunte alla base delle rete Identificazione di un programma di rete (definizione dei diritti e doveri di ogni impresa partecipante) Identificazione di una struttura comune dedicata alla gestione della rete, inclusi i suoi poteri di rappresentanza e le modalità di partecipazione ad ogni attività intrapresa Creazione di un fondo patrimoniale comune Benefici chiave: Aumentare la massa critica e acquisire maggiore potere contrattuale verso terzi (fornitori, clienti) senza dover sottostare al controllo di un singolo soggetto Idoneità a ricevere speciali agevolazioni amministrativi, finanziari e per ricerca e sviluppo fino ad oggi riservate solo ai distretti

21 IL CONTRATTO DI RETE Con il contratto di rete, più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato Le imprese si obbligano, sulla base di un programma comune di rete a: Collaborare in forme e in ambiti predeterminati attinenti all esercizio delle proprie imprese Scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica Esercitare in comune una o più attività rientranti nell oggetto della propria impresa Gli elementi costitutivi: Il programma di rete: è assimilabile ad un piano industriale in cui i contraenti stabiliscono fra loro chi fa cosa e come per poter conseguire lo scopo comune e le regole che devono improntare le relazioni tra le imprese partecipanti Fondo patrimoniale comune (eventuale): il programma di rete deve fissare la misura e i criteri di valutazione dei conferimenti iniziali e degli eventuali contributi successivi cui ciascun partecipante si obbliga, e le regole di gestione del fondo. Se consentito dal programma, l esecuzione del conferimento può avvenire anche mediante apporto di un patrimonio destinato ex art bis c.c. Organo comune (eventuale): soggetto incaricato di gestire, in nome e per conto dei partecipanti, l esecuzione del contratto o di singole parti o fasi dello stesso Source:

22 IL CONTRATTO DI RETE Le agevolazioni: Sono previste le stesse agevolazioni amministrative, finanziarie e per la promozione di ricerca e sviluppo già fissate per i distretti dalla l.n.266/2005 e ss.mm.ii Sono previsti 30 milioni di Euro (accordo di programma tra Ministero dello Sviluppo Economico e Unioncamere) per realizzare progetti diretti a promuovere le reti di impresa, supportando le imprese attraverso studi di prefattibilità e la stesura delle tipologie contrattuali Gli incentivi fiscali: Gli utili di esercizio reinvestiti dalle imprese nel fondo patrimoniale o per la realizzazione entro l esercizio successivo degli investimenti previsti nel programma di rete asseverato da organismi espressione dell associazionismo imprenditoriale, godono di una defiscalizzazione, fino a un massimo di 1 milione di Euro L Agenzia delle Entrate è chiamata ad effettuare verifiche periodiche sulla realizzazione degli investimenti che hanno dato accesso alla agevolazione Gli utili concorrono alla formazione del reddito nell esercizio in cui la riserva è utilizzata per scopi diversi dalla copertura di perdite di esercizio, ovvero in cui viene meno l adesione al contratto di rete Source:

23 IL CONTRATTO DI RETE I vantaggi del contratto di rete: Strumento per il superamento della logica dei distretti territoriali in favore di una aggregazione funzionale per progetti trasversali sui territori Stimolo all autonomia delle imprese, che consente la transizione graduale a forme di collaborazione più strutturate, premiate con l accesso agli incentivi fiscali Rapporto con altri strumenti aggregativi: Le possibili applicazioni all Export Il contratto di rete non prevede necessariamente la nascita di un nuovo soggetto giuridico o, comunque, la costituzione di un fondo o la nomina di un organo comune, elementi che, invece, caratterizzano il modello consortile Rispetto alle forme di collaborazione temporanee di impresa, il contratto di rete non si limita a perseguire la realizzazione di un singolo affare, ma mira a realizzare obiettivi strategici di integrazione di più ampio respiro Il contratto di rete sembra idoneo a realizzare il potenziamento di forme di collaborazione fra imprese che aspirano ad intraprendere cambiamenti tecnologici ed organizzativi per operare su mercati più dinamici attraverso: 1. Sviluppo di funzioni condivise 2. Realizzazione di servizi o progetti comuni nel campo della ricerca ed innovazione 3. Implementazione delle reti di sub-fornitura 4. Adozione di marchi, loghi o packaging comuni Source:

24 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

25 OPPORTUNITA E RISCHI LEGATI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA PUNTI DI FORZA: Qualità del prodotto Buona immagine del prodotto all estero (effetto made in Italy ) Qualità del processo produttivo PUNTI DI DEBOLEZZA: Dimensione aziendale Distribuzione (mancanza di una Rete commerciale adeguata per vendere all estero Organizzazione interna (mancanza di risorse e strutture idonee in termini ad es. di conoscenze lin guistiche e normativa internazionale) VINCOLI: Relazioni commerciali difficoltose (diverse prassi commerciali, incertezza sui tempi di incasso) Onerosità (costi di trasporto, trasferte, incertezza degli standard produttivi all estero Scarsa assistenza e supporto in Italia e in loco (fare sistema ), difficoltà a ottenere credito bancario all estero OPPORTUNITA : Allargare i mercati di sbocco Stare al passo con la concorrenza Sfruttare le opportunità offerte dai mercati emergenti ad alto tasso di crescita Fonte: 7 Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La ricerca di Nuovi Mercati: la sfida delle piccole imprese tra cambiamento e tradizione

26 I RISCHI CONNESSI CON L OPERATIVITA CON L ESTERO L attuale contesto economico, caratterizzato da un aumento dell incertezza, induce un maggior bisogno da parte degli operatori di identificare appropriatamente i rischi legati all operatività con l estero Crescita nella richiesta di protezione Bisogno di aggregazione Gli Specialisti Estero di UniCredit ed i Centri Estero Merci dislocati sul territorio, sono a disposizione per offrire adeguato supporto e consulenza Rischio del credito Rischio finanziario (cambio e tassi) Rischio Paese (sovrano, pubblico, difficoltà trasferimenti valutari) Rischio Controparte Rischio indebita escussione garanzie Rischio Produzione Rischio Trasporto (resa merce) Rischio giuridico e contrattuale Rischio mancato ritiro merce

27 LE PRINCIPALI DIFFICOLTA CHE GLI IMPRENDITORI ITALIANI INCONTRANO ALL ESTERO Tra le principali difficoltà segnalate dalle aziende che hanno avviato un processo di internazionalizzazione, si evidenziano le seguenti (per ordine di importanza): Vincoli legislativi e burocratici Scarsa conoscenza dei mercati esteri Inaffidabilità dei partner locali Instabilità politica Ostacoli culturali Servizi ed infrastrutture locali Proprio personale inadeguato (lingue, etc.) Manodopera locale non professionale Investimenti ICT inadeguati Assolombarda, I processi di internazionalizzazione delle imprese milanesi,

28 Il sistema industriale e produttivo italiano Le dinamiche dei flussi import export L internazionalizzazione delle imprese italiane Opportunità e rischi nell operare con l estero UniCredit una Banca non solo Europea Ruolo e funzioni del CBBM

29 IL GRUPPO UNICREDIT HA UNA FORTE PRESENZA INTERNAZIONALE Forte presenza consolidata in 22 paesi Europei Network internazionale in ca. 50 paesi Approx. 160,000 1 dipendenti Approx. 9,600 1 filiali Operating income: EUR 6,928 mn (Q1 2011); EUR 26,347 mn (FY 2010) Operating profit: EUR 3,070 mn (Q1 2011); EUR 10,864 mn (FY 2010) A/Aa3/A medium/long-term ratings 2 (Fitch Ratings, Moody s, S&P) Core tier I at 9.06% Home markets Italia, Germania, Austria, Central and Eastern Europe (CEE) E presente in 3 Austria: #1 (15.6%) 3 Italia: #2 (13.9%) 3 Germania: #3 (3.5%) 3 nei paesi CEE Azerbaijan Bosnia- Erzegovina Bulgaria Croazia Rep. Ceca Estonia Latvia Lituania Polonia Romania Russia Serbia Slovacchia e nei mercati internazionali Ungheria Slovenia Kazakhstan Turchia Kyrgyzstan Ucraina UK America Asia Paesi CEE in cui UniCredit Group opera attraverso le proprie banche locali Home Markets International Markets 1 Al 31 marzo 2011; include tutti i dipendenti, e branches di controllate incluse nel bilancio consolidato i.e.koç Financial Services 2 Al 9 Ottobre Ranking e market shares in parentesi: market shares in termini di total loans a settembre 2010 (fonte: UniCredit Research) Fonte: Company Data

30 ...NEI PAESI CEE Paesi Baltici Russia Polonia 202 dipendenti 5 filiali 3,669 dipendenti 106 filiali 20,143 dipendenti 1,014 filiali Ucraina Rep. Ceca 7,535 dipendenti 443 filiali 1,759 dipendenti 83 filiali Romania Slovacchia 1,234 dipendenti 76 filiali 3,007 dipendenti 235 filiali Bulgaria Ungheria 1,935 dipendenti 133 filiali 3,799 dipendenti 235 filiali Kazakhstan** Slovenia 566 dipendenti 21 filiali Croazia Bosnia Serbia Kyrgyzstan 3,070 dipendenti 123 filiali Turchia*** 4,588 dipendenti 136 filiali 1,831 dipendenti 155 filiali 929 dipendenti 71 filiali 746 dipendenti 40 filiali 16,821 dipendenti 927 filiali * Incluso UniCredit Bank in Ukraina ** Incluso Bank Sibir in Russia, ma esclusa ATF Bank in Kyrgyzstan *** Incluso Yapi Kredi in Azerbaijan Dati al 31/12/2010

31 E NEL MONDO.. Branches and subsidiaries Core markets Representative Offices, Delegates, Consultants, Investment Centers

32 IN QUESTO PROCESSO L IMPRENDITORE ITALIANO ALL ESTERO VIENE SUPPORTATO DA CROSS BORDER BUSINESS MANAGEMENT (CBBM) MISSION CBBM ha l obiettivo di supportare la rete italiana Corporate e F&SME, che si trova quotidianamente ad interfacciare le esigenze della clientela operante nei mercati internazionali Tale attività viene perseguita in stretta connessione con le Banche e le filiali estere di UniCredit Coordina e promuove le attività di sviluppo e implementazione di business cross border e delle relative linee guida Garantisce un supporto costante ed efficace a tutta la clientela italiana operante nei mercati internazionali in stretta sinergia con le Filiali/Rappresentanze//Delegati e Banche Estere di UniCredit ATTIVITA Assicura assistenza e consulenza per: la ricerca di partner commerciali studi di fattibilità joint ventures operazioni M&A informativa su bandi di gare pubblici nazionali ed internazionali studi di settore consulenza per accesso a forme di finanziamento e a coperture assicurative Promuove le attività di internazionalizzazione UniCredit presso le competenti istituzioni italiane e le strutture governative responsabili per la politica economica internazionale (Ministeri competenti SACE, SIMEST, FINEST, INFORMEST, CCIAA, ICE) Promuove e partecipa a seminari e conferenze sul tema Internazionalizzazione

33 DAGLI INTERNATIONAL DESK MISSION UniCredit supporta l'internazionalizzazione delle imprese italiane, grazie alla propria presenza all estero, in particolare nei paesi dell Europa Centro Orientale Gli International Desk, presenti in ogni banca del gruppo, hanno lo scopo di accompagnare le aziende Italiane nella difficile penetrazione dei mercati esteri Gli International Desk sono il Single Point of Entry nel Paese in cui operano, sono il primo contatto per un imprenditore Italiano che voglia operare all estero ATTIVITA Analizzano le esigenze delle imprese cross border e offrono assistenza dedicata, adatta alle esigenze locali, compreso l'accesso a tutta la rete di filiali e società prodotto, quali il leasing, il factoring, l investment banking, etc Introducono l azienda presso l establishment produttivo locale favorendo la ricerca di partner commerciali Introducono l azienda presso le istituzioni italiane presenti nel paese (Ambasciata, CCIAA, Associazioni Industriali, ICE ) Offrono accesso alla rete di consulenti legali e amministrativi indipendenti, al fine di sostenere la creazione di iniziative cross border Punto di accesso a prodotti e servizi disponibili nel network delle banche del Gruppo UniCredit nella CEE in coordinamento con le competenti strutture di UniCredit Interfaccia in lingua italiana, che conosce le caratteristiche e le esigenze di business del sistema imprenditoriale italiano e fornisce suggerimenti e indicazioni all imprenditore riguardo il contesto locale

34 E DALLA BANCA, TRAMITE I SEGUENTI SERVIZI: EXPORT Conoscenza della controparte (accordo con Eurocredit) Copertura rischio controparte (SACE) Lettere di credito/bondistica Incassi Conto accentratore Factoring Trade finance/structured Trade Finance SOCIETA COMMERCIALE ALL ESTERO Apertura conto corrente (gestibile anche dall Italia) Cash-management (cash pooling internazionale, ) Anticipo fatture Lettere di credito Bondistica Electronic banking BRANCH ALL ESTERO SOCIETA PRODUTTIVA ALL ESTERO Apertura conto corrente (gestibile anche dall Italia) Fidejussioni Incassi/pagamenti Factoring Electronic banking Apertura conto corrente (gestibile anche dall Italia) Cash-management (cash pooling internazionale) Anticipo fatture Lettere di credito Forex Finanziamento agli investimenti (project finance) Operazioni di finanza straordinaria (JV/M&A) Electronic banking I nostri prodotti Cross-Border: CB Account Opening, CB PLUS Credit, FlashPayment, MultiCash, EuropeanGate

35 GAMMA DI PRODOTTI DEDICATA AI CLIENTI CROSS BORDER CROSS BORDER PLUS CREDIT Rilascio di testo unificato di garanzia a prima richiesta prestato da una Banca del Gruppo per conto di proprio cliente, a favore di Banca consorella (ubicata in paese diverso da quello di emissione), a garanzia di affidamenti concessi nell interesse di cliente di quest ultima. Tale garanzia viene utilizzata qualora un azienda (Casa Madre) intenda supportare, tramite la propria Banca, gli affidamenti che verranno concessi ad una propria affiliata da parte di Banca consorella, estendendo in tal modo alle proprie affiliate la propria capacità di credito, in un approccio sinergico al mercato Cross Border. FLASH PAYMENTS Il servizio Flash Payment UniCredit garantisce l accredito di bonifici entro un solo giorno lavorativo presso le banche del Gruppo, in 21 Paesi, anche nella valuta locale. 8 dei Paesi in cui il servizio è disponibile non fanno parte dell area SEPA. WELCOME PACKAGE Pacchetto di condizioni speciali per aziende, italiane residenti o estere, presentate da banche estere, sia UniCredit che esterne, predisposto al fine di semplificare e velocizzare l iter commerciale per l apertura di nuovi rapporti in UniCredit consentendo alla banca estera una quotazione immediata alla propria clientela che intenda attingere ai servizi offerti da UniCredit.

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti LG00000NEW.bmp Foglio Informativo n. CC90 Aggiornamento n. 035 Data ultimo aggiornamento 01.10.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 25.06.2008 SEC(2008) 2193 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE CODICE EUROPEO DI BUONE PRATICHE PER FACILITARE L ACCESSO DELLE PMI AGLI

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli