ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI"

Transcript

1 ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Dott.ssa GABRIELLA COI

2 Il concetto di salute promosso dall OMS L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è l agenzia dell ONU istituita nel 1948 con l'obiettivo di operare per far raggiungere a tutte le popolazioni il livello di salute più elevato possibile.

3 CONCETTO DI SALUTE La SALUTE viene definita nella Costituzione dell'oms, come "stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia Concetto comune : Salute = assenza di malattia ne deriva che il problema di cui occuparsi sono le malattie

4 CONCETTO DI SALUTE stato di completo benessere Riguarda l intera persona (non solo il corpo) Introduce il concetto di funzionamento umano in tutte le dimensioni (fisica, psicologica, personale, familiare e sociale) Introduce il concetto di funzionamento ambientale La disabilità è l aspetto disfunzionale del funzionamento Disabilità = la presenza di una menomazione fisica o mentale che limita le attività di vita della persona (connotazione neutrale, di deviazione dalla norma, non negativa come, ad es., dis onesto...)

5 Concetto di salute e disabilità Nel tempo si sono sviluppati concetti di disabilità basati su: Modello medico La disabilità concerne anormalità fisiologiche e psicologiche (causate da malattie, disturbi o lesioni) che necessitano di trattamento medico Modello sociale La disabilità concerne gli svantaggi causati dall ambiente fisico e sociale che restringe la vita delle persone con problemi di funzionamento

6 Concetto di salute e disabilità Modello medico Modello sociale il problema è personale la terapia è medica Sociale l integrazione sociale Il trattamento è individuale di azione sociale L aiuto è di tipo professionale I cambiamenti coinvolgono la persona e i suoi comportamenti individuale e collettivo L ambiente, gli atteggiamenti, la cultura Le azioni sono assistenziali relative ai Diritti umani Definite dalle Politiche sanitarie dalla Politica Con obiettivo l adattamento individuale il cambiamento sociale

7 Come operare Come operare secondo il Modello secondo il Modello medico sociale Fare Diagnosi medica Individuare la menomazione di funzioni e strutture I problemi sono della persona con disabilità Per risolvere i problemi sono appropriati gli interventi medici Concetto di salute e disabilità Analizzare l ambiente fisico e sociale Ridurre le restrizioni nella partecipazione alla vita di tutti i giorni I problemi sono della persona con disabilità Per risolvere i problemi sono appropriati gli interventi sociali Nella visione dell OMS non è sufficiente né uno né l altro modello, devono essere integrati fra loro La prospettiva da utilizzare deve essere BIOPSICOSOCIALE

8 Concetto di salute e disabilità Modello Biopsicosociale il problema è personale la terapia è medica Il trattamento è individuale e e e Sociale l integrazione sociale di azione sociale L aiuto è di tipo professionale I cambiamenti coinvolgono la persona e i suoi comportamenti e e individuale e collettivo L ambiente, gli atteggiamenti, la cultura Le azioni sono assistenziali Definite dalle Politiche sanitarie Con obiettivo l adattamento individuale e e e relative ai Diritti umani dalla Politica il cambiamento sociale

9 Nella conoscenza e trasmissione delle cose è fondamentale che la loro denominazione sia precisa e condivisa Tra i compiti istituzionali dell OMS vi è lo sviluppo di sistemi di classificazione in grado di descrivere adeguatamente malattie e condizioni di salute correlate applicabili in contesti culturali e socio-economici diversi Che hanno fra i loro scopi essere modello di riferimento per codificare una grande quantità di informazioni utilizzando un linguaggio comune (permette la comunicazione in tutto il mondo)

10 sistemi di classificazione Misurare - Valutare - Classificare Misurare assegnare un valore all interno di un intervallo per determinare / quantificare le dimensioni di una osservazione utilizzando uno standard (metro; WISC) Valutare (in senso scientifico) determinare un valore in base a norme e criteri ( media, norma ) Classificare rappresentare cose o persone indicandone tutte le caratteristiche, così da darne un idea compiuta ordinare e catalogare mediante un criterio in contenitori di conoscenze denominati classi, sezioni, categorie, specie, sottospecie, fasce... servendosi di criteri, regole precise e procedure ( maschio italiano di altezza compresa fra 163 e 186 cm = persona di altezza normale ; utilizzando test di QI adeguatamente standardizzati, il range tra 50 e 69 è indicativo di ritardo lieve ICD-10; nessuna menomazione -assente, trascurabile 0-4% ICF)

11 sistemi di classificazione UN PO DI STORIA delle Classificazioni OMS: (processo che ha coinvolto diversi soggetti e che è sfociato nell elaborazione di un progetto culturale, politico,scientifico ed economico) 1893: Classificazione internazionale delle cause di morte 1948: ICD Classificazione Internazionale delle Malattie e dei Problemi Relativi alla Salute (con la 6^ revisione si adottò anche la rilevazione delle cause delle patologie) Utilizzare la mortalità come indicatore di salute non poneva attenzione nei confronti di quelle malattie che comportano una bassa mortalità ma che implicano un alta disabilità e che hanno un importante prevalenza. La diagnosi da sola non è predittiva di: Servizi richiesti, Livello di assistenza necessario, Ricezione di sussidi/pensioni di disabilità, Capacità lavorativa, Integrazione sociale. L uso di questo indicatore porta a una grave sottostima delle malattie croniche invalidanti come, per esempio, le malattie neurologiche, o quelle psichiatriche, poiché queste hanno bassa mortalità, sebbene causino importante disabilità. L allocazione delle risorse per la salute richiede una valutazione dell importanza (o dell impatto) che la malattia ha sulla popolazione.

12 sistemi di classificazione UN PO DI STORIA delle Classificazioni OMS: Negli anni 70 si evidenziò la necessità di affiancare alle classificazioni diagnostiche delle classificazioni Funzionali, per poter descrivere l impatto (conseguenze) che la condizione di salute ha sul funzionamento sia personale che sociale dell individuo. Nel maggio del 1976, la 24^ Assemblea Mondiale della Sanità approvò la pubblicazione della Classificazione delle menomazioni, delle disabilità e degli handicap (ICIDH) come supplemento (non parte integrante) dell ICD. Successivamente, nel 1980: ICIDH prima edizione della International Classification of Impairments, Disabilities and Handicap (ICIDH 1 o ICIDH 80). Nel 1993, a seguito delle diverse critiche emerse dagli utilizzatori dell ICIDH 80, l OMS decise di avviare una revisione della classificazione promuovendo un processo di revisione e una metodologia di lavoro che mobilitò più di 65 paesi in Europa, America del Nord, Asia, Australia (il lavoro di elaborazione della ICIDH-80 aveva interessato solo qualche specialista) 1993: ICDH-2

13 sistemi di classificazione UN PO DI STORIA delle Classificazioni OMS: Basandosi sulle riflessioni scaturite dal processo di revisione avviato nel 1993 nel 1999 venne prodotta la versione ICIDH-2 Beta-2. Iniziarono anche questa volta le prove sul campo con impostazione transculturale e multisettoriale, che si conclusero nel settembre 2000 e, a seguito della revisione da parte del Comitato Esecutivo dell OMS nel gennaio 2001 venne prodotta la versione finale dell ICIDH-2 La 54 World Health Assembly il 22 maggio 2001 approvò e pubblicò il lavoro conclusivo con il nome di ICF: International Classification of Functioning, Disability and Health. Raccomandando agli Stati membri di utilizzare l ICF per ricerca, studi di popolazione e nei reports.

14 sistemi di classificazione UN PO DI STORIA delle Classificazioni OMS: L ICIDH derivava da un modello sequenziale-monodirezionale Malattia menomazione disabilità handicap e prevedeva la descrizione di un problema di salute attraverso le dimensioni: Menomazione perdita o anomalia a carico delle strutture o delle funzioni psicologiche, fisiologiche o anatomiche Disabilità restrizione o perdita della capacità di svolgere una attività nella maniera considerata normale per un essere umano (conseguente ad una menomazione). Handicap condizione di svantaggio conseguente ad una menomazione o disabilità che limita o impedisce di ricoprire un ruolo che è normale (rispetto a età, sesso, fattori sociali e culturali) per l individuo. Questo modello esprime una visione negativa individuale Inoltre non veniva considerato in modo specifico il ruolo dell ambiente di vita (pur definendo importante l ambiente nella trasformare di una disabilità in handicap) Risposte medico-assistenziali persona oggetto di intervento

15 ICF è basato sul MODELLO BIOPSICOSOCIALE che è l integrazione di due modelli menomazioni A&P Persona funzionamento FA Contesto prodotti sostegni

16 sistemi di classificazione UN PO DI STORIA delle Classificazioni OMS: Per l Italia (a partire dal gennaio 1999) il lavoro di revisione dell ICDH è stato svolto dal DIN, Disability Italian Network, che comprendeva venticinque Centri distribuiti in tutta Italia, coordinati dall Agenzia Sanità della Regione Friuli Venezia Giulia). Nel 2003, dodici membri del primo DIN hanno poi fondato il DIN come associazione tecnico- scientifica per la formazione, lo sviluppo e la diffusione in Italia dell ICF e degli strumenti ICF correlati (ICF checklist, WHO DAS 2, core sets, ICF children and youth version e strumenti correlati). Nell Aprile 2002 si è svolta in Italia, a Trieste, la WHO Conference on Health and Disability che ha presentato l ICF ai Ministri della Sanità e del Welfare provenienti da 75 Paesi Nell ottobre 2007 a Venezia si è tenuto il convegno internazionale ICF-CY. A common language for the health of children and youth : presentazione a livello mondiale dell ICF-CY (Children and Youth)

17 sistemi di classificazione UN PO DI STORIA delle Classificazioni OMS: Aggiornamenti costanti su ICF e ICF-CY sono reperibili in Internet collegandosi al Portale Italiano delle Classificazioni

18 Riassumendo: le classificazioni OMS Le condizioni di salute (malattie, disturbi, lesioni, ecc.) sono classificate nella Classificazione Internazionale delle Malattie e dei Problemi Relativi alla Salute, attualmente alla Decima revisione. ICD-10 Contiene una classificazione dettagliata delle malattie, sindromi, disturbi (condizioni di salute); Fornisce le descrizioni cliniche (segni e sintomi) e le direttive per la diagnosi (numero, associazione, eventualmente la durata); Esplicita inclusioni ed esclusioni ICF e ICF-CY Classificano il funzionamento e la disabilità associati alle condizioni di salute. NON E una classificazione delle conseguenze delle malattie E una classificazione delle componenti della salute : identifica gli elementi costitutivi la salute Le due classificazioni ICD e ICF sono complementari

19 ICF CLASSIFICAZIONE che permette di analizzare la salute e il funzionamento dell individuo (come aspetti positivi) STRUMENTO da utilizzare per descrivere il funzionamento umano legato a condizioni di salute

20 Scopi dell ICF: Fornire una base scientifica per classificare le conseguenze delle condizioni di salute Fornire un linguaggio comune per la descrizione della salute e delle condizioni ad essa correlate, sviluppando e migliorando la comunicazione tra i diversi utilizzatori Fornire uno schema di codifica sistematica per i sistemi informativi sulla salute Permettere un raffronto di dati fra: Paesi - Discipline Sanitarie Servizi - Periodi Raccogliere dati sugli elementi contestuali (facilitatori e barriere) che influiscono sulla partecipazione delle persone disabili alla vita sociale Stimolare lo sviluppo di servizi per migliorare i livelli di partecipazione sociale per le persone con disabilità Raccogliere dati che riguardano i facilitatori e le barriere che limitano o migliorano i livelli di partecipazione in tutte le aree di vita sociale

21 APPLICAZIONI DELL ICF: STRUMENTO di politica sociale di ricerca statistico in campo medico in ambito di assistenza sociale in ambito educativo in ambito lavorativo POTENZIALI UTILIZZATORI DELL ICF operatori sanitari operatori del settore sociale operatori del settore scolastico operatori dei servizi di avviamento al lavoro responsabili della programmazione socio-sanitaria servizi di epidemiologia e statistica sanitaria PROBLEMI NELL UTIZZO DI ICF sistema non semplice potenziale utilizzo improprio strategie di utilizzo diverse in diversi contesti

22 TERMINOLOGIA ICF DOMINI DI SALUTE: aree di vita ritenute nella classificazione ICF parte della nozione di salute (sia quelle che rientrano nelle competenze del sistema sanitario che altre, dipendenti da altri livelli di responsabilità, che contribuiscono al livello di salute ). STATI DI SALUTE: livelli di funzionamento all interno di un determinato dominio di salute dell ICF CONDIZIONE DI SALUTE: termine che rappresenta malattia, disturbo, lesione, trauma, anomalie congenite, circostanze come predisposizione genetica, gravidanza, invecchiamento, stress MENOMAZIONE: perdita o anormalità (indica uno scostamento significativo rispetto a norme statistiche stabilite) nella struttura del corpo o nella funzione fisiologica

23 TERMINOLOGIA ICF ATTIVITA : esecuzione di un compito o azione LIMITAZIONE DELL ATTIVITA : difficoltà che un individuo incontra nell eseguire un attività PARTECIPAZIONE: coinvolgimento in una situazione di vita RESTRIZIONE DELLA PARTECIPAZIONE: problemi che un individuo sperimenta nel coinvolgimento in situazioni di vita. La restrizione viene determinata paragonando la partecipazione dell individuo con quella che ci si aspetta da un soggetto senza disabilità in quella società FATTORI AMBIENTALI. Tutto ciò che rappresenta il contesto di vita FATTORI PERSONALI: fattori correlati all individuo (età, sesso, classe sociale, religione ) NON CLASSIFICATI attualmente da ICF

24 STRUTTURA PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ ICF PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI Classificazione Parti FUNZIONI CORPOREE b STRUTTURE CORPOREE s ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE d FATTORI AMBIENTALI e FATTORI PERSONALI Componenti Classificano la presenza di menomazioni nelle Funzioni Strutture del corpo classifica capacità e performance classifica barriere e facilitatori

25 STRUTTURA PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ ICF PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI Classificazione Parti FUNZIONI CORPOREE STRUTTURE CORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORI AMBIENTALI FATTORI PERSONALI Componenti MODIFICAZIONI NELLE FUNZIONI CORPOREE MODIFICAZIONI NELLE STRUTTURE CORPOREE CAPACITÀ PERFORMANCE FACILITATORI/ BARRIERE Qualificatori

26 STRUTTURA PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ ICF PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI Classificazione Parti FUNZIONI CORPOREE STRUTTURE CORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORI AMBIENTALI FATTORI PERSONALI Componenti Livelli: Livelli: Livelli: Livelli: Livelli: Domini e categorie ai diversi livelli: 1 Livello: 34 capitoli 2 e3 livello:362 categorie 4 livello 1424 sub categorie MODIFICAZIONI NELLE FUNZIONI CORPOREE MODIFICAZIONI NELLE STRUTTURE CORPOREE CAPACITÀ PERFORMANCE FACILITATORI/ BARRIERE Costrutti / Qualificatori

27 ELEMENTI DI CODIFICA Primo qualificatore Secondo qualificatore Decimale (divisore) Terzo qualificatore _ X X X X. _ Identificatore delle dimensioni b = Funzioni corporee s = Strutture corporee d = Attività e Partecipazione e = Fattori Ambientali bxxxx._ sxxxx. _ dxxx. exxx._

28 I qualificatori QUANTI COSA INDICANO Funzioni corporee Strutture corporee 1 3 Grado della menomazione Grado della menomazione Natura della menomazione Attività e Partecipazione 2 Fattori Ambientali 1 Localizzazione della menomazione Grado della Performance Grado della Capacità Grado della Barriera o del Facilitatore (+)

29 Componente funzione corporea ESEMPIO DI CODIFICA POSIZIONE DELLA COMPONENTE ES: b POSIZIONE DEL CAPITOLO Capitolo = Primo livello di codifica b (b7 funzioni neuro-muscoloscheletriche e correlate al movimento)

30 ESEMPIO DI CODIFICA POSIZIONE DELLA CATEGORIA La terza posizione indica la categoria in cui ci si trova, è rappresentata con numeri da 10 a 99. E il termine di classificazione di secondo livello. b Categoria (b730 funzioni della forza muscolare) Secondo livello di codifica La quarta posizione rappresenta le specificazioni della categoria di secondo livello. E rappresentata con numeri da 0 a 9. E il termine di classificazione di terzo livello. b ( b7303 forza dei muscoli della metà Terzo livello di codifica inferiore del corpo)

31 ESEMPIO DI CODIFICA POSIZIONE DEL QUALIFICATORE Completata la parte identificativa abbiamo il punto, b 7303._ seguito dai qualificatori di gravità della menomazione b Menomazione totale (per le funzioni corporee è uno solo e si riferisce alla gravità della menomazione)

32 SCALA DI GRAVITA ESPRESSA DAI QUALIFICATORI Tutte le componenti sono quantificate usando la stessa scala. Avere un problema può significare MENOMAZIONE, LIMITAZIONE, RESTRIZIONE (BARRIERA) a seconda del costrutto. La scelta del qualificatore (ovvero della fascia percentuale descritta dallo stesso) deve essere calibrata riferendosi il più possibile a standard. xxx.0 NESSUN problema: l individuo non ha alcun problema o questo è presente in modo trascurabile (meno del 5%); xxx.1 problema LIEVE: il problema è leggero, piccolo (entro il 24%) xxx.2 problema MEDIO: il problema è moderato, discreto (dal 25 al 49%); xxx.3 problema GRAVE: il problema è notevole, estremo (si colloca in uno standard fra il 50 e il 95%); xxx.4 problema COMPLETO: il problema è totale (96-100%); xxx.8 non specificato: informazioni insufficienti per specificare la gravità del problema (di cui si conosce la presenza ma non l intensità); xxx.9 non applicabile: inappropriato applicare un particolare codice (es. funzioni mestruali in età in cui non sono presenti).

33 Attività e Partecipazione: cosa vado ad osservare? L attività è l esecuzione di un compito o un azione. La partecipazione è il coinvolgimento in una situazione di vita. Osservo Performance e Capacità. Ovvero: Performance: Ciò che una persona fa nel suo ambiente attuale (include quindi i fattori ambientali) Capacità: Il più alto livello probabile di abilità che una persona possiede in un determinato momento/situazione (sarebbe necessario un ambiente standard per neutralizzare l impatto variabile del Contesto) Il divario tra performance e capacità trova spiegazione nell intervento di fattori ambientali

34 Attività e Partecipazione: Quali informazioni possono guidare la compilazione? Partire dalla performance (utilizzare il termine fare come nel linguaggio comune cosa la persona fa, o come si presenta, effettivamente, com è, cosa accade, ricordarsi della performance come partecipazione ) osservazione diretta, rilevazioni effettuate e informazioni fornite da altri, PEI, relazioni varie; Chiedersi se ci sono fattori ambientali che influenzano la performance (evidenziarli, per poi poterli codificare); Per qualificare la Capacità: Pensare alla performance e sottrarre tutto l intervento dell ambiente ; Quali funzioni e/o strutture corporee compongono/vanno a determinare quella specifica capacità? Come determino la capacità? Osservazione, Test di valutazione, strumenti..;

35 PERFORMANCE CAPACITÀ Risultato reale dei fattori ambientali sul funzionamento Ciò che una persona fa Dipendente dall ambiente Caratteristica intrinseca della persona Ciò che una persona può fare Non dipendente dall ambiente

36 Esempio QUALIFICATORI DI ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE Salire in casa d4 Mobilità d455 Spostarsi d4551 Salire d Nessuna difficoltà di performance a salire d Completa difficoltà nella capacità di salire, e nessuna difficoltà di performance nel salire

37 Attività e Partecipazione QUALIFICATORI Primo: PERFORMANCE 0 NESSUNA difficoltà 1 difficoltà LIEVE 2 difficoltà MEDIA 3 difficoltà GRAVE 4 difficoltà COMPLETA 8 NON SPECIFICATO 9 NON APPLICABILE Secondo: CAPACITA 0 NESSUNA difficoltà 1 difficoltà LIEVE 2 difficoltà MEDIA 3 difficoltà GRAVE 4 difficoltà COMPLETA 8 NON SPECIFICATO 9 NON APPLICABILE

38 Fattori Ambientali: Cosa vado ad osservare?quali informazioni possono guidare la compilazione? Riflessione, Osservazione, Verifica se vi sia o meno qualche fattore ambientale collegato ad ogni singola attività / partecipazione (i fattori ambientali che incidono in una performance possono essere uno o più; lo stesso fattore ambientale può intervenire in più attività) Se è presente qualche Fattore Ambientale, verificare se è barriera o facilitatore Per attribuire il Qualificatore: i qualificatori dei Fattori Ambientali si potrebbero considerare in un certo senso qualificatori di qualità dell ambiente (naturale, tecnologico e umano); devono essere considerati il loro tipo, la loro frequenza, la durata nel tempo dell intervento del fattore nella espressione di performance che permette la partecipazione del soggetto.

39 FATTORI AMBIENTALI 1 QUALIFICATORE exxx.0 exxx.1 exxx.2 exxx.3 exxx.4 exxx.8 exxx.9 Barriera NESSUNA barriera barriera LIEVE barriera MEDIA barriera GRAVE barriera COMPLETA barriera non specificato non applicabile Facilitatore exxx+0 NESSUN facilitatore exxx+1 facilitatore LIEVE exxx+2 facilitatore MEDIO exxx+3 facilitatore SOSTANZIALE exxx+4 facilitatore COMPLETO exxx+8 facilitatore non specificato exxx.9 non applicabile

40 Scheda ICF compilata Possibili controlli generali Coerenza generale di compilazione fra tutte le parti Coerenza interna fra le dimensioni Confronto fra i qualificatori di capacità e performance: esprimono, nella differenza di punteggio, la presenza/assenza di fattori ambientali.

41 PROBLEMI DI UTILIZZO DELL ICF sistema non semplice potenziale utilizzo improprio strategie di utilizzo diverse in diversi contesti

42 Materiali ICF ICF volume principale versione completa dettagliata (9999 cat. possibili) versione concisa (99 cat. possibili) presenta due livelli di categorie per ciascuna componente ICF Checklist riporta una sola componente, per 169 categorie ICF-CY

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

ICF per gli adulti e ICF CY per minori

ICF per gli adulti e ICF CY per minori ICF per gli adulti e ICF CY per minori La Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF, dall'inglese International Classification of Functioning, Disability and

Dettagli

APPUNTI DI ICF. Com è rappresentato il modello biopsicosociale nell ICF?

APPUNTI DI ICF. Com è rappresentato il modello biopsicosociale nell ICF? APPUNTI DI ICF Il dibattito fra modello medico e sociale di disabilità è continuato per quasi 40 anni. I due modelli differiscono in molti aspetti: caratterizzano che tipo di problema sia la disabilità;

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit PRESENTAZIONE Lo scenario sulla disabilità è interessato da un processo di profonda trasformazione che negli ultimi anni ha sollecitato l attenzione dei Governi, delle loro strutture operative, delle associazioni

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Il modello descritto nell ICF riflette i cambiamenti di prospettiva

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI A.S. 2010/2011 ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Modalità di svolgimento del corso 1 FASE 14 ORE 6 INCONTRI 1. Principi di integrazione: come essere nella relazione educativa

Dettagli

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA Il punto di partenza Studio della documentazione (Scheda di segnalazione; Diagnosi Funzionale; Profilo Dinamico Funzionale;

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina Riflessione sulla norm ativa Prof.ssa Olmo Serafina Direttiva del 27/12/12 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA C.M.

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF.

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. PARTE I: modelli culturali di riferimento e principi ispiratori. PARTE II:tre parole chiave per comprendere ICF PARTE III:

Dettagli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli concettuali di natura medica o di natura sociale, secondo visioni

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

Bisogni educativi speciale e disabilità

Bisogni educativi speciale e disabilità Bisogni educativi speciale e disabilità Il Bisogno Educativo Speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo e/o di apprendimento, dovuta all interazione

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Versione breve O.M.S. ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ ICF SHORT VERSION: INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING,

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITA E DELLA SALUTE. Prof. Emanuela D Ambos. Liceo Statale C.Porta.

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITA E DELLA SALUTE. Prof. Emanuela D Ambos. Liceo Statale C.Porta. ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITA E DELLA SALUTE Prof. Emanuela D Ambos. Liceo Statale C.Porta.Erba Parte I. Integrare ed includere sono sinonimi? Integrazione e Inclusione

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015. Pedagogia Speciale

TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015. Pedagogia Speciale TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015 Pedagogia Speciale etdoraz@tin.it Prof. Ettore D Orazio TESTI DI RIFERIMENTO Marisa Pavone, L' inclusione educativa. Indicazioni

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA CORSO DI FORMAZIONE RIVOLTA AI DOCENTI AFFERENTI AL CTRH DI CEFALU - CAMPOFELICE CASTELBUONO Modello ICF e integrazione in classe DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE

Dettagli

Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità

Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità Le fonti del sistema statistico nazionale e il problema della definizione della disabilità

Dettagli

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO IL PENSARE PEDAGOGICO I.C.F. PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI* (Dimensioni I.C.F. per il PEI) Isp. Luigi FAVRO a.s. 11/12 I- PREMESSE a- CARATTERISITCHE, FINALITA e SCANSIONI del PERCORSO

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

Introduzione alla disabilità

Introduzione alla disabilità ASPHI Fondazione Onlus Introduzione alla disabilità Sommario 1. La disabilità: definizione, numeri e domande 2. Tecnologia e approccio alla disabilità 3. La classificazione della disabilità 4. ICF: Classificazione

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

dell International Classification of Functioning,

dell International Classification of Functioning, PROGETTO IO TI CONOSCO Presentazione dell International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) A cura di Giovanni Viganò - Synergia gvigano@synergia-net.it Aosta, 14 Aprile 2012 COS

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ International Classification of Functioning, Disability and Health ICF Convenzione sui diritti della persona con disabilità (ONU-New York 13.12.2006) Per persone con

Dettagli

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita Centro Studi Psico Medico Pedagogico della Mediazione formazione - applicazione ricerca - sperimentazione - psicopedagogico e clinica Eboli Via San Berardino, 28/a - Brescia Via Cipro, 96 CSPDM Onlus ROMA,

Dettagli

Leonardi M., «Salute, Disabilità, ICF e Politiche Sociosanitarie». In Sociologia e Politiche Sociali, Vol. 8 3, 2005, pp. 73-95, Franco Angeli

Leonardi M., «Salute, Disabilità, ICF e Politiche Sociosanitarie». In Sociologia e Politiche Sociali, Vol. 8 3, 2005, pp. 73-95, Franco Angeli 75 SALUTE, DISABILITÀ, ICF E POLITICHE SOCIOSANITARIE di Matilde Leonardi Un idea forte, o meglio, un criterio culturale macro-sistemico, apparentemente esterno alle problematiche specifiche della salute

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it VALUTAZIONE O DIAGNOSI? 1. Diagnosi come corretto riconoscimento

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA 11 febbraio 2008 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA Dr. Gianni De Polo Neuropsichiatra Infantile Fisiatra I.R.C.C.S. E. Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano

Dettagli

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PREMESSA Gli alunni in difficoltà costituiscono da sempre un problema educativo di grande

Dettagli

MODULO I CONCETTO DI SALUTE DELL OMS. Modello OMS di Salute Salute = assenza di malattia

MODULO I CONCETTO DI SALUTE DELL OMS. Modello OMS di Salute Salute = assenza di malattia SALUTE E DISABILITÀ NELL ICF Modello OMS di Salute MODULO I Concetti di Disabilità Modello bio-psico-sociale di Disabilità dell ICF DEFINIZIONE DELLO STATO DI SALUTE CONCETTO DI SALUTE DELL OMS SALUTE

Dettagli

Linee Guida per la codifica ICF e per la compilazione della Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità (SVaMDi)

Linee Guida per la codifica ICF e per la compilazione della Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità (SVaMDi) giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1804 del 06 ottobre 2014 pag. 1/25 Linee Guida per la codifica ICF e per la compilazione della Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

Le persone con disabilità

Le persone con disabilità Mina Lomuscio Ministero Affari Esteri Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo Unità Tecnica Centrale Cooperazione internazionale e inclusione Rimini 9 novembre 2013 Le persone con disabilità Le persone

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute La funzione generale della classificazione ICF è quella di fornire un linguaggio standard

Dettagli

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura La Matrice Ecologica a Scuola: utilizzo estensivo dell ICF CY per la definizione degli Obiettivi di Miglioramento della Qualità di Vita a Scuola e la Pianificazione Educativa Personalizzata Luoghi della

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale 1 Presentazione Nel luglio del 2007 l Agenzia Regionale della Sanità è stata designata dall Organizzazione Mondiale della Sanità, e confermata dal Ministero della Salute, come Centro Collaboratore per

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

Testo di riferimento

Testo di riferimento Testo di riferimento Realizzazione di strumenti di documentazione e comunicazione tra scuola e servizi socio-sanitari con l utilizzo dell ICF come linguaggio comune per la descrizione del funzionamento

Dettagli

Conoscere e utilizzare l ICF nella scuola Monitoraggio della sperimentazione 2011-2012

Conoscere e utilizzare l ICF nella scuola Monitoraggio della sperimentazione 2011-2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione, la partecipazione e la comunicazione Ufficio settimo Conoscere

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia Roma, 11 ottobre 2013 L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Riccardo Callori

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE Il Progetto Famiglie in crescita il Case management complessivo sulla persona prevede le seguenti azioni: Accoglienza e raccolta

Dettagli

BMB 1 Supporto 2. Servizio Civile. Il concetto di salute funzionale e il modello biopsicosociale. Autrice: Jasmina Merkli-Müller

BMB 1 Supporto 2. Servizio Civile. Il concetto di salute funzionale e il modello biopsicosociale. Autrice: Jasmina Merkli-Müller BMB 1 Supporto 2 Servizio Civile Il concetto di salute funzionale e il modello biopsicosociale Autrice: Jasmina Merkli-Müller "Una persona è funzionalmente sana quando partecipa attivamente, nel modo più

Dettagli

Introduzione agli strumenti di classificazione

Introduzione agli strumenti di classificazione Introduzione agli strumenti di classificazione Il 22 Maggio 2001, l'organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha approvato la nuova Classificazione Internazionale del Funzionamento e delle Disabilità

Dettagli

Il lavoro e le persone con lesione midollare. Luigi Reale, Fondazione ISTUD Amedeo Spagnolo, ISFOL Ex IAS INAIL, 1 aprile 2011

Il lavoro e le persone con lesione midollare. Luigi Reale, Fondazione ISTUD Amedeo Spagnolo, ISFOL Ex IAS INAIL, 1 aprile 2011 Il lavoro e le persone con lesione midollare Luigi Reale, Fondazione ISTUD Amedeo Spagnolo, ISFOL Ex IAS INAIL, 1 aprile 2011 Uno sguardo al panorama internazionale La prevalenza della disabilità in età

Dettagli

Incontro informativo dott. Clara Zuch Specialista in Medicina legale e delle Assicurazioni ASS n. 2 Isontina Medicina legale Gorizia, 3 novembre 2009

Incontro informativo dott. Clara Zuch Specialista in Medicina legale e delle Assicurazioni ASS n. 2 Isontina Medicina legale Gorizia, 3 novembre 2009 Incontro informativo dott. Clara Zuch Specialista in Medicina legale e delle Assicurazioni ASS n. 2 Isontina Medicina legale Gorizia, 3 novembre 2009 Incontro informativo Chiarire le modalità di presentazione

Dettagli

Raccogliere i segnali: perché è così difficile?

Raccogliere i segnali: perché è così difficile? Raccogliere i segnali: perché è così difficile? Mestre 16 dicembre 2015 Silvia Tabarelli Si vede solo ciò che si conosce Saper osservare non consiste semplicemente nel neutro saper vedere, ma più complessivamente

Dettagli

Osservare: sembra facile!

Osservare: sembra facile! Milano 7 maggio 2011 Strumenti di valutazione funzionale nei percorsi di vita delle persone con autismo. Introduzione Susanna Villa IRCCS Eugenio Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano (TV).

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D'INTESA tra il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca e il Ministero della Salute PER LA TUTELA DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DEL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli

Convenzione ONU ed applicazione dell ICF

Convenzione ONU ed applicazione dell ICF Roma 28 marzo 2012 La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Carlo Francescutti Osservatorio nazionale sulle condizioni delle persone con disabilità Convenzione ONU ed applicazione

Dettagli

Psicologia Educazione Società 2

Psicologia Educazione Società 2 Psicologia Educazione Società 2 a cura di Concetta De Pasquale e Daniela Conti Il training riabilitativo nel disagio psichico prefazione di Santo Di Nuovo Euno Edizioni Psicologia Educazione Società collana

Dettagli

ICD-10. 1 ins. nora angela Magni

ICD-10. 1 ins. nora angela Magni ICD-10 La ICD-10 è la decima revisione della classificazione ICD, ossia la classificazione internazionale delle malattie e dei problemi correlati, proposta dall'oms. Sono classificate oltre 2000 malattie.

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE Daniela Antonello

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE Daniela Antonello PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE Daniela Antonello I^ LEZIONE IN PRESENZA (15/5 e 20/5) Le questioni di fondo del pianeta H ABSTRACT Alcune questioni di fondo riguardanti: l integrazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità L inclusione scolastica: percorso normativo e novità a cura di Anna Lombardi exirre Lazio 1. Introduzione...2 2. Excursus storico della normativa in tema di integrazione dei disabili...4 3. Novità per

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

Dott.ssa Elena Filippini

Dott.ssa Elena Filippini SCUOLA-ASL: ASL: CHI SEGNALARE? Criteri e valutazioni Dott.ssa Elena Filippini Accordo quadro di programma provinciale per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità (2011-2016) 2016) (artt.12

Dettagli

Revisione del sistema di accesso, riconoscimento/certificazione della condizione di disabilita' e modello di intervento del sistema socio-sanitario.

Revisione del sistema di accesso, riconoscimento/certificazione della condizione di disabilita' e modello di intervento del sistema socio-sanitario. Linea di intervento 1 Revisione del sistema di accesso, riconoscimento/certificazione della condizione di disabilita' e modello di intervento del sistema socio-sanitario. Premessa/presentazione del tema

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli