N componente 5 N azione Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI LAIGUEGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N componente 5 N azione 5.2.1 Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI LAIGUEGLIA"

Transcript

1 N componente 5 N azione Realizzazione di campagne di comunicazione COMUNE DI LAIGUEGLIA AZIONE DI SISTEMA D Partner responsabile Regione Liguria

2 PREMESSA: Contesto dell'opera di informazione e comunicazione Comune di Laigueglia (SV) Il progetto MARITTIMO ResMar: Programma di cooperazione transfrontaliera Italia- Francia Marittimo RES - MAR Reseau pour l environnement dans l espace Maritime è un progetto Strategico Marittimo, in quanto prevede una cooperazione transfrontaliera di portata ampia, sull area costiera e marittima dell Alto Tirreno ed è finalizzato a sviluppare politiche congiunte, integrate e condivise nel campo ambientale e delle produzioni rurali e marine nei territori delle regioni partner. In particolare i partner di RES MAR si impegnano ad individuare le migliori strategie di tutela ambientale dei comparti acqua e suolo, attraverso sistemi di monitoraggio, prevenzione dei rischi, gestione delle problematiche ambientali e delle emergenze, mitigazione dei fenomeni di inquinamento. RES MAR è suddiviso in tre filoni: gestione delle risorse idriche, erosione costiera e dinamica dei litorali, governance territoriale, che raggruppano le 4 azioni di sistema ed i 3 sottoprogetti nei quali è strutturato l intero progetto. Il terzo filone riguarda la governance territoriale finalizzata alla mitigazione degli impatti ambientali su acqua e suolo di attività produttive rilevanti, in particolare la individuazione di un modello di governo delle problematiche di conferimento dei rifiuti stagionali (turismo) nelle aree costiere. Nell'ambito della definizione di Linee guida per la gestione integrata dei rifiuti in ambiti costieri ad alta pressione turistica è prevista l'attivazione di interventi di comunicazione ambientale finalizzati all'incremento della partecipazione delle utenze domestiche e non domestiche agli obiettivi di raccolta differenziata, specie nel periodo di alta stagione turistica. Il Comune di Laigueglia, nell'ambito della Azione di Sistema D Modello di governo delle problematiche di conferimento dei rifiuti da escursioni stagionali (nautica, turismo) nei sistemi insidiativi e produttivi, è stato individuato dalla Regione Liguria con D.D. n.98/2012 quale Area Pilota ed è destinatario di uno specifico finanziamento per lo sviluppo di una campagna di 2

3 comunicazione da strutturare durante il periodo estivo finalizzata all'implementazione e all'incentivo del sistema Porta a Porta già attivo nel Comune di Laigueglia. La campagna di comunicazione dovrà essere messa in atto tramite la condivisione degli obiettivi e contenuti della campagna, in tutte le sue fasi, con l'amministrazione Comunale e il Soggetto Gestore del servizio di Igiene Urbana secondo le linee guida stabilite dalla Regione Liguria. L'obiettivo principale della campagna di comunicazione è di raggiungere in maniera incisiva e diffusa la popolazione turistica e le utenze non domestiche caratterizzate da picchi di produzione di rifiuti nel periodo estivo. In particolare dovranno essere veicolati le informazioni riguardanti le iniziative di potenziamento del servizio di raccolta differenziata e del sistema informativo tra cui: incremento delle isole ecologiche di prossimità a servizio della popolazione turistica e dei residenti, introduzione della raccolta differenziata del rifiuto organico per le utenze non domestiche, attività informativa diffusa presso utenze condominiali e utenze non domestiche stagionali, Eventi di educazione ambientale rivolti a bambini e ragazzi presenti nel periodo estivo. Le risultanze degli interventi messi in atto nel periodo estivo saranno utilizzati quale base conoscitiva per il miglioramento complessivo del servizio di igiene urbana in vista del nuovo affidamento dello stesso nel periodo novembre/dicembre In occasione della redazione del nuovo bando, infatti, il Comune di Laigueglia si è impegnato a effettuare una nuova progettazione dei servizi per il miglioramento dei risultati di raccolta differenziata ed una più diffusa partecipazione dei turisti e delle utenze stabilmente presenti sul territorio. 3

4 1. CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FINALIZZATA ALLA MASSIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLA DIFFUSIONE DEL SISTEMA DOMICILIARE 1.1 STRATEGIA E OBIETTIVI L esperienza maturata in diversi contesti urbanistici e sociali ha evidenziato che le campagne informative hanno efficacia solo se ai classici vettori cartacei (lettere, pieghevoli, manifesti, ecc.) si associano contatti diretti con i cittadini. La strategia informativa poggia quindi le sue basi sulla realizzazione di elementi di comunicazione integrata, la quale prevede: - interventi tipici delle campagne informative con vettori classici e materiali di visibilità (brochure, manifesti, locandine, striscioni, espositori etc.); - contatti diretti e incontri pubblici; - programmi di formazione interna; - mailing con distribuzione/cassettaggio postale suddiviso in utenze domestiche e utenze non domestiche; - attività di Ufficio Stampa e Relazioni Pubbliche. Le attività di comunicazione previste saranno finalizzate, in particolare, agli interventi migliorativi del servizio che l'amministrazione Comunale ha inteso mettere in atto nella prossima estate. Interventi migliorativi del servizio di raccolta porta a porta nel Comune di Laigueglia Il Comune di Laigueglia nell'ambito del progetto ResMar e ai fini dell'incremento degli obiettivi di raccolta differenziata, intende implementare il servizio di raccolta porta a porta già attivo nel Comune attraverso due azioni che, all'interno della campagna di comunicazione, dovranno essere opportunamente evidenziate: 1. Incremento delle isole ecologiche di prossimità. Allo stato attuale sono presenti due isole ecologiche di prossimità recintate e organizzate con contenitori per plastica, carta, vetro e rifiuto secco residuo. La funzionalità delle isole ecologiche di prossimità è quella di garantire la possibilità di conferire i rifiuti in maniera differenziata al di fuori 4

5 del calendario standard di raccolta porta a porta. Nel periodo estivo la fornitura di tale servizio aggiuntivo risulta importante per le utenze turistiche che per necessità legate alla partenza dal luogo di villeggiatura sono impossibilitate a rispettare il calendario di raccolta. Durante l'estate 2012 il Comune di Laigueglia si è impegnato a implementare le isole ecologiche di prossimità con tre unità aggiuntive che saranno posizionate in luoghi strategici della città. Nell'ambito del presente progetto si prevede l'installazione di cartelli informativi presso le isole ecologiche di prossimità, la segnalazione del posizionamento delle isole nel materiale informativo predisposto (brochure) nonché il monitoraggio delle isole ecologiche a seguito di un attività formativa e informativa rivolta al corpo di polizia municipale. 2. Introduzione del servizio di raccolta differenziata del rifiuto organico per le utenze non domestiche. In vista della progettazione del nuovo servizio di raccolta differenziata si prevede di integrare l'attuale servizio di raccolta porta a porta con la raccolta separata del rifiuto organico. Nella prossima estate si procederà a dotare le utenze non domestiche di contenitori e sacchi per avviare in forma sperimentale la raccolta separata dell'umido per un totale di 75 utenze non domestiche servite. Nel presente piano si prevede di utilizzare parte del finanziamento in attrezzature per la raccolta separata. Sono previste, inoltre, azioni specifiche di censimento delle utenze nonché interventi di mediazione e informazione diretta nella fase di consegna dei kit. Le due azioni saranno messe in atto nel periodo estivo in vista dell'affidamento del servizio di raccolta differenziata porta a porta previsto per l'autunno Nell'ambito del nuovo progetto dei servizi di igiene urbana, infatti, l'amministrazione Comunale intende potenziare la raccolta domiciliare porta a porta con l'introduzione della raccolta differenziata dei rifiuti organici per utenze domestiche e non domestiche, l'incremento del sistema di raccolta differenziata di prossimità con sistema di identificazione dell'utenza, il miglioramento del sistema informativo e di promozione della raccolta differenziata, specie nel periodo estivo. Le attività svolte nell'estate 2012 svolgeranno, quindi, la funzione di test delle potenzialità del nuovo sistema che si intende mettere in atto. In particolare si rileva la necessità di censire in maniera dettagliata le utenze domestiche residenziali e turistiche anche attraverso l'analisi dei ruoli TARSU e i contatti con amministratori condominiali e agenzie immobiliari: l'esperienza degli ultimi anni ha evidenziato l'opportunità di incrementare la collaborazione con le categorie di cui sopra ai fini di una adesione generalizzata al sistema di raccolta differenziata. 5

6 Gli obiettivi specifici Le finalità fondamentali della presente campagna di comunicazione sono, quindi, le seguenti: anticipare ed accompagnare l attivazione dei servizi aggiuntivi rivolti alle utenze non domestiche; coniugare le attività di comunicazione con quelle di monitoraggio del servizio; coinvolgere in modo attivo i cittadini, le utenze selezionate e la popolazione turistica nello sviluppo delle raccolte differenziate; coinvolgere in modo attivo le categorie che, a vario titolo svolgono una funzione di contatto tra l'amministrazione Comunale e le utenze saltuarie (turisti), quali gli amministratori condominiali e le agenzie immobiliari aumentare la consapevolezza dei cittadini in merito al valore sociale, economico e ambientale della proprie scelte in materia di acquisto e di corretto smaltimento dei rifiuti; ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, attraverso la riduzione dell acquisto di imballaggi e l aumento della raccolta differenziata coinvolgere i turisti e i non residenti incrementando la consapevolezza, l'informazione e la partecipazione in relazione al sistema di raccolta differenziata in atto. Gli obiettivi specifici che si pone il Comune di Laigueglia e che dovranno essere trasmessi all'interno dell'opera di comunicazione sono: 1) Aumentare la raccolta differenziata tramite la realizzazione di isole ecologiche stradali per facilitare il conferimento da parte di residenti e non residenti in orari diversi rispetto al calendario di raccolta domiciliare, 2) Introdurre la raccolta differenziata del rifiuto organico con preventiva analisi dei bisogni delle utenze non domestiche, Migliorare la qualità dei rifiuti differenziati attraverso il monitoraggio delle isole ecologiche stradali e corretto conferimento degli utenti a seguito di interventi di formazione e coordinamento con gli Eco-vigili (corpo di Polizia Municipale), Incrementare la partecipazione della popolazione turistica e l'informazione circa le modalità del servizio attraverso: 6

7 1) Campagna di Comunicazione tabellare e cartacea presso utenze non domestiche turistiche quali lidi balneari, ristoranti, campeggi, altre strutture ricettive 2) Iniziative rivolte a proprietari di Seconde case e residenti, ad amministratori condominiale e agenzie immobiliari 3) Punti informativi territoriali rivolti principalmente ai turisti per la diffusione delle modalità di raccolta, modalità di ritiro della dotazione kit per la raccolta differenziata 4) Incrementare l'informazione delle utenze turistiche anche attraverso il coinvolgimento di bambini e ragazzi in attività ludico-formative, Diffondere le finalità e gli obiettivi della campagna di comunicazione attraverso i media locali mediante comunicati stampa e conferenze stampa. 7

8 1.2 TARGET Comune di Laigueglia (SV) La campagna di comunicazione è rivolta a tutte le utenze (nuclei familiari, esercizi commerciali, turisti e proprietari di seconde case non residenti) quantificate complessivamente in circa unità. Nella predisposizione degli strumenti di comunicazione si terrà conto delle ulteriori segmentazioni del target di riferimento: - Utenze TARSU: n utenze stabili; - Utenze non domestiche (UND) di tipo turistico e/o stagionale: n. 153, così suddivise: - UND servite dalla raccolta dell organico: n. 75, - UND non servite dalla raccolta dell organico: n MEDIA PLANNING MATERIALI E STRUMENTI INFORMATIVI Di seguito si riporta la descrizione puntuale di tutti i materiali e gli strumenti informativi previsti per la campagna di comunicazione. Progettazione grafica Il soggetto gestore della Campagna informativa provvederà alla realizzazione grafica dell'immagine coordinata che contemplerà la presenza di un logo e uno slogan identificativi dell'iniziativa. Pertanto i seguenti materiali di comunicazione saranno caratterizzati da una immagine grafica coordinata e contenuti specifici che saranno definiti in accordo con l Amministrazione Comunale: - Manifesti: da riprodurre in formato 70x100cm, in quadricromia, carta monopatinata 115 gr, con immagine e head-line portanti. Semplici e impattanti, non propongono modalità operative ma concetti, ovvero le ragioni di fondo della raccolta differenziata, con in evidenza un box informativo contenente tutte le informazioni di contatto (numero telefonico, punti informativi, etc.). - Locandine informative spazi pubblici: da riprodurre in formato A3, in quadricromia su carta 130 gr. Contengono le informazioni di base per lo svolgimento di una corretta raccolta differenziata descritte in maniera sintetica (punti di contatto, modalità di consegna kit, modalità 8

9 di raccolta), da utilizzare per affissione nei punti di affluenza dei turisti e dei residenti (esercizi commerciali, uffici pubblici, etc.). - Locandine informative per Spazi condominiali: da riprodurre in formato A3, in quadricromia su carta 130 gr. Contengono le informazioni di base per lo svolgimento di una corretta raccolta differenziata descritte in maniera sintetica (punti di contatto, modalità di consegna kit, modalità di raccolta), da affigere all'interno dei condomini preferibilmente a seguito di ordinanza sindacale. - Striscioni stradali: da riprodurre in formato 2 x 1 m, garantiscono grande visibilità nei luoghi di maggiore passaggio, e sono riutilizzabili in diversi contesti (incontri pubblici, punti informativi, etc.). - Pieghevole: f.to A4 4 col. 130 gr. Carta Riciclata/FSC contiene le informazioni di base per lo svolgimento di una corretta raccolta differenziata descritte in maniera maggiormente dettagliata rispetto ai manifesti e alle locandine (punti di contatto, modalità di consegna kit, modalità di raccolta), da riprodurre in tre lingue: Italiano, Inglese, Tedesco. Altri materiali e strumenti informativi In aggiunta ai materiali sopra citati si prevede la produzione dei seguenti: - Espositori con tasca. Gli espositori con tasca saranno posizionati nei principali luoghi di aggregazione e di fruizione pubblica (uffici pubblici, esercizi commerciali, Info Point Comunale, punti informativi itineranti etc.) e conterranno al loro interno i pieghevoli avanzati dalla distribuzione via cassettaggio postale e altro materiale informativo. Da realizzarsi in cartone o plexiglass. Gli espositori dovranno essere predisposti per essere utilizzati anche all'interno dei condomini di maggiori dimensioni tramite affissione con tasselli o altro sistema di ancoraggio. - Gadget: n posaceneri da spiaggia per la distribuzione presso lidi balneari e n. 300 t-shirt o 600 cappellini da distribuire negli eventi di animazione destinati ai bambini. - Cartelloni informativi 50X70 cm in forex o lamierino, adatti per esterno e compresi di paletto per isolette ecologiche in spiagge libere - Cartelloni informativi formato A3 in forex o lamierino, adatti per esterno per lidi balneari - Cartelloni 70X100 in forex o lamierino, adatti per esterno e predisposti per affissione su pannello o recinzione per isole ecologiche stradali e Centro di Raccolta Comunale. 9

10 NOTA: tutti i materiali di comunicazione dovranno riportare i loghi del Progetto RES-MAR secondo le specifiche dettate dalla Regione Liguria. 1.4 MAILING Immediatamente dopo la produzione dei materiali informativi, sarà effettuato un mailing a tutte le utenze interessate: - Utenze domestiche; - Utenze non domestiche con raccolta organico; - Utenze non domestiche senza raccolta organico. Il mailing sarà realizzato tramite distribuzione e cassettaggio postale da una squadra all uopo preposta, e veicolerà i seguenti materiali informativi: Pieghevole formato A4, 3 ante, 4 colori in carta riciclata, con immagine e head-line portanti, dove saranno esplicitate in modo sintetico ed efficace tutte le novità del servizio, con diverse informazioni utili su orari, metodi, luoghi e referenti del nuovo servizio. Le restanti copie non distribuite attraverso il cassettaggio postale saranno rese disponibili in appositi distributori/espositori all interno dei principali luoghi pubblici, oltre che presso i momenti di animazione territoriale. 1.5 AZIONI DI INFORMAZIONE DIRETTA Successivamente alla produzione e stampa dei materiali informativi partirà una serie di azioni di informazione diretta. Più in particolare: Punti Informativi Itineranti Con l attivazione dei Punti Informativi Itineranti ci si propone l obiettivo di avviare uno scambio di informazioni di tipo interpersonale, con particolare riguardo alle utenze non residenti e/o turistiche. Il punto informativo sarà aperto in orario anche serale in giornata festiva o prefestiva da definire in accordo con l'a.c.. I punti saranno presidiati da nr. 1 o 2 persone opportunamente formate. I punti informativi dovranno essere allestiti con Gazebo o altra struttura mobile e riportare attraverso striscioni/cartelloni l'immagine coordinata della campagna di comunicazione 10

11 Gli animatori, adeguatamente formati, distribuiranno opuscoli, materiale informativo multilingue (Eco-Calendari e volantini) e altro. I Punti itineranti saranno allestiti presso specifici gazebo in luoghi di grande affluenza da concordare con l'a.c. Presso l Info Point e i punti informativi, i cittadini, i non residenti, le utenze turistiche e tutti gli interessati potranno richiedere qualsiasi informazione riguardante: tipologie e caratteristiche di rifiuti, modalità di conferimento dei rifiuti, orari di raccolta, assegnazione/sostituzione di contenitori, calendario zone e orari dello spazzamento stradale, compostaggio domestico, risultati ottenuti e raggiungimenti degli obiettivi prefissati dalla A.C. iniziative di interesse pubblico (incontri, convegni, eventi), segnalazione disservizi, reclami, suggerimenti e chiarimenti. 1.6 ATTIVITA DI UFFICIO STAMPA E RELAZIONI PUBBLICHE Le attività di Ufficio Stampa previste comprendono: - la redazione di comunicati stampa - l organizzazione e la gestione di conferenze stampa (inviti, cartelle stampa, resoconti) Si prevede la realizzazione di n. 1 conferenza stampa nella fasi di start-up: - la conferenza sarà organizzata per illustrare l iniziativa almeno una settimana prima dell'avvio della campagna; Durante la conferenza stampa ufficiale di presentazione dell avvio delle attività saranno presentati per la prima volta ai media locali i materiali di comunicazione, la strategia e la pianificazione e dei tempi della campagna di comunicazione. 1.7 EVENTI ED ANIMAZIONE CULTURALE RIVOLTA A BAMBINI E RAGAZZI Il presente piano prevede incontri interattivi di educazione ambientale per bambini e per ragazzi con intrattenimento ludico-creativo. Gli obiettivi principali sono trasformare la vacanza in momenti di conoscenza e di gioco ed essere protagonisti di un turismo sostenibile. Diffondere l'informazione e la motivazione alla raccolta differenziata nell'ambito familiare 11

12 Il programma prevede un ciclo (circa un mese) che sviluppa le tematiche del riuso, del riciclo e della riduzione dei rifiuti utilizzando materiali destinati al recupero. L'intervento sarà strutturato in un nr. di 16 incontri di circa 2 ore in giornate festive o prefestive (sabto e domenica), nel periodo Luglio e Agosto. Le attività dovranno, preferibilmente essere organizzate in accordo con il Centro di Educazione Ambientale attivo sul territorio. Il luogo di svolgimento delle attività dovrà essere definito dalla Amministrazione Comunale. Si prevede la distribuzione di gadget per i bambini che parteciperanno alle attività: nr. 300 T-shirt o, in alternativa, nr. 600 cappellini riportanti in stampa a due colori lo slogan e i loghi identificativi della campagna. 1.8 MONITORAGGIO DEL TERRITORIO Nell'ambito delle azioni di monitoraggio del territorio si prevede la realizzazione di nr. 1 incontro finalizzato alla formazione e informazione del corpo di Polizia Municipale per le azioni di monitoraggio del servizio e della funzionalità delle isole ecologiche stradali che il Comune di Laigueglia intende attivare per il potenziamento del servizio di raccolta differenziata. L'incontro, da relaizzarsi anche tramite l'utilizzo di presentazioni Power Point, sarà incentrato sulla descrizione delle attività che il Comune intende mettere in atto nell'ambito del progetto RES-MAR e sul coordinamento dei diversi soggetti interessati. 12

13 2. SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEI KIT PORTA A PORTA UTENZE NON DOMESTICHE PRODUTTRICI DI RIFIUTO ORGANICO Oltre alla comunicazione effettuata attraverso manifesti, lettere alla cittadinanza, brochure, assemblee, e gli altri media pianificati, la consegna dei kit rappresenta un'utile opportunità di contatto tra i responsabili del servizio (gli operatori) e i cittadini. Nel presente progetto è prevista l'attività di supporto alla consegna per le Utenze non Domestiche che effettueranno la raccolta differenziata dell'organico. 2.1 MODALITÀ DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE DEI KIT Operazioni Preliminari 1. Definizione calendario e modalità di consegna Attraverso incontri con il soggetto gestore si procederà alla definizione di un calendario di consegna utile alla realizzazione del servizio. 2. Informazione tramite Incontri dedicati L'attività di consegna, insieme a quella di censimento dovrà essere preceduta da un incontro conoscitivo e informativo con le utenze interessate o loro rappresentanti per definire le modalità dell'iniziativa 3. Schede di consegna Il servizio dovrà prevedere la predisposizione di schede di consegna in modo che, uniformemente ai risultati del censimento utenze, contenga tutti i dati utili relativi alle utenze servite e alle forniture relative. 4. Attività di formazione e informazione degli operatori Il comunicatore responsabile della mediazione con i cittadini dovrà essere opportunamente formato tramite incontri specifici. Le informazioni convogliate saranno di carattere tecnico, relativamente al database da utilizzare ai fini della consegna e rilevazione, quanto di carattere relazionale per l'attività di direct relation da svolgere con la cittadinanza. 13

14 Operazioni di consegna 1. Modalità di consegna Comune di Laigueglia (SV) La consegna avverrà secondo le previsioni progettuali e le risultanza del censimento. Nel caso in cui le utenze non siano presenti al momento della consegna, si provvederà alla comunicazione tramite avviso cartaceo del luogo deputato alle operazioni di consegna definito con la A.C. (es. Info Point). 2. Il ruolo del comunicatore Il comunicatore si occuperà di spiegare all utente le modalità e le motivazioni dei servizi di raccolta. Il comunicatore dovrà, inoltre, essere preparato per la risoluzione di problematiche di tipo tecnico relativamente alla volumetria, tipologia e posizionamento dei contenitori, in modo da ridurre le occasioni di conflitto che si dovessero generare con le utenze maggiormente ostili al cambiamento. 3. Reportistica e Monitoraggio Per quanto concerne l attività di verifica e organizzazione schede, si prevede di operare nel modo seguente: - Realizzazione report sintetico su supporto informatico delle schede di consegna. - Relazione dell'andamento delle attività che evidenzi: a) Mancata consegna; b) Rifiuto consegna contenitori; c) Necessità di ripassaggio per verifica condizioni 14

15 3. ATTIVITÀ DI CENSIMENTO DELLE UTENZE NON DOMESTICHE PRODUTTRICI DI RIFIUTO ORGANICO 3.1 OBIETTIVI Durante l avvio dei servizi di raccolta domiciliare riveste un ruolo strategico l'attività di censimento delle utenze. Tale fase è necessaria per avviare il servizio riducendo i margini di errore nelle fasi di consegna, incrementando la coerenza del ruolo TARSU e, più in generale, mitigando le occasioni di conflitto con l'utenza dovute all'avvio del servizio domiciliare o eventuali cambiamenti. L'obiettivo previsto dal censimento delle utenze è quello di fornire alla A.C. e al soggetto gestore: correttezza delle informazioni anagrafiche relative alle utenze: o n. utenze e tipologia secondo le categorie di cui D.P.R. n 158/99 individuazione puntuale delle volumetrie e dei posizionamenti con analisi delle problematiche di tipo logistico individuazione di un referente unico per la consegna informazione diretta circa le modalità di svolgimento del servizio 3.2 MODALITÀ DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI CENSIMENTO Nel presente paragrafo si riportano le procedure di gestione dell'intervento prevedendo diverse fasi di azione: a) Attività Preliminari, b) Indagine del Territorio, c) Raccolta e Analisi Dati Attività Preliminari Le Attività preliminari comprendono: Acquisizione Database Verifica e aggiornamento moduli di indagine Formazione operatori di indagine Incontro preliminare con associazioni di categoria e utenze interessate Indagine del territorio Il soggetto gestore provvederà alle attività di indagine territoriale secondo le seguenti modalità: 15

16 Verifiche puntuali sul territorio piani di lavoro Comune di Laigueglia (SV) Gli addetti al censimento saranno organizzati e coordinati al fine di rispettare un piano di lavoro precedentemente definito. Il censimento sarà effettuato da operatori opportunamente formati utilizzando lo strumento del modulo di indagine. Fase di rilievo e concertazione con le singole utenze con analisi delle eventuali criticità. Le indagini territoriali, al fine di individuare le volumetrie dei contenitori e lo spazio per allocare le dotazioni, riguarderanno le Utenze non domestiche per cui è prevista la raccolta dell'organico: controllo dell esistenza dell utenza, valutazione del potenziale produttivo, verifica degli spazi di pertinenza per contenitori - eventuale modifica del data base. Analisi Ruolo TARSU Analisi del Ruolo Tarsu con identificazione delle utenze domestiche e non domestiche suddivise per tipologia e consistenza abitativa del numero civico (nr. utenze per nr. Civico). Il censimento dovrà essere finalizzato alla sintesi della distribuzione territoriale e classificazione delle utenze condominiali Raccolta e Analisi Dati I dati rilevati nello svolgimento dell'indagine saranno raccolti attraverso schede di sintesi: 1) UTENZE NON DOMESTICHE a. Circoscrizione, zona, quartiere di riferimento b. Isolato c. Numero scheda identificativo dell utenza d. Codice via e. Indirizzo dell utenza f. Numero civico (Bis, Int, Let, Numero secondario) g. Ragione sociale e nominativo dell utenza (da confermare) h. Categoria TARSU dell utenza i. Metratura di esercizio j. individuazione referenti di consegna k. Volumetrie, posizionamento, altri dati previsti dalle schede di indagine 16

17 3.3 GESTIONE DELLE INFORMAZIONI RACCOLTE Comune di Laigueglia (SV) La gestione delle informazioni raccolta dovrà garantire la massima leggibilità e utilizzo da parte degli uffici competenti e del gestore del servizio. A tal fine si dovrà garantire: il trasferimento su supporto telematico dei dati raccolti che sarà assicurato dal Responsabile delle operazioni di censimento nel formato concordato con la S.A. aggiornamento del database sulla base delle seguenti fasi di consegna kit e avvio del servizio in modo da fornire uno strumento unico adatto alle diverse esigenze degli uffici tecnici comunali. Il formato che si propone di utilizzare per la realizzazione del database al fine di sfruttare al massimo le opzioni di filtraggio e collegamenti dei dati è Excel. 17

18 4. ACQUISTO DI ATTREZZATURE AI FINI DELL'ULTERIORE IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA PORTA A PORTA A seguito dell'analisi del sistema di raccolta del Comune di Laigueglia, l'amministrazione Comunale ha inteso avviare interventi di raccolta del rifiuto organico impegnandosi alla fornitura alle utenze non domestiche produttrici di rifiuti organici di contenitori con le seguenti caratteristiche: Contenitori carrellati colore marrone, con sistema di chiusura a chiave. L'Amministrazione Comunale e il soggetto gestore assicureranno, inoltre, la consegna alle utenze di guaine monouso in materiale compostabile a tutte le utenze non domestiche per ogni svuotamento. Ai fini del progetto in questione si intende utilizzare il finanziamento specifico di 2.500,00 per l'acquisto di: sacchi in materiale biodegradabile da 120 lt per un totale di 3500 pezzi sacchi in materiale biodegradabile da 240 lt per un totale di 1250 pezzi per la somma complessiva di 2.500,00. 18

19 5. RIEPILOGO DELLE ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE Nella seguente tabella si riporta la sintesi economica delle attività previste nell'ambito del progetto di comunicazione ambientale. Descrizione fornitura / servizio U.M. Quantità Costo unitario ( ) Importo ( ) Coordinamento e progettazione campagna corpo , ,00 Progettazione grafica e creatività slogan e copywriting del materiale corpo , ,00 Indagine territoriale e censimento delle utenze non domestiche Incontri Utenze non domestiche Turistiche (censimento) num 1 155,00 155,00 Elaborazione dati Utenze non domestiche mesi 0, ,00 992,00 Elaborazione dati TARSU UD e Condomini mesi 0, ,00 496,00 Personale utenze 80 3,72 297,60 Consegna Kit Comunicatori/Mediatore Culturale per consegna kit utenze 80 3,72 297,60 Progetto ecovolontari-ecovigili Corso formazione ecovigili incontri di formazione e di monitoraggio nr 2 155,00 310,00 Informazione diretta Incontri Pubblici Punti informativi animazione territoriale 4 h giornaliere num , ,60 Allestimento Punti informativi num 1 372,00 372,00 Gadget tipo posacenere spiaggia stampa imm. Coordinata 1 col num , ,00 Mailing e distribuzione Cassettaggio utenze domestiche e non domestiche di materiale informativo num , ,60 19

20 Descrizione fornitura / servizio U.M. Quantità Costo unitario ( ) Importo ( ) Strumenti di comunicazione Manifesto vari f.ti 4 col. num 150 1,49 223,20 Locandina f.to 24x48/32X45 4 col. 130 gr. Patinata num 500 0,25 124,00 Espositori da Banco per Brochure Plexiglass o cartone num 200 9, ,00 Cartelloni per lidi balneari formato A3 Forex num 50 22, ,00 Cartelloni 50X70 Lamierino o Forex per cestoni spiagge libere comprensivi di palo di sostegno zincato num , ,40 Cartelloni 70X100 Lamierino o Forex per Isole ecologiche num 6 80,60 483,60 Locandina Informativa A3 Condomini compreso affissione num 300 1,24 372,00 Incontri Amministratori Condominiali e Agenzie immobiliari num 1 155,00 155,00 Comunicazione per utenze domestiche e turistiche Pieghevole f.to A4 4 col. 130 gr. Carta Riciclata/FSC num , ,00 Pieghevole f.to A4 4 col. 130 gr. Carta Riciclata/FSC 2a Lingua EN num , ,00 Pieghevole f.to A4 4 col. 130 gr. Carta Riciclata/FSC 3a lingua DE num , ,00 Traduzione Certificata da azienda a norma UNI EN 15038:2006 num 2 155,00 310,00 Attività complementari Supporto Ufficio Stampa Conferenze e comunicati corpo 2 186,00 372,00 Totale ,60 IVA (21%) 21,00% 5.205,40 TOTALE ,00 TOTALE PER arrotondamento ,00 20

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Progetto Il progetto nazionale Il progetto regionale Gli obiettivi La gestione del progetto Le macrofasi del progetto Punti di criticità e problemi aperti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Guida sull utilizzo del logo

Guida sull utilizzo del logo Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza http://www.csv-vicenza.org 2011 Perché questa Guida? La Guida fornisce indicazioni sull utilizzo del logo del CSV di Vicenza al fine di

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli