La valutazione delle Borse di Lavoro erogate dal POR FSE della Regione Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione delle Borse di Lavoro erogate dal POR FSE 2007-2013 della Regione Marche"

Transcript

1 La valutazione delle Borse di Lavoro erogate dal POR FSE della Regione Marche Novembre 2012

2 Sommario 1. Introduzione L'individuazione del gruppo dei trattati e del gruppo dei non trattati Le variabili-risultato La misurazione delle variabili risultato La stima degli effetti L'eterogeneità degli effetti Considerazioni conclusive Allegati Allegato 1: Criterio B Allegato 2: Criterio A

3 1. Introduzione La programmazione POR FSE della Regione Marche prevede - quale strumento di politica attiva del lavoro - l'erogazione di borse lavoro per facilitare l ingresso nel mercato del lavoro dei diplomati e dei laureati, in particolare nelle piccole e medie imprese, privilegiando allo stesso tempo percorsi finalizzati all innovazione di processo e di organizzazione. Secondo i dati SIFORM disponibili al , nell'arco della programmazione FSE , oltre 30 milioni di euro, pari a quasi un quinto del totale, sono stati impegnati per progetti di work experience nelle Marche. Più nello specifico, gli obiettivi alla base della progettazione di questo intervento di politica attiva del lavoro possono essere così riassunti: Promuovere azioni di inserimento professionale che favoriscano l entrata nel mercato del lavoro dei più giovani 1 ; Realizzare azioni specifiche per coniugare gli interventi di incentivazione alle imprese con interventi di supporto all incrocio domanda-offerta ed all inserimento in azienda. Questo studio intende verificare se le borse di lavoro rappresentano davvero un incentivo per i giovani marchigiani in possesso di una laurea o quantomeno di un diploma per inserirsi nel mercato del lavoro, anche nell attuale fase recessiva. La principale questione è identificare l effetto dell'intervento sul risultato, isolandolo da ciò che sarebbe accaduto comunque, per la presenza di altri fattori non attribuibili all intervento che influenzano il successo occupazionale dei giovani diplomati e laureati. Per individuare il cambiamento indotto dalla partecipazione ad una borsa lavoro è necessario un disegno valutativo di tipo controfattuale, che stima l effetto della borsa lavoro come differenza tra il successo occupazionale che si osserva in sua presenza e quanto si sarebbe osservato in sua assenza. Seppur in maniera sintetica, si sintetizza la questione da un punto di vista formale. Si consideri il caso in cui la variabile-risultato Y (ad esempio, occupato o no) sia definita nel modo seguente: Y i :{0,1} t.c. con Y i = 0 se i non è occupato e Y i = 1 se i è occupato. Allo stesso tempo, distinguiamo se l individuo è stato sottoposto al trattamento (Y i 1 ) oppure no (Y i 0 ). L effetto è definito come la differenza δ tra il valore della variabilerisultato osservata dopo che le unità trattate sono state esposte alla policy (T = 1) ed il valore che la stessa variabile avrebbe assunto se le medesime unità non fossero state esposte alla policy (T = 0). In termini formali si è soliti esprimere l obiettivo della valutazione in termini del valore atteso E (cioè la media) ATT: E( δ T = 1) = E (Y i 1 - Y i 0 T = 1) = E ( Y i 1 T = 1) E ( Y i 0 T = 1) Questa è la quantità di maggior interesse dal punto di vista di politica economica, che prende il nome di Effetto Medio sui Trattati (Average Effect of the Treatment on the Treated, ATT). L effetto da stimare è definito come differenza tra i valori assunti dalla variabile-risultato di cui uno è il valore osservato (valore fattuale, E (Y i 1 T=1)); l altro è ipotetico, cioè è il valore che si sarebbe osservato tra gli stessi soggetti se questi non fossero stati esposti alla politica (valore controfattuale, E(Y i 0 T=1)). Quest'ultimo non è mai diretta- 1 In realtà, l'unico vincolo relativo all'età per l'ottenimento di una borsa lavoro è quello di non aver compiuto 65 anni. 3

4 mente osservabile per i trattati. Da qui, il problema metodologico di come ottenere una stima dell'effetto accettabile, cioè non distorta dalle differenze di partenza tra i due gruppi (autoselezione). Ci si potesse muovere in ambito sperimentale, l assegnazione degli individui ai due gruppi (trattati e non trattati) sarebbe casuale, ad esempio con un sorteggio; in tal modo la variabile-risultato sarebbe indipendente dall assegnazione al trattamento e ciò assicurerebbe l omogeneità dei due gruppi di soggetti sia rispetto alle caratteristiche osservabili (età, sesso, titolo di studio,ecc) sia rispetto alle caratteristiche non osservabili (o latenti) quali ad esempio la motivazione nella ricerca del lavoro, le abilità, l intelligenza, ecc.. In questo caso l effetto casuale medio ATT è ottenuto tramite semplice differenza tra i risultati medi rilevati nei due gruppi. In ambito non sperimentale la stima dell effetto casuale medio ATT ottenuto tramite la differenza tra valori medi osservati nei due campioni è affetta da distorsione, per la presenza di errori sistematici causati da avvenimenti esogeni al programma e dal processo di autoselezione dei partecipanti. Per eliminare tali distorsioni nella situazione non sperimentale si ricorre a quasi-esperimenti. Esistono metodi che si differenziano in base alle tecniche statistiche e in base ai dati disponibili. Tra questi si ricordano l abbinamento statistico (propensity score matching), in cui si cerca un gruppo di controllo simile ai trattati in base a caratteristiche osservabili; la differenza nelle differenze (difference-in-differencies), qualora si disponga di informazioni sulla variabile-risultato prima e dopo l intervento; l esperimento naturale (instrumental variable), con cui si sfrutta un qualche fenomeno correlato al risultato indirettamente attraverso una variabile chiave indipendente; la discontinuità attorno ad una soglia (regression discontinuity design), laddove vi sia un razionamento dell intervento in base a un qualche criterio ordinabile: le persone nelle vicinanze del valore soglia si assume siano simili. Non esiste un metodo controfattuale superiore agli altri, poiché ogni tipo di test controfattuale ha una sua validità entro determinate assunzioni, che rappresentano vincoli metodologici standard da rispettare. Esistono solo test effettuati correttamente (con un qualsiasi metodo) o no. Il ricorso all uno o all altro metodo dipende esclusivamente dalla natura dei dati e dalle domande valutative. Si ribadisce inoltre che l effettuazione di test controfattuali (che dovrebbe essere maggiormente praticata nella valutazione delle politiche pubbliche) deve essere intesa non come un giudizio di valore sull intervento svolto, ma come una solida base su cui ragionare ed apprendere dall esperienza per poi intervenire sul disegno delle politiche, quando queste siano ripetibili. Nel nostro specifico caso il disegno valutativo ricorre all ultimo metodo citato (RDD - Regression Discontinuity Design), sfruttando il fatto che l intervento di politica attiva noto come borse lavoro e borse ricerca prevede un razionamento: le persone che fanno domanda sono ordinabili in base ad un punteggio, al di sotto del quale la domanda non è accettata. Questo quasi-esperimento è pertanto diverso da quello condotto lo scorso anno sulle azioni formative, che era imperniato sull abbinamento statistico. Tali sperimentazioni sono coerenti con l obiettivo dell Autorità di Gestione di dotarsi di un insieme di metodologie robuste e parsimoniose (quindi di facile accessibilità e lettura) per monitorare l efficacia delle politiche pubbliche realizzate. Nell'interpretazione dei risultati occorre tener presente che questo metodo controfattuale RDD fornisce risultati validi per il sottogruppo della popolazione considerata (i soggetti attorno alla soglia) ma incorre in limiti di generalizzazione a tutta la popolazione ( l'intera platea di soggetti che hanno partecipato all'espe- 4

5 rienze delle borse lavoro). Si parla in questo caso di un metodo con forte validità interna e di limitata validità esterna. Di seguito, pertanto, si descriverà la metodologia utilizzata nell'analisi valutativa, ovvero nell ordine: come sono stati identificati i due gruppi (ammessi e non ammessi); quali sono le variabili-risultato oggetto di osservazione e misurazione e da quali fonti informative; se vi sono effetti direttamente imputabili all'intervento delle borse lavoro. 5

6 2. L'individuazione del gruppo dei trattati e del gruppo dei non trattati I borsisti sono stati scelti attraverso una graduatoria. Questo fa sì che ad ogni candidato sia stato assegnato un punteggio (in base alle Linee Guida dell AdG) e che esista una soglia di ammissibilità: i candidati che superano la soglia hanno diritto a ricevere la borsa, i candidati che si posizionano al di sotto ne sono esclusi. Questo permette di utilizzare il modello di esperimento controfattuale basato sull idea di discontinuità (RDD). In termini formali, dato un punteggio G (che è una variabile discreta ordinabile), si ha: P (T= 1 G soglia) = 1 e P (T= 0 G < soglia) = 1 Se G raggiunge o supera la soglia, T è sempre uguale a 1; viceversa se G è inferiore alla soglia T è sempre uguale a zero. Si misura l'effetto del trattamento per gli individui che hanno valori di G vicini alla soglia. In simboli, sono gli individui compreso nell'intervallo: soglia - φ < G < soglia + φ dove φ è il limite di un intervallo: quanto più piccolo è φ tanto più attorno alla soglia si crea una situazione simile alla randomizzazione. I candidati immediatamente sopra sono sostanzialmente equivalenti ai candidati immediatamente sotto la soglia e, in queste condizioni, si può assumere che l'assegnazione al trattamento è come se fosse affidata al caso. Quindi i candidati appena sotto la soglia rappresentano una buona approssimazione per il controfattuale e qualsiasi discontinuità nel valore atteso in corrispondenza della soglia può essere interpretata come evidenza dell effetto causale dell aver ricevuto la borsa. L ampiezza della soglia va determinata empiricamente, in base alla numerosità delle osservazioni. Illustrati gli aspetti teorici, specifichiamo nel dettaglio i passi operativi che hanno condotto all'individuazione dei due gruppi da utilizzare nell'analisi controfattuale. L'archivio di partenza (estratto dal SIFORM) è rappresentato dall'elenco di tutti coloro che hanno presentato una domanda per l'ottenimento di una borsa di lavoro; tale archivio consta di osservazioni. Per il 59,3% del totale (2.334 osservazioni) risulta disponibile il punteggio attribuito in occasione della valutazione della domanda di partecipazione; per questi dati è allora possibile costruire una graduatoria ordinata delle domande. Gli ammessi sono 1.730, mentre quelli non ammessi 604. Nella tavola successiva si può apprezzare la consistenza dei due gruppi a seconda che si tratti di borse di lavoro indirizzate ai laureati o ai diplomati. Borse per diplomati Borse per laureati Totale Non ammesso Ammesso Totale

7 Per circoscrivere il periodo di osservazione, si sono individuati gli ammessi e i non ammessi che hanno presentato la domanda di ammissione al corso nello stesso periodo, il ; ciò naturalmente ha comportato un assottigliamento delle consistenze, come evidenziato nella tavola successiva. Borse per diplomati Borse per laureati Totale Non ammesso Ammesso Totale Sui due gruppi sono state effettuate alcune ulteriori operazioni di verifica. Anzitutto, relativamente agli ammessi, sono state prese in considerazione quelle domande per le quali il sistema informativo della Regione Marche forniva sia una data di avvio che una di termine; in altre parole, sono stati considerati esclusivamente i beneficiari che, una volta ammessi all'intervento, hanno terminato l'attività formativa, escludendo pertanto sia coloro che alla data di estrazione degli archivi risultavano ancora in essere sia coloro che invece risultavano ritirati. In secondo luogo, sono state effettuate verifiche volte a rilevare l'esistenza di eventi multipli. Infatti, per gli ammessi accade che un laureato, avendone i requisiti, abbia inoltrato sia una domanda per una borsa di lavoro indirizzata ai laureati sia una per i diplomati; per i non ammessi occorre invece verificare che non abbiano presentato una successiva domanda, questa volta valutata positivamente. Infine, per gli ammessi è stata verificata la coerenza interna delle informazioni desumibili dall'archivio regionale in termini di consequenzialità delle date di presentazione, avvio e termine della esperienza formativa. Tale operazione ha portato alla luce l'esistenza di un certo numero di ammessi che presentavano, ad esempio, una data di conclusione della borsa lavoro uguale a quella di avvio; pertanto, sono stati esclusi dall'analisi. Nella tavola successiva si ripresenta la consistenze dei gruppi al netto della ripulitura dei dati. Complessivamente, quello degli ammessi è rappresentato da unità, mentre quello dei non ammessi da 266 unità. Borse per diplomati Borse per laureati Totale Non ammesso Ammesso Totale Di seguito, invece, si riporta la distribuzione dei punteggi, per tipologia di borsa lavoro erogata. 2 Per coloro che sono stati ammessi è desumibile una data di avvio e una data di termine, contrariamente - come è naturale che sia - per i non ammessi. 7

8 Borse per diplomati Borse per laureati Density Punteggio in graduatoria Density Punteggio in graduatoria Rimane a questo punto da determinare di quanto discostarsi dalla soglia di discontinuità (fissata a 60 punti) al fine di isolare le persone più simili, tenendo presente il vincolo della robustezza della stima. Si sono sperimentati due criteri: col primo, si sono considerati tutti i soggetti (ammessi e non ammessi) con un punteggio compreso nell intervallo di 15 punti intorno alla soglia di discontinuità, mentre col secondo è stato fissato un intervallo di 10 punti. Si riporta la numerosità del gruppo degli ammessi e dei non ammessi nei due casi, a seconda che si tratti di una borsa lavoro rivolta a diplomati oppure a laureati. Con il criterio A, il numero di soggetti compresi ammonta a 971 unità, di cui i non ammessi, ossia il gruppo di controllo, sono 158 unità (16,3%); col criterio B i soggetti sono 681 unità e il gruppo di controllo mantiene la stessa proporzione del 16%. Criterio A: +/- 15 dalla soglia di discontinuità Borse per diplomati Borse per laureati Totale Criterio B: +/- 10 dalla soglia di discontinuità Borse per diplomati Borse per laureati Non ammesso Ammesso Totale Totale I due gruppi non differiscono molto in termini di caratteristiche socio-anagrafiche. Concentrando l'attenzione sul criterio A, si possono notare alcune lievi differenze. Rispetto agli ammessi, il gruppo di controllo si caratterizza per una maggiore quota di stranieri e per una minore incidenza di donne e di soggetti giovani con al massimo 29 anni. I gruppi non sono omogenei dal punto di vista territoriale, in quanto i bandi di gara provinciali sono avvenuti in periodi diversi: ma l appartenenza territoriale verrà considerata come controllo nelle stime. 8

9 Tabella 1 - Le caratteristiche socio-anagrafiche del gruppo degli ammessi e dei non ammessi, a seconda del criterio (%). Criterio A: +/- 15 dalla soglia di discontinuità Criterio B: +/- 10 dalla soglia di discontinuità Non ammessi Ammessi Totale Non ammessi Ammessi Totale % donne 64,6 68,4 67,7 63,3 63,9 63,8 % stranieri 4,4 1,2 1,8 3,7 1,4 1,9 % giovani 63,9 67,0 66,4 64,2 67,2 66,7 % diplomati 49,4 50,4 50,2 47,7 50,1 49,7 9

10 3. Le variabili-risultato L'analisi controfattuale serve a verificare se l'intervento di politica attiva erogato dalla Regione Marche sia stato efficace, migliorando le probabilità di trovare lavoro per i beneficiari della borsa lavoro. Ma questa definizione di efficacia può avere dimensioni multiple e con le Comunicazioni Obbligatorie essa può essere estesa ad ulteriori domande valutative. Un arco ampio di domande valutative può aiutare a comprendere se gli effetti della misura agiscono non solo su un unica dimensione dell efficacia, ma su un insieme di caratteristiche legate all intensità o qualità dell esperienza lavorativa. Ad esempio, ci si può interrogare non solo sulla probabilità di trovare lavoro, ma anche sulla probabilità di trovarlo rapidamente; o di trovare un lavoro a tempo indeterminato. Queste domande di valutazione devono essere tradotte in variabili-risultato, cioè variabili che possano essere osservate e misurate. Gli studi sull'efficacia degli interventi di politiche attive del lavoro concentrano l'attenzione su un numero limitato di dimensioni quali ad esempio la condizione di occupazione ad un certo intervallo di tempo dalla conclusione dell'attività formativa (tipicamente a 6 e a 12 mesi dell'intervento); più raramente si considerano altre variabili-risultato come ad esempio, vedi sopra, la durata della ricerca di un lavoro a seguito dell'attività svolta. Il Prospetto successivo riporta il ventaglio delle variabili-risultato che si è provato ad osservare e misurare nella valutazione. Essa inoltre specifica l'arco temporale lungo il quali sono stati osservati gli eventi di avviamento e di cessazione riferibili ai due gruppi, ammessi e non ammessi. Il periodo di osservazione ha una durata di 12 mesi; tuttavia per gli ammessi esso inizia il giorno seguente alla data di termine della borsa lavoro; per i non ammessi comincia il giorno seguente alla data di presentazione della domanda. I due gruppi vengono necessariamente osservati in periodi parzialmente differenti, ma ciò non dovrebbe influire sulla stima degli effetti data la persistenza di un mercato del lavoro regionale stabilmente depresso. Infatti, il tasso di occupazione passa dal 63,8% del 2009 al 63,6% del 2010 e al 62,8% del 2011; quello di disoccupazione scende leggermente nel passaggio dal 2009 al 2010 (dal 6,6% al 5,7%) per poi nuovamente aumentare nel 2011 (6,7%). Prospetto- Domande valutative e Variabili risultato Condizione occupazionale a 6 e a 12 mesi dall'inizio del periodo di osservazione Occupati a tempo indeterminato a 12 mesi dall'inizio del periodo di osservazione Persone che hanno avuto almeno un esperienza di lavoro nel periodo di osservazione Numero di settimane (o mesi) lavorate nel periodo di osservazione Intervallo di tempo trascorso tra l'inizio del periodo di osservazione e il primo avviamento al lavoro Intervallo di tempo trascorso fra l'inizio del periodo di osservazione e il primo avviamento a tempo indeterminato Durata del primo avviamento successivo all'inizio del periodo di osservazione 10

11 3.1 La misurazione delle variabili risultato Dopo aver determinato l intervallo temporale di osservazione e la variabili risultato, rimane da chiarire in che modo esse sono state osservate e misurate, e qual è la fonte informativa utilizzata. La scelta di individuare il gruppo degli ammessi e quello dei non ammessi fra coloro che hanno presentato una domanda per l'ottenimento di una borsa lavoro nel corso del 2009 ha di fatto comportato l'inutilizzabilità di un'indagine telefonica assistita tramite CATI, per due motivi. In primo luogo, costringere l'intervistato a "tornare parecchio indietro nel tempo" avrebbe comportato un sensibile incremento degli errori di memoria con il rischio di distorcere le stime dell effetto, rendendo così vano lo sforzo valutativo. In secondo luogo, l'indagine telefonica non avrebbe permesso di rilevare le variabili-risultato per tutti i soggetti inclusi, vuoi per eventuali rifiuti di partecipare all'indagine, vuoi per mancato reperimento dell intervistato (nel caso in cui il numero di telefono in elenco potrebbe essere errato o non più attivo). Detto altrimenti, con l'indagine telefonica si sarebbe corso il rischio di diminuire il numero di osservazioni (appena sufficiente) e di rendere meno robusti i risultati. Per questi motivi, si è deciso di utilizzare le Comunicazioni Obbligatorie ai Centri per l Impiego. I vantaggi del loro utilizzo sono evidenti dal momento che riportano dati oggettivi e che consentono di ricostruire la sequenza degli eventi di un carriera lavorativa (avviamenti, proroghe o trasformazioni, cessazioni), eliminando i rischi legati agli errori di memoria. Inoltre, la disponibilità di dati puntuali sulle esperienze lavorative consente di aumentare il ventaglio delle variabili-risultato soggette ad analisi, riducendo in tal modo i problemi legati all'utilizzo delle interviste telefoniche. L'uso delle Comunicazioni Obbligatorie non è esente da svantaggi dato che registrano il lavoro dipendente e parasubordinato, ma non il lavoro autonomo o irregolare. Tuttavia, relativamente almeno al lavoro autonomo, si tratta di un inconveniente risolvibile tramite la consultazione degli archivi delle Camere di Commercio. È quanto è stato fatto in questo caso, sottoponendo a controllo presso il Registro Imprese Unioncamere marchigiano tutti i soggetti del gruppo che non risultavano titolari di una comunicazione obbligatoria nel periodo di osservazione: se ne sono recuperati quattro titolari di una partita Iva, il che è normale trattandosi di giovani alle prime esperienze di lavoro. Rimangono inoltre esclusi coloro che prestano la propria opera presso un'impresa familiare senza la formalizzazione di un rapporto d lavoro dipendente. Un altro svantaggio è dato dal fatto che l'archivio regionale delle Comunicazioni Obbligatorie non consente di seguire i trasferimenti di residenza in altra regione; nel caso specifico, se un soggetto appartenente ad uno dei due gruppi si trasferisce al di fuori del territorio marchigiano modificando la propria residenza e trova da lavorare presso un'azienda della nuova regione di residenza, il relativo avviamento al lavoro non sarà contenuto nella banca dati delle Comunicazioni Obbligatorie della Regione Marche. Si tratta comunque di numeri piccolissimi. In conclusione, i vantaggi derivanti dall'utilizzo di questa fonte informativa sono numerosi tra l altro il loro uso comporta un costo molto basso, essendo informazioni già in possesso della PA - e superano gli svantaggi. Sono uno strumento appropriato in relazione agli obiettivi di valutazione rispetto alle interviste telefoniche, quando si richiedono informazioni su episodi lontani nel tempo, per i quali è elevato il rischio di errori di memoria. 11

12 4. La stima degli effetti Attività di valutazione in itinere del POR Marche FSE ob /2013 Individuate le variabili-risultato e misurate come spiegato nel paragrafo precedente, per ciascuna di esse si imposta uno specifico test di regressione per stimarne l effetto. Poiché tali variabili sono espresse in unità di misura differenti, occorrono modelli di regressione appropriati 3. Per non appesantire l esposizione di problemi tecnici, si riportano le regressioni in appendice e si commentano nel testo i principali risultati. Partiamo dalle medie delle variabili-risultato osservate e misurate a seconda che si tratti di soggetti ammessi e non ammessi. Già da questa primo risultato sembra che l'erogazione della borsa lavoro abbia sortito gli effetti desiderati dal momento che per tutte le variabili-risultato osservate gli ammessi conseguono performance largamente più soddisfacenti di quelle che caratterizzano i non ammessi. La differenza tra i due gruppi (ATT) è positiva e supera i test di significatività statistica (t-test). Ad esempio, se si considera la condizione occupazionale a 12 mesi dall'inizio del periodo di osservazione in relazione al Criterio A 4, la probabilità di essere occupato per gli ammessi è maggiore di 17 punti percentuali di chi non ha beneficiato dell'intervento. Si può apprezzare che questo risultato si rafforza, come ci si attendeva, quando si restringe l intervallo attorno alla soglia ( Criterio B): ciò conferma l assunzione del RDD che più le persone sono vicine alla soglia, più sono simili e meno incidono le distorsioni. Un breve commento per l ATT negativo nel caso delle settimane di ricerca del lavoro: anche in questo caso l ATT negativo è indice di un effetto favorevole per i borsisti, poichè indica un minor numero di settimane di ricerca e quindi una maggior facilità nel trovare impiego. Tabella 2 - Livelli delle variabili-risultato per ammessi e non ammessi, a seconda del Criterio ( %). Condizione occupazionale a 12 mesi dall'inizio del periodo di osservazione Occupati a tempo indeterminato a 12 mesi dall'inizio del periodo di osservazione Condizione occupazionale a 6 mesi dall'inizio del periodo di osservazione Persone che hanno avuto almeno un esperienza di lavoro nel periodo di osservazione Criterio A: +/- 15 dalla soglia di discontinuità Non Ammesso ATT ammesso Criterio B: +/- 10 dalla soglia di discontinuità Non Ammesso ATT ammesso 42,4% 25,3% 17,1% 41,4% 22,9% 18,5% 34,4% 15,0% 19,4% 35,8% 16,0% 19,8% 36,5% 23,4% 13,1% 36,7% 22,0% 14,7% 69,0% 57,0% 12,0% 69,5% 52,3% 17,2% N. di settimane lavorate nel periodo di osservazione 28,2 20,9 7,2 27,5 20,2 7,3 N. di settimane intercorse dall'inizio del periodo di osservazione al primo lavoro 11,0 14,9-3,9 10,8 16,4-5,6 N. di settimane intercorse dall'inizio del periodo di osservazione al primo lavoro a tempo indeterminato 18,6 19,9-1,3 18,3 21,7-3,4 Durata del primo avviamento nell'intervallo di osservazione (settimane) 20,1 14,0 6,1 20,1 14,0 6,1 3 Brevemente, quanto la variabile-risultato è dicotomica (es: ha trovato un lavoro o no), si ricorre ad un modello probit che opera sulla sua trasformata logaritmica; quando la variabile è discreta (numero di settimane lavorate) si può ricorrere al una regressione lineare multipla (in cui i coefficienti sono espressi in settimane, come la variabile dipendente) o al modello di Poisson di tipo log-level, in cui cioè la variabile dipendente è logaritmica e i coefficienti si leggono direttamente come punti percentuali; quando la variabile è una durata (giorni di ricerca di un posto di lavoro) si ricorre ad un modello semi-parametrico COX che esprime la probabilità di sopravvivenza della ricerca o di uscita dalla disoccupazione in caso di successo. Le durate possono essere espresse in settimane o in mesi. 4 In tutte le operazioni di regressione il criterio A corrisponde alla variabile sog1 e il criterio B alla variabile sog2. 12

13 Questa prima stima dell ATT è ottenuta imponendo che sul risultato abbia influito solo il trattamento, cioè la partecipazione alla borsa. Possiamo ritenerci soddisfatti o essa si può migliorare, prendendo contemporaneamente in considerazione anche altri fattori che potrebbero influire sul risultato, oltre al trattamento? Ovviamente possiamo e dobbiamo migliorarla, utilizzando tutte le informazioni a disposizione, al fine di controllore la parità di condizioni tra ammessi e no in base alle informazioni osservabili. Infatti è possibile che la differenza nella performance fra ammessi e non ammessi sia dovuta a fattori diversi dal solo trattamento, quali il genere, l età, il titolo di studio, la cittadinanza, l esperienza lavorativa precedente, il territorio. La performance degli ammessi può essere influenzata non solo dal trattamento subito, ma dalla presenza di altri fattori che agevolano il loro inserimento nel mercato del lavoro. Per isolare l ATT il contributo di questi fattori sul risultato si inseriscono nelle regressioni altre variabili di controllo, il che consente di misurare la relazione tra la variabile-risultato e la variabile trattamento (ammessi o non ammessi) a parità di condizioni 5, rendendo più precisa la stima dell effetto attribuibile al solo trattamento. La tabella 3 riporta il risultato dell effetto (ATT) a parità di altre condizioni osservabili (genere, età, ecc.). Si consideri la condizione occupazionale a 12 mesi col criterio A: gli ammessi hanno una probabilità maggiore di 15,9 punti percentuali dei non ammessi di essere occupati dopo 12 mesi dall'inizio del periodo di osservazione. L effetto del trattamento rimane positivo e consistente, ma si ridimensiona leggermente rispetto al 17,1% della stima effettuata considerando solo il trattamento. In sostanza le altre condizioni osservabili (età, genere, esperienze precedenti) abbassano in media di 1,2% l effetto del trattamento. Questo rimane di gran lunga la spiegazione più forte della diversa performance registrata sul mercato del lavoro tra i due gruppi. Osservando le altre variabili risultato, per gli ammessi si mantengono effetti marcati attribuibili al solo trattamento. I beneficiari hanno una probabilità maggiore di 20,7 punti percentuali di trovare un lavoro qualsiasi dopo il termine dell'attività formative (22% col criterio B); di 19,5 punti di essere occupato a tempo indeterminato a 12 mesi dalla conclusione dell'intervento (25,1% con criterio B). Relativamente a questo set di variabili, occorre mettere in evidenza un dato. In tutte e due le situazioni, si ha un effetto a 6 mesi più marcato di quello che si registra a 12 mesi. Detta in altri termini, l'efficacia della borsa lavoro è maggiore nel periodo immediatamente seguente il termine dell'intervento, mentre con il passare del tempo l effetto tende ad indebolirsi. 5 Nei modelli di regressione sono state utilizzati le seguenti variabili (dette anche covariate, o controlli): il genere, la nazionalità, l'età, il titolo di studio, la provincia di residenza, l'esperienza lavorativa pregressa (misurata nell'anno precedente la data di presentazione), la frequenza di attività formative nel periodo di osservazione, la tipologia di borsa lavoro considerata (per diplomati o per laureati). Quando la variabile risultato è in forma dicotomica (1, 0), come detto, si usa il modello di regressione probit. Quando si tratta di durate, si usano modelli semi-logaritmici o di COX. Ciò va tenuto presente nella lettura dei coefficienti associati alle covariate, che vanno interpretati in base all unità di misura della variabile dipendente (cioè la variabile-risultato). 13

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte Valentina Battiloro (ASVAPP Progetto Valutazione) Luca Mo Costabella (ASVAPP Progetto

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 Premessa L Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento (PaT), presso cui si incardina

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Analisi degli effetti delle condizioni socio economiche della famiglia di origine sulla durata della disoccupazione e della povertà individuale

Analisi degli effetti delle condizioni socio economiche della famiglia di origine sulla durata della disoccupazione e della povertà individuale Analisi degli effetti delle condizioni socio economiche della famiglia di origine sulla durata della disoccupazione e della povertà individuale Fernanda Mazzotta mazzotta@unisa.it settembre 2005 1. Introduzione

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla Il metodo della regressione può essere esteso dal caso in cui si considera la variabilità della risposta della y in relazione ad una sola variabile indipendente X ad una situazione più generale in cui

Dettagli

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 1 La valutazione L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 Esiti occupazionali a 24 dalla partecipazione Vengono qui riassunti i risultati della

Dettagli

DALL INTUIZIONE DELL OCCUPABILITA ALLA MISURAZIONE DELL OCCUPABILITA : ALCUNI ESPERIMENTI REALIZZATI IN PROVINCIA DI TORINO

DALL INTUIZIONE DELL OCCUPABILITA ALLA MISURAZIONE DELL OCCUPABILITA : ALCUNI ESPERIMENTI REALIZZATI IN PROVINCIA DI TORINO DALL INTUIZIONE DELL OCCUPABILITA ALLA MISURAZIONE DELL OCCUPABILITA : ALCUNI ESPERIMENTI REALIZZATI IN PROVINCIA DI TORINO A cura dell Osservatorio sul mercato del lavoro della Provincia di Torino e del

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 010-011 Corso di Psicometria - Modulo B Dott. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 10/01/011 La distribuzione F di Fisher - Snedecor

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica 3 Disegni sperimentali Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Perché misurare 1. Per valutare le caratteristiche di uno specifico individuo (comune

Dettagli

Regressione Lineare con un Singolo Regressore

Regressione Lineare con un Singolo Regressore Regressione Lineare con un Singolo Regressore Quali sono gli effetti dell introduzione di pene severe per gli automobilisti ubriachi? Quali sono gli effetti della riduzione della dimensione delle classi

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA

FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA NB Come potete vedere facendo la somma dei punteggi il numero di quesiti è superiore a quello

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. NOTE SULL IMPATTO DELLA NASpI

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. NOTE SULL IMPATTO DELLA NASpI VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca NOTE SULL IMPATTO DELLA MISURE/60 Giugno 2015 Premessa L introduzione della a partire dal 1 maggio 2015 modifica sensibilmente l impatto e il funzionamento dei sussidi

Dettagli

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici Test non parametrici Test non parametrici Il test T di Student per uno o per due campioni, il test F di Fisher per l'analisi della varianza, la correlazione, la regressione, insieme ad altri test di statistica

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Ipotesi sperimentale o alternativa e Ipotesi zero o nulla Ipotesi

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente le prospettive lavorative dei laureati Laureati in corsi lunghi e di durata triennale: quanti trovano lavoro? Nel 2007 il 73,2% dei laureati

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. Premessa

NOTA METODOLOGICA. Premessa NOTA METODOLOGICA Premessa Il Sistema Informativo Excelsior, promosso e realizzato da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro e l Unione Europea, si colloca stabilmente, a partire dal 1997,

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

1. Domande mal poste 2. Respons set 3. Curvilinearità degli items 4. Inutilità del dato reperito

1. Domande mal poste 2. Respons set 3. Curvilinearità degli items 4. Inutilità del dato reperito Nota Metodologica IL QUESTIONARIO La stesura del questionario richiede una particolare attenzione nella scelta, nella compilazione e nella successione degli ITEMS che formano lo strumento d indagine. Per

Dettagli

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma (luglio 2010) INDAGINE SUL SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI ROMA Luglio 2010 Il rapporto è stato redatto da: Flaminia Violati Indagine

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Verifica del Gettito IMU Anno 2013: Nota metodologica

Verifica del Gettito IMU Anno 2013: Nota metodologica Roma, 10 giugno 2014 Verifica del Gettito IMU Anno 2013: Nota metodologica L articolo 7 del Decreto Legge 16/2014 ha previsto che il Ministero dell Economia e delle Finanze provveda alla verifica del gettito

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Esercizio 1 Si consideri il seguente modello ad effetti fissi con variabili binarie: + 1 2 a) supponete che N=3. Si mostri che i regressori

Dettagli

Un profilo gravitazionale costruito attraverso le indicazioni di frequentazione dei luoghi di relazione sociale. Alcune suggestioni empiriche.

Un profilo gravitazionale costruito attraverso le indicazioni di frequentazione dei luoghi di relazione sociale. Alcune suggestioni empiriche. Un profilo gravitazionale costruito attraverso le indicazioni di frequentazione dei luoghi di relazione sociale. Alcune suggestioni empiriche. Il rapporto di commento ai dati evidenzia la sovrapposizione

Dettagli

Verifica di ipotesi e intervalli di confidenza nella regressione multipla

Verifica di ipotesi e intervalli di confidenza nella regressione multipla Verifica di ipotesi e intervalli di confidenza nella regressione multipla Eduardo Rossi 2 2 Università di Pavia (Italy) Maggio 2014 Rossi MRLM Econometria - 2014 1 / 23 Sommario Variabili di controllo

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014

Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014 Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014 Le statistiche proposte si basano su due fonti di dati. Gli archivi della Segreteria didattica hanno

Dettagli

OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA

OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA Investire in istruzione In letteratura è stato ampiamente dimostrato che le persone che effettuano

Dettagli

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U ALLEGATO 7 Nota Tecnica e Metodologica SK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO Rete delle Città IPI Istituto per la Promozione Industriale LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO 1 REPORT DI MONITORAGGIO ED ANALISI DEL PROCESSO DI

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per categoriali. Alessandro Valbonesi

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per categoriali. Alessandro Valbonesi LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA Parte 2 Statistica inferenziale Variabili continue per categoriali Alessandro Valbonesi SARRF di Scienze ambientali Anno accademico 2010-11 CAPITOLO 4 - TEST STATISTICI CHE

Dettagli

2) Una Ditta individuale con residenza a Cesena ma l'attività a Cesenatico può beneficiare del fondo?

2) Una Ditta individuale con residenza a Cesena ma l'attività a Cesenatico può beneficiare del fondo? 1) Il dipendente assunto con la legge 407/90 (disoccupati di lunga durata) trattasi di assunzione a tempo indeterminato, può accedere al contributo anche se beneficia di una riduzione contributiva INPS

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VK17U

STUDIO DI SETTORE VK17U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VK17U P E R I T I I N D U S T R I A L I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli

1 BREVE RIPASSO DEI TEST STATISTICI 2 I TEST STATISTICI NEI SOFTWARE ECONOMETRICI E IL P-VALUE 3 ESERCIZI DI ALLENAMENTO

1 BREVE RIPASSO DEI TEST STATISTICI 2 I TEST STATISTICI NEI SOFTWARE ECONOMETRICI E IL P-VALUE 3 ESERCIZI DI ALLENAMENTO I TEST STATISTICI E IL P-VALUE Obiettivo di questo Learning Object è ripassare la teoria ma soprattutto la pratica dei test statistici, con un attenzione particolare ai test che si usano in Econometria.

Dettagli

L inserimento professionale dei dottori di ricerca

L inserimento professionale dei dottori di ricerca 14 dicembre 2010 L inserimento professionale dei dottori di ricerca Anno 2009-2010 Tra dicembre 2009 e febbraio 2010 l Istat ha svolto per la prima volta l indagine sull inserimento professionale dei dottori

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG93U

STUDIO DI SETTORE UG93U A L L E G AT O 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG93U A T T I V I T À D E G L I S T U D I D I D E S I G N CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

Elena Ragazzi, CNR Ceris

Elena Ragazzi, CNR Ceris VALUTAZIONE DEL POR FSE DELLA REGIONE PIEMONTE OB. 2 COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PER IL PERIODO 2007-2013 Rapporto di placement 2013 Qualificati e specializzati 2012 Elena Ragazzi, CNR Ceris

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

La regressione lineare multipla

La regressione lineare multipla 13 La regressione lineare multipla Introduzione 2 13.1 Il modello di regressione multipla 2 13.2 L analisi dei residui nel modello di regressione multipla 9 13.3 Il test per la verifica della significatività

Dettagli

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI di Serena Cesetti 1. Aspetti introduttivi Questo studio, presentato al 4 Convegno Nazionale AlmaDiploma

Dettagli

Ricerca scientifica Processo di ricerca

Ricerca scientifica Processo di ricerca Ricerca scientifica Processo di ricerca Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 1 Pedon, Gnisci (2004) Metodologia della ricerca psicologica. Mulino Cap. 2 La ricerca

Dettagli

VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6

VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6 VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6 VI.1 Il Termometro del federalismo Su un problema di interesse generale come quello del decentramento e, più in generale del federalismo, esiste l oggettiva esigenza di

Dettagli

ISTAT Servizio prezzi

ISTAT Servizio prezzi ISTAT Servizio prezzi Gli indici dei prezzi al consumo: aspetti relativi al sistema dei pesi e alla costruzione del paniere La determinazione del paniere dei prodotti e la metodologia di costruzione dei

Dettagli

Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel?

Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel? Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel? Valutazione di una innovazione didattica mediante esperimento controllato Ottobre 2009 UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA

Dettagli

Inferenza statistica. Inferenza statistica

Inferenza statistica. Inferenza statistica Spesso l informazione a disposizione deriva da un osservazione parziale del fenomeno studiato. In questo caso lo studio di un fenomeno mira solitamente a trarre, sulla base di ciò che si è osservato, considerazioni

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG82U

STUDIO DI SETTORE VG82U ALLEGATO 18 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG82U SERVIZI PUBBLICITARI, RELAZIONI PUBBLICHE E COMUNICAZIONE 862 CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK24U

STUDIO DI SETTORE UK24U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UK24U C O N S U L E N Z A A G R A R I A F O R N I T A D A A G R O T E C N I C I E P E R I T I A G R A R I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO

Dettagli

3) ANALISI DEI RESIDUI

3) ANALISI DEI RESIDUI 3) ANALISI DEI RESIDUI Dopo l analisi di regressione si eseguono alcuni test sui residui per avere una ulteriore conferma della validità del modello e delle assunzioni (distribuzione normale degli errori,

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DURATA DELLA DISOCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI CREMONA

CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DURATA DELLA DISOCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI CREMONA CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DURATA DELLA DISOCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI CREMONA A cura di Luigi Grossi*, Piero Ganugi**, Claudio Lucifora** *Università degli Studi di Parma ** Università Cattolica di

Dettagli

Introduzione alle relazioni multivariate. Introduzione alle relazioni multivariate

Introduzione alle relazioni multivariate. Introduzione alle relazioni multivariate Introduzione alle relazioni multivariate Associazione e causalità Associazione e causalità Nell analisi dei dati notevole importanza è rivestita dalle relazioni causali tra variabili Date due variabili

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie Università del Piemonte Orientale Corso di dottorato in medicina molecolare aa 2002 2003 Corso di Statistica Medica Inferenza sulle medie Statistica U Test z Test t campioni indipendenti con uguale varianza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG53U

STUDIO DI SETTORE UG53U ALLEGATO 9 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG53U ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI ED ATTIVITA DI TRADUZIONI ED INTERPRETARIATO CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'obiettivo dell'applicazione

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 17 Settembre 2010 L ECONOMIA ITALIANA HA GIA SUPERATO UN PUNTO DI MASSIMO CICLICO? I dati diffusi dall Istat lo scorso venerdì suscitano qualche preoccupazione sulle prospettive

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7,

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, 5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, La distribuzione dei questionari è stata progettata in una serie di luoghi che abbiamo definito ad alta frequentazione femminile, come le scuole, gli ambulatori

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE di Liana Verzicco IL CAPITALE UMANO DI LIVELLO TERZIARIO Il solo obiettivo della strategia di Lisbona che l Unione Europea ha pienamente raggiunto prima

Dettagli

COME LE UNIVERSITÀ PIEMONTESI VALUTANO (INDIRETTAMENTE) LE SCUOLE SUPERIORI DELLA

COME LE UNIVERSITÀ PIEMONTESI VALUTANO (INDIRETTAMENTE) LE SCUOLE SUPERIORI DELLA COME LE UNIVERSITÀ PIEMONTESI VALUTANO (INDIRETTAMENTE) LE SCUOLE SUPERIORI DELLA REGIONE Una ricerca della Fondazione Giovanni Agnelli 1 OBIETTIVI E DESTINATARI Il primo obiettivo della ricerca è fornire

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

Esercizio 1. Proprietà desiderabili degli stimatori (piccoli campioni)

Esercizio 1. Proprietà desiderabili degli stimatori (piccoli campioni) STATISTICA (2) ESERCITAZIONE 4 18.02.2013 Dott.ssa Antonella Costanzo Esercizio 1. Proprietà desiderabili degli stimatori (piccoli campioni) Sia X una popolazione distribuita secondo la legge Bernoulliana

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori.

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori. Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori Relazione finale Relatori: Consiglieri Umberto Ambrosoli e Lino Fossati

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Alessandra Pelliccia Matteo Cataldi Matteo Filippo Donadi 0 AGENDA Fonti Descrizione dei dati Variabili

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA N. 7. a cura di Paolo Buccirossi, LEAR

SCHEDA INFORMATIVA N. 7. a cura di Paolo Buccirossi, LEAR SCHEDA INFORMATIVA N. 7 INTRODUZIONE AI METODI EMPIRICI PER LA DETERMINAZIONE DELLO SCENARIO BUT FOR PER LA QUANTIFICAZIONE DEL DANNO ANTITRUST a cura di Paolo Buccirossi, LEAR 1. Cosa si intende per scenario

Dettagli