PROGETTO LAVORO ETRA Lavori di Pubblica Utilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO LAVORO ETRA Lavori di Pubblica Utilità"

Transcript

1 PROGETTO LAVORO ETRA Lavori di Pubblica Utilità Etra Spa in collaborazione con Regione Veneto, Fondo Straordinario di Solidarietà, Confcooperative-Federsolidarietà Padova

2 Carta d identitàterritoriale Etra è una multiutility a proprietà totalmente pubblica. Serve piùdi cittadini, tra le province di Padova, Vicenza e Treviso. I Comuni soci sono 75. Ha piùdi 800 dipendenti. Si occupa in particolare del servizio idrico integrato, della gestione dei rifiuti e di energie rinnovabili.

3 Dall idea all esperienza: Progetto Lavoro 1.0 Contesto e motivazioni La missione di una società come Etra, che presidia settori strategici, pubblica e proprietà dei Comuni serviti, è quella di lavorare per il territorio in cui è inserita e che le dà linfa e motivazioni. Nel periodo di particolare crisi che stiamo attraversando, Etra sente una responsabilità sociale maggiore che l ha portata a destinare, dall anno 2012, una parte delle proprie risorse (mettendo a disposizione della collettività i risultati di bilancio ottenuti mediante efficientamento della struttura e senza l aumento delle bollette ai cittadini) al PROGETTO LAVORO. Risorse economiche La società si è impegnata a destinare 800 mila euro per innescare un circuito positivo di creazione di opportunità lavorative. A supportare economicamente questo progetto anche la Regione Veneto (Direzione Lavoro) per la quota del 50% sulla cifra impegnata dalle cooperative per le assunzioni di personale e fino ad un massimo di ,00, oltre al Fondo Straordinario di Solidarietà (promosso dalla Fondazione della Cassa di Rispormio di Padova e Rovigo e la Caritas di Padova). La somma complessivamente destinata ammonta a 2 milioni di euro

4 Dall idea all esperienza: Progetto Lavoro 1.0 Ente proponente Etra Spa, per conto e su delega dei comuni soci Requisiti dei beneficiari Per poter accedere al progetto, oltre ad essere residenti in uno dei 75 Comuni Soci di Etra, era necessario rispondere ai requisiti indicati nella DGRV 1114 del 12/06/2012, ossia aver compiuto 30 anni, essere disoccupato, non percepire alcun ammortizzatore sociale o indennità di tipo pensionistico. Coordinamento di progetto Il coordinamento del progetto èstato affidato a Federsolidarietà-Confcooperative Padova, che svolgeva un ruolo di raccordo e di supervisione fra le varie realtà coinvolte. Soggetto attuatore 19 cooperative sociali di tipo B, segnalate da Federsolidarietà in relazione anche alla localizzazione della Cooperativa stessa. I servizi sono stati affidati da Etra alle singole realtà nel rispetto del codice degli appalti e dei regolamenti comunitari (legge 381/1991).

5 Dall idea all esperienza: Progetto Lavoro 1.0 Azioni realizzabili Gli uffici tecnici dei comuni, in coordinamento con Etra e Federsolidarietà, individuavano i bisogni di intervento tra quelle attività indicate nella DGRV 1114 del 12/06/2012 (piccoli lavori di manutenzione di edifici e aree pubbliche, lavori di manutenzione ambientale, traslochi di uffici, magazzini, servizi di accompagnamento, pulizie straordinarie, vigilanza parcheggi, volantinaggio, assistenza a convegni), aventi carattere di straordinarietà e temporalità. Individuazione dei lavoratori I nominativi da occupare nei progetti di pubblica utilità sono stati individuati da Federsolidarietà sulla base dei nominativi ritenuti meritevoli dalla Commissione di Valutazione del Fondo (Fondazione Cariparo Caritas Padova). Ogni comune poteva segnalare un numero di abitanti in proporzione al numero di residenti e alla quota societaria. Per la prima edizione del Progetto Lavoro sono state offerte opportunità di lavoro a 407 persone. Inserimento lavorativo Per ciascuno dei 407 beneficiari individuati, le cooperative sociali provvedevano alla predisposizione dei percorsi come tirocini di formazione e/o di inserimento/reinserimento lavorativo della durata di 3 mesi con 30 ore settimanale e con una borsa lavoro di circa 600,00/mese. Al termine del rapporto la cooperativa poteva valutare la trasformazione in regolare contratto di lavoro o la prosecuzione del rapporto con lavori accessori per altri 3 mesi, remunerati con la formula dei voucher INPS.

6 Dall idea all esperienza: la seconda edizione del Progetto Lavoro Considerando il successo riscontrato dall iniziativa del Progetto Lavoro 1.0, i soddisfacenti risultati raggiunti e il perdurare della crisi economica, Etra ha deciso di riproporre l iniziativa anche per l anno 2013/2014, rilanciando il PROGETTO LAVORO 2.0. Rispetto alla prima edizione, queste le novità: NEW la DGRVdi riferimento èla n del 30/07/2013, che prevede un contributo massimo di 5.000,00 cada beneficiario; il requisito dell etàper i beneficiari viene spostato da 30 a 35 anni; si opta per l assunzione (per sei mesi a 16 ore la settimana) dei beneficiari presso le cooperative sociali, e non più il tirocinio con borsa lavoro; se, da un lato, lo strumento dell assunzione porta ad una leggera diminuzione del numero di ore di lavoro e ad un aumento del costo del lavoro, dall altro permette ai beneficiari di poter accedere, al termine del contratto, all assegno della MINI ASPI (indennità di disoccupazione mensile corrisposta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione nei 12 mesi precedenti la richiesta); coinvolgimento di 408 beneficiari.

7 Ruolo assunto dall ente pubblico Ruolo assunto dal privato Etra Spa Ente proponente, per conto e su delega dei comuni soci; attività di analisi e controllo dell operato dei vari enti coinvolti. Fondo Straordinario di Solidarietà Ente finanziatore Regione Veneto Ente finanziatore Comuni Soci Segnalazione all ente proponente dei beneficiari individuati; gestione delle attività da eseguire sul territorio in collaborazione con i tecnici delle cooperative sociali. Confcooperative-Federsolidarietà Padova Organizzazione complessiva delle iniziative del Progetto Lavoro; coordinamento tra le varie cooperative sociali coinvolte; attività di supervisione; predisposizione rendiconto per la Regione Veneto.

8 Criticitàaffrontate In fase decisionale, il coordinamento di 75 comuni soci In fase esecutiva, la conduzione ordinata dei vari attori coinvolti nel processo (Comuni, beneficiari, cooperative sociali, ufficio interni ad Etra, Regione Veneto, ecc.) I costi della burocrazia, i vincoli di legge e gli aspetti fiscali che impediscono di destinare tutte le risorse al sostegno dei lavoratori. Siamo in guerra contro un nemico la DISOCCUPAZIONE - che devasta l economia ed uccide la speranza degli individui. Necessita una normativa nuova e specifica per questo tipo di emergenza e di nuove povertà. Non bastano più le leggi ordinarie.

9 Risultati ottenuti fino ad oggi 1/2 A fronte di un investimento di Etra di circa ,00, se ne sono raccolti oltre ,00 dalla rete con i vari partner Il beneficio per la collettività è stato pari a ore utilizzate per lavori di pubblica utilità a vantaggio della collettività, per un importo dei lavori svolti pari ad ,00 Il 25% dei partecipanti è rimasto inserito nel mondo del lavoro Nel dettaglio, i vari progetti avviati: Progetto Lavoro 1.0 Obiettivo principale tirocinio di 6 mesi per over 30 disoccupati per lavori di pubblica utilità c/o comuni soci Beneficiari 407 Partner Etra Spa, Regione Veneto, Fondo Straordinario di Solidarietà, Confcooperative-Federsolidarità Costo totale ,00 Progetto Lavoro 2.0 Obiettivo principale Assunzione di 6 mesi a 16 ore settimanali per over 35 disoccupati (tot. 408 persone) Beneficiari 408 Partner Etra Spa, Regione Veneto, Fondo Straordinario di Solidarietà, Confcooperative-Federsolidarietà Costo totale ,00

10 Risultati ottenuti fino ad oggi 2/2 I risultati ottenuti fino ad oggi con i Progetti Lavoro 1.0 e 2.0 hanno permesso di attivare anche altri percorsi, tra i quali: Progetto Rete per il Lavoro Obiettivo principale percorso formativo e di inserimento lavorativo con borsa lavoro per giovani tra i 18 e i 27 anni Beneficiari 14 in Etra (84 complessivamente) Partner Etra Spa, Regione Veneto, Fondo Straordinario di Solidarietà, ULSS 15, Cooperativa Il Sestante Costo totale ,20 Progetto Dall IO al NOI Obiettivo principale Percorso formativo e di coaching rivolto a giovani (diplomati, laureandi e laureati) del territorio Beneficiari 50 Partner Etra Spa, Fondo Straordinario di Solidarietà, Salef Costo totale ,00 Progetto Nessuno Escluso Obiettivo principale Formazione e inserimento in azienda per persone disoccupate svantaggiate (disabili, donne, over 50 ) e attivazione di 3 nuove start-up d impresa Beneficiari 10 in Etra (80 complessivamente) Partner Etra Spa, ULSS 15, Cooperative sociali Costo totale ,00

11 Prospettive e progetti futuri 1/2 Progetto Lavoro 3.0 Obiettivo principale assunzione per 5 mesi a 18 ore settimanali di disoccupati over 35 impiegati in servizi di Pubblica Utilità Beneficiari ipotizzati 306 Partner Etra Spa, Regione Veneto, Fondo Straordinario di Solidarietà, Confcooperative Costo totale ,00 Progetto Rete per il Lavoro 2.0 Obiettivo principale supportare l attivazione nel mercato del lavoro, attraverso azioni di promozione, accompagnamento individuale, monitoraggio e formazione, di giovani disoccupati tra i 18 e i 27 anni residenti nei comuni delle Ulss 15 e 3 Beneficiari ipotizzati 70 (dei quali 10 presso Etra) Partner Etra Spa, Fondo Straordinario di Solidarietà, Ulss 15, Ulss 3, Cooperativa Il Sestante Costo totale ,00

12 Prospettive e progetti futuri 2/2 Progetto Switch-on Area Labor (area ULSS 3) Obiettivo principale attivazione di percorsi educativi e formativi per adolescenti a grave rischio di esclusione sociale di etàcompresa tra i 13 e i 18 anni, con supporto per il finale inserimento lavorativo Beneficiari ipotizzati min. 15 max 20 adolescenti Partner Etra Spa, ULSS 3, Cooperativa sociale Adelante Costo totale ,00 (di cui ,00 quota finanziamento di Etra) Progetto Turismo Accessibile (area ULSS 3) Obiettivo principale valorizzazione e promozione dell Altopiano di Asiago. Attivazione di percorsi formativi agli operatori turistici, mappatura delle infrastrutture e relativo adeguamento per promuovere il concetto di accessibilità nel territorio Beneficiari ipotizzati territorio dell Altopiano Partner Etra Spa, ULSS 3 Costo totale ,00 (quota finanziamento Etra)

13 Messaggio finale Le gocce d acqua d non nascono per vivere da sole. Naturalmente tendono ad aggregarsi per diventare l immensitl immensità dell oceano. Solo superando il nostro individualismo possiamo trovare le forze per cambiare il nostro piccolo mondo. FACCIAMO RETE.

14 Per maggiori informazioni: Etra Spa Largo Parolini 82/B Bassano del Grappa (VI) Referente: dott. Cosimo G. Armiento Resp. Risorse Umane

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani Palermo lì 1 LE RAGIONI DEL PIANO I numeri ² la Sicilia è oggi la regione

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO SERVIZI SOCIALI

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO SERVIZI SOCIALI SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE N. 70 DEL 20.12.2013 OGGETTO: Progetto di pubblica utilità (D.G.R. 1371/2013). Concessione contributo al Consorzio Veneto Insieme e affidamento

Dettagli

Politiche Attive del Lavoro contrattarle nella crisi

Politiche Attive del Lavoro contrattarle nella crisi Politiche Attive del Lavoro contrattarle nella crisi Sesto San Giovanni, 23 marzo 2012 Responsabile Dip.MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Katiuscia Calabretta 1 Politiche attive del lavoro Cosa sono?

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

PLUS MISSIONE. LAVORO

PLUS MISSIONE. LAVORO PLUS AMBITO DISTRETTO di ORISTANO MISSIONE. LAVORO Progetto per l inclusione sociale 1 INDICE PREMESSA PAG. 4 Art. 1 OBIETTIVI 5 Art. 2 DESTINATARI Art. 3 CONDIZIONI SPECIFICHE DI ACCESSO DEI SOGGETTI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SOGGETTO PROPONENTE: SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO ASSOCIAZIONE MARANATHA ONLUS Indirizzo: Via Ca Nave 63 Cap: 3503 - Comune: Cittadella - Prov. :PD Telefono: 049.5975329 Fax: 049.940920 E-mail:

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

Migliorare il funzionamento del mercato del lavoro, aumentare l occupazione, soprattutto giovanile, sostenere le famiglie in difficoltà

Migliorare il funzionamento del mercato del lavoro, aumentare l occupazione, soprattutto giovanile, sostenere le famiglie in difficoltà 1 Migliorare il funzionamento del mercato del lavoro, aumentare l occupazione, soprattutto giovanile, sostenere le famiglie in difficoltà Le drammatiche condizioni del mercato del lavoro non sono semplicemente

Dettagli

STATO DI FATTO E DINAMICHE

STATO DI FATTO E DINAMICHE STATO DI FATTO E DINAMICHE Veneto e Treviso. Unità locali del totale economia DINAMICA RECENTE DEL TOTALE ECONOMIA ( numero indice 2012=100 ) VARIAZIONE PER MACROSETTORE 2012 2014 TREVISO 100,5 100 99,5

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Regolamento su iniziative di Lavoro di Pubblica Utilità (LPU) GIOVANI

Regolamento su iniziative di Lavoro di Pubblica Utilità (LPU) GIOVANI Regolamento su iniziative di Lavoro di Pubblica Utilità (LPU) GIOVANI Linee guida Regolamento concernente i requisiti delle iniziative di lavoro di pubblica utilità nonché i criteri e le modalità di sostegno

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P.

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. E. N. D. O. F.A. P. ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. L ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale)

Dettagli

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO 11 febbraio 2015, Senato della Repubblica Il contesto di riferimento Due principali criticità

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E Città di Brienza (Prov. di Potenza) (D.p.r. del 7/11/2005) Piazza dell Unità d Italia 85050 Brienza tel. 0975381003 - fax 0975381988 comune.brienza@cert.ruparbasilicata.it www.comune.brienza.pz.it REGOLAMENTO

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate Il contesto L emarginazione sociale è un fenomeno che affligge

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.08/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Contributi per interventi finalizzati

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

DECRETO LEGGE 21 maggio 2013, n. 54: interventi

DECRETO LEGGE 21 maggio 2013, n. 54: interventi LE ULTIME DAL GOVERNO Tra le principali misure approvate dal Consiglio dei ministri, importanti disposizioni per il rilancio dell economia, del mercato del lavoro, per aumentare l occupazione e sostenere

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 24/12/1998 n.36. B.U.R. 24/12/1998 n.39 POLITICHE ATTIVE SUL COSTO DEL LAVORO.

Legge Regionale Sardegna 24/12/1998 n.36. B.U.R. 24/12/1998 n.39 POLITICHE ATTIVE SUL COSTO DEL LAVORO. Legge Regionale Sardegna 24/12/1998 n.36 B.U.R. 24/12/1998 n.39 POLITICHE ATTIVE SUL COSTO DEL LAVORO. Articolo 1 Contributo per le assunzioni. 1. L'Amministrazione regionale è autorizzata, d'intesa con

Dettagli

INHAMBANE-MOZAMBICO SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO ATTRAVERSO IL TURISMO SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI INHAMBANE

INHAMBANE-MOZAMBICO SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO ATTRAVERSO IL TURISMO SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI INHAMBANE INHAMBANE-MOZAMBICO SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO ATTRAVERSO IL TURISMO SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI INHAMBANE PROVINCIA DI INHAMBANE ZINAVE INHASSORO 2 PROBLEMATICA E ATTORI LOCALI Il turismo è un settore

Dettagli

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 1. Oggetto, ambito di applicazione e definizioni 2. Soggetti 2.1 Soggetti Promotori 2.2 Soggetti Ospitanti 2.3

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

Comune di Parma Progetto Spesa Amica

Comune di Parma Progetto Spesa Amica Comune di Parma Progetto Spesa Amica Descrizione progetto Molte amministrazioni comunali hanno avuto ed hanno necessità di finalizzare le risorse che vengono destinate a determinati servizi sociali, senza

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

IL REDDITO DI ATTIVAZIONE

IL REDDITO DI ATTIVAZIONE IL REDDITO DI ATTIVAZIONE Finalità In attuazione dell art. 2, comma 124, della legge 23 dicembre 2009, n. 191 e del comma 4 dell art. 1.1 della Legge provinciale sul lavoro, il Reddito di Attivazione concorre

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

provincialavoroeformazione

provincialavoroeformazione provincialavoroeformazione A cura di Giorgio Santarello, Dirigente del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova, con la consulenza di Simone Chigliaro della Direzione Lavoro della Regione

Dettagli

I tirocini in Regione Campania Le novità normative

I tirocini in Regione Campania Le novità normative I tirocini in Regione Campania Le novità normative Ai Giovani, destinatari del nostro testimone Nel bel mezzo dell inverno ho infine imparato che in me albergava un invincibile estate Albert Camus Ai Giovani,

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 659 del Reg. Decreti del 04/11/2014 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Regolamento

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO D.LGS N. 276/2003 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNEMENTE DETTO LAVORO CON I VOUCHERS O BUONI LAVORO" ULTIME MODIFICHE LEGISLATIVE La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

reddito di attivazione e riforma degli ammortizzatori sociali Dott.ssa Antonella Chiusole

reddito di attivazione e riforma degli ammortizzatori sociali Dott.ssa Antonella Chiusole reddito di attivazione e riforma degli ammortizzatori sociali Dott.ssa Antonella Chiusole 1) gli ammortizzatori sociali in trentino: il reddito di attivazione (oggi) 2) reddito di attivazione e Nuova ASpI

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Sono state recentemente avviate le procedure previste dal progetto Garanzia Giovani per lo svolgimento di tirocini retribuiti.

Sono state recentemente avviate le procedure previste dal progetto Garanzia Giovani per lo svolgimento di tirocini retribuiti. Tirocini retribuiti dall Inps, aperti i bandi Sono state recentemente avviate le procedure previste dal progetto Garanzia Giovani per lo svolgimento di tirocini retribuiti. In Italia, complice la crisi,

Dettagli

Attuazione del programma di Garanzia per i Giovani in Regione Lombardia. Maggio 2014

Attuazione del programma di Garanzia per i Giovani in Regione Lombardia. Maggio 2014 Attuazione del programma di Garanzia per i Giovani in Regione Lombardia Maggio 2014 UE LANCIA IL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Nel Marzo 2013 viene pubblicata la Raccomandazione della Garanzia per i giovani.

Dettagli

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI ALLEGATO A DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI (ART. 1, L.R. 17/09/2013 N. 17) 1 Art. 1 Finalità, definizioni e campo di applicazione 1. La Regione favorisce l uso integrato dei tirocini

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !"! # #$ % &! * +"!#,!! -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! *!,!0-!

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6  (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !! # #$ % &! * +!#,!! -!-!*!% -,!,!,! !.!&/#!#++ ! *!,!0-! !"! # #$ % %$ %%&& # ' #&$&$'* &$& &! * +"!#,!! $ &% #' $ ( %)% ## (%( # # $ &'$ -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#!!( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! *!,!0-! 2-",3-"

Dettagli

Urban Job - SPECIALE GARANZIA GIOVANI - a cura di

Urban Job - SPECIALE GARANZIA GIOVANI - a cura di 19 Giugno 2015 N 2 Anno 6. Urban Job La newsletter dedicata al mondo del lavoro e della formazione - SPECIALE GARANZIA GIOVANI - a cura di Urban Center O.A.S.I. Europa Via Roma, 26 Thiene Tel. 0445 804749

Dettagli

Istituto Regionale per l Educazione e Studi Cooperativi

Istituto Regionale per l Educazione e Studi Cooperativi IRECOOP VENETO, Associazione Riconosciuta con D.G.R. 2004 del 07 maggio 1996, è un Ente di formazione promosso dalla Confcooperative Unione Regionale del Veneto e dalla Federazione Veneta delle Banche

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. NOTE SULL IMPATTO DELLA NASpI

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. NOTE SULL IMPATTO DELLA NASpI VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca NOTE SULL IMPATTO DELLA MISURE/60 Giugno 2015 Premessa L introduzione della a partire dal 1 maggio 2015 modifica sensibilmente l impatto e il funzionamento dei sussidi

Dettagli

CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro. Avviso pubblico

CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro. Avviso pubblico CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro Avviso pubblico BORSA LAVORO per tirocini formativi finalizzati allo sviluppo dell occupazione nelle imprese della provincia di Bari e riservato a giovani disoccupati

Dettagli

Decreto lavoro: le principali novità con le modifiche della legge di conversione. (DL n. 76 del 28.06.2013, convertito con legge n.

Decreto lavoro: le principali novità con le modifiche della legge di conversione. (DL n. 76 del 28.06.2013, convertito con legge n. News per i Clienti dello studio Studio Passarelli Ai gentili clienti Loro sedi Decreto lavoro: le principali novità con le modifiche della legge di conversione (DL n. 76 del 28.06.2013, convertito con

Dettagli

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 30 dicembre 2009, entra in vigore, dal 1 gennaio, la Legge Finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n.191).

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

P.O.R. MARCHE Obiettivo 2 FSE 2007/2013 Assi I, II e III Annualità 2010 e 2011

P.O.R. MARCHE Obiettivo 2 FSE 2007/2013 Assi I, II e III Annualità 2010 e 2011 PROVINCIA DI FERMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE, SCUOLA E POLITICHE DEL LAVORO P.O.R. MARCHE Obiettivo FSE 007/013 Assi I, II e III Annualità 010 e 011 SCADENZA 15/04/011 AVVISO PUBBLICO INCENTIVI

Dettagli

A cura di : Fabrizio Samorè

A cura di : Fabrizio Samorè Grandi Speranze A cura di : Fabrizio Samorè 1 1920 1950 1962 1980 2000 2010 2020 0 5 6 10 14 Una premessa 16 18 26 29 49 55 57 Età della prima infanzia Età scolastica Età del lavoro Età della quiescenza

Dettagli

Azioni di contrasto alle nuove povertà

Azioni di contrasto alle nuove povertà Azioni di contrasto alle nuove povertà UNISOLIDARIETA ONLUS Unisolidarietà Onlus & Volontariato in Rete Federazione Provinciale di Vicenza Ente Gestore CSV di VI Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO

AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO Fondo 1. PREMESSA Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di re-impiego AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO Il, la Regione Sardegna e la Provincia di Carbonia Iglesias con l assistenza di Italia

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE Settembre 2013 n 14 Livorno, 3 settembre 2013 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO n. 2

PROGETTO FORMATIVO n. 2 COMUNE DI TARANTO Direzione Risanamento Città Vecchia e Borgo PIC URBAN IIItalia Città di Taranto PIC URBAN II TARANTO. Misura 1.4 Legge 24/6/1997, n. 196, art. 18 D.M. (Min. Lavoro e Previdenza Sociale)

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori.

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DELL ULSS N 18 PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI ECONOMICI LEGATI ALLA TUTELA DEI MINORI (rette per inserimento in struttura di minori e contributi per le famiglie

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8 PERFORMANCE PLAN Definizione dell identità dell organizzazione Missione dell IS PER COSTRUIRE OGGI IL TUO FUTURO E DIVENTARE PARTE ATTIVA NELLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA DEL DOMANI Una scuola da sempre

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto Inail 2014/2015 Contributi per il miglioramento della sicurezza sul lavoro Nuove

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

OFFERTA PER L ATTIVAZIONE DI N

OFFERTA PER L ATTIVAZIONE DI N OFFERTA PER L ATTIVAZIONE DI N. 31 TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PROMOSSI DALL UNIVERSITA DI BOLOGNA PRESSO IL COMUNE DI BOLOGNA ALL INTERNO DEL PROGETTO HOME CARE PREMIUM INPDAP MUOVE BOLOGNA BADABENE

Dettagli

GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it

GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it UE LANCIA IL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Nel Marzo 2013 viene pubblicata la Raccomandazione della Garanzia per

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA Scadenza 31 dicembre 2012 Partner: Project by: Bando per la selezione di progetti

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

Breve curriculum vitae Vincenzo Pellegrini

Breve curriculum vitae Vincenzo Pellegrini Breve curriculum vitae Vincenzo Pellegrini nato a San Donà di Piave (VE) il 5 aprile 1967 (C.F. PLLVCN67D05H823E) residente in Refrontolo, via Faè n. 3; laureato in giurisprudenza presso l Università di

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015. Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015. Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015 Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 LE FONTI NORMATIVE ED AMMINISTRATIVE Legge 23 dicembre 2014 n.190 (Legge

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove imprese Start up innovative (Smart & Start) Nascita e sviluppo società

Dettagli

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche.

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. 1 CRISI LA NORMATIVA CONTRATTUALE NON CREA LAVORO MA LO PUÒ DISTRUGGERE

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 Il Collocamento Obbligatorio: I

Dettagli

CGIL TOSCANA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA

CGIL TOSCANA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA MERCATO DEL LAVORO: LA GIUNGLA DEI CONTRATTI OGGI ESISTONO 46 TIPOLOGIE DI CONTRATTI MERCATO DEL LAVORO: LA GIUNGLA DEI CONTRATTI CON LA RIFORMA

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO

I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO 13 CENTRI PER L IMPIEGO su 15 SEDI, di cui 2 integrate con INPS (Torino e Carmagnola) 233 unità di personale impiegate nei CPI

Dettagli

BANDO PUBBLICO PROGETTO BONUS LAVORO QUALIFICATO

BANDO PUBBLICO PROGETTO BONUS LAVORO QUALIFICATO BANDO PUBBLICO PROGETTO BONUS LAVORO QUALIFICATO FASE 2: ASSEGNAZIONE DI BONUS PER LAVORO QUALIFICATO 1 1. PREMESSA La Provincia di Carbonia Iglesias, come da Deliberazioni della Giunta provinciale n.

Dettagli

Decreto Legge n 76/2013: novità in materia di lavoro

Decreto Legge n 76/2013: novità in materia di lavoro FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348 Fax Tiscali

Dettagli

PROROGA AVVISO PUBBLICO

PROROGA AVVISO PUBBLICO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE REGIONALE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SISTEMA INTEGRATO REGIONALE DI FORMAZIONE ED ISTRUZIONE Servizio Politiche Strutturali dell Occupazione PROGRAMMA D AZIONE PER IL REIMPIEGO

Dettagli