POLITICHE PER LE DISABILITÀ NEWS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITICHE PER LE DISABILITÀ NEWS"

Transcript

1 POLITICHE PER LE DISABILITÀ NEWS NUMERO PERIODICO TELEMATICO A CURA DELL'UFFICIO POLITICHE PER LE DISABILITÀ CGIL CORSO D'ITALIA, ROMA NOTIZIE LAVORO: DA PAG. 4 SCUOLA: DA PAG. 9 WELFARE: DA PAG. 14 DAL TERRITORIO DA PAG. 18 INTERNAZIONALE: DA PAG. 24 VARIE DA PAG. 27 1

2 INDICE LAVORO PAGINA DISABILITÀ, PIANO D'AZIONE IN GAZZETTA. IL NODO DELLE RISORSE 4 TIROCINI AL POSTO DELLE BORSE LAVORO. "DEVASTANTI PER LE PERSONE CON DISAGIO" 5 PIANO D'AZIONE BIENNALE, ECCO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE 7 SCUOLA TOMMASO RIFIUTATO A SCUOLA. L'ODISSEA DELLA RICERCA DI UNA SCUOLA "ACCOGLIENTE" PAGINA 9 ALUNNI STRANIERI DISABILI, NIENTE SOSTEGNO PER UN PASTICCIO BUROCRATICO 11 ANFFAS, «ILLEGITTIMA DISPARITÀ TRA BIMBI CON DISABILITÀ E NON» 12 REGGIO, IL COMUNE RETTIFICA. ANFFAS: «ORA INTERVENGA IL MINISTRO CARROZZA» 13 WELFARE PENSIONI E INDENNITÀ, ECCO GLI IMPORTI DEGLI ASSEGNI E I LIMITI DI REDDITO PER IL 2014 ANMIL DICE NO ALLE PRESTAZIONI INFORTUNISTICHE NEL CONTEGGIO DEL REDDITO PAGINA INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA PER ANZIANI E DISABILI: ECCO LE LINEE GUIDA 16 2

3 NOTIZIE DAL TERRITORIO PAGINA BUONE NOTIZIE DALLA FINANZIARIA DELLA SARDEGNA 18 PIEMONTE: ASSISTENZA DOMICILIARE A RISCHIO 19 VITA INDIPENDENTE, PROTOCOLLO TRA MINISTERO E REGIONE TOSCANA 21 EMANUELECHE ANDAVA A SCUOLA IN BUS SORDO PROFONDO, MULTATO DAI CONTROLLORI 22 ASSISTENZA DOMICILIARE AI DISABILI, SERVIZIO VITALE CHE RISCHIA DI MORIRE 23 INTERNAZIONALE PAGINA "IT'S ABOUT US, IT'S ABOUT EUROPE". RAPPORTO FINALE DELL'EYCA SULLA CITTADINANZA ATTIVA 24 SPAGNA: IL PAESE DELLE CONTRADDIZIONI 26 VARIE PAGINA XFOOD, UN RISTORANTE «SPECIALE» PERSONALE DISABILE E PRODOTTI KM ZERO 27 3

4 LAVORO DISABILITÀ, PIANO D'AZIONE IN GAZZETTA. IL NODO DELLE RISORSE Elaborato dall'osservatorio nazionale e approvato nel febbraio 2013, a luglio il documento ha scandito i temi della Conferenza nazionale. A settembre l'approvazione del Consiglio dei ministri, a ottobre l'adozione del decreto del presidente Napolitano ROMA Il programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilità è legge: è stato infatti pubblicato il 28 dicembre scorso il decreto del presidente della Repubblica 4 ottobre 2013, con il quale è stato adottato il documento, predisposto dall'osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. L'approvazione del Programma risale a quasi un anno fa: nel febbraio 2013, l'osservatorio nazionale, dopo aver lavorato all'elaborazione delle varie sezioni del documento, diviso in gruppi di lavoro relativi alle diverse linee d'intervento, diede il via libera al Programma d'azione. Il 12 e 13 luglio, il Programma d'azione ha scandito i tempi e i temi della quarta Conferenza nazionale sulle politiche della disabilità organizzata dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Due mesi dopo, il 27 settembre, il documento è stato adottato dal Consiglio dei ministri. Pochi giorni dopo, il 4 ottobre, il presidente Napolitano ha emanato il decreto di adozione. Ora, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n.303) rappresenta l'ultimo passaggio formale per l'entrata in vigore del Programma d'azione. Il Programma contiene l'insieme degli interventi che dovrebbero essere messi in pratica nei prossimi due anni per migliorare la vita delle persone con disabilità e garantire pienamente i loro diritti. Una cinquantina di pagine in cui, sulla traccia del dettato della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, vengono affrontati sette grandi questioni: si parla della revisione del sistema di accesso, riconoscimento della certificazione della condizione di disabilità e modello di intervento socio-sanitario; di lavoro e occupazione; di politiche, servizi e modelli organizzativi per la vita indipendente e l'inclusione nella società; di promozione e attuazione dei principi di accessibilità e mobilità; dei processi formativi ed inclusione scolastica; di salute, diritto alla vita, abilitazione e riabilitazione; e infine dicooperazione internazionale. Va ricordato che a tutti questi impegni è da riconoscere carattere meramente programmatico, come precisa la relazione illustrativa arrivata in Consiglio dei ministri: le azioni richiamate nel documento, infatti, sono risultano finanziabili nei limiti degli stanziamenti previsti, mentre gli impegni assunti alla presentazione alle Camere di nuovi provvedimenti legislativi saranno condizionati al rispetto della disciplina ordinaria in tema di programmazione finanziaria. Pertanto, la sede nella quale saranno ponderate le diverse esigenze di settore è la Decisione di finanza pubblica, sulla base della quale verrà definito il disegno di legge di stabilità. E' questo uno dei nodi critici che accompagna l'approvazione del programma e che ha suscitato le perplessità delle associazioni, rinnovate nei giorni dell'approvazione della legge di stabilità. (cl) (2 gennaio 2014) Fonte: RedattoreSociale.it 4

5 TIROCINI AL POSTO DELLE BORSE LAVORO. "DEVASTANTI PER LE PERSONE CON DISAGIO" Da settembre sono in vigore le nuove norme, anche per svantaggiati e disabili. Preoccupazione tra coop sociali, enti locali e famiglie. L'Emilia Romagna ha previsto deroghe sui contributi per i più fragili. Callegari (Csapsa): "Fuori molte persone con disagio" BOLOGNA - Per il diritto del lavoro non sono mai esistite, ma fino a settembre le borse lavoro hanno rappresentato un valido strumento per dare un'occupazione a persone fragili, in condizioni di disagio, disabili. Persone che difficilmente riuscirebbero a inserirsi nel mondo del lavoro. Qualche esempio? Sono poco meno di un centinaio quelle attivate ogni anno al Quartiere Navile (Bologna) per un costo di circa 80 mila euro. "Soldi spesi bene", assicura Domenico Pennizzotto, responsabile dei servizi sociali. "La borsa lavoro è un ammortizzatore sociale non riconosciuto. Non si tratta di cifre alte, 350/500 euro mensili, ma è un primo passo e fa sì che la gente non perda la testa dopo la perdita del lavoro", afferma. Quelli che meritano, poi, possono vedere riaprirsi la strada verso il lavoro: "Dopo la borsa lavoro riusciamo a occuparne una quindicina", dice Pennizzotto. Azioni di salvaguardia per dare un'occupazione a persone fragili, ecco cosa sono le borse lavoro per Alberto Alberani di Legacoopsociali. In regione, nella cooperazione, sono circa 3 mila le persone svantaggiate assunte e altrettante quelle in percorsi paralleli, come le borse lavoro. Ora però queste ultime non si possono più fare. Il 16 settembre 2013 sono entrate in vigore le nuove norme sui tirocini (legge regionale 7/2013 con cui l'emilia-romagna si è adeguata alla normativa nazionale modificata dalla Riforma Fornero) che riguardano, oltre a giovani e disoccupati, anche disabili, svantaggiati e richiedenti asilo. E proprio in riferimento a quest'ultima categoria, la regione ha introdotto alcune deroghe per consentire la ripetibilità del tirocinio (non prevista per i giovani), aprire i finanziamenti dei contributi a privati come le fondazioni ed escludere questi tirocini dal computo totale (è previsto un numero massimo). Nonostante le deroghe le norme però destano preoccupazione tra chi - come coop sociali ed enti locali - tiene aperta la strada verso il mondo del lavoro per persone fragili, anche attraverso la borsa lavoro. E tra le famiglie dei disabili. "L'intenzione della normativa è, giustamente, tutelare i giovani laureati spesso sfruttati con stage non pagati e ripetuti, e da questo punto di vista fa chiarezza e riduce i margini di abuso - dice Leonardo Callegari del Centro studi analisi psicologia e sociologia applicate (Csapsa) - ma, al di là delle deroghe, lascia fuori una serie di persone adulte in condizione di disagio sociale o prolungata disoccupazione, non riconducibili, o con molta difficoltà, a un lavoro in un'azienda profit. Con effetti devastanti". Un esempio? Un senza dimora disoccupato di lunga data non in carico ai servizi sociali difficilmente rientrerà nelle categorie della normativa, deroghe comprese. "Noi attiviamo circa 400 borse lavoro all'anno, molte a favore di persone in condizioni di disagio non derogabili - afferma Callegari -: con le nuove norme, non potranno più accedere a questi strumenti". La legge 7/2013 prevede, inoltre, una certificazione delle competenze sulla base del sistema regionale delle qualifiche, "e per molte di queste persone non è possibile", dice Callegari. Se una parte di coloro che oggi beneficiano di una borsa lavoro potrebbe rientrare nella categoria "c" della normativa, grazie alle deroghe, resta però una zona grigia' rappresentata da persone in difficoltà tale da non poter accedere ai tirocini, ma che trarrebbero beneficio dallo stare in un ambiente di lavoro, pur senza approdare a un'occupazione normale'. Alla cooperativa Accaparlante sono circa una decina le borse lavoro attivate a favore di disabili. "Siamo una cooperativa di inserimento lavorativo e i disabili lavorano con noi in un contesto educativo - dice Roberto Parmeggiani - Alcuni non hanno disabilità così gravi da essere inseriti in centri diurni ma pur avendo un ruolo attivo, non sono completamente autonomi". Una delle caratteristiche delle 5

6 cooperative come Accaparlante è la concomitanza tra ore educative (finanziate dall'ausl alla cooperativa) e borsa lavoro che, invece, va alla persona. "A fine anno l'ausl ha comunicato alle famiglie che le borse lavoro saranno prorogate fino a giugno ma non è chiaro se sarà ancora possibile avere più di un tipo di sostegno", continua Parmeggiani. O ore educative o borsa lavoro? "Se così fosse, sarebbe un passo indietro in termini di autonomia - continua Parmeggiani - La borsa lavoro è, infatti, un riconoscimento per una competenza raggiunta e per un lavoro svolto, e per quanto ridotta dà al disabile un minimo di autonomia, di pagarsi il trasporto o portare a pranzo i genitori ogni tanto. Nella logica del lavoro, fa molto". Le borse lavoro attivate prima dell'entrata in vigore della nuova normativa sono state prorogate, quindi il problema si presenterà tra qualche mese. E se Alberani rilancia "la riflessione sul salario minimo garantito a livello regionale, per dare un riconoscimento alle fasce deboli non collocabili nel mondo del lavoro", per Callegari servirebbero nuove deroghe, anche sulla categoria "b" (quella dei disoccupati). Poiché la norma tende a escludere i "poveri poveri", per Pennizzotto, "basterebbe che la deroga poggiasse sulla valutazione dell'assistente sociale, ai fini dell'attivazione del tirocinio formativo per tali persone". Callegari è fiducioso: "Confidiamo che la Regione adotti ulteriori deroghe per recuperare molte delle persone che attualmente sono fuori da qualsiasi categoria e che non si possono dimenticare". (lp) (17 gennaio 2014) Fonte: SuperAbile.it 6

7 PIANO D'AZIONE BIENNALE, ECCO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE Due ore di audizione per il viceministro Cecilia Guerra che in Commissione Affari sociali alla Camera fa il punto sull'attuazione del Piano d'azione biennale. Nel corso del 2014 disponibili i dati Istat sulla disabilità. In dirittura d'arrivo la nomina del nuovo Osservatorio. E sul nuovo Isee: "Coscienza tranquilla, favorisce i disabili" ROMA - Eppur si muove. Non è fermo al palo il Piano biennale sulla disabilità scritto dall'osservatorio nazionale e adottato ufficialmente dal governo nei mesi scorsi. Certo, le tempistiche non sono immediate, ma la macchina è partita e i passi avanti si vedranno presto. Il viceministro al Lavoro e Politiche sociali, Maria Cecilia Guerra, ha illustrato in Commissione Affari sociali alla Camera lo stato dell'arte, prendendo spunto dai lavori dell'osservatorio nazionale e da quelli della Conferenza nazionale sulle politiche della disabilità tenutasi a Bologna nel luglio scorso. Nel corso di quasi due ore di audizione, Guerra ha affermato che nel corso del 2014 arriveranno finalmente dati precisi sulla disabilità, risultato della convenzione stipulata con l'istat per ottenere un quadro preciso della situazione reale. Una criticità più volte messa in evidenza e che lo stesso Piano d'azione indicava come da superare: "C'è la necessità di lavorare con informazioni accurate perché in termini statistici si sa molto poco del mondo della disabilità", ha detto Guerra, che ha anche anticipato uno dei dati emersi fino ad ora, e cioè la stretta correlazione esistente fra povertà e disabilità. Le famiglie con una persona disabile, cioè, sono maggiormente esposte alla povertà rispetto a quelle in cui non sono presenti membri con disabilità. Guerra ha ricordato che il Piano d'azione è andato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 28 dicembre e che è previsto a breve l'insediamento di un'apposita Commissione chiamata a monitorarne l'attuazione, in modo particolare facilitando e mettendo in rete le varie amministrazioni pubbliche chiamate, secondo le proprie competenze specifiche, ad azioni concrete per la sua attuazione. Passando in rassegna i vari punti del Piano, il viceministro ha esposto per ciascuno la situazione attuale: riguardo alla revisione dell'accertamento della disabilità Guerra ha affermato che non risulta ancora composta la divisione - già manifestatasi nel corso della Conferenza di Bologna - fra quanti ritengono che il soggetto istituzionale al quale va affidato tale compito debba continuare ad essere l'inps o se invece esso debba andare in capo al sistema sanitario nazionale, integrato per gli aspetti sociali. "Anche fra le regioni - ha detto Guerra - su questo tema non si è ancora giunti ad una composizione: alcune propendono per una soluzione, altre optano per la seconda". Certamente, ha continuato, sappiamo che "il ministero della Salute ha comunicato la volontà di procedere al più presto al confronto sulle tabelle sull'invalidità civile": sul tema "si prevede un gruppo di lavoro ristretto per superare quelle difficoltà che erano state riscontrate nella precedente proposta che non era stata approvata". Sul tema del lavoro Guerra ha sottolineato la necessità di superare "le difficoltà specifiche di applicazione della legge 68/99", richiamando le questioni del rifinanziamento del Fondo per assunzioni disabili e delle quote di riserva della Pubblica Amministrazione. Sulla vita indipendente è stato sottolineato il lavoro di pubblicazione delle Linee guida con progetti sperimentali di vita indipendente che hanno interessato tutte le regioni italiane tranne la Calabria e la provincia di Bolzano. Spazio, nelle parole di Guerra, anche per l'importanza dell'aggiornamento del nomenclatore tariffario sugli ausili, per la necessità di una semplificazione dell'iter diagnostico ai fini scolastici per gli alunni con disabilità e per l'abbattimento delle barriere nell'accesso alla formazione (tema legato al Piano nazionale per gli alunni con disturbi specifici di apprendimento). Quanto alla salute, le direttrici principali sono quelle del sostegno a maternità e infanzia, presa in 7

8 carico, integrazione sociosanitaria, partecipazione ai servizi. "L'Osservatorio ha concluso i suoi lavori nel mese di ottobre - ha affermato Guerra - e stiamo predisponendo la costituzione del nuovo Osservatorio con la nomina dei nuovi componenti: siamo in dirittura d'arrivo, manca solamente una designazione per avere il quadro completo". Rispondendo poi alle sollecitazioni di alcune parlamentari (Biondelli e Argentin del Pd, Binetti di Per l'italia e Di Vita del M5S) Guerra è tornata anche sul tema del nuovo Isee: "Stiamo preparando un piano di comunicazione operativo per gli enti erogatori che dovranno rivedere, alla luce della nuova composizione dell'isee, le tariffe e le soglie di accesso. Proprio facendo questo abbiamo fatto ulteriori verifiche con ulteriori banche date e posso dire in tranquillità di coscienza che la disabilità è stata al centro della nostra attenzione e che il nuovo Isee, rispetto a quello attuale, favorisce le persone disabili e le persone più povere". (ska) (24 gennaio 2014) Fonte: SuperAbile.it 8

9 SCUOLA TOMMASO RIFIUTATO A SCUOLA. L'ODISSEA DELLA RICERCA DI UNA SCUOLA "ACCOGLIENTE" La denuncia di Arianna, mamma romana di un bimbo di 4 anni con sindrome di Angelman. Tra superficialità, burocrazie e scarsa responsabilità, "una lotta tra poveri sulla pelle di un bambino: mi hanno detto che se avesse avuto la sindrome Down tutto sarebbe stato più semplice" ROMA - Concluse le vacanze natalizie, il 7 gennaio scorso il piccolo Tommaso, 4 anni, non è potuto rientrare a scuola come gli altri bambini. "Siamo stati costretti a trasferire nostro figlio dalla scuola materna Vaccari - racconta la mamma Arianna -. Avevamo trovato una seconda scuola pronto ad accoglierlo, ma anche lì ci sono stati problemi". Tommaso è affetto da sindrome di Angelman, una malattia genetica rara - dovuta al cromosoma 15 spezzato - scoperta solo 50 anni fa e per la quale il bambino è un caso border line: "Tommaso, come tutte le persone con questa sindrome, non parla, dice solo mamma e papà - ci spiega Arianna -, ma non ha ritardo cognitivo. Comunica attraverso la comunicazione aumentativa, con tabelle: ha una tabella per il bagno, una per la scelta dei giochi, una per il cibo, una per la tv. Cammina, non ha crisi epilettiche e ha abilità manuali, sa usare anche l'ipad". Un "bambino prodigio" considerando le caratteristiche che in genere porta con sé questa patologia - tra cui scoliosi, abbassamento della vista, caratteristico sorriso "stampato" -, che molto deve anche al "lavoro grande che sta svolgendo l'equipe dell'istituto Santa Lucia di Roma". "Che fai, me lo lasci?". Alla scuola materna pubblica Vaccari, zona Portuense di Roma, all'improvviso "è mancata l'accoglienza" come dice in quattro parole la mamma del piccolo. La scuola era stata scelta vicino casa, visto che Tommaso deve fare riabilitazione 6 volte a settimana. "Che fai, me lo lasci?". E' questa la frase che sempre più spesso i genitori di Tommaso si sono sentiti indirizzare, la mattina, accompagnando il bambino a scuola. "Se per qualche caso, malattia o altro, l'insegnante di sostegno non c'era, la maestra titolare si trovava con 18 bambini da sola - racconta Arianna - e io sono stata spesso costretta a restare in classe, per esempio a fare il disegno di Natale con Tommaso, in attesa dell'arrivo della supplente". E' capitato che una mattina il sostegno non c'era perché l'insegnante preposta "è andata al Dipartimento, in orario di scuola", racconta ancora Arianna. Tommaso piange e la mamma è costretta a restare accanto a lui, per non lasciarlo solo e consolarlo. Tommaso non ha crisi, non è violento, non rovescia la classe, e sentirsi rifiutato lo addolora. E' abituato a stare con i bambini, da quando aveva 9 mesi ha frequentato il nido con serenità. A scuola con il figlio. Per via della malattia rara e poco nota non ha diritto al 100% di copertura del sostegno, ma al 75% delle ore che trascorre a scuola. Un 75% effettuato da due insegnanti part time. In più c'è l'aec, l'assistente educativo culturale, che deve stare con Tommaso 10 ore a settimana, due ore al giorno. E' una figura proveniente da una cooperativa e mandata dal Comune: avrebbe un compito importantissimo e invece "queste figure pensano che debbano solo accompagnare l'allievo al bagno o a pranzo - denuncia Arianna -, non hanno una formazione adeguata". Non solo: spesso l'aec nella classe di Tommaso accorpava le ore, ed è capitato che il tal giorno non ci fosse o che la mamma di Tommaso dovesse aspettare la maestra co-titolare che ogni mattina arriva a scuola da Napoli. Con la conseguenza che il lavoro per Arianna è saltato. 9

10 Nessun controllo. Per effettuare le terapie al Santa Lucia i genitori prelevano il bimbo da scuola. Se per qualche ragione la terapia un giorno è rinviata, a scuola Tommaso non trova il sostegno. "E io - dice Arianna - spesso mi sono trovata anche sola in classe per diverso tempo con i bambini". Sì, perché la mancanza di accoglienza di un bambino con qualche problema in più degli altri si lega, in questa vicenda simile a tante altre e come tante altre così particolare, al caso di un plesso scolastico privo della guida e del controllo di un dirigente: "Il plesso della Vaccari, scuola materna e primaria, ha quasi 300 allievi. Ci è stato detto che nei prossimi dieci anni non ci sarà un funzionario a dirigerlo". Su 300 allievi pare che Tommaso sia l'unico con disabilità, come Arianna sa anche in virtù della partecipazione al Glh, Gruppi di lavoro sull'handicap. "Alcune maestre gestiscono il lavoro in modo oligarchico e omertoso - denuncia la mamma di Tommaso -. In particolare la titolare della classi di mio figlio, con 35 anni di esperienza alle spalle, mi ha detto al momento dell'iscrizione di non preoccuparmi perché ci avrebbe pensato lei a Tommaso. Dopo ho capito: le facevano comodo 4 persone che in qualche modo badavano alla classe, visto che lei si assentava assai spesso per ragioni personali". Secondo i genitori di Tommaso ci sarebbe stata "una manipolazione tale da impedire un serio lavoro di integrazione". Un'altra scuola. Anzi, no. Nel mese di dicembre, intanto, era stata trovata un'altra scuola pronta ad accogliere il bambino, la Benucci. "Porte aperte, ci hanno detto. E il 16 dicembre abbiamo firmato in municipio il documento di trasferimento". Ma ancora una doccia fredda: convocati d'urgenza il 23 dicembre, la comunicazione ai genitori è stata la seguente: inserimento non possibile, perché non ci eravamo accorti che nella classe di 25 c'è già un bambino autistico ingestibile; lo credevamo tranquillo - tra l'altro ha la totalità delle ore coperte da sostegno - ma dal Gruppo di lavoro sull'handicap tenutosi ieri è emerso il contrario. Ci spiace". "Lotta tra poveri, sulla pelle di un bambino". Così, dal 23 dicembre Tommaso si è ritrovato senza scuola. "La notte del 24 dicembre io e mio marito eravamo a scrivere mail fino alle 2 al presidente del municipio e vari organi competenti". Una situazione "imbarazzante e incresciosa" anche per lo stesso municipio, che il giorno di San Silvestro ha ricevuto la coppia. E' arrivato il 7 gennaio e Tommaso era a casa mentre i suoi coetanei giocavano insieme alla scuola materna. I genitori visionano altre scuole proposte dal municipio e finalmente il 10 gennaio il bambino entra nella sua nuova scuola, "quella che ci è sembrata più accogliente" riferisce la mamma. Resta il fatto che "con superficialità si è lavorato sulla pelle di un bambino", che ha accusato nervosismo, inappetenza e rischiato di veder vanificati i benefici delle terapie. "E' una lotta dura, che non interessa nessuno - sentenzia Arianna -. Una lotta fra poveri: ci hanno detto che se Tommaso avesse avuto la sindrome di Down avrebbe avuto un inserimento scolastico facile. Ma i diritti non ci devono essere per tutti?". Ora la famiglia di Tommaso sta preparando il ricorso al Tar, "una lotta grande e dispendiosa" ma dalla quale sono costretti a non tirarsi indietro, "allibiti e indifesi" come si sentono: "Tutti devono conoscere questo disastro sulla pelle dei bambini, siamo stufi di parlare con le scrivanie mute della politica e della pubblica amministrazione". (ep) (16 gennaio 2014) Fonte: SuperAbile.it 10

11 ALUNNI STRANIERI DISABILI, NIENTE SOSTEGNO PER UN PASTICCIO BUROCRATICO Per il sostegno, i figli di irregolari devono chiedere la certificazione all'inps, ma il sito richiede la residenza anagrafica. Il problema è che chi è senza permesso di soggiorno, pur avendo magari un domicilio, non risulta iscritto. Aipd: "Sanare la questione" MILANO - Per un pasticcio burocratico i bambini stranieri con disabilità, che hanno i genitori irregolari, non possono iscriversi alle scuole elementari e medie e ottenere un insegnante di sostegno. La legislazione italiana garantisce il diritto allo studio anche agli alunni figli di irregolari, ma per i disabile c'è una barriera che potremmo definire "weburocratica". Per avere diritto al sostegno devono chiedere infatti la certificazione delle loro disabilità all'inps. Ma la richiesta va fatta tramite il sito e ad un certo punto la procedura prevede l'inserimento della residenza anagrafica. Ma chi è senza permesso di soggiorno, pur avendo magari un domicilio, non è iscritto all'anagrafe di un comune e quindi non ha una residenza. Di conseguenza, niente certificazione Inps e niente sostegno scolastico. "Abbiamo fatto presente il problema nel dicembre scorso al ministero dell'istruzione -spiega Nicola Tagliani dell'associazione italiana persone down (Aipd)-. La legge garantisce il diritto all'istruzione e al sostegno scolastico a tutti, l'intoppo è quindi solo di tipo burocratico". L'Aipd ha già registrato alcuni casi. "Negli anni scorsi sono stati risolti perché in molti comuni c'è una sorta di indirizzo fittizio che viene assegnato ai senza dimora -continua Nicola Tagliani-. Di conseguenza anche per queste famiglie è stata registrata una residenza fittizia e hanno potuto superare l'ostacolo. Noi chiediamo però che questo inghippo burocratico sia sanato perché comunque interferisce sull'esercizio di un diritto fondamentale come quello all'istruzione". (dp) (17 gennaio 2014) Fonte: SuperAbile.it 11

12 ANFFAS, «ILLEGITTIMA DISPARITÀ TRA BIMBI CON DISABILITÀ E NON» di Antonietta Nembri Sul caso delle materne di Reggio Calabria off-limits ai bambini con disabilità il presidente di Anffas nazionale, Roberto Speziale annuncia: «Pronti a prendere tutte le azioni legali del caso per censurare ed eliminare tale gravissima discriminazione» Sull incredibile caso di Reggio Calabria, dove il Comune ha di fatto reso off-limits le scuole materne per i bambini disabili, in quanto non in grado di nominare gli insegnanti di sostegno, interviene il presidente nazionale di Anffas onlus, Roberto Speziale che sottolinea: «È necessario l immediato ritiro dell atto amministrativo del Comune di Reggio Calabria che, impedendo l iscrizione dei bambini con disabilità alle scuole dell infanzia per l anno scolastico 2014/2015, calpesta palesemente i diritti dei bambini in questione e delle loro famiglie. Il tardivo tentativo dei Commissari di risolvere la situazione con l annuncio di possibili eventuali assunzioni di personale, non è sufficiente e soprattutto mette in luce ancora una volta come chi ha una disabilità è considerato un cittadino di serie B». Per Anffas onlus, la decisione del Comune reggino è inaccettabile e discriminatoria, oltretutto infrange non solo la Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità che, ricorda Anffas, è legge nel nostro Paese ma la stessa Costituzione Italiana e le norme dello Stato. Speciale aggiunge poi che: «Il fatto che il Comune sia commissariato non deve comportare discriminazioni di alcun tipo, soprattutto per i bambini con disabilità» inoltre «la decisione dell amministrazione evidenzia nuovamente la mancanza di una cultura dell inclusione sociale e scolastica, due fattori fondamentali per la crescita della società. L avviso in questione è il frutto di un retaggio culturale che ancora non crolla, basato su esclusione e discriminazione». Perentoria la conclusione di Speziale che avvisa «L evidente ed illegittima disparità di trattamento tra i bambini con disabilità e non, è da considerarsi ancora più grave, poiché la priorità nell accesso ai servizi deve essere garantita proprio ai bambini con disabilità, specie con connotazione di gravità, ai sensi della Legge n. 104/1992. Pertanto» annuncia il presidente «Anffas Onlus chiede l immediato annullamento in via di autotutela dell Avviso in questione, vedendosi costretta, in caso contrario, a mettere in campo, REGGIO, IL COMUNE RETTIFICA. ANFFAS: «ORA INTERVENGA IL MINISTRO CARROZZA»di concerto con le realtà associative del territorio, tutte le azioni legali del caso per censurare ed eliminare tale gravissima discriminazione». (22 gennaio 2014) Fonte: Vita.it 12

13 REGGIO, IL COMUNE RETTIFICA. ANFFAS: «ORA INTERVENGA IL MINISTRO CARROZZA» di Antonietta Nembri Anffas onlus prende atto della rettifica fatta nella giornata di mercoledì 22 gennaio dal Comune di Reggio Calabria, ma la giudica insufficiente e chiede l'intervento del ministro Carrozza per garantire il diritto alla scuola dei bambini con disabilità Insufficiente. così Anffas giudica la comunicazione del Comune di Reggio Calabria. In una nota, infatti, l'associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, sottolinea la presa d'atto «della rettifica relativa all avviso concernente le Scuole dell Infanzia - che impediva di fatto l iscrizione dei bambini con disabilità per l A.A. 2014/ emessa in giornata dal Comune di Reggio Calabria». Anffas rileva anche che, «probabilmente» la rettifica è giunta «anche a seguito delle tante proteste di queste ultime ore». Tuttavia per l'associazione, come precisa la nota di Anffas Onlus la comunicazione «risulta comunque insufficiente per la tutela dei diritti dei bambini con disabilità e delle loro famiglie quanto precisato dall amministrazione». Scrive Anffas «è sicuramente compito dell Ente Locale predisporre un provvedimento che, nel complesso, non violi i criteri per superare il controllo della Commissione per la Stabilità Finanziaria degli enti locali ai sensi dell art. 243 del D.lgs. 267/2000 (richiamato dalla rettifica del Comune), ma questo non può determinare la dichiarata giustificazione per l eventuale parere negativo all assunzione di ulteriore personale e quindi all eventuale mancata accettazione, tout court, di alunni con disabilità». Dopo la presa d'atto il pensiero di Anffas arriva diretto: «Il Comune, invece di spiegare il proprio operato con linguaggio burocratico e ragionieristico, del tutto aleatorio per i destinatari finali, si deve attivare immediatamente a predisporre tutte le azioni utili ad assicurare in pieno e senza condizionamenti economici, il diritto costituzionalmente garantito della frequenza scolastica dei bambini con disabilità della città di Reggio Calabria». Insomma, va bene la rettifica, ma dalle parole si passi ai fatti o meglio alle azioni per garantire ai bambini con disabilità di poter accedere alla scuola materna La nota dell'anffas si chiude con un appello alla titolare del Miur; l associazione, infatti, richiede «l immediato intervento del ministro Carrozza per trovare una rapida soluzione alla questione». (22 gennaio 2014) Fonte: Vita.it 13

14 WELFARE PENSIONI E INDENNITÀ, ECCO GLI IMPORTI DEGLI ASSEGNI E I LIMITI DI REDDITO PER IL 2014 Una circolare dell'inps ha indicato gli importi previsionali e i limiti di reddito relativi alle provvidenze economiche 2014 a favori di invalidi civili, non vedenti e sordi civili. Nessun conguaglio per il Ecco tutti i numeri ROMA - Pubblicata nell'area dedicata a "La scheda", la circolare Inps n.7 del 17 gennaio 2014 che indica gli importi previsionali e i limiti di reddito relativi alle provvidenze economiche a favore degli invalidi civili, dei non vedenti e dei sordi civili per l'anno Nessun conguaglio è stato effettuato rispetto alla rivalutazione attribuita in via previsionale per il 2013, ma sono più alti i limiti di reddito. Nel dettaglio, infatti, la pensione per i non vedenti civili assoluti è pari a 301,91 euro (rispetto ai 298,33 del 2013), mentre il limite di reddito sale a ,85 euro rispetto ai ,30 del La pensione per gli stessi, se ricoverati, passa a 279,19 euro (rispetto ai 275,87 del 2013), mentre il limite di reddito sale a ,85 euro (rispetto ai ,30 del Stesse cifre (279,19 euro con limite di reddito a ,85) anche per i ciechi civili parziali, gli invalidi civili totali e i sordi. L'assegno per gli invalidi civili parziali si attesta sempre a quota 279,19 del 2014, ma con un diverso limite di reddito, che sale dai 4.738,63 euro del 2013 ai 4.795,57 del Identico regime per le indennità di frequenza dei minori. Nessun limite di reddito invece per l'indennità di accompagnamento per i ciechi civili assoluti (863,85), l'indennità speciale per i non vedenti "ventesimisti" (200,04), l'indennità di accompagnamento per gli invalidi civili totali (504,07) e le indennità di comunicazione per i sordi (251,22 euro). Così anche le indennità per i lavoratori con drepanocitosi e talassemia (501,38 euro). Le pensioni salgono nella misura dell'1,2% così come previsto dal decreto 20 novembre 2013, emanato dal Ministro dell'economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Lo stesso decreto ha poi confermato nella misura del 3% l'aumento definitivo di perequazione automatica per l'anno 2013: non si prevede dunque alcun conguaglio. Si ricorda che, in tutti i casi, si continua a far riferimento al reddito personale della persona con disabilità. Si ricorda infatti che l'art.10 della legge 99 del 9 agosto 2013 sottolinea che "il limite di reddito per il diritto alla pensione di inabilità in favore dei mutilati e degli invalidi civili, di cui all'articolo 12 della legge 30 marzo 1971, n. 118, è calcolato con riferimento al reddito agli effetti dell'irpef con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui il soggetto interessato fa parte". (27 gennaio 2014) Fonte: SuperAbile.it 14

15 ANMIL DICE NO ALLE PRESTAZIONI INFORTUNISTICHE NEL CONTEGGIO DEL REDDITO E iniziato il conto alla rovescia per la piena operatività del nuovo regolamento ISEE, il provvedimento che ha dato vita al nuovo strumento in vigore dall 8 febbraio. Da tale data scattano i 120 giorni per completare l iter attuativo e Anmil continuerà la protesta «Resta forte il rammarico di oltre vittime del lavoro che, a causa di un provvedimento iniquo e contrario ai principi di solidarietà e assistenza sociale che hanno dato vita all Assicurazione sugli infortuni e le malattie professionali, fa passare un messaggio a dire poco pericoloso commenta il Presidente dell ANMIL Franco Bettoni in quanto, includendo nel calcolo dell indicatore ISEE anche le prestazioni infortunistiche e quelle assistenziali, contraddice la natura delle rendite erogate dall INAIL che sono a risarcimento di un danno e non un 'sostegno' previdenziale». «Durante tutto il periodo in cui ci si è confrontati in merito nelle varie sedi istituzionali, l ANMIL ha sempre fermamente osteggiato l entrata in vigore del provvedimento affinché non fosse utilizzato dal Governo per operare un taglio della spesa sociale, ma purtroppo non siamo stati ascoltati». «La superficialità di una politica che per i propri interessi, tende a fare di tutta l erba un fascio, è oggi più che mai evidente spiega Bettoni - anche alla luce del previsto recupero, peraltro parziale, del danno economico causato dall introduzione, nel regolamento ISEE, di un complicato ed intricato sistema di calcolo fatto di franchigie la cui concreta attuazione sarà tutta da verificare, ma che avrà comunque avviato la preoccupante erosione di un principio base riguardante la natura del sistema assicurativo». «A questo punto conclude il Presidente dell ANMIL la nostra Associazione continuerà a contrastare con il massimo vigore tale tendenza, proseguendo nella sua battaglia e proponendo tutte le possibili impugnative nelle sedi giurisdizionali opportune». (28 gennaio 2014) Fonte: Vita.it 15

16 INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA PER ANZIANI E DISABILI: ECCO LE LINEE GUIDA Presentate a Roma le "Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziani e disabili": l'integrazione è "necessità imperativa" contro "l'abbandono dei pazienti alla frammentarietà degli interventi". Tra gli strumenti, il "budget di salute sociosanitario" ROMA - Rafforzare il livello di integrazione socio sanitaria sul piano regionale e nazionale, per migliorare la qualità dei servizi di assistenza: è questo, in sintesi, l'obiettivo delle "Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità", realizzate nell'ambito del progetto Aida (Advancinc integration for a dignified ageing) e presentate ieri mattina a Roma. Il documento sarà proposto al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per un'adozione formale su scala nazionale. E' frutto di un lavoro di ricerca, sperimentazione e valutazione condotto dai partner del progetto: regione Liguria, regione Veneto, Inrca (istituto nazionale riposo e cura anziani), Anziani e non solo, Enea (Elaborare nuove esperienze di autonomia) ed Europcarers. Fondamentale la collaborazione dei responsabili di alcuni distretti delle due regioni interessate, in cui le linee guida vengono sperimentate: condizione fondamentale, questa, per la ridefinizione delle attuali pratiche di integrazione socio sanitaria, volte alla costruzione di un modello che connetta con facilità i servizi sociali e sanitari territoriali e questi con quelli della rete ospedaliera, che a loro volta stanno sperimentando un periodo di forte cambiamento. Le "parole chiave" del progetto sono state illustrate dal neurogeriatra Marco Trabucchi: la prima è "libertà, che deve essere indipendente dallo stato di salute: il mio intervento deve quindi essere rispettoso di questa e favorirne la riconquista"; la seconda parola, "fragilità, è assolutamente sfruttata: oggi deve essere riconosciuta come biologia senza resilienza': di fronte alle situazioni difficili, la persona fragile soccombe. Il mio intervento deve essere quindi capace di sostituirsi alle sue inadeguatezze biologiche e cliniche". Terza parola, "cronicità, prodotta dall'ambiguità del progresso: la medicina ha prodotto la sopravvivenza, la non morte, ma poi di è fermata, dimenticandosi' di curare la seconda parte del problema e abbandonando così il paziente". Sono queste le problematiche a cui linee guida, "in un'ottica di complessità e deframmentazione", provano a dare risposta. In questo contesto, come si legge nel documento, "l'integrazione tra i servizi sociali e sanitari diventa una necessità imperativa' per organizzare risposte globali. La dimensione territoriale "assume un carattere fondamentale, sia per la fruibilità dei servizi che per la loro organizzazione sistemica". L'integrazione viene declinata, all'interno delle linee guida, nei suoi diversi significati e dimensioni: integrazione tra fattori produttivi dei servizi territoriali delle Asl e dei comuni; integrazione professionale, integrazione organizzativa tra territorio e presidi ospedalieri e integrazione tra servizi pubblici e soggetti accreditati. Soggetto fondamentale dell'integrazione è il Punto unico di acceso, che assicura "semplificazione per il cittadino e unitarietà nel sistema" e consiste in una "modalità organizzativa di accesso unitario e universalistico ai servizi sociali, sanitari e sociosanitari. Altro elemento fondamentale nella realizzazione dell'integrazione è la "valutazione multidimensionale del bisogno", accompagnato dal "piano di assistenza individualizzato" e dalla "continuità assistenziale", che deve diventare "una forma di approccio' sistemico degli operatori per non abbandonare la persona all'interno della settorialità dei servizi". Le linee guida indicano come luogo di cura privilegiato la casa del paziente e prediligono quindi lapermanenza a domicilio, tramite l'assistenza domiciliare integrata, che "unisce alle prestazioni sanitarie quelle di carattere tutelare e domestico". Laddove la domiciliarità non sia possibile, si ricorrerà all'assistenza semiresidenziale (centri diurni) o residenziale (Rsa, comunità alloggio, ospedali di comunità). Infine, figura fondamentale in questo processo è il "case 16

17 manager", che viene individuato tra le professionalità sociali o sanitarie e rappresenta la persona di contatto tra utente e caregiver, nonché il coordinatore delle risorse professionali, il responsabile del monitoriaggio e la valutazione del piano di assistenza e della verifica della qualità del servizio. Le linee guida riconoscono il ruolo della famiglia e del caregiver, "protagonista del processo di presa in carico per la definizione del percorso assistenziale". Alla famiglia, si affiancano le figure professionali (integrate e dovutamente formate) e il volontariato, "importante supporto nei casi più complessi e gravi". Infine, anche per quanto riguarda le risorse, la gestione di queste deve essere "integrata", attraverso il "budget di salute sociosanitario". (cl) (29 gennaio 2014) Fonte: SuperAbile.it 17

18 NOTIZIE DAL TERRITORIO BUONE NOTIZIE DALLA FINANZIARIA DELLA SARDEGNA In base infatti a un emendamento alla Legge Finanziaria Regionale per il 2014, approvata nei giorni scorsi, sono stati assegnati 10 milioni di euro aggiuntivi per i progetti personalizzati del Fondo per la Non Autosufficienza, portando la disponibilità di tali risorse a circa 134 milioni di euro complessivi, per più di progetti riguardanti persone con grave disabilità Una buona notizia arriva dalla Sardegna, dove l approvazione della Legge Finanziaria Regionale per il 2014 è stata caratterizzata anche dall approvazione di un emendamento, in base al quale sono stati assegnati 10 milioni di euro aggiuntivi per i progetti personalizzati del Fondo per la Non Autosufficienza. «In tal modo commenta Marco Espa, consigliere regionale e componente della Commissione Sanità e Politiche Sociali, che ha proposto l emendamento il prossimo Presidente della Regione che scaturirà dalle elezioni del 16 febbraio non dovrà tagliare nemmeno un euro di quelli destinati ai piani personalizzati basati sulla Legge 162/98 e di quelli del Progetto Ritornare a Casa per persone con grave disabilità». Con la nuova Legge Finanziaria Regionale, dunque, saranno a disposizione in Sardegna circa 134 milioni di euro complessivi, per piu di progetti personalizzati, consentendo risparmi sul fondo sanitario da tre a cinque volte rispetto a quelli che sarebbero i costi dei corrispondenti ricoveri. «Si rafforza così aggiunge Espa il cosiddetto modello Sardegna, visto con attenzione e interesse anche da altre Regioni italiane e che vede persone come Salvatore Usala, segretario del del Comitato 16 Novembre ONLUS (Associazione Malati SLA e Malattie Altamente Invalidanti), tra i principali protagonisti della battaglia per i diritti umani delle persone in situazione più estrema». (S.B.) (17 gennaio 2014) Fonte: Seperando.it 18

19 PIEMONTE: ASSISTENZA DOMICILIARE A RISCHIO «Alcuni recenti provvedimenti della Regione Piemonte rischiano di lasciare senza cure migliaia di persone malate croniche non autosufficienti»: lo denunciano la Fondazione Promozione Sociale e il CSA di Torino, che in particolare chiedono il ritiro immediato di una Delibera della Giunta Regionale del Piemonte, approvata il 30 dicembre scorso La Fondazione Promozione Sociale e il CSA (Coordinamento Sanità e Assistenza tra i Movimenti di Base) di Torino hanno lanciato l allarme sulle più recenti iniziative della Regione Piemonte che «negano il diritto pienamente e immediatamente esigibile delle persone non autosufficienti alle prestazioni socio-sanitarie domiciliari previste dalle Leggi vigenti e confermate da varie Sentenze della Corte Costituzionale e dei Tribunali Amministrativi Regionali (TAR)». Si tratta, in sostanza, dei provvedimenti contenuti nella Delibera n. 26, approvata dalla Giunta Regionale del Piemonte il 30 dicembre scorso che, come si legge in una nota della Fondazione Promozione Sociale e del CSA, «stanno decretando un inquietante stop delle cure domiciliari». «Sino alla fine del 2013 viene poi spiegato nel comunicato diffuso dalle organizzazioni piemontesi l assegno di cura per le prestazioni domiciliari (soldi che costituivano un rimborso per le spese affrontate dai familiari per la cura di un parente non autosufficiente, senza che da nessuna legge fossero tenuti a farlo) è stato pagato per metà dall ASL, per metà dall utente (oppure dal Comune se il paziente non aveva sufficienti risorse economiche). Con la recente Delibera 26, la Regione ritira la sua quota sanitaria, circa 50 milioni di euro per il 2013, passandola al settore dell Assistenza, i cui interventi non sono erogati per diritto, ma con criteri di beneficenza e finché le risorse ci sono. A seguito di ciò, quindi, le Aziende Sanitarie stanno inoltrando agli Enti Gestori dei Servizi Socio Assistenziali del Piemonte lettere nelle quali comunicano, in sintesi, che dal 1 gennaio 2014 non risulta più possibile alle ASL procedere all erogazione di interventi economici a sostegno della domiciliarità (principalmente il rimborso di una parte delle spese affrontate per l assunzione di badanti-assistenti familiari), così come avvenuto finora. È un operazione con la quale la Regione dice a migliaia di persone colpite da patologie e/o handicap gravemente invalidante e da non autosufficienza, che non soffrono di gravi carenze di salute o non sono degli infermi veri e propri, che, in contrasto con le leggi nazionali vigenti, il Servizio Sanitario Regionale del Piemonte non intende più provvedere loro». «Si tratta dichiara Maria Grazia Breda, presidente della Fondazione Promozione Sociale di una situazione drammatica, che rischia di lasciare senza cure migliaia di persone malate croniche non autosufficienti, mentre anziani malati non autosufficienti sono in illegittime liste d attesa per le prestazioni a domicilio. La Regione confonde le acque: legittima il taglio delle prestazioni, facendo riferimento alle indicazioni del Tavolo Tecnico per la verifica degli adempimenti regionali, ma da quel tavolo è venuta l indicazione di non erogare con fondi sanitari le prestazioni aggiuntive ai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), come l assegno di cura che ne fa parte a pieno titolo. È pertanto inaccettabile che la Regione faccia economie con il taglio dei LEA, cioè delle prestazioni socio sanitarie per i più deboli che la Sanità è obbligata a fornire». La Fondazione Promozione Sociale e il CSA chiedono quindi il ritiro immediato della contestata Delibera n. 26, invitando associazioni, forze sindacali ed esponenti dei partiti politici a «fare propria la stessa richiesta, anche perché, dal momento che le cure domiciliari sono diritti esigibili, come confermato negli ultimi due anni da Sentenze della Corte Costituzionale e dei TAR, la loro mancata erogazione potrebbe configurarsi come atto d interruzione di pubblico servizio e di omissione di atti d ufficio». Senza contare, conclude il comunicato, «che la mancata erogazione delle prestazioni socio-sanitarie a domicilio potrebbe spingere molte famiglie a portare in Pronto Soccorso i propri congiunti non autosufficienti, con grave danno per i pazienti e un aumento dei costi per la Sanità 19

20 Pubblica». Da segnalare, infine, che di fronte a tale situazione, il Comune di Torino ha deciso di varare uno stanziamento di 2 milioni e mezzo di euro, per scongiurare appunto, come si legge nella testata «SuperAbile.it», «il rischio di interruzione delle attività di assistenza domiciliare e la sospensione del sostegno economico a disabili e anziani non autosufficienti per le cure ricevute fuori dalle strutture sanitarie». Questo, per altro, a titolo di anticipo, restando cioè in attesa di ricevere i relativi fondi regionali e statali. Un intervento, quindi, che si limita a far fronte alla situazione, presumibilmente solo per questo mese di gennaio. (S.B.) (20 gennaio 2014) Fonte: Superando.it 20

21 VITA INDIPENDENTE, PROTOCOLLO TRA MINISTERO E REGIONE TOSCANA Un intesa per favorire l'inclusione nella società delle persone con disabilità è stata siglata dalla giunta toscana nel corso della sua ultima seduta FIRENZE - Un protocollo d'intesa tra Regione Toscana e Ministero del lavoro e delle politiche sociali per incrementare i progetti in materia di vita indipendente e l'inclusione nella società delle persone con disabilità. E' stato approvato dalla giunta toscana nel corso della sua ultima seduta. La Toscana aveva partecipato al bando indetto dal Ministero per progetti sperimentali in materia di vita indipendente con 5 progetti, presentati da altrettante Zone/Società della Salute: Zona Pisana, Empolese, Grossetana, Mugello, Aretina; per i quali il Ministero prevedeva un finanziamento massimo di euro ciascuno. Nell'elenco dei progetti ammessi al finanziamento ministeriale (che in tutto finanzia 41 progetti, per un importo complessivo di euro) compaiono 3 dei 5 progetti toscani: Zona Pisana, Empolese, Grossetana, con un finanziamento complessivo di euro, che verrà ripartito così: alla Zona Pisana, a quella Empolese, a quella Grossetana. L'ammontare complessivo dei tre progetti ammessi al finanziamento è di euro: la parte eccedente rispetto al finanziamento ministeriale (circa euro) verrà coperta dalla Regione. (22 gennaio 2014) Fonte: RedattoreSociale.it 21

22 22

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Continuo a preferire. la severa giustiza. alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio

Continuo a preferire. la severa giustiza. alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio Continuo a preferire la severa giustiza alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio Editoriale DAI POSITIVI RISULTATI DELLA PETIZIONE PER IL FINANZIAMENTO DEI LEA AD UNA NUOVA INIZIATIVA DIRETTA A OTTENERE

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli