REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI"

Transcript

1 CAPITOLO QUINTO REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI In questo capitolo si approfondiscono: la norma relativa alle detrazioni spettanti per produzione di reddito; alcune tipologie di redditi da indicare nel quadro C che presentano caratteristiche particolari nonché i redditi esenti e le rendite che non costituiscono reddito. Circ. 1/E ( )! 1. DETRAZIONI PER PRODUZIONE DEL REDDITO - ART 13 DEL TUIR 1.1 nozioni generali L articolo 13, introdotto dalla Legge Finanziaria 2007, prevede specifiche detrazioni di importo variabile in funzione della tipologia del reddito posseduto e dell ammontare del reddito complessivo. Come ricordato nel precedente capitolo 2, il reddito complessivo è considerato al netto del reddito derivante dalla casa di abitazione e relative pertinenze. new Attenzione. Il reddito fondiario assoggettato alla cedolare secca deve essere sommato al reddito complessivo del locatore per determinare le detrazioni d imposta previste dall art. 13 del TUIR. La normativa in esame ripristina il sistema delle detrazioni d imposta, vigente fino al 2002, con alcune particolarità. Sono, infatti, ampliate le categorie di reddito interessate dal beneficio e, in alcune ipotesi, la detrazione è stabilita sulla base di importi teorici da commisurare al reddito complessivo per calcolare l ammontare effettivamente spettante. Inoltre, al fine di garantire un area di esenzione dall imposizione, in analogia con quanto si verificava in applicazione della c.d. no-tax area, è assicurato un importo minimo di detrazione in casi espressamente definiti. Le detrazioni sono fissate dalla norma secondo importi teorici e spettano effettivamente nella misura risultante da una formula matematica che consente di determinare importi decrescenti al crescere del reddito complessivo dell avente diritto, fino ad annullarsi del tutto se il reddito complessivo supera i euro. L articolo 13 si compone di 6 commi: i commi 1 e 2 prevedono le detrazioni per i titolari di redditi di lavoro dipendente e di taluni redditi assimilati, il comma 3 prevede le detrazioni per i titolari di pensioni, il comma 4 stabilisce regole particolari per i pensionati di età uguale o superiore a 75 anni, il comma 5 prevede le detrazioni per i titolari di redditi di lavoro autonomo, impresa minore, altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, di lavoro autonomo e commerciali occasionali, il comma 5-bis, inserito dalla Legge Finanziaria 2008 con effetto dal 1 gennaio 2007, stabilisce regole particolari per i titolari di redditi derivanti da assegni periodici corrisposti dal coniuge,

2 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 il comma 6 fissa le regole per il calcolo della detrazione effettiva, il comma 6-bis, inserito dalla Legge Finanziaria 2008 con effetto dal 1 gennaio 2007, stabilisce che il reddito complessivo del contribuente che richiede le detrazioni deve essere assunto al netto del reddito derivante dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale e dalle relative pertinenze. Dichiarazione annuale di spettanza delle detrazioni A decorrere dal 1 gennaio 2008, i lavoratori dipendenti e assimilati erano tenuti a dichiarare annualmente al sostituto d imposta di avere diritto alle detrazioni per familiari a carico, di cui all art. 12 del TUIR, e alle altre detrazioni, di cui all art. 13 del TUIR. In altri termini, la dichiarazione non aveva più effetto, come in passato, anche per i periodi d imposta successivi, ma doveva essere presentata anno per anno, ancorché non fossero intervenute variazioni nei presupposti del diritto. Il D.L. n 70 del 13 maggio 2011 (Decreto sviluppo) convertito con modificazioni dalla Legge 12 luglio 2011, n. 106 ha previsto l abolizione, per lavoratori dipendenti e pensionati, dell obbligo di comunicazione annuale dei dati relativi alle detrazioni per produzione del reddito di cui all art. 13 del TUIR, ripristinando le precedenti regole. L obbligo sussiste solo in caso di variazione dei dati. Resta fermo che il contribuente, qualora abbia interesse al riconoscimento delle detrazioni in misura diversa da quella definibile dal sostituto sulla base del reddito che questi eroga, in quanto, ad esempio, è in possesso di altri redditi ovvero perché ricorrono le condizioni per l applicazione delle detrazioni minime, può darne comunicazione al proprio sostituto affinché questi adegui le detrazioni rendendo la tassazione il più vicina possibile a quella effettiva. new Circ. 15/E ( ) 1.2 DetrazionE per redditi di lavoro dipendente e assimilati Il comma 1 prevede che se alla formazione del reddito complessivo concorrono uno o più redditi di lavoro dipendente (ad esclusione dei redditi di pensione di cui all art. 49, comma 2, lett. a) ovvero redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente di cui all art. 50, comma 1, lettere a), b), c), c-bis), d), h-bis) e l), del TUIR, spetta una detrazione dall imposta lorda rapportata al periodo di lavoro nell anno e graduata in relazione all ammontare del reddito complessivo. In particolare, per quanto riguarda i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, secondo la nuova disposizione possono fruire della detrazione per lavoro dipendente: - i soci di cooperative di produzione e lavoro e delle altre cooperative di cui all articolo 50, comma 1, lett. a), (sempre che il rapporto, diverso da quello associativo, intercorrente con la cooperativa, sia di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa), - i lavoratori che percepiscono indennità da terzi in relazione a prestazioni rese in connessione alla loro qualità di lavoratori dipendenti (articolo 50, comma 1, lettera b)), - i percettori di borse di studio, di premi o di sussidi corrisposti per fini di studio o di addestramento professionale (articolo 50, comma 1, lettera c)), - i collaboratori coordinati e continuativi (articolo 50, comma 1, lettera c-bis)), - i sacerdoti (articolo 50, lettera d)), - i titolari di trattamenti pensionistici erogati dalla previdenza complementare (articolo 50, lettera h-bis)), - i lavoratori impiegati in attività socialmente utili (articolo 50, lettera l)). A decorrere dal 1 gennaio 2007, gli importi della detrazione per lavoro dipendente sono pari a: a) euro, se il reddito complessivo non è superiore a euro. In ogni caso, l ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 690 euro per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato ed a euro per i rapporti a tempo determinato. 465

3 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Quindi, tali misure minime competono a prescindere dal risultato del calcolo di ragguaglio al periodo di spettanza nell anno al fine di garantire un area di esenzione dall imposizione. Circ. 34/E ( ) Pare opportuno segnalare che l Agenzia delle Entrate ha precisato che queste detrazioni minime possono spettare anche qualora alla formazione del reddito complessivo concorrano indennità sostitutive di reddito erogate dall INPS. Tali indennità, infatti, costituiscono reddito di lavoro dipendente se percepite in sostituzione di detto reddito. Giacché tali indennità sono erogate limitatamente al periodo di inattività del lavoratore ed hanno, quindi, carattere temporaneo, si ritiene che, ai fini della determinazione dell importo della detrazione minima spettante le stesse possano essere considerate come redditi inerenti a rapporti di lavoro a tempo determinato. b) euro, aumentata del prodotto tra 502 euro e l importo corrispondente al rapporto tra euro, diminuito del reddito complessivo, e euro, se l ammontare del reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. Per determinare la detrazione spettante occorre applicare la seguente formula: [502 x ( reddito complessivo - abitazione principale)] L importo della parentesi quadra, da aggiungere a euro, decresce al crescere del reddito. Il comma 6 stabilisce che se il risultato del rapporto è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali. Gli importi fissati dalla norma di e di 502 euro devono essere rapportati al periodo di lavoro nell anno. c) euro, se il reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. In tal caso, la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di euro, diminuito del reddito complessivo, e l importo di euro. Il comma 6 del nuovo articolo 13 stabilisce che se il risultato del rapporto indicato dalla norma è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali. L importo di euro deve essere rapportato al periodo di lavoro nell anno. REDDITO COMPLESSIVO DETRAZIONE 1.840, con le seguenti particolarità: fino a a) la detrazione effettivamente spettante non può mai essere inferiore a 690 b) se il rapporto di lavoro è a tempo determinato, la detrazione effettiva spettante non può essere inferiore a compreso tra e l importo derivante dal seguente calcolo: 502 x ( reddito complessivo) compreso tra e x il coefficiente derivante dal seguente calcolo: reddito complessivo Nota: Il reddito complessivo deve essere considerato al netto del reddito derivante dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale e dalle relative pertinenze e aumentato dell imponibile cedolare secca. 466

4 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 Inoltre, il comma 2 stabilisce che la detrazione spettante è aumentata di un importo pari a: MAGGIORAZIONE REDDITO COMPLESSIVO 10 Compreso tra e Compreso tra e Compreso tra e Compreso tra e Compreso tra e Quindi, per determinare la detrazione spettante occorre: prima applicare la formula indicata dalla norma x [ (reddito complessivo- abitazione principale)] poi aggiungere gli importi correttivi. Dalla formulazione della norma, secondo la quale la detrazione spettante... è aumentata di un importo pari a... si evince che gli importi incrementativi devono essere aggiunti alla detrazione effettivamente spettante e devono essere assunti nell intero ammontare indicato dalla norma senza effettuare alcun ragguaglio al periodo di lavoro nell anno. Riassumendo: le detrazioni per redditi di lavoro dipendente e assimilati vanno rapportate al periodo di lavoro nell anno (sia per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato che a quelli a tempo determinato), in presenza di più redditi di lavoro dipendente, nel calcolare il numero dei giorni per i quali spettano le detrazioni, i giorni compresi in periodi contemporanei devono essere computati una sola volta, le detrazioni spettanti in caso di reddito complessivo non superiore a euro, nella misura di 690 euro (per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato) e di euro (per i rapporti a tempo determinato), non devono essere rapportate al periodo di lavoro. Le stesse non sono cumulabili tra loro né con quelle minime previste per i pensionati di cui ai commi 3 e 4, né con quelle previste per i redditi diversi di cui al comma 5. Il contribuente che si trova nella possibilità astratta di fruire di più di una delle menzionate detrazioni minime, potrà scegliere di applicare quella più favorevole. Circ. 15/E ( ) 467

5 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI TABELLA RIEPILOGATIVA REDDITO COMPLESSIVO DETRAZIONE 1.840, con le seguenti particolarità: fino a la detrazione effettivamente spettante non può mai essere inferiore a 690 se il rapporto di lavoro è a tempo determinato, la detrazione effettiva spettante non può essere inferiore a compreso tra e x ( reddito complessivo) compreso tra e x ( reddito complessivo) compreso tra e x ( reddito complessivo) + 10 compreso tra e x ( reddito complessivo) + 20 compreso tra e x ( reddito complessivo) + 30 compreso tra e x ( reddito complessivo) + 40 compreso tra e x ( reddito complessivo) + 25 compreso tra e x ( reddito complessivo) Oltre Nota: Il reddito complessivo deve essere considerato al netto del reddito derivante dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale e dalle relative pertinenze e aumentato dell imponibile cedolare secca. 468

6 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello DETRAZIONE PER Redditi di pensione I commi 3 e 4 stabiliscono l importo delle detrazioni di cui possono fruire i titolari di redditi di pensione, i quali vengono suddivisi in due categorie a seconda che abbiano più o meno di 75 anni di età. In caso di coesistenza nello stesso periodo d imposta di redditi di lavoro dipendente e di redditi di pensione, la non cumulabilità delle rispettive detrazioni deve essere intesa con riferimento alle medesime giornate in cui si svolge il rapporto di lavoro e viene percepita la pensione. Circ. 15/E ( ) pensionati con meno di 75 anni Il comma 3 riguarda coloro che hanno meno di 75 anni di età. In tal caso, se alla formazione del reddito complessivo concorrono uno o più redditi di pensione di cui all articolo 49, comma 2, lett. a) (pensioni di ogni genere e assegni ad esse equiparati), spetta una detrazione dall imposta lorda rapportata al periodo di pensione nell anno. Per i pensionati che hanno meno di 75 anni, la detrazione è pari a: a) euro, se il reddito complessivo non supera euro. In ogni caso, l ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 690 euro. Ciò significa che tale misura minima compete a prescindere dal risultato del calcolo di ragguaglio al periodo di spettanza nell anno; b) euro, aumentata del prodotto tra 470 euro e l importo corrispondente al rapporto tra euro, diminuito del reddito complessivo, e euro, se l ammontare del reddito è superiore a euro ma non a euro. Per determinare la detrazione spettante occorre applicare la seguente formula: [470 x ( reddito complessivo - abitazione principale)] L importo della parentesi quadra, da aggiungere a euro 1.255, decresce al crescere del reddito. Gli importi di e di 470 euro devono essere rapportati al periodo di pensione nell anno. c) euro, se il reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. In tal caso, la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di euro, diminuito del reddito complessivo, e l importo di euro. Per determinare la detrazione spettante occorre applicare la seguente formula: x [ (reddito complessivo - abitazione principale)] L importo di euro deve essere rapportato al periodo di erogazione della pensione nell anno. 469

7 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI REDDITO COMPLESSIVO DETRAZIONE fino a , con la seguente particolarità: la detrazione effettivamente spettante non può mai essere inferiore a 690 compreso tra e l importo derivante dal seguente calcolo: 470 x ( reddito complessivo) compreso tra e x il coefficiente derivante dal seguente calcolo: reddito complessivo Nota: Il reddito complessivo deve essere considerato al netto del reddito derivante dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale e dalle relative pertinenze e aumentato dell imponibile cedolare secca. Il comma 6 stabilisce che se il risultato dei rapporti indicati ai due punti precedenti è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali Pensionati con più di 75 anni Il successivo comma 4 prevede, per i pensionati che abbiano un età uguale o superiore a 75 anni, una detrazione di importo maggiore. Circ. 15/E ( ) In considerazione del principio di unità del periodo d imposta, la detrazione in commento si deve applicare a partire dall inizio dell anno in cui il pensionato compie i 75 anni. In particolare, se alla formazione del reddito complessivo dei soggetti di età non inferiore a 75 anni concorrono uno o più redditi di pensione spetta una detrazione dall imposta lorda, (in luogo di quella prevista al comma 3), rapportata al periodo di pensione nell anno e non cumulabile con quella prevista per lavoro dipendente. La detrazione è pari a: a) euro, se il reddito complessivo non supera euro. In ogni caso, l ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 713 euro. Tale misura minima compete a prescindere dal risultato del calcolo di ragguaglio al periodo di spettanza nell anno; b) euro, aumentata del prodotto tra 486 euro e l importo corrispondente al rapporto tra euro, diminuito del reddito complessivo, e euro, se l ammontare del reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. Per determinare la detrazione spettante occorre applicare la seguente formula: [486 x ( reddito complessivo - abitazione principale)] c) euro, se il reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. In tal caso, la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di euro, diminuito del reddito complessivo, e l importo di euro. Per determinare la detrazione spettante occorre applicare la seguente formula: 470

8 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello x [ (reddito complessivo - abitazione principale)] Il comma 6 stabilisce che se il risultato dei rapporti indicati ai due punti precedenti è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali. REDDITO COMPLESSIVO DETRAZIONE fino a , con la seguente particolarità: la detrazione effettivamente spettante non può mai essere inferiore a 713 compreso tra e l importo derivante dal seguente calcolo: 486 x ( reddito complessivo) compreso tra e x il coefficiente derivante dal seguente calcolo: reddito complessivo Nota: Il reddito complessivo deve essere considerato al netto del reddito derivante dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale e dalle relative pertinenze e aumentato dell imponibile cedolare secca. Riassumendo: come già specificato con riferimento alle detrazioni per reddito di lavoro dipendente, le detrazioni vanno rapportate al periodo di pensione nell anno e quindi, al numero dei giorni che hanno dato diritto all erogazione dei trattamenti pensionistici, le detrazioni spettanti nella misura di 690 euro per i pensionati di età inferiore a 75 anni e di 713 euro per i pensionati di età uguale o superiore a 75 anni non devono essere rapportate al periodo di pensione. Di conseguenza, le stesse non sono cumulabili tra di loro, né con quelle minime previste per i lavoratori dipendenti pensionati di cui al comma 2, né con quelle previste per i redditi diversi di cui al comma 5. Il contribuente che si trova nella possibilità astratta di fruire di più di una delle menzionate detrazioni minime, potrà scegliere di applicare quella più favorevole. Circ. 15/E ( ) 1.4 DetrazionE per altri redditi Il comma 5 disciplina le detrazioni per altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente di cui all art. 50, diversi da quelli di cui al comma 1 dell art. 13, nonché, per i redditi di lavoro autonomo (art. 53), per i redditi d impresa minore (art. 66) e per i redditi derivanti da attività commerciali e professionali non esercitate abitualmente (art. 67, comma 1, lettere i) ed l)). I redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, di cui all art. 50 del TUIR, cui si applicano le detrazioni in commento sono i seguenti: compensi per l attività libero professionale intramuraria del personale dipendente dal servizio sanitario nazionale (articolo 50, comma 1, lettera e)), indennità, gettoni di presenza e altri compensi corrisposti dallo Stato, dalle regioni, dalle province e dai comuni per l esercizio di pubbliche funzioni (articolo 50, comma 1, lettera f)), indennità per cariche elettive (articolo 50, comma 1, lettera g)), 471

9 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI rendite vitalizie e rendite a tempo determinato diverse da quelle aventi funzioni previdenziali (articolo 50, comma 1, lettera h)), assegni periodici, comunque denominati, alla cui produzione non concorrono attualmente né capitale né lavoro; (articolo 50, comma 1, lettera i)), esclusi quelli di mantenimento percepiti dal coniuge separato. I redditi di lavoro autonomo, di cui all art. 53 del TUIR, e i redditi derivanti da attività commerciali e professionali non esercitate abitualmente, di cui all art. 67 del TUIR, cui si applicano le detrazioni in commento sono i seguenti: i redditi derivanti dall utilizzazione economica, da parte dell autore o inventore di opere dell ingegno, di brevetti industriali, ecc. (articolo 53, comma 2, lettera b)), le partecipazione agli utili degli associati in partecipazione quando l apporto è costituito esclusivamente dalla prestazione di lavoro (articolo 53, comma 2, lettera c)), le partecipazione agli utili spettanti ai promotori e ai soci fondatori di società di capitali (articolo 53, comma 2, lettera d)), le indennità per la cessazione di rapporti di agenzia (articolo 53, comma 2, lettera e)), i redditi derivanti dall attività di levata dei protesti esercitata dai segretari comunali (articolo 53, comma 2, lettera f)), i redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente (art. 67, comma 1, lettera i)), i redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente o dalla assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere (art. 67, comma 1, lettera l)). In particolare, i titolari dei redditi suddetti possono fruire di una detrazione dall imposta lorda, non cumulabile con quelle previste per i redditi di lavoro dipendente o di pensione nei commi 1, 2, 3 e 4, pari a: a) euro se il reddito complessivo non supera euro; b) euro se il reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. In questo caso, la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di euro, diminuito del reddito complessivo, e l importo di euro. Per determinare la detrazione spettante occorre applicare la seguente formula: x [ (reddito complessivo - abitazione principale)] REDDITO COMPLESSIVO DETRAZIONE fino a compreso tra e x il coefficiente derivante dal seguente calcolo: reddito complessivo Nota: Il reddito complessivo deve essere considerato al netto del reddito derivante dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale e dalle relative pertinenze e aumentato dell imponibile cedolare secca. Il comma 6 stabilisce che se il risultato del rapporto è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali. 472

10 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 In tal caso, la detrazione, a differenza di quelle previste per i lavoratori dipendenti e per i titolari di redditi di pensione, non deve essere ragguagliata al periodo di svolgimento dell attività e, pertanto, spetta a prescindere dal periodo di attività svolta nell anno. Il legislatore ha precisato espressamente che le detrazioni previste in favore dei lavoratori dipendenti e assimilati, dei pensionati e dei lavoratori autonomi e delle imprese minori e redditi diversi non sono cumulabili tra loro, quindi, se alla formazione del reddito complessivo concorrono due o più delle tipologie reddituali contemplate dall art. 13 in commento, il contribuente potrà scegliere di fruire della detrazione più favorevole. Si evidenzia che: la detrazione di cui al presente paragrafo non si applica ai redditi di lavoro autonomo o di impresa minore, marginali e minimi, assoggettati ad imposta sostitutiva, si applica, invece, in tutti i casi in cui il reddito, anche se determinato in misura forfetizzata, confluisce nel reddito complessivo (ad esempio, nel caso di attività di agriturismo). Circ. 15/E ( ) 1.5 detrazione per assegni di mantenimento erogati dal coniuge Il comma 5-bis, introdotto dalla Legge Finanziaria 2008 con effetto dal 1 gennaio 2007, stabilisce regole particolari per l attribuzione delle detrazioni spettanti qualora, alla formazione del reddito complessivo, concorrano redditi derivanti dagli assegni periodici corrisposti dal coniuge separato o divorziato, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell Autorità giudiziaria. La detrazione in esame non è cumulabile con quelle previste dagli altri commi e compete in misura piena anche nell eventualità che gli assegni siano stati percepiti solo in un periodo dell anno. Circ. 1/E ( ) L importo, da non rapportare ad alcun periodo dell anno, è pari a quello stabilito per i pensionati di età inferiore a 75 anni (art. 13, comma 3). 2. PARTICOLARI TIPOLOGIE DI REDDITI DA INDICARE NEL QUADRO C, REDDITI ESENTI E RENDITE CHE NON COSTITUISCONO REDDITO 2.1 INDENNITÀ SOSTITUTIVE DI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE A titolo esemplificativo si elencano alcune delle più frequenti indennità e somme erogate ai lavoratori dipendenti dall INPS o da altri Enti, direttamente o tramite il datore di lavoro, che devono essere dichiarate: - Cassa integrazione guadagni, Mobilità, Disoccupazione ordinaria e speciale (ad esempio, nell edilizia e nell agricoltura); - Malattia, Maternità ed allattamento, TBC e post-tubercolare, Donazione di sangue, Congedo matrimoniale; - Indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta erogata dall INAIL. Tali indennità sono assoggettate a tassazione poiché sono conseguite in sostituzione o integrazione di redditi che rientrano nella categoria dei redditi di lavoro dipendente e sono erogate limitatamente al periodo di inattività del lavoratore assumendo carattere temporaneo. Quindi, ai fini della determinazione dell importo della detrazione minima spettante, possono essere considerate come redditi inerenti a rapporti di lavoro a tempo determinato e, di conseguenza, nella casella di colonna 2 dei righi da C1 a C3 deve essere indicato il codice 2. Circ. 34/E ( ) Attenzione. Le indennità e somme già assoggettate a tassazione dal datore di lavoro e, quindi, comprese nel reddito certificato dal CUD, non devono essere autonomamente dichiarate nel Modello 730.! 473

11 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Non costituiscono, invece, reddito le indennità erogate a causa di invalidità permanente (assoluta o parziale), le rendite in caso di morte e le somme corrisposte a titolo di equo indennizzo per menomazioni dell integrità fisica riconosciute come derivanti da attività di servizio; infatti per queste è espressamente riconosciuto il carattere risarcitorio. 2.2 LAVORI SOCIALMENTE UTILI Le tipologie di lavori socialmente utili sono: - lavori di pubblica utilità mirati alla creazione di occupazione; - lavori rivolti al tirocinio in settori formativi; - lavori di carattere straordinario; - lavori rivolti esclusivamente a soggetti titolari di trattamenti previdenziali. I progetti relativi ai lavori socialmente utili possono essere proposti: dalle amministrazioni pubbliche; dagli Enti pubblici; dalle società a partecipazione pubblica; dalle cooperative sociali e da altri soggetti identificati con decreto ministeriale. Le categorie di soggetti più comuni che possono accedere a lavori socialmente utili sono: - lavoratori in cerca di prima occupazione; - disoccupati iscritti da oltre due anni nelle liste di collocamento; - lavoratori iscritti nelle liste di mobilità; - lavoratori individuati a seguito di accordi per la gestione di esuberi da crisi aziendale o di area. I compensi percepiti dai soggetti impegnati in lavori socialmente utili sono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e sono assoggettati al medesimo regime fiscale. Tali compensi possono, però, beneficiare di una particolare modalità di tassazione (il cosiddetto regime agevolato ) se vengono rispettate contemporaneamente alcune condizioni. Regime agevolato Il regime agevolato trova applicazione se sono rispettate entrambe le seguenti condizioni: il soggetto che percepisce i compensi deve aver raggiunto l età prevista per la pensione di vecchiaia (60 anni per le donne, 65 anni per gli uomini); il reddito complessivo del percettore, al netto della deduzione per abitazione principale e del compenso per lavoro socialmente utile, non deve superare 9.296,22 euro. Il regime agevolato prevede: - una quota esente da imposizione fino a 3.098,74 euro; - l applicazione di una ritenute a titolo d imposta IRPEF nella misura del 23 per cento e l assoggettamento all addizionale regionale per la quota che eccede quella esente. REGIME AGEVOLATO PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI Fino a 3.098,74 euro Esenzione da imposizione Oltre 3.098,74 euro Ritenuta IRPEF a titolo d imposta Ritenuta Addizionale Regionale 474

12 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 Il Modello CUD 2012, nella sezione Redditi assoggettati a ritenuta a titolo d imposta, punti da 301 a 305, riporta i compensi percepiti dai soggetti impegnati in lavori socialmente utili in regime agevolato e le relative ritenute. REDDITI ASSOGGETTATI A RITENUTA A TITOLO DI IMPOSTA 301 Totale redditi REDDITI ASSOGGETTATI A RITENUTA A TITOLO DI IMPOSTA Totale addizionale Totale addizionale regionale Totale ritenute Irpef regionale all Irpef Totale ritenute Irpef sospese all Irpef sospesa La presenza di compensi in regime agevolato è rilevabile anche dalle annotazioni del CUD 2012, dove si trova indicata: la quota esente, la quota imponibile, le ritenute IRPEF e le trattenute di addizionale regionale. Modalità di compilazione del Modello 730 Se i compensi percepiti per lavori socialmente utili hanno fruito del regime agevolato, osservare le seguenti istruzioni. Colonna 1 dei righi da C1 a C3 del quadro C: indicare il codice 3. Colonna 3 dei righi da C1 a C3 del quadro C: indicare la somma della quota esente e della quota imponibile riportate nelle annotazioni del CUD. Colonna 5 del rigo F2 del quadro F (e non nel rigo C9 del quadro C): indicare l importo delle ritenute IRPEF. Colonna 6 del rigo F2 del quadro F (e non nel rigo C10 del quadro C): indicare l importo dell addizionale regionale trattenuta. Attenzione. Se il reddito complessivo del lavoratore, al netto della deduzione per l abitazione principale e le relative pertinenze, risulta superiore a 9.296,22 euro, i compensi erogati per lavori socialmente utili saranno assoggettati ad IRPEF e all addizionale regionale e comunale all IRPEF anche se in fase di erogazione hanno fruito del regime agevolato.! Se i compensi non hanno fruito del regime agevolato e, dunque, sono stati assoggettati a regime ordinario le annotazioni del CUD informano che il regime agevolato non ha trovato applicazione. I compensi sono, infatti, indicati nel punto 1 del CUD 2012 e le ritenute IRPEF e l addizionale regionale rispettivamente nei punti 5 e 6 dello stesso CUD In questo caso, per compilare il quadro C, osservare le seguenti istruzioni. Colonna 1 dei righi da C1 a C3: indicare il codice 2. Colonna 3 dei righi da C1 a C3: indicare l importo del punto 1 del CUD. Rigo 9: indicare le ritenute IRPEF (punto 5 del CUD). Rigo 10: indicare l addizionale regionale trattenuta (punto 6 del CUD). 2.3 RETRIBUZIONI CORRISPOSTE DA PRIVATI Le retribuzioni erogate da privati a collaboratori familiari, colf e altri addetti alla casa non possono essere certificate dal Modello CUD; infatti, tali datori di lavoro non rivestono la qualifica di sostituto d imposta. Il datore di lavoro privato non ha la facoltà di operare le ritenute d acconto, ma è tenuto a versare i contributi previdenziali. Generalmente la quota di contributi a carico del lavoratore viene trattenuta dalla retribuzione. 475

13 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Per la corretta individuazione del reddito è necessario che il datore di lavoro rilasci al lavoratore una dichiarazione attestante le retribuzioni lorde erogate, la quota di contributi trattenuta e il periodo di lavoro. Nel Quadro C si dovrà indicare l ammontare della retribuzione al netto dei contributi previdenziali a carico del lavoratore.! Attenzione. I lavoratori domestici, come tutti i lavoratori subordinati, maturano il diritto al trattamento di fine rapporto (TFR). Il TFR percepito (saldo o anticipazioni), come le retribuzioni correnti, non subisce ritenute d acconto, pertanto deve essere dichiarato utilizzando il Quadro RM del Modello UNICO. 2.4 LAVORO A PROGETTO La definizione di lavoro a progetto è contenuta negli articoli, da 61 a 69, del D.Lgs. n. 276/2003 emanato in attuazione della L. n. 30/2003, comunemente chiamata Legge Biagi. In particolare, si definiscono rapporti di lavoro a progetto quelli riconducibili a uno o più progetti specifici, ad un programma di lavoro o fase di esso. Il progetto consiste in un attività produttiva ben identificabile nel suo contenuto caratterizzante e funzionalmente collegata ad un determinato risultato finale cui il collaboratore partecipa direttamente con la sua prestazione offrendo una determinata opera o servizio e non le proprie energie lavorative, come accade per i lavoratori dipendenti. Il lavoro a progetto segue le regole fiscali previste per i contratti di collaborazione coordinata e continuativa, di cui assume le principali caratteristiche: assenza di vincolo di subordinazione; prestazione resa a favore di un committente; rapporto unitario e continuativo; nessun impiego di mezzi organizzati; retribuzione prestabilita. è inoltre contraddistinto: dall autonomia del collaboratore nello svolgimento della attività lavorativa descritta nel contratto e funzionale alla realizzazione del progetto, programma di lavoro o fase di esso; dal necessario coordinamento con il committente, o dal collegamento fra l attività svolta dal lavoratore, l organizzazione del lavoro e il ciclo produttivo del committente; dall irrilevanza del tempo impiegato per l esecuzione della prestazione, pur rispettando le scadenze concordate nel contratto. Si risolve alla scadenza del termine, o al momento della realizzazione del progetto, se antecedente. La presenza dei requisiti appena descritti caratterizza e differenzia la tipologia contrattuale a progetto da quelle del lavoro subordinato e autonomo. Il corrispettivo percepito segue lo stesso trattamento fiscale dei redditi di lavoro dipendente. 2.5 BORSE DI STUDIO La normativa fiscale delle borse di studio prevede che siano assoggettate ad IRPEF, assimilando ai redditi di lavoro dipendente, le somme da chiunque corrisposte a titolo di borse di studio o di 476

14 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale (art. 50, comma 1, lettera c), del TUIR). La norma stabilisce che non debbano essere assimilate a redditi di lavoro dipendente se il beneficiario è legato da rapporti di lavoro dipendente con il soggetto erogante (in quanto le somme rappresenterebbero redditi di lavoro dipendente). In alcuni casi, le norme da cui derivano le borse di studio hanno previsto l esenzione dall IRPEF. Di seguito si elencano le borse di studio esenti: le borse di studio corrisposte agli studenti universitari dalle Regioni a statuto ordinario, in base alla L. 2 dicembre 1991, n. 390, e quelle corrisposte dalle Regioni a statuto speciale e dalle province autonome di Trento e Bolzano allo stesso titolo; le borse di studio corrisposte dalle università e dagli istituti di istruzione universitaria, in base alla L. 30 novembre 1989, n. 398: - per la frequenza dei corsi di perfezionamento e delle scuole di specializzazione; - per i corsi di dottorato di ricerca; - per attività di ricerca post-dottorato; - per i corsi di perfezionamento all estero; le borse di studio corrisposte dalle università e dagli istituti di istruzione universitaria, ai sensi dell art. 4, della L. 3 luglio 1998, n per i corsi di dottorato di ricerca e per attività di ricerca post-lauream; le borse di studio bandite dal 1 gennaio 2000 nell ambito del programma Socrates istituito con decisione n. 819/95/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 14 marzo 1995, come modificata dalla decisione n. 576/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, nonché le somme aggiuntive corrisposte dall Università, a condizione che l importo complessivo annuo non sia superiore a 7.746,85 euro; le borse di studio Integrative corrisposte dal 1 gennaio 2004 a sostegno della mobilità internazionale degli studenti, anche nell ambito del programma Socrates-Erasmus, ed erogate ai sensi dell art. 1, della L. n. 170/2003; le borse di studio corrisposte dalle università ai sensi del D.Lgs. 8 agosto 1991, n. 257 per la frequenza delle scuole universitarie di specializzazione delle facoltà di medicina e chirurgia; le borse di studio a vittime del terrorismo e della criminalità organizzata nonché agli orfani ed ai figli di quest ultimi (L. 23 novembre 1998, n. 407). Ris. 120 ( ) 2.6 ASSEGNI PERIODICI PERCEPITI DAL CONIUGE Rientrano tra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente gli assegni periodici corrisposti dal coniuge in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento di matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili. L importo da assoggettare a tassazione corrisponde all ammontare stabilito dalla sentenza dell Autorità Giudiziaria. Qualora la sentenza non evidenzi la quota dell assegno periodico destinata al coniuge rispetto a quella per il mantenimento dei figli, quest ultima si intende stabilita nella misura del 50 per cento. Si precisa che il presupposto per l imponibilità è che tali assegni abbiano il carattere della periodicità, quindi, per espressa previsione di legge, sono escluse le erogazioni che non hanno questo requisito, ad esempio, l assegno versato in un unica soluzione (una tantum). Pare opportuno evidenziare che, per una palese finalità di controllo, il coniuge erogante gli assegni, qualora usufruisca della deduzione dal reddito, è tenuto ad indicare nella propria dichiarazione dei redditi il codice fiscale del coniuge beneficiario. 477

15 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Si ricorda infine che, qualora al reddito complessivo concorrano tali assegni, al contribuente compete una detrazione in misura pari a quella prevista a favore dei pensionati che hanno meno di 75 anni (per approfondimenti vedi il Paragrafo 1.5 del presente capitolo). 2.7 TRATTAMENTO FISCALE DEI SERVIZI EROGATI DALLE CASSE EDILI E DA ENTI BILATERALI REGIONALI DELL ARTIGIANATO Alcuni sussidi, corrisposti dalle Casse Edili ai dipendenti di imprese che esercitano l attività nell edilizia e affini, costituiscono redditi di lavoro dipendente. Rientrano in questa fattispecie: l assegno di anzianità professionale edile, l assegno per il decesso di un familiare, l assegno incentivo alla professionalità dei giovani lavoratori edili, l assegno per cure termali, ecc.. Non sono da assoggettare a tassazione le somme considerate reintegrazioni patrimoniali. Fanno parte di questa categoria: i rimborsi spese per articoli sanitari, i sussidi straordinari da corrispondere in occasione di rilevanti esigenze personali o familiari, ecc.. Costituiscono, altresì, redditi di lavoro dipendente le somme corrisposte ai dipendenti da Enti Bilaterali se percepite in relazione al rapporto di lavoro. Rientrano nella fattispecie in esame: i sussidi per sospensione dal lavoro per causa di forza maggiore o calamità naturali, i sussidi assistenziali di categoria alle famiglie per figli a carico e maternità, ecc.. Anche in questo caso non sono da assoggettare a tassazione le somme considerate reintegrazioni patrimoniali. Fanno parte di questa categoria: i sussidi per protesi, ticket sanitari, visite specialistiche, esami diagnostici, i sussidi per necessità personali. 2.8 STIPENDI, PENSIONI E REDDITI ASSIMILATI PRODOTTI ALL ESTERO Il soggetto residente in Italia deve dichiarare gli stipendi, le pensioni e i redditi assimilati: a) prodotti in un paese estero con il quale non esiste convenzione contro le doppie imposizioni; b) prodotti in un paese estero con il quale esiste convenzione contro le doppie imposizioni in base alla quale tali redditi devono essere assoggettati a tassazione sia in Italia sia nello Stato estero; c) prodotti in un paese estero con il quale esiste convenzione contro le doppie imposizioni in base alla quale tali redditi devono essere assoggettati a tassazione esclusivamente in Italia. Nei casi elencati alle lettere a) e b) il contribuente ha diritto al credito per le imposte pagate all estero a titolo definitivo, ai sensi dell art. 165 del TUIR. Nei casi previsti dalla lettera c) se i redditi hanno subito un prelievo fiscale anche nello Stato estero di erogazione, il contribuente, residente nel nostro Paese, non ha diritto al credito d imposta, ma al rimborso delle imposte pagate nello Stato estero, che deve essere chiesto all autorità estera competente in base alle procedure da questa stabilite. Di seguito si indicano, per alcuni Paesi, le modalità di tassazione che riguardano gli stipendi, i redditi e le pensioni percepiti dai contribuenti residenti in Italia. Per il trattamento di stipendi e pensioni non citati o provenienti da altri paesi, è necessario consultare le singole convenzioni. 478

16 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 Stipendi Per quanto riguarda gli stipendi pagati da un datore di lavoro privato, in quasi tutte le convenzioni (ad esempio, quelle con Argentina, Australia, Belgio, Canada, Germania, Regno Unito, Spagna, Svizzera e Stati Uniti) è prevista la tassazione esclusivamente in Italia quando esistono contemporaneamente le seguenti condizioni: il lavoratore, residente in Italia, presta la sua attività nel Paese estero per meno di 183 giorni; le remunerazioni sono pagate da un datore di lavoro residente in Italia; l onere non è sostenuto da una stabile organizzazione o base fissa che il datore di lavoro ha nell altro Stato. Redditi prodotti all estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto I redditi prodotti all estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto concorrono alla formazione del reddito complessivo del contribuente. Ai sensi dell art. 51, comma 8-bis del TUIR, il reddito di lavoro dipendente, prestato all estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto da dipendenti che nell arco di dodici mesi soggiornano nello Stato estero per un periodo superiore a 183 giorni, è determinato sulla base di retribuzioni convenzionali definite annualmente con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale. Per l anno 2011, si fa riferimento al Decreto Interministeriale del 3 dicembre 2010 emanato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze pubblicato sulla G.U. n. 300 del 24 dicembre Si tratta di quei soggetti che pur avendo soggiornato all estero per più di 183 giorni sono considerati residenti in Italia in quanto hanno mantenuto in Italia i propri legami familiari ed il centro dei propri interessi patrimoniali e sociali. Il Regime della retribuzione convenzionale, introdotto dal 1 gennaio 2001 dalla L. n. 342/2000, prevede che sia assoggettato a tassazione un reddito determinato forfetariamente e non quello effettivamente corrisposto al dipendente dal datore di lavoro. La retribuzione convenzionale è comprensiva anche degli eventuali elementi aggiuntivi della retribuzione, quali i fringe benefit, che vengono inseriti nel pacchetto retributivo del lavoratore inviato all estero. Tale normativa non trova applicazione se il contribuente presta la sua attività lavorativa in Paesi che hanno stipulato un accordo con l Italia per evitare le doppie imposizioni in cui è prevista la tassazione del reddito di lavoro dipendente esclusivamente nel paese estero. Sono, inoltre, esclusi dall agevolazione: i pubblici dipendenti, espressamente esclusi dall applicazione della norma in esame, ai sensi dell articolo 5 del D.L. n. 317 del 31 luglio 1987, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 398 del 3 ottobre 1987; i lavoratori stranieri che prestano la loro attività di lavoro dipendente in Italia, anche se acquistano la residenza in Italia, poiché in questo caso è di tutta evidenza che manca il presupposto dell attività svolta all estero; i soggetti che svolgono attività lavorativa in settori per i quali il decreto non ha definito la retribuzione convenzionale; i collaboratori coordinati a progetto (vecchie collaborazioni coordinate e continuative) che rientrano, in base all articolo 50, comma 1, lettera c-bis), del TUIR, fra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente la cui determinazione è operata in base alle norme dell articolo 52 del TUIR. Se il datore di lavoro è un sostituto d imposta, il reddito di lavoro dipendente determinato forfetariamente (retribuzione convenzionale) deve essere indicato al punto 1 del Modello CUD. 479

17 Cap. 5 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Inoltre, se il sostituto d imposta, in occasione delle operazioni di conguaglio, ha riconosciuto il credito d imposta per le imposte pagate all estero a titolo definitivo ne deve dare indicazione al punto 114 del Modello CUD In questi casi, nelle annotazioni del modello CUD sono indicati: con il codice AD, i dati relativi al reddito prodotto all estero (Stato estero, l ammontare del reddito); con il codice AQ, i dati relativi al credito d imposta (Stato estero, anno d imposta di percezione, importo del redditi, imposta pagata all estero resasi definitiva, il reddito complessivo tassato in Italia, l imposta lorda italiana, l imposta netta italiana.! Attenzione. Se in occasione delle operazioni di conguaglio il datore di lavoro ha riconosciuto il credito d imposta per le imposte pagate all estero, le ritenute esposte nel punto 5 del CUD sono al netto di tale credito. Conseguentemente, il contribuente che presenta il Modello 730 deve compilare la sezione III del Quadro G. I redditi erogati a soggetti, che pur collocati in un contratto di lavoro dipendente all estero soggiornano all estero per meno di 183 giorni in un periodo di dodici mesi, sono sottoposti ad imposizione in Italia secondo le ordinarie modalità di tassazione. Redditi prodotti da Frontalieri Dall anno 2003 i redditi dei soggetti residenti nel territorio dello Stato derivanti da lavoro dipendente prestato all estero, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, in zone di frontiera e in altri Paesi limitrofi, sono imponibili ai fini IRPEF per la parte eccedente 8.000,00 euro (ai sensi dell art. 2, comma 11, della Legge n. 289/2002). Circ. 1/E ( ) Si tratta di redditi percepiti dai cosiddetti frontalieri che quotidianamente si recano all estero in zone di frontiera (quali ad esempio, Francia, Austria, S. Marino, Città del Vaticano) o in Paesi limitrofi (quali ad esempio, il Principato di Monaco) per svolgere la prestazione di lavoro. Poiché nel nostro ordinamento manca una nozione di lavoratore frontaliero, la prassi ministeriale ha elaborato la definizione sopra riportata, ponendo particolare attenzione al requisito dello spostamento quotidiano del lavoratore dall Italia ad una zona di confine con rientro nel luogo di residenza. In mancanza di tale requisito, il soggetto non può essere considerato lavoratore frontaliero e viene assoggettato a tassazione secondo le ordinarie modalità. Il lavoratore frontaliero, quindi, se dal punto di vista fiscale soggiace ad un regime di tassazione derogatorio rispetto a quello ordinario, dal punto di vista previdenziale e sociale è assimilato ai lavoratori dipendenti che prestano la loro attività in Italia. A norma dell articolo 38, comma 3, Legge n. 146 del , infatti, i lavoratori frontalieri; non possono essere considerati fiscalmente a carico di altri soggetti; i redditi da essi percepiti devono essere tenuti in considerazione ai fini delle procedure di accesso alle prestazioni previdenziali e sociali.! Attenzione. Il regime di parziale tassazione subisce un eccezione nel caso di redditi percepiti dai lavoratori frontalieri che prestano attività nello Stato della Città del Vaticano. L esenzione totale dalla base imponibile dei redditi in questione dipende dalla natura del soggetto erogante il reddito medesimo: se il datore di lavoro è la Santa Sede, oppure altri enti centrali della Chiesa cattolica o enti gestiti direttamente dalla Santa Sede i redditi sono esenti in forza del disposto dell articolo 3, DPR n. 601 del , a norma del quale le retribuzioni di qualsiasi 480

18 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello 2012 natura, le pensioni e le indennità di fine rapporto, corrisposte dalla Santa Sede, dagli altri enti centrali della chiesa cattolica e dagli enti gestiti direttamente dalla Santa Sede ai propri dignitari, impiegati e salariati, ancorché non stabili, sono esenti dall IRPEF; qualora il datore di lavoro sia soggetto diverso da quelli sopra indicati si applica il regime di parziale tassazione sopra esposto (comunicato stampa Agenzia Entrate del ).! Borse di studio Devono essere dichiarate le borse di studio percepite da contribuenti residenti in Italia, a meno che non sia prevista una esenzione specifica, quale ad esempio quella stabilita per le borse di studio corrisposte dalle Università ed Istituti di istruzione universitaria (L. n. 398/1989). La regola della tassazione in Italia si applica, generalmente, sulla base delle Convenzioni per evitare le doppie imposizioni sui redditi. Ad esempio, con Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti è previsto che, se un contribuente residente in Italia soggiorna per motivi di studio in uno degli Stati esteri considerati ed è pagato da un soggetto residente nel nostro Paese, il reddito sia tassabile soltanto in Italia. Se, invece, la borsa di studio è pagata da un soggetto che risiede nello Stato estero di soggiorno, quest ultimo può tassare il reddito, ma il contribuente deve dichiararlo anche in Italia e chiedere il credito per l imposta pagata all estero. Pensioni Sono pensioni estere quelle corrisposte da un ente pubblico o privato di uno Stato estero a seguito del lavoro prestato e percepite da un residente in Italia. Con alcuni Paesi sono in vigore Convenzioni contro le doppie imposizioni sul reddito, in base alle quali le pensioni di fonte estera sono tassate in modo diverso, a seconda che si tratti di pensioni pubbliche o di pensioni private. Sono pensioni pubbliche quelle pagate da uno Stato o da una sua suddivisione politica o amministrativa o da un ente locale. In linea generale tali pensioni sono imponibili soltanto nello Stato da cui provengono. Sono pensioni private quelle corrisposte da enti, istituti od organismi previdenziali dei Paesi esteri preposti all erogazione del trattamento pensionistico. In linea generale tali pensioni sono imponibili soltanto nel paese di residenza del beneficiario. Nella tabella si riassumono le modalità di tassazione applicate alle pensioni erogate da enti pubblici e privati di alcuni Paesi, ad un contribuente residente in Italia, in base alle vigenti convenzioni contro le doppie imposizioni. PAESE ESTERO PENSIONI PUBBLICHE PENSIONI PRIVATE Argentina Regno Unito Spagna Stati Uniti Venezuela Sono assoggettate a tassazione solo in Italia se il contribuente ha la nazionalità italiana. Sono assoggettate a tassazione solo in Italia. Belgio Germania Sono assoggettate a tassazione solo in Italia se il contribuente ha la nazionalità italiana e non anche quella estera. Se il contribuente ha anche la nazionalità estera la pensione viene tassata solo in tale Paese. Sono assoggettate a tassazione solo in Italia. Francia Di norma sono tassate solo in Francia. Tuttavia le stesse sono assoggettate a tassazione solo in Italia se il contribuente ha la Generalmente sono tassate solo in Italia. Le pensioni, però, che la vigente Convenzione Italia Francia indica come pensioni pagate in base alla 481

19 Cap. 5 Belgio Germania solo in Italia se il contribuente ha la nazionalità italiana e non anche quella estera. Se il contribuente ha anche la nazionalità estera la pensione viene tassata solo in tale Paese. Sono assoggettate a tassazione solo in Italia. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Francia Di norma sono tassate solo in Francia. Tuttavia le stesse sono assoggettate a tassazione solo in Italia se il contribuente ha la nazionalità italiana e non quella francese. Generalmente sono tassate solo in Italia. Le pensioni, però, che la vigente Convenzione Italia Francia indica come pensioni pagate in base alla legislazione di sicurezza sociale sono imponibili in entrambi gli Stati. Australia Le pensioni pubbliche e le pensioni private sono assoggettate a tassazione solo in Italia. Canada Le pensioni pubbliche e le pensioni private sono assoggettate a tassazione solo in Italia se l ammontare non supera il più elevato dei seguenti importi: dollari canadesi o 6.197,48 euro. Se viene superato tale limite le pensioni sono tassabili sia in Italia sia in Canada e in Italia spetta il credito per l imposta pagata in Canada in via definitiva. Svizzera Sono assoggettate a tassazione solo in Svizzera se il contribuente possiede la nazionalità svizzera. Se il contribuente non possiede la nazionalità svizzera le pensioni pubbliche sono tassate solo in Italia. Sono assoggettate a tassazione solo in Italia. Le rendite corrisposte da parte dell Assicurazione Svizzera per la vecchiaia e per i superstiti (rendite AVS) non devono essere dichiarate in Italia in quanto assoggettate a ritenuta alla fonte a titolo di imposta. 2.9 REDDITI ESENTI E RENDITE CHE NON COSTITUISCONO REDDITO Ai fini dell esenzione sono equiparate alle pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva (sentenza n. 387 del 4-11 luglio 1989 della Corte Costituzionale): - le pensioni tabellari spettanti per menomazioni subite durante il servizio di leva prestato in qualità di allievo ufficiale e/o di ufficiale di complemento nonché di sottufficiali (militari di leva promossi sergenti nella fase terminale del servizio); - le pensioni tabellari corrisposte ai Carabinieri ausiliari (militari di leva presso l Arma dei Carabinieri) e a coloro che assolvono il servizio di leva nella Polizia di Stato, nel corpo della Guardia di Finanza, nel corpo dei Vigili del Fuoco e ai militari volontari semprechè la menomazione che ha dato luogo alla pensione sia stata contratta durante e in dipendenza del servizio di leva o del periodo corrispondente al servizio di leva obbligatorio. Sono altresì esenti: - la maggiorazione sociale dei trattamenti pensionistici prevista dall art. 1 della L. 29 dicembre 1988, n. 544; - l indennità di mobilità di cui all art. 7, comma 5, della L. 23 luglio 1991, n. 223, per la parte reinvestita nella costituzione di società cooperative; - l assegno di maternità, previsto dalla L. n. 448 del 1998, per la donna non lavoratrice; - le pensioni corrisposte ai cittadini italiani divenuti invalidi e ai congiunti di cittadini italiani deceduti a seguito di scoppio di armi e ordigni esplosivi lasciati incustoditi o abbandonati dalle Forze armate in tempo di pace in occasione di esercitazioni combinate o isolate; 482

20 PARTE ii - APPROFONDIMENTI Guida pratica alla compilazione del Modello le pensioni corrisposte ai cittadini italiani, agli stranieri e agli apolidi divenuti invalidi nell adempimento del loro dovere o a seguito di atti terroristici o di criminalità organizzata ed il trattamento speciale di reversibilità corrisposto ai superstiti delle vittime del dovere, del terrorismo o della criminalità organizzata; - gli assegni per la collaborazione ad attività di ricerca conferiti dalle università, dagli osservatori astronomici, astrofisici e vesuviano, dagli enti pubblici e dalle istituzioni di ricerca di cui all art. 8 del D.P.C.M. 30 dicembre 1993, n. 593, e successive modificazioni e integrazioni, dall Enea e dall ASI; - alcune borse di studio (vedi il precedente paragrafo 2.5); - le rendite INAIL erogate a causa di invalidità permanente, fatta esclusione per l indennità giornaliera di inabilità temporanea assoluta (risarcitoria del lucro cessante) in quanto sostitutiva del reddito (vedi il precedente paragrafo 2.1). Allo stesso modo non costituiscono reddito le rendite aventi analoga natura corrisposte da organismi non residenti (ad esempio le pensioni provenienti dal Belgio per malattia professionale). Se il contribuente riceve una rendita dall Ente previdenziale estero a titolo risarcitorio per un danno subito a seguito di incidente sul lavoro o malattia professionale contratta durante la vita lavorativa deve produrre all Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Accertamento un autocertificazione con la quale dichiara la natura risarcitoria della somma percepita. Questa autocertificazione deve essere presentata una sola volta e, quindi, se presentata per anni precedenti non deve essere riprodotta IL REGIME FISCALE AGEVOLATO PER I PREMI DI PRODUTTIVITÀ L articolo 2 del D.L. n. 93/2008, convertito dalla L. n. 126/2008, ha introdotto per il secondo semestre del 2008, un imposta sostitutiva del 10 per cento per le somme erogate ai lavoratori dipendenti del settore privato, in relazione sia a prestazioni di lavoro straordinario che ad incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa e altri elementi di competitività e redditività legati all andamento economico dell impresa. Il regime di tassazione agevolata è stato prorogato per gli anni 2009 (art. 5 del D.L. n. 185/2008, convertito con modificazioni dalla L. n. 2/2009), 2010 (art. 2, commi 156 e 157, della L. n. 191/2009) limitatamente agli elementi retributivi premiali (premi di produttività) e 2011 (art. 53, comma 1, del D.L. n. 78/ art. 1, comma 47 della L. n. 220/2010). L agevolazione consiste nella possibilità di applicare alle somme percepite un imposta sostitutiva dell IRPEF e delle addizionali regionale e comunale con aliquota del 10 per cento. Nei quattro anni di applicazione il beneficio è stato riconosciuto su determinati compensi, entro limiti stabiliti e a precise condizioni reddituali. ANNO LIMITE CONDIZIONE Nel 2007 il reddito di lavoro dipendente o pensione è uguale o inferiore a Nel 2008 il reddito di lavoro dipendente o pensione è uguale o inferiore a Nel 2009 il reddito di lavoro dipendente o pensione è uguale o inferiore a Nel 2010 il reddito di lavoro dipendente o pensione è uguale o inferiore a 483

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli