DIVENTARE MAMME DIVENTARE GENITORI DIVENTARE FAMIGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIVENTARE MAMME DIVENTARE GENITORI DIVENTARE FAMIGLIA"

Transcript

1 AZIENDA ULSS 12 VENEZIA OSPEDALE dell ANGELO - MESTRE Dipartimento materno-infantile DIVENTARE MAMME DIVENTARE GENITORI DIVENTARE FAMIGLIA

2 Veneta Sanitaria Finanza di Progetto, partner dell Ulss 12 per la gestione dei servizi all ospedale dell Angelo, dedica questo manuale a tutte le future mamme e augura loro una felice esperienza

3 DIVENTARE MAMME all OSPEDALE dell ANGELO Sono lieto di offrire alle signore che scelgono di diventare mamme all ospedale dell Angelo questa guida curata dalla nostra ostetrica Rossella Scocco con la collaborazione di tutto il reparto. E un libriccino semplice con le informazioni essenziali per affrontare con serenità e consapevolezza l esperienza del parto. Vi aiuterà a conoscere meglio anche lo staff medicoinfermieristico e l ambiente che vi ospiterà. Benvenute! Tiziano Maggino direttore Ostetricia e Ginecologia

4

5 INDICE Chi siamo - Dove siamo - Com è il reparto Come conoscerci Chi si incontra durante la degenza La consulenza ostetrica Ambulatorio monitoraggio Monitoraggio gravidanza a termine Ambulatorio gravidanze a rischio Ricovero ordinario Ricovero gravidanza oltre il termine Travaglio e parto Il pregresso cesareo e il parto di prova Il pre-ricovero Il taglio cesareo Procedure dopo taglio cesareo La borsa della puerpera Corredino neonato Fasce orarie visite parenti Tampone vagino-rettale Donare il sangue cordonale Il neonato al nido La denuncia di nascita Rooming in La dimissione Puerperio Esercizio per il pavimento pelvico Astensione dal lavoro

6

7 CHI SIAMO direttore Ostetricia e Ginecologia: Tiziano MAGGINO medici: Antonella ANDOLFI Salvatore BASCIANO Gianluca CERRI Angelita CHIARENZA Francesca NERI Giancarlo ROSSITO Rosalia RUI Marika SOLDÀ Antonio TIROCINIO Nunzia Rita VACCA coordinatore infermieristico: Marta PERIN coordinatore ostetrico: Donatella MILAN DOVE SIAMO SALA PARTO ascensore E - piano 3 - tel OSTETRICIA ascensore E - piano 3 - tel AMBULATORIO GRAVIDANZA FISIOLOGICA PRESSO IL TERMINE AMBULATORIO GRAVIDANZA A RISCHIO ascensore E - piano 1 - amb. 34 tel ascensore E - piano 1 - amb. 33 tel (prenotazione su richiesta medica) AMBULATORIO DIVISIONALE ECOGRAFIE OSTETRICHE C.U.P. - tel COM È IL REPARTO Stanze a due letti con bagno privato Disponibili 2 stanze singole a pagamento, con possibilità di ospitare un accompagnatore 1

8 COME CONOSCERCI Le future mamme che desiderano un incontro con il personale della nostra struttura, possono partecipare alle riunioni periodiche che vengono tenute ogni quindici giorni di venerdì mattina. Verranno accolte da un ostetrica e da una pediatra. L incontro durerà circa 4 ore. Per le gestanti seguite dal consultorio familiare, sarà compito dell ostetrica responsabile del corso prendere appuntamento con l ospedale. Per le gestanti seguite privatamente dai ginecologi, sarà utile chiamare la sala parto ( ) per fissare l appuntamento. CHI SI INCONTRA DURANTE LA DEGENZA? il medico ginecologo: ha la responsabilità della conduzione del vostro travaglio di parto. Vi visiterà all ingresso e, se il travaglio è fisiologico, sarà presente ogni volta che l ostetrica di turno richiederà il suo intervento. Passerà periodicamente ad informarsi sulle vostre condizioni. l ostetrica/o: vi accoglierà all ingresso della sala parto. E riconoscibile perché indossa una divisa gialla. L ostetrica è la persona di riferimento durante il travaglio di parto. il pediatra: dopo le prime 4 ore dalla nascita visiterà il vostro bambino e lo affiderà al personale del nido. Verrà chiamato ogni qualvolta sarà necessario, altrimenti vedrà il neonato per la dimissione. Alla mattina della dimissione avrete un colloquio con il pediatra che vi illustrerà l andamento del neonato nei tre giorni di degenza e come comportarsi a casa per l allattamento. Vi consegnerà il libretto regionale. In caso di taglio cesareo o di parto operativo il pediatra verrà chiamato in sala parto o sala operatoria e vedrà subito alla nascita il vostro bambino. 2

9 la puericultrice o infermiera del nido: sono distinguibili dalle altre infermiere perché indossano un camice bianco con disegni colorati sulle tasche. Vi seguiranno durante la degenza standovi vicine per allattamento, cambio pannolino e qualsiasi altro dubbio o necessità. l infermiera di reparto: è addetta all assistenza, esegue terapie su indicazione del medico (farmaci, iniezioni e medicazioni), si occupa inoltre dell igiene personale e del comfort della paziente. Indossa una divisa bianca con collo verde. l operatrice sanitaria: collabora con le infermiere del reparto alle attività alberghiere e ad alcune pratiche di igiene personale. La sua divisa è color verde acqua. LA CONSULENZA OSTETRICA D URGENZA Per avere accesso alla consulenza ostetrica d urgenza è necessario presentarsi al Pronto soccorso (al piano -1). Sarete registrate e successivamente accompagnate in sala parto dove vi accoglierà l ostetrica/o di turno. La consulenza prevede, in rapporto all epoca gestazionale, un tracciato cardiotocografico, una visita ostetrica, la misurazione della pressione arteriosa e l esecuzione dello stick sulle urine per escludere la presenza di proteine. In caso sia necessario il ginecologo di guardia richiederà ulteriori consulenze specialistiche. Se tutti gli accertamenti daranno risultato negativo sarete mandate a casa e proseguirete il controllo della gravidanza presso il ginecologo di fiducia o, in caso di gravidanza alla 40a settimana, presso l ambulatorio della gravidanza fisiologica. E importante sottoporre al più presto l esito della consulenza ostetrica al ginecologo curante per una appropriata continuità assistenziale. Ogni volta che si accede all ospedale per un controllo è necessario portare con sé la documentazione della gravidanza, esami ed ecografie, il tesserino sanitario regionale ed un documento d identità. 3

10 L AMBULATORIO PER IL MONITORAGGIO PRESSO IL TERMINE DI GRAVIDANZA Il servizio di Ambulatorio gravidanza fisiologica presso il termine è al primo piano, stanza 34. Prima di accedere, le ricordiamo di ritirare il numero di prenotazione presso lo sportello allo stesso piano. L ambulatorio è condotto dalle ostetriche che si alternano nelle giornate di mercoledì mattina, lunedì e venerdì pomeriggio. Le stesse ostetriche prestano servizio anche in sala parto e in reparto. Il primo incontro avviene intorno alla 39a settimana con la compilazione della cartella clinica, la visione di tutti gli esami eseguiti in gravidanza, la misurazione della pressione e la rilevazione del battito cardiaco fetale. I successivi controlli avvengono dopo la 40a settimana e proseguono ogni tre giorni fino al parto e comunque non oltre la 41a settimana + 3 giorni; da questa data il protocollo della nostra Unità operativa prevede, con il consenso della gravida, l induzione al travaglio. Ad ogni incontro verrà misurata la pressione arteriosa, verrà effettuato un controllo ecografico della quantità del liquido amniotico ed eseguito un tracciato cardiotocografico. Per accedere al nostro servizio è sufficiente un impegnativa, che può essere rilasciata anche dal medico di base, con la specifica: cardiotocografia o monitoraggi per quattro volte e codice di esenzione 440. Il primo appuntamento viene concordato telefonicamente chiamando lo , dal lunedì al venerdì e dalle alle 15.00; i successivi direttamente in ambulatorio. Per qualsiasi necessità si può chiamare la sala parto allo

11 MONITORAGGIO DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA A TERMINE Verso il termine di gravidanza, più precisamente alla 39a settimana a partire dall ultima mestruazione, avverrà l incontro con l ostetrica dell ambulatorio che compilerà la cartella clinica, controllando i vostri esami del sangue, le ecografie e il risultato del tampone vagino-rettale. In quest occasione potranno essere consigliati gli esami mancanti e saranno fissate le date dei successivi incontri. Il primo monitoraggio sarà effettuato a 40 settimane, successivamente sarà eseguito un controllo ogni 3 giorni fino a 41 settimane e 3 giorni. Il monitoraggio cardiotocografico prevede l applicazione sull addome di due trasduttori: uno per la registrazione del battito cardiaco fetale e uno per la rilevazione delle contrazioni uterine. I due trasduttori sono fermati da una cintura elastica e collegati ad un apparecchio che registra su carta scorrevole il tracciato cardiotocografico. La registrazione ha una durata variabile tra i 10 e i 60 minuti. Ad ogni incontro verrà eseguita la valutazione del liquido amniotico e la misurazione della pressione arteriosa. Dovrete controllare che il bambino si muova perché questo è indice di benessere. E importante avvertire almeno 10 movimenti fetali singoli nelle ore del giorno. A quest epoca di gravidanza possono manifestarsi contrazioni percepite come indurimento dell addome che non sono dolorose e sono preparatorie alle contrazione del travaglio vero e proprio. Per accedere all ambulatorio della gravidanza fisiologica a termine è necessario prendere appuntamento telefonando allo dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 15. Al primo appuntamento, oltre agli esami, è meglio presentarsi con l impegnativa redatta dal medico di base con la richiesta di 4 cardiotocografie che servirà all ostetrica per fissare il primo monitoraggio. 5

12 L AMBULATORIO DELLE GRAVIDANZE A RISCHIO La nostra Unità operativa ha uno specifico ambulatorio per le gravidanze a rischio, cioè quelle gravidanze in cui esistono o potrebbero comparire situazioni patologiche rischiose per madre e bambino. In questi casi i controlli durante la gestazione saranno più ravvicinati per prevenire, trattare e seguire le diverse patologie. Se il vostro ginecologo ritiene che la gravidanza debba essere seguita in questo ambulatorio dovrà redigere un impegnativa unica con le seguenti richieste: visita ostetrica ecografia ostetrica flussimetria Doppler CTG (cardiotocografia) Sarà necessario prendere appuntamento telefonando allo dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 15. Le richieste di accesso all ambulatorio devono essere motivate dal ginecologo curante con specifico certificato di accompagnamento. IL RICOVERO ORDINARIO Se al momento della consulenza ostetrica si evidenzieranno indicazioni per il ricovero, il ginecologo redigerà un verbale, l ostetrica completerà la cartella clinica e successivamente il personale della sala parto vi accompagnerà in reparto o sarete trattenute in sala travaglio in caso di travaglio attivo. 6

13 IL RICOVERO PER GRAVIDANZA OLTRE IL TERMINE Alla 41a settimana +3 giorni è previsto il ricovero per l induzione al parto. Sarete invitate a presentarvi presso il reparto di Ostetricia (al 3 piano, accesso E) restando a digiuno dalla mezzanotte. Al vostro ingresso verranno effettuati gli esami di routine e sarete poi accompagnate in sala parto dove il ginecologo valuterà la metodica di induzione da utilizzare e vi farà firmare il consenso informato. Il metodo di stimolazione al travaglio più usato si avvale di un gel applicato per via vaginale. L induzione mediante prostaglandine (prepidil gel) è una induzione farmacologica al parto. Il gel agisce a livello del collo dell utero inducendo la maturazione della cervice e l attività contrattile uterina. Le applicazioni di gel possono essere più di una, con un intervallo di 6 ore l una dall altra, il numero massimo delle applicazioni è di solito di 6. Non è facile prevedere quante applicazioni di gel occorrono per indurre il travaglio. Dopo ogni applicazione (di norma al massimo 2 al giorno) occorre effettuare un monitoraggio cardiotocografico di circa 2 ore. TRAVAGLIO E PARTO All ospedale dell Angelo il travaglio fisiologico viene seguito dall ostetrica/o di sala parto che contatta e consulta il medico in caso di insorgenza di complicanze. Durante il travaglio è possibile avere al proprio fianco una persona di fiducia (preferibilmente marito/compagno) che potrà assistere anche al parto. L unità di sala parto è dotata di 4 sale travaglio con letto e servizi e 4 sale parto, una di queste dispone di vasca per il travaglio in acqua. 7

14 Durante il travaglio la donna è libera di muoversi, assumere le posizioni che preferisce e la sorveglianza del benessere fetale può essere effettuata ad intermittenza o continuativamente a discrezione dell ostetrica e comunque in base a fattori variabili della gravidanza e del parto. Il travaglio si distingue in due fasi: i prodromi e il travaglio attivo. LA FASE PRODROMICA I prodromi sono caratterizzati da contrazioni irregolari avvertite come sensazione di addome indurito, spesso associate a mal di schiena. In questo periodo, che può durare anche alcune ore, possono comparire nausea, diarrea e anche sensazione di brivido: sono fenomeni fisiologici che accompagnano l inizio del travaglio. Si potranno notare perdite di muco misto a sangue (il cosiddetto tappo mucoso) che indicano l inizio di modificazioni a livello del collo dell utero. Se è la vostra prima gravidanza, le contrazioni diverranno sempre più frequenti e dolorose: è consigliabile recarsi in ospedale quando le contrazioni si presentano ogni 5 minuti per un periodo di circa due ore. Nelle gravidanze successive alla prima, invece, i tempi del travaglio sono meno prevedibili ed è consigliabile andare in ospedale quando le contrazioni diventano regolari. Se la rottura del sacco amniotico avviene a casa, o notate perdite ematiche rosso vivo e abbondanti è opportuno recarsi in ospedale indipendentemente dalla presenza di contrazioni. LA FASE DILATANTE Il periodo dilatante coincide con il travaglio attivo, caratterizzato in media da 3-4 contrazioni della durata di 1 minuto ogni 10 minuti. Dopo il parto la neomamma rimane nella sala dove ha trascorso il travaglio per 2 ore, con il neopapà e con il piccolo; in queste due ore è favorito il contatto pelle a pelle tra mamma e bambino e l avvio precoce dell allattamento al seno. 8

15 Passate le due ore, o di più se si presentano delle esigenze di controlli più specifici, si provvederà al trasferimento al reparto di degenza attiguo alla sala parto. La sala parto è considerata un area di terapia semintensiva e pertanto è un ambiente protetto ove non si può circolare liberamente ed ove possono entrare solo le persone autorizzate. La persona di fiducia che accompagnerà la gestante in sala parto è pertanto invitata a rispettare il contesto limitando gli spostamenti. Le neomamme potranno ricevere le visite solo in reparto di degenza. IL PREGRESSO TAGLIO CESAREO E IL PARTO DI PROVA La gravida con pregresso taglio cesareo che desidera partorire per via naturale dovrà effettuare una visita presso l ambulatorio della gravidanza a rischio alla 35a settimana di gravidanza per valutare se potrà accedere al cosiddetto travaglio di prova. La visita consiste in una valutazione ostetrica che comprende: visita ginecologica, visione degli esami della gravidanza e dell ecografia della 34a settimana per la stima del peso fetale. Inoltre sarà raccolta la storia clinica del precedente taglio cesareo. Se la visita darà esito positivo, sarà necessario compilare e firmare assieme al medico il consenso al travaglio di prova. 9

16 IL PRE-RICOVERO Viene di solito eseguito il martedì mattina al piano 1, ambulatorio 35. E necessario presentarsi a digiuno dalla mezzanotte. Verrà eseguito un prelievo per esami ematochimici, elettrocardiogramma, visita anestesiologica, colloquio con lo psicologo. L ostetrica compilerà la cartella clinica, visionerà gli esami della gravidanza e le ecografie, eseguirà il tampone vaginale, rileverà il battito cardiaco fetale e misurerà la pressione arteriosa. Durante l incontro con l ostetrica, qualora si presentassero dubbi o domande, troverà una figura competente che potrà aiutarla. In caso che il pre-ricovero sia stato già effettuato e accusiate dolori o rottura del sacco amniotico, dovrete presentarvi in sala parto senza passare dal Pronto soccorso. Se l indicazione al taglio cesareo è la presentazione podalica del bambino, al momento del ricovero sarà effettuata un ecografia per riconfermare la diagnosi di presentazione. Nel caso in cui la presentazione sia cefalica sarete dimesse e proseguirete i controlli presso l ambulatorio della gravidanza fisiologica. L intervento, salvo indicazioni particolari discusse con l anestesista, sarà eseguito in anestesia spinale, nella sala operatoria al piano -1. Il 90% dei tagli cesarei nella nostra struttura non sono eseguiti in anestesia generale e pertanto le neomamme sono sveglie e consapevoli della nascita del loro bambino. La dimissione dopo un parto cesareo non complicato avviene di solito la mattina della 4a giornata dopo l intervento. La visita di dimissione della neomamma viene eseguita il pomeriggio precedente alla dimissione (3a giornata). La visita di dimissione del bambino è invece eseguita il giorno stesso dell uscita. 10

17 IL TAGLIO CESAREO Qualora sia necessario un intervento di taglio cesareo programmato, dovrete presentarvi in sala parto verso la 35 settimana di gravidanza con i seguenti documenti: tessera sanitaria certificato redatto dal medico ostetrico che segue la gravidanza con l indicazione al taglio cesareo documentazione della gravidanza L ostetrica raccoglierà i dati anagrafici, la data dell ultima mestruazione, il numero telefonico e l indirizzo di residenza. La gravida sarà richiamata dalla coordinatrice ostetrica che le fisserà l appuntamento per il pre-ricovero e la data dell intervento. PROCEDURE DOPO IL TAGLIO CESAREO Il taglio cesareo, sia in elezione che in urgenza, richiede l inserimento di un catetere vescicale per raccogliere ed eventualmente controllare la quantità delle urine. Il catetere vescicale sarà rimosso il giorno dopo il cesareo (1a giornata). il 1 giorno viene normalmente eseguito un prelievo di sangue per la determinazione dell emocromo per valutare se vi è anemia. Si può bere ed assumere una dieta leggera il 2 giorno viene effettuata la medicazione. Potrà essere consigliato, se necessario, un provvedimento per attivare la funzionalità intestinale il 3 giorno può esser indicato un ricontrollo dell emocromo e verrà effettuata la visita per la dimissione il 4 giorno se non vi sono complicazioni vi sarà la dimissione. L ostetrica controllerà quotidianamente l involuzione dell utero e le perdite vaginali. Il giro dei medici avviene al mattino tra le 7.30 e le

18 Le neomamme sono invitate a chiedere spiegazioni ed esprimere i loro problemi. Successivamente vi sarà il giro visita del pediatra che vi darà informazioni sul bambino. Il puerperio (il periodo dopo il parto) è una fase delicata, in cui può esserci il rischio di fenomeni di trombosi venosa agli arti inferiori. Dopo un cesareo è utile come prevenzione usare le calze elastiche. Durante la degenza sarà effettuata una profilassi farmacologica con sostanze che contrastano la tendenza alla ipercoagulabilità sanguigna (eparina a basso peso molecolare). Alle persone che sono a rischio elevato di trombofilia sarà consigliato di proseguire il trattamento anche per un certo periodo dopo la degenza. LA BORSA DELLA PUERPERA La borsa da portare in ospedale deve contenere tutto il necessario per il parto e il dopo-parto. Per il parto: camicia da notte o maximaglia in cotone a maniche corte (non necessariamente aperta sul davanti) ciabatte ciabatte da doccia molletta per i capelli assorbenti preferibilmente in cotone - reggiseni in cotone mutande di cotone, rete o carta calzini in cotone maglioncino o vestaglia di lana o cotone bottigliette d acqua biscotti caramelle. Per il dopo parto: camicia da notte o pigiama sapone neutro per l igiene intima. Suggeriamo di portare un cuscino morbido per l allattamento. 12

19 CORREDINO DEL NEONATO 3 body lana cotone con manica lunga (anche in estate) 3 scarpine lana con laccetti 3 coprifasce in lana o felpa (in estate di cotone con manica lunga)+pantaloncini con piedini o tutine con piedini 1 cappellino 1 copertina 2 asciugamani per fasciatoio e 1 per asciugare il neonato sapone liquido specifico per igiene del neonato cuscinotto per allattamento (se lo avete già a casa) E sconsigliato il succhiotto passatempo. FASCE ORARIE VISITE PARENTI Le visite nel reparto di ostetricia sono possibili solo nelle seguenti fasce orarie: dalle 15 alle 20 : per i papà, fratellini e sorelline dalle 19 alle 20 : per parenti e amici Durante gli orari di visita i neonati rimarranno in stanza. TAMPONE VAGINO-RETTALE Il tampone vagino-rettale andrà eseguito verso la 36a settimana di gravidanza, in quanto la sua durata è di sole 5 settimane. Se il tampone vagino-rettale risulta positivo per lo streptococco gruppo B, durante il travaglio sarà effettuato un ciclo di profilassi antibiotica per ridurre il rischio di trasmissione al bimbo. Verranno trattate con la terapia antibiotica anche le pazienti che hanno il tampone scaduto o non eseguito. 13

20 DONARE IL SANGUE CORDONALE Il sangue cordonale è il sangue che rimane nei vasi della placenta e del funicolo ombelicale dopo che quest ultimo è stato reciso; questo sangue è ricco di cellule staminali emopoietiche che possono essere utilizzate in caso di trapianti e in caso di patologie ematologiche, oncologiche e immunologiche. A Padova è presente una banca dove viene analizzato e conservato il sangue raccolto attraverso le donazioni effettuate sia dopo parto naturale che dopo taglio cesareo. La donazione resta sempre anonima. Se la mamma desidera donare il sangue cordonale basta che esprima la sua volontà all ostetrica durante il primo incontro presso l ambulatorio di monitoraggio della gravidanza fisiologica. L ostetrica raccoglierà un anamnesi dettagliata riguardante lei e il suo partner in modo da escludere eventuali controindicazioni alla donazione. Donare non è doloroso né per la mamma né per il bambino. Consiste, subito dopo il parto, in un semplice prelievo di sangue che sarà analizzato in combinata con il sangue cordonale dal laboratorio della banca di Padova. È importante sapere che se la donazione andrà a buon fine - e la sacca di sangue sarà giudicata idonea alla donazione - sarà fissato un appuntamento a 6 mesi dal parto per un controllo. Sarà effettuato un altro prelievo sanguigno e sarà richiesto un certificato del pediatra curante che attesti la buona salute del bambino. Nel caso la mamma non si presenti a questo controllo la donazione sarà annullata. La raccolta di sangue cordonale non può essere compiuta dal venerdì mattina alla domenica sera per motivi logistici. 14

21 IL NEONATO AL NIDO Il neonato, munito di cartellino di riconoscimento, viene portato al nido in braccio del papà (e con eventuali fratellini/sorelline) che assistono alle procedure di: bagnetto misure (peso, lunghezza, circonferenza cranica) profilassi oculare o con vitamina K registrazione e assegnazione del numero di culla Il neonato viene vestito e posto nella propria culletta. LA DENUNCIA DI NASCITA L attestato di nascita è un documento redatto e firmato dall ostetrica che assiste al parto. Questo documento dovrà essere presentato all ufficio anagrafe del Comune di residenza entro dieci giorni dalla nascita del bambino. Lo Stato civile di Mestre è l unico che accetta la dichiarazione di nascita previo appuntamento che vi sarà comunicato dall ostetrica nei giorni successivi al parto. In caso di genitori coniugati basta che uno dei due si presenti allo Stato civile. In caso di coppia non sposata (convivente e non) dovranno presentarsi entrambi i genitori. In caso di riconoscimento solo da parte della madre, sarà lei a presentarsi allo Stato civile. 15

22 ROOMING IN È un dolce contatto tra mamma e bambino che inizia nelle prime ore di vita e si mantiene per tutto il periodo della permanenza in ospedale. Il rooming in permette di avvicinare subito mamma e bambino potendo attaccare al seno il proprio piccolo ogni volta che lo richiede, favorendo il miglior avvio dell allattamento al seno e migliorando la reciproca conoscenza. Vi permetterà di prendere confidenza con i piccoli problemi quotidiani quali l attacco al seno, il cambio dei pannolini e di risolverli con maggiore facilità. Diversamente da quanto si crede, la presenza del bambino nella stanza non aumenta la stanchezza della mamma in quanto il neonato nelle prime ore dopo il parto dorme molto, venendo incontro alle necessità di recupero della madre. AVVIO DEL ROOMING IN Circa due ore dopo la nascita, il bambino è portato in Ostetricia nella stanza con la mamma, a cui viene consegnato il foglio di consenso informato sul rooming in. La sollecita e costante presenza del personale sanitario accompagna la mamma in questa nuova esperienza. Madre e bambino insieme imparano a conoscersi meglio, l allattamento al seno viene favorito e la montata lattea avviene prima. La mamma impara a riconoscere i segnali di fame del proprio piccolo e ad allattarlo a richiesta. I segnali di fame: il neonato è sveglio, muove la bocca, schiocca la lingua, si succhia le manine. Non bisogna lasciar passare più di tre ore tra una poppata e l altra, di giorno e di notte, almeno per le prime settimane di vita. I ciucci non saranno utilizzati per i neonati in stanza con le madri. Quando il neonato dimostra voglia di succhiare gli verrà offerto il seno. Se la mamma ha un succhietto proprio le verrà spiegato che 16

23 il ciuccio può interferire con le modalità di suzione (la cosiddetta nippleconfusion) e può ridurre il numero di poppate al seno, così importanti per la calibrazione della produzione di latte nel primo mese. Di norma il bambino allattato a richiesta non ha bisogno di acqua, non verranno perciò dati altri alimenti oltre al latte di mamma, salvo indicazioni del pediatra per casi particolari. Prima di ogni avvio di roaming in viene allestito il fasciatoio con il necessario. Prima emissione di urine: il neonato che non ha urinato dopo il parto sarà munito di cartoncino giallo da appendere vicino al cartellino di riconoscimento sulla culletta. Il cartoncino segnala alla mamma che il pannolino deve essere visionato dal personale del nido. Dopo la verifica della prima emissione di urina, la mamma potrà cambiare il pannolino da sola. Prima emissione di meconio: il neonato che non ha espulso contenuto intestinale in sala parto o in sala operatoria (o il cui meconio non sia ancora stato strisciato sul cartoncino degli screening) sarà munito di cartoncino verde, da appendere accanto al giallo, che segnala alla mamma che il pannolino deve essere visionato dal personale del nido. Dopo la verifica della prima emissione meconio la mamma potrà cambiare il pannolino da sola. Durante la mattina vengono svolte le visite, gli accertamenti e le dimissioni mentre il pomeriggio è prevalentemente dedicato alla valutazione della poppata, vengono illustrati il cambio del pannolino e la cura del moncone. Ogni pomeriggio prima di queste operazioni vengono cambiati e riforniti i fasciatoi. I gesti di puericultura vengono mostrati in modo pratico cosicché anche le madri straniere sono agevolate nella comprensione. Il neonato nato da parto spontaneo verrà dimesso in 3a giornata. Il neonato nato da taglio cesareo verrà dimesso in 4a giornata. Il nido è assolutamente aperto alle mamme. 17

24 VISITE DI ROUTINE DEL PEDIATRA E DIMISSIONE La prima visita viene fatta tra la 4a e la 24a ora dalla nascita, salvo particolari condizioni cliniche del neonato. La visita viene fatta al nido. La seconda visita viene fatta il giorno della dimissione. Il colloquio tra il pediatra e i genitori avviene al nido o nelle stanze di degenza, se il rispetto della privacy lo consente. REGOLAMENTO PER LA MADRE CHE ALLATTA IL NEONATO RICOVERATO IN PATOLOGIA NEONATALE Le madri che hanno il bambino ricoverato in Patologia neonatale possono richiedere, una volta dimesse dal reparto di Ostetricia, di essere ospitate come madri nutrici, compatibilmente con la disponibilità dei posti letto. In caso di richieste superiori alla disponibilità dei posti letto, il personale medico-infermieristico valuterà le priorità in base alla specificità del bambino e al luogo di residenza. La madre nutrice non risulta ricoverata, non ha quindi diritto all assistenza medica e infermieristica e non può richiedere lo somministrazione di farmaci, o altre prestazioni. Ha diritto ai pasti. Alla madre nutrice viene consegnata una tessera magnetica per l apertura della porta zona Ambulatori e Pediatria. Questa tessera dovrà essere riconsegnata qualora la madre non risulti più come nutrice. In caso di smarrimento si prega di avvisare al più presto il personale Infermieristico della Patologia neonatale. Per qualsiasi problema o chiarimento si prega di fare riferimento alla caposala della Patologia neonatale. 18

25 LA DIMISSIONE In caso di parto spontaneo, nel pomeriggio della seconda giornata dopo il parto sarà eseguita una visita vaginale e un ecografia di controllo e la mattina del giorno successivo il medico di servizio vi consegnerà la lettera di dimissione che conterrà consigli per il puerperio ed eventuali terapie. Vi saranno anche fornite informazioni sulle modalità di ritiro della copia della cartella clinica. Se desiderate essere dimesse un giorno prima (seconda giornata), basta informare la caposala e il medico la mattina stessa, sarete sottoposte al controllo usuale della dimissione. Dovrete avere anche la conferma della dimissione anticipata del bambino da parte del pediatra. In caso di parto cesareo la dimissione avviene di solito in quarta giornata previa visita nel pomeriggio della terza giornata che comprende visita vaginale ed ecografia di controllo. La mattina della dimissione, oltre alla lettera, vi saranno consegnati un foglio contenente i consigli da seguire dopo l intervento chirurgico e l appuntamento per la medicazione e la rimozione dei punti di sutura (ambulatorio 35, piano 1, accesso E). Sarà importante eseguire una visita di controllo dopo 40 giorni circa dal parto presso il vostro ginecologo di fiducia o presso l ambulatorio divisionale di ginecologia e ostetricia. 19

26 PUERPERIO È il periodo che copre le sei settimane dopo il parto, durante il quale avviene la regressione di organi e apparati che si sono modificati durante la gravidanza. Lochiazioni. Perdite vaginali che durano circa quaranta giorni e che hanno un colore diverso a seconda del periodo. All inizio appaiono rosso vivo o rosso scuro, e dopo con il passare dei giorni giallo scure e poi biancastre. Sono dovute all involuzione del corpo uterino che torna alla normalità dopo il parto. Nei giorni successivi al parto l ostetrica controllerà la quantità e le caratteristiche di codeste perdite. Cura del perineo. In caso di perineo integro o di sutura non particolarmente importante, si raccomanda la pulizia esterna dei genitali con acqua e non detergenti particolari o con profumazioni, sono sconsigliate pomate. In caso di dolore, gonfiore e febbre, contattare l ostetrica di sala parto o il medico ginecologo curante. Emorroidi. Spesso accompagnano la gravidanza e alcuni giorni dopo il parto. Sono consigliati impacchi decongestionanti e soprattutto riposo a letto. E importante la regolarità intestinale facilitata da una corretta alimentazione. Rapporti sessuali. Il desiderio può essere inibito dal dolore perineale, dalla secchezza vaginale e dalla stanchezza fisica della donna. È possibile assumere integratori alimentari, usare un buon lubrificante per la secchezza vaginale e la riabilitazione del piano perineale. Ricordate che durante l allattamento, pur in assenza di mestruazioni, può esserci l ovulazione e quindi l insorgenza di una nuova gravidanza. Ragadi capezzolo. Piccola lesione che si forma a pochi giorni dall inizio dell allattamento dovuta ad una tecnica scorretta di attaccamento al seno, rendendo dolorosa la suzione. Ingorgo mammario. Si manifesta con dolore ad un seno ed è dovuto ad uno scorretto ed incompleto svuotamento. Possono essere utili impacchi caldo-umidi e massaggi al seno in direzione del capezzolo. 20

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

Unità Operativa di Ostetricia

Unità Operativa di Ostetricia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ostetricia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa dott. Marco Galbusera STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri dott. Graziano Gabetta

Dettagli

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21 A cura di: U.O.S. TUTELA FAMIGLIA / CONSULTORI FAMILIARI Responsabile: Dott.ssa Alessandra Paganella Con la collaborazione di: U.O.C. OSTETRICIA/GINECOLOGIA Direttore: Dott. Pietro Catapano U.O.C. PEDIATRIA

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

DAY SURGERY. Interruzione Volontaria di Gravidanza

DAY SURGERY. Interruzione Volontaria di Gravidanza DAY SURGERY Interruzione Volontaria di Gravidanza Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.) A Niguarda si effettua l Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.) con un percorso dedicato. L intervento

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore CARTA DEI SERVIZI UNITA OPERATIVA DI OSTETRICIA GINECOLOGIA E CENTRO DI PROCREAZIONE MEDICO ASSISTITA Ospedale di PIEVE DI CADORE Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta

Dettagli

CHIRURGIA GENERALE. Guida al DAY SURGERY

CHIRURGIA GENERALE. Guida al DAY SURGERY CHIRURGIA GENERALE Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre

Dettagli

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale e per concludere! Ricorda che bastano altri pochi gesti per proteggere al meglio il tuo bambino, in particolare noi ti suggeriamo di: Lavarti e lavare sempre le mani al tuo bambino Evitare di fumare L

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

Sondalo. Bormio. Tirano. Sondrio. Sondrio. Morbegno. Chiavenna. Chiavenna

Sondalo. Bormio. Tirano. Sondrio. Sondrio. Morbegno. Chiavenna. Chiavenna C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A Indice Prefazione pag. 02 Presentazione Percorso Nascita pag. 03 ASL Sondrio Presenza sul territorio pag. 04 ASL Sondrio Informazioni generali

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa Dr Ezio Pozzi (f.f.) STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri Dr.ssa De Paoli

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A

C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A Indice Prefazione pag. 02 Presentazione Percorso Nascita pag. 03 ASL Sondrio Presenza sul territorio pag. 04 ASL Sondrio Informazioni generali

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

PRESENTAZIONE CHI SIAMO

PRESENTAZIONE CHI SIAMO 1 INDICE Presentazione......................... pag. 3 Chi siamo............................» 3 Informazioni generali dell U. O............» 4 Classificazione delle gravidanze...........» 4 Ambulatorio

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

IL VOSTRO PICCOLO STA PER ESSERE OPERATO: COSA ASPETTARSI?

IL VOSTRO PICCOLO STA PER ESSERE OPERATO: COSA ASPETTARSI? OSPEDALE SAN GIUSEPPE- GRUPPO MULTIMEDICA UOC CHIRURGIA DELLA MANO PROF GIORGIO PAJARDI info@manobambino.org * www.manobambino.it IL VOSTRO PICCOLO STA PER ESSERE OPERATO: COSA ASPETTARSI? Il Vostro/a

Dettagli

Dipartimento Materno Infantile. U.O.C. Ostetricia e Ginecologia PARTORIRE CON NOI

Dipartimento Materno Infantile. U.O.C. Ostetricia e Ginecologia PARTORIRE CON NOI Dipartimento Materno Infantile U.O.C. Ostetricia e Ginecologia PER LE FUTURE MAMME PARTORIRE CON NOI A cura del Direttore U.O. Assistenza Ostetrica Aziendale e delle ostetriche del Dipartimento Materno

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I Informa Week Surgery Cosa sapere Cosa fare SISTEMA SANITARIO REGIONALE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI Cos è la Week Surgery La Week Surgery

Dettagli

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Carta dei Servizi di Ostetricia

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Nome e Cognome. Maggio 2014 ad Oggi. Date. Lavoro o posizione ricoperti Ostetrica

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Nome e Cognome. Maggio 2014 ad Oggi. Date. Lavoro o posizione ricoperti Ostetrica Curriculum Vitae Informazioni personali Nome e Cognome Valentina Zanetti Menani Indirizzo Via F. Baracca n. 30 25128 Brescia Cellulare +39 333 2244826 E-mail vale.menani@gmail.com Data di nascita 27/09/85

Dettagli

IL DIRETTORE Dott. Valentino Martelli

IL DIRETTORE Dott. Valentino Martelli Gentile Ospite, La salutiamo cordialmente e ci auguriamo che il Suo arrivo in questa struttura avvenga nel migliore dei modi e che la Sua permanenza possa essere il più possibile tranquilla e serena: da

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE PROF. FRANCESCO MONTORSI PROFESSORE ORDINARIO DI UROLOGIA UNIVERSITA VITA SALUTE SAN RAFFAELE MILANO Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Dettagli

SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA

SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA Il Percorso Nascita individuale è l armonica combinazione tra il programma assistenziale previsto per la gravidanza e le scelte personali della donna. In questa sezione sono

Dettagli

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino SONO INCINTA informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino Gruppo di progetto Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Autrici: Rosaria Cacace, Clinica Ostetrica

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

CARTA DI ACCOGLIENZA

CARTA DI ACCOGLIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento Salute della Donna e del Bambino REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REPARTI DI OSTETRICIA GUIDA AI SERVIZI e CARTA DI ACCOGLIENZA PER LA FUTURA MAMMA

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

NEOVESCICA ORTOTOPICA Una guida per i pazienti

NEOVESCICA ORTOTOPICA Una guida per i pazienti NEOVESCICA ORTOTOPICA Una guida per i pazienti Gentile paziente, l operazione a cui andrai incontro porterà dei cambiamenti nella tua vita. Anche se ciò all inizio può spaventare, col tempo e con la giusta

Dettagli

Direttore Unità Operativa Complessa. Coordinatori Infermieristici

Direttore Unità Operativa Complessa. Coordinatori Infermieristici EQUIPE SANITARIA Direttore Unità Operativa Complessa (foto) CICCIARELLA RAFFAELE 041 5294697 BERTOLDINI MARGHERITA CALTAROSSA ELENA CARUSO LAURA CAVOLI DANIELE CODROMA ANNA ESPOSITO CHIARA MOLIN FRANCESCO

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti

ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI GHIRETTI GIORGIA ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti Sesso Femminile Data

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino. italiano

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino. italiano SONO INCINTA informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino italiano Gruppo di progetto Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Autrici: Rosaria Cacace,

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Ostetricia

CARTA DEI SERVIZI Ostetricia CARTA DEI SERVIZI Ostetricia Arzignano 1 Ospedale Cazzavillan Via del Parco, 1 Direttore Pro Tempore: Dott. Carmelo Pamio Vicario: Dott. ssa Anna Racasi Dirigenti Medici: Dott. Antonio Chieppa Dott.ssa

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

Casa di Cura SACRO CUORE

Casa di Cura SACRO CUORE Casa di Cura SACRO CUORE C.so L. Fera, 50-87100 Cosenza (CS) Tel. 0984 412953 - Fax 0984 418014 sito web www.sacrocuorecosenza.it email info@sacrocuorecosenza.it Revisione N 3 del 5 maggio 2014 La gravidanza

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

Percorso Nascita Carta dei servizi

Percorso Nascita Carta dei servizi - Percorso Nascita Carta dei servizi 2015 Ultimo aggiornamento giugno 2015 Sommario La carta dei servizi... 3 L Azienda Ospedaliera (AO)... 4 Unità Strutturale Complessa (USC) OSTETRICIA E GINECOLOGIA

Dettagli

Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale

Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva U.O. Aziendale di Pediatria Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero

Dettagli

GUIDA ALLA GRAVIDANZA (presente sul sito www.aslbassano.it)

GUIDA ALLA GRAVIDANZA (presente sul sito www.aslbassano.it) GUIDA ALLA GRAVIDANZA (presente sul sito www.aslbassano.it) DIVENTEREMO MAMMA E PAPA' Breve guida ai controlli e durante la gravidanza e ai diritti dei neo-genitori 1 INDICE Introduzione Prestazioni specialistiche

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili 2 Ad oggi il carcinoma alla mammella è il tumore più frequente nelle donne. Il trattamento si avvale di varie strategie, chirurgiche e mediche e

Dettagli

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA Per la paziente Prof. Massimo Monti Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Lo scopo del seguente modulo di consenso è di fornire

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

Colposcopia e Biopsia cervicale

Colposcopia e Biopsia cervicale Colposcopia e Biopsia cervicale Che cosa sono la Colposcopia e la Biopsia cervicale? A cosa serve la Colposcopia? Come prepararsi alla Colposcopia? Come si fa la Colposcopia? Fare la Colposcopia è doloroso?

Dettagli

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici 1 PRESENTAZIONE Il Consultorio Familiare garantisce le cure primarie nell area della salute sessuale, riproduttiva e psico-relazionale per la donna e per la coppia, con equipe costituite da ostetriche,

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare UOSD infanzia Adolescenza e Famiglia Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato e chiaro strumento

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

Unità Operativa di Ginecologia

Unità Operativa di Ginecologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ginecologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica Ospedale di Sestri Levante Responsabile Dott. Guido GIGLI Capo Sala: I.P. Marisa PAGLIARI DOVE SIAMO Il reparto è situato al QUINTO piano dell

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

DOTAZIONI ORGANICHE PREMESSA

DOTAZIONI ORGANICHE PREMESSA 1 INDICE Premessa pag. 4 Desiderio di maternità pag. 6 Integrazione con i servizi consultoriali Ambulatorio della gravidanza: basso ed alto rischio pag. 7 Ambulatorio immunoprofilassi anti-d pag. 8 Corso

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo istituzionale VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO Telefono istituzionale 0171/642726 Fax istituzionale 0171/642260 E-mail istituzionale

Dettagli

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE La vita del neonato dalla nascita al primo mese, rassicurazioni e consigli dalla SIN Società Italiana di Neonatologia L arrivo di un bebè è un momento lieto, ma

Dettagli

PROGETTO PERCORSO NASCITA - ASL 5 SPEZZINO

PROGETTO PERCORSO NASCITA - ASL 5 SPEZZINO PROGETTO PERCORSO NASCITA - ASL 5 SPEZZINO INTRODUZIONE: La nascita è un evento biologico, sociale ed affettivo che abbraccia l esperienza umana e che non può essere disgiunto dai momenti della gestazione

Dettagli

Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - M. Lima Unità Operativa Anestesiologia e Rianimazione - S.

Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - M. Lima Unità Operativa Anestesiologia e Rianimazione - S. Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - M. Lima Unità Operativa Anestesiologia e Rianimazione - S. Baroncini Orientarsi n. 15 Supplemento d Informazione a Diario di Bordo Reg.

Dettagli

INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO

INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO PREMESSA Informazioni per il paziente in attesa di INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO Caro Utente, lo scopo di questo opuscolo è quello di fornire a Lei e alla Sua famiglia tutte quelle informazioni che Le possono

Dettagli

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa OSTETRICIA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione Le dimensioni, la complessità organizzativa e la presenza di una forte componente universitaria

Dettagli

FRANCHI ELISABETTA SAVONA. Istituto G.Gaslini (Genova) Date (da a) 04/05/2009 al 31/03/2010

FRANCHI ELISABETTA SAVONA. Istituto G.Gaslini (Genova) Date (da a) 04/05/2009 al 31/03/2010 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono FRANCHI ELISABETTA E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita Luogo di nascita SAVONA

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE o CISTECTOMIA RADICALE CON CONFEZIONAMENTO DI NEOVESCICA ORTOTOPICA La vescica consente l accumulo di urina e il

Dettagli

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty. IL PARTO Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi della lezione Conoscere i meccanismi

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

PRESENTAZIONE. Il Direttore Generale Prof. Paolo Menduni

PRESENTAZIONE. Il Direttore Generale Prof. Paolo Menduni PRESENTAZIONE L ASL Caserta ha predisposto questa Guida al Percorso Nascita come strumento di tutela della salute della madre e del bambino e di promozione della genitorialità. La Guida fornisce tutte

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli