LE CLAUSOLE SOCIALI DELLA LEGGE 381/1991

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE CLAUSOLE SOCIALI DELLA LEGGE 381/1991"

Transcript

1 LE CLAUSOLE SOCIALI DELLA LEGGE 381/1991 Il panorama che fa riferimento agli appalti pubblici che interessano le cooperative sociali ha origine dalla forte innovazione legislativa che istituisce le stesse cooperative sociali (legge 381/1991) che ha il pregio di introdurre, tra le altre motivazioni di carattere sociale e culturale, un possibile sistema (e/o modello) di partecipazione pubblico-privato con l obiettivo fondamentale di creare opportunità lavorative per le fasce deboli ed escluse dal mercato del lavoro a causa di svantaggi sociali. Nasce un esperienza unica in Italia (e in Europa) di partenariato pubblico-privato finalizzata al perseguimento di obiettivi sociali tangibili, con risvolti anche importanti sulle politiche del lavoro e di emancipazione sociale ed anche di risparmio sul piano assistenziale pubblico. Anche se non strepitosa l idea è efficace e nel giro di alcuni anni le cooperative sociali di inserimento lavorativo prendono piede e diventano una ottima occasione per sperimentare progetti di inclusione sociale e lavorativa, riprofessionalizzazione di persone che avevano perso ogni dignità produttiva, acquisizione di competenze professionali per persone fuori dal mercato del lavoro,, riabilitazioni personali, momenti di relazione sociale, ed altro. La legge delle cooperative sociali infatti sostiene che queste cooperative devono perseguire il benessere sociale della popolazione. Le cooperative sono divise in due categorie. Le A, che qui trascureremo abbastanza, si occupano dei servizi socio-assistenziali-educativi, e sono ormai diventate, nel bene e nel male, una dependance della pubblica amministrazione, costretta ormai ad esternalizzare questi servizi per contenere i costi di gestione e di amministrazione: la causa sono le scelte centrali dei governi, delle amministrazioni regionali, e giù a scendere per effetto domino. L altra categoria di cooperative, quelle definite B, sono quelle che si occupano dell inserimento lavorativo delle persone svantaggiate, terminologia che non rende più il senso reale della situazione generalizzata di disagio sociale ed economico di questi tempi. Infatti la legge 381 aveva tentato un dimensionamento della condizione di svantaggio, adattata al tempo, circa 20 anni fa. Oggi le condizioni di sofferenza sociale sono le stesse ma ce ne sono altre, sono molto più complesse, vengono definite nuove povertà o nuovo disagio sociale, rappresentano un contesto aspecifico e meno specialistico o tipologizzato. Il regolamento CE 800/2008 amplia (senza però entrare nel merito della legge 381) notevolmente le tipologie di svantaggio sociale ed economico. La cooperazione di tipo B è stata, (si può essere d accordo o meno), considerata la vera innovazione della legge 381. Intrecciare l aspetto pubblico con il privato sociale con obiettivi efficaci e sostenibili sul piano dell occupazione di soggetti svantaggiati era una sfida di non poco conto. E infatti riduttivo concentrarsi sul termine occupazione perché poi nella realtà la cooperazione B, nella sostanza esperienziale, è stata ed è molto di più: sul piano della complessità delle politiche del lavoro, sul piano dell intreccio lavoroemancipazione- costruzione di relazioni sociali, sul piano del risparmio economico socio-assistenziale, sul piano della costruzione del reddito, sul piano della costruzione di progetti pubblico-privato, e si potrebbe proseguire. Ma dobbiamo forzatamente abbandonare l autoinvestitura sociale ed entrare invece nelle questioni concrete che qui dobbiamo affrontare; le reali opportunità di utilizzare strumenti operativi che mettano in pratica gli indirizzi normativi ed istituzionali. Già la legge 381/91, specificamente all art. 5, ha previsto uno strumento tutto sommato particolare, e cioè la possibilità di definire convenzioni tra pubbliche amministrazioni e cooperative sociali al fine di favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Questa opportunità è tuttora possibile, se ne sono avvalse decine di amministrazioni, ne hanno beneficiato migliaia di persone svantaggiate. Qui vogliamo dare una lettura in parte formale ed in parte critica delle varie opportunità. Ci avvaliamo di parte di un contributo presentato ad un seminario specifico di legacoopsociali, redatto insieme al collega Diego Dutto del consorzio Self di Torino. Al termine di questo contributo, rispetto alla legge 381, verranno inserite le proposte che si ritengono utili (ed urgenti) relativamente agli art. 4 e 5 della legge sulla cooperazione sociale, in specifico alla cooperazione sociale di inserimento lavorativo. 1

2 Iniziamo quindi questo ragionamento dal quale dovrebbe partire il percorso logico che conduce ad un corretto rapporto tra Pubblica Amministrazione e Cooperative sociali di tipo B. Va compreso che questo percorso, che conduce alla concretizzazione di procedure che regolano il rapporto Pubblica Amministrazione Privato Sociale, non può avere come punto di partenza solo un ragionamento sulle procedure amministrative stesse, ma deve avere innanzi tutto ad oggetto i valori da promuovere, i bisogni cui s intende dare risposta e gli obiettivi conseguenti da raggiungere. Citiamo la normativa di riferimento utile, quantomeno a livello europeo e nazionale. livello europeo regolamento (ce) n. 800/2008 della commissione (art. 2) direttiva europea 18/04 livello nazionale art. 3 costituzione è compito della repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del paese legge n. 381 dell' 8 novembre 1991, disciplina delle cooperative sociali (in particolare art. 4 ed art. 5) codice unico appalti (dlgs 163/06) (in particolare art. 2, art. 52, art. 69) legge 3 marzo 2009, n. 18 ratifica ed esecuzione della convenzione delle nazioni unite sui diritti delle persone con disabilita', con protocollo opzionale,fatta a new york il 13 dicembre 2006 e istituzione dell'osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilita' legge 13 maggio 1978, n. 180 " accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori " pubblicata nella gazz. uff. 16 maggio 1978, n legge 22 giugno 2000 n. 193 norme per favorire l'attività lavorativa dei detenuti legge febbraio 1992 (e ultime modifiche introdotte dalla legge 8 marzo 2000, n. 53 e dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151) "legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate" legge n. 68 del 12 marzo 1999, norme per il diritto al lavoro dei disabili art. 12 bis della legge n. 68/99 introdotto dalla legge n. 247 del 24 dicembre 2007, protocollo welfare articolo 14 del d.lgs n. 276/03 del 10 settembre 2003 "attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro di cui alla legge 30/03" ripristinato dall'art 39 del decreto-legge n. 112 del 25 giugno 2008 Nello stesso tempo è utile riportare un glossario delle terminologie che riguardano ciò di cui stiamo discutendo. persona 381/91 svantaggiata, art. 4 legge gli invalidi fisici, psichici e sensoriali, gli ex degenti di istituti psichiatrici, i soggetti in trattamento psichiatrico, i tossicodipendenti, gli alcolisti, i minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, i condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione previste dagli articoli 47, 47- bis, 47-ter e 48 della legge 26 luglio 1975, n. 354, come modificati dalla legge 10 ottobre 1986, n si considerano inoltre persone svantaggiate i soggetti indicati con decreto del presidente del consiglio dei ministri, su proposta del ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il ministro della sanità, con il ministro dell'interno e con il ministro per gli affari sociali, sentita la commissione centrale per le cooperative istituita dall'articolo 18 del citato decreto legislativo del capo provvisorio dello stato 14 dicembre 1947, n. 1577, e successive modificazioni (l. 381/91 art 4, comma 1) persona con sofferenza psichica gli invalidi psichici, gli ex degenti di istituti psichiatrici, i soggetti in trattamento psichiatrico (l.68/99 e l. 381/91 art 4, 2

3 comma 1) invalidi psichici persone in età lavorativa affette da minorazioni psichiche che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 per cento, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell'invalidità civile (l.68/99) disabile colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione (l.104/92) disabili per cui sono previsti servizi di -persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, sostegno e di collocamento mirato psichiche o sensoriali e ai portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 per cento, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell'invalidità civile in conformità alla tabella indicativa delle percentuali di invalidità per minorazioni e malattie invalidanti approvata, ai sensi dell'articolo 2 del decreto legislativo 23 novembre 1988, n. 509, dal ministero della sanità sulla base della classificazione internazionale delle menomazioni elaborata dalla organizzazione mondiale della sanità; -persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33 per cento, accertata inail in base alle disposizioni vigenti; -persone non vedenti o sordomute, di cui alle leggi 27 maggio 1970, n. 382, e successive modificazioni, e 26 maggio 1970, n. 381, e successive modificazioni; d) alle persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio con minorazioni ascritte dalla prima all'ottava categoria di cui alle tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra, approvato con decreto del presidente della repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni (art. 1 l.68/99) lavoratore disabile lavoratore riconosciuto disabile ai sensi dell'ordinamento nazionale o caratterizzato da impedimenti accertati che dipendono da un handicap fisico, mentale o psichico (dir eu 800/08 art 2 definizione 20) lavoratore svantaggiato chi non ha un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, chi non possiede un diploma di scuola media superiore o professionale (isced 3), lavoratori che hanno superato i 50 anni di età; adulti che vivono soli con una o più persone a carico; lavoratori occupati in professioni o settori caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera almeno del 25 % la disparità media uomo-donna in tutti i settori economici dello stato membro interessato se il lavoratore interessato appartiene al genere sottorappresentato, membri di una minoranza nazionale all'interno di uno stato membro che hanno necessità di consolidare le proprie esperienze in termini di conoscenze linguistiche,di formazione professionale o di lavoro, per migliorare le prospettive di accesso ad un'occupazione stabile (dir eu 800/08 art 2 definizione 18 punti a-b-c-d-e-f) lavoratore molto svantaggiato lavoratore senza lavoro da almeno 24 mesi (dir eu 800/08 art 2 definizione 19) posto di lavoro protetto posto di lavoro in un'impresa nella quale almeno il 50 % dei lavoratori è costituito da lavoratori disabili (dir eu 800/08 art 2 definizione 21) laboratorio protetto soggetti che possiedono cumulativamente i seguenti requisiti -essere un soggetto giuridico, costituito nel rispetto della vigente normativa, che esercita in via stabile e principale un attività economica organizzata; -prevedere nei documenti sociali, tra le finalità dell ente, quella dell inserimento lavorativo delle persone disabili; -avere nel proprio ambito una maggioranza di lavoratori disabili che, in ragione della natura o della gravità del loro handicap, 3

4 programma di lavoro protetto cooperativa sociale di tipo b soglia comunitaria non possono esercitare un attività professionale in condizioni normali (autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture determinazione n. 2/2008) soggetti giuridici diversi dai laboratori protetti che ricorrono, per l esecuzione dello specifico appalto, all impiego, in numero maggioritario, di lavoratori disabili che, in ragione della natura o della gravità del loro handicap, non possono esercitare un attività professionale in condizioni normali, anche sulla base di accordi conclusi con soggetti operanti nel settore sociale (autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture determinazione n. 2/2008) sono cooperative sociali che hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso lo svolgimento di attività diverse - agricole, industriali, commerciali o di servizi - finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate (l. 381/91 art 1 comma 1) le persone svantaggiate devono costituire almeno il trenta per cento dei lavoratori della cooperativa e, compatibilmente con il loro stato soggettivo, essere socie della cooperativa stessa (l. 381/91 art 4, comma 2) l importo delle soglie dei contratti pubblici di rilevanza comunitaria in materia di procedure di aggiudicazione degli appalti di servizi e beni (ambito principale di lavoro per le coopb) secondo il regolamento (ce) n. 1177/2009 della commissione del 30 novembre 2009 che modifica le direttive del parlamento europeo e del consiglio 2004/17/ce e 2004/18/ce è fissata a euro i.v.a. esclusa LEGGE 381/91 art.5 convenzioni dirette con cooperative sociali Madre ispirativa delle norme che hanno aperto a diverse esperienze di progettazione di partenariato tra amministrazioni pubbliche e cooperative sociali, la legge prevede una potenziale novità, così legiferata dall art. 5: Gli enti pubblici, compresi quelli economici, e le società di capitali a partecipazione pubblica, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della pubblica amministrazione, possono stipulare convenzioni con le cooperative che svolgono le attività di cui all'articolo 1, comma 1, lettera b), ovvero con analoghi organismi aventi sede negli altri Stati membri della Comunità europea, per la fornitura di beni e servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi il cui importo stimato al netto dell'iva sia inferiore agli importi stabiliti dalle direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, purché tali convenzioni siano finalizzate a creare opportunità di lavoro per le persone svantaggiate di cui all'articolo 4, comma 1. L art. 5 della legge prevede la possibilità di convenzioni con cooperative sociali relative alla fornitura di beni o servizi sotto soglia comunitaria ai sensi dell art. 5 - l.381/91 Possono essere affidate a cooperative sociali forniture di beni e servizi; dal punto di vista operativo, per definire l affidamento alle cooperative sociali di inserimento lavorativo, potrebbero essere interessanti le seguenti caratteristiche: a) alta incidenza di manodopera; b) mansioni e/o caratteristiche del lavoro adatte ad alcune tipologie di persone svantaggiate, anche sotto il profilo delle possibilità di qualificazione professionale; c) idoneità a consentire l ingresso, lo sviluppo e la permanenza nel mercato della cooperativa sociale affidataria; d) ovviamente la necessità per l ente pubblico di trovare opportunità lavorative per situazioni di disagio e svantaggio sociale. Individuazione delle cooperative sociali da interpellare 4

5 La P.A. può optare per diverse soluzioni: la convenzione diretta con la cooperativa dl territorio che è già partner di progetti di inserimento lavorativo, oppure la trattativa tra più cooperative, quando si presenti tale opportunità; in queste due procedure è tuttavia necessario che il servizio (l appalto) non superi la soglia comunitaria. I requisiti richiesti devono essere perlomeno: a) iscrizione all Albo regionale, sezione provinciale, delle Cooperative Sociali; b) esperienza nell esecuzione delle prestazioni oggetto della convenzione; c) sede operativa in nel territorio della P.A. o in territori limitrofi specificamente indicati nella richiesta di offerta. Per quanto riguarda il ricorso alla convenzione diretta gli elementi sostanziali possono essere riferiti alla condizione di unicità del prestatore di servizio oppure alla presenza territoriale della cooperativa, garante delle opportunità di inserimento. La stazione appaltante dovrà tenere conto quindi delle situazioni del territorio ma anche delle offerte relativamente al progetto di inserimento lavorativo, alle potenzialità operative della cooperativa e alla valutazione del progetto sociale e di inserimento proposto dalla cooperativa stessa. Leggi regionali,protocolli, deliberazioni e atti di indirizzo La sperimentazione rispetto all art. 5 della legge 381/91 è stata attuata in modo discontinuo nelle varie regioni italiane. Si sono registrate quindi operazioni di ampia utilizzazione della norma in particolari situazioni, regioni, provincie, comuni, dove la virtuosità della legge è stata valorizzata, mentre in molte altre situazioni l art. 5 è rimasto una mera intenzione, se non lasciato nel cassetto delle pubbliche amministrazioni. A situazioni di evidente positività (Torino, Brescia, Friuli, poi Emilia, Lazio, Toscana, cui vanno aggiunti svariati comuni capoluogo, provincie, etc, ma sempre in una logica a macchia di leopardo ) si contrappongono altre situazioni di ignoranza (o presunta tale)della legge della cooperazione sociale e delle opportunità insite nell art. 5. Quasi tutte le regioni italiane hanno legiferato in merito alla legge 381/91, costituendo un proprio albo regionale (e in alcuni casi provinciale). Una parametrazione delle diverse leggi regionali presuppone uno studio ad hoc, che qui non è possibile approfondire. Nei fatti comunque siamo in presenza di una stabilizzazione della norma cui corrisponde, spesso ma non sempre, una attuazione pratica. Non solo, molte realtà hanno prodotto delibere e/o protocolli di indirizzo (per citarne tra i più recenti Comuni di Roma e Milano, provincia di Milano, regione Toscana e regione Lombardia, ) che, nella loro esplicazione di contenuti, auspicano e determinano interventi operativi, in materia di appalti di servizi pubblici, in favore della cooperazione sociale di inserimento lavorativo. Nello specifico si arriva anche ad individuare una quota di riferimento (dal 3 all 8% di massima) relativa all ammontare dei servizi da affidare alle cooperative sociali, parametrati al bilancio dell Ente. Non sempre però è così semplice portare a termine le indicazioni politiche e di investimento sociale che questi organismi hanno deliberato. CLAUSOLE SOCIALI Il tema delle clausole sociali negli appalti pubblici è previsto dal dlgs 163/2006, art. 2 e 69, ma era già stato introdotto dalla direttiva CE 18/04. Le clausole sociali nei pubblici appalti sopra soglia interroga necessariamente le pubbliche amministrazioni a considerare, quale opportunità di svolgimento dell appalto, anche l introduzione di criteri specifici con l obiettivo di dare un valore aggiunto alla consistenza dell appalto stesso. Le esperienze oggi conosciute non sono molte, anche perché la materia è tutta ancora da sperimentare e da approfondire (in allegato comunque indichiamo una serie di bandi che hanno previsto l inserimento delle clausole, come si vedrà in modo molto diverso). Non essendoci infatti una definizione specifica o specialistica delle clausole sociali l unico riferimento per ora considerato è relativo a soluzioni che si ispirano comunque all inserimento lavorativo di persone in difficoltà. Non è detto che le clausole sociali siano solo e solamente riferite all inserimento lavorativo, ma ad oggi i riferimenti fanno capo unilateralmente a questa particolare dimensione sociale. Criticità La rilevazione in nostro possesso e le esperienze finora attuate fanno tuttavia rilevare diverse criticità, che è importante segnalare e sottolineare, quantomeno due di queste. La prima è relativa all utilizzo speculativo della cooperazione sociale negli appalti che presentano queste caratteristiche; sembra infatti abbastanza consueto il ricorso alle cooperative sociali che possono dare punteggio nel bando di gara e che contestualmente dovranno, in caso di aggiudicazione, diventare i depositari dell intervento sociale. Si comprende come questa filosofia diventi a lungo deleteria per il 5

6 mondo della cooperazione sociale e del tutto inutile ai fini di promuovere e contaminare socialmente le realtà del privato. La seconda criticità è legata al mancato controllo degli elementi sociali una volta aggiudicata la gara d appalto. Non vi è nota alcuna, oggi, di meccanismi di verifica in tal senso. Si comprende bene perciò come il ricorso alle clausole sociali abbia assoluta necessità di un approfondimento e di una precisazione da parte degli organismi istituzionali preposti. Abbiamo provato quindi a pensare ad una proposta che potrebbe favorire le stazioni appaltanti e le pubbliche amministrazioni nel redigere un bando di gara tipo. Obiettivo della proposta Favorire la crescita dell'occupazione attraverso i contratti per la fornitura di beni e servizi ed in armonia con quanto previsto dalla legislazione italiana e comunitaria, promuovendo l'inserimento occupazionale di persone svantaggiate e persone disabili. Inserimento lavorativo nei contratti per appalti e fornitura di beni o servizi sopra soglia comunitaria Ambito di applicazione Contratti per appalti di lavori e di fornitura di beni e servizi sopra soglia comunitaria - con esclusione di quelli in materia socio sanitaria ed educativa aggiudicati con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. Bandi di gara e capitolati La P.A. introduce tra le condizioni di esecuzione l obbligo per l aggiudicatario di eseguire il contratto con l impiego di persone svantaggiate esplicitandone il contenuto nel bando di gara e nel capitolato d oneri. Il capitolato speciale d appalto contiene l indicazione della percentuale delle ore-lavoro attribuite all inserimento lavorativo in misura complessiva non inferiore al 30% delle ore utilizzate per l esecuzione della prestazione. Progetto di inserimento lavorativo Gli appalti di questa tipologia sono aggiudicati con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. Tra i criteri di valutazione è compreso, come parte integrante del progetto tecnico di esecuzione dell appalto, un progetto di inserimento lavorativo di persone svantaggiate contenente le seguenti indicazioni: a) numero, tipologia dei soggetti da inserire; b) obiettivi perseguiti con l inserimento lavorativo e modalità organizzative per il loro raggiungimento; c) modalità di organizzazione del lavoro, sistema di gestione delle risorse umane e monte ore complessivo dei lavoratori inseriti; d) mansioni e condizioni contrattuali dei lavoratori inseriti (tipo di contratto, livello, regime previdenziale, monte ore effettivo complessivo per le forniture di beni e settimanale per le forniture di servizi e per l esecuzione delle prestazioni); e) metodologia da applicare nelle fasi di reclutamento, selezione e collocazione dei lavoratori inseriti; f) metodologia di accompagnamento delle persone inserite durante lo svolgimento del lavoro; g) percorsi formativi, con l indicazione degli obiettivi da perseguire; h) soluzioni per garantire la continuità del rapporto di lavoro. Altri criteri ed elementi: Servizi offerti a sostegno dell inserimento della persona svantaggiata; Possibilità di percorsi mediati (Borse lavoro Tirocinio lavorativo); Certificazione iso su inserimento lavorativo; Verifica adempimenti legge 68= aver adempiuto agli inserimenti di legge; Rete con i servizi sociali/inserimento lavorativo;tipologia e/o gravità dello svantaggio; Progetto di Inserimento articolato 6

7 Nel caso in cui non si effettuino nuovi inserimenti, ma si ampli l orario di lavoro di persone già inserite, senza superare i limiti di orario previsti dal contratto nazionale di riferimento, l offerta è corredata da una relazione illustrante lo stato di attuazione del progetto individuale relativamente alle persone interessante, con puntuale indicazione degli orari in atto e futuri. Se l offerta è presentata da imprese raggruppate o da consorzi essa contiene specificazioni in ordine alla parte di attività svolta da ciascuna singola impresa, coerente con le rispettive potenzialità operative. (a solo titolo di esempio) Valutazione dell offerta caratterizzata da progetto di inserimento lavorativo All offerta comprensiva di un progetto di inserimento lavorativo i punteggi sono così attribuiti offerta tecnica, almeno 60 punti, così suddivisi; - progetto di inserimento lavorativo: da 30 a 40 punti; - progetto tecnico: da 20 a 30 punti; prezzo 40 punti ( o meno).. n.b. la determinazione della quota prezzo già in alcuni bandi è inferiore a vantaggio dell offerta tecnica, entro la quale è compresa l offerta sociale; il progetto tecnico infatti si arricchisce di contenuti e priorità di carattere sociale ma anche prettamente tecnico (prodotti, organizzazione, programmazione, migliorie, ecc ). In ogni caso la sommatoria dei punteggi previsti dal bando deve essere pari a 100. La valutazione della parte progettuale relativa all inserimento lavorativo è effettuata sulla base dei seguenti elementi incidenza occupazionale (numero di persone e monte ore lavorativo inteso come ore lavorative di effettivo servizio) relativamente ai soggetti svantaggiati e disabili: da 9 a 15 punti azioni e modalità riferite alle fasi di reclutamento, selezione e collocazione dei lavoratori inseriti, obiettivi perseguiti con l inserimento lavorativo, modalità organizzative per il loro raggiungimento: da 8 a 10 punti; modalità di organizzazione del lavoro, sistema di gestione e sostegno delle risorse umane, percorsi formativi: da 8 a 10 punti; composizione e professionalità della struttura preposta all attuazione degli obblighi di inserimento lavorativo: da 4 a 5 punti; soluzioni per garantire la continuità del rapporto di lavoro, occasioni di integrazione sociale: da 1 a 3 punti. Della commissione di gara fa parte un esperto in inserimenti lavorativi designato dalla P.A. L incidenza occupazionale dovrebbe essere presa in considerazione anche nell ambito della verifica di congruità dell offerta, con particolare riguardo alla corrispondenza tra il monte ore formulato nell offerta tecnica e quello indicato nell offerta economica. Rinnovi e nuovi affidamenti Il bando potrebbe prevedere la facoltà di ripetizione dei servizi per ulteriori annualità nel rispetto delle condizioni previste dall articolo 57, comma 5, lettera b) del Decreto Legislativo 163/2006. Qualora l attuazione del progetto di inserimento lavorativo non sia conclusa, l impresa chiamata ad eseguire una prestazione già oggetto di un contratto per l inserimento lavorativo è tenuta ad assumere le persone svantaggiate utilizzate dall impresa precedente, garantendo la continuità dei progetti di inserimento lavorativo ed il mantenimento delle condizioni contrattuali in essere qualora più favorevoli. Esecuzione del contratto La violazione dell obbligo di inserire la prevista percentuale di soggetti svantaggiati o appartenenti alle fasce deboli del mercato del lavoro comporta la risoluzione del contratto. L impresa aggiudicataria deve fornire alla P.A. appaltante i seguenti dati elenco di tutti i lavoratori (utilizzando le forme di crittografia previste dal Decreto Legislativo 196/2003 ed eventualmente adottate dalla P.A. nel proprio Documento Programmatico sulla Sicurezza) e relativo numero di matricola INPS; copia del modello CUD. La violazione degli obblighi relativi alla realizzazione del progetto sociale comporta l applicazione di una penale. Il permanere dell inadempimento per più di due trimestri comporta la risoluzione del contratto. 7

8 L aggiudicatario è tenuto al rispetto della disciplina generale delle assunzioni obbligatorie (Legge 68/1999 e s.m.i.). Le penalità indicate nei commi precedenti si applicano anche in caso di violazione di tale disciplina accertata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Trattamento contrattuale del personale destinatario dell inserimento lavorativo Ai lavoratori disabili e svantaggiati inseriti in aziende aggiudicatarie di contratti di fornitura di beni o di servizi con la P.A., dovrà essere assicurato l inquadramento contrattuale con applicazione del Contratto Collettivo Nazionale della categoria di riferimento stipulato con le Organizzazioni Sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale, oppure del Contratto Nazionale delle Cooperative Sociali. Qualora risulti aggiudicataria una cooperativa, l inquadramento delle persone inserite come soci deve contenere le seguenti condizioni: le condizioni retributive e previdenziali non siano peggiorative rispetto al contratto nazionale applicato ai lavoratori dipendenti. In ogni caso le condizioni normative, retributive e previdenziali non possono essere peggiorative rispetto a quelle previste dal contratto nazionale delle cooperative sociali che fa da riferimento per le Tabelle ministeriali previste dall art. 87 del Decr. Legisl. 163/2006, che recepisce le disposizioni della legge 327/2000; che, in linea con quanto previsto dalla legge 381/91, sia data possibilità alle persone inserite di diventare socio della cooperativa, senza escludere la possibilità altresì di essere inquadrato come dipendente; in entrambi i casi devono essere garantite le condizioni minime contrattuali nel rispetto dei contratti sopra citati. I titolari di borse lavoro, i lavoratori in formazione e gli studenti in tirocinio possono fare parte delle condizioni previste dalle clausole sociali in una ottica di percorso propedeutico al lavoro, laddove si esplicitino programmi di accompagnamento e di tutoring mirato all obbiettivo socio-lavorativo. I volontari o comunque coloro che prestano la loro attività alla cooperativa o all ente a titolo gratuito sono da considerarsi apporto aggiuntivo e non sostitutivo dei lavoratori addetti al servizio. Nel caso l impresa aggiudicataria subentri ad una impresa ove erano avviati inserimenti lavorativi di cui al presente regolamento, la nuova impresa si dovrà impegnare ad assumere i lavoratori già inseriti con progetto sociale alle condizioni di miglior favore contrattuale. Qualora il servizio oggetto del contratto risulti ridotto rispetto all affidamento precedente, l Amministrazione chiederà alle parti di incontrarsi per verificare le possibilità di garantire i livelli occupazionali precedenti e costituirà elemento di attribuzione di maggior punteggio la disponibilità a ricollocare gli eventuali lavoratori in esubero in altre attività dell aggiudicataria. Identificazione dei beneficiari dell inserimento al lavoro L individuazione dei soggetti da inserire dovrebbe avvenire sulla base dell intesa tra servizio di riferimento (Servizi Socio-Assistenziali, Centri per l Impiego e le ASL) e soggetto giuridico aggiudicatario, con assenso della persona interessata. Monitoraggio degli inserimenti L attività di monitoraggio complessivo degli inserimenti lavorativi effettuati sarà realizzato dalla P.A. attraverso il confronto partecipato con le associazioni rappresentative dei beneficiari degli inserimenti al lavoro e della imprese affidatarie. L attività di monitoraggio è indirizzata alle seguenti finalità a) favorire l inserimento equilibrato delle diverse tipologie di soggetti svantaggiati e disabili; b) rispondere a specifiche situazioni di emergenza occupazionale; c) verificare, anche in collaborazione con i servizi sociali e sanitari invianti, la congruenza tra mansioni attribuite e progetti di sviluppo delle autonomie dei soggetti da inserire. 8

9 d) Verificare l incidenza delle assunzioni di persone in situazione di svantaggio al lavoro realizzate attraverso il presente regolamento sull insieme delle attività di inserimento realizzate dall aggiudicatario Verifica dell esecuzione dei contratti La P.A. verifica l effettiva attuazione dei progetti di inserimento lavorativo presentati dagli aggiudicatari degli appalti con le seguenti modalità a) La P.A. trasmette ai servizi sociali, sanitari e del lavoro coinvolti copia del progetto di inserimento lavorativo presentato dall aggiudicatario del contratto e delle determinazioni dirigenziali ad esso connesse; b) individuate le persone da inserire, l impresa aggiudicataria invia alla P.A. i progetti individuali di inserimento lavorativo, l elenco di tutti i lavoratori inseriti unitamente al numero di matricola INPS e copia del modello CUD; ciò avverrà ne rispetto della vigente normativa riguardante il trattamento dei dati personali e utilizzando le forme di crittografia previste dal Decreto legislativo 196/2003 c) P.A. verifica l adempimento degli obblighi contrattuali, anche mediante colloqui sul luogo di lavoro con le persone interessate. La violazione dell obbligo di inserire la percentuale e la tipologia di soggetti contrattualmente prevista comporta la risoluzione del contratto. LABORATORI PROTETTI E PROGRAMMI DI LAVORO PROTETTO Citiamo qui anche questa possibilità prevista dal codice degli appalti, art. 52 del dlgs 163/2006, nonostante ne registriamo la difficile applicazione in quanto esplicitamente questa possibilità è riferita a laboratori protetti nel rispetto della normativa vigente, o.. programmi di lavoro protetti quando la maggioranza dei lavoratori interessati è composta di disabili i quali, in ragione della natura o della gravità del loro handicap, non possono esercitare un'attività professionale in condizioni normali. Il bando di gara menziona la presente disposizione. La natura dell intervento deve quindi prevedere un contesto in cui vi sia una maggioranza dei lavoratori disabili (50%) quindi si prevede un lavoro od una attività che possano corrispondere a tali indicazioni. Ambito di applicazione Questa tipologia di affidamento si applica agli appalti la cui esecuzione è riservata a laboratori protetti o programmi di lavoro protetto come definiti dall art. 52 del Decr. Legisl. 163/2006 La riserva dell esecuzione a programmi di lavoro protetto può essere limitata ad una parte dell appalto quando lo stesso preveda parti della prestazione separabili ed autonome elencate nel bando di gara come secondarie ai sensi dell art. 37, comma 2, del Decr. Legisl. 163/2006. La riserva, totale o parziale, dell esecuzione a laboratori protetti o a programmi di lavoro protetto deve in ogni caso essere indicata nel bando di gara e può essere prevista anche per appalti di importo superiore alla soglia di rilievo comunitario. Requisiti di partecipazione Possono essere riconosciuti laboratori protetti ai sensi dell art. 52 del D.lgs. n.163/2006 e s.m.i. i soggetti che possiedono cumulativamente i seguenti requisiti 1. essere un soggetto giuridico, costituito nel rispetto della vigente normativa, che esercita in via stabile e principale un attività economica organizzata; 2. prevedere nei documenti sociali, tra le finalità dell ente, quella dell inserimento lavorativo delle persone disabili; 3. avere nel proprio ambito una maggioranza di lavoratori disabili che, in ragione della natura o della gravità del loro handicap, non possono esercitare un attività professionale in condizioni normali; Possono avvalersi della riserva a favore dei programmi di lavoro protetti anche soggetti giuridici diversi dai laboratori protetti che ricorrono, per l esecuzione dello specifico appalto, all impiego, in numero maggioritario, di lavoratori disabili che, in ragione della natura o della gravità del loro handicap, non possono esercitare un attività professionale in condizioni normali, anche sulla base di accordi conclusi con soggetti operanti nel settore sociale; 9

10 le stazioni appaltanti devono inoltre specificare nel bando di partecipazione il possesso dei requisiti di ordine generale, i requisiti di idoneità professionale, la capacità economica, finanziaria, tecnica e professionale di cui agli artt del D.lgs n.163/2006; specificare nel bando di gara il criterio di selezione delle offerte (prezzo più basso o offerta economicamente più vantaggiosa) e la modalità di verifica delle offerte anormalmente basse di cui agli artt e del D.lgs n.163/2006; disporre le specifiche tecniche relative all appalto conformemente alle previsioni del codice dei contratti (art.68) Per quanto riguarda la capacità economica e finanziaria, occorre precisare che la cifra d affari deve essere proporzionale all importo posto a base di gara. Particolare cura, inoltre, dovrà essere posta nella predisposizione del capitolato d oneri con riferimento agli oneri ed obblighi speciali, quali, a titolo esemplificativo, le modalità ed i tempi di utilizzo del personale disabile per l intera durata del contratto. Modalità di aggiudicazione Gli affidamenti di questa tipologia sono aggiudicate all offerta economicamente più vantaggiosa valutata secondo i seguenti criteri - progetto relativo al programma di lavoro protetto - prezzo - eventuali criteri pertinenti all oggetto dello specifico appalto. Della Commissione di gara fa parte un esperto di inserimenti lavorativi indicato dal P.A. possibilmente tra i dipendenti dell Amministrazione stessa. PROPOSTE RELATIVE AGLI ART. 4 E 5 DELLA LEGGE 381/91 La L.381/91 è il punto di partenza obbligato quando si vuole parlare di strumenti per normare i rapporti tra pubblica amministrazione e cooperazione sociale di tipo B. La sua entrata in vigore, oltre ad aver legittimato e definito le caratteristiche stesse delle cooperative di tipo B, ha esplicitamente fornito indicazioni in materia di procedure amministrative che, se applicate con sistematicità nei vari contesti territoriali, possono ancora esercitare appieno la funzione di volano per la diffusione e lo sviluppo della cooperazione sociale di tipo B. Purtroppo, anche se la cosa può sembrare paradossale, nei rapporti fra Pubbliche Amministrazioni e cooperative sociali, in particolare quelle di tipo B, molto spesso accade che ci si preoccupa ossessivamente delle procedure senza neppure porsi il problema della sostanza (giuridica) dei rapporti, piegata alla logica di procedure già "collaudate" e più o meno "adattate" allo scopo. La conseguenza è che spesso si pongono in essere rapporti di basso profilo, dando un minor rilievo all aspetto dell efficienza e della qualità complessiva del servizio erogato. L aspetto normativo/amministrativo relativo alla specifiche procedure andrebbe interpretato nel più vasto contesto dato dal principio di buona amministrazione e letto in modo sistematico, alla luce, cioè, delle normative di settore (non solo quelle riguardanti gli appalti) che devono caratterizzare i procedimenti coerentemente alle finalità cui tende l azione amministrativa. Gli articoli 4 e 5 sono il fulcro della legge 381 e su essi principalmente si innesta il lavoro di aggiornamento che proponiamo Art. 4 L.381/91 1. Nelle cooperative che svolgono le attività di cui all'articolo 1, comma 1, lettera b), si considerano persone svantaggiate gli invalidi fisici, psichici e sensoriali, gli ex degenti di istituti psichiatrici, i soggetti in trattamento psichiatrico, i tossicodipendenti, gli alcolisti, i minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, i condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione previste dagli articoli 47, 47-bis, 47-ter e 48 della legge 26 luglio 1975, n. 354, come modificati dalla legge 10 ottobre 1986, n. 663 ed i detenuti (come previsto da art.1 L 193/00). Si considerano inoltre persone svantaggiate i soggetti indicati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del 10

11 Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro della sanità, con il Ministro dell'interno e con il Ministro per gli affari sociali, sentita la commissione centrale per le cooperative istituita dall'articolo 18 del citato decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n. 1577, e successive modificazioni. 2. Le persone svantaggiate di cui al comma 1 devono costituire almeno il trenta per cento dei lavoratori della cooperativa e, compatibilmente con il loro stato soggettivo, essere socie della cooperativa stessa. La condizione di persona svantaggiata deve risultare da documentazione proveniente dalla pubblica amministrazione, fatto salvo il diritto alla riservatezza. 3. Le aliquote complessive della contribuzione per l'assicurazione obbligatoria previdenziale ed assistenziale dovute dalle cooperative sociali, relativamente alla retribuzione corrisposta alle persone svantaggiate di cui al presente articolo, sono ridotte a zero. Proposte rispetto all art. 4 della legge 381 Negli ultimi anni stiamo registrando un mutamento delle condizioni dello svantaggio sociale e si sono manifestate e poste all attenzione sia delle cooperative, sia dei servizi territoriali, nuove problematiche sociali che hanno aperto il dibattito sul come considerare le nuove categorie di svantaggio che derivano dai mutamenti e dalle trasformazioni sociali in atto. Il regolamento CEE 2204/2004 (e poi ribadito con il regolamento 800/2008) ha definito le categorie svantaggiate in modo notevolmente più estensivo di quanto aveva fatto il succitato articolo della L. 381/91 e, più recentemente, anche la nuova legge italiana sull impresa sociale riprende queste categorie (vedi art. 2 dlgs 155/06 disciplina dell Impresa Sociale). E necessaria quindi una attenta analisi di questi nuovi bisogni ma nello stesso tempo è importante evitare di creare situazioni svantaggio nello svantaggio. Non serve infatti allargare acriticamente le tipologie di svantaggio, ma tenere invece in considerazione una seria analisi della differenza tra disagio permanente e disagio temporaneo, legando ancora più strettamente il concetto di inserimento socio-lavorativo a quello di progetto individuale finalizzato al recupero dell autonomia della persona e più in generale al proprio percorso di emancipazione. Molte persone infatti si trovano in situazioni compromesse non in modo definitivo, ma perché attraversano percorsi di vita difficili che ne riducono temporaneamente la compatibilità con la condizione di lavoratori, riducendo momentaneamente le capacità produttive. Proprio in questi casi si evidenza la necessità di accoglienza ed accompagnamento specifici. E quindi auspicabile poter lavorare sull articolo in questione, al comma 1, estendendo la definizione di svantaggio anche alle condizioni temporanee di debolezza sociale e/o personale con conseguenti importanti difficoltà ad inserirsi nel mercato del lavoro ed un progetto di inserimento lavorativo redatto con i servizi pubblici competenti concordato dalle cooperative stesse. Questo particolare status di svantaggio non dovrebbe comunque mai superare la durata complessiva (e non prorogabile) di due anni (a decorrere dalla data di assunzione) dopodiché la condizione stessa e relativi benefici decadono. Quali sono Le persone che possono rientrare in questa situazione a nostro parere potrebbero essere, innanzitutto, e comunque a titolo esemplificativo: - le persone vittime di tratta; - i rifugiati politici; 11

12 - le persone che hanno terminato un periodo detentivo (che paradossalmente si trovano ad avere meno strumenti di tutela di quando erano detenuti, vedi al proposito legge Smuraglia del 2000), - i minori/giovani in carico ai servizi sociali che, dopo il 18 anno, abbisognano di un ulteriore periodo di accompagnamento socio-educativo; - altre eventuali categorie da individuare concordemente. Quali sono gli enti certificatori E importante definire CHI può, per competenza e/o per dovere istituzionale, certificare lo stato di disagio temporaneo considerandone anche gli aspetti di territorialità. Se da una parte possono essere i servizi che attualmente certificano per le casistiche dell art. 4, dall altra sembra ovvio il coinvolgimento di altri enti pubblici competenti, in primo luogo i servizi sociali comunali. Art.5. Convenzioni 1. Gli enti pubblici, compresi quelli economici, e le società di capitali a partecipazione pubblica, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della pubblica amministrazione, possono stipulare convenzioni con le cooperative che svolgono le attività di cui all'articolo 1, comma 1, lettera b), ovvero con analoghi organismi aventi sede negli altri Stati membri della Comunità europea, per la fornitura di beni e servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi il cui importo stimato al netto dell'iva sia inferiore agli importi stabiliti dalle direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, purché tali convenzioni siano finalizzate a creare opportunità di lavoro per le persone svantaggiate di cui all'articolo 4, comma Per la stipula delle convenzioni di cui al comma 1 le cooperative sociali debbono risultare iscritte all'albo regionale di cui all'articolo 9, comma 1. Gli analoghi organismi aventi sede negli altri Stati membri della Comunità europea debbono essere in possesso di requisiti equivalenti a quelli richiesti per l'iscrizione a tale albo e risultare iscritti nelle liste regionali di cui al comma 3, ovvero dare dimostrazione con idonea documentazione del possesso dei requisiti stessi. 3. Le regioni rendono noti annualmente, attraverso la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee, i requisiti e le condizioni richiesti per la stipula delle convenzioni ai sensi del comma 1, nonché le liste regionali degli organismi che ne abbiano dimostrato il possesso alle competenti autorità regionali. 4. Per le forniture di beni o servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi, il cui importo stimato al netto dell'iva sia pari o superiore agli importi stabiliti dalle direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, gli enti pubblici compresi quelli economici, nonché le società di capitali a partecipazione pubblica, nei bandi di gara di appalto e nei capitolati d'onere possono inserire, fra le condizioni di esecuzione, l'obbligo di eseguire il contratto con l'impiego delle persone svantaggiate di cui all'articolo 4, comma 1, e con l'adozione di specifici programmi di recupero e inserimento lavorativo. La verifica della capacità di adempiere agli obblighi suddetti, da condursi in base alla presente legge, non può intervenire nel corso delle procedure di gara e comunque prima dell'aggiudicazione dell'appalto. (1) (1) Così sostituito dall'art. 20, L. 6 febbraio 1996, n. 52 Una prima specificazione va fatta sulla definizione di soglia comunitaria per l affidamento di beni e servizi che all articolo 28 del Codice Unico Appalti (Dlgs 163/06); la soglia, che varia ogni due anni, attualmente è posizionata a ,00 uro: Negli ultimi anni la soglia è continuamente diminuita. E un dato oggettivo ma di fatto molto negativo par le cooperative che utilizzano le convenzioni in rapporto agli enti pubblici. Rispetto alle principali categorie merceologiche oggetto del lavoro della cooperazione sociale di tipo B le opportunità di convenzionamento all interno della casistica sottosoglia come previste dall art.5 comma 1 della L.381/91 sono decisamente vaste soprattutto se pensiamo alle esternalizzazioni di servizi 12

13 realizzate da Pubbliche Amministrazioni di dimensioni medio piccole, ed inoltre siamo lontani da un utilizzo pieno di questa possibilità da parte delle Pubbliche Amministrazioni. Il comma 1 dell articolo 5 della L.381/91 (confermato dall'art 52 del Dlgs 163/06 Fatte salve le norme vigenti sulle cooperative sociali e sulle imprese sociali ) è uno strumento estremamente interessante per le cooperative sociali di tipo B in quanto prevede la possibilità, per una Pubblica Amministrazione, di andare in deroga alla disciplina in materia di contratti nel caso in cui questi siano al di sotto della soglia europea. Le convenzioni dirette, in deroga alla normativa sui contratti (previste dal comma 1 dall art. 5 della 381/91), sono una forte opportunità cui ricorrere per far fronte ad obiettivi di integrazione sociale e di inserimento lavorativo di fasce deboli. E questa quindi una possibilità legittima e contemplata dalla legge, frutto di condivisione di un percorso progettuale che vede collaborare Ente locale e cooperativa sociale B per il conseguimento di obiettivi correlati all inserimento -o reinserimento- lavorativo di persone svantaggiate, altrimenti difficilmente collocabili e occupabili. Va inoltre ricordato che l applicazione del comma 1 dell art.5 della L.381/91 non esclude la possibilità per la pubblica amministrazione appaltante di procedere all affidamento alla cooperativa sociale attraverso un procedimento competitivo (appalto riservato alle cooperative di tipo B) se il valore dell appalto è sotto la soglia comunitaria.. Inoltre andare in deroga alla disciplina in materia di contratti può anche significare il ricorso a procedure di affidamento non competitivo che valorizzino la coprogettazione e la concertazione nell ambito di appositi tavoli cui partecipino sia pubbliche amministrazioni che cooperative di tipo B. Proposte rispetto all art. 5 Legge 381/91. Nei rapporti amministrativi la Pubblica Amministrazione dovrebbe tendere a concretizzare il pieno recepimento della L.381/91 (art. 5) ovvero affermare il valore del diritto al lavoro per tutti i cittadini attraverso procedure compatibili alla direttiva europea 18/04 recepita dal Codice degli Appalti e questo potrebbe avvenire attraverso la chiara indicazione di alcune linee procedurali quali: 1. contratti di fornitura di beni e servizi sotto soglia comunitaria con cooperative sociali di tipo b come già previsto ai sensi dell art. 5, comma 1 della Legge 381/1991, in tale contesto rientrano sia le convenzioni dirette che le trattative riservate alle cooperative sociali; 2. contratti di fornitura di beni, servizi e lavori sopra soglia comunitaria con clausola sociale finalizzata all inserimento lavorativo come già previsto dal comma 4 dell art.5 della l. 381/91 (specificando però il vincolo di una percentuale di inserimenti lavorativi di persone svantaggiate non inferiore al 30%); 3. contratti di fornitura di beni, servizi e lavori sopra soglia comunitaria riservati a laboratori protetti o programmi di lavoro protetto (ai sensi art 52 dlgs 163/06 tra questi le cooperative B come successivamente specificato); 4. nella casistica sotto soglia comunitaria procedure di affidamento non competitive che valorizzino la coprogettazione e la concertazione nell ambito di appositi tavoli cui partecipino sia le pubbliche amministrazioni interessate che le cooperative di tipo B (Piani di Zona) Si potrebbe quindi pesare di introdurre nell articolo 5 della l. 381/91 queste opportunità procedurali accompagnate da una specifica, a titolo esemplificativo, per cui TUTTE le Amministrazioni Pubbliche provvedano ad identificare (attraverso delibere attuative dei propri organi deliberanti.) una quota delle proprie forniture di beni e servizi da destinarsi alla cooperazione sociale di inserimento lavorativo Stanziamenti di bilancio della P.A. per la realizzazione degli inserimenti lavorativi anche in contratti sovra soglia inserendo le cosiddette clausole sociali. Si propone cioè che le P.A. prevedano una percentuale di almeno il x% dell importo complessivo degli affidamenti a terzi di lavori e forniture di beni e servizi ad iniziative volte a favorire la crescita dell occupazione 13

14 attraverso contratti che in armonia con quanto previsto dalla legislazione italiana e comunitaria promuovano l inserimento occupazionale di lavoratori svantaggiati e lavoratori disabili. Va precisato che l'aggiudicazione dei contratti di cui sopra dovrà avvenire esclusivamente mediante procedura ad evidenza pubblica con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Riassumendo gli affidamenti potrebbero quindi essere espletati attraverso tre tipologie di procedure 1. contratti di fornitura di beni, servizi e lavori sopra soglia comunitaria con clausola sociale finalizzata all inserimento lavorativo come già previsto dal comma 4 dell art.5 della l. 381/91 (specificando però il vincolo di una percentuale significativa di inserimenti lavorativi di persone svantaggiate non inferiore al 30%) prevedendo, in base a quanto previsto dagli articoli 2 e 69 del d.lgs 163/06 ovvero la congrua valutazione del progetto sociale come parte integrante del progetto tecnico; 2. contratti di fornitura di beni e servizi sotto soglia comunitaria con cooperative sociali di tipo b ai sensi dell art. 5, comma 1 della Legge 381/1991; 3. contratti di fornitura di beni, servizi e lavori sopra soglia comunitaria riservati a laboratori protetti o programmi di lavoro protetto (ai sensi art 52 dlgs 163/06 come precisato dalla determina n. 2/2008 dalla Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture). Giancarlo Brunato Allegate schede bandi con clausole sociali 14

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DI PERSONE CON DISABILITA ATTRAVERSO LE PROCEDURE CONTRATTUALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali

Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali Art. 1 (Definizione) 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale».

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale». L. 8 novembre 1991, n. 381 Disciplina delle cooperative sociali 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale N. 62 del 02/04/2009

Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale N. 62 del 02/04/2009 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE Approvato

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO INDICE 1 Titolo I - Disposizioni generali Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Il testo del presente Regolamento è stato approvato con deliberazione del Consiglio provinciale

Dettagli

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23)

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23) giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1357 del 26 maggio 2008 pag. 1/7 Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006,

Dettagli

"!#$!")*!$$!"$$$$ $!,$!"!"!! "$!-#$'9$%!7!!! $!&!!!#!& #8"# ( - &!!!! 9 $!& "!! "!#!")*'&&! $! #!# "$ $#!%%! 9 :''

!#$!)*!$$!$$$$ $!,$!!!! $!-#$'9$%!7!!! $!&!!!#!& #8# ( - &!!!! 9 $!& !! !#!)*'&&! $! #!# $ $#!%%! 9 :'' !"#$! %$& % &! "# $! "& "$ $#!%%!!!#$ ''!!!!"'!($#&"!#$!")*+! "!! %% "!# $!")*!! "$!(,#)!"$!#!#!!$#!%%!!!#$ ''! ""! "!# $*!#)%" ''! ""! $#& '! % %$ "& $*-$. ""#! (&! +/01 2 (/30/ + 45 00 &/3067 '!"!#'"%%%!'!8!!!$-#$%!7+

Dettagli

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Area affari generali e servizi istituzionali

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Area affari generali e servizi istituzionali Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Area affari generali e servizi istituzionali REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO ================

Dettagli

Terzo settore e inserimento lavorativo. Carlo De Angelis ottobre 2009

Terzo settore e inserimento lavorativo. Carlo De Angelis ottobre 2009 Terzo settore e inserimento lavorativo Carlo De Angelis ottobre 2009 Obiettivi generali Per affermare il Welfare dei Diritti è necessario superare le forme assistenziali e sviluppare le attività di promozione

Dettagli

REGOLAMENTO -TIPO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

REGOLAMENTO -TIPO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO REGOLAMENTO -TIPO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con Delibera consiliare n. 19 del 27/03/2014 Titolo I - Disposizioni generali

Dettagli

Leggi di riferimento sulle cooperative

Leggi di riferimento sulle cooperative Leggi di riferimento sulle cooperative Legge 8 novembre 1991, n. 381 - Disciplina delle cooperative sociali (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 283) Art. 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEI SOGGETTI SVANTAGGIATI E DELLE PERSONE CON HANDICAP ATTRAVERSO I CONTRATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEI SOGGETTI SVANTAGGIATI E DELLE PERSONE CON HANDICAP ATTRAVERSO I CONTRATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Prospettive assistenziali 165 gennaio-marzo 2009 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEI SOGGETTI SVANTAGGIATI E DELLE PERSONE CON HANDICAP ATTRAVERSO I CONTRATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MARIA GRAZIA BREDA

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Titolo I - Disposizioni generali Art. 1 Finalità del Regolamento Art. 2 Beneficiari Art. 3 Strumenti

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.62 del 14/10/2014 PREC 95/14/S OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Ecosprint

Dettagli

L affidamento alle cooperative sociali e la problematica degli appalti riservati: l impostazione della questione

L affidamento alle cooperative sociali e la problematica degli appalti riservati: l impostazione della questione L affidamento alle cooperative sociali e la problematica degli appalti riservati: l impostazione della questione di Lino Bellagamba www.linobellagamba.it 1. Gli appalti riservati nella direttiva Cfr. l

Dettagli

Linee d'indirizzo per la realizzazione di appalti pubblici che facilitino inserimenti lavorativi delle persone in condizione di svantaggio

Linee d'indirizzo per la realizzazione di appalti pubblici che facilitino inserimenti lavorativi delle persone in condizione di svantaggio Linee d'indirizzo per la realizzazione di appalti pubblici che facilitino inserimenti lavorativi delle persone in condizione di svantaggio Premessa La condizione di fragilità occupazionale riguarda fasce

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Titolo I - Disposizioni generali Art. 1 Finalità del Regolamento Art. 2 Beneficiari Art. 3 Strumenti

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello LE COOPERATIVE SOCIALI Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello 11 novembre 2014 LEGGE 8 novembre 1991 n. 381 Art. 1 Definizione Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l INTERESSE GENERALE

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA Il presente Regolamento si ispira ai principi della Legge-quadro per l'assistenza,

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Fondo regionale per l'occupazione dei disabili)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Fondo regionale per l'occupazione dei disabili) Legge regionale 3 aprile 2000, n. 24. Norme per favorire l'occupazione dei disabili. (BUR 41 del 13.04.2000) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, considerando di preminente interesse tutte le attività volte

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n.

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. 333/2000 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 27 febbraio

Dettagli

COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI

COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI a cura della COMMISSIONE LAVORO dell UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI DI COSENZA (Carmen Gigliotti, Piero Maccarrone, Luigi Sposato, Sandra Veneziano, Emanuela

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

5. SOGGETTI AMMESSI E CRITERIO DI SCELTA DEL CONTRAENTE.

5. SOGGETTI AMMESSI E CRITERIO DI SCELTA DEL CONTRAENTE. AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DEL CAPOLUOGO MEDIANTE CONVENZIONE CON COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B). PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. Codice CIG: 6358762865 Con determinazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 29 del 27 aprile

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT APPARTENENTI ALLE CATEGORIE SVANTAGGIATE DI CUI ALLA LEGGE 381/91.

UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT APPARTENENTI ALLE CATEGORIE SVANTAGGIATE DI CUI ALLA LEGGE 381/91. COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 Cod. Fiscale n. 01423040920 Tel 07096040218 219 220 221 - Fax 07096040243 Sito Web: www.sansperate.net Email: socialeculturale@sansperate.net UFFICIO

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale;

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale; Legge Regionale 17 febbraio 2005, n. 9 "Norme sulla cooperazione sociale" B.U.R. 4 marzo 2005, n. 10 Art.1 (Oggetto e finalità) 1. Con la presente legge la Regione riconosce il rilevante valore e la finalità

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08)

Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08) Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08) Art. 1 Strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi. Nell

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

TRA. La PROVINCIA DI BERGAMO rappresentata da.

TRA. La PROVINCIA DI BERGAMO rappresentata da. CONVENZIONE QUADRO PER LA SPERIMENTAZIONE DI UN MODELLO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE NEL MERCATO DEL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI CHE PRESENTINO PARTICOLARI DIFFICOLTA D INSERIMENTO NEL CICLO LAVORATIVO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

SELEZIONE DI GARE CHE PREVEDONO CLAUSOLE SOCIALI (COMUNI E SOCIETÀ PARTECIPATE)

SELEZIONE DI GARE CHE PREVEDONO CLAUSOLE SOCIALI (COMUNI E SOCIETÀ PARTECIPATE) SELEZIONE DI GARE CHE PREVEDONO CLAUSOLE SOCIALI (COMUNI E SOCIETÀ PARTECIPATE) Comune di Monza Custodia, vigilanza e pulizia palestre scolastiche annesse alle scuole elementari e medie L importo complessivo

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL PROGETTO MOBILITA SOCIALE Art.1 Oggetto del Capitolato Il progetto di mobilità sociale è uno strumento necessario per poter superare l estrema

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

LINEE GUIDA PREMESSO

LINEE GUIDA PREMESSO LINEE GUIDA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, DEL SOSTEGNO ALL'OCCUPAZIONE E DELLA ECOSOSTENIBILITÀ NELL'AMBITO DELL AFFIDAMENTO DI SERVIZI SANITARI E SOCIALI DI CUI ALLA CAT. 25 DELL'

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

Famiglia, Scuola e Politiche Sociali. Settore Servizi Adulti in difficoltà PROPOSTA DI DELIBERAZONE DI GIUNTA COMUNALE

Famiglia, Scuola e Politiche Sociali. Settore Servizi Adulti in difficoltà PROPOSTA DI DELIBERAZONE DI GIUNTA COMUNALE DIREZIONE CENTRALE FAMIGLIA, SCUOLA E POLITICHE SOCIALI H50 SETTORE SERVIZI PER ADULTI IN DIFFICOLTA P.G. n 939398/2009 PROPOSTA DI DELIBERAZONE DI GIUNTA COMUNALE O G G E T T O Istituzione di un Elenco

Dettagli

Allegato A. Linee guida per l affidamento di servizi alle cooperative sociali di inserimento lavorativo

Allegato A. Linee guida per l affidamento di servizi alle cooperative sociali di inserimento lavorativo Allegato A Linee guida per l affidamento di servizi alle cooperative sociali di inserimento lavorativo 1. Finalità ed oggetto delle Linee guida Al fine di riconoscere ed incentivare il ruolo delle cooperative

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

- 1 - Art. (Interventi nei settori produttivi)

- 1 - Art. (Interventi nei settori produttivi) - 1 - (Interventi nei settori produttivi) 1. Le stazioni appaltanti presenti sul territorio regionale hanno facoltà di introdurre ulteriori criteri di affidamento dei lavori ad imprese locali, in possesso

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737 PROT. N. _1815_ Li, 29/01/2016 BANDO DI GARA PER APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737 1. AMMINISTRAZIONE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Proposta di legge sul precariato Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Art. 1 (Sostegno del reddito, formazione, previdenza

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 10 DEL 4 MARZO 2005

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 10 DEL 4 MARZO 2005 LEGGE REGIONALE 17 FEBBRAIO 2005, N. 9 «Norme sulla cooperazione sociale». BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 10 DEL 4 MARZO 2005 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA MODULO A PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA (da presentare, in carta libera, da parte delle Società singole, Consorzi e Consorziate,

Dettagli

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Il giorno 27 del mese di Luglio dell anno 2005 tra Legacoop Bund di Bolzano, rappresentata da Alberto Stenico Ulderico Micocci e Iris Cagalli Confcooperatve

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Progetti di Inclusione sociale e Inserimento lavorativo Sambuca di Sicilia (AG) 23 Marzo 2012 Presentazione Politiche e servizi

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres.

L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres. L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres. Regolamento recante requisiti e modalità per il riconoscimento della qualifica di fattoria

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTA (Deliberazione G.R. 39/9 del 26.09.2013) Programma 2013 Integrazione Direttive Giunta Comunale

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Bando di gara d appalto a procedura ristretta accelerata C.I.G. n. 0293732B4D

Bando di gara d appalto a procedura ristretta accelerata C.I.G. n. 0293732B4D Bando di gara d appalto a procedura ristretta accelerata C.I.G. n. 0293732B4D SEZIONE I AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Ministero delle Infrastrutture e

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA REGIONE ABRUZZO L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. Per "vita indipendente", nell'ambito delle presenti linee-guida, si intende

Dettagli