Redditi di lavoro dipendente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Redditi di lavoro dipendente"

Transcript

1 Redditi di lavoro dipendente Capitolo PREMESSA 5.2 IL LAVORO DIPENDENTE 5.3 FORME DI LAVORO DIPENDENTE FLESSIBILE 5.4 INDENNITÀ SOSTITUTIVE DI LAVORO DIPENDENTE 5.5 PENSIONI 5.6 REDDITI ASSIMILATI AL LAVORO DIPENDENTE 5.7 LA CERTIFICAZIONE DEI REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI 5.8 ALCUNI REDDITI ESENTI

2 REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 5.1 Premessa L'evoluzione del mercato del lavoro e le principali tipologie di rapporti di lavoro dipendente Il lavoro subordinato a tempo indeterminato, svolto "alle dipendenze e sotto la direzione del datore di lavoro", ha rappresentato in passato la condizione "normale" del rapporto di lavoro. Negli anni, anche a seguito dei molti interventi del legislatore, sono aumentate in maniera considerevole le forme di lavoro dipendente flessibile, caratterizzate da esigue tutele e ridotti costi contributivi. È l'universo del "nuovo" lavoro dipendente, che prevede occupazioni mordi e fuggi ma regolari. Si tratta in pratica di forme di lavoro estremamente flessibili, povere di garanzie per chi lavora ma ricche di agevolazioni per i datori di lavoro. Il processo è stato portato a compimento con la Legge n. 30/2003 ed ha subito ulteriori importanti modifiche con la Legge n. 92/2012 Riforma del mercato del lavoro. L'accesso al lavoro è del tutto privatizzato, e dal mercato del lavoro il datore di lavoro (privato o pubblico) sceglie la forza lavoro che gli serve, per il tempo che gli serve, con la forma contrattuale che la legge propone. 5.2 Il lavoro dipendente Il rapporto di lavoro subordinato è regolato dagli artt ss. del codice civile e da un elevato numero di leggi speciali. La forma tipica di rapporto di lavoro dipendente è: A tempo indeterminato con retribuzione fissata dai contratti collettivi stipulati tra i sindacati dei lavoratori e i datori di lavoro. DIRITTI strutturati in materia di stabilità del posto di lavoro, copertura previdenziale e antinfortunistica e diritto a prestazioni in denaro garantite in situazioni di: vecchiaia, invalidità, malattia, maternità, infortunio, disoccupazione DOVERI che consistono essenzialmente nell'esecuzione diligente delle mansioni inerenti la propria qualifica, nel rispetto dell'orario di lavoro e degli altri obblighi stabiliti dai regolamenti aziendali e/o dai contratti collettivi. I redditi di lavoro dipendente sono quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro. Parimenti sono considerati redditi di lavoro dipendente gli interessi e la rivalutazione sui crediti di lavoro.

3 Lavoro domestico Lavoro prestato esclusivamente per la necessità familiare del datore di lavoro (ad esempio colf, bambinaie e badanti). Il datore di lavoro non è mai sostituto d imposta e non può trattenere l IRPEF sullo stipendio erogato al dipendente, provvede solo a versare i contributi previdenziali ed assistenziali. Frontalieri Lavoratori che risiedono in Italia e che, quotidianamente, si recano all estero in zone di frontiera od in paesi limitrofi per svolgere la loro prestazione di lavoro dipendente. Lavoro dipendente prestato all estero Si tratta di lavoro prestato da: lavoratori con residenza in Italia e che prestano la loro attività nel paese estero per meno 183 giorni; lavoratori con residenza in Italia e che prestano la loro attività nel paese estero per un periodo superiore a 183 giorni; lavorati con nazionalità italiana che risiedono e prestano la loro attività nel paese estero. 5.3 Forme di lavoro dipendente flessibile APPRENDISTATO Si tratta di Tipo una disciplina di contratto regolata esistente da ultimo da dal lungo D.Lgs tempo, n. 167/2011 ma sempre Testo Unico dell Apprendistato abbondantemente che utilizzato lo definisce dalle un imprese contratto per di i vantaggi lavoro a in tempo tema indeterminato di minor finalizzato costo alla formazione del lavoro e (retribuzione all occupazione minore dei giovani e sgravi e ne individua tre contributivi); tipologie: destinato ai lavoratori più giovani, privi di qualifica, 1. per la qualifica che viene e per conseguita il diploma al termine professionale del contratto. (stipulato con soggetti tra i 15 e i 25 Con anni); la Legge 30/03 si allontana ulteriormente dalle sue finalità 2. professionalizzante storiche, o eliminando contratto di l obbligo mestiere della (stipulato formazione con soggetti esterna tra i 18 e i 29 all azienda; anni); è destinato a giovani dai 16 ai 29 anni, e la durata 3. di alta formazione massima è e di ricerca 6 anni. (stipulato con soggetti tra i 18 e i 29 anni). E possibile assumere in apprendistato lavoratori in mobilità per i quali non trovano applicazione i limiti di età. CONTRATTO DI INSERIMENTO Questa tipologia di contratto trova applicazione fino al in quanto è stata abrogata dalla Legge 92/2012 Riforma del mercato del lavoro. Fu istituito con la Legge 30/03 in sostituzione dei contratti di formazione lavoro e consente (fino al ) di assumere di fatto a termine, lavoratori privi della qualifica richiesta e di formarli durante il lavoro, integrandolo con un piano di formazione. Fornisce all impresa vantaggi in tema di minor costo del lavoro e permette di abbassare i livelli di inquadramento e le retribuzioni. Possibili destinatari: giovani tra i 18 e 29 anni, disoccupati di lunga durata (più di 12 mesi), da 29 a 32 anni d età, lavoratori che non hanno lavorato per almeno 2 anni, donne, disabili e ultracinquantenni. In generale il contratto ha una durata compresa tra i 9 e i 18 mesi, elevabili a 36 nel caso di lavoratori diversamente abili.

4 SEGUE FORME DI LAVORO DIPENDENTE FLESSIBILE CONTRATTI A TERMINE Un tempo previsti solo in attività stagionali o per sostituire lavoratori assenti temporaneamente, sono ora praticamente liberalizzati. Questo tipo di contratto ha la particolarità che la sua risoluzione è stabilita al momento della stipula. La durata massima di un rapporto di lavoro a tempo determinato con la stessa azienda è di 36 mesi. PART TIME Il lavoratore ha un orario ridotto rispetto a quello del settore, in base a esigenze personali o aziendali; può essere orizzontale (solo la mattina), verticale (solo alcuni giorni della settimana, solo in alcuni periodi dell anno) o misto quando esistono contemporaneamente entrambe le forme. La Legge 30/03 prevede la stipula di clausole elastiche o flessibili relativamente alla distribuzione dell orario di lavoro. Il part time è possibile sia per contratti a tempo determinato che per contratti a tempo indeterminato. LAVORO SOMMINISTRATO Il lavoro somministrato, ex lavoro interinale, è un contratto in base al quale l impresa (utilizzatrice) può richiedere manodopera ad agenzie o intermediari specializzati (somministratori), a tempo determinato o indeterminato. Fa eccezione la pubblica amministrazione che può stipulare contratti di somministrazione solo a tempo determinato. Con il contratto commerciale di somministrazione il somministratore (agenzia), mette a disposizione dell utilizzatore (azienda) uno o più lavoratori assunti direttamente dall agenzia, affinché svolgano la propria attività lavorativa sotto il potere direttivo e di controllo dell impresa utilizzatrice. Le imprese potranno affittare temporaneamente lavoratori anche in assenza di straordinarie e temporanee esigenze, definite da legge o Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Il lavoratore (dipendente del somministratore) ha diritto a condizioni di base di lavoro e d occupazione complessivamente non inferiori a quelle dei dipendenti di pari livello dell utilizzatore a parità di mansioni svolte. LAVORO A CHIAMATA o INTERMITTENTE Il lavoratore ha un contratto, ma non sa quando lavorerà e quanto potrà guadagnare; resta a disposizione dell azienda, che potrà chiamarlo con un preavviso di un giorno. Per i periodi di attesa dovrebbe ricevere un indennità di disponibilità di importo ancora vago, ma non può accettare altri impieghi. Se rifiuta la chiamata senza giustificato motivo, perde il lavoro e deve pagare i danni all impresa. E possibile stipulare più contratti di lavoro intermittente con più datori di lavoro. LAVORO RIPARTITO Due lavoratori potranno essere assunti per svolgere un unica prestazione lavorativa, potranno sostituirsi tra loro, scambiarsi l orario garantendo però sempre l intera prestazione. Se uno dei due si dimetterà o sarà licenziato, anche l altro perderà il lavoro.

5 5.4 Indennità sostitutive di lavoro dipendente cosidetti ammortizzatori sociali TIPOLOGIA CHE COS È A CHI SPETTA QUANDO SPETTA CIG cassa integrazione guadagni ordinaria CIG cassa integrazione guadagni straordinaria Mobilità Disoccupazione ordinaria Intervento a sostegno delle imprese in difficoltà che garantisce al lavoratore un reddito sostitutivo della retribuzione. Intervento a sostegno delle imprese in difficoltà che garantisce al lavoratore un reddito sostitutivo della retribuzione. Indennità economica erogata ai lavoratori licenziati, per una durata minima di 12 mesi e fino ad un massimo di 36 mesi, sono previsti interventi superiori nelle aree del Mezzogiorno. Indennità per lavoratori dipendenti. Bisogna essere assicurati all INPS da almeno due anni ed avere almeno 52 settimane di accredito contributivo nel biennio precedente la data di cessazione del rapporto di lavoro. A operai, impiegati e quadri di aziende industriali in genere, di imprese industriali ed artigiane del settore edile e lapideo, esclusi gli apprendisti e i dirigenti. Operai, impiegati e quadri di aziende industriali (anche edili), aziende appaltatrici di servizi di mensa, ristorazione, pulizia, delle imprese commerciali, di spedizione e trasporto, agenzie di viaggio e turismo con più di 50 dipendenti e delle imprese di vigilanza. Prestazione che spetta ai lavoratori dipendenti che sono stati collocati dalla loro azienda in liste di mobilità compilate dai Centri per l'impiego. Spetta ai lavoratori, assicurati contro la disoccupazione, che siano stati licenziati. Non spetta ai lavoratori che si dimettano volontariamente, salvo nei casi di dimissioni per giusta causa (ad esempio: mancato pagamento della retribuzione, molestie sessuali) o che si dimettono entro un anno dalla nascita del figlio. In caso di sospensione o riduzione dell'attività produttiva dovuta ad eventi temporanei non imputabili all'imprenditore o ai lavoratori. Quando l'azienda si trova in una delle seguenti condizioni: ristrutturazione, riorganizzazione, conversione, crisi aziendale, procedure concorsuali. A seguito di: esaurimento della cassa integrazione straordinaria licenziamento per riduzione del personale o trasformazione di attività licenziamento per cessazione dell'attività da parte dell'azienda. Dal la domanda va presentata subito dopo la cessazione del rapporto di lavoro Viene corrisposta, dalla data di cessazione del lavoro, per: 240 giorni se il lavoratore ha meno di 50 anni di età, massimo 360 giornate se il lavoratore ha età superiore a 50 anni.

6 TIPOLOGIA CHE COS È A CHI SPETTA QUANDO SPETTA Disoccupazione a requisiti ridotti Disoccupazione agricola Malattia Maternità Indennità per lavoratori dipendenti precari o stagionali erogata per i giorni di disoccupazione involontaria. Indennità economica per gli operai agricoli erogata per i giorni di disoccupazione involontaria, la legge n. 247/2007 ha modificato le regole per stabilire l importo della prestazione. Indennità che viene pagata, in sostituzione della retribuzione, ai lavoratori che si ammalano. Indennità sostitutiva della retribuzione spettante alla madre naturale o in caso di adozione o affido. Lavoratori licenziati che non possono far valere 52 settimane di accredito contributivo negli ultimi due anni, ma che nell anno precedente abbiano lavorato almeno 78 giornate, comprese le festività e le giornate di assenza indennizzate, risultino assicurati da almeno due anni e possano far valere almeno un contributo settimanale prima del biennio precedente la domanda. Spetta ai lavoratori iscritti negli elenchi dei lavoratori agricoli e l'importo del trattamento di disoccupazione varia in base al numero di giorni lavorati. Spetta ai lavoratori dipendenti. Con l istituzione della Cassa Colf, particolari condizioni sono previste per i lavoratori domestici che, fino ad oggi, erano esclusi da questa indennità. Alle lavoratrici dipendenti ed autonome; alle libere professioniste e alle lavoratrici iscritte alla Gestione separata INPS. Spetta, in casi particolari, al padre lavoratore, in alternativa alla madre lavoratrice. A partire dal spetta, di regola, per un numero di giornate pari a quelle effettivamente lavorate nell anno precedente e per un massimo di 180 giornate. La domanda va presentata entro il 31 marzo dell anno successivo la cessazione del rapporto di lavoro. Dal spetta di regola un trattamento economico per i lavoratori che lavorano con un minimo di 51 giornate per anno agrario, e raggiungono almeno 102 giornate nell ultimo biennio. In caso di malattia, previo invio all INPS e al datore di lavoro del certificato medico e il conseguente rispetto delle fasce orarie di controllo. La madre ha diritto ad assentarsi dal lavoro per un periodo di 5 mesi (7 /8 mese di gravidanza fino a 3 /4 mese di vita del bambino astensione obbligatoria). I genitori, anche contemporaneamente possono fruire del congedo parentale (ex astensione facoltativa, per un massimo di 11 mesi), a retribuzione ridotta, dopo la nascita del figlio e fino a 8 anni di età.

7 TIPOLOGIA CHE COS È A CHI SPETTA QUANDO SPETTA Tbc e post tubercolare ente erogante INAIL Indennità temporanea per infortunio * Erogazioni da enti diversi Cassa edile Erogazioni da enti diversi Cassa artigiani Indennità sostitutiva o integrativa della retribuzione. indennità che viene pagata, in sostituzione della retribuzione, ai lavoratori che si infortunano sul lavoro oppure durante il tragitto per recarsi al lavoro, o affetti da una malattia professionale. Prestazione di natura economica o indennità integrativa della retribuzione: si tratta, in particolare, del pagamento delle ferie e della gratifica natalizia. Altre prestazioni sono ad esempio: - il premio annuo per l'anzianità professionale edile APE : prestazione retributiva erogata al momento del pensionamento. Indennità erogata da fondi costituiti da enti bilaterali su base regionale a sostegno del reddito. Ai lavoratori dipendenti e ai loro familiari (coniuge, figli, fratelli, sorelle, genitori) malati di tubercolosi. Ai lavoratori dipendenti e ai lavoratori autonomi o parasubordinati che per obbligo normativo sono iscritti all INAIL. Lavoratori edili Lavoratori dipendenti di imprese artigiane. L'INPS paga le indennità economiche, mentre l'assistenza sanitaria è a carico del Servizio Sanitario Nazionale. In caso di infortunio, previa segnalazione all INAIL da parte della ditta. Spetta se l impresa presso cui il lavoratore presta lavoro aderisce ed effettua versamenti alla cassa erogante. Di norma si tratta di indennità erogate a dipendenti di aziende in crisi che non possono usufruire di altri ammortizzatori sociali come ad esempio la CIG, ecc. * Risarcimento danno permanente per infortunio sul lavoro o malattia professionale: non è considerato reddito e dunque non è assoggettabile ad imposta. Esempi: - Rendita INAIL per inabilità permanente (totale o parziale), - Rendita per caso di morte spettante ai superstiti.

8 5.5 Pensioni La pensione è il trattamento economico periodico e continuativo corrisposto al lavoratore (dipendente, autonomo o libero professionista) nel momento in cui cessa l attività lavorativa per il raggiungimento dell età pensionabile fissata per legge (pensione di vecchiaia) o per anzianità contributiva maturata (pensione di anzianità), oppure negli altri casi, in rapporto alle condizioni di salute e alla conseguente impossibilità di svolgere un lavoro (pensione d invalidità) o al grado di parentela con un assicurato o un pensionato defunti (pensione di reversibilità). E erogata da Enti pubblici di previdenza sociale e da altri organismi, anche privati, di previdenza speciale, PENSIONI cui sono stati versati i contributi obbligatori durante gli anni di lavoro Dalla prestazione di lavoro subordinato / autonomo e dai versamenti contributivi obbligatori per legge, effettuati dai lavoratori e dai datori di lavoro presso casse e/o enti previdenziali (es. INPS ex INPDAP ex ENPALS) derivano : pensioni pubbliche : sono di varie tipologie e possono essere erogate direttamente al titolare o ai superstiti pensioni dirette : il soggetto che percepisce la pensione è lo stesso che ha maturato i requisiti per il diritto pensioni ai superstiti o di reversibilità : il soggetto che percepisce la pensione è il coniuge o il figlio minore (oppure maggiorenne in particolari condizioni). In presenza di coniuge e figli viene erogata pro quota a ciascuno di essi Il casellario delle pensioni (costituito presso l INPS) Tutte le pensioni pubbliche e private sono memorizzate presso il Casellario centrale delle pensioni, costituito presso l INPS: si tratta di un contenitore di tutti i dati relativi alle pensioni. Gli enti erogatori di pensioni (es. INPS) sono tenuti a trasmettere al "casellario delle pensioni", entro il mese di febbraio, i dati relativi ai trattamenti pensionistici che verranno erogati nel corso dell'anno. Il casellario centrale, entro il mese di giugno, individua i soggetti titolari di due o più trattamenti pensionistici, calcola l IRPEF sulla somma di tutti i trattamenti, determina le detrazioni eventualmente spettanti e comunica agli enti erogatori l'aliquota d'imposta e le detrazioni da operare. Pensioni estere Sono pensioni estere quelle corrisposte da un ente pubblico o privato di uno Stato estero a seguito del lavoro prestato e percepito da un soggetto residente in Italia. Le pensioni erogate da enti esteri si distinguono in pubbliche e private e in base alle eventuali convenzioni, in vigore con alcuni Paesi, contro le doppie imposizioni vanno tassate in maniera diversa a seconda che siano: pubbliche le pensioni erogate a seguito di lavoro svolto presso lo Stato estero, le pubbliche amministrazioni, gli enti locali. In generale queste pensioni sono imponibili soltanto nello Stato da cui provengono. private le pensioni erogate a seguito di lavoro svolto presso le ditte private. In linea generale tali pensioni sono imponibili soltanto nel Paese di residenza del beneficiario.

9 5.6 Redditi assimilati al lavoro dipendente La disciplina dei redditi di lavoro dipendente è stata estesa ad altri redditi che sono definiti assimilati in quanto percepiti in mancanza di un rapporto di lavoro subordinato. Alcuni dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente sono assoggettati allo stesso regime fiscale del reddito di lavoro dipendente vero e proprio e vanno indicati nella stessa sezione del quadro del modello di dichiarazione (modelli 730 o Unico). Altri, dei redditi assimilati, vanno invece indicati nel medesimo quadro del modello di dichiarazione, ma in una diversa sezione e sono assoggettati ad un trattamento fiscale differente da quello dei redditi di lavoro dipendente (diverso importo delle detrazioni per lavoro ed in alcuni casi il reddito non viene certificato dal CUD). Redditi assimilati al lavoro dipendente Compensi derivanti da co.co.co. e lavoro a progetto Compensi derivanti da collaborazione coordinata occasionale Borse di studio (se da dichiarare) Indennità e compensi a carico di terzi Fondi pensione Indennità per pubbliche funzioni elettive e non elettive Rendite vitalizie e a tempo determinato Assegni periodici di mantenimento Attività intramuraria (o intramoenia) Compensi percepiti per lavori socialmente utili Compensi percepiti da soci di cooperative di produzione e lavoro Collaborazione Coordinate e Continuative e Lavoro a Progetto Co.Co.Co. Contratto di lavoro atipico, regolato dal solo punto di vista fiscale e previdenziale. La prestazione non deve essere occasionale, ma ripetuta nel tempo sulla base di un accordo tra collaboratore e impresa committente. Fiscalmente è un reddito assimilato al lavoro dipendente. Si tratta di: collaborazioni editoriali; funzioni di amministratore o sindaco di società ed enti; prestazione di consulenze; collaborazioni della più varia natura, traduzioni, esecuzione di disegni, progetti, etc. Il committente opera sui compensi, oltre alle ritenute IRPEF, anche una trattenuta previdenziale. Il lavoro a progetto Co.pro. Il contratto individuale deve avere come oggetto la realizzazione di un progetto e dovrebbe avere sempre una durata definita. La persona dovrà lavorare in autonomia anche se dovrà coordinarsi con l'organizzazione dell'impresa. La "retribuzione" sarà assimilata ai compensi dei lavoratori autonomi che lavorano nella stessa zona. Il contratto si risolve al termine del progetto, oppure per giusta causa. Non rientrano nelle disposizioni del lavoro a progetto : le professioni intellettuali che richiedono l'iscrizione in appositi albi professionali; i rapporti di co.co.co. in favore delle associazioni sportive dilettantistiche; amministratori, sindaci, revisori delle società e partecipanti a collegi e commissioni; coloro che percepiscono la pensione di vecchiaia. Nel settore del pubblico impiego possono essere stipulati contratti di lavoro a progetto o collaborazioni coordinate e continuative solo per alcune attività definite dalle norme attualmente in vigore. Salvo prova contraria a carico del committente, i rapporti di co.co.co anche a progetto, sono considerati rapporti di lavoro subordinato se l attività del collaboratore è svolta con le stesse modalità di quella svolta dai dipendenti dell azienda committente.

10 Collaborazioni Coordinate e Continuative occasionali (mini co.co.co) Si tratta di collaborazioni coordinate e continuative di "portata limitata" che, nello stesso anno solare e con lo stesso committente, hanno una durata complessiva non superiore a 30 giorni e prevedono un compenso complessivo non superiore a 5.000,00. Il lavoratore agisce in assenza di rischio economico e senza mezzi organizzati d'impresa; gode inoltre di autonomia organizzativa circa le modalità, il tempo e il luogo dell'adempimento. In quanto coordinate, questo tipo di collaborazioni sono caratterizzate da un costante coordinamento tra l'attività del lavoratore e il ciclo produttivo del committente. Nel caso in cui i limiti temporali e retributivi non vengono rispettati, il rapporto di co.co.co. occasionale diventa lavoro a progetto. Fiscalmente la co.co.co. occasionale è reddito assimilato al lavoro dipendente e si distingue dal lavoro autonomo occasionale che è trattato come reddito diverso. Indennità e compensi a carico di terzi Le somme percepite dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità, ad esclusione di quelli che, per clausola contrattuale, devono essere riversati al datore di lavoro e di quelli che per legge devono essere riversati alla Stato. Borse di studio Le somme percepite a titolo di borse di studio o sussidio, premio o assegno per fini di studio o di addestramento professionale costituiscono reddito di lavoro dipendente a meno che non sia prevista una esenzione specifica. Fondi pensione I trattamenti periodici corrisposti dai fondi pensione a fronte dei versamenti effettuati per previdenza complementare. Indennità per pubbliche funzioni elettive e non elettive Le pubbliche funzioni elettive (consiglieri e assessori degli enti territoriali, parlamentari nazionali ed europei, etc.) e non elettive (componenti di commissioni degli enti locali la cui costituzione è prevista dalla legge, consiglieri e amministratori di enti pubblici e municipalizzate, etc) a condizione che le prestazioni non siano rese da soggetti che esercitano un arte o una professione e non siano state effettuate nell'esercizio di impresa commerciale (presenza di partita IVA). Le indennità, i gettoni, i compensi comunque denominati e i relativi vitalizi, sono considerati redditi assimilati al lavoro dipendente. Rendite vitalizie ed a tempo determinato Si tratta di erogazione, in denaro o in natura, a titolo di rendite vitalizie e a tempo determinato a condizione che siano costituite a titolo oneroso, diverse da quelle aventi funzione previdenziale. Compensi percepiti per i lavori socialmente utili Per i compensi relativi ai lavori socialmente utili è prevista una particolare modalità di tassazione (il cosiddetto regime agevolato ) se vengono rispettate contemporaneamente particolari condizioni di raggiungimento dell età pensionabile e di un limite reddituale.

11 Attività intramuraria Nell'ambito del Servizio sanitario nazionale l'attività intramuraria (o intramoenia) si riferisce alle prestazioni erogate dai medici di un ospedale, al di fuori dell'orario di lavoro, che utilizzano le strutture ambulatoriali e diagnostiche dell'ospedale stesso. Le prestazioni erogate in regime di intramoenia garantiscono al cittadino la possibilità di scegliere il medico a cui rivolgersi per una prestazione, e sono perciò soggette al pagamento di un compenso liberamente stabilito dal professionista e approvato dalla Direzione Sanitaria. Il medico è tenuto al rilascio di regolare fattura e la spesa è detraibile dalle imposte. Assegni periodici di mantenimento Rientrano negli assegni periodici: assegni percepiti dal coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale, divorzio o annullamento del matrimonio. Se l assegno corrisposto al coniuge comprende le somme destinate al mantenimento dei figli, senza stabilire la quota, l assegno stesso si considera destinato per metà al coniuge e per metà ai figli. assegni comunque denominati, alla cui produzione non concorrono né capitale né lavoro, quali gli assegni testamentari, etc.. I compensi per attività libero professionale intramuraria svolta da personale dipendente del S.S.N. sono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. Compensi percepiti da lavoratori soci di cooperative Vengono considerati come redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente anche i compensi percepiti, entro i limiti dei salari correnti maggiorati del 20%, dai lavoratori soci delle cooperative di produzione e lavoro, delle cooperative di servizi, delle cooperative agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e delle cooperative della piccola pesca. 5.7 La certificazione dei redditi da lavoro dipendente e assimilati Il Sostituto d'imposta deve rilasciare a ciascun percipiente, entro il 28 febbraio dell anno successivo a quello in cui sono stati percepiti, un'apposita certificazione unica con la quale attesta il reddito imponibile, le ritenute alla fonte operate e anche i contributi dovuti all'inps e agli altri enti e casse previdenziali. Il modello CUD (certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente) viene approvato ogni anno attraverso un Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate: l esposizione dei dati da indicare nella certificazione CUD deve rispettare una determinata sequenza, una determinata denominazione e una determinata numerazione progressiva dei campi previsti. Se alcuni campi non vengono compilati, possono essere completamente omessi a condizione che venga comunque mantenuta, per gli altri, la numerazione prevista dalla legge. La medesima certificazione può essere redatta anche con veste grafica diversa a condizione che venga comunque mantenuta la numerazione dei campi stabilita dal Ministero.

12 È importante fare attenzione anche a quanto è riportato nelle annotazioni al modello CUD (contraddistinte da un codice identificativo) in quanto determinanti per compilare correttamente la dichiarazione dei redditi: ad esempio, vi sono indicati i dati relativi al periodo ed alla tipologia di lavoro, agli oneri sostenuti e transitati attraverso il sostituto d imposta. I redditi di lavoro dipendente e i redditi ad esso assimilati sono certificati dal modello CUD. Non sono tenuti al rilascio del modello CUD in quanto non rivestono la qualifica di sostituto d imposta: i privati (le persone fisiche per i collaboratori familiari, gli ex coniugi per gli alimenti), gli enti pensionistici esteri, i datori di lavoro esteri. In luogo del CUD può essere prodotta dal soggetto che ha erogato i redditi una documentazione in carta libera, ovvero l entità del reddito può essere autodichiarata dal contribuente. 5.8 Alcuni redditi esenti Lavoro occasionale ed accessorio comunemente detto lavoro con i vouchers o buoni lavoro Il lavoro accessorio, retribuito con il sistema dei voucher, si consolida e, dal 2010, la Finanziaria ne ha ampliato le possibilità di utilizzo estendendolo anche a lavoratori con contratto part time che possono usare il lavoro accessorio per completare l orario di impiego presso un datore di lavoro diverso. La Legge n. 92/2012 riforma del Mercato del Lavoro, entrata in vigore il , ha ridefinito i limiti di applicazione di tale istituto prevedendo anche una fase transitoria fino e comunque non oltre il In tale periodo, per i buoni acquistati entro il , continuerà a trovare applicazione la precedente disciplina. Voucher acquistati entro il 17 luglio 2012 L uso dei voucher è rivolto a tutti i settori produttivi per particolari figure: pensionati titolari di trattamento pensionistico in regime obbligatorio; studenti : sono considerati studenti" i giovani con meno di 25 anni di età, regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l'università o istituto scolastico di ogni ordine e grado. Gli studenti non universitari possono accedere al lavoro occasionale accessorio solo il sabato e la domenica di tutti i periodi dell anno, oltre che nei periodi di vacanza (natalizie, pasquali e estive); nessun limite temporale è invece previsto per gli studenti universitari; altre tipologie di prestatori comprendono le casalinghe, i disoccupati (titolari di disoccupazione ordinaria o a requisiti ridotti o disoccupazione speciale per agricoltura ed edilizia) e, sperimentalmente per gli anni 2009,2010 e 2011, i cassaintegrati e i lavoratori in mobilità. Secondo le fattispecie previste, possono accedere al lavoro occasionale accessorio anche tutti i cittadini stranieri regolarmente presenti sul territorio nazionale. Lavoratori part time (anni 2010 e 2011): i titolari di contratti di lavoro a tempo parziale possono svolgere prestazioni lavorative di natura occasionale nell ambito di qualsiasi settore produttivo, con esclusione della possibilità di utilizzare i buoni lavoro presso il datore di lavoro con il quale hanno il contratto a tempo parziale. I prestatori possono svolgere attività di lavoro occasionale: in generale fino ad un limite economico di netti (pari a per il committente) per singolo committente nell anno solare; nel caso di cassaintegrati o lavoratori in mobilità fino ad un limite economico di netti (pari a per il committente) per anno solare. I voucher, acquistabili singolarmente o in buoni multipli da cinque (non divisibili) hanno un valore di 10 euro ciascuno, che comprende sia la retribuzione sia la contribuzione previdenziale e assicurativa. Il valore nominale di ciascun buono (10 euro) comprende la contribuzione in favore della Gestione separata dell Inps (13%), l assicurazione all Inail (7%) e un compenso all Inps per la gestione del servizio (5%). Il valore netto in favore del prestatore è pertanto di 7,50. reddito esente che non deve essere dichiarato.

13 Segue Lavoro occasionale ed accessorio comunemente detto lavoro con i vouchers o buoni lavoro Voucher acquistati dal 18 luglio La novità più rilevante riguarda il limite economico. I compensi complessivamente percepiti dal prestatore non possono superare i nel corso di un anno solare, con riferimento alla totalità dei committenti e non rispetto a ciascun committente (come precedentemente disciplinato). La differenza è sostanziale poiché se prima il lavoratore doveva porre attenzione al non superare la suddetta soglia nei confronti di un solo committente, ora invece, nell anno solare, non potrà più superarla con riferimento alla totalità dei committenti con i quali ha intrapreso un attività lavorativa. Per quanto riguarda le prestazioni rese nei confronti di imprenditori commerciali o professionisti, fermo restando il limite dei 5.000, non possono comunque superare i per ciascun committente. Quanto ai settori di attività in cui possono essere utilizzati i buoni lavoro, la riforma abroga i vincoli precedentemente vigenti. Pertanto, le più diverse attività possono essere svolte da qualsiasi soggetto (disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o subordinato, full time o part time, pensionato, studente, percettore di prestazioni a sostegno del reddito), nei limiti del nuovo compenso economico previsto. La sola eccezione riguarda il settore agricolo in cui il lavoro occasionale accessorio è ammesso per: aziende con volume d affari superiore a esclusivamente tramite l utilizzo di specifiche figure di prestatori (pensionati e giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici, ovvero in qualunque periodo dell anno se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l università) per lo svolgimento di attività agricole di carattere stagionale; aziende con volume d affari inferiore a che possono utilizzare qualsiasi soggetto in qualunque tipologia di lavoro agricolo, anche se non stagionale. Per quanto attiene i lavoratori stranieri, l importante innovazione consiste nell inclusione del reddito da lavoro accessorio ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno. Infine la nuova disciplina, fa venir meno, anche per gli enti locali la limitazione delle finalità dell utilizzo del buono. reddito esente che non deve essere dichiarato.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 15.04.2013 Voucher: i chiarimenti dell INPS Per instaurare un rapporto occasionale accessorio è necessario effettuare la

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM COSA SONO I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti CHE COS'È IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO E' una particolare modalità di prestazione lavorativa, che regolamenta tutte quelle

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR /DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO LAVORO ACCESSORIO Particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge delega 14 febbraio 2003,

Dettagli

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali La previdenza e l assistenza economica Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali Aliquote contributive aliquota di finanziamento: la quota della retribuzione lorda che viene versata sotto forma

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 8 Nel quadro A andranno indicati i redditi in possesso

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI La Manovra d estate 2008 (D.L. n.112/08, convertito in L. n.133/08) ha disciplinato la regolamentazione

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO D.LGS N. 276/2003 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNEMENTE DETTO LAVORO CON I VOUCHERS O BUONI LAVORO" ULTIME MODIFICHE LEGISLATIVE La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato

Dettagli

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi Riforma Biagi 1 Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi - Dott. Roberto Bresci - Riforma Biagi 2 Ambito normativo Legge 133/1999 Legge 342/2000 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003) D. Lgs.

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (ANCHE NELLA MODALITA A PROGETTO) Concetto di parasubordinazione: perché sia configurabile un rapporto di parasubordinazione ai sensi dell articolo

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Circolare N.69 del 10 Maggio 2012 Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Veterinari e medici: trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Gentile cliente, con

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

Voucher Lavoro: I compensi aumentano

Voucher Lavoro: I compensi aumentano Voucher Lavoro: I compensi aumentano È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. Serie Generale n.144 del 24-6-2015 Supplemento Ordinario n. 34) il decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 che

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) posso utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

Modello di Comunicazione (MOD8530r01) Istruzioni per la compilazione

Modello di Comunicazione (MOD8530r01) Istruzioni per la compilazione Modello di Comunicazione (MOD8530r01) Istruzioni per la compilazione La comunicazione va trasmessa entro 5 giorni al Centro per l Impiego nel cui ambito territoriale è ubicata la sede di lavoro; le agenzie

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014 A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto Lavoro ACCESSORIO Le prestazioni di lavoro accessorio sono attività lavorative svolte senza l instaurazione di

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2016 SOGGETTI INTERESSATI OGGETTO COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI La certificazione lavoro dipendente,

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE Il questionario deve essere compilato con i dati relativi all intera impresa indicata nella Sezione

Dettagli

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA SPERIMENTALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME SERVIZI

Dettagli

Le prestazioni occasionali di tipo accessorio

Le prestazioni occasionali di tipo accessorio Le prestazioni occasionali di tipo accessorio Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È IL LAVORO ACCESSORIO? La riforma del mercato del lavoro (Legge 92/2012) è intervenuta modificando anche questa tipologia

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Dipendenti e collaboratori

Dipendenti e collaboratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dipendenti e collaboratori Dipendenti e collaboratori Nella gestione della società

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti.

Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti. 251 01/2014 PICCOLI LAVORI, VOUCHER FINO A 5.050 EURO Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti. So che si può occupare un lavoratore pagandolo con il

Dettagli

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO AGENTI DI COMMERCIO, MEDIATORI E SPEDIZIONIERI Gli adempimenti previsti entro tale data ed indicati all interno della nostra circolare 10.2013 (http://www.contrino.it/?p=1555)

Dettagli

DIRITTI DEL LAVORATORE

DIRITTI DEL LAVORATORE DIRITTI DEL LAVORATORE LA RETRIBUZIONE; IL DIRITTO ALLA SALUTE; LE NORME DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO; LE FERIE E I RIPOSI; IL DIVIETO DI LICENZIAMENTO PER MATERNITÀ O PER MATRIMONIO; IL PRINCIPIO

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 9 Nel quadro A andranno indicati i redditi in possesso

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione...

INDICE SOMMARIO. Prefazione... SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO 1 LA CATEGORIA TRIBUTARIA DEI REDDITI DI LAVO- RO DIPENDENTE 1. Nozione del reddito di lavoro dipendente: profili civilistici e peculiarità tributarie. Lavoro dipendente

Dettagli

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 10-2010 I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la collaborazione

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Prot. 35081/2012 Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori Generali degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LORO SEDI

Dettagli