Reti Territoriali Conciliazione Analisi comparata dei risultati della sperimentazione a livello regionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti Territoriali Conciliazione Analisi comparata dei risultati della sperimentazione a livello regionale"

Transcript

1 Piano Regionale per favorire la Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro ex. DGR 381/2010 di Regione Lombardia Reti Territoriali Conciliazione Analisi comparata dei risultati della sperimentazione a livello regionale Rapporto finale di valutazione versione 2.1

2 PREMESSA Il presente documento rappresenta il rapporto finale di sintesi delle attività di monitoraggio e valutazione condotte nell'ambito delle 13 Reti Territoriali di Conciliazione (RTC). La relazione analizza in dettaglio le attività svolte dalle Reti in attuazione delle linee di indirizzo espresse da Regione Lombardia con la Dgr 381/2010 e del Programma "Percorso Conciliazione Famiglia-Lavoro" approvato con Dgr 1576/2011. Tale lavoro si pone a complemento dell'analisi dei risultati raggiunti per finalità definite nell ambito dell Intesa Conciliazione e per target di intervento espressa nella Relazione finale al DPO, adottando prioritariamente le Reti territoriali di Conciliazione come chiave di lettura degli esiti conseguiti. Molte delle esigenze che attengono alla sfera del welfare vengono oggi soddisfatte all interno di network in cui gli attori mettono in campo le proprie risorse e le proprie necessità. Il contributo di tutte le istituzioni locali alla connessione delle reti, molto più del consolidato intervento di offerta di prestazioni e servizi, costituisce pertanto il meccanismo prioritario per dare vita, attraverso le competenze e la creatività delle parti, ad un processo di innovazione sociale (civil welfare) che renda sostenibile nel futuro il sistema di welfare. In questo quadro, la diffusione di un paradigma di riferimento e di strumenti operativi a supporto delle capacità degli attori della programmazione di partecipare in modo qualificato alle reti, o di diventarne imprenditori, costituisce un fattore strategico della sperimentazione in Lombardia delle Reti Territoriali di Conciliazione e la presente analisi è dedicata ad approfondirne i tratti distintivi ed il grado di maturazione emerso nel corso di questa prima fase attuativa. La relazione è strutturata in quattro sezioni che vogliono offrire un quadro regionale complessivo ed una analisi comparata dell'esperienza delle RTC lombarde relative allo start up operativo ed alla prima annualità di lavoro. La prima sezione contestualizza, sinteticamente, il posizionamento del Programma attuativo all interno delle policy regionali in tema di riforma del welfare, con particolare riferimento allo sviluppo della RoadMap Conciliazione Famiglia-Lavoro e presenta le finalità del documento. La seconda sezione è dedicata alla rappresentazione della dimensione organizzativo gestionale delle RTC e delle strategie di governance e networking messe in atto nel corso della sperimentazione. La terza sezione fornisce una visione d insieme delle attività e dei risultati raggiunti in relazione alle attese previste in fase di programmazione e ricomposte sulla base delle finalità specifiche definite dall'intesa Conciliazione: b 1) sostegno alla maternità, c 1) una rete per la conciliazione, c 2) la dote conciliazione, e 1) l'associazione tra imprese. 2

3 Questa sezione contiene, inoltre, un approfondimento sulle linee progettuali distintive dei piani di azione e declinate nei tre ambiti di competenza delle Reti nel quadro della RoadMap regionale: Interventi a favore delle Famiglie e del Territorio, Interventi a favore delle Imprese e della PA, Azioni Trasversali o di Sistema. La quarta sezione presenta le prime considerazioni valutative, evidenziate nei 13 Rapporti di monitoraggio e valutazione partecipata curati dalle Reti e condivise nel lavoro collegiale del Benchmarking Club e dei 3 Focus Group tematici. La redazione del documento è frutto di un composito lavoro di team che ha preso in considerazione sia i contenuti dei 13 Rapporti pervenuti alla scadenza del 22 Giugno 2012, sia le integrazioni di dati e informazioni fornite successivamente ed aggiornate alla data del 15 ottobre Si intende rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro di Regione Lombardia, delle 13 Reti Territoriali di Conciliazione, dei Soggetti che hanno fornito supporto scientifico alla Direzione Famiglia Conciliazione Integrazione e Solidarietà sociale di Regione Lombardia e ai territori, accompagnando la realizzazione del Programma in oggetto ed ai qualificati Esperti dei Focus Group, che hanno attivamente contribuito alla realizzazione del presente lavoro. Milano, 31 ottobre

4 INDICE 1. IL QUADRO COMPLESSIVO PREVISTO DALL'INTESA L'INTESA, LA ROADMAP TRIENNALE, IL SEMINARIO DI BRUXELLES L'OBIETTIVO DEL LAVORO I RISULTATI RAGGIUNTI IL PROCESSO DI ATTUAZIONE LE RETI I soggetti coinvolti La governance SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI CONSEGUITI E CORRISPONDENZA ALLE PREVISIONI DEL PERCORSO IL SISTEMA DI INTERVENTO DELLE RETI LE MODALITÀ DI RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI L'ARTICOLAZIONE DEGLI INTERVENTI E LE TIPOLOGIE DEI SERVIZI EROGATI LE AZIONI MIRATE Gli interventi a favore della Famiglia e del Territorio Gli interventi a favore della Impresa e della PA LE AZIONI TRASVERSALI O DI SISTEMA LA VALUTAZIONE PARTECIPATA VERSO UN NUOVO WELFARE? ALCUNI PUNTI DI ATTENZIONE SCENARI FUTURI: VERSO LA FASE 2 DELLE RETI DI CONCILIAZIONE...42 APPENDICE ELENCO PROGETTI PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO ELENCO PROGETTI PER RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE...49

5 1. Il Quadro complessivo previsto dall'intesa Il Piano Regionale per favorire la Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nasce con Dgr. 381 del 05/08//2010 in attuazione dell Intesa sottoscritta nell aprile 2010 fra Governo, Regioni, Province Autonome, ANCI, UPI e UNCEM, con il cofinanziamento dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è finalizzato a sperimentare un primo set differenziato di interventi e azioni a livello territoriale con lo scopo di incentivare e sviluppare il tema della conciliazione all interno dei processi di governance locale e supportare iniziative innovative volte ad integrare il sistema imprenditoriale ed il sistema di welfare. Le indicazioni attuative, emanate da Regione Lombardia con Dgr del 20/04/2011, si strutturano su due livelli. Il primo, quello locale, prevede la sottoscrizione di accordi costitutivi di reti territoriali per la conciliazione in tutti i territori coincidenti con quelli delle Aziende Sanitarie Locali. Il partenariato, di cui la ASL è capofila, è costituito da soggetti promotori (oltre alle ASL partecipano Regione, Province, Comuni, Camera di Commercio e Consigliera di parità) ed aperto in progress alle più ampie adesioni (Aziende Ospedaliere, Università, Ufficio Scolastico territoriale, Parti sociali, Aziende, Terzo settore,..). Gli accordi di programma rappresentano il presupposto per la definizione di un piano di azione territoriale coerente con le finalità specifiche definite dall Intesa, a partire dall analisi dei bisogni e da una mappatura delle risorse già presenti sul territorio. L orientamento strategico è infatti quello di collocare nuove progettualità all interno di un disegno di ottimizzazione, in chiave di conciliazione, di quanto già in essere e ricondurre a unità ciò che è frammentato. Il secondo livello, quello regionale, prevede la realizzazione di 5 specifiche misure di accompagnamento allo sviluppo delle reti territoriali che riguardano: o azione ricerca analisi e supporto alle reti di impresa rilevazione e analisi del fabbisogno conciliazione su tutto il territorio lombardo e attività di orientamento ai network tra aziende impegnate o interessate ad attuare politiche di conciliazione famiglia lavoro; o azione help desk supporto e formazione in particolare rivolta agli enti promotori che costituiranno sul territorio degli sportelli help desk rivolti ai beneficiari finali, tutoring e monitoraggio delle iniziative; o azione formazione sensibilizzazione e formazione a supporto degli enti coinvolti nella redazione dei piani territoriali (informazione, ascolto e orientamento, diffusione esperienze) tutoring e monitoraggio delle iniziative; o azione dote conciliazione servizi alla persona progettazione, gestione e monitoraggio della misura dotale; o la valutazione del programma monitoraggio e verifica delle azioni poste in essere all interno dei piani territoriali di conciliazione, attraverso la messa in opera di una attività di valutazione partecipata tra la molteplicità dei soggetti sottoscrittori L'Intesa, la Roadmap triennale, il seminario di Bruxelles Nell'ottobre 2011 è stata data comunicazione in Giunta sul percorso che ha portato dal lancio del Libro Verde, nel novembre passando attraverso una diffusa e articolata consultazione dei cittadini e degli attori sociali ed economici lombardi e con il supporto del Comitato Strategico Donna Famiglia Lavoro CSDFL - alla redazione del documento Lombardia Libro Bianco. RoadMap per la conciliazione famiglia lavoro, strumento di governance regionale multilivello e multiattore, orientato al triennio di programmazione In questo quadro, la sottoscrizione degli Accordi di Programma sulle Reti territoriali per la conciliazione in tutte le province lombarde e l avvio operativo dei Piani di Azione locali sono state

6 l'occasione per avviare cantieri di progettualità innovative: dalla sperimentazione di nuovi modalità per la comprensione dei bisogni alla costruzione di nuove prassi di dialogo con il sistema imprenditoriale, dal riconoscimento e la valorizzazione delle iniziative della società civile alla creazione delle migliori condizioni per stimolare responsabilità collettiva e nuove alleanze pubblico-privato. Più recentemente, nel gennaio 2012, la Commissione Europea DG/Employment Social affairs and inclusion, esprimendo grande interesse nel percorso intrapreso da Regione Lombardia, ha collaborato alla realizzazione del seminario, tenutosi a Bruxelles su Conciliazione vita - lavoro e riforma del welfare state: metodologie e pratiche innovative a livello regionale nell ambito delle iniziative dell Alleanza Europea per le famiglie. In questo contesto è stato possibile sia confrontarsi sulle scelte strategiche di Regione Lombardia, come la trasversalità dell impegno a sostegno della famiglia in tutte le politiche regionali, il processo di sussidiarietà ormai consolidato, le politiche di conciliazione nel contesto più ampio di riforma del welfare lombardo, sia evidenziare, in presenza di esponenti del governo italiano (Dipartimento Famiglia) la necessità di integrazione delle iniziative nazionali, anche di rilievo previdenziale, con quelle regionali. Le prime risorse investite, che nel complesso ammontano a circa 27 milioni di euro, hanno generato una molteplicità di effetti a vari livelli, con le reti per la conciliazione, il welfare aziendale e interaziendale, e la fondamentale integrazione tra politiche: competitività e responsabilità sociale di impresa, lavoro, tempi e orari delle città. Il crescente attivismo dei livelli locali nella rigenerazione delle istituzioni del welfare segue uno sviluppo dal basso, di confronto partecipato e scambio tra i territori ed il "percorso conciliazione" intrapreso da Regione Lombardia nell ambito dell Intesa 2010 Stato-Regioni viene già definito modello e buona prassi, ponendo la Lombardia in prima linea nella sperimentazione di una governance plurale e multilivello in grado di fornire risposte integrate alla domanda di conciliazione vita-lavoro L'obiettivo del lavoro La presente Relazione di sintesi è diretta alla restituzione degli esiti della sperimentazione emersi dall'analisi comparata dei rapporti di monitoraggio e valutazione delle 13 Reti territoriali di Conciliazione e dal lavoro congiunto di peer reviewing. Ciò con l'obiettivo di evidenziare i risultati conseguiti rispetto all adozione del network quale nuovo modello organizzativo per l'innovazione dei sistemi di welfare, e rileggendoli con gli strumenti interpretativi provenienti dal dibattito scientifico sulla governance collaborativa 1. La sperimentazione delle Reti territoriali di Conciliazione ha riguardato tutto il sistema regionale lombardo. Sei sono i contesti territoriali pilota su cui è stato realizzato l intero set di misure previste dal programma regionale attuativo dell Intesa. Gli altri 7 territori, di cui si compone la Lombardia, hanno aderito, anche se in misura ridotta, all'impianto sperimentale, intendendo confermare il valore distintivo della rete come prassi organizzativa strategica del processo di riforma del welfare e delle politiche sociali. Ne è emerso un panorama articolato di approcci e capacità relazionali i cui risultati raggiunti superano nella maggior parte dei casi quelli attesi e su cui si confrontano reti più mature che 1 Materiali didattici, Cergas Bocconi, "Percorso di formazione-accompagnamento alla nuova programmazione zonale dedicato agli Uffici di Piano e alle Aziende sanitarie locali", 2010

7 esprimono tratti evolutivi di esperienze pregresse consolidate con quelle più recenti ancora "in costruzione" con neanche un anno di vita ed in cui non è presente la sperimentazione della dote. A conclusione del lavoro di valutazione partecipata, si tratta di offrire un approfondimento conoscitivo dell'esperienza in corso che ne sottolinei gli elementi di innovazione, gli apprendimenti e ne tracci indicazioni utili ad un miglioramento e sviluppo delle Reti territoriali di Conciliazione nel contesto regionale e nello scenario nazionale ed europeo. 7

8 2. I Risultati raggiunti 2.1 Il processo di attuazione In Lombardia, l'attuazione dell'intesa Conciliazione ha potuto contare su una intensa attività di indirizzo politico istituzionale e di supporto amministrativo di livello sia regionale che locale. Il complesso degli atti conseguenti all'intesa può essere sintetizzato nella seguente Tabella 1. Tabella 1: Gli Atti conseguenti all'intesa Indicatori procedurali n. Tempistiche Emanazione atti di indirizzo 3 Dgr n. 9/381 recepimento e attuazione Dgr n.812 accordo di collaborazione territoriale Dgr n. 9/1576 programma attuativo e piano economico finanziario Sottoscrizione accordi di collaborazione 13 Da Novembre 2010 a Ottobre 2011 territoriale Presentazione Piani territoriali 13 Da Maggio 2011 a Ottobre 2011 Validazione piani territoriali 3 Sessioni di validazione: 06, 09, 11/2011 Attuazione piani territoriali mesi da Giugno 2011 a Giugno 2012 Chiusura piani territoriali 13 Prorogati al 30 Giugno 2013 Avvio fase valutazione 13 Gennaio-Luglio 2012 sulla base di un manuale condiviso di valutazione Valutazione prima annualità piani territoriali e rilevazione integrativa giugno Rapporti di valutazione partecipata territoriale In un arco temporale di circa dieci mesi sono stati sottoscritti 13 Accordi di Programma per la creazione di 13 Reti Territoriali per la Conciliazione, uno in ciascun territorio di dimensione provinciale ed uno in un ambito locale valligiano, a cui hanno fatto seguito 13 Piani di Azione specifici che contano la adesione e partecipazione attiva complessivamente di 443 organizzazioni. I Piani di Azione Territoriali si sono sviluppati in un arco temporale medio di 12 mesi e, tutte le attività saranno concluse entro i prossimi 8 mesi. Ciascun piano è stato accompagnato da un percorso formativo e informativo, e da un sistema di monitoraggio e valutazione dello stato di avanzamento lavori, una analisi di quanto emerso nel corso delle sperimentazioni ed all identificazione di buone pratiche. Tutte le Reti hanno prodotto, a giugno 2012, un primo rapporto di valutazione partecipata della sperimentazione. Tabella 2: Tempistiche di sottoscrizione AdP e presentazione PdA Rete territoriale Accordo di Programma Piano di Azione Mantova 29 novembre maggio 2011 Monza Brianza 30 novembre maggio 2011 Brescia 27 gennaio giugno 2011 Cremona 25 febbraio maggio 2011 Lecco 1 aprile maggio 2011 Bergamo 8 aprile 2011 maggio 2011 Como 23 giugno luglio 2011 Sondrio 27 giugno settembre 2011 Varese 30 giugno luglio 2011 Vallecamonica Sebino 30 giugno ottobre 2011 Milano 7 luglio settembre 2011 Lodi 8 luglio settembre 2011 Pavia 6 ottobre novembre Nell'impianto originario previsto dalla Dgr 381/2010, l'attuazione dell'intesa era programmata in 6 territori sperimentali.

9 Tuttavia, sin dai primi incontri per la selezione degli ambiti territoriali si è riscontrata una adesione partecipata al piano di lavoro regionale al di là delle aspettative e tutti i territori lombardi si sono candidati e resi disponibili per la costruzione di Reti territoriali di conciliazione. Alcune misure per essere efficaci necessitano di una soglia finanziaria minima e data la dimensione del territorio lombardo l'ammontare complessivo del budget assegnato non era adeguato a sostenere una sperimentazione diffusa sull'intero ambito regionale. Con Dgr. 1576/2011, si è pertanto prevista l'estensione a tutto il territorio lombardo, ma giungendo ad una articolazione differenziata delle sperimentazioni territoriali. Nell'ambito delle 13 Reti, si sono distinte due tipologie di intervento: (vedi pagina 6) inoltre: A. la prima tipologia si compone di 6 ambiti territoriali pilota su cui si è sperimentato l'intero set di misure previste dal piano regionale in attuazione dell'intesa nell ambito delle finalità b)1 sostegno alla maternità, c)1 una rete per la conciliazione, c)2 dote conciliazione, e)1 associazione tra imprese; B. la seconda tipologia si compone dei restanti 7 territori che hanno potuto contare su una dimensione finanziaria ridotta per lo sviluppo delle azioni nell ambito delle finalità c)1 una rete per la conciliazione e e)1 associazione tra imprese. Tabella 3: Tempistiche di validazione PTA Conciliazione Rete territoriale Piano di Azione Fascia Territori di fascia A Mantova 10 giugno 2011 A Monza Brianza 10 giugno 2011 A Brescia 10 giugno 2011 A Cremona 10 giugno 2011 A Lecco 10 giugno 2011 A Bergamo 10 giugno 2011 A Territori di fascia B Como 29 settembre 2011 B Sondrio 29 settembre 2011 B Varese 29 settembre 2011 B Lodi 29 settembre 2011 B Vallecamonica Sebino 20 dicembre 2011 B Milano 20 dicembre 2011 B Pavia 20 dicembre 2011 B Totale 6A e 7B 9 Allo stato attuale della sperimentazione, oltre alla suddetta diversa articolazione finanziaria del piani finanziari di intervento, l'analisi dei risultati raggiunti deve inoltre, tenere conto del diverso grado di sviluppo temporale che caratterizza le Reti, la cui vita varia tra i 23 ed i 12 mesi. Grafico 1: Start-up di rete

10 2.2 Le Reti I soggetti coinvolti L approccio di Regione Lombardia al tema della conciliazione famiglia lavoro si è caratterizzato per una visione fortemente relazionale, di reciprocità e di reticolazione di attori e soggetti, che nel loro insieme possono concorrere a produrre una prospettiva di benessere e di rigenerazione del capitale sociale della famiglia, dell impresa e della comunità. Si è trattato di sostenere l'attivazione di reti multistakeholders promuovendo l'adesione di soggetti tradizionalmente appartenenti a mondi diversi, in particolare il mondo socio assistenziale e il mondo economico, che, nel comune obiettivo della conciliazione e nell ottica di una politica di welfare unitaria, possano sviluppare sinergie operative e valorizzare approcci pluridisciplinari. Questa prospettiva strategica ha consentito di valorizzare la dimensione territoriale, quella più vicina alle esigenze delle famiglie ma anche delle imprese, che ha consentito di progettare interventi in base ad un accurata valutazione delle necessità locali e mediante il coinvolgimento nella programmazione di una molteplicità di attori economici e sociali. A conclusione del Programma, è possibile rilevare la numerosità degli attori che aderiscono all attuale fase di start-up sperimentale di reti territoriali per la conciliazione e la dinamicità progettuale di alcuni contesti imprenditoriali locali per l avvio di iniziative pilota di welfare interaziendale. I 15 ambiti territoriali lombardi coincidenti con le ASL, hanno infatti disegnato 13 piani di azione (le tre ASL della provincia di Milano hanno prodotto un unico Piano), contando ad oggi 443 soggetti coinvolti nello sviluppo di 127 azioni progettuali. La Figura 1 mostra i territori della Lombardia in cui sono attive le Reti di conciliazione famiglia lavoro, il numero di progetti adottati e il numero di attori che compongono ciascuna rete e, infine, attraverso il retino, sono indicate le reti nelle quali è stata avviata la sperimentazione della Dote Conciliazione. 10 Figura 1: Mappa dei 13 territori in cui sono attive le Reti di Conciliazione Famiglia Lavoro, numero di attori e numero di progetti previsti dal PTC

11 Tutte le Reti vedono la presenza di Soggetti Promotori, che sono stati coinvolti nella redazione dell Accordo e nella co-progettazione del Piano, e di Soggetti Aderenti (Grafico 2). 443 stakeholder di cui: 138 promotori (31%) e 305 aderenti (69%) I soggetti promotori sono in tutti i territori, oltre a Regione Lombardia, la Asl con un ruolo di capofila, la Provincia e la Consigliera Provinciale di Parità, alcuni Comuni e/o loro organi associativi (es. Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci a Varese), la Camera di Commercio, e gli Ambiti territoriali, che tuttavia non sempre sono completamente rappresentati tra i soggetti promotori. Tra i soggetti aderenti, si trovano, nella maggior parte dei casi, le associazioni datoriali, i sindacati, le organizzazioni afferenti al terzo settore, e, solo in alcuni reti, operatori del sistema educativo e della formazione professionale, gli ordini professionali, aziende pubbliche e private e/o loro consorzi, la diocesi e istituzioni religiose. 11 Grafico 2: Numerosità degli stakeholder per Rete

12 Bergamo Mantova Monza e Brianza Brescia Cremona Lecco Milano*** Varese Pavia Lodi Como Sondrio Vallecamonica Sebino di cui aderenti** di cui promotori* A A A A A A B B B B B B B Le Reti si compongono da un minimo di 11 ad un massimo di 89 soggetti. Nel complesso, le tipologie di soggetti maggiormente rappresentati all interno delle Reti Territoriali, pur con alcune distinzioni, sono le organizzazioni datoriali e quelle sindacali e le associazioni del Terzo Settore (Grafico 3). Si noti che rispetto al mondo dell associazionismo in quasi tutte le rete tra gli aderenti è presente il Forum del Terzo Settore provinciale. Una presenza significativa riguarda l adesione delle cooperative sociali in confronto al numero delle imprese coinvolte. Risulta opportuno sottolineare che il mondo finanziario e della previdenza integrativa rimane il grande assente dall'elenco degli stakeholders coinvolti nella sperimentazione Grafico 3: Numerosità degli stakeholder per tipologia La governance Il modello organizzativo per la gestione a livello territoriale della governance delle Reti si compone di:

13 Tavolo di indirizzo politico istituzionale, che vede la partecipazione dei rappresentanti politici degli enti promotori dell accordo, e in alcuni casi estesa agli enti aderenti, Gruppo tecnico, organismo tecnico composto dai referenti tematici designati dagli enti promotori e, in alcuni casi, dagli enti aderenti, Tavolo o Conferenza degli enti aderenti (dove non presenti nel gruppo tecnico). Regione Lombardia è presente in ciascun accordo e al tavolo politico siede l Assessore regionale competente per territorio. Inoltre, ciascuna Sede Territoriale di Regione Lombardia (STeR) partecipa alla rete territoriale conciliazione nei suoi diversi tavoli, svolgendo una specifica funzione di facilitazione alla costruzione e al consolidamento della rete stessa. Alcuni dei Piani esplicitano la presenza di un soggetto esterno con una funzione di assistenza tecnica al Tavolo in ordine al conseguimento degli obiettivi dichiarati ed alla gestione della rete. A ciò si aggiunge una funzione di accompagnamento, formazione e monitoraggio che il livello regionale garantisce a tutti i territori che hanno sottoscritto gli accordi, grazie al supporto e alla consulenza di alcuni enti specializzati sul tema della conciliazione. La governance delle reti segue, dunque, un preciso assetto organizzativo rispetto al quale la Regione ha fornito indicazioni e indirizzi specifici, sia relativamente ai soggetti da coinvolgere sia rispetto alla costituzione dei tavoli. Tabella 4: Composizione organizzativa delle Reti Rete Tavolo Gruppo Tecnico Altri organismi Atti interni territoriale Politico Mantova 11 promotori 12 manifestazioni di interesse GT coordinato da Regolamento di funzionamento del Tav. Politico Provincia Monza Brianza 21 aderenti cadenza quindicinale Brescia 12 promotori cadenza quadrimestrale 8 promotori (8incontri) composto dai 6 referenti tecnici dei promotori (4 incontri) 3 Gruppi tematici a) Comunic/Formaz b) PMI/Welfare az c) Regolamento Soggetti aderenti e soggetti che hanno successivamente richiesto di partecipare Enti aderenti n.d. Cremona 8 promotori 25 aderenti CEA (Conferenza degli Enti Aderenti) Gruppi di azione per ogni ambito di intervento Lecco 9 promotori 3 incontri 17 aderenti 17 incontri Bergamo 6 promotori 6 promotori Enti aderenti n.d. 3 Gruppi tematici a) Analisi del MdL b) Orientamento pmi c) PdZ Osservatorio MdL Femminile Tavolo tecnico Conciliazione Vita Lavoro allargato ai soggetti che hanno chiesto di aderire Como 15 promotori 21 aderenti 6 incontri Commissione di valutazione Bando Reti PMI 5 membri Sondrio 10 promotori 11 aderenti Gruppo di lavoro ristretto Varese 5 promotori 3 volte presenza 100% n. componenti n.d. 12 volte presenza 98% Lodi referenti mediamente attivi, di referenti Asl e Ster Gruppo di lavoro ristretto referente Asl e consulente esterno 5 Sottogruppi tematici Enti attuatori delle azioni 10 incontri Regolamento di funzionamento del Tav. Politico Accordo Asl, Provincia e Cciaa per Osservatorio MdL di genere 13

14 Vallecamonica Sebino 8 cui il 50% con continuità di impegno 5 incontri allargati Incontri mensili Organo tecnico dei promotori 4 attivi Asl, Ster, Consigliera e Provincia Milano 11 Tavolo tecnico provinciale: 3 ASL, CCIA, Provincia Pavia 16 promotori Organo tecnico dei promotori Identificazione degli Enti Attuatori di azioni Tavolo degli Aderenti 16 aderenti Piano di lavoro territoriale: Gestione congiunta delle tre ASL Asl Milano 1: ruolo di raccordo, ARIFL facilitatore di rete nominato da ASL MI 1 ASL Milano: gruppo di lavoro composto dai referenti dei tre territori (Consulenza Variazioni) ASL Milano 2: istituzione tavolo locale sulla conciliazione (Asl, responsabili uffici di piano) Invitati su temi specifici 17 aderenti Planning e identificazione degli Enti Attuatori di azioni Criteri di individuazione del modello organizzativo Manifestazione di interesse alla Filiera della Conciliazione Formalizzazione del Tavolo locale sulla conciliazione delibera Direttore Generale Asl mi2 Regolamento di funzionamento del Tavolo Politico Obiettivo medio periodo: formalizzazione di un Tavolo di lavoro permanente e della creazione di un Osservatorio provinciale delle Politiche Sociali 14 In soli tre casi, le Reti hanno proceduto alla definizione di specifiche regole di funzionamento e di governo di processo (Regolamento per l'assunzione di obblighi politico-istituzionali). Le attività di team building delle componenti tecniche si sono invece espresse secondo modalità articolate e differenziate a diversi livelli: a livello del gruppo tecnico allargato, a livello dei sottogruppi operativi legati a singole progettualità, a livello dei contatti diretti con i diversi referenti degli enti, a livello della rete ampia dei soggetti potenzialmente coinvolgibili sul tema nell'ottica di favorire nuovi raccordi e nuove connessioni. In particolare, le reti hanno individuato alcuni strumenti concreti di gestione del Piano a livello organizzativo, quali, ad esempio, i sottogruppi di lavoro tematici, il gruppo ristretto supportato da esperti esterni, il planning e la distribuzione funzionale per competenza e mission istituzionale, l'istituzione e la formalizzazione di osservatori. Rete territoriale Mantova Tabella 5: Strumenti di governance adottati dalle Reti Strumenti di governance Regolamento di funzionamento del Tavolo Politico Istituzionale Divisione del lavoro per competenza e mission istituzionale Provincia: formazione, Ster: comunicazione, CCIAA: reti di impresa, ASL: gestione doti e PA

15 Monza Brianza Brescia Cremona Lecco Bergamo Como Sondrio Varese Vallecamonica Sebino Milano Lodi Pavia Regolamento di funzionamento del Tavolo Politico Istituzionale Organizzazione in sottogruppi multidisciplinari Coordinamento Capofila Nell'ambito della Conferenza degli Enti Aderenti (CEA) individuazione per ogni area di intervento di Gruppi di Azione al fine di attuare modalità di progettazione condivisa e partecipata e rendere riconoscibile la rete come insieme di soggetti che offrono servizi Family Friendly La Rete territoriale, proprio in quanto rete, ha una struttura dinamica ed in continua evoluzione Istituzione di un Tavolo tecnico conciliazione vita lavoro al fine di includere altri soggetti che hanno chiesto di aderire al tavolo tecnico Gruppo di lavoro ristretto ASL e Ster che hanno messo in atto e coordinato le azioni previste dal Piano Territoriale Coinvolgimento degli enti aderenti all interno del tavolo tecnico, per condivisione priorità e attività di co-progettazione Gruppo di lavoro ristretto ASL e Ster che hanno messo in atto e coordinato le azioni previste dal Piano Territoriale Coordinamento Capofila. ASL ha individuato un gruppo di lavoro composto dal referente tecnico e da un consulente esterno per l attuazione delle azioni del piano Tavolo tecnico composto dai referenti tecnici degli enti promotori, con ruolo di supporto del tavolo di indirizzo politico e istituzionale e coinvolgimento degli enti aderenti Tavolo dei soggetti aderenti aperto e in continua evoluzione, coinvolgimento di alcuni soggetti aderenti nelle attività previste dal piano Divisione del lavoro per competenza e mission istituzionale del gruppo tecnico dei promotori Gruppo di coordinamento e sintesi composto dalle 3 ASL, Provincia e CCIA. Costituzione di gruppi di lavoro di distretto costituiti da ASL e Ambiti territoriali (uffici di piano) Gruppo tecnico che lavora in forma allargata e ristretta Individuazione di enti attuatori delle azioni anche tra gli enti aderenti Regolamento di funzionamento del Tavolo Politico Istituzionale Divisione del lavoro per competenza e mission istituzionale STer: analisi domanda di conciliazione PA Cciaa: lavoro sull' impresa 15 Il grado di apertura Dall'analisi delle modalità di gestione del networking adottate, emerge che se, da un lato, nella maggior parte dei casi, la rete è considerata aperta e dinamica e la promozione dell'adesione da parte di nuovi soggetti continua in modo sistematico, dall'altro lato, le relazioni più intense che intercorrono tra gli attori del network permangono ancorate prioritariamente ai soggetti promotori e sottoscrittori l accordo di programma. Tabella 6: Governance delle Reti grado di apertura Reti Aperta/chiusa Co-progettazione Sottogruppi 1 Cremona A/C SI SI 2 Lecco A/C SI SI 3 Lodi A/C SI SI 4 Mantova A/C SI SI 5 Monza e Brianza A/C SI SI 6 Pavia A/C SI SI 7 Bergamo C/A NO SI 8 Como C/A NO SI 9 Vallecamonica Sebino C/A NO SI 10 Milano C NO NO 11 Brescia C NO NO 12 Sondrio C NO NO

16 13 Varese C NO NO La Tabella 6 mostra alcuni indicatori che sintetizzano le strategie di governance del partenariato adottate. Nella prima colonna si propone una prima esemplificazione del grado di apertura della Rete. Con l'indice A/C sono state selezionate le Reti che mantengono un livello equilibrato di apertura e chiusura delle Reti, sono Reti tendenzialmente aperte, all interno delle quali sono stati previsti sia attività ristrette al gruppo tecnico del tavolo politico istituzionale e sia momenti (anche formalizzati) che prevedono il coinvolgimento di alcuni o tutti i rappresentanti dei soggetti aderenti. Nella maggior parte dei casi questi Reti hanno scelto di adottare un approccio fortemente partecipato basato sulla co-progettazione delle azioni con gli enti aderenti. Le Reti (C/A) si sono caratterizzate per una gestione condivisa del piano con gli enti aderenti. Sono orientate a includere un numero sempre maggiore di soggetti, hanno tuttavia privilegiato ambiti di co-progettazione all'interno del solo tavolo tecnico istituzionale. Le Reti (C) che non hanno utilizzato la co-progettazione si riferiscono ai casi in cui l attività di implementazione del piano è stata coordinata soprattutto da un gruppo composto da ASL e Ster. Grafico 4: Grado di apertura delle Reti chiusa/aperta 23% chiusa 31% aperta/chiusa 46% 16 Le strategie attuative Il dibattito scientifico sulla sociologia del welfare e gestione delle politiche pubbliche 2 verte oggi sul riconoscimento della centralità del paradigma della Public Governance (processo di redistribuzione del potere decisionale, attraverso il coordinamento e coinvolgimento di tutti gli stakeholders) rispetto agli approcci di tipo New Public Management e Government (l esercizio del potere decisionale derivante dal sistema istituzionale formale). Si sta, cioè, sempre più affermando un approccio che affida alle istituzioni pubbliche il ruolo di regia dello sviluppo economico e sociale in virtù del sistema di relazioni che si definiscono (in modo temporaneo o stabile) tra i diversi attori del contesto locale quali enti pubblici, privati profit e non profit e cittadini e volto alla creazione partecipata di valore pubblico 3. La gestione delle istituzioni pubbliche, anche in Italia, è ascrivibile ai modelli con una relazione specifica fra i processi di riforma intrinsecamente collegati alla natura istituzionale delle pubbliche 2 3 Sviluppo locale e responsabilità sociale nella Chiesa Cattolica: un caso di studio, di Paolo Gheda e Elisa Pintus, in

17 amministrazioni "i modelli burocratici" e quelli che si ispirano ai comportamenti manageriali di stampo privatistico 4. In questo quadro, è possibile offrire una prima lettura degli approcci seguiti dalle Reti territoriali nell'ambito dei processi di apprendimento relazionale tra gli attori coinvolti (Grafico 5). In particolare, se ne evidenziano tre tipologie: approccio burocratico (Rete chiusa ai soli promotori), approccio della comunità territoriale (apertura della Rete ai soggetti che tradizionalmente collaboravano insieme, divisione del lavoro e decentramento delle azioni), approccio imprenditoriale (dove si è inteso giocare fino in fondo il rischio della sperimentazione di nuove relazioni). Tale ricostruzione non esprime, certo, alcuna volontà di definire il migliore tra gli approcci territoriali. Ma, al contrario, si intende porre l'attenzione che proprio perché il civil welfare si realizza attraverso un forte radicamento alla comunità di riferimento, diversi modelli di governance si vanno definendo, in concreto, in ragione degli assetti istituzionali e delle dinamiche sociali ed economiche proprie di ciascun territorio. Va, comunque, osservato che i segni di un maggiore investimento in processi di innovazione sociale sembrano presenti soprattutto in quelle reti caratterizzate da un approccio imprenditoriale, che tende cioè a superare la naturale avversione al rischio tipica dell agire amministrativo, per potenziarsi mediante il coinvolgimento di soggetti spesso distanti dai tavoli di lavoro tradizionali e la sperimentazione di azioni fortemente orientate al cambiamento organizzativo 5. Grafico 5: Le strategie di Rete 17 4 Materiali didattici Cergas-Bocconi, in Regione Lombardia, Un percorso di formazione-accompagnamento alla nuova programmazione zonale dedicato agli Uffici di Piano e alle Aziende sanitarie locali, Le reti territoriali lombarde per la conciliazione e le sfide dell innovazione sociale, di Laura Canale, Secondo Welfare, 25 ottobre 2012

18 2.3 Sintesi dei principali risultati conseguiti e corrispondenza alle previsioni del percorso L'analisi dell'avanzamento fisico del programma in Lombardia mostra una situazione più che positiva. Le finalità generali dell'intesa Conciliazione sono state perseguite attraverso quattro strumenti prioritari di intervento: a) la Rete Territoriale per la Conciliazione, che ha previsto la costruzione e sottoscrizione di accordi costitutivi di reti multistakeholder in tutti i territori coincidenti con quelli delle Aziende Sanitarie Locali. Il partenariato, in cui alla ASL è stato assegnato il ruolo di capofila, è costituito da soggetti promotori ed aperto in progress alle più ampie adesioni da parte delle diverse componenti istituzionali, economiche e sociali del sistema locale di riferimento. La scelta strategica distintiva del percorso lombardo è stata quella di posizionare all interno del singolo contesto territoriale la progettazione specifica delle azioni per la conciliazione e la sperimentazione del sistema dotale; b) la Dote Conciliazione - Servizi all'impresa per il sostegno alla maternità, articolata in contributo per servizi di consulenza specialistica e dote premialità all assunzione. La prima, destinata alle imprese per la realizzazione di analisi organizzativa e individuazione di soluzioni, quali piani di flessibilità aziendale e piani di congedo personalizzati per il rientro al lavoro dalla maternità, ha visto anche il riconoscimento di un voucher una tantum alle imprese che hanno effettuato il percorso; la seconda incentiva le PMI all assunzione di madri disoccupate con almeno un figlio a carico inferiore ai cinque anni; c) la Dote Conciliazione - Servizi alla persona, destinata ai genitori che rientrano dall assenza per maternità o paternità, permette l acquisizione di servizi a sostegno dei compiti di cura della famiglia presso i soggetti gestori accreditati; d) l Associazione tra Imprese e Servizi interaziendali, dove più aziende possono aggregare la loro domanda per individuare possibili soluzioni a favore del proprio personale dipendente, con la collaborazione dei soggetti già presenti sul proprio territorio. Dal punto di vista quantitativo, potendo contare con l'attivazione delle 13 Reti su una copertura complessiva di tutto il territorio lombardo, i risultati empirici realizzati hanno infatti superato i target/obiettivo previsti in fase progettuale. Dal confronto tra i risultati attesi e quelli raggiunti emerge con evidenza che l'unico indicatore non ancora soddisfatto è quello relativo alla consulenza specialistica e collegato bonus azienda. Tabella 7: Confronto ex-ante - ex post dei risultati previsti Finalità generali Interventi Azioni Risultati attesi Risultati raggiunti b) 1) Azione 1 Attivazione in Facilitazione per il Sostegno alla Help-desk famiglie e almeno 4 territori rientro al lavoro di maternità aziende lavoratrici che abbiano usufruito Azione di congedo a) Voucher premiante lavoratrici/lavoratori parentale o per x rete motivi comunque legati ad esigenze b) Servizi di 100 di conciliazione consulenza specialistica lavoratrici/lavoratori anche tramite x rete che poi sono percorsi formativi e diventate 100 di aggiornamento imprese per 6 territori Coperto tutto il territorio lombardo 538 premi per assunzioni in pmi sui 6 territori pilota 78 pmi con progetti di flessibilità e piani congedo per lavoratrici c) bonus azienda Pmi Delta 18

19 c) Erogazione di incentivi all acquisto di servizi di cura in forma di Voucher/Buono per i servizi offerti da strutture specializzate o in forma di Buono Lavoro per prestatori di servizi e) Altri eventuali interventi innovativi e sperimentali 1) Una Rete per la Conciliazione 2) La Dote Conciliazione 1) Associazione tra imprese 2) Percorso Conciliazione Creazione di reti con un percorso partecipato territoriale Azioni locali: portale della conciliazione Voucher Servizi alla Persona Reti di imprese per servizi interaziendali Analisi imprese Programma d azione territoriale Promozione della cultura della conciliazione sul territorio Accompagnamento allo sviluppo del piano sperimentale Attivazione in almeno 4 territori nel 2010, 2 nel luglio persone x rete (1800 totale atteso) Attivazione in almeno 6 territori 13 Reti attivate con copertura dell'intero territorio lombardo doti per servizi di cura sui 6 territori pilota 12 territori con 23 azioni mirate 13 Reti di imprese attive Dal lavoro fin qui realizzato è scaturito un volume di attività che ha superato gli obiettivi strategici fissati in fase di progettazione e che fin da ora può essere considerato quale felice esito complessivo della attuazione dell'intesa Conciliazione. I risultati quali/quantitativi ad oggi raggiunti non erano affatto scontati e dimostrarne la realizzabilità e l efficacia è stato uno dei punti cruciali di questa fase attuativa. Tabella 8: Output finale 127 Azioni progettuali sul tema conciliazione in corso di realizzazione nelle 13 Reti territoriali; Doti alla persona (92% del risultato atteso) che hanno consentito l'utilizzo di servizi di cura per l infanzia di cui l 92,7% asili nido nelle 6 Reti pilota; 538 Premialità all assunzione (85,50% del risultato atteso) di cui 32% micro impresa, 23,5% piccola impresa e 45,5% media impresa nelle 6 Reti pilota; 78 Piccole e Medie Imprese che hanno attivato un progetto di flessibilità e/o un piano di congedo, per un totale di lavoratrici beneficiarie; 13 Reti di imprese in fase di sperimentazione di servizi interaziendali di conciliazione. 19 Fonte: Éupolis Lombardia Infine, le Reti di Mantova e Lecco hanno realizzato una analisi di customer satisfaction diretta a cogliere il gradimento sia dei beneficiari della dote persona che delle imprese assegnatarie della premialità assunzione.

20 3. Il sistema di intervento delle Reti In sede di relazione finale al Dipartimento delle Pari Opportunità, La Direzione Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale, ha dato conto delle misure approvate e delle azioni progettuali attivate sul territorio e delle risorse stanziate, con riferimento a ciascuna delle specifiche finalità dell Intesa richiamate nel programma regionale attuativo. In quel contesto è stato analizzato lo stato di realizzazione del programma regionale dal punto di vista del suo avanzamento fisico e finanziario. In sede di valutazione partecipata è stata condivisa una lettura complementare, che aiutasse a leggere anche trasversalmente, come di seguito descritto, i Piani di azione dei 13 territori. 3.1 Le modalità di rilevazione dei fabbisogni Tutte le reti hanno effettuato una analisi di contesto in fase di redazione del proprio piano di azione territoriale. Successivamente, in fase attuativa, la maggioranza delle reti (7 su 13) ha ulteriormente affinato gli strumenti di approfondimento ed analisi della domanda. Tabella 9: Strumenti adottati dalla Rete per l analisi della domanda e l emersione dei bisogni Fascia Reti Strumenti 1 A Bergamo - 2 A Brescia 795 incontri personalizzati con le mamme che hanno presentato al Dipartimento Provinciale del Lavoro la pratica per le dimissioni dal lavoro 3 B Como - 4 A Cremona Analisi territoriale 5 A Lecco Primo rapporto del mercato del lavoro femminile in provincia di Lecco 6 B Lodi - 7 A Mantova - 8 B Milano ASLMI1:Analisi del bisogno attraverso il coinvolgimento degli ambiti territoriali - ASL MI2: questionario di rilevazione dei bisogni delle famiglie con figli 0-14 anni ASL Mi: questionario rivolto alle famiglie di un quartiere 9 A Monza e Brianza Questionari per datori di lavoro e lavoratori, questionari rivolti ai lavoratori ASL 10 B Pavia Indagine conoscitiva sui bisogni di conciliazione espressi dalle lavoratrici e dai lavoratori e alle imprese 11 B Sondrio Questionari ASL, Ster 6, AO, Provincia, Comune, Arpa 12 B Vallecamonica - 13 B Varese - 20 Nel Piano di Intervento territoriale della Rete di Brescia è stata sottolineata l esigenza di concentrare su un particolare target, quello costituito da madri che entro il primo anno di vita del bambino presentano le proprie dimissioni dal lavoro (795 sia nel 2010 che nel 2011). La presenza di un significativo fenomeno di dimissioni ha reso necessario concentrare le azioni e gli interventi su questa area di bisogno, cercando di creare sinergia e collegamento con la Direzione Provinciale del Lavoro. La procedura prevede che la lavoratrice madre confermi davanti a un funzionario della DPL la propria volontà di dimettersi. Si è pertanto concordato con la DPL le modalità per indirizzare le madri agli sportelli ASL prima di confermare le dimissioni, al fine di poter realizzare incontri personalizzati di ascolto e orientamento. 6 Sedi territoriali di Regione Lombardia: sono presenti a livello provinciale.

21 La Rete di Cremona ha realizzato un analisi territoriale sia in sede di stesura del Piano territoriale, sia in occasione della presentazione del Rapporto di monitoraggio. Questo strumento che la Rete intende realizzare periodicamente ha la funzione di aggiornare e monitorare i dati, leggere il bisogno di conciliazione, le tendenze e i mutamenti in atto, per programmare interventi sempre più efficaci e contestualizzati. La Rete di Lecco per raggiungere i potenziali beneficiari della misura dotale ha spedito ai genitori dei bambini nati da agosto 2010 a novembre 2011 n lettere in cui informavano i genitori della sperimentazione regionale attiva sul territorio e fornivano i recapiti degli uffici di riferimento presso i quali era fornita consulenza in merito ai requisiti e alle modalità di formulazione delle domande. In seguito le infermiere delle n. 13 sedi consultoriali territoriali hanno contattato personalmente i genitori dei bambini nati e hanno provveduto ad informarli nuovamente rispetto all iniziativa regionale, analizzando con essi la specifica situazione personale e raccogliendo l analisi del reale bisogno del contesto familiare; sono state effettuate circa telefonate e realizzato un database con l analisi dei bisogni evidenziati. I dati raccolti per entrambe le misure dotali sono stati utilizzati per una analisi più approfondita dei beneficiari, che è stata pubblicata nel Primo Rapporto del Mercato del Lavoro Femminile in Provincia di Lecco e nel Focus di giugno 2012 relativo all Osservatorio. La Rete di Lecco ha deciso di dare vita, attraverso un accordo tra la ASL, la Provincia di Lecco, la CCIA, al primo Rapporto sul mercato del lavoro femminile. All interno della Rete di Milano la ASL città di Milano ha previsto all interno di un quartiere pilota la somministrazione di un questionario alle famiglie attraverso il quale produrre una mappatura tanto dei servizi quanto dei bisogni e delle caratteristiche delle destinatarie del progetto. Gli esiti attesi di questa iniziativa sono una mappa infografica che indica le soluzioni di conciliazione e i relativi costi, e il coinvolgimento delle famiglie all interno di focus group per l attivazione del community organizer, perno attorno al quale attivare un coinvolgimento comunitario dei soggetti, a livello di quartiere, per l individuazione dei bisogni e la ricerca di soluzioni di conciliazione. Il sottogruppo Imprese della Rete di Monza e Brianza ha sviluppato due questionari diretti a lavoratori e imprese in corso di somministrazione La Rete di Pavia promuove un indagine conoscitiva sui bisogni di conciliazione espressi dalle lavoratrici e dai lavoratori, sia all interno delle organizzazioni pubbliche (questionario affidato alla STer), sia di quelle private (questionario + incontri pmi affidato alla CCIAA), con la supervisione scientifica dell'università locale. La Rete di Sondrio considerate le obiettive difficoltà a considerare il mondo del lavoro privato ha deciso di iniziare a conoscere le realtà e i bisogni della pubblica amministrazione. A tal fine è stato predisposto un questionario rivolto a tutti i dipendenti degli enti più rappresentativi della provincia (Azienda Ospedaliera, ASL, Provincia di Sondrio, Comune di Sondrio, ARPA, STer). Il questionario ha come obiettivo quello di conoscere come l ente risponde ai bisogni dei lavoratori e quali siano le iniziative che si ritengono più opportune per promuovere la conciliazione. La somministrazione del questionario, che riguarda circa lavoratori, è stata realizzata nel corso dell'estate

22 Brescia Vallecamonica Sebino Lodi Cremona Mantova Sondrio Varese Bergamo Como Lecco Pavia Monza Brianza Milano 3.2 L'articolazione degli interventi e le tipologie dei servizi erogati Intervento 1 Sistema Dote La sperimentazione è stata realizzata in 6 reti pilota Adeguamento del sistema di offerta servizi di supporto alla maternità - Filiera della Conciliazione Tabella 10: La Filiera dei servizi conciliativi - prima infanzia Rete territoriale Mappa dei servizi n. nidi Mantova Servizio nidi 110 Monza Brianza n.d. n.d. Brescia n.d. n.d. Cremona Elenco baby sitter n.d. Lecco Servizi prima infanzia 69 Bergamo n.d. n.d. Como n.d. n.d. Sondrio n.d. n.d. Varese n.d. n.d. Lodi n.d. n.d. Vallecamonica Sebino n.d. n.d. Milano n.d. n.d. Pavia n.d. n.d. Totale Intervento 2 Una Rete per la conciliazione 127 progetti attivi Nell'ambito delle 13 Reti territoriali di Conciliazione, sono complessivamente 127 le azioni coprogettate a livello locale, di cui circa il 90% è in fase realizzativa. Grafico 6: Distribuzione delle azioni progettuali A B B A A B B A B A B A B Le azioni progettuali possono essere identificate per classi di intervento:

23 le azioni mirate, rappresentano il 52% del totale e si sostanziano in azioni orientate a: Valorizzazione delle famiglie, Azioni rivolte al territorio, Azioni rivolte alle imprese e reti di imprese, Azioni rivolte alle pubbliche amministrazioni; le azioni trasversali o di sistema, rappresentano il 48% del totale e si sostanziano in azioni orientate a: Formazione di una cultura della conciliazione, Promozione della Rete, Adeguamento del sistema di offerta di servizi sociali alle esigenze di conciliazione. Tabella 11: Sintesi delle azioni progettuali previste dai singoli PTC per classi di intervento Fascia Rete territoriale Azioni Trasversali Formazione di una cultura della conciliazione Promozione della rete Adeguamento del sistema di offerta alle esigenze di conciliazione Valorizzazione delle famiglie Azioni mirate Azioni rivolte al territorio Azioni rivolte imprese e reti di imprese Azioni rivolte alle PA Progetti (totale) 2 A Brescia B Vallecamonica Sebino 8 B Lodi A Cremona A Mantova B Sondrio B Varese A Bergamo B Como A Lecco B Pavia A Monza Brianza 9 B Milano Totale Grafico 7: Distribuzione complessiva delle azioni progettuali per classi di intervento Grafico 8: Articolazione progettuale nelle 13 Reti territoriali di Conciliazione

24 Fascia A Fascia B Milano Pavia Como Varese Sondrio Lodi Vallecamonica 2 11 Monza Brianza Lecco Bergamo Mantova Cremona Brescia Formazione di una cultura della conciliazione Promozione della rete Adeguamento del sistema di offerta alle esigenze di conciliazione Valorizzazione delle famiglie Azioni rivolte al territorio Azioni rivolte imprese e reti di imprese Azioni rivolte alle PA Azioni Trasversali Azioni Mirate

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI ALLA RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE DELLA PROVINCIA DI PAVIA

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI ALLA RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE DELLA PROVINCIA DI PAVIA BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI ALLA RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE DELLA PROVINCIA DI PAVIA All.1 INDICE 1 PREMESSA E FINALITA' DEL BANDO pag.2 2 OBIETTIVI REGIONALI pag.2 3 SOGGETTI CHE POSSONO

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

Tabella 2. I criteri di valutazione dei progetti presentati dalle allanze territoriali alle Asl

Tabella 2. I criteri di valutazione dei progetti presentati dalle allanze territoriali alle Asl Tabella 2. I criteri di valutazione dei progetti presentati dalle allanze territoriali alle Asl Bando Criteri di valutazione Bergamo Brescia Como Qualità dell'ʹanalisi dei bisogni territoriali Percentuale

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n.

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. del In ottemperanza alla DGR X/1081 del 12/12/2013 e del Decreto n. 2058 dell 11/3/2014, questa ASL pubblica il seguente

Dettagli

DOTE 1 Inserimento Lavorativo

DOTE 1 Inserimento Lavorativo Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Inserimento Lavorativo PREMESSE IL CONTESTO NORMATIVO LA LEGGE REGIONALE 22/2006 Con la Legge Regionale

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 Le Consigliere provinciali di Parità di Cremona avv. Debora Adelaide Mossoni (consigliera effettiva) e avv. Rosaria Italiano

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Linee di Indirizzo Programmazione biennio 2011-2012 1 INDICE Premessa... 3 1. Dati di contesto provinciale... 4 2. Priorità e obiettivi provinciali:... 6 3. Le risorse

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO 27 maggio 2014 Brescia Lo schema di ragionamento 1 I partecipanti dell Officina hanno presentato esperienze ed approcci diversi, a partire dai quali abbiamo

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI Il valore della formazione è assicurato e nutrito dal significato originario dell impegno formativo favorire processi vitali, sostenerli nei momenti di cambiamento, orientare le potenzialità, offrire strumenti

Dettagli

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO Molte delle buone pratiche messe in atto dalle imprese per migliorare il benessere dei propri

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Il territorio e la promozione dei servizi relazionali pubblici e privati. Verso il primo piano regionale per i bambini e gli adolescenti nel Veneto Padova il 18 dicembre Francesco Gallo 1 Premessa Con

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA. Tavolo Orientamento al Lavoro 16 aprile 2015

PROVINCIA DI MANTOVA. Tavolo Orientamento al Lavoro 16 aprile 2015 PROVINCIA DI MANTOVA Tavolo Orientamento al Lavoro 16 aprile 2015 Apre i lavori l Assessore con delega alla Formazione Professionale, Coesione Sociale e Pari Opportunità della Provincia di Mantova, Elena

Dettagli

L identità e la partecipazione del SAI nel locale sistema di protezione giuridica

L identità e la partecipazione del SAI nel locale sistema di protezione giuridica L identità e la partecipazione del SAI nel locale sistema di protezione giuridica La cornice regionale di riferimento 1 STRUTTURA PER LA TUTELA E UFFICIO DI PROTEZIONE GIURIDICA L. R. 3/2008 Governo della

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Allegato 1 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO D.G.R. n. X/1081 del 12 dicembre 2013 e Decreto. n. 2058 del 11 marzo 2014

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Si riparte. Pronti Partenza Via!!

Si riparte. Pronti Partenza Via!! Si riparte Pronti Partenza Via!! II EDIZIONE UNA NUOVA VISIONE DI WELFARE COMUNITA E INNOVAZIONE Da istituzionalizzato e centralizzato a comunitario e territoriale Da previdenziale e assistenziale a promozionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Giornata

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

AGGIORNAMENTI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE, 2013 Conciliazione Vita-Lavoro

AGGIORNAMENTI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE, 2013 Conciliazione Vita-Lavoro AGGIORNAMENTI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE, 2013 Conciliazione Vita-Lavoro Sportello Welfare Scheda 1: Sperimenta la Flessibilità, migliora la tua impresa! Scheda 2: Dote Conciliazione Premialità alle Imprese

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Comune di Faenza Comune di Ravenna dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Report finale attività formativa Faenza e Ravenna, Febbraio/Marzo 2012 A cura di M. Dalfiume 1 IL PERCORSO Da dove

Dettagli

Definizione di un modello lombardo a sostegno dell occupazione femminile per la promozione delle pari opportunità. Indicazioni per una strategia di

Definizione di un modello lombardo a sostegno dell occupazione femminile per la promozione delle pari opportunità. Indicazioni per una strategia di Definizione di un modello lombardo a sostegno dell occupazione femminile per la promozione delle pari opportunità. Indicazioni per una strategia di sistema Il documento è una sintesi dell indagine promossa

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Progetto di gemellaggio Agire POR PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REGIONEPUGLIA IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Bari 25 settembre 2012 AGIRE POR - PROGETTO

Dettagli

Le reti per la conciliazione come. condiviso. Audit Famiglia e Lavoro. L esperienza delle aziende venete. 19 aprile 2013 Monastier di Treviso

Le reti per la conciliazione come. condiviso. Audit Famiglia e Lavoro. L esperienza delle aziende venete. 19 aprile 2013 Monastier di Treviso Le reti per la conciliazione come strumento di welfare territoriale condiviso 19 aprile 2013 Monastier di Treviso Audit Famiglia e Lavoro. L esperienza delle aziende venete A cura dell Assessorato ai Servizi

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

Area Minori Area tematica: il rafforzamento della funzione educativa e di accompagnamento budget dedicato 16.000,00

Area Minori Area tematica: il rafforzamento della funzione educativa e di accompagnamento budget dedicato 16.000,00 AVVISO PUBBLICO AFFIDAMENTO DI PROGETTI AVENTI AD OGGETTO INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE SOTTOPOSTE A PROVVEDIMENTI DELL AUTORITA GIUDIZIARIA E DELLE LORO FAMIGLIE Premessa Regione Lombardia, con l

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi;

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi; Richiamata la convenzione quadro sottoscritta in data 6.7.2007 con il Consorzio di Cooperative Sociali Il Solco del Serio avente per oggetto la co-progettazione e la gestione dei servizi sociali relativamente

Dettagli

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action HRM Evolution, Vision Knowledge Action paolo.benedetti@etass.org Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB Paolo Benedetti ETAss Avviso Regione Lombardia Anno 2013 Regione Lombardia

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 ------- Accordo 16 dicembre 2014 sottoscritto tra Cgil, Cisl, Uil congiuntamente alle Federazioni regionali pensionati Spi, Fnp e Uilp della Lombardia e l

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto Promuovere azioni e interventi di conciliazione vita-lavoro significa facilitare la vita di lavoratori/trici con famiglia individuando soluzioni famigliari, territoriali e aziendali che consentano alle

Dettagli

Il welfare aziendale in Italia

Il welfare aziendale in Italia Il welfare aziendale in Italia Alcuni spunti dal primo rapporto sul Secondo welfare in Italia In quale quadro si inseriscono le misure regionali lombarde in ordine allo sviluppo del welfare aziendale e

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Gent.le Dipendente. Cordiali saluti,

Gent.le Dipendente. Cordiali saluti, Gent.le Dipendente La cooperativa Tempo Libero aderisce al Progetto 8/18: progetto di assegnazione di un contributo a favore dei lavoratori delle imprese dell alleanza locale degli ambiti distrettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

Risposte innovative a livello locale nella prospettiva di secondo welfare

Risposte innovative a livello locale nella prospettiva di secondo welfare Risposte innovative a livello locale nella prospettiva di secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d)

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999 e s.m.i; - D.lgs. n. 181/2000,

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Premesso che. Tutto ciò premesso

Premesso che. Tutto ciò premesso BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA AI SENSI DELL ART.15 DELLA LEGGE 11 AGOSTO 1991, N. 266 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL TESORO 8

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Piani di zona 2012-2014 e Piano di zona unitario 2015-2017 degli ambiti distrettuali di Bellano, Lecco e Merate

Piani di zona 2012-2014 e Piano di zona unitario 2015-2017 degli ambiti distrettuali di Bellano, Lecco e Merate Servizi Sociali d Ambito Ente Capofila Ufficio di Piano di Lecco. Progetto sperimentale 2015/2017 Sperimentazione di nuovi Servizi per la disabilità (cfr. punto 5.2.2.3.2/e Piano di Zona di Lecco 2015-2017-

Dettagli

INDIRIZZI PER LA MESSA A SISTEMA DELLE PROCEDURE DI VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN CONTESTI NON FORMALI E INFORMALI

INDIRIZZI PER LA MESSA A SISTEMA DELLE PROCEDURE DI VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN CONTESTI NON FORMALI E INFORMALI ALLEGATO A INDIRIZZI PER LA MESSA A SISTEMA DELLE PROCEDURE DI VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN CONTESTI NON FORMALI E INFORMALI Premessa A valle dell esperienza di sperimentazione

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1;

Visto l'articolo 2 dello Statuto d'autonomia della Lombardia approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1; Deliberazione Giunta Regionale 8 maggio 2014 n. 10/1766 Determinazioni in ordine al recepimento delle intese tra il Governo, le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le autonomie locali del

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto Promuovere azioni e interventi di conciliazione vita-lavoro significa facilitare la vita di lavoratori/trici con famiglia individuando soluzioni famigliari, territoriali e aziendali che consentano alle

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO Bando Cantiere Nuovo Welfare 2015

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO Bando Cantiere Nuovo Welfare 2015 1. PREMESSA La crisi economica degli ultimi anni ha acuito le situazioni problematiche, facendo emergere nuovi bisogni e incrementando la domanda di prestazioni nel campo del welfare. Anche altre dinamiche,

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli