Studiare e lavorare in UE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studiare e lavorare in UE"

Transcript

1 Città di Noto Neslettwr d informazione su opportunità, bandi, attualità, cultura e avvenimenti, al servizio del territorio Gennaio 2006 Editoriale Con un anno in più un anno in più nell archivio della nostra vita ed uno che si apre innanzi... con 365 giorni da spendere in modo diverso, in mezzo a costanti tentativi di esulare o integrarsi in contesti diversi Il lavoro, la famiglia, la scuola, la casa i pensieri, i desideri, le aspirazioni, le previsioni sul futuro e le idee cui si vorrebbe dare forma e sostanza Un bilancio che si chiude e un anno che si apre anche qui A questo nostro percorso tracciato attraverso informazioni, notizie e fonti alle quali attingere per gli approfondimenti, pensiamo di dare un taglio particolare anche nel 2006: vorremmo che fosse per Voi strumento aggiuntivo per cogliere i segnali che vengono dal mondo della formazione, della cultura, del lavoro e della società in genere. Un consiglio per... l uso, dunque: integrate questa newsletter con le fonti di informazioni utili che trovate nella Vostra città e su internet, agli Sportelli Informagiovani o presso gli uffici e le strutture che il Comune di Noto ha reso disponibili per Voi (come sempre aspetto di leggervi su: mail.it ;-) EUROPA Studiare e lavorare in UE Parte la carrellata di siti web di maggiore interesse per coloro che vogliono formarsi e occuparsi in UE Europa è il tema dominante della società che cambia all insegna dell integrazione geopolitica in cui ci siamo proiettati da un paio di decenni a questa parte in modo sempre più pregnante anche nel nostro Paese. L Europa si vede, si sente se ne parla sempre più in modo costruttivo, reale, tangibile in modo legato ai contesti più importanti della vita di ciascuno: sociale, economico, culturale, istituzionale. In apertura di questo numero, vogliamo iniziare a proporvi alcuni dei maggiori siti web nei quali reperire informazioni utili e dirette nella ricerca di ciò che interessi a ciascuno. Alcuni di questi sono in italiano, altri in varie lingue comunitarie. In quest ultimo caso, non scoraggiatevi: cogliete l occasione di fare un po di rodaggio delle vostre abilità. è un sito da consultare per avere una panoramica sulle attività della Commissione europea nel campo dell'istruzione e della formazione in UE, informazioni sui vari programmi e sulla capitale europea della cultura, notizie e novità a livello europeo. portale del Centro internazionale di informazione sull'istruzione "InterEdu - Studiare in Europa" è un sito dell'istruzione superiore, che offre informazioni e consigli utili a chi decide di studiare in Europa: profili dei paesi, università, orientamento professionale, ricerca di Master in Business Administration e forum di discussione con altri studenti. è il sito in cui è possibile apprendere le modalità di riconoscimento dei titoli accademici e professionali e reperire informazioni sulle questioni di attualità in campo accademico internazionale, in materia di mobilità professionale e sulle procedure per il riconoscimento delle proprie qualifiche all'estero. è una guida su web ai sistemi educativi dei paesi europei, dall'albania alla Iugoslavia. Un ricco archivio di informazioni concepito per aiutare laureati di primo e di secondo livello a scegliere tra un'ampia gamma di corsi accademici e di specializzazione. è un altra ricca fonte di informazioni sulle opportunità di studio in tutto il mondo. Alla pagina "Study Europe", è possibile consultare dati relativi a corsi, programmi internazionali e scuole di lingue. Sono anche disponibili informazioni su vari istituti di istruzione superiore in Europa. 1

2 SCUOLA Volontario sarai tu! Concorso aperto agli studenti per sensibilizzarli alla cittadinanza attiva Le istanze di partecipazione vanno presentate entro il 28 febbraio 2006 Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, in collaborazione con il Segretariato Sociale Rai e con Pubblicità Progresso, lancia un bando di concorso per realizzare una campagna di comunicazione al fine di promuovere il volontariato nella scuola, Nell ambito del progetto Scuola e Volontariato Il concorso prevede l ideazione da parte degli studenti di una campagna sociale destinata ai propri coetanei. Il concorso consiste nella progettazione e la produzione di un lavoro realizzato, individualmente o in gruppo, sul tema Volontario sarai tu! per promuovere la partecipazione delle scuole e dei giovani a progetti di volontariato sociale. I concorrenti possono scegliere di interpretare il tema con: 1) Uno spot pubblicitario in DVD o VHS, della durata di due minuti; 2) Uno slogano pubblicitario corredato di vignetta o di foto. Tre elaborati ritenuti migliori saranno utilizzati per sensibilizzare i giovani nell esercizio della cittadinanza attiva e saranno premiati durante il terzo convegno nazionale Scuola e Volontariato. Gli elaborati devono essere inviati entro il 28 Febbraio Per ulteriori informazioni: BORSE DI STUDIO Per le vittime del terrorismo Entro il 9 febbraio 2006 le istanze dei figli e degli orfani Scade il 9 febbraio 2006 il concorso pubblico per titoli per l'assegnazione di borse di studio in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, degli orfani e dei figli delle suddette vittime e dei superstiti - figli e orfani - delle vittime del dovere. Il bando di concorso, emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 2 del 10 gennaio scorso. Le domande per l'assegnazione delle borse di studio devono essere redatte in carta semplice ed essere presentate all'ufficio scolastico competente in base alla residenza dello studente o al rettore dell'università alla quale il richiedente è iscritto. Soggetti aventi diritto all'assegnazione delle borse di studio sono gli studenti che, alla scadenza del termine, risultino: iscritti al corso di laurea o di diploma universitario nell anno accademico 2004/2005; che abbiano sostenuto con esito favorevole almeno due esami previsti dal piano di studio per il conseguimento del diploma di laurea o di un diploma universitario nell anno accademico di riferimento; gli studenti che risultino iscritti ai corsi nell anno scolastico 2004/2005; abbiano conseguito la promozione alla classe superiore o la licenza elementare/licenza media/diploma di istruzione secondaria superiore o titolo equiparato, nell anno scolastico di riferimento. I suddetti requisiti non sono richiesti per i soggetti portatori di handicap. Per maggiori info: 2

3 MASTER Borse di studio del Ministero Esteri Entro il 31 gennaio le istanze per partecipare a Corsi in Belgio e Polonia I candidati devono possedere un buon curriculum non per forza la laurea Un Master presso il Collegio d Europa, ovvero un istituzione di formazione accademica post-laurea con sede a Bruges (Belgio) e Natolin (Polonia). Il Ministero degli Esteri (sito: mette a disposizione borse di studio per la partecipazione al corso. Per frequentare i corsi in Belgio occorre una laurea, già conseguita o da acquisire entro il 31 luglio 2006, in Giurisprudenza, Economia, Scienze politiche (indirizzo politicoamministrativo) o Relazioni internazionali e diplomatiche dell UE. Per studiare in Polonia, invece, è sufficiente una qualsiasi laurea a indirizzo giuridico, economico, politico-amministrativo o storicosociale purché con orientamento sull Europa centro-orientale, da conseguire o già conseguita. Altri requisiti: non aver superato i trent annialla data del 31 Marzo 2006; ottima conoscenza delle lingue inglese e francese. Tutti i candidati devono essere in possesso di un buon curriculum di studi. Per chi non è ancora laureato, si terrà conto della media delle votazioni riportate nelle prove di esame sostenute, che risulteranno dal certificato di studio da allegare. Per partecipare alla selezione, gli interessati devono presentare al ministero degli Affari esteri, Piazzale della Farnesina 1, Roma, D.G.P.C.C., Ufficio VI, il formulario del Collegio d Europa, che si può scaricare dal sito Internet ed inviarne una copia al campus prescelto. Il termine per la presentazione delle domande è il 31 Gennaio Catch it! É la Formula promozionale dell ISM L'Istituto Superiore del Marketing (ISM) è specializzato in Master intensive con metodologia HI DENSITY rivolti a laureati e professionisti che desiderino una qualificazione attraverso conoscenze applicative ed un clima di apprendimento socievole ed informale. Quest'anno l'ism ha proposto Catch it! un programma promozionale della durata di un mese, in cui coloro che faranno domanda e passeranno al selezione potranno partecipare ad uno o più dei Master a propria scelta durante tutto l'anno accademico 2005/2006 al prezzo, quasi simbolico, di 990 al netto di IVA. L offerta è limitata a 100 posti. La promozione coinvolge tutti i Master dell'ism. Le domande, con CV e lettera di accompagnamento, devono essere inviate entro il 20 Gennaio Per ulteriori informazioni: 3

4 TURISMO Sul sito del Ministero Affari Esteri i Focus Paese 2006 Disponibili on line sul sito del Ministero degli Affari Esteri i Focus Paese 2006 per la promozione dei flussi turistici verso l'italia e la lettura dei relativi dati. Utili strumenti di comprensione delle dinamiche di mercato legate al settore del Turismo, i Focus Paese, elaborati dalle Ambasciate, dai Consolati e dagli Uffici delle Delegazioni ENIT all'estero, rappresentano una testimonianza concreta della strategia di coordinamento, prevista dal Protocollo d'intesa tra MAE, MAP ed ENIT del 7 luglio 2004, per la promozione turistica internazionale dell'italia. Per ciascun mercato i Focus Paese offrono un quadro sintetico della situazione macro-economica, un'analisi quantitativa e qualitativa della domanda di turismo verso l'italia, nonché progetti di iniziative promozionali. Le analisi e le proposte offerte dai Focus Paese costituiscono un efficace strumento a disposizione di enti territoriali e operatori per costruire e attuare i propri programmi di attrazione del turismo dall'estero. Si tratta dunque di un ulteriore, importante passo per potenziare la diplomazia economica della Farnesina e per fare sistema tra istituzioni italiane operanti all'estero. Attraverso la banca dati in possesso del MAE, infatti, è possibile monitorare l andamento dei flussi turistici e pianificare le strategie comuni di marketing territoriale e di azione partecipata pubblico-privato. STAGE Tra ambasciate e istituti di cultura Entro il 31 gennaio le candidature ai Tirocini di tre mesi Al via il primo bando annuale del Programma Tirocini del ministero degli Esteri in collaborazione con le Università italiane e la Conferenza rettori università italiane, con il supporto della Fondazione Crui. Previsti Stage di tre mesi tra ambasciate e istituti di cultura: da Washington a Helsinki, da Monaco di Baviera a Singapore, durante i quali, ad esempio, saranno affrontate problematiche inerenti le operazioni elettorali e l ingresso di stranieri sul territorio finlandese presso l ambasciata italiana a Helsinki, si promuoveranno lo studio della lingua italiana nelle scuole di ogni ordine e grado degli USA presso l ambasciata a Washington e cureranno i rapporti fra scuole e genitori presso il consolato generale d Italia a Monaco di Baviera in Germania. Il programma permette ai giovani di svolgere un tirocinio di tre mesi presso il ministero, le rappresentanze diplomatiche, gli uffici consolari, gli istituti di cultura e tutte le rappresentanze permanenti presso le organizzazioni internazionali Nel dettaglio, possono partecipare i laureandi che abbiano superato il settanta per cento degli esami del proprio piano di studi con una votazione non inferiore a 27 su 30 e i laureati di laurea triennale e del vecchio ordinamento e i partecipanti di master. I candidati dovranno inoltre avere una conoscenza di lingue che varieranno a seconda dell'offerta a cui ci si vuole candidare. I tirocini si svolgeranno nel periodo compreso tra il 28 aprile 2006 e il 28 luglio del Per maggiori info: 4

5 PROGETTO Donne e infanzia: più cura più impresa Ministero per le Pari Opportunità, Sviluppo Italia e Università Il Ministero per le Pari Opportunità in collaborazione con Sviluppo Italia ha attivato un intervento di orientamento, formazione ed accompagnamento alla creazione di impresa denominato Donne e infanzia: più cura, più impresa, volto a favorire la nascita di nuove attività imprenditoriali al femminile nel settore dei servizi di cura per l infanzia. Il progetto è realizzato attraverso l utilizzo delle risorse assegnate dalla Delibera CIPE 17/2003, che finanzia progetti volti a ridurre il disagio occupazionale e sociale della donna. L iniziativa coinvolgerà università di 7 regioni del centro sud Italia (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia), territori in cui, l offerta di servizi di cura per l infanzia è minore della domanda ed il tasso di disoccupazione femminile è più alto. In Sicilia, in particolare, le Università interessate dal progetto sono quelle di Messina, Catania, Palermo e Kore di Enna. L idea di sostenere nuove imprese femminili nel settore dei servizi di cura per l infanzia nasce, da un lato, per stimolare l autoimprenditorialità, e dall altro per dare risposta alle mutate esigenze delle donne che chiedono sempre più servizi e strutture che permettano loro di riuscire a conciliare famiglia e professione. Destinatari del progetto sono donne laureate e laureande in discipline umanistiche e psico-pedagogiche, che saranno inserite in percorsi di orientamento, formazione e accompagnamento alla creazione d impresa allo scopo di ampliare le competenze già acquisite, grazie ai corsi di laurea tradizionali, integrandole con competenze di tipo manageriale e imprenditoriale. Donne e infanzia: più cura, più impresa, inoltre, si rivolge anche ai soggetti locali attraverso un azione di sensibilizzazione volta a sviluppare consapevolezza sul tema della conciliazione, come leva per lo sviluppo socioeconomico che coinvolge tutti gli attori sociali e non solo le donne. I percorsi formativi forniranno alle partecipanti gli strumenti necessari per valutare in maniera consapevole le nuove opportunità di accesso al mercato del lavoro indipendente e le accompagneranno nell elaborazione e nella stesura del proprio piano d impresa, per avviare attività imprenditoriali autonome come asili, ludoteche, baby parking. Il progetto prevede infatti la realizzazione di: una ricerca finalizzata a rilevare, attraverso una analisi quantitativa e qualitativa, i servizi di cura per l infanzia presenti sui territori dell intervento, individuando al contempo le formule imprenditoriali di eccellenza adottate nel settore; un seminario di orientamento per l autoimpiego e l autoimprenditorialità in ogni ateneo della durata di 4 ore ciascuno; selezione di soggetti interessati e in possesso di attitudini e motivazioni a partecipare ai percorsi formativi in creazione di impresa in possesso di uno dei seguenti requisiti: a) aver conseguito il diploma di laurea da non più di 24 mesi; b) aver superato tutti gli esami universitari meno due previsti dal piano di studi; c) residenza nei territori Obiettivo 1.; percorsi di formazione alla creazione di impresa per l elaborazione e la messa a punto del piano di impresa; interventi di sensibilizzazione sul tema della conciliazione, per gli operatori delle amministrazioni pubbliche locali. Ulteriori info su: 5

6 Selezionati X Voi = Voi Rassegna Stampa SPECIALE SCUOLA Da Repubblica.it Oltre due milioni di famiglie stanno completando la scelta: continua l'afflusso record verso i licei. E non è stata prorogata la norma antiaffollamento Iscrizioni quasi al filo di lana e scatta il tetto-sicurezza nelle classi di SALVO INTRAVAIA Due milioni e 300 mila famiglie italiane sono alle prese con le iscrizioni dei figli a scuola. Molte le domande e tantissime le decisioni che mamme e papà sono chiamati a prendere. Ma la novità del prossimo anno sarà legata alla sicurezza nelle scuole: niente più classi superaffollate. A meno che il governo non decida di dilazionare ancora l'ormai decennale problema. Quale indirizzo scegliere per la scuola superiore? E' meglio il solo tempo obbligatorio o quello pieno, alla media e all'elementare? E dopo la media, meglio il liceo, la Formazione professionale o l'apprendistato? E cosa fare con l'anticipo: meglio inviare in prima i piccoli a 5 anni e mezzo o lasciarli ancora un anno alla materna? Intanto, in questi giorni, mamme e papà devono districarsi fra licei a 'numero chiuso', Piani dell'offerta formativa sempre più complessi e 'illeggibilì e scuole che possono assicurare sempre meno servizi. E ancora, tasse che arrivano fino a 200 euro, ma 'a titolo volontario', e le 'solite liste d'attesa alla materna', dove solo in rari sarà consentito l'anticipo a due anni e mezzo. Giorni per decidere ne restano ancora pochi: le famiglie italiane hanno tempo fino al prossimo 25 gennaio. La sicurezza. Il 2006/2007 dovrebbe essere l'anno della svolta, almeno per la sicurezza. Le aule non dovranno contenere più di 25 alunni, limite imposto dalle 'Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica'. Un decreto, quello del ministero degli Interni, che risale addirittura al 1992 e che prevedeva scuole sicure entro il Da allora, per motivi esclusivamente economici legati alla penuria di fondi, il termine è stato prorogato diverse volte. Fino ad arrivare, per il momento, al giugno 2006, in quasi tutte le regioni. Oggi, alcune prime classi della secondaria di secondo grado ospitano anche 31/32 alunni. 6

7 Il ministero dell'istruzione ha ormai elaborato le stime che riguardano il numero di alunni sulle quali sarà disegnato il cosiddetto organico di diritto del 2006/2007. Da questo dipenderà il numero di classi assegnate ad ogni scuola; così come i trasferimenti dei docenti, le eventuali immissioni in ruolo e le supplenze annuali. Ma i conteggi ministeriali non sembrano, al momento, tenere conto del limite di 25 alunni per classe, che porterà ad un aumento delle stesse e al conseguente incremento di posti in organico. Il nove aprile è vicino e la patata bollente con ogni probabilità passerà nelle mani del prossimo governo che sarà chiamato a una difficile decisione: aumentare considerevolmente le classi e i posti per garantire la sicurezza di circa 8 milioni e mezzo di persone che ogni giorno frequentano le 40 mila scuole italiane? O prorogare ancora una volta la norma, e la sicurezza di tutti? La normativa. Le norme che regolano il numero massimo di alunni per classe sono sostanzialmente tre. La prima, di carattere didattico è stata varata dal ministero dell'istruzione: massimo 28/30 alunni per classe, di più il docente non sarebbe in grado di gestirne. La seconda, di carattere igienico-sanitario: al superiore, sono previsti circa 2 mq per alunno per aula. La terza è la norma antincendio che prevede un affollamento massimo (per l'evacuazione in caso di fuga) di 26 persone per classe: 25 alunni più il docente o 24 alunni se i docenti sono due. A scanso di equivoci, caso per caso (cioè per ogni singola classe), per garantire la sicurezza e rispettare la legge fra le tre normative occorre che sia rispettata la più restrittiva. Tutte le norme sulla sicurezza stanno 'festeggiando' il decennale della proroga: entro il giugno/dicembre 1997 gli edifici scolastici italiani avrebbero dovuto essere in perfetta regola. Ma quest'anno, il governo ha deciso per la linea dura: niente proroga nel 'milleproroghe' in discussione in questi giorni al Senato. Le iscrizioni. I dati definitivi si conosceranno a marzo ma anche il 2006/2007 sembra destinato a ingrossare le fila dei licei (classici, scientifici e sociopsicopedagogici). Al punto che per la prima volta in Italia intere province - o singole scuole - hanno deciso per il 'numero chiusò attraverso una serie di criteri di priorità per entrare nelle scuole più gettonate. Nell'arco degli ultimi 5 anni gli studenti dei classici si sono incrementati del 20 per cento, consistenti incrementi anche per i licei scientifici e per gli ex istituti magistrali. A pagare sono stati soprattutto gli istituti tecnici e professionali che hanno visto un calo inarrestabile di iscrizioni. Nel 2001/2002 gli studenti dei tecnici erano 236 mila in più di quelli di classici e scientifici. Quest'anno la distanza si è ridotta a poco più di 71mila ragazzi. Il prossimo anno potrebbe esserci in sorpasso. 7

8 Polemiche e curiosità. Non sono mancate polemiche e curiosità sulle iscrizioni per il prossimo anno scolastico. A tenere banco l'anticipo alla materna, attivato 'clandestinamente' in diverse realtà senza la presenza di tutti i requisiti previsti dalla normativa: prima fra tutti l'accordo tra direzione scolastica regionale e ente locale (il Comune) per la fornitura di personale e risorse. La fuga verso lidi più sicuri, determinata anche dall'insicurezza creata sul futuro degli istituti tecnici e professionali, sta facendo scoppiare i licei che hanno stabilito il numero chiuso che il ministro Moratti ha subito smentito. Ma se una scuola può contenere 900 alunni e le richieste sono di gran lunga superiori, il numero chiuso c'è o no? Vederemo a giorni. Poi, c'è la divertente ( o triste) storiella dell'esonero dalle tasse scolastiche erariali solo per i poverissimi: le famiglie che possono spendere metà di quello che spendono quelle definite povere dall'istat. E l'ingresso a cinque anni e mezzo in seconda elementare (non in prima) per i piccoli provenienti dalle scuole private. (19 gennaio 2006) Nella circolare il ministero dell'istruzione fa marcia indietro sul decreto che espandeva le ore di inglese a scapito delle altre lingue straniere Scuola, la carica dei due milioni ecco le novità delle iscrizioni di SALVO INTRAVAIA Dopo lunga attesa, arriva la circolare sulle iscrizioni a scuola. Un passaggio che interessa 2 milioni e 300 mila famiglie italiane. Niente inglese potenziato, almeno per il 2006/2007, nella scuola media riformata (ora secondaria di primo grado), anticipo alla scuola elementare per coloro che compiranno sei anni entro il 30 aprile 2006 (e non più entro il 31 marzo) e un altro piccolo 'regalo' alle scuole private. Ecco le principali novità della circolare datata 23 dicembre. Fallito invece l'anticipo alla materna, ancora in fase 'sperimentale', autorizzato solo per i piccoli che compiranno 3 anni entro il 28 febbraio 2006 ma subordinato a una serie di condizioni che nei fatti sono state attivate in pochissime realtà della Penisola. Per tutti la data ultima per iscrivere i figli a scuola sarà il prossimo 25 gennaio. Entro quel giorno genitori e figli dovranno avere deciso fra le opzioni offerte dalla riforma Moratti (orario obbligatorio e facoltativo, per la scuola primaria e secondaria di primo grado) e, per i 620 mila studenti che frequenteranno il primo anno delle scuole superiori, se proseguire nel percorso dell'istruzione - licei, istituti tecnici e professionali, che ancora per il 2006/2007 saranno garantiti fino al completamento del corso di studi - o accedere ai "corsi sperimentali" della Formazione professionale 8

9 "garantita" dalle regioni. Inglese potenziato. Dopo la protesta dei 13 mila insegnanti di seconda Lingua straniera (soprattutto Francese, ma anche Spagnolo e Tedesco) e le contestazioni degli esperti dello stasso monistero dell'istruzione, la Moratti ha dovuto fare un passo indietro. La possibilità (introdotta ad ottobre nel decreto legislativo sul secondo ciclo) offerta alle famiglie dei ragazzini della scuola media di utilizzare anche il monte ore (66 l'anno) della seconda lingua comunitaria per incrementare quello dell'inglese (che attualmente può contare su 87 ore in un anno) per il prossimo anno è stata messa da parte. Il tono del provvedimento lascia intendere che la questione è stata solo spostata in avanti di un anno. Con buona pace - se questo dovesse avvenire - di tutte le indicazioni formative della stessa Comunità europea. Anticipi. Nel settembre 2006, per i bambini della scuola elementare nati entro il 30 aprile 2001, sarà possibile fare accesso in prima elementare. Per i piccoli della materna la messa a regime dell'anticipo è ancora lontano. E per i genitori, almeno nella scuola pubblica, quasi un miraggio. La possibilità di iscrizione anticipata nella scuola dell'infanzia è prevista per i piccoli che compiranno tre anni di età entro il 28 febbraio 2007, a condizione che siano verificate alcune condizioni: esaurimento delle ormai famose liste d'attesa, disponibilità dei posti ("sia sul piano logistico che su quello della dotazione organica dei docenti"), protocollo d'intesa comune-ufficio scolastico regionale per la fornitura di "servizi strumentali" (mense, trasporti, attrezzature, personale). Quest'anno i piccoli in lista d'attesa sono 15 mila, gli organici delle maestre di scuola materna sono bloccati da anni e i protocolli d'intesa con i comuni si contano sulle dita di una mano. In pratica, l'anticipo alla materna è inattuabile e in parecchi casi i sindacati hanno parlato di "portoghesi": piccoli che in mancanza delle condizioni previste sono stati inseriti in classe abusivamente. Regalo alle private. I piccoli provenienti dalle scuole non statali possono andare in seconda elementare a cinque anni. Sì, a 5 anni e pochi mesi, non è un errore. Si tratta del vecchio meccanismo della primina che nell'era Moratti è stato portato alle estreme conseguenze. Prima dell'anticipo introdotto dalla riforma del governo Berlusconi, i bambini che compivano sei anni entro il 31 agosto dell'anno in questione, e che nella maggior parte dei casi avevano frequentato la primina in una scuola non statale, due mesi prima (a giugno) potevano sostenere gli esami di idoneità per la promozione in seconda classe. A cambiare le regole una nota ministeriale dello scorso mese di gennaio confermata dalla circolare sulle iscrizioni di qualche giorno fa. Il provvedimento consente ai bambini provenienti dalle private che compiranno sei anni entro il 31 marzo 2007 (data che probabilmente slitterà al 30 aprile) di sostenere, a giugno 2006, gli esami di idoneità ed essere ammessi in seconda, a poco più di 5 anni, già a partire dal prossimo mese di settembre. 9

10 su e giù X l Italia.. Opportunità di studio e lavoro.. Avviso pubblico conferimento borsa di studio ad un laureato in Medicina veterinaria per il progetto Attivazione del registro tumori animali da reddito Data scadenza: 20 gennaio 2006 Ente: Azienda Sanitaria Locale n.17 di Savigliano Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Iscrizione all Albo dell Ordine dei Medici Veterinari Numero posti: 1 Regione: Piemonte Per informazioni: Tel. 0172/ Concorso pubblico per l'ammissione al corso di dottorato di ricerca in «Universalizzazione dei sistemi giuridici: storia e teoria», promosso dall'istituto italiano di scienze umane, presso l'universita' degli studi di Firenze (Centro di studi per la storia del pensiero giuridico moderno) e l'universita' degli studi «La Sapienza» di Roma (dipartimento di scienze giuridiche). Data scadenza: 20 gennaio 2006 Ente: Università degli Studi di Firenze Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: Non indicato Numero posti: n.d. Regione: Toscana Per informazioni: Università di Firenze Avviso di pubblica selezione, per titoli e colloquio per attribuzione borsa di studio a farmacista Data scadenza: 22 gennaio 2006 Ente: Azienda Sanitaria Locale n.19 di Asti Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Diploma di laurea in Farmacia o in Chimica e Tecnologia Farmaceutica Numero posti: 1 10

11 Regione: Piemonte Per informazioni: tel. 0141/ Avviso di pubblica selezione, per titoli e colloquio, per attribuzione borsa di studio a logopedista Data scadenza: 22 gennaio 2006 Ente: Azienda Sanitaria Locale n.19 di Asti Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Diploma universitario di logopedista Numero posti: 1 Regione: Piemonte Per informazioni: tel. 0141/ Concorso per l'assegnazione di una borsa di studio per titolari di laurea specialistica o laurea conseguita secondo il precedente ordinamento in scienze ambientali marine, per la collaborazione alle attivita' di ricerca del progetto Mo.Bio.Mar.Cal. Data scadenza: 23 gennaio 2006 Ente: Istituto Centrale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata a Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: Diploma di laurea specialistica, o laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento Numero posti: 1 Regione: Lazio Per informazioni: Tel. 06/ Selezione, per titoli e colloquio, per il conferimento di un assegno di ricerca per titolari di laurea specialistica in scienze biologiche nell'area scientifica, riguardante lo studio nelle attivita' di caratterizzazione delle pressioni e degli impatti relativi ai carichi inquinanti afferenti nella Laguna di Venezia. Data scadenza: 23 gennaio 2006 Ente: Istituto Centrale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata a Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: Diploma di laurea specialistica, o laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento, in scienze biologiche o titolo dichiarato equipollente Numero posti: 1 Regione: Veneto Per informazioni: Tel. 06/ Selezione pubblica ad una borsa per laureati (Bando n BS.8) Data scadenza: 25 gennaio 2006 Ente: Istituto di Genetica Vegetale di Portici 11

12 Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: Non indicato Numero posti: 1 Settore: Borsa di Studio Regione: Campania Note: Per informazioni: sito internet Selezione pubblica ad una borsa di studio per ricerche nel campo dell'elaborazione grafica e di immagini, da usufruirsi presso l'istituto di scienza e tecnologie dell'informazione «A. Faedo» (ISTI-CNR) nell'ambito della convenzione tra ISTI-CNR e Finmeccanica S.p.a. Data scadenza: 25 gennaio 2006 Ente: Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A.Faedo di Piisa Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: Non indicato Numero posti: 1 Regione: Toscana Note: Per informazioni: sito internet Selezione pubblica per titoli e prova d'esame per l'attribuzione di una borsa di studio riservata a laureati in medicina e chirurgia con diploma di specializzazione in ostetricia e ginecologia finalizzata al progetto Potenziamento della chirurgia mini-invasiva nella patologia del prolasso pelvico e dell'incontinenza urinaria Data scadenza: 25 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino di Genova Fonte: B.U.R Liguria Titolo di studio: Non indicato Numero posti: 1 Regione: Liguria Note: Per informazioni: tel /2326 Bando di conferimento di borsa di studio annuale ad un laureato in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Chirurgia generale da assegnare all'unita' operativa di Chirurgia generale del Presidio ospedaliero di Borgo Val di Taro Data scadenza: 25 gennaio 2006 Ente: Azienda Sanitaria Locale di Parma Fonte: B.U.R Emilia Romagna Titolo di studio: Non indicato Settore: Borsa di Studio Regione: Emilia Romagna Note: Per informazioni: tel. 0521/

13 Istituzione di n. 1 borsa di studio a tempo parziale per mesi diciotto nell ambito del progetto di ricerca scientifica applicata per attività da svolgere c/o la SCDU Medicina Generale 3 e contestuale emissione di avviso di concorso Data scadenza: 26 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia Settore: Borsa di Studio Regione: Piemonte Note: Per informazioni: telefax 011/ Concorso per l'ammissione ai corsi di dottorato di ricerca (XXI ciclo) Data scadenza: 26 gennaio 2006 Ente: Universita' del Sannio di Benevento Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: laurea specialistica/magistrale (nuovo ordinamento); diploma di laurea conseguito ai sensi dei precedenti ordinamenti didattici Settore: Borsa di Studio Regione: Campania Note: Per informazioni: Bando per il conferimento di n. 1 borsa di studio dal titolo: Screening dei familiari di pazienti con carcinomi colorettali Data scadenza: 26 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena Fonte: B.U.R Emilia Romagna Settore: Borsa di Studio Regione: Emilia Romagna Note: Per informazioni: Presso l'ente Bando per il conferimento di n. 1 borsa di studio dal titolo: Sistemi statistico parametrici e tecniche dinamiche 2D - 3D - 4D nelle procedure CT - PET Data scadenza: 26 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena Fonte: B.U.R Emilia Romagna Settore: Borsa di Studio Regione: Emilia Romagna Note: Per informazioni: Presso l'ente Istituzione di n. 1 borsa di studio annuale a tempo parziale nell ambito del progetto regionale di trapianto di insule pancreatiche per attività da svolgere 13

14 c/o la SC Nefrologia, Dialisi e Trapianto e contestuale emissione di avviso di concorso Data scadenza: 26 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Diploma di Laurea in Biotecnologie Regione: Piemonte Note: Per informazioni: tel /5367 Istituzione n. 1 borsa di studio semestrale a tempo parziale nell ambito del progetto di ricerca scientifica applicata per attività da svolgere c/o la SCDU Neurologia 1 e contestuale emissione di avviso di concorso Data scadenza: 26 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Dipoma di Laurea in Medicina e Chirurgia Regione: Piemonte Note: Per informazioni: telefax 011/ Concorso per l assegnazione di n. 1 borsa di studio annuale ad un laureato in Farmacia o C.T.F. specializzato in Farmacia Ospedaliera o in disciplina equipollente per la realizzazione di un progetto regionale di farmacovigilanza per le Aziende Sanitarie Ospedaliere presso la S.C. di Farmacia Data scadenza: 27 gennaio 2006 Ente: Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo Fonte: B.U.R Piemonte Titolo di studio: Non indicato Numero posti: 1 Regione: Piemonte Note: Per informazioni: tel Concorso, per titoli e colloquio, per il conferimento di un assegno per collaborazione ad attivita' di ricerca nel settore scientifico-disciplinare SPS/04 - Scienza politica. Data scadenza: 30 gennaio 2006 Ente: Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Fonte: G.U.R.I. Titolo di studio: Non indicato Regione: Lazio Note: Per informazioni: tel. 06/

15 EURO pportunità Fondazione Daniel Langlois: finanziamenti per la ricerca e la sperimentazione Il presente programma della Fondazione offre finanziamenti a singoli che apportano contributi eccezionali per l avanzamento della conoscenza nei settori dell arte, la scienza e la tecnologia, o a candidati i cui progetti mostrano un alto livello di originalità e innovazione in questi settori. Il finanziamento massimo per la ricerca e la sperimentazione è di dollari canadesi. Scadenza: 31 Gennaio 2006 La presentazione della domanda può essere fatta esclusivamente on-line. Ulteriori informazioni: Invito a presentare proposte per corsi di formazione nazionali e regionali nell educazione ai diritti umani per il 2006 La Direzione Gioventù e Sport del Consiglio d Europa gestisce dal 2000 un programma diretto ai giovani sull educazione ai diritti umani, con l obiettivo di integrare tematiche legate ai diritti umani nelle pratiche dell animazione giovanile. Il programma è stato creato per creare ampie sinergie tra l educazione dei diritti umani e l animazione giovanile negli Stati membri del Consiglio d Europa e oltre. Il Consiglio d Europa accoglie proposte ed espressioni di interesse da parte di organizzazioni giovanili non-governative, altre organizzazioni ed istituzioni governative e non, interessate all educazione dei diritti umani con i giovani. Scadenza: 31 Gennaio 2006 Ulteriori informazioni: Premio Internazionale VELUX 2006 per gli studenti di architettura Il Premio si tiene ogni due anni ed è aperto agli studenti di tutto il mondo. Il suo obiettivo è di celebrare e promuovere l eccellenza in lavori ultimati e di offrire un riconoscimento agli studenti e i loro tutor. Il tema del Premio è La luce di domani, che riflette il desiderio di esplorare e discutere il ruolo della luce del giorno nell architettura. Il Premio ammonta a euro, da suddividersi tra diversi studenti e tutor associati. I vincitori dei premi e delle menzioni onorevoli verranno invitati alla cerimonia di premiazione, che si terrà in Europa nell Ottobre Scadenza per la registrazione: 10 Febbraio Scadenza per la presentazione dei progetti: 5 Maggio Modulo di domanda e ulteriori informazioni: 15

16 News dal CentrO Formazione I Corsi 2006 di CIOFS-FP SICILIA CORSI GRATUITI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L'Associazione Regionale CIOFS-FP SICILIA organizza, nelle sedi di Noto e Siracusa, CORSI GRATUITI di FORMAZIONE PROFESSIONALE rivolti a giovani disoccupati/inoccupati e CORSI GRATUITI DI AGGIORNAMENTO aperti anche ai lavoratori TITOLO DEL CORSO OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE (O.S.A.) (Attestato di qualifica) ADDETTO AI SERVIZI PER L'INFANZIA (Attestato di qualifica) ADDETTO LAVORI D'UFFICIO INFORMATIZZATO (Attestato di qualifica) OPERATORE MARKETING E PROMOZIONE TURISTICA (Attestato di qualifica) AGGIORNAMENTO INFORMATICO 2 LIV(Attestato di frequenza o dichiarazione di competenze) TITOLO DEL CORSO SEDE DI NOTO DURATA REQUISITI D'ACCESSO ORE 900 ORE 900 ORE 900 Licenza ORE 900 ORE 150 CERAMISTA) (Attestato di qualifica) ORE 900 MOSAICISTA (Attestato di qualifica) ORE 900 ESPERTO MOSAICISTA E CERAMISTA PER COMPLEMENTI D' ARREDO (Attestato di specializzazione) Licenza media Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni Licenza media Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni media Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni Licenza media Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni Lavoratore Disoccupato /inoccupato Conoscenze di base di informatica riconosciute SEDE DI SIRACUSA DURATA REQUISITI D'ACCESSO ORE 300 Licenza media Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni Licenza media Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni Qualifica pertinente Disoccupato/Inoccupato Età Superiore a 18 anni Per ulteriori informazioni, tutti gli interessati possono rivolgersi presso : CENTRO SERVIZI "STELLA MARIS" Via Aurispa n 143 Tel: NOTO(SR) SEDE DI SIRACUSA V.le Ermocrate n 70 Tel: NUMERO ALLIEVI da 12 a 18 da 12 a 18 da 12 a 18 da 12 a 18 da 12 a 18 NUMERO ALLIEVI da 12 a 18 da 12 a 18 da 12 a 18 TERMINE ISCRIZIONE E SELEZIONE Entro il 04/02/06 Selezione06/02/2006 ore 9.30 Entro il 04/02/06 Selezione06/02/2006 ore Entro il 04/02/06 Selezione07/02/2006 ore 9.30 Entro il 04/02/06 Selezione10/02/2006 ore Entro il 25/02/06 Selezione 03/03/2006 ore TERMINE ISCRIZIONE E SELEZIONE Entro il 06/02/06 Selezione09/02/2006 ore 9.30 Entro il 06/02/06 Selezione09/02/2006 ore Entro il 27/06/06 Selezione30/06/2006 ore

17 17

18 S come S igla e Saluti AGRICOLTURA E FORESTE Borse di studio per ricerca a 40 giovani laureati e no A ciascuno dei borsisti il Ministero riconoscerà 10mila euro per lo svolgimento di attività nel corso di 12 mesi Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, nel quadro delle iniziative previste dal Programma Nazionale della pesca e dell'acquacoltura, intende promuovere in collaborazione con l' Università degli Studi di Roma - Tor Vergata - Dipartimento di biologia e con la Pontificia Università Lateranense - la formazione di giovani ricercatori che abbiano interesse per lo studio e l' approfondimento delle tematiche di rilievo per il settore. Viene offerta la possibilità, a laureandi e neo-laureati, di frequentare corsi di specializzazione post-laurea e di attuare progetti di ricerca attraverso l' assegnazione a studenti italiani e stranieri di n.40 borse di studio, dell'importo unitario di ,00 della durata massima di 12 mesi. Le borse di studio saranno fruite nel numero di 20 presso l' Università degli Studi di Roma - Tor Vergata - e nel numero di 20 presso la Pontificia Università Lateranense. Il bando di concorso sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, sul sito del Ministero sul sito dell' Università di Roma Tor Vergata e sul sito della Pontificia Università Lateranense Per maggiori info e la visione del Bando, visita gli Sportelli del Centro Informagiovani di Noto. Arrivederci a Febbraio!!! ;-) Cari Lettori Per mettervi in contatto con noi o segnalarci le Vostre informazioni & proposte Venite a trovarci presso i nostri punti di relazione: Uffici: Via L.Einaudi,1/ Noto (SR) Recapito tel Sito web: (per partecipare alla redazione della newsletter, scrivi al direttore: ;-)) 18

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

Master Post Laurea Auditing e Controllo Interno Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO

Master Post Laurea Auditing e Controllo Interno Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO BANDO DI CONCORSO Ottobre 2009 Ottobre 2010 Art. 1 Istituzione master Presso la Facoltà di Economia dell Università di Pisa è istituito, ai sensi dell art. 4 dello Statuto, e attivato per l anno accademico

Dettagli

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri SOMMARIO TITOLO I - Norme comuni e generali... 2 Art. 1 Ambito di applicazione... 2 Art. 2

Dettagli

Management delle aziende sanitarie

Management delle aziende sanitarie ANNO ACCADEMICO 2009-2010 BANDO DI CONCORSO Hsfhjgh.jvn.xcbvmn-lòkjbfdgjwà

Dettagli

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI 1- Che cosa sono le Borse di Studio Turchia? - Le Borse di Studio Turchia sono le borse di studio pubbliche

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

PROGRAMMA PER LO SVOLGIMENTO DI

PROGRAMMA PER LO SVOLGIMENTO DI PROGRAMMA PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ANNO 2016 pag. 1 di 8 L ARPA Lazio, al fine di diffondere la conoscenza dei temi ambientali e di favorire interscambi culturali tra

Dettagli

Enti Pubblici BOLLETTINO CONCORSI. Bollettino Settimanale N 16 26 Aprile 2012. Sintesi dei bandi di concorso. Scuola dell obbligo.

Enti Pubblici BOLLETTINO CONCORSI. Bollettino Settimanale N 16 26 Aprile 2012. Sintesi dei bandi di concorso. Scuola dell obbligo. INFORMAGIOVANI BOLLETTINO CONCORSI Bollettino Settimanale N 16 26 Aprile 2012 Enti Pubblici Sintesi dei bandi di concorso suddivisi in: Scuola dell obbligo Diplomi vari Diploma di laurea SCUOLA DELL'OBBLIGO

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

Settore per gli studenti con titolo straniero

Settore per gli studenti con titolo straniero Settore per gli studenti con titolo straniero a.a. 2014/2015 1 Settore per gli studenti con titolo straniero Possono rivolgersi a noi: I cittadini forniti di titolo straniero Adempimenti dei cittadini

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO AUTONOMIA DIDATTICA Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari (G.U. 23 novembre 1990, n.274) Decreto Ministeriale 3 novembre 1999,

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

DISPONE: Art. 1. 2. Per l anno accademico 2006/2007 sono da assegnare:

DISPONE: Art. 1. 2. Per l anno accademico 2006/2007 sono da assegnare: Concorso pubblico per titoli per l'assegnazione di borse di studio in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, degli orfani e dei figli delle vittime del terrorismo e della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi Prot. n. 1002 /D1 Bando per l ammissione al corso biennale di Diploma Accademico di secondo livello in DESIGN DEI SISTEMI Anno Accademico 2011/2012 (Delibera n. 217 del Consiglio Accademico del 30.06.11)

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI 10 PREMI PER TESI DI LAUREA SPECIALISTICA E DI DOTTORATO IN MATERIA DI CONCORRENZA DEL MERCATO E DIRITTI DEI CONSUMATORI La Direzione Generale Armonizzazione del

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN CUSTOMER EXPERIENCE e SOCIAL MEDIA ANALYTICS modalità didattica in presenza A.A. 2015/2016

Dettagli

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca La formazione del dottore di ricerca, comprensiva

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO Definizione e significato degli esami di stato L Esame di Stato per l abilitazione alla professione di assistente sociale e di assistente sociale specialista consiste

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Segreterie Studenti Avviso di selezione per l assegnazione di contratti per attività di tutorato (tutor junior) presso le Facoltà dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione Articolo 1 «E istituito presso l Università Carlo Cattaneo -

Dettagli

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA IN COLLABORAZIONE CON CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE

Dettagli

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino Benvenuta! Benvenuto! Le scuole di Torino e provincia ti aspettano: andare a scuola è un tuo diritto, ma anche un dovere. Conoscere i propri diritti e sapere come accedere ai servizi è fondamentale per

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 Bando di concorso per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 1. COS È Made NEW in Italy? Il Premio Made NEW in Italy, promosso dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 In convenzione con Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DIDATTICHE PER IL SOSTEGNO E L INTEGRAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI STUDI DI IMPRESA, GOVERNO E FILOSOFIA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA (Master in presenza)

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROCUREMENT MANAGEMENT. APPROVVIGIONAMENTI E APPALTI PUBLIC PROCUREMENT MANAGEMENT (modalità

Dettagli

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE Anno Accademico 2007 2008 Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

VISTA la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata;

VISTA la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata; Concorso pubblico per titoli per l'assegnazione di borse di studio in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, nonché dei loro superstiti, di cui all'articolo 4 della legge

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E DIRITTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (Gestione Strategica, Valutazione

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

DECRETA ART. 1 ART. 2

DECRETA ART. 1 ART. 2 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 (UNA) BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITA DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL CENTRO DI RICERCA PER IL TRASPORTO E LA LOGISTICA DELLA SAPIENZA UNIVERSITA

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1 D i s c i p l i n a d e l l e c l a s s i d i l a u r e a t r i e n n a l i Art.1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE. CONCORSO DI AMMISSIONE AL VII MASTER di II LIVELLO in TUTELA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI UMANI A.A.

FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE. CONCORSO DI AMMISSIONE AL VII MASTER di II LIVELLO in TUTELA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI UMANI A.A. FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CONCORSO DI AMMISSIONE AL VII MASTER di II LIVELLO in TUTELA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI UMANI A.A. 2008/2009 Codice corso di studio: 04526 Art. 1 (Campo tematico) La Facoltà

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO CONVERGENZA 2007-2013 FONDO SOCIALE EUROPEO Asse IV obiettivo specifico L) e obiettivo operativo L)1

PROGRAMMA OPERATIVO CONVERGENZA 2007-2013 FONDO SOCIALE EUROPEO Asse IV obiettivo specifico L) e obiettivo operativo L)1 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale PROGRAMMA

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE Anno accademico 2010-2011 Varese, settembre 2010 PREMESSA Il progresso civile, sociale

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AI CORSI UNIVERSITARI CON TITOLO ESTERO E PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ESTERI. CAPO I Norme comuni e generali

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AI CORSI UNIVERSITARI CON TITOLO ESTERO E PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ESTERI. CAPO I Norme comuni e generali REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AI CORSI UNIVERSITARI CON TITOLO ESTERO E PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ESTERI CAPO I Norme comuni e generali Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 gennaio 2014 e termine il 31 dicembre 2016.

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 gennaio 2014 e termine il 31 dicembre 2016. SERVIZIO FORMAZIONE ALLA RICERCA BANDO DI CONCORSO PER 15 BORSE DI DOTTORATO RISERVATE A CANDIDATI STRANIERI PER L AMMISSIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA- XXIX CICLO SCADENZA: 19 settembre 2013 Art.

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

La LUISS tra le migliori d Italia

La LUISS tra le migliori d Italia Perché LUISS 1 La LUISS tra le migliori d Italia L Indagine CENSIS 2013 sulle Università indica che la LUISS è tra i 10 migliori Atenei italiani pubblici o privati sia in Economia, che in Giurisprudenza,

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE (classe L-19 Scienze dell educazione e della formazione)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

Prot. n 2274/C14 Al Personale Docente dell Istituto Sito web della scuola RECLUTAMENTO TUTOR PER ORIENTAMENTO PERCORSI C5

Prot. n 2274/C14 Al Personale Docente dell Istituto Sito web della scuola RECLUTAMENTO TUTOR PER ORIENTAMENTO PERCORSI C5 I. S. I. S. Guido Tassinari Via N. Fasano, 13 80078 Pozzuoli (Napoli) tel. 081 5265754 / fax 081 5266762 Cod. Mecc.: NAIS09100C - Cod. Fisc.:80100070632 www.itispozzuoli.it e-mail: nais09100c@istruzione.it

Dettagli

BORSE GOVERNATIVE DEGLI STATI ESTERI

BORSE GOVERNATIVE DEGLI STATI ESTERI Lavorare_001_128.qxd 26-10-2007 10:35 Pagina 63 8. BORSE DI STUDIO 63 8. BORSE DI STUDIO Studiare all estero, soprattutto frequentare un corso post-laurea può costare, e anche molto. Periodicamente tuttavia

Dettagli

ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani

ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani Università della Calabria 25 marzo 2008 Dott. Alfredo Fortunato Quarta Parte Le politiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA. Via Appia Nuova 1411-00178 Roma P.IVA:00887091007 - C.F.

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA. Via Appia Nuova 1411-00178 Roma P.IVA:00887091007 - C.F. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA Via Appia Nuova 1411-00178 Roma P.IVA:00887091007 - C.F.: 00422420588 Scadenza presentazione domande: AVVISO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE

Dettagli

CONCORSO PER PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI Bando n 10 del 22 ottobre 2015

CONCORSO PER PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI Bando n 10 del 22 ottobre 2015 CONCORSO PER PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI Bando n 10 del 22 ottobre 2015 La (di seguito Fondazione Lilly) e la Fondazione Cariplo vogliono rispondere all esigenza di incoraggiare la ricerca

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? 2) Come è strutturata la Certificazione DITALS?

FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? 2) Come è strutturata la Certificazione DITALS? FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? È un titolo culturale rilasciato dall'università per Stranieri di Siena che attesta un certo grado di competenza teorico-pratica nel campo dell'insegnamento

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 Come Raggiungerci Tel. 0331/841260 Tel. 0331/519000 Tel. 0331/841260 Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Eugenio Montale Via Gramsci, 1 21049 TRADATE C.F.80101550129 Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE (D.G.R. n. 3435 del 17 novembre 2009)

REGOLAMENTO GENERALE (D.G.R. n. 3435 del 17 novembre 2009) IL VENETO PER L ECCELLENZA - III edizione (AA. 2010-2011) REGOLAMENTO GENERALE (D.G.R. n. 3435 del 17 novembre 2009) Con l'iniziativa Il Veneto per l Eccellenza, la Regione del Veneto mette a disposizione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI BANDO DI CONCORSO PER LA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 Breve introduzione La Commissione Accompagnamento al Lavoro del Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali (Management & Information Technology), muovendo dalle

Dettagli

I EDIZIONE DI NUTRALAB CORSO IN INFORMAZIONE SCIENTIFICO-COMMERCIALE PER I PRODOTTI NUTRACEUTICI ENTE ORGANIZZATORE

I EDIZIONE DI NUTRALAB CORSO IN INFORMAZIONE SCIENTIFICO-COMMERCIALE PER I PRODOTTI NUTRACEUTICI ENTE ORGANIZZATORE I EDIZIONE DI NUTRALAB CORSO IN INFORMAZIONE SCIENTIFICO-COMMERCIALE PER I PRODOTTI NUTRACEUTICI ENTE ORGANIZZATORE L ente organizzatore è Pharmanutra Srl, in collaborazione con l Università di Pisa- Dipartimento

Dettagli

SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI ATTIVITÀ TUTORIALI, DIDATTICO- INTEGRATIVE, ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE E DI RECUPERO (art. 2 DM n.

SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI ATTIVITÀ TUTORIALI, DIDATTICO- INTEGRATIVE, ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE E DI RECUPERO (art. 2 DM n. Venezia, 03/03/2016 Prot. n. 9773 - V/5 Rep. n. 132/2016 SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI ATTIVITÀ TUTORIALI, DIDATTICO- INTEGRATIVE, ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE E DI RECUPERO (art. 2 DM n.198/2003) Art. 1 -

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Lucia Nora. Via Calatafimi, 11 27100 Pavia lucia.nora@edisu.pv.it 0382 3050204

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Lucia Nora. Via Calatafimi, 11 27100 Pavia lucia.nora@edisu.pv.it 0382 3050204 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lucia Nora Data e luogo di nascita 19/11/1968 Sede lavorativa e - mail Tel. Via Calatafimi, 11 27100 Pavia lucia.nora@edisu.pv.it 0382 3050204 POSIZIONE LAVORATIVA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. D al bando di ammissione pubblicato in data 15/10/2012 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Giurisprudenza,

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EX INPDAP BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Prot. n. 32122-I/7 Rep.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA Art. 1 - Finalità, durata, e modalità di assegnazione 1. La

Dettagli

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 novembre 2014 e termine il 31 ottobre 2017.

La durata dei corsi è di 3 anni, con inizio il 1 novembre 2014 e termine il 31 ottobre 2017. SERVIZIO FORMAZIONE ALLA RICERCA BANDO DI CONCORSO PER 15 BORSE DI DOTTORATO RISERVATE A CANDIDATI STRANIERI PER L AMMISSIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA- XXX CICLO SCADENZA: 9 GIUGNO 2014 Art. 1

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

ALLEGATO 1 - I PARTE

ALLEGATO 1 - I PARTE ALLEGATO 1 - I PARTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Art. 1 - FINALITA -

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli