L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria"

Transcript

1 focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario generato dagli investimenti necessari allo sviluppo della propria attività.. La struttura patrimoniale-finanziaria dell azienda (cioè la struttura delle fonti e degli impieghi) è equilibrata se sussiste un adeguata correlazione temporale tra fonti e impieghi, cioètra il periodo di permanenza nell azienda delle fonti di finanziamento eladurata degli investimenti. L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria dell impresa presuppone una riclassificazione degli impieghi e delle fonti. Gli impieghi, nell ottica finanziaria, esprimono il complesso degli investimenti dell azienda esistenti in un dato istante e caratterizzati da differenti tempi di realizzo, mentre le fonti di finanziamento ne costituiscono i relativi mezzi di copertura, caratterizzati da differenti tempi di restituzione. Nella Situazione patrimoniale riclassificata secondo criteri finanziari: gli impieghi vengono ordinati in relazione al loro grado di liquidità decrescente, cioèsecondo la loro attitudine a tornare in forma liquida in un periodo di tempo inferiore all anno (attivo circolante) o superiore (attivo immobilizzato); le fonti sono esposte in funzione della loro esigibilità, cioèdell epoca di rimborso o scadenza, che può verificarsi entro l anno (passività a breve o correnti), oltre l anno (passività a medio/lungo o consolidate), o essere indeterminata (capitale di proprietà); ricordiamo che il capitale di proprietà e le passività consolidate rappresentano il cosiddetto capitale permanente, destinato a rimanere vincolato all azienda nel medio-lungo termine. L attivo circolante comprende: le liquidità immediate, rappresentate principalmente da valori in cassa, c/c bancari attivi, c/c postali; le liquidità differite, costituite dai crediti con scadenza entro 12 mesi; le rimanenze finali, che comprendono principalmente le rimanenze di magazzino con esclusione delle rimanenze di difficile vendita (ad esempio, merci fuori moda, prodotti superati, ecc.) e della cosiddetta scorta permanente. Lascorta permanente corrisponde alla quantità minima al di sotto della quale le giacenze non devono mai scendere per evitare il rischio di interruzione delle vendite nelle aziende mercantili e del flusso di materie prime, sussidiarie, ecc. nel circuito della trasformazione fisico-tecnica attuata dalle aziende industriali. Pur essendo compresa formalmente nell attivo circolante, la scorta permanente rappresenta una sorta di immobilizzazione la cui copertura finanziaria deve essere assicurata da fonti di finanziamento durevolmente vincolate all impresa. L attivo immobilizzato comprende le immobilizzazioni immateriali materiali (inclusa la scorta permanente) e finanziarie. L attivo immobilizzato esprime il valore delle Immobilizzazioni nette, in quanto il valore delle immobilizzazioni immateriali e materiali si deve considerare al netto degli ammortamenti effettuati. 1/6

2 Impieghi Attivo circolante liquidità immediate (Li) denaro contante assegni c/c bancari attivi liquidità differite (Ld) crediti con scadenza entro 12 mesi rimanenze rimanenze finali di magazzino (escluse scorta permanente e rimanenze di difficile vendita) Attivo immobilizzato Immobilizzazioni immateriali diritti di brevetto, licenze, marchi costi d impianto avviamento Immobilizzazioni materiali fabbricati, impianti, arredamento automezzi, ecc. scorta permanente e rimanenze di difficile vendita Immobilizzazioni finanziarie investimenti finanziari a m/l termine (titoli, partecipazioni, ecc.) crediti con scadenza oltre 12 mesi SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA (Ac) (Rm) (In) Fonti Passività correnti debiti con scadenza entro 12 mesi fondi per rischi e oneri a breve termine Passività consolidate debiti con scadenza oltre 12 mesi fondi per rischi e oneri a m/l termine debiti per Tfr Capitale di proprietà capitale di conferimento autofinanziamento (Pb) (Pc) (Cp) Lo schema rappresenta la Situazione patrimoniale-finanziaria dell impresa; tra parentesi figurano le abbreviazioni che verranno successivamente utilizzate per agevolare il calcolo degli indicatori. Una prima analisi della struttura patrimoniale-finanziaria dell impresa (analisi strutturale), sufficiente per esprimere un giudizio sulla struttura delle fonti e degli impieghi, può essere condotta con il metodo degli indicatori (o margini). Gli indicatori rappresentano il risultato del confronto tra gruppi di grandezze dell attivo e del passivo. I principali sono: il margine di struttura secco; il margine di struttura allargato; il capitale circolante netto; il margine di tesoreria. Il margine di struttura secco (Mss) èla differenza tra il capitale di proprietà e il totale delle immobilizzazioni nette: Mss = Cp In L indicatore esprime in quale misura i mezzi propri coprono gli investimenti immobilizzati. Se il margine di struttura secco è positivo significa che il capitale di proprietà copre il fabbisogno finanziario durevole originato dagli investimenti immobilizzati; l azienda ha, dunque, una struttura patrimoniale solida ed equilibrata, dato che riesce a finanziare il suo apparato tecnico-organizzativo con mezzi propri. Se, al contrario, il margine di struttura secco è negativo, l azienda deve soddisfare il fabbisogno finanziario durevole, non coperto dal capitale di proprietà, con il ricorso all indebitamento a medio-lungo termine (passività consolidate). Il margine di struttura allargato (Msa) èla differenza tra il capitale permanente (capitale di proprietà + passività consolidate) e l attivo immobilizzato. Msa = Cp + Pc In L indicatore esprime in quale misura i finanziamenti di capitale proprio e quelli di capitale di credito che l impresa non è obbligata a restituire a breve termine (capitale permanente) riescono a soddisfare il fabbisogno finanziario durevole originato dagli investimenti immobilizzati. 2/6

3 Un margine di struttura allargato positivo denota solidità patrimoniale e segnala l esistenza di una struttura finanziaria caratterizzata da condizioni di equilibrio di medio-lungo periodo. Qualora il margine di struttura secco sia negativo, è indispensabile che quello allargato sia positivo; se, infatti, la copertura dell attivo immobilizzato non è assicurata dal capitale di proprietà, è evidente che la correlazione temporale fonti-impieghi può essere assicurata soltanto attraverso il ricorso all indebitamento con obbligo di rimborso a medio-lungo termine. Il capitale (o patrimonio) circolante netto (CCN) èla differenza tra il totale dell attivo circolante (Ac = Rm + Ld + Li) e le passività correnti (Pb): CCN = Ac Pb Tale indicatore evidenzia l esistenza olamancanza di equilibrio tra investimenti a breve termine e debiti di corrispondente durata. La struttura finanziaria risulta equilibrata se il CCN assume un valore positivo. Se, al contrario, il valore del CCN è negativo, significa che l impresa non è finanziata in modo corretto: sta utilizzando, infatti, fonti a breve termine per finanziare impieghi di lunga durata e non si realizza, quindi, una corretta correlazione temporale tra le fonti e gli impieghi. Per far fronte al rimborso delle passività a breve, l azienda deve smobilizzare fattori produttivi a fecondità ripetuta, smembrando il settore tecnico-produttivo e rischiando di compromettere la sua potenzialità operativa. In alternativa può, se possibile, aumentare il capitale di proprietà (attraverso nuovi apporti del proprietario o dei soci) oppure incrementare l indebitamento consolidato (attraverso la stipulazione di prestiti a medio-lungo termine). La differenza tra l attivo circolante, al netto delle scorte di magazzino, e le passività correnti prende il nome di margine di tesoreria (Mt). Tale indicatore evidenzia il grado di liquidità dell azienda, cioè la sua capacità di far fronte agli impegni assunti utilizzando gli incassi dei crediti a breve termine (Ld) e le liquidità (Li) di cui dispone: Mt = (Ac Rm) Pb = Ld + Li Pb Se l indicatore assume un valore positivo, l azienda presenta un buon grado di liquidità che le consente di far fronte ai pagamenti a breve termine. In caso contrario, il valore negativo esprime una difficoltà più o meno accentuata di rispettare nel breve termine gli impegni finanziari assunti. esempio Analisi della struttura patrimoniale-finanziaria di un azienda (caso di struttura equilibrata) La Situazione patrimoniale dell azienda del signor Marco Rossini di Pesaro, a una certa data, presenta i seguenti elementi: SITUAZIONE PATRIMONIALE Attivo Passivo Immobilizzazioni ,00 Patrimonio netto ,00 Attivo circolante Rimanenze di magazzino Crediti Disponibilità liquide Totale Attivo circolante , , , ,00 Trattamento di fine rapporto Debiti a medio-lungo termine a breve termine Totale debiti , , , ,00 Totale Attivo Totale Passivo e Netto Presentiamo: 1 la Situazione patrimoniale dell azienda riclassificata secondo il criterio finanziario, tenendo conto che il magazzino presenta una scorta permanente di E , fra i crediti è compresa una fattura di E scadente oltre i 12 mesi e fra 6 mesi a un dipendente dimissionario verrà liquidato un trattamento di fine rapporto per E ; 3/6 "

4 2 l elaborazione dei margini di struttura, secco e allargato, del capitale circolante netto, del margine di tesoreria e l analisi della struttura patrimoniale-finanziaria dell impresa. 1 Situazione patrimoniale riclassificata secondo il criterio finanziario SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA Impieghi Fonti Li Ld Rm Ac In Totale impieghi , , , , ,00 Pb Pc Totale Passività Cp Totale fonti , , , ,00 Li (liquidità immediate) corrisponde alle disponibilità liquide; Ld (liquidità differite): i crediti vanno diminuiti della fattura scadente oltre l anno ( ); Rm (rimanenze): dalle rimanenze di magazzino va sottratta la scorta permanente ( ); In (immobilizzazioni nette): l importo delle immobilizzazioni è al netto dei fondi ammortamento; Pb (passività correnti o a breve): i debiti a breve vanno aumentati dell ammontare del Tfr da pagare prima di un anno al dipendente dimissionario ( ); Pc (passività consolidate): i debiti a lungo sono aumentati del Tfr al netto della quota da pagare a breve ( ); Cp (capitale di proprietà): se l utile compreso nel patrimonio netto non viene prelevato ma viene reinvestito, il capitale di proprietà coincide con il patrimonio netto (per semplificare supponiamo tale ipotesi). 2 Elaborazione dei margini e analisi della struttura patrimoniale-finanziaria Il margine di struttura secco (Mss) dell azienda corrisponde a: Mss = Cp In Capitale di proprietà E Attivo immobilizzato E = Margine di struttura secco (Mss) F Il margine di struttura secco risulta positivo: ciò significa che l impresa riesce a finanziare tutti gli investimenti fissi con il solo capitale proprio; in tal modo la struttura patrimoniale-finanziaria dell azienda si presenta solida. Il margine di struttura allargato (Msa) dell impresa è uguale a: Msa = Cp + Pc In Capitale di proprietà E Passività consolidate E = Capitale permanente E Attivo immobilizzato E = Margine di struttura allargato (Msa) F Il margine di struttura allargato risulta ancora più positivo del precedente, poiché è evidente che potendo contare anche sui debiti a lungo, che risultano complementari al capitale proprio per finanziare gli investimenti durevoli (Cp + Pc viene definito capitale permanente), la copertura delle immobilizzazioni è assicurata maggiormente.. Il capitale circolante netto (CCN) è dato dalla differenza tra l attivo circolante (Ac) e le passività a breve (Pb), quindi: CCN = Ac Pb Attivo circolante E Passività correnti E = Capitale circolante netto (CCN) F Le attività realizzabili a breve, entro un anno, risultano notevolmente superiori ai debiti con la stessa scadenza e ciò risulta decisamente positivo. Da notare che l eccedenza dell attivo circolante rispetto alle passività correnti coincide con l eccedenza delle fonti di capitale permanente sugli investimenti durevoli: entrambe ammontano a E /6 "

5 Il margine di tesoreria (Mt) corrisponde alla differenza fra le liquidità differite e immediate (Ld + Li) e le passività correnti (Pb), per cui: Mt = (Ld + Li) Pb In pratica, è simile al margine precedente, ma dall attivo corrente vanno scorporate le rimanenze di magazzino (Rm), infatti si può determinare anche nel seguente modo: Mt = (Ac Rm) Pb Avremo quindi: Liquidità differite + Liquidità immediate E Passività correnti E = Margine di tesoreria (Mt) F Tale margine di tesoreria, che risulta positivo, indica la capacità dell azienda di risultare solvibile: infatti, se tutti i creditori a breve chiedessero di essere pagati, l impresa sarebbe in grado di farlo con la propria liquidità e le resterebbe ancora liquidità per E Tutti i risultati calcolati (margini di struttura secco e allargato, capitale circolante netto e margine di tesoreria) sono risultati positivi; si conferma che la struttura patrimoniale-finanziaria dell impresa evidenzia un buon equilibrio. esempio Analisi della struttura patrimoniale-finanziaria di un azienda (caso di struttura non equilibrata) La Situazione patrimoniale dell azienda del signor Sergio Tacchi di Grosseto a una certa data presenta i seguenti elementi: SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA Impieghi Fonti Li Ld Rm Ac In Totale impieghi , , , , , ,00 Pb Pc Totale Passività Cp Totale fonti , , , , ,00 Presentiamo l elaborazione dei margini di struttura, secco e allargato, del capitale circolante netto, del margine di tesoreria e l analisi della struttura patrimoniale-finanziaria dell impresa. Il margine di struttura secco (Mss) dell azienda corrisponde a: Mss = Cp In Capitale di proprietà E Immobilizzazioni nette E = Margine di struttura secco (Mss) F Il margine di struttura secco risulta ampiamente negativo: ciò significa che l impresa non riesce a finanziare gli investimenti fissi con il solo capitale proprio. Il margine di struttura allargato (Msa) dell impresa è uguale a: Msa = Cp + Pc In " 5/6

6 da cui: Capitale di proprietà E Passività consolidate E = Capitale permanente E Attivo immobilizzato E = Margine di struttura allargato (Msa) F Il margine di struttura allargato risulta anch esso negativo: contando sui debiti a lungo, il capitale permanente non risulta sufficiente a coprire le immobilizzazioni: ciò denota uno squilibrio accentuato. Il capitale circolante netto (CCN) è dato dalla differenza tra l attivo circolante (Ac) e le passività a breve (Pb), quindi: per cui: CCN = Ac Pb Attivo circolante E Passività correnti E = Capitale circolante netto (CCN) F Tutte le attività a breve, realizzabili entro un anno, risultano inferiori ai debiti con la stessa scadenza e ciò risulta decisamente negativo. Da notare che l eccedenza delle passività correnti rispetto all attivo circolante coincide con l eccedenza delle immobilizzazioni rispetto alle fonti di capitale permanente: entrambe ammontano a E Il margine di tesoreria (Mt) corrisponde alla differenza tra le liquidità differite e immediate (Ld + Li) e le passività correnti (Pb), per cui: Mt = (Ld + Li) Pb oppure, come abbiamo già avuto modo di vedere, all attivo corrente diminuito delle rimanenze di magazzino (Rm), infatti si può determinare anche nel seguente modo: Avremo quindi: Mt = (Ac Rm) Pb Liquidità differite + Liquidità immediate E Passività correnti E = Margine di tesoreria (Mt) F Tale margine di tesoreria, che risulta molto negativo, evidenzia l assoluta incapacità dell azienda di essere solvibile: infatti, se tutti i creditori a breve chiedessero di essere pagati, l impresa con le sue liquidità non sarebbe in grado di soddisfarne neppure la metà. Tutti i valori calcolati (margine di struttura secco e allargato, capitale circolante netto e margine di tesoreria) sono risultati negativi. Si conferma che la struttura patrimoniale-finanziaria risulta con tutta evidenza squilibrata. 6/6

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

La gestione finanziaria dell impresa

La gestione finanziaria dell impresa La gestione finanziaria dell impresa di Emanuele Perucci Traccia di economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il problema della scelta delle fonti di finanziamento in relazione al fabbisogno

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

L analisi delle condizioni di economicità

L analisi delle condizioni di economicità Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L analisi

Dettagli

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO Esercizio n 1: Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2006 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2007

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

Classificazione del passivo secondo parametri finanziari

Classificazione del passivo secondo parametri finanziari Classificazione del passivo secondo parametri finanziari Con riferimento ai sistemi aziendali da cui i flussi di ricchezza traggono origine, distinguiamo le FONTI in: Fonti endogene Fonti esogene Nelle

Dettagli

Cash flow e capacità di rimborso

Cash flow e capacità di rimborso Cash flow e capacità di rimborso Descrizione 1. I fabbisogni finanziari I fabbisogni finanziari di una azienda sono determinati da: incremento delle attività; decremento delle passività. Appartiene alla

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

L analisi di bilancio

L analisi di bilancio L analisi di bilancio Il bilancio come sintesi della gestione Il bilancio, con i suoi valori di sintesi riflette i processi di gestione, e quindi le decisioni del management Il bilancio è in sistema di

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

Riclassificazione del bilancio

Riclassificazione del bilancio Riclassificazione del bilancio 02 2015-2016 Vedere sussidio didattico sul bilancio SIGNIFICATO DI RICLASSIFICAZIONE DEI DOCUMENTI DEL BILANCIO raggruppare i valori presenti nei documenti di bilancio in

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

CAPITOLO 3. 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria

CAPITOLO 3. 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria CAPITOLO 3 ANALISI DEI VALORI PATRIMONIALI 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria 1. INTRODUZIONE Una volta che abbiamo apportato al bilancio le

Dettagli

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Il bilancio pubblico. La fase della riclassificazione

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Il bilancio pubblico. La fase della riclassificazione La riclassificazione del bilancio di esercizio 1 Il bilancio pubblico Il sistema informativo di bilancio secondo la normativa vigente: stato patrimoniale; conto economico; nota integrativa. Requisiti fondamentali

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 05, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano La riclassificazione del bilancio di esercizio Il Il bilancio Il sistema informativo di bilancio secondo la normativa vigente: stato patrimoniale; conto economico; nota integrativa. Requisiti fondamentali

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Il bilancio per non addetti

Il bilancio per non addetti Il bilancio per non addetti Analisi di bilancio Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com Analisi di bilancio Il bilancio d esercizio non Å sufficiente ad esprimere tutte le informazioni

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento...

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... 4 GLI INDICI DI LIQUIDITA L analisi procede con la costruzione

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità Applicazione n. 2 Analisi della solidità e della liquidità Alfa S.p.A. Bilancio separato al 31.12.2010 Stato patrimoniale 31.12.2010 31.12.2009 Attività non correnti Immobili, impianti e macchinari 7.418.159

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

Analisi di Bilancio. Università degli studi di Pavia. Facoltà di Economia a.a. 2013-2014. Prof. Piero Mella Phd Matteo Navaroni

Analisi di Bilancio. Università degli studi di Pavia. Facoltà di Economia a.a. 2013-2014. Prof. Piero Mella Phd Matteo Navaroni Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2013-2014 Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella Phd Matteo Navaroni Assistant: Dott. Mirko Panigati Università di Pavia Analisi di Bilancio 1 Materiali

Dettagli

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO CALCOLO DEGLI NELL ANALISI DI BILANCIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRINCIPALI CASO-GUIDA SULLA TECNICA DI CALCOLO DEGLI Principio di revisione n. 570 La valutazione dello stato di salute della società oggetto

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Gestione e fabbisogno finanziario

Gestione e fabbisogno finanziario Albez edutainment production Gestione e fabbisogno finanziario Classe IV ITC In questo modulo: Il fabbisogno finanziario La situazione finanziaria ottimale L interdipendenza tra fonti di finanziamento

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Attivo/capitale fisso - Attivo/capitale circolante

Attivo/capitale fisso - Attivo/capitale circolante OBIETTIVO analisi delle relazioni esistenti tra RISULTATO possibili classificazioni investimenti attivo fisso - attivo circolante immobilizzazioni - disponibilità fabbisogno di finanziamento Temporaneo

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E IL PROCESSIO DI RIESPOSIZIONE DEI VALORI DI BILANCIO IN MODO PIÙ

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E IL PROCESSIO DI RIESPOSIZIONE DEI VALORI DI BILANCIO IN MODO PIÙ LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E IL PROCESSIO DI RIESPOSIZIONE DEI VALORI DI BILANCIO IN MODO PIÙ UTILE PER LE SUCCESSIVE ELABORAZIONI; NON MODIFICA LE SINTESI DEL BILANCIO (REDDITO D ESERCIZIO

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

L analisi delle condizioni di economicità

L analisi delle condizioni di economicità Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L analisi

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli PRIMA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla seconda parte dell'intervento... 1 INTRODUZIONE Da un punto di vista ragionieristico lo Stato

Dettagli

Il Bilancio d esercizio: le finalità

Il Bilancio d esercizio: le finalità Il Bilancio d esercizio: le finalità 1. Rappresentazione di sintesi dei valori generati dalla gestione aziendale nel periodo di riferimento 2. Rappresentazione del risultato della gestione passata 3. Strumento

Dettagli

Lezione 17. Fabbisogno di finanziamento. Attivo fisso / Attivo circolante. La valutazione dell equilibrio finanziario e autofinanziamento

Lezione 17. Fabbisogno di finanziamento. Attivo fisso / Attivo circolante. La valutazione dell equilibrio finanziario e autofinanziamento Lezione 17 La valutazione dell equilibrio finanziario e autofinanziamento Fabbisogno di finanziamento Impieghi (Investimenti) Possibili classificazioni 1. Attivo fisso/attivo circolante 2. Immobilizzazioni/disponibilità

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA'

Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA' Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA' Margine Operativo Lordo ( MOL ) Il margine operativo lordo indica la capacità dell'azienda di generare reddito con la gestione caratteristica. 8 E' un dato

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio?

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio? A cosa serve l analisi di bilancio? Potenzialità informative Patrimoniale Percezione della rigidità/elasticità degli impieghi Percezione del grado di indebitamento Grado di finanziamento immobilizzazioni

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A.

Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A. S&A Strumenti 1/97 93 Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A. di MARIAERSILIA LISI RICATTI Da Relazione e bilancio al 31 dicembre 1995 pubblicati dalla, si riportano

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott.ssa Elisa Sartori

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott.ssa Elisa Sartori ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott.ssa Elisa Sartori Ricercatore in Economia Aziendale presso l IRDCEC Importanza dell ANALISI di BILANCIO Fonti normative Rapporti con

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO S.P. SECONDO IL CRITERIO FINANZIARIO

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO S.P. SECONDO IL CRITERIO FINANZIARIO LA RICLASSIFICAZIONE DELLO S.P. SECONDO IL CRITERIO FINANZIARIO Università degli Studi Bari " Aldo Moro" - DISEMM Cdl Magistrale in Economia e Commercio Analisi di bilancio e controllo di gestione a.a.

Dettagli

EQUILIBRI DI GESTIONE

EQUILIBRI DI GESTIONE EQUILIBRI DI GESTIONE MAPPA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI Gestione caratteristica Equilibrio economico Gestione extra-caratteristica costi ricavi oneri proventi di lungo periodo fonti impieghi Equilibrio

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 % 10,72 % 286,19 %

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 % 10,72 % 286,19 % BETA SRL Indici di bilancio Bilancio abbreviato al 31/12/ Indici e margini di redditività ROE = 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 10,72 286,19 L'indice misura la redditività

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2014 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 41 13.11.2013 Analisi di bilancio Analisi per indici, per margini e rendiconto finanziario Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie In moltissimi

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE IN QUESTA PARTE DEL CORSO LA RICLASSIFICAZIONE SI INTENDE APPLICATA AI PROSPETTI DI STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO CIVILISTICI

RICLASSIFICAZIONE IN QUESTA PARTE DEL CORSO LA RICLASSIFICAZIONE SI INTENDE APPLICATA AI PROSPETTI DI STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO CIVILISTICI RICLASSIFICAZIONE IN QUESTA PARTE DEL CORSO LA RICLASSIFICAZIONE SI INTENDE APPLICATA AI PROSPETTI DI STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO CIVILISTICI (anche se logica di fondo vale anche per i prospetti

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 0,93 % 1,55 % (40,00) %

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 0,93 % 1,55 % (40,00) % ALBA S.R.L. Sede legale: VIA ROSA JEMMA N. 118 BATTIPAGLIA (SA) Iscritta al Registro Imprese di SALERNO C.F. e numero iscrizione 04863070654 Iscritta al R.E.A. di SALERNO n. 399875 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1 ANALISI DI BILANCIO Consiste nell analisi dei risultati aziendali mediante indici costruiti sulle informazioni contenute nel bilancio. Include indici di struttura finanziaria e indici di redditività. Riclassificazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO

TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO SOMMARIO ANALISI STRUTTURALE ANALISI PER INDICI TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO Disposizioni varie Negli ultimi anni un numero sempre maggiore di operatori, interni e esterni all'azienda, ha rivolto

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Il rendiconto finanziario L analisi per flussi -Nuovi elementi per la valutazione dell assetto economico globale -Migliore interpretazione indici

Dettagli

Capitolo 2. L analisi dei flussi finanziari

Capitolo 2. L analisi dei flussi finanziari Capitolo 2 L analisi dei flussi finanziari 2.1. Lo sviluppo equilibrato di un attività alberghiera Molte attività alberghiere nascono da iniziative familiari, nelle quali capitali anche relativamente modesti

Dettagli