Rapporto OASI L aziendalizzazione della sanità in Italia. prefazione di Elio Borgonovi e Giovanni Fattore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto OASI 2001. L aziendalizzazione della sanità in Italia. prefazione di Elio Borgonovi e Giovanni Fattore"

Transcript

1 a cura di Eugenio Anessi Pessina Elena Cantù Rapporto OASI 2001 L aziendalizzazione della sanità in Italia prefazione di Elio Borgonovi e Giovanni Fattore CERGAS Egea

2 23. E-procurement «buy side»: analisi delle percezioni dei responsabili delle unità operative economato-provveditorato di aziende sanitarie di Chiara Bianchi, Luca Buccoliero e Greta Nasi I nuovi supporti tecnologici per gli approvvigionamenti La diffusione di Internet, una tecnologia in grado di raggiungere e di connettere un ampio numero di utenti, si è estesa già da qualche anno nelle aziende private ad affiancare i tradizionali canali distributivi per concludere transazioni elettroniche di compravendita, sia in fase di approvvigionamento aziendale (Business-tobusiness), sia nella vendita al cliente finale (business-to-consumer). L utilizzo di tecnologie Internet per l approvvigionamento elettronico delle amministrazioni pubbliche è definito e-public procurement. Una caratteristica distintiva delle diverse forme di e-procurement è il numero degli attori che partecipano al processo di scambio: one-to-one: si tratta di processo di scambio che coinvolge due soli attori un azienda sanitaria e un fornitore i quali si scambiano flussi informativi per via telematica (per esempio, ordine); many-to-one, one-to-many (e-procurement buy-side, sell-side): si tratta di un processo di scambio che coinvolge, da un lato, un gruppo di attori che operano in modo coordinato (per esempio, network di aziende sanitarie buy side, raggruppamento di fornitori sell side) e dall altro un solo attore come controparte; many-to-many: si tratta di un vero e proprio mercato digitale in cui si incontrano domanda (aziende sanitarie) e offerta (fornitori). 1. A Chiara Bianchi sono da attribuire i paragrafi , , a Luca Buccoliero i paragrafi 23.2, ,23.3.4, , , 23.4, a Greta Nasi il paragrafo

3 EDI: Electronic Data Interchange La connessione telematica per consentire il trasferimento di dati tra un azienda sanitaria e un attore esterno, come può essere per esempio un fornitore, si utilizza da tempo in diverse realtà sanitarie italiane per supportare lo scambio di flussi informativi esterni. Tecnicamente, i sistemi one-to-one vengono chiamati EDI (Electronic Data Interchange), e hanno come scopo quello di consentire la trasmissione di dati provenienti dal sistema informativo di un organizzazione verso quello di un altra, attraverso una rete di telecomunicazioni dedicata. Due sono i principali ambiti di applicazione dell EDI nel settore sanitario: il supporto al trasferimento di flussi informativi tra l azienda e l istituto di credito tesoriere, lo scambio dei flussi informativi con il fornitore relativi al processo di approvvigionamento. Per quanto concerne l ultimo ambito si individuano due tipologie di flussi informativi: i flussi interni, relativi al ciclo passivo (per esempio, formulazione delle richieste d acquisto di beni economali e farmaceutici, ordine, registrazione bolla), ed esterni, relativi al trasferimento dell ordine al fornitore e al successivo monitoraggio sullo stato d avanzamento dell ordine. In particolare l EDI favorisce lo snellimento del processo di trasferimento dei flussi informativi esterni, cioè quelli che coinvolgono il fornitore: trasferimento dell ordine; monitoraggio dello stato d avanzamento del processo di evasione dello stesso; consentendo: la riduzione dei tempi complessivi di gestione del processo d acquisto; una gestione più trasparente della documentazione relativa allo stesso; il consolidamento del rapporto tra l unità organizzativa preposta agli acquisti e il fornitore. L adozione di una soluzione tecnologica di questo tipo per gli approvvigionamenti implica: un integrazione tecnologica tra l interfaccia software di trasferimento dei dati e il sistema informatico amministrativo dell azienda sanitaria; un attenta analisi della struttura organizzativa, nonché il ridisegno di alcune attività del ciclo passivo; lo sviluppo di coordinamento tra l UO preposta agli acquisti e l UO economico-finanziaria, come evidenziato nella Figura L integrazione tra flussi informativi interni ed esterni crea le condizioni per una gestione efficiente del processo comunicativo, comportando consequenzialmente 803

4 Figura Schema di funzionamento dell EDI 2 Azienda Sanitaria Fornitore UO Acquisiti Catalogo Ordine Conferma Ufficio vendite UO Acquisti Bolla Ufficio spedizioni UO Economico-Finanziaria Fattura Pagamento Ufficio fatturazione attiva Fonte: Moynihian, McLure, un miglioramento complessivo della qualità e dell efficienza del processo d acquisto e consentendo l eventuale introduzione di logiche di gestione delle scorte just-in-time, con implicazioni sostanziali a livello di struttura organizzativa e di impatto sulla gestione del magazzino. Dal punto di vista tecnologico, questa soluzione presenta alcuni limiti. Infatti l EDI si basa su linee di trasferimento dei dati dedicate, che comportano investimenti cospicui in termini di cablaggi E-procurement one-to-many L e-procurement one-to-many rappresenta, rispetto all EDI, una modalità d approvvigionamento più flessibile e aperta allo scambio di informazioni tra i diversi attori che prendono parte al processo d acquisto, in quanto si basa sulla tecnologia Internet, che consente di connettere contemporaneamente una molteplicità di utenti. In particolare, in tale modello si realizza un processo di approvvigionamento di aziende e amministrazioni pubbliche effettuato mediante il supporto alle transazioni attraverso la rete Internet. L approvvigionamento elettronico avviene consultando un sito Internet, dove il gestore del sito o l intermediario ha funzione di curatore in quanto gestisce il catalogo on line dei prodotti offerti che i clienti (Aziende Sanitarie) possono acquistare direttamente, senza doversi rivolgere ai diversi fornitori. Si tratta di un vero e proprio supermercato virtuale a cui si accede mediante il sito, usualmente sulla base della stipula di un accordo quadro tra l azienda sanitaria e l interme- 2. Moynihian J. e McLure M.L. (1995), EDI, HFMA, p

5 diario. Le funzioni relative all acquisto mediante catalogo on line nei siti di e- procurement attualmente operanti sul mercato sanitario italiano sono simili: consultazione catalogo: consente l interrogazione del catalogo virtuale sulla base di criteri predeterminati (per esempio, categorie merceologiche). Si tratta di cataloghi intelligenti e interattivi, consultabili on line e dotati di una guida che assiste il cliente nell individuazione del prodotto desiderato; informazioni sul prodotto richiesto: consente l accesso a informazioni dettagliate (per esempio, specifiche, prezzo, tempi di consegna) del prodotto richiesto, favorendo la comparazione tra prodotti simili offerti dai diversi fornitori che operano mediante il sito; selezione del prodotto: si manifesta la volontà di acquistare il prodotto inserendolo nel «carrello virtuale», indicandone la quantità prescelta; ordinazione del prodotto: rappresenta la vera e propria emissione e trasmissione dell ordine all intermediario, sulla base degli articoli selezionati. Rispetto al tradizionale e-commerce business-to-consumer, ovvero alla transazione elettronica per acquisti da parte dei clienti finali, l e-procurement non prevede di solito il pagamento on line mediante l utilizzo di carte elettroniche, in quanto tale fase viene di norma gestita sulla base del suddetto accordo tra l intermediario e l Azienda Sanitaria (per esempio, pagamento mediante bonifico bancario a 90 giorni dal ricevimento della fattura). La distinzione tra e-procurement buy side e sell side fa riferimento all attore che svolge la funzione di intermediario. Nel caso di e-procurement buy side l intermediario è identificabile in un gruppo di Aziende Sanitarie che si alleano, dando origine ad una vera e propria centrale d acquisto. Si tratta di un architettura many-to-one e in tal caso il network delle aziende sanitarie acquista una posizione di rilevante forza contrattuale nei confronti del fornitore al momento della negoziazione delle condizioni a cui quest ultimo accetta di esporre i propri prodotti sul sito. Dal punto di vista organizzativo, la scelta delle aziende sanitarie di creare un network d acquisto si presenta innanzitutto come una scelta di decentramento 3 della funzione acquisti e delle attività connesse, in cui si affida a un unità decentrata, denominata centrale d acquisto, il potere di negoziare le condizioni contrattuali per il processo d acquisto di determinate categorie merceologiche. La scelta della modalità di decentramento può ricondursi a diverse motivazioni: il conseguimento di economie di scala sia a livello organizzativo, sia a livello di conoscenza/apprendimento; la valorizzazione delle conoscenze e delle capacità esistenti; la necessità di responsabilizzare l organizzazione sanitaria nel processo d acquisto. 3. Si veda Buccoliero, Meneguzzo (1999). 805

6 Le potenzialità delle centrali d acquisto vengono dunque supportate dall uso di Internet e da questo facilitate. Il modello della centrale d acquisto permette di sfruttare il potenziale interattivo di Internet per: individuare valori minimi d acquisto per forniture di beni e servizi identiche; gestire gli acquisti e la manutenzione delle tecnologie ospedaliere attraverso una struttura consortile; gestire una domanda interaziendale on line. In concreto, la realizzazione di una centrale d acquisto implica la necessità di mappare, analizzare e razionalizzare i flussi informativi su due livelli: all interno di ogni singola Azienda Sanitaria; tra le diverse aziende. Questo comporta la creazione di una rete extranet, ossia di una rete interaziendale basata su tecnologia Internet, e dunque non necessitante una linea dedicata, a cui possono accedere solo gli attori autorizzati (le Aziende Sanitarie aderenti al network d acquisto, tramite procedure di sicurezza). Ciò consente alle aziende di operare attraverso i canali virtuali per la ricerca dei propri fornitori e l acquisto diretto di beni e servizi perseguendo benefici in termini di: possibilità di programmazione dei fabbisogni e avvio di attività di marketing per gli acquisti; accesso a cataloghi di prodotti e servizi sanitari molto più ampi e dettagliati, con possibilità di comparazione; standardizzazione delle procedure operative per la richiesta di prodotti; maggiore efficienza del processo: riduzione del consumo di carta, riduzione tempi di evasione del processo, maggior controllo sulla selezione del fornitore, che abitualmente assorbe intorno al 30% del tempo degli acquirenti 4 ; condizioni d acquisto più vantaggiose. Nel caso di e-procurement sell side l intermediario è identificato da un gruppo di aziende di fornitori. Questo, per i fornitori, implica: risparmi potenziali di distribuzione; aumento dei canali di vendita; riduzione dei costi di intermediazione; aumento della velocità d accesso del cliente al catalogo prodotti. I fornitori che adottano tale modello di fornitura in rete riescono a sviluppare iniziative di direct marketing, in modo da gestire ogni specifica esigenza dei diversi clienti. Le singole transazioni, infatti, vanno spesso oltre la mera fornitura, e risultano collegate a una serie di attività preparatorie volte ad acquisire quelle che sono le reali esigenze del cliente per poi soddisfarle anche successivamente alla fornitura con eventuali servizi post-vendita. 4. Si veda Stabilini, Giuffrida (2000). 806

7 Market place Il market place rappresenta infine il modello evolutivo dell e-procurement (many-to-many), esso consiste essenzialmente nell offerta di due servizi: la bacheca elettronica: un luogo virtuale dove i partecipanti (sia domanda che offerta) accedono inserendo annunci di vendita o acquisto; le aste elettroniche: funzionano come delle aste tradizionali dove il venditore propone un bene da vendere, i vari acquirenti (Aziende sanitarie e ospedaliere) possono effettuare le loro offerte d acquisto; in genere è previsto un tempo limite entro il quale le offerte devono pervenire al venditore, il quale può anche decidere se fissare un prezzo soglia al di sotto del quale non intende concludere la transazione. Le aste possono anche essere gestite e implementate dai buyer con l indicazione di ciò che si intende acquistare a un dato prezzo ed entro un determinato orizzonte temporale. In questo caso, il ruolo assunto dall intermediario non è più quello di curatore del catalogo, ma diviene quello di mediatore del processo di incontro tra domanda e offerta, nonché di garante dell attendibilità delle richieste e offerte accolte sulla piazza digitale Considerazioni sull applicazione dell e-procurement nel settore sanitario A livello legislativo, si sta procedendo verso una semplificazione del processo d acquisto, volta anche a favorire la diffusione dell approvvigionamento elettronico. Infatti, il D.lgs. 229/99, all articolo 3 prevede che i contratti di fornitura di beni e servizi, il cui valore sia inferiore al livello soglia stabilito dalla normativa comunitaria in materia ( euro), siano appaltati o contrattati direttamente dalle Aziende Sanitarie, secondo le norme di diritto privato indicate nell atto aziendale. La presenza di un livello soglia, insieme alla tendenza alla programmazione della spesa, continua però a limitare le possibilità dell impiego dell eprocurement per le Aziende Sanitarie, relegandolo a canale d approvvigionamento marginale, spesso riservato alle spese urgenti. L adozione di logiche di e-procurement risulta comunque coerente con gli obiettivi generali del piano d azione italiano per l e-government 5, che mirano alla riprogettazione organizzativa di un amministrazione pubblica sempre più orizzontale, orientata al servizio e in grado di attivare flussi informativi interni ed esterni che si traducano in benefici in termini di: riduzione drastica dei tempi e degli adempimenti burocratici delle procedure di acquisto; diminuzione dei costi amministrativi; 807

8 aumento della trasparenza nelle operazioni di gara; promozione dello sviluppo e dell utilizzo di strumenti tecnologici innovativi; apertura del mercato delle forniture verso una maggiore competizione. Negli ultimi due anni si sono costituite alcune società di gestione di siti per l eprocurement operanti nel settore sanitario che presentano, come evidenziato nel Box 23.1, caratteristiche differenti: a livello di composizione societaria; a livello di caratteristiche dell offerta. La chiara demarcazione poc anzi individuata tra e-procurement buy-side e sellside non si riflette in modo univoco nel mercato attuale. Gli attori che gestiscono transazioni di approvvigionamento elettronico nel settore sanitario presentano, per la maggior parte, composizioni societarie miste: troviamo infatti software house, investitori privati, attori operanti all interno del settore sanitario, e altre amministrazioni pubbliche. A questo proposito, è significativo il ruolo, coerente con le indicazioni del piano per l e-government, che il Ministero del Tesoro ha assunto nell adozione di logiche di coordinamento degli acquisti per la Pubblica Amministrazione. Infatti, da oltre un anno ha costituito Consip S.p.A., una società che agisce quale centrale d acquisto e rappresenta una fondamentale interfaccia per gli acquisti on line della Pubblica Amministrazione, basata sulla centralizzazione di gare e servizi di selezione dei fornitori. Attualmente l offerta di questi attori è prevalentemente incentrata sul catalogo on line, anche se presenta differenziazioni in termini di: modalità di gestione del processo di intermediazione: da merchant on line, ovvero grossista che acquista in prima persona i prodotti offerti sul sito, a controparte di accordi quadro con fornitori di prodotti medicali. Successivamente, i fornitori, sulla base di questi accordi, si occupano autonomamente di tutta la fase logistica (per esempio, tempi di consegna) connessa con il processo di approvvigionamento, sostenendone il rischio dell invenduto; caratteristiche della gestione del sito e servizi offerti ai clienti: in generale, questi intermediari presentano già un offerta completa, dal punto di vista tecnologico. Alcuni stanno già sperimentando questa seconda fase dell e-procurement, ma si tratta, a oggi, di un utilizzo non potenziale dello strumento tecnologico alla sola fase di iniziale comunicazione dell oggetto dell asta, consentendo al fornitore di effettuare il download del bando di gara per poi proseguire il processo in modo tradizionale. 5. Piano di azione di e-government. Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica (2000). 808

9 Box Schede sintetiche dei principali attori e-procurement per la sanità 6 Attori Consip E-sanità Caratteristiche dell offerta Controllo: Ministero del Tesoro Strategia: Centrale d acquisto Caratteristiche: Strumenti per l individuazione dei prodotti: elenco nella prima pagina Fasi del processo d acquisto gestite dal portale: tutte Strumenti per la confrontabilità delle offerte: tariffe, modalità fornitura, caratteristiche tecniche Modalità di funzionamento: e-catalog all interno dell e-shop Controllo: investitori privati + management Strategia: «merchant» online (intermediario con magazzino) Caratteristiche: Strumenti per l individuazione dei prodotti: classi merceologiche Fasi del processo d acquisto gestite dal portale: selezione, negoziazione e gestione ordini Strumenti per la confrontabilità delle offerte: scheda tecnica del prodotto e prezzo Modalità di funzionamento: e-catalog con carrello Eumedix Controllo: Internet Capital Group + management Strategia: e-procurement sell side Caratteristiche: Fasi del processo d acquisto gestite dal portale: specifica, selezione e negoziazione Strumenti per la confrontabilità delle offerte: qualità, servizi accessori, parametri economici Modalità di funzionamento: catalogo FareMarket Controllo: gruppo Datamat Sponsor: Fare Strategia: Market Place Caratteristiche: Strumenti per l individuazione dei prodotti: motore di ricerca Fasi del processo d acquisto gestite dal portale: specifica, selezione e negoziazione Strumenti per la confrontabilità delle offerte: tempo di consegna, assistenza, caratteristiche tecniche, prezzo Modalità di funzionamento: catalogo e bandi di gara online 6. L elenco non ha scopo di esaustività, ma è finalizzato a descrivere sinteticamente gli attori attualmente più attivi sul mercato. 809

10 Box Schede sintetiche dei principali attori e-procurement per la sanità (segue) Attori Medstoxx Caratteristiche dell offerta Controllo: gruppo Mie Strategia: Market Place, catalogo on line, aste Caratteristiche: Strumenti per l individuazione dei prodotti: motore di ricerca e macroaree Fasi del processo d acquisto gestite dal portale: incontro tra domanda e offerta Strumenti per la confrontabilità delle offerte: specifiche di fornitura Modalità di funzionamento: asta e cataloghi La percezione dell e-procurement da parte dei provveditori economi: perché un indagine empirica La riprogettazione dei processi di acquisto alla luce dei nuovi supporti tecnologici, nelle diverse forme sopra ricordate, evidenzia la necessità di focalizzare l attenzione del management aziendale su tre fondamentali variabili. Infatti, un approccio strategico all adozione di forme di e-procurement richiede di analizzare e progettare in modo sinergico e coerente: le tecnologie adottate; i processi aziendali coinvolti; le capacità e la motivazione delle persone operanti nell ambito di questi ultimi. Con riferimento al ruolo imprescindibile delle risorse umane, è parso opportuno verificare le percezioni in merito attualmente condivise dai responsabili delle unità organizzative economato-provveditorato, che gradualmente stanno maturando consapevolezza degli scenari in rapida evoluzione e assistono alle proposte innovative formulate dai fornitori, da gruppi di fornitori o da intermediari e operatori specializzati. Alla base di tale indagine conoscitiva sta la profonda convinzione del gruppo di ricerca circa la rilevanza assunta, ai fini della reale affermazione di logiche di e-procurement, del grado di coinvolgimento dei responsabili delle funzioni acquisti aziendali nonché di una condivisione dei presupposti dell innovazione gestionale e organizzativa legata all e-procurement. A tale scopo, è stato predisposto un questionario somministrato ai provveditori economi di un campione significativo di Aziende Sanitarie, sulla cui dimensione e composizione si dirà in seguito. 810

11 Obiettivi dell analisi L analisi intende proporre alcune valutazioni sulle attuali condizioni per l affermazione di logiche di e-procurement nel panorama delle aziende del Servizio Sanitario Nazionale, con riferimento alle percezioni soggettive espresse dai provveditori-economi. In particolare, oggetti fondamentali dell analisi conoscitiva sono i seguenti: esistenza di connessione permanente a Internet presso gli uffici dell UO Economato Provveditorato; propensione individuale del provveditore alla navigazione Internet e tipologia di utilizzo (per scopi professionali se dall ufficio, per fini personali se da altre postazioni private); propensione individuale del provveditore a effettuare acquisti on line (sia in ottica di commercio elettronico di tipo business-to-consumer, sia secondo logiche business-to-business) nell ambito delle attività aziendali; condivisione/interesse del provveditore nei confronti di logiche di coordinamento interaziendale degli acquisti (networking, alleanze, centrali di acquisto); principali ostacoli allo sviluppo di logiche di e-procurement percepiti dal provveditore; principali vantaggi percepiti nello sviluppo di logiche di e-procurement. Il campione individuato include 88 Aziende Sanitarie del Servizio Sanitario Nazionale e 30 Aziende Ospedaliere del Servizio Sanitario Nazionale. L ubicazione delle aziende individuate è omogenea sul territorio nazionale. La rilevazione dei dati ha avuto luogo nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno Risultati Dati sulla presenza di una connessione Internet presso gli uffici dell UO economato provveditorato Variabile preliminare per l analisi del quadro attuale è rappresentata dal grado di universalità dell accesso permanente a Internet presso gli uffici economato provveditorato, verosimilmente attraverso la rete aziendale o attraverso connessioni dedicate. La ricognizione intende chiarire in che misura sia riscontrabile una problematica di «digital divide» cioè un significativo differenziale di opportunità informative dovuto a una limitata presenza di Internet sul panorama nazionale delle aziende sanitarie. 811

12 Figura Percentuali di connessioni permanenti a Internet UO provveditorato 100,00% 93,33% 75,00% 50,00% 45,45% 80,00% 76,09% 54,55% 54,55% 50,00% 45,45% 50,00% 23,91% 25,00% 20,00% 6,67% 0,00% sì A.S.L. ASL no sì no A.Osp Azienda Ospedaliera Sud Centro Nord La Figura 23.2 illustra i risultati dell analisi. Alcune evidenze si impongono all attenzione: il divario territoriale tra le realtà considerate, in termini di opportunità di accesso alla rete, appare piuttosto elevato e preoccupante; la percentuale di provveditorati di aziende ospedaliere connessi appare, in media, superiore rispetto a quella delle ASL; la media nazionale di aziende sanitarie i cui uffici provveditorato-economato non sono connessi permanentemente ad Internet si mantiene significativa (29.81%) Dati sulla propensione individuale del provveditore alla navigazione in Internet Tutti i provveditori presso il cui ufficio è disponibile un collegamento permanente a Internet dichiarano una accettabile familiarità con la navigazione; in tutte le aree geografiche si rilevano, inoltre, intervistati che, pur non avendo accesso alla rete dall ufficio, hanno comunque confidenza con l utilizzo di Internet da altre postazioni (prevalentemente domestiche). La Figura 23.3 riepiloga i dati dichiarati circa le esperienze di utilizzo di Internet da parte dei provveditori economi. Tra i provveditori che hanno dichiarato familiarità con l accesso a Internet, è parso interessante verificare quale sia la postazione «abituale» o «preferita» per la connessione, anche per ipotizzare un possibile profilo dei servizi utilizzati. 812

13 Figura Esperienze di utilizzo di Internet da parte di provveditori economi 100,00% 75,00% 85,00% 80,00% 65,00% 83,00% 50,00% 54,30% 45,70% 60,00% 40,00% 35,00% 25,00% 15,00% 20,00% 17,00% 0,00% sì A.S.L. ASL no sì no A.Osp Azienda Ospedaliera Sud Centro Nord La Figura 23.4 evidenzia, per gli intervistati del campione ASL, una prevalenza di accessi da postazioni domestiche mentre, per il campione Aziende Ospedaliere, si rileva una sostanziale parità. Questo potrebbe segnalare un potenziale di trasferimento di competenze sull utilizzo di Internet dall ambito domestico all ambito aziendale, specialmente nelle ASL. Figura Tipologia di postazioni utilizzate per l accesso a Internet da parte dei provveditori economi 97,05% 41,17% 60,00% 60,00% Casa Casa ASL Ufficio ASL Casa A.S.L. A.S.L. Azienda A.Osp. Ospedaliera Ufficio Azienda A.Osp. Ospedaliera Con riferimento a tale dato giova inoltre una sufficiente omogeneità territoriale tra le diverse aree (nord, centro e sud). Esiste inoltre un interessante corrispondenza: tutti gli intervistati che si collegano da casa utilizzano Internet anche in ufficio, se disponibile, mentre non si verifica il fenomeno contrario. Questa evidenza sembrerebbe suggerire una penetrazione di Internet nelle dinamiche aziendali «trainata» dalle conoscenze e dall utilizzo personale e domestico dello strumento. 813

14 Dati sulla propensione individuale del provveditore a effettuare acquisti on line A fronte di dati sostanzialmente incoraggianti circa l accesso a Internet (che tuttavia evidenziano qualche elemento di preoccupazione per quanto concerne le rilevanti differenze tuttora esistenti tra le diverse aree geografiche), occorre soffermarsi sulla ben più debole propensione a effettuare acquisti on line evidenziata da parte degli intervistati. La Figura 23.5 rappresenta sinteticamente la «propensione» espressa dagli intervistati circa l utilizzo di Internet a supporto dell acquisto di beni e servizi, tanto in ambito domestico a scopi personali (business-to-consumer) quanto in ambito aziendale, cioè per l approvvigionamento aziendale (business-to-business). Figura Propensione a effettuare acquisti on line sulla base di esperienze concrete 100,00% 93,15% 83,33% 75,00% 50,00% 25,00% 16,67% 6,85% 0,00% Acquista A.S.L. ASL Non Non acquistaon- line on line Acquista Azienda A.Osp. Ospedaliera Non Non acquistaon- line on line In particolare, giova osservare che il 7% circa dei provveditori ASL che hanno espresso propensione favorevole, hanno così meglio definito la loro risposta: il 5,5% circa si riferisce esclusivamente a transazioni aziendali di tipo B2B; l 1,5% allude esclusivamente a transazioni personali di tipo B2C; nessuno ha espresso interesse per entrambe le fattispecie. Per quanto concerne il campione di Aziende Ospedaliere, in cui si ravvisa una propensione significativamente più favorevole, l utilizzo di Internet per effettuare transazioni si riferisce: per il 17% degli intervistati favorevoli a transazioni aziendali; per il 3,4% degli intervistati favorevoli anche a transazioni personali B2C. 814

15 Dati relativi all interesse nei confronti di logiche di coordinamento interaziendale degli acquisti Come meglio evidenziato in precedenza, numerose modalità di e-procurement consentono di realizzare economie significative sulla base delle logiche di networking che le nuove tecnologie implementano. Che si tratti di vere e proprie «centrali di acquisto» oppure di semplici meccanismi per il coordinamento dei processi di acquisto tra aziende diverse, l effetto più evidente dell innovazione sembra essere rappresentato, almeno nel breve periodo, da un incremento del potere contrattuale degli acquirenti, proprio in virtù delle logiche di coordinamento e della maggiore trasparenza che si determina sul mercato delle forniture. A tale proposito è parso opportuno verificare se, anche sulla base di precedenti esperienze, vi fosse un reale interesse ad attivare logiche di networking con altre aziende del SSN per realizzare forme di coordinamento dei processi di acquisto. L analisi ha evidenziato che il 21% delle ASL e il 23% degli ospedali hanno già sperimentato forme di coordinamento negli acquisti. Di particolare interesse si rivela la scomposizione geografica del dato, rappresentata dalla Figura Figura Propensione ad attivare network interaziendali per gli acquisti 100,00% 90,91% 90,91% 75,00% 72,92% 75,00% 73,33% 50,00% 50,00% 50,00% 25,00% 27,08% 26,67% 25,00% 9,09% 9,09% 0,00% sì A.S.L. ASL no sì no A.Osp Azienda Ospedaliera Nord Centro Sud A fronte di una prevalenza di aziende settentrionali con favorevole propensione nei confronti di logiche di coordinamento degli acquisti, sembra opportuno sottolineare il dato relativo alle Aziende Ospedaliere dell Italia centrale, che testimonia un importante interesse in tal senso. 815

16 Dati relativi alle principali criticità percepite circa le prospettive di sviluppo dell e-procurement La rilevazione presso i provveditori economi ha consentito di individuare i principali elementi di criticità, anche attraverso la raccolta dei commenti rilasciati dagli intervistati. Il Box 27.2 riepiloga i principali fattori di criticità percepita rispetto allo sviluppo di logiche innovative di acquisto. Box I principali fattori di criticità percepita (in ordine di frequenza delle risposte) Incompatibilità dell e-procurement con le procedure di acquisto a evidenza pubblica previste dalle attuali normative a livello nazionale e comunitario. Debole propensione dei fornitori a modificare i propri modelli di business e ad accettare l incremento di trasparenza dei mercati conseguente alle nuove logiche di coordinamento. Difficoltà percepita nelle verifiche di qualità del prodotto in risposta alle crescenti esigenze degli utilizzatori. Inadeguatezza tecnologica degli uffici acquisti delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere. Inadeguatezza delle conoscenze informatiche del personale. Incompleta implementazione della firma digitale. Insufficienza o scarsa chiarezza dell offerta di servizi di e-procurement attualmente disponibili. Appare evidente che l ostacolo allo sviluppo di logiche di e-procurement più diffusamente riscontrabile tra le osservazioni dei provveditori interpellati è rappresentato dall attuale normativa, che non dedica agli acquisti su Internet una specifica disciplina. A tale proposito giova ricordare che alcuni intervistati continuano a esprimere preoccupazione anche rispetto all adozione di forme di e-procurement per i cosiddetti «acquisti sotto soglia», ricordando che gli organi di controllo talvolta esprimono pareri non univoci in proposito. Significativo e diffusamente riscontrato è il commento che individua come fattore di particolare criticità rispetto allo sviluppo di logiche di e-procurement la debole propensione dei fornitori nei confronti dello sviluppo di e-market caratterizzati da elevati gradi di trasparenza delle informazioni: sarebbe pertanto chiaramente riscontrabile una resistenza dei fornitori del settore a spostare il proprio business sulla rete, con evidente necessità di mantenere attivi i canali tradizionali. Solo nelle ASL del Sud le dotazioni hardware e software a disposizione degli uffici acquisti sono considerate un limite allo sviluppo dell e-procurement (da quasi il 41% degli intervistati). Relativamente diffuso appare invece il commento relativo alla limitata implementazione della firma digitale, a fronte di un quadro concettuale e teorico di riferimento assai chiaro da anni. Nelle ASL del Centro-Nord e soprattutto nelle Aziende Ospedaliere il vincolo più avvertito sembra invece consistere nella difficoltà di effettuare attente veri- 816

17 fiche di qualità e soprattutto nell impossibilità di conciliare le esigenze di standardizzazione dei prodotti legate alle nuove logiche di acquisto on line con il crescente grado di «personalizzazione» del prodotto e del servizio richiesto dagli utilizzatori finali o richiedenti interni (per esempio, campionamenti del prodotto ecc.). Questa preoccupazione sembra riferirsi alle evidenti necessità di riprogettazione dei processi legati al processo d acquisto, che rappresentano senza dubbio un aspetto saliente dell introduzione di logiche di e-procurement Dati relativi alle principali potenzialità individuate nello sviluppo dell e-procurement e principali aspirazioni Relativamente uniformi appaiono, invece, le attese degli intervistati circa i possibili vantaggi ottenibili implementando una strategia di e-procurement. Il Box 23.3 riepiloga, in ordine decrescente di frequenza, le principali aspettative evidenziate a tale proposito dai provveditori economi intervistati. Box Aspettative rispetto all avvento di nuove modalità di acquisto secondo logiche di e- procurement Maggiore rapidità ed efficienza dei processi di acquisto. Opportunità di accedere agevolmente alle offerte di differenti fornitori e confrontarle. Riduzione dei costi dei prodotti legati alle nuove dinamiche competitive dei mercati delle forniture. Possibilità di monitorare la transazione durante tutto il suo svolgimento. Riduzione delle procedure cartacee e degli invii postali. Maggiore trasparenza e standardizzazione dei prezzi su scala nazionale. Come è possibile osservare, i vantaggi la cui percezione è più chiara riguardano: le opportunità derivanti dalla riprogettazione dei processi e delle transazioni, soprattutto con riferimento al recupero di efficienza e all accelerazione dei tempi (oltre il 63% degli intervistati si sono espressi in tal senso); il probabile impatto delle innovazioni tecnologiche sul mercato delle forniture, la cui crescente trasparenza rappresenta senza dubbio una delle principali aspirazioni dei provveditori economi (oltre il 32% di ricorrenze). Altrettanto consapevoli appaiono le aspettative in merito ai servizi accessori, che dovrebbero rappresentare il reale valore aggiunto dell offerta di e-services rivolto al mondo degli acquisti pubblici in genere e sanitari in particolare. Il Box 23.4, a tale proposito, elenca in ordine decrescente di ricorrenza le principali richieste di servizi internet la cui implementazione sembrerebbe di prioritaria utilità a supporto dell attività della funzione acquisti, secondo le percezioni dei provveditori-economi intervistati. 817

18 Figura Priorità rispetto alla disponibilità di e-services per i provveditori economi Accesso al database per il confronto dei prezzi e delle caratteristiche tecniche dei singoli prodotti offerti dai diversi fornitori. Accesso all albo dei fornitori e relative certificazioni on line (ISO, antimafia ecc.). Accesso alle banche dati contenenti le normative comunitarie, nazionali e regionali in materia di acquisti e la relativa giurisprudenza. Forum di discussione su vari argomenti inerenti agli acquisti tra gli interessati alle tematiche degli acquisti in Sanità. Pubblicazione on line dei bandi di gara con relativi capitolati e modulistica. Possibilità di attivare interrelazioni tra le varie ASL per l eventuale discussione e risoluzione di problemi comuni (forum di discussione e chat). Servizi per la gestione di «aste on line». Possibilità di reperire spunti e riflessioni circa le principali problematiche in tema di gestione e controllo degli acquisti delle Aziende Sanitarie. Formazione a distanza per il personale delle UO economato provveditorato. Come è possibile osservare, il servizio il cui valore aggiunto è maggiormente percepito dai provveditori economi consiste nella disponibilità on line di risorse a supporto dell attività «tradizionale» degli uffici, quale il database contenente le rilevazioni di un «osservatorio prezzi» (oltre il 78% delle ricorrenze) o l albo dei fornitori contenente la documentazione amministrativa più frequentemente utilizzata per la gestione delle gare (30% circa). Mentre il supporto alla gestione di aste on line è raramente citato tra le priorità (12% circa di ricorrenza, forse alla luce della consapevolezza circa i limiti normativi tuttora in vigore), appare di particolare interesse l enfasi riposta sul ruolo di Internet quale strumento a supporto del coordinamento interaziendale all interno del Servizio Sanitario Nazionale. Gli intervistati sottolineano frequentemente (oltre il 23%) una percezione di «strategicità» ed elevato valore aggiunto dei servizi Internet idonei alla creazione di network informali per la condivisione di problematiche ed esperienze tra diverse aziende, nonché l interesse che sarebbe oggettivamente rivestito da «community» virtuali di provveditori economi per il confronto costante su: problematiche comuni al mondo degli acquisti pubblici; condizioni contrattuali delle gare aggiudicate per determinate categorie merceologiche o di servizi; interpretazioni normative. Tale aspirazione, che effettivamente coglie appieno una delle principali potenzialità della rete, sembra peraltro sottolineare una tipologia di servizi non supportata dagli attuali operatori. 818

19 23.4. Conclusioni I dati sin qui illustrati consentono di descrivere gli atteggiamenti «buy-side» del mercato delle forniture di beni e servizi delle aziende del Servizio Sanitario Nazionale alla luce delle innovazioni di e-procurement sopra descritte. In particolare, le evidenze raccolte in merito ai requisiti tecnologici di base (connessione e accesso alla rete) suggeriscono di porre un attenzione specifica anche su queste problematiche, che non possono ritenersi assolutamente risolte e che rappresentano una condizione fondamentale per la diffusione delle logiche di e-procurement tra le aziende del Servizio Sanitario Nazionale. Occorre precisare tuttavia che i costi e la complessità tecnologica di tali «infrastrutture» di base appaiono, alla luce delle attuali evoluzioni dei mercati del software di base, piuttosto modesti e dunque non tali da rappresentare un reale ostacolo. Con riferimento ai fabbisogni tecnologici, questa indagine non si è invece soffermata sullo stato dell arte delle procedure amministrative di backoffice (sistema informativo a supporto dei processi di acquisto e del cosiddetto «ciclo passivo»), la cui integrazione con il web rappresenta senza dubbio un altro elemento essenziale del problema. Nel capitolo 22 sono presentate alcune argomentazioni con riferimento a questo particolare aspetto, che senza dubbio, soprattutto in alcuni contesti aziendali, rappresenta una criticità tecnologica meritevole di considerazione. Per quanto concerne la riprogettazione dei processi organizzativi interni, è abbastanza evidente, rispetto ai provveditori intervistati, una buona consapevolezza dell inevitabilità di tali interventi, testimoniata dalle elevate aspettative rispetto ai ritorni di utilità (riduzione di tempi e costi) che ne deriverebbero. La riprogettazione dei processi legati agli acquisti appare un esigenza diffusamente avvertita, che in ultima istanza prescinde dall innovazione tecnologica legata all e-procurement, ma rappresenta un fabbisogno urgente per tutte le realtà aziendali. In tale ottica, le innovazioni dell e-procurement sono considerate alla stregua di un opportunità per accelerare la riprogettazione. Minore ottimismo traspare invece dai dati relativi alle persone chiave coinvolte dalle nuove logiche di e-procurement. A fronte di un elevato grado di informazione sulle logiche generali dell e-procurement (sebbene non manchino commenti che evidenziano la scarsa «definizione» dell attuale offerta di servizi), emerge piuttosto chiaramente (Figura 23.5) una propensione attualmente debole a effettuare acquisti on line, tanto in una logica business-to-business quanto in una logica business-to-consumer. Con riferimento al B2B, giova osservare che l impiego di Internet da parte dei provveditori delle ASL considerate risulta prevalentemente confinato nell ambito domestico-familiare (Figura 23.4) piuttosto che in quello aziendale. Si direbbe addirittura che proprio le esperienze maturate nella «navigazione» dalle postazioni domestiche rappresenti il presupposto per l adozione in azienda di tale tecnologia. Se ne desume dunque, soprattutto in specifiche aree geografiche, un fabbisogno ancora rilevante di «sensibilizzazione culturale di fondo». 819

20 Giova comunque ribadire la forte criticità ravvisata dagli intervistati nei confronti del quadro normativo in vigore, che non appare coerente con le innovazioni dell e-procurement soprattutto a motivo delle interpretazioni variegate e talora contraddittorie, che certamente non sono sintetizzabili in un «testo unico» applicabile alle operazioni effettuate sulla rete. Paradossalmente, tale criticità non appare limitata alle gare europee ma si estende anche alle cosiddette operazioni «sotto-soglia», probabilmente meritevoli di qualche ulteriore chiarimento normativo che tranquillizzi i responsabili degli acquisti circa il ricorso alle nuove procedure di e-procurement. Infine, di particolare importanza appaiono i dati illustrati dalla Figura 23.6, riguardanti la propensione all attivazione di logiche di network formali interaziendali a supporto dei processi di acquisto: a tale proposito, giova osservare un apparente contraddittorietà di tali dati (che sembrerebbero indicare una propensione al coordinamento in progressivo aumento ma ancora piuttosto bassa) rispetto ai servizi a valore aggiunto più richiesti (tra i quali figurano, come già citato, le attivazioni di forum e di altri strumenti virtuali di coordinamento interaziendali). Premesso che il coordinamento interaziendale rappresenta probabilmente uno dei cardini della riprogettazione dei processi di acquisto, sembra opportuno ipotizzare un interpretazione delle evidenze raccolte che sottolinei una preferenza per l elevata «informalità» dei network interaziendali (quale quella offerta da forum di discussione e database condivisi), che tuteli i confini e i contenuti dell autonomia aziendale soprattutto con riferimento ai processi di acquisto, ma consenta al contempo un efficace coordinamento. Si ha comunque motivo di ritenere che un approfondimento di questa particolare percezione dei provveditori economi e delle sue possibili «sfumature» possa rappresentare un presupposto della costruzione di un eventuale «via italiana» alla progettazione di logiche innovative di «e-procurement» in ambito sanitario. Bibliografia Barbiero A., Osimo D., Spagnolo L. (2001), L e-procurement nella Pubblica Amministrazione: guida pratica all acquisto on-line di beni e servizi, Maggioli Editore. Buccoliero L., Meneguzzo M. (1999), Allearsi per comperare, EGEA, Milano. Tod S., «Market place: 30% di scelte Progetto pilota Bologna su spese da 200 miliardi Il virtuale avanza», in Il Sole 24 Ore Sanità, maggio 2001, p. 5. Douglas E. Goldstein (1999), E-healthcare, harness the power of Internet e-commerce & e-care, Aspen. Moynihian J., McLure M.L. (1995), EDI, HFMA. Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica (2000), Piano d azione di e-government. Stabilini G., Giuffrida M. (2000), «E-procurement: grandi benefici attesi, poche le esperienze concrete. Per ora», in Economia & Management, maggio, n. 3 p

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Istituto per l innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Il presente documento intende

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli