Business Process Re-engineering e Information Technology

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Process Re-engineering e Information Technology"

Transcript

1 Sommario Business Process Re-engineering e Information Technology Ing. Giovanni Rumolo,OÃ%XVLQHVVÃ3URFHVVÃ5HHQJLQHHULQJÃH O,QIRUPDWLRQÃ7HFKQRORJ\ L IT come fattore abilitante L IT come fattore inibitore I legami it-processo /DÃUHLQJHJQHUL]]D]LRQHÃGHLÃSURFHVVL Problematica generale Il caso della PA 0RGHOOLÃHÃ7HFQRORJLH 1 L azienda come Sistema Aperto Ogni organizzazione è assimilabile ad un sistema aperto Un sistema che evolve Un sistema che interagisce con l ambiente esterno Un sistema che si adatta al contesto Un sistema che influenza l ambiente esterno La capacità di adattamento di un organizzazione dipende dalla sua abilità nell imparare e nell agire rispetto a cambiamenti contingenti del contesto La scelta di tecnologia basata su architetture aperte garantisce un elevato grado di adattamento «O LQJHJQHUH GHGLFDÃVHPSUH PROWDÃDWWHQ]LRQHÃD FRPHÃVLÃHVHUFLWDÃLOÃ FRQWUROOR L azienda come Sistema Aperto PDÃOHÃSUHVWD]LRQL GHOO D]LHQGDÃVLÃPLVXUDQR VXLÃSURFHVVL & / /, , , ( 6 5 6, Il Concetto di Processo Il Concetto di Processo Un 3URFHVVRÃ G,PSUHVDÃ%XVLQHVVÃ 3URFHVVÃè un insieme strutturato di attività, finalizzato alla realizzazione di un ben definito risultato di interesse per l organizzazione in cui il processo agisce Il processo (di Business) si realizza in modo trasversale rispetto alla suddivisione amministrativa di una organizzazione L individuazione dei processi di lavoro è un attività critica sia per le pubbliche amministrazioni che per le imprese 3URFHVVLÃPDWHULDOL 3URFHVVLÃLQIRUPDWLYL 3URFHVVLÃGLÃVHUYL]L,QJHJQHULDÃ,QGXVWULDOH $QDOLVLÃGHLÃ6LVWHPL $QDOLVLÃGHLÃ3URFHVVL 5 FONTE: Corso S.I. Prof. C. Batini 6

2 Il Concetto di Processo )/866Ã'(,Ã0$7(5,$/, Il Concetto di Flusso,/Ã6(16Ã&081( ÃÃÃÃÃ/,17(535(7$=,1(Ã(0(5*(17( )/866Ã$775$9(56Ã&8,Ã,Ã0$7(5,$/,Ã9(1*1Ã75$6357$7,,00$*$==,1$7,Ã75$6)50$7,Ã(Ã$66(0%/$7, IL PROCESSO E UN FLUSSO DI MATERIALI, INFORMAZIONI E ATTIVITA IL PROCESSO E UN INSIEME DI INPUT E OUTPUT IL RISULTATO E DETERMINATO DALLA ESECUZIONE DI UNA SEQUENZA PREDEFINITA DI ATTIVITA IL PROCESSO E UN FLUSSO DI TRANSAZIONI IL PROCESSO E UN GRUPPO DI PERSONE CHE LAVORANO INSIEME PER PRODURRE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE IL RISULTATO DIPENDE DALLA RESPONSABILITA E CAPACITA DELLE PERSONE NEL GESTIRE VARIANZE, PROBLEMI, TEMPI E COSTI )/866Ã'(//(Ã75$16$=,1, )/866Ã'(//(Ã,1)50$=,1, )/866Ã$775$9(56Ã&8,Ã'$7,Ã'&80(17,Ã(&&Ã9(1*1 75$60(66,Ã$5&+,9,$7,Ã5(&83(5$7,Ã(/$%5$7,Ã(Ã$66(0%/$7, )/866ÃÃ5(7,&/Ã',Ã75$16$=,1,Ã&+(Ã/(Ã3(561(Ã&/,(17, (Ã)51,75,Ã67$%,/,6&1Ã3(5Ã&5',1$5(Ã/(Ã/5Ã$=,1, 1(/Ã35&(66Ã3(5Ã$66,&85$5(Ã/$Ã6'',6)$=,1(Ã',Ã81 &/,(17(Ã(6Ã))5,5(Ã81Ã35'77Ã1(*=,$5(Ã81 &175$77Ã(&& FONTE: Corso S.I. Prof. C. Batini 7 FONTE: Corso S.I. Prof. C. Batini 8 Il Concetto di Processo La Reingegnerizzazione dei Processi 3URFHVVLÃGLÃVHUYL]LR processi primari finalizzati al raggiungimento della missione fondamentale della P.A. e alla soddisfazione di bisogni ed esigenze dei clienti 3URFHVVLÃGLÃVXSSRUWR processi che offrono servizi a strutture e ruoli interni, allo scopo di acquisire, gestire e sviluppare le risorse necessarie ai processi di servizio 3URFHVVLÃGLÃGLUH]LRQHÃHÃFRQWUROOR processi finalizzati alla definizione delle strategie di servizio e al coordinamento, controllo e supervisione dei processi Il Business Process Re-engineering (BPR) è un approccio radicale al miglioramento organizzativo che, in modo critico, esamina, ripensa e ridisegna i processi fondamentali di una organizzazione La reingegnerizzazione è tesa al raggiungimento di fortissimi miglioramenti dei risultati La reingegnerizzazione è l ultimo passo in una gestione dei processi organizzativi orientata al continuo miglioramento 9 10 Livelli di Miglioramento Attesi Le iniziative di Reingegnerizzazione EFFICIENZA E EFFICACIA Forte incremento discontinuo Nessun cambiamento Cambiamento sporadico e graduale In corso molteplici e inter-connesse iniziative di cambiamento intervento BPR Miglioramento continuo intervento BPR TEMPO 11 FONTE: Daryl R. Conner Managing at the speed of change 1

3 La Tecnologia Come Fattore Abilitante del Cambiamento La tecnologia è uno dei fattori abilitanti al cambiamento organizzativo, in particolare le tecnologie dell informazione (IT) e quelle della comunicazione (TLC) ricoprono un ruolo strategico Storicamente, l IT è stata considerata uno strumento per migliorare l esecuzione di operazioni ripetitive ma a basso valore aggiunto Le moderne IT e TLC consentono di realizzare un vastissimo insieme di soluzioni a problemi non solo operativi, ma anche gestionali e direzionali La Tecnologia Come Fattore Abilitante del Cambiamento La tecnologia è oggi un fattore abilitante per la reingegnerizzazione perché essa è in grado, non solo di migliorare il tradizionale processo di lavoro ma anche di realizzare nuovi processi BPR guidato dalla tecnologia La reingegnerizzazione viene spesso avviata per valutare le opportunità che una (nuova) tecnologia può introdurre in una organizzazione Il cambiamento tecnologico è inefficace se non è accompagnato da un cambiamento organizzativo Le Leve dell Intervento di BPR La risorsa informazione Le tecnologie in particolare, la tecnologia dell informazione e della comunicazione sono DELOLWDQWL al cambiamento Le soluzioni non sono mai solo tecnologiche Le risorse umane La reingegnerizzazione ha un notevole impatto sulle attività e sul loro svolgimento quindi sulle persone coinvolte Responsabilizzazione e nuove professionalità Informazione, formazione, addestramento La normativa Vincolo e campo di intervento L organizzazione e la sua cultura Tecnologia dell Informazione e della Comunicazione Soluzioni tecnologiche Informatica individuale Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Messaggistica Groupware Tecnologia internet e intranet Sistemi di gestione di basi di dati Sistemi di workflow Tecnologia dell Informazione e della Comunicazione Opportunità ambito individuale Eliminazione di attività manuali Gestione in linea di tutte le informazioni Trasmissione in linea di flussi informativi Rilevare e monitorare lo stato del processo Opportunità ambito generale Introduzione di nuovi servizi Modifica di servizi Modificare i flussi tra attività Introduzione di nuove modalità di erogazione Sistemi di supporto alle decisioni e al controllo Principi di Riferimento per la Reingegnerizzazione Alcuni principi comuni Operare guidati da obiettivi strategici definiti e formalizzati Ragionare per processi e non per strutture organizzative Concentrarsi sui processi legati alla missione istituzionale che producono servizi verso l esterno Mettere la centro dell analisi il servizio fornito e le esigenze del cliente Operare sul flusso del processo e su tutte le altre componenti Considerare le tecnologie dell informazione e della comunicazione come fattori abilitanti Operare in maniera integrata tra dirigenti amministrativi e responsabili informatici Porsi obiettivi misurabili e verificarne il raggiungimento attraverso opportuni sistemi di misura 17 18

4 Aspetti Caratteristici del BPR Il BPR non è una metodologia un approccio generale al problema del miglioramento radicale dei processi Il BPR non è la mera applicazione di una insieme di strumenti metodologici e tecnologici Gli strumenti metodologici e tecnologici vanno utilizzati, in un contesto generale che considera tutti i fattori di innovazione organizzativa 19 Aspetti Caratteristici del BPR Il BPR non offre una soluzione facile Individuazione dell intervento di BPR Gestione dell iniziativa di BPR Progettazione dell intervento di BPR Realizzazione dell intervento di BPR Il BPR è un iniziativa rischiosa Pianificazione strategica Metriche di valutazione delle prestazioni Gestione del cambiamento Cambiamenti culturali e tecnologici 0 Il Cambiamento del Contesto e l IT Il Cambiamento del Contesto e l IT $EELDPRÃ PRGLILFDWRÃ LOÃ QRVWURÃ DPELHQWHÃ GLÃ ODYRURÃ LQ PDQLHUDÃ FRVLÃ UDGLFDOHÃ GDÃ FRVWULQJHUFLÃ DÃ PRGLILFDUHÃ QRL VWHVVLÃSHUÃFRQWLQXDUHÃDGÃRSHUDUHÃQHOÃQXRYRÃDPELHQWH Norbert wieber LÍT permette di aumentare la flessibilità di un; organizzazione + Adattamento ai cambiamenti Assorbe ingenti quantità di risorse L efficacia dell IT dipende dalla capacità dell organizzazione di adattare in sinergia i processi di business e le necessità organizzative 1 Un intervento di cambiamento deve attentamente considerare: Il coinvolgimento di tutti gli attori Le esigenze di formazione La pianificazione dell intervento L individuazione delle criticità La verifica dei nuovi sistemi La strategia dei piccoli passi La scelta di tecnologie di successo Cosa Aspettarsi dall Adozione di IT Il trasferimento tecnologico non è un processo lineare Per molte tecnologie, il loro uso efficace dipende da radicali cambiamenti nei ruoli funzionali, nei profili professionali e nella pratica organizzativa Per molte tecnologie, l integrazione di diverse tecnologie, nuove e vecchie, comporta problemi di non facile soluzione (legacy systems) Fattori cognitivi La tecnologia non deve essere percepita come una soluzione chiavi in mano, le novità tecnologiche vanno adattate alle esigenze organizzative Il processo di re-configurazione tecnologica deve andare di pari passo con il processo di realizzazione di nuovi sistemi L integrazione di diverse tecnologie deve andare di pari passo alla diffusione e condivisione delle conoscenze 3 Cosa Aspettarsi dall Adozione di IT Innovazione e implementazione di tecnologia Orientamento non di successo L introduzione delle nuove tecnologie è delegata agli esperti Il fornitore ha la soluzione giusta Il sistema da realizzare fornirà esattamente la soluzione voluta Ogni altro punto di vista non è da prendere in considerazione L innovazione tecnologica è di per se buona Orientamento di successo L introduzione delle nuove tecnologie cambia il modo di operare di tutti La tecnologia va adeguata alle nostre esigenze Considerare molti punti di vista permette di adottare la soluzione migliore Non tutte le tecnologie offrono una valida soluzione I fornitori e i consulenti hanno un preciso interesse a proporci nuove tecnologie 4

5 Tecnologia Individuale Tecnologia di Gruppo Tecnologia di Unità Il Legame IT Processo Innovazione Tecnologica Produttività Personale GroupWare Intranet Innovazione di Processo Ridisegno attività Ridisegno Processo di servizio Intervento di BPR Risultato Semplificazio ne Operativa Efficacia Efficienza Posizione Competitiva 5 Ambito dell IT nel BPR $PELWR (IIHWWR Eliminazione delle risorse Automazione umane Gestione completa delle Informazionale informazioni di Processo Cambiamento delle sequenze Sequenzializzazione di attività Controllo completo dello stato Monitoraggio di un Processo Miglioramento e realizzazione Analisi del controllo di qualità Coordinamento di Processi Geografico globali Integrazione completa di Integrazione risorse differenti Diffusione delle conoscenze e Conoscenza aggiornamento professionale Semplificazione di Processo, Disintermediazione rapporto diretto con il cliente 6 Ruolo dell IT nei Processi di Business Ruolo dell IT nei Processi di Business Processo di sviluppo di prodotti Automazione del progetto Cad, cam Simulazione Ricerca di informazioni Internet Supporto alle decisioni Comunicazione Video-conferenze, telefonia mobile Fax, 7 Processo di produzione di prodotti Scelta dei prodotti e-commerce, cataloghi elettronici Analisi e previsione Data-ware-house Comunicazione interna Telefonia tradizionale, telefonia mobile Fax, Lo scambio di dati Electronic data interchange (EDI) Produzione di documenti Desk-top publishing, generazione documenti contabili/amministrativi 8 Ruolo dell IT nei Processi di Business Processo di supporto all organizzazione (logistica) Dislocazione di prodotti Tracking, stocking Riconoscimento automatico di prodotti Robotica, BHS Sicurezza e controllo del personale Tesserino intelligente, firma digitale, Riconoscimento identità Gestione del personale Aggiornamento professionale, valutazione prestazioni Servizi di interoperabilità e cooperazione Rupa Motivi di Innovazione nel Settore Pubblico Innovazione di riforma: opportunità indotte da nuove normative L effetto di un provvedimento esterno all amministrazione produce una rottura e ricomposizione di assetti amministrativi e vincoli normativi tradizionali Innovazione di servizio: opportunità indotte da nuove esigenze degli utenti L esistenza di una domanda di nuovi servizi introduce nuovi processi di servizio e nuove unità organizzative Innovazione tecnologica: opportunità indotte dalle nuove tecnologie L evoluzione tecnologica consente interventi radicali nell organizzazione dei processi di servizio 9 30

6 completa integrazione informazioni rich ies ta integ razio ne 1... esame integrazione - aggiornamento fascicolo fine istruttoria da ti convoc. Il BPR e i Motivi di Innovazione nella PA La reingegnerizzazione dei processi nella pubblica amministrazione raggiunge il massimo dei risultati dove sono presenti tutti i motivi di innovazione,qqryd]lrqhãglã 5LIRUPD %35,QQRYD]LRQHÃ 7HFQRORJLFD,QQRYD]LRQHÃGLÃ 6HUYL]LR Il BPR nella Pubblica Amministrazione Il BPR nella pubblica amministrazione è la contestualizzazione di un approccio al miglioramento radicale in organizzazioni vincolate al rispetto di norme giuridiche e amministrative Criticità: Difficoltà a pensare per processi La pubblica amministrazione utilizza una organizzazione verticale, per norme e procedimenti amministrativi, inoltre la cultura del miglioramento continuo è scarsamente diffusa Autoreferenzialità La cultura della conformità alle norme privilegia la soddisfazione dell iter burocratico rispetto alle esigenze degli utenti I vincoli normativi La modifica di vincoli normativi richiede interventi legislativi o regolamentari 31 3 Il BPR nella Pubblica Amministrazione Esistono oggi condizioni irripetibili di riforma della pubblica amministrazione, che permettono la modifica di vincoli normativi. Oggi è possibile, ed è forse necessario, introdurre la reingegnerizzazione dei processi nel settore pubblico Strumenti normativi Disposizioni in materia di semplificazione dei procedimenti amministrativi L.59/97 art.0 Rende possibile l abrogazione di disposizioni di legge senza dover ripercorrere l intero iter legislativo Possibilità di ottenere deroghe normative per sperimentazioni L.537/93 art. e L.59/97 art.16 Le amministrazioni possono modificare disposizioni e regolamenti interni nell ambito della propria autonomia 33 L informatizzazione dei Processi nella PA L informatizzazione dei processi è uno strumento di cui la pubblica amministrazione si è dotato per raggiungere gli obiettivi strategici del D.L. 39/93 Obiettivi di efficienza Contenimento dei costi e dei tempi dell azione amministrativa Obiettivi di efficacia Miglioramento dei processi di servizio Trasparenza dell azione amministrativa Potenziamento dei supporti conoscitivi alle decisioni pubbliche Obbiettivi di miglioramento dell azione amministrativa 34 Analisi e Modellazione del processo VXSSRUWRÃLQWHJUD]LRQH Schede per la raccolta di dati Metamodello Business Object/Process/Role Modello di Processo Analisi e Modellazione del processo Process Modeling: Individuazione e rappresentazione dei flussi informativi e dei flussi di controllo Simulazione: Quantificazione costi/tempi Proposte e valutazioni di più soluzioni alternative ( what if ). Modello di simulazione 35 36

7 1.1.1 ricezione in cancelleria richiesta 1.1. L QL]LDOL]]D]L RQH IDVFLFROR fascicolo co mplet a int egrazione richies ta int egrazione in form azioni dati convoc es am e integrazione - a ggi orn am ent o fascicolo fi ne istrutt oria Modello di processo per la simulazione ProcessWise WorkBench Schede per la rilevazione dei processi Modello di Processo orientato alla simulazione VXSSRUWRÃLQWHJUD]LRQH Modello di simulazione Metamodello Business Object/Process/Role Modello di Processo Schede per la rilevazione dei tempi Caratteristiche positive definizione concettuale e grafica di nuovi modelli modello di base valido basato su KSL Knowledge Specification Language Caratteristiche negative capacità di reporting limitate è necessario programmare è necessario un utente esperto documentazione incompleta Il metamodello di ProcessWise Le principali MetaClassi Business Object Application Object Process UML: modellare i Processi Attori primari e secondari Use Case: descrizione, struttura, granularità Il contesto dell'analisi: scoperta e validazione degli Use Case Use Case come scenari Use Case estesi e astratti Riusabilità degli Use Case Role Use Case: descrizione, struttura, granularità Use Case Uno Use Case diagram descrive la relazione tra attori e Use Case all interno di un sistema. Uno Use Case diagram è un grafo. I nodi possono essere: attori Use Case (eventualmente racchiusi in un box). Gli archi possono rappresentare la comunicazione tra gli attori e gli Use Case, i legami d uso tra Use Case l estensione di uno Use Case da parte di un altro. ATTORE Use Case 41 4

8 Use Case: Associazioni &RPXQLFD]LRQH La partecipazione di un attore ad uno Use Case è rappresentata da un arco tra il simbolo dell attore e il simbolo di Use Case; si dice che l attore FRPXQLFD con lo Use Case Use Case: Associazioni 8VR Una relazione XVR tra Use Case è rappresentata da una freccia di generalizzazione tra lo Use Case che usa e quello che è usato. La freccia è etichettata con lo stereotype XVHVª Una relazione d uso da uno Use Case A ad uno Use Case B, indica che ogni istanza dello Use Case A includerà anche il comportamento specificato per lo Use Case B. <<uses>> Financial Planner om Use Case View) Market Analysis Market Analysis Printing Reports Use Case: Associazioni Use Case: Associazioni (VWHQGH Una relazione HVWHQGH tra Use Case è rappresentata da una freccia di generalizzazione dallo Use Case che definisce l estensione allo Use Case base. La freccia è etichettata con lo stereotype H[WHQGVª Una relazione estende tra uno Use Case A ed uno Use Case B indica che ogni istanza di uno Use Case B può includere (con riferimento a condizioni particolari specificate nell estensione) il comportamento definito dallo Use Case A. Per uno stesso Use Case, i comportamenti definiti attraverso diverse estensioni possono occorrere all interno di ogni singola sua istanza Attori e Use Case Un attore è definito come una classe con lo stereotype DFWRUª 47 Attori Use Case Uno Use Case definisce un particolare modo di usare un sistema, il quale offre servizi e funzionalità in risposta a eventi prodotti da attori esterni. Uno Use Case è formulato sulla base delle funzionalità offerte dal sistema così come sono percepite dagli utenti. Uno Use Case rappresenta la porzione del processo d impresa implementata nel sistema. Un attore è un ruolo che un utente gioca interagendo con il sistema. La stessa persona può essere rappresentata da più di un attore(può giocare più ruoli). Più utenti possono essere rappresentati dallo stesso attore. 48

9 Use Case come scenari Use Case come scenari USER ATM System BANK transaction RUN reports BANK Deve essere preparato almeno uno scenario per ogni significativa differente categoria di istanza di Use Case. Ogni scenario mostra una sequenza di interazioni tra gli attori e il sistema. La specifica del comportamento esterno di uno Use Case definisce la possibile sequenza di messaggi scambiati tra gli attori e il sistema. ATM Maintenance Mantain ATM machine Use Case come scenari In forma di diagramma uno Use Case può essere descritto da una macchina a stati, in cui le transazioni sono etichettate con i messaggi scambiati da un diagramma delle attività. L implementazione di uno Use Case può essere definita come una collaborazione, ovvero un insieme di oggetti e collegamenti unitamente a tutte le possibili sequenze del flusso di messaggi prodotto come effetto dallo Use Case. Il diagramma di collaborazione mostra la sequenza di messaggi tra gli oggetti che implementano lo Use Case. Financial Planner Esempio di Use Case Printing Reports <<uses>> Market Analysis 51 5 Sequence Diagram per Market Analysis Esempio di Use Case : Financial Planner : Remote Access : Payment History : Receivables Policy : Customer Student Select Courses to Teach Professor 1: printreport ( ) : recalluntil ( ) 3: threshold ( ) Register for Courses Billing System 4: creditlimit ( ) Maintain Curriculum 53 Registrar 54

10 : Registrar Sequence Diagram per Maintain Curriculum course form : NewCourseForm open set info submit for processing course created newcourse ( ) Sales 101 : Course savecourse ( ) : Transaction Manager getinfo ( ) savecourse ( ) : DBCourse Activity Diagram Un activity diagram è un caso particolare di state diagram per il quale tutti (o la maggior parte) degli stati sono: activity state. Il diagramma è collegato, nel modello del sistema, ad: una classe alla implementazione di una operazione ad uno Use Case. Questo tipo di diagramma permette di concentrarsi sul flusso di controllo definito dalle elaborazioni interne (complementare a quello definito dagli eventi esterni). Il diagramma delle attività deve essere utilizzato quando la maggioranza degli eventi da rappresentare sono la terminazione di operazioni Lo State diagram deve essere usato nei casi in cui la maggioranza degli eventi da rappresentare sono eventi asincroni generici Action State Il modo corretto di usare un Action state è la modellazione di un singolo passo durante l esecuzione di un processo o di un algoritmo. Un Action stateããrappresenta uno stato di un processo congiuntamente ad un azione ed ad almeno una transizione verso l esterno basata sull evento implicito di terminazione dell azione. Un Action state non dovrebbe avere transizioni interne o esterne basate su eventi diversi da quello di terminazione dell azione. Nel caso di eventi esterni si devono usare i normali State diagram Decision Responsabilità In uno State diagram (e di conseguenza in un Activity diagram) una decisone è rappresentata attraverso l uso delle JXDUGH[SUHVVHVLRQ Una decisione viene utilizzato quando differenti possibili transizioni dipendono dalla valutazione di una espressione booleana

11 Object Flow Oggetto responsabile per un azione L oggetto responsabile per l esecuzione di una azione può essere rappresentato visualizzando la sua linea del tempo di vita e piazzando le azioni di cui è responsabile lungo questa linea. Possono esserci differenti linee per differenti oggetti della stessa classe o di classi diverse. Questa visualizzazione è particolarmente significativa per le attività di Business Process Reengineering. Object Flow Flusso degli oggetti. Gli oggetti che sono in ingresso o in uscita ad una azione possono essere rappresentati. Una dipendenza è visualizzata sia per indicare l associazione in input che quella in output. Quando un azione produce in uscita un oggetto che rappresenta l ingresso dell azione seguente, il flusso degli oggetti implica un vincolo sul flusso di controllo Object Flow Object Flow Stato dell Oggetto. Quando uno stesso oggetto viene manipolato da più attività successive è possibile rappresentare tutti i collegamenti da e verso l oggetto. Per maggiore chiarezza si consiglia di visualizzare lo stesso oggetto più volte in un diagramma, ogni immagine rappresenta l oggetto in un differente stato. Lo stato dell oggetto può essere descritto in forma testuale al modo seguente: ³%XLOGWLPH ÃGHYHORSPHQWÃDQG SURWRW\SLQJÃHQYLURQPHQW 5XQWLPHÃZRUNIORZ HQDFWPHQWÃV\VWHPV Administration & monitoring tools 5XQWLPHÃXVHU HQYLURQPHQW * Available ** Initial draft available Interface 5: Monitoring & administration Interface *: Workflow client applications *** MIME binding available BPR e WF Business process analysis, modeling and definition tools Interface 1**: Process definition :RUNIORZÃ$3,VÃÉÃ LQWHUFKDQJHÃIRUPDWV :RUNIORZ HQJLQHV Workflow client applications Interface 4***: Format & protocols workflow engine interchange Applications & tools Interface 3: Application & tool invocation :RUNIORZ HQJLQHV 65 Knowledge SQL DB 4 Knowledge Navigation & Mining Traditional Services Repository Documents DB Organizational Model Process Definition DB Knowledge Warehouse BPR e KM 3 WAPI 5 Process 1 Definition WPDL - PIF WFL Engine Persistent Information Knowledge Work Management WFL Status P1, P, P3 66

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti Progettazione del Software L3.1 Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw (Basato su materiale didattico

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

WorkFlow Management Systems

WorkFlow Management Systems WorkFlow Management Systems Cosa è un? Automazione di un processo aziendale (business process) con: documenti, informazioni e compiti partecipanti insieme predefinito di regole obiettivo comune 2 Esempi

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Workflow nella pubblica amministrazione: BPR e simulazione dei workflow inter-organizzativi

Workflow nella pubblica amministrazione: BPR e simulazione dei workflow inter-organizzativi Workflow nella pubblica amministrazione: BPR e simulazione dei workflow inter-organizzativi E.Casalicchio, S.Tucci Corso di Governo Digitale, a.a. 10/11 1 Obiettivi re-ingegnerizzazione dei processi (BPR)

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli

Modellazione di processi

Modellazione di processi Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 910 ottobre 2014 La modellazione è un mestiere e a volte è un arte. William C. Burkett 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Business Modeling UML

Business Modeling UML Business Modeling UML versione 16 marzo 2009 Adriano Comai http://www.analisi-disegno.com Obiettivo di questa introduzione fornire alcuni elementi di base sul business modeling UML i temi esposti sono

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Introduzione a UML. Iolanda Salinari

Introduzione a UML. Iolanda Salinari Introduzione a UML Iolanda Salinari Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Obiettivo della lezione Casi d uso La modellazione dei requisiti funzionali I casi d uso Gli attori Gli scenari Come scrivere casi d uso Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Proposti da Ivar Jacobson

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

Obiettivi. Sistemi Informativi SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti UML Use Case Esercizi

Obiettivi. Sistemi Informativi SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti UML Use Case Esercizi Sistemi Informativi SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti UML Use Case Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo modellato il dominio business e i dati L obiettivo

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U.

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti (2 ore)

Dettagli

Progettazione del Software A.A.2008/09

Progettazione del Software A.A.2008/09 Laurea in Ing. Informatica ed Ing. dell Informazione Sede di latina Progettazione del Software A.A.2008/09 Domenico Lembo* Dipartimento di Informatica e Sistemistica A. Ruberti SAPIENZA Università di Roma

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI BPM SCG-L16 Pagina 0 di 37 OBIETTIVI DELLA LEZIONE Spiegare l evoluzione dei

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

modelli casi d uso diagrammi di sequenza di sistema contratti delle operazioni di sistema Capitolo 11

modelli casi d uso diagrammi di sequenza di sistema contratti delle operazioni di sistema Capitolo 11 Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Diagrammi di sequenza di sistema Capitolo 10 marzo 2013 In teoria, non c è differenza tra teoria e pratica. Ma, in pratica, c è. Jan L.A. van de Snepscheut

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione

Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione Reingegnerizzazione dei sistemi documentari e knowledge management Paola Montironi Quadro di riferimento

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

Analisi per processi - TECNICHE PER LA MODELLAZIONE AZIENDALE -

Analisi per processi - TECNICHE PER LA MODELLAZIONE AZIENDALE - Analisi per processi - TECNICHE PER LA MODELLAZIONE AZIENDALE - Prof. Riccardo Melloni riccardo.melloni@unimore.it Università di Modena and Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari via Vignolese

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Prof. Marcello Sette mailto://marcello.sette@gmail.com http://sette.dnsalias.org 1 aprile 2008 Diagrammi UML 3 UML: richiami..........................................................

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

Strumenti di supporto alle decisioni e all analisi aziendale Business Intelligence? Corporate Performance Management?

Strumenti di supporto alle decisioni e all analisi aziendale Business Intelligence? Corporate Performance Management? Strumenti di supporto alle decisioni e all analisi aziendale Business Intelligence? Corporate Performance Management? Come leggere questo mercato L offerta di OutlookSoft: Everest Federico Della Casa Centro

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Guido Bacigalupi Area manager Centro-Sud, itconsult

Guido Bacigalupi Area manager Centro-Sud, itconsult L'innovazione passa attraverso una piattaforma integrata per la dematerializzazione e la gestione dei processi Guido Bacigalupi Area manager Centro-Sud, itconsult Alcune considerazioni Dati strutturati

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Catia Trubiani Gran Sasso Science Institute (GSSI), L Aquila catia.trubiani@gssi.infn.it Cosa sono? 2 1

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale

Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Programma Competenze professionali per l Innovazione Digitale Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Marco Bozzetti GeaLab

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Scriviamo insieme il futuro

Scriviamo insieme il futuro Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Research for Enterprise Systems 1 Generale - 1 Obbiettivo Fornire al Cliente uno strumento a supporto della problematica Legata

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa T 1 ottobre 2008 1 -Fonti [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344

Dettagli

Pianificazione Controllo Analisi Reporting. Progetti Srl - PCPro 1

Pianificazione Controllo Analisi Reporting. Progetti Srl - PCPro 1 Pianificazione Controllo Analisi Reporting 1 Controllo di Gestione La situazione dei mercati impone alle aziende la necessità di operare in modo più efficiente e tempestivo. L informazione sullo stato

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Enterprise e Orgware NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Enterprise e Orgware NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Enterprise e Orgware Strumento Enterprise (Azienda) Sistema Informativo Aziendale (EIS Enterprise Information System) Indicatori di Rendimento (PI - Performance

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE

PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE EMILIANO CASALICCHIO DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SEDE DI RIETI HTTP://WWW.CE.UNIROMA2.IT/COURSES/PSW! Cos è UML UNIFIED MODELING LANGUAGE!

Dettagli

YAWL Workflow Management System

YAWL Workflow Management System YAWL Workflow Management System Gabriele Pozzani Barbara Oliboni Sistemi informativi aziendali Laurea magistrale in Ingegneria e scienze informatiche http://www.yawlfoundation.org/ Materiale prodotto da:

Dettagli

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la manifestazione tangibile della tecnologia avanzata, più delle

Dettagli

Comune di Sondalo. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 19 del 12/02/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI CORRELATI

Comune di Sondalo. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 19 del 12/02/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI CORRELATI Comune di Sondalo PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE PERMETTA LA COMPILAZIONE ON LINE CON PROCEDURE GUIDATE ACCESSIBILI TRAMITE

Dettagli

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 1 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 2 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici Parte del corso intersettoriale "Laboratorio di Progettazione e Sviluppo

Dettagli

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI 1138A_03 Prime pagine 1-03-2004 17:16 Pagina v INDICE Prefazione.......................................................................... XI Capitolo 1 L era dell informazione in cui viviamo. Il nuovo

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO Prof. Alberto Pasquale Programma 1. Elementi di economia e organizzazione aziendale 2. Contabilità e bilancio 3. Finanza aziendale 4. Sistemi di programmazione

Dettagli

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Claudio Chiarenza Responsabile Business Unit Product Italtel Indice eeurope 2005: An information society

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Fondamenti di Informatica Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta Formazione Europea e Mediterranea

Dettagli

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia You cannot Manage What you cannot Measure 1. Moduli di GEM Energy Monitoring Misurare è il primo passo

Dettagli