APPENDICI E BIBLIOGRAFIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPENDICI E BIBLIOGRAFIA"

Transcript

1 RFID Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva PARTE IX APPENDICI E BIBLIOGRAFIA di Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni In questa parte sono contenute: Le citazioni bibliografiche delle pubblicazioni consultate per la stesura del volume. Una piccola appendice dedicata alla misura della potenza emessa dai trasmettitori RF. Una appendice sul ruolo di EPCglobal per il codice universale per l identificazione di oggetti. Una illustrazione (a margine dell appendice precedente) sui codici a barre monodimensionali (correntemente usati) e su quelle bidimensionali (di nuova generazione). Viene infine illustrato un compendio degli standard EPCglobal, ISO ed ECMA attinenti gli RFID, riportandone l elenco, i riferimenti e l abstract originale (in inglese) ove disponibile.

2 IX.1 APPENDICE A POTENZE DI EMISSIONE A RF: ERP VS. EIRP Le misure di potenza, per i limiti delle emissioni irradiate da apparati a radiofrequenza (tra cui anche TAG e Reader RFID), fanno riferimento a due differenti parametri. - In Europa viene usato l ERP (Effective Radiated Power) ERP si riferisce al prodotto tra la potenza elettrica con la quale l antenna viene alimentata ed il guadagno dell antenna medesima, in una data direzione, riferito a quello di un dipolo a mezza onda. - Negli USA viene usato l EIRP (Equivalent Isotropic Radiated Power). EIRP si riferisce al prodotto tra la potenza elettrica con la quale l antenna viene alimentata ed il guadagno dell antenna medesima, in una data direzione, riferito a quello di un antenna isotropa (un antenna isotropa irradia la stessa potenza in tutte le direzioni, producendo un diagramma di radiazione sferico). La relazione che lega le due grandezze è EIRP = ERP*1,64 Naturalmente sarebbe sensato usare sempre la medesima terminologia tecnica, tuttavia, per varie ragioni, l armonizzazione dei termini negli standard internazionali non è sempre facile da raggiungere. IX.2 IX.2.1 APPENDICE B IDENTIFICATIVI DELLE MERCI: EPC VS. CODICE A BARRE IL CODICE EPC (ELECTRONIC PRODUCT CODE) Nei sistemi RFID, un ruolo di grande importanza è giocato dalla definizione di un identificatore universale per gli oggetti. L EPC Electronic Product Code è il più celebre tra questi indicatori e, negli ultimi anni, ha molto contribuito al decollo della tecnologia RFID, a migliorare l efficienza della catena di distribuzione ed a ridurre i costi operativi. L origine dell EPC data all ottobre 1999 quando, nel Dipartimento di ingegneria meccanica del MIT, fu creato l Auto-ID center. Lo scopo non era quello di rimpiazzare i codici a barre, a tutt oggi di 405 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

3 uso universale, ma di creare un percorso di migrazione tra i codici medesimi e le potenzialità dei sistemi RFID. Da tempo erano note le potenzialità della tecnologia RFID e l obiettivo di Auto-ID center era quello di creare i presupposti per una diffusione massiva della tecnologia. Questo venne realizzato ponendo le basi per una riduzione dei costi sia attraverso la razionalizzazione delle molte specifiche tecniche esistenti, sia definendo TAG più semplici possibili, concepiti per fornire ovunque, lungo la catena di distribuzione, un codice identificativo universale in grado di raggiungere il livello del singolo oggetto. Questi paradigmi comportano che, per ottenere informazioni complete e leggibili in chiaro, i codici contenuti nei TAG debbano essere utilizzati come puntatori alle informazioni contenute in un sistema informativo, con una modalità simile a quella con cui i server DNS operano in Internet (cfr. II.9). Auto-ID center ha completato il lavoro e chiuso l attività nell ottobre 2003 con un meeting a Tokyo. La sua tecnologia è stata trasferita ad una joint venture tra EAN International e Uniform Code Council (UCC), le due maggiori organizzazioni che controllano l assegnazione dei codici a barre. La nuova organizzazione è denominata EPCglobal (www.epcglobalinc.org) ed amministra lo sviluppo e l avanzamento dello standard del codice EPC. Il codice EPC è evoluto dal codice a barre EANUCC (European Article Numbering/Universal Code Council) largamente usato per identificare i prodotti, ma non i singoli oggetti; è simile al codice UPC (Universal Product Code), ovvero il noto GLOBAL Trade Item Number (GTIN) contenuto nei codici a barre stampati sulla maggior parte dei prodotti oggi venduti, ne include tutte le funzioni aggiungendone di nuove. Ciò che distingue principalmente l UPC dall EPC è che mentre il primo contiene gli identificativi del prodotto e del produttore, quest ultimo contiene anche un numero di serie dell oggetto che consente di distinguerlo in modo univoco lungo la catena di distribuzione. La lunghezza dell EPC va da 64 a 256 bit divisi in 4 campi. 406 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

4 Figura IX.1 Esempio di EPC di tipo 1 (96 bit) [7] Un tipico esempio può essere costituito da un EPC di tipo 1, a 96 bit, il cui layout viene ora illustrato: - Header (8 bit 0 7) L header è de definisce la lunghezza del codice ed il tipo di EPC. In questo caso 01 indica un EPC di tipo 1 a 96 bit (la lunghezza dei vari tipi di EPC va da 64 a 256 bit). - EPC manager (28 bit 8 35) contiene tipicamente l identificativo del fabbricante del prodotto (a cui il TAG è attaccato) - Object Class (24 bit 36 59) indica il tipo di prodotto, seguendo la codifica SKU (Stock Keeping Unit) - Serial number (36 bit 60 96) Fornisce un identificatore univoco per il singolo prodotto di una singola classe e di un singolo fabbricante (con 96 bit si possono univocamente identificare un massimo di 68 miliardi = 296 oggetti diversi). IX.2.2 I CODICI A BARRE Codici a barre monodimensionali Il codice a barre classico (monodimensionale) è composto da una singola riga di barre ed i dati sono codificati in senso orizzontale. La dimensione verticale è, come la grandezza complessiva del codice, solo una ridondanza che assicura la lettura dei dati anche in condizioni fisiche avverse o quando l etichetta è parzialmente rovinata. Incrementare la quantità dei dati contenuti in un codice a barre monodimensionale significa pertanto 407 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

5 Figura IX.2 Un comune codice a barrre monodimensionale (Code 39) aumentarne la larghezza. Questo raggiunge rapidamente un limite oltre il quale la lettura diviene difficoltosa. Esistono vari standard di codici a barre monodimensionali, quasi sempre affiancati dalla scrittura in chiaro del codice per ottenere un etichetta human-readable. In genere, i lettori sono predisposti per la maggior parte degli standard. La Tabella IX.1, nel paragrafo successivo, illustra, tra l altro, alcuni esempi di codici a barre monodimensionali Codici a barre bidimensionali Mentre gli RFID si stanno affermando come tecnologia per l identificazione degli oggetti, continua l evoluzione dei vecchi codici a barre, spesso ad opera delle stesse aziende che sviluppano le tematiche RFID. La ragione di ciò è da ricercarsi in varie cause che fanno si che i codici a barre (o meglio gli identificatori a lettura ottica) vengano ancora visti con favore. Alcuni dei fattori sono: - il procedere della ricerca scientifica e delle applicazioni tecnologiche che, comunque, operano innovazione ovunque sia possibile, anche nei codici a barre; - il fatto che i codici a barre godono di un costo imbattibile (essendo una semplice stampa) e siano profondamente radicati negli ambienti di gestione delle merci; - l uso di tecnologia a radiofrequenza risulta comunque più invasivo rispetto ad una semplice lettura ottica, ciò può provocare qualche resistenza o addirittura l interdizione della tecnologia RFID in ambienti particolari. La maggiore evoluzione dei codici a barre consiste nell uso di immagini bidimensionali. Un codice a barre si dice bidimensionale quando sfrutta entrambe le dimensioni per immagazzinare i dati. Questo incrementa di molto la quantità di memoria portandola al livello degli RFID. L introduzione di codici bidimensionali è possibile per l evoluzione dei lettori ottici, passati da tempo dagli scanner lineari e dalle light pen, agli scanner laser ed ai sistemi a CCD (sostanzialmente telecamere). Questi 408 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

6 Figura IX.3 Codice a barre bidimensionale (PDF417) sistemi, nati per leggere i codici a barre in modo indipendente dal loro orientamento, sono naturalmente dei lettori bidimensionali. Il più celebre tra i codici a barre bidimensionali è il PDF417, realizzato dalla Symbol Technologies, azienda leader sia nel ramo dei codici ottici sia in quello degli RFID. Come in tutti i codici bidimensionali, i dati sono codificati sia in senso orizzontale sia verticale incrementando la loro quantità pur mantenendo una dimensione che consenta una lettura agevole. Il codice PDF417 è formato da un certo numero di righe (minimo 3, massimo 90) ciascuna delle quali è interpretabile come un codice a barre lineare. In ciascuna riga possono essere presenti i seguenti campi: Quiet Zone iniziale; che costituisce la minima lunghezza di spazio bianco prima dell inizio del codice. Start Pattern; che identifica il tipo di codice (PDF417) ogni tipo codice a barre il proprio start e stop pattern. Row Left codeword; che contiene infomazioni sulla riga (numero di riga, l ammontare dei dati del codice autocorrettore della riga, ecc.). Data Region; da 1 a 30 codeword (simboli di carattere). Row Right codeword; contiene ulteriori informazioni sulla riga. Stop pattern; vedi start pattern. Quiet Zone finale; che costituisce la minima lunghezza di spazio bianco dopo la fine del codice. Figura IX.4 Posizione dei campi dati nel codice PDF417 (da PDF417 Specification - symbology/pdf417.asp) 409 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

7 Figura IX.5 Sistema di lettura per codici bidimensionali Il nome PDF è l acronimo di Portable Data File, e la sigla 417 indica che l unità di dati elementare del codice, detta Codeword, si estende su una riga per un totale di 17 moduli in cui sono presenti quattro barre verticali e da quattro spazi di larghezza variabile. Il modulo è la minima larghezza ammessa per una barra verticale. Le Codeword sono un gruppo di barre e spazi (come nei codici monodimensionali) che rappresentano caratteri (alfanumerici o di altro tipo). Ogni riga possiede lo stesso numero di Codeword. Ogni Codeword contine quattro barre e quattro spazi (da cui il 4 in PDF417), inizia con una barra e termina con uno spazio. Per evitare false letture (in obliquo) quando la riga di scansione dello scanner non è parallela alla riga del codice, esiste un meccanismo chiamato cluster che codifica i caratteri nello stesso modo sulla riga ma cambia modo di codifica su righe adiacenti (modulo 3 righe). La dicitura Portable data file indica il fatto che, più che un semplice codice, si tratta di un (piccolo) file di dati relativo all oggetto. Questo codice, infatti, può contenere, a seconda del formato dei dati, fino a caratteri; questo permette di codificare all interno del codice tutte le informazioni che necessitano. 410 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

8 Tabella IX.1 Codici a barre monodimensionali; la stampa è realizzata in scala nella tabella e con la tabella seguente, per il confronto delle dimensioni [http://www.barcodeman.com] Si ricorda che un comune codice a barre contiene una decina di caratteri, un codice EPC ne contiene da 12 in su, ed un TAG RFID può contenere diversi kbyte di memoriza, ovvero, oltre al codice EPC, può memorizzare diverse migliaia di caratteri. Una caratteristica importante è la possibilità, in fase di codifica, di riservare un area per l'utilizzo di tecniche di auto-correzione degli eventuali errori dovuti ad alterazioni del codice; questo rende possibile la lettura del codice anche in caso di strappi, buchi, segni, eccetera. Un codice PDF417 può contenere al massimo 928 codewords, di cui fino 29 per funzioni speciali; fino a 900 per codificare caratteri e da 2 a 512 per il recupero errori ; è quindi possibile leggere correttamente un codice con un area danneggiata fino a circa il 55%. 411 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

9 Tabella IX.2 Codici a barre bidimensionali; la stampa è realizzata in scala nella tabella e con la tabella precedente per il confronto delle dimensioni; viene evidenziato il Trade off tra le tecnologie mono e bidimensionali (corrispondente a caratteri) [http://www.barcodeman.com] 412 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

10 IX.2.3 EPC VS. CODICI A BARRE I codici a barre sono ad oggi di uso universale per l identificazione automatica dei prodotti nella catena di distribuzione. Anche se i codici a barre hanno portato un grande incremento di efficienza, presentano ancora qualche criticità e l uso degli RFID con il codice EPC può costituire una soluzione migliore e fonte di ulteriori ottimizzazioni. Il primo elemento da considerare nell implementazione di tecnologia RFID è come la nuova tecnologia si paragona a quella corrente dei codici a barre. L'interrogazione di RFID fornisce infatti maggior accuratezza dei dati, rispetto all'esame di un codice a barre; permette inoltre velocità molto maggiori nel flusso dei dati, opera anche in condizioni ambientali avverse ed offre un significativo risparmio di lavoro. Inoltre impedisce spedizioni sbagliate durante il processo del carico, permette l uso di procedure quali l EDI (Electronic Data Interchange) o l ASN (Advance Shipping Notice) e rende più veloce e preciso il trattamento di eventi inattesi. Il flusso di dati risultante dalla lettura di RFID può essere 100 volte superiore a quello proveniente dalla lettura di codici a barre. Si può generare un problema per il trattamento di una simile mole di dati, certamente gestibile da una buona base di dati ma che può provocare problemi a livello di sistema di controllo dei lettori periferici in presenza di una rete a banda stretta. I codici a barre sono noti e le loro caratteristiche ben sfruttate. Le etichette di codice a barre sono economiche, ampiamente usate e basate su standard aperti. Tuttavia presentano gli svantaggi di dover operare in visibilità ottica (line-of-sight), di avere vincoli sulla quantità limitata di dati e sulla loro immodificabilità, soffrono infine dei problemi causati da una qualità di stampa o una usura dell etichetta cartacea che possono provocare la non leggibilità del codice. I TAG RFID non richiedono visibilità ottica, il che elimina il bisogno di spacchettamento dei prodotti per la lettura. Hanno una distanza di lettura più lunga, a volte permettono cambiamenti dei dati memorizzati, forniscono più informazioni dei codici a barre circa l'articolo o il contenuto di un pacchetto e superano l affidabilità dei codici a barre in circostanze 413 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

11 fisiche avverse. Inoltre, il volume dei dati che i TAD RFID forniscono può condurre ad elevati livelli di controllo e visibilità operativa nella catena di distribuzione. Tuttavia, i vantaggi degli RFID derivano interamente dall uso di tecniche a radiofrequenza, il che potrebbe costituire un ostacolo in certe circostanze. Inoltre la tecnologia è e rimarrà più costosa di quella dei codici a barre e le sue prestazioni, indubbiamente maggiori, a volte non vengono sfruttate dalle applicazioni il che vanifica i maggiori costi. Altri svantaggi potenziali consistono nel fatto che gli standard RFID sono ancora in evoluzione e le limitazioni legate alla radiofrequenza, ad esempio l interferenza, possono ridurne le prestazioni. Non va infine trascurato che, se le applicazioni non li mettono a frutto, il volume dei dati proveniente dagli RFID rispetto ai codici a barre può trasformarsi in difficoltà sulla rete e sui sistemi informativi. Per il consumatore, l EPC di un TAG RFID può fornire più informazioni rispetto ad un controllo di tutte le etichette stampate. Ad esempio: - Carne e latticini saranno tracciabili dalla storia dell'animale di origine fino all'acquisto del consumatore. - Nel controllo di oggetti che richiedono particolari condizioni ambientali, i TAG attivi possono automaticamente e periodicamente misurare la temperatura dei prodotti a cui sono collegati, introducendo inedite misure di sicurezza nella catena del freddo. - Il possesso di un oggetto può essere rapidamente dimostrato, incrociando L EPC con i dati di pagamento (scontrini e simili). Per il commerciante, il TAG permette di fare, all istante, un gran numero di verifiche: - Articoli pagati non correttamente o rimossi dall'inventario del rivenditore possono essere rapidamente identificati all atto in cui questi lascino i locali, attivando gli allarmi di sicurezza. - Le caratteristiche del codice EPC consentono ai commercianti di rintracciare e vendere pezzi unici che gli attuali codici a barre non supportano. - Il processo di inventario è inoltre notevolmente facilitato dall uso di lettori portatili di TAG che in pochi minuti possono attraversare un 414 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

12 Figura IX.6 SmartLabel UHF con codice a barre monodimensionale e codice a barre bidimensionale matriciale (UPS code) Intermec Technologies Corp magazzino interrogando tutti gli oggetti contenuti negli scaffali. - È possibile ricavare i profili dei consumatori (le loro preferenze) per ottimizzare i mezzi promozionali. - Permette ricerche non visibili di oggetti per verifiche di furti. Forse la tecnologia RFID potrà rimpiazzare interamente quella dei codici a barre, ma è opinione diffusa che il costo relativamente economico dell implementazione anche del codice a barre su un articolo o su un contenitore etichettato con RFID possa costituire una utile ridondanza dei dati in caso di perdita dell RFID o di informazioni errate. Fare spazio per un codice a barre dovrebbe avere un effetto quasi insignificante sul costo o sul progetto dell etichetta. La combinazione di un codice a barre e di un TAG RFID sembrerebbe quindi essere il migliore ed il più economico backup dei dati per fornire un maggior livello di sicurezza di quello oggi ottenibile. Questo significa che fino al raggiungimento di un ampia diffusione della tecnologia RFID e molto probabilmente anche successivamente, molti ambienti dovranno mantenere l identificazione doppia con codice a barre e RFID. La Tabella VIII.3 riassume le caratteristiche delle due tecnologie. In conclusione, il costo ed il valore dei TAG cominciano a rivaleggiare con i codici a barre, specie se vengono ripartiti nell intera catena di distribuzione e se le applicazioni mettono a frutto i vantaggi aggiuntivi della tecnologia RFID. Le applicazioni dei TAG si espandono velocemente e la possibilità dell EPC di sostituire o affiancare gran parte delle applicazioni di UPC si fa sempre più concreta, specialmente perchè parecchi attori della catena di distribuzione ne hanno già operato l adozione. 415 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

13 Tabella IX.3 Confronto tra codici a barre e RFID con EPC 416 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

14 IX.3 APPENDICE C FUNZIONI HASH CRITTOGRAFICHE Come è stato accennato in precedenza (cfr. VIII.5.1.1), una funzione di hash applicata ad una stringa di dati di qualsivoglia lunghezza, ne genera l impronta (hash sum), costituita da un numero fisso, costante e predeterminato di bit (20 byte nel caso di SHA-1), che rappresenta univocamente il documento di partenza. In questa appendice l argomento verrà approfondito, discutendo, in particolare il fatto che, per essere efficace ed essere usata in una firma digitale con validità legale, è necessario che la funzione hash utilizzata goda di alcune proprietà crittografiche. Non esistendo una definizione formale che raccolga tutte le proprietà desiderabili di una funzione hash per scopi crittografici viene generalmente considerata, come prerequisito, la resistenza ai cosiddetti preimage attack (tentativi di ottenere la stringa di origine a partire dall impronta). Si distinguono due caratteristiche della funzione: - non invertibile ovvero data un impronta non deve essere possibile ricavare il documento (stringa) da cui essa deriva (detta anche resistenza ai First preimage attack ) - priva di collisioni ; ovvero non deve essere possibile trovare due documenti diversi che producano la medesima impronta (questo implica la resistenza al cosiddetto Second preimage attack ). Per quanto riguarda le collisioni, infatti, in linea teorica, essendo le impronte costituite da un numero finito di bit, sono anch esse in numero finito (pari a 2 x dove x è il numero di bit che compongono la funzione hash), mentre le possibili stringhe usate come ingresso sono in numero infinito; dunque è fisicamente impossibile mappare un numero infinito di stringhe su un numero finito di impronte (2 x ) senza avere associazioni multiple (o collisioni ). In altri termini con una funzione hash lunga x bit è possibile discriminare solo tra 2 x stringhe di ingresso. Tuttavia è possibile fare in modo che il numero di possibili impronte sia estremamente elevato, e dunque la probabilità di una collisione, voluta o casuale, sia trascurabile. Per quanto riguarda la non invertibilità occorre che la funzione hash generi effettivamente valori molto differenti tra loro per piccole variazio- 417 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

15 ni della stringa in ingresso, e soprattutto che tali valori non siano facilmente riconducibili al documento di partenza. Queste proprietà vanno quindi intese in senso pratico, ovvero la funzione deve essere tale che, con i reali mezzi di calcolo a disposizione, non sia realisticamente possibile creare: - una stringa che produca un determinato hash noto a priori; - due stringhe differenti riconducibili allo stesso hash (collisione). In assenza di queste proprietà sarebbe possibile falsificare una stringa (un documento o, nel caso in questione, il contenuto di un TAG) mantenendone valida la firma. Quel ch è peggio, la frode non sarebbe né rivelabile né dimostrabile. Un grande aiuto contro le falsificazioni, è dato anche dalla semantica della stringa, che si suppone abbia un significato compiuto e comprensibile (nel caso in oggetto questo è vero sia per gli EPC, sia per le informazioni aggiuntive associate ai TAG quali date di scadenza, composizione, ecc.) La semantica della stringa sottoposta a firma digitale, vanifica infatti i metodi di generazione delle collisioni che consentono di trovare due stringhe, M1 e M2, che collidono generando lo stesso hash. Questi metodi infatti, non consentono di produrre una stringa di senso compiuto avente un hash desiderato, che è ciò che serve per falsificare una firma. Al contrario, essi permettono solo di generare simultaneamente una coppia di stringhe prive di significato semantico (ossia costituite da sequenze caotiche di bit) e per di più assai simili tra loro (con soli pochi bit di differenza situati in posizioni critiche predeterminate), le quali producono un medesimo hash, che comunque non può essere scelto a priori. Per processare un messaggio di lunghezza arbitraria ottenendo un impronta di lunghezza prefissata e costante, vengono usualmente impiegati metodi basati su cifratura a blocchi (block cipher). Alcuni metodi utilizzano una cifratura a blocchi come funzione di compressione per la funzione hash, essi sono: Davies-Meyer, Miyaguchi-Preneel, Matyas-Meyer-Oseas, MDC-2 and MDC-4. Questi metodi sono usati all interno della cosiddetta struttura Merkle-Damgård, riportata in Figura IX.7, che è il metodo di costruzione delle funzioni hash usato nei moderni algoritmi crittografici. 418 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

16 Figura IX.7 Metodo Merkle-Damgård per realizzare una funzione hash [Wikipedia]. Nel diagramma in Figura IX.7: - L algoritmo viene innescato da un Initialization Vector IV; ovvero una stringa di bit che permette di inizializzare la prima funzione di compressione. L IV deve essere noto al ricevitore per decrittare la sequenza. - La funzione di compressione f trasforma una stringa di lunghezza fissa in ingresso in una stringa della stessa lunghezza in uscita. - Eventualmente l ultimo blocco viene completato alla lunghezza definita (length padding). - Ad esempio se i blocchi da cifrare sono lunghi 128 bit, la maggior parte dei metodi crea impronte (dell intera stringa) di 128 bit. Esistono anche metodi per costruire hash con impronta doppia della lunghezza dei blocchi. - Come blocco finale, la finalization function effettua la compressione dei bit rapperesentativi dello stato interno della macchina, generando una uscita di dimensioni minori che sarà l impronta della stringa in ingresso. IX.3.1 LISTA DELLE COMUNI FUNZIONI HASH La Tabella IX.4 illustra la lista delle più comuni funzioni hash, alcune delle quali, peraltro sono considerate insicure. 419 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

17 Tabella IX.4 Funzioni hash crittografiche [Wikipedia] Nota: Per internal state si intende la cosiddetta "internal hash sum" dopo ogni compressione di un blocco di dati. La maggior parte degli algoritmi usa alcune variabili addizionali come l attuale lunghezza dei dati compressi necessaria per l eventuale completamento del blocco finale. Nei vari standard ed applicazioni le due funzioni hash più comunemente usate sono MD5 e SHA-1. Entrambe, però, presentano punti deboli. Nell ambito della conferenza CRYPTO 04, infatti, alcuni ricercatori cinesi hanno dimostrato un metodo per generare collisioni in alcune fra le più note e diffuse funzioni hash, in particolare MD5 e RIPEMD. Peraltro la scarsa lunghezza dell impronta da esse generata (128 bit per entrambe) era già da parecchio tempo giudicata insufficiente a contrastare gli attacchi. La funzione MD5, infatti, pur essendo uno standard Internet (RFC1321) era già da tempo sconsigliata e non viene praticamente più impiegata in applicazioni critiche. La RIPEMD, invece, era già stata ufficialmente abolita e sostituita, sin dal 1996, con la RIPEMD-160, sviluppata nell ambito del progetto RIPE (RACE Integrity Primitives Evaluation) dell Unione Europea, che utilizza una struttura matematica più robusta, produce un impronta dalla lun- 420 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

18 ghezza di 160 bit, ed è ancora totalmente immune da attacchi noti. Le funzioni SHA sono una serie di funzioni hash sviluppate dall NSA (National Security Agency, USA): SHA-0, SHA1 e 4 versioni di una funzione denominata SHA-2. Per quanto riguarda SHA-1, che produce un impronta di 160 bit, anche per questa ricercatori cinesi hanno dimostrato che la robustezza effettiva dell'algoritmo non coincide,con quella teorica. Tuttavia considerando sia le potenze di calcolo realmente disponibili, sia le previste evoluzioni di queste nel tempo, c'è probabilmente tutto il tempo di adottare un algoritmo di hash più robusto di SHA-1 prima che questo possa essere considerato realmente compromesso. Altri risultati, presentati quasi contemporaneamente da ricercatori israeliani e francesi, hanno dimostrato l esistenza pratica di collisioni in SHA-0 (che peraltro già si sapeva essere teoricamente debole); e tale metodo di attacco però non sembra applicabile a SHA-1. Comunque il NIST (National Institute of Science and Technology) americano sta già da qualche tempo valutando alcune versioni estese di SHA-1, denominate SHA-256 e SHA-512, che non dovrebbero soffrire delle vulnerabilità identificate in SHA-1. La legge italiana ammette come valide solo le firme che utilizzano le funzioni hash SHA-1 e RIPEMD-160. Fonti: Wikipedia, Cryptographic hash function e Le funzioni hash di Corrado Giustozzi da 421 PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

19 IX.4 IX.4.1 APPENDICE D COMPENDIO DEGLI STANDARD EPCGLOBAL, ISO ED ECMA NORME EPCGLOBAL EPCglobal Specifications MHz Class 0 Radio Frequency (RF) Identification Tag Specification. Auto-ID Center, Feb 2003 Draft protocol specification for a 900 MHz Class 0 Radio Frequency Identification Tag This document specifies the communications interface and protocol for 900 MHz Class 0 operation. It includes the RF and tag requirements and provides operational algorithms to enable communications in this band MHz ISM Band Class 1 Radio Frequency (RF) Identification Tag Interface Specification. Auto-ID Center, Feb MHz ISM Band Class 1Radio Frequency Identification Tag Interface Specification This specification defines the communications interface and protocol for MHz Class 1 operation. It also includes the RF and tag requirements to enable communications in this band MHz MHz Class 1 Radio Frequency (RF) Identification Tag Radio Frequency & Logical Communication Interface Specification. Auto-ID Center, Nov MHz 930MHz Class I Radio Frequency Identification Tag Radio Frequency & Logical Communication Interface Specification This document specifies the communications interface and protocol for MHz Class 1 operation. It includes the RF and tag requirements to enable communications in this band. Class-1 Generation-2 UHF RFID Conformance Requirements Specification v EPCglobal, Version 1.0.2, Feb 2005 EPC Radio-Frequency Identity Protocols Class-1 Generation-2 UHF RFID Conformance Requirements This document specifies the following for the EPCglobal Class-1 Generation-2 UHF RFID Protocol for Communications at 860 MHz 960 MHz (the Protocol): Compliance requirements for physical interactions (the signaling layer of the communications) between Interrogators and Tags, and Compliance requirements for Interrogator and Tag operating procedures and commands. 422 RFID - Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva

20 EPCglobal Architecture Framework Version 1.0. This document defines and describes the EPCglobal Architecture Framework. The EPCglobal Architecture Framework is a collection of interrelated standards for hardware, software, and data interfaces, together with core services that are operated by EPCglobal and its delegates, all in service of a common goal of enhancing the supply chain through the use of Electronic Product Codes (EPCs) Ratified EPCglobal Standards EPC Tag Data Standard Version 1.1 rev This EPCglobal Board Ratified standard identifies the specific encoding schemes for a serialized version of the EAN.UCC Global Trade Item Number (GTIN ), the EAN.UCC Serial Shipping Container Code (SSCC ), the EAN.UCC Global Location Number (GLN ), the EAN.UCC Global Returnable Asset Identifier (GRAI ), the EAN.UCC Global Individual Asset Identifier (GIAI ), and a General Identifier (GID). This latest revision adds the DoD construct header and the hexadecimal expression for raw URI representation. EPCglobal Tag Data Standards Version EPCglobal, Version 1.3, March 8, Tag Data Standards - Ratified Specification This document defines the EPC Tag Data Standards version 1.3. It applies to RFID tags conforming to EPC Radio-Frequency Identity Protocols Class-1 Generation- 2 UHF RFID Protocol for Communications at 860 MHz-960MHz Version ( Gen2 Specification ). Such tags will be referred to as Gen 2 Tags in the remainder of this document. These standards define completely that portion of EPC tag data that is standardized, including how that data is encoded on the EPC tag itself (i.e. the EPC Tag Encodings), as well as how it is encoded for use in the information systems layers of the EPC Systems Network (i.e. the EPC URI or Uniform Resource Identifier Encodings). EPCglobal Tag Data Translation (TDT) 1.0 Ratified Standard Specification - This EPC Tag Data Translation (TDT) specification is concerned with a machinereadable version of the EPC Tag Data Standards specification. The machine-readable version can be readily used for validating EPC formats as well as translating between the different levels of representation in a consistent way. This specification describes how to interpret the machine-readable version. It contains details of the structure and elements of the machine-readable markup files and provides guidance on how it might be used in automatic translation or validation software, whether standalone or embedded in other systems. Important Note on Compatibility: Version 1.0 of the TDT specification is fully compatible with TDS Version 1.1 Rev Class 1 Generation 2 UHF Air Interface Protocol Standard Version EPCglobal, Version 1.0.9, January PARTE IX - APPENDICI & BIBLIOGRAFIA

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Benito Campana Itinerario Cosa comunicare al consumatore Lunghezza della filiera e le responsabilità

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Fondamenti dei sistemi di tracciabilità nell agroalimentare. Istituto per le imprese di beni di consumo. Centro per la diffusione del sistema EAN

Fondamenti dei sistemi di tracciabilità nell agroalimentare. Istituto per le imprese di beni di consumo. Centro per la diffusione del sistema EAN Fondamenti dei sistemi di tracciabilità nell agroalimentare Istituto per le imprese di beni di consumo Centro per la diffusione del sistema EAN GLI OBIETTIVI DI QUESTA PUBBLICAZIONE Tracciabilità rappresenta

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

ITALTRONIC SUPPORT ONE

ITALTRONIC SUPPORT ONE SUPPORT ONE 273 CARATTERISTICHE GENERALI Norme EN 6071 Materiale PA autoestinguente PVC autoestinguente Supporti modulari per schede elettroniche agganciabili su guide DIN (EN 6071) Materiale: Poliammide

Dettagli

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Tutti i diritti riservati Copyright GS1 Italy Indicod-Ecr 2012 1

Tutti i diritti riservati Copyright GS1 Italy Indicod-Ecr 2012 1 a Documento Condiviso per la Tracciabilità e la Rintracciabilità: Regolamento UE n 931/2011 Giugno 2012 1 Indice Executive summary... 3 Introduzione... 4 I processi coinvolti dalla tracciabilità di filiera

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali

Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali Smau Bologna 18 Giugno 2009 Eligio Papa Distribution Channel Sales Manager SAP Italia COSA SIGNIFICA

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli