Direttive UE Direttiva Data Descrizione Direttiva 89/665/CEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttive UE Direttiva Data Descrizione Direttiva 89/665/CEE"

Transcript

1 L appalto pubblico 1. Contesto normativo Direttive UE Direttiva Data Descrizione Direttiva 89/665/CEE 21 dicembre 1989 Coordinamento delle leggi, normative e disposizioni amministrative relative all applicazione delle procedure di esame per l aggiudicazione di appalti per lavori pubblici e forniture pubbliche. Direttiva 93/36/CEE 14 giugno 1993 Coordinamento delle procedure per l aggiudicazione di appalti per forniture pubbliche. Direttiva 93/37/CEE 14 giugno 1993 Coordinamento delle procedure per l aggiudicazione di appalti per lavori pubblici. Direttiva 93/38/CEE 14 giugno 1993 Coordinamento delle procedure di appalto di soggetti operanti nei settori dell acqua, dell energia, dei trasporti e delle telecomunicazioni. Direttiva 92/50/CEE 18 giugno 1992 Coordinamento delle procedure per l aggiudicazione di appalti per servizi pubblici. Direttiva 97/52/CE 13 ottobre 1997 Emendamento delle direttive 92/50/CEE, 93/36/CEE e 93/37/CEE rispettivamente relative al coordinamento delle procedure per l aggiudicazione di appalti di servizi pubblici, di forniture pubbliche e di lavori pubblici. Direttiva 92/13/CEE 25 febbraio 1992 Coordinamento delle leggi, normative e disposizioni amministrative relative all applicazione delle norme comunitarie sulle procedure di appalto dei soggetti operanti nei settori dell acqua, dell energia, dei trasporti e delle telecomunicazioni. Direttiva 2001/78/CE 13 settembre 2001 Direttiva sull uso dei moduli standard per la pubblicazione dei preavvisi di bando di gara per gli appalti pubblici. Direttiva 2004/17 31 marzo 2004 Direttiva sul coordinamento delle procedure per l aggiudicazione degli appalti di lavori pubblici, di forniture pubbliche e di servizi pubblici. Direttiva 2004/18 31 marzo 2004 Direttiva sul coordinamento delle procedure per l aggiudicazione degli appalti di lavori Ottobre

2 pubblici, di forniture pubbliche e di servizi pubblici. Principi generali La legge polacca sugli appalti fissa le norme generali per: il trattamento equo degli operatori economici; una concorrenza aperta e leale; l apertura e la trasparenza delle procedure di aggiudicazione; la supremazia di procedure di gara aperte e riservate. Legislazione vigente Gli appalti pubblici sono regolamentati dalla Legge sugli Appalti Pubblici (Ustawa Prawo Zamówie Publicznych) emanata il 29 gennaio 2004, ampiamente modificata il 25 maggio 2006 al fine di recepire le disposizioni delle direttive UE 2004/17 e 2004/18. Prima della legge del 29 gennaio 2004, gli appalti pubblici erano regolamentati dalla legge sugli appalti pubblici del 10 giugno 1994 e relative modifiche. 2. Contesto istituzionale Anche se la Polonia ha decentrato il proprio sistema di appalti pubblici, c è un ente specifico nell amministrazione centrale polacca che se ne occupa: l Ufficio Appalti Pubblici (Urzd Zamówie Publicznych), che chiameremo brevemente UAP. Le funzioni principali dell UAP sono: elaborare le bozze degli atti legislativi relativi agli appalti pubblici; prendere decisioni sugli argomenti indicati nella Legge sugli Appalti Pubblici (LAP); pubblicare un Bollettino degli Appalti Pubblici; istituire i procedimenti di ricorso. L UAP è stato istituito per la prima volta nel 1995 dopo l adozione della Legge sugli Appalti Pubblici del 10 giugno 1994; attualmente ci lavorano circa 100 persone ed è suddiviso in vari reparti. Il presidente dell UAP è sostenuto dal Consiglio per gli Appalti Pubblici, che è il suo organo consultivo. Il consiglio è composto da un minimo di 10 fino ad un massimo di 15 componenti nominati dal Primo Ministro. Di norma il sistema polacco degli appalti pubblici è un sistema decentrato. Ogni organismo soggetto alla legge che regolamenta gli appalti pubblici è tenuto ad aggiudicare i propri appalti. Dunque, non è l Ufficio Appalti Pubblici che aggiudica gli appalti (a parte gli appalti aggiudicati per se stesso) e l UAP non prende parte alle procedure di aggiudicazione. Enti competenti per i ricorsi Il sistema degli appalti pubblici polacco offre le seguenti procedure di esame: protesti; reclami; ricorsi. I protesti sono esaminati dagli stessi enti aggiudicanti. I reclami sono esaminati per arbitrato, mediante un collegio arbitrale composto da tre arbitri nominati dal Presidente dell UAP. Gli arbitri Ottobre

3 vengono scelti tra le persone che fanno parte di un elenco ufficiale stilato dal Presidente dell Ufficio Appalti Pubblici mediante sorteggio pubblico. Il presidente del collegio arbitrale deve avere una formazione di tipo giuridico. Gli arbitri possono figurare nell elenco per un periodo massimo di 6 anni. I ricorsi sono esaminati dai tribunali regionali competenti per il luogo in cui ha sede l ente appaltante. Obblighi Il collegio arbitrale esamina i ricorsi presentati dagli appaltatori durante una procedura di aggiudicazione. Un ricorso deve essere preceduto da un protesto presentato all ente appaltante. Il collegio arbitrale può: respingere il ricorso; sostenere il ricorso e ordinare all ente appaltante di eseguire o ripetere un atto in questione; invalidare un atto dell ente appaltante. I tribunali regionali competenti per il luogo in cui ha sede o in cui risiede l ente appaltante esaminano i ricorsi presentati contro le decisioni o sentenze dei collegi arbitrali. Nell esaminare i ricorsi, i tribunali applicano le opportune disposizioni del codice di Procedura Civile. Il tribunale esamina il ricorso entro 3 mesi dalla data della sua presentazione presso il tribunale. Il tribunale competente può: respingere o non accogliere il ricorso; interrompere la procedura in questione; portare avanti il ricorso modificando la decisione del collegio arbitrale e giudicando il caso nel merito. L Ufficio Appalti Pubblici prende parte solo indirettamente al procedimento di ricorso con funzioni amministrative relative alla conduzione delle procedure di ricorso. Esso riceve i ricorsi ed organizza le riunioni del collegio arbitrale, e consegna i ricorsi presentati dagli appaltatori ai tribunali competenti. 3. Tipologie di appalto pubblico e di procedura di aggiudicazione Tipologie di appalto pubblico Le procedure fondamentali per l aggiudicazione degli appalti pubblici sono la gara aperta e la gara riservata. Gli enti aggiudicanti possono anche aggiudicare contratti di appalto per negoziazione con pubblicazione, negoziazione senza pubblicazione, acquisto da un unica fonte, richiesta di preventivi o procedura di asta elettronica, ma solo nelle circostanze rigorosamente indicate dalla Legge sugli Appalti Pubblici (LAP) e in conformità alle direttive UE. Modalità di pubblicazione dei bandi di gara I bandi di gara pubblici (definiti nella LAP) devono essere pubblicati nel Bollettino Polacco degli Appalti Pubblici e nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea. I bandi relativi ad appalti pubblici il cui valore non supera la soglia fissata dalla UE devono essere pubblicati nel Bollettino degli Appalti Pubblici entro 10 giorni dalla data della loro consegna all Ufficio Appalti Pubblici (UAP). I preavvisi devono essere inviati al Presidente dell Ufficio per iscritto, via fax o mezzo elettronico. Il Bollettino degli Appalti Pubblici pubblica bandi di gara nel caso di appalti di valore superiore ai EUR. Ottobre

4 I bandi relativi ad appalti pubblici il cui valore supera le soglie UE devono essere pubblicati sia nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea che nel Bollettino Polacco degli Appalti Pubblici. L ente appaltante deve fornire prova della data in cui il bando è stato inviato al Presidente dell Ufficio e all Ufficio per le Pubblicazioni Ufficiali delle Comunità Europee, e soprattutto deve conservare una prova di questa spedizione. Secondo la LAP devono essere pubblicati i seguenti bandi: bandi informativi di preavviso; bandi di gara d appalto; bandi di aggiudicazione dell appalto; bandi di concorso di progettazione; risultati dei bandi di concorso di progettazione; bandi di gara d appalto per utenze; bandi di aggiudicazione di appalti per utenze. Per quanto riguarda gli appalti di valore superiore alle soglie UE, per la pubblicazione dei bandi di gare si useranno i moduli standard decisi dalla Commissione Europea con la Direttiva 2001/78. Per quanto riguarda gli appalti di valore inferiore alle soglie UE (ossia quelli annunciati solo nel Bollettino Polacco), si useranno i moduli standard semplificati (basati sui moduli standard UE). Per quanto riguarda le comunicazioni tra enti aggiudicanti ed appaltatori (il termine appaltatori usato nella LAP si riferisce a candidati, offerenti, fornitori, fornitori di servizi ed appaltatori) valgono le seguenti regole: se il valore del contratto d appalto supera i , dichiarazioni, richieste, notifiche e tutte le altre informazioni comunicate dall ente aggiudicante e dagli appaltatori devono essere inviate per iscritto. Le dichiarazioni, le richieste dalla Polonia, le notifiche e le informazioni comunicate via telex, fax o mezzi elettronici saranno considerate ricevute entro il limite di tempo prestabilito se il loro contenuto è stato ricevuto dal destinatario prima della scadenza del periodo prestabilito ed è stato immediatamente seguito a conferma dal documento cartaceo. Se il valore del contratto d appalto non supera i , dichiarazioni, richieste, notifiche e tutte le altre informazioni devono essere inviate dall ente appaltante e dagli appaltatori secondo quanto indicato dall ente appaltante, ossia per iscritto, via fax o con mezzo elettronico. Se l ente appaltante o l appaltatore recapita le informazioni di cui sopra via fax o con mezzo elettronico, ciascuna delle parti deve prontamente, su richiesta dell altra parte, accusare ricevuta nello stesso modo. La modalità di recapito delle informazioni e dei documenti con mezzo elettronico non deve costituire ostacolo alla gara. Procedure di aggiudicazione degli appalti Le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici sono 7: 1. gara d appalto aperta; 2. gara d appalto riservata; 3. negoziazioni con pubblicazione (procedura negoziata con pubblicazione); 4. negoziazioni senza pubblicazione (procedura negoziata senza pubblicazione); 5. appalto a singola fonte; 6. richiesta di preventivi; 7. asta elettronica. Ottobre

5 Le due procedure fondamentali per l aggiudicazione degli appalti pubblici sono la gara d appalto aperta e la gara d appalto riservata. Si possono usare procedure diverse da queste solo nelle circostanze specificate dalla Legge. La scelta della procedura negoziata con pubblicazione deve essere approvata dal Presidente dell Ufficio Appalti Pubblici quando il valore del contratto d appalto superi i per servizi e forniture e i per i lavori. La scelta della procedura negoziata senza pubblicazione o dell appalto a singola fonte deve essere approvata dal Presidente dell Ufficio Appalti Pubblici quando il valore del contratto d appalto superi i In caso di appalti aggiudicati nei settori delle utenze (acqua, energia, trasporti e telecomunicazioni), l ente appaltante può scegliere liberamente tra gara d appalto aperta, gara d appalto riservata o procedura negoziata con pubblicazione. Nelle gare d appalto aperte le offerte possono essere presentate da tutti gli appaltatori che desiderano partecipare alla procedura. L ente appaltante incoraggia la partecipazione affiggendo un avviso in un luogo aperto al pubblico presso la propria sede, suoi propri siti web e pubblicando un bando nel Bollettino degli Appalti Pubblici (se il valore del contratto d appalto supera i ) e nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea (se il valore del contratto d appalto supera i per forniture e servizi e i per lavori). I contratti d appalto possono anche essere annunciati tramite pubblicazione sui quotidiani e su altri media, purché non prima della loro pubblicazione nel Bollettino degli Appalti Pubblici. Se il valore del contratto d appalto non supera i , l ente appaltante deve fissare il limite di tempo per la presentazione delle offerte tenendo conto del tempo necessario per preparare e presentare un offerta. Questo limite di tempo non può essere inferiore ai 15 giorni a partire dalla data di pubblicazione del bando. Se il valore del contratto d appalto supera i , il limite di tempo per la presentazione delle offerte non può essere inferiore ai 52 giorni a partire dalla data di invio del bando di gara al Presidente dell UAP. Se il valore del contratto d appalto per lavori supera i e per forniture e servizi supera i , il limite di tempo per la presentazione delle offerte non può essere inferiore ai 52 giorni a partire dalla data di invio del bando di gara all Ufficio per le Pubblicazioni Ufficiali delle Comunità Europee. Se le informazioni relative all appalto sono state già fornite in un precedente bando informativo sull appalto previsto per i successivi 12 mesi inviato almeno 52 giorni prima della data di spedizione del bando di gara rispettivamente al Presidente dell UAP o all Ufficio per le Pubblicazioni Ufficiali delle Comunità Europee, l ente appaltante può fissare un limite di tempo per la presentazione delle offerte non inferiore ai 37 giorni. La gara d appalto riservata è una procedura di aggiudicazione d appalto nella quale, dopo la pubblicazione di un bando di gara pubblico, gli appaltatori presentano una richiesta di partecipazione alla procedura di aggiudicazione dell appalto e solo alcuni appaltatori scelti possono presentare le offerte. La gara d appalto riservata è composta da due fasi distinte: innanzitutto il committente invita gli appaltatori ad esprimere il loro interesse nella gara pubblicando un annuncio; se il valore del contratto d appalto non spera i , l ente appaltante fissa un limite di tempo per la presentazione delle richieste di partecipazione alla gara d appalto tenendo conto del tempo necessario per preparare e presentare i documenti necessari. Questo limite di tempo non può essere inferiore ai 15 giorni a partire dalla data della pubblicazione del bando. Se il valore del contratto d appalto supera i , il limite di tempo per la presentazione delle richieste di partecipazione alla gara non può essere inferiore ai 37 giorni a partire dalla data di invio del bando di gara al Presidente dell UAP. Se il valore del contratto d appalto supera i per lavori e i per forniture e servizi, il limite di tempo per la presentazione delle richieste di partecipazione alla gara non può essere inferiore ai 37 giorni a partire dalla data di invio del bando di gara all Ufficio per le Pubblicazioni Ufficiali Ottobre

6 delle Comunità Europee. In casi di estrema urgenza per l aggiudicazione di un appalto l ente appaltante può fissare un limite di tempo più breve presentazione delle richieste di partecipazione alla gara, ma in ogni caso non inferiore ai 15 giorni. In tali casi il bando deve essere inviato al Presidente dell UAP via fax o con il mezzo reso disponibile nel sito web dell UAP e all Ufficio per le Pubblicazioni Ufficiali delle Comunità Europee via fax o mezzo elettronico. Se il valore del contratto d appalto non supera i , l ente appaltante deve fissare un limite di tempo per la presentazione di offerte tenendo conto del tempo necessario per la preparazione e presentazione di un offerta, che non deve mai essere inferiore ai 7 giorni a partire dalla data di invio dell invito a presentare offerte. Se il valore del contratto d appalto supera i , limite di tempo per la presentazione delle offerte non deve essere inferiore ai 40 giorni dalla data di invio dell invito a presentare offerte. Se le informazioni sull appalto sono state già fornite in un precedente bando inviato almeno 52 giorni prima della data dell invio del bando di gara, come d uopo, al Presidente dell UAP o all Ufficio per le Pubblicazioni Ufficiali delle Comunità Europee (in caso di contratti d appalto il cui valore supera i per forniture e servizi, e i per lavori), l ente appaltante può fissare un limite di tempo per la presentazione delle offerte non inferiore ai 26 giorni. In casi di estrema urgenza di aggiudicare un appalto, l ente appaltante può fissare un limite di tempo più breve per la presentazione delle offerte, che tuttavia non sarà inferiore ai 10 giorni. La procedura negoziata con pubblicazione è una procedura di aggiudicazione di appalto in cui, in seguito alla pubblicazione dl bando di gara, l ente appaltante negozia i termini dell appalto pubblico con gli appaltatori di sua scelta e successivamente li invita a presentare le loro offerte. Gli enti aggiudicanti possono aggiudicare i propri appalti mediante procedura negoziata con pubblicazione se si sia verificata almeno una delle seguenti circostanze: 1) durante la precedente procedura di aggiudicazione aperta o riservata non sono state presentate offerte oppure tutte le offerte sono state respinte e le condizioni iniziali dell appalto non sono state sostanzialmente modificate; 2) in circostanze eccezionali, quando l oggetto del contratto d appalto siano lavori o servizi la cui natura o rischio implicito non permettano di definire anticipatamente il prezzo; 3) le caratteristiche specifiche dei servizi da appaltare non possono essere definite anticipatamente in modo da permettere una scelta della migliore offerta; 4) l oggetto del contratto d appalto è costituito da lavori eseguiti esclusivamente ai fini di ricerca, sperimentazione o sviluppo e non per produrre profitti o per recuperare costi di ricerca e sviluppo sostenuti; 5) il valore del contratto d appalto non supera l equivalente in PLN di ; se il valore del contratto d appalto supera i per lavori e i per forniture e servizi, l utilizzo della procedura negoziata con pubblicazione deve essere precedentemente approvata dal Presidente dell UAP mediante decisione amministrativa. L ente appaltante deve invitare alla negoziazione gli appaltatori che soddisfano le condizioni per la partecipazione nella procedura nel numero indicato nel bando di gara. Il numero di appaltatori invitati deve essere tale da garantire lo svolgimento di una gara e non può essere inferiore a 5. Se il valore del contratto d appalto supera i per lavori e per forniture e servizi, tale numero non deve essere inferiore a 7. La procedura negoziata senza pubblicazione è una procedura di aggiudicazione di appalto in cui l ente appaltante negozia i termini dell appalto pubblico con gli appaltatori di sua scelta e Ottobre

7 successivamente li invita a presentare le loro offerte. Gli enti aggiudicanti possono aggiudicare i propri appalti mediante procedura negoziata senza pubblicazione se si sia verificata almeno una delle seguenti circostanze: 1) durante la precedente procedura di aggiudicazione aperta o riservata non sono state presentate offerte oppure tutte le offerte sono state respinte e le condizioni iniziali dell appalto non sono state sostanzialmente modificate; 2) si è tenuta la gara in questione, il cui premio è consistito nell invito di almeno due autori dei progetti selezionati per la gara a partecipare alle negoziazioni senza pubblicazione; 3) l oggetto del contratto d appalto sono prodotti fabbricati esclusivamente ai fini di ricerca, sperimentazione o sviluppo e non per produrre profitti o per recuperare costi di ricerca e sviluppo sostenuti; 4) a causa del verificarsi di una urgenza non prevedibile di aggiudicare l appalto non dovuta a fatti causati dall ente appaltante, non è possibile rispettare i limiti di tempo stabiliti per la gara aperta, per la gara riservata o per le negoziazioni con pubblicazione. Se il valore del contratto d appalto supera i , l utilizzo della procedura negoziata senza pubblicazione deve essere precedentemente approvata dal Presidente dell UAP mediante decisione amministrativa. Se il valore del contratto d appalto supera i per lavori e per forniture e servizi, l utilizzo della procedura negoziata senza pubblicazione richiede anche il previo invio di una comunicazione sull annullamento della procedura alla Commissione Europea. Gli enti aggiudicanti possono aggiudicare i propri appalti mediante procedura con fonte singola solo se si sia verificata almeno una delle seguenti circostanze: 1) forniture, servizi o lavori possono essere forniti o eseguiti da un solo appaltatore: a) per ragioni tecniche oggettive; b) per ragioni legate alla tutela di diritti esclusivi c) in caso di aggiudicazione di appalti nel campo delle attività creative ed artistiche; 2) la gara di cui all Articolo 99, in cui il premio consisteva nell invitare l autore del progetto di gara selezionato a negoziare nell ambito della procedura di appalto a singola fonte; 3) in caso di una situazione eccezionale non dovuta a fatti dipendenti dall ente appaltante, si è reso necessario eseguire tempestivamente le opere previste dall appalto e i limiti di tempo previsti dalle altre procedure non possono essere rispettati; 4) durante le procedure di aggiudicazione in successione, almeno una delle quali sia stata condotta in forma di gara aperta o riservata, non è stata presentata nessuna offerta o tutte le offerte sono state respinte e le condizioni iniziali di appalto non sono state sostanzialmente modificate; 5) quando ad un appaltatore di servizi o lavori siano stati aggiudicati altri appalti non inclusi nell appalto principale per un importo totale non superiore al 20% del valore dell appalto, che sono necessari per la corretta esecuzione dell appalto principale e quando tale esecuzione si sia resa necessaria in conseguenza di circostanze imprevedibili, se: a) per ragioni tecniche o economiche la separazione di un ulteriore appalto dall appalto principale comporti costi incomparabilmente più alti, b) il completamento dell appalto principale sia condizione dell esecuzione dell appalto aggiuntivo; 6) in caso di aggiudicazione, entro 3 anni dall aggiudicazione dell appalto principale all appaltatore dei suddetti servizi o lavori, di ulteriori appalti per un importo non superiore al Ottobre

8 20% del valore del contratto principale e che comportino la ripetizione dello stesso tipo di appalto, se l appalto principale è stato aggiudicato con procedura aperta o riservata e l appalto aggiuntivo è stato previsto nella specifica delle condizioni essenziali del contratto per l appalto principale e riguarda l oggetto del contratto d appalto ivi descritto; 7) in caso di aggiudicazione, entro 3 anni dall aggiudicazione dell appalto principale all appaltatore delle suddette forniture, di ulteriori appalti per un importo non superiore al 20% del valore del contratto principale e che comportino l estensione delle forniture, se cambiare appaltatore rendesse necessario l acquisto di articoli rispondenti a parametri tecnici diversi con la conseguenza di creare condizioni di incompatibilità tecnica o difficoltà tecniche sproporzionatamente gravi di uso e manutenzione, se l appalto principale è stato aggiudicato con procedura aperta o riservata e l appalto aggiuntivo è stato previsto nella specifica delle condizioni essenziali del contratto per l appalto principale e riguarda l oggetto del contratto d appalto ivi descritto. Se il valore del contratto d appalto supera i , l utilizzo della procedura di appalto con fonte singola necessita di previa approvazione da parte del Presidente dell UAP mediante decisione amministrativa. La richiesta di preventivi è una procedura di aggiudicazione di appalto in cui l ente appaltante invia una richiesta di preventivi ad alcuni appaltatori di sua scelta e li invita a presentare tali preventivi di costo. L ente appaltante può aggiudicare un appalto mediante tale procedura di richiesta di preventivi se l oggetto dell appalto è costituito da forniture o servizi di reperibilità generalmente facile e rispondenti a standard qualitativi fissi e se il valore del contratto d appalto non supera i L ente appaltante avvia una procedura di richiesta di preventivi invitando appaltatori per forniture o servizi tali da garantire la gara e la scelta della migliore offerta e in numero non inferiore a 5. L asta elettronica è una procedura di aggiudicazione di appalto in cui gli appaltatori presentano le proprie offerte in successione, che vengono automaticamente classificate, mediante un modulo elettronico disponibile su un sito web, nel quale è possibile inserire i dati necessari online. L ente appaltante può aggiudicare un appalto mediante la procedura di asta elettronica quando l oggetto dell appalto riguarda forniture generalmente disponibili di standard qualitativo fisso e quando il valore del contratto d appalto non superi i Procedure di ricorso. Le procedure di risarcimento disponibili in caso di offesa o danno agli appaltatori sono descritte nelle disposizioni della legge sugli appalti pubblici (LAP). Gli appaltatori, i partecipanti alle gare di progettazione ed altri soggetti il cui interesse giuridico nel vincere un appalto sia stato o possa essere pregiudicato in conseguenza di una violazione da parte dell ente appaltante delle disposizioni della LAP hanno il diritto di applicare le relative disposizioni di legge previste dalla LAP, ossia protesti, reclami e ricorsi. Innanzitutto dovranno presentare una protesta scritta contro gli atti eseguiti dall ente appaltante durante la procedura e in caso di mancata esecuzione di un atto da parte dell ente appaltante in conformità alla LAP. Un protesto può essere presentato entro sette giorni dalla data in cui l appaltatore ha scoperto o può essere venuto a conoscenza delle circostanze che potrebbero dare luogo ad un protesto ed è ammissibile solo prima della conclusione di un contratto. Se l ente appaltante ammette il protesto deve poi provvedere a ripetere l intervento oggetto del protesto. Il mancato esame del protesto entro il periodo di tempo previsto verrà considerato come chiusura della pratica. Ottobre

9 In secondo luogo, al momento della risoluzione o del rifiuto di un protesto o in caso di mancata risoluzione del protesto entro i tempi previsti, l appaltatore interessato può presentare un ricorso presso il Presidente dell Ufficio Appalti Pubblici (UAP) entro 5 giorni dalla data di consegna della risoluzione del protesto o dalla data di scadenza prevista per l esame del protesto da parte dell ente appaltante. Il ricorso viene esaminato da un collegio di tre arbitri nominati dal Presidente dell UAP. L esame del ricorso da parte degli arbitri può concludersi con l ammissione o la non ammissione del ricorso e la valutazione delle spese legali per il procedimento. Se il ricorso viene ammesso, gli arbitri possono ordinare all ente appaltante di eseguire o ripetere un atto oppure possono invalidare un azione. In terzo luogo, è possibile opporsi alle decisioni dei collegi arbitrali presentando ricorso al tribunale regionale competente del luogo in cui ha sede o residenza l ente appaltante. I ricorsi devono essere presentati al Presidente dell UAP entro 7 dalla data di emissione della decisione del collegio arbitrale. La decisione del tribunale è definitiva e non può essere oggetto di ricorso in cassazione da parte della Corte Suprema. 4. Nuove disposizioni organizzative e manageriali Nuove disposizioni organizzative Fino ad ora nella legislazione nazionale polacca le questioni relative alle partnership pubblicoprivato non sono ancora state formalmente regolamentate. Attualmente le autorità polacche stanno preparando una legge che regolamenta in modo complesso il campo degli appalti pubblici e la bozza della nuova legge è già stata presentata per la consultazione ministeriale. Nuove disposizioni manageriali L amministrazione polacca ha fissato modelli di gestione integrata dei servizi con la nuova Legge del maggio Mezzi di E-procurement (procedure di asta elettronica per appalti pubblici) La legge polacca sugli appalti pubblici prevede le aste elettroniche come una delle procedure ammesse per l aggiudicazione degli appalti pubblici. E-procurement Principi generali. Le disposizioni sull aggiudicazione degli appalti pubblici mediante asta elettronica sono contenute nella LAP. I principi in vigore sono i seguenti: una competizione leale; trasparenza; pari trattamento degli offerenti. Leggi attualmente in vigore Il settore degli appalti pubblici è regolamentato dalla Legge sugli Appalti Pubblici (LAP), che contiene disposizioni sull uso dei mezzi elettronici negli appalti pubblici. È stata Ottobre

10 anche dedicata una parte distinta della legge alla procedura dell asta elettronica (o eprocurement ). Strutture dedicate all e-procurement (personalità giuridica e obblighi) Il sistema polacco non prevede una gestione centrale dell e-procurement. Le aste elettroniche possono essere organizzate da qualsiasi soggetto che soddisfi i requisiti specificati nella LAP. Per l aggiudicazione di appalti mediante asta elettronica, gli enti aggiudicanti possono dunque utilizzare i servizi di provider specializzati. L Ufficio Appalti Pubblici attualmente sta lavorando ad un progetto per la creazione di un portale centrale che offre servizi gratuiti di conduzione di procedure di asta elettronica. Modalità di pubblicazione dei bandi Nella procedura di aggiudicazione di appalto il cui valore contrattuale non supera l equivalente in PLN di , le dichiarazioni, richieste, notifiche e altre informazioni devono essere comunicate dall ente appaltante e dagli appaltatori secondo le istruzioni dell ente appaltante per iscritto, via fax o con mezzo elettronico. Se l ente appaltante o l appaltatore inviano informazioni via fax o con mezzo elettronico, ciascuna delle parti, su richiesta dell altra, deve accusare ricevuta nello stesso modo. Il metodo scelto per l invio di informazioni e documenti con mezzo elettronico non può costituire alcun limite alla gara. Pena l annullamento, le offerte devono essere presentate per iscritto (in formato cartaceo) o, se l ente appaltante è d accordo, in formato elettronico con firma elettronica sicura verificabile tramite un certificato di qualifica valido. Procedure di acquisto telematico L asta elettronica è una procedura di aggiudicazione degli appalti in cui gli appaltatori presentano una serie di offerte sempre più vantaggiose in successione ( offerte incrementali ), che vengono automaticamente classificate, mediante un modulo elettronico disponibile su un sito web, nel quale è possibile inserire i dati necessari on-line. L ente appaltante può aggiudicare un appalto con procedura di asta elettronica quando l oggetto del contratto comprende forniture generalmente disponibili di standard qualitativo fisso e il valore del contratto d appalto non supera i L ente appaltante deve fissare un limite di tempo per la presentazione delle richieste di partecipazione all asta elettronica non inferiore ai 15 giorni dalla data di pubblicazione del bando. L ente appaltante deve permettere a tutti gli appaltatori di soddisfare le condizioni per la partecipazione alla procedura di asta elettronica e deve invitarli a presentare le loro offerte specificando nell invito per quanto tempo l appaltatore che ha offerto il prezzo più basso deve mantenere immutata la sua offerta. L ente appaltante può chiedere agli appaltatori di versare una cauzione entro una determinata data che, in ogni caso, non deve essere precedente alla scadenza dell apertura dell asta elettronica. In tale procedura si deve osservare il disposto degli Articoli 45 e 46. L ente appaltante deve aprire l asta elettronica entro il limite di tempo indicato Ottobre

11 nel bando di gara, che tuttavia deve essere almeno 5 giorni dopo la data di invio dell invito a presentare offerte agli appaltatori. Dal momento dell apertura fino a quello della chiusura dell asta elettronica, l ente appaltante e gli appaltatori devono trasmettere richieste, dichiarazioni ed altre informazioni con il mezzo di comunicazione elettronico. Le offerte devono essere presentate, pena l annullamento, in formato elettronico con una firma elettronica sicura verificabile usando un certificato di qualifica valido. Le offerte presentate dagli appaltatori saranno automaticamente classificate in base al prezzo. La validità dell offerta di un appaltatore deve essere mantenuta per tutta la durata dell asta fino a che un altro appaltatore non presenti un offerta migliore. L asta elettronica può essere una procedura a fase unica o a più fasi. Gli enti aggiudicanti, a condizione che sia stato opportunamente indicato come riserva nel bando di gara, possono alla fine di ogni fase dell asta elettronica non includere nella fase successiva quegli appaltatori che non abbiano presentato una nuova offerta informandoli tempestivamente di tale fatto. Durante ogni fase dell asta elettronica l ente appaltante deve trasmettere a tutti gli appaltatori informazioni aggiornate sulla posizione delle loro offerte, con indicazione del numero di appaltatori che stanno partecipando a ciascuna fase dell asta e dei loro preventivi, anche se le informazioni che permettono l identificazione degli appaltatori non devono essere diffuse prima della chiusura dell asta elettronica. L ente appaltante deve chiuder un asta elettronica: 1) entro il limite di tempo specificato nel bando di gara; 2) se non vengono presentate più offerte incrementali entro il periodo di tempo specificato nel bando di gara; 3) alla fine dell ultima fase indicata nel bando di gara. Subito dopo la chiusura dell asta elettronica, l ente appaltante deve pubblicare il nome e l indirizzo della società dell appaltatore la cui offerta è stata scelta nella URL indicata nel bando di gara. L ente appaltante deve aggiudicare l appalto all appaltatore che ha offerto il prezzo più basso. Ottobre

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI Il seguente documento ha la finalità di riassumere gli adempimenti e le scadenze che il

Dettagli

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Annalisa Quagliata Componente del gruppo di lavoro Linee Guida Convegno Forum PA Linee guida sulla Qualità delle Forniture ICT:

Dettagli

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI 1. GUIDA ALLA COMPILAZIONE QUANDO DEVE ESSERE COMPILATA?

Dettagli

PROCEDURA APERTA FORNITURA ENERGIA ELETTRICA PER L ANNO 2011 REGOLE TECNICHE PER LO SVOLGIMENTO DELL ASTA ELETTRONICA PREMESSA

PROCEDURA APERTA FORNITURA ENERGIA ELETTRICA PER L ANNO 2011 REGOLE TECNICHE PER LO SVOLGIMENTO DELL ASTA ELETTRONICA PREMESSA PROCEDURA APERTA FORNITURA ENERGIA ELETTRICA PER L ANNO 2011 REGOLE TECNICHE PER LO SVOLGIMENTO DELL ASTA ELETTRONICA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina in via operativa lo svolgimento dell asta

Dettagli

Revisione febbraio 2014

Revisione febbraio 2014 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE NEI SETTORI SPECIALI (ai sensi dell art. 206 del D.lgs. 163/06 e della direttiva 2004/17/CE) Modifica dir. CEE 2004/17/CE e 2004/18/CE nuove

Dettagli

Il sistema giuridico nazionale danese ha recepito le seguenti Direttive comunitarie sugli appalti pubblici:

Il sistema giuridico nazionale danese ha recepito le seguenti Direttive comunitarie sugli appalti pubblici: 1. Direttive Il sistema giuridico nazionale danese ha recepito le seguenti Direttive comunitarie sugli appalti pubblici: Direttiva 2004/18/CE del Parlamento e del Consiglio Europeo del 31 marzo 2004 sul

Dettagli

BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI

BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo (352) 29 29 42 670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info e formulari on-line:

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Prot. N. Verona, UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA)

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Manuale d uso del Sistema di e-procurement Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Data ultimo aggiornamento: 19 dicembre 2014 Pagina 1 di

Dettagli

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:241236-2011:text:it:html I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE

Dettagli

Lombardia Informatica S.p.A. Bando di gara d appalto

Lombardia Informatica S.p.A. Bando di gara d appalto Lombardia Informatica S.p.A. Bando di gara d appalto I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto: Lombardia Informatica S.p.A., Funzione Acquisti e Affari Generali, Via Taramelli n. 26, 20124, Milano,

Dettagli

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza Le sfide della nuova direttiva per la centrale di VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA E DELL EFFICACIA DELLA DIRETTIVA 2004/18 1 Frammentazione ed eterogeneità delle stazioni appaltanti (250.000); 2 Le piccole

Dettagli

NORME TECNICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA TELEMATICO ACQUISTI REGIONALE DELLA TOSCANA START

NORME TECNICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA TELEMATICO ACQUISTI REGIONALE DELLA TOSCANA START NORME TECNICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA TELEMATICO ACQUISTI REGIONALE DELLA TOSCANA START (approvate con Decreto Dirigenziale n. 3631 del 06/08/2015) Indice Sezione I -Norme disciplinanti le procedure

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

Gestione della privacy nell'e-procurement

Gestione della privacy nell'e-procurement Gestione della privacy nell'e-procurement l'esempio della piattaforma telematica di EmPULIA Centrale di acquisto territoriale della Regione Puglia Avv. Pasquale Lopriore Divisione Informatica Telematica

Dettagli

1. Quadro legislativo

1. Quadro legislativo 1. Quadro legislativo Le Direttive Comunitarie relative agli appalti pubblici costituiscono la base della legislazione nazionale irlandese sugli appalti pubblici. Le Direttive entrano legalmente in vigore

Dettagli

Direttive d aggiudicazione (DAAP)

Direttive d aggiudicazione (DAAP) Organo intercantonale per gli appalti pubblici (OiAp) Direttive d aggiudicazione (DAAP) relative al Concordato intercantonale sugli appalti pubblici (CIAP) del 5 novembre 994/5 marzo 00 (visto l art del

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2 Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea Info e formulari on-line: http://simap.ted.europa.eu Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice Servizi sociali e altri servizi specifici Appalti

Dettagli

COMUNE DI TARANTO Servizio Appalti e Contratti

COMUNE DI TARANTO Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA per procedura aperta relativa all affidamento del SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE E INDICIZZAZIONE DELLE RACCOLTE DELLE BIBLIOTECHE DEL POLO S.B.N. DI TARANTO Appalto n. 30/2011 CIG: 3490724C8F

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 23 DEL 23 APRILE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 23 DEL 23 APRILE 2007 DECRETO DIRIGENZIALE N. 40 del 29 marzo 2007 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO ECOLOGIA, TUTELA DELL'AMBIENTE, DISIN- QUINAMENTO, PROTEZIONE CIVILE SETTORE PROGRAMMAZIONE INTERVENTI DI PROTE- ZIONE CIVILE

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DI AGENZIE DI PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE DISCIPLINARE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DI AGENZIE DI PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE DISCIPLINARE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DI AGENZIE DI PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE DISCIPLINARE Premessa - Descrizione delle forniture e dei servizi da appaltare mediante il sistema di qualificazione. ATAF S.p.A. intende

Dettagli

Tariffa Oraria Accordo Quadro x Ore stimate per la realizzazione =

Tariffa Oraria Accordo Quadro x Ore stimate per la realizzazione = Spettabile (Ragione Sociale Impresa) (Indirizzo completo) (cap) (Città) (Sigla Provincia) Richiesta di offerta trasmessa a mezzo (PEC/fax) OGGETTO: APPALTO SPECIFICO NELL AMBITO DELL ACCORDO QUADRO STIPULATO,

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del decreto

Dettagli

I-San Donato Milanese: Gas naturale 2011/S 140-233125 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-San Donato Milanese: Gas naturale 2011/S 140-233125 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:233125-2011:text:it:html I-San Donato Milanese: Gas naturale 2011/S 140-233125 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE I: ENTE

Dettagli

Azienda Regionale Centrale Acquisti S.p.A. Bando di gara d appalto I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto: ARCA Azienda Regionale Centrale

Azienda Regionale Centrale Acquisti S.p.A. Bando di gara d appalto I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto: ARCA Azienda Regionale Centrale Azienda Regionale Centrale Acquisti S.p.A. Bando di gara d appalto I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto: ARCA Azienda Regionale Centrale Acquisti S.p.A., Via Fabio Filzi, n. 22, 20124, Milano,

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni Decreto del Presidente della Repubblica Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per i contraenti generali delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO ORIGINALE SETTORE IV - URBANISTICA - INFRASTRUTTURE E SERVIZI ALLE IMPRESE SUAP N. Generale : 344 del 14/10/2014 DETERMINAZIONE N. 116 DEL 14 ottobre

Dettagli

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO ٱ SÌ X

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO ٱ SÌ X Lavori Forniture Servizi ٱ ٱ X BANDO DI GARA D APPALTO Riservato all Ufficio delle pubblicazioni Data di ricevimento dell avviso N. di identificazione L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

INVITO A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA DI GARA. 1. L Istituto Universitario Europeo (IUE), intende aggiudicare l appalto pubblico in oggetto.

INVITO A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA DI GARA. 1. L Istituto Universitario Europeo (IUE), intende aggiudicare l appalto pubblico in oggetto. Il testo italiano è una traduzione da quello originale in lingua inglese per consentire una maggiore fruibilità dello stesso da parte dei concorrenti interessati. In caso di dubbio, disputa o involontario

Dettagli

AVVISO RELATIVO AGLI APPALTI AGGIUDICATI

AVVISO RELATIVO AGLI APPALTI AGGIUDICATI UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail: mp-ojs@opoce.cec.eu.int

Dettagli

COSTRUZIONI INTERNAZIONALI: PROCEDURE, CONTRATTUALISTICA E RISOLUZIONE DELLE LITI II MODULO DI APPROFONDIMENTO

COSTRUZIONI INTERNAZIONALI: PROCEDURE, CONTRATTUALISTICA E RISOLUZIONE DELLE LITI II MODULO DI APPROFONDIMENTO COSTRUZIONI INTERNAZIONALI: PROCEDURE, CONTRATTUALISTICA E RISOLUZIONE DELLE LITI II MODULO DI APPROFONDIMENTO PROCEDURE DI AGGIUDICAZIONE INTERNAZIONALI: problemi pratici Avv. Velia M. Leone Roma, 27

Dettagli

Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di stampa gestiti presso l Istituto Universitario Europeo

Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di stampa gestiti presso l Istituto Universitario Europeo Lettera d invito a presentare offerte Busta 1 Gentili signori e signore, Oggetto: Riferimento: Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di stampa gestiti presso l Istituto Universitario Europeo

Dettagli

VADEMECUM OPERATIVO SERVIZI ASMECOMM con allegata TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ APPALTI E ACQUISTI dal 1 Gennaio 2015

VADEMECUM OPERATIVO SERVIZI ASMECOMM con allegata TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ APPALTI E ACQUISTI dal 1 Gennaio 2015 VADEMECUM OPERATIVO ERVIZI AMECOMM con allegata TABEA OBBIGO-ACOTÀ APPATI E ACQUITI dal 1 Gennaio 2015 Il Vademecum è uno strumento operativo per guidare gli operatori degli Enti aderenti agli adempimenti

Dettagli

I.2) TIPO DI AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE E PRINCIPALI

I.2) TIPO DI AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE E PRINCIPALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE GUARDIA DI FINANZA REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO LIGURIA BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

Dettagli

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2 Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea Info e formulari on-line: http://simap.ted.europa.eu Bando di gara Direttiva 2014/24/UE Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice I.1) Denominazione

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL FONDO MICROCREDITO FSE

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL FONDO MICROCREDITO FSE BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL FONDO MICROCREDITO FSE SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto Denominazione

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

ENAV S.p.A. AVVISO DI GARA SETTORI SPECIALI. Denominazione ufficiale: ENAV S.p.A. Indirizzo postale: Via Salaria n. 716

ENAV S.p.A. AVVISO DI GARA SETTORI SPECIALI. Denominazione ufficiale: ENAV S.p.A. Indirizzo postale: Via Salaria n. 716 ENAV S.p.A. AVVISO DI GARA SETTORI SPECIALI SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: ENAV S.p.A. Indirizzo postale: Via Salaria n. 716 Città:

Dettagli

CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A.

CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A. CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A. BANDO DI GARA codice SIMAP 2011-104590 codice CIG N. 30647431EE SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione

Dettagli

Gli adempimenti burocratico-amministrativida soddisfare in tema di semplificazione e anticorruzione

Gli adempimenti burocratico-amministrativida soddisfare in tema di semplificazione e anticorruzione SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La fatturazione elettronica e gli adempimenti burocratico-amministrativida soddisfare in tema di gestione degli appalti, lavori, servizi e forniture tramite Centrali

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

BANDO DI GARA D APPALTO

BANDO DI GARA D APPALTO UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg Telefax (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail:

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

I-Palermo: Servizi generali di consulenza gestionale 2011/S 107-176286 BANDO DI GARA. Servizi

I-Palermo: Servizi generali di consulenza gestionale 2011/S 107-176286 BANDO DI GARA. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:176286-2011:text:it:html I-Palermo: Servizi generali di consulenza gestionale 2011/S 107-176286 BANDO DI GARA Servizi SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE

Dettagli

I-Nuoro: Erogazione di energia elettrica 2010/S 64-096290 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Nuoro: Erogazione di energia elettrica 2010/S 64-096290 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:96290-2010:text:it:html I-Nuoro: Erogazione di energia elettrica 2010/S 64-096290 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE I:

Dettagli

BANDO DI GARA D APPALTO

BANDO DI GARA D APPALTO UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Telefax (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail:

Dettagli

DECRETI LEGISLATIVI Appalti -

DECRETI LEGISLATIVI Appalti - DECRETI LEGISLATIVI Appalti - Per le liti su lavori pubblici, servizi e forniture dal 27 aprile operativa la direttiva ricorsi Decreto legislativo 20 marzo 2010 n. 53 PAG. 28 GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Procedura negoziata con aggiudicazione mediante il ricorso al criterio del prezzo più basso per la fornitura di lavoratori in somministrazione 1. Finalità e oggetto. Il presente atto

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06. REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06. ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE ALBO FORNITORI La Fondazione Teatro Regio di Torino procede all istituzione

Dettagli

Bando di gara Servizi di pubblica utilità

Bando di gara Servizi di pubblica utilità Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea Info e formulari on-line: http://simap.ted.europa.eu Bando di gara Servizi di pubblica utilità Direttiva 2014/25/UE Sezione I: Ente aggiudicatore

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

Prot. n.214 /C 14 Besozzo, 19 gennaio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. n.214 /C 14 Besozzo, 19 gennaio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO G. ADAMOLI DI BESOZZO Via degli orti, 5 21023 Besozzo (VA) - Tel 0332-77.02.04 FAX 0332-70.75.35 e-mail: vaic81200g@istruzione.it

Dettagli

AVVISO DI GARA. Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA. Profilo committente: www.eursc.eu Commissione gare

AVVISO DI GARA. Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA. Profilo committente: www.eursc.eu Commissione gare Varese, 13/11/2015 1. 2. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA Sito web : www.eurscva.eu Profilo committente: www.eursc.eu Commissione gare gare@var-eursc.org

Dettagli

GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI ARREDI PER LE SEDI ENAV DISLOCATE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE

GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI ARREDI PER LE SEDI ENAV DISLOCATE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI ARREDI PER LE SEDI ENAV DISLOCATE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI

Dettagli

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO X SÌ. Servizio responsabile U.O.

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO X SÌ. Servizio responsabile U.O. UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Telefax (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail:

Dettagli

Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia

Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia convenzioni, gare telematiche, negozio elettronico e mercato elettronico SINTESI DELL INTERVENTO per la versione integrale, contattare

Dettagli

I-Milano: Veicoli a motore 2008/S 188-248823 BANDO DI GARA. Forniture

I-Milano: Veicoli a motore 2008/S 188-248823 BANDO DI GARA. Forniture 1/5 I-Milano: Veicoli a motore 2008/S 188-248823 BANDO DI GARA Forniture SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: Spea Ingegneria Europea SpA, Via Gerolamo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale,

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale, AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale, ordinaria, programmata e a carattere di urgenza, pronto intervento e reperibilità degli impianti

Dettagli

COMUNE DI RIMINI (RN) BANDO DI GARA. DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE Indirizzo postale: Via della Gazzella, 27

COMUNE DI RIMINI (RN) BANDO DI GARA. DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE Indirizzo postale: Via della Gazzella, 27 COMUNE DI RIMINI (RN) BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: COMUNE DI RIMINI DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE Indirizzo postale: Via della

Dettagli

BANDO DI GARA D APPALTO

BANDO DI GARA D APPALTO UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Telefax (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail:

Dettagli

I-Roma: Servizi di consegna postale 2012/S 189-311234. Bando di gara. Servizi

I-Roma: Servizi di consegna postale 2012/S 189-311234. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:311234-2012:text:it:html I-Roma: Servizi di consegna postale 2012/S 189-311234 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione I:

Dettagli

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163)

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163) L entrata in vigore del Codice dei Contratti Pubblici Codice de Lise D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Il nuovo testo unitario sugli appalti pubblici (anche denominato "Codice de Lise", dal nome del presidente

Dettagli

BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell Unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg Fax (352) 29 29 42 670 Posta elettronica ojs@publications.europa.eu Indirizzo

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163)

CORSO DI FORMAZIONE. IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163) CORSO DI FORMAZIONE IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163) 30 novembre - 1 dicembre 2010 1 LE RAGIONI Fino al 2004 il diritto comunitario disciplinava

Dettagli

BANDO DI GARA CODICE CIG. 3100971A 36

BANDO DI GARA CODICE CIG. 3100971A 36 BANDO DI GARA CODICE CIG 3100971A 36 SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I1) DENOMINAZIONE E PUNTI DI CONTATTO Denominazione Ufficiale: COMUNE DI BRINDISI Indirizzo Postale: Piazza Matteotti n1 Città

Dettagli

I-San Donato Milanese: Server di rete 2011/S 75-123420 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-San Donato Milanese: Server di rete 2011/S 75-123420 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:123420-2011:text:it:html I-San Donato Milanese: Server di rete 2011/S 75-123420 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE I:

Dettagli

I-Roma: Computer personali 2009/S 244-349593 BANDO DI GARA. Forniture

I-Roma: Computer personali 2009/S 244-349593 BANDO DI GARA. Forniture 1/6 I-Roma: Computer personali 2009/S 244-349593 BANDO DI GARA Forniture SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: Lottomatica Group S.p.A., Viale del

Dettagli

BANDO DI GARA. Sezione II: Oggetto dell appalto

BANDO DI GARA. Sezione II: Oggetto dell appalto BANDO DI GARA Approvato dal C.d.A. nella seduta n. 2 del 24 Febbraio 2015 Sezione I: Ente Aggiudicatore I.1) Denominazione, indirizzo e punti di contatto: Denominazione Ente Aggiudicatore: CENTRO VENETO

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI VILLARICCA (Provincia di Napoli) Corso Vittorio Emanuele, 60 CAP: 80010 Tel. +390818191228/229 Fax: +390818191269 http://www.comune.villaricca.na.it pec: protocollo.villaricca@asmepec.it BANDO

Dettagli

Bando di gara Servizi Prot. 22948/28.05.2015 GURI N. 66 del 8.6.2015 V Serie Spec.

Bando di gara Servizi Prot. 22948/28.05.2015 GURI N. 66 del 8.6.2015 V Serie Spec. Bando di gara Servizi Prot. 22948/28.05.2015 GURI N. 66 del 8.6.2015 V Serie Spec. SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: AMMINISTRAZIONE PROV.LE IMPERIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

Procurement Training Program Area Giuridica La nuova normativa sugli appalti

Procurement Training Program Area Giuridica La nuova normativa sugli appalti Procurement Training Program Area Giuridica La nuova normativa sugli appalti Perché formarsi sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE. Procedure di scelta del contraente

APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE. Procedure di scelta del contraente APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE Procedure di scelta del contraente FORUM PA 2010 Autore: Adolfo Candia 1 1 Direttive comunitarie: definizioni Procedura aperta Procedura ristretta Procedura negoziata Tutti

Dettagli

ISTITUZIONE CENTRO SERVIZI PER ANZIANI

ISTITUZIONE CENTRO SERVIZI PER ANZIANI ALL. A) ISTITUZIONE CENTRO SERVIZI PER ANZIANI DEL COMUNE DELL AQUILA Cardinale Corradino Bafile BANDO DI GARA per l'affidamento, mediante procedura aperta, della gestione dei servizi alberghieri e di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO CUP I84H13000190002

AVVISO PUBBLICO CUP I84H13000190002 Prot. N. 44353 del 28/05/2015 AVVISO PUBBLICO Indagine di mercato per l individuazione di operatori economici da invitare alla procedura negoziata inerente l affidamento in appalto per l esecuzione di

Dettagli

BANDO DI GARA D APPALTO

BANDO DI GARA D APPALTO UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Telefax (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail:

Dettagli

CITTA DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA CORPO POLIZIA LOCALE Ufficio Comando Settore Affari Generali e Personale

CITTA DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA CORPO POLIZIA LOCALE Ufficio Comando Settore Affari Generali e Personale BANDO DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO FORNITURA E POSA IN OPERA DI SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE - CIG 39689354C5 - ENTE APPALTANTE Comune di Nettuno, Viale Giacomo Matteotti n 37 00048 Nettuno

Dettagli

AVVISO DI GARA PER PROCEDURA NEGOZIATA PER AFFIDAMENTO SERVIZI ASSICURATIVI DIVERSI

AVVISO DI GARA PER PROCEDURA NEGOZIATA PER AFFIDAMENTO SERVIZI ASSICURATIVI DIVERSI AVVISO DI GARA PER PROCEDURA NEGOZIATA PER AFFIDAMENTO SERVIZI ASSICURATIVI DIVERSI Questo Comune indice una procedura negoziata per l affidamento di servizi assicurativi diversi per anni tre, dal 01.01.2004

Dettagli

1.3) Principali settori di attività

1.3) Principali settori di attività BANDO DI GARA CODICE CIG 3310344648 SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Denominazione Ufficiale: COMUNE DI BRINDISI Indirizzo Postale: Piazza Matteotti

Dettagli

Italia-Pisa: Servizi di assicurazione contro danni o perdite 2014/S 053-088617. Bando di gara. Servizi

Italia-Pisa: Servizi di assicurazione contro danni o perdite 2014/S 053-088617. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:88617-2014:text:it:html Italia-Pisa: Servizi di assicurazione contro danni o perdite 2014/S 053-088617 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA CONSORZIO INDUSTRIALE PROVINCIALE DELL OGLIASTRA AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI QUALIFICATI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI DI CUI ALLA PARTE II TITOLO II CONTRATTI

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE BANDO DI GARA

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE BANDO DI GARA COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE SETTORE SERVIZI SOCIALI via Emilia Romagna tel. 0832/704360 fax 0832/705009 E-mail: servizisociali@comune.guagnano.le.it BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L ACQUISTO

Dettagli

Bando di gara d appalto a procedura ristretta accelerata C.I.G. n. 0293732B4D

Bando di gara d appalto a procedura ristretta accelerata C.I.G. n. 0293732B4D Bando di gara d appalto a procedura ristretta accelerata C.I.G. n. 0293732B4D SEZIONE I AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Ministero delle Infrastrutture e

Dettagli

COMUNE DI LETTERE PROVINCIA DI NAPOLI UFFICIO TECNICO. CORSO V. EMANUELE n 130 C.A.P. 80050 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

COMUNE DI LETTERE PROVINCIA DI NAPOLI UFFICIO TECNICO. CORSO V. EMANUELE n 130 C.A.P. 80050 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta del prezzo più basso mediante ribasso sul costo/tonn. di smaltimento

Dettagli

MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI

MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI Il Pubblici svolge funzione di stazione appaltante a favore del sistema unico provinciale e delle

Dettagli