NORMATIVA E RACCOLTA DI CRITERI INTERPRETATIVI AIDEPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA E RACCOLTA DI CRITERI INTERPRETATIVI AIDEPI"

Transcript

1 Art. 62: la nuova disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e alimentari NORMATIVA E RACCOLTA DI CRITERI INTERPRETATIVI AIDEPI Viale del Poggio Fiorito, Roma T F C.F

2 Sommario PREMESSA 4 STRUTTURA DEL DOCUMENTO 5 AMBITO DI APPLICAZIONE 6 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 6 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 6 Prodotti agricoli e alimentari 6 Nozione di cessione 6 Nozione di consumatore finale ed estensione della norma anche agli enti pubblici 7 Attività promozionali 7 Agenti e rappresentanti 7 Estensione territoriale del provvedimento 7 Relazioni connotate da significativo squilibrio nelle rispettive posizioni di forza commerciale. 7 Espresse esclusioni dal campo di applicazione 8 SCHEDA SINOTTICA N.1: AMBITO DI APPLICAZIONE 9 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 10 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 11 Elenco esemplificativo di clausole 11 Condizioni retroattive 11 Valenza delle condotte incluse nelle Raccomandazioni dell High Level Forum 11 Sconti o contributi ancorati ai pagamenti anticipati 12 Prezzi sottocosto 12 Consegne differite 12 SCHEDA SINOTTICA N. 2 : PRATICHE COMMERCIALI SLEALI 13 FORMA SCRITTA DEI CONTRATTI 14 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 14 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 15 Principali ipotesi contrattuali 15 Superfluità della sottoscrizione in situazione qualificabili come equipollenti 16 Utilizzo della PEC e della firma elettronica o digitale 16 Elementi essenziali 17 SCHEDA SINOTTICA N. 3: FORMA SCRITTA 18 TERMINI DI PAGAMENTO 19 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 19 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 20 Prodotti deteriorabili e non 20 Prodotti a base di carne 21 Tutti i tipi di latte 21 Inderogabilità della disciplina dei termini di pagamento 22 Calcolo della decorrenza dei termini 22 Criteri per la certificazione del ricevimento della fattura 22 Criterio suppletivo del ricevimento della merce 22 Fatturazione separata per cessioni assoggettate a termini differenti 22 SCHEDA SINOTTICA N. 4 :TERMINI DI PAGAMENTO 24 2

3 INTERESSI DI MORA 25 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 25 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 26 Decorrenza automatica degli interessi 26 Computo del saggio degli interessi 26 Divieto eccezione di inadempimento per inadempimento solo parziale della controparte 26 Compensazione dei crediti/debiti 26 Rinuncia agli interessi 26 Fattura per gli interessi di mora non obbligatoria 27 Gestione contabile degli interessi 27 SCHEDA SINOTTICA N. 5 : INTERESSI DI MORA 28 FUNZIONI DELL AUTORITÀ GARANTE PER LA CONCORRENZA ED IL MERCATO 29 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 29 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 29 Intervento d ufficio e competenza all irrogazione delle sanzioni 29 Regolamento istruttorio 29 ENTRATA IN VIGORE 30 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 30 INDICAZIONI INTERPRETATIVE 30 Entrata in vigore del provvedimento 30 APPENDICE NORMATIVA 31 3

4 Premessa L art. 62 del Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, convertito con modificazioni dalla Legge 24 marzo 2012, n. 27, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 65 alla Gazzetta Ufficiale n. 79, del 3 aprile 2012, ha riformato la disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari. La nuova normativa abroga i commi 3 e 4 dell art. 4 del decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, recante Attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, modificato dal Decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, di recepimento della Direttiva 2011/7/UE sui late payments (e il decreto del Ministero delle attività produttive del 13 maggio 2003), introducendo termini di pagamento e interessi inderogabili dalle parti, il requisito della forma scritta a pena di nullità degli stessi e pratiche commerciali espressamente vietate. Con decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 274 del 23 novembre 2012, sono state definite, come previsto dal comma 11 bis dell art. 62, le relative modalità applicative, la cui entrata in vigore è fissata a decorrere dall 8 dicembre La normativa in commento si configura come disciplina speciale rispetto al citato Decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, di recepimento della Direttiva 2011/7/UE, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, che ha un ambito di applicazione ben più ampio di quello relativo all art. 62, in quanto le sue disposizioni si applicano ad ogni pagamento effettuato a titolo di corrispettivo in una transazione commerciale. Considerate l assoluta novità delle disposizioni, il rilevante impatto nella prassi delle transazioni commerciali consolidatesi nel tempo e i numerosi profili interpretativi cui l impianto normativo si presta, l AIDEPI ha inteso riprodurre, nel presente documento, le disposizioni dell art. 62, in combinato disposto con quelle del relativo decreto applicativo, accompagnate da brevi commenti esplicativi ed interpretativi delle stesse, basati sulle tesi dottrinarie e giurisprudenziali maggiormente accreditate in materia di diritto antitrust, diritto internazionale privato, diritto dei contratti, in materia fiscale, ecc. Il documento rimane necessariamente aperto a modifiche, integrazioni e migliorie che verranno apportate, di volta in volta, all esito dei futuri pronunciamenti dell Antitrust e dei competenti organi giurisdizionali, o degli aspetti applicativi che verranno ritenuti, sul piano giuridico, maggiormente aderenti al dettato normativo. Resta inteso che il documento rappresenta una semplice opera di natura compilativa ed interpretativa elaborata a cura degli Uffici AIDEPI e non è in alcun modo vincolante per le Aziende Associate, che rimarranno quindi libere di interpretare o attuare la normativa in questione in maniera in tutto o in parte difforme rispetto a quanto ivi previsto. 4

5 Struttura del documento La partizione del documento è effettuata per i macro temi che rappresentano l ossatura delle disposizioni dell art. 62, vale a dire il campo di applicazione del provvedimento, il requisito della forma scritta, le clausole commerciali vietate, la disciplina dei termini di pagamento, gli interessi di mora, le funzioni dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e l entrata in vigore del provvedimento. Ciascun tema è, a sua volta, suddiviso in una sezione contenente i principali riferimenti normativi, una sezione relativa ai profili interpretativi, ed una scheda sinottica. Nella sezione dedicata al riepilogo dei passaggi normativi riguardanti ciascun tema, vengono raccolti tutti i riferimenti normativi relativi a quello specifico tema, che sono tratti sia dall articolato dell art. 62, sia dal dettato del decreto applicativo. La sezione ha già, di per sé, il pregio di anticipare molti dei quesiti degli Associati, che trovano una risposta sufficientemente chiara proprio nel tessuto normativo. Nella sezione concernente i profili interpretativi vengono, invece, raccolte le interpretazioni che vanno via via facendosi strada, sia all esito dei confronti dottrinari che emergono in occasione dei principali convegni organizzati in materia, sia in seno alle istituzioni maggiormente coinvolte che traducono in documenti di Frequently Asked Questions and Answers i quesiti che provengono dagli operatori, sia alla luce degli orientamenti giurisprudenziali che contribuiscono a far luce su alcuni aspetti della materia. Nelle schede sinottiche si fornisce, infine, un prospetto sintetico degli aspetti normativi e interpretativi legati a ciascuna tematica. Le diciture ART. 62, che figurano nel documento, dovranno intendersi riferite all art. 62 del decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1 recante Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività", convertito con modificazioni dalla Legge 24 marzo 2012 n. 27. Le diciture DECRETO APPLICATIVO, dovranno intendersi riferite al Decreto 19 Ottobre 2012, n. 199, intitolato Regolamento di attuazione dell'articolo 62 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n

6 Ambito di applicazione Principali riferimenti normativi ART 62 Il comma 1 fa rientrare nell ambito di applicazione del provvedimento i contratti che hanno ad oggetto la cessione dei prodotti agricoli e alimentari ad eccezione di quelli stipulati con il consumatore finale. DECRETO APPLICATIVO L art. 1, comma 1, chiarisce che il provvedimento si applica ai contratti di cui all art. 62, comma 1 e alle relazioni commerciali in materia di cessioni di prodotti agricoli e alimentari, la cui consegna avviene nel territorio della Repubblica italiana, con particolare riferimento alle relazioni economiche tra gli operatori della filiera connotate da un significativo squilibrio nelle rispettive posizioni di forza commerciale. L art. 2, comma 1, lett e), definisce la cessione dei prodotti agricoli e alimentari come il trasferimento della proprietà di prodotti agricoli e/o alimentari, dietro il pagamento di un prezzo, la cui consegna avviene nel territorio della Repubblica Italiana. Indicazioni interpretative Prodotti agricoli e alimentari I Prodotti rientranti nel campo di applicazione sono i prodotti agricoli e alimentari. In virtù della definizione di prodotti agricoli fornita dall art. 2, comma 1, lett. a), del decreto applicativo, sono tali tutti i prodotti agricoli elencati nell Allegato I, di cui all art. 38, comma 3, del Trattato sul funzionamento dell Unione europea. In virtù della definizione di prodotti alimentari fornita dall art. 2, comma 1, lett. b), del decreto applicativo, sono tali i prodotti di cui all art. 2, del regolamento (CE) n. 178/2002. Nozione di cessione Per cessione, deve intendersi, come da definizione sopra riportata, il trasferimento della proprietà di prodotti agricoli e/o alimentari, dietro il pagamento di un prezzo. Il provvedimento, quindi, si applica anche alle cessioni effettuate nei confronti dei concessionari, degli agenti o dei rappresentanti ogni qualvolta si realizzi un trasferimento della proprietà di prodotti agricoli e/o alimentari, dietro il pagamento di un prezzo. Sono quindi in linea generale da escludersi i trasferimenti a titolo gratuito, le permute, i contratti di deposito e tutti i negozi che non realizzino un trasferimento nel senso sopra delineato. 6

7 Nozione di consumatore finale ed estensione della norma anche agli enti pubblici Per consumatore finale deve intendersi esclusivamente la persona fisica. In virtù della definizione fornita dall art. 2, comma 1, lett. c), il consumatore finale è infatti la persona fisica che acquista i prodotti agricoli e/o alimentari per scopi estranei alla propria attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. L art. 62 si applica quindi alle cessione effettuate alle mense, ai ristoranti agli ospedali ed agli enti pubblici o privati. Attività promozionali Rientrano nell ambito di applicazione dell art. 62 le cessioni dei prodotti agricoli e alimentari. A rigore, quindi, le attività promozionali, quando non facenti parte dell assetto contrattuale relativo alla cessione dei prodotti, non dovrebbero rientrare nel campo di applicazione del provvedimento, a meno che non risulti che siano state imposte unilateralmente in maniera diretta o indiretta. Nel qual caso, si ricadrebbe nel divieto espressamente previsto dall art. 62, comma 2, lett a) e nelle altre previsioni in materia di pratiche commerciali vietate. Agenti e rappresentanti L art. 62 si estende a tutte le cessioni di prodotti agricoli e alimentari, a prescindere dal soggetto nei cui confronti vengono effettuate, fatto salvo il solo consumatore finale come sopra evidenziato. Devono quindi ritenersi incluse nel campo di applicazione del provvedimento anche le cessioni effettuate nei confronti degli agenti e rappresentanti ogniqualvolta si realizzi il trasferimento dei beni in questione dietro il pagamento di un prezzo. Estensione territoriale del provvedimento Quanto all estensione territoriale del provvedimento si applica il criterio di collegamento della consegna nel territorio della Repubblica italiana. Rimangono quindi escluse dal campo di applicazione la Repubblica di San Marino e Città del Vaticano e tutte le consegne comunque effettuate fuori dal territorio della Repubblica italiana. Rientrano quindi nell ambito di applicazione dell art. 62 le consegne Ex works e comunque in tutti i casi in cui la consegna avviene presso uno stabilimento ubicato in Italia. Relazioni connotate da significativo squilibrio nelle rispettive posizioni di forza commerciale. Di non facile lettura resta il riferimento effettuato dall art. 1, comma 1, del decreto applicativo nella parte in cui sembra voler circoscrivere l applicazione dell art. 62 alle relazioni economiche tra gli operatori della filiera connotate da un significativo squilibrio nelle rispettive posizioni di forza commerciale. L unica opzione interpretativa percorribile, nell ipotesi in cui non ci si voglia rassegnare ad attribuire alla puntualizzazione in commento una mera accezione descrittiva della ratio 7

8 ispiratrice dell art. 62, resta quella di voler suggerire all organo di controllo incaricato, di non inficiare, con la pena della nullità e con la scure della sanzione, quei contratti che, pur non correttamente eseguiti sotto il profilo formale, non sono connotati da un significativo squilibrio nelle rispettive posizioni di forza commerciale. Altra ipotesi potrebbe essere rappresentata da quelle particolari situazioni in cui l applicazione della norma possa risolversi in un effetto distorsivo proprio a danno del contraente sensibilmente più debole finendo con il realizzare un effetto contrario rispetto a quello della ratio ispiratrice dell art. 62. Le opzioni rappresentate, ad ogni modo, devono essere intese semplicemente come tali in quanto il dettato normativo non fornisce ulteriori elementi di chiarimento. Espresse esclusioni dal campo di applicazione Vengono inoltre espressamente esclusi dall art. 1, co. 3, lett. a), b) e c) del decreto applicativo e dal successivo comma 4: i conferimenti di prodotti agricoli e alimentari operati dagli imprenditori, alle cooperative (di imprenditori agricoli e loro consorzi), se gli imprenditori risultano soci delle cooperative stesse; i conferimenti di prodotti agricoli e alimentari operati dagli imprenditori alle organizzazioni di produttori, se gli imprenditori risultano soci delle organizzazioni di produttori stesse; i conferimenti di prodotti ittici operati tra imprenditori ittici. le cessioni di prodotti agricoli e alimentari istantanee, con contestuale consegna e pagamento del prezzo pattuito. 8

9 SCHEDA SINOTTICA N.1: AMBITO DI APPLICAZIONE 9

10 Pratiche commerciali sleali Principali riferimenti normativi ART 62 Il comma 2 prescrive, nelle relazioni commerciali tra gli operatori economici, ivi compresi i contratti che hanno ad oggetto la cessione dei prodotti agricoli e alimentari i seguenti 5 divieti ed, in particolare, di: a) imporre direttamente o indirettamente condizioni di acquisto, di vendita o altre condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, nonché condizioni extracontrattuali e retroattive; b) applicare condizioni oggettivamente diverse per prestazioni equivalenti; c) subordinare la conclusione, l'esecuzione dei contratti e la continuità e regolarità delle medesime relazioni commerciali alla esecuzione di prestazioni da parte dei contraenti che, per loro natura e secondo gli usi commerciali, non abbiano alcuna connessione con l'oggetto degli uni e delle altre; d) conseguire indebite prestazioni unilaterali, non giustificate dalla natura o dal contenuto delle relazioni commerciali; e) adottare ogni ulteriore condotta commerciale sleale che risulti tale anche tenendo conto del complesso delle relazioni commerciali che caratterizzano le condizioni di approvvigionamento DECRETO APPLICATIVO L art. 4, comma 1, integra tali divieti, prevedendo che rientrino nella definizione di condotta commerciale sleale anche il mancato rispetto dei principi di buone prassi e le pratiche sleali identificate dalla Commissione europea e dai rappresentanti della filiera agro-alimentare a livello comunitario nell ambito del Forum di Alto livello per un migliore funzionamento della filiera alimentare (High level Forum for a better functioning of the food supply chain), approvate in data 29 novembre 2011 (vedi allegato al decreto applicativo). Il comma 2, inoltre, rafforza la previsione dell art. 62, comma 2, precisando che tra le condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, imposte dalla parte contraente forte, debbano ricomprendersi quelle che: a) prevedano a carico di una parte l inclusione di servizi e/o prestazioni accessorie rispetto all oggetto principale della fornitura, anche qualora queste siano fornite da soggetti terzi, senza alcuna connessione oggettiva, diretta e logica con la cessione del prodotto oggetto del contratto (vedi art. 62, co. 2, lett. c); b) escludano l applicazione di interessi di mora a danno del creditore o escludano il risarcimento delle spese di recupero dei crediti; c) determinino, in contrasto con il principio di buona fede e correttezza, prezzi palesemente al di sotto del costo di produzione medio dei prodotti oggetto delle relazioni commerciali e delle cessioni da parte degli imprenditori agricoli. 10

11 Il comma 3, infine, contempla una specifica ipotesi di clausola commerciale sleale: la previsione nel contratto di una clausola che obbligatoriamente imponga al venditore, successivamente alla consegna dei prodotti, un termine minimo prima di poter emettere la fattura, fatto salvo il caso di consegna dei prodotti in più quote nello stesso mese, nel qual caso la fattura potrà essere emessa solo successivamente all ultima consegna del mese. Sanzione amministrativo pecuniaria prevista art. 62, co. 6: da euro 516,00 a euro 3.000,00 La misura della sanzione e' determinata facendo riferimento al beneficio ricevuto dal soggetto contraente (escluso il consumatore finale) che non ha rispettato i divieti di cui al comma 2. Indicazioni interpretative Elenco esemplificativo di clausole L elenco di pratiche vietate introdotte dal legislatore deve intendersi come esemplificativo e non esaustivo. Devono, inoltre, ritenersi ricomprese, nella tutela accordata alla parte debole, sia le pratiche desumibili dall assetto contrattuale dei contratti di cessione, sia quelle che si ricavano dall intero complesso delle relazioni commerciali. Condizioni retroattive Quanto alla possibilità di prevedere nei contratti condizioni retroattive, va osservato che l art. 62, coma 2, lett. a) esclude l imposizione diretta o indiretta di condizioni di acquisto, di vendita o altre condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, nonché condizioni extracontrattuali e retroattive. L esclusione delle condizioni retroattive sembra quindi riferirsi ai casi in cui le condizioni retroattive siano, da un lato, extracontrattuali, vale a dire quando non hanno formato oggetto di specifica negoziazione, dall altro, imposte direttamente o in via indiretta. Conseguentemente, condizioni retroattive previste contrattualmente, non ingiustificatamente gravose, stipulate in maniera concertata, corretta e trasparente, sembrano potersi prevedere. La valutazione dell illiceità della pratica andrà comunque condotta caso per caso. Sul punto, tuttavia, non mancano vedute divergenti, tese a negare la validità della clausola in questione. Valenza delle condotte incluse nelle Raccomandazioni dell High Level Forum Come osservato in riferimento alle pratiche vietate contenute nel comma 2 dell art. 62, il richiamo alle buone prassi e alle pratiche sleali identificate dalla Commissione europea e dai rappresentanti della filiera agro-alimentare a livello comunitario nell ambito del Forum di Alto livello per un migliore funzionamento della filiera alimentare, deve intendersi come riferimento puramente descrittivo ed esemplificativo e quindi non chiuso delle principali condotte commerciali sleali identificate al livello comunitario come tali. 11

12 Il documento contiene comunque un elencazione piuttosto corposa delle pratiche da considerarsi sleali. Si suggerisce, pertanto, di valutarle con attenzione nell ambito delle negoziazioni commerciali. Sconti o contributi ancorati ai pagamenti anticipati La previsione, da parte del cliente/acquirente, di una scontistica o comunque di un contributo, motivati dall adempimento alla disciplina dei termini di pagamento, collide, oltre ché con i principi generali della disciplina, con la previsione di cui all art. 62, comma 2, lett. c) e d) e con quella di cui all art. 3, comma 2, lett. a) del decreto applicativo. Prezzi sottocosto L art. 4, comma 2, lett. c) del decreto applicativo si spinge addirittura oltre prevedendo che costituisca condotta commerciale sleale la determinazione di prezzi palesemente al di sotto del costo di produzione medio dei prodotti oggetto delle relazioni commerciali e delle cessioni da parte degli imprenditori agricoli. L entità del differenziale tra il prezzo di produzione del prodotto ed il suo costo, considerata sleale, viene tuttavia qualificata come palese. Consegne differite Il comma 3 dell articolo 4 del decreto applicativo, infine, contempla una specifica ipotesi di clausola commerciale sleale: la previsione nel contratto di una clausola che obbligatoriamente imponga al venditore, successivamente alla consegna dei prodotti, un termine minimo prima di poter emettere la fattura, fatto salvo il caso di consegna dei prodotti in più quote nello stesso mese, nel qual caso la fattura potrà essere emessa solo successivamente all ultima consegna del mese. Il decreto applicativo considera sleale la clausola che imponga al venditore, con il preciso scopo di lucrare ulteriori giorni prima di eseguire il pagamento (in genere all inizio del mese successivo), un termine minimo prima di emettere fattura. Resta al di fuori da tale ipotesi la fattispecie della vendita a consegne differite che consiste in una speciale modalità di esecuzione di un contratto in cui un unica prestazione, consistente, nel caso di specie, nella cessione di prodotti agricoli e alimentari, viene in maniera predeterminata frazionata in una pluralità di momenti distinti. Nel qual caso, la norma prevede, con riferimento alla consegna dei prodotti in quote dello stesso mese, la possibilità di emissione della fattura solo successivamente all ultima consegna del mese. 12

13 SCHEDA SINOTTICA N. 2 : PRATICHE COMMERCIALI SLEALI 13

14 Forma scritta dei contratti Principali riferimenti normativi ART. 62 Il comma 1 prevede che i contratti che hanno ad oggetto la cessione dei prodotti agricoli e alimentari, ad eccezione di quelli conclusi con il consumatore finale, sono stipulati obbligatoriamente in forma scritta e indicano a pena di nullità la durata, le quantità e le caratteristiche del prodotto venduto, il prezzo, le modalità di consegna e pagamento. I contratti devono essere informati a principi di trasparenza, correttezza, proporzionalità e reciproca corrispettività delle prestazioni, con riferimento ai beni forniti. La nullità può anche essere rilevata d ufficio dal giudice. DECRETO APPLICATIVO L art. 3, al comma 1, chiarisce che per forma scritta si intende qualsiasi forma di comunicazione scritta, anche trasmessa in forma elettronica o a mezzo telefax, avente la funzione di manifestare la volontà delle parti di costituire, regolare o estinguere tra loro un rapporto giuridico patrimoniale avente ad oggetto la cessione dei prodotti agricoli e alimentari. L art. 2, lett. i) definisce contratto quadro, accordo quadro o contratto di base: accordi, conclusi anche a livello di centrali di acquisto, aventi ad oggetto la disciplina dei conseguenti contratti di cessione dei prodotti agricoli e alimentari, tra cui le condizioni di compravendita, le caratteristiche dei prodotti, il listino prezzi, le prestazioni di servizi e le loro eventuali rideterminazioni. Con riferimento ai prezzi, il contratto quadro potrà individuare le modalità di determinazione del prezzo applicabile al momento dell emissione del singolo ordine, prevedendo che si faccia riferimento al listino. Nei contratti quadro conclusi con le centrali di acquisto dovranno essere indicati in allegato i nominativi degli associati che ne fanno parte che hanno conferito il mandato ( ). Per quanto riguarda la trasposizione contrattuale degli elementi essenziali di cui all art. 62, il comma 2 prevede che essi possano essere contenuti sia nei contratti o accordi di cui sopra, sia nei conseguenti documenti di seguito elencati, a condizione che questi riportino gli estremi ed il riferimento ai corrispondenti contratti o accordi: a. contratti di cessione dei prodotti; b. documenti di trasporto o di consegna, ovvero la fattura; c. ordini di acquisto con i quali l acquirente commissiona la consegna dei prodotti. Il comma 3, inoltre, prevede che tali elementi essenziali, in forma scritta, possano essere contenuti negli scambi di comunicazioni e di ordini, antecedenti alla consegna dei prodotti. Al comma 4 viene prevista e quindi consentita una diversa specie contrattuale consistente nella possibilità che i documenti di trasporto o di consegna, nonché le fatture, integrati con 14

15 tutti gli elementi essenziali, tranne che nelle fattispecie di cui al predetto comma 2, assolvano gli obblighi della forma scritta e devono riportare la seguente dicitura: Assolve gli obblighi di cui all art. 62, comma 1, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 maro 2012, n. 27. Il comma 5 statuisce poi, circa il requisito della sottoscrizione, che la superfluità della sottoscrizione può affermarsi solo in presenza di situazioni qualificabili equipollenti all apposizione della firma, idonee a dimostrare in modo in equivoco la riferibilità del documento scritto ad un determinato soggetto. Il comma 6 infine considera conformi ai requisiti di forma scritta gli scambi di comunicazioni e contrattazioni effettuati nell ambito della Borsa Merci Telematica Italiana ( ) o delle altre Borse merci riconosciute dalla legge ( ), quando eseguiti su basi contrattuali generate dalla regolamentazione in esse vigenti e contenenti gli elementi previsti dall art. 62. Sanzione amministrativo pecuniaria prevista art. 62, co 5: da euro 516,00 a euro ,00. L'entita' della sanzione e' determinata facendo riferimento al valore dei beni oggetto di cessione Indicazioni interpretative Principali ipotesi contrattuali Dall esame delle disposizioni di cui sopra ed alla luce della linea interpretativa che va facendosi progressivamente strada, emergono sostanzialmente due ipotesi contrattuali che si ritiene coerenti con il nuovo quadro legislativo: 1. contratti o accordi quadro debitamente sottoscritti, anche con firma elettronica, seguiti da successivi contratti di cessione di prodotti o da documenti di trasporto o di consegna, o da fatture o da ordini di acquisto. In questo caso, gli elementi essenziali, in forma scritta, possono essere contenuti sia nei contratti o accordi quadro, sia nei successivi citati documenti a condizione che questi ultimi riportino gli estremi ed il riferimento ai corrispondenti contratti quadro. 2. documenti di trasporto o di consegna, fatture, ordini di acquisto, ecc., completi di tutti gli elementi richiesti dall art. 62 e della frase Assolve agli obblighi di cui all art. 62, comma 1, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. E da ritenersi che il caso sub n. 2 ricorra nelle ipotesi in cui l assetto contrattuale complessivo sia strettamente confinato agli aspetti riportati nel documento commerciale 15

16 (fattura, ordine, ecc.), non sussistendo in sostanza voci fuori fattura facenti parte di una più ampia negoziazione, che quindi richiederebbe una diversa formalizzazione ai sensi dell art. 62. Conseguentemente, la frase Assolve agli obblighi sopra riportata, va inserita (cfr. art. 3 comma 4 del decreto applicativo) solo in tali fattispecie e non anche nelle fatture che trovano la loro origine in un contratto o accordo quadro che, come osservato, devono riportare il riferimento al contratto originario (cfr. art. 3 comma 2 del decreto applicativo). Superfluità della sottoscrizione in situazione qualificabili come equipollenti L art. 3, comma 5 del decreto applicativo precisa, circa il requisito della sottoscrizione, che la superfluità della sottoscrizione può affermarsi solo in presenza di situazioni qualificabili equipollenti all apposizione della firma, idonee a dimostrare in modo in equivoco la riferibilità del documento scritto ad un determinato soggetto. In virtù della ricostruzione delle ipotesi contrattuali sopra riportata, il tema della sottoscrizione rileva solo in relazione alla fattispecie di cui al punto 1, in quanto il requisito della sottoscrizione nelle fatture parlanti deve ritenersi interamente assolto, per espressa previsione del decreto applicativo (art. 3, comma 4), mediante l indicazione degli elementi essenziali completata dalla frase Assolve agli obblighi di cui... Il principio in questione, che affonda le sue radici in un consolidato anche se risalente orientamento giurisprudenziale, viene importato nel nuovo testo del decreto applicativo dal Parere del Consiglio di Stato emesso sulla prima versione del decreto applicativo, che ammetteva infondatamente il difetto di sottoscrizione dei contratti di cui all art. 62. Il Consiglio di Stato quindi nel ribadire la necessità della sottoscrizione nei contratti con forma ad substantiam o della adozione di particolari situazioni qualificabili come effettivamente equipollenti rimetteva alle Amministrazioni concertanti il compito di valutare di chiarire che il requisito della forma scritta ad substantiam può essere soddisfatto, anche in assenza di sottoscrizione dell atto, in presenza di elementi certi idonei a dimostrare la provenienza del documento, quali l apposizione delle firma elettronica o digitale, oppure la trasmissione di documenti mediante lo strumento della PEC. La versione modificata del decreto applicativo, lungi dall accogliere tale invito, si è limitata a richiamare in via generale il principio di cui all art. 3, comma 5, sopra richiamato. Si ritiene, tuttavia, che le situazioni qualificabili equipollenti all apposizione della firma possano comunque identificarsi con quelle tratteggiate dal Consiglio di Stato, vale a dire in presenza di elementi certi idonei a dimostrare la provenienza del documento, la firma digitale o elettronica, la PEC ed altri elementi idonei atti allo scopo. Utilizzo della PEC e della firma elettronica o digitale L invio del contratto mediante PEC alla PEC della controparte non comporta, di per sé, l obbligo di quest ultima di utilizzare lo strumento della PEC per la conclusione dell accordo. Come noto, infatti, l invio di documenti tramite PEC ha valenza legale al pari dell invio di documenti tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Lo stesso dicasi in riferimento all ipotesi di invio della fattura (o degli altri documenti commerciali) tramite PEC. 16

17 Inoltre, in caso di utilizzo della firma elettronica/digitale, sulla base della normativa in materia, non vi è l obbligo di tale modalità di firma in capo a entrambi i contraenti. Pertanto, un contraente potrà optare di sottoscrivere i documenti in esame mediante firma elettronica/digitale e l altro, mediante firma autografa. Elementi essenziali Quanto all indicazione degli elementi essenziali, si deve ritenere che essi, seppur non puntualmente determinabili al momento della elaborazione del contratto, debbano comunque essere determinati nelle fasi successive della sua esecuzione e quindi nelle fatture, ordini, ecc. Nell accordo quadro, comunque, qualora esistente, dovranno figurare gli elementi base per la loro determinazione, quali, ad esempio, i criteri che le parti hanno deciso di adottare per la determinazione del prezzo o le modalità attraverso le quali verranno via via stabilite le quantità. In merito alla esplicitazione dei singoli elementi essenziali, si ritiene che debba intendersi per: durata, quella del contratto. Nelle cessioni che si esauriscono in un unica fornitura potrà essere esplicitato, per evitare equivoci in sede di controllo, che la fornitura è singola. La frase nelle fatture o nei documenti commerciali Assolve agli obblighi di cui.. sembra comunque già sufficientemente esplicita in tal senso. quantità di prodotto oggetto della cessione. In presenza di accordo quadro occorre quanto meno indicare come tali quantità verranno determinandosi nel corso del rapporto o i documenti nei quali esse verranno indicate ed eventualmente un range presuntivo. Nelle fatture parlanti le quantità vanno indicate con chiarezza. caratteristiche del prodotto venduto consistono in una descrizione seppur sintetica del prodotto venduto atto ad individuare in maniera inequivocabile il prodotto oggetto di trasferimento. Non è necessario indicare le caratteristiche fisico chimiche del prodotto, quanto piuttosto la referenza oggetto di cessione. prezzo del prodotto oggetto della cessione. In presenza di accordo quadro occorre indicare in maniera chiara i meccanismi di formazione del prezzo o i parametri che le parti hanno inteso adottare per la loro determinazione. L art. 2, comma1, lett. i) chiarisce al riguardo che il contratto quadro potrà individuare le modalità di rideterminazione del prezzo applicabile al momento dell emissione del singolo ordine, prevedendo che si faccia riferimento al listino. Nelle fatture parlanti il prezzo va chiaramente indicato. modalita' di consegna del prodotto paiono potersi individuare nel luogo, nei tempi e negli strumenti attraverso cui si effettua la consegna, avuto riguardo al tipo di fornitura e attribuendo eventualmente rilievo a quelle informazioni relative alla consegna suscettibili di spostare da una parte o dall'altra gli oneri derivanti dalla stessa e la responsabilità in caso di mancata consegna. modalità di pagamento sono tipicamente i mezzi di pagamento (bonifico, assegno, ) 17

18 SCHEDA SINOTTICA N. 3: FORMA SCRITTA 18

19 Termini di pagamento Principali riferimenti normativi ART. 62 Il comma 3, prima parte, prevede che per i contratti di cui al comma 1, il pagamento del corrispettivo deve essere effettuato per le merci deteriorabili entro il termine legale di trenta giorni e per tutte le altre merci entro il termine di sessanta giorni. In entrambi i casi il termine decorre dall ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. Il comma 4 da le definizioni di prodotti deteriorabili e prodotti non deteriorabili. Per «prodotti alimentari deteriorabili» si intendono i prodotti che rientrano in una delle seguenti categorie: a) prodotti agricoli, ittici e alimentari preconfezionati che riportano una data di scadenza o un termine minimo di conservazione non superiore a sessanta giorni; b) prodotti agricoli, ittici e alimentari sfusi, comprese erbe e piante aromatiche, anche se posti in involucro protettivo o refrigerati, non sottoposti a trattamenti atti a prolungare la durabilità degli stessi per un periodo superiore a sessanta giorni; c) prodotti a base di carne che presentino le seguenti caratteristiche fisico-chimiche: aw superiore a 0,95 e ph superiore a 5,2 oppure aw superiore a 0,91 oppure ph uguale o superiore a 4,5 d) tutti i tipi di latte DECRETO APPLICATIVO L art. 5 comma 1 interviene a chiarire la decorrenza dei termini di pagamento. In particolare, viene precisato che i termini di pagamento ( ) decorrono dall ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. Le modalità di emissione della fattura sono regolamentate dalla vigente normativa fiscale. Il comma 2 disciplina i casi delle cessioni assoggettate a termini differenti, stabilendo che il cedente deve emettere fattura separata per cessioni di prodotti assoggettate a termini di pagamento differenti. Il comma 3 fornisce gli elementi atti a certificare l avvenuto ricevimento della fattura ai fini dell individuazione della data di scadenza del termine di pagamento, da cui far decorrere gli interessi in caso di ritardo di pagamento. Viene così disposto che la data di ricevimento della fattura è validamente certificata solo nel caso di consegna della fattura a mano, di invio a mezzo di raccomandata A.R., di posta elettronica certificata (PEC) o di impiego del sistema EDI (Electronic Data Interchange) o altro mezzo equivalente, come previsto dalla vigente normativa fiscale. 19

20 Il comma 4 introduce un criterio suppletivo alla mancanza di certezza circa la data di ricevimento della fattura. In tal caso, si assume, salvo prova contraria, che la medesima coincide con la data di consegna dei prodotti. Il comma 5 fa salvo quanto previsto dall art. 22 della legge 18 febbraio 1999 n. 28 e s.m.i. in riferimento ai prodotti alcolici. L art. 2, comma 1, lett. c), definisce, infine, i prodotti deteriorabili come i prodotti di cui all articolo 62, comma 4. La durabilità del prodotto (superiore o inferiore a 60 giorni) si riferisce alla durata complessiva del prodotto stabilita dal produttore. Sanzione amministrativo pecuniaria prevista art. 62, co 7: da 500 euro a euro L'entita' della sanzione viene determinata, a carico del debitore, in ragione del fatturato dell'azienda, della ricorrenza e della misura dei ritardi. Indicazioni interpretative Prodotti deteriorabili e non Il primo tema su cui occorre soffermarsi è la scelta operata dal legislatore in merito al concetto di deteriorabilità dei prodotti. Adottando la precedente definizione contenuta nel decreto del Ministro delle attività produttive del 13 maggio 2003, che viene quindi abrogato dal comma 11 dell art. 62, vengono tipizzati i prodotti da ritenersi comunque deteriorabili, in quanto rientranti nelle fattispecie di cui al comma 4, mentre per i restanti prodotti viene invece lasciata al produttore la facoltà di stabilirne la durata. Come sopra richiamato, il comma 4 elenca 4 fattispecie di prodotti deteriorabili: a) prodotti agricoli, ittici e alimentari preconfezionati che riportano una data di scadenza o un termine minimo di conservazione non superiore a sessanta giorni; b) prodotti agricoli, ittici e alimentari sfusi, comprese erbe e piante aromatiche, anche se posti in involucro protettivo o refrigerati, non sottoposti a trattamenti atti a prolungare la durabilità degli stessi per un periodo superiore a sessanta giorni; c) prodotti a base di carne che presentino le seguenti caratteristiche fisico-chimiche: aw superiore a 0,95 e ph superiore a 5,2 oppure aw superiore a 0,91 oppure ph uguale o superiore a 4,5 d) tutti i tipi di latte 20

DOPO L ARTICOLO 62 Le regole sui pagamenti dei fornitori

DOPO L ARTICOLO 62 Le regole sui pagamenti dei fornitori Marcello Fiore Rosa Caterina Cirillo Lino Enrico Stoppani DOPO L ARTICOLO 62 Le regole sui pagamenti dei fornitori (edizione aggiornata al Decreto Legislativo 9 novembre 2012 n. 192 di recepimento della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli