TITOLO I - PARTE GENERALE - AMMINISTRAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO I - PARTE GENERALE - AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 COMUNE DI BRUNELLO (Provincia di Varese) p.iva p.zza P.Ballerio n Brunello - tel.0332/ fax 0332/ Regolamento per l'esercizio in economia dell'acquedotto comunale TITOLO I - PARTE GENERALE - AMMINISTRAZIONE ART. 1. ESERCIZIO IN ECONOMIA L'acquedotto comunale di Brunello è esercitato in economia a termine dell'art. 15 dei T.U , n e dell'art. 293 del T.U. della Legge Comunale e Provinciale n. 383 ART BILANCIO Tutte le spese e le entrate relative all'esercizio dell'acquedotto saranno impostate in appositi articoli di entrata ed uscita nel bilancio generale di previsione del Comune. ART RELAZIONE ANNUALE Ogni anno, in occasione della resa del conto morale, la Giunta Municipale farà oggetto di particolare relazione al Consiglio Comunale sull'esercizio dell'acquedotto, dando precisi ragguagli sugli incassi e le spese, sugli avanzi e sulle perdite, sul funzionamento del servizio in genere, ed in generale portando a conoscenza del Consiglio tutti i fatti e le osservazioni che valgono a far riconoscere nel modo più ampio le condizioni dell'esercizio, la sua importanza, ed i vantaggi relativi. ART CONTABILITA' INTERNA DELL'ACQUEDOTTO E REGISTRAZIONI La Giunta Municipale curerà che vengano istituiti e tenuti al corrente appositi registri in modo da tenere sempre in evidenza: 1) l'elenco degli utenti; 2) il consumo di acqua da parte di ciascun utente; 3) gli incassi trimestrali distinti per: prezzo acqua, nolo contatore e IGE; 4) ogni altra spesa ed entrata relativa all'esercizio; 5) l'inventario esatto dei contatori d'acqua (tenendo distinti quelli presso gli utenti e quelli in magazzino), dei materiali in magazzino e dì tutti gli altri oggetti di proprietà dell'acquedotto comunale, con regolare registro di carico e scarico. ART. 5 - FORNITURE DI MATERIALI, ACQUISTI, ALIENAZIONI. Per le forniture di materiali, acquisti, alienazioni ecc. verrà provveduto mediante contratti eseguiti secondo le norme che regolano i contratti comunali. ART RILIEVI DI CONSUMO I rilievi di consumo verranno eseguiti trimestralmente a mezzo dei personale dell'acquedotto comunale negli ultimi giorni di ogni trimestre con la lettura dei contatori. Con la scorta di detti rilievi di consumo ed in base alle tariffe debitamente approvate, sarà compilata alla fine di ciascun trimestre un ruolo di pagamento e sarà consegnato per la riscossione all'esattore. ART PERSONALE Al normale funzionamento dell'acquedotto viene adibito per incarico un personale amministrativo ed un operaio. L'incarico è revocabile ad insindacabile giudizio della Giunta Municipale con il preavviso di un mese senza alcun diritto dell'incaricato ad indennità di sorta. Il personale amministrativo deve avere almeno il titolo di studio di scuola media inferiore. Al personale amministrativo sono affidati i seguenti compiti: a) regolare tenuta di tutti i registri previsti dall'art. 4 e di quanti altri si riterranno necessari, nonché la formazione del ruolo di pagamento. b) sorveglianza generale sul normale funzionamento dell'acquedotto e sul personale operaio ad esso adibito. c) accettazione domande e depositi cauzionati per nuovi allacciamenti; d) presentazione alla Giunta Municipale degli eventuali ricorsi degli utenti, debitamente corredati; Al detto personale amministrativo viene fissato un compenso forfettario annuo di Lire Al personale operaio vengono affidati i seguenti compiti: a) prestazioni di mano d'opera per la normale sorveglianza, e obbligo di riferire eventuali guasti o perdite; b)lettura dei contatori e consegna al personale amministrativo dell'elenco trimestrale dei consumi a carico di ciascun utente; Al personale operaio viene fissato un compenso forfettario annuo di L

2 TITOLO II - CONCESSIONE ACQUA ART. 8. DOMANDA DI CONCESSIONE La concessione dell'acqua potabile dovrà essere richiesta su appositi moduli forniti dal Comune e conclusa mediante polizza. Le spese relative saranno a carico dell'utente. La concessione dell'acqua verrà accordata ad ogni capo famiglia che ne faccia richiesta. La domanda inoltrata da un inquilino dovrà essere corredata dal nulla osta del proprietario dello stabile. Ogni utente verrà munito di un contatore che verrà collocato nella sua abitazione e nel luogo più conveniente. E' in ogni caso proibito che due o più nuclei familiari si servano di un solo contatore. Per i fabbricati in fregio a Vie o spazi pubblici non ancora percorsi da condotte di acqua potabile, l'amministrazione comunale potrà accordare la concessione mediante un congruo concorso dei richiedenti nelle spese di conduttura, nelle misure da fissarsi volta per volta dalla Giunta Municipale. ART. 9 DURATA DELLE CONCESSIONI Le concessioni di acqua decorreranno dal giorno della posa dei contatore da parte dei Comune e dureranno per tutto l'anno in corso e per quello successivo, in modo da scadere sempre al 31 dicembre, rinnovandosi poi tacitamente di anno in anno, qualora una delle parti non dia disdetta con dichiarazione scritta, due mesi prima della scadenza. ART. 10. TRAPASSO DI PROPRIETA Qualunque caso di trapasso dello stabile dell'abbonato ad altro proprietario non darà, motivo alla risoluzione dei contratto. Tanto l'abbonato cessante quanto il subentrante dovranno darne avviso alla Amministrazione. ART. 11. BOLLI E TASSE Le spese dei bolli e tasse relative all'abbonamento e trapasso saranno a carico dell'abbonato. ART. 12. INTERRUZIONI, SOSPENSIONI DEL DEFLUSSO, ECC. L'Amministrazione non assume alcuna responsabilità' per interruzione o sospensione del deflusso, o per diminuzione del. l'acqua potabile da essa fornita, pure provvedendo con la maggior sollecitudine e nei limiti del possibile a rimuoverne le cause. L'utente non avrà ad ogni modo diritto ad indennizzi di sorta. ART. 13. DIVIETO DI SUBCONCESSIONE L'acqua che viene fornita ad uno stabile deve essere esclusivamente consumata nello stabile stesso. Sarà quindi assolutamente vietato al proprietario, di cedere in qualunque modo l'acqua ai proprietari ed agli inquilini di altri stabili, anche se si tratti di edifici di sua proprietà, ma non compresi nella domanda di abbonamento. TITOLO II - DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA - NORME E TARIFFE ART. 14 SISTEMA DI DISTRIBUZIONE Le concessioni di acqua sono fatte a misura e cioè per un determinato numero di litri affluenti nel periodo di un giorno, di 24 ore. La somministrazione di regola verrà effettuata a deflusso libero, misurato e contrassegnato automaticamente da apparecchio contatore. In casi speciali però potrà anche essere accordata la somministrazione a deflusso continuo con orifizio tassato mediante accordi specifici. ART. 15. ACQUA PER SERVIZI COMUNALI L'acqua in qualunque modo consumata per servizi comunali verrà in fine di ogni anno conteggiata. ART. 16. MINIMI DI CONSUMO La distribuzione dell'acqua sarà fatta in base ai quantitativi minimi di consumo nelle 24 ore dichiarate nella polizza di abbonamento. Detto quantitativo non potrà essere in nessun caso inferiore ai 200 litri al giorno. L'utente pagherà l'acqua indicata dal contatore in base ai prezzi della tariffa in vigore, a partire dal consumo minimo garantito di mc. 72 annui. L'utente dovrà pagare l'importo corrispondente al minimo soprascritto anche in caso di mancato consumo d'acqua. Se invece il consumo sarà superiore al minimo garantito, dovrà pagarsi la quantità misurata dal contatore al prezzo di tariffa. ART. 17. TARIFFA NORMALE La tariffa per il consumo dell'acqua è stabilita nell'allegato A in ragione della quantità misurata dal contatore. ART. 18 TARIFFE SPECIALI Agli enti morali di beneficenza legalmente costituiti sarà concessa l'acqua a titolo gratuito. Nessuna tariffa ridotta o esenzione verrà applicata alle case -di affitto anche se di proprietà dì detti istituti di beneficenza. L'acqua di uso industriale verrà fornita subordinatamente al fabbisogno domestico. ART NOLO CONTATORI

3 I contatori per le misurazioni sono provvisti esclusivamente dal Comune che li dà a nolo agli abbonati. La manutenzione è a carico dei Comune. Il prezzo per nolo contatore è stabilito nella tariffa allegato A. ART. 20 BOCCHE DA INCENDIO Ogni abbonato può con apposita domanda ottenere che il Comune eseguisca una speciale derivazione per le bocche da incendio nell'interno del suo stabile purché la condotta stradale lo consenta. Le spese per tale derivazione ed impianto si intendono a tutto carico del richiedente. Per ogni bocca da incendio verrà corrisposto un canone fisso nella misura indicata nella tariffa allegato A. La valvola di chiusura della bocca d'incendio verrà piombata con suggello dell'amministrazione, dovendo l'abbonato servirsene esclusivamente in caso di incendio, sotto comminatoria per la rottura ingiustificata del suggello, anche se occasionale, nell'ammenda di L senza pregiudizio dell'acqua consumata. E' pure naturalmente proibito qualunque allacciamento delle prese d'acqua per bocche d'incendio con altre derivazioni dello stabile. L'Amministrazione non assume nessuna responsabilità circa la pressione e le condizioni in genere delle condotte; sia principali che secondarie, neppure in relazione ai servizi di incendio. Le reti antincendio esistenti ed in progetto devono essere munite, all inizio della rete stessa, di un contatore con diametro uguale a quello della condotta della rete antincendio, omologato a quadrante asciutto. Il costo del contatore e la posa sono a totale carico dell utente. L avvenuta installazione e la sua posizionatura debbono essere comunicate all Ufficio Tecnico Comunale.. TITOLO IV - PRESE E CONTATORI ART. 21. Le opere di derivazione della condotta principale fino al contatore compreso, saranno eseguite a cura del Comune direttamente o per mezzo degli installatori da esso autorizzati. Le relative spese, in base a preventivo, sono a carico del richiedente. Inoltre è dovuto un diritto fisso di allacciamento a fondo perduto in rapporto alla misura del diametro del contatore. Gli importi sono determinati nella tariffa allegata. ART. 22. LOCALITA DI POSA DEL CONTRIBUENTE L'utente ha l'obbligo di destinare un posto secondo le norme tecniche stabilite dal Comune, riparato dal gelo, e facilmente accessibile agli agenti dell'acquedotto ove collocare l'apparecchio misuratore. ART. 23. GUASTI AL CONTATORE ED ALLE TUBAZIONI COMUNALI L'abbonato dovrà provvedere perché il contatore e le tubazioni non su area pubblica, siano riparate dal gelo e manomissioni, tenuto che in ogni caso egli sarà responsabile verso l'amministrazione dei guasti che avvenissero al contatore ed alle tubazioni comunali per qualsiasi causa dipendente da esso. In caso di guasto l'abbonato dovrà darne immediato avviso all'amministrazione affinché questa possa provvedere. In nessun caso potrà manomettere il contatore ed il rubinetto di presa di proprietà comunale sotto pena di multa di L oltre al risarcimento di eventuali danni. ART. 24. ERRONEA INDICAZIONE DEL CONTATORE Nel caso in cui abbia a constatarsi erronea indicazione di un contatore e conseguenti errori nella lettura trimestrale, il consumo trimestrale verrà stabilito, se nel primo anno di esercizio, nella stessa misura del trimestre anteriore a quello in cui fu constatato l errore; se negli anni successivi nella stessa misura del trimestre corrispondente dell'anno precedente. Quando poi un abbonato ritenesse erronee le indicazioni del contatore, somministrato a nolo dal Comune, l'amministrazione, dietro regolare richiesta, cambierà l'apparecchio verificandone l'esattezza in confronto al consumatore. Ove sia confermato il difetto, la spesa delle prove saranno a carico dei Comune; se invece l'apparecchio risulterà esatto entro i limiti di tolleranza dei 5% in più o in meno, le spese suddette saranno a carico dell'abbonato reclamante. ART. 25 NORME GENERALI PER GLI IMPIANTI INTERNI L'utente dovrà presentare al Comune il progetto, dell'impianto interno di distribuzione; e dovrà seguire le seguenti norme essenziali: 1)La distribuzione dovrà essere fatta per mezzo di tubi in PVC, in ferro zincato, rame stagnato, ghisa ed anche piombo (limitatamente quest'ultimo alla cacciata) e di diametro opportuno a garantire le regolari erogazioni ed in rapporto alla pressione nella tubazione stradale. 2)Immediatamente dopo il contatore dovrà essere collocato un rubinetto di esclusione seguito da uno scarico. 3)I serbatoi chiusi di alimentazione parziale serviti da motopompe (autoclavi) devono essere preventivamente autorizzati dall Amministrazione Comunale. 4)E tassativamente vietata l aspirazione diretta dalla rete pubblica e gli impianti di aspirazione diretta esistenti devono essere disattivati. TITOLO V - ISPEZIONE, LITI ART ISPEZIONI L'Amministrazione avrà sempre diritto di ispezionare a mezzo dei propri incaricati e senza preavviso gli impianti e gli apparecchi per la distribuzione dell'acqua e per la lettura dei contatori.

4 ART. 27. SOSPENSIONE DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA In caso di frode, di gravi conseguenze, per mancata osservanza delle prescrizioni, di recidiva e di insolvenza, l'amministrazione, senza pregiudizio dell azione giudiziaria in confronto dell'abbonato, taglierà senza preavviso la somministrazione dell'acqua. ART.28. SEDE DI COMPETENZA GIUDIZIARIA In qualsiasi contestazione o lite fra utente ed Amministrazione comunale, si stabilisce esplicitamente la competenza giudiziaria locale ogni eccezione in contrario rimossa. ART. 29 UTENZE CONDOMINIALI E SIMILARI Qualora per ragioni tecniche non sia possibile provvedere alla separazione delle utenze, a richiesta degli interessati è possibile procedere alla fatturazione delle forniture ai singoli nuclei familiari sulla base del consumo rilevato dall unico contatore, attribuendo a ciascuno le fasce agevolate. ART. 30 PISCINE La conduttura che alimenta le piscine deve essere preferibilmente derivata dalla rete comunale. L utenza deve essere dotata di contatore riservato al solo uso della piscina. Il calibro del contatore è fissato dal Comune secondo criteri tecnici stabiliti. All utente con vasche di volume superiore a 50 mc. è fatto obbligo di concordare i tempi del riempimento con il tecnico comunale. ALLEGATO A TARIFFE (G.C. n. 36 del ) USO DOMESTICO Fino a 72 mc/anno Euro/mc. 0,10 Da 73 a 144 mc/anno Euro/mc. 0,22 Oltre 144 mc/anno Euro/mc. 0,43 USO NORMALE Fino a 250 mc/anno Euro/mc. 0,50 Da 251 a 500 mc/anno Euro/mc. 0,65 Oltre 500 mc/anno Euro/mc. 0,77 PISCINE Euro/mc. 2,23 USO AGRICOLO Euro/mc. 0,07 NOLO CONTATORI Pollici ½ Euro/anno 1,19 Pollici ¾ Euro/anno 1,43 Pollici 1 Euro/anno 2,86 Pollici 1 ¼ Euro/anno 4,76 Pollici 1 ½ Euro/anno 9,52 Pollici 2 Euro/anno 19,04 IDRANTI Tassa annua Euro/anno 9,92 DIRITTO ALLACCIAMENTO A FONDO PERDUTO (C.C. n.14 del ) Per tubazione sino a ½ pollice Euro 12,40 Per tubazione sino a ¾ pollice Euro 18,60 Per tubazione sino a 1 pollice Euro 30,99

5 Per tubazione sino a 1 ½ pollice Euro 49,58 Per tubazione sino a 2 pollici Euro 61,98

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE 1 I N D ICE Art. 1 Fornitura dell acqua Art. 2 Nuovi allacciamenti su strade prive di rete Art. 3 Ampliamenti di tubazioni

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

INDICE GENERALE 1 - GENERALITA'

INDICE GENERALE 1 - GENERALITA' INDICE GENERALE TITOLO 1 - GENERALITA' Art. 1 - Ente gestore dell'acquedotto e norme per la fornitura Art. 2 - Sistema di distribuzione dell'acqua Art. 3 - Sorveglianza igienica Art. 4 - Divieto di subconcessione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN BADIA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

COMUNE DI SAN MARTINO IN BADIA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO COMUNE DI SAN MARTINO IN BADIA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO - 1 - INDICE TITOLO I - Disposizioni generali...3 Art. 1...3 TITOLO II - Gestione

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA CORSO LUIGI RAZZA N. 2 89014 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZI TECNICI COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA UFFICIO TECNICO Tel. Ufficio Tecnico: 0966/879108 Centralino: 0966/879111

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE PREMESSA Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona fornisce il servizio idrico (acqua potabile e industriale) alle aziende insediate

Dettagli

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE TITOLO I RETE DI DISTRIBUZIONE Art. 1 I. Il servizio pubblico della distribuzione dell acqua potabile è gestito direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE PATRIZIATO DI MOGHEGNO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE PATRIZIATO DI MOGHEGNO REGOLAMENTO PER L'ACQUEDOTTO DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE ************************* DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Il servizio della distribuzione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE approvato con delibera C.C. n. 9 del 11.02.2011 INDICE Art. 1 - (Fornitura dell'acqua)

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA.

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO n. 10 DEL 25.02.2002 REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA Articolo 1 Distribuzione dell acqua e uso Il Comune somministra acqua nel suo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE TESTO APPROVATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 95 DEL 29/10/1984 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 67 DEL 02/06/1989 TESTO

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Comune di CASTELBIANCO

Comune di CASTELBIANCO Comune di CASTELBIANCO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 6 Giugno 2003 INDICE Art 1. Fornitura dell acqua. Art 2. Domanda di fornitura Art 3. Modalità per

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO Testo integrato e coordinato con le modifiche apportate (al testo originario adottato con deliberazione C.C. nr. 122 del

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA

C O M U N E DI CREMENAGA 1 Regolamento allacciamento alla rete idrica C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO ALLACCIAMENTO ALLA RETE IDRICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 28.03.2012. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 11 giugno 2008 Modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO - 1 - Art. 1 Il Patriziato di Avegno, riconosciuta la necessità di dotare il Comune di un impianto d acqua potabile, sollevandolo da ogni spesa

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO ANNO 2001 Versione modificata con la Delibera del Consiglio Comunale Numero

Dettagli

Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE

Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE &2081(',*(1=$12',520$ Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE (Approvato con Deliberazione di C.C. n 78 del 27 dicembre

Dettagli

Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 27.04.2006 Testo entrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ATTI DELIBERATIVI DI COMPETENZA: CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 25.03.1999 ART. 1 FORNITURA DELL ACQUA La fornitura dell acqua potabile viene erogata direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP)

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Regolamento azienda acqua potabile (AAP) Pagina 1 di 13 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali...

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE

CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE Contratto N. Codice N. Volume N. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE In data, tra la Sidra S.p.A., che da ora indicheremo come Sidra, da una parte e cod. fisc. nato il a prov. domiciliato e

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE. (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA. d e c r e t a: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE. (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA. d e c r e t a: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA - visto il messaggio municipale no. 20 del 17 gennaio 2006; - visti gli articoli 7 lett. f) e 15 e

Dettagli

COMUNE DI CADENAZZO. Regolamento dell azienda comunale acqua potabile

COMUNE DI CADENAZZO. Regolamento dell azienda comunale acqua potabile COMUNE DI CADENAZZO Regolamento dell azienda comunale acqua potabile Art. 1 Fornitura d acqua nel Comune L azienda comunale dell acqua potabile di Cadenazzo (denominata in seguito: Azienda) provvede alla

Dettagli

Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile

Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile Art. 1 Fornitura di acqua Il comune fornisce l acqua alle condizioni del presente regolamento. Il comune ha il diritto di privativa per la fornitura di

Dettagli

COMUNE DI SUCCIVO. Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI SUCCIVO. Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE COMUNE DI SUCCIVO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE Approvato con deliberazione del commissario straordinario n. 31-2001 COMUNE DI SUCCIVO Provincia di Caserta REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile

REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile Regione Campania Provincia di Caserta COMUNE DI SAN TAMMARO C.so D. Capitelli n. 35 81050 San Tammaro Caserta Tel 0823 793449 Fax 0823 793767 www.comune.santammaro.ce.it REGOLAMENTO per la distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Regolamento azienda elettrica Pagina 1 di 12 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali... 4 1.3 Applicazione...

Dettagli

C O M U N E D I M A N T A

C O M U N E D I M A N T A C O M U N E D I M A N T A U F F I C I O T E C N I C O S E R V I Z I O D I D I S T R I B U Z I O N E D E L L ' A C Q U A P O T A B I L E - R E G O L A M E N T O - T A R I F F E MANTA, MARZO 1992 Approvato

Dettagli

Regolamento acquedotto

Regolamento acquedotto Regolamento acquedotto APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 61/1997 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 57/1998 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 26/1999 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46/2004 MODIFICATO

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Approvato con delibera C.C.n. 131 in data 21.07.1989 Art. 1 Destinazione ed uso delle acque Il servizio

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno.

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno. Oggetto Il presente Regolamento, redatto secondo le direttive stabilite dall'aeeg con deliberazione n. 229/01 e successive modificazioni e integrazioni, disciplina la somministrazione e la fornitura di

Dettagli

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione.

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione. I Norme generali Art. 1 Costituzione L Azienda dell acqua potabile del Comune di Brusino Arsizio (in seguito denominata Azienda) è istituita in virtù della Legge cantonale sulla municipalizzazione dei

Dettagli

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f.

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f. Spett.le Comune di OGGETTO: DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE. Il sottoscritto (c.f. ) nato a il residente a in via n. tel. in qualità di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 25 del 9 novembre 2009 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

acqua potabile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL'ACQUA POTABILE (MODIFICATO CON DLEIBERA C.C. N.112 DEL 14.12.

acqua potabile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL'ACQUA POTABILE (MODIFICATO CON DLEIBERA C.C. N.112 DEL 14.12. D.T.3409/01 C O M U N E D I C A P O D ' O R L A N D O PROVINCIA DI MESSINA ----------------------------------------------- REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL'ACQUA POTABILE (MODIFICATO

Dettagli

ESERCIZIO IN ECONOMIA DEGLI ACQUEDOTTI

ESERCIZIO IN ECONOMIA DEGLI ACQUEDOTTI COMUNE DI VALPELLINE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMMUNE DE VALPELLINE RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE ESERCIZIO IN ECONOMIA DEGLI ACQUEDOTTI 1 CAPITOLO I - GESTIONE DELL'ACQUEDOTTO...3 Art. 1

Dettagli

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione Il Comune garantisce il servizio di distribuzione dell acqua potabile

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO COMUNALE

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO COMUNALE REGOLAMENTO ACQUEDOTTO COMUNALE Definizioni Agli effetti del presente Regolamento si intende: - per tubazione stradale il complesso delle tubazioni prevalentemente interrate, posate sul suolo pubblico

Dettagli

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE C O M U N E D I U M B E R T I D E -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE PRESSO I CIMITERI DEL COMUNE DI UMBERTIDE APPROVATO CON

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE REGOLAMENTO AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE COMUNE DI ASTANO 2 COMUNE DI ASTANO. Regolamento Azienda comunale acqua potabile. INDICE Capitolo I. Norme generali. pag. 1 Articolo 1 Costituzione pag. 1 Articolo

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Allegato A alla deliberazione C.C. n. 18 del 28.9.2011 Il segretario comunale De Marco dott. Roberto COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI

Dettagli

COMUNE DI COSENZA DIVISIONE II RAGIONERIA E TRIBUTI REGOLAMENTO, PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL' ACQUA POTABILE

COMUNE DI COSENZA DIVISIONE II RAGIONERIA E TRIBUTI REGOLAMENTO, PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL' ACQUA POTABILE COMUNE DI COSENZA DIVISIONE II RAGIONERIA E TRIBUTI REGOLAMENTO, PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL' ACQUA POTABILE (Delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 28 giugno 1989 approvata dal Co.Re.Co.

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE ASPEM S.p.A. Servizio Acquedotto AXA Agenzia Sviluppo & Trading ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE CONTRAENTE: ASPEM S.p.A.

Dettagli

TARIFFARIO LUINO N. 3

TARIFFARIO LUINO N. 3 COMUNE DI LUINO TARIFFARIO LUINO N. 3 SERVIZIO ACQUEDOTTO Allegato al regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 15/3/2002 Adeguamento tariffe approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda. CAPITOLO II Sorveglianza delle infrastrutture dell Azienda

Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda. CAPITOLO II Sorveglianza delle infrastrutture dell Azienda PATRIZIATO DI BIGNASCO Regolamento Azienda acqua potabile San Carlo CAPITOLO I Art. 1 Art. Art. Disposizioni generali Principio Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda CAPITOLO II Sorveglianza delle

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Comune di Pomarance Provincia di Pisa

Comune di Pomarance Provincia di Pisa Carta carayta Comune di Pomarance Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI. Utente: colui o colei che sottoscrive il contratto di illuminazione votiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA ARTICOLO 1 REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA 1. Il servizio pubblico di somministrazione dell acqua nel territorio del Comune di Lentini è regolato dalle norme contenute nel presente Regolamento.

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di San Vittore

Comune di San Vittore Comune di San Vittore Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE SAN VITTORE Regolamento acqua potabile e industriale Pagina 1 di 13 Indice I. NORME GENERALI... 3 Art. 1 Disposizioni

Dettagli

Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE

Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Il presente regolamento, da sottoporre all approvazione del Consiglio Comunale, è stato predisposto

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE. Approvato con delibera consiliare n. 120/01 TITOLO PRIMO NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE. Approvato con delibera consiliare n. 120/01 TITOLO PRIMO NORME GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE Approvato con delibera consiliare n. 120/01 TITOLO PRIMO NORME GENERALI Art. 1 Ente Gestore dell'acquedotto e norme per la fornitura 1. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE COMUNE DI DARFO BOARIO TERME UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ACQUA POTABILE Adottato con deliberazione di C.C. n 115 del 20. 12. 2001. Modificato con deliberazione di C.C. n 090 del

Dettagli

COMUNE DI BELLAGIO Regione Lombardia Provincia di Como

COMUNE DI BELLAGIO Regione Lombardia Provincia di Como COMUNE DI BELLAGIO Regione Lombardia Provincia di Como REGOLAMENTO E TARIFFE Per il servizio dell acqua potabile del Comune di Bellagio Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 153 del 30

Dettagli

COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona

COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona SETTORE TECNICO SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO Concessione di area pubblica parco 1 Maggio e per la gestione del chiosco-bar destinato all esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUEDOTTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUEDOTTO COMUNE DI DOMASO - Provincia di Como - SERVIZIO ACQUEDOTTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUEDOTTO (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 28.02.2002) ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il presente

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE DI PONSACCO Regolamento approvato con Delibera C.C. N. 42 del 28/09/2012 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E PER USO INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E PER USO INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E PER USO INDUSTRIALE TITOLO PRIMO NORME GENERALI Art. 1 Scopo e attività dell'azienda L'Azienda dell'acqua potabile ( in seguito detta semplicemente "Azienda")

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI CAVALLASCA CAP 22020 Via Imbonati, 1 (CO) TEL. 031 210455 - FAX 031 536439 Provincia di Como N. Part. Iva 00516340130 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE Approvazione: Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE ACQUA POTABILE N. INTESTATARIO PERSONA FISICA Il Sig. / La Sig.ra nato/a a il residente in C.A.P. indirizzo COD FISC: in qualità di TEL. CELL. INTESTATARIO PERSONA GIURIDICA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO IDRICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO IDRICO COMUNALE REGOLAMENTO SERVIZIO IDRICO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 17.04.2008 ************************************************ Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RIETI

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RIETI CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RIETI (Ente Pubblico Economico art. 36 Legge. n 317 del 05 Ottobre 1991) CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RIETI REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE TECNICA DELL'ACQUEDOTTO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE TECNICA DELL'ACQUEDOTTO COMUNALE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA COMUNE DI GIGNOD REGOLAMENTO PER LA GESTIONE TECNICA DELL'ACQUEDOTTO COMUNALE ART. 1 FORNITURA DELL'ACQUA Il presente regolamento è finalizzato alla migliore e più razionale

Dettagli

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni SARONNO SERVIZI Società per Azioni Concessionaria del servizio di gestione dell acquedotto Comunale di Saronno (Delibera di Consiglio Comunale n 155 del 30 novembre 1998 Regolamento per la somministrazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI Provincia di Pavia Via Cavour, 18 27039 Sannazzaro de Burgondi c.f. 00409830189 email: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it REGOLAMENTO GAS COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO CAPITOLO I Norme generali Applicazione Art. 1 Il presente regolamento, regola la costruzione, l esecuzione, la manutenzione e il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DELL' ACQUA POTABILE E PER LA TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO.

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DELL' ACQUA POTABILE E PER LA TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO. REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DELL' ACQUA POTABILE E PER LA TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO. -TITOLO I CAPO I - STIPULAZIONE DEI CONTRATTI- ART. 1 SERVIZI FORNITI 1. Il Comune fornisce in distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delib. C.C. n. 35 del 30.09.2013. Pagina 1 di 7 I N D I C E Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli