Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010"

Transcript

1 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010

2 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni Paesi Black List 4. Comunicazioni Paesi Black List: casi pratici 5. Manovra estiva: elenchi clienti e fornitori 2

3 ELENCHI INTRASTAT: novità dal 1 gennaio 2010 FINO AL 31 DICEMBRE 2009 DAL 1 GENNAIO 2010 I soggetti Iva che effettuano acquisti/cessioni di BENI rilevanti ai fini intracomunitari devono compilare gli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie poste in essere; gli elenchi riepilogativi devono essere presentati con periodicità mensile/trimestrale/annuale a seconda del volume di scambi intracomunitari realizzati dal soggetto passivo nell anno precedente. L obbligo di compilazione degli elenchi riepilogativi è esteso anche alle: - prestazioni di servizi generiche rese a soggetti passivi UE; - prestazioni di servizi ricevute da soggetti passivi UE; gli elenchi riepilogativi devono essere presentati con periodicità mensile, salvo che ricorrano le condizioni per la presentazione con periodicità trimestrale. La periodicità annuale è stata soppressa. 3

4 ELENCHI INTRASTAT: modalità e termini di presentazione I modelli Intrastat sono presentati all Agenzia delle Dogane per via telematica, attraverso l utilizzo del Servizio Telematico Doganale (EDI Electronic Data Interchange), entro il giorno 25 del mese successivo al periodo di riferimento. Relativamente alle cessioni intracomunitarie devono essere presentati i seguenti modelli: INTRA-1: frontespizio dell elenco riepilogativo delle cessioni di beni e dei servizi resi; INTRA-1 bis: cessioni di beni; INTRA-1 ter: rettifiche alle cessioni di beni; INTRA-1 quater: servizi resi; INTRA-1 quinquies: rettifiche ai servizi resi. Relativamente agli acquisti intracomunitari devono essere presentati i seguenti modelli: INTRA-2: frontespizio dell elenco riepilogativo degli acquisti di beni e dei servizi ricevuti: INTRA-2 bis: acquisti di beni; INTRA-2 ter: rettifiche agli acquisti di beni; INTRA-2 quater: servizi ricevuti; INTRA-2 quinques: rettifiche ai servizi ricevuti. 4

5 ELENCHI INTRASTAT: chiarimenti C.M. 36 del 21 giugno; C.M. 43 del 6 agosto REGOLA GENERALE I modelli INTRASTAT devono essere presentati con periodicità mensile entro il giorno 25 del mese successivo La periodicità trimestrale è prevista per i soggetti passivi che hanno realizzato, nei quattro mesi precedenti e per ciascuna categoria di operazioni, un ammontare totale trimestrale non superiore a Euro SUPERAMENTO DELLA SOGLIA In caso di presentazione degli elenchi riepilogativi con periodicità trimestrale, ove la soglia di Euro venga superata nel corso di un trimestre, diventa immediatamente obbligatorio presentare gli elenchi con periodicità mensile. Supero a Gennaio elenco trimestrale entro 25 febbraio compilando 1 mese Supero a Febbraio elenco trimestrale entro 25 marzo compilando 2 mesi 5

6 ELENCHI INTRASTAT: chiarimenti C.M. 36 del 21 giugno; C.M. 43 del 6 agosto Obbligo di dichiarare le prestazioni di servizi rese/ricevute tra soggetti stabiliti in Italia e soggetti stabiliti in altri Stati membri. Quindi non vi è obbligo di dichiarazione per i servizi resi a o ricevuti da soggetti extra comunitari con rappresentante fiscale in uno Stato UE; viceversa l obbligo ricorre se i citati soggetti hanno una stabile organizzazione in uno Stato Ue 6

7 ELENCHI INTRASTAT: chiarimenti C.M. 36 del 21 giugno; C.M. 43 del 6 agosto Le operazioni per le quali l imposta non è dovuta nello Stato membro in cui l operazione risulta territorialmente rilevante non vanno incluse 1. Come deve comportarsi l operatore nazionale che presta un servizio generico ad un soggetto passivo di un altro Stato membro non assoggettate ad imposta in tale Paese? 2. E tenuto a conoscere la disciplina Iva di ogni Stato membro di stabilimento dei propri clienti? E tenuto a ricorrere a consulenze fiscali? L operatore nazionale deve richiedere (ed ottenere) al proprio cliente una dichiarazione sottoscritta che attesti che il servizio è esente o non imponibile nel suo Stato comunitario di stabilimento. Ottenuta detta attestazione il soggetto passivo nazionale è legittimato a non includere l operazione nei Modelli Intrastat; in mancanza, la non inclusione è ammessa solo se vi è la certezza che la prestazione non sia gravata da Iva. 7

8 ELENCHI INTRASTAT: chiarimenti C.M. 36 del 21 giugno; C.M. 43 del 6 agosto Fatture / pagamenti a cavallo d anno Fattura estera datata 2009 ma ricevuta nel 2010: rileva il pagamento Fattura emessa nel 2009 ma pagata nel 2010: rileva il momento di emissione della fattura Pagamento/ricevimento di acconti: rileva il momento del pagamento 8

9 ELENCHI INTRASTAT: casi pratici Caso 1 - Un soggetto passivo A, stabilito in Italia, acquista da un soggetto B stabilito in Italia, servizi di consulenza per conto di un altro soggetto C, stabilito in altro Stato membro, il quale provvede a rimborsare le spese sostenute. Il soggetto C corrisponde al soggetto A un compenso per il servizio di intermediazione prestato. MANDATO CON RAPPRESENTANZA Gli atti giuridici del soggetto A ricadono direttamente nella sfera giuridica del soggetto C; Il soggetto B emette fattura intestata al soggetto C e addebita il corrispettivo del servizio di consulenza nei confronti del soggetto C; Il soggetto B è tenuto alla presentazione dei Modelli Intrastat; La prestazione di intermediazione rientra nell ambito dei servizi generici; Il soggetto A è tenuto alla presentazione dei Modelli Intrastat. MANDATO SENZA RAPPRESENTANZA Gli atti giuridici del soggetto A ricadono nella sua sfera giuridica; Il soggetto B emette fattura e addebita il corrispettivo del servizio di consulenza nei confronti del soggetto A; Il soggetto A rende la stessa prestazione al soggetto C; Il soggetto A è tenuto alla presentazione dei Modelli Intrastat; La prestazione di intermediazione rientra nell ambito dei servizi generici; Il soggetto A è tenuto alla presentazione dei Modelli Intrastat. 9

10 continua Caso 2 - La società Alfa S.p.A. recapita al suo cliente tedesco Beta GmbH omaggi del valore complessivo di Euro 2.000, fatturandogli spese di trasporto per Euro 250. Quali sono gli adempimenti ai fini della compilazione dei Modelli Intrastat? ALFA S.p.A. Alfa S.p.A. non è tenuta alla compilazione del Modello Intrastat per i beni; Alfa S.p.A. deve indicare l importo di Euro 250 nel Modello Intrastat per i servizi resi. BETA GmbH 10

11 continua Caso 3 - Una società italiana acquista merce da una società tedesca. Successivamente la società italiana ha l esigenza di spedire ad una società francese la merce acquistata per far eseguire delle prestazioni di riparazione. Quali sono gli adempimenti ai fini della compilazione dei Modelli Intrastat? FRANCIA ITALIA GERMANIA Le prestazioni di riparazione: rientrano tra le prestazioni di servizio generiche; sono assoggettate alla regola generale prevista dall art. 7-ter del D.P.R. n. 633 del 1972; deve essere rilevata negli elenchi Intrastat relativi ai servizi. L invio dei beni in altro Stato membro ai fini di una prestazione di riparazione: non costituisce una cessione intracomunitaria; non deve essere rilevato negli elenchi Intrastat relativi ai beni. 11

12 continua Caso 4 - Un operatore francese FR1 acquista materie prime da un operatore italiano IT1 il quale, su incarico di FR1, consegna le materie prime ad un altro operatore italiano IT2 per la lavorazione. IT2, una volta effettuata la lavorazione, consegna i beni a FR1. FR1 riceve fattura da IT1 per la cessione del bene e da IT2 per la lavorazione. Quali sono gli adempimenti ai fini della compilazione dei Modelli Intrastat? FR1 IT1 IT2 IT1: effettua una cessione intracomunitaria non imponibile; compila l elenco Intrastat relativo ai beni; deve munirsi della prova dell avvenuta uscita dei beni dal territorio dello Stato. IT2: deve annotare i beni ricevuti nel registro delle lavorazioni; emette fattura per la lavorazione (operazione non rilevante ai fini Iva ); la lavorazione va riportata nell Intrastat relativo ai servizi resi; collabora con IT1 per acquisire la prova dell avvenuta spedizione dei beni. 12

13 continua Caso 5 Una società italiana presta un servizio di consulenza a favore di una società francese, che è identificata in Italia tramite un rappresentante fiscale. Quali sono gli adempimenti ai fini della compilazione degli Intrastat? ITALIA FRANCIA La prestazione di servizi di consulenza rientra tra le prestazioni di servizio generiche; ai fini della tassazione rileva il luogo di stabilimento del committente (art. 7-ter del D.P.R. n. 633 del 1972); la società italiana, pertanto, ha l obbligo di includere la prestazione di servizi di consulenza negli elenchi Intrastat relativi ai servizi. 13

14 continua Caso 6 Una società italiana presta un servizio di consulenza a favore di una società svizzera, che è identificata in Francia tramite un rappresentante fiscale. Quali sono gli adempimenti ai fini della compilazione degli Intrastat? Svizzera ITALIA Rapp. In FRANCIA La prestazione di servizi di consulenza rientra tra le prestazioni di servizio generiche; ai fini della tassazione rileva il luogo di stabilimento del committente (art. 7-ter del D.P.R. n. 633 del 1972) che è la Svizzera; la società italiana, pertanto, NON ha l obbligo di includere la prestazione di servizi di consulenza negli elenchi Intrastat relativi ai servizi. 14

15 Comunicazione operazioni con soggetti Black List Il D.L. del 25 marzo 2010 n. 40 ha istituito l obbligo, a carico dei soggetti passivi Iva, di comunicare all Amministrazione Finanziaria i dati degli scambi di beni e/o servizi intervenuti con soggetti stabiliti in Paesi c.d. Black List. OBIETTIVO DEL LEGISLATORE Contrastare i fenomeni delle cartiere e delle frodi carosello 15

16 Operazioni carosello EU /non EU IT3 IT2 IT1 STEP 1 un soggetto italiano effettua una cessione di beni o una prestazione di servizi nei confronti di un soggetto comunitario od extra-comunitario, preferibilmente un paese black list, che è qualificata come operazione non imponibile ai fini Iva in Italia; STEP 2 il soggetto estero effettua la cessione di quanto acquistato a favore di un altro soggetto stabilito in Italia (la cartiera ). STEP 3 la cartiera fatturerà un ulteriore operazione di cessione di beni o prestazione di servizi nei confronti del reale acquirente, incassando l IVA regolarmente fatturata ed estinguendosi subito dopo senza versarla all erario; STEP 4 il reale acquirente del bene/servizio procederà, in sede di liquidazione periodica dell IVA, alla detrazione dell imposta risultante in 16 fattura.

17 Oggetto della comunicazione Le operazioni da segnalare sono tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione da soggetti passivi identificati ai fini IVA in Italia, nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio nei Paesi a fiscalità privilegiata (Black List). Decorrenza: operazioni effettuate dal 1 luglio 2010 D.M. 5 agosto 2010 Sono incluse le operazioni effettuate a decorrere dal 1 settembre che non sono soggette ad Iva ex art. 7 DPR 633/72 (requisito territoriale) Rimangono escluse: Le operazioni esenti ex art. 36 bis (dispensa da adempimenti) 17

18 Oggetto della comunicazione In relazione a ciascuna controparte il soggetto obbligato dovrà indicare: l importo complessivo delle operazioni attive e passive, distinto tra operazioni imponibili, e relativa imposta, non imponibili, esenti e non soggette agli effetti dell imposta sul valore aggiunto, al netto delle relative note di variazione; l importo delle note di variazione emesse e ricevute relative ad annualità precedenti. L elenco dei Paesi Black List è individuato dai seguenti decreti: D.M. 4 maggio 1999; D.M. 21 novembre Il decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 27 luglio 2010 ha escluso dai Paesi Black List: Cipro, Malta e Corea del Sud. 18

19 Periodicità della comunicazione La comunicazione deve essere presentata mensilmente salvo : per i soggetti che hanno realizzato, nei quattro trimestri precedenti e per ciascuna categoria di operazioni, un ammontare totale trimestrale non superiore a Euro , per i quali la periodicità è trimestrale facoltà di optare per la periodicità mensile, che deve essere mantenuta per l intero anno solare. I soggetti che hanno iniziato l attività da meno di quattro trimestri trasmettono la comunicazione con periodicità trimestrale, sempre che non abbiano superato il limite di Euro nel trimestre in corso ed in quelli precedenti. 19

20 Periodicità della comunicazione Se si supera la soglia dei anche per una sola delle categorie di operazioni si passa al mensile a partire dal mese successivo a quello in cui avviene il superamento. Ad esempio: Luglio Acquisto beni Hong Kong Cessioni servizi Bahamas TRIMESTRALE Agosto Acquisto beni Hong Kong Cessioni di servizi Mauritius

21 La comunicazione telematica Il modello di comunicazione deve essere presentato all Agenzia delle Entrate per via telematica entro l ultimo giorno del mese successivo al periodo (mese o trimestre) di riferimento. Il primo invio telematico della Comunicazione, previsto per il 31 agosto 2010 con riferimento ai soggetti mensili, è stato prorogato al 2 novembre 2010 (31 ottobre è domenica). In particolare, in tale data, dovranno essere trasmesse telematicamente: - le comunicazioni mensili relative alle operazioni di luglio, agosto e settembre per i contribuenti soggetti alla periodicità mensile; - le comunicazioni relative al medesimo trimestre (lugliosettembre) per i contribuenti soggetti alla periodicità trimestrale. 21

22 COMUNICAZIONI BLACK LIST: casi pratici Caso 1 - Nel mese di luglio 2010 un soggetto IVA ha effettuato le seguenti operazioni con soggetti black list: 1)Cessioni di beni per complessivi Euro ; 2)Acquisti di beni per complessivi Euro Qual è la periodicità di comunicazione a cui è tenuto il soggetto IVA? La soglia di Euro viene superata in relazione al complesso delle operazioni effettuate e non in relazione ad una delle categorie di operazioni rilevanti. La comunicazione dovrà essere presentata con periodicità trimestrale. 22

23 continua Caso 2 La società Alfa S.r.l., con sede a Milano, nel corso del mese di luglio 2010 ha concesso in locazione un immobile ad uso abitativo sito in Milano ad una società residente a Panama, dietro corresponsione di un canone mensile pari ad Euro L obbligo di comunicazione sussiste in quanto: 1)l operazione risulta territorialmente rilevante (in regime di esenzione) in Italia in base all art. 7-quater, lettera a) del D.P.R. n. 633/1972 ed è quindi soggetta a registrazione; 2)l importo dell operazione andrà operazioni esenti Iva. indicato nell ambito delle 23

24 continua Caso 3 - La società Alfa S.r.l., nel corso del mese di luglio 2010, effettua prestazioni di consulenza a favore di Beta, residente in Lussemburgo, per un importo complessivo di Euro L obbligo di comunicazione sussiste in quanto: 1)si tratta di un operazione generica, per la quale trova applicazione la regola di cui all art. 7-ter lett. a) del D.P.R. 633/1972, secondo cui la prestazione di servizi è territorialmente rilevante nel paese di residenza del committente (e, quindi, fuori campo Iva in Italia); 2)il soggetto passivo committente è residente in un paese Ue (incluso negli elenchi black list), con la conseguenza che sussiste l obbligo di fatturazione e registrazione ai fini Iva ex art. 21 del D.P.R. n. 633 del

25 continua Caso 4 - La società Alfa S.r.l., nel corso del mese di luglio 2010, effettua prestazioni di manutenzione di immobili ubicati alle British Virgin Island a favore di Gamma Limited, ivi residente, per un importo complessivo di Euro L obbligo di comunicazione non sussiste in quanto: l operazione risulta territorialmente irrilevante ai fini Iva in Italia, ex art. 7-quater, lett. a) D.P.R. 633/1972, (secondo cui le prestazioni relative a beni immobili sono territorialmente rilevanti ai fini Iva nel luogo di ubicazione dell immobile a cui si riferiscono le prestazioni) non è soggetta a fatturazione e registrazione. La stessa operazione effettuata a partire dal 1 Set tembre DEVE essere dichiarata 25

26 Punti da chiarire/confermare Operazioni effettuate da Stabili organizzazioni verso la casa madre Black list; Operazioni effettuate verso rappresentanti fiscali/stabili organizzazioni EU di soggetti Black list; Enti non commerciali che svolgono/non svolgono attività di impresa; Soggetti che sono Black list solo al ricorrere di determinate condizioni; Operazioni effettuate prima del 1 luglio, ma soggette a registrazione successivamente; note credito 2010 ante luglio; Operazioni non soggette ex art. 2 e 3 DPR 633/1972 o relative a regimi speciali (ad es. il monofase); Importazioni Periodicità: Start up = inizio attività 26

27 Sanzioni Omessa o infedele comunicazione: da 516,46 a 4.131,66 (il doppio della sanzione per le violazioni residuali di cui all art. 11 D.lgs 471/1997) Inapplicabilità dell art. 12 D.Lgs 472/1997, quindi: la sanzione si applica tante volte quanti sono i modelli omessi od infedeli 27

28 MANOVRA ESTIVA: comunicazioni telematiche all Agenzia delle Entrate La manovra correttiva 2010 prevede la comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini Iva di importo non inferiore ad Euro OBIETTIVO DELLA NORMA EFFETTO DELLA NUOVA DISPOSIZIONE Rafforzare gli strumenti per il contrasto e la prevenzione all evasione rapida ed efficace individuazione dei soggetti a rischio frode ed evasione; puntuale ricostruzione della congruità dei volumi d affari e dei costi indicati nelle dichiarazioni; l individuazione di spese e consumi utili ai fini dell individuazione della capacità contributiva. 28

29 MANOVRA ESTIVA: comunicazioni telematiche all Agenzia delle Entrate DESTINATARI DELLA NORMATIVA MODALITA OPERATIVE La scelta del limite operata dal legislatore ha la finalità di circoscrivere gli adempimenti ad una ristretta platea di titolari di Partita Iva, escludendo i soggetti di minori dimensioni per i quali gli oneri connessi all adempimento non sono proporzionati alla finalità della disposizione. (!!!!!!!!) Con apposito provvedimento saranno fissati modalità e termini di presentazione tali da limitare al massimo l aggravio per i contribuenti. DECORRENZA Dovrebbe essere l anno 2011, in conformità ai principi espressi dallo Statuto dei diritti del contribuente. 29

30 L esperienza passata reintroduzione dell analogo obbligo era stato reintrodotto dalla manovra Bersani-Visco con la Legge Finanziaria per l anno 2007, dopo oltre un decennio dalla sua abrogazione. l elenco clienti-fornitori della manovra Bersani-Visco doveva essere trasmesso in forma telematica entro 60 giorni dal termine previsto per la presentazione della Comunicazione dati Iva, ovvero entro il 29 aprile di ogni anno. ELENCO CLIENTI e FORNITORI Per ciascun cliente fornitore, doveva essere indicato: - il codice fiscale; - l importo complessivo delle operazioni imponibili, non imponibili ed esenti, al netto delle relative note di variazione. Per gli anni 2006 e 2007, dovevano essere indicati solo i soggetti titolari di partita Iva nei cui confronti erano state emesse fatture. 30

31 L esperienza passata FATTURE DA INDICARE OPERAZIONI ESCLUSE riferimento all anno risultante dalla data della fattura o della nota di variazione ricevuta, a prescindere dalla data di registrazione o a quella in cui l imposta diviene esigibile. cessioni e acquisti intracomunitari importazioni; cessioni all esportazione; cessioni verso Città del Vaticano e Repubblica di San Marino; operazioni non rilevanti ai fini Iva. 31

32 Grazie dell attenzione

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 17 del 08.10.2010. Novità in materia di comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali INDICE 1 Premessa...

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I nuovi modelli Intrastat... 5 Circolare n. 6 Novità modelli Intrastat (D.Lgs. 18.2.2010, n. 11) Indice 1 Premessa... 2 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5 3.1 Obbligo di inclusione

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list.

Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list. Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list. Com è noto, l art. 1 del D.L. n. 25 marzo 2010, n. 40 (c.d. decreto incentivi ), convertito

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA INFORMATIVA N. 075 19 MARZO 2013 IVA LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA Art. 1, commi da 324 a 330, Legge n. 228/2012 DM 22.2.2010 Artt. 39, 46, 47 e 50, DL

Dettagli

CIRCOLARE N. 53/E. Prot.: 149238/2010 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 53/E. Prot.: 149238/2010 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 53/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Adempimenti e Sanzioni Ufficio IVA Roma, 21 ottobre 2010 Prot.: 149238/2010 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli

Dettagli

Quanto sopra può essere così schematizzato:

Quanto sopra può essere così schematizzato: Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative a cura di Marco Politano Torino Martedì, 08 novembre 2011 Modelli Intrastat Elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie di beni

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 18 Marzo 2010 Oggetto: Circolare del 18.03.2010 Argomento nr. 1) AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO Dal 1 gennaio

Dettagli

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010 Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 8 del 15 marzo 2010 Modelli INTRASTAT - Recepimento

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni.

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni. Sezione prima - Aspetti generali Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Dal 1 gennaio 2010, oggetto di riepilogo negli appositi Modelli, non sono

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Informative e news per la clientela di studio Castaldo

Informative e news per la clientela di studio Castaldo Informative e news per la clientela di studio Castaldo Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARIMENTI Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade Il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

fiavet CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

fiavet CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate ha fornito i propri chiarimenti in merito al nuovo obbligo di comunicazione delle operazioni effettuate

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARI- MENTI

Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARI- MENTI A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 26/10/2010 Circolare Informativa n. 21/2010 Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARI- MENTI Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate

Dettagli

COMUNICAZIONE BLACK LIST: NUOVI IMPORTANTI CHIARIMENTI

COMUNICAZIONE BLACK LIST: NUOVI IMPORTANTI CHIARIMENTI Circolare N. 12 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 febbraio 2011 COMUNICAZIONE BLACK LIST: NUOVI IMPORTANTI CHIARIMENTI Con CM 2/E/2011, l Agenzia delle Entrate fornisce importanti chiarimenti

Dettagli

Bolzano, lì 22/03/2010. OGGETTO: Nuovo regime dei modelli INTRASTAT

Bolzano, lì 22/03/2010. OGGETTO: Nuovo regime dei modelli INTRASTAT Wirtschaftsprüfer Dottori Commercialisti Dr. Hugo Endrizzi Dr. Elmar Weis Dr. Friedrich Alber Dr. Bernd Wiedenhofer Arbeitsrechtsberater Consulente del Lavoro Dr. Georg Innerhofer Rechtskanzlei Studio

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Emanuela Tarulli Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Claudia Balestra Dott. Andrea

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 9.2016 Seregno, 29 marzo 2016 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente È in scadenza, nel prossimo mese di aprile, la comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

IVA: i chiarimenti dell Agenzia delle entrate sulla comunicazione delle operazioni con soggetti stabiliti in Paesi black list

IVA: i chiarimenti dell Agenzia delle entrate sulla comunicazione delle operazioni con soggetti stabiliti in Paesi black list CIRCOLARE N. 35 DEL 27 OTTOBRE 2010 IMPOSIZIONE INDIRETTA IVA: i chiarimenti dell Agenzia delle entrate sulla comunicazione delle operazioni con soggetti stabiliti in Paesi black list www.assonime.it ABSTRACT

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA NORMATIVA LA TERRITORIALITA DELL IVA E LA PRESENTAZIONE DEI MODELLI DOGANALI INTRASTAT Gennaio 2010 - I.V.A e INTRASTAT 2010 - La presente guida normativa ha lo scopo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 200/E

RISOLUZIONE N. 200/E RISOLUZIONE N. 200/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 agosto 2007 Oggetto: Istanza d interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. Con l interpello specificato in oggetto, concernente

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO SPESOMETRO: riflessi sulle Agenzie di Viaggi ed i Tour Operator

SEMINARIO FORMATIVO SPESOMETRO: riflessi sulle Agenzie di Viaggi ed i Tour Operator SEMINARIO FORMATIVO SPESOMETRO: riflessi sulle Agenzie di Viaggi ed i Tour Operator Procedura, obblighi e responsabilità degli Agenti di Viaggi concernenti la comunicazione telematica all Agenzia delle

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 2/E. Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Adempimenti e Sanzioni Ufficio IVA Roma, 28 gennaio 2011 Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici

Dettagli

- 10/04/2015 per i contribuenti iva mensili; - 20/04/2015 per tutti gli altri contribuenti.

- 10/04/2015 per i contribuenti iva mensili; - 20/04/2015 per tutti gli altri contribuenti. INFORMATIVA N. 5 / 2015 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: COMUNICAZIONE ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) ANNO 2014 Riferimenti Legislativi: Art. 21, D.L. n. 78/2010; Provvedimento Agenzia

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO 12.1 Aspetti generali Come sottolineato nel capitolo precedente, sono previste procedure diverse anche in termini fiscali, che l'operatore

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT Milano, 30 Giugno 2010 Egregi Signori Clienti Circolare n. 13-2010 ELENCHI INTRASTAT L'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 36/E del 21 giugno 2010 ha fornito importanti chiarimenti sulla disciplina

Dettagli

Regime dei minimi e «nuovo» forfait

Regime dei minimi e «nuovo» forfait Regime dei minimi e «nuovo» forfait Elementi di criticità e profili Iva Nicola Forte Latina, 4 maggio 2015 1 I due regimi Il confronto Dal confronto effettuato tra il regime dei minimi ed il nuovo forfait

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 18 del 21 giugno 2010 Operazioni con controparti

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con Provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15.1.2016 sono state aggiornate le istruzioni

Dettagli