Focus. Argentina: lo stato dell arte tra mercati e tribunali. 17 aprile Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus. Argentina: lo stato dell arte tra mercati e tribunali. 17 aprile 2015. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche"

Transcript

1 Argentina: lo stato dell arte tra mercati e tribunali Nel 2012 la sentenza Greisa ha riaperto la questione sui titoli di stato argentini defaultati ad inizio anni L intricatissima questione legale si è riflessa in un incremento della volatilità sui bond e in un ampia diversificazione di performance a seconda della tipologia dei diversi titoli e della legislazione a cui sono soggetti. In particolare, i titoli in default hanno visto un impressionante recupero delle valutazioni. Tuttavia, la visibilità sull esito finale del braccio di ferro tra Buenos Aires e hedge fund è scarsissima, così come quella sulle potenziali implicazioni per le diverse tipologie di titoli, che saranno decise più nelle aule dei tribunali che dallo scenario macroeconomico. Lo scenario macro di riferimento per l economia argentina in questa fase è fortemente condizionato dal programma politico: l appuntamento alle urne di ottobre vedrà coincidere sia le elezioni presidenziali che il rinnovo del Parlamento. Guardando all evoluzione del ciclo economico, l Argentina si trova in una fase di stagflazione, che a tassi di crescita particolarmente modesti (o negativi) associa un elevato livello d inflazione e irrisolti problemi strutturali. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche Ricerca per Investitori privati e PMI Fulvia Risso Analista Finanziario In questo contesto si inserisce la contesa tra alcuni hedge fund (fondi d investimento speculativi) detentori di obbligazioni in default e il Governo argentino: l evento chiave sta nella sentenza del 29 novembre 2012 del giudice americano Thomas Griesa che obbliga l Argentina a pagare gli hedge fund, come condizione per pagare tutti gli altri creditori. E evidente che sia in corso un braccio di ferro tra l Argentina e l Autorità giudiziaria statunitense, che a questo punto può essere risolto solo da un accordo tra le parti (Argentina e hedge fund), improbabile nel breve periodo viste le imminenti elezioni nel Paese sudamericano. Un accordo sarà invece più probabile dopo le elezioni nel caso fosse eletto un Presidente meno incline a temi populisti come l attuale. Oltre che di natura prettamente politica e finanziaria, il problema è anche di tipo giurisdizionale. E proprio come riflesso di questo punto si è assistito a un netto ampliamento della volatilità delle valutazioni sui titoli governativi argentini, sia in termini temporali che in termini di tipologia di titoli. I titoli defaultati a inizio anni 2000 hanno messo a segno un importantissimo recupero prezzando la possibilità di venir coinvolti in un eventuale accordo tra Governo argentino e hedge fund. Mentre gli obbligazionisti che hanno aderito allo swap (offerta di scambio) sono in attesa dello sblocco dell impasse per vedere riprendere il pagamento delle cedole delle proprie obbligazioni. Nel complesso, riteniamo che la categoria di obbligazionisti meno protetta, quella dei possessori di vecchie obbligazioni che non hanno dato delega alla TFA (Task Force Argentina, Associazione per la tutela degli investitori in titoli argentini), possa avere oggi la possibilità di vendere a prezzi più alti sul mercato grazie alla sentenza Griesa. I dati del presente documento sono aggiornati al Per la certificazione degli analisti e per importanti comunicazioni si rimanda all Avvertenza Generale.

2 Argentina: prospettive per il debito tra mercati e tribunali Scenario macro Lo scenario macro di riferimento per l economia argentina in questa fase è fortemente condizionato dal programma politico: l appuntamento alle urne di ottobre vedrà coincidere sia le elezioni presidenziali che il rinnovo del Parlamento. Il divieto imposto dalla legge di candidarsi per un terzo mandato ha automaticamente escluso il Presidente in carica Kirchner dalla campagna elettorale, con effetti negativi sullo stato di gestione dello scenario economico e con un contestuale aumento dell incertezza riguardo all avvicendamento al potere delle forze politiche. Si preannuncia dunque una campagna elettorale piuttosto accesa, che vedrà in agosto un primo appuntamento decisivo con le elezioni primarie, destinate a selezionare i candidati finali per il turno di ottobre. Se da un lato la prospettiva di un cambio radicale viene letta in modo positivo dai mercati, in quanto necessariamente foriera di profondi cambiamenti alla struttura economica del paese, d altra parte sulle prospettive presenti pesano l ancora elevata incertezza (le preferenze in questa fase sono ancora piuttosto disperse tra i vari candidati) e l inerzia del Governo in carica. Guardando all evoluzione del ciclo economico, l Argentina si trova in una fase di stagflazione, che a tassi di crescita particolarmente modesti (o negativi) associa un elevato livello d inflazione. Più nel dettaglio, le ultime revisioni del PIL per il 2014 hanno rivisto al rialzo il dato per il 3 trimestre e indicato una timida espansione per il 4 trimestre con un saldo marginalmente positivo (+0,5% a/a) sull intero anno. Il dato ha comunque segnato un significativo rallentamento rispetto alla crescita del 2013 (3% a/a), e secondo le stime del FMI non dovrebbe risparmiare al paese una caduta in recessione nel Gli ultimi trimestri, infatti, sono stati caratterizzati sia dal calo della domanda interna che da un rallentamento del flusso di commercio con l estero. Se sul fronte domestico alla flessione dei consumi continua a sommarsi un vero e proprio crollo degli investimenti privati, con riferimento invece al canale estero è stato il rallentamento dell economia brasiliana a penalizzare il flusso di esportazioni argentine. Sulla dinamica dei consumi interni pesa anche uno scenario d inflazione particolarmente penalizzante per il potere d acquisto delle famiglie, dato che l inflazione tra il 2013 e il 2014, secondo le stime del FMI, è più che raddoppiata dal 10% al 23,9% a/a. Anche se il secondo semestre dell anno passato e i primi mesi del 2015 hanno visto un progressivo rallentamento del CPI, i tassi di crescita dei prezzi al consumo rimangono particolarmente elevati e, sempre secondo le valutazioni del WEO, non sembrano destinati a riassorbirsi in tempi rapidi. L organizzazione di Washington stima, infatti, un inflazione stabilmente al di sopra del 20% per il biennio con prospettive di una flessione solo marginale negli anni successivi. In questo contesto di crescita asfittica e iperinflazione, rimangono irrisolti alcuni problemi strutturali per il paese sia in un ottica di breve che di medio-lungo periodo. Queste problematiche saranno probabilmente al centro della campagna elettorale in vista dell appuntamento di ottobre, con il paese che ripone forti speranze nei nuovi canditati e nella loro capacità di porre in essere cambiamenti radicali. Il primo elemento di squilibrio è quello legato alla gestione della politica di cambio e delle riserve ufficiali, finora utilizzati come strumento per risolvere la crisi di partite correnti che ha caratterizzato il La Banca centrale ha, infatti, intensificato i controlli di capitale e ha imposto restrizioni sul cambio, riuscendo così a contrastare, almeno in parte, il trend di deprezzamento del peso rispetto alle principali valute di riferimento. Sarà necessario dunque per il Governo e per la Banca centrale favorire la migrazione verso un nuovo equilibrio di politica economica e monetaria capace di gestire la crescente domanda di valuta estera, i livelli di riserve in calo e le pressioni sui prezzi. Il paese necessita inoltre di una riforma nella gestione della politica economica, dato che l elevato grado di interventismo e ingerenza del Governo nei settori privati è stato una delle principali cause della perdita di competitività per il paese, a partire dal mercato del lavoro, dove la disoccupazione si mantiene ancora piuttosto bassa grazie alle assunzioni statali e dove la dinamica salariale è Paese in stand-by in attesa delle presidenziali di ottobre Lo scenario è quello della stagflazione: crescita asfittica ed elevata inflazione Problemi strutturali al centro della campagna elettorale Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche 2

3 falsata dalle contrattazioni sindacali nelle imprese pubbliche. L aumento di costi di gestione del sistema para-statale che sostiene l economia ha inoltre esacerbato le criticità del sistema fiscale; all aumento del debito pubblico si sono associati gli interventi di monetizzazione del deficit da parte della Banca centrale, con effetti negativi però sui livelli dei tassi d interesse e sui costi di rifinanziamento delle passività statali. Quella della riduzione del deficit e dell individuazione di una struttura di finanziamento adeguata del debito sarà dunque una sfida centrale per tutti i candidati che puntano a vincere le elezioni di ottobre. La questione legale La differenziazione dei prezzi tra le diverse tipologie di obbligazioni si spiega alla luce delle diverse caratteristiche delle stesse. Ai fini della valutazione vanno infatti distinte le seguenti tipologie di obbligazioni: Obbligazioni ricevute in occasione dello swap del 2005 o del 2010, o comunque possedute e non ancora scadute (exchange bonds); Obbligazioni in default non scambiate in occasione degli swap. Oltre a questa distinzione risulta cruciale anche quella relativa alla legislazione riguardante le obbligazioni. I casi più rilevanti sono i seguenti: La differenziazione dei prezzi tra le diverse tipologie di obbligazioni è spiegata dalle diverse caratteristiche delle stesse Distinzione anche in base alla legislazione Obbligazioni di legislazione argentina; Obbligazioni di legislazione statunitense; Obbligazioni di legislazione inglese o di altra legislazione. L evento chiave sta nella sentenza del del giudice americano Thomas Griesa, che ha obbligato l Argentina a pagare alcuni hedge fund americani detentori di obbligazioni in default, come condizione per pagare tutti gli altri creditori. Il rifiuto di tale intimazione da parte dell Argentina ha determinato l impossibilità di pagare dallo scorso luglio le cedole anche sui titoli ricevuti in cambio delle vecchie obbligazioni. Per effetto di una clausola riguardante gli swap del 2005 e del 2010, il pagamento degli hedge fund avrebbe costretto l Argentina a offrire condizioni migliorative a tutti i detentori delle nuove obbligazioni. Nonostante tale clausola sia scaduta a fine 2014, l Argentina appare orientata a non pagare in ogni caso gli hedge fund che vengono considerati fondi avvoltoi poiché avrebbero acquistato i titoli a prezzi stracciati. Un accordo con gli hedge fund e con i detentori di vecchi titoli risolverebbe senz altro il problema, ma allo stato attuale non sembrano esserci le condizioni politiche (oltre che finanziarie) per realizzarlo. Oltre che di natura prettamente politica e finanziaria, il problema è anche di tipo giurisdizionale. Il pagamento delle obbligazioni avviene tipicamente attraverso l attività di più intermediari che ricevono le risorse dal debitore e le girano ai creditori. L ordinanza del giudice Griesa è rivolta anche a intermediari (Bank of New York Mellon, Citibank Argentina, Clearstream, Euroclear) che abbiano rapporti con l Argentina relativamente a tutte le obbligazioni con legislazione non domestica. Questo di fatto impedisce il pagamento di cedole o capitale di buona parte delle obbligazioni in circolazione e non in default. In più, l ordinanza del giudice Griesa si riferirebbe anche a debito estero emesso con legislazione domestica, estendendone di fatto gli effetti a tutte le obbligazioni emesse non in valuta locale. Il giudice americano vuole di fatto evitare che l ordinanza venga aggirata dall Argentina attraverso l emissione di obbligazioni con legislazione argentina da scambiare con obbligazioni aventi legislazione non argentina. La situazione paradossale è acuita dal fatto che anche una Corte inglese ha recentemente preso atto che alcune obbligazioni sono di legislazione britannica ma che vengono di fatto impedite nel pagamento dall ordinanza del giudice americano. Emerge cioè in tutta chiarezza la necessità di una procedura internazionale ordinata nel caso di default di uno Stato sovrano. L evento chiave sta nella sentenza del giudice Griesa Un problema anche giurisdizionale,, che richiede una procedura internazionale condivisa nel caso di default di uno Stato sovrano Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche 3

4 E evidente che sia in corso un braccio di ferro tra l Argentina e l Autorità giudiziaria statunitense, che a questo punto può essere risolto solo da un accordo tra le parti (Argentina e hedge fund), improbabile nel breve periodo viste le imminenti elezioni nel Paese sudamericano. Un accordo sarà invece più probabile dopo le elezioni nel caso fosse eletto un Presidente meno incline a temi populisti come l attuale. I mercati Le numerose e intricate diramazioni della questione legale, ben più dello scenario macroeconomico sottostante, sono state nel corso degli ultimi tempi il fattore determinante per i movimenti dei prezzi di mercato. La questione legale si riflette in un ampia volatilità tra le valutazioni dei diversi titoli In termini di spread (premio per il rischio) dei principali titoli di stato argentini emessi in dollari, inclusi nell indice JpMorgan Embi Global, gli ultimi mesi hanno fatto registrare un importante recupero, che si è tradotto in una performance decisamente interessante. Embi Global - indice generale e subindice Argentina: performance (%) a confronto Embi Global Argentina: indice di ritorno totale e premio per il rischio Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Thomson Reuters-Datastream Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Thomson Reuters-Datastream Ma la performance migliore si è vista per i titoli in defualt,, che da metà 2014 hanno ampiamente beneficiato della possibilità che un accordo tra Argentina e hedge fund come conclusione della questione legale coinvolga tutti gli obbligazionisti delle vecchie obbligazioni. La logica direbbe infatti che per non incorrere poi in una nuova stringa di azioni legali il Governo di Buenos Aires, una volta trovato un accordo, decida di estenderlo a tutti coloro che non hanno aderito agli swap del 2005 e del Argentina Global 11 3/8 % 30/01/2017: andamento del prezzo di mercato di un titolo in default Fonte: Bloomberg Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche 4

5 Un altra ampia differenza di performance tra i titoli derivanti dagli swap si è registrata tra quelli sotto legislazione di New York,, quelli sotto legislazione estera ma non statunitense (ad esempio sotto legislazione inglese) e quelli sotto legislazione argentina. Se i primi sono stati penalizzati dall imposizione del blocco del pagamento delle cedole, sul secondo gruppo il contenzioso legale anche sul pagamento delle singole cedole è apertissimo (e vengono considerati tecnicamente in default, così come quelli di legislazione statunitense), mentre i titoli a legislazione domestica fino ad ora sembrano essere risparmiati da imposizioni e vengono considerati ancora non in default. Tuttavia, è di fine marzo la notizia che lo scontro legale si sta ampliando coinvolgendo anche questa tipologia di bond, evento che si è riflesso sul mercato con la chiusura del differenziale di rendimento tra titoli con caratteristiche finanziarie singole ma legislazione differente. Confronto di rendimento tra due titoli con caratteristiche finanziarie simili ma soggetti a legislazione differente Fonte: Bloomberg Le prospettive degli obbligazionisti Il quadro pertanto è decisamente complesso dal punto di vista legale e pertanto molto incerto in termini di prospettive in un ottica di valutazione di mercato. La TFA (Task Force Argentina) prosegue intanto la propria azione presso l ICSID (International Centre for Settlement of Investment Disputes, Centro internazionale per il regolamento delle controversie relative ad investimenti) per ottenere un arbitrato e far valere i diritti di chi non ha partecipato agli swap ma ha dato delega per essere rappresentato in sede internazionale. Gli obbligazionisti che hanno aderito allo swap sono in attesa dello sblocco dell impasse per vedere riprendere il pagamento delle cedole delle proprie obbligazioni. La categoria di obbligazionisti meno protetta è senz altro quella dei possessori di vecchie obbligazioni che non hanno dato delega alla TFA. Tali obbligazionisti hanno oggi la possibilità di vendere a prezzi più alti sul mercato grazie alla sentenza Griesa (che aumenta le probabilità di un accordo con vecchi obbligazionisti) e grazie a una certa liquidità ancora presente per tali titoli. E infatti probabile che un eventuale accordo tra l Argentina e i creditori possa coinvolgere anche i vecchi obbligazionisti, ma le condizioni di tale eventuale accordo non sono ad oggi prevedibili. La categoria di obbligazionisti meno protetta, quella dei possessori di vecchie obbligazioni che non hanno dato delega alla TFA, hanno oggi la possibilità di vendere a prezzi più alti sul mercato grazie alla sentenza Griesa Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche 5

6 Avvertenza generale Il presente documento è una ricerca in materia di investimenti preparata e distribuita da Intesa Sanpaolo SpA, banca di diritto italiano autorizzata alla prestazione dei servizi di investimento dalla Banca d Italia, appartenente al Gruppo Intesa Sanpaolo. Il presente documento è anche distribuito da Banca IMI, banca autorizzata in Italia e soggetta al controllo di Banca d Italia e Consob per lo svolgimento dell attività di investimento, appartenente al Gruppo Intesa Sanpaolo. Le informazioni fornite e le opinioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute affidabili e in buona fede, tuttavia nessuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita, è fornita da Intesa Sanpaolo relativamente all accuratezza, completezza e correttezza delle stesse. Le opinioni, previsioni o stime contenute nel presente documento sono formulate con esclusivo riferimento alla data di redazione del presente documento, e non vi è alcuna garanzia che i futuri risultati o qualsiasi altro evento futuro saranno coerenti con le opinioni, previsioni o stime qui contenute. Qualsiasi informazione contenuta nel presente documento potrà, successivamente alla data di redazione del medesimo, essere oggetto di qualsiasi modifica o aggiornamento da parte di Intesa Sanpaolo, senza alcun obbligo da parte di Intesa Sanpaolo di comunicare tali modifiche o aggiornamenti a coloro ai quali tale documento sia stato in precedenza distribuito. Lo scopo del presente documento è esclusivamente informativo. In particolare, il presente documento non è, né intende costituire, né potrà essere interpretato, come un documento d offerta di vendita o sottoscrizione, ovvero come un documento per la sollecitazione di richieste d acquisto o sottoscrizione, di alcun tipo di strumento finanziario. Nessuna società del Gruppo Intesa Sanpaolo, né alcuno dei suoi amministratori, rappresentanti o dipendenti assume alcun tipo di responsabilità (per colpa o diversamente) derivante da danni indiretti eventualmente determinati dall utilizzo del presente documento o dal suo contenuto o comunque derivante in relazione con il presente documento e nessuna responsabilità in riferimento a quanto sopra potrà conseguentemente essere attribuita agli stessi. Le società del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo, i loro amministratori, rappresentanti o dipendenti (ad eccezione degli Analisti Finanziari e di coloro che collaborano alla predisposizione della ricerca) e/o le rispettive famiglie possono detenere posizioni lunghe o corte in qualsiasi strumento finanziario menzionato nel presente documento ed effettuare, in qualsiasi momento, vendite o acquisti sul mercato aperto o altrimenti. I suddetti possono inoltre effettuare, aver effettuato, o essere in procinto di effettuare vendite e/o acquisti, ovvero offerte di compravendita relative a qualsiasi strumento di volta in volta disponibile sul mercato aperto o altrimenti. La pubblicazione Focus viene redatta senza una cadenza predefinita per analizzare temi di particolare interesse e che possono variare a seconda delle circostanze. Il precedente report di questo tipo è stato distribuito in data Il presente documento è distribuito da Banca IMI e Intesa Sanpaolo, a partire dallo stesso giorno del suo deposito presso Consob, esclusivamente a soggetti residenti in Italia e verrà messo a disposizione del pubblico indistinto attraverso il sito internet di Banca IMI (http://www.bancaimi.prodottiequotazioni.com/studi-e-ricerche) e di Intesa Sanpaolo (www.intesasanpaolo.com) nella sezione Risparmio- Mercati. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche 6

7 Comunicazione dei potenziali conflitti di interesse Ai sensi del Regolamento adottato con delibera Consob n del e successive modificazioni ed integrazioni, Intesa Sanpaolo ha posto in essere idonei meccanismi organizzativi e amministrativi (information barriers), al fine di prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni prodotte. Per maggiori informazioni si rinvia al documento Policy per studi e ricerche e all estratto del Modello aziendale per la gestione delle informazioni privilegiate e dei conflitti di interesse a disposizione sul sito internet di Intesa Sanpaolo (www.intesasanpaolo.com). Certificazione dell analista L analista che ha predisposto la presente ricerca in materia di investimenti, il cui nome e ruolo sono riportati nella prima pagina del documento, dichiara che: (a) le opinioni espresse nel documento riflettono accuratamente l opinione personale, obiettiva, indipendente, equa ed equilibrata dell analista; (b) non è stato e non verrà ricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse. Altre indicazioni 1. Né l analista né qualsiasi altra persona della sua famiglia hanno interessi finanziari nei titoli delle Società citate nel documento. 2. Né l analista né qualsiasi altra persona della sua famiglia operano come funzionari, direttori o membri del Consiglio d Amministrazione nelle Società citate nel documento. 3. L analista che ha redatto il presente documento è socio AIAF. 4. L analista citato non riceve bonus, stipendi o qualsiasi altra forma di compensazione basati su specifiche operazioni di investment banking. Il presente documento è per esclusivo uso del soggetto cui esso è consegnato da Banca IMI e Intesa Sanpaolo e non potrà essere riprodotto, ridistribuito, direttamente o indirettamente, a terzi o pubblicato, in tutto o in parte, per qualsiasi motivo, senza il preventivo consenso espresso da parte di Banca IMI e/o Intesa Sanpaolo. Il copyright ed ogni diritto di proprietà intellettuale sui dati, informazioni, opinioni e valutazioni di cui alla presente scheda informativa è di esclusiva pertinenza del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo, salvo diversamente indicato. Tali dati, informazioni, opinioni e valutazioni non possono essere oggetto di ulteriore distribuzione ovvero riproduzione, in qualsiasi forma e secondo qualsiasi tecnica ed anche parzialmente, se non con espresso consenso per iscritto da parte di Banca IMI e/o Intesa Sanpaolo. Chi riceve il presente documento è obbligato a uniformarsi alle indicazioni sopra riportate. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche - Responsabile Gregorio De Felice Responsabile Retail Research Paolo Guida Analista Azionario Ester Brizzolara Laura Carozza Piero Toia Analista Obbligazionario Serena Marchesi Fulvia Risso Cecilia Barazzetta Analista Valute e Materie prime Mario Romani Editing: Cristina Baiardi Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche 7

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti La ripresa del mercato immobiliare ancora non si vede I principali operatori immobiliari italiani ritengono che i prezzi alti e la restrizione creditizia siano i principali

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato immobiliare italiano contagiato dalla crisi Le speranze di ripresa del settore immobiliare italiano sono rinviate inesorabilmente oltre il 2012. Secondo il rapporto

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Fase di consolidamento in vista della ripresa Nel corso del 2015 il mercato immobiliare italiano e quello europeo dovrebbero lasciarsi alle spalle definitivamente le

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Il QE potrebbe rianimare il settore Nell ultimo rapporto sull immobiliare europeo Standard&Poor s guarda al settore con maggiore ottimismo. Grazie al QE (Quantitative

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Uno sguardo a livello globale Nel 1 trimestre 2015 le transazioni immobiliari commerciali dirette a livello globale hanno raggiunto volumi pari a 148 miliardi di dollari,

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato immobiliare europeo Nonostante uno scenario economico ancora fragile, il settore immobiliare europeo registra un clima di crescente ottimismo e fiducia. Il 2014

Dettagli

Focus. BTP: una corsa lungo la curva. 10 aprile 2015. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche

Focus. BTP: una corsa lungo la curva. 10 aprile 2015. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche BTP: una corsa lungo la curva Considerando la nuova normalità in cui si muovono le valutazioni dei titoli di stato italiani e le caratteristiche tecniche relative al programma di acquisto titoli della

Dettagli

Focus. Argentina: si intensifica il contenzioso con gli holdout. 26 novembre 2012. Obbligazioni. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. Argentina: si intensifica il contenzioso con gli holdout. 26 novembre 2012. Obbligazioni. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Argentina: si intensifica il contenzioso con gli holdout Una sentenza del 26 ottobre scorso sembra cambiare i rapporti di forza nell annoso contenzioso tra Argentina e i cosiddetti fondi holdout, ossia

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Canoni d affitto sotto pressione Il deciso rallentamento delle compravendite di immobili in Italia nella prima, metà dell anno (dovuto a un forte ridimensionamento della

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Livelli tecnici e operatività 3 ottobre 2014 H: 08.14

Livelli tecnici e operatività 3 ottobre 2014 H: 08.14 Paniere FTSE Mib Livelli tecnici e operatività H: 08.14 Nota giornaliera Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Analisi Tecnica Corrado Binda Analista Tecnico Sergio Mingolla Analista Tecnico Fonte:

Dettagli

Focus. BTP Italia: ottava emissione. 14 aprile 2015. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: ottava emissione. 14 aprile 2015. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche BTP Italia: ottava emissione Da ieri 13 aprile al 16 aprile 2015 si tiene il collocamento dell ottavo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Confronto europeo Un confronto a livello europeo sull'andamento del settore immobiliare nei diversi Paesi evidenzia quali sono i fattori che influenzano positivamente

Dettagli

Euro Equity. DJ EuroStoxx. 3 ottobre 2014 H: 10.32. Range previsto per la settimana in corso: 3172 3234

Euro Equity. DJ EuroStoxx. 3 ottobre 2014 H: 10.32. Range previsto per la settimana in corso: 3172 3234 DJ EuroStoxx Future Scad. dicembre 2014 F- EUROSTOXX DIC 2014 (3,174.00, 3,188.00, 3,087.00, 3,102.00, -85.0000), Parabolic SAR (3,249.32), PS Adaptive Moving Average 3300 32 3200 31 H: 10.32 Nota giornaliera

Dettagli

Focus. emissione. 15 aprile 2014. per gli istituzionali. Servizio Studi e Ricerche. privati e PMI. semestrale; (2) Fulvia Risso Analista Finanziario

Focus. emissione. 15 aprile 2014. per gli istituzionali. Servizio Studi e Ricerche. privati e PMI. semestrale; (2) Fulvia Risso Analista Finanziario BTP Italia: sesta emissione, anche per gli istituzionali Parte il collocamento del sesto BTP Italia, titolo di stato indicizzato tabacco) e pensato prevalentemente per la clientela c retail. all inflazione

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Focus. Crisi del debito: è il turno del Portogallo? 25 marzo 2011. Obbligazioni. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. Crisi del debito: è il turno del Portogallo? 25 marzo 2011. Obbligazioni. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Crisi del debito: è il turno del Portogallo? Il Governo portoghese è stata l ultima vittima della crisi del debito nell area euro. La bocciatura parlamentare del pacchetto supplementare per il consolidamento

Dettagli

Note: Var. pb 1g= variazione in pb giornaliera; Var. pb YTD= variazione in pb da inizio anno. Fonte: Bloomberg

Note: Var. pb 1g= variazione in pb giornaliera; Var. pb YTD= variazione in pb da inizio anno. Fonte: Bloomberg Aspettative contenute per l Eurogruppo Temi della giornata - Focus Cina: tassi di interesse ridotti per la terza volta in 6 mesi nel tentativo di spingere l'economia. - Azionario: i nuovi dati occupazionali

Dettagli

Focus. Ad hoc. apprezzamento. privati e PMI. Fulvia Risso Analista Finanziario. Mario Romani. disoccupazione. implicando

Focus. Ad hoc. apprezzamento. privati e PMI. Fulvia Risso Analista Finanziario. Mario Romani. disoccupazione. implicando GBP: forte nel post elezioni, la BoE rimanda il rialzo r Outlook: La sterlina è forte e scambiata a livelli alti contro tutte le principali valute dopo la pubblicazione dei verbali dell ultima riunione

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Note: Var. pb 1g= variazione in pb giornaliera; Var. pb YTD= variazione in pb da inizio anno. Fonte: Bloomberg

Note: Var. pb 1g= variazione in pb giornaliera; Var. pb YTD= variazione in pb da inizio anno. Fonte: Bloomberg Settimana di chiusura per i listini cinesi Temi della giornata - Macro: rallenta la produzione industriale spagnola. - Azionario: i listini europei tentano un recupero in avvio di settimana. Nota giornaliera

Dettagli

Flash Mercati. 15 luglio 2013. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Flash Mercati. 15 luglio 2013. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Titolo Temi della giornata - Macro: PIL cinese inferiore ai primi 3 mesi dell anno, ma in linea con le attese. - Azionario: terza chiusura consecutiva in rialzo per Wall Street. Nota giornaliera - Governativi:

Dettagli

- Commodity: materie prime in recupero grazie ai dati di Giappone e Cina. Petrolio in recupero grazie alla contrazione delle scorte API.

- Commodity: materie prime in recupero grazie ai dati di Giappone e Cina. Petrolio in recupero grazie alla contrazione delle scorte API. Timida reazione dei listini europei in apertura Temi della giornata - Macro: le stime finali dei PIL del 3 trimestre restituiscono indicazioni positive per il Giappone ma non per la zona euro. - Titoli

Dettagli

- Azionario: chiusura intorno alla parità per Wall Street, che sarà chiusa oggi per il giorno del Ringraziamento.

- Azionario: chiusura intorno alla parità per Wall Street, che sarà chiusa oggi per il giorno del Ringraziamento. Giornata interlocutoria, piazze USA chiuse Temi della giornata - Azionario: chiusura intorno alla parità per Wall Street, che sarà chiusa oggi per il giorno del Ringraziamento. - Titoli di Stato: le aspettative

Dettagli

REPORT SETTIMANALE 02/11/2009 MERCATI ALLA PROVA DEL FUOCO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA.IT

REPORT SETTIMANALE 02/11/2009 MERCATI ALLA PROVA DEL FUOCO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA.IT 02/11/2009 REPORT SETTIMANALE MERCATI ALLA PROVA DEL FUOCO. Rotte a ribasso le trend-lines di sostegno di medio periodo. Vediamo le possibili evoluzioni. ELLIOTT THEORY : situazione ancora incerta anche

Dettagli

REPORT SETTIMANALE 01/02/2010 ANCORA RIBASSO, VERSO IL PERIODO PIU IMPORTANTE DELL ANNO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA.

REPORT SETTIMANALE 01/02/2010 ANCORA RIBASSO, VERSO IL PERIODO PIU IMPORTANTE DELL ANNO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA. 01/02/2010 REPORT SETTIMANALE ANCORA RIBASSO, VERSO IL PERIODO PIU IMPORTANTE DELL ANNO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA.IT Continua la discesa per i classici mesi da minimi. ELLIOTT

Dettagli

Flash Mercati. 9 luglio 2013. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Flash Mercati. 9 luglio 2013. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche In apertura spread sotto 265pb Temi della giornata - Focus: l Eurogruppo autorizza il pagamento a rate della tranche di aiuti alla Grecia. - Azionario: terza chiusura consecutiva in rialzo per il listino

Dettagli

- Governativi: rendimenti in modesto rialzo in apertura, spread BTP-Bund anch esso in leggero rialzo (147pb).

- Governativi: rendimenti in modesto rialzo in apertura, spread BTP-Bund anch esso in leggero rialzo (147pb). Grecia e payrolls i temi chiave Temi della giornata - Macro USA: forte attesa per l employment report di giugno, attesi in calo gli occupati ma dovrebbe tornare a scendere la disoccupazione in giugno.

Dettagli

VI em - apr 2014. IV em - apr 2013. V em - nov 2013

VI em - apr 2014. IV em - apr 2013. V em - nov 2013 BTP Italia: nona emissione Tornano da lunedì 4 aprile 2016 i BTP Italia, i titoli di Stato indicizzati al tasso di inflazione nazionale. I primi tre giorni, da lunedì 4 a mercoledì 6 aprile, saranno riservati

Dettagli

- 180 162 agosto ( ) Tasso di disoccupazione (%) di agosto - 7,4 7,4 ( ) Variazione degli occupati nel settore Manifatturiero

- 180 162 agosto ( ) Tasso di disoccupazione (%) di agosto - 7,4 7,4 ( ) Variazione degli occupati nel settore Manifatturiero Mercati in attesa dei payrolls USA Temi della giornata - G20: gli Emergenti chiedono cautela nella riduzione degli stimoli monetari. - Titoli di Stato: spread a 250pb. - Cambi: l indice del dollaro rispetto

Dettagli

Focus. Ad hoc. un riequilibrio in. privati e PMI. segnato una. Fulvia Risso Analista Finanziario. ancora robusta, Mario Romani.

Focus. Ad hoc. un riequilibrio in. privati e PMI. segnato una. Fulvia Risso Analista Finanziario. ancora robusta, Mario Romani. USD: scende malgrado l attesa per il rialzo della Fed Outlook: Il percorso verso la parità, per l EUR/USD, resta uno scenario coerente con l'azione divergente di Fed (a tenderee restrittiva) e BCE (espansiva

Dettagli

- Governativi: rendimenti in flessione, soprattutto sui periferici, dopo le parole della Yellen; lo spread Btp-Bund torna in area 106pb.

- Governativi: rendimenti in flessione, soprattutto sui periferici, dopo le parole della Yellen; lo spread Btp-Bund torna in area 106pb. La Fed sostiene i mercati Temi della giornata - Azionario: chiusura in rialzo per Wall Street dopo la Fed. - Governativi: rendimenti in flessione, soprattutto sui periferici, dopo le parole della Yellen;

Dettagli

Flash Mercati. 2 ottobre 2014. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Flash Mercati. 2 ottobre 2014. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Riunione tecnica per la BCE Temi della giornata - Focus BCE: la frenata dell inflazione aumenta le pressioni sulla BCE, che però dovrebbe tenere solo una riunione tecnica. - Azionario: decisi ribassi in

Dettagli

Flash Mercati. 17 settembre 2014. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Flash Mercati. 17 settembre 2014. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Listini positivi in attesa della Fed Temi della giornata - Focus Fed: scontata la prosecuzione del tapering, l attenzione si concentra su possibili modifiche al comunicato e sull aggiornamento delle stime

Dettagli

8 maggio 2015. italiano per marzo. privati e PMI. Attesa per i payrolls Temi della giornata. agenda per oggi. Precedente 0,6-0,2 - -0,2 -0,5 0,4 0,0

8 maggio 2015. italiano per marzo. privati e PMI. Attesa per i payrolls Temi della giornata. agenda per oggi. Precedente 0,6-0,2 - -0,2 -0,5 0,4 0,0 Flash Mercat ti Attesa per i payrolls Temi della giornata - Macro: si ferma al di sotto delle attese la produzione industriale tedesca, in attesa del dato italiano per marzo. - Azionario: sovra-performance

Dettagli

Flash Mercati. 21 giugno 2013. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Flash Mercati. 21 giugno 2013. Nota giornaliera. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Oggi Ecofin ed Eurogruppo discutono della ricapitalizzazione bancaria Temi della giornata - L S&P500 accusa la peggiore flessione giornaliera da novembre 2011. - In un clima di ritorno dell avversione

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Euro-Yuan 2 settembre 2015 Rialzo confermato Contesto di mercato La Banca centrale cinese (PBoC) ad agosto ha, a sorpresa, deciso di far deprezzare lo yuan di circa il 5%, movimentando il cosiddetto midpoint

Dettagli

Focus. Turchia. Servizio Studi e Ricerche. privati e PMI. Fulvia Risso Analista Finanziario. i fattori di. Mario Romani 14.05.2014.

Focus. Turchia. Servizio Studi e Ricerche. privati e PMI. Fulvia Risso Analista Finanziario. i fattori di. Mario Romani 14.05.2014. Turchia a: continua il recupero della lira turca t Outlook: La calma dal punto di vista politico ed il miglioramento parziale dei fondamentali economici consente alla lira turca di proseguire il proprio

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Alessandra Annoni, Listed Products Banca IMI Mario Romani, Ufficio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo

Alessandra Annoni, Listed Products Banca IMI Mario Romani, Ufficio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo Relatori: Alessandra Annoni, Listed Products Banca IMI Mario Romani, Ufficio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo Banca IMI: leader in Italia nei prodotti di Investimento Banca IMI è la banca d investimento

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Focus. centrale (BCDB) privati e PMI. Fulvia Risso Analista Finanziario. Mario Romani. carica, l urgenza. dell esecutivo, uniformemente ha

Focus. centrale (BCDB) privati e PMI. Fulvia Risso Analista Finanziario. Mario Romani. carica, l urgenza. dell esecutivo, uniformemente ha BRL: dopo le Presidenziali, reall al test della politica La valuta brasiliana riteniamo attraverserà, nel prossimo futuro, una fase interlocutoria: le stime di consenso indicano un generale consolidamento

Dettagli

Net Div. Yield 2013E (%) Net Div. Yield 2012 (%)

Net Div. Yield 2013E (%) Net Div. Yield 2012 (%) Dividendi: uno degli elementi nelle scelte di investimento Il tema dei dividendi resta uno degli elementi importanti nelle scelte di investimento, soprattutto nell attuale contesto di mercato; in una strategia

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

01.09.2009 15.10.2009 28.11.2009 11.01.2010 24.02.2010 09.04.2010 23.05.2010

01.09.2009 15.10.2009 28.11.2009 11.01.2010 24.02.2010 09.04.2010 23.05.2010 Crédit Agricole (S&P: AA-/Negativo; Moody s: Aa1/Negativo; Fitch: AA-/Stabile) Le principali attività del gruppo bancario francese Il gruppo Crédit Agricole è il primo gruppo bancario in Francia e una

Dettagli

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2009 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 semestre piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

- 355 357 settimanale Sussidi di disoccupazione continuativi (migliaia di unità),

- 355 357 settimanale Sussidi di disoccupazione continuativi (migliaia di unità), Titolo: focus sull asta BTP Temi della giornata - Giornata focalizzata sull asta BTP, dopo il buon esito dell asta BOT di ieri. - In recupero i mercati statunitense e asiatici, grazie anche alle indicazioni

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti.

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Certificates Multigeo 100 Plus Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Multigeo 100 Plus è un certificate che

Dettagli

PIANO DI RISTRUTTURAZIONE DELLA REPUBBLICA ARGENTINA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO

PIANO DI RISTRUTTURAZIONE DELLA REPUBBLICA ARGENTINA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO PIANO DI RISTRUTTURAZIONE DELLA REPUBBLICA ARGENTINA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO L Associazione per la Tutela degli Investitori in Titoli Argentini (altrimenti indicata come Task Force Argentina

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Dexia Crediop. Risultati 2011

Dexia Crediop. Risultati 2011 Risultati 2011 Prosegue il de-leveraging, perdita netta inferiore al 2010 Il futuro di Crediop condizionato dagli sviluppi del piano di riassetto Nel corso dell esercizio 2011 l operatività di Dexia Crediop

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Mensile Valute. Sfuma l effetto del QE sull euro, l EUR/USD sopra 1,12. 6 maggio 2015. Nota mensile. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche

Mensile Valute. Sfuma l effetto del QE sull euro, l EUR/USD sopra 1,12. 6 maggio 2015. Nota mensile. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche Sfuma l effetto del QE sull euro, l EUR/USD sopra 1,12 EUR Il QE procede con effetto sfumato su euro e governativi europei. Il rafforzamento dell'euro contro il dollaro potrebbe pregiudicare l'obiettivo

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Forex G10 - NOK NOK CORONA NORVEGESE. 18 settembre 2014. Nota regolare. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Forex G10 - NOK NOK CORONA NORVEGESE. 18 settembre 2014. Nota regolare. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche NOK CORONA NORVEGESE Alla riunione del 17-18 settembre la Norges Bank ha lasciato i tassi ufficiali invariati a 1,50% e la corona norvegese si è apprezzata immediatamente da 8,30 a 8,17 EUR/NOK (v. Fig.

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

PROSPETTO DI BASE. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI

PROSPETTO DI BASE. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI nell'ambito del quale potranno essere emessi

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

Paniere Commodity Future

Paniere Commodity Future Paniere Commodity Future Indicazioni di analisi tecnica Expire Tendenze Stress Date M/L Breve BRENT CRUDE OIL JAN 15 94.50 100.27 92.29 SHORT 98.51 92.03 CRUDE OIL JAN 15 89.08 93.41 87.63 SHORT 94.62

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

I mercati finanziari, l economia mondiale e il prezzo del petrolio

I mercati finanziari, l economia mondiale e il prezzo del petrolio I mercati finanziari, l economia mondiale e il prezzo del petrolio Torino, 20 ottobre 2004 Schema della presentazione Il rallentamento dell economia USA Alcuni indicatori macroeconomici per quantificarlo

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

scenario 2013 macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2013 macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2013 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 TRIMESTRE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR. Paolo Guida,

Dettagli

SCENARIO 2016 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 TRIMESTRE

SCENARIO 2016 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 TRIMESTRE SCENARIO 2016 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 TRIMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR Paolo Guida, Responsabile

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

BONUS Certificates ABN AMRO.

BONUS Certificates ABN AMRO. BONUS Certificates ABN AMRO. BONUS Certificates ABN AMRO. I BONUS Certificates ABN AMRO sono strumenti d investimento che consentono di avvantaggiarsi dei rialzi dell'indice o dell'azione sottostante,

Dettagli

Flash Mercati. Macroeconomia. Valute e Commodity. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari. 2 luglio 2010. Nota giornaliera

Flash Mercati. Macroeconomia. Valute e Commodity. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari. 2 luglio 2010. Nota giornaliera Macroeconomia Poco confortanti i dati statunitensi del pomeriggio di ieri. Si registra infatti una riduzione nelle vendite di case in corso, nella costruzione ed una netta flessione dell indice manifatturiero

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli