Istruzioni per la rilevazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni per la rilevazione"

Transcript

1 Istruzioni per la rilevazione

2 Volume a cura di Sabrina Stoppiello e Flavio Verrecchia La raccolta delle Sigle e abbreviazioni utilizzate nel Volume è da attribuirsi a Cristiana Colaiori e a Valentina Trinca. Della Parte Prima, il Capitolo Il CIS 2011: obiettivi, innovazioni e riferimenti normativi è da attribuirsi ad Elisa Berntsen; il Capitolo Organizzazione e compiti della rete di rilevazione per imprese e istituzioni non profi t è da attribuirsi a Priscilla Altili; il Capitolo Calendario delle operazioni è da attribuirsi ad Elisa Berntsen; il Capitolo Il sistema informatico a supporto della rilevazione è da attribuirsi a Maura Giacummo, a meno dei Paragrafi Il Portale della rete, Principali funzionalità offerte dal sistema, Registrazione plichi Inesitati, Registrazione arrivo cartaceo, Registrazione esito e Data entry, che sono da attribuirsi a Giulia Vaste, dei Paragrafi Login, Profi li applicativi e visibilità territoriale, Gestione delle rilevazioni e Creazione rete, che sono da attribuirsi a Mauro Bruno e dei Paragrafi Check dei dati e Scarico dei microdati, che sono da attribuirsi a Marco Silipo; il Capitolo Il questionario elettronico è da attribuirsi ad Antonio Virgillito; il Capitolo Le attività di raccolta dati è da attribuirsi a Daniela De Francesco; il Capitolo Organizzazione delle rilevazioni censuarie e aspetti linguistici è da attribuirsi a Chiara Gnesi. Della Parte Seconda, la Introduzione è da attribuirsi a Flavio Verrecchia; i Capitoli Innovazioni e specifi cità della rilevazione, Il questionario e le norme di compilazione e Specifi cità della rilevazione e casi particolari sono da attribuirsi a Silvia Lombardi; il Capitolo Il piano di controllo dei dati è da attribuirsi ad Ugo Guarnera, insieme a Domenico Aprile, Stefano Costa, Chiara Gnesi, Valeria Mastrostefano, Roberto Moro e a Francesca Silvestri. Della Parte Terza, la Introduzione è da attribuirsi a Sabrina Stoppiello; il Capitolo Caratteristiche generali della rilevazione è da attribuirsi a Sabrina Stoppiello a meno del Paragrafo La lista precensuaria delle unità di rilevazione, che è da attribuirsi ad llaria Vannini; il Capitolo Innovazioni e specifi cità della rilevazione è da attribuirsi a Stefania Della Queva; il Capitolo Il questionario e le norme di compilazione è da attribuirsi a Manuela Nicosia; il Capitolo Il piano di controllo dei dati è da attribuirsi a Massimo Lori. Della Parte Quarta, il Glossario è da attribuirsi a Chiara Gnesi, Chiara Orsini e a Mauro Caramaschi insieme a Luigi Cafarelli, Giovanni Gualberto Di Paolo e a Giulia Zuchegna. L impaginazione de Il questionario della rilevazione sulle imprese - Modello Istat CIS2011_QS e della Guida alla compilazione del questionario per le imprese - Modello Istat CIS2011_QS_Gui è da attribuirsi a Valentina Trinca; l impaginazione de Il questionario della rilevazione sulle imprese - Modello Istat CIS2011_QX_Bis e della Guida alla compilazione del questionario per le imprese - Modello Istat CIS2011_QX_Gui è da attribuirsi a Ilaria Straccamore; l impaginazione de Il questionario della rilevazione sulle istituzioni non profi t - Modello Istat CIS2011_NP e della Guida alla compilazione del questionario per le istituzioni non profi t - Modello Istat CIS2011_NP_Gui è da attribuirsi a Giulia Zuchegna. Le revisioni in termini di format dei testi e di rispetto delle convenzioni editoriali del Volume sono da attribuirsi a Luigi Cafarelli. Il progetto grafi co del Volume è realizzato da Sofi a Barletta. La video-impaginazione è curata da Rubbettino Print, Soveria Mannelli (Catanzaro).

3 INDICE 3 PREMESSA 9 Sigle ed abbreviazioni utilizzate 11 Cristiana Colaiori, Valentina Trinca PARTE PRIMA ASPETTI GENERALI Capitolo 1. Il CIS 2011: obiettivi, innovazioni e riferimenti normativi 19 Elisa Berntsen Capitolo 2. Organizzazione e compiti della rete di rilevazione 23 Priscilla Altili 2.1 L organizzazione della rete territoriale I compiti della rete di rilevazione Il ruolo e i compiti dell Istat Il ruolo e i compiti degli Uffi ci Regionali di Censimento (URC) e dei Responsabili Istat Territoriali (RIT) I compiti degli Uffi ci Provinciali di Censimento (UPC) I compiti dei coordinatori e dei rilevatori I compiti dei coordinatori I compiti dei rilevatori 29 Capitolo 3. Calendario delle operazioni 31 Elisa Berntsen

4 4 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE Capitolo 4. Il sistema informatico a supporto della rilevazione 35 Maura Giacummo Introduzione Il Portale della rete Il Sistema di Gestione della Rilevazione Login Profi li applicativi e visibilità territoriale Gestione delle rilevazioni Creazione della rete Principali funzionalità offerte dal sistema Registrazione plichi inesitati Registrazione arrivo cartaceo Registrazione esito Data entry Check dei dati Scarico dei microdati Il monitoraggio Rapporti sullo stato di consegna dei questionari Rapporti sull andamento della rilevazione Rapporti sull attività degli operatori 51 Capitolo 5. Il questionario elettronico 55 Antonino Virgillito Introduzione Prerequisiti Accesso al questionario elettronico Procedura di primo accesso per i rispondenti Procedura di cambio/recupero password Procedura di accesso per gli operatori Utilizzo dell applicazione Pagina di riepilogo Navigazione e salvataggio dei dati Controlli Compilazione dei quesiti Invio defi nitivo del questionario Stampa della ricevuta di invio e del questionario 62

5 5 INDICE Capitolo 6. Le attività di raccolta dei dati 63 Daniela De Francesco 6.1 La tecnica di rilevazione multicanale I compiti del rilevatore La lavorazione dei plichi restituiti all UPC e la gestione dei plichi inesitati La lavorazione dei questionari restituiti via Internet Il sollecito delle mancate risposte Il recupero delle risposte sul campo L utilizzo dei plichi di scorta 72 Capitolo 7. Organizzazione delle rilevazioni censuarie e aspetti linguistici 75 Chiara Gnesi 7.1 Specifi cità relative alla minoranza linguistica slovena Specifi cità relative alla minoranza linguistica tedesca Materiale informativo e supporto on line per i rilevatori 77 PARTE SECONDA LA RILEVAZIONE SULLE IMPRESE Introduzione 83 Flavio Verrecchia Capitolo 8. Caratteristiche generali della rilevazione 85 Silvia Lombardi Introduzione Il campo di osservazione Criteri di individuazione delle unità incluse nella rilevazione La lista precensuaria delle unità di rilevazione Criticità 89 Capitolo 9. Innovazioni e specificità della rilevazione 91 Silvia Lombardi 9.1 I modelli dei questionari La prima pagina del questionario Gli esiti del questionario 93

6 6 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE Capitolo 10. Il questionario e le norme di compilazione 99 Silvia Lombardi Introduzione Sezione 1 - Proprietà, controllo, gestione Sezione 2 - Risorse umane Sezione 3 - Relazioni dell impresa Sezione 4 - Mercato Sezione 5 - Innovazione Sezione 6 - Finanza Sezione 7 - Internazionalizzazione produttiva Sezione 8 - Notizie relative al compilatore 145 Capitolo 11. Il piano di controllo dei dati 147 Ugo Guarnera 11.1 Le fasi La descrizione delle regole Elenco dei controlli 149 PARTE TERZA LA RILEVAZIONE SULLE ISTITUZIONI NON PROFIT Introduzione 173 Sabrina Stoppiello Capitolo 12. Caratteristiche generali della rilevazione 175 Sabrina Stoppiello Introduzione Il campo di osservazione Le unità di rilevazione La lista precensuaria delle unità di rilevazione Le fonti di input e le fasi del processo di costruzione La composizione e le caratteristiche principali della lista 182 Allegato Le fonti di input per anno di riferimento 187 Allegato Descrizione delle fonti di input 189 Allegato Descrizione della variabile fonti di appartenenza 197

7 7 INDICE Capitolo 13. Innovazioni e specificità della rilevazione 199 Stefania Della Queva 13.1 Le innovazioni del Censimento delle istituzioni non profi t Gli esiti della rilevazione Gestione delle unità inattive Gestione delle unità cessate Gestione delle unità irreperibili Gestione dei rifi uti Gestione delle unità duplicate Gestione delle unità fuori campo di osservazione Unità di rilevazione e unità locali La gestione delle unità locali Unità locali di diffi cile individuazione Gestione delle nuove unità non iscritte nella lista precensuaria La campagna di comunicazione: il ruolo delle organizzazioni di secondo e terzo livello La prima pagina del questionario 213 Capitolo 14. Il questionario e le norme di compilazione 215 Manuela Nicosia Introduzione Sezione 1 - Dati anagrafi ci e Stato di attività Sezione 2 - Struttura organizzativa Sezione 3 - Risorse umane Sezione 4 - Risorse economiche Sezione 5 - Attività Sezione 6 - Struttura territoriale: unità locali Sezione 7 - Notizie del compilatore 252 Capitolo 15. Il piano di controllo dei dati 253 Massimo Lori 15.1 Le fasi La descrizione delle regole Elenco dei controlli 256

8 8 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE PARTE QUARTA ALLEGATI Glossario 289 I materiali 321 Lettera informativa (CIS2011_NP_LIn) 323 Guida alla compilazione del questionario (CIS2011_NP_Gui) 325 Questionario (CIS2011_NP) 329 Lettera informativa (CIS2011_QS_LIn) 345 Guida alla compilazione del questionario (CIS2011_QS_Gui) 347 Questionario (CIS2011_QS) 355 Lettera informativa (CIS2011_QX_LIn) 371 Guida alla compilazione del questionario (CIS2011_QX_Gui) 373 Questionario (CIS2011_QX_Bis) 381

9 PREMESSA 9 Il Censimento generale dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profi t, in linea con l importante innovazione dell utilizzo dell Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) introdotta nel 2001, prevede l ampliamento dell uso di archivi amministrativi sia per la predisposizione della lista delle istituzioni non profi t sia per la defi nizione del piano di controllo dei dati di entrambe le rilevazioni (sulle imprese e sulle istituzioni non profi t) sia per la produzione dell informazione strutturale sugli occupati delle imprese. I risultati del Censimento vengono utilizzati per prendere decisioni che riguardano i comuni, le province, le regioni, l intero Paese. Il Governo, gli Enti Locali, le imprese, le associazioni di categoria sono solo alcuni dei numerosi utenti che utilizzano le informazioni dei Censimenti per pianifi care i servizi utilizzati dai cittadini, italiani e stranieri, che vivono in Italia. Il Volume si articola nelle seguenti parti: Parte prima: Aspetti generali; Parte seconda: Rilevazione sulle imprese; Parte terza: Rilevazione sulle istituzioni non profi t; Parte quarta: Glossario e materiali. Nella parte prima sono descritti gli aspetti generali del Censimento riguardo agli obiettivi, innovazioni e riferimenti normativi, all organizzazione e calendario delle operazioni, ai compiti della rete di rilevazione e attività di raccolta dati, al sistema informatico a supporto della rilevazione e questionario elettronico. Nella parte seconda, relativa alla rilevazione sulle imprese, sono descritti sia i caratteri generali della rilevazione relativamente alle unità di rilevazione, al campo di osservazione, alla lista precensuaria e ai criteri di individuazione delle unità incluse, sia il questionario, le norme di compilazione e i relativi casi particolari, sia il piano di controllo dei dati. Nella parte terza, relativa alla rilevazione sulle istituzioni non profi t, sono descritti sia i caratteri generali della rilevazione relativamente alle unità di rilevazione, al campo di osservazione, alla lista precensuaria e ai criteri di individuazione delle unità incluse, sia il questionario, le norme di compilazione e i relativi casi particolari, sia il piano di controllo dei dati. La parte quarta è destinata al glossario generale relativo alle due rilevazioni ed ai fac-simile dei materiali. Ulteriore documentazione è disponile nel portale della rete di rilevazione all indirizzo: https://censimentoindustriaeservizi.istat.it/rete.

10

11 SIGLE ED ABBREVIAZIONI UTILIZZATE 11 5X1000 Acat ACC ACLI Acri ADSL Agesci AICS AIDO All. ANPAS APS ARCI Art. Artt. ASIA Asl ASTAT AT ATECO ATI AUSER AVIS Avulss BII BRIC c.c. c.d. C.d.A. CAF CAP Cap. CAV CCIAA Cinque per mille Associazione club alcolisti in trattamento Accertamento Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani Associazione di fondazioni e di casse di risparmio Asymmetric Digital Subscriber Line Associazione guide e scout cattolici italiani Associazione italiana cultura e sport Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule Allegato Associazione nazionale pubbliche assistenze Associazione di promozione sociale Associazione ricreativa e culturale italiana Articolo Articoli Archivio Statistico delle Imprese Attive Azienda sanitaria locale Istituto Provinciale di Statistica (Provincia Autonoma di Bolzano) Anagrafe Tributaria Classifi cazione delle attività economiche Associazione temporanea di imprese Autogestione dei servizi Associazione volontari italiani sangue Associazione per il volontariato nelle unità locali socio sanitarie Base informativa integrata Brasile, Russia, India, Cina Codice civile cosiddetto Consiglio d Amministrazione Centro di assistenza fi scale Codice di Avviamento Postale Capitolo Centro aiuto alla vita Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

12 12 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE CDMA Code Division Multiple Access Ce Comunità europea CEI Conferenza episcopale italiana cfr. Confronta Cif Centro italiano femminile CIS Censimento generale dell Industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profi t Cisis Centro interregionale per i sistemi informatici, geografi ci e statistici Co.Co.Co. Collaboratore Continuato e Continuativo Co.Co.Pro. Collaboratore a progetto CONI Comitato olimpico nazionale italiano COP Coordinatore COVIP Commissione di vigilanza sulle pensioni CP2011 Classifi cazione delle professioni 2011 Cral Circolo ricreativo aziendale dei lavoratori CRM Customer Relationship Management D.lgs. Decreto legislativo D.M. Decreto ministeriale D.P.R. Decreto del Presidente della Repubblica DSL Digital Subscriber Line e.g. Exempli gratia EAS Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fi ni fi scali da parte degli Enti Associativi EDGE Enhanced Data rates for GSM Evolution EDI Electronic Data Interchange EDIFACT Electronic Data Interchange For Administration, Commerce and Transport ERP Enterprise Resource Planning ERR Errore EVDO EVolution-Data Optimized Fao Food and agricolture organization GAS Gruppo di acquisto solidale GPRS General Packet Radio Service GSM Global System for Mobile communications HDSL High data rate Digital Subscriber Line HSDPA High Speed Downlink Packet Access i.e. Id est IaaS Infrastructure as a Service ICNPO International Classifi cation of Nonprofi t Organizations ICT Information and Communications Technology IDE Investimento diretto estero Img Immagine Inp Istituzioni non profi t INPS Istituto nazionale della previdenza sociale

13 13 SIGLE ED ABBREVIAZIONI UTILIZZATE IPAB Istituto pubblico di assistenza e benefi cenza IRPEF Imposta sul reddito delle persone fi siche ISCO International Standard Classifi cation of Occupations ISDN Integrated Services Digital Network ISIC International Standard Industrial Classifi cation IULGI Indagine sulle Unità Locali delle Grandi Imprese IVA Imposta sul valore aggiunto L. Legge M&A Mergers and acquisitions MIUR Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca MO.VI Movimento di Volontariato Italiano MPV Movimento per la vita NUP06 Nomenclatura e classifi cazione delle Unità Professionali 2006 ONG Organizzazione non governativa ONLUS Organizzazioni non lucrative di utilità sociale Onu Organizzazione delle nazioni unite P. IVA Partita Iva PA Pubblica Amministrazione PaaS Platform as a Service PC Personal Computer PDA Personal Digital Assistant PGC Piano Generale di Censimento PLC Programmable Logic Control Pres. Presidente R&S Ricerca e Sviluppo RADSL Rate-Adaptive Digital Subscriber Line RIL Rilevatore RIT Responsabile Istat Territoriale s.m.i. Successive modifi che e integrazioni S13 Lista Istat delle Amministrazioni Pubbliche SaaS Software as a Service Sas Società in accomandita semplice SDSL Symmetric Digital Subscriber Line SEAT Archivio delle utenze telefoniche - area affari SEC Sistema Europeo dei Conti segg. Seguenti SGR Sistema di Gestione della Rilevazione Sistan Sistema Statistico Nazionale Sna System of national accounts S.n.c. Società in nome collettivo S.p.A. Società per Azioni S.r.l. Società a responsabilità limitata T.U. Testo Unico

14 14 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE TCP/IP TQM TUIR UE UMTS UNESCO UNDESA UPC UR CCIAA URC UTG VDSL WAP Wi-fi WiMax XML Transmission Control Protocol/Internet Protocol Total Quality Management Testo Unico delle Imposte sui Redditi Unione Europea Universal Mobile Telecommunications System United Nations Educational, Scientifi c and Cultural Organization United Nations Department of Economic and Social Affairs Uffi cio Provinciale di Censimen to Unioni Regionali delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Uffi cio Regionale di Censimento Uffi ci Territoriali di Governo Very High-speed Digital Subscriber Line Wireless Application Protocol Wireless fi delity Worldwide interoperability for Microwave access extensible Markup Language Modelli CIS2011_NP CIS2011_QS CIS2011_QX_Bis CIS2011_NP_Bis CIS2011_QS_Bis CIS2011_NP_Gui CIS2011_QS_Gui CIS2011_QX_Gui CIS2011_NP_LIn CIS2011_QS_LIn CIS2011_QX_LIn CIS2011_NP_Sl CIS2011_QS_Sl CIS2011_NP_Gui_Sl Questionario per le istituzioni non profi t Questionario per le imprese con meno di 10 addetti Questionario per le imprese con almeno 10 addetti di scorta Questionario per le istituzioni non profi t di scorta Questionario per le imprese con meno di 10 addetti di scorta Guida alla compilazione del questionario per le istituzioni non profi t Guida alla compilazione del questionario per le imprese con meno di 10 addetti Guida alla compilazione del questionario per le imprese con almeno 10 addetti Lettera informativa per la rilevazione per le istituzioni non profi t Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con meno di 10 addetti Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con almeno 10 addetti Questionario per le istituzioni non profi t in lingua slovena Questionario per le imprese con meno di 10 addetti in lingua slovena Guida alla compilazione del questionario per le istituzioni non profi t in lingua slovena CIS2011_QS_Gui_Sl Guida alla compilazione del questionario per le imprese meno di 10 addetti in lingua slovena CIS2011_QX_Gui_Sl Guida alla compilazione del questionario per le imprese con almeno 10 addetti in lingua slovena

15 15 SIGLE ED ABBREVIAZIONI UTILIZZATE CIS2011_NP_LIn_Sl Lettera informativa sulla rilevazione per le istituzioni non profi t in lingua slovena CIS2011_QS_LIn_Sl Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con meno di 10 addetti in lingua slovena CIS2011_QX_LIn_Sl Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con almeno 10 addetti in lingua slovena CIS2011_QS_Gui_Ci Guida alla compilazione del questionario per le imprese con meno di 10 addetti in lingua cinese CIS2011_QX_Gui_Ci Guida alla compilazione del questionario per le imprese con almeno 10 addetti in lingua cinese CIS2011_QS_LIn_Ci Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con meno di 10 addetti in lingua cinese CIS2011_QX_LIn_Ci Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con almeno 10 addetti in lingua cinese CIS-AZ2011_NP Questionario per le istituzioni non profi t in lingua tedesca CIS-AZ2011_QS Questionario per le imprese con meno di 10 addetti in lingua tedesca CIS-AZ2011_QX_Bis Questionario per le imprese con almeno 10 addetti in lingua tedesca di scorta CIS-AZ2011_NP_Bis CIS-AZ2011_NP_Gui Questionario per le istituzioni non profi t in lingua tedesca di scorta Guida alla compilazione del questionario per le istituzioni non profi t in lingua tedesca CIS-AZ2011_QS_Gui Guida alla compilazione del questionario per le imprese con almeno 10 addetti in lingua tedesca CIS-AZ2011_QX_Gui Guida alla compilazione del questionario per le imprese meno di 10 addetti in lingua tedesca CIS-AZ2011_NP_LIn CIS-AZ2011_QS_LIn CIS-AZ2011_QX_LIn Lettera informativa sulla rilevazione per le istituzioni non profi t in lingua tedesca Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con meno di 10 addetti in lingua tedesca Lettera informativa sulla rilevazione per le imprese con almeno 10 addetti in lingua tedesca

16

17 PARTE PRIMA ASPETTI GENERALI

18

19 CAPITOLO 1 Il CIS 2011: obiettivi, innovazioni e riferimenti normativi 19 Il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profi t conclude la tornata censuaria che è stata contraddistinta da una forte attenzione all innovazione e da un ampio uso di dati amministrativi. I censimenti, infatti, rappresentano una preziosa occasione per utilizzare nuove soluzioni sia sul versante metodologico e tecnologico sia su quello dell integrazione delle fonti informative. Il Censimento, la cui data di riferimento è fi ssata al 31 dicembre 2011, si articola in tre differenti rilevazioni sul campo: rilevazione campionaria sulle imprese; rilevazione sulle istituzioni non profi t; rilevazione sulle istituzioni pubbliche. Al fi ne di realizzare una serie di approfondimenti tematici di rilievo l Istat ha progettato rilevazioni specifi che, multiscopo, condotte su campioni rappresentativi di imprese, alle quali sono inviati questionari dai contenuti informativi innovativi. In particolare, la rilevazione campionaria sulle imprese è così articolata: a. rilevazione sulle unità locali delle imprese (svolta annualmente per aggiornare l archivio ASIA unità locali); b. rilevazione multiscopo sulle imprese; c. rilevazione multiscopo sulle unità complesse. Oggetto della trattazione del presente Volume sono la rilevazione multiscopo sulle imprese e la rilevazione sulle istituzioni non profi t le cui operazioni sul campo sono affi date alle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura italiane presso le quali si sono costituti gli Uffi ci Provinciali di Censimento. Nel territorio delle Province di Trento e Bolzano l esecuzione delle operazioni censuarie è regolata da apposite intese tra l Istat e le competenti Province autonome. Le altre rilevazioni censuarie sono svolte direttamente dall Istat. I censimenti economici sono realizzati con l obiettivo principale di fornire un quadro informativo statistico sulla struttura del sistema economico nazionale a livello di grande dettaglio territoriale. Il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profi t, oltre a prefi ggersi questo tradizionale obiettivo, mira ad approfondire la conoscenza di specifi ci aspetti del sistema produttivo italiano producendo insiemi informativi inerenti a differenti sottopopolazioni di imprese e a specifi ci domini di analisi. Inoltre esso consente l ampliamento, l aggiornamento ed il miglioramento della qualità dell Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) e la creazione dei 1 6 Censimento generale dell agricoltura del 2010 e 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni del 2011.

20 20 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE registri delle istituzioni non profi t e delle istituzioni pubbliche. I costituendi registri, realizzati dall Istat mediante l integrazione di basi di dati di fonte amministrativa e testati attraverso i risultati delle rilevazioni censuarie, saranno utilizzati nei periodi intercensuari come basi per l esecuzione di indagini campionarie, per ricerche e studi economici e sociali, parimenti a quanto già avviene per le imprese con il registro ASIA. In linea con la strategia adottata dall Istat nei Censimenti generali del , caratterizzata da un ampio utilizzo di fonti amministrative a supporto delle rilevazioni sul campo, il Censimento economico che si svolge nel 2012 è realizzato a partire da liste precensuarie prodotte dall Istat mediante integrazione tra fonti amministrative e statistiche. Con particolare riferimento alle imprese, l esistenza di un registro statistico consolidato, aggiornato annualmente anche con le informazioni sulle unità locali (ASIA - Unità locali) ha consentito l introduzione di un innovazione importante. A differenza dei censimenti svolti fi no ad oggi, la rilevazione sulle imprese non coinvolge direttamente tutte le imprese italiane ma solo un campione di esse, pari a circa 260 mila unità, che comprende tutte le imprese con almeno 20 addetti e un campione delle imprese con meno di 20 addetti. La restituzione dei dati ottenuti sarà, tuttavia, di tipo censuario: le informazioni strutturali delle imprese saranno desunte dagli archivi amministrativi mentre la rilevazione campionaria sulle imprese offrirà approfondimenti inediti su aspetti di forte attualità che riguardano il tema della competitività delle imprese. Anche il Censimento delle istituzioni non profi t è realizzato a partire da una lista precensuaria prodotta attraverso l integrazione di fonti amministrative a carattere generale nonché di altre fonti amministrative e statistiche specifi che dei settori di pertinenza. Le principali innovazioni di metodo e tecniche introdotte dalla rilevazione sulle imprese e dalla rilevazione sulle istituzioni non profi t sono di seguito sintetizzate: consegna alle unità di rilevazione da parte del vettore incaricato da Istat e restituzione multicanale; presenza dei rilevatori operanti presso gli Uffi ci Provinciali di Censimento (UPC), che usciranno sul campo solo per acquisire i questionari non restituiti; architettura informatica interamente on line riguardo a tutte le macrofunzioni del processo produttivo con gestione e monitoraggio continuo della mancata consegna e delle operazioni di restituzione dei questionari, a cura dell UPC, tramite l uso del Sistema di Gestione della Rilevazione (SGR); Con specifi co riferimento alle imprese ulteriori innovazioni sono: rilevazione multiscopo per la prima volta realizzata sul tema della competitività e dei processi decisionali; utilizzo di questionari diversi, più o meno articolati a seconda della dimensione dell impresa, fi nalizzati a coglierne le caratteristiche reali, i fattori di competitività e le specifi cità rilevanti; restituzione multicanale diversifi cata in base alla dimensione dell impresa con auto compilazione del questionario, esclusivamente via Internet, per le imprese di maggiori dimensioni; informazioni rilevate e desunte dagli archivi amministrativi che consentiranno la creazione del registro degli occupati e l ampliamento informativo del Registro delle Imprese, al fi ne di alimentare un processo produttivo annuale di dati strutturali economici oltre che sul sistema impresa anche sulle caratteristiche dell occupazione.

21 PARTE PRIMA ASPETTI GENERALI 21 CAPITOLO Sul piano dell organizzazione, il coinvolgimento del sistema camerale è improntato alla massima valorizzazione delle specifi che competenze in materia di unità economiche dei soggetti che svolgono attività statistica sul territorio nazionale. Con la realizzazione delle attività censuarie l Istat e il Sistema camerale italiano rinnovano la loro tradizionale collaborazione in campo statistico e censuario. La diffusione dei dati avverrà nel rispetto della tutela della riservatezza, prevalentemente mediante moderni strumenti telematici, così da facilitare il loro utilizzo da parte degli utenti. Infi ne, va sottolineato come i risultati del censimento economico verranno rilasciati secondo un articolazione territoriale pienamente coerente con quella adottata nei censimenti generali dell agricoltura e della popolazione, così da offrire all utenza una base informativa statistica integrata sui principali caratteri demografi ci, sociali ed economici. Sul piano normativo, è l art. 15 del Decreto legislativo 6 settembre 1989 n. 322 che affi da all Istat l esecuzione dei censimenti. La stessa norma prevede che l Istat, per lo svolgimento delle rilevazioni, si possa avvalere della collaborazione degli uffi ci di statistica del Sistema Statistico Nazionale (Sistan). Il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profi t è indetto e fi nanziato ai sensi dell art. 50 del Decreto Legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito con modifi cazioni in Legge 30 luglio 2010 n.122. La sua esecuzione avverrà secondo quanto stabilito dal Regolamento (CE) n. 696/93 del Consiglio del 15 marzo 1993, così come modifi cato dal Regolamento (CE) 1137/08 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 ottobre 2008 e dal Regolamento (CE) n. 177/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 febbraio 2008, e dai relativi Regolamenti attuativi (CE) nn. 192/2009 e 1097/2010. Nell ambito del censimento la rilevazione delle istituzioni non profi t avverrà anche secondo i principi generali stabiliti da System of National Accounts 2, da Handbook on Non-Profi t Institutions in the System of National Accounts 3 e da Manual on the Measurement of Volunteer Work 4. In attuazione dell articolo 50 sopracitato, l Istat ha stabilito le linee di indirizzo e di organizzazione del censimento attraverso il Piano Generale di Censimento (PGC), rinviando per la disciplina di ulteriori aspetti tecnici e organizzativi ad apposite circolari e atti. Nel Piano Generale di Censimento, adottato, previa acquisizione delle previste intese con i soggetti istituzionali, con delibera del Presidente dell Istat (Deliberazione n. 15/Pres. del 22 febbraio 2012) e della cui adozione è stata data comunicazione nella Gazzetta Uffi ciale della Repubblica Italiana n. 50 del 29 febbraio 2012, vengono defi nite la data di riferimento del censimento, gli obiettivi, il campo di osservazione, le metodologie di indagine e le modalità di organizzazione ed esecuzione delle operazioni censuarie, gli adempimenti cui sono tenuti i rispondenti nonché gli uffi ci di censimento, singoli o associati, preposti allo svolgimento delle procedure di cui agli articoli 7 e 11 del Decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, gli obblighi delle amministrazioni pubbliche di fornitura all Istat di basi dati amministrative relative a soggetti costituenti unità di rilevazione censuaria. L attività censuaria deve svolgersi nel rispetto della normativa che regola il trattamento dei dati personali di cui al Decreto Legge 30 giugno 2003, n. 196 e successive modifi che e integrazioni, nonché in armonia con le regole stabilite dal Codice deontologico defi nito per gli Enti del Sistema Statistico Nazionale ai sensi dell art. 29 del citato Decreto legge. 2 European Communities, International Monetary Fund, Organization for Economic Co-operation and Development, United Nations and World Bank, System of National Accounts 2008, New York, United Nations and others, System of National Accounts 1993, Brussels/Luxembourg, New York, Paris, Washington D.C., United Nations, Department of Economic and Social Affairs - Statistics Division, Handbook on Non-profi t Institutions in the System of National Accounts, Studies in Methods, Series F., No. 91, New York, International Labour Organization, Manual on the Measurement of Volunteer Work, International Labour Offi ce, Geneva, March 2011.

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Martedì, 5 febbraio 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Martedì, 5 febbraio 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 30 UFFICIALE DELLA

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE 1. Soggetto promotore Società promotrice è il Consorzio Centro Nova con sede in

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli