Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle"

Transcript

1 AGRONOMIA INDICAZIONI PRATICHE E GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI REFERTI Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle Il suolo agrario è il primo fattore di produzione e conoscerne il livello di fertilità è essenziale per massimizzare la potenzialità produttiva delle varie colture. Effettuare le analisi ogni 3-5 anni o quando si riscontrano problemi è il modo migliore per ottenere i risultati desiderati di Giuseppe Ciuffreda Il suolo è una risorsa naturale limitata e non rinnovabile in una scala temporale umana. Il suolo è la base per la produzione di cibo, mangimi, carburanti, fibra naturale, fornisce acqua pulita ed è fondamentale per il ciclo dei nutrienti e di una serie di altre funzioni dell ecosistema. La superficie dei terreni coltivabili nel mondo è limitata e sempre più soggetta al degrado, a una cattiva gestione e a una continua perdita per urbanizzazione. Questa tendenza deve essere invertita ed è necessaria una maggiore consapevolezza delle funzioni che il terreno svolge al sostegno della vita. A tal proposito l Onu ha proclamato il 2015 Anno internazionale dei suoli. Gli agricoltori detengono un patrimonio prezioso sia per la propria attività sia per l umanità: il terreno che coltivano. 18 supplemento a L Informatore Agrario 39/2015 Quanti agricoltori conoscono a fondo il suolo che lavorano? La risposta a questa domanda può sembrare ovvia, ma in realtà molti conoscono la tessitura FIGURA1 - Proprietà fondamentali del terreno BIOFISICHE Aria e acqua Struttura Residui colturali BIOLOGICHE Radici e infestanti Funghi e batteri Insetti e lombrichi Sostanza organica CHIMICHE Azoto, fosforo Potassio Mesonutrienti Micronutrienti Residui Salinità ph Tra i componenti solidi, la sostanza organica gioca un ruolo sostanziale perché regola le proprietà fondamentali del terreno (sabbioso, argilloso, medio impasto, terreno forte, pesante, freddo, caldo, ecc.) ma pochi sanno qual è la sua fertilità. Conoscere la fertilità del suolo La fertilità del terreno va considerata sotto diversi aspetti: chimico, fisico e biologico. La figura 1 riporta in maniera schematica come questi aspetti interagiscano tra loro e qual è il fattore che guida e incrocia la fertilità complessiva del suolo (sostanza organica e humus). La fertilità chimica, e fisica si può conoscere attraverso un analisi di laboratorio. Quando si decide di eseguire un analisi del terreno è fondamentale considerare i seguenti aspetti: metodo di campionamento; parametri da analizzare; scelta del laboratorio; interpretazione del referto analitico. Metodo di campionamento Rappresenta la fase più critica e spesso sottovalutata sia dagli operatori sia dagli agricoltori. Primo aspetto da considerare è quello di prelevare nella maniera corretta un campione (o più campioni) che rappresenti l intero appezzamento di terreno.

2 TABELLA 1 - Parametri analitici da considerare in funzione della tipologia di suolo e degli obiettivi desiderati Paramentri scambiabile assimilabile Situazione/colture ph ph tampone ( 1 ) conducibilità elettrica tessitura calcare totale calcare attivo Csc ( 2 ) sost. organica azoto totale fosforo assimilabile potassio magnesio calcio sodio ( 3 ) ferro manganese zinco boro rame Erbacee o arboree con terreni a ph > 6 Sintomi di carenza o eccesso microelementi Terreni con ph < 6,5 Terreni in vicinanza di acque saline/salmastre Colture protette (in serra) ( 1 ) Necessario per determinare il fabbisogno in calce per la correzione di terreni acidi. ( 2 ) Capacità di scambio cationico. ( 3 ) Necessario per determinare il fabbisogno in gesso per la correzione dei terreni alcalini. Infatti si possono avere a disposizione la strumentazione più avanzata e le metodiche analitiche più recenti, ma se il campione prelevato non è rappresentativo tutta l operazione ha un valore scarso o nullo. Alcune regole da seguire L area di campionamento deve essere stata interessata dalle stesse pratiche agronomiche (tipo di coltura, rotazione, lavorazioni, concimazioni, irrigazioni). La fertilità residua di un terreno può variare di molto in base a cosa si è coltivato l anno prima. L area da campionare deve essere relativamente piccola (2-3 ha) e le caratteristiche del terreno (per tessitura e giacitura) devono essere il più omogenee possibile. Non prelevare campioni di terreno in prossimità di canali, fossi e capezzagne (almeno 5-10 m). Prelevare almeno un campione ogni m2 (quindi su una superficie totale da campionare di 3 ha occorre eseguire almeno 30 prelievi). La modalità di prelievo dei campioni deve essere la più casuale possibile (si può procedere a S, a W oppure a X), la cosa importante è assicurarsi che tutta l area da campionare sia interessata dal prelievo di un campione di suolo. In funzione della profondità di aratura è consigliabile prelevare campioni a una profondità di 5-50 cm. Una regola d oro è quella di prelevare un campione nella zona di maggiore esplorazione delle radici fino a cm di profondità, scartando i primi 5 cm. Il campionamento va eseguito almeno 3-4 mesi dopo un operazione di concimazione e almeno passati 6 mesi dopo un apporto di ammendanti o correttivi o di aggiunta di ammendanti. I campioni di terreno, una volta prelevati, vanno mescolati accura- TABELLA 2 - Principali caratteristiche del terreno in funzione della tessitura Parametro Argilloso Limoso Sabbioso Medio impasto Csc ( 1 ) alta > 20 media bassa < 10 medio alta Ritenzione idrica alta media scarsa media-alta Mobilità elementi nutritivi scarsa scarsa alta media Tendenza alla formazione di crepe alta media scarsa scarsa Ristagno idrico alta alta bassa media Mineralizzazione sostanza organica bassa bassa alta media Tendenza alla formazione di crosta bassa alta bassa bassa ( 1 ) Capacità di scambio cationico. La frazione organica vale dall 1 al 3% della fase solida in peso di un terreno tamente (rotte e sminuzzate le zolle) evitando di utilizzare attrezzi o utensili contaminati (guanti, cazzuole e contenitori con cui si è impastato stucco, gesso, cemento o altri tipi di composti e polveri sottili). Meglio è mescolare il campione usando le mani nude. Il campione (1-2 kg) può esser consegnato tal quale oppure secco (essiccato all aria a bassa temperatura). Ad ogni modo, in casi particolari (ad esempio quando si deve determinare l azoto nitrico), è necessario fare l analisi sul campione umido tal quale, e pertanto è consigliabile consegnare il campione nel più breve tempo al laboratorio. È possibile conservare il campione in frigorifero (4 C) per breve tempo. Scelta dei parametri da analizzare e del laboratorio La scelta dei parametri da analizzare dipende soprattutto dalle condizioni in cui ci si trova e dall obiettivo che si vuole raggiungere. Un terreno coltivato può presentare diverse caratteristiche in funzione del suo ph, della vicinanza o meno ad acque saline salmastre. Inoltre, i parametri da analizzare dovranno essere scelti in funzione della coltura (erbacea o arborea) che si intende realizzare. In tabella 1 sono riportate le casistiche più frequenti e i parametri che si consiglia di determinare. Per quanto concerne la scelta del laboratorio in cui eseguire le analisi si consiglia di optare per quelle strutture che: sono accreditate per l esecuzione delle prove analitiche (secondo la norma UNI EN ISO 17025:2005); utilizzano metodi ufficiali di analisi approvati dal dm 13/9/99; partecipano al circuito di interlaboratorio al fine di garantire un buon livello sulla taratura e sul controllo del- 39/2015 supplemento a L Informatore Agrario 19

3 AGRONOMIA TABELLA 3 - Valori di ph ottimali per l assorbimento dei principali elementi nutritivi le attrezzature, procedure e metodiche applicate (UNI CEI EN ISO/IEC 17025). Interpretazione del referto analitico Una volta realizzata l analisi del terreno è molto importante capire e interpretare i risultati analitici. Al fine di evitare una trattazione rigorosa e approfondita sulla materia, ci si soffermerà sui principali parametri: tessitura, ph, sostanza organica, azoto, fosforo assimilabile e potassio. Elemento Intervallo ph Elemento Intervallo ph Azoto 6,0-8,0 Manganese 3,0-6,5 Fosforo 6,5-7,0 Molibdeno 6,5-9,0 Potassio 6,0-8,0 Zinco 3,5-7,0 Magnesio 6,5-8,5 Ferro 3,0-6,5 Calcio 7,0-9,0 Rame 5,5-7,5 Zolfo 5,5-9,0 Boro 5,0-7,2 Tessitura. Circa il 95-98% del peso secco di un terreno è rappresentato dalla frazione minerale inerte (sabbia, argilla, limo, sassi, ecc.). Pertanto questa frazione è il substrato su cui avvengono tutti i processi fisici, chimici e biologici che sono alla base della nutrizione delle piante e non solo. Al contrario, se prendiamo una sezione tal quale di suolo da un appezzamento di terreno (per intenderci come se tagliassimo un pezzo di torta), questa frazione minerale inerte rappresenta circa il 40% del volume, la rimanente parte è acqua, sostanza organica e aria. Per determinare la tessitura del terreno è necessario eseguire un analisi granulometrica della sua componente minerale. In pratica, la terra fine (tutto ciò che è al di sotto dei 2 mm di diametro), dopo la distruzione della sostanza organica viene suddivisa in tre componenti principali: sabbia, limo e argilla. In base alla percentuale di questi tre componenti avremo una precisa tessitura del terreno: in tabella 2 sono riportate le caratteristiche dei principali terreni così classificati. ph. Il ph del terreno misura la concentrazione degli ioni idrogeno (H+) nella soluzione circolante (la fase acquosa che si trova tra le particelle solide). L importanza del ph è dovuta all influenza che ha su tutte le reazioni che avvengono nel terreno (tabella 3). In particolare influenza molto l attività microbiologica, la disponibilità di elementi nutritivi e l adattabilità delle specie vegetali. A ph subacido o leggermente alcalino (6,8-7,2) prevale l attività dei batteri, responsabili delle trasformazioni dell azoto (azotofissazione, nitrificazione e decomposizione della sostanza organica). A valori leggermente alcalini (7-7,5) prevale l attività di attinomiceti particolarmente resistenti in condizioni di siccità. Il ph influenza molto la solubilità dei nutrienti presenti nel suolo. La figura 2 mette in evidenza come varia la disponibilità del fosforo nel terreno al variare del ph. A ph neutro la disponibilità del fosforo è più alta mentre in suoli acidi l immobilizzazione raggiunge livelli molto elevati. Infine, l adattabilità delle colture al ph è molto diversa da specie a specie, 20 supplemento a L Informatore Agrario 39/2015

4 FIGURA 2 - Comportamento del fosforo nel terreno in funzione del ph Livello di fosforo fissato nel suolo Molto alto Alto Medio Basso ph 3 Fonte: Ipni molto alta da ferro ph 4 alta da alluminio Range di maggiore disponibilità di fosforo media da calcio ph 5 ph 6 ph 7 ph 8 ph 9 Suolo acido Neutro Suolo alcalino Conoscere il rapporto C/N è utile per interpretare i processi di mineralizzazione della sostanza organica nel suolo ad esempio la patata preferisce un ph tra 4,8 e 7 mentre la barbabietola da zucchero nel range 6,5-8,0. Si ricorda che a valori diversi da quelli ottimali le colture si sviluppano lo stesso, ma in condizioni subottimali le produzioni possono ridursi. Sostanza organica. La frazione organica è generalmente l 1-3% della fase solida in peso di un terreno, mentre è il 12-15% in volume. La sostanza organica (s.o.) costituisce una parte importante delle superfici attive del suolo e quindi ha un ruolo fondamentale sia nella nutrizione delle piante sia nel mantenimento della struttura del terreno (tabella 4). La s.o. è composta da un insieme di componenti, i più importanti sono: biomassa vivente (radici di piante, microrganismi, insetti, ecc.); biomassa morta (residui vegetali e animali in via di decomposizione); humus (prodotto finale dell attività dei microrganismi presenti nel terreno): è la componente più nobile e importante della sostanza organica. L humus è la parte della sostanza organica più stabile (più difficile da degradare) e più reattiva del terreno e per tale ragione è il centro da cui dipendono tutte le proprietà fondamentali del terreno. TABELLA 4 - Contenuto della sostanza organica nel terreno Sostanza organica (%) < 0,8 molto povero 0,8-1,2 scarso 1,2-2,0 medio 2,0-4,0 buono 4,0-8,0 ricco > 8 molto ricco Fonte: Arpav TABELLA 5 - Valori del rapporto C/N e relativi giudizi sui processi evolutivi della sostanza organica (s.o.) nel terreno Rapporto C/N Umificazione della s.o. scarso < 9 e rapida mineralizzazione Situazione equilibrata 9-11 tra umificazione e mineralizzazione della s.o. > 11 Mineralizzazione molto bassa Il rapporto carbonio/azoto (C/N) si ottiene dividendo il contenuto percentuale di carbonio organico per quello dell azoto totale. Azoto. Il 97-99% dell azoto totale presente nel terreno è sotto forma organica, mentre la rimanente parte è presente in forma ammoniacale e nitrica. La pianta assorbe principalmente azoto nelle due ultime forme (soprattutto nitrica). La presenza dell azoto nel terreno dunque è fortemente condizionata dal contenuto della sostanza organica, infatti il ciclo dell azoto (mineralizzazione o fissazione) avviene a opera di microrganismi presenti nel terreno. Il contenuto di azoto totale (g/kg di terreno) che riporta la quantità di elemento sia sotto forma organica sia ammoniacale (con tale metodica sfugge quello nitrico) non dice molto sulla disponibilità per le piante, inoltre la sua determinazione è abbastanza variabile. Un dato molto utile, invece, è il rapporto carbonio/azoto (C/N, ottenuto dividendo il contenuto percentuale di carbonio organico per quello dell azoto totale). Tale parametro rivela situazioni di accelerazione o rallentamento dei processi di trasformazione a carico della sostanza organica (tabella 5). Fosforo. Il fosforo è considerato un macroelemento, anche se il contenuto nelle piante è alquanto modesto. Le asportazioni di fosforo durante la stagione vegetativa per una coltura arborea sono dell ordine frazioni di kg/t di frutta prodotta (melo pero e albicocco); per le colture erbacee invece sono di kg/ha (tabella 6). Il fosforo però è elemento fondamentale per il mantenimento di un buon livello di fertilità. Infatti la sua scarsa mobilità nel terreno e l insolubilizzazione cui va facilmente soggetto nei terreni (acidi o alcalini) può diventare un fattore limitante della produzione (figura 2). Per tale motivo è fondamentale chiedere la determinazione del fosforo assimilabile, cioè quello che, essendo presente nel terreno in forma solubile, è potenzialmente assorbibile dalle radici delle piante. Potassio. È un elemento scambiabile del terreno (assieme al calcio e al magnesio presenta ioni di carica positiva a valori di ph 5-8,5). Questo significa che interagisce con le superfici delle particelle minerali e della s.o. ricche di cariche negative. Il livello degli scambi sarà tanto maggiore quanto più alto sarà il contenuto di argilla e sostanza organica. In questi terreni parte del potassio può essere fissato alle particelle e quindi non rendersi disponibili per le piante (tabella 7). 39/2015 supplemento a L Informatore Agrario 21

5 TABELLA 6 - Valori di fosforo nel terreno (metodo Olsen) e giudizio sulla dotazione Valori P ( 1 ) (mg/kg terreno) Valori P 2 O 5 ( 1 ) (mg/kg di terreno) dotazione < 5 12 Molto basso Basso Medio > Elevato ( 1 ) Fosforo assimilabile. In terreni in cui si riscontra un valore basso o molto basso è consigliabile eseguire una concimazione fosfatica di fondo TABELLA 7 - Valori di potassio (K mg/kg di terreno) e giudizio sulla dotazione Sabbioso Medio impasto Argillosi e limosi dotazione < 40 < 60 < 80 Molto basso Basso Medio > 120 > 150 > 180 Elevato Al momento dell assorbimento radicale i cationi (K, Mg e Ca) possono interagire tra loro e scatenare fenomeni di competizione: dosi crescenti TABELLA 8 - Rapporto Mg/K e giudizio sulla operazioni da intraprendere Rapporto Mg/K < 2 Apportare magnesio 2-5 Equilibrato > 5 Evitare apporto di magnesio ll rapporto tra magnesio e potassio dà indicazioni utili sulle operazioni da eseguire: valori compresi tra 2 e 5 indicano un buon equilibrio; valori superiori a 5 riducono la disponibilità del potassio, inducendo a effettuare concimazioni potassiche e a evitare l apporto di magnesio. di potassio deprimono l utilizzo del magnesio e del calcio. Tale competizione è particolarmente forte fra potassio e magnesio perché il rapporto tra questi due elementi (Mg/K espresso in meq/100 g di terreno) ci fornisce informazioni utili sulle operazioni da eseguire: valori compresi tra 2 e 5 indicano un buon equilibrio, mentre valori superiori a 5 riducono la disponibilità del potassio, inducendo a effettuare concimazioni potassiche e a evitare l apporto di magnesio (tabella 8). Analisi del suolo: una volta ogni 3-5 anni È buona prassi eseguire un analisi del terreno almeno una volta ogni 3-5 anni al fine di valutare se le pratiche agronomiche utilizzate sono corrette oppure no. Inoltre è consigliabile eseguire un analisi tutte le volte che si verificano sintomi di carenze o produzioni basse e dallo scarso valore commerciale. Le informazioni apprese vanno appositamente catalogate e archiviate al fine di eseguire confronti futuri. Utilizzare questo strumento in maniera diligente e funzionale significa avere a disposizione uno strumento che guida l agricoltore nel difficile compito della coltivazione del terreno: risorsa unica e indispensabile per tutti gli esseri viventi. Giuseppe Ciuffreda Beta ricerca in agricoltura Ferrara Per commenti all articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: SUBSTRATO DI FUNGAIA MISCELA DI LETAME DI CAVALLO, POLLINA, PAGLIA E TORBA UTILIZZATA PER LA COLTIVAZIONE DI FUNGHI VANTAGGI buon contenuto di sostanza organica migliora la struttura del terreno Testato esente da infestanti e patogeni come facile distribuzione ammendante disponibile tutto l anno con eccellenti risultati su mais, frumento, pomodoro, lattuga, porro 22 supplemento a L Informatore Agrario 39/2015

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Emanuela Tarabbia Le analisi agrochimiche del suolo hanno acquisito, in particolare negli ultimi anni, un valore

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Analisi del terreno per razionalizzare la fertilizzazione. Fiera Agricola Verona 4 febbraio 2016 Workshop Giuseppe Ciuffreda

Analisi del terreno per razionalizzare la fertilizzazione. Fiera Agricola Verona 4 febbraio 2016 Workshop Giuseppe Ciuffreda Analisi del terreno per razionalizzare la fertilizzazione Fiera Agricola Verona 4 febbraio 2016 Workshop Giuseppe Ciuffreda Suolo una risorsa limitata Non rinnovabile in una scala temporale umana Concorre

Dettagli

ALLEGATO 3 RELAZIONE SULLO STUDIO PEDOLOGICO PER L AZIENDA AGRICOLA MANENTI. a cura della dott.ssa SILVIA CHERSICH

ALLEGATO 3 RELAZIONE SULLO STUDIO PEDOLOGICO PER L AZIENDA AGRICOLA MANENTI. a cura della dott.ssa SILVIA CHERSICH ALLEGATO 3 RELAZIONE SULLO STUDIO PEDOLOGICO PER L AZIENDA AGRICOLA MANENTI a cura della dott.ssa SILVIA CHERSICH 2.1 - OBIETTIVI DELLA RICERCA Si sono volute studiare, in via preliminare, le caratteristiche

Dettagli

Verbale di campionamento del suolo

Verbale di campionamento del suolo V. Allegati Regione Campania Assessorato all Agricoltura Verbale di campionamento del suolo Comune codice ISTAT Coordinate geografiche: UTM-Est Sigla identificazione del campione codice rilevatore codice

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

ALLEGATO A: LINEA GUIDA PER LA FERTILIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE

ALLEGATO A: LINEA GUIDA PER LA FERTILIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ALLEGATO A: LINEA GUIDA PER LA FERTILIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE NORME E INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE Considerato quanto definito nei Principi e criteri generali per le pratiche agronomiche

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo

Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo Dr. Giuseppe Stoppelli, Dr. Stefano Pini Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni Vegetali di Sarzana

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

L interpretazione delle analisi del terreno. Strumento per la sostenibilità ambientale

L interpretazione delle analisi del terreno. Strumento per la sostenibilità ambientale L interpretazione delle analisi del terreno Strumento per la sostenibilità ambientale ARPAV Direttore Generale Andrea Drago Direttore Area Tecnico-Scientifica e Ricerca e Informazione Sandro Boato Autori

Dettagli

Impostazione del piano di concimazione

Impostazione del piano di concimazione Impostazione del piano di concimazione Alessandro Masoni ( 1 ), Laura Ercoli ( 2 ) ( 1 ) Dipartimento di Agronomia e Gestione dell Agroecosistema, Università di Pisa ( 2 ) Scuola Superiore Sant Anna, Pisa

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

ph (ph = - log a H+ )

ph (ph = - log a H+ ) ph (ph = - log a H+ ) ph in acqua (ph attuale) stima concentrazione ioni H+ nella soluzione circolante del suolo ph in KCl (ph potenziale) stima ioni H+ nella soluzione circolante e adsorbiti sul complesso

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Compostaggio, sostanza organica e concimazione. Muggia 20 aprile 2015

Compostaggio, sostanza organica e concimazione. Muggia 20 aprile 2015 Compostaggio, sostanza organica e concimazione Muggia 20 aprile 2015 Cos è il compost Il compost è il risultato della decomposizione e dell'umificazione di un misto di materie organiche da parte di macro

Dettagli

ALLEGATO 1 INDICAZIONI PER LA FERTILIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE INTEGRATA

ALLEGATO 1 INDICAZIONI PER LA FERTILIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE INTEGRATA Pag. 1 di 23 ALLEGATO 1 INDICAZIONI PER LA FERTILIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE INTEGRATA PREMESSA Nel rispetto di quanto definito nelle Norme tecniche agronomiche Parte Generale, al fine di attuare correttamente

Dettagli

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista INFORMAZIONI CLIENTE Azienda ZUCCARO GIORGIO AZ. AG Indirizzo C.da Laccata, snc C.A.P 87010 Località Lauropoli Provincia COSENZA ACQUA IRRIGAZIONE Campione Campione 2 Coltura Non specificato Substrato

Dettagli

AgrelanWeb uno strumento per definire la concimazione ottimale

AgrelanWeb uno strumento per definire la concimazione ottimale AgrelanWeb uno strumento per definire la concimazione ottimale Paolo Giandon ARPAV - Servizio Osservatorio Suoli e Rifiuti AgrelanWeb: obiettivo La predisposizione di un piano di concimazione a partire

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

II. Analisi del terreno

II. Analisi del terreno II. Analisi del terreno 1. Le analisi del terreno L analisi chimica del terreno è un supporto indispensabile alla elaborazione di un corretto piano di concimazione. Le analisi del terreno permettono di

Dettagli

Capitolo 5 CHIMICA E FERTILIZZAZIONE DEL TAPPETO ERBOSO

Capitolo 5 CHIMICA E FERTILIZZAZIONE DEL TAPPETO ERBOSO Capitolo 5 CHIMICA E FERTILIZZAZIONE DEL TAPPETO ERBOSO Per una corretta gestione del tappeto erboso, tra le altre pratiche manutentive, la fertilizzazione riveste un ruolo di particolare importanza. La

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto LA CONCIMAZIONE DI PRODUZIONE Per quanto riguarda i vigneti che sono già impiantati, è importante che il viticoltore proceda ad una razionalizzazione degli interventi fertilizzanti. Di norma, infatti,

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni

Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni Esistono numerose prove ed informazioni sulla calcitazione dei terricci a base di torba, che danno i consigli per la risoluzione di numerosi problemi

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

Caratteristiche fisiche

Caratteristiche fisiche La fertilità di un terreno, è l'insieme di una serie di fattori che lo rendono adatto alla coltivazione, fornendo alle piante ancoraggio e nutrizione. Il candidato descriva nel dettaglio le principali

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Piano di Sviluppo Rurale della Campania 2000-2006 Misura f Misure Agroambientali Guida alla Concimazione: Il Piano di Concimazione Aziendale

Piano di Sviluppo Rurale della Campania 2000-2006 Misura f Misure Agroambientali Guida alla Concimazione: Il Piano di Concimazione Aziendale Piano di Sviluppo Rurale della Campania 2000-2006 Misura f Misure Agroambientali Guida alla Concimazione: Il Piano di Concimazione Aziendale Premessa Obiettivo principale del PSR è lo sviluppo di un attività

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

Capitolo 5. Gestione dell analisi chimico-fisica del terreno. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati

Capitolo 5. Gestione dell analisi chimico-fisica del terreno. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati Capitolo 5 Gestione dell analisi chimico-fisica del terreno Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati INSERIMENTO/MODIFICA ANALISI DEL TERRENO La quarta opzione del menu principale permette

Dettagli

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione TERRICCI FRUX Prodotti con garanzia di successo per la buona qualità dell argilla. I terricci Frux sono prodotti di qualità, per la presenza di pregiate materi prime quali argilla montmorillonitica dei

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Guida alla concimazione

Guida alla concimazione Guida alla concimazione OLIVO 1 PREMESSA La Guida alla Concimazione, di breve e semplice consultazione, scientificamente corretta, non vuole essere un strumento esaustivo per tutti i casi verificabili

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

ITIS Castelli - Dipartimento di Chimica - a.s. 2010/11

ITIS Castelli - Dipartimento di Chimica - a.s. 2010/11 1 Nei laboratori di Chimica dell I.T.I.S. Castelli di Brescia sono stati eseguiti dei test miranti a determinare il residuo di calcinazione (cenere) sui campioni di lolla di riso puri o addizionati con

Dettagli

Concime per piante pluripremiato!

Concime per piante pluripremiato! Concime per piante pluripremiato! Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare piante e produrre incroci. I risultati ottenuti con i prodotti

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 12.9.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 242/17 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 28 agosto 2001 che stabilisce i criteri per l'assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

I consigli del Dr Duccio De Plantis della Cooperativa Agricola di Legnaia. 1 La Fertilizzazione

I consigli del Dr Duccio De Plantis della Cooperativa Agricola di Legnaia. 1 La Fertilizzazione il dottore delle piante I consigli del Dr Duccio De Plantis della Cooperativa Agricola di Legnaia 1 La Fertilizzazione Le piante sono esseri viventi, ed esattamente come noi hanno bisogno di essere nutrite.

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

REGIONE LAZIO ALLEGATO 2

REGIONE LAZIO ALLEGATO 2 REGIONE LAZIO Piano Regionale di Sviluppo Rurale 2000 2006 in attuazione del Reg. CE n.1257/99 AVVISO PUBBLICO MISURA III.1- MISURE AGROAMBIENTALI Azione F.1 e F.2 ALLEGATO 2 NORME TECNICHE PER LA REDAZIONE

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

Migliorare la qualità dell acqua

Migliorare la qualità dell acqua Migliorare la qualità dell acqua Migliora la qualità dell acqua con Peters Excel! E importante riconoscere la qualità dell'acqua Quali sono i fattori da considerare? Valore EC (in ms o us) ph dell'acqua

Dettagli

Una delle domande più

Una delle domande più 58 Terra e Vita [ TECNICA E TECNOLOGIA ] n. 19/2014 [ AGRONOMIA ] Lo studio delle esigenze nutrizionali è strategico per agire correttamente in campo Fertilizzazione della vite Una pratica in evoluzione

Dettagli

Dalle microalghe ai biocarburanti: passo breve?

Dalle microalghe ai biocarburanti: passo breve? prof. Rossella Pistocchi LABORATORIO DI BIOLOGIA E FISIOLOGIA ALGALE CIRSA - Ravenna A L G O L A B Dalle microalghe ai biocarburanti: passo breve? Biocarburanti I generazione II generazione III generazione

Dettagli

L Agrotecnico Cuneo Ronchi Via Basse di Chiusano 23. Questi appunti sono disponibili nella sezione News del sito www.lagrotecnico.

L Agrotecnico Cuneo Ronchi Via Basse di Chiusano 23. Questi appunti sono disponibili nella sezione News del sito www.lagrotecnico. CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA 2013 1 a lezione Nutrire e curare le piante: l'uso di tecniche e prodotti innovativi relatore: Davide Mondino Dottore Agronomo L Agrotecnico Cuneo Ronchi Via Basse di

Dettagli

Dott. Fabio Cella Agrosistemi s.r.l. Syngen s.r.l.

Dott. Fabio Cella Agrosistemi s.r.l. Syngen s.r.l. Valorizzazione agronomica dei fanghi di depurazione. Il processo di trasformazione in fertilizzanti correttivi da impiegarsi ai fini agronomici secondo la specifiche del D.Lgs 75/2010 Dott. Fabio Cella

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati Capitolo 12 Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati INSERIMENTO/MODIFICA ANALISI DELLE ACQUE Questa opzione consente di ottenere un giudizio

Dettagli

PRESIDENZA COMUNICATO

PRESIDENZA COMUNICATO COMUNICATO POR FESR 2007-2013 Linea di attività 4.1.5.a Azioni volte al risparmio idrico attraverso il riutilizzo delle acque reflue depurate - Indirizzi per la predisposizione del Piano di Monitoraggio

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

La sostanza organica del suolo

La sostanza organica del suolo La sostanza organica del suolo Per sostanza organica del terreno (SOM) si deve intendere l'insieme complesso ed eterogeneo di componenti organiche, viventi e non viventi (esclusi i residui vegetali grossolani,

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Infrastrutturali Area II Studi e Programmazione

Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Infrastrutturali Area II Studi e Programmazione Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Infrastrutturali Area II Studi e Programmazione UO 12 Sistemi informativi territoriali e tecnologie info-telematiche UO 32 Tutela

Dettagli

Un integrata e sinergica offerta di prodotti per la manutenzione dei sistemi di irrigazione/fertirrigazione

Un integrata e sinergica offerta di prodotti per la manutenzione dei sistemi di irrigazione/fertirrigazione Un integrata e sinergica offerta di prodotti per la manutenzione dei sistemi di irrigazione/fertirrigazione Noi riteniamo che sia necessario offrire una specifica offerta di prodotti speclialistici per

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

Analisi delle acque dell isola di Favignana

Analisi delle acque dell isola di Favignana Analisi delle acque dell isola di Favignana Durante le attività svolte al campo scuola nell ambito del progetto Un mare di.. risorse, il nostro gruppo si è occupato di analizzare le acque del mare in diversi

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

poh = -log 10 [OH - ] ph = -log 10 [H 3 O + ] Soluzione neutra Soluzione acida Soluzione basica ph < 7 ph > 7 ph = poh = 7

poh = -log 10 [OH - ] ph = -log 10 [H 3 O + ] Soluzione neutra Soluzione acida Soluzione basica ph < 7 ph > 7 ph = poh = 7 Reazione del suolo ph ph = -log 10 [H 3 O + ] poh = -log 10 [OH - ] Soluzione neutra [H 3 O + ] = [OH - ] = 10-7 ph = poh = 7 Soluzione acida [H 3 O + ] > [OH - ] > 10-7 ph < 7 Soluzione basica [H 3 O

Dettagli

DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, N. 75

DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, N. 75 A LLEGATO MODIFICA DEGLI ALLEGATI 1, 7 E 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, N. 75 42 1. L allegato 1, Concimi nazionali, è così di seguito modificato: al punto 5.2. Concimi organici NP, è aggiunto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA Marco Acutis marco.acutis@unimi.it Il quadro generale Nel 2050 l incremento numerico e

Dettagli

Centro di formazione professionale per il verde ornamentale APPUNTI DI AGRONOMIA

Centro di formazione professionale per il verde ornamentale APPUNTI DI AGRONOMIA Centro di formazione professionale per il verde ornamentale APPUNTI DI AGRONOMIA Viale Cavriga 3, 20052 Monza (MI) Tel. 039-2302979 Fax. 039-325309 E-mail: info@monzaflora.it Internet: www.monzaflora.it

Dettagli

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO Che cosa è il compostaggio domestico? E un processo naturale che permette di ottenere dagli scarti organici di cucina (filtri di caffè, scarti

Dettagli

INTRODUZIONE ALL AGRICOLTURA ORGANICA RIGENERATIVA

INTRODUZIONE ALL AGRICOLTURA ORGANICA RIGENERATIVA INTRODUZIONE ALL AGRICOLTURA ORGANICA RIGENERATIVA MARCO PIANALTO ATTIVISMO E VOLONTARIATO IN CAMPO AMBIENTALE E SOCIALE DA 25 ANNI MATURITÁ SCIENTIFICA LAUREA IN SCIENZE AGRARIE (STUDENTE LAVORATORE)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

FERTILITA CHIMICA. Disponibilità ottimale dei nutrienti. Fattori atmosferici favorevoli. Fattori pedologici. Pratiche agricole

FERTILITA CHIMICA. Disponibilità ottimale dei nutrienti. Fattori atmosferici favorevoli. Fattori pedologici. Pratiche agricole ANALISI DEL SUOLO - Conoscere i valori di alcuni parametri chimico-fisici allo scopo di giudicarne l idoneità ai fini di una normale e redditizia crescita dei vegetali - Individuare il tipo e l intensità

Dettagli

Lavori di metà marzo. Muggia, 16 marzo 2015

Lavori di metà marzo. Muggia, 16 marzo 2015 Lavori di metà marzo Muggia, 16 marzo 2015 Partiamo a metà strada. 4 grandi temi: 1) Preparazione del terreno 2) La concimazione 3) Realizzazione impianti vigneto e frutteto 4) Potatura delle piante da

Dettagli

Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura

Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura "FRUITGAS" L'ENERGIA DAL FRUTTETO: ESEMPIO DI FILIERA PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE DA RESIDUI DI POTATURA DEI FRUTTETI Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura Carlo

Dettagli

Assessorato alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali Direzione Regionale Agricoltura

Assessorato alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali Direzione Regionale Agricoltura Assessorato alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali Direzione Regionale Agricoltura DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA PARTE AGRONOMICA NORME GENERALI 1 Indice NORME TECNICHE GENERALI

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli