REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO. Centro Regionale di Programmazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO. Centro Regionale di Programmazione"

Transcript

1 PROGETTAZIONE INTEGRATA Laboratorio territoriale Carbonia-Iglesias Principali tematismi emersi dall analisi territoriale Area di intervento Sistema dei servizi alla persona: La co-progettazione di azioni per la coesione sociale La riqualificazione dell offerta dei servizi alla persona PAGE 1/ NUMPAGES 16

2 Descrizione del tematismo Il territorio della Provincia di Carbonia-Iglesias è caratterizzato da un contesto sociale critico, da cui emerge una forte domanda di servizi di servizi alla persona. In particolare è emerso: un alto tasso di disoccupazione; una riduzione della popolazione infantile; un alto tasso di spopolamento; un alto tasso di invecchiamento della popolazione. Un elemento di forte impatto sociale sul territorio è rappresentato dal tasso di disoccupazione molto elevato conseguenza della crisi che attraversano le attività industriali operanti nell area. Mentre la media regionale negli ultimi quattro anni ha subito un ridimensionamento notevole, passando dal 21,66% del 2001 (dati ISTAT censimento) al 13,9% del 2004 (fonte elaborazioni Crenos su dati ISTAT), nel territorio del Sulcis-Iglesiente si percepisce (non esistono dati ufficiali al riguardo su questa base territoriale) una perdita di posti di lavoro e un aumento del tasso di disoccupazione (tabella 1.2). Gli unici dati ufficiali disponibili, su base comunale, sono quelli ISTAT del censimento 2001, che evidenziano una realtà in grande crisi con solo un comune (Calasetta) che presenta valori inferiori alla media regionale del 2001 e valori decisamente elevati su tutta l area, con punte che superano il 35% (Villaperuccio), con una tendenza media del 27% (tabella 1.3). Decisamente rilevante appare la disoccupazione giovanile e quella femminile. Con riferimento ai giovani (tabella 1.4), a fronte di una media regionale che sfiora il 54%, la tendenza media dell area trova dei valori che superano il 60%, mentre con riferimento a quella femminile, a fronte di una media regionale di circa il 28%, vi è una tendenza media che sfiora il 39%. L incidenza della popolazione infantile (0-14 anni) è inferiore alla media nazionale (14,2, dati 2003), ed è il più basso di tutta la Sardegna (circa 12,58 contro il 13,59 della media regionale) (grafico 1.1). Il dato è strettamente connesso alla bassa fertilità (numero medio di figli per donna), il cui valore è inferiore rispetto alla media nazionale (a sua volta fra le più basse a livello mondiale). L indice di carico di figli per donna in età feconda (stima il rapporto tra il numero di bambini di età inferiore ai 5 anni, in età prescolare, e il numero di donne in età feconda) presenta il livello più basso di tutta la regione (grafico 1.2) (fonte Piano Regionale Socio Assistenziale). La dinamica della popolazione, mostra alcune caratteristiche peculiari in confronto con altre aree della Sardegna. In particolare, il territorio del Sulcis- Iglesiente, nel periodo , ha perso il 5,6% della propria popolazione, contro l 1% della media regionale (grafico 1.3). Si noti che il territorio del Sulcis si è spopolato, nel decennio ad una velocità quattro volte superiore rispetto a quella della regione nel suo complesso. Tale dinamica è PAGE 2/ NUMPAGES 16

3 omogenea all interno di tutta l area: anche il polo Iglesias Carbonia perde abitanti, così come la zona costiera. L incidenza degli ultra 65enni è leggermente superiore alla media regionale, ma nettamente inferiore alla media nazionale, anche se in rapida crescita. Il risultato è una popolazione anziana, anche rispetto alla media della popolazione sarda: se l indice di vecchiaia in Sardegna è pari a 116, nel Sulcis- Iglesiente si arriva ad un valore di 129 (grafico 1.4). Analogo discorso per l indice di dipendenza, che fa registrare nel Sulcis-Iglesiente un dato, 53, superiore a quello della media regionale, 42, ed a quello della media nazionale, che si attesta invece a 48,5. Dall analisi congiunta degli elementi citati, emerge che Carbonia-Iglesias, al momento, è una provincia destinata a invecchiare rapidamente (bassa fertilità e bassa incidenza della popolazione infantile). Con riferimento ad altri dati relativi alla domanda e ai bisogni, non esistono statistiche ufficiali o laddove esistono, si incontrano delle difficoltà nel reperimento. Secondo quando emerge dalle interviste, il territorio del Sulcis-Iglesiente è interessato da: aumento di sofferenti mentali; aumento del consumo di sostanze stupefacenti; aumento di fenomeni di microcriminalità; aumento del fenomeno della dispersione scolastica; diffusione di atteggiamenti rinunciatari e passivi, soprattutto con riferimento alle possibilità di trovare un opportunità lavorativa. Sul fronte dell offerta dei servizi alla persona sono presenti nel territorio le seguenti strutture autorizzate ai sensi della L.R. 4/88 (fonte: Piano Regionale Socio Assistenziale, dati al 31/10/2004): 1 asilo nido con 56 posti autorizzati; 3 ludoteche con 42 posti autorizzati; 6 comunità alloggio per minori con 41 posti autorizzati; 6 comunità alloggio per minori con 138 posti autorizzati; 4 case protette con 337 posti autorizzati; 8 centri di aggregazione sociale con 448 posti autorizzati; 2 centri di pronto intervento con 18 posti autorizzati. Esistono inoltre altre strutture non autorizzate che operano in regime privatistico, il cui dato numerico è di difficile reperibilità. Nel territorio hanno la sede (secondo i dati dell albo regionale delle cooperative sociali L.R. n 16/97) 26 cooperative sociali di tipo A (servizi di welfare), e 17 cooperative sociali di tipo B (inserimento lavorativo). Al contrario non sono PAGE 3/ NUMPAGES 16

4 presenti aggregazioni di imprese cooperative (consorzi) (grafico ). Analizzando le cooperative sociali su scala regionale, è possibile notare come le cooperative sociali di tipo A che operano nel territorio rappresentano il 7% del totale complessivo delle cooperative sociali di tipo A dell intera Sardegna, mentre quelle di tipo B sono pari al 13% delle cooperative sociali di tipo B dell intera Sardegna. Con riferimento alle cooperative sociali di tipo B, spicca in particolare l elemento che vi è il più alto numero di imprese sociali rapportato alla popolazione residente: ne sono presenti, infatti, 1 ogni abitanti, contro la media regionale di 1 ogni abitanti, e ben lontano da 1 ogni della provincia dell Ogliastra (tabella 1.1). Unitamente alle realtà che hanno la sede legale nel territorio, ne esistono altre, che sfuggono alle classificazioni ufficiali, e sono rappresentate dalle cooperative sociali che, pur non avendo la sede nel territorio, vi operano in virtù della aggiudicazione di una gara di appalto. A titolo esemplificativo, ma certamente non esaustivo è possibile citare la cooperativa sociale Spazio bambini di Catania e la cooperativa sociale CTR Onlus di Cagliari che gestiscono alcuni servizi nel territorio del Comune di Carbonia. Rapportando i dati dell albo delle cooperative sociali con quelli del sistema informativo on line della camera di commercio (www.infocamere.it) è possibile notare come siano 19 i soggetti iscritti nella categoria Assistenza sociale non residenziale (12 dei quali sono iscritti nell albo delle cooperative sociali); mentre sono 4 i soggetti iscritti nella categoria Assistenza sociale non residenziale (2 dei quali sono iscritti nell albo delle cooperative sociali). Ciò sta a significare che solo 14 soggetti su 26 delle cooperative sociali di tipo A (quelli B sono compresi nelle diverse categorie merceologiche) risultano negli elenchi della camera di commercio. Esistono quindi 12 soggetti (il 46% del totale) non censiti, che presumibilmente non sono operative. La distribuzione territoriale delle cooperative di tipo A vede una forte presenza nei comuni più popolosi (Carbonia 6 unità, Iglesias 5 e S. Antioco 3), mentre nel caso delle cooperative di tipo B a parte i casi di Iglesias e S. Antioco (rispettivamente 4 e 3 unità) spiccano i casi di Musei, Portoscuso e Santadi con 2 unità ciascuno. Sul fronte dell offerta è possibile citare il caso della Cooperativa Sociale San Lorenzo (di tipo B) che sviluppa progetti di inclusione sociale in partenariato con comuni e servizi della azienda USL, e quello dei comuni di Villamassargia, Musei e Siliqua che hanno costituito un consorzio per la gestione condivisa di servizi sociali. PAGE 4/ NUMPAGES 16

5 Perché il tematismo è stato scelto come rilevante per il territorio Il tema dei servizi alla persona nella nuova provincia di Carbonia-Iglesias è rilevante non solo per il contesto di disagio sociale sopra descritto, ma anche perché l attuale offerta di servizi a livello locale appare debole. La necessità di intervenire sull offerta appare necessario sia in virtù delle considerazioni svolte in precedenza, sia per la forte esigenza manifestata dagli intervistati a pervenire ad una razionalizzazione del settore. Inoltre le nuove metodologie di intervento previste dalle normative nazionali (legge 328/2000) hanno ingenerato in molti soggetti (pubblici e privati) la speranza di lavorare insieme, in regime di coprogettazione, per arrivare ad un sistema integrato di servizi che ponga al centro dei propri interessi il destinatario ultimo dei servizi. Vi sono infine alcuni elementi, di seguito elencati, che rappresentano criteri di base da cui partire per definire strategie e azioni di intervento specifico nei servizi alla persona. - l integrazione tra i servizi sociali e quelli sanitari; - l integrazione tra i servizi pubblici e quelli del privato sociale; - l omogeneizzazione dei livelli di assistenza territoriale; - la personalizzazione degli interventi; - la centralità del sistema famiglia; - lo sviluppo di nuovi servizi connessi a nuovi bisogni. PAGE 5/ NUMPAGES 16

6 Opportunità, criticità e possibili strategie a sostegno del sistema dei servizi alla persona Dall analisi documentale e dalle interviste sono emersi una serie di elementi che caratterizzano il territorio: Punti di forza/opportunità la forte appartenenza e identità della popolazione al territorio; la condivisione di valori sociali; la forte voglia di riscatto dell area dopo anni di grande crisi economica; la grande sensibilità sociale della popolazione; la nascita di nuovi bisogni connessi alla nuova struttura della popolazione; la presenza di una cultura della solidarietà molto sviluppata; la presenza di casi di successo di partenariato pubblico-privato che sono riusciti ad impattare in modo positivo sui bisogni della popolazione (esempio la Cooperativa Sociale San Lorenzo di Iglesias). Punti di debolezza/criticità l eccessivo campanilismo; la parcellizzazione dell offerta; la struttura dell offerta non sempre in grado di sostenere la competizione con altri sistemi imprenditoriali (la difficoltà ad aggregarsi per la realizzazione di particolari servizi e la partecipazione ad appalti); la difficoltà delle imprese sociali a dotarsi di strumenti di gestione manageriale; la difficoltà delle imprese sociali ad accedere al credito Strategie riqualificare l offerta cercando di migliorare le singole realtà operative; favorire le aggregazioni delle imprese sociali più solide; valorizzare i casi di successo; sviluppare i partenariati pubblico privato; PAGE 6/ NUMPAGES 16

7 dare risposte ai bisogni emergenti del territorio. Relazione tra il tematismo e le strategie (politiche) in atto nel territorio L esigenza di migliorare l offerta dei servizi alla persona è fortemente sentito a livello politico nel territorio, come testimoniano i nuovi strumenti utilizzati dagli enti locali e il grande impegno profuso in questi anni per migliorare i servizi ai cittadini. Il lavoro in partenariato (sviluppo di reti) è uno degli strumenti maggiormente utilizzati per fornire risposte più puntuali ai bisogni dei cittadini e massimizzare le risorse disponibili. A tale fine basti considerare l incremento degli accordi di programma, dei progetti obiettivo sovracomunali e delle iniziative integrate per l implementazione del piano di zona che si trovano nei documenti programmatici dei comuni del territorio. Un elemento di grande rilievo attiene ai programmi politici della nuova provincia di Carbonia-Iglesias. Nelle dichiarazioni programmatiche della giunta si parla della nuova provincia come di unica area-urbana, organizzata con un nuovo modello innovativo, dove viene superato il vecchio concetto di centro-periferia, per costruire un sistema (tessuto) urbano unitario e paritario costituito da 23 moderni comuni-quartiere. Inoltre si parla di costituzione di una rete progettata ad hoc di servizi immateriali capace di raggiungere tutti e contemporaneamente accessibile a tutti. Esperienze di programmazione precedenti che si sono occupate del tematismo Oltre ai diversi progetti obiettivo sviluppati dalle amministrazione comunali dell area nei propri piani socio-assistenziali, l esperienza più rilevante è costituita dall Accordo di programma stipulato tra le amministrazioni comunali di Carbonia e Iglesias e l Azienda USL n 7 per la promozione dell integrazione socio-sanitaria nel distretto di competenza. Tale accordo è aperto a tutte le amministrazioni del distretto, e costituisce una sorta di patto di solidarietà per la tutela della salute di tutta la popolazione con al centro dei propri interessi il cittadino. Gli obiettivi dell accordo riguardano: la programmazione integrata (nell area dei distretti USL di Carbonia e Iglesias) dei servizi sociali e socio-sanitari relativi all area famiglia, infanzia, età evolutiva, anziani e disabilità (fisica e psichica); la disciplina per la modalità di gestione unitaria dei servizi di cui sopra; la possibilità di assicurare la progettazione e la realizzazione di un modello di servizi a rete; PAGE 7/ NUMPAGES 16

8 la possibilità di contribuire a promuovere il concorso dei soggetti del terzo settore e di soggetti privati diversi per la realizzazione della rete di cui sopra; lo sviluppo di un servizio informativo socio-assistenziale comune; la possibilità di provvedere alla stesura del Piano di Zona Integrato per il territorio e del Piano Attuativo Territoriale per i Distretti; la possibilità di redigere la Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari; la predisposizione di un progetto di formazione di base e di aggiornamento del personale addetto ai servizi; Di seguito si riportano alcune delle più interessanti attività di partenariato che sono state sviluppate: Accordo di programma sovracomunale tra i comuni del distretto sanitario di Carbonia, l Amministrazione Provinciale di Cagliari, il Centro di Giustizia Minorile, l A.S.L. n 7, il distretto scolastico n 17, per la realizzazione congiunta di interventi e servizi per favorire la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza (Centro Gioco finanziato con la legge n 285/97); Collaborazione sviluppata dal Servizio Sociale del Comune di Carbonia con gli operatori del servizio sociale minori di Cagliari, facenti capo al Ministero della Giustizia, per la riorganizzazione e la definizione di protocolli operativi del lavoro sociale relativo al disagio giovanile, in particolare alla devianza minorile. Il progetto è finalizzato alla realizzazione di una rete interistituzionale che coinvolga i Comuni del distretto di Carbonia; Progetto sovracomunale Mauritania, che vede impegnati i comuni di Carbonia, Gonnesa, Villamassargia, Sant Anna Arresi, Giba e Siliqua unitamente alla cooperativa sociale di tipo B San Lorenzo, che ha previsto una serie di attività per l inserimento lavorativo di soggetti deboli (tossicodipendenti e alcooldipendenti); Accordo di programma per le tossicodipendenze D.P.R. 309/90 tra comuni del Sulcis-Iglesiente e l ASL n 7; Progetto sperimentale sviluppato tra il comune di Iglesias in collaborazione con il Centro di Salute Mentale dell ASL 7, per l inserimento di disabili psichici presso aziende locali; Altri servizi sovracomunali (affido familiare, integrazione persone diversamente abili, telesoccorso e teleassistenza, integrazione handicap) e altri progetti in partenariato (servizio informagiovani, centro polivalente di attività legate alla cultura del mare). PAGE 8/ NUMPAGES 16

9 Azioni proposte a. Infrastrutture: Centri Servizi informativi per i giovani (opportunità di lavoro, imprenditorialità, studio) b. Sviluppo del capitale umano/formazione manageriale, organizzativa e gestionale delle imprese sociali progettazione comunicazione sociale c. Incentivi: per la capitalizzazione attraverso la tipologia del Socio sovventore per l aggregazione di imprese sociali (consorzi); per la realizzazione di strutture private di servizi all infanzia, agli anziani, ai diversamente abili, ect; per il finanziamento di iniziative di tutoraggio per il potenziamento dell impresa sociale (controllo di gestione, marketing sociale, progettazione, organizzazione); fondo di garanzia per migliorare l accesso la credito. PAGE 9/ NUMPAGES 16

10 Allegati tabella 1.2. tasso di disoccupazione per sesso e provincia (vecchio territorio), 2004 Femmine Maschi Femmine e maschi Sassari 20,2 9,6 13,6 Nuoro 14 7,7 10,2 Cagliari 18,1 14,3 15,8 Oristano 18,3 7,5 11,4 Sardegna 18,1 11,3 13,9 Italia 10,5 6,4 8 Fonte Elaborazione Crenos su dati ISTAT, indagine sulle forze lavoro, DPEF Sardegna Tabella Tasso di disoccupazione per sesso - dettaglio comunale COMUNI Sesso Maschi Femmine Totale 1 Buggerru 22,92 36,69 27,81 2 Calasetta 14,76 24,73 17,79 3 Carbonia 18,6 32,97 24,15 4 Carloforte 17,46 28,65 21,04 5 Domusnovas 20,43 41,04 27,38 6 Fluminimaggiore 22,65 35,99 27,27 7 Giba 24,71 36,82 29,14 8 Gonnesa 23,38 39,23 29,05 9 Iglesias 18,85 32,95 24,53 10 Masainas 21,89 48,23 31,88 11 Musei 19,33 39,05 25,91 12 Narcao 24,88 48,67 32,68 13 Nuxis 22,31 42,37 28,67 14 Perdaxius 25,19 46,59 31,91 15 Piscinas 17,43 43,8 26,84 16 Portoscuso 15,29 33,16 21,53 17 San Giovanni Suergiu 19,11 38,89 25,49 18 Santadi 20,11 36,44 25,69 19 Sant'Anna Arresi 22,45 41,81 28,98 20 Sant'Antioco 19,63 37,94 25,65 21 Tratalias 27,4 43,26 32,7 22 Villamassargia 13,1 35,12 20,34 23 Villaperuccio 28,31 48,61 35,34 Fonte: dati Istat - Censimento 2001 PAGE 10/ NUMPAGES 16

11 Tabella Tasso di disoccupazione giovanile per sesso - dettaglio comunale - Censimento COMUNI Sesso Maschi Femmine Totale 1 Buggerru 62,86 81,82 70,18 2 Calasetta 36,07 63,64 45,74 3 Carbonia 57,35 71,25 63,34 4 Carloforte 53,38 74,49 61,79 5 Domusnovas 50,38 79,62 61,34 6 Fluminimaggiore 64,62 66,67 65,49 7 Giba 51,85 65,12 57,73 8 Gonnesa 63,91 62,16 63,21 9 Iglesias 58,31 75,36 65,67 10 Masainas 61,54 82,5 72,15 11 Musei 60,71 86,49 70,97 12 Narcao 62,5 85,88 72,2 13 Nuxis 60 92,86 72,6 14 Perdaxius ,93 15 Piscinas 40 58,82 46,81 16 Portoscuso 51,46 72,5 60,14 17 San Giovanni Suergiu 49,04 70,68 57,48 18 Santadi 46,6 72,6 57,39 19 Sant'Anna Arresi 40,63 67,8 50,97 20 Sant'Antioco 47,37 78,04 59,59 21 Tratalias 63,04 73,53 67,5 22 Villamassargia 29,85 70,83 44,17 23 Villaperuccio 45,45 68,18 54,55 Fonte: dati Istat - Censimento 2001 PAGE 11/ NUMPAGES 16

12 Grafico 1.1 Percentuale di popolazione 0-14 anni, 2003 Fonte Piano Regionale Socio Assistenziale, anno 2005 PAGE 12/ NUMPAGES 16

13 Grafico 1.2 Indice di carico di figli per donna in età feconda, valori relativi, 2003 Fonte Piano Regionale Socio Assistenziale, anno 2005 PAGE 13/ NUMPAGES 16

14 Grafico 1.3 Tasso di spopolamento, variazione nel Sulcis-Iglesiente ed in Sardegna Sardegna Sulcis- Iglesiente Fonte: nostra elaborazione su dati Istat - Censimenti della popolazione Grafico 1.4 L indice di vecchiaia in Italia, nel Mezzogiorno, in Sardegna e nel Sulcis- Iglesiente Italia Mezzogiorno Sardegna Provincia di Ca Sulcis Iglesiente Fonte: nostra elaborazione su dati Istat PAGE 14/ NUMPAGES 16

15 Grafico 1.5 Cooperative di tipo A per provincia CA CARBONIA-IGLESIAS MEDIO CAMPIDANO NU OGLIASTRA OLBIA-TEMPIO OR SS Fonte: nostra elaborazione su dati Assessorato al Lavoro, Regione Autonoma della Sardegna, anno 2005 Grafico 1.6 Cooperative di tipo B per provincia CA CARBONIA -IGLESIA S MEDIO-CA MPIDA NO NU OGLIASTRA OLBIA-TEMPIO OR SS Fonte: nostra elaborazione su dati Assessorato al Lavoro, Regione Autonoma della Sardegna, anno 2005 PAGE 15/ NUMPAGES 16

16 Grafico 1.7 Consorzi per provincia CA NU OR SS Fonte: nostra elaborazione su dati Assessorato al Lavoro, Regione Autonoma della Sardegna, anno 2005 Tabella 1.1 Cooperative di tipo B Provincia % popolazione pop/coop CA 48 38% ,96 CARBONIA- IGLESIAS 17 13% ,24 MEDIO-CAMPIDANO 13 10% ,69 NU 6 5% ,67 OGLIASTRA 2 2% ,50 OLBIA-TEMPIO 8 6% ,75 OR 12 9% ,58 SS 22 17% ,18 totale % ,06 Fonte: nostra elaborazione su dati Assessorato al Lavoro, Regione Autonoma della Sardegna, anno 2005 PAGE 16/ NUMPAGES 16

Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente

Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente Aggiornamento al 15 ottobre 2015 Sintesi dell intervento L applicazione del regime fiscale e contributivo di Zona Franca Urbana

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

TAV. 1 Comune di Buggerru - spostamenti scolastici i

TAV. 1 Comune di Buggerru - spostamenti scolastici i Assessorato dei Trasporti PROVINA DI - TAV. Comune di Buggerru - spostamenti i Comune: Buggerru Superficie: 48,3 kmq Spostamenti attratti da Buggerru Spostamenti generati da Buggerru Popolazione (005):.4

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

Distretto Socio Sanitario di Iglesias Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Iglesias, Gonnesa, Musei, Villamassargia

Distretto Socio Sanitario di Iglesias Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Iglesias, Gonnesa, Musei, Villamassargia Distretto Socio Sanitario di Iglesias Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Iglesias, Gonnesa, Musei, Villamassargia PIANO LOCALE UNITARIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA 2012-2014 INDICE PIANO LOCALE

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

Distretto Sociosanitario di Carbonia

Distretto Sociosanitario di Carbonia Distretto Sociosanitario di Carbonia CALASETTA, CARBONIA, CARLOFORTE, GIBA, MASAINAS, NARCAO, NUXIS, PEDAXIUS, PISCINAS, PORTOSCUSO, SANTADI, SAN GIOVANNI SUERGIU, SANT ANNA ARRESI, S ANTIOCO, TRATALIAS,

Dettagli

A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro

A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro PIU- Contrastare il disagio per costruire il futuro A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) 1 PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro Ob1- Presentazione del progetto preliminare

Dettagli

Le strutture residenziali per minori in Sardegna

Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le comunità presenti in Sardegna Le comunità intervistate I minori presenti I minori dimessi dal 2003 al 2005 I minori di prossima dimissione Nei mesi di

Dettagli

Allegato III ELENCO AUTORITA COMPETENTI IN MATERIA AMBIENTALE (ACA) E SOGGETTI INVITATI PIANO DEI TRASPORTI E DELLA MOBILITA PROVINCIALE

Allegato III ELENCO AUTORITA COMPETENTI IN MATERIA AMBIENTALE (ACA) E SOGGETTI INVITATI PIANO DEI TRASPORTI E DELLA MOBILITA PROVINCIALE ASSESSORATO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PIANIFICAZIONE SETTORIALE SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ Allegato III Area della Pianificazione ELENCO AUTORITA COMPETENTI IN MATERIA AMBIENTALE (ACA) E SOGGETTI INVITATI

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Centro Regionale di Programmazione L integrazione delle politiche di Pari Opportunità nei 13

Dettagli

Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias

Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Provincia di Carbonia Iglesias Centro Interuniversitario Ricerche Economiche e Mobilità Università di Cagliari Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Ottobre 2011 0 PROVINCIA

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Nome

INFORMAZIONI PERSONALI Nome C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Elisabetta Manunza Indirizzo San Gavino Monreale Vico Monreale n 26 Telefono 3403599237 E-mail Nazionalità bettimanunza@tiscali.it Italiana Luogo

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Progetto di gemellaggio Agire POR PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REGIONEPUGLIA IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Bari 25 settembre 2012 AGIRE POR - PROGETTO

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

otenza, 21-25 maggio 2007 Manuela Murru Task Force del Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità

otenza, 21-25 maggio 2007 Manuela Murru Task Force del Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata L applicazione del principio di Pari Opportunità nell ambito della Progettazione Integrata otenza,

Dettagli

IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO

IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO 121 122 C. IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO C.1. Il processo di valutazione sulla prima annualità del Piano di Zona 2011-2015 I Gruppi Operativi di Area (Tavoli Tematici)

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias nel 1991

TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias nel 1991 TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di - nel 1991 fonte: Istat Secondo il Censimento della Popolazione realizzato dall Istat nel 1991 i residenti nella provincia di - sono 139.667.

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 6.1 INCLUSIONE SOCIALE, LEGALITÀ E SICUREZZA. Inclusione Sociale

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 6.1 INCLUSIONE SOCIALE, LEGALITÀ E SICUREZZA. Inclusione Sociale POR SARDEGNA 2000-2006 PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 6.1 INCLUSIONE SOCIALE, LEGALITÀ E SICUREZZA Inclusione Sociale Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati di Sviluppo Regionale APRILE

Dettagli

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020 Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020. 2020. Strategia 1 "Investire sulle Persone". Priorità Lavoro. Il Presidente, di concerto con l'assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale o Tutelare quantità e qualità delle prestazioni sociali di fronte alle trasformazioni del contesto politico e finanziario, e della struttura

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Calabria I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.97 9.79 Superficie (km ) 9,.,7 Densità (ab. per km ) 77, 7, * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

Il ruolo delle Fattorie come strumento di educazione alimentare e ambientale del mondo agricolo L Utilità Didattico Sociale di un servizio agricolo

Il ruolo delle Fattorie come strumento di educazione alimentare e ambientale del mondo agricolo L Utilità Didattico Sociale di un servizio agricolo Il ruolo delle Fattorie come strumento di educazione alimentare e ambientale del mondo agricolo L Utilità Didattico Sociale di un servizio agricolo Fabrizio Tidu Servizio MVBA Cagliari 24 ottobre 2015,

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO

AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO minori e famiglia anziani disabilità dipendenze e salute mentale disagio e marginalità sociale altro (ove la specificità territoriale lo richieda, possono essere individuate

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Bolzano/Bozen I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.7.7 Superficie (km ),9 7.98,8 Densità (ab. per km )., 9,7 * al.. Numero Addetti unità locali

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA.

MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA. LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 05-05-2004 REGIONE LOMBARDIA MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA N. 19 del 7 maggio 2004 SUPPLEMENTO

Dettagli

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità (Anno Accademico 2010-2011) 2 Indice 1. Obiettivi del

Dettagli

Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Allegato 2: Itinerari

Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Allegato 2: Itinerari Provincia di Carbonia Iglesias Centro Interuniversitario Ricerche Economiche e Mobilità Università di Cagliari Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Allegato 2: Itinerari Analisi

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di CARBONIA IGLESIAS 1 INDICE PREMESSA... 3 1. ANALISI DELLA DOMANDA

Dettagli

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza TITOLO AZIONE: La tutela dei diritti dei minori: la governance delle azioni del Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Campania Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI COMUNE DI SAGAMA PROVINCIA DI ORISTANO WEB: www.comune.sagama.or.it SEDE: Corso Vittorio Emanuele III, 46 08010 SAGAMA (OR) PEC: protocollo@pec.comune.sagama.or.it MAIL: servsociali@comune.sagama.or.it

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia).

PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia). PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia). Home Care Premium gestione ex I gestione ex INPDAP- ha promosso

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante. Dati identificativi MICRO 1. Ente Comune: Denominazione Soliera Ente Associato: Denominazione Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ 11.4. Area Diversamente Abili 11.4.1. UN GIORNO DOPO L ALTRO DALLA CONVIVENZA ALLA RESIDENZIALITÁ PER UNA VITA INDIPENDENTE SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI Affari Generali e Controlli interni 1) affari generali: a. gestione amministrativa di tutto il personale della Direzione Centrale, sulla base delle attestazioni

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

ISABELLA BERRINO. Via Pasteur n. 87 18012 Bordighera (IM) ITALIA + 39 347.137.66.18 Isabella.berrino54@gmail.com

ISABELLA BERRINO. Via Pasteur n. 87 18012 Bordighera (IM) ITALIA + 39 347.137.66.18 Isabella.berrino54@gmail.com INFORMAZIONI PERSONALI ISABELLA BERRINO Via Pasteur n. 87 18012 Bordighera (IM) ITALIA + 39 347.137.66.18 Isabella.berrino54@gmail.com Sesso FEMMINA Data di nascita 25/12/1954 A Bordighera (IM) Nazionalità

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LE ATTIVITA DI PRESIDIO TERRITORIALE IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LE ATTIVITA DI PRESIDIO TERRITORIALE IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LE ATTIVITA DI PRESIDIO TERRITORIALE IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS TRA La Provincia di Carbonia Iglesias, rappresentata dal Presidente

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

Il sistema del welfare locale in tempo di crisi. 15.11.2013 A cura del Direttore del Consorzio IRIS Annalisa Sala

Il sistema del welfare locale in tempo di crisi. 15.11.2013 A cura del Direttore del Consorzio IRIS Annalisa Sala Il sistema del welfare locale in tempo di crisi 15.11.2013 A cura del Direttore del Consorzio IRIS Annalisa Sala trasparenza riflessione rendicontazione (accountability) fare cultura valorizzare il lavoro

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

* Responsabilità familiari, capacità genitoriali e diritti dei bambini e degli adolescenti;

* Responsabilità familiari, capacità genitoriali e diritti dei bambini e degli adolescenti; Delib.Ass.Legisl. 23-11-2006 n. 91 Programma annuale 2006: interventi, obiettivi, criteri generali di ripartizione delle risorse ai sensi dell'art. 47, comma 3, della L.R. n. 2/2003. Stralcio del Piano

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

Comunicato stampa del 13 ottobre 2015

Comunicato stampa del 13 ottobre 2015 Comunicato stampa del 13 ottobre 2015 Accesso al credito: la Sardegna è al 6 posto in Italia per diminuzione dei finanziamenti alle piccole imprese In Italia gli impieghi vivi, cioè l intero stock dei

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 61 62 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione L ideazione e la realizzazione del progetto 360 FESR le attività rivolte agli Enti Locali Maria Giuseppina

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

INTERVENTI PROGRAMMATI 233,307. Centro eccellenza energia pulita 8,356. Bonifica aree minerarie dismesse 169,369

INTERVENTI PROGRAMMATI 233,307. Centro eccellenza energia pulita 8,356. Bonifica aree minerarie dismesse 169,369 Oggetto: Piano Sulcis. Presa d atto Protocollo di Intesa per la definizione di obiettivi e condizioni generali di sviluppo e l attuazione dei relativi programmi nel Sulcis-Iglesiente. Atto di indirizzo

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA ALLEGATO 2 Premessa Le Valli Brembana e Imagna sono oggi tra le aree più problematiche in Provincia di Bergamo, per quanto riguarda l occupazione. La crisi della

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014. dies 21/27

ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014. dies 21/27 ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014 dies 21/27 agenzia giornalistica della CISL sarda DIRETTORE EDITORIALE ORIANA PUTZOLU DIRETTORE RESPONSABILE MARIO GIRAU REDAZIONE CAGLIARI - VIA ANCONA 1-09125 Tel.

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ARMA DEI CARABINIERI COMANDO PROVINCIALE, LA QUESTURA DI CATANIA, L AZIENDA OSPEDALIERA O.V.E. FERRAROTTO S. BAMBINO DI CATANIA - L AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI CATANIA -

Dettagli

Le professioni sociali nei sistemi di welfare regionali

Le professioni sociali nei sistemi di welfare regionali Le professioni sociali nei sistemi di welfare regionali di Emilia Presutti Bari, 12 Aprile 2006 Contesto nazionale Ricerche ed analisi sull offerta formativa professionale nel comparto sociale hanno evidenziato

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giulia Muratori N. 15, LOC. CAMPIGLIANO, 02010, RIVODUTRI 0765 2779309 (ufficio) 0765 2779307 (ufficio) servizisociali@farainsabina.gov.it

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

PRESTITO D ONORE DELLA SARDEGNA

PRESTITO D ONORE DELLA SARDEGNA Piano integrato per il lavoro, art. 10 L.R. n. 7/2005 Asse III Risorse Umane Misura 3.10 Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità con priorità ai nuovi bacini di impiego, Azione 3.10 a Azioni di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA. SEDE SOCIALE: Via Giacomo Leopardi n. 141-95127 Catania P.IVA 03561290879

STRUTTURA ORGANIZZATIVA. SEDE SOCIALE: Via Giacomo Leopardi n. 141-95127 Catania P.IVA 03561290879 STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEDE SOCIALE: Via Giacomo Leopardi n. 141-95127 Catania P.IVA 03561290879 AMMINISTRATORE FARAONE Maria Piera Adonella 333/1445980 SEGRETERIA AMMINISTRATIVA SCAFFO ALESSANDRO 392/8193220

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI 2 MICRO 2007 1. Ente Comune: Denominazione RIMINI Ente Associato: Denominazione PREVENTIVO PER MICROAREE 2007 Dati identificativi

Dettagli