ECONOMIA DEL BESTIAME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA DEL BESTIAME"

Transcript

1 CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV)

2 ECONOMIA DEL BESTIAME Le scelte economiche dell imprenditore in questo ambito possono riguardare: Ø l introduzione dell allevamento; Ø la scelta fra più allevamenti possibili; Ø la convenienza alla vendita o trasformazione dei foraggi aziendali. GIUDIZIO ECONOMICO di CONVENIENZA ALL INTRODUZIONE DELL ALLEVAMENTO O ALLA SCELTA TRA PIU ALLEVAMENTI In questi casi il giudizio di convenienza può esprimersi attraverso il bilancio aziendale e l indice da utilizzare è quello del reddito netto dell imprenditore. L introduzione dell allevamento sarà conveniente se il Reddito Netto percepibile con l allevamento supera quello senza. RN con allevamento > RNa senza allevamento Dovendo scegliere tra allevamenti di specie diverse o più tipologie di una stessa specie (es. bovini da carne o da latte), la scelta ricadrà sulla soluzione che massimizza il Reddito Netto.

3 GIUDIZIO ECONOMICO di CONVENIENZA ALLA TRASFORMAZIONE DEI FORAGGI AZIENDALI In questi casi il giudizio di convenienza può esprimersi senza la necessità di compilare un intero bilancio aziendale ma calcolando semplicemente il prezzo di trasformazione del foraggio. Per individuare il prezzo di trasformazione occorre calcolare prima il Valore di trasformazione secondo il seguente schema: PRODOTTI SOMME SPESE DI TRAFORMAZIONE SOMME Carne (ULS) Quote fabbricati (stalla, silos, concimaia etc..) Latte Letame Quote macchine destinate all allev. Quote bestiame Quote prodotti di scorta Spese varie: (mangimi, integratori, latte in polvere, etc., veterinario, medicinali, energia elettrica, ecc.) Imposte e contributi Salari Stipendi Interessi (su fabbricati, bestiame, macchine e prodotti di scorta) Valore Tot. PRODOTTI di trasformazione = PRODOTTI Tot. SPESE - SPESE

4 La differenza fra i prodotti e le spese dà il valore di trasformazione dei foraggi e delle paglie (trasformate in equivalente di Fieno Normale) consumati in azienda Dividendo ora il Valore di Trasformazione per i quintali di foraggio si ottiene il prezzo di trasformazione (P). P = Valore di trasformazione / Quintali di foraggio. Se in azienda si producono foraggi diversi (mais, medica, soia; etc..) occorre trasformare i quantitativi in unità di misura omogenea come il fieno normale (FN) o unità foraggere (UF) PRODOTTI I.C. FN I.C. UF Fieno medica 1,25 0,46 Fieno polifita 1,00 0,45 Silomais 0,60 0,25 Erba mista 0,40 0,17 Granoturco 2,35 1,10 Paglia 0,45 0,15 Orzo 2,15 1,00 L Unità Foraggera è l unità di misura del valore nutritivo degli alimenti impiegati per l alimentazione animale. Corrisponde al valore nutritivo di 1Kg di orzo o di 2,5 Kg di fieno normale di prato stabile ed è pari a 1450 calorie. Fieno normale è quello proveniente da un buon prato polifita asciutto (viene utilizzato per determinare il carico di bestiame dell azienda).

5 Calcolo del PESO VIVO MANTENIBILE con il metodo del Fieno Normale Si rende necessario quando si vuole dimensionare l allevamento alla produzione foraggera aziendale. Si procede nel seguente modo: 1) Determinazione della produzione foraggera aziendale in FN; 2) Calcolo del peso vivo mantenibile totale 3) Calcolo del peso di un gruppo omogeneo P vivo m. = Tot. FN/11 Categoria Numero Età (anni) Peso medio Unitario Totale Vitelle-Manzette ,0 2,0 Manze ,0 5,0 Vacche ,5 45,5 Totale 52,5

6 4) Calcolo del N. di gruppi omogenei allevabili Peso vivo mantenibile N. g.o = Tot. Qli di 1 gruppo omogeneo 5) Calcolo del N. totale di capi allevabili Tot. Animali = N. gruppi allevabili x N. animali di ciascun gruppo

7 Calcolo del BESTIAME ALLEVABILE con il metodo delle Unità Foraggere (UF) Si rende necessario quando si vuole dimensionare l allevamento alla produzione foraggera aziendale. Si procede nel seguente modo: 1) Determinazione della produzione foraggera aziendale in UF 2) Calcolo del consumo annuo di un gruppo omogeneo Linea allevamento vacche Categoria Numero Età (anni) Consumi in UF Giornaliero per capo Annuo per capo Vitelle-Manzette , Manze , Complessivo annuo Vacche , Totale

8 Linea allevamento vitelli da ingrasso Categoria Numero Età (anni) Consumi in UF Giornaliero per capo Annuo per capo Vitelli - Manzi , Torelli , Complessivo annuo Totale ) Calcolo del N. di gruppi omogenei allevabili Totale U.F prodotte N. g.o = C. annuo di un gruppo omogeneo 4) Calcolo del N. totale di capi allevabili Tot. Animali = N. gruppi allevabili x N. animali di ciascun gruppo

9 UTILE LORDO DI STALLA E l aumento di valore che il capitale bestiame fa registrare in un anno a seguito delle variazioni quantitative (incremento di carne) e qualitative ottenute nello stesso periodo. Detto aumento si determina per differenza fra il valore della consistenza finale (C.Fin.) e delle vendite da una parte ed il valore della consistenza iniziale (C.In) e degli acquisti dall altra. ULS = (C.Fin. + Vendite + Morti) - (C.In. + Acquisti + Nascite)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P.

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P. Allegato A Scheda aziendale (schema ) A ----------------------------------------------------------------------- (i quadri sottostanti sono da compilare sempre) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

Prima parte del quesito :

Prima parte del quesito : Il candidato facendo riferimento ad un contesto aziendale di propria conoscenza, descriva un azienda agraria ad indirizzo cerealicolo-zootecnico condotto da un proprietario capitalista. Utilizzando poi

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella)

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella) Allegato A Scheda aziendale Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) N.B. compilare sempre i quadri sottostanti - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome Nome Sesso Data di nascita Comune Provincia

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

!! " # $$%& ' & & && " +,$-./0 1$23" 4&1%53" & &6& &!+$$%9,./0 & + 193" # 4 + & 15,3" &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 +

!!  # $$%& ' & & &&  +,$-./0 1$23 4&1%53 & &6& &!+$$%9,./0 & + 193 # 4 + & 15,3 &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 + " ' $$( ' ",$-./0 1$23" 41%53" 6 1,%3"'78583" 9,./0 1993" 193" 4 $ 75-3" 7,53"47-(3" 15,3" %53 8$,$$$2($$$ % 523 89, 8(9 ; =>1 78(93" 723" ' ',83%5$$$2%/ %? 88,$$$ 2($$$ ( @9%/8$$0" $$5/$$, $$( > $$5/$,

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Fanno reddito le stalle da latte?

Fanno reddito le stalle da latte? Gli scenari attuali e la realtà economica delle stalle lombarde Fanno reddito le stalle da latte? Analisi di 70 bilanci SATA: quale strada verso la competizione europea? Venerdì 25 ottobre 2013 Fiera Internazionale

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici

Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE DELLE PRODUZIONI ANIMALI Tirocinio pratico-applicativo Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici Il laureato in Scienze e Tecnologie

Dettagli

Presentazione situazione dell allevamento italiano

Presentazione situazione dell allevamento italiano Incontro tecnico Gruppo UNIPEG Tavola Rotonda Dalle produzioni eccellenti del territorio alla Riforma PAC Presentazione situazione dell allevamento italiano Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 2004 The Companies srl Caso 2 Stima per capitalizzazione dei redditi di un fondo rustico di ha 40 ubicato nella pianura reggiana. L indirizzo produttivo è zootecnico. L allevamento è basato sui

Dettagli

Valutazioni tecnico-economiche

Valutazioni tecnico-economiche Valutazioni tecnico-economiche Sommario VALUTAZIONE TECNICA ED ECONOMICA DELL'INTRODUZIONE DI GRANELLE PROTEICHE NON OGM NELLA RAZIONE ALIMENTARE DI BOVINI DA CARNE E OVINI...3 VALUTAZIONE TECNICA ED

Dettagli

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas Action 6 : Evaluation of economic and environmental sustainability of improved management strategies Deliverable 6:

Dettagli

CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE LAZIO

CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE LAZIO Facoltà di Agraria Dipartimento di Economia Agroforestale e dell Ambiente Rurale (DEAR) CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

N. 1 del 7 gennaio 2015

N. 1 del 7 gennaio 2015 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - CREMONA Listino settimanale dei prezzi all'ingrosso rilevati sulla piazza di Cremona Salvo diversa indicazione, i prezzi si riferiscono alla fase

Dettagli

GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE

GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE SOCIETÀ ITALIANA DI BUIATRIA ORDINE MEDICI VETERINARI IZS VENEZIE GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE Situazione e prospettive dell allevamento bovino da carne

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

INFORMAZIONI ANAGRAFICHE

INFORMAZIONI ANAGRAFICHE INFORMAZIONI ANAGRAFICHE IMPRENDITORE - cognome e nome - comune di nascita - data di nascita - comune di residenza - indirizzo - provincia - codice fiscale Azienda - ragione sociale - comune ABBADIA LARIANA

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk management Executive Summary L analisi dei costi di produzione del

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

PRONTUARIO DI ESTIMO ISTITUTO TECNICO AGRARIO ARRIGO SERPIERI ANNO SCOLASTICO 2009-2010 SOMMARIO

PRONTUARIO DI ESTIMO ISTITUTO TECNICO AGRARIO ARRIGO SERPIERI ANNO SCOLASTICO 2009-2010 SOMMARIO PRONTUARIO DI ESTIMO ISTITUTO TECNICO AGRARIO ARRIGO SERPIERI ANNO SCOLASTICO 2009-2010 SOMMARIO ARGOMENTO Tabella Rese medie per ettaro coltura, prezzi prodotti agricoli, PLV principali colture erbacee

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE)

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) Allegato A. 3 Scheda III Indagine epidemiologica focolaio ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA ALLEVAMENTO COMUNE. Pagina 1 di 16 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

3) RNA = PNA (Sa corr + St corr + Ip + Ca)

3) RNA = PNA (Sa corr + St corr + Ip + Ca) IL BILANCIO ESTIMATIVO DELL AZIENDA AGRICOLA 1 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI REDDITI Il bilancio estimativo ha lo scopo di determinare il reddito più probabile che in condizioni tecnico economiche

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato 1 alla Determinazione n. 15737/706 DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI del 04.08.2009 Si ricorda che

Dettagli

Costo di produzione e di macellazione del vitellone da carne

Costo di produzione e di macellazione del vitellone da carne Opuscolo C.R.P.A. 2.69 N. 4/2012 Costo di produzione e di macellazione del vitellone da carne Testi di CLAUDIO MONTANARI, EUGENIO CORRADINI, KEES DE ROEST Crpa spa, Reggio Emilia Il 2011 per il comparto

Dettagli

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN COMUNE DI VIGGIANO Provincia di Potenza ALL. 3 Piano di Sviluppo aziendale / Business Plan Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS

Dettagli

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Forlì Cesena C.so della Repubblica, 5 47121 Forlì tel. 0543 713111 C.C.P. n. 16559478 Sito web: http://www.fc.camcom.gov.it e-mail: segreteria.generale@fc.camcom.it

Dettagli

Fac-simile domanda All Organismo di garanzia

Fac-simile domanda All Organismo di garanzia Fac-simile domanda All Organismo di garanzia Alla Banca Domanda di contributo in regime de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1535/2007 della Commissione del 20 dicembre 2007, relativo all applicazione

Dettagli

riduzione dell azoto contenuto nel digestato

riduzione dell azoto contenuto nel digestato BIOGAS $ $ CONVENIENZA E LIVELLO DI RISCHIO DEGLI INVESTIMENTI NEL BIOGAS ZOOTECNICO Redditività dei piccoli impianti, studio del caso da 99 kw Una ridotta taglia di potenza e un alimentazione composta

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane

Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane D Ottavio P. 1, Trombetta M. F. 2, Trobbiani P. 1, Santilocchi R. 1 Dipartimenti 1 SAPROV e 2 SAIFET Facoltà di Agraria - Università

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2001 - N. 47 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 29 Novembre

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

FN(fieno normale) cioè il fieno ottenuto da prato stabile asciutto in medie condizioni di vegetazione e fertilità del terreno.

FN(fieno normale) cioè il fieno ottenuto da prato stabile asciutto in medie condizioni di vegetazione e fertilità del terreno. Appunti sintetici Economia VA 2013 Carico approssimativo di una superficie foraggera: Discreto: 6-7 q.li/ha Buono : 2 capi grossi/ha FN(fieno normale) cioè il fieno ottenuto da prato stabile asciutto in

Dettagli

Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013)

Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013) Sommario Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013)... 3 1. Le tipologie di allevamenti da latte prevalenti in Veneto... 3 2. Il costo di produzione del latte in Veneto: metodologia... 5 2.1

Dettagli

Sono stati pubblicati nel consueto

Sono stati pubblicati nel consueto COSI DI PRODUZIONE E REDDIIVIÀ DEI PRINCIPALI PAESI PRODUORI Competitività in crisi per i bovini da carne europei Il confronto tra costi di produzione e redditività degli allevamenti da carne dell Europa

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 Provincia di Torino Servizio Agricoltura Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO DOMANDA PRESENTATA PER TRAMITE DI Data presentazione N.

Dettagli

Flussi di elementi nutritivi in aziende da latte del fondovalle alpino

Flussi di elementi nutritivi in aziende da latte del fondovalle alpino Flussi di elementi nutritivi in aziende da latte del fondovalle alpino Monica Bassanino, Dario Sacco, Annalisa Curtaz, Carlo Grignani Dip. Agronomia, Selvicoltura e Gestione del Territorio Università di

Dettagli

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE Il confidi nazionale dell Alleanza delle Cooperative Italiane ANTICIPO Anticipo crediti: Anticipare crediti per contributi vantati nei confronti di istituzioni

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere SIMULAZIONE DI DUE SCENARI POSSIBILI Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere di Danluigi Bertazzi, Angelo Frascarelli Il settore del latte oggi è diventato molto più competitivo

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti Thematic Meeting Opportunità di innovazione nel campo dell efficienza energetica Sistemi di controllo degli impianti di digestione anaerobica, per ottimizzarne le rese energetiche Software per l'analisi

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Cristian Bolzonella Contagraf, Università di Padova Steven Taff Dipartimento Economia Applicata, Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI AGRONOMO E FORESTALE JUNIOR SECONDA SESSIONE 2008 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1: Si illustri il ruolo

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

Osservatorio economico. Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2014

Osservatorio economico. Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2014 PIANO ZOOTECNICO Osservatorio economico Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2014 INTRODUZIONE E SINTESI Nell'ambito dell'osservatorio economico della zootecnia istituito

Dettagli

ASSICURAZIONE BESTIAME BOVINO ALL ALPEGGIO ANNO 2013.

ASSICURAZIONE BESTIAME BOVINO ALL ALPEGGIO ANNO 2013. COMUNITA MONTANA BELLUNO PONTE NELLE ALPI (Allegato A) ASSICURAZIONE BESTIAME BOVINO ALL ALPEGGIO ANNO 2013. REGOLAMENTO La Comunità Montana Belluno Ponte nelle Alpi, allo scopo di sostenere l attività

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA CHIEDE

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA CHIEDE COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale.

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. Monica Bassanino Dir. Agricoltura ERICA ALLISIARDI ANDREA CRIVELLARI La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. QUALI AZIENDE SONO POTENZIALMENTE INTERESSATE ALLA DEROGA? 1 Allevamenti

Dettagli

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015 MESE DI: GENNAIO 2015 MEDIE MENSILI BESTIAME SUINO DA ALLEVAMENTO DOT MARCHIATI da 6 kg kg 6,613 da 15 Kg. kg 3,758 da 25 Kg. kg 2,425 da 30 Kg. kg 2,143 da 40 Kg. kg 1,700 da 50 Kg. kg 1,520 da 65 Kg.

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Bologna 13 Novembre 2010 Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia I parametri di calcolo: caratteristiche

Dettagli

INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO

INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO BOVINI DA LATTE PRINCIPI GENERALI: l allevamento zootecnico viene considerato come complementare alla produzione vegetale dell azienda

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione di carne bovina in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione di carne bovina in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione di carne bovina in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk managemen Executive summary Lo studio della struttura e della

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge.

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge. Modello n. 4 Spett PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AGRICOLTURA ED EXPO VIA F.LLI CALVI 10 24100 BERGAMO OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

I costi di produzione nelle aziende biologiche

I costi di produzione nelle aziende biologiche I costi di produzione nelle aziende biologiche Alessandro Corsi, Dipartimento di Economia, Università di Torino Questo articolo riporta i risultati della ricerca, finanziata dalla Regione Piemonte, su

Dettagli

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) PEC:

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) PEC: Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) PEC: suap.pec@comunedicivitavecchia.legalmail.it MODELLO G-15 BILANCIO AZIENDALE (D.Lgs. 29 marzo 2004 n. 99, D.Lgs.

Dettagli

Asa Mercati ANALISI DEI COSTI NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA: IL GRANA PADANO E IL PROVOLONE VALPADANA

Asa Mercati ANALISI DEI COSTI NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA: IL GRANA PADANO E IL PROVOLONE VALPADANA Asa Mercati ANALISI DEI COSTI NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA: IL GRANA PADANO E IL PROVOLONE VALPADANA Aprile 2011 Responsabile della ricerca Egidio Sardo Responsabile della redazione Fabio Del Bravo

Dettagli

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI Cap. I Prodotti della Zootecnia a) Bovini da vita, da latte, da macello Sommario COMMERCIO DEL BESTIAME BOVINI Art. 1 - Forma del contratto. Art. 2 - Termini e condizioni

Dettagli

INCONTRO 11 ottobre 2010

INCONTRO 11 ottobre 2010 INCONTRO 11 ottobre 2010 Davide Roà Area Tecnico - Economica UNA FILIERA AGRICOLA TUTTA ITALIANA Che cos é la filiera? PREMESSA La filiera è l insieme di attività che concorrono alla produzione, distribuzione,

Dettagli

Misura FB Miglioramento del benessere degli animali annualità 2009 Management dell'allevamento e costi di produzione del latte: ottimizzazione dei

Misura FB Miglioramento del benessere degli animali annualità 2009 Management dell'allevamento e costi di produzione del latte: ottimizzazione dei Misura FB Miglioramento del benessere degli animali annualità 2009 Management dell'allevamento e costi di produzione del latte: ottimizzazione dei costi di alimentazione Gestione deil'allevamento con particolare

Dettagli

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI indicare: - gli obiettivi individuati per lo sviluppo delle attività aziendali; - l'eventuale programma degli investimenti previsti

Dettagli

Indice. Prefazione. Parte prima: Estimo generale. Parte seconda: Estimo civile

Indice. Prefazione. Parte prima: Estimo generale. Parte seconda: Estimo civile Indice Prefazione Parte prima: Estimo generale 1 I PRINCIPI DELL ESTIMO... 2 1.1 Il giudizio di stima... 2 1.2 Gli aspetti economici di stima... 2 1.3 Il metodo di stima... 3 1.4 I procedimenti di stima...

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo Statale Amaseno/Scuola Primaria

PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo Statale Amaseno/Scuola Primaria Associazione SERAF Regione Lazio Istituto di Ricerca sulla Formazione-Intervento Progetto EUREKA Uno PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2012

Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2012 Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2012 INTRODUZIONE E SINTESI Nell'ambito dell'osservatorio economico della zootecnia istituito presso l ISMEA è stato elaborato

Dettagli