R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS STRATEGIA. Bain & Company

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS STRATEGIA. Bain & Company"

Transcript

1 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS STRATEGIA ANNO VIII - NUMERO 1 aprile 2002 Bain & Company

2 RESULTS La trasformazione del sistema bancario e finanziario italiano: come affrontare i trend futuri di Marco Colombo SOMMARIO 3 Evoluzione storica 8 I trend e le esperienze estere 17 Gli imperativi strategici 22 Le priorità di intervento Bain & Company 2

3 La trasformazione del sistema bancario e finanziario italiano: come affrontare i trend futuri uri 1. L evoluzione storica di Marco Colombo Il sistema finanziario italiano si è trasformato nel corso dei passati 10 anni come raramente capita ad un settore industriale. Alcuni dati di sintesi: - La distribuzione fisica è passata da a filiali con, in parallelo, uno sviluppo massiccio dei sistemi di pagamento (da a terminali bancomat e da a PoS) - I fondi intermediati sono triplicati (raddoppiati al netto dell inflazione) ed egualmente ha fatto il fatturato, a fronte di una sostanziale stabilità degli organici (intorno alle unità) - Il numero di operatori si è ridotto da circa a 850 (-20%) con un incremento della concentrazione del settore; delle 850 banche attuali circa 200 appartengono a 65 Gruppi che rappresentano il 90% delle masse totali dell industria. Tale mutamento è peraltro avvenuto nell ambito di due fasi nettamente distinte: una prima, sino al 1995, nella quale lo sviluppo fisico si è accompagnato ad una crescita tradizionale dell attività con una riduzione di redditività, anche per effetto delle sofferenze; una seconda, dal 1996 al 2000, nella quale si è iniziato a mettere a reddito lo sviluppo e la crescita. Il settore si muove: Due i fenomeni principali che caratterizzano i primi anni 90: l esplosione del debito pubblico e la liberalizzazione degli sportelli. Il debito dello Stato genera risparmio amministrato in capo alle banche con due conseguenze dirette: migrazione da forme di raccolta diretta a titoli di stato oltre che raccolta di risparmio fresco (con un incremento delle masse totali nell ordine del 15% medio annuo nominale, 10% reale); incremento modesto della componente margine da servizi, per la bassa marginalità delle nuove masse raccolte (non più di 30 basis points unitari) In parallelo il nuovo afflusso di masse serve a finanziare lo sviluppo territoriale, con gli sportelli che crescono del 33% nel periodo, riducendo significativamente la loro dimensione media (i dipendenti per sportello passano da 18 nel 90 a 14,5 nel 1995). E Bain & Company 3

4 il momento degli sportelli leggeri, da 3-4 risorse che si ritiene possano consentire di sviluppare il territorio a bassi costi. In verità i risultati saranno diversi. Complessivamente la produttività degli sportelli rimane però pressoché stabile in termini nominali (circa 50 milioni di euro di masse ciascuno) pur riducendosi del 25% in termini reali; la produttività del personale invece cresce (rimanendo stabile in termini reali) ma viene fortemente erosa dagli incrementi salariali (il costo medio del personale cresce ad un tasso superiore al 7% nominale annuo, +2.5% reale). In sintesi: - Le masse totali raddoppiano in termini nominali (+ 60% in termini reali) - La redditività delle masse si riduce dal 5,0% al 3,6% - Il cost/income sale dal 64% al 68%, con una lieve riduzione dell incidenza dei costi del personale sui costi totali dal 65% al 63,5% - Il Roe, anche a causa del crescente peso delle sofferenze, scende dal 6% a valori prossimi allo 0%. Tali risultati nascondono peraltro almeno due elementi positivi: - L ampliamento distributivo, che accende la competizione e, come tale, si porta in nuce i successivi fenomeni di razionalizzazione industriale - La sperimentazione di nuove formule organizzative deputate ad una migliore gestione del risparmio, con i successivi interventi di segmentazione della clientela e delle reti. Il settore esplode: I fenomeni che caratterizzano i secondi anni 90 sono molteplici: - Il boom del risparmio gestito per l attesa convergenza verso l euro, il ribasso dei tassi e l impennata della Borsa: i fondi comuni crescono di 20 volte dal 1995 al 2000, per superare la fatidica cifra di 500 miliardi di euro - Il boom della bancassurance: a fine dei primi 10 operatori erano parte di Gruppi bancari, nell ambito di un settore, quello vita, che ha anch esso vissuto trend da primato (+ 24% annuo) - L avvio della diversificazione distributiva con il rafforzamento delle reti di Promotori Finanziari (ormai tutte controllate da Istituti Bancari) e con la diffusione dei canali telematici (si stimavano, a fine 2000, più di 2 milioni di utenti di servizi bancari e finanziari on line). Bain & Company 4

5 Lo sviluppo del risparmio gestito è peraltro sostanzialmente trasformazione delle masse di depositi amministrati; i volumi intermediati crescono solo del 50% in termini nominali (+ 5% all anno in termini reali rispetto al +10% del periodo precedente) anche se il mix di redditività ne beneficia. Il margine da servizi arriva a rappresentare quasi il 50% del fatturato del settore, anche per una contemporanea progressiva riduzione della redditività delle masse di raccolta e di impiego (dal 3% dei primi anni 90 al 2% del 2000) per il dimezzamento della forbice bancaria. Prezzi e Mix % Servizi sul fatturato Redditività masse di raccolta e impiego 47,8% 39,2% 2,9% 3,0% 23,5% 24,2% 2,4% 2,0% 1991 Media Media In parallelo si rafforzano le strutture produttive di risparmio gestito che, anche attraverso un ampliamento continuo dell offerta, si avviano a posizionarsi tra gli attori rilevanti a livello europeo. I costi sono messi sotto controllo: il costo del personale rimane stabile intorno ai euro pro-capite, gli organici restano anch essi stabili in numero e il numero di dipendenti per sportello si riduce ulteriormente da 14,5 a 12 per un contestuale ulteriore sviluppo della distribuzione fisica. Bain & Company 5

6 Personale: costo e produttività Fondi Intermediati/ organici (Mil Euro) Costo unitario ( 000 Euro) 4,6 5,3 2,6 46 3, Media Media Si attiva infine il processo di accorpamento e di costituzione di gruppi bancari e finanziari integrati, i cui risultati, però, non si vedono ancora. In sintesi: - Il fatturato cresce a tassi reali superiori a quelli del periodo precedente (6% annuo versus 3%) trainato però unicamente dai servizi (+ 21% annuo), sia di asset management che transazionali - La redditività delle masse si stabilizza intorno al 3.6% - Il cost income scende dal 68% al 56% e l incidenza del costo del personale sui costi totali dal 64% al 56% - Il Roe medio del settore supera, nel 2000, l 8% con, peraltro, alcune evidenti differenze tra i vari operatori. Bain & Company 6

7 Redditività Cost / Income ROE 64,7% 6,1% 65,5% 62,0% 2,4% 5,0% 8,3% 55,8% 1991 Media Media Tutte rose e fiori? Non proprio. L indice settoriale dal 1999 a tutto il 2001 sottoperforma costantemente l indice borsistico nazionale mentre, con l eccezione del primo semestre 2000, quello degli altri principali mercati europei lo batte continuamente. E ciò accade anche se le traiettorie di sviluppo all estero non paiono dissimili da quelle domestiche. Performance settore bancario rispetto al mercato (Genn. 99-Nov. 2001) UK E 130 F D I /01/99 24/01/99 13/02/99 05/03/99 25/03/99 14/04/99 04/05/99 24/05/99 13/06/99 03/07/99 23/07/99 12/08/99 01/09/99 21/09/99 11/10/99 31/10/99 20/11/99 10/12/99 30/12/99 19/01/00 08/02/00 28/02/00 19/03/00 08/04/00 28/04/00 18/05/00 07/06/00 27/06/00 17/07/00 06/08/00 26/08/00 15/09/00 05/10/00 25/10/00 14/11/00 04/12/00 24/12/00 13/01/01 02/02/01 22/02/01 14/03/01 03/04/01 23/04/01 13/05/01 02/06/01 22/06/01 12/07/01 01/08/01 21/08/01 10/09/01 30/09/01 20/10/01 09/11/01 Bain & Company 7

8 2. I trend e le esperienze estere Stessi trend, ma con velocità e profondità differenti. Un confronto con l estero non è sempre significativo viste le profonde differenze esistenti tra i vari mercati. Al di là di un denominatore comune per le banche tedesche, francesi e inglesi rappresentato dalla maggiore presenza internazionale rispetto ai nostri Istituti, il settore tedesco risulta ancor più tradizionale del nostro, quello francese maggiormente coeso, quello inglese (una buona proxy di quello nordamericano) nettamente più avanzato tecnologicamente. Detto ciò, anche nei paesi indicati i trend di fondo sono riconducibili a quelli già indicati per il nostro paese: 1. Concentrazione del settore 2. Sviluppo dell Asset Management 3. Innovazione distributiva 4. Reengineering operativo. Italia vs. estero : evoluzione recente ITALIA EUROPA USA 4 Concentrazione del settore Sviluppo Asset management (innovazione di prodotto) 4 Innovazione distributiva Canali mobili Canali telematici In store banking + + = = Reenginering operativo Bain & Company 8

9 Relativamente alla concentrazione la situazione è sotto gli occhi di tutti: integrazione tra banche, tra banche e assicurazioni, tra banche e investment banks. Gli operatori maggiori hanno progressivamente distanziato quelli che non hanno osato, voluto o potuto crescere per linee esterne. Come per l Italia, molte delle operazioni di concentrazione devono ancora dispiegare le potenzialità e le economie di scala. Ancora più diffuso è risultato lo sviluppo dell Asset Management, cresciuto in Europa nell ultimo triennio a tassi medi del 14% (27% negli USA, anche per effetto mercato) e atteso in crescita ulteriore (seppur ridotta) nel prossimo futuro. Dall esperienza europea e nord-americana è possibile trarre alcune evidenze forti dell evoluzione passata e prospettica del settore: - La centralità del canale distributivo bancario, che incide (con l eccezione dell Olanda) per il 70% - 90% della distribuzione totale dei prodotti di risparmio gestito pur a fronte di alcune significative differenze negli stadi di sviluppo del settore (indicato dal livello di penetrazione dei fondi azionari) Fasi di sviluppo del mercato Penetrazione Azionario su Fondi Comuni 60% Embrionale Creazione Espansione Consolidamento Germany Switzerland Netherlands/Sweden* Norway USA Spain Belgium Austria Italy France Portugal 0 Bain & Company 9

10 - La crescente rilevanza nella distribuzione delle reti finanziarie (che negli USA hanno una quota di circa il 30%), fenomeno ormai consolidato in Italia ed in via di sviluppo in Francia ed in Germania, e del mercato wholesale (distribuzione tramite banche terze, al di fuori dei propri gruppi di riferimento) che, viceversa, è ancora in embrione in Italia ma molto più avanti in altri paesi, quali la Germania, dove ha inciso nel 2001 per il 40% nei flussi di nuova raccolta - Anche come conseguenza di una più articolata struttura distributiva, la crescente rilevanza delle performance di prodotto: negli USA la raccolta media dei fondi più performanti è 4 volte quella dei fondi di minor successo USA: Raccolta netta fondi comuni (2000) Raccolta Netta per Fondo $150M $147M $41M 0 Fondi a 4 e 5 stelle Altri Fondi - Parimenti, una maggiore articolazione dell offerta, con prodotti che, nell ottica del total return implicano una maggiore capacità (e disponibilità) a gestire livelli di rischio crescenti (si pensi, ad esempio, al boom avuto dagli hedge funds) - La necessità di dotare le reti di vendita di strumenti di Personal Financial Planning in grado di guidare il cliente (oltre che la rete stessa): le reti di American Express piuttosto che di Merrill Lynch hanno fatto di tali strumenti un elemento chiave di differenziazione oltre che di reddito (spesso venduto separatamente dalla vendita di un fondo). Bain & Company 10

11 Personal Financial Planning Indexes combinations Az. Int Settori in crescita 14% Monetario Euro 10% Azionario Euro 21% Azionario Internazionale 23% Obbligazionario Alto Rendimento 9% Equity Opportunity 15% Equity Global 26% Obbligazionario G7 Lungo Termine 23% Bond Opportunity 35% Equity Euro 24% L innovazione distributiva è stata l altro elemento caratterizzante i sistemi finanziari dei paesi industriali; innovazione sotto 3 profili: reti di vendita mobili, rispetto alle quali Italia e USA hanno mostrato il maggior dinamismo; canali telematici e in-store banking (l offerta finanziaria presso la grande distribuzione) rispetto ai quali l Italia è rimasta relativamente indietro. Della distribuzione telematica molto si è detto, letto e promesso. Vale comunque la pena di ricordare alcune lezioni apprese dall evoluzione del nostro e di altri paesi dal mercato on-line (il cui sviluppo ha riguardato prevalentemente i mercati anglosassoni e quello tedesco): - L on-line si è progressivamente ampliato e articolato sino a comprendere la più ampia offerta, di raccolta e di impiego, per il mercato retail; il Trading on Line è solo uno, ancorchè il più redditizio, dei servizi offerti così come la penetrazione del segmento imprese è risultato più un esercizio editoriale che altro - I risultati economici di tutti gli operatori stanno ancora soffrendo per una costante riduzione del pricing dei servizi e per un incremento del costo di acquisizione della clientela (e forse si era un poco velleitari nel pensare di replicare una banca con clienti in pochi anni...) Bain & Company 11

12 USA : Performance brokers on line COMMISSIONE MEDIA COSTI DI ACQUISIZIONE CLIENTI (SCHWAB) $30 $29 $200 $193 $25 $20 $24 $21 $150 $112 $163 $15 $100 $10 $5 $50 $ $ I mercati on line sono anch essi locali: i broker tedeschi, che da soli detengono più del 50% dei clienti on line europei, hanno subito perdite fenomenali in tutti i paesi nei quali hanno cercato di diversificare - L integrazione delle attività on-line con quelle off-line è divenuta una regola di base per operare, pur esistendo differenze di utilizzo dei due canali (per acquisizione o per servizio il primo, per acquisizione o per gestione il secondo). Evoluzione operatori on line : integrazione dei canali OPERATORI 4 Fidelity 4 DAB 4 Advance Bank 4 Fineco STRATEGIA 4 Utilizzo tecnologia per erogazione servizio anche tramite accordi con operatori Telecom (3 Com) 4 Sviluppo clientela tramite filiali 4 Integrazione web con 12 investment centers flagship 4 Sviluppo di punti vendita nei Departement stores 4 Dal telefono al computer ad una rete pianificata di promotori entro il Apertura di 25 Investment centers per l apertura del conto e per l education 4 Da trading on line a Fineco the New Bank 4 Canale telematico per acquisire clientela (100Euro/cliente in pubblicità da Euro della fase iniziale) insieme a canali specialistici 4 PF e negozi finanziari per sviluppo share of wallet Integrazione dei canali Bain & Company 12

13 Anche le esperienza on line hanno comunque fornito alcuni insegnamenti interessanti: - Di tecnologia non si può più fare a meno, - Tecnologia senza prodotto vale poco, - Prodotto senza marketing non si vende, - Cliente acquisito è diverso da cliente fidelizzato, - E, per fidelizzarlo, necessitano marketing, prodotti, tecnologia. Quello che è certo è che per aprire una nuova filiale di successo la location è, insieme alla qualità degli uomini, uno dei driver principali di redditività; per aprire una filiale virtuale la ricetta è molto più complessa. L In-store banking è l altro fenomeno che ha caratterizzato la distribuzione dei prodotti finanziari negli ultimi anni 90 nei mercati anglosassoni (e, parzialmente, in quello francese): il numero di filiali all interno dei punti vendita della grande distribuzione (food e non) è arrivato, negli USA, alle unità, dalle del Le motivazioni, per il consumatore, sono forti: la comodità porta all utilizzo delle strutture bancarie anche al di fuori delle esigenze di shopping con un impatto abbastanza unico sulla produttività e sull economicità dei punti vendita finanziari (come dimostrato dalle filiali di Wells Fargo, le cui filiali in store vendono 2 volte e mezzo quello delle filiali tradizionali occupando un decimo dello spazio pro-capite). L esperienza Wells Fargo nel supermarket banking 17,4 10,3 Nuovi conti mensili per risorsa 7,2 Punto vendita nel supermarket Filiale nel supermarket Filiale tradizionale Risorse Spazio occupato (mq) 5 <50 >500 Bain & Company 13

14 Anche in quest area sono identificabili alcuni elementi di interesse: - Lo sviluppo dei volumi si è accompagnato ad un progressivo ampliamento della gamma d offerta che, in alcuni casi (quali Tesco in Inghilterra) ha poco da invidiare a quella di una filiale tradizionale - La selling proposition è stata quasi ovunque la convenience, cioè comodità di utilizzo e economicità delle offerte (sia sui servizi di raccolta che di impiego): il fenomenale sviluppo dei volumi ha infatti controbilanciato dei margini unitari molto risicati - I modelli europei hanno visto, a differenza di quelli statunitensi, un ruolo dominante delle catene distributive che, o con joint ventures o con accordi operativi, hanno utilizzato le banche per rafforzare e consolidare il proprio marchio e per migliorare la conoscenza dei propri clienti. Tesco : gamma dei servizi finanziari Prestiti Carta di Credito Conti correnti Libretti di Risparmio Titoli Ricerca Mutuo Assic. Vita Assic. Auto Assic. Casa Assic. Animali dom. Assic. Viaggi Valuta estera e travellers cheques. In Italia le esperienze realizzate sono state, sino ad oggi, abbastanza sporadiche e di modesto successo: la facilità e la velocità con cui alcuni operatori esteri non bancari hanno acquisito quote di mercato del settore deve peraltro far riflettere su almeno tre aspetti: - Il valore della location: troppo spesso si sono comprati sportelli bancari (senza marchio) senza valutare attentamente la bontà o meno della localizzazione Bain & Company 14

15 - Il valore del One stop shop, nel quale il cliente trova tutto quello che gli serve, anche se offerto da operatori differenti - Il valore del Category Management, vale a dire di quel meccanismo gestionale della grande distribuzione nel quale le strutture centrali sono focalizzate su specifici segmenti di clientela/prodotto e del quale sono responsabili, a matrice, sin sul punto vendita (dove il capo filiale ha comunque la responsabilità di ottimizzare la redditività del punto vendita, scegliendo i prodotti da offrire ma non occupandosi poi della gestione delle singole aree di affari). Tutti spunti di grande rilievo, secondo noi, per la distribuzione di servizi finanziari. Il quarto ed ultimo elemento caratterizzante l evoluzione bancaria estera è stato ciò che si è definito, lato sensu, Reengineering Operativo. La tavola seguente dovrebbe chiarire il concetto: l attività bancaria tradizionale italiana (ma anche quella degli altri settori continentali) presenta livelli di redditività assolutamente disallineati rispetto a quelli delle banche inglesi (e, molto similmente di quelle nord-americane). Retail Banking: redditività per segmento di attività ROE % ANTE IMPOSTE REDDITIVITÀ PER SEGMENTO Retail Corporate Investment Banking Germany 17% 15% 13% 23% Great Britain 34% 47% 30% 31% France 20% 23% 7% 22% Italy 16% 22% 12% 44% Spain 32% 21% 20% 27% Bain & Company 15

16 La maggiore maturità dei mercati finanziari anglofoni ha costretto gli operatori bancari a rivedere e innovare, prima di quelli europei, le politiche gestionali delle rispettive strutture distributive. Evoluzione dell Information Management Offerta ampia ed integrata American Express (1980s) Merrill Lynch American Express (early 90s) American Express (today) USAA Charles Schwab Citibank (historically) Norwest Travellers Financial supermarket State Farm Allstate MBNA Capital One Prodotto Specifico No data Raccolta dei dati senza un loro effettivo utilizzo Utilizzo dei dati per identificare I clienti profittevoli Gestione delle informazioni Utilizzo dei dati per creare offerte segmentate I concetti di customer retention, cross selling e CRM sono stati applicati con grande successo anche, soprattutto, per la coscienza dell importanza degli investimenti in tecnologia. Non per rispondere, ahimè, alle indispensabili esigenze dell Euro, dell anno 2000, o dell anti riciclaggio. Ma concentrandosi sulla raccolta e sulla gestione delle informazioni per una più adeguata conoscenza del cliente, cui tentare di vendere più prodotti e rendere più fedele il cliente. La correlazione valore del cliente livello di fidelizzazione è nota e logica: l approccio commerciale per campagne che ha caratterizzato un po tutti gli operatori del settore, pur corretto e necessario per alcuni segmenti di clientela, potrà rivelarsi un arma a doppio taglio nel medio termine. Soprattutto per la clientela più benestante che rappresenta, tipicamente, l 80% delle masse di ciascuna banca. E le riorganizzazioni interne della rete, da sole, spesso non sono sufficienti. Bain & Company 16

17 3. Gli imperativi strategici Anche sulla base di quanto descritto circa le evoluzioni estere, sono chiaramente identificabili dei macro-trend dell industria finanziaria che vincoleranno, in buona misura, le strategie degli operatori: - La crescita della cultura finanziaria del cliente, sia esso privato o impresa: gli scarsi risultati ottenuti dall industria del risparmio gestito nel suo insieme (e non solo di quella italiana ma anche di quella statunitense degli ultimi vent anni) dovrebbero far riflettere profondamente sulle politiche di pricing e di prodotto adottate da numerosi Istituti - La progressiva maturità del settore, che difficilmente potrà crescere ancora a tassi a due cifre, con un certo dinamismo del sistema competitivo che pur continua a mantenere un elevata articolazione di operatori (banche locali distributrici, società di servizio, società prodotto, società integrate specialistiche, player integrati): difficile dire chi ci sarà tra 5 o 10 anni, quello che è certo è che i vincenti si saranno concentrati sulla quota di mercato e sulla share of wallet - L importanza crescente della qualità delle risorse. I talenti faranno la differenza così come la capacità di trattenere le risorse (valide) all interno dell organizzazione: la correlazione customer retention employees retention è un altra (recente) scoperta del mercato nord-americano - Il ruolo centrale della tecnologia quale leva di ricavo e di efficienza operativa: modularità, integrabilità, apertura e mobilità saranno le parole chiave dell information technology dei prossimi anni. E guai a pensare che la bolla internet non avrà delle ricadute sulla gestione tecnologica delle aziende. Questi trend sono chiaramente confermati dalla realtà italiana che, per il prossimo futuro, presenta numerose aree di criticità: - Stabilità dei volumi: lo scenario è negativo sia per il risparmio che per gli impieghi, lo shock registrato dal risparmio gestito tenderà a mitigare i tassi di crescita del passato (se non per la componente vita ) - Concorrenza crescente: le Poste sono una minaccia reale; le reti finanziarie, a seguito dei rilevanti investimenti degli ultimi anni, inizieranno a dispiegare le loro potenzialità, al pari dei grandi gruppi che stanno ormai ultimando i processi di accorpamento - Prezzi sotto pressione: la forbice è ai minimi storici; il pricing dei servizi è in contrazione anche per il battage delle banche telematiche; le commissioni di risparmio gestito sono sotto accusa Bain & Company 17

18 - Costi in aumento (tendenziale): al di là delle sofferenze (e la crescita degli impieghi dell ultimo quinquennio non potrà che farle aumentare), è difficile intervenire sulle macchine operative senza affrontare nuovi investimenti così come stimolare la forza lavoro senza meccanismi di incentivazione. Quali sono quindi le leve competitive da presidiare? Sostanzialmente quattro, valide indifferentemente per l attività di distribuzione e per quella di produzione (per la quale si farà riferimento all attività di Asset Management visto il modesto sviluppo, in Italia, di fabbriche mutui, carte di credito, ecc., tradizionalmente integrate nella struttura bancaria): - Specializzazione - Integrazione - Branding - Tecnologia. Specializzazione La specializzazione dei canali di vendita deve avvenire tenendo conto di alcune specificità del mercato domestico ed in particolare dell elevato peso dei lavoratori autonomi (che rappresentano il 28% della forza lavoro rispetto al 16% della UE) che rende chiave il connubio raccolta-impieghi e l elevata frammentazione della ricchezza sul territorio (che implica la necessità di punti vendita più articolati della filiale). L assetto organizzativo è solo una delle variabili necessarie per la specializzazione; a ciò occorre aggiungere le altre variabili del marketing mix, in primis prodotti e sistemi incentivanti, senza le quali si rischia di fare solo un bell esercizio di facciata (e un esempio esplicito è rappresentato dalle numerose strutture di Private Banking costituite da molti Istituti bancari negli ultimi anni). Specializzare la produzione significa invece decidere cosa produrre in casa e cosa comprare da terze parti oltre che industrializzare il processo di gestione, per il mantenimento della coerenza della performance su tutta la gamma prodotti a fronte di un aumento del loro numero e complessità. L industrializzazione del processo di gestione implica il passaggio da una gestione a portfolio manager, dove un individuo è interamente responsabile di uno o più prodotti, ad una gestione in team, dove le previsioni del comitato di gestione vengono tradotte in portafogli modello tramite strumenti quantitativi e implementate dai product manager e le generiche asset classes vengono trasformate in liste di titoli da specialisti di mercato. E evidente che la possibilità di passaggio da un gestione individuale ad una gestione a team dipende dall efficienza ed adeguatezza dei sistemi informativi, con tutte le implicazioni conseguenti sulla struttura organizzativa complessiva. Bain & Company 18

19 Integrazione Nell ambito distributivo si tratta di integrare i canali tradizionali con quelli specialistici, siano essi tecnologici (prevalentemente per attività di servicing) o reti specializzate su determinati prodotti (prevalentemente per la vendita). La massimizzazione del valore di un cliente acquisito è spesso impossibile se realizzata con strutture generaliste, come insegna il Category Management della grande distribuzione. A differenza del settore assicurativo, nel quale la distribuzione è attraverso una rete indiretta il grande vantaggio del sistema bancario è poggiare su una rete di vendita dipendente: budget e meccanismi di carriera costano poco e sono spesso altamente efficaci nell indirizzare le politiche commerciali. L integrazione delle fabbriche con la distribuzione ossia uno stretto coordinamento da creare tra l attività di vendita e la direzione investimenti (che è l esatto opposto di quanto implementato dalla maggior parte delle istituzioni finanziare, dove si è ricercata una netta separazione tra la fabbrica di gestione e i canali distributivi) è un altro elemento chiave di successo. Se l effetto mercato sul valore delle masse gestite è una componente determinante della profittabilità dell attività di asset management, ne consegue che la capacità della società di gestione di cambiare la composizione delle masse gestite in base alle proprie aspettative sull evoluzione dei mercati è fondamentale per poter capitalizzare sulla propria bravura. L ottenimento di questa flessibilità può avvenire tramite la vendita di prodotti che delegano interamente alla società di gestione l asset allocation oppure indirizzando appropriatamente la politica di prodotto delle reti attraverso adeguati strumenti (Personal Financial Planning). Nello strutturare un portafoglio è necessario infatti incorporare sia gli obiettivi reddituali dell investitore sia la sua avversione al rischio e, per mantenere tale coerenza costante nel tempo, è necessario ribilanciarlo in base alla performance dei mercati. Queste attività, pur avendo componenti qualitative/stocastiche, non possono essere lasciate al caso o all intuito del singolo promotore, ma devono essere implementate mettendo a disposizione della rete una impalcatura analitica simile a quella sviluppata dalla direzione investimenti per la gestione delle proprie posizioni. Branding Le esperienze on line (di successo o meno) hanno dimostrato come l affermazione di un nuovo marchio sia lunga e costosa. Lo sviluppo di nuova clientela richiede anche una comunicazione sostenuta del proprio marchio, soprattutto nei territori di nuovo insediamento. La scelta di mantenere, su ambiti locali, brand diversi da quelli del gruppo di appartenenza può rivelarsi quindi antieconomica e rischiosa. Anche nel caso delle attività di produzione il branding risulta un elemento chiave: ne sono esempio alcune importanti realtà italiane che, per essere più competitive sul mercato, hanno deciso di slegare il proprio nome da quello del Gruppo di appartenenza. Ciò in quanto il mercato wholesale sarà certamente più in crescita di Bain & Company 19

20 quello retail. Addirittura l acquisizione di realtà estere è stata anche indotta dal desiderio di dotarsi di un brand internazionale, più facilmente vendibile a terze parti ed anche all estero. Intervenire sulla rete distributiva (a) significa sostanzialmente passare ad una gestione attiva delle proprie risorse interne, del territorio e del cliente attraverso: - Lo sviluppo di adeguati strumenti di supporto e di indirizzo della rete - L attribuzione della responsabilità della gestione del territorio ad un numero gestibile di risorse di qualità (è il caso del raggruppamento di filiali, tipicamente di medio-piccole dimensioni, sotto la responsabilità di una filiale madre che le supporti con servizi e funzioni centralizzate) - L integrazione delle filiali con strutture di vendita mobili (agenziali) che consentano di massimizzare la quota di mercato locale a costi variabili (e la quota locale è il driver di produttività per eccellenza) - La messa a punto di strutturati sistemi di valutazione delle performance e, conseguentemente, di adeguati processi incentivanti. Un maggior presidio dell offerta (b) sottintendente la necessità di dotarsi, a livello centrale, di strutture di product marketing non dissimili da quelle sviluppatesi nell industria del largo consumo. Come si è detto in precedenza, tali strutture hanno un ruolo chiave sia nel processo di acquisto di prodotti di terzi o di gestione interna dei processi produttivi sia nell indirizzo della rete di vendita. Inoltre tali funzioni sono imprescindibili anche nel caso di chi abbia delle proprie fabbriche all interno, quale trait d union tra le varie fabbriche e tra le fabbriche e le reti. Sviluppare l offerta significa anche, per le realtà maggiori, costituire società prodotto che possano beneficiare di mercati terzi. Si pensi al caso dei mutui o delle carte di credito o del credito al consumo. Tutte attività spesso realizzate in house che invece potrebbero trarre numerosi vantaggi se gestite come centri di profitto, anche con reti proprie in aggiunta a quelle captive. Il successo ottenuto da alcune realtà che hanno perseguito questa strada è ben visibile sul mercato. Da ricordarsi infine che decidere di costituire proprie fabbriche che non abbiano un adeguata massa critica e che, quindi, non possano attrarre risorse con le necessarie competenze, è un errore colossale: anche nel mondo finanziario saranno sempre più disponibili offerte di attori specialistici nettamente più competitive di quelle prodotte in casa su dimensioni non ottimali. La gestione del credito (c) sarà la terza leva critica per il futuro: è dimostrato come, in positivo, l offerta di impieghi sia determinante per lo sviluppo della raccolta; così come, in negativo, un errata gestione del fenomeno creditizio sia la causa principe dei fallimenti bancari (o di situazioni assimilabili). Infine è anche dimostrato come Bain & Company 20

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Miglioramento efficienza operativa e Incremento redditività Crescita dimensionale attraverso incremento della produttività Incremento della redditività delle singole

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*)

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*) Il settore delle telecom, tra crescita e creazione di valore di Massimo Lazzari (*) Prosegue con questo contributo il filone dedicato all analisi di una serie di settori industriali tipicamente Business

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Politiche di liquidità e redditività: il caso IBL Banca

Politiche di liquidità e redditività: il caso IBL Banca Politiche di liquidità e redditività: il caso IBL Banca I nuovi equilibri gestionali delle Banche Regionali: patrimonializzazione, liquidità, redditività. e 3 Ottobre 0 Palazzo Carignano Museo del Risorgimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

Deutsche Bank. Deutsche Bank Easy. La nuova banca leggera di Deutsche Bank. Milano, 5 giugno 2013

Deutsche Bank. Deutsche Bank Easy. La nuova banca leggera di Deutsche Bank. Milano, 5 giugno 2013 La nuova banca leggera di Milano, 5 giugno 2013 Flavio Valeri Chief Country Officer di Italia Agenda 1 in Italia 2 Il retail di Italia 3 : la nuova banca leggera 2 : la solidità di un gruppo globale, una

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Workshop ABI Metriche di misurazione delle performance commerciali LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Associazione Bancaria Italiana Funzione Ricerche e Analisi Daniela

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche DANIELA VITOLO d.vitolo@abi.it - CENTRO STUDI E RICERCHE - ABI CRM - RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE 1 GLI

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012

L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012 L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012 Indagine sulla agent satisfaction degli agenti Generali Presentazione al Consiglio Direttivo Bologna, 15 novembre 2012 Copyright by IAMA Consulting Srl,

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

Banche e finanza per la crescita

Banche e finanza per la crescita Banche e finanza per la crescita Corrado Piazzalunga Responsabile Finanza per la Sviluppo Direzione Finanza e Derivati Modena, 2 Aprile 2007 I Temi in Agenda Il sistema produttivo italiano UniCredit Banca

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati L Evoluzione del Listino: società e titoli quotati Nel biennio 1997-98 la Borsa italiana ha compiuto importanti progressi, in termini sia di dimensione complessiva che di livello qualitativo del listino.

Dettagli