L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto"

Transcript

1 Venezia, 26/11/2007 L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Paolo Spolaore Francesco Zambon SER Sistema Epidemiologico Regionale

2 Incidenti stradali SCENARIO Mondo: 1,2 milioni morti all anno 10 milioni disabili all anno Europa: morti all anno (UE), riduzione del 50% entro Italia: 13% di tutte le vittime dell Europa. Italia: 15 morti al giorno per lo più entro i 30 aa. WHO-European Region

3 Incidenti stradali Commissione Europea Database CARE, 2005 Dettaglio per NAZIONE UE Road fatalities per million population >150

4 Incidenti stradali Commissione Europea Database CARE, 2005 Dettaglio per REGIONE Road fatalities per million population >150

5 Incidenti stradali 1 morto 150 ospedalizzazioni accessi Pronto Soccorso c visite Medico Medicina Generale Consumer Safety Institute 2004

6 Incidenti stradali Prima causa di morte in adolescenti e giovani adulti Fonte di disabilità gravi Causa di ospedalizzazione importante a tutte le età Elevato costo sociale Fenomeno non controllabile dal solo settore sanitario

7 Traffico e Salute Inattività fisica Rumore Inquinamento Cambiamento climatico Incidenti Effetti psico-sociali sociali WHO-Euro. Preventing road traffic injury, 2004

8 Traffico e Salute Incidenti WHO-Euro. Preventing road traffic injury, 2004

9 Incidenti stradali Ogni giorno sulle strade del Veneto: 2 morti 6 nuovi invalidi gravi 70 feriti 1 a causa di morte tra i maschi entro i 40 anni

10 Incidenti stradali Costo sociale degli incidenti stradali per Provincia. Anno 2005 Verona Vicenza Belluno Treviso Venezia Padova Rovigo VENETO Morti Feriti Costo regionale (EVITABILE) pari al 8% della finanziaria nazionale % Costo sociale Gli Incidenti Stradali Istat 2005

11 Incidenti stradali Possibili flussi informativi: ACI Istat SDO Schede di morte Pronto soccorso e 118 Invalidità civile Archivi compagnie assicurative Monitoraggi specifici (rilevazione cinture sicurezza, progetto ULISSE, etc.)

12 DINAMICA Fattori pre-crash CRASH Esiti ACI Istat Registri volume di traffico Parco veicoli circolanti Sistemi di sorveglianza specifici (rilevazione su strada, sistema ULISSE, etc.) SDO Schede di morte Pronto soccorso e 118 Invalidità civile Compagnie assicurative

13 Schede Dimissione Ospedaliera Completezza variabile Traumatismo/Avvelenamento Veneto, SDO 2006 Infortunio sul lavoro 4% Infortunio domestico 6% Incidente stradale 6% Autolesione/Violenza 0% Missing 56% Altro 28%

14 Flusso ACI ISTAT Caso Rilevazione I livello II livello Ritorno informazione Incidente stradale (con danni alle persone) Rilevazione Forze dell ordine: Polizia, Carabinieri, Polizia Municipale Organo Coordinatore: Inserimento dati e trasmissione ISTAT Raccolta, analisi ed elaborazione dei dati Report annuale nazionale (2 anni dopo)

15 TRIADE Geometria infrastruttura Raggi di curvatura Tipo di asfalto AMBIENTE Situazione meteorologica Orario Visibilità Tipo di strada Sesso UOMO Età conducente Uso cinture e casco Stato psico- fisico Tipologia di utente stradale VEICOLO Velocità Massa Comfort Caratteristiche di sicurezza

16 Impatto del fenomeno

17 Tassi di MORTALITÀ per sesso X abitanti. Veneto, Confronto temporale e per sesso Schede di Morte Uomini Donne Registro mortalità, elaborazioni SER

18 60.0% Confronto rispetto ad altre cause MORTALITÀ proporzionale. Veneto, % 40.0% 30.0% 20.0% 10.0% 0.0% >=85 Registro mortalità, elaborazioni SER

19 Confronto per classi di età 60 Tassi di mortalità X per classi di età.. Veneto, 1994 e Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

20 Confronto spaziale Rapporto standardizzato di mortalità per PROVINCIA Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Verona Vicenza Uomini Donne Registro mortalità, elaborazioni SER

21 30 Confronto spaziale e temporale Tasso di mortalità X per provincia, TREVISO ROVIGO VICENZA 5 Verona Vicenza Belluno Treviso Venezia Padova Rovigo Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

22 Indice di gravità

23 FERITI confronto temporale FERITI. Veneto, Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

24 MORTI e FERITI confronto temporale MORTI e FERITI, base indice Veneto, Feriti Morti Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

25 Indice di gravità confronto temporale Indice di gravità = morti / (morti + feriti) X Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

26 Indice di gravità confronto per età e tempo Indice di gravità.. Veneto, oltre Riduzione 23 % % 4 40 % 2 29 % Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

27 QUANDO

28 Quando Incidenti per mese. Veneto, gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

29 Incidenti e Indice di gravità per giorno. Veneto, Quando Incidenti Indice gravità lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER 0

30 Quando 1600 Incidenti e Indice di gravità per ora. Veneto, Incidenti Indice gravità Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER 0

31 DOVE

32 Dove Morti e Feriti per ambito stradale. Veneto, % 26% 6% Feriti Urbana Extraurbana Autostrada 45% 47% 8% Morti Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

33 DINAMICA

34 Dinamica Incidente per dinamica. Veneto, 2004 Fuoriuscita 12% Altro 1% Frontale 8% Urto ostacolo/veicolo 5% Investimento di pedone 6% Frontale-laterale 40% Tamponamento 18% Scontro-laterale 10% Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

35 Dinamica per esito Indice di gravità per dinamica. Veneto, Frontale Frontale-laterale Scontro-laterale Tamponamento Investimento di pedone Urto ostacolo/veicolo Fuoriuscita Altro Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

36 60 Dinamica e luogo Incidenti per dinamica (%) e ambito stradale. Veneto, urbana extraurbana autostrada Frontale Fronto-laterale Laterale Tamponamento Investi. pedone Urto veicolo/ostacolo Fuoriuscita Altro Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

37 STATO DEL CONDUCENTE

38 Stato conducente Cause imputabili allo stato psico-fisico del conducente per ambito stradale Italia, 2005 ISTAT, Rapporto Incidenti Stradali 2005

39 UTILIZZO DEI DATI per VALUTAZIONE Patente a punti Determinanti esiti letali

40 Incidenti stradali Pratiche evidence-based: l esempio della patente a punti Fonte di dati: Flusso ACI-ISTAT Anni di analisi: Tecnica di analisi: ARIMA Comparazione dei casi osservati con quelli previsti dal modello.

41 Incidenti stradali Pratiche evidence-based: l esempio della patente a punti: MORTI Time

42 Incidenti stradali Pratiche evidence-based: l esempio della patente a punti: MORTI Veneto Time Flusso ACI-ISTAT, elaborazioni SER

43 Incidenti stradali Pratiche evidence-based: l esempio della patente a punti In 18 mesi dall adozione della patente a punti: 9% feriti in meno ovvero 3500 feriti evitati 22% morti in meno ovvero 253 morti evitati Risultati compatibili con altri studi internazionali Deterrence model Percezione del controllo Severità della pena Rapidità della pena

44 Investimento di pedone Determinanti esiti letali Caratteristiche PEDONE Caratteristiche CONDUCENTE Dove Come Età del pedone: >= 65 VS <65 Sesso del pedone: Maschi VS Femmine Età del conducente: >=65 VS <65 Sesso del conducente Maschi vs Femmine Quando Prima della patente a punti VS dopo In ore di luce VS buio Sabato/domenica VS altri giorni Incidente in regioni del Centro VS regioni del Sud Incidente in regioni del Nord VS regioni del Sud Intersezione VS Incrocio Non intersezione VS Incrocio Rotatoria VS Incrocio Strada Extraurbana VS Urbana 3,5 1, Aci-Istat, Italia Elaborazioni SER

45 100% Cinture di sicurezza Prevalenza uso cinture di sicurezza, rilevazione su strada. 90% 80% Femmine Maschi 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Conducente Passeggero ANT. Passeggero POST.

46 Cinture di sicurezza Uso cinture/seggiolini bambini, rilevazione su strada. 80% Correttamente assicurati 70% 60% 64.0% Senza cintura In braccio 60.5% 50% 48.3% 47.5% 45.4% 46.2% 40% 32.7% 32.0% 30% 20% 10% 3.3% 6.3% 6.4% 7.5% 0% Aprile Ottobre Ottobre Ottobre

47 Fattori chiave per PREVENZIONE Guida sotto influenza di ALCOLICI VELOCITÀ Utilizzo CINTURE Progettazione strade sicure Standard di sicurezza VEICOLO Standard di sicurezza delle STRADE esistenti WHO VIP. Traffic Facts 2004

48 Sulla velocità ANNO PAESE Svizzera Svizzera Danimarca USA Svezia TIPO STRADA Autostrada Strade extraurbane Strade urbane Strade extraurbane Autostrada CAMBIO LIMITE da 130km/h a 120km/h da 100km/h a 80km/h da 60km/h a 50km/h da 90km/h a 105km/h da 110km/h a 90km/h Riduzione velocità media di 3km/h EFFETTI 12% riduzione 6% riduzione 24% riduzione 19-34% aumento 21% riduzione 5000 / 6000 morti in meno in UE WHO-Euro, 2004

49 Incidenti stradali Fenomeno noto, con chiare modalità di occorrenza: Tra le 22 e le 6: 6 incidenti con più alto indice di mortalità Sabato + feriti, domenica + morti. Venerdì e sabato notte: metà di tutti gli incidenti notturni mortali. Forte stagionalità: luglio mese più pericoloso (19 morti al giorno). 34% dei morti sono su due ruote, in aumento. Alcol: responsabile diretto di 1/3 delle morti. Gli Incidenti Stradali Istat 2005

50 EPIDEMIOLOGIA & PREVENZIONE Sensibilizzare su impatto di salute ed economico Raccolta dati su esiti fatali e non fatali Ricerca su fattori di rischio e di protezione Indirizzare prevenzione primaria e terziaria Promuovere specifica educazione stradale Monitorare e valutare interventi svolti Favorire un approccio MULTIDISCIPLINARE WHO VIP. Traffic Facts 2004

51 Incidenti stradali Fenomeno complesso, con impatto non solo sul sistema salute Frammentazione di competenze e di ruoli che richiede integrazione in termini istituzionali ed operativi Ogni settore è depositario di specifiche conoscenze, tutte indispensabili per approccio ORGANICO

52 INTEGRAZIONE SANITA AMBIENTE ASSOCIAZIONI EDUCAZIONE TRASPORTI ECONOMIA

53 ser-veneto. veneto.it who.int/vip Grazie per l attenzionel

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Rapporto sulle cause prevalenti degli incidenti stradali, casistica dei danni e degli effetti in Italia e negli altri Paesi

Rapporto sulle cause prevalenti degli incidenti stradali, casistica dei danni e degli effetti in Italia e negli altri Paesi Mercoledì 13 maggio 2009 GUIDA SICURA SENZA ALCOOL Rapporto sulle cause prevalenti degli incidenti stradali, casistica dei danni e degli effetti in Italia e negli altri Paesi Relatore: G. Albertazzi Incidenti

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA 28 novembre 2014 2 0 1 1 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA Nel 2013 si sono verificati 2.402 incidenti che hanno causato la morte di 61 persone e il ferimento di altre 3.447. Rispetto al 2012 si registra

Dettagli

L incidentalità stradale in Piemonte al 2013- Rapporto 2014 Regione Piemonte, Piazza Castello, 165, Torino, 27 ottobre 2014

L incidentalità stradale in Piemonte al 2013- Rapporto 2014 Regione Piemonte, Piazza Castello, 165, Torino, 27 ottobre 2014 Premessa : LA RILEVAZIONE STATISTICA DEGLI INCIDENTI STRADALI IN PIEMONTE Nel 2008 la Regione Piemonte, tramite l Ufficio di Statistica e la Direzione Trasporti, ha aderito al Protocollo d Intesa a livello

Dettagli

Gli incidenti stradali a Bologna nel 2013

Gli incidenti stradali a Bologna nel 2013 Gli incidenti stradali a Bologna nel 2013 Settembre 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Ha collaborato:

Dettagli

In calo il numero di morti sulle strade

In calo il numero di morti sulle strade 9 novembre 2011 Anno 2010 INCIDENTI STRADALI Nel 2010 sono stati registrati in Italia 211.404 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti è stato pari a 4.090, quello dei feriti ammonta

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN ITALIA

INCIDENTI STRADALI IN ITALIA Anno 2012 INCIDENTI STRADALI IN ITALIA 6 novembre 2013 Nel 2012 si sono registrati in Italia 186.726 incidenti stradali con lesioni a persone. I morti (entro il 30 giorno) sono stati 3.653, i feriti 264.716.

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo Lucia Pennisi Automobile Club d Italia Pescara, 19 novembre 2015 Incidentalità su rete viaria principale Incidenti 37.092 (- 0,89%)

Dettagli

INCIDENTI SULLE STRADE: 10 MORTI AD AGOSTO IN PROVINCIA DI TREVISO

INCIDENTI SULLE STRADE: 10 MORTI AD AGOSTO IN PROVINCIA DI TREVISO INCIDENTI SULLE STRADE: 1 MORTI AD AGOSTO IN Il 44% delle vittime viaggiava a piedi o su mezzi a due ruote IL PRESIDENTE MURARO: "ATTENZIONE, SEMPRE: NON SI MUORE SOLO IN AUTO" Il trend positivo in discesa

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

L epidemiologia del diabete senile

L epidemiologia del diabete senile L anziano diabetico Dall epidemiologia alla gestione multidimensionale L epidemiologia del diabete senile Paolo Spolaore Verona, 26 ottobre 2007 La popolazione nel Veneto 0 50000 100000 150000 200000 250000

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2. PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Meno incidenti sulle strade italiane

Meno incidenti sulle strade italiane 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI 4 novembre 2014 Nel 2013 si sono registrati in Italia 181.227 incidenti stradali con lesioni a persone. Il

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre 2011 2.1.1. Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

COSTRUZIONE DI UNA BASE DATI PER L ANALISI DEL RISCHIO TRASPORTI IN ITALIA

COSTRUZIONE DI UNA BASE DATI PER L ANALISI DEL RISCHIO TRASPORTI IN ITALIA COSTRUZIONE DI UNA BASE DATI PER L ANALISI DEL RISCHIO TRASPORTI IN ITALIA Carlo Maria Orlandelli *, Paolo Vestrucci * *Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Università

Dettagli

Anno 2014 INCIDENTI STRADALI

Anno 2014 INCIDENTI STRADALI 3 novembre 2015 Anno 2014 INCIDENTI STRADALI Nel 2014, in Italia si sono verificati 177.031 incidenti stradali con lesioni a persone, che hanno provocato la morte di 3.381 persone (entro il 30 giorno)

Dettagli

Casi di morte sul lavoro per Provincia Veneto n casi % sul totale in Triveneto % sul totale nella Regione Belluno 2,7% Padova 4 7,4% Rovigo 0 Treviso 2,7% Venezia 4,% Verona,0% Vicenza 2,7% Friuli Venezia

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Un Centro. della Sicurezza Stradale

Un Centro. della Sicurezza Stradale Un Centro di Ricerca e Progettazione della Sicurezza Stradale Strategie per prevenire incidenti sulle strade d Europa I Rapporti annuali DEKRA sulla Sicurezza Stradale si avvalgono di statistiche, analisi

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

circa il 4% oltre il 50%

circa il 4% oltre il 50% Gli infortuni : Gli incidenti stradali nell ambito dell attivitàlavorativa determinano circa il 4% di tutti gli infortuni sul lavoro ma ben oltre il 50% delle morti sul lavoro. Il settore del trasporto

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Uso dei dispositivi per la sicurezza stradale periodo 2010-2013 Valle d Aosta USO DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

Dettagli

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO IN SEGUITO AD INTERVENTI SULLA VIABILITA. Epidemiologia Ambientale - ARPA Emilia-Romagna

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO IN SEGUITO AD INTERVENTI SULLA VIABILITA. Epidemiologia Ambientale - ARPA Emilia-Romagna METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO IN SEGUITO AD INTERVENTI SULLA VIABILITA Epidemiologia Ambientale - ARPA Emilia-Romagna VALUTAZIONE INTEGRATA DI IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO

Dettagli

Gli incidenti stradali in provincia di Trieste Anni 2007, 2008 e 2009

Gli incidenti stradali in provincia di Trieste Anni 2007, 2008 e 2009 Gli incidenti stradali in provincia di Trieste Anni 2007, 2008 e 2009 100,0 80,0 Variaz. % sul 2000 60,0 40,0 20,0 0,0-20,0-40,0 TS FVG ITALIA -60,0 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 AREA RISORSE

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA Arezzo, 31 gennaio 2003 Dott. Angelo Cortellazzi Responsabile Servizio Statistica e Innovazione Provincia di Mantova statistica@provincia.mantova.it

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Anno 2010 Azienda

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

gli incidenti stradali in toscana 2012

gli incidenti stradali in toscana 2012 Si rivolge un ringraziamento per la disponibilità dimostrata alla Provincia di Arezzo, capofila fino al 2010 del Sistema integrato regionale per la sicurezza stradale (SIRSS), per i dati sull infortunistica

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA

INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA 31 luglio 2013 Anno 2011 INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA Gli obiettivi europei per la sicurezza stradale In Campania, nell anno 2011, si è registrata una diminuzione del numero

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Il collegamento con i dati sanitari degli incidenti stradali: l esperienza di Arezzo. A cura di Alessandra Pedone AUsl 8 Arezzo e Centro F.

Il collegamento con i dati sanitari degli incidenti stradali: l esperienza di Arezzo. A cura di Alessandra Pedone AUsl 8 Arezzo e Centro F. Il collegamento con i dati sanitari degli incidenti stradali: l esperienza di Arezzo A cura di Alessandra Pedone AUsl 8 Arezzo e Centro F. Redi 2001: Costituzione dell Osservatorio Provinciale degli Incidenti

Dettagli

PROGETTO: sicurezza nel trasporto pesante e controllo satellitare

PROGETTO: sicurezza nel trasporto pesante e controllo satellitare PROGETTO: sicurezza nel trasporto pesante e controllo satellitare PRESENTAZIONE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è nata per contribuire all impegno assunto da tutti i Paesi europei di ridurre

Dettagli

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013.

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013. METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 202 203. Gruppo di lavoro: Mauro Brusa: Coordinatore PEAS Massimo Coppola: S.O.C. SISP Acqui Terme, Carlo Di Pietrantonj: Servizio Sovrazonale Epidemiologia ASL

Dettagli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli La scatola rosa a Milano Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli 24 novembre 2008 Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale: chi siamo La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof.

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Luigi Nicolais Coordinatore Area e Dirigente Settore Sistemi Informativi

Dettagli

5. Protezione del bambino durante il trasporto in automobile

5. Protezione del bambino durante il trasporto in automobile 5. Protezione del bambino durante il trasporto in automobile Luca Ronfani Servizio di Epidemiologia e Biostatistica IRCCS Burlo Garofolo, Trieste Formatore Azienda Ospedaliera di Verona: AFD Leda Fuggini

Dettagli

NASAR No Accident Sites in ARezzo

NASAR No Accident Sites in ARezzo Provincia di Arezzo Servizio Trasporti Ufficio Mobilità Sostenibile Ing. Paolo Vadi Provincia di Arezzo - Osservatorio della Mobilità di AREZZO Dott. Massimo Tavanti - Dott. Vincenzo Lisi - Dott.ssa Valentina

Dettagli

Totale

Totale FONTE INPS REGIONE: Veneto Ordinaria Straordinaria ANNO 2009 MESE Gennaio 432.928 31.995 464.923 Febbraio 841.733 53.450 895.183 Marzo 1.198.729 155.248 1.353.977 Aprile 2.213.711 308.222 2.521.933 Maggio

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Regione: Friuli Venezia Giulia Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali

Dettagli

2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 5. ANALISI DI DETTAGLIO DI ALCUNE ROTATORIE

2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 5. ANALISI DI DETTAGLIO DI ALCUNE ROTATORIE 1. IL TERRITORIO E L L INCIDENTALITA LE ROTATORIE SULLE STRADE EXTRAURBANE DELLA PROVINCIA DI, 22 FEBBRAIO 21 2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 4. DI MESSA

Dettagli

AZIENDE REGIONE VENETO Comunicazioni Quota Campagna 2014/2015 Suddivisione per Provincia

AZIENDE REGIONE VENETO Comunicazioni Quota Campagna 2014/2015 Suddivisione per Provincia Comunicazioni Quota Campagna 2014/2015 Nr. Aziende % (Q.li) % MEDIA Belluno 276 8,0 551.784 5,1 76 38,2 24.293 22,2 352 9,6 576.077 5,3 1.637 Treviso 631 18,2 1.607.478 15,0 26 13,1 20.341 18,6 657 17,9

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005 La Fondazione Ania per la sicurezza stradale La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale nasce nel 2004 per volontà delle Compagnie di assicurazione, al fine di contribuire all impegno assunto da tutti

Dettagli

La salute ai tempi della crisi

La salute ai tempi della crisi La salute ai tempi della crisi Giuseppe Costa Università di Torino SCaDU Servizio di epidemiologia di riferimento regionale Risorse Benessere economico Partecipazione/coesione Politica Istituzioni Inclusione

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI, STATISTICI E LA COMUNICAZIONE Div. 5 - Ufficio di Statistica PROGRAMMAZIONE STRATEGICA 2009 OBIETTIVO OPERATIVO:

Dettagli

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA Non si è raggiunto l obiettivo! E necessario inaugurare un grande cantiere fatto di: Cultura della sicurezza Tecnologia della sicurezza Prevenzione Controlli

Dettagli

Dgr n. 2031 del 26.07.2005

Dgr n. 2031 del 26.07.2005 giunta regionale 8^ legislatura 2.4 PREVENZIONE DEI TRAUMI DA TRAFFICO 2.4.1 Il contesto regionale (epidemiologico, organizzativo ecc) Gli incidenti stradali nel Veneto: la dimensione epidemiologica. Nella

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Settore Epidemiologia dei Servizi Sociali Integrati OSSERVATORIO DI EPIDEMIOLOGIA (http://www.arsanita.toscana.it) Firenze, 10 Dicembre 2009 I FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio Rapporto per le Aziende Sanitarie Locali del Lazio nell ambito del Progetto regionale Programma di sorveglianza e prevenzione degli incidenti

Dettagli

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco PROTOCOLLO D INTENTI TRA IL COMUNE DI NAPOLI E LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE FINALIZZATO ALLO SVILUPPO DI ATTIVITA CONDIVISE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL INCIDENTALITA E DI PROMOZIONE

Dettagli

Tavola 17.1 - Importo medio protesti Anni 2006-2008 (valori in euro)

Tavola 17.1 - Importo medio protesti Anni 2006-2008 (valori in euro) Tavola 17.1 - Importo medio protesti Anni 2006-2008 (valori in euro) Prov. Potenza Prov. Matera Basilicata Mezzo-giorno Italia 2006 2.333 1.886 2.146 2.385 2.501 2007 2.305 2.204 2.281 2.495 2.642 2008

Dettagli

I fattori di rischio sanitario legati al traffico

I fattori di rischio sanitario legati al traffico POSSIBILI AZIONI COMUNI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DETERMINANTI AMBIENTALI E SOCIALI DI SALUTE I fattori di rischio sanitario legati al traffico LA MOBILITA SOSTENIBILE costruzione delle competenze per rendere

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Presentazione. Il VicePresidente della Provincia di Mantova

Presentazione. Il VicePresidente della Provincia di Mantova Presentazione La sicurezza stradale sta, faticosamente, diventando un problema riconosciuto a tutti i livelli sociali: la preoccupazione per il numero degli incidenti, la consapevolezza del rischio e l

Dettagli

Premessa IMPLICAZIONI DI NATURA ECONOMICA: COMPORTA DEI COSTIPER LA SOCIETÀSANITARI E SOCIALI

Premessa IMPLICAZIONI DI NATURA ECONOMICA: COMPORTA DEI COSTIPER LA SOCIETÀSANITARI E SOCIALI I costi sociali degli incidenti stradali Patrizia Lattarulo Premessa La rilevanza sociale della sicurezza stradale è legata non solo al numero degli eventi ma al fatto che incide sulla speranza di vita

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

La politica europea di sicurezza stradale

La politica europea di sicurezza stradale Modena, 3 dicembre 2008 La politica europea di sicurezza stradale Giulia BOCCHI Rappresentanza a Milano Commissione europea 1 La politica dell UE per la sicurezza stradale Dati e Statistiche Focus su alcuni

Dettagli

Milano COMUNE DI MILANO. Direzione Centrale. C. A. Garbagnati Pietro - Servizio Traffico e Viabilità

Milano COMUNE DI MILANO. Direzione Centrale. C. A. Garbagnati Pietro - Servizio Traffico e Viabilità COMUNE DI MILANO C. A. Garbagnati Pietro - Italia: serie storica 1978/2009: incidenti con feriti, feriti e morti 8.537 378.492 7.498 6.980 307.258 207.556 265.402 215.405 4.237 152.953 Incidenti Feriti

Dettagli

Andamento dell'incidentalità stradale in Friuli Venezia Giulia

Andamento dell'incidentalità stradale in Friuli Venezia Giulia Andamento dell'incidentalità stradale in Friuli Venezia Giulia a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alla programmazione, risorse economiche e finanziarie, patrimonio e

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

La sicurezza delle Due Ruote nel Comune di Roma. La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma

La sicurezza delle Due Ruote nel Comune di Roma. La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma Novembre 2009 Il progetto di ricerca nasce da una collaborazione Automobile Club d Italia - Reale Automobile Club della Catalogna ed è stato supportato

Dettagli

Analisi dell incidentalità stradale in Friuli Venezia Giulia

Analisi dell incidentalità stradale in Friuli Venezia Giulia Analisi dell incidentalità stradale in Friuli Venezia Giulia Servizio statistica settembre 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Corso Cavour, 1 34100 Trieste telefono: 040 3772218

Dettagli

ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO PER INCIDENTE STRADALE E AUMENTO DEL PREZZO DEI CARBURANTI: UN ANALISI NELLA REGIONE LAZIO, ANNI 2007-2012

ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO PER INCIDENTE STRADALE E AUMENTO DEL PREZZO DEI CARBURANTI: UN ANALISI NELLA REGIONE LAZIO, ANNI 2007-2012 ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO PER INCIDENTE STRADALE E AUMENTO DEL PREZZO DEI CARBURANTI: UN ANALISI NELLA REGIONE LAZIO, ANNI 2007-2012 Associazione Italiana di Epidemiologia, Bari 29-31 ottobre 2012 Sara

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE

Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE Sommario 1. L INCIDENTALITA DEL TRASPORTO PESANTE IN EUROPA... 3 2. IL TRASPORTO PESANTE IN ITALIA... 9 1.1

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli