Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?"

Transcript

1 Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009

2 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio della vigilanza: nessun sistema bancario ombra Maggiore e migliore qualità del capitale, minor debito Affrontare la ciclicità della finanza Il rischio di liquidità Maggiore e migliore trasparenza, equi incentivi per i dirigenti Il trattamento delle banche sistemicamente rilevanti ma le regole non sono la sola cosa da sistemare: Vigilanza: convergenza verso modelli più efficaci Cooperazione: dallo scambio di informazioni alle valutazioni e decisioni congiunte Gestione e risoluzione delle crisi: rivedere e armonizzare gli strumenti Quali lezioni per l Italia? 2

3 La riforma della regolamentazione I buchi nella rete della vigilanza L approccio Greenspan: let s things happen per sostenere l innovazione finanziaria e l instabilità Il sistema bancario ombra (e il ruolo delle agenzie di rating) Le highly leveraged institutions Ampliare il perimetro della vigilanza Monitoraggio e individuazione di istituzioni finanziarie che generano rischio sistemico, da regolamentare Il consolidamento degli SPV Gli hedge funds Le agenzie di rating 3

4 La riforma della regolamentazione Più elevata qualità del capitale Strumenti ibridi e concorrenza normativa I ratios regolamentari hanno perso credibilità durante la crisi Una definizione più semplice e rigorosa: enfasi sul common equity, deduzioni severe, poco spazio all innovazione Maggiore quantità di capitale Requisiti più elevati per il trading book Requisiti minimi e buffers patrimoniali più elevati Limiti alla leva finanziaria Rischio di modello ed errori nei fattori di ponderazione per il rischio indebitamento eccessivo Introduzione di un backstop: semplice leverage ratio, ma con attività fuori bilancio 4

5 La riforma della regolamentazione Ciclicità della finanza, prociclicità delle regole Mispricing del rischio, dinamiche boom-bust Standard contabili: mark-to-market e accantonamenti solo a fronte di perdite realizzate La prociclicità di Basilea II Un nuovo set di strumenti anticiclici Attenuazione della ciclicità del minimo: la proposta del CEBS Un buffer macroprudenziale per contrastare il ciclo creditizio Accantonamenti forward looking (IASB e regole spagnole) 5

6 La riforma della regolamentazione Il capitale non è tutto, la liquidità è altrettanto importante Eccessiva fiducia nell abbondante liquidità del mercato Sottovalutazione del funding risk e della rischio di liquidità del mercato Verso nuove regole sulla liquidità Liquidity buffers che assicurino la sopravvivenza per un determinato periodo di stress Un requisito strutturale che un bilanciamento delle scadenze di attivo e passivo, in una prospettiva di lungo periodo 6

7 La riforma della regolamentazione Intervenire sull opacità della finanza strutturata Miglior trasparenza, maggiore comprensione della redistribuzione dei rischi Maggior comparabilità Correggere gli incentivi all assunzione del rischio Governance e sistema di remunerazione interni: ruolo degli azionisti nelle politiche di remunerazione, retribuzioni collegate al rischio, prospettiva di lungo periodo, sostanziale componente variabile, con differimento e claw back 7

8 La riforma della regolamentazione Banche sistemiche: come risolvere il problema del too big to fail? Ridurre la probabilità e l impatto di un insolvenza Requisiti più stringenti (capitale, liquidità, concentrazione del rischio, counterparty credit risk ), vigilanza più intensa Dibattito su limiti alla dimensione e alle linee di business narrow bank, Glass-Steagall, proprietary trading Migliorare la capacità del sistema finanziario di reggere al fallimento di un istituzione sistemica Migliore (e credibile) capacità di gestione delle crisi, con uscita dal mercato: contingency, derisking and resolution plans Più forti infrastrutture di mercato per ridurre il rischio di contagio 8

9 La vigilanza Ma la crisi è un fallimento di modelli di vigilanza, più che un fallimento delle norme Standard comuni internazionali, ma ampio spazio per la concorrenza normativa e di vigilanza nell interpretazione, applicazione ed enforcement Modelli di vigilanza molto diversi, con risultati altrettanto diversi La tassonomia della rassegna Turner: light touch, intensive and inspector-based supervision Approcci rules-based vs principles-based Necessità di un dibattito aperto sulle lezioni da trarre dalla crisi e sugli stili di vigilanza verso cui convergere L anello mancante fra prospettive micro e macroprudenziali Le Financial Stability Reviews delle banche centrali: prediche inutili di Mervyn King, ma anche analisi non collegate a strumenti di policy 9

10 La vigilanza La riforma dell architettura istituzionale UE La vigilanza macroprudenziale dell ESRB: un possibile strumento per l individuazione delle priorità per i controlli microprudenziali Le autorità di vigilanza europee, EBA, ESMA ed EIOPA: Single rulebook: standard tecnici uniformi, decisi a livello europeo Ruolo nei collegi dei supervisori: coordinamento e parità di trattamento Interventi su regole non in linea con gli standard europei, peer review, risoluzione delle controversie e poteri in situazioni di emergenza Un occasione per la convergenza verso un modello di vigilanza rigoroso 10

11 Cooperazione Necessità di rafforzare gli strumenti per la cooperazione e il coordinamento fra le autorità nazionali Molti sforzi per sviluppare organismi di vigilanza e MoUs, ma scarsa efficacia di fronte alla crisi Necessità di passare dallo scambio di informazioni alla valutazione congiunta del rischio, allo SREP coordinato e a decisioni comuni Cooperazione attraverso gli organismi a livello europeo: database comuni, peer group analysis, stress testing 11

12 Gestione e soluzione delle crisi Una crisi di mercati integrati e istituzioni cross-border, con soluzioni nazionali Misure di sostegno nazionali e sistemi di garanzia dei depositi differenziati: crollo evitato, ma enormi distorsioni Gruppi operanti in più paesi scomposti lungo linee nazionali e salvati separatamente, mettendo in discussione il modello di business e la stessa integrazione del Mercato unico Necessità di strumenti armonizzati per gestire le crisi Capacità delle autorità di vigilanza di intervenire tempestivamente Regimi speciali per la gestione e la risoluzione delle crisi Sistemi di garanzia dei depositi che sostengano veramente la fiducia del pubblico e abbiano capacità di intervento 12

13 La vigilanza in Italia I punti di forza del nostro approccio di vigilanza Perimetro della vigilanza molto ampio Norme che danno indicazioni chiare Rigido controllo delle innovazioni finanziarie e delle nuove pratiche di mercato Vigilanza intensa, a distanza e ispettiva e le aree in cui stiamo mettendo a punto il nostro modello L analisi macroprudenziale quale strumento per stabilire le priorità per la controlli a distanza e ispettivi L integrazione fra controlli a distanza e ispettivi Una nuova graduazione dell intensità della vigilanza sugli intermediari non bancari, in relazione ai rischi per la stabilità finanziaria L applicazione del principio di proporzionalità 13

14 Conclusioni La riforma normativa è ben avviata e produrrà un panorama finanziario profondamente diverso ma abbiamo bisogno di integrare questi cambiamenti con una revisione dei modelli di vigilanza, definendo chiari punti di riferimento per la convergenza Il modello di vigilanza italiano ha dei punti di forza che dovrebbero essere ripresi nella cultura e negli approcci delle nuove autorità europee 14

15 Grazie! Andrea Enria Capo del Servizio Normativa e politiche di vigilanza Banca d Italia 15

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

La Supervisione bancaria nella

La Supervisione bancaria nella Incontri organizzati dal Sibc La Supervisione bancaria nella prospettiva della Banking Union Paola Petagna 28 gennaio 2015 L evoluzione del contesto esterno e la difesa della stabilità finanziaria difronte

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Oltre la crisi. Regole, Vigilanza, Infrastrutture

Oltre la crisi. Regole, Vigilanza, Infrastrutture ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA SPIN 2009 L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil Oltre la crisi. Regole, Vigilanza, Infrastrutture Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Giovanni

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria: rapporto al G20

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria: rapporto al G20 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria La risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria: rapporto al G20 Ottobre 2010 Copie delle pubblicazioni sono disponibili presso: Banca dei Regolamenti

Dettagli

ANALISI DEI BILANCI BANCARI Verso Basilea III

ANALISI DEI BILANCI BANCARI Verso Basilea III Università degli Studi di Macerata ANALISI DEI BILANCI BANCARI Verso Basilea III LEZIONE n.19 DEL 17 APRILE 2012 1 AGENDA STRUTTURA DELLE RIFORME DELLA REGOLAMENTAZIONE MIGLIORAMENTO DEL PATRIMONIO DI

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Verso una nuova regolamentazione finanziaria

Verso una nuova regolamentazione finanziaria SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL I.P.E. CONVEGNO INAUGURALE DEL MASTER IN FINANZA AVANZATA Verso una nuova regolamentazione finanziaria Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Anna Maria

Dettagli

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione FLASH REPORT Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Novembre 2013 Quadro normativo Il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno approvato il nuovo meccanismo

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Andrea Resti carefin@unibocconi.it The Regulatory Tsunami* Luglio 2009 Dicembre 2009 Rischi di mercato: stressed VaR e IR charge Nuove regole su (ri)cartolarizzazioni

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

GLI ACCORDI DI BASILEA

GLI ACCORDI DI BASILEA Scuola di Diritto Scuola di Economia e Management Diritto delle Banche e dei Anno Accademico 2014/2015 GLI ACCORDI DI BASILEA E LA LORO EVOLUZIONE PROF. FERDINANDO PARENTE Versione al 29 aprile 2015 Agenda!

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Costi & Business 2009 Roma, 29-30 ottobre 2009 La Global financial stability map del

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali 16 Convention APB 2009 La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali Intervento del dr. Stefano Mieli Direttore Centrale per la Vigilanza Creditizia e Finanziaria Banca d

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da MARANGONI MARIO Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Nuove regole e mercati finanziari

Nuove regole e mercati finanziari LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA DI FRONTE ALLA CRISI Dibattito in occasione della pubblicazione del volume di EuropEos L Unione Europea del XXI Secolo Nuove regole e mercati finanziari Intervento di

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

IL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DELLE BANCHE (BASILEA 2)

IL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DELLE BANCHE (BASILEA 2) IL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DELLE BANCHE (BASILEA 2) Francesco Cannata Università RomaTre, aprile-maggio 2009 Agenda degli incontri 5 moduli: I) Da Basilea 1 a Basilea 2 (24 aprile) II) I rating delle

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI Mauro Senati Chief Risk Officer Gruppo UBI IX Convention AIFIRM, Milano 19 Novembre 2013 1 Agenda Il contesto Gli effetti

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Senato della Repubblica 6 a Commissione permanente (Finanze e tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Audizione del Vice Direttore Generale

Dettagli

Le sfide per le banche popolari nel nuovo scenario regolamentare

Le sfide per le banche popolari nel nuovo scenario regolamentare ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE Banche cooperative e sviluppo solidale: sfide e opportunità Le sfide per le banche popolari nel nuovo scenario regolamentare Intervento del Direttore Generale

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

Il sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

Il sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Andrea Enria, Presidente dell Autorità Bancaria Europea - EBA Senato della Repubblica 6ª Commissione permanente (Finanze e Tesoro) Roma, 3 marzo 2015 Il sistema bancario italiano nella prospettiva della

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Dott. GABRIELE TONIOLO

Dott. GABRIELE TONIOLO BASILEA 3: Buffer di Capitale ed impatto sul Pricing alle imprese Verso Basilea 3 Dott. GABRIELE TONIOLO L accordo di Basilea nasce con l obiettivo di tutelare il piccolo risparmiatore e di garantire la

Dettagli

OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS

OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata Partial or total reproduction

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Senato della Repubblica 6 a Commissione permanente (Finanze e tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Audizione del Governatore della Banca

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Senato della Repubblica 6 a Commissione permanente (Finanze e tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Audizione del Governatore della Banca

Dettagli

Commissione VI della Camera dei Deputati (Finanze)

Commissione VI della Camera dei Deputati (Finanze) Commissione VI della Camera dei Deputati (Finanze) Attività conoscitiva nell ambito dell esame della Comunicazione della Commissione Europea sulla vigilanza finanziaria europea Audizione del Presidente

Dettagli

NIFA New International Finance Association. L Unione Bancaria Europea

NIFA New International Finance Association. L Unione Bancaria Europea NIFA New International Finance Association Tavola Rotonda Verso l Europa Unita Gli obiettivi raggiunti, gli ostacoli da superare, le nuove sfide L Unione Bancaria Europea Intervento di Carmelo Barbagallo

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Antonio Zullo Chief Risk Officer Gruppo Banca Popolare di Bari 12 dicembre 2014 1 Il sistema dei controlli interni La nuova normativa

Dettagli

Convegno Corporate governance e gestione dei rischi: gli insegnamenti della crisi

Convegno Corporate governance e gestione dei rischi: gli insegnamenti della crisi Convegno Corporate governance e gestione dei rischi: gli insegnamenti della crisi Sistemi di controllo dei rischi e governo degli intermediari: una prospettiva di vigilanza Intervento del Direttore Centrale

Dettagli

Gli Accordi di Basilea sulla vigilanza bancaria

Gli Accordi di Basilea sulla vigilanza bancaria CAPIRE LA FINANZA Gli Accordi di Basilea sulla vigilanza bancaria Indice Introduzione I. Il Comitato di Basilea e gli Accordi sul capitale II. I 3 pilastri dell Accordo III. Il 1^ pilastro: i requisiti

Dettagli

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Sovency II Contesto e sfide della riforma Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Indice Introduzione Sintesi della riforma Contesto del mercato assicurativo Calendario

Dettagli

Verso un unione europea delle regole e dei controlli di vigilanza

Verso un unione europea delle regole e dei controlli di vigilanza Convegno ABI Basilea 3 Verso un unione europea delle regole e dei controlli di vigilanza Intervento di Carmelo Barbagallo Direttore Centrale per la Vigilanza Bancaria e Finanziaria Banca d Italia Roma,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da MARANGONI MARIO Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 8 luglio 2009 Il credito e le banche Il credito al settore privato rallenta ancora.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI XIV Commissione Politiche dell Unione Europea

CAMERA DEI DEPUTATI XIV Commissione Politiche dell Unione Europea CAMERA DEI DEPUTATI XIV Commissione Politiche dell Unione Europea Esame istruttorio della Proposta di direttiva che modifica le direttive 2006/48 e 2006/49 per quanto riguarda gli enti creditizi collegati

Dettagli

L economia italiana nella relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella relazione della Banca d Italia L economia italiana nella relazione della Banca d Italia Elisabetta Gualandri CEFIN Università di Modena and Reggio Emilia Dipartimento di Economia Marco Biagi Modena 4 giugno 2015 Cefin e BPER: Banca

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 1.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 291/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 12 novembre 2009 su una proposta

Dettagli

Il nuovo Meccanismo di vigilanza unico. Quali implicazioni per le banche

Il nuovo Meccanismo di vigilanza unico. Quali implicazioni per le banche 06-Coppola (III)_47_53_06-Coppola (III)_47_53 29/01/15 12.16 Pagina 47 (tiratura:4200) Il nuovo Meccanismo di vigilanza unico. Quali implicazioni per le banche The impacts of the Single Supervisory Mechanism

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

ASSOSIM INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISEMA BANCARIO ITALIANO NELLA PROSPETTIVA DELLA VIGILANZA EUROPEA. 21 aprile 2015

ASSOSIM INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISEMA BANCARIO ITALIANO NELLA PROSPETTIVA DELLA VIGILANZA EUROPEA. 21 aprile 2015 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISEMA BANCARIO ITALIANO NELLA PROSPETTIVA DELLA VIGILANZA EUROPEA 21 aprile 2015 Audizione del Presidente di Assosim Dott. Michele Calzolari Signor Presidente, Onorevoli Senatori,

Dettagli

BANCHE POPOLARI E SVILUPPO SOLIDALE. Sfide ed opportunità. FrancoAngeli. a cura di Alberto Quadrio Curzio

BANCHE POPOLARI E SVILUPPO SOLIDALE. Sfide ed opportunità. FrancoAngeli. a cura di Alberto Quadrio Curzio ECONOMIA - Ricerche BANCHE POPOLARI E SVILUPPO SOLIDALE Sfide ed opportunità a cura di Alberto Quadrio Curzio FrancoAngeli Copyright 2011 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy L opera, comprese tutte

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere emesso,

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale

Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale Il meccanismo unico europeo per la risoluzione delle crisi ha avuto via libera, con l approvazione della normativa di riferimento e l 'istituzione di

Dettagli

2015 Gruppo Dexia CreDiop

2015 Gruppo Dexia CreDiop 015 Informativa al Pubblico Basilea 3 - Pillar 3 Situazione al 30 giugno 2015 Gruppo Dexia Crediop Indice Introduzione... 3 3. Composizione dei Fondi Propri... 4 4. Adeguatezza Patrimoniale... 7 Dichiarazione

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Relazione sui conti annuali dell Autorità bancaria europea relativi all esercizio finanziario 2014. corredata della risposta dell Autorità

Relazione sui conti annuali dell Autorità bancaria europea relativi all esercizio finanziario 2014. corredata della risposta dell Autorità Relazione sui conti annuali dell Autorità bancaria europea relativi all esercizio finanziario 2014 corredata della risposta dell Autorità 12, rue Alcide De Gasperi - 1615 Luxembourg Tel. (+352) 4938-1

Dettagli

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014 Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Il rapporto in breve Bassa crescita e bassa inflazione rimangono i problemi principali nell

Dettagli

>RESeT Discussion Papers

>RESeT Discussion Papers >RESeT Discussion Papers rivista mensile 01_2013 del 26/03/2013 ISSN: 2282-2364 Il nuovo schema di regolamentazione per le banche: Basilea III. Basilea II ha insegnato qualcosa? Francesco Ardolino Università

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI: Indice

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI: Indice DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO Indice 1. Introduzione... 3 2. I fallimenti del mercato e della regolamentazione e gli obiettivi del regolatore..

Dettagli

CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI

CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI CRISI E REVISIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI Alberto Franco Pozzolo Università degli Studi del Molise Scuola superiore dell economia e delle finanze Ezio Vanoni Roma, 12 febbraio 2013

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità

Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità CONVEGNO DI STUDI Crisi dei mercati finanziari e implicazioni,

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE GESTIONE DEL CAPITALE Elisabetta Montanaro a.a. 2014-15 Appunti introduttivi alla regolamentazione di Basilea IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE La struttura finanziaria delle banche

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 DATI DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 7

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli