IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali"

Transcript

1 Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri Annualità 2012 az. 7. IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali Sessione in-formativa promossa da RIRVA Rete Italiana sul Ritorno volontario Assistito Regione Toscana Ordine Assistenti Sociali della Toscana e AICCRE Federazione Toscana 6 febbraio 2014, ore FIRENZE Consiglio Regionale della Toscana, via Cavour, 18 Sala Collezioni Federazione Toscana

2 IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA. Politiche nazionali e regionali FIRENZE 6 Febbraio 2014 ore 9.30 Ore 9.30 Saluti introduttivi Patrizia Dini, Segretaria Federazione AICCRE Toscana, aderente Rete RIRVA Laura Bini, Presidente Ordine Regionale Assistenti Sociali Loretta Giuntoli, Pres. Consorzio ASTIR, consociato Idee in Rete, cap. Rete RIRVA Ore Il Ritorno Volontario Assistito e la Rete RIRVA in Italia L attuazione della misura in applicazione alla normativa vigente e la Rete Italiana sul Ritorno Volontario Assistito, Rete RIRVA Fase V. I progetti attivi per l attuazione della misura: destinatari e servizi offerti, modalità di accesso. Dati statistici nazionali e regionali. Carla Olivieri, Responsabile nazionale Rete Italiana sul Ritorno Volontario Assistito, Consorzio Nazionale Idee in Rete. Ore Le politiche regionali a sostegno del ritorno Giovanni Lattarulo, Dirigente Regione Toscana Ore Spunti per un approccio operativo al Ritorno Volontario Assistito. Percorsi di applicazione della Guida Operatori sul Ritorno Volontario Assistito redatta da partnership RIRVA con CNOAS Rossella Boldrini, Consigliere Ordine Regionale Assistenti Sociali della Toscana Ore Esperienze a confronto: interventi programmati di enti ed organizzazioni aderenti alla Rete RIRVA impegnate nella consulenza ai migranti sul RVA in regione. Cristina Baldi, Associazione Progetto Arcobaleno Onlus, già Antenna regionale Rete RIRVA Stefania Carrara, OXFAM Italia, partner Rete RIRVA Ore Dibattito e conclusioni. E stato concesso l Accreditamento Eventi Formativi dall Ordine Regionale degli Assistenti Sociali della Toscana, n. 3 crediti

3 IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali 6 febbraio 2014, ore FIRENZE Consiglio Regionale della Toscana, via Cavour, 18 Sala Collezioni L attuazione della misura in applicazione alla normativa vigente e la Rete Italiana sul Ritorno Volontario Assistito, Rete RIRVA Fase V. I progetti attivi per l attuazione della misura: destinatari e servizi offerti, modalità di accesso. Dati statistici nazionali e regionali. Carla Olivieri Responsabile nazionale Rete RIRVA, Consorzio Nazionale Idee in Rete Federazione Toscana

4 RVA: cosa è? E la possibilità di ritornare in modo volontario e consapevole nel proprio paese di origine. RITORNARE è UNA DELLE POSSIBILI OPZIONI DEL PROCESSO MIGRATORIO, NON IL SUO FALLIMENTO. Il ruolo dell operatore sociale è quello di sostenere il migrante in un percorso di ritorno per RICOMINCIARE il proprio progetto di vita, con DIGNITA e SICUREZZA Elementi imprescindibili della misura: Volontarietà, assistenza e, se previsto, piano di reintegrazione E' importante che il migrante sia supportato nel compiere questa scelta affinché essa sia ponderata e cosciente, presupposto necessario perché il suo processo di reintegrazione sia sostenibile.

5 RVA ai tempi della crisi: alcuni dati interpretativi DA SCELTA INDIVIDUALE E SPORADICA, A RISPOSTA NON RESIDUALE a fronte della situazione di crisi economica del nostro Paese e dei livelli di crescita di alcuni paesi di origine spesso assai più significativi che in Italia. -Fondaz. ISMU: nel 2012, come nel 2011 ancora circa 200mila gli stranieri che si sono cancellati dalle anagrafi italiane, confermando un forte aumento dei flussi in uscita dopo i 208mila cancellati del 2010 (secondo le ultime revisioni post-censuarie Istat).; -Western Union: dopo 5 anni di costante crescita si stima che le rimesse all estero degli immigrati stranieri in Italia nel 2012 siano scese dell 8%, a 6,8 miliardi di, rispetto al record di 7,4 del CNEL: nel 2012 i cittadini stranieri disoccupati sono stati 385mila, il 19,2% in più tra coloro che provengono da Paesi dell Ue e del 25,4% per quelli extra-ue. da APPENDICE DI POLITICHE volte a proteggere l Italia dalla presenza degli stranieri ed in antitesi alle politiche di integrazione, a COMPONENTE DELLE POLITICHE MIGRATORIE (seppur di nicchia per l entità dei numeri rispetto al fenomeno migratorio complessivo), dall ingresso e accoglienza in Italia fino all uscita, definitiva o temporanea.

6 NORMATIVA LA DIRETTIVA EUROPEA SUI RIMPATRI 2008/115/CE del 16 dicembre 2008 Adottata dal Parlamento e Consiglio dell Unione Europea per disciplinare le norme e le procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio dei cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Scopi: armonizzare i sistemi nazionali; assicurare l effettività delle decisioni di rimpatrio; garantire in modo adeguato i diritti di libertà dei cittadini di Paesi terzi; privilegiare il Rimpatrio Volontario Assistito rispetto a quello Forzato PERCORSO DI RECEPIMENTO IN ITALIA allo scadere del termine UE del Decreto legge n. 89 del 23 giugno 2011 Recante misure di recepimento delle direttive europee sulla libera circolazione dei cittadini e sul rimpatrio degli immigrati irregolari 2. convertito con modificazioni nella Legge 2 agosto 2011, n DM DM 27 ottobre 2011, Linee guida per l'attuazione dei programmi di RVA, GU CONFERMA PROCEDURE DI ATTUAZIONE DEL PERCORSO DI RITORNO INTRODOTTE NOVITA : Categorie di migranti ammissibili e procedure di accesso Ottobre 2013: Circolare Ministero dell Interno alle Prefetture e del Dipartimento Pubblica Sicurezza alle Questure in applicazione art. 3 Linee Guida che introduce NUOVO SISTEMA DI SEGNALAZIONE DEI CASI da Ente Attuatore progetto RVA a Prefettura (NON REALTA TERRITORIALE segnalante)

7 RVA come si attua FR e Min Interno Il RVA si attua in Italia dal 1991 con fondi propri del governo dal 2009 grazie al co-finanziamento del FR e FdR/ Ministero dell Interno Il Fondo europeo Rimpatri - FR è uno dei 4 Fondi istituiti in attuazione alla Direttiva UE 2008/115/CE del 16 dicembre 2008 nel contesto del PROGRAMMA SOLID : Solidarietà e gestione di flussi migratori): AUTORITA RESPONSABILE NAZIONALE: MINISTERO DELL INTERNO Il Fondo europeo Frontiere Eterne EBS è gestito dal Dipartimento Pubblica Sicurezza Il FR co-finanzia: - operazioni di Rimpatrio Forzato attraverso il Dipartimento di Pubblica Sicurezza; - Rimpatri Volontari Assistiti, attraverso bandi annuali rivolti ad organizzazioni, associazioni, ONG, enti locali, ecc., per l attuazione di azioni di sistema..

8 La strategia del RVA in Europa Fonte: Ministero dell Interno AR FR FR Attualmente ogni Stato adotta una propria strategia in merito alla realizzazione di interventi di RVA In futuro è auspicabile un approccio coordinato e integrato basato sulla condivisione di esperienze e best practice

9 La strategia del RVA in Italia Fonte: Ministero dell Interno AR FR (AP ) 2012) CONOSCENZA CONOSCENZA RACINE I e II Mappatura OIM VOLVER Tampep REALIZZAZIONE REALIZZAZIONE NETWORKING PARTIR I,II,III e IV, V OIM ODISSEO VIRTUS RIVAN I e II - OIM PARIVUL OIM REMPLOY I e II - OIM REMIDA, I e II CEFA MIRAVE I e II OIM Integrazine di ritorno. CIR Ritorno al Futuro - Xenagos FR NETWORKING NIRVA I,II e III- AICCRE, OIM, CIR RIRVA fase IV IIR, CIR, OXFAM e GEA INFORMAZIONE FORMAZIONE INFORMAZIONE RITORNARE AICCRE, CIR RACINE INFORMARE OIM FORMAZIONE RE-FORM I e II, OIM 9

10 IL SISTEMA DI AZIONI CHE ATTUANO IL RVA IN ITALIA FR AP 2012 maggio 2013 giugno 2014 Area REALIZZAZIONE Area REALIZZAZIONE PARTIR V OIM az. 1 PARTIR V OIM az. 1 AUSILIUM OIM az 2 AUSILIUM OIM az 2 INTEGRAZIONE DI RITORNO INTEGRAZIONE DI RITORNO -CIR az 3 -CIR az 3 RITORNO AL FUTURO RITORNO AL FUTURO Assoc XENAGOS az. 3 Assoc XENAGOS az. 3 Attuazione RVA Attuazione RVA Fondo Fondo europeo europeo Rimpatri Rimpatri FR FR Networking Networking Rete Rete RIRVA, RIRVA, V V fase fase az. az. 7 7 Rete Italiana Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito per il Ritorno Volontario Assistito IDEE in RETE IDEE in RETE con CIR, OXFAM, GEA con CIR, OXFAM, GEA CONOAS e ISMU CONOAS e ISMU Rete Nazionale per l informazione Rete Nazionale per l informazione misura e segnalazione casi misura e segnalazione casi Cooperazione con i PaesiTerzi Cooperazione con i PaesiTerzi AREA REALIZZAZIONE Le azioni di RVA consentono concretamente di REALIZZARE i percorsi di RVA Networking Il Progetto RETE RIRVA svolge nei territori una funzione di raccordo tra le azioni finanziate, quale Sistema di referral nazionale per l informazione l sulla misura e la segnalazione di casi favorendo l informazione ed una migliore attuazione della misura in Italia

11 Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito Rete RIRVA Capofila: Consorzio nazionale IDEE IN RETE Partner: CIR, OXFAM Italia, GEA coop. Soc. Partner di sostegno: Consiglio Nazionale Ordine degli assistenti Sociali CNOAS Fondazione ISMU DESTINATARI - Realtà pubbliche e private di contatto con i migranti, coinvolgibili in una rete nazionale per l informazione ai cittadini dei Paesi Terzi e territorio sulla misura del Rimpatrio Volontario Assistito - I migranti potenzialmente interessati ad accedere alla misura OBIETTIVO Aumentare l informazione e migliorare l attuazione e l accesso alla misura AZIONI - consolidamento di un modello organizzativo e di gestione per l informazione, animazione e consulenza delle realtà aderenti alla Rete con la messa a disposizione di contenuti aggiornati e di procedure per l informazione e segnalazione dei casi, in accordo con gli staff che attuano i percorsi di Ritorno e con l Autorità responsabile - Messa a disposizione di strumenti e prodotti informativi a supporto dell operatività della Rete. - attività di informazione diretta ai migranti (help desk e Punti Informativi PI) ; - formazione e aggiornamento per il personale dei servizi del terzo settore e istituzionali che con i migranti lavorano quotidianamente SESSIONI INFORMATIVE / GUIDA OPERATORI e MEDIA - Informazione ed aggiornamento del personale delle rappresentanze dei Paesi terzi per una migliore cooperazione con i Paesi di origine.

12 Ciò che caratterizza la RETE è: - un modello organizzativo e di gestione consolidato, - procedure di lavoro tra i vari attori coinvolti, -un modello di informazione sul RVA con tipologie di interventi e di prodotti diversificati per i molteplici destinatari da coinvolgere su tutto il territorio nazionale: migranti (help desk, Punti Informativi, sito e campagna), operatori, istituzioni, cittadinanza e media (help desk, aderenti, sito, sessioni informative, campagna) Variazione Modello Organizzativo della RETE nella V annualità di lavoro e modalità di segnalazione dei casi L impostazione del network in questa quinta annualità di lavoro è stato riorganizzata accentrando il lavoro di animazione e gestione della rete, sulla base delle risorse disponibili ed in coerenza con la recente normativa di settore (art. 3 Linee Guida RVA/11, L 129/11 di recepimento della Direttiva UE Rimpatri) che prevede procedure di segnalazione ed accesso alla misura che coinvolgono Prefetture e Questure territoriali, secondo indicazioni e strumenti ora resi disponibili, seppur in fase sperimentale dall Autorità Responsabile (AR) nazionale del RVA, Min Interno DLCI (sistema di segnalazione istituzionale dei casi on line) Le realtà che svolgevano il ruolo di Antenne sono rimaste nella rete con un ruolo operativo e non più di riferimento regionale. Download su - sezione MATERIALI INFORMATIVI

13 Rete - Modello organizzativo Gruppo di lavoro di coordinamento nazionale (Comitato di pilotaggio partecipato da ref.. di tutti i partner, Resp progetto, operatore Help Desk Ritorno) ADERENTI al Nei singoli territori regionali Punti di riferimento informativo sul RVA per il territorio di appartenenza partenenza PUNTI INFORMATIVI Informazione diretta ai migranti, orientamento e sostegno all accesso accesso alla misura, a valorizzazione di ruoli e servizi già attivi nell Ente / Organizzazione a favore di cittadini stranieri; Segnalazione dei casi ai progetti che attuano il RVA Attività di informazione e sensibilizzazione su RVA ad operatori attori territoriali pubblici e privati, cittadinanza 226 PUNTI di SENSIBILIZZAZIONE Attività di informazione e sensibilizzazione su RVA ad operatori attori territoriali pubblici e privati, cittadinanza 112 Contatti su L adesione non comporta impegni di spesa e si attua attraverso una comunicazione disponibile susu Gli Aderenti operano nella Rete a titolo gratuito

14 RETE RIRVA in TOSCANA 22 PI e 6 PS FIRENZE PI - Ass PROGETT O ARCOBALEN O (già Antenna regionale) PI - C.A.T. "Centro di Animazione T riccheballacche" Cooperativa Sociale Onlus PI - Associazione volontariato penitenziario (A.V.P.) (Onlus) PI - ARCI Comitato RegionaleToscana PI - Associazione Interculturale delle Donne "Nosotras" PI - Gli Anelli Mancanti Onlus PS - T RAM E onlus - Associazione toscana interventi tratta e sfruttam ento (FI) PRATO PI - Com une di Prato - Servizio imm igrazione e Pari Opportunità PI - SARAH Soc. C oop. Sociale Onlus PS- ASTIR Consorzio di cooperative sociale società cooperativa sociale arl AR EZZ O PI - Provincia di Arezzo - Centro Pari Opportunità PI- Comune di Arezzo PI - Pronto Donna LIVORNO PI - Associazione Randi PI - Arca C oop. Sociale s.r.l - C entro Inform ativo Immigrati PI - Centro Mondialità Sviluppo R eciproco PI - Fondazione CARITAS Livorno Onlus PISA PI - Consorzio pubblico Società della Salute Zona Pisana PI - Cooperativa sociale IL CERCHIO PS - Donne In M ovim ento - DIM SIENA PI - Comune di Siena PI - La Rondine - Società Cooperativa Sociale PI - Società Della Salute della VALDICHIANA SENESE GROSSETO PI - COESO Società Della Salute ZONA GROSSETAN A MASSA C AR RARA PS - Arci Comitato Provinciale di Massa C arrara LUCC A PI - Associazione C eis - Gruppo "Giovani e Comunità" Onlus (Lucca) REGIONE TOSCANA (PS) Federazione AIC CRE Toscana (PS) Per elenco e contatti vedi - Sezione La Rete RIRVA

15 STRUMENTI E PRODOTTI INFORMATIVI A supporto dell operatività della Rete SITO WEB: HELP DESK RITORNO Numero unico per l informazione sul Rimpatrio Volontario Assistito attivo dal lunedì al venerdì con presenza di operatore, dalle ore 9.30 alle ore e negli altri orari e giorni con servizio di segreteria RITORNARE PER RICOMINCIARE campagna informativa Spot video 30 e materiali informativi plurilingue Approfondimenti su diritti previdenziali migranti ritornanti GUIDA OPERATORI e MEDIA sul RVA ADERENTI Per elenco e contatti vedi La Rete RIRVA

16 RVA.. come si attua A CHI SI RIVOLGE CHE SERVIZI OFFRE IL DETTAGLIO DEI PROGETTI APPROVATI ED ATTIVI COME SI SEGNALA UN CASO

17 A. Chi è escluso dal programma Destinatari FINALI (1) - cittadini comunitari - cittadini extracomunitari con doppia cittadinanza (UE e Paese Terzo); - migranti/cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo. Inoltre (art. 14 ter introdotto L 129/11) - Comma 5 a) Chi ha già beneficiato b) Il destinatario di espulsione che deve essere eseguita con accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica (art. 13, co 4) limitatamente ai casi in cui l espulsione è disposta per motivi di ordine pubblico o sicurezza dello Stato o per pericolosità sociale, se non ha osservato il termine per la partenza volontaria, né trattasi di straniero a rischio di fuga (art. 13, co 4 bis), limitatamente ai casi di inottemperanza ai provvedimenti emessi nel termine concesso per la partenza volontaria c) Chi è destinatario di un provvedimento di espulsione come sanzione penale o come conseguenza di sanzione penale. È importante poi sottolineare che tutte le persone che beneficiano dei programmi di RVA rinunciano al loro status e al loro permesso di soggiorno al momento della partenza, ma non sono oggetto di divieti al reingresso regolare in Italia.

18 Destinatari FINALI (2) B. chi può utilizzare il RVA- elenco ufficiale ELENCO UFFICIALE da FR 2012 E 13 - (art. 5 e 7 Dec. CE 575/07 e L. 129/11 e art. 4 relative linee guida) a) soggetti vulnerabili di cui all art. 19, comma 2 bis, del Testo unico (ad es. disabili, donne sole con bambini, anziani, persone con gravi problemi di salute fisica e/o mentale, senza fissa dimora); b) vittime di tratta, soggetti affetti da gravi patologie, richiedenti la protezione internazionale e titolari di protezione internazionale o umanitaria; c) cittadini stranieri che non soddisfano più le condizioni per il rinnovo del permesso di soggiorno; d) cittadini stranieri, già destinatari di un provvedimento di espulsione o di respingimento ai sensi dell art. 10, comma 2, del Testo Unico, trattenuti nei centri di identificazione ed espulsione ai sensi dell art. 14, comma 1, del medesimo Testo Unico; e) cittadini stranieri, già destinatari di un provvedimento di espulsione a cui sia stato concesso un periodo per la partenza volontaria ai sensi dell art. 13, comma 5, del Testo Unico. Concretamente Dopo entrata in vigore L 129/11 e relative Linee Guida Migranti irregolari o a rischio di irregolarità di Paesi Terzi Tuttavia le specifiche tipologie dei migranti effettivamente ammissibili alla misura sono in relazione alle indicazioni dei singoli progetti approvati nell annualità che possono non rappresentare tutte le categorie dei migranti ammissibili riportate nell art. 4 delle Linee guida.

19 RVA.. come si attua Tutti i progetti co-finanziati con il FR, quali azioni di sistema di ricerca, attuazione della misura, informazione e networking, concorrono a realizzare un percorso in cui si distinguono le seguenti fasi: PRE-PARTENZA Informazione preliminare e orientamento a livello territoriale, consuelling pre-partenza, azioni preparatorie, organizzazione del viaggio NB: In questa fase a livello territoriale agiscono gli aderenti alla Rete RIRVA (informazione preliminare al migrante, orientamento e consulenza alla scelta, consulenza per predisposizione documentazione di richiesta di accesso alla misura, segnalazione del caso per ad Ente Attuatore progetto RVA). Azioni di competenza degli Enti attuatori del RVA: Richiesta nulla osta alla partenza alle Autorità competenti la misura del RVA (Prefetture o Min Interno) Reperimento documenti di viaggio presso i Consolati di riferimento; Organizzazione e copertura delle spese di viaggio nel Paese di origine; Eventuale assistenza casi medici; Pagamento di una indennità di sistemazione in cash, prima della partenza; PARTENZA e ARRIVO NEL PAESE DI ORIGINE, assistenza Enti attuatori RVA REINTEGRAZIONE NEL PAESE DI ORIGINE (se prevista dal progetto) Erogazione di beni e servizi a sostegno del progetto di reintegrazione concordato con il migrante prima della partenza per attività lavorativa, alloggio, studio, cure mediche, ecc. MONITORAGGIO

20 Progetti approvati ed attivi FR AP 2012 maggio/luglio 2013 giugno tipologie di intervento 1 - Attuazione concreta dei percorsi di ritorno, con tre modelli di intervento (az. 1, 2 e 3) 2 - Azioni di sistema: Rete RIRVA.(az. 7) Azioni RVA 3 tipologie Azione 1 FR 12 Programmi di rimpatrio volontario assistito e reintegrazione nei paesi di origine per gruppi vulnerabili specifici. Prosecuzione dell azione 2012 Az. 2 FR 12 e 13 Programmi di rimpatrio volontario assistito per specifici gruppi di cittadini di paesi terzi Azione 3 FR 12 Sperimentazione di percorsi per il rientro volontario di determinate categorie di migranti Azioni di sistema Az. 7 Progetto di networking, Rete RIRVA fase V.

21 PARTIR V PROGRAMMA PER L ASSISTENZA AL RITORNO VOLONTARIO DALL ITALIA E REINTEGRAZIONE NEL PAESE DI ORIGINE (az. 1 FR 2012) Avvio luglio 2013, conclusione partenze marzo 2014, salvo diverse indicazioni Azione 1 Programmi di rimpatrio volontario assistito e reintegrazione nei paesi di origine per gruppi vulnerabili specifici. Prosecuzione dell azione 2012, A chi è rivolto migranti di TUTTI ipaesi Terzi presenti nelle regioni di tutta Italia dei gruppi di cui all art. 7 della decisione 2007/575/CE e Linee Guida DM /L. 129/11. Sarà data però priorità di accesso ai migranti vulnerabili (di cui all art. 19, comma 2 bis, TU) appartenenti alle seguenti categorie: vittime di tratta, casi umanitari, malati, anziani, madri sole e/o famiglie con minori, rifugiati, titolari di protezione sussidiaria, attesa occupazione, altre situazioni di vulnerabilità, etc. Cosa offre Accompagnamento alla partenza: Counselling pre-partenza Viaggio: - Organizzazione del viaggio e pagamento biglietto aereo contributo in contanti alla partenza (per ciascuna persona che rientra) Reintegrazione: contributo fino a con l erogazione del sussidio in beni e servizi (quindi il totale dell importo non cambia in caso di nucleo familiare). Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di segnalazione - dichiarazione di volontarietà - progetto individuale di reintegrazione Scaricabile da: sezione Come si segnala un caso Inoltre: fotocopia di documenti quali passaporto, pds (se in possesso), eventuali certificati medici e attestati sullo stato di vulnerabilità, etc. Da inviare all Ente Attuatore OIM - e oppure via fax al ed help desk RIRVA,

22 AUSILIUM Az. 2 FR 12 e 13 - Programmi di rimpatrio volontario assistito per specifici gruppi di cittadini di paesi terzi. Avviato a dicembre 2013, conclusioni partenze Giugno 2014 A chi è rivolto migranti di TUTTI i Paesi Terzi presenti nelle regioni di tutta Italia dei gruppi di cui all art. 7 della decisione 2007/575/CE e Linee Guida DM /L. 129/11. Sarà data però priorità di accesso ai migranti irregolari o a rischio di irregolarità di Paesi Terzi Cosa offre Il dettaglio ufficiale dei servizi offerti sarà reso noto non appena ci verranno comunicati dall ente attuatore, ma si anticipa che il progetto prevede: counselling pre-partenza: organizzazione e pagamento del biglietto di viaggio; contributo in contanti alla partenza di 200 (per ciascun beneficiario). NON è previsto nessun sostegno alla reintegrazione. Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di segnalazione - dichiarazione di volontarietà Appena avviato il progetto tale documentazione sarà disponibile sul sito sezione Come si segnala un caso

23 INTEGRAZIONE DI RITORNO az. 3 FR 12 Attuato da CIR con OXFAM e CISP Avvio aprile 2013, conclusione partenze febbraio 2014 A chi è rivolto - 40 Cittadini dei Paesi Terzi provenienti da TUNISIA, GHANA, NIGER, ECUADOR e COLOMBIA, presenti principalmente in Lombardia e nel Lazio. Potranno essere segnalati e inclusi anche casi provenienti da altre regioni italiane - appartenenti alle seguenti categorie: migranti vulnerabili con permesso di soggiorno in scadenza non più rinnovabile e a rischio di irregolarità, migranti in situazione di irregolarità sul territorio anche destinatari di provvedimenti di espulsione o di respingimento (previo raccordo con le Prefetture competenti), vittime di tratta,richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria che rinunciano allo status. Cosa offre Accompagnamento alla partenza: colloqui di orientamento e counselling pre-partenza, impostazione piano di reintegrazione con eventuale formazione o riqualificazione professionale Viaggio: - Organizzazione viaggio e pagamento biglietto aereo; 400 di contributo in contanti alla partenza dall Italia, per ogni persona; assistenza all aeroporto di partenza (da Roma o da Milano) Reintegrazione: - erogazione di un contributo fino a in beni e servizi (il totale dell importo non cambia in caso di nucleo familiare) nel Paese di ritorno, in relazione al piano di reintegrazione concordato prima della partenza. - assistenza e monitoraggio degli interventi di reintegrazione da parte degli operatori di partners del progetto nel paese di ritorno Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di presa in carico - dichiarazione di volontarietà Scaricabile da: sezione Come si segnala un caso Inoltre: fotocopia di documenti quali passaporto, pds (se in possesso), eventuali certificati medici e attestati sullo stato di vulnerabilità, etc. Da inviareente Attuatore CIR - - ed help desk RIRVA: - ed help desk RIRVA,

24 RITORNO AL FUTURO az. 3 FR 12 Attuato da Fondazione Xenagos con Connecting People Avvio settembre 2013, conclusione partenze aprile 2014 A chi è rivolto - 81 Cittadini dei Paesi Terzi provenienti da TUNISIA, presenti principalmente in Piemonte, Lazio e Sicilia, ma otranno essere segnalati e inclusi anche casi provenienti da altre regioni italiane - appartenenti alle categorie previste dalla normativa vigente e nello specifico: migranti richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria che rinunciano allo status, irregolari o a rischio di irregolarità sul territorio anche destinatari di provvedimenti di espulsione o di respingimento (previo raccordo con le Prefetture competenti). Cosa offre Accompagnamento alla partenza: colloqui di orientamento e counselling pre-partenza; impostazione piano di reintegrazione anche attraverso 6 workshop territoriali di formazione manageriale e training on the job per lo sviluppo ed avvio di progetti imprenditoriali nei Paesi di Origine avendo come riferimento il modello di lavoro cooperativo; Viaggio: - Organizzazione viaggio e pagamento biglietti aereo, assistenza all aeroporto di partenza - pagamento dell indennità di prima sistemazione di 400 in contanti alla partenza per persona. Reintegrazione: - Assistenza alla realizzazione dei progetti imprenditoriali nei Paesi di Origine con staff dedicati locali con erogazione di un contributo fino a in beni e servizi (il totale dell importo non cambia in caso di nucleo familiare), in relazione ai servizi disponibili e al piano di reintegrazione concordato prima della partenza. - monitoraggio degli interventi di reintegrazione. Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di presa in carico - dichiarazione di volontarietà Scaricabile da: sezione Come si segnala un caso Da inviare all Ente Attuatore FONDAZIONE XENAGOS ed help desk RIRVA,

25 Progetti approvati ed attivi FR AP 2012 maggio/luglio 2013 giugno 2014 Titolo progetto Az. /Importo/Ente Attuatore Az. 1 PARTIR V PROG ,00 OIM PARTENZE entro Az. 2 AUSILIUM PROG ,00/2 OIM PARTENZE entro Az. 3 INTEGRAZIONE DI RITORNO PROG ,31 CIR con OXFAM Italia e CISP PARTENZE entro Az. 3 RITORNO AL FUTURO PROG ,08 Fondazione XENAGOS con Connecting People PARTENZE entro A chi è rivolto 830 per migranti di tutti i Paesi Terzi presenti su tutto il territorio nazionale. Destinatari ammissibili: categorie previste dalla normativa vigente, anche se verrà data priorità di accesso a migranti caratterizzati da elementi di forte vulnerabilità. I annualità: 950 per migranti di tutti i Paesi Terzi presenti su tutto il territorio nazionale. Destinatari ammissibili: categorie previste dalla normativa vigente. Sarà data però priorità di accesso ai migranti irregolari o a rischio di irregolarità di Paesi Terzi. 40 migranti di TUNISIA, GHANA, NIGER, ECUADOR e COLOMBIA, presenti principalmente in Lombardia e nel Lazio, anche se potranno essere segnalati e inclusi anche casi provenienti da altre regioni italiane Destinatari ammissibili: migranti vulnerabili, irregolari o a rischio di irregolarità provenienti dai paesi sopra menzionati 81 migranti provenienti da TUNISIA, presenti principalmente in Piemonte, Lazio e Sicilia, anche se potranno essere inclusi casi provenienti da altre regioni italiane. Destinatari ammissibili: migranti tunisini vulnerabili, richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria che rinunciano allo status, irregolari o a rischio di irregolarità. Cosa offre Orientamento e counselling pre.-partenza, cash alla partenza di 100 euro per migrante; biglietteria aerea; supporto a progetti di reintegrazione per singoli o nucleo familiare con erogazione di beni e servizi fino a euro. Orientamento e counselling pre.-partenza, cash alla partenza di 200 euro per migrante; biglietteria aerea; NON è previsto nessun sostegno alla reintegrazione. Orientamento e counselling pre.-partenza; impostazione piano di reintegrazione con cons. professionale individualizzata; cash alla partenza di 400 euro per migrante; biglietteria aerea; sostegno alla realizzazione del progetto di reintegrazione per singolo o nucleo familiare con erogazione di beni e servizi fino a euro per progetto. Orientamento e counselling pre.-partenza; impostazione piano di reintegrazione con con cons. formativa o riqualificazione professionale individualizzata; cash alla partenza di 400 euro per migrante; biglietteria aerea; sostegno alla realizzazione del progetto di reintegrazione per singolo o nucleo familiare con erogazione di beni e servizi fino a euro per progetto.

26 Come si segnala un caso all Ente attuatore i progetti di RVA L operatore del Punto Informativo della Rete a cui si rivolge il migrante direttamente o demandato dall Help Desk, ha il compito di informare il migrante sulle opportunità offerte dall opzione ed orientarlo nella scelta, in collegamento con lo staff dei progetti che attuano il ritorno. Se il migrante maturerà la scelta di accedere all opzione, verrà aiutato nella. COMPILAZIONE ed INVIO DOCUMENTAZIONE necessaria alla richiesta al singolo progetto RVA. Fino a Giugno 2013 La documentazione veniva trasmessa dai Punti Informativi della Rete RIRVA agli staff degli Enti Attuatori le azioni RVA on line attraverso la rete intranet RIR Da luglio 2013 La documentazione viene trasmessa dalle realtà territoriali, ad. e non alla Rete, direttamente per o fax agli staff delle azioni RVA e per cc all Help Desk RIRVA.

La misura del RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO in Italia RVA e Rete RIRVA

La misura del RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO in Italia RVA e Rete RIRVA Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito Rete RIRVA, VI fase Fondo Europeo per i Rimpatri 2008-2013 Bando AP 2013 Az. 6- Prog. 106699 La misura del RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO in Italia RVA e

Dettagli

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche

Dettagli

Bergamo, 20 aprile 2011

Bergamo, 20 aprile 2011 Progetto NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito Az. 3.1.2. co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Bando Annualità 2009 az. 3.1.2. Fase 3. Attività informative su RVA

Dettagli

info@reterirva.it - www.reterirva.it

info@reterirva.it - www.reterirva.it RETE ITALIANA PER IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO finanziata a valere sull az. 6 Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 Soggetto attuatore Consorzio nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM, GEA, CNOAS ed ISMU

Dettagli

ROMA 27 marzo, ore 11.00-13.00 Sala Consiglio CNOAS Via del Viminale, 43 - sc. B - int. 6

ROMA 27 marzo, ore 11.00-13.00 Sala Consiglio CNOAS Via del Viminale, 43 - sc. B - int. 6 CONFERENZA STAMPA incontro con i Consolati dei Paesi di Origine Promosso dal Progetto Rete RIRVA - Consorzio Nazionale Idee in Rete, CIR, OXFAM Italia e Coop. GEA Consiglio Nazionale Ordine Assistenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO

COMUNICATO STAMPA RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO COMUNICATO STAMPA RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Un aiuto per chi vuole tornare volontariamente nel proprio Paese L Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto e la Rete NIRVA, promuovono una giornata formativa

Dettagli

Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7.

Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO AI TEMPI DELLA CRISI ECONOMICA

Dettagli

SPUNTI PER UN APPROCCIO OPERATIVO AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO:

SPUNTI PER UN APPROCCIO OPERATIVO AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO: Progetto RIRVA VI Rete Italiana per il Rimpatrio Volontario Assistito, finanziata a valere sull az. 6 Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 Soggetto Attuatore Consorzio Nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM,

Dettagli

Strategie di informazione e comunicazione nazionale e locale sul Ritorno Volontario Assistito

Strategie di informazione e comunicazione nazionale e locale sul Ritorno Volontario Assistito Progetto RIRVA VI Rete Italiana per il Rimpatrio Volontario Assistito, Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 az..6 Soggetto attuatore Consorzio nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM, GEA, CNOAS ed ISMU

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO e LA RETE RIRVA nella Regione VENETO Sesta annualità di lavoro

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO e LA RETE RIRVA nella Regione VENETO Sesta annualità di lavoro Progetto RIRVA VI Rete Italiana per il Rimpatrio Volontario Assistito, finanziata a valere sull az. 6 Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 Soggetto Attuatore Consorzio Nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM,

Dettagli

COME INFORMARE, ORIENTARE ED ACCOMPAGNARE IL MIGRANTE AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO

COME INFORMARE, ORIENTARE ED ACCOMPAGNARE IL MIGRANTE AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO SPUNTI PER UN APPROCCIO OPERATIVO AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO: COME INFORMARE, ORIENTARE ED ACCOMPAGNARE IL MIGRANTE AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO Sessione in-formativa promossa da: RIRVA - Rete

Dettagli

RASSEGNA STAMPA WORKSHOP RIRVA ROMA 23 MAGGIO 2013, ore 9.30 13.30

RASSEGNA STAMPA WORKSHOP RIRVA ROMA 23 MAGGIO 2013, ore 9.30 13.30 Progetto Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito Rete RIRVA IV fase co-finanziato da Fondo Europeo Rimpatri e Ministero dell Interno, az 7 AP 11, Sottoazione 3.3., workshop nazionale Attuato

Dettagli

NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito

NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rimpatri NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31.01.2013

COMUNICATO STAMPA DEL 31.01.2013 COMUNICATO STAMPA DEL 31.01.2013 * CONSIGLIO TERRITORIALE PER L IMMIGRAZIONE: SANATORIA 2012, RIFUGIATI LIBICI, CONCLUSIONE ATTIVITA COMMISSIONE RIFUGIATI, RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO. IL PREFETTO PRESIEDE

Dettagli

Vademecum illustrativo degli strumenti e delle opportunità utilizzabili per la definizione di percorsi di autonomia in favore dei profughi inseriti

Vademecum illustrativo degli strumenti e delle opportunità utilizzabili per la definizione di percorsi di autonomia in favore dei profughi inseriti Vademecum illustrativo degli strumenti e delle opportunità utilizzabili per la definizione di percorsi di autonomia in favore dei profughi inseriti nei percorsi di accoglienza nell ambito dell emergenza

Dettagli

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA GUIDA PER OPERATORI SUL RVA Come informare, orientare ed accompagnare il migrante al Ritorno Volontario Assistito Az. 2.4. Progetto RIRVA A cura di Partnership RIRVA Consorzio Nazionale Idee in Rete, Consiglio

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Dipartimento III Servizi per la formazione, il lavoro e la qualità della vita

Dipartimento III Servizi per la formazione, il lavoro e la qualità della vita Dipartimento III Servizi per la formazione, il lavoro e la qualità della vita AVVISO PUBBLICO RIVOLTO AI CITTADINI DI PAESI TERZI REGOLARMENTE SOGGIORNANTI NEL TERRITORIO ITALIANO INTERESSATI AD EFFETTUARE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Prot. 12 Roma, 8 febbraio 2010

Prot. 12 Roma, 8 febbraio 2010 Prot. 12 Roma, 8 febbraio 2010 Oggetto: Invito incontri territoriali in Lombardia. Progetto "OLTRE LA DISCRIMINAZIONE. Comunicazione sociale su minori immigrati e giustizia minorile Annualità 2008 - Fase

Dettagli

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA GUIDA PER OPERATORI SUL RVA Come informare, orientare ed accompagnare il migrante al Ritorno Volontario Assistito Az. 2.4. Progetto RIRVA A cura di Partnership RIRVA Consorzio Nazionale Idee in Rete, Consiglio

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a Settore Lavoro - Formazione

P r o v i n c i a d i P a d o v a Settore Lavoro - Formazione Sportello Informativo Regionale per gli emigrati e i loro discendenti: percorsi strutturati di inserimento lavorativo, formativo e di cooperazione a favore degli emigrati di ritorno La Provincia di Padova

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo e non richiedenti asilo: due sistemi di protezione convergenti?

Minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo e non richiedenti asilo: due sistemi di protezione convergenti? Minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo e non richiedenti asilo: due sistemi di protezione convergenti? Dott.ssa Francesca Biondi Dal Monte Pisa, 30 gennaio 2015 La tutela internazionale del

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

ASPES S.P.A. PROTOCOLLO D INTESA

ASPES S.P.A. PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREFETTURA DI PESARO E URBINO COMUNE DI PESARO PROVINCIA DI PESARO E URBINO DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO DI PESARO E URBINO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N. 1 ASPES S.P.A. SEGRETERIA

Dettagli

Il Sistema Con-Trat-To

Il Sistema Con-Trat-To Il Sistema Con-Trat-To (Contro la Tratta in Toscana) Un sistema regionale per il contrasto della tratta e del traffico di esseri umani Regione Toscana - Area di Coordinamento Politiche Sociali di tutela,

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

PROGRAMMI DI RITORNO VOLONTARIO DI PERSONE IMMIGRATE AI RISPETTIVI PAESI DI ORIGINE

PROGRAMMI DI RITORNO VOLONTARIO DI PERSONE IMMIGRATE AI RISPETTIVI PAESI DI ORIGINE PROGRAMMI DI RITORNO VOLONTARIO DI PERSONE IMMIGRATE AI RISPETTIVI PAESI DI ORIGINE SEMINARIO RETE RIRVA ROMA, 9 GIUGNO 2015 EVOLUZIONE Origine: 2003, attravreso Organizzazione Internazionale per le Migrazioni(OIM)

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

ORIENTAMENTI PER I MEDIA

ORIENTAMENTI PER I MEDIA Il Ritorno Volontario Assistito- RVA: ORIENTAMENTI PER I MEDIA ADDENDUM della Guida operatori sul RVA: Come informare, orientare ed accompagnare il migrante al Ritorno Volontario Assistito Az. 7. Progetto

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013 REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS Giugno 2013 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Poste Italiane S.p.A. (d ora innanzi indicata come POSTE ITALIANE) definisce la procedura di Conciliazione Business secondo

Dettagli

CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA

CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA PER LA GESTIONE DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGETTO FUORI DAL TUNNEL DESTINATO A CITTADINI IN

Dettagli

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI RESIDENTI NEI COMUNI DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI RESIDENTI NEI COMUNI DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE. Sede legale: via Jervis, 24-10015 Ivrea (TO) Tel. 0125-646111 Fax 0125-646190 consorzio@inrete.to.it C.F./P.IVA 07949370014 BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

Progetto RISC, rischi per l infanzia e soluzioni per contrastarlo

Progetto RISC, rischi per l infanzia e soluzioni per contrastarlo Progetto RISC, rischi per l infanzia e soluzioni per contrastarlo Regione Toscana Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Fondazione Emanuela Zancan di Padova Comune di Firenze, Società della Salute

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

erogati esclusivamente dai soggetti iscritti all elenco regionale Family Help pubblicato nei comuni della Regione Umbria

erogati esclusivamente dai soggetti iscritti all elenco regionale Family Help pubblicato nei comuni della Regione Umbria Allegato A DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI FAMILY HELP SERVIZI DI CURA E SOSTEGNO EDUCATIVO PER FAMIGLIE O DONNE MADRI SOLE FINALIZZATI AD AGEVOLARE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani : sono 147.130 i giovani che si sono registrati, 25.653 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 12.728 hanno già

Dettagli

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ.

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. SOGGETTO PROPONENTE/CAPOFILA: ITALIAINDUSTRIA s.r.l. SOGGETTI PARTNER ATTUATORI:

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

L'Accordo di Integrazione

L'Accordo di Integrazione di Guida introduttiva all'accordo di Integrazione L'Accordo di Integrazione In per cittadini extra-comunitari Testo elaborato da Cidis Onlus Grafica e illustrazioni Stella Basile Giugno 2013 Integrarsi

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 FINANZIATO SUL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DEI CITTADINI DI PAESI TERZI AVVISI REGIONALI 2007-2013 INFORMAZIONI GENERALI Soggetto capofila: Regione

Dettagli

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 12757 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 FEI 2013 Az. 9. Progetto COM.IN. 2.0 Competenze per l Integrazione. Presa d atto adesione al progetto e Convenzione di Sovvenzione tra il

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto VITA AL CUBO [3] Ambito/settore di intervento A01 SETTORE: ASSISTENZA AREA: ANZIANI Tipologia destinatari ANZIANI Giorni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA FORMATIVO DEL PROGETTO EUROPEO IPARTICIPATE DI GIOVANI CON BACKGROUND MIGRATORIO

AVVISO DI SELEZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA FORMATIVO DEL PROGETTO EUROPEO IPARTICIPATE DI GIOVANI CON BACKGROUND MIGRATORIO AVVISO DI SELEZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA FORMATIVO DEL PROGETTO EUROPEO IPARTICIPATE DI GIOVANI CON BACKGROUND MIGRATORIO La partecipazione attiva degli immigrati e soprattutto dei giovani

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia.

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia. Abstract Il dominante profilo umanitario, la assoluta grandezza dei numeri del fenomeno migratorio ed il considerevole impatto socio economico del sistema accoglienza dei richiedenti asilo giunti in Italia,

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

1 di 5 05/11/2015 16.42

1 di 5 05/11/2015 16.42 1 di 5 05/11/2015 16.42 Identificazione dell'ente/azienda Denominazione ente/azienda Nominativo Referente (Nome, Cognome) E-mail Ufficio Scolastico Regionale del Lazio Mariangela Caturano mariangela.caturano@istruzione.it

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI [da integrare a cura PdC] Vista la legge 6 marzo 2001, n. 64, recante istituzione del servizio civile nazionale,

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Per i diritti dei cittadini. una rete a sostegno dei più deboli

Per i diritti dei cittadini. una rete a sostegno dei più deboli Per i diritti dei cittadini una rete a sostegno dei più deboli Una rete per i diritti un servizio per i cittadini Cesvot e Difensore civico regionale hanno siglato nel 2011 un protocollo d intesa con l

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA sportelli orientati al segretariato sociale Presentazione a cura di Carlo Albanese 1 Obiettivi del progetto Rafforzare un servizio di segretariato sociale che mira

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli