Ȯ. 0;.". ~- '~ j'~ Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola. Documento Tecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ȯ. 0;.". ~- '~ j'~ Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola. Documento Tecnico"

Transcript

1 Ȯ. 0;.". ~- '~ j'~ Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola Per l'acquisizione dei servizi di noleggio a supporto delle attività di intercettazione di telecomunicazioni Premessa La Procura della Repubblica di Nola ha l'obiettivo di acquisire alcuni dei servizi necessari all'effettuazione delle operazioni di intercettazione di telecomunicazione con le modalità di cui al presente documento tecnico. Il Fornitore, sulla base del presente documento, dovrà presentare una offerta tecnica ed economica che descriva nel dettaglio le modalità e le caratteristiche dei servizi offerti, nonché le infrastrutture necessarie per la loro erogazione. L'offerta, ai fini di confronto, deve essere formulata in conformità all'indice riportato nel presente documento e costituirà la componente tecnica dell'offerta complessiva da sottoporre alla di questo ufficio. Definizioni e acronimi Nell'ambito del presente documento sono usati i seguenti termini ed acronimi: Amministrazione Ufficio PM PG GIP DM Operatore Contratto quadro Fornitore Operazione Intercettazione Amministrazione centrale della Giustizia Pubblico Ministero Polizia Giudiziaria Giudice per le Indagini Preliminari Decreto Ministeriale Operatore di telecomunicazioni cioè impresa autorizzata a fornire una rete pubblica di telecomunicazioni Contratto sulla base del quale sono erogati i semzl oggetto del presente capitolato Impresa fornitrice del servizio di intercettazione Operazione di intercettazione di telecomunicazioni; nel presente capitolato con il termine operazione si intende indicare la somma delle attività, realizzate nel periodo temporale stabilito dal decreto di intercettazione, necessarie a porre sotto controllo una utenza di telecomunicazioni ai fini di indagine. singola intercettazione e memorizzazione di una comunicazione e dei suoi dati esterni. ;,,~,~_~~4r~'-;< ~flij.~\i.i~~,

2 Ascolto Bersaglio Sale di ascolto C.I.T. Posto di Ascolto CC Dati esterni Listino Repertorio LAN, Local Area Network LAN remota ISDN ISDN/BRI ISDNIPRI operazione di ascolto e visualizzazione dei dati risultato di una operazione di intercettazione di telecomunicazione Utenza di telecomunicazione posta sotto intercettazione I locali della Procura in cui confluiscono i flussi informativi provenienti dagli operatori. Centro di Intercettazioni di telecomunicazioni, i locali destinati ad accogliere i sistemi informatizzati di intercettazione oggetto del presente capitolato e, di norma, comprendenti le sale di ascolto Postazione del sistema dedicata all'ascolto e visualizzazione dei dati risultato di una operazione di intercettazione Contenuto della Comunicazione Dati che caratterizzano ed individuano la comunicazione intercettata. Sono anche detti, con una terminologia più tecnica, dati correlati alla comunicazione decreto interministeriale del 26 aprile 2001, pubblicato sulla G. U. 7/5/2001, n. 104, è il listino con cui sono stabiliti i corrispettivi per le prestazioni obbligatorie per gli operatori di telecomunicazione sino all' approvazione del Repertorio tecnico, in via di definizione, in cui sono elencati gli obblighi e i corrispettivi per gli operatori di telecomunicazione così come previsto dal nuovo Codice delle Comunicazioni Apparati e collegamenti che realizzano una rete di comunicazione tra computers interna ad un edificio LAN interconnessa tramite apparati router con un'altra LAN tramite un collegamento geografico Integrated Services Digitai Network, rete basata su servizi trasmessivi digitali. Basic Rate Interface, connessione digitale basata su due canali B aventi capacità trasmissiva ciascuno di 64 Kbit/secondo e un canale D a 12 Kbits/secondo di segnalazione. PriInary Rate Interface, connessione digitale a 2 Megabit/secondo per la raccolta del traffico configurabile da un minimo di 15 canali B e un canale D di segnalazione ad un massimo di 30 canali B ed un canale D. Pagina 2 di 231

3 Ci Il servizio di intercettazione oggetto della presente riguarda i flussi informativi provenienti dai seguenti operatori: Telecom TIM Vodafone Omnitel Wind H3G (contenuto e dati esterni); (contenuto e dati esterni); (contenuto e dati esterni); (solo contenuto); (contenuto e dati esterni). E, sempre al momento, i seguenti servizi: telefonia fissa, telefonia mobile TACS, GSM, GPRS, UMTS, Decodifica traffico internet, decodifica servizio fax, servizi di invio messaggi di testo SMS, servizi di invio videomessaggi MMS; servizio di localizzazione I flussi informativi dei diversi operatori seguono diversi protocolli trasmissivi, (oggi proprietari di ognuno, ma tutti comunque assimilabili agli standard ETSI e saranno resi disponibili al Fornitore aggiudicatario della presente indagine. L'emanazione del Repertorio, potrà comportare la modifica dei protocolli attuali e l'introduzione di ulteriori rispettando l'aderenza agli standard ETSI. I protocolli, del tipo User to USer Tranfer Protocol (UUS TP), sono utilizzati per il trasferimento dei dati correlati alle chiamate dai dispositivi per le intercettazioni giudiziarie istallati presso gli operatori a quelli presenti presso gli Uffici (CIT). La figura seguente illustra lo scenario di riferimento nella distribuzione a scopo di giustizia. dei servizi di intercettazione Pagina 3 di 231

4 Acquisizione -.., dei servizi di noleggio a supporto delle attività di intercettazione di Rete Operatore IIF Dati Comunica zio INI Dominio dell'operatore Dati Amministrativi Dati Correlati IRI Contenuto Comunicazioni CC I\~~ Dominio dell'ag Hll : HI2... ). o. H13. LEMF LI handover interface IIF = intemal interception funetion 1NI = internai network interface Intercettazioni HIl = administrative information Hl2 = intercept related information [IRI] H13 = content of communication [CC] Giudiziarie Pagina 4 di 231

5 Oggetto della fornitura La fornitura consiste nella disponibilità dei seguenti servizi: 1. noleggio di apparati per l'intercettazione di telecomunicazioni locali e remote (In tale servizio è compresa la disponibilità dei posti di ascolto remoti dei router con cui effettuare il collegamento ed il collegamento stesso ma non la LAN remota. La tecnologia ISDN è il requisito tecnologico minimo per la realizzazione del collegamento) mediante l'installazione, la configurazione e le funzionalità di un sistema informatizzato di telecomunicazioni dimensionato secondo i criteri di cui al presente documento, rispondente ai requisiti funzionali, architetturali e di sicurezza di seguito riportati, in grado di erogare il servizio di intercettazione con i livelli di servizio richiesti; 2. formazione del personale che gestirà ed utilizzerà il sistema informatizzato 3. manutenzione correttiva, adattativa ed evolutiva del sistema 4. assistenza all'esercizio operativo del sistema 5. dismissione del sistema e la consegna della documentazione necessaria alla lettura dei dati dopo la fine del rapporto contrattuale. 6. Affiancamento al personale dell'ufficio, nella fase di avviamento, di personale tecnico del Fornitore da utilizzare limitatamente al monte di giorni/uomo richiesti. I costi delle linee ISDN e/o dati, necessarie al trasporto delle comunicazioni intercettate in locale ed in remoto, nonchè i loro dati esterni, fanno parte della presente fornitura. La LAN, necessaria alla connessione delle componenti del sistema informativo, è parte della presente fornitura. Sarà cura della ditta provvedere al cablaggio fisico ed alla interconnessione a livello di LAN tra i server e la/e sale di ascolto. Il servizio di intercettazione di telecomunicazioni mediante l'installazione, la configurazione e le funzionalità di un sistema informatizzato. Il servizio di intercettazione di telecomunicazione prevede la istallazione di un sistema nei locali del CIT individuati dall'ufficio di Procura; tutte le componenti del sistema dovranno essere esclusivamente installate nei predetti locali. Non è concesso che il sistema su cui si effettueranno le operazioni abbia elementi, sia hardware che software, collocati al di fuori degli spazi individuati dall'ufficio fatto salvo gli apparati di interconnessione e le postazioni di ascolto ubicati presso la sede remota Il sistema sarà quindi configurato nella sua funzionalità tecnica, dal Fornitore. Il Fornitore dovrà indicare, in fase di offerta, il numero massimo di postazioni di ascolto che il sistema potrà gestire senza riconfigurazioni o potenziamenti hardware. Inoltre il Fornitore dovrà indicare il numero massimo di postazioni ottenibili con una riconfigurazione o potenzi amento hardware del sistema. Il sistema informatizzato sarà installato presso il CIT della procura di Nola. Pagina 5 di 23 I

6 Specifiche funzionali Acquisizione dei sen;izi di noleggio a supporto delle attività di intercettazione di telecomunicazioni Le fasi esecutive, del processo di gestione di una operazione di intercettazione, da parte dell'ufficio di Procura (trascurando per mera necessità di sintesi la descrizione del processo di autorizzazione o convalida del Giudice in quanto ininfluente ai fini del presente documento), sono descritte nella figura che segue. Decreti di disposizione o di proroga per l'operazione Attivazione operazione o sua proroga Pubblico Ministero Personale dell'ufficio Si Registrazione ai fini contabili dell' esecuzione dell' operazione o della sua proroga Memorizzazione, ascolto e visualizzazione delle comunicazioni consegnate dagli operatori di telecomunicazione E' neccesario estendere il periodo di indagine? No Personale di Polizia Giudiziaria Chiusura di una operazione ed archi viazione delle comunicazioni dei dati memorizzati e Personale dell'ufficio Emissione riscontri contabili per la congruità delle fatturazioni Il sistema informatizzato, richiesto all'offerente, deve poter essere di supporto nelle differenti fasi e per i diversi fini rappresentati. L'emissione del decreto (di disposizione o proroga) è competenza del PM che, ottenuta l'autorizzazione o la successiva convalida del GIP, investe della sua esecuzione il personale Pagina 6 di 23 I

7 Amministrativo ed il personale di Polizia Giudiziaria delegata alle indagini. Il sistema informatizzato deve quindi disporre di funzioni che permettano la: o Gestione dell'operazione (per il personale Amministrativo addetto alla gestione operativa); o Gestione dell'indagine (per il personale della Polizia Giudiziaria delegato alle indagini); o Gestione amministrativa dei decreti (per il personale amministrativo addetto alla gestione contabile). Con un maggiore dettaglio le precedenti funzioni si realizzano con la composizione di ulteriori funzioni. Come requisito minimo esse sono: Gestione dell'operazione (per il personale Amministrativo addetto alla gestione operativa): o Attivare una operazione; o Controllare l'operazione (gestione richieste di attivazione, gestione scadenze e proroghe); o Chiudere una operazione; o Gestire la sicurezza e creare utenze (assegnare il decreto ad un gruppo di ascolto); o Produrre copie, anche parziali, per gli aventi diritto del1e informazioni risultato di una operazione identificando e tracciandone il destinatario; o Archiviare le informazioni ottenute al termine di una operazione (le informazioni risultato di una operazione devono essere archiviate su un supporto mentre i dati prodotti dai PG nel corso del1'indagine devono essere archiviati su un altro supporto); o Rispondere ad interrogazioni sul10 stato del1e operazioni, quali: o visualizzare il numero delle memorizzazioni effettuate, o visualizzare le memorizzazioni per periodo, o verificare quale sia il gruppo di ascolto della PG assegnatario, o verificare il numero del1e copie prodotte e il destinatario di tali copie; o Gestire e monitorare l'intero sistema, ovvero: o effettuare il monitoraggio sugli elementi architetturali del sistema e dei suoi coliegamenti per verificame efficienza, funzionalità e tasso di occupazione di banda; o effettuare il monitoraggio dei log di sistema per prevenire guasti o l'utilizzo non corretto del1e risorse del sistema; o salvare ed ordinare i files di log del sistema; o ripristinare il corretto stato del sistema dopo eventuali situazioni di cattivo funzionamento; o rilasciare nuove versioni del software di base o applicativo; Gestione dell 'indagine (per il personale del1a Polizia Giudiziaria delegato al1e indagini): o produrre le annotazioni relative al1e comunicazioni visionate o ascoltate (bozze di verbali o trascrizioni); o consultare le memorizzazioni, gestione annotazioni, visualizzazione di data e ora di ricezione, visualizzazione del tipo di comunicazione (voce, fax, SMS, etc. etc.); o ordinare le memorizzazioni secondo differenti criteri; o avvisare del1'inizio di una o più memorizzazioni; o cambiare a discrezione la comunicazione in ascolto con un'altra; o disporre di uno strumento di elaborazione dei files audio per migliorarne l'ascoltabilità tramite filtraggi fonici o equalizzazioni (la memorizzazione originale non deve essere però modificata); o mandare in stampa i dati di cui l'operatore ha diritto. Pagina 7 di 231

8 I o Per gli operatori di telefonia mobile il sistema deve visualizzare i seguenti dati (TACS; GSM; GPRS; UMTS): o Chiamato, o Chiamante, o Data e ora di inizio gglmmlaaaa/ hh/mm1ss, o Cella, direzione e coordinate del bersaglio, o Cella, direzione e coordinate dell'altro, o Centrale del bersaglio; o Centrale dell'altro; o Tracciamento del bersaglio; o Data e ora di fine ggimm/aaaa hh/mmlss; o Conferenza a tre; o Durata; o Numero IMEI; o Visualizzazione in chiaro degli SMS; o Visualizzazione in chiaro delle trasmissioni dati in GPRS e UMTS, o Visualizzazione in chiaro delle trasmissioni WAP ed Internet (GSM; GPRS; UMTS); o Numero IMPSI; o Visualizzazione in chiaro degli MMS (GSM; GPRS; UMTS); o Per gli operatori di telefonia fissa il sistema deve visualizzare i dati; o Chiamato; o Chiamante; o Data e ora di inizio gglmmlaaaa hh!mmlss; o Data e ora di fine gglmmlaaaa hh/mm1ss; o Durata; o Visualizzazione in chiaro degli SMS; o Nr. Telefonico della cabina pubblica; o Ubicazione fisica della cabina; o Nr. Della carta prepagata, carta di credito o equipollente; o Gestire la chiamata a tre; o Positioning della chiamata sulla base dei dati GPS/GSM forniti dall'operatore telefonico; o Analisi dei dati di traffico con possibilità di incrocio tra utenze diverse. Gestione amministrativa dei decreti (per il personale Amministrativo addetto alla gestione contabile). o Annotare i periodi di intercettazione per decreto (di esecuzione o proroga), per bersaglio e per tipologia di intercettazione al fine di contabilizzare gli impegni verso gli operatori e verso il Fornitore del sistema; o Consuntivare in funzione degli impegni contabilizzati, del Listino e del contratto quadro di fornitura del servizio, i corrispettivi al fine di fornire un supporto alla verifica di congruità con quelli richiesti dagli operatori e dal Fornitore del sistema. Il sistema, inoltre, deve soddisfare i seguenti requisiti: o consentire l'accesso agli utenti, sia amministrativi che di PG secondo i requisiti minimi di sicurezza di seguito riportati; o poter assegnare al personale di PG uno o più bersagli; o poter gestire la chiamata trattenuta; 1-. Pagina 8 di 231

9 indicare se un numero corrisponde ad un centro servizi;. o o salvare i pacchetti dati nel formato originale con cui sono consegnati; o riconoscere il caso di utilizzo di carte prepagate nazionali o internazionali; o riconoscere le comunicazioni DTMF; o riconoscere e gestire la fonia chiamante e la fonia chiamata su canali separati; o gestire correttamente la segnalazione del verso della chiamata; o permettere l'ascolto simultaneamente alla memorizzazione; o catturare e decodificare i fax; o catturare e decodificare il traffico internet; o implementare un meccanismo di protezione logica sul componente di mernorizzazione centralizzata delle informazioni intercettate atto a garantire l'integrità della stessa; o inserire propri originali; riferimenti temporali sulle memorizzazioni, senza alterare le informazioni o garantire nella fase di archiviazione su supporto la conformità e l'integrità della copia delle comunicazioni e dei loro dati esterni ricevuti dagli operatori con quelle presenti sulla componente di memorizzazione centralizzata meglio specificati nel seguito; o utilizzare un campionamento e codifica che non alteri la qualità della fonia; o permettere la classificazione delle telefonate per tipologia di importanza; o permettere di isolare conversazioni memorizzate o parti di esse e quindi memorizzarle su supporto esterno; o possedere un livello di affidabilità, mediante apposite ridondanze architetturali, che soddisfi elevati livelli di servizio, come nel seguito meglio descritto; o essere predisposto per l'archiviazione su più supporti di memorizzazione; o possedere una autonomia in caso di interruzione di energia elettrica (tramite Unit Power of Supply UPS) non inferiore a 20 minuti e tale da consentire la corretta chiusura del sistema. Specifiche architetturali L'architettura richiesta prevede un sistema accentrato di memorizzazione ed archiviazione. La struttura prevede una componente di memorizzazione ed archiviazione dei dati e delle fonie centralizzata che poi comunica attraverso una rete locale con un certo numero di posti di ascolto basati su personal computer. Sui personal computer saranno svolte le operazioni di ascolto ed analisi. Lo schema logico dell'architettura richiesta è riportato nel disegno che segue. Pagina 9 di 23 I

10 ISDN PROCURA interfaccia di telecomunicazione componente di memcrizzqzione centralizzata clelle infoffll(jzioni intercettate 10cal Area Netwark componente di post proce,;,;ing componente di memorizzazione dei dati risultata clelle attività clella P6 componente di memorizzazione dei archiviazione dati nece,;,;ari alle $U tiupporto clei dati - atti"jtà ammininratitle risultata dell 'operazione di intercettazione I I I I I I I con,;olle di gestione pustazioni di ascolto con,;olle onministrativa I ~ I I I I ROUTER I I I I I ROVTEI? ROUTE/l I r sala d'ascolto della PGesterne -~ -~ alla Procura ~- _Ir- (opziona/e) ~ -~ --- _Ie- r- e- - t--~ L-- -~ _Iposfazùmi di ascolta postaz fan; di ascolta (PoJjzia Giudiziaria) (Palizia Giudiziaria) Pagina lodi 23 I

11 Oltre alle funzionalità richieste per le singole componenti, di seguito dettagliate, il sistema deve essere configurato in modo tale che non sia possibile alcuna perdita di informazione. Ovvero le componenti devono essere dimensionate in modo tale che tutte le informazioni ricevute dal componente di interfaccia di telecomunicazione siano correttamente ed integralmente memorizzate nel componente di memorizzazione centralizzata delle informazioni intercettate. Interfaccia di telecomunicazione Il componente hardware e software di interfaccia di telecomunicazioni dovrà ricevere i contenuti della comunicazione intercettata ed i suoi dati esterni trasmessi dagli operatori sui collegamenti ISDN esistenti con gli stessi. Le informazioni ricevute da questo elemento saranno quindi relative sia alla parte contenuto della "comunicazione" intercettata che alla parte dati esterni la comunicazione (se trasmessi sui collegamenti ISDN) per la qualificazione dei partecipanti alla comunicazione o per la visualizzazione dei servizi supplementari attivati dal bersaglio. La comunicazione ed i dati esterni saranno decodificati e correlati dal componente di interfaccia rispettando le specifiche dei protocolli successivamente specificati. Componente di memorizzazione centralizzata delle informazioni intercettate. Il componente di memorizzazione centralizzata riceve dall'interfaccia di telecomunicazione e quindi memorizza tutte le informazioni ottenute nel corso di una operazione di intercettazione. Le funzioni di tale componente sono: o collocare nella specifica area di memoria tutte le comunicazioni intercettate ed i dati esterni delle stesse nell' ambito di una operazione; o garantire l'accesso in sola modalità consultazione, alle comunicazioni intercettate o ai dati esterni delle stesse, solo alle persone opportunamente autorizzate; o garantire, mediante meccanismi di protezione logica, l'integrità della memorizzazione delle comunicazioni intercettate e dei dati esterni delle stesse; o conservare le comunicazioni intercettate ed i dati esterni delle stesse con opportuni meccanismi che non consentano perdita di informazioni; o inoltrare alle postazioni di ascolto presenti in sala di ascolto in tempo reale le comunicazioni intercettate ed i loro dati esterni. Questa ultima funzione ha due possibili modalità di esecuzione: o non è presente in sala un PG autorizzato, ovvero per la comunicazione ed i dati esterni da inoltrare non è considerato necessario l'ascolto e la visualizzazione in tempo reale, in questo caso la comunicazione ed i dati esterni intercettati saranno semplicemente memorizzati sul componente di memorizzazione; o è presente in sala almeno un PG autorizzato alla sua ricezione e per l'intercettazione è considerato necessario l'ascolto e visualizzazione in tempo reale, in questo caso, la comunicazione ed i suoi relativi dati esterni, oltre ad essere memorizzati sul componente di memorizzazione, devono essere inoltrati alla (alle) postazioni di ascolto dove è presente il personale di PG in attesa. Componente di memorizzazione dei dati risultato delle attività della PG. In tale componente saranno memorizzati i dati prodotti dal personale di PG durante le indagini (ad esempio la bozza del verbale di intercettazione, trascrizioni parziali o appunti). Le funzioni di questo componente sono di garantire l'accesso in lettura e l'accesso in scrittura alle sole persone opportunamente autorizzate e la corretta conservazione dei dati in esso contenuti. I Pagina I I di 23 I

12 I o Componente di memorizzazione per i dati necessari alle attività Amministrative. I dati che saranno contenuti in questo componente sono: I. i dati che consentono l'attivazione di una operazione, la sua gestione e quindi la sua chiusura; 2. i dati necessari alla gestione contabile delle operazioni. Inoltre in questo elemento sono memorizzate le informazioni del Listino e i dati relativi al contratto di fornitura del sistema per permettere la contabilizzazione automatica (funzione del decreto, della durata e della tipologia del1'operazione) degli importi al fine di fornire supporto alla verifica di congruità con i corrispettivi richiesti dagli operatori e dal Fornitore del sistema. Componente di post processing. Un componente specializzato permette di elaborare i dati ottenuti come risultato di una intercettazione tramite decodifiche o filtraggi (ad esempio per le comunicazioni Fax o per comunicazioni particolarmente disturbate). Queste elaborazioni devono essere realizzate senza alterare il contenuto della comunicazione originale. Archiviazione su supporto esterno dei dati risultato dell'operazione di intercettazione. Al termine formale del1'operazione tutti i dati raccolti per essa saranno archiviati su un supporto esterno la cui integrità sia comunque assicurata, e cancellati dal sistema informatizzato. I dati prodotti dal personale di PG saranno archiviati, su loro richiesta, su analogo supporto distinto da quel10 in cui saranno archiviate le prove acquisite nel corso dell'operazione. Anche questi dati saranno completamente e definitivamente rimossi dal sistema. Postazioni di ascolto. La postazione di ascolto sarà disponibile agli operatori di PG per svolgere le attività connesse allo svolgimento delle operazioni. Le funzioni che dovrà supportare questo componente saranno le funzioni che abilitano lo svolgimento delle attività come l'ascolto e la visualizzazione, in tempo reale, dei dati provenienti dalle comunicazioni intercettate, la possibilità di recuperare dati relativi a comunicazioni intercettate in precedenza, la possibilità di redigere appunti ed operare trascrizioni in formato elettronico delle comunicazioni intercettate. Deve essere presente una funzione che permetta di associare tali informazioni a una o più comunicazioni intercettate. Consolle di Gestione. La Consolle di Gestione è sotto la responsabilità dell'ufficio e possiede le funzioni descritte in precedenza. In particolare si pone l'attenzione sulla funzione di sicurezza associata a questa consolle. Infatti con le configurazioni attuate da questa componente sono allocate risorse macchina e sono definiti i diritti di accesso ai dati ed alle funzioni per le persone chiamate ad operare. La Consolle di Gestione è installata presso i locali del CIT e non è remota rispetto al sistema. L'accesso alle funzioni della consol1e di Gestione deve avvenire tramite una procedura di autenticazione. Consolle Amministrativa. La consolle Amministrativa è sotto la responsabilità dell'ufficio ; per il suo tramite il personale dell 'Ufficio ha la possibilità di ottenere un consuntivo economico rispetto gli impegni che dovrà congruire agli Operatori ed al Fornitore. Con le funzioni di questa consolle saranno associati ai decreti i bersagli e la durata della loro intercettazione. Sarà poi possibile gestire le proroghe per singolo decreto o singolo bersaglio in modo tale da avere chiaro l'impegno economico complessivo 1 Pagina 12 di 231

13 che sarà fatturato dagli operatori e dal Fornitore del sistema per ogni decreto e per ogni bersaglio. Le informazioni così ottenute permetteranno una più semplice ed agevole attività di verifica e successiva evasione delle fatture ricevute dall'ufficio. Questo ufficio, in considerazione del rilevantissimo numero di bersagli, della delicatezza del servizio e dell' elevato grado di efficienza da assicurare Specifiche di sicurezza I dati trattati e le operazioni svolte nel settore delle intercettazioni di telecomunicazioni sono coperti da segreto istruttorio. Il grado di attenzione, con cui avvicinare la materia, deve essere tale da garantire che si mettano in atto tutte le misure di tutela al rispetto del segreto e dell'integrità dell'informazione. Il sistema oggetto della presente indagine non è deputato alla tenuta del registro modo 37, ovvero del registro riservato dove devono essere annotate le operazioni di intercettazione di telecomunicazione. Il Fornitore è tenuto a fornire il servizio in modo tale che si conformi, comunque, alle regole minime di sicurezza di seguito individuate: l. l'operatore non deve poter cancellare nessun dato volutamente o per errore prima della cessazione del servizio; 2. le postazioni utilizzate per l'intercettazione, laddove realizzate con PC commerciali, devono essere inibite all'uso delle periferiche (Floppy, CD-ROM, porte USB ecc.); l'unica postazione che può estrarre dati dal sistema deve essere quella di masterizzazione. 3. deve essere previsto un server NTP per la definizione esatta dell' orario di sistema; 4. il tempo massimo di trasmissione dei dati tra la sede remota e la sede master deve essere in "tempo reale", dove per "tempo reale" si intende un ritardo massimo di 5 secondi; ciò al fine di dimensionare opportunamente i canali trasmessi vi. Individuazione degli elementi costituenti il sistema informativo fornito Il Fornitore è tenuto a fornire nell'offerta un documento di configurazione contenente gli elementi hardware e software costituenti il sistema che si accinge a fornire. Il documento di configurazione conterrà informazioni atte a individuare e identificare in modo chiaro e definito i seguenti aspetti: o hardware: le apparecchiature informatiche necessarie al sistema e tutte le infrastrutture di comumcazlone; o software di base: i sistemi operativi, il software delle basi di dati, il software necessario al funzionamento dei servizi; o software applicativo: i programmi utilizzati dal personale del CIT per espletare le funzioni richieste o basi dati: i file in cui sono memorizzate le informazioni di pertinenza del CIT; o informazioni inerenti le modalità di comunicazione quali router, firewall, proxy; Pagina 13 di 231

14 Acquisizione :., dei servizi di noleggio a supporto delle attività di intercettazione di Elenco delle Apparecchiature Per ogni elemento del sistema informativo (postazioni di ascolto, consolle, server, etc) - devono essere indicate le informazioni riguardanti: o identificativo univoco; o tipo di elemento; o modello e caratteristiche hardware; o sistema operativo o qualunque altra informazione necessaria ad identificare lo specifico elemento tipico. Caratteristiche del sistema per il controllo degli accessi informatici Il sistema dovrà essere munito di una procedura di autenticazione che permetta di identificare gli utenti del sistema. Solo gli utenti identificati avranno accesso alle risorse del sistema. A tal fine dovrà essere possibile: o accedere alle risorse del sistema informativo tramite una procedura di autenticazione che permetta di ottenere uno specifico insieme di privilegi, detto "profilo"; o rispettare la regola del "minimo privilegio" nella definizione dei profili, ossia assegnare ad ogni profilo solo i privilegi strettamente indispensabili per svolgere i compiti assegnatigli; o definire a livello di sistema, a livello di DBMS ed a livello applicativo gruppi e utenti prevedendo che ad ogni gruppo corrisponda un solo profilo, mentre ad un utente possano essere associati più profili; o definire almeno un gruppo per amministratori, utenti interni (personale amministrativo) e utenti esterni (personale di PG) a livello sistema, almeno un gruppo per amministratori ed utenti al livello DBMS ed almeno un gruppo per ogni tipologia di utenza a livello applicativo, sia quindi per il personale di PG che per il personale amministrativo; o che le procedure di autenticazione non prevedano il passaggio della parola chiave in chiaro sulla rete. o In aggiunta all' autenticazione mediante profilo accedere alle postazioni mediante l'utilizzo di un sistema di smart-card. Il Fornitore deve rendere, inoltre, possibile al personale dell'ufficio di definire procedure per: o assegnare ad ogni utente del sistema il proprio identificativo e la propria parola chiave; o aggiornare la parole chiave; o aggiungere, disabilitare, o modificare i profili di gruppi o utenti. Caratteristiche del sistema abilitanti il suo monitoraggio Al fine di prevenire situazioni di mal funzionamento o di violazione di sicurezza del sistema, è necessario che lo stesso effettui il tracci amento di tutti i mal funzionamenti che si sono verificati sulle sue unità fisiche, anche se recuperati dal sistema, e tutti i tentativi di accesso effettuati, riusciti o falliti, a livello di sistema, di database management system ed applicativo. Il tracciamento relativo ai mal funzionamenti sarà gestito dal Fornitore mentre il tracciamento relativo ai tentativi di accesso, separatamente per quelli riusciti e per quelli falliti dovrà essere reso disponibile all'ufficio. Pagina 14 di 231

15 La formazione del personale dell'ufficio Il servizio di formazione ha lo scopo di illustrare le funzionalità e della PG e di renderlo in grado di operare in autonomia. del sistema al personale dell 'Ufficio Per questo servizio si devono prevedere differenti categorie di utenti e differenti modalità di erogazione. Gli utenti del servizio di formazione Gli utenti coinvolti nella formazione saranno personale dell'ufficio e personale di PG. Quindi il servizio di formazione deve prevedere la presenza di tre tipologie di discenti: l. Personale che deve possedere le competenze per la gestione operativa del sistema (consolle di gestione), nel numero di persone; 2. Personale che deve possedere le competenze per la gestione amministrativa delle operazioni (consolle amministrativa); nel numero di persone; 3. Personale che deve possedere le competenze per l'uso del sistema come mezzo per la realizzazione delle operazioni; nel numero di persone. Il personale da formare sarà indicato dall'ufficio; per la sua formazione deve essere formulato nell'offerta tecnica un piano di formazione con indicati i contenuti delle sessioni formative ed i relativi giorni previsti. Le sessioni formative saranno effettuate nella sede del CIT. La manutenzione del sistema I servizi di manutenzione presentati in questo paragrafo saranno attivi per tutto il periodo di vigenza contrattuale tra l'ufficio ed il Fornitore. In generale i servizi di manutenzione evolutiva, adattiva e correttiva saranno svolti in orari concordati con l'ufficio anche notturni, evitando di interrompere il regolare funzionamento del CIT. La manutenzione da remoto (con apparati o per il tramite di apparati al di fuori dell'ufficio) è vietata. Manutenzione evolutiva L'esecuzione di interventi di manutenzione evolutiva può dipendere da differenti esigenze, quali: o riconfigurazioni derivanti dalla necessità di aumentare le postazioni di ascolto; o riconfigurazioni derivanti da insufficienti livelli di servizio o da insufficienti livelli di affidabilità o insufficienti prestazioni; o nuovi servizi di telecomunicazioni o evoluzione degli esistenti; o modifica dei protocolli di telecomunicazione; o nuove funzionalità richieste dall'ufficio di Procura. Pagina 15 di 231

16 I Il Fornitore dovrà garantire che tutti gli interventi di manutenzione evolutiva, sia effettuati di iniziativa che su richiesta dell'ufficio, che comportino modifiche tecnologiche e/o funzionali avvengano senza modificare l'operatività del sistema e senza danneggiare i dati memorizzati nello stesso prima di tali interventi. Manutenzione ordinaria I servizi di manutenzione ordinaria comprendono la manutenzione adattativa e correttiva sono compresi nel servizio e sono erogati di iniziativa del Fornitore o su richiesta dell 'Ufficio. La manutenzione ordinaria è relativa all'aggiornamento dell 'hardware, del software di base e del software applicativo in modo che il sistema sia costantemente aggiornato e privo di errori e malfunzionamenti in tutte le sue componenti, ivi comprese le postazioni di ascolto. L'assistenza all'esercizio operativo del sistema (Help desk) Il Fornitore deve rendere disponibile un centro di assistenza telefonico indicato con il termine "Help desk" al quale l'ufficio possa segnalare guasti o mal funzionamenti e le relative richieste di intervento; tale servizio dovrà essere attivo per tutto il periodo di vigenza contrattuale tra l'ufficio ed il Fornitore. Il ServlZlO di "Help desk" darà risposta alle richieste di assistenza, inoltrate dal personale amministrativo o di Polizia Giudiziaria, attraverso l'intervento telefonico di personale specializzato. Tale personale risolverà, con indicazioni e suggerimenti, i problemi rappresentati dagli utenti quando possibile, altrimenti attiverà le procedure per determinare l'intervento "on site" mediante il personale addetto alla manutenzione. Non è consentito l'uso di strumenti di controllo da remoto delle postazioni di ascolto o di altri componenti del sistema. In particolare il servizio dovrà provvedere a: o accogliere e registrare le richieste di assistenza; o risolvere i problemi più ricorrenti, di non elevata complessità; o smistare a strutture di assistenza specifiche la risoluzione dei problemi non risolvibili; o chiudere l'intervento registrandone il risultato; o controllare i processi di risoluzione attivati e verificarne gli esiti; o rendicontare l'ufficio sullo stato dell'intervento; o analizzare le statistiche sugli interventi, al fine di identificare i fabbisogni e definire azioni di prevenzione dei problemi. La dismissione del sistema Tale evento si verifica alla fine dell'eventuale rapporto contrattuale tra il Fornitore e questa Procura. Quindici (15) giorni lavorativi precedenti la data del termine per il rapporto contrattuale il Fornitore è tenuto a comunicare ali 'Ufficio la sua disponibilità a rimuovere il sistema. Ottenuta l'autorizzazione a procedere il Fornitore attenderà la chiusura di tutte le operazioni attive sul sistema I Pagina 16 di 231

17 O.. Acquisizione dei servizi di noleggio a supporto delle attività di intercettazione di I. alla data di comunicazione e l'archiviazione su supporto di tutti i dati presenti sul sistema; quindi, procederà alla distruzione di ogni elemento o dato informatico presente nel sistema. Al termine del contratto quadro, ovvero dell'ultima archiviazione, rimuoverà il sistema dai locali messi a disposizione dall'ufficio e riconsegnerà gli stessi nello stato in cui sono stati ricevuti. Il Fornitore permetterà ali 'Ufficio prima della rimozione la completa ispezione del sistema per verificare che ogni elemento o dato informativo presente sullo stesso sia stato distrutto.. Ogni spesa di imballaggio, trasporto o spedizione conseguente alla rimozione è a carico del Fornitore. Affiancamento al personale dell'ufficio Il Fornitore dovrà rendere disponibile su richiesta dell'ufficio proprio personale tecnico affinché il personale amministrativo dell'ufficio sia affiancato, nella conduzione della consolle di gestione e della consolle amministrativa Remotizzazione dell'ascolto Il Fornitore, laddove richiesto dall'ufficio, collegherà la LAN del sistema informatizzato, tramite router, alla LAN presente nella sala di ascolto della PG remota. Pagina 17 di 231 I

18 Manutenzione evolutiva Gli interventi di manutenzione evolutiva saranno eseguiti su iniziativa del Fornitore, in relazione ad esigenze rilevate dallo stesso, o su richiesta dell'ufficio. Gli interventi di manutenzione devono essere eseguiti senza fermo del sistema, e la loro pianificazione temporale, in merito alla loro durata ed al loro momento di esecuzione, deve essere sottoposta alla approvazione dell'ufficio. Tutti gli intereventi effettuati dovranno risultare da un apposito verbale firmato dal Responsabile di progetto del Fornitore e dal Referente dell'ufficio. Tutti gli interventi che implicano una modifica della configurazione (hardware o software) del sistema devono essere completati, entro venti giorni lavorativi dal termine degli stessi, allineando la documentazione in possesso dell 'Ufficio. Manutenzione ordinaria Per quanto riguarda la manutenzione adattativa e correttiva le stesse sono attuate su segnalazione dell'ufficio all'help desk o su iniziativa del Fornitore, per intervenire con aggiornamenti al software di base o su anomalie non bloccanti, ovvero, su richiesta dell'ufficio a fronte di malfunzionamenti bloccanti l'attività di intercettazione. L'assistenza all'utilizzo operativo del servizio (Help desk) Il servizio dovrà essere attivo tramite risposta telefonica dal lunedì al sabato non festivi dalle ore 8.00 alle ore Per erogare il servizio il Fornitore provvederà ad attivare un numero telefonico. Oltre tale orario dovrà essere attiva una casella di posta elettronica, un fax ed una segreteria telefonica per ricevere le richieste di assistenza. Il servizio è attivato da una richiesta di assistenza da parte di un Ufficio. L'Help desk eroga una funzione di assistenza di primo livello che può risolvere direttamente il problema, se in grado di farlo, rigettare la richiesta in quanto non di sua competenza o provvedere a smistare la richiesta alle altre strutture di assistenza del Fornitore disponibili. In ogni caso l'help desk deve aprire formalmente una richiesta di intervento che chiuderà quando l'intervento sarà completato con la avvenuta soddisfazione della richiesta. Affiancamento al personale dell'ufficio L'Ufficio potrà decidere di avvalersi delle giornate uomo quotate dal Fornitore in sede di offerta per il periodo di tempo che riterrà necessario sino ad esaurimento del montante che avrà contrattualizzato. Con l'espressione giornate uomo si considerano otto ore di lavoro anche non consecutive ed anche utilizzate in giorni diversi. Pagina 18 di 231

19 -.. Ci L'affiancamento verrà utilizzato durante l'orario e giorni festivi compresi e dovrà essere garantita una reperibilità telefonica nelle ore restanti. Il Fornitore espleterà questo servizio fornendo sue risorse specializzate, per le mansioni previste, che nella loro attività saranno tenute al rispetto delle disposizioni emanate dall'ufficio. Qualora le risorse fomite non risultassero idonee allo svolgimento delle mansioni richieste l'ufficio potrà richiederne la sostituzione che, in questa eventualità, dovrà avvenire entro 5 giorni lavorativi dalla medesima. Remotizzazione dell'ascolto Il Fornitore, se richiesto, dovrà collegare il sistema con le postazioni di ascolto della Polizia Giudiziaria. Tale collegamento sarà realizzato a cura del Fornitore con appositi routers. Il Fornitore sarà tenuto, altresì, ad installare le postazioni di ascolto remote sulle LAN presenti nei locali che gli verranno messi a disposizione. In considerazione della delicatezza delle intercettazioni trattate, del numero elevato, del numero significativo di postazioni di ascolto remotizzate, questo ufficio darà particolare importanza all'utilizzo di canali di comunicazione sicuri e dedicati al servizio, in luogo di canali commutati o di altra tipologia. Parametri dimensionali Il Fornitore è tenuto a dimensionare il Sistema offerto sulla base dei seguenti parametri dimensionali dell'ufficio. l. Componente interfaccia di telecomunìcazioni: deve essere in grado di gestire, senza perdita di informazioni, fino a flussi PRI ognuno da 32 canali a 64 Kbit al momento della consegna,.fino a flussi PRI ognuno da 32 canali a 64 Kbit senza riconfigurazione, fino a _ flussi PRI ognuno da 32 canali a 64 Kbit con riconfigurazione, decodificare i protocolli trasmissivi e consegnare la comunicazione ed i dati esterni alla stessa al componente di memorizzazione accertato in tempo reale 2. Componenti di memorizzazione accentrata: devono essere in grado di gestire almeno sino a: _ profili diversi decreti di intercettazione bersagli diversi --- ore di comunicazione 3. Numero di bersagli al giorno: deve essere possibile intercettare giornalmente sino a bersagli 4. Numero di posti di ascolto: il sistema deve essere in grado di gestire sino a: posti al momento della consegna posti senza riconfigurazione posti con riconfigurazione 5. Numero di stampanti di rete: devono essere installate fino ad un massimo di n. stampanti Pagina 19 di 23 I

20 et 6. Numero di unità di masterizzazione: devono essere installate fino ad un massimo di n. postazioni di masterizzazione. 7. Montante massimo di giorni/uomo richiesti per l'assistenza specialistica in fase di avvio del servizio di intercettazione di telecomunicazioni: 8. Numero di posti di ascolto remoti: sedi Pagina 20 di 231

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Condizioni Generali di Fornitura dell Assistenza al Software Gestionale

Condizioni Generali di Fornitura dell Assistenza al Software Gestionale Condizioni Generali di Fornitura dell Assistenza al Software Gestionale 1. NATURA DEI SERVIZI 1.1 AGGIORNAMENTO GRATUITO del Programma Gestionale fornito da MACRO Srl, relativamente alle nuove versioni

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA XVI LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA

REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA XVI LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA XVI LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA PASSIVA SECONDO NORMA DI LEGGE

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è il servizio di posta elettronica con valore legale realizzato da InfoCamere. Esso consente al Cliente di disporre di

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 1 Oggetto della fornitura Il presente Capitolato ha per

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00 Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Ver. 1.00 20 Ottobre 1998 InfoCamere S.C.p.A. Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Indice 1. Introduzione...3 2. Principi

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese MODALITA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE Approvato con delib. G.C. n. 9 del 21.01.2006 - esecutiva Per l utilizzo corretto del sistema informatico,

Dettagli

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA Convenzione fra il Comune di MONASTIER DI TREVISO e la Sezione di Polizia Giudiziaria della PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO il TRIBUNALE di Treviso per l accesso in consultazione alla banca dati anagrafica

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI POLISWEB Specifiche tecniche Versione 4.1

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5 Gentile Cliente, la presente comunicazione ha lo scopo di illustrare i servizi compresi nel contratto che prevede la fornitura di aggiornamenti e assistenza sui prodotti software distribuiti da Sinergica

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA CAPITOLATO TECNICO Oggetto: FORNITURA DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE A NORMA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PRODOTTI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA 1. OGGETTO DELLA FORNITURA Oggetto

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER GENERALITA Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) per far fronte alle diverse ed aumentate necessità derivanti dal nuovo quadro normativo per

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2009

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2009 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2009 UNITA COMPLESSA PER IL SISTEMA INFORMATIVO 127 SOMMARIO Scheda 1 GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO... 2 Scheda 2 MANUTENZIONE

Dettagli

Pubblicazione informazioni integrative e correttive

Pubblicazione informazioni integrative e correttive Gara per la fornitura dei servizi di assistenza tecnica e manutenzione per i sistemi dipartimentali e per gli impianti LAN ubicati presso gli uffici centrali e periferici della Regione Basilicata. CIG:

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che cos è? La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica (che utilizza i protocolli standard della posta elettronica tradizionale) mediante il quale al mittente viene fornita,

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Comune di Nola Provincia di Napoli Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Sommario 1. Oggetto... 2 2. Modalità di utilizzo delle postazioni di lavoro...

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI. ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC

C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI. ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC allegato B C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC DISCIPLINARE TECNICO Per l espletamento del Servizio di assistenza alla rete informatica Comunale

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Ing. Stefano Serra E-MAIL: stefano.serra@asppalermo.org 1 Informazioni sul documento

Dettagli

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio FatturaPA Fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione Allegato Tecnico al Contratto di Servizio Allegato Tecnico al Contratto di Servizio fattura PA Versione gennaio 20145 Pagina 1 di 7

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO Guida all uso www.accessogiustizia.it Servizio PCT PROCESSO CIVILE TELEMATICO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche, con servizi

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSA ART. 1 Caratteri generali Il presente regolamento viene emanato in base al provvedimento

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE - Febbraio 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi, Sistema Informativo

Dettagli

GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1

GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1 GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI DI PROTOCOLLO

Dettagli

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA NOMINA E LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI SISTEMA E GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI OSSERVANZA DELLE MISURE DI SICUREZZA PRIVACY 1 ARTICOLO 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA D.M. 27 aprile 2009 Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 11 maggio 2009, n. 107. IL MINISTRO DELLA

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA CAPITOLATO D APPALTO PER L AGGIORNAMENTO, LA MANUTENZIONE, L HOSTING, LA GESTIONE DELLE STATISTICHE E L INTRODUZIONE DI NUOVE FUNZIONALITA DEL SITO INTERNET DEL COMUNE DI TREZZO

Dettagli

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati.

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati. LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete I dispositivi utilizzati I servizi offerti LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Copyright

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ARTICOLO 1 OGGETTO DEL CONTRATTO

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ARTICOLO 1 OGGETTO DEL CONTRATTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio I.P.S.S.S. Edmondo De Amicis Sede Centrale: Via Galvani, 6 00153 Roma 065750889/559-065759838 www.edeamicis.com

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CS072-ST-01 0 09/01/2006 Implementazione CODICE REV. DATA MODIFICA VERIFICATO RT APPROVATO AMM Pagina

Dettagli

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL'ENTE

Dettagli

Contratto Assistenza Hardware - Software

Contratto Assistenza Hardware - Software Rimini, 2015. PARTNER E CERTIFICAZIONE: Computer NEXT Solutions S.r.l. Sede amministrativa = Via Emilia Vecchia 75 - CAP 47922 Rimini (RN) Sede legale = Via Don Minzoni 64, CAP 47822, Santarcangelo di

Dettagli

SecurityLogWatcher Vers.1.0

SecurityLogWatcher Vers.1.0 SecurityLogWatcher Vers.1.0 1 Indice Informazioni Generali... 3 Introduzione... 3 Informazioni in materia di amministratore di sistema... 3 Informazioni sul prodotto... 5 Installazione e disinstallazione...

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI NORME PER L UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE Assessore: Cosimo Durante Responsabile del Servizio: Luigi Tundo Ottobre 2001 1 INDICE DEI CONTENUTI

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Introduzione Per sicurezza in ambito ICT si intende: Disponibilità dei servizi Prevenire la perdita delle informazioni Evitare il furto delle informazioni

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE C.I.S.A.P. CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA Comuni di Collegno e Grugliasco DETERMINAZIONE N 166/2014 DEL 30/12/2014 ORIGINALE Oggetto: affidamento servizio di assistenza e manutenzione

Dettagli

Servizi offerti dal sito

Servizi offerti dal sito Roma In Catering rispetta la privacy degli utenti dei suoi servizi on line ed assicura che il trattamento dei dati raccolti avverrà nel pieno rispetto del D.Lgs. numero 196/03 (Codice in materia di protezione

Dettagli

Assistenza On Line - Guida breve

Assistenza On Line - Guida breve 07/05/2015 Il Servizio AOL Assistenza On Line - Guida breve Servizio di assistenza ARCHIMEDIA SISTEMI SRL Sommario 1. CHE COS E il SISTEMA AOL... 3 2. COME FUNZIONA AOL... 3 3. PERCHE ARCHIMEDIA HA DECISO

Dettagli

Turbodoc. Archiviazione Ottica Integrata

Turbodoc. Archiviazione Ottica Integrata Turbodoc Archiviazione Ottica Integrata Archiviazione Ottica... 3 Un nuovo modo di archiviare documenti, dei e immagini... 3 I moduli di TURBODOC... 4 Creazione dell armadio virtuale... 5 Creazione della

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

SUITE SISTEMI. la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi. White Paper

SUITE SISTEMI. la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi. White Paper SUITE SISTEMI la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi White Paper Introduzione Suite Sistemi è un pacchetto di soluzioni per la gestione di tutte le attività che coinvolgono l ufficio

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell ULSS

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Copia CITTÀ DI ALTAMURA Provincia di Bari 5 SETTORE: VIGILANZA E SERVIZI SERVIZIO VIGILI URBANI N. 799 del registro delle determinazioni del 04/08/2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Oggetto: ACQUISTO SUL

Dettagli

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da in qualità di, nato a e residente in via a questo atto autorizzato con PREMESSO CHE

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da in qualità di, nato a e residente in via a questo atto autorizzato con PREMESSO CHE CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI LIVORNO E (PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, GESTORI E CONCESSIONARI DI PUBBLICI SERVIZI, ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO ED ENTI CHE SVOLGONO SERVIZI RILEVANTI PER I CITTADINI) PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI PREMESSA La progressiva diffusione delle nuove tecnologie ICT ed in particolare l utilizzo della posta elettronica ed il libero

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite

POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite Sommario POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite... 1 L'architettura del sistema Polisweb nazionale e il Polisweb PCT... 2 I punti di Accesso...

Dettagli

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione PRIVACY La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano. Si tratta

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. 22/15

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. 22/15 Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. 22/15 contenente disposizioni inerenti alla prova valutativa a norma dall art. 128-novies,

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata

Università degli Studi della Basilicata Università degli Studi della Basilicata SERVIZIO DI ASSISTENZA MANUTENTIVA E GESTIONE TECNICA E SISTEMISTICA DEI SISTEMI COSTITUENTI LA RETE DI TELEFONIA DELL'UNIVERSITA' CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

Dettagli

Decreto Ministero dell Economia e delle Finanze 4 agosto 2015, in GU 10 agosto 2015, n. 184

Decreto Ministero dell Economia e delle Finanze 4 agosto 2015, in GU 10 agosto 2015, n. 184 1 Specifiche tecniche previste dall articolo 3, comma 3, del regolamento recante la disciplina dell uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario in attuazione delle disposizioni contenute

Dettagli

Regolamento relativo all'accesso, uso e gestione della Rete Informatica del Comune di CAVERNAGO

Regolamento relativo all'accesso, uso e gestione della Rete Informatica del Comune di CAVERNAGO Regolamento relativo all'accesso, uso e gestione della Rete Informatica del Comune di CAVERNAGO Deliberazione di giunta Comunale del 02-04-2015 Pagina 1 di 10 ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Il

Dettagli

EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico

EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico Il Punto d accesso viene definito dalla normativa sul Processo Telematico (D.M.Giustizia 21/2/2011 n. 44 e ss. mm. ii.) come struttura tecnologica-organizzativa

Dettagli

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato.

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato. Disclaimer L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito l Utente ), del contenuto del presente Disclaimer.

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA N.B.: i collegamenti agli indirizzi web riportati nel testo e alla Presentazione Fatturazione Elettronica Armando Giudici Dylog - Buffetti sono richiamabili cliccandoli col pulsante sinistro del mouse.

Dettagli

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA 1 INTRODUZIONE Il presente disciplinare interno sostituisce il precedente Regolamento Aziendale Utilizzo Internet e recepisce le indicazioni

Dettagli

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Estratto da "http://areatlc.uniroma3.it/" - Ultima modifica: 1 gennaio 2011. Indice 1 Obiettivo e ambito di applicazione 2 ACCESSO E UTILIZZO

Dettagli

RicohPA Allegato Tecnico

RicohPA Allegato Tecnico RicohPA Allegato Tecnico Indice 1. Introduzione... 2 2. Riferimenti Normativi... 3 3. Il Servizio RicohPA... 4 4. Caratteristiche Soluzione RICOH P.A.... 10 5. Livelli di servizio (S.L.A.)... 11 6. Il

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 Sommario 1 Introduzione 2 Servizi offerti 2.1 Servizio di terminazione sulla rete mobile 2.2 Servizi finalizzati

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale SEZIONE A TRATTAMENTO DI DATI CON L AUSILIO DI STRUMENTI INFORMATICI Al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati personali, sensibili

Dettagli

Fatturazione per la PA Guida pratica per iniziare

Fatturazione per la PA Guida pratica per iniziare Fatturazione per la PA Guida pratica per iniziare Versione 2.0 (agosto 2015) 1 Sommario... 3 2 Accedere al servizio... 4 3 Creare una nuova anagrafica... 6 4 Creazione di una fattura PA... 13 5 Firmare

Dettagli

Pertanto, la riga della tabella riportata all interno dell Allegato 2 Offerta Tecnica e sottoriportata:

Pertanto, la riga della tabella riportata all interno dell Allegato 2 Offerta Tecnica e sottoriportata: Oggetto: Gara a procedura aperta per l affidamento della fornitura in noleggio e manutenzione fullrisk del sistema informativo e telefonico del servizio di emergenza urgenza sanitaria territoriale 118

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA (Provincia di Siracusa)

COMUNE DI FLORIDIA (Provincia di Siracusa) COMUNE DI FLORIDIA (Provincia di Siracusa) SERVIZIO INFORMATICO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE RISORSE DI RETE INFORMATICA 1 INDICE PREMESSA Art. 1 - DEFINIZIONI...3 Art. 2 FUNZIONI

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione SOFTWARE PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO DEGLI AUSILI TERAPEUTICI 1. INFRASTRUTTURA... 2 2. CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE... 2 3. ELABORAZIONI... 3 4. TEMPI

Dettagli

Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità

Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità IL DIRETTORE GENERALE Davide Bergamini Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità Art. 1 Caratteristiche del Servizio e finalità 1. il Servizio di telefonia

Dettagli

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 Disciplinare per l utilizzo della posta elettronica e di Internet. LA GIUNTA REGIONALE Visto l

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 Premessa:: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE DEI DOCUMENTI TRASMESSI.

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli