Guida alla protezione della proprietà intellettuale nel settore tessile in Cina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla protezione della proprietà intellettuale nel settore tessile in Cina"

Transcript

1 Guida alla protezione della proprietà intellettuale nel settore tessile in Cina Introduzione L industria tessile cinese costituisce nel medesimo tempo sia un opportunità sia una minaccia per le imprese europee. Si tratta di un mercato importante per quelle imprese che forniscono tecnologie di produzione e di un polo fondamentale per la manifattura di tessili e prodotti finiti. Le tecnologie e i marchi stranieri che non vengono adeguatamente protetti, cadono però spesso vittima di contraffazioni da parte dei concorrenti cinesi. Questa guida affronta le problematiche concernenti la proprietà intellettuale attraversando svariate branche del settore tessile, tra cui l industria dei macchinari, quella dei filati e dei tessuti speciali, il comparto dei tessuti finiti e quello dei capi di abbigliamento ed accessori di marca. Verranno discussi gli aspetti più rilevanti di questa tematica in relazione ai suddetti settori ed anche alcune problematiche specifiche che affliggono i produttori di abbigliamento ed accessori firmati. Le categorie di proprietà intellettuale che più comunemente s incontrano nel settore tessile sono: Brevetti Marchi Copyright Trasferimenti di tecnologia Segreti commerciali Brevetti I brevetti devono essere registrati in Cina: un diritto di brevetto registrato all estero non può, infatti, essere fatto valere in questo Paese. La Cina applica ai brevetti il requisito della novità assoluta, ciò significa che il prodotto o l invenzione brevettata non dovrebbe essere stato/a reso/a accessibile al pubblico in nessuna altra parte del mondo prima del deposito della domanda di brevetto, in alcuni paesi si applica un termine convenzionale di dodici mesi. Le domande di rilascio possono essere depositate direttamente in Cina oppure nelle modalità previste dalla cooperazione internazionale in materia di brevetti. L esame di una domanda di brevettazione può durare approssimativamente dai 24 ai 36 mesi ed il rilascio del brevetto può richiedere sino a cinque anni. Oltre ai brevetti per invenzione la Cina riconosce anche i brevetti per modelli di utilità e quelli per disegni e modelli ornamentali. Il rilascio di tali categorie di brevetto non è condizionato ad un esame di merito e, se la domanda appare formalmente corretta, questi vengono rilasciati automaticamente. I modelli di utilità tutelano le invenzioni minori, che potrebbero non avere un sufficiente carattere innovativo per essere protette da un brevetto. Generalmente sono rilasciati entro 12 mesi dalla domanda e durano per dieci anni. I modelli e disegni ornamentali coprono l aspetto esteriore ed ornamentale dei prodotti. Come i modelli di utilità, anche questi vengono rilasciati in un termine tra gli otto ed i dieci mesi dal deposito della domanda ed hanno durata decennale. È importante rilevare che il procedimento per proteggere i disegni ornamentali in Cina è differente da quello europeo, nel quale i disegni sono coperti da un diritto di esclusiva. In Cina i disegni sono meglio protetti dai brevetti per modelli o disegni ornamentali e, in alcuni casi, dal copyright. I macchinari tessili I diritti di brevetto hanno validità unicamente nei paesi in cui sono stati registrati e, di conseguenza, solo i brevetti registrati in Cina possono essere fatti valere in questo paese. Le imprese che producono macchinari tessili sono solite depositare le domande di brevetto in Cina, non solo perché si tratta di un mercato per la vendita di tali prodotti, ma

2 anche per proteggersi da potenziali contraffattori che producono tecnologie per l esportazione verso mercati al di fuori della Cina. I concorrenti spesso copiano il design, la forma e le componenti dei macchinari inducendo in errore gli acquirenti che ritengono che tali attrezzature abbiano le medesime funzioni o qualità dell originale, comportando spesso una perdita di mercato per il produttore europeo. Filati e tessuti speciali Per difendersi dai concorrenti cinesi che potrebbero copiare tali tecnologie ed esportarle verso altri paesi, i produttori di filati e tessuti speciali dovrebbero assicurarsi che ciascun brevetto ottenuto per ognuno dei propri prodotti sia registrato anche in Cina. Quando possibile, i produttori dovrebbero svolgere le diverse fasi produttive in località differenti, così da ridurre il rischio che l intero procedimento venga rivelato. I fornitori di filati e tessuti speciali dovrebbero inoltre accertare che i termini contrattuali delle proprie licenze disciplinino in modo chiaro l utilizzo di marchi e brevetti da parte dei produttori finali, e vigilare sulle possibili contraffazioni da parte dei produttori concorrenti o degli utilizzatori finali dei tessuti che potrebbero dichiarare in modo mendace che i propri prodotti incorporano tali materiali. Prodotti finiti L aspetto degli abiti può essere protetto attraverso un brevetto per modello o disegno ornamentale. Dal 1 ottobre 2009, la legge cinese sui brevetti ha autorizzato i designer a registrare uno o più disegni similari (fino ad un massimo di 10) per il medesimo prodotto all interno di un unica domanda. Non è invece possibile presentare un'unica domanda per modelli differenti, ciò rende questa strada impraticabile per i designer che hanno generalmente un ampio ricambio di nuovi disegni. Il procedimento di brevettazione di un disegno o modello ornamentale richiede dagli otto ai dieci mesi, si tratta di un periodo spesso troppo lungo per tutelare disegni caratterizzati da una stagionalità molto breve. Il vantaggio di un brevetto per modello o disegno ornamentale è che lo stesso è relativamente facile da far valere, e che la semplice titolarità dello stesso potrebbe fungere da deterrente per i potenziali contraffattori. Per maggiori informazioni sui brevetti in Cina, v invitiamo a fare riferimento alla Guida alla protezione dei marchi e dei brevetti in Cina dell Helpdesk. Marchi I marchi registrati forniscono protezione dall opposizione di un marchio identico o similare. Il sistema cinese si basa sul principio del deposito precedente, ciò significa che le imprese potrebbero perdere la protezione giuridica in Cina e correre il rischio di violare un diritto di marchio altrui se il medesimo od un marchio similare fossero già stati precedentemente registrati in Cina da qualcun altro. Attualmente l iter per il riconoscimento di un marchio in Cina, dalla domanda alla registrazione, dura dai due ai tre anni, a condizione che non venga presentata alcuna opposizione in seguito alla pubblicazione. A causa del principio del deposito precedente, è abbastanza comune che soggetti senza scrupoli si trovino a registrare per primi marchi altrui. Il procedimento necessario per far cancellare, opporsi o ricomprare un marchio che è già stato registrato può rivelarsi difficile e dispendioso. Non è raro che agenti d importazione o distributori registrino marchi in nome e per conto proprio. In questi casi è raccomandabile verificare che il marchio venga effettivamente registrato in nome del titolare oppure sia successivamente trasferito a suo nome, al fine di evitare future controversie.

3 Oltre a registrare il marchio nella lingua originale, è consigliabile provvedere anche alla registrazione di un marchio distintivo in lingua cinese, anche se non si tratta di quello usato in via principale. In mancanza di un marchio cinese ben pubblicizzato il mercato potrebbe creare un nomignolo cinese per un prodotto, il quale potrebbe essere registrato da soggetti in mala fede con l obiettivo di sfruttare la reputazione del vostro marchio. La tutela dei marchi I casi di contraffazione di un marchio possono essere affrontati con un azione amministrativa di fronte all Administration for Industry and Commerce (AIC) oppure in sede di contenzioso civile. Esistono inoltre sanzioni penali per i casi di contraffazione di un marchio, sebbene si applichino unicamente in presenza di una riproduzione esatta del marchio oppure di una contraffazione su vasta scala. Macchinari tessili Nonostante sia piuttosto raro incappare in macchinari completamente contraffatti, è possibile che la contraffazione riguardi i soli pezzi di ricambio. Se i pezzi di ricambio o gli imballaggi della vostra azienda portano il vostro marchio, è importante che questo sia registrato in Cina il prima possibile. In Cina non esiste un registro nazionale delle ragioni sociali. Le denominazioni sociali vengono registrate a livello locale, all interno di un distretto. Non è raro incappare in distributori od agenti che offrono il servizio di manutenzione di macchinari od attrezzature di marca, utilizzando tale marchio come denominazione sociale registrata senza autorizzazione. Le ragioni sociali in conflitto con marchi antecedentemente registrati possono essere cancellate. È importante provvedere alla registrazione dei marchi anche quando ci si limita a produrre in Cina, senza vendere i propri prodotti nel Paese. Filati e tessuti speciali È necessario registrare i propri marchi anche quando ci si limita a produrre in Cina, senza vendere i propri prodotti nel Paese. La giurisdizione cinese è basata sul principio del deposito precedente. Di conseguenza, i produttori di filati o tessuti che siano titolari di marchi famosi dovrebbero registrare nomi ed i loghi che li caratterizzano in Cina il più presto possibile, così da tutelare il proprio marchio. Tessuti finiti Il disegno di un tessuto può essere tutelato come marchio se ha assunto carattere distintivo attraverso un uso prolungato nel tempo (il disegno scozzese di Burberry, per esempio, è un marchio registrato in Cina). Questi esempi sono tuttavia rari e la protezione di disegni come marchi è poco comune. Per maggiori informazioni sui marchi in Cina, vi invitiamo a fare riferimento alla Guida sulla protezione dei marchi e dei brevetti in Cina dell Helpdesk. Copyrights Nonostante la Cina preveda anche la possibilità di una registrazione volontaria, il diritto d autore è riconosciuto automaticamente al titolare dello stesso. La registrazione del copyright ha valore probatorio della titolarità del diritto nell eventualità in cui si intenda farlo valere nei confronti di un contraffattore, semplificando nettamente la predisposizione degli elementi probatori. Il diritto d autore può essere tutelato per via amministrativa attraverso la National Copyright Administration, anche se le autorità amministrative locali tendono a focalizzarsi sulla lotta alla pirateria di software ed altri prodotti multimediali. Quando la contraffazione non è di tipo letterale (cioè non si tratta di una riproduzione esatta), è consigliabile intentare un azione civile. Quando il copyright non è registrato è importante mantenere una documentazione datata della prima creazione dell opera cosicché la data e l identità dell autore dell opera possano essere provate.

4 Macchinari tessili Una componente critica relativa alle tecnologie di produzione tessile potrebbe riguardare i software operativi ed i manuali tecnici necessari per il funzionamento ed/o la manutenzione dei macchinari. Ai sensi della legislazione cinese, tali materiali risultano automaticamente protetti dal diritto d autore come opere dell ingegno. È in ogni caso raccomandabile che le imprese registrino il copyright, così da poter certificare la propria titolarità in caso di controversie. In alcuni casi di fronte alla riproduzione di un macchinario non brevettato da parte di un concorrente, attraverso un procedimento di smontaggio e ricostruzione dello stesso, l unico appiglio a disposizione del produttore originario potrebbe essere quello di denunciare una contraffazione del copyright sul software o sui manuali di funzionamento. Questo tipo di azione si limiterebbe in ogni caso a dirimere la controversia relativa alla riproduzione del software o dei manuali senza proteggere il design del macchinario stesso. Capi finiti Anche il design dei capi d abbigliamento può essere protetto da copyright come opera dell ingegno. La protezione del diritto d autore è riconosciuta automaticamente alla creazione di un opera, permettendo al designer di godere della doppia tutela offerta da un brevetto e dal copyright. Essere titolari di un copyright registrato in Cina è un modo conveniente di provare il proprio diritto. È anche possibile registrare una serie di opere attraverso un unica domanda, come per esempio tutti i disegni uguali in una stagione. È tuttavia importante rilevare che la protezione di un diritto d autore potrebbe risultare più difficoltosa rispetto a quella di un brevetto. Il fatto che non sia necessario alcun procedimento di registrazione per godere della protezione del diritto d autore dovrebbe quindi essere bilanciato con il maggior costo dell effettiva tutela del diritto violato, rispetto a quella di un brevetto per disegni o modelli ornamentali. Produttori di abbigliamento firmato ed altri accessori Oltre ad usufruire della protezione dei propri disegni, le aziende d abbigliamento possono ricorrere al copyright per proteggere i propri cataloghi, opuscoli e siti web. Trasferimento di tecnologia Spesso le aziende che producono in Cina, sia direttamente sia tramite una terza parte (fornitore o partner di joint venture), importano le proprie tecnologie dall Europa ed incaricano agenti o distributori, i quali si occupano di assemblare, installare e revisionare le attrezzature. Per evitare perdite di asset importanti o addirittura di mercato, i trasferimenti di tecnologia dovrebbero essere accompagnati da contratti con i licenziatari, i fornitori, i dipendenti, i sub-appaltatori, ecc., volti a disciplinare la portata dei diritti e degli obblighi di ogni parte, come anche i limiti geografici, l estensione temporale e gli aspetti relativi a confidenzialità e non concorrenza. I contratti di trasferimento di tecnologia sono assoggettati a regole che limitano pratiche restrittive ed anticoncorrenziali. Le imprese che licenziano tecnologie a società cinesi sotto forma di soluzioni tecniche o servizi dovrebbero conformarsi alla legislazione cinese sui trasferimenti di tecnologia. Segreti commerciali In certi casi, alcuni prodotti o processi sono protetti come segreti commerciali invece che come brevetti. Alcune imprese preferiscono questo tipo di tutela per i loro prodotti o processi (o una combinazione fra brevetti e segreti commerciali). La protezione attraverso i segreti commerciali è particolarmente diffusa in relazione a processi, rendendo così difficile o addirittura impossibile per un concorrente scoprire lo stesso attraverso lo smontaggio del prodotto. La Cina definisce segreto commerciale un informazione di valore che non è conosciuta pubblicamente e la cui

5 segretezza è protetta dal titolare. Il titolare del segreto deve assumere le misure necessarie per mantenere la segretezza dell informazione. I segreti commerciali sono violati unicamente quando un altra parte entra in possesso dell informazione che era stata esplicitamente mantenuta confidenziale. È importante notare che la pratica della reverse engineering (cioè di smontare una macchina od un prodotto per capire come è stato costruito) è assai comune in Cina. Solamente un prodotto od un processo brevettato è protetto da questo tipo di indagine. Nel caso in cui un concorrente riuscisse a scoprire l informazione riservata unicamente attraverso il proprio sforzo di smontaggio ed analisi del prodotto, questo non sarebbe considerato un atto di contraffazione. I segreti commerciali vengono spesso bruciati dai proprietari che non provvedono a proteggere l informazione segreta. In molti casi sono i dipendenti del titolare che passano tali informazioni a terzi. Le aziende in possesso di segreti commerciali dovrebbero quindi prestare particolare attenzione alla protezione degli stessi all interno della propria organizzazione ed assicurare che sia posta in essere una procedura ben definita. Nell eventualità di una fuga di informazioni, è importantissimo essere in possesso di una documentazione relativa alle misure attuate per proteggere il segreto commerciale, così da poter dimostrare concretamente che l informazione era effettivamente coperta da riservatezza. Per preservare un segreto commerciale, il proprietario dello stesso dovrebbe inoltre identificare esattamente quali informazioni costituiscono il segreto ed adottare le misure idonee per proteggerlo. All interno dell azienda potrebbero esistere barriere fisiche, come per esempio l utilizzo di password, oppure barriere contrattuali, come clausole di confidenzialità particolarmente stringenti per i dipendenti o per eventuali licenziatari che hanno accesso alle informazioni sensibili. È inoltre essenziale fare in modo che ogni potenziale partner cinese sottoscriva un accordo di non divulgazione (NDA) prima di rivelargli qualunque informazione tecnica o commerciale. Nonostante gli NDA siano riconosciuti dai tribunali cinesi, il loro scopo principale è di comunicare al vostro potenziale partner la vostra determinatezza nel proteggere i diritti di proprietà intellettuale. La legge cinese sul contratto di lavoro permette l introduzione di clausole di non concorrenza, per un periodo massimo di un anno ed a fronte di una remunerazione ragionevole, per dipendenti in posizioni chiave. In caso di divulgazione non autorizzata od uso non autorizzato di informazioni considerate quali segreti commerciali, è possibile ricorrere a strumenti di tutela sia di tipo amministrativo, attraverso la Administration of Industry and Commerce (AIC), che di tipo giudiziario. In caso di violazione di segreti commerciali di valore particolarmente rilevante sono previste anche sanzioni di tipo penale. Ulteriori problematiche legate alla proprietà intellettuale per i produttori di abbigliamento ed accessori firmati A causa delle grandi dimensioni del mercato cinese, della produzione estesa all interno del paese e degli allarmanti tassi di attività di contraffazione, le manifatture di abbigliamento di marca affrontano particolari criticità in materia di diritti di proprietà intellettuale, oltre a quelle più generiche discusse in precedenza. 1. Come gestire i canali di distribuzione locali ed esteri Per i produttori di abbigliamento è importante monitorare i canali di vendita dei propri prodotti in Cina, al fine di poter accertare che non avvenga alcun uso improprio della proprietà intellettuale da parte dei partner commerciali. Idealmente, ogni contratto di distribuzione dovrebbe prevedere delle limitazioni d uso, che dovrebbero stabilire la legittima portata dell utilizzo e le azioni da compiere per porvi fine nel caso di interruzione del contratto. Se il vostro marchio ha una reputazione nel mercato cinese, dovreste prepararvi alla comparsa nello stesso di prodotti contraffatti o con un aspetto molto simile, o ad un uso non autorizzato dello stesso da parte dei rivenditori. La normativa cinese mette a disposizione rimedi rapidi e veloci per i casi di contraffazione di marchi e di concorrenza sleale attraverso il sistema amministrativo. Ciò nonostante, potreste incontrare numerosi problemi ed è quindi importante accantonare risorse sufficienti per affrontarli e vi accertiate che i vostri partner e concorrenti siano a conoscenza del fatto che voi state proteggendo il vostro marchio. Fino a quando un marchio avra successo, questo continuerà ad essere un obiettivo per gli imitatori, richiedendo di conseguenza un impegno continuo del titolare nella protezione dello stesso.

6 2. Legge sulla concorrenza sleale Oltre a copiare direttamente un marchio, concorrenti senza scrupoli potrebbero vendere prodotti con marchi o disegni simili, seppur non identici. Nonostante tali marchi o disegni non siano sufficientemente simili per integrare la fattispecie della contraffazione, c è la possibilità di contrastarli attraverso la legge cinese contro la concorrenza sleale. È inoltre possibile ricorrere a tale disciplina in caso di utilizzo non autorizzato del marchio in punti vendita o di apposizione dello stesso su prodotti non coperti da registrazione. 3. Il controllo sui fornitori Prevenire la sparizione di nuovi disegni o prodotti dagli stabilimenti di produzione Quando tratta con produttori, distributori e rivenditori, il titolare di un marchio dovrebbe inserire nei contratti clausole specifiche che regolino le modalita di utilizzo legittimo del marchio. Quest aspetto riveste particolare importanza quando si ricorre alla produzione in outsourcing attraverso accordi contrattuali in Cina. Tali accordi dovrebbero disciplinare: La facoltà di subappaltare e, in caso affermativo, l obbligo di indicare i subappaltatori che utilizzino componenti, etichette od imballaggi su cui è apposto il marchio. Lo smaltimento degli scarti e degli eccessi di produzione. È abbastanza comune che i façonisti vendano questi prodotti sul mercato nero, per questa ragione il contratto dovrebbe disciplinare in modo chiaro il trattamento di queste merci. L implementazione di procedure, da parte del fornitore, per il mantenimento della confidenzialità relativamente ai nuovi disegni. Capita spesso che tali informazioni finiscano nelle mani di altri produttori. La previsione che, alla scadenza del contratto, tutte le eccedenze, i file CAD, ecc. siano restituiti al proprietario Oltre a curare i contratti in forma scritta con i propri fornitori, i produttori di abbigliamento firmato dovrebbero monitorare che gli stessi vengano effettivamente e correttamente applicati. 4. Come trattare con venditori online ed esportatori Ogni marchio di successo in Cina si trova a dover affrontare anche una serie di sfide legate alla contraffazione in rete, che comprendono: Imprese che vendono tramite internet, dei prodotti contraffatti in Cina e all estero. Questo potrebbe avvenire tramite piattaforme C2C come ebay o B2B come Alibaba. Potrebbe anche esserci un ampio numero di tali rivenditori. Fortunatamente, i principali siti commerciali in Cina hanno un sistema di reclamo e, quando notificato, provvedono a rimuovere rapidamente i prodotti contraffatti. Nel caso di siti indipendenti potrebbe invece essere efficace una lettera di diffida all operatore del sito o al provider del servizio. Società locali che registrano nomi di dominio identici o simili al marchio della vostra azienda. Per i domini di livello nazionale è prevista una semplice procedura amministrativa che permette di recuperare i nomi di dominio registrati illegalmente. In caso di pubblicazione di contenuti illeciti su un sito web, è possibile agire attraverso gli uffici periferici dell Administration of Industry and Commerce (AIC) per contraffazione del marchio o concorrenza sleale, oppure reclamare direttamente con l operatore del sito od il provider ISP. Per i marchi particolarmente rinomati, il volume di questi casi potrebbe essere rilevante ed è quindi importante stabilire delle priorità. In molti casi il venditore online è un piccolo commerciante od un semplice individuo, ed una lettera di diffida potrebbe dimostrarsi sufficiente a far cessare la violazione. Di fronte ad imprese di grandi dimensioni, per le quali invece la semplice rimozione dell attività illecita online non comporta un interruzione degli affari svolti in violazione dei diritti di proprieta intellettuale altrui, al fine di tutelare i propri diritti lesi, potrebbe essere necessario agire in giudizio anche contro quelle attività diverse dalla vendita online che vengono svolte da tali imprese. Per maggiori informazioni sulla protezione online della proprietà intellettuale, vi invitiamo a fare riferimento alla Guida sulla protezione dei diritti di proprietà intellettuale online in Cina dell Helpdesk.

7 5. Le Autorità Doganali cinesi Potreste scoprire che, persino se voi non producete o vendete prodotti in Cina, ci sono merci che violano i vostri diritti di proprietà intellettuale che vengono esportate da questo paese verso i mercati esteri. Per questa ragione è consigliabile registrare i vostri diritti di proprietà intellettuale presso le Autorità Doganali cinesi, le quali possono vantare buoni risultati per quanto riguarda la scoperta ed il fermo di prodotti contraffatti al confine. Il procedimento di registrazione è piuttosto semplice, efficace e di livello nazionale, e generalmente richiede circa un mese di tempo. Le Dogane spesso scoprono autonomamente spedizioni contraffatte, ma è tuttavia consigliabile predisporre, almeno nei porti chiave, un adeguata formazione per i funzionari in modo che questi possano familiarizzare con i vostri prodotti. In caso di spedizioni sospette sarete chiamati ad identificare le merci entro tre giorni dal fermo ed a versare una cauzione a titolo di indennità per un eventuale sequestro erroneo. Pare percio importante sottolineare, l utilita di familiarizzare in anticipo con l apposita procedura ed attivare eventuali relazioni con le autorita doganali. Per le autorità doganali è generalmente più semplice identificare e trattenere merci con marchio contraffatto, poiché è possibile farlo attraverso lo stesso procedimento amministrativo doganale. Nel caso di copyright e brevetti, è invece necessario chiedere un provvedimento del tribunale che ordini alle Autorità doganali il fermo delle merci contraffatte, poiché le stesse non sono in grado di determinare l esistenza di una contraffazione in tal senso. Per maggiori informazioni sulle Autorità Doganali in Cina, v invitiamo a consultare la Guida all utilizzo delle Dogane per la protezione della proprietà intellettuale in Cina curata dall Helpdesk. Casistica Caso di studio 1: Macchinari tessili L impresa europea S, rivenditrice di macchinari avanzati per la maglieria a manifatture cinesi, scoprì che un concorrente locale stava vendendo un prodotto che copiava le dimensioni, rivestimento esterno e persino i colori dell originale. Inoltre, i depliant ed il sito web del concorrente locale replicavano le foto, i diagrammi e le specifiche del prodotto originale, nonostante il prodotto locale non offrisse le medesime prestazioni dell originale. L agente di vendita dell impresa S in Cina reclamò che i consumatori erano portati a credere in modo errato che il prezzo molto più basso del prodotto locale offrisse la medesima qualità dell originale. La società europea non era in possesso di alcun brevetto registrato in Cina, ed il concorrente non stava utilizzando il marchio europeo. In Cina non esiste alcuna normativa che vieti l imitazione servile del design, l azienda europea poté quindi basare la propria denuncia unicamente sulla fattispecie di violazione del copyright sull opera artistica contenuta nei depliant e di violazione della legge sulla concorrenza sleale in relazione alle false affermazioni contenute nella brochure. Per evitare i costi di un procedimento giudiziario, l azienda ingaggiò uno studio legale locale per inviare una lettera di diffida al concorrente, a cui fece seguito una telefonata. Il risultato fu che il concorrente cambiò le fotografie ed alcuni dei contenuti della brochure, ma non sussisteva alcuna base legale per costringere lo stesso a modificare l aspetto del proprio prodotto. In questo caso l impresa S non fu in grado di reagire alla contraffazione perché non aveva registrato i propri diritti. Se la società fosse stata titolare di un brevetto per disegni o modelli ornamentali, avrebbe potuto tutelare in modo molto più efficace i propri diritti contro l impresa locale, con un risparmio di tempo e di costi e proteggendo inoltre la propria reputazione nel mercato cinese. Questo esempio dovrebbe servire come monito per comprendere che il design di un prodotto e la sua forma esteriore dovrebbero essere protetti in Cina per il tramite della registrazione di un brevetto per modelli o disegni ornamentali. Caso di studio 2: Tessuti finiti L impresa europea R aveva sviluppato un tipo di accessorio che migliorava notevolmente l aspetto dei capi finiti. La società aveva guadagnato una posizione dominante fino al punto che i consumatori finali dell abbigliamento spesso richiedevano che tale prodotto venisse utilizzato per i capi di cui si rifornivano. Il prodotto era coperto da un brevetto in alcune nazioni, ma in Cina ne era stato registrato solo il marchio. Il marchio dell impresa R veniva apposto sui capi d abbigliamento finiti per indicare che tale prodotto era stato utilizzato nella produzione del capo.

8 Poiché il prodotto originale era essenziale per molti fornitori di abbigliamento cinesi, i concorrenti locali iniziarono ad offrire prodotti dello stesso tipo. La società R non aveva alcun diritto di impedire ai concorrenti di copiare il prodotto, ma fu in grado di agire nei confronti dei fornitori di accessori e dei produttori di abbigliamento che utilizzavano l etichetta con il marchio originale sui capi da questi forniti e prodotti, senza effettivamente acquistare il prodotto dell impresa R. La società agì amministrativamente per la contraffazione del marchio attraverso la Administration of Industry & Commerce (AIC) e pubblicizzò tali azioni sulla stampa di settore. Questo tipo di reazione sembrò essere efficace. Un concorrente locale registrò, tuttavia, il soprannome cinese del prodotto dell impresa R come marchio, acquisendo così il diritto di utilizzare tale nome legalmente. La società si trovò costretta ad agire per la cancellazione del marchio di fronte all ufficio marchi cinese, attraverso un procedimento lungo ed incerto. L azienda avrebbe potuto proteggere maggiormente la propria proprietà intellettuale se avesse registrato, non solo il proprio nome ufficiale, ma anche la traduzione cinese ed ogni altro soprannome che indicava il proprio prodotto nel mercato cinese. L iter ed i costi di una registrazione multipla sono generalmente più gestibili di quelli per la cancellazione, l opposizione o l acquisto ex post di un marchio. Caso di studio 3: Capi d abbigliamento ed accessori di marca Una piccola impresa europea, che chiameremo D, aveva disegnato e prodotto il proprio marchio di abbigliamento e borse, che venivano venduti in Europa ma fabbricati in Cina. Nonostante tale marchio non fosse famoso a livello internazionale, l impresa scoprì che esistevano dei concorrenti, in Cina e all estero, che vendevano regolarmente copie esatte degli abiti e delle borse da questa prodotte.essendo stata in grado di agire contro i distributori in Europa, l impresa era anche intenzionata a fermare i concorrenti in Cina, benché inizialmente pensasse che ciò sarebbe stato difficile, questa decise di consultare uno studio legale in loco. Poiché l azienda produceva ogni anno un gran numero di nuovi disegni che avrebbe dovuto brevettare come disegni e modelli ornamentali, decise di registrare in tal modo solo un numero limitato di essi, proteggendo gli altri attraverso il copyright. Dato che un brevetto per modello e disegno ornamentale è relativamente facile da far valere, l impresa D fu in grado di utilizzare i propri diritti di brevetto per minacciare un azione contro i concorrenti che avevano copiato. L impresa reagì principalmente avviando azioni contro produttori e commercianti alle fiere commerciali, inviando lettere di diffida e chiedendo la rimozione dei disegni contraffatti dai siti internet. Fu inoltre in grado di denunciare una violazione del copyright su altri modelli che non erano stati brevettati. Queste azioni portarono ad una notevole diminuzione del numero di copie, giacché i concorrenti evitarono del tutto di imitare i prodotti dell impresa D o apportarono delle modifiche tali da non renderli più identici. Da allora, la registrazione in Cina come brevetto per disegni o modelli ornamentali, fa parte del procedimento di sviluppo di quasi tutti i nuovi modelli dell impresa D. Le misure assunte proattivamente dall impresa D per proteggere i propri disegni in Cina hanno avuto successo nello scoraggiare la replica esatta dei propri prodotti, persino nei casi in cui l impresa D ha deciso di non registrare tutti i propri disegni. Spesso le attività di contraffazione possono essere frenate tramite azioni proattive che evidenziano come un impresa si preoccupi seriamente della tutela dei propri diritti di proprietà intellettuale e consideri la protezione degli stessi come parte integrante della propria attività.

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza OUCH! Settembre 2012 IN QUESTO NUMERO I vostri account utente I vostri dispositivi I vostri dati Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza L AUTORE DI QUESTO NUMERO Chad Tilbury ha collaborato alla

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE 1 DATI ESPOSITORE Si prega di compilare in carattere stampatello. Rimini Fiera SpA non potrà essere ritenuta responsabile per errori dovuti a caratteri illeggibili. SETTORE MERCEOLOGICO (INDICARE MASSIMO

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Domanda di partecipazione alla Fiera:

Domanda di partecipazione alla Fiera: Domanda di partecipazione alla Fiera: ARTI & MESTIERI EXPO -Roma, Fiera di Roma, 12 15 dicembre 2013 MODULO DA RESTITUIRE DEBITAMENTE COMPILATO ENTRO E NON OLTRE L 11 NOVEMBRE 2013 a: FIERA ROMA SRL SEGRETERIA

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Condizioni generali di vendita e di consegna

Condizioni generali di vendita e di consegna 1. Ambito di applicazione e basi 1.1 Ambito di applicazione delle Condizioni generali di vendita e di consegna Le presenti ( CGC ) vigono per tutti i rapporti giuridici (offerte, trattative contrattuali,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli