AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN"

Transcript

1 AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) BUSINESS PLAN 14 Luglio 2003

2 DISCLAIMER Il presente dossier è stato elaborato: a) per quanto riguarda le ipotesi di investimento, rilevando i dati tecnici e dimensionali dal progetto definitivo che è stato redatto da terzi professionisti incaricati dall Amministrazione Comunale di San Vincenzo e successivamente approvato dalla stessa Amministrazione Comunale. Su tali dati MPS Merchant non ha effettuato nessuna verifica, né attività di auditing; b) per quanto riguarda le ipotesi di ricavi e costi gestionali, esse sono state sviluppate sulla base delle assunzioni riportate nel piano economicofinanziario dell iniziativa fornitoci dall Amministrazione Comunale. Alla luce di tale processo di sviluppo, le ipotesi gestionali riflesse nel Business Plan sono pertanto ritenute generalmente congrue da MPS Merchant in relazione a situazioni similari mediamente espresse sul mercato nazionale. Il presente documento non può costituire una base informativa e valutativa finalizzata in qualunque modo alla sollecitazione del mercato. ~ ~ ~ ~ ~ ~ Il presente documento è riservato esclusivamente all Amministrazione Comunale di San Vincenzo. Le informazioni contenute nel presente documento potranno essere utilizzate dalla stessa Amministrazione Comunale a sua piena discrezione per la procedura di selezione del Concessionario del progetto di ampliamento e ristrutturazione del porto turistico, a norma dell art. 19 della legge 109/94.

3 DIVISIONE PROJECT FINANCING INDICE 1. OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI BREVE SINTESI DEL PROGETTO IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI IL BUSINESS PLAN LE IPOTESI Profilo temporale Investimenti Ricavi Costi di gestione Altre ipotesi di piano IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Financial Highlights Commento al Conto Economico Commento allo Stato Patrimoniale Commento al Cash Flow Statement L ANALISI DEGLI INDICI DI PROGETTO Il Valore Attuale Netto (VAN) Il Tasso Interno di Rendimento (TIR) ALLEGATI

4 1. OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE In relazione all incarico conferitoci, sottoponiamo alla Vostra attenzione il presente Business Plan che rappresenta il risultato dell analisi effettuata al fine di verificare l equilibrio economico, patrimoniale e finanziario del Progetto di ampliamento del Porto Turistico di San Vincenzo (di seguito anche il Progetto). Il presente lavoro è finalizzato a fornire all Amministrazione Comunale di San Vincenzo (LI) (di seguito anche AC) elementi di valutazione del Progetto per eventuali decisioni future relative alla messa a bando del Progetto secondo l istituto della Concessione di costruzione e gestione, disciplinato dalla Legge 109/94 e successive modifiche e integrazioni. L utilizzo del presente lavoro, conseguentemente, è riservato all Amministrazione Comunale di San Vincenzo (LI) ed i suoi contenuti non potranno essere divulgati ed utilizzati con terzi, per qualsiasi finalità, senza la preventiva autorizzazione scritta della nostra Banca. Il presente lavoro va letto tenendo in considerazione quanto segue: - l elaborazione del Business Plan si è basata su ipotesi e formule valutative generalmente accettate e da noi applicate nella fattispecie; - le ipotesi del Business Plan sono state definite dall AC e condivise da MPS Merchant; - il Business Plan attesta l equilibrio economico, patrimoniale e finanziario del Progetto, date alcune fondamentali assunzioni che riportiamo all interno del presente lavoro; - i soggetti partecipanti al bando di gara per la Concessione di costruzione e gestione del Progetto eventualmente indetto dall AC potranno modificare le ipotesi di base, secondo proprie considerazioni derivanti, tra l altro, dalla loro forza contrattuale sul mercato e da proprie particolari attese ed interessi.

5 2. IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2.1 BREVE SINTESI DEL PROGETTO Il progetto consiste nell ampliamento del Porto Turistico di San Vincenzo (LI) attualmente gestito dall Amministrazione Comunale. Il nuovo porto sarà dotato di 350 posti barca di diverse dimensioni (fino ad un massimo di 15 metri), di cui il 10% dovrà essere riservato agli utenti in transito. Oltre alla nuova darsena saranno realizzate strutture accessorie, quali parcheggi, box nautici, uno stabilimento balneare, edifici per i servizi portuali e per attività commerciali, opere stradali e di arredo urbano. Il soggetto concessionario dovrà farsi carico anche della realizzazione di un sovrappasso che sarà ceduto all Amministrazione Comunale al termine della costruzione.

6 2.2 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Si riporta di seguito il piano di ripartizione temporale e di destinazione tecnica dei costi di realizzazione del progetto (al netto di IVA) totale Cantieri di progetto (opere murarie e impianti): Cantiere 1 Porto turistico: , , , ,81 - opere idrauliche e marittime ,04 - box nautici ,36 - torre di porto ,29 Cantiere 2 Cantiere nautico , ,45 Cantiere 3 Autorimessa nord , ,46 Cantiere 4 Autorimessa e piazza sud , ,75 Cantiere 5 - Stabilimento balneare , ,78 Cantiere 6 Edificio servizi portuali , ,24 Cantiere 7 Opere impiantistiche , ,17 Cantiere 8 Opere stradali e arredo urbano , ,74 Cantiere 9 Pontili e ormeggi (*) , ,97 Totale cantieri di progetto , , , ,25 Spese tecniche per progettazione esecutiva e direzione lavori , , , ,50 Fee per MPS Merchant , ,00 Acquisto mezzi da A. C , ,00 Analisi ambientali , , , ,90 Totale progetto , , , ,65 (*) Nella voce Pontili e ormeggi è compreso l acquisto da parte del Concessionario dei pontili attualmente in uso e di proprietà dell A.C. per un importo di ,00.

7 Nella precedente tabella non sono indicate le spese tecniche finora sostenute dall Amministrazione Comunale, pari ad ,00: nell elaborazione del Business Plan tali spese sono state ribaltate sul concessionario quale somma interamente dovuta all Amministrazione Comunale e spesate a conto economico nel primo anno della Concessione. Il Concessionario dovrà realizzare anche un sovrappasso, che, al termine della costruzione, dovrà essere restituito all Amministrazione Comunale. Riportiamo di seguito i costi di tale intervento (al netto di IVA): totale Realizzazione sovrappasso: - opere murarie e impianti , , , ,40 - spese tecniche (10%) , , , ,54 Totale sovrappasso , , , ,94

8 3. IL BUSINESS PLAN In allegato si riporta lo sviluppo del Business Plan. Il piano è stato elaborato in un orizzonte temporale di 30 anni e si compone di tre prospetti: Conto Economico, Stato Patrimoniale e Cash Flow Statement. Tali prospetti sono rappresentativi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società che costruirà e gestirà il nuovo porto di San Vincenzo. In particolare è stata ipotizzata la costituzione di una project company, in modo da tenere separati tutti i flussi del Progetto da altre eventuali attività dell aggiudicatario della Concessione. Il Business Plan è quindi il risultato fondamentale dell analisi finanziaria svolta sul Progetto, che permette di verificare e constatare l esistenza dell equilibrio sul piano economico, patrimoniale e finanziario. Il processo di analisi consiste nella costruzione di un modello ad hoc per il Progetto in esame, l inserimento delle ipotesi (o input) nel modello e la determinazione dell output finale che è appunto il Business Plan, secondo il seguente schema: IPOTESI (INPUT) MODELLO BUSINESS PLAN Riportiamo di seguito le ipotesi che stanno alla base del Business Plan e infine un commento ai tre prospetti del Business Plan con alcuni dati di sintesi. In allegato riportiamo, oltre ai tre prospetti di Business Plan, anche le tabelle di lavoro e di dettaglio del modello, in cui sono state sviluppate le ipotesi.

9 3.1 LE IPOTESI Profilo temporale durata concessione 30 anni primo anno concessione 2004 ultimo anno concessione 2033 durata costruzione 3 anni inizio costruzione 2004 fine costruzione 2006 inizio gestione 2007 fine gestione 2033 orizzonte temporale del piano: durata del piano 30 anni primo anno 2004 utlimo anno Investimenti Il prospetto degli investimenti è stato riportato nel precedente paragrafo 2.2 Tutti gli investimenti sono stati ammortizzati in base al criterio finanziario, per gli anni di durata della Concessione, tranne che i mezzi acquistati dall Amministrazione Comunale per il quali è stata applicata un aliquota del 20%.

10 3.1.3 Ricavi - Cessioni: CESSIONI incremento netto tariffe di cessione 10% Porto turistico Cessione posti barca: n posti transiti affitti p.b. prezzo cessione '04 cessione '05 cessione '06 disponibili cessione fino a 7 metri , da 7 a 9 metri , da 9 a 11 metri , da 11 a 13 metri , da 13 a 15 metri , TOTALE Parcheggi Cessione posti auto: n posti prezzo cessione '04 cessione '05 cessione '06 cessione posti auto da cedere , Box nautici Cessione box nautici: n posti prezzo cessione '04 cessione '05 cessione '06 cessione Tipo A - 5,00x2, , Tipo B - 2,80x1, , Si ipotizzano le seguenti cessioni dei posti barca: 20% il primo anno; 20% il secondo anno; 60% il terzo anno. Si ipotizza un incremento delle tariffe di cessione dei posti barca del 10% a partire dal secondo anno, secondo quanto comunemente si riscontra sul mercato. La vendita dei posti auto e dei box nautici si ipotizza avvenire proporzionale alla costruzione.

11 - Affitti: a) Locazioni immobiliari LOCAZIONI IMMOBILIARI mq /mq canone annuo anno a regime Area assistenza e rimessaggio Cantiere nautico , , Area esterna , , Edificio servizi edificio servizi - spazi commerciali , , Altri spazi commerciali altri spazi commerciali , , Stabilimento balneare Stabilimento balneare , , Distributore carburante Affitto distributore carburante , Per anno a regime si intende il primo anno dopo la fine della costruzione di ciascun lotto. b) Porto Turistico Porto turistico n posti tariffa media giorn. n mesi ricavo annuo Transiti: (senza IVA) % di occupazione fino a 7 metri 15 20, ,00 20% 80% 100% 100% da 7 a 9 metri 5 30, ,00 20% 80% 100% 100% da 9 a 11 metri 6 40, ,00 20% 80% 100% 100% da 11 a 13 metri 6 40, ,00 20% 80% 100% 100% da 13 a 15 metri 3 40, ,00 20% 80% 100% 100% TOTALE 35 30, ,00 Il piano non prevede l affitto di posti barca, se non per quelli riservati al transito. La percentuale di occupazione è stata stimata proporzionale alla realizzazione delle opere marittime.

12 - Altri ricavi: Servizi portuali: l anno a regime. Ricavi condominiali : sono dati dal ribaltamento sui proprietari dei posti barca del 70% dei costi di gestione (escluso il corrispettivo per l Amministrazione Comunale). Entrambe le voci si ipotizzano pari al 20% del valore a regime nel 2004, all 80% nel 2005, al 100% a partire dal Costi di gestione Costi di gestione annui a regime Materiali di consumo % 80% 100% Carburanti ed energia elettrica % 80% 100% Totale consumi Pulizia e vigilanza % 80% 100% Manutenzione ordinaria % 80% 100% Totale servizi Costo del personale Dipendenti: costo TFR annuo annuo - n 1 Direttore del Porto n 2 impiegati amministrativi n 3 operai TOTALE Oneri diversi % 80% 100% Corrispettivo per il Comune % 100% 100% Il primo anno, tra i costi di gestione, è inoltre previsto il pagamento di ,00 all Amministrazione Comunale a titolo di rimborso delle spese tecniche già sostenute in relazione al progetto. Durante la costruzione si ipotizza l impiego di un solo operaio (in quanto i lavori vengono appaltati).

13 3.1.5 Altre ipotesi di piano Manutenzione straordinaria: ogni 5 anni a partire dal quinto anno di gestione fino alla fine della concessione. Tassi di interesse: - tasso attivo: 1,00% - tasso passivo: 6,50% Circolante: - giorni clienti: 30 - giorni fornitori: 30 - giorni costruttori: 30 Aliquote IVA: - sulla costruzione: 20% - sulla realizzazione del sovrappasso: 10% -sui ricavi/vendite: 20% - sui costi di gestione: 20% Struttura Finanziaria: si è ipotizzato un apporto di equity pari ad (8% del costo dell investimento), suddiviso tra di capitale sociale e di finanziamento soci infruttifero. Il resto dell investimento è finanziato con indebitamento bancario e con il cash flow prodotto dall operazione. Imposte: normativa vigente per le persone giuridiche.

14 3.2 IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Financial Highlights FINANCIAL HIGHLIGHTS FATTURATO M.O.L. ( ) (93.580) RISULTATO OPERATIVO ( ) ( ) RISULTATO NETTO ( ) ( ) OPERATING FREE CASH FLOW ( ) ( ) ( ) (70.593) CAPITALE CIRCOLANTE NETTO (56.317) ( ) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) CAPITALE INVESTITO NETTO ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) PATRIMONIO NETTO TOTALE FONTI ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( )

15 FINANCIAL HIGHLIGHTS FATTURATO M.O.L RISULTATO OPERATIVO RISULTATO NETTO OPERATING FREE CASH FLOW (4.602) ( ) (2.000) (2.034) (2.068) (2.102) ( ) CAPITALE CIRCOLANTE NETTO (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) CAPITALE INVESTITO NETTO ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) PATRIMONIO NETTO TOTALE FONTI ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( )

16 FINANCIAL HIGHLIGHTS FATTURATO M.O.L RISULTATO OPERATIVO RISULTATO NETTO OPERATING FREE CASH FLOW (98.556) (92.907) CAPITALE CIRCOLANTE NETTO (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) (5.010) CAPITALE INVESTITO NETTO ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) PATRIMONIO NETTO TOTALE FONTI ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( )

17 3.2.2 Commento al Conto Economico Il Conto Economico è stato sviluppato in forma scalare con l evidenziazione di alcuni saldi significativi. Riportiamo tale schema in allegato. Il dettaglio delle singole voci è riportato nelle schede in allegato. I ricavi comprendono, tra l altro, la quota annua di competenza delle cessioni dei posti barca, dei posti auto e dei box nautici, il cui dettaglio è visibile nell allegata scheda Ricavi. I costi di costruzione dei beni da cedere rappresentano la quota di competenza del costo sostenuto dal Concessionario per la realizzazione dei beni che saranno ceduti al Comune a titolo di corrispettivo. Gli oneri diversi comprendono anche il corrispettivo annuo dovuto all Amministrazione Comunale, pari ad Il primo anno tale corrispettivo è aumentato fino a complessivi per il rimborso dovuto all Amministrazione Comunale delle spese di progettazione già sostenute ( ). Gli oneri finanziari sono stati determinati sulla posizione finanziaria netta media con quella dell esercizio precedente, come risulta dal prospetto di Stato Patrimoniale riclassificato a capitale investito. Come si può constatare nello schema di Conto Economico riportato in allegato, il margine operativo lordo, il risultato operativo e il risultato netto sono positivi già a partire dal terzo esercizio Commento allo Stato Patrimoniale Lo schema utilizzato (che riportiamo in allegato) è quello a capitale investito, che evidenzia alcuni saldi importanti. In primo luogo si determina il Capitale Circolante Commerciale, sommando algebricamente le voci relative ai crediti e ai debiti commerciali. Dal capitale circolante commerciale si giunge al Capitale Circolante Netto sommando algebricamente tutte le altre attività e passività non finanziarie di esercizio. Nel caso in esame l unica voce significativa è il credito IVA, presente nei soli primi due anni. Sull IVA è stata ipotizzata la sola compensazione e non si è previsto il rimborso. Sommando algebricamente al Capitale Circolante Netto le immobilizzazioni dell esercizio (in corso nei primi tre anni di costruzione) e i risconti attivi (relativi ai costi di realizzazione delle opere realizzate dal concessionario ma cedute all Amministrazione Comunale) si giunge alla definizione del Capitale Investito Lordo, al quale si

18 sottrae il TFR e i risconti passivi (riferiti alla ripartizione su tutta la durata della concessione dei ricavi derivanti dalle cessioni), per arrivare al Capitale Investito Netto, che rappresenta una misura del fabbisogno finanziario in ciascun esercizio. Tale fabbisogno sarà coperto con mezzi propri (Patrimonio Netto) e con indebitamento bancario (Posizione Finanziaria Netta). Si noti che il Capitale Investito Netto evidenzia quasi sempre un saldo negativo, che sta a significare che le fonti di natura operativa sono più che sufficienti per coprire il capitale investito in ciascun esercizio. Quindi l apporto di mezzi propri è ridotto al minimo (8% dell investimento complessivo) e, a parte il secondo anno, i saldi bancari saranno sempre attivi per il Concessionario. Le principali voci dello Stato Patrimoniale sono dettagliate in allegato Commento al Cash Flow Statement Il Cash Flow Statement si presenta in forma scalare con l evidenziazione di alcuni saldi significativi. Tutte le voci hanno origine o direttamente dal Conto Economico o dallo Stato Patrimoniale (variazioni rispetto all esercizio precedente). Il primo saldo significativo è il Cash Flow della Gestione Corrente, che rappresenta il flusso di denaro (positivo o negativo) derivante dalla gestione corrente dell attività. Successivamente, sommando algebricamente i flussi relativi agli investimenti e le voci di natura operativa (nel senso di non finanziaria ) si giunge all Operating Free Cash Flow. Questo flusso è molto importante perché rappresenta quanto denaro, in ciascun esercizio, si genera o si assorbe nell ambito della gestione operativa del Progetto. Su di esso si calcolano i principali indici quali il VAN e il TIR di Progetto (si veda più avanti il par. 3.3). Infine, sommando algebricamente all Operating Free Cash Flow i flussi relativi alle movimentazione del patrimonio netto e gli oneri finanziari netti si ottiene il flusso finale, il Free Cash Flow. Sommando tale flusso alla Posizione Finanziaria Netta Iniziale (uguale alla Posizione Finanziaria Netta Finale dell esercizio precedente) si ottiene la Posizione Finanziaria Netta Finale dell esercizio, come da Stato Patrimoniale.

19 3.3 L ANALISI DEGLI INDICI DI PROGETTO Sono stati calcolati due indicatori della redditività del Progetto: il Valore Attuale Netto (VAN) e il Tasso Interno di Rendimento (TIR). Entrambi sono stati calcolati sull Operating Free Cash Flow così come determinato nel Cash Flow Statement. In allegato riportiamo lo sviluppo del calcolo degli indicatori Il Valore Attuale Netto (VAN) E stato calcolato sui flussi di cassa (Operating Free Cash Flow) prodotti dal Progetto. E la somma algebrica di tutti i flussi (positivi e negativi) attualizzati generati dal Progetto per tutta la durata della concessione (30 anni). E un indicatore della ricchezza generata dall iniziativa. Un VAN positivo testimonia la capacità del Progetto di generare flussi di dimensione sufficiente a ripagare gli esborsi iniziali, lasciando ancora risorse residue per le altre destinazioni. Il tasso di attualizzazione utilizzato nel calcolo del VAN è il WACC (Weighted Average Cost of Capital o Costo Medio Ponderato del Capitale), il cui calcolo è riportato in allegato. Applicando un WACC pari a 6,06 %, abbiamo: VAN =

20 3.3.2 Il Tasso Interno di Rendimento (TIR) Il TIR del Progetto è un indice finanziario che rappresenta il tasso che uguaglia gli Operating Free Cash Flow attesi positivi attualizzati ai flussi negativi attualizzati. In pratica è quel tasso che rende il VAN uguale a zero. L indice esprime la redditività di Progetto, che il concessionario confronta con la redditività di altri investimenti alternativi. Nel caso del Progetto in esame, abbiamo: IRR = 28,77 %

21 ALLEGATI PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) 14 Luglio 2003

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO DISCLAIMER Il presente piano economico finanziario è stato elaborato: a) per quanto riguarda le ipotesi di investimento, rilevando i dati

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora FAC-SIMILE Mod.PEF/Pitagora Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 9 gennaio 2013 Valentina Antoniucci Contenuti

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) Piano Economico e Finanziario

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) Piano Economico e Finanziario PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) Adeguamento alle prescrizioni e raccomandazioni della Giunta Regionale della Toscana Relazione generale rev. 2 di Marina

Dettagli

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi Provincia di Caserta OGGETTO: Rilievo e studio di fattibilità da porre a base di gara per l'affidamento in project financing della ristrutturazione e gestione

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI FAC SIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI anni 20 PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.9

PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.9 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. Investiamo nel vostro futuro REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE ALLEGATO B PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea 6.1,

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07. ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 13 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.2011 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Con la presente nota l Amministrazione Comunale fornisce alcune linee guida per

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Dott. Nicola Raule. IV Lezione

Dott. Nicola Raule. IV Lezione Dott. Nicola Raule IV Lezione Costi fissi: Dipendenti Assicurazioni Imposte e tasse Contratti di assistenza Manutenzioni ordinarie Costi variabili: Utenze Collaboratori Manutenzioni straordinarie Attrezzature

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI FACSIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO, STATO PATRIMONIALE E FLUSSI DI CASSA PREVISIONALI

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento PAT/RFD330-16/12/2015-0647654 - Allegato Utente 3 (A03) BANDO PER L AFFIDAMENTO DI UN CONTRIBUTO PUBBLICO Provincia Autonoma di Trento Bando per l affidamento di un contributo pubblico per un progetto

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

a supporto della procedura di gara relativa alla Finanza di progetto di Sorgono e per i presidi sanitari distrettuali di Macomer e Siniscola

a supporto della procedura di gara relativa alla Finanza di progetto di Sorgono e per i presidi sanitari distrettuali di Macomer e Siniscola Progetto di assistenza tecnico scientifica e di formazione alla ASL 3 Nuoro a supporto della procedura di gara relativa alla Finanza di progetto per i presidi ospedalieri i San Francesco e Zonchello di

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C2 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

Collegio IPASVI di Varese

Collegio IPASVI di Varese Collegio IPASVI di Varese Via Pasubio n. 26 21100 Varese Approvati rispettivamente dal Consiglio Direttivo il giorno 18 febbraio 2013 con atto deliberativo n 39 Assemblea ordinaria il giorno 15/03/2013

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Modello indicativo di Piano economico-finanziario (P.E.F.)

Modello indicativo di Piano economico-finanziario (P.E.F.) Concessione del diritto di superficie a tempo determinato dell'immobile di proprietà comunale sito in Lentate sul Seveso denominato "Parco Militare" ALLEGATO B Modello indicativo di Piano economico-finanziario

Dettagli

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi La procedura è quasi tutta automatizzata restando a carico dell'utente le seguenti, limitate, attività: 1. Inserimento degli ultimi 2 Bilanci

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ALLEGATO 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 10 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 965

Dettagli

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE MARGHINE Piano d Azione per l Energia Sostenibile della Comunità Pioniera del Marghine ALLEGATO A.2 ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE AZIONI CHIAVE DICEMBRE 2012 PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA. Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA. Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato Concessione di lavori Nuovo Codice Appalti (articoli: 164-178) Gian Pietro SAVOINI Direttore Amministrativo

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Piscina comunale coperta

Piscina comunale coperta Piscina comunale coperta Comune di Sommacampagna Piano economico finanziario PAGE 1 Indice Premessa..... pag. 3 Valutazione del bacino d utenza...... pag. 5 Il Progetto........ pag. 8 Piano economico finanziario

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER LE PMI

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER LE PMI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 Asse VII Sistemi Produttivi Obiettivo Specifico 7.1 Obiettivo Operativo 7.1.3 Linea di Intervento 7.1.3.1 Migliorare le condizioni

Dettagli

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro scolastico Lodrone di Storo. Piano Economico e Finanziario

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro scolastico Lodrone di Storo. Piano Economico e Finanziario Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro scolastico Lodrone di Storo Piano Economico e Finanziario Ottobre 2010 Introduzione 1) Nell ambito degli impegni assunti dalle

Dettagli

LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA

LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Reggio Emilia, 10 dicembre 2014 LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA A cura di Dott. Comm. Davide Zappoli Dott. Comm. Sara Casali Studio Nanni 1 GLI OBIETTIVI DELLA LEZIONE Redazione del Business

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

il rendiconto di gestione 2014, sottoposto alla Vostra visione per l approvazione, evidenzia un

il rendiconto di gestione 2014, sottoposto alla Vostra visione per l approvazione, evidenzia un ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Milano 20129 Viale Piceno 18 NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO GESTIONALE DELL ESERCIZIO 2014 Gentili Colleghe, Egregi Colleghe, il rendiconto

Dettagli

Il software pur essendo abbastanza complesso strutturalmente è invece facile da utilizzare.

Il software pur essendo abbastanza complesso strutturalmente è invece facile da utilizzare. Il presente software può essere utilizzato da quelle aziende che devono avviare una nuova attività, per effettuare l'analisi di fattibilità economico-finanziaria relativa ai prossimi 5 esercizi. Il software

Dettagli

Bilancio di previsione di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche

Bilancio di previsione di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche Art. 29, c. 1, d.lgs. n. 33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Delibera ANAC n. 50/2013

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale ALLEGATO A7 INDICE 1. PREMESSA...1 2. VALUTAZIONE ECONOMICA...1 2.1 COSTI DI INVESTIMENTO...1 2.2 STIMA ORIENTATIVA DEI RICAVI DALLA VENDITA DI ENERGIA...2 2.3 COSTI DI ESERCIZIO...2 2.4 CANONI E SOVRACANONI

Dettagli

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE

4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE 4 - IL RISULTATO ECONOMICO E IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il conto economico, redatto con il supporto delle rilevazioni finanziarie e del prospetto di conciliazione, pone in evidenza un risultato economico

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani

Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani Forum Banche e PA 2010 Servizi bancari e finanziari per la PA e per gli investimenti pubblici Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani Relatore: Dott. Roberto Giovannini Roma,

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli