IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO e LA RETE RIRVA nella Regione VENETO Sesta annualità di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO e LA RETE RIRVA nella Regione VENETO Sesta annualità di lavoro"

Transcript

1 Progetto RIRVA VI Rete Italiana per il Rimpatrio Volontario Assistito, finanziata a valere sull az. 6 Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 Soggetto Attuatore Consorzio Nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM, GEA, CNOAS ed ISMU IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO e LA RETE RIRVA nella Regione VENETO Sesta annualità di lavoro PADOVA 15 Gennaio 2015 Sede Reparto Mobile Questura - Via D Acquapendente 33, Padova

2 La misura del Ritorno Volontario Assistito e la Rete RIRVA: Politiche nazionali ed esperienze locali Sessione in-formativa promossa da RIRVA Rete Italiana sul Ritorno Volontario Assistito fase VI con Ordine Assistenti Sociali Regione del Veneto Giovedì 15 gennaio 2015 ore Sede Reparto Mobile, Via F.G. D'Acquapendente n. 33, Padova Saluti introduttivi Tullia Galliussi Dirigente Ufficio Immigrazione, Questura di Padova Vittorio Zanon Presidente, Ordine Regionale Assistenti Sociali del Veneto Antonello Roccoberton Dirigente Area IV Diritti Civili, Cittadinanza, Condizione Giuridica dello Straniero, Immigrazione e Diritto d'asilo, Prefettura di Padova Il Ritorno Volontario Assistito e la Rete RIRVA in Italia - L attuazione della misura in applicazione alla normativa vigente e la Rete Italiana sul Ritorno Volontario Assistito, Rete RIRVA Fase VI - Dati statistici - I progetti attivi per l attuazione della misura: destinatari e servizi offerti - Come si segnala un caso Simona Sordo, Responsabile nazionale RIRVA, Consorzio Nazionale Idee in Rete, capofila progetto Alice Bruni, Focal Point Rete RIRVA del Triveneto Come informare, orientare e accompagnare il Migrante al RVA. Presentazione della Guida per Operatori sul Ritorno Volontario Assistito predisposta dalla partnership RIRVA con il Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali CNOAS Franca Bonin, referente CNOAS partner progetto RIRVA VI Stefania Cassol, Assistente Sociale, delegata dell Ordine Regionale AA.SS. sulla materia del Ritorno Esperienze a confronto Interventi programmati di enti ed organizzazioni aderenti alla Rete RIRVA impegnate nella consulenza ai migranti sul RVA in Veneto Discussione e conclusioni

3 2 milioni e 965mila permessi di soggiorno validi in Italia: distribuzione per Regioni (in migliaia) al Principali Paesi Alba nia 376 Ma rocco 367 Cina 234 Ucra ina 209 Filippine 129 Moldova 128 India 117 P e rù 91 Ba ngla de s h 89 Egitto 88 Altri P a e s i In 6 Re gioni (Lomba rdia, Emilia Roma gna, Ve ne to, La zio, Tos ca na, P ie monte ) s i conce ntra no ¾ de i pe rme s s i di s oggiorno va lidi; a l , il nume ro di pe rme s s i di s oggiorno tota li e roga ti in Veneto è pa ri a circa 436mila, +11,6% ris pe tto Il 63% di que s ti s ono pe rme s s i di lungo pe riodo*. * Fonte dati: rapporto Immigrazione straniera in Veneto 2013, Osservatorio Veneto Immigrazione.

4 In realtà, per una stima complessiva degli stranieri in Italia, aggiornata al ma non facilmente calcolabile per Regione e per Paese di provenienza, sono da sommare - la s tima de ll a ume nto di pe rme s s i di s oggiorno da l a l (90mila) - i minori, s opra ttutto a l di s otto de i 15 a nni, che non ha nno un pe rme s s o di s oggiorno proprio, ma is critti s ul pe rme s s o de l ge nitore o di a ltra figura di rife rime nto (oltre 820mila) - i comunita ri (un milione e mezzo, oltre 1,1 milioni di rume ni re s ide nti e non) - gli irre gola ri ne l s oggiorno (circa 250mila da s tima Is mu) per un totale di circa 5,6 milioni di stranieri presenti in Italia, comunitari o non, regolari o meno, maggiorenni e minorenni

5 DATI PERMESSI DI SOGGIORNO RILASCIATI IN VENETO al NAZIONALITA PRINCIPALI*: PAESE MASCHI FEMMINE TOTALE Marocco Moldavia Albania Cina Serbia / Montenegro Bangladesh Ucraina India Macedonia * Fonte dati: elaborazione Direzione Centrale dell'immigrazione e della Polizia delle Frontiere - Servizio Immigrazione, 2012,

6 MOTIVO DI INGRESSO CITTADINI EXTRACOMUNITARI IN VENETO *: MOTIVO TOTALE INGRESSI LAVORO 66% 60% 36% 29% FAMIGLIA 30% 35% 51% 57% ALTRI MOTIVI 4% 5% 14% 14% * Fonte dati: elaborazione Osservatorio Regionale Immigrazione su dati Istat (Permessi di soggiorno)

7 I Ritorni Volontari Assistiti * I dati non comprendono i ritorni del progetto «Ritorno al futuro» che non sono pervenuti giugno 2009 giugno 2014 * si dispone di dati relativi a ritorni dal 2009 al Il 62% dei ritorni riguardano uomini Il 65% ha ricevuto un supporto alla reintegrazione sociale e lavorativa I ritornati provengono da 86 Paesi terzi, ma circa la metà provengono da Ecuador (542), Perù (321), Tunisia (280) Marocco (239) e Brasile (204) Le regioni italiane con un maggior numero di partenze sono Lazio, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto La perdita del lavoro senza possibilità di ulteriore occupazione da parte di migranti con il permesso di soggiorno per motivi di lavoro è la condizione più diffusa dei migranti che accedono al RVA

8 Partenze RVA per regioni Regione LAZIO LOMBARDIA PIEMONTE EMILIA ROMAGNA VENETO CAMPANIA LIGURIA TOSCANA UMBRIA PUGLIA FRIULI VG SICILIA MARCHE TRENTINO ALTO ADIGE CALABRIA ABRUZZO SARDEGNA VALLE D'AOSTA BASILICATA MOLISE TOTALE Totale giugno

9 DATI RELATIVI AGLI RVA DAL VENETO Ritorni effettuati giugno giugno TOTALE

10 Rimpatri forzati e RVA Nella gestione del Fondo Europeo Rimpatri , nel corso degli anni diminuiscono le risorse destinate al Rimpatrio forzato e aumentano quelle per i Rimpatri Volontari assistiti; e questo è senz altro un aspetto positivo Risorse destinate a Rimpatri forzati e Rimpatri Volontari Assistiti

11 NORMATIVA UE E IT LA DIRETTIVA EUROPEA SUI RIMPATRI 2008/115/CE del 16 dicembre 2008 Adottata dal Parlamento e Consiglio dell Unione Europea per disciplinare le norme e le procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio dei cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Obiettivi: sostenere gli sforzi compiuti dagli Stati membri per migliorare la gestione del rimpatrio in tutte le sue dimensioni ( gestione integrata dei rimpatri ), anche mediante la cooperazione tra Paesi Membri Termine per recepire negli ordinamenti interni dei Paesi membri UE la Direttiva: 24 dicembre 2010 L ITALIA recepisce con: Decreto legge n. 89 del 23 giugno 2011 Recante misure di recepimento delle direttive europee sulla libera circolazione dei cittadini e sul rimpatrio degli immigrati irregolari convertito con modificazioni nella Legge 2 agosto 2011, n. 129 e. DM 27 ottobre 2011, Linee guida per l'attuazione dei programmi di RVA, GU

12 RVA IN ITALIA FR AP 2013 Area REALIZZAZIONE Area REALIZZAZIONE PARTIR VI VI OIM az.az. 1 1 PARTIR OIM AUSILIUM II OIM az 2 2 AUSILIUM II OIM az INTEGRAZIONE DI RITORNO INTEGRAZIONE DI RITORNO -CIR II az 3 3 -CIR II az HERMES CIES az.az. 3 3 HERMES - CIES SAHEL SVILUPPO/ SAHEL SVILUPPO/ Sviluppo az 3 3 Sviluppo az REMPLOY III OIM az 3 3 REMPLOY III OIM az luglio/sett 2014 giugno 2015 Networking azaz 66 Networking Fondo europeo Rimpatri Fondo europeo Rimpatri FR FR Attuazione RVA Attuazione RVA RIRVA VIVI RIRVA Rete Italiana Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito per il Ritorno Volontario Assistito IDEE in RETE IDEE in RETE con CIR, OXFAM, GEA con CIR, OXFAM, GEA CONOAS e ISMU CONOAS e ISMU Rete Nazionale per l informazione Rete Nazionale per l informazione misura e segnalazione casi misura e segnalazione casi Cooperazione con i PaesiTerzi Cooperazione con i PaesiTerzi AREA REALIZZAZIONE Le azioni di RVA consentono concretamente di REALIZZARE i percorsi di RVA Networking Il Progetto RETE RIRVA Sistema di referral nazionale per l informazione sulla misura e la segnalazione di casi

13 RVA IN ITALIA FR AP 13 2 tipologie di intervento 1 PROGETTI DI RITORNO con tre modelli di intervento (az. 1, 2 e 3) 2 AZIONI DI SISTEMA: Rete RIRVA VI (AZ. 6) Az. 1 Progetti RVA rivolti prevalentemente a migranti irregolari o a rischio irregolarità in situazione di vulnerabilità, con supporto alla realizzazione di progetti di reintegrazione (PARTIR VI). Az. 2 Progetti RVA rivolti prevalentemente a migranti irregolari o a rischio di irregolarità (AUSILIUM II annualità) Az. 3 Progetti RVA rivolte a determinate categorie di migranti anche in situazione di vulnerabilità con supporto alla realizzazione di progetti di reintegrazione (INTEGRAZIONE DI RITORNO II; ERMES, REMPLOY III, SAHEL SVILUPPO) Az. 6 Progetto di networking con la formalizzazione di una rete nazionale per l informazione sulla misura (RIRVA VI)

14 RIRVA_ Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito FASE VI Obiettivi Consolidare un sistema di referral italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito per l informazione ai migranti, attori chiave e cittadinanza sulla misura l orientamento, l accompagnamento del migrante a livello locale nella scelta del RVA e la segnalazione dei casi ai progetti del Fondo Rimpatri che specificatamente lo attuano; la cooperazione con i paesi terzi; Promuovere il RVA come una delle fasi del progetto migratorio di cittadini extracomunitari, non necessariamente il suo fallimento; Svolgere una funzione strategica di raccordo e promozione di sinergie tra i migranti - territorio - azioni di RVA

15 Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito Rete RIRVA Capofila: Consorzio nazionale IDEE IN RETE Partner: CIR, OXFAM Italia, GEA coop. Soc. Consiglio Nazionale Ordine degli assistenti Sociali CNOAS Partner di sostegno: Fondazione ISMU DESTINATARI - Realtà pubbliche e private di contatto con i migranti, coinvolgibili in una rete nazionale per l informazione - I migranti potenzialmente interessati ad accedere alla misura - Rappresentanza dei Paesi Terzi - Cittadinanza e media

16 GLI AMBITI DI INTERVENTO DI RIRVA fase VI

17 RIRVA fase VI si attua attraverso la RETE che si caratterizza per 1. un MODELLO ORGANIZZATIVO e di gestione consolidato, con funzioni specifiche ai diversi livelli e tra i vari partner 2. PROCEDURE DI LAVORO tra i vari attori coinvolti (staff nazionale, 14 Focal Point regionali/sovraregionali, 317 aderenti pubblici e privati di tutto il territorio nazionale che operano a titolo gratuito : Punti Informativi / PI 205, per l informazione sul RVA e consulenza ai migranti interessati ad accedere; Punti di Sensibilizzazione / PS 112 a sostegno attività informative della Rete ) 1. un SISTEMA DI IN-FORMAZIONE sul RVA con tipologie di interventi e di prodotti diversificati per i molteplici destinatari da coinvolgere su tutto il territorio nazionale: migranti (Numero Verde/help desk, Punti Informativi, sito, app, facebook), operatori, istituzioni, cittadinanza e media (Numero Verde /help desk, aderenti rete e Focal Point, sito sessioni informative, campagna, Facebook, twitter, app, newsletter, news) Contatti su

18 Rete - Modello organizzativo Gruppo di lavoro di coordinamento nazionale (Comitato di pilotaggio partecipato da ref. di tutti i partner, Resp progetto, operatore Numero Verde) 14 Focal Point regionali / sovraregionali (Veneto-FriuliVG-TrentinoAA, Lombardia, Piemonte-VdAosta, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche-Umbria, Abruzzo-Molise, Puglia, Campania, Basilicata-Calabria, Sicilia, Sardegna). Sostegno, ampliamento e animazione rete + Campagne informative territoriali per i migranti ADERENTI al Nei singoli territori regionali Punti di riferimento informativo sul RVA per il territorio di appartenenza PUNTI INFORMATIVI Informazione diretta ai migranti, orientamento e sostegno all accesso alla misura, a valorizzazione di ruoli e servizi già attivi nell Ente / Organizzazione a favore di cittadini stranieri; Segnalazione dei casi ai progetti che attuano il RVA Attività di informazione e sensibilizzazione su RVA ad operatori attori territoriali pubblici e privati, cittadinanza 205 PUNTI di SENSIBILIZZAZIONE Attività di informazione e sensibilizzazione su RVA ad operatori attori territoriali pubblici e privati, cittadinanza 112 Contatti su L adesione non comporta impegni di spesa e si attua attraverso una comunicazione disponibile susu Gli Aderenti operano nella Rete a titolo gratuito in un rapporto di sussidarietà a valorizzazione delle attività e servizi già in atto all interno delle proprie organizzazioni pubbl. e private

19 SISTEMA IN-FORMATIVO sul RVA RIRVA A supporto dell operatività della Rete e per i diversi destinatari della misura di RVA SITO WEB: NUMERO VERDE HELP DESK RITORNO - Numero unico per l informazione sul Rimpatrio Volontario Assistito attivo dal lunedì al venerdì con operatore, dalle ore 9.00 alle ore e negli altri orari e giorni con servizio di segreteria IN FORMAZIONE operatori, stakeholders, media SESSIONI INFORMATIVE TERRITORIALI GUIDA OPERATORI sul RVA (ordine nazionale ASSISTENTI SOCIALI) ORIENTAMENTI PER I MEDIA SUL RVA (ordine nazionale GIORNALISTI) Depliant RVA e RIRVA plurilingue Approfondimenti su diritti previdenziali migranti ritornanti pagina facebook RIRVA App Ritorno per dispositivi android News e newsletter Informazione orientamento e consulenza diretta ai migranti Aderenti PUNTI INFORMATIVI Per elenco e contatti vedi La Rete RIRVA Interventi locali dei focal point

20

21 Ruolo FOCAL POINT Snodo regionale/sovraregionale della Rete RIRVA rispetto a quattro livelli di intervento rispetto al territorio di riferimento: Verifica e consolidamento della Rete Coordinamento ed animazione degli aderenti alla Rete RIRVA Prima informazione e diffusione della misura del RVA a tutti i destinatari dell intervento (migranti, operatori realtà private e pubbliche di contatto con i migranti e delle istituzioni di competenza della misura,media e cittadinanza) sia attraverso i Punti Informativi che azioni specifiche rivolte a migranti (interventi in luoghi di significativa presenza di migranti con distribuzione di materiale informativo attraverso operatori degli stessi luoghi di aggregazione) e stakeholders (organizzazione di almeno una sessione informativa territoriale per regione e provincia autonoma in sinergia con ordine regionale assistenti sociali del territorio) Monitoraggio attività e contatti dei PI

22 RETE RIRVA in Veneto ADERENTI al : 11 PI e 6 PS PROVINCIA DI PADOVA PI - Società Cooperativa Sociale Nuovo Villaggio PI - Comune di Padova PS - GEA Cooperativa Sociale PI - Azienda U.L.S.S. 16 PADOVA PS - Ordine degli Assistenti Sociali - Regione Veneto PROVINCIA DI VENEZIA PI - Opere Riunite Buon Pastore PI - Comune di Venezia PI - Comune di Portogruaro PS - Regione Veneto PROVINCIA DI TREVISO PI - I CARE Onlus PI - Una casa per l'uomo - Soc. Coop. Soc. PI - SERVIRE Coop. Soc. PS - ASSIRE - Associazione dei senegalesi per l'integrazione e il Reinserimento PROVINCIA DI VICENZA PI - Comune di Vicenza - Settore Servizi Sociali e Abitativi PROVINCIA DI VERONA PI - Azienda ULSS 22 Regione Veneto PS - Comune di Verona PS- Istituto don Calabria - Comunità San Benedetto Per elenco e contatti vedi - Sezione La Rete RIRVA

23 Rete Procedure di lavoro Il percorso di RVA si articola in 4 fasi: - PRE-PARTENZA; - PARTENZA e ARRIVO NEL PAESE DI ORIGINE; - ASSITENZA ALLA REINTEGRAZIONE NEL PAESE DI ORIGINE (se prevista nel progetto); - MONITORAGGIO Ambito di lavoro specifico degli Aderenti alla Rete RIRVA è la fase di PRE-PARTENZA Momento delicato che riveste un ruolo fondamentale per la riuscita positiva di un percorso di reintegrazione e quindi di un sostenibile ritorno. Il ritorno è un argomento complesso. I migranti che decidono di tornare nei loro paesi di origine sono spesso in condizioni psicologiche di vulnerabilità, e hanno bisogno di essere accompagnati in questo percorso, specialmente nei primi momenti ricchi di dubbi, paure ed aspettative. Serve non solo a informare e rendere possibile l accesso alla misura, ma anche a supportare il migrante nell elaborare tale difficile scelta e impostare un progetto di reintegrazione che risponda alle aspirazioni e capacità del migrante, ma che possa allo stesso tempo essere realizzabile nel Paese di origine. Documentazione su progetti e su come si segnala un caso su

24 Rete Procedure di lavoro (2) Il migrante, per ricevere info su RVA può: - Consultare sito web, - chiamare help desk ritorno - rivolgersi direttamente ai PUNTI INFORMATIVI della Rete più vicini che sono in grado di erogare i seguenti servizi a. Informazione preliminare sulla misura e valutazione ammissibilità; b. orientamento e consulenza alla scelta salvaguardando la volontarietà;, c. consulenza per predisposizione della documentazione di richiesta di accesso alla misura, con ricostruzione della storia migratoria, situazione attuale, bilancio delle competenze e potenzialità e reti in Italia e nel Paese di origine da valorizzare per una migliore reintegrazione e sostenibilità del ritorno; stesura prima ipotesi progetto di re-integrazione (se previsto dal progetto) d. infine segnalazione del caso per ad Ente Attuatore progetto RVA (fino a giugno 2013 on line attraverso sistema dedicato). Compete agli Enti Attuatori, che ricevono la segnalazione: -inoltrare la richiesta di nulla osta alla partenza alle Autorità competenti la misura del RVA (Prefetture o Min Interno), e se accettata; - il reperimento documenti di viaggio presso i Consolati di riferimento; Organizzazione e copertura delle spese di viaggio nel Paese di origine; Eventuale assistenza casi medici; Pagamento di una indennità di sistemazione in cash, prima della partenza; accompagnamento all aeroporto di partenza. Nelle azioni finali della fase di pre-partenza, i PI e. Svolgono un servizio di interfaccia e raccordo tra l Ente Attuatore il progetto di RVA ed il migrante facilitandone il dialogo e l interazione prima della partenza dal territorio. Documentazione su progetti e su come si segnala un caso su

25 Destinatari FINALI (1) B. chi può utilizzare il RVA- elenco ufficiale ELENCO UFFICIALE da FR 2012 E 13 - (art. 5 e 7 Dec. CE 575/07 e L. 129/11 e art. 4 relative linee guida) a) soggetti vulnerabili di cui all art. 19, comma 2 bis, del Testo unico (ad es. disabili, donne sole con bambini, anziani, persone con gravi problemi di salute fisica e/o mentale, senza fissa dimora); b) vittime di tratta, soggetti affetti da gravi patologie, richiedenti la protezione internazionale e titolari di protezione internazionale o umanitaria; c) cittadini stranieri che non soddisfano più le condizioni per il rinnovo del permesso di soggiorno; d) cittadini stranieri, già destinatari di un provvedimento di espulsione o di respingimento ai sensi dell art. 10, comma 2, del Testo Unico, trattenuti nei centri di identificazione ed espulsione ai sensi dell art. 14, comma 1, del medesimo Testo Unico; e) cittadini stranieri, già destinatari di un provvedimento di espulsione a cui sia stato concesso un periodo per la partenza volontaria ai sensi dell art. 13, comma 5, del Testo Unico. Concretamente Dopo entrata in vigore L 129/11 e relative Linee Guida Migranti irregolari o a rischio di irregolarità di Paesi Terzi, anche vulnerabili Tuttavia le specifiche tipologie dei migranti effettivamente ammissibili alla misura sono in relazione alle indicazioni dei singoli progetti approvati nell annualità che possono non rappresentare tutte le categorie dei migranti ammissibili riportate nell art. 4 delle Linee guida.

26 Destinatari FINALI RVA in Italia (2) A. Chi è escluso dal programma - cittadini comunitari - cittadini extracomunitari con doppia cittadinanza (UE e Paese Terzo); - migranti/cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo. È importante poi sottolineare che tutte le persone che beneficiano dei programmi di RVA rinunciano al loro status e al loro permesso di soggiorno al momento della partenza, ma non sono oggetto di divieti al reingresso regolare in Italia.

27 Progetti RVA approvati ed attivi FR AP 2013 Progetti RVA approvati ed attivi FR AP 2013 mag/lug 14 giugno 15 Titolo progetto Az. /Importo/Ente Attuatore A chi è rivolto Cosa offre Orientamento e counselling pre-partenza, cash alla partenza di 100 euro per migrante; biglietteria aerea; supporto a progetti di reintegrazione per singoli o nucleo familiare con erogazione di beni e servizi fino a euro. Az. 1 PARTIR VI OIM migranti di tutti i Paesi Terzi presenti su tutto il territorio nazionale. Destinatari ammissibili: migranti irregolari; a rischio di irregolarità in condizioni di vulnerabilità. Az. 2 AUSILIUM II OIM 950 migranti di tutti i Paesi Terzi presenti su tutto il territorio nazionale.destinatari ammissibili: migranti irregolari; a rischio di irregolarità. Az. 3 INTEGRAZIONE DI RITORNO II CIR con OXFAM Italia e CISP 80 migranti di ALGERIA, GHANA, ECUADOR, COLOMBIA e Orientamento e counselling pre.-partenza; impostazione PERU, presenti principalmente in Lombardia e nel Lazio, piano di reintegrazione con consulenza professionale anche se potranno essere segnalati e inclusi anche casi individualizzata; cash alla partenza di 300 euro per provenienti da altre regioni italiane Destinatari ammissibili: migrante; biglietteria aerea; sostegno progetto di migranti irregolari o a rischio di irregolarità anche in reintegrazione con erogazione di beni e servizi fino a condizione di vulnerabilità, provenienti dai paesi sopra euro a persona. menzionati Az. 3 ERMES CIES con CEFA, VIRTUS Italia e COOPAS 80 migranti provenienti da MAROCCO, TUNISIA e ALBANIA Orientamento e counselling pre-partenza; impostazione piano di reintegrazione con consulenza individualizzata; presenti principalmente in Emilia Romagna, Lazio ed Umbria anche se potranno essere segnalati e inclusi anche cash alla partenza di 300 euro euro per migrante; biglietteria aerea; sostegno alla realizzazione del progetto casi provenienti da altre regioni italiane Destinatari ammissibili irregolari o a rischio di irregolarità provenienti di reintegrazione per singolo o nucleo familiare con dai paesi sopra menzionati erogazione di beni e servizi fino a euro per progetto. Orientamento e counselling pre-partenza; impostazione piano di reintegrazione con consulenza individualizzata; cash alla partenza di 400 euro per migrante; biglietteria aerea; sostegno alla realizzazione del progetto di reintegrazione per singolo o nucleo familiare con erogazione di beni e servizi fino a euro per progetto. Orientamento e counselling pre-partenza; impostazione piano di reintegrazione con consulenza individualizzata; 80 migranti provenienti dal MALI presenti in tutte le regioni cash alla partenza; biglietteria aerea; sostegno alla d Italia Destinatari ammissibili: irregolari o a rischio di realizzazione del progetto di reintegrazione nel quadro di irregolarità provenienti dal paese sopra menzionato un progetto di promozione della produzione agricola da attuarsi in forma cooperativa 80 migranti provenienti da MAROCCO, TUNISIA, Az. 3 SENEGAL, GHANA, ECUADOR, PERU e BOLIVIA presenti REMPLOY III in tutte le regioni d Italia Destinatari ammissibili: irregolari OIM con AFP Patronato San o a rischio di irregolarità provenienti dai paesi sopra Vincenzo e Etimos Fond menzionati Az. 3 SAHEL SVILUPPO Attività produttive nel Paese di Origine degli immigrati maliani Sviluppo 2000 Orientamento e counselling pre-partenza, cash alla partenza di 200 euro per migrante; biglietteria aerea; NON è previsto nessun sostegno alla reintegrazione.

28 PARTIR VI PROGRAMMA PER L ASSISTENZA AL RITORNO VOLONTARIO DALL ITALIA E REINTEGRAZIONE NEL PAESE DI ORIGINE (az. 1 FR 2013) Avvio luglio 2014, conclusione partenze marzo 2015, salvo diverse indicazioni Azione 1 Programmi di rimpatrio volontario assistito e reintegrazione nei paesi di origine per gruppi vulnerabili specifici. Prosecuzione dell azione 2012, A chi è rivolto migranti di tutti i Paesi Terzi (non UE) presenti nelle regioni di tutta Italia dei gruppi di cui all art. 7 della decisione 2007/575/CE e Linee Guida DM /L. 129/11. Sarà data però priorità di accesso ai migranti che vivono in situazione di vulnerabilità disabili, anziani, donne in stato di gravidanza, genitori singoli con figli minori, persone vittime di tortura o violenza, persone affette da gravi patologie. Cosa offre Accompagnamento alla partenza: Counselling pre-partenza Viaggio: - Organizzazione del viaggio e pagamento biglietto aereo, acc aeroporto di partenza contributo in contanti alla partenza (per ciascuna persona che rientra) Reintegrazione: contributo fino a con l erogazione del sussidio in beni e servizi (quindi il totale dell importo non cambia in caso di nucleo familiare). Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di segnalazione - dichiarazione di volontarietà - progetto individuale di reintegrazione Scaricabile da: sezione Come si segnala un caso Inoltre: fotocopia di documenti quali passaporto, pds (se in possesso), eventuali certificati medici e attestati sullo stato di vulnerabilità, etc. Da inviare all Ente Attuatore OIM - e oppure via fax al ed help desk RIRVA,

29 AUSILIUM II annualità Az. 2 FR 12 e 13 - Programmi di rimpatrio volontario assistito per specifici gruppi di cittadini di paesi terzi. Avviato, conclusioni partenze Giugno 2015 A chi è rivolto migranti di TUTTI i Paesi Terzi presenti nelle regioni di tutta Italia dei gruppi di cui all art. 7 della decisione 2007/575/CE e Linee Guida DM /L. 129/11. Sarà data però priorità di accesso ai migranti in condizione di irregolarità sul territorio italiano o a rischio di irregolarità (ad es. migranti in possesso di permesso di soggiorno in prossimità di scadenza che non potrà essere rinnovato a causa del venir meno delle condizioni per cui è stato rilasciato); migranti destinatari di un provvedimento di espulsione che abbiano ricevuto un termine per la partenza volontaria - art. 13, c.5 del Testo Unico sull Immigrazione; titolari di protezione internazionale o di protezione temporanea, che scelgono di rinunciare al loro status; richiedenti asilo che rinunciano alla richiesta, oppure denegati che hanno fatto ricorso. Cosa offre Accompagnamento alla partenza: Counselling pre-partenza Viaggio: - Organizzazione del viaggio e pagamento biglietto aereo, acc aeroporto di partenza contributo in contanti alla partenza (per ciascuna persona che rientra) NON è previsto nessun sostegno alla reintegrazione. Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di segnalazione - dichiarazione di volontarietà Appena disponibile tale documentazione sarà disponibile sul sito sezione Come si segnala un caso - all Ente Attuatore OIM a e oppure via fax al Help desk RIRVA:

30 INTEGRAZIONE DI RITORNO II - az 3 FR 13 Attuato da CIR con OXFAM e CISP Avvio aprile 2013, conclusione partenze marzo 2015 A chi è rivolto - 80 Cittadini dei Paesi Terzi provenienti da ECUADOR, PERU, GHANA, ALGERIA e COLOMBIA, presenti principalmente in Lombardia e nel Lazio. Potranno essere segnalati e inclusi anche casi provenienti da altre regioni italiane - appartenenti alle seguenti categorie: migranti vulnerabili con permesso di soggiorno in scadenza non più rinnovabile e a rischio di irregolarità, migranti in situazione di irregolarità sul territorio anche destinatari di provvedimenti di espulsione o di respingimento (previo raccordo con le Prefetture competenti), vittime di tratta,richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria che rinunciano allo status. Cosa offre Accompagnamento alla partenza: colloqui di orientamento e counselling pre-partenza, stesura di un ipotesi concordata di micro-progetto di reintegrazione che includa l identificazione di opportunità per creazione d attività economiche autonome con elaborazione di business plan coerenti e sostenibili per le potenzialità occupazionali ed economiche del Paese. Viaggio: - Organizzazione viaggio e pagamento biglietto aereo; 400 /adulto di contributo in contanti alla partenza dall Italia, in relazione alla composizione del nucleo; assistenza all aeroporto di partenza (da Roma o da Milano) Reintegrazione: - erogazione di un contributo fino a per adulto in beni e servizi nel Paese di ritorno, in relazione al piano di reintegrazione concordato prima della partenza ed al numero dei comp. Del nucleo familiare - assistenza e monitoraggio degli interventi di reintegrazione da parte degli operatori di partners del progetto nel paese di ritorno Documentazione necessaria per la segnalazione del caso - scheda di presa in carico - dichiarazione di volontarietà Scaricabile da: sezione Come si segnala un caso Inoltre: fotocopia di documenti quali passaporto, pds (se in possesso), eventuali certificati medici e attestati sullo stato di vulnerabilità, etc. Da inviare Ente Attuatore CIR - - ed help desk RIRVA: - ed help desk RIRVA,

31 - az 3 FR 13 Attuato da CIES onlus, con CEFA Italia, VIRTUS Italia onlus e COOPAS Avvio febbraio Conclusione partenze A chi è rivolto 80 cittadini provenienti da Marocco, Tunisia, Albania Località in Italia di intervento: Emilia Romagna, Lazio ed Umbria Cosa offre Pre partenza: consulenza sociale, legale, formazione, orientamento e sostegno psicologico. Saranno realizzati colloqui svolti da operatori sociali e se necessario da mediatori linguistico culturale. Dagli elementi emersi nei colloqui si delineerà un piano di formazione/orientamento personalizzato per ogni candidato. A chi intende avviare una microimpresa si offrirà assistenza su creazione di impresa, business plan, strategie di marketing mentre chi opta per un lavoro dipendente si fornirà assistenza su bilancio di competenze e stesura CV Viaggio: preparazione dei documenti di viaggio, organizzazione viaggio, accompagnamento all aeroporto. fino 150 di contributo spese spedizione bagagli 150 di contributo in contanti alla partenza dall Italia, per ogni persona spese per figli da accordare secondo esigenze specifiche Reintegrazione: - erogazione di un contributo fino a 2000 in beni e servizi (il totale dell importo non cambia in caso di nucleo familiare) nel Paese di ritorno, in relazione al piano di reintegrazione socio-economica concordato prima della partenza. -assistenza e monitoraggio degli interventi di reintegrazione da parte degli operatori di partners del progetto nel paese di ritorno Documentazione necessaria per la segnalazione del caso Manifestazione di interesse (Disponibile sul sito sezione Segnala un caso ) Da inviare: -all Ente Attuatore: -Help desk RIRVA:

La misura del RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO in Italia RVA e Rete RIRVA

La misura del RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO in Italia RVA e Rete RIRVA Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito Rete RIRVA, VI fase Fondo Europeo per i Rimpatri 2008-2013 Bando AP 2013 Az. 6- Prog. 106699 La misura del RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO in Italia RVA e

Dettagli

info@reterirva.it - www.reterirva.it

info@reterirva.it - www.reterirva.it RETE ITALIANA PER IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO finanziata a valere sull az. 6 Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 Soggetto attuatore Consorzio nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM, GEA, CNOAS ed ISMU

Dettagli

SPUNTI PER UN APPROCCIO OPERATIVO AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO:

SPUNTI PER UN APPROCCIO OPERATIVO AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO: Progetto RIRVA VI Rete Italiana per il Rimpatrio Volontario Assistito, finanziata a valere sull az. 6 Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 Soggetto Attuatore Consorzio Nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM,

Dettagli

COME INFORMARE, ORIENTARE ED ACCOMPAGNARE IL MIGRANTE AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO

COME INFORMARE, ORIENTARE ED ACCOMPAGNARE IL MIGRANTE AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO SPUNTI PER UN APPROCCIO OPERATIVO AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO: COME INFORMARE, ORIENTARE ED ACCOMPAGNARE IL MIGRANTE AL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO Sessione in-formativa promossa da: RIRVA - Rete

Dettagli

Bergamo, 20 aprile 2011

Bergamo, 20 aprile 2011 Progetto NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito Az. 3.1.2. co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Bando Annualità 2009 az. 3.1.2. Fase 3. Attività informative su RVA

Dettagli

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO

COMUNICATO STAMPA RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO COMUNICATO STAMPA RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Un aiuto per chi vuole tornare volontariamente nel proprio Paese L Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto e la Rete NIRVA, promuovono una giornata formativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31.01.2013

COMUNICATO STAMPA DEL 31.01.2013 COMUNICATO STAMPA DEL 31.01.2013 * CONSIGLIO TERRITORIALE PER L IMMIGRAZIONE: SANATORIA 2012, RIFUGIATI LIBICI, CONCLUSIONE ATTIVITA COMMISSIONE RIFUGIATI, RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO. IL PREFETTO PRESIEDE

Dettagli

Strategie di informazione e comunicazione nazionale e locale sul Ritorno Volontario Assistito

Strategie di informazione e comunicazione nazionale e locale sul Ritorno Volontario Assistito Progetto RIRVA VI Rete Italiana per il Rimpatrio Volontario Assistito, Fondo europeo per i Rimpatri AP 2013 az..6 Soggetto attuatore Consorzio nazionale Idee in Rete con CIR, OXFAM, GEA, CNOAS ed ISMU

Dettagli

Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7.

Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO AI TEMPI DELLA CRISI ECONOMICA

Dettagli

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali

IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche nazionali e regionali Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito - Rete RIRVA, IV Fase co-finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri 2008-2013 Annualità 2012 az. 7. IL RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E LA RETE RIRVA Politiche

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito

NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario Assistito Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rimpatri NIRVA Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario

Dettagli

ROMA 27 marzo, ore 11.00-13.00 Sala Consiglio CNOAS Via del Viminale, 43 - sc. B - int. 6

ROMA 27 marzo, ore 11.00-13.00 Sala Consiglio CNOAS Via del Viminale, 43 - sc. B - int. 6 CONFERENZA STAMPA incontro con i Consolati dei Paesi di Origine Promosso dal Progetto Rete RIRVA - Consorzio Nazionale Idee in Rete, CIR, OXFAM Italia e Coop. GEA Consiglio Nazionale Ordine Assistenti

Dettagli

RASSEGNA STAMPA WORKSHOP RIRVA ROMA 23 MAGGIO 2013, ore 9.30 13.30

RASSEGNA STAMPA WORKSHOP RIRVA ROMA 23 MAGGIO 2013, ore 9.30 13.30 Progetto Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito Rete RIRVA IV fase co-finanziato da Fondo Europeo Rimpatri e Ministero dell Interno, az 7 AP 11, Sottoazione 3.3., workshop nazionale Attuato

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA GUIDA PER OPERATORI SUL RVA Come informare, orientare ed accompagnare il migrante al Ritorno Volontario Assistito Az. 2.4. Progetto RIRVA A cura di Partnership RIRVA Consorzio Nazionale Idee in Rete, Consiglio

Dettagli

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA

GUIDA PER OPERATORI SUL RVA GUIDA PER OPERATORI SUL RVA Come informare, orientare ed accompagnare il migrante al Ritorno Volontario Assistito Az. 2.4. Progetto RIRVA A cura di Partnership RIRVA Consorzio Nazionale Idee in Rete, Consiglio

Dettagli

Vademecum illustrativo degli strumenti e delle opportunità utilizzabili per la definizione di percorsi di autonomia in favore dei profughi inseriti

Vademecum illustrativo degli strumenti e delle opportunità utilizzabili per la definizione di percorsi di autonomia in favore dei profughi inseriti Vademecum illustrativo degli strumenti e delle opportunità utilizzabili per la definizione di percorsi di autonomia in favore dei profughi inseriti nei percorsi di accoglienza nell ambito dell emergenza

Dettagli

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia.

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia. Abstract Il dominante profilo umanitario, la assoluta grandezza dei numeri del fenomeno migratorio ed il considerevole impatto socio economico del sistema accoglienza dei richiedenti asilo giunti in Italia,

Dettagli

Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione. La cittadinanza italiana

Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione. La cittadinanza italiana Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione La cittadinanza italiana Un breve viaggio nei principi fondamentali Legge 5 febbraio 1992, n. 91 e successive modifiche e integrazioni Completa uguaglianza

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari La traversata del Mar Mediterraneo è la strada più mortale del mondo : così afferma l Agenzia Onu per i rifugiati, comunicando il bilancio record di 3.419

Dettagli

ORIENTAMENTI PER I MEDIA

ORIENTAMENTI PER I MEDIA Il Ritorno Volontario Assistito- RVA: ORIENTAMENTI PER I MEDIA ADDENDUM della Guida operatori sul RVA: Come informare, orientare ed accompagnare il migrante al Ritorno Volontario Assistito Az. 7. Progetto

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

Fondo Europeo per i Rimpatri 2008 2013 - Azione 1.1.1 - Annualità 2010. Progetto Volver. Ricerche. Associazione Tampep O.N.L.U.S. www.itcilo.

Fondo Europeo per i Rimpatri 2008 2013 - Azione 1.1.1 - Annualità 2010. Progetto Volver. Ricerche. Associazione Tampep O.N.L.U.S. www.itcilo. Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per i Rimpatri 2008 2013 - Azione 1.1.1 - Annualità 2010 Progetto Volver Ricerche Associazione Tampep O.N.L.U.S www.itcilo.org

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ 10 Novembre 2015 Verona Dott.ssa Margherita Marin Dott. Giuseppe Guido Stefenello DI COSA PARLIAMO: 1. COS È IL CONTRATTO DI RETE: PRINCIPALI CARATTERISTICHE

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il sistema di protezione per richiedenti protezione internazionale e rifugiati politici in provincia di Torino a cura di Donatella Giunti 1

Il sistema di protezione per richiedenti protezione internazionale e rifugiati politici in provincia di Torino a cura di Donatella Giunti 1 Prefettura di Torino - Ufficio Territoriale di Governo Il sistema di protezione per richiedenti protezione internazionale e rifugiati politici in provincia di Torino a cura di Donatella Giunti 1 Il cittadino

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Prot. 12 Roma, 8 febbraio 2010

Prot. 12 Roma, 8 febbraio 2010 Prot. 12 Roma, 8 febbraio 2010 Oggetto: Invito incontri territoriali in Lombardia. Progetto "OLTRE LA DISCRIMINAZIONE. Comunicazione sociale su minori immigrati e giustizia minorile Annualità 2008 - Fase

Dettagli

Minori e seconde generazioni

Minori e seconde generazioni Minori e seconde generazioni Sono 509mila le nascite in Italia nel 2014, il livello minimo dall Unità d Italia: così segnala l Istituto nazionale di Statistica nel comunicato di febbraio che diffonde le

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero)

Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) Dati e riflessioni sui progetti di protezione sociale ex art.

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

L immigrazione in Italia e in Veneto, dieci anni di trasformazioni

L immigrazione in Italia e in Veneto, dieci anni di trasformazioni Padova, 15 marzo 2015 L immigrazione in Italia e in Veneto, dieci anni di trasformazioni Bruno Baratto DIECI INDICATORI + 1, MA LE TRASFORMAZIONI SONO MOLTE DI PIU : Verso una stabilità maggiore o una

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

Bando Occupiamoci! Edizione 2013

Bando Occupiamoci! Edizione 2013 Bando Occupiamoci! Edizione 2013 Il presente bando è promosso da quattro Fondazioni italiane, con esperienza nell ambito del finanziamento e sviluppo di progetti sociali rivolti a bambini e giovani in

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi

Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi 3 Il fondo FEI Gli strumenti finanziari comunitari per l immigrazione Quadro istituzionale e organizzativo Le programmazioni pluriennale

Dettagli

L'ingresso in Italia per formazione professionale

L'ingresso in Italia per formazione professionale L'ingresso in Italia per formazione professionale È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con cui sono state fissate per l anno 2010

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per i Sistemi Informativi Direzione Generale Studi e Programmazione con cittadinanza non italiana scuole statali e non statali anno scolastico /7

Dettagli

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005 Riorganizzazione Trenitalia 14 luglio 2005 2 Riorganizzazione processi di manutenzione Strutture centrali Pianificazione industriale (Nuova) Ingegneria degli impianti e della manutenzione (riorganizz.

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 Le analisi che seguono sono relative al periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2013. 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELLE

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti

Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti Cod. ISTAT INT 00013 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Giustizia Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti Titolare: Dipartimento della Pubblica

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione alunni con scuole statali e non statali anno scolastico 6/7 NOVEMBRE 7 RTI : EDS Electronic Data Systems Auselda AED Group - Accenture Enel Servizi I dati presentati

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Il 20% delle richieste di astensione facoltativa dal lavoro presentate dai padri italiani è stata registrata a Roma.

Il 20% delle richieste di astensione facoltativa dal lavoro presentate dai padri italiani è stata registrata a Roma. La Maternità La legge tutela la donna durante la maternità e garantisce il diritto del bambino a un'adeguata assistenza da parte dei genitori. I dati INPS evidenziano anche un crescente coinvolgimento

Dettagli

Relazione Orientastranieri

Relazione Orientastranieri Coop. sociale a r.l. Onlus Relazione Orientastranieri Gennaio 2015 Giugno 2015 1 Sommario DESCRIZIONE... 3 STATISTICHE UTILIZZATORI DEL SERVIZIO -CASSANO D'ADDA ACCESSO LIBERO... 4 -CASSANO D ADDA SU APPUNTAMENTO...

Dettagli

SERVIZIO IMMIGRAZIONE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA E DELL ASILO. Report 2011. Assessorato Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato

SERVIZIO IMMIGRAZIONE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA E DELL ASILO. Report 2011. Assessorato Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato SERVIZIO IMMIGRAZIONE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA E DELL ASILO Report 2011 Assessorato Politiche Sociali e Rapporti con il Volontariato Direzione Politiche Sociali, Partecipative e dell Accoglienza

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 Il servizio 114 Emergenza infanzia svolge la sua attività di aiuto in emergenza a bambini e adolescenti dal 2003. La fase sperimentale, inizialmente realizzata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

A C I S J F Protezione della Giovane di Firenze

A C I S J F Protezione della Giovane di Firenze A C I S J F Protezione della Giovane di Firenze RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE ANNO 2012 Centro di Ascolto: Stazione Santa Maria Novella - Binario 2-5 - Firenze Tel. e fax +39 055 294635 Casa di Accoglienza:

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

LA MISURA DEL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Quadro normativo. Monza e Brianza 6 e 13 febbraio 2013 Ore 9.30-17.30

LA MISURA DEL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Quadro normativo. Monza e Brianza 6 e 13 febbraio 2013 Ore 9.30-17.30 LA MISURA DEL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Quadro normativo Monza e Brianza 6 e 13 febbraio 2013 Ore 9.30-17.30 1 1 LA MISURA DEL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Quadro normativo Lodi 7 e 14 febbraio

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI ASSISTENZA SANITARIA E SOCIALE (art. 27 d.lgs 251/07) I

Dettagli

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014 Conferenza Stampa Garanzia Giovani Roma, 10 dicembre 2014 2 Garanzia Giovani Obiettivo: migliorare l occupabilità Nasce da una raccomandazione europea 1.135 mln di fondi europei 378 mln. cofin. nazionale,

Dettagli

Il profiling nella Garanzia Giovani in Italia

Il profiling nella Garanzia Giovani in Italia SEMINARIO INTERNAZIONALE MODELLI AVANZATI DI PROFILING Roma 24 Giugno, 2014 Sala Biagi - Via Guidubaldo del Monte, 60 Il profiling nella Garanzia Giovani in Italia Maurizio Sorcioni Staff di Statistica

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Immigrati: 335mila imprese nel 2014, in testa cinesi e marocchini, più spazio a bengalesi e indiani Cresciute di 23mila unità in un anno Roma, 7 aprile 2015 L Italia delle

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio XIII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana Approfondimenti e analisi

Alunni con cittadinanza non italiana Approfondimenti e analisi Alunni con cittadinanza non italiana Approfondimenti e analisi Quaderni Ismu 1/2013 FONDAZIONE ISMU INIZIATIVE E STUDI SULLA MULTIETNICIT Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani : sono 147.130 i giovani che si sono registrati, 25.653 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 12.728 hanno già

Dettagli

Quote albo 2012 5.236.825,00

Quote albo 2012 5.236.825,00 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO PREVENTIVO 2012 ENTRATE CORRENTI Quote albo 2012 5.236.825,00 La previsione per il 2012 è calcolata sui dati forniti dagli Ordini regionali e sull importo dovuto per le quote

Dettagli