HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com"

Transcript

1 HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/ Due Carrare (PD) Italia tel P.IVA/C.F./R.I.PD

2 INDICE 1. Presentazione del servizio Nessuna criticità prevista entro 72h Fase Previsionale Criticità prevista entro 72h Fase Previsionale Fase di sala operativa Nowcasting Help Desk H Strumenti Dati radar ad alta risoluzione Piattaforma previsionale ALLEGATO A. Legenda e livelli di allerta... 15

3 1. Presentazione del servizio Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa stagione. Esso è composto da un insieme di attività, strutturate su più livelli operativi, che consentono una totale interazione tra il meteorologo ed i responsabili delle operazioni. Le informazioni e gli avvisi, forniti su diversi supporti comunicativi, sono focalizzati sui seguenti fenomeni meteorologici severi: - Pioggia intensa - Neve - Ghiaccio - Gelicidio - Galaverna (nebbia e ghiaccio) - Nebbia fitta e persistente L insieme delle attività consiste in più fasi previsionali, strutturate in funzione della previsione dei fenomeni meteorologici avversi, e in una di sala operativa, durante gli eventi, nella quale è fornita assistenza costante dal meteorologo (Tab. 1). Tab. 1: composizione delle attività del servizio meteo invernale NESSUNA CRITICITÀ PREVISTA ENTRO 72H Fase previsionale Servizio Descrizione Monitoraggio meteorologico I tecnici meteorologi monitorano costantemente l evoluzione meteorologica delle successive 72h; in questa fase, l invio dei bollettini è sospeso. CRITICITÀ PREVISTA ENTRO 72H Fase previsionale Fase di sala operativa Servizio Descrizione Servizio Descrizione Bollettino meteorologico Bollettino testuale generale con indicazione dei livelli di allerta in forma iconografica Nowcasting Help desk telefonico Emissione bollettini ogni 3 ore Disponibilità telefonica 24h su 24h 7gg su 7gg

4 2. Nessuna criticità prevista entro 72h Si tratta della situazione nella quale non sono previsti fenomeni meteorologici di rilievo entro le 72h successive Fase previsionale In questa fase gli operatori specializzati monitorano costantemente l evoluzione meteorologica sull area geografica d interesse, ma l emissione dei bollettini di previsione è sospesa fino all approssimarsi di un evento che possa arrecare criticità sulle tratte stradali di competenza. 3. Criticità prevista entro 72h Si tratta della situazione nella quale sono previsti fenomeni meteorologici di rilievo entro le 72h successive Fase previsionale In questa fase viene inviato quotidianamente, alle ore 9 della mattina, il bollettino meteorologico per le successive 72h, per fasce orarie di 6 ore. Il bollettino è composto da: - una parte generale chiara e sintetica per ognuna delle tre giornate (oggi, domani, dopodomani), nella quale sono riassunte le condizioni meteorologiche previste, focalizzate sui fenomeni d interesse; - una parte tabellare, ove sono indicati i livelli di allerta suddivisi per fasce orarie e per ogni singola tratta stradale (i livelli di allerta vengono definiti con il cliente, si veda l esempio dell ALLEGATO A); Si propone il seguente schema per l attivazione dell invio dei bollettini meteorologici con indicazione delle informazioni fornite dal bollettino:

5 Precipitazioni piovose intense - allerta attivata al superamento di una certa soglia di intensità (vedi allegato A); - informazioni fornite: quantità di pioggia prevista nella singola tratta per ogni fascia oraria di 6 ore per le successive 72h; probabilità che si verifichino gli accumuli previsti. Precipitazioni nevose - allerta attivata ad ogni evento; - informazioni fornite: quantità di neve prevista nella singola tratta per ogni fascia oraria di 6 ore per le successive 72h; probabilità che si verifichino gli accumuli previsti. Ghiaccio Gelicidio - allerta attivata con probabilità superiore al 10% che l evento si verifichi; - informazioni fornite: probabilità percentuale di occorrenza dell evento per ogni fascia oraria di 6 ore per le successive 72h. - allerta attivata con probabilità superiore al 10% che l evento si verifichi; - informazioni fornite: probabilità percentuale di occorrenza dell evento per ogni fascia oraria di 6 ore per le successive 72h.

6 Galaverna (nebbia e ghiaccio) - allerta attivata con probabilità superiore al 10% che l evento si verifichi; - informazioni fornite: probabilità percentuale di occorrenza dell evento per ogni fascia oraria di 6 ore per le successive 72h. Nebbia fitta e persistente (visibilità <200m) - allerta attivata con probabilità superiore al 10% che l evento si verifichi; - informazioni fornite: probabilità percentuale di occorrenza dell evento per ogni fascia oraria di 6 ore per le successive 72h. Nel caso in cui le previsioni per le prime 48 ore di validità cambino significativamente, viene elaborato un secondo bollettino previsionale con un aggiornamento della previsione entro la serata dello stesso giorno. La previsione viene inviata e messa a disposizione dell azienda tramite posta elettronica ma è consultabile anche tramite pagina web dedicata.

7

8 Fig. 1: esempio della pagina di un bollettino in situazione di allerta Tratte Livelli di allerta specifici per ogni tratta stradale Dettaglio tratta

9 3.2. Fase di sala operativa In prossimità e durante un evento che potrebbe causare criticità sul territorio entra in funzione la sala operativa, ove operano meteorologi specializzati. La sala operativa è attiva a partire dalla fascia oraria precedente rispetto alla prima segnalazione di allerta e rimane in funzione fino alla fascia oraria successiva rispetto all ultima allerta indicata nel bollettino Nowcasting Consiste nell elaborazione delle previsioni di nowcasting, che indicano l evoluzione meteorologica delle 6 ore successive con informazioni specifiche per ogni tratta stradale di competenza riportate con modalità simili ai bollettini di previsione. Queste previsioni tengono conto dei dati in tempo reale forniti dai radar, dei satelliti, dei radiosondaggi e delle reti di stazioni meteorologiche a terra. Le previsioni vengono pubblicate su una pagina web dedicata ed inviate all azienda tramite posta elettronica Help desk H24 Nell incombenza di nevicate o episodi di gelicidio, entra in funzione il servizio di Help Desk H24, durante il quale RADARMETEO allestisce la sala operativa per fornire assistenza telefonica continua 24h su 24h, 7gg su 7gg. Tale servizio garantisce un flusso costante di informazioni e la presenza di un meteorologo esperto a supporto diretto del cliente, con analisi complete della situazione in tempo reale e dell evoluzione degli eventi nelle ore successive. L Help Desk H24 rappresenta il servizio di supporto di qualità che aiuta il decisore nella messa in pratica di azioni preventive o nella gestione delle risorse nelle delicate fasi di una criticità. 4. Strumenti 4.1. Dati radar ad alta risoluzione I servizi di Help desk e di Nowcasting si avvalgono principalmente del Sistema di Monitoraggio Meteorologico e Supporto alle Decisioni (SMMeSD), nel quale sono consultabili in tempo reale i dati dei radar meteorologici dell Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto (ARPAV), ovvero Teolo (PD), Loncon (VE) e Milano Linate, quest ultimo gestito da ENAV e la cui copertura risulta di notevole importanza poiché effettua il monitoraggio dei sistemi perturbati provenienti da ovest, che sono la maggior parte (Fig. 2).

10 Fig.2: la copertura operativa dei tre radar meteorologici Il fatto che i radar siano in rete fornisce ampia garanzia di funzionamento del sistema, anche nel caso in cui uno di questi si danneggi o si trovi in manutenzione. Inoltre l effetto di sovrapposizione tra due o più radar produce un mosaico informativo molto più preciso di quello che può fornire un radar isolato. Il monitoraggio delle precipitazioni avviene in tempo reale su tutto il nord Italia, mediante aggiornamenti frequenti (ogni 10 minuti) e ad alta risoluzione (1 km 2 ), con la possibilità di scegliere il dettaglio spaziale e informativo, come ad esempio la visualizzazione delle precipitazioni sopra una certa soglia o l identificazione dei tracciati autostradali e dei confini amministrativi (Fig. 3). Fig.3: dati radar ad alta risoluzione spaziale

11 Il valore aggiunto della piattaforma SMMeSD risiede nella sua interattività e nella sua capacità di perseguire diversi obiettivi specifici, tra i quali l identificazione dei sistemi meteorologici potenzialmente pericolosi nonché la stima del rischio e della severità di un evento meteorologico. Inoltre SMMeSD è in grado di generare specifici prodotti dedicati al nowcasting, con informazioni relative al movimento e all evoluzione della perturbazione nelle successive 3 ore, e quindi di produrre stime di precipitazione con una accuratezza non raggiungibile dai sistemi tradizionali (Fig. 4). Fig. 4: precipitazione accumulata prevista rispettivamente dopo 30 minuti, dopo 60 minuti e dopo 90 minuti 4.2 Piattaforma previsionale Le previsioni sono riportate su un Sistema Informativo Geografico (GIS), che visualizza le variabili meteorologiche sovrapponendole alla cartografia del territorio, con step orari fino alle 96 ore successive e con risoluzione di 2 km x 2 km. Questa interattività permette la contemporanea consultazione delle mappe e delle previsioni puntuali, consentendo all operatore una migliore fruibilità dei contenuti previsionali.

12 Fig. 5: visualizzazione d esempio della pagina principale della piattaforma meteorologica La piattaforma è basata sugli output del modello di previsione meteorologica WRF-EMM, per i campi deterministici standard, e su un sistema ENSEMBLE-WRF per le previsioni della probabilità di precipitazione. Gli aggiornamenti avvengono due volte al giorno, uno alla mattina (circa ore 7 locali) ed uno alla sera (circa ore 19 locali). I principali parametri previsti sono: temperatura, precipitazione (tutti i tipi), neve, ghiaccio, gelicidio, vento e visibilità. Le previsioni areali sono visualizzate su tutta Italia sotto forma di una mappa sovrapposta alla cartografia del territorio. E possibile selezionare la variabile da un comodo menu inserito nella finestra della cartografia, per poi osservarne l andamento temporale cliccando sulla data e sull ora d interesse. E inoltre possibile effettuare uno zoom sulla località o sul territorio d interesse (Fig. 6). Fig. 6: Esempio di 3 livelli di zoom differenti su una tratta autostradale Le previsioni puntuali sono presentate sia sotto forma di dati numerici che sotto forma di grafici giornalieri: è sufficiente cliccare col mouse su un punto del territorio di interesse. I dati testuali riportano ora per ora, in disposizione tabellare, i valori previsti della variabile di interesse con indicazione dell unità di misura (Fig. 7).

13 Fig. 7: modalità di visualizzazione della previsione puntuale I grafici (Fig. 8) permettono invece la visualizzazione dell andamento delle variabili nei giorni successivi, indicandone l evoluzione. Sono disponibili diversi grafici, nei quali vengono visualizzate variabili affini in modo da permettere all operatore di analizzare in dettaglio i fenomeni meteorologici che determinano criticità analoghe. Fig. 8: I grafici della piattaforma previsionale

14 Le variabili visualizzabili, d interesse per la gestione viaria, sono molteplici: - Temperatura a 2m, del suolo e di rugiada, - Direzione e velocità del vento (medio e raffiche), - Pressione atmosferica, - Accumuli precipitativi con indicazione del tipo di fenomeno (pioggia, neve o grandine), - Copertura nuvolosa, visibilità e umidità relativa. I grafici sono completamente interattivi, permettendo di ingrandire le fasce orarie di maggiore interesse e di visualizzare i valori numerici delle variabili al semplice passaggio del mouse.

15 5. ALLEGATO A LEGENDA 1. Pioggia intensa Precipitazione atmosferica in forma liquida avente un intensità superiore ai 50 mm/24h. 2. Neve Precipitazione solida costituita da cristalli di ghiaccio a simmetria esagonale aggregati fra loro a formare fiocchi di neve. 3. Ghiaccio Deposito di cristalli di ghiaccio che si forma per brinamento del vapore acqueo presente in atmosfera o per ghiacciamento di acqua preesistente dovuta per es. a piogge cadute in precedenza o a neve fusa. 4. Gelicidio Pioggia che cade al suolo in forma liquida pur con una temperatura dell aria inferiore a 0 C gelando poi a contatto con il terreno. Si forma così uno strato di ghiaccio trasparente e omogeneo, estremamente pericoloso per la viabilità. 5. Galaverna (nebbia e ghiaccio) Presenza contemporanea di nebbia e ghiaccio (galaverna) quando la temperatura dell aria è inferiore a 0 C. 6. Nebbia fitta e persistente Formazione nuvolosa a contatto con il suolo costituita da goccioline di acqua liquida che comporta una visibilità inferiore a 200 metri.

16 LIVELLI DI ALLERTA I valori soglia presentati sono indicativi. Pioggia intensa Livello Soglia Simbolo Tutto OK Livello 1 Livello 2 Livello 3 Accumulo < 50 mm/24 h 50 mm/24 h < Accumulo < 100 mm/24 h 100 mm/24 h < Accumulo < 150 mm/24 h Accumulo > 150 mm/24 h Neve Livello Soglia Simbolo Tutto OK Livello 1 Livello 2 Livello 3 Accumulo nullo in 24h 0 cm/24 h < Accumulo < 5 cm/24 h 5 cm/24 h < Accumulo < 10 cm/24h Accumulo > 10 cm/24 h Ghiaccio Livello Soglia Simbolo Tutto OK Probabilità < 10% Livello 1 10% < Probabilità < 30% Livello 2 30% < Probabilità < 70% Livello 3 Probabilità > 70%

17 Gelicidio Livello Soglia Simbolo Tutto OK Probabilità < 10% Livello 1 10% < Probabilità < 30% Livello 2 30% < Probabilità < 70% Livello 3 Probabilità > 70% Nebbia fitta e persistente Livello Soglia (visibilità inferiore a 200 m) Simbolo Tutto OK Probabilità < 10% Livello 1 10% < Probabilità < 30% Livello 2 30% < Probabilità < 70% Livello 3 Probabilità > 70% Galaverna (nebbia e ghiaccio) Livello Soglia Simbolo Tutto OK Probabilità < 10% Livello 1 10% < Probabilità < 30% Livello 2 30% < Probabilità < 70% Livello 3 Probabilità > 70%

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

La Piattaforma SMMeSD

La Piattaforma SMMeSD La Piattaforma SMMeSD Sistema di Monitoraggio Meteorologico e Supporto alle Decisioni Guida all utilizzo Indice 1. SMMeSD il prodotto... 2. Come accedere. 3. La schermata iniziale e il prodotto Mosaico.

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE Il Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale, emesso quotidianamente entro le ore 15.00 dal Dipartimento Nazionale della

Dettagli

Organizzazione di un servizio meteorologico regionale

Organizzazione di un servizio meteorologico regionale PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dip. Protezione Civile e Tutela del Territorio Ufficio Previsioni e Organizzazione Organizzazione di un servizio meteorologico regionale Andrea Piazza PROVINCIA AUTONOMA DI

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 683 del 17 maggio 2016 pag. 1/6 SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO, rappresentata da L AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

TEMPORALI INTENSI DI MERCOLEDI 8 LUGLIO 2015 SUL VENETO

TEMPORALI INTENSI DI MERCOLEDI 8 LUGLIO 2015 SUL VENETO TEMPORALI INTENSI DI MERCOLEDI 8 LUGLIO 2015 SUL VENETO 1. ANALISI METEOROLOGICA PRELIMINARE 2. ALCUNI DATI REGISTRATI DALLE STAZIONI METEOROLOGICHE ARPAV 3. ALCUNE IMMAGINI DEI RADAR METEOROLOGICI ARPAV

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo La previsione meteo 1 I dati della rete di monitoraggio 2 Le immagini satellitari 3 Le immagini radar 4 I radiosondaggi 5 Le carte di analisi al suolo Nuovi metodi di osservazione e calcolo (1960-1980

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 (redatto da B. Turato, L. Napolitano) Abstract...1 1 Analisi meteorologica...1 2 Dati Osservati...4 2.1 Analisi anemometrica...4 2.2 Analisi nivologica...4

Dettagli

DIRETTIVA REGIONALE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER RISCHIO METEOROLOGICO, IDROGEOLOGICO, IDRAULICO

DIRETTIVA REGIONALE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER RISCHIO METEOROLOGICO, IDROGEOLOGICO, IDRAULICO DIRETTIVA REGIONALE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER RISCHIO METEOROLOGICO, IDROGEOLOGICO, IDRAULICO DISPOSIZIONI E PROCEDURE OPERATIVE PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO FUNZIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 04-09-2006 (punto N. 3 ) Delibera N.611 del 04-09-2006

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 04-09-2006 (punto N. 3 ) Delibera N.611 del 04-09-2006 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 04-09-2006 (punto N. 3 ) Delibera N.611 del 04-09-2006 Proponente MARINO ARTUSA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA Pubblicita /Pubblicazione:

Dettagli

CONSORZIO DI DIFESA DI VERONA

CONSORZIO DI DIFESA DI VERONA Eccesso di pioggia sui comuni di Cerea, Casaleone e Sanguinetto (VR) 21-23 maggio 2015 Di seguito si riportano i risultati dell analisi dei dati di precipitazione riferiti ai comuni di Cerea, Casaleone

Dettagli

ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO

ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO PROGETTO METEO ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO RIELABORAZIONI STATISTICHE CLASSI COINVOLTE: 2A Agri, 2B Agri, 2D Mas A. S. 2013-2014 L indagine statistica, svolta durante il corso dell

Dettagli

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Fax SMS Messaggi vocali E-mail LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL AVVISO DI CRITICITÀ SI RITIENE EFFICACE QUALORA ALMENO UNO DEI CANALI

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Visione laterale della stazione meteorologica wireless DCF 4CastPC. Visione posteriore della stazione meteorologica wireless DCF 4CastPC

Visione laterale della stazione meteorologica wireless DCF 4CastPC. Visione posteriore della stazione meteorologica wireless DCF 4CastPC Stazione meteorologica wireless DCF con previsione di tempo per 4 giorni 4CastPC stazione meteorologica wireless DFC con sensori per la direzione e la velocità del vento, temperatura, umidità relativa

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Dati Meteo XML. Previsioni Giornaliere, Orarie, Triorarie. a cura dello staff di www.centrometeo.com

Dati Meteo XML. Previsioni Giornaliere, Orarie, Triorarie. a cura dello staff di www.centrometeo.com Dati Meteo XML Previsioni Giornaliere, Orarie, Triorarie a cura dello staff di www.centrometeo.com Versione 2 Indice 1 Dati XML Giornalieri...2 1.1 Struttura dei dati...2 1.2 Significato dei TAG...3 2

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Valerio Capecchi - Giornata di Formazione in Protezione Civile Centro Intercomunale

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Archivio dati web di Meteotrentino. Guida per l utente. Descrizione

Archivio dati web di Meteotrentino. Guida per l utente. Descrizione Archivio dati web di Meteotrentino Guida per l utente Descrizione Navigazione e personalizzazione Tipo, frequenza e qualità dei dati Requisiti di sistema Risoluzione problemi Descrizione Questo archivio

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Ing. Carlo Costa Direttore Tecnico Lunghezza complessiva: 314 km Dislivello coperto: da 50 a 1375 m.s.l.m. Intersezioni con altre autostrade: - Brenner

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

INFORMATIVA SUI TEMPORALI

INFORMATIVA SUI TEMPORALI INFORMATIVA SUI TEMPORALI Il Responsabile del Centro Funzionale Decentrato Dott. Ing. Roberto Tonellato Hanno partecipato all elaborazione dell informativa l ARPAV, la Sezione Difesa del Suolo e la Sezione

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

FORMATO FILE XML PER PREVISIONI GIORNALIERE E TRIORARIE

FORMATO FILE XML PER PREVISIONI GIORNALIERE E TRIORARIE DOCUMENTAZIONE TECNICA FORMATO FILE XML PER PREVISIONI GIORNALIERE E TRIORARIE Versione 1.5 Aprile 2011 Luca Cecchetti l.cecchetti@ilmeteo.it ilmeteo.it 2005-2011 1 1 File XML giornaliero Struttura del

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2. SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO METEOIDROGEOLOGICO Nel presente capitolo è dapprima descritta (paragrafo 2.1) la procedura regionale che, partendo dalle previsioni meteoidrologiche effettuate dal Centro

Dettagli

SAPPIAMO DIRVI CHE TEMPO FARA

SAPPIAMO DIRVI CHE TEMPO FARA SAPPIAMO DIRVI CHE TEMPO FARA A B La meteorologia sta diventando una risorsa indispensabile per molti business che richiedono informazioni dinamiche e risposte concrete a quesiti e problematiche di varia

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE 16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE Ing. Elena Barbato Dott. Giacomo Cireddu RUOLO DELLA MODELLISTICA NELLA

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Comune di Polesella PIANO NEVE

Comune di Polesella PIANO NEVE Comune di Polesella PIANO NEVE Presentazione Il Piano Neve definisce l insieme di attività da adottare per garantire la messa in sicurezza e la transitabilità delle strade quando si preveda il verificarsi

Dettagli

Capitolo 1. Il fenomeno della fulminazione atmosferica

Capitolo 1. Il fenomeno della fulminazione atmosferica Capitolo 1 Il fenomeno della fulminazione atmosferica 1.1 Introduzione I fulmini costituiscono un tema che da sempre affascina gli uomini. Le prime tracce di questo fenomeno risalgono a 4500 anni fa con

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Implementazione su web del sistema WIND-GIS

Implementazione su web del sistema WIND-GIS Implementazione su web del sistema WIND-GIS Contenuti dell applicazione Il layout dell applicazione si articola in diverse sezioni, ognuna delle quali offre specifiche funzionalità. La sezione più importante

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE Provincia Autonoma di Trento SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE (maggio 2005) FINALITA Il presente Sistema di Allerta costituisce parte essenziale delle attività di protezione civile a livello provinciale,

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA DIRIGENZA N. 227 CORSI E CONCORSI

COMUNICAZIONE DELLA DIRIGENZA N. 227 CORSI E CONCORSI nome del file: \\Server01\almerico\Uffici\1 COMUNICAZ. PRES\2015-2016\227 corso meteorologia.docx A M B R O S I mforner COMUNICAZIONE DELLA DIRIGENZA N. 227 CORSI E CONCORSI Vicenza 25.01.2016 Agli studenti

Dettagli

LE AVVERSITA' ATMOSFERICHE IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE VENETO NEL PERIODO 1978-2003

LE AVVERSITA' ATMOSFERICHE IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE VENETO NEL PERIODO 1978-2003 LE AVVERSITA' ATMOSFERICHE IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE VENETO NEL PERIODO 978-23 Alessandro Chiaudani*, Gabriele Tridello*, Filippo Turetta*, Maurizio Borin**, Marco Politeo**, Paolo Rosso***, Francesco

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte 42 L VLIDZIONE UTOMTI DEI DTI METEOROLOGII Maria Elena Nicolella SI (onsorzio Sistemi Informativi) Piemonte Riassunto L obiettivo del lavoro è quello di descrivere una procedura per il controllo di qualità

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico dal 13 al 15 dicembre 2012

Rapporto dell evento meteorologico dal 13 al 15 dicembre 2012 Rapporto dell evento meteorologico dal 13 al 15 dicembre 2012 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore Cireddu-Barbato Ruolo della modellista nella valutazione Cos è un modello degli impatti odorigeni Modelli matematici: Deterministici:

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

CARLESI STRUMENTI Strumenti di Misura Sesto Fiorentino Firenze

CARLESI STRUMENTI Strumenti di Misura Sesto Fiorentino Firenze Stazione meteorologica wireless DCF con previsione di tempo per 4 giorni CAR-4CASTPC Stazione meteorologica wireless DFC con sensori per la direzione e la velocità del vento, temperatura, umidità relativa

Dettagli

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici Relatore: Ing. MARIANO CARRARO Segretario Regionale per l Ambiente del Veneto Intervento

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione MONITO DELLA NEVE AL SUOLO IN PIEMONTE Roberto Cremonini, Maria Cristina Prola, Secondo Barbero, Erika Solero Arpa Piemonte, Dipartimento Servizi Previsionali, Torino, Italia Enrico Bonansea, Marcella

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna Servizio Territorio Montano e Manutenzioni Manuale dell Utente Luca Bincoletto Ottobre 2006 INDICE

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

L umidità atmosferica

L umidità atmosferica L umidità atmosferica Gli stati fisici dell acqua Nell atmosfera è sempre contenuta una certa quantità di acqua, in parte allo stato solido e liquido (nubi), in parte allo stato gassoso. Quest ultima deriva

Dettagli

Logistica e modalità di gestione dell emergenza neve sul sedime di Malpensa

Logistica e modalità di gestione dell emergenza neve sul sedime di Malpensa Manutenzione Scalo Malpensa Logistica e modalità di gestione dell emergenza neve sul sedime di Malpensa Stefano DOLCI, Marco SCLIP Malpensa, 23 aprile 2013 1 Malpensa, 23 Aprile 2013 Convegno Winter Operations

Dettagli

Comunicare i dati ambientali

Comunicare i dati ambientali Comunicare i dati ambientali Roma, 15 aprile 2010 Avv. Andrea Drago Direttore Generale ARPAV Conoscere per governare Conoscere lo stato dell ambiente attraverso le attività di prevenzione, monitoraggio

Dettagli

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche.

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Poiché le situazioni meteo estive sulle regioni alpine e appenniniche sono mutevoli e incostanti è bene conoscere gli elementi

Dettagli

RISCHIO METEOROLOGICO

RISCHIO METEOROLOGICO RISCHIO METEOROLOGICO = rischio connesso con i principali fenomeni meteorologici ARPAV - Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio (DRST) Centro Meteorologico di Teolo (CMT) Centro Valanghe

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 NEVE DIC05 SOP ATTIVATA - CCS c/o UTG NON ATTIVATO INFORMATIVA DA: Sala Operativa Provinciale

Dettagli

WS1080 STAZIONE METEO CON TOUCHSCREEN E INTERFACCIA PC MANUALE UTENTE

WS1080 STAZIONE METEO CON TOUCHSCREEN E INTERFACCIA PC MANUALE UTENTE WS1080 STAZIONE METEO CON TOUCHSCREEN E INTERFACCIA PC MANUALE UTENTE 2 WS1080 STAZIONE METEO CON TOUCHSCREEN E INTERFACCIA PC 1. Introduzione A tutti i residenti dell Unione Europea Importanti informazioni

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 1/15 Sezione Provinciale di Modena PREMESSA Al fine di verificare i livelli di rumorosità provocati

Dettagli

Servizi di tracciamento: un esempio nel monitoraggio delle operazioni invernali sulla rete autostradale Italiana. Filippo Baccani

Servizi di tracciamento: un esempio nel monitoraggio delle operazioni invernali sulla rete autostradale Italiana. Filippo Baccani Servizi di tracciamento: un esempio nel monitoraggio delle operazioni invernali sulla rete autostradale Italiana Filippo Baccani Autostrade // per l Italia InfoMobility Forum Telematics 11 Novembre 2004

Dettagli

L INVERNO meteorologico 2011

L INVERNO meteorologico 2011 L INVERNO meteorologico 2011 I primi tre mesi dell anno, oltre ad avere nel complesso temperature abbastanza in linea con i valori attesi per la stagione (ad eccezione di febbraio che presenta una lieve

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Guida completa a MeteoMemo 3.0 Professional

Guida completa a MeteoMemo 3.0 Professional Guida completa a MeteoMemo 3.0 Professional Tutti i tuoi dati meteo sempre a portata di mano! di Stefano Ripamonti MeteoMemo 3.0 Pro Versione: 3.0.2 (built Gennaio 2006) Licenza: freeware (gratuito) e-mail:

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC)

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC) laborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 213 3 - L ONIZIONI MTOROLOGIH NL TRRITORIO LL PROVINI I RVNN (on la collaborazione di RP - SIM) 3.1 - Gli indicatori meteorologici

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014

PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014 PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014 Fase di ALLERTAMENTO Definizione; Attivazione della fase di allertamento; Piano Neve Rete Ferroviaria Italiana Disponibilità risorse/impianti/attrezzature;

Dettagli

POLIZZA METEO. Assicurare i propri ricavi contro eventi meteorologici sfavorevoli

POLIZZA METEO. Assicurare i propri ricavi contro eventi meteorologici sfavorevoli POLIZZA METEO Assicurare i propri ricavi contro eventi meteorologici sfavorevoli POLIZZA METEO Un prodotto assicurativo indirizzato a gestori di piscine. Completamente personalizzabile a seconda delle

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE Ai sensi della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 modificata

Dettagli

Contratto di assicurazione Altri danni ai beni GRANDINE E AVVERSITA ATMOSFERICHE. Rischi non agevolati integrativi. Mod. 51.510 Ed.

Contratto di assicurazione Altri danni ai beni GRANDINE E AVVERSITA ATMOSFERICHE. Rischi non agevolati integrativi. Mod. 51.510 Ed. FATA ASSICURAZIONI DANNI S.p.A. Contratto di assicurazione Altri danni ai beni GRANDINE E AVVERSITA ATMOSFERICHE Rischi non agevolati integrativi Mod. 51.510 Ed. 2013 Il presente Fascicolo informativo,

Dettagli

RETE GNSS DELLA PROVINCIA DI TREVISO

RETE GNSS DELLA PROVINCIA DI TREVISO ANALISI DELLA DOMANDA Una rete di SP trova applicazione in tutti i settori di attività in cui occorra effettuare posizionamenti e georeferenziazione di entità fisse o mobili di qualsiasi tipo. A titolo

Dettagli

Software sviluppati dal Centro Funzionale per la gestione, l archiviazione e l elaborazione dei prodotti utilizzati

Software sviluppati dal Centro Funzionale per la gestione, l archiviazione e l elaborazione dei prodotti utilizzati CEntro funzionale per la previsione meteorologica e il monitoraggio MeteoPluvioIDrometrico e delle frane Settore Programmazione Interventi di Protezione Civile sul Territorio Regione Campania Software

Dettagli

Piogge eccezionali e misure di autoprotezione

Piogge eccezionali e misure di autoprotezione Associazione Intercomunale Terre Estensi Servizio Associato di Protezione Civile Piogge eccezionali e misure di autoprotezione PIOGGE ECCEZIONALI Negli ultimi anni è diventato sempre più frequente il verificarsi

Dettagli