Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità?"

Transcript

1 Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità? 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia Renato Valla Head of Trading Electrade SpA Milan October 17, 2012 Auditorium Federchimica

2 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

3 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

4 Electrade Spa: chi siamo Electrade S.p.A. rappresenta oggi un operatore qualificato sui principali mercati energetici mondiali. In Italia è leader nella compravendita di energia elettrica da fonti rinnovabili, Certificati Verdi e Titoli di Efficienza Energetica sul mercato organizzato e bilaterale In Europa è attiva nel trading di energia elettrica sui mercati di Italia, Germania, Francia, Svizzera, Austria, Grecia e Slovenia come operatore bilaterale, operatore di mercato delle rispettive borse elettriche (Epex Spot, Lagie e Bsp) e responsabile di bilanciamento Nel mondo è operatore sui mercati internazionali della CO 2 in qualità di buyer di progetti CDM in Sud America, Africa e Asia e trader di titoli EUA, CER ed ERU nel mercato dell ETS In Sudamerica ha avviato progetti per la produzione di energia da impianti idroelettrici ecosostenibili

5 Electrade Spa: power trading La divisione Power Trading si occupa di negoziare, sui mercati elettrici europei e OTC, contratti di acquisto e vendita di energia elettrica e strumenti finanziari con finalità di trading e di hedging Electrade opera sui mercati di Italia, Germania, Francia, Svizzera, Austria, Grecia e Slovenia in qualità di operatore di mercato (borse IPEX, EPEX SPOT, LAGIE, BSP) operatore bilaterale responsabile di bilanciamento Dal 2011, grazie alla crescita dei volumi scambiati, alla solidità e ai risultati ottenuti, Electrade ha deciso di rafforzare la propria presenza sui mercati organizzati dell Europa Centrale ed Orientale

6 Electrade Spa: green markets La divisione Mercati Ambientali gestisce la compravendita sui mercati organizzati e attraverso contratti bilaterali di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Certificati Verdi e CO-FER Titoli di Efficienza Energetica Inoltre studia soluzioni dedicate per produttori con impianti qualificati IAFR e ICO-FER clienti industriali soggetti obbligati ESCO

7 Electrade Spa: green markets Electrade detiene una partecipazione Consul System S.r.l., Energy Service Company leader nel mercato italiano per numero di titoli di efficienza energetica ottenuti da progetti a consuntivo. Efficienza energetica Consulenza CDM Clienti industriali Oltre 3 millioni TEE generati Steel Oil Refinery Paper Cement Glass Energy Chemical

8 Electrade Spa: power generation Electrade è direttamente impegnata nello sviluppo di progetti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia e all estero sul territorio nazionale è interessata ad investire sia nell acquisizione di progetti che nelle concessioni e nelle autorizzazioni per la costruzione di nuovi impianti di piccola e media taglia a livello internazionale ha interesse ad investire nei Paesi emergenti in un ottica di rispetto ambientale limitato impatto degli impianti sul territorio

9 Electrade Spa: carbon markets La divisione Carbon Markets di Electrade partecipa attivamente ai meccanismi flessibili del Protocollo di Kyoto e all Emission Trading per la riduzione delle emissioni di CO 2 Electrade è interessata a sviluppare progetti di riduzione delle emissioni di CO2 a livello mondiale con partner strategici, project developer internazionali e locali. Opera in qualità di buyer, di progetti CDM per l ottenimento di titoli che attestano la riduzione di emissione di CO 2 al trading di titoli EUA, CER ed ERU sul mercato europeo dell EU-ETS e alla gestione del portafoglio titoli di operatori industriali e soggetti compliance

10 Electrade Spa: carbon markets Italian Player CDM Market ENEL 106 Electrade Edison Asja Ambiente Italia 12 Italcementi Iride Mercato ERG Cementerie Aldo Barbetti Italian Carbon Fund Annual CERs Delivery Portfolio of 29 CDM projects for a total volume of around 10 million CERs up to

11 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

12 Protocollo di Kyoto Sottoscrizione Protocollo Kyoto UNFCCC 11/12/1997 Entrata in vigore 16/02/2005 con la ratifica della Russia Obbligo di riduzione delle emissioni almeno del 5% rispetto all anno base 1990 Settori coinvolti: - Attività energetiche - Produzione e trasformazione metalli ferrosi - Industria dei prodotti minerali - Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici - Impianti industriali per la fabbricazione della carta

13 Meccanismi flessibili del Protocollo di Kyoto Clean Development Mechanism (CDM) Emission Trading Scheme (ETS) Joint Implementation (JI) Meccanismi flessibili del Protocollo

14 Meccanismi flessibili: ETS Direttiva 2003/87/CE: Mercato dello scambio delle quote di emissione ETS DIRITTI DI EMISSIONE PNA assegna le quote di emissione (EUAs) ad ogni impianto 1 quota = 1 tonn/co2 eq EMISSION TO CAP Ciascun produttore restituisce un numero di quote pari alla differenza tra quanto emesso e quanto allocato CICLO ANNUALE DELL ETS FEBBRAIO assegnazione quote impianto per anno seguente MARZO invio report emissioni generate anno precedente APRILE il gestore consegna un numero di quote pari alle emissioni anno prima MAGGIO pubblicazione emissioni sul sito web Registro Comunitario CARBON MARKET Scambio dei diritti di emissione e dei crediti EUAs, CERs (CDM) ed ERUs (JI)

15 Piano Nazionale di Allocazione Redatto dagli Stati membri per fissare un tetto massimo nazionale di quote allocate alle imprese nei diversi periodi di riferimento Riflette i target di riduzione stabiliti dal Protocollo di Kyoto Definisce le quantità specifiche di CO2 consentite per i singoli impianti nei settori soggetti alla Direttiva 2003/87/CE Per ogni installazione le allocazioni devono tener conto del potenziale di riduzione delle emissioni e non devono essere in quantità superiore al necessario Ogni impianto è tenuto a rispettare il tetto di quote assegnato nel periodo di riferimento. Eventuali eccedenze potranno essere vendute sul mercato; eventuali mancanze dovranno essere acquisite attraverso uno dei meccanismi disponibili Fase I ( ) Allocate gratuitamente il 95% delle quote di emissione (il 5% asta) Fase II ( ) Allocazione a mezzo d asta per il settore energetico e raffinazione. Allocazione gratuita 80% (20% asta) per tutti gli altri settori ITALIA - PNA approvato il 22/02/ Impegno riduzione 6,5% (1990) ITALIA - PNA approvato il 15/05/ Impegno riduzione 12,2% (totale quote 195,8 Mtonn)

16 Meccanismi Flessibili: CDM e JI CDM Consente ai paesi industrializzati di realizzare progetti in paesi in via di sviluppo (baseline&credit) JI Consente ai paesi industrializzati di realizzare progetti in altri paesi dello stesso gruppo (baseline&credit) CERs = emissioni baseline - emissioni progetto CERs rivenduti sul mercato/accumulati Promozione sviluppo sostenibile nei paesi terzi Riduzione del costo di abbattimento delle emissioni Contratti di compravendita ERPA ERUs = emissioni baselline - emissioni progetto ERUs rivenduti sul mercato/accumulati Riduzione dei costi complessivi di adempimento ai vincoli del protocollo di Kyoto, permettendo l abbattimento delle emissioni lì dove è economicamente più conveniente Paesi soggetti a vincolo di riduzione Paesi soggetti a vincolo di riduzione Italia CERs PVS Italia Progetto Progetto Brasile ERUs Romania Investimento Paesi non soggetti a vincolo di riduzione Investimento Paesi con economia in transizione

17 Progetti CDM: requisiti minimi Analisi degli impatti ambientali delle attività progettuali (a discrezione del Paese ospitante) Esclusi i progetti nucleari Rilascio dei certificati CERs (a conclusione dell intero ciclo di progetto, a seguito di attività certificate di monitoraggio) Autorizzazione da parte delle Autorità Nazionali Accreditate (DNA) dei paesi coinvolti Dal 2005 conversione di CERs in quote emissione da parte di Stati Membri in cambio dei crediti ottenuti mediante i progetti

18 I Maturazione dei progetti CDM Investimento in un progetto Pagamento immediato in base al numero di CERs previsti all anno per tutta la durata del progetto Rischio per chi compra Ottimo per chi vende Crediti CDM Acquisto crediti da un progetto sviluppato da altri Contratti di opzione Contratti forward prezzo fisso (rischio medio), prezzo variabile (maggiore incertezza) Contratti spot massima flessibilità Vantaggi CDM Diffusione di tecnologia nei PVS, (costi marginali di abbattimento delle emissioni minori rispetto al paese di origine Internazionalizzazione delle imprese e apertura dei mercati

19 Mercato della CO2: approccio strategico per la riduzione delle emissioni

20 Mercato della CO2: monete di scambio 1/2 Compliance Markets Mercato del Protocollo di Kyoto CER ERU AAU VER Mercato Volontario EU Emission Trading Scheme EUA

21 Mercato della CO2: monete di scambio 2/2 Tipologia di certificato EUA European Unit Allowances Caratteristiche Diritti di emissione allocati agli impianti dai Governi degli Stati Membri nell ambito dell ETS attraverso i Piani Nazionali di Allocazione (PNA) valide per il periodo di allocazione, ma anche per la FASE III (post 2012) quotate su piattaforme di scambio organizzate e OTC banking tra fasi: FASE I no, FASE II si AAU Amount Unit Allowances CER Certified Emission Reductions I Paesi che hanno ricevuto le quote di allocazione, attraverso il Piano Nazionale di Allocazione, possono rivenderle ad altri Paesi sotto forma di crediti chiamati Assigned Amount Units non possono essere utilizzate dalle compagnie EU ETS per la loro compliance; non sono sostitutive delle EUAs; possibilità di banking per la fase post 2012; ottenibili da progetti di riduzione delle emissioni in Paesi in Via di Sviluppo Primary CER: originati dal Project Developer Secondary CER: venduti da un acquirente di Primary sulle piattaforme di scambio Limitazione: 5-25% delle quote allocate agli impianti Banking tra fasi: concesso ERU Emission Reduction Units VER Voluntary Emission Reduction Prodotti da progetti JI Spendibili nell ambito dell ETS al pari dei CERs Limitazione: il massimo numero utilizzabile calcolato in quota % rispetto alle allocazioni assegnate a ciascun impianto commodity rilasciata a seguito di progetti di riduzione di CO2 volontari, verificati da una terza parte indipendente appartengono alla normativa Kyoto scambiabili ad un prezzo minimo fissato contrattualmente, su apposite piattaforme di scambio internazionali (voluntary market)

22 Mercato della CO2: tipo di contrattazioni Perchè: coprire il rischio di non compliance (hedging); speculazione Dove: bilateralmente piattaforme elettroniche organizzate Scambi Bilaterali* Forward Trading di CO2 Mercati Organizzati Spot Trasparenza (quantità e prezzo) Efficienza (incontro domanda e offerta) Liquidità (garanzia costante offerte sell e buy) Velocità (scambi real time) Scambi Bilaterali* negoziazioni che avvengono al di fuori dei circuiti borsistici; compravendita dei diritti di emissione che non figurano nei volumi di borsa; effettuati da intermediari, investitori, banche, soggetti ETS al di fuori di un mercato organizzato.

23 Mercato della CO2: principali borse Le principali borse di CO2 europee che forniscono un servizio all interno dello scambio previsto dal sistema EU ETS sono: EEX (Spot, forward, OTC), ECX (principalmente derivati CO2), BLUENEXT (Spot, forward), Nordpool (Spot, forward) Nord Europa Regno Unito Francia Germania

24 Mercato della CO2: drivers del prezzo delle EUA Questioni politiche e regolatorie Fattori fondamentali Piano Nazionale di Allocazione Impatto condizioni climatiche EU Linking Directive Prezzo EUAs Emission to cap ratio Banking/Borrowing quote di emissione Tasso del fuel switching

25 Drivers di prezzo: questioni politiche e regolatorie Piano Nazionale di Allocazione emissioni > cap cortezza di mercato emissioni < cap lunghezza di mercato indicatore del livello di trading EU Linking Directive Link tra l ETS e i meccanismi flessibili (CDM, JI) incentivo trasferimento tecnologie pulite dai Paesi industrializzati ai Paesi in Via di Sviluppo Cap importazioni CER/ERU (aumento offerta crediti CERS comporta impatto negativo sui prezzi delle EUAs) Banking/Borrowing quote di emissione Banking possibilità di utilizzare quote ottenute anche in periodi successivi effetto positivo controbilanciato dalla diminuzione della liquidità nel caso in cui molti partecipanti accumulano le quote non scambiandole Borrowing anticipare l utilizzo delle quote al periodo precedente rispetto a quello al quale le quote si riferiscono aumento di flessibilità, riduzione dei costi di adempimento per le imprese, impatto liquidità

26 Drivers di prezzo: fattori fondamentali Impatto condizioni climatiche impatto sui prezzi EUAs a medio termine aumento delle emissioni a causa delle condizioni climatiche avverse, aumenta ila richiesta di EUA il freddo comporta aumento del consumo di energia, aumento emissioni CO2 precipitazioni e velocità del vento impattano sulla produzione di energia generata da combustibili non fossili, riducendo in tal modo la domanda di EUA Emission to cap ratio (Emissioni Cap)/ Cap ratio >0 cortezza del mercato, prezzo EUAs aumenta ratio < 0 lunghezza del mercato, prezzo EUAs diminuisce Tasso del fuel switching carbone = 2,5% più inquinante del natural gas produzione di energia dal carbone aumenta la richiesta dei crediti di Co2 Correlazione positiva oil carbon se il prezzo dell oil diminuisce, i produttori switchano a gas naturale, riducendo la domanda di crediti di carbonio

27 Mercato della CO2: indicatori dei prezzi EUA e CER 1/2 Indicatore Domanda crediti CO2 Offerta crediti CO2 P EUAs P CERs Crescita economica PNA Target di riduzione (stringente) Domanda di energia Clima (temperature basse) Clima (vento/sole che incentiva la produzione da fonti rinnovabili, alternativa alla produzione termoelettrica) - - -

28 Mercato della CO2: indicatori dei prezzi EUA e CER 2/2 Indicatore Domanda crediti CO2 Offerta crediti CO2 P EUAs P CERs Progetti CDM registrati Crediti CERs rilasciati Costo delle tecnologie ecofriendly Aste quote di emissione Scorte crude oil (rapporto DOE) - - -

29 Mercato della CO2: fattori che influenzano il prezzo dei CERs Fattore Mercato primario Mercato secondario Livello domanda/offerta da parte delle compagnie EU e dei governi Dinamiche del prezzo (correlazione forte con i prezzi dei EUAs) X X Termini del contratto ERPA Costi marginali per riduzione emissioni Fase del ciclo di vita del progetto (maturity del progetto) Livello del price floor cinese* X X X X Price floor cinese* Strategia del governo cinese sul minimo prezzo CER Progetti CDM in Cina attraenti per l alta concentrazione di elevati volumi di CO2 I sellers utilizzano il price floor cinese per le loro negoziazioni Stimato attorno agli 8-10,50 /tonn, dipende dalla tipologia del progetto

30 Soluzioni di trading: spread spot EUA-CER 7 Spread Spot EUA - CER ( )

31 Soluzioni di trading: profitti con SWAP EUA CER Spread EUA DEC 2012/CER DEC 2012 = 6,21 /tonn quotazione 15 ottobre 2012 Obiettivo: fare profitto attraverso lo Swap EUA/CER per quei clienti che abbiano ancora la possibilità di usare CER nella % indicata nel PNA riportato sotto sulla base del proprio settore di appartenenza. Settore industriale = società settore elettrico Conto APAT = ha ricevuto tonn di EUA % CERs utilizzabile per compliance = 19,30% Operazione di scambio Swap = tonn di EUA con tonn di CER Rischio cliente = nessuno Profit = 6,21 /tonn (prezzi concorrenti di EUA e CER), profitto pari a /tonn Fonte: UNFCC Prima operazione Seller: Cliente Buyer: Mercato S.p.A Commodity: EUA Quantità: tonn Prezzo: 7,70 /ton Ricavo: /tonn Seconda operazione Seller: Mercato S.p.A Buyer: Cliente Commodity: CER Quantità: tonn Prezzo: 1,49 /ton Ricavo: /tonn Net Present Value = /tonn

32 Soluzioni di trading: profitti con SWAP EUA CER A chi serve Aziende che si trovano in posizione neutra lunga di quote Obiettivo Monetizzare il differenziale di prezzo tra EUAs e CERs E possibile per le aziende vendere un quantitativo di EUAs sul mercato, acquistando contestualmente CERs, per la % garantita dalla normativa. Il vantaggio di tale operazione consiste nello sfruttamento del differenziale di prezzo delle due commodities. ESEMPIO Azienda: cartiera % utilizzo CERs: 7,5% Allocazione annua: tonn/co2 Compliance: lunghezza di EUAs Operazione: vendita di EUA (7,5% * ) e acquisto di CERs. L azienda paga /tonn (3.750 CERs * 1,49 /tonn) e incassa /tonn (3.750 * 7,70 /tonn). Incassa il netto dell operazione pari a /tonn senza alcun rischio normativo e operativo.

33 Soluzioni di trading: acquisto Primary CERs A chi serve Aziende che si trovano in posizione corta di quote Obiettivo Coprirsi ad un costo inferiore rispetto alla quotazione dell EUA Viene data la possibilità alle aziende di approvvigionarsi, previa PRENOTAZIONE, di certificati generati da progetti CDM, NON ancora rilasciati dalle Nazioni Unite. Il prezzo di questa commodity varia tra gli 1 e gli 2 /tonn e prevede la consegna delle quote già partire dal 2010; il contratto potrà essere utilizzato per la compliance una volta registrato presso l organo di vigilanza per i progetti CDM (Executive Board).

34 Soluzioni di trading: acquisto Secondary CERs A chi serve Aziende che si trovano in posizione corta di quote Obiettivo Coprirsi ad un costo minore 1 CER = 1 EUA = 1 tonn/co2 1 EUA = 7,70 /tonn 1 CER = 1,49 /tonn Risulta più conveniente approvvigionarsi sul mercato di una commodity meno costosa a parità di possibile utilizzo in termini di compliance. Tale operazione è possibile entro la % definita dal PNA per l utilizzo dei crediti CERs.

35 Soluzioni di trading: lending A chi serve A tutte le aziende a prescindere dalla loro posizione corta neutra - lunga Obiettivo Ottenere un premio per il prestito delle quote L azienda effettua un trasferimento di allowances alla propria controparte a Giugno 2011 ad esempio. A febbraio 2012 la controparte restituisce le quote trasferite a Giugno 2011 e restituisce un extra di quote (ad esempio tra l 1,5 3%). Di fatto l azienda presta le proprie quote ad una controparte per un PREMIO.

36 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

37 Il meccanismo dei certificati bianchi I TEE (DM 20 luglio 2004) permettono: un risparmio di energia primaria; riduzione della dipendenza energetica dall estero e maggiore sicurezza di approvvigionamento; riduzione dell inquinamento; maggiore controllo dei picchi di domanda elettrica e possibilità di ridurre il rischio di blackout; aumento dell offerta di prodotti e servizi energetici orientati all efficienza negli usi dell energia. Soggetti coinvolti: Distributori di energia elettrica e gas naturale con più di clienti finali Le Energy Service Company (ESCo)

38 Il meccanismo dei certificati bianchi I certificati bianchi sono emessi dal GME a favore dei soggetti che hanno conseguito i risparmi energetici prefissati; l emissione dei titoli viene effettuata sulla base di una comunicazione dell AEEG che certifica i risparmi conseguiti; l AEEG verifica e controlla che i progetti siano stati effettivamente realizzati in conformità con le disposizioni dei decreti e delle regole attuative definita dall AEEG stessa Progetti con valutazione standardizzata Progetti con valutazione analitica Progetti con valutazione a consuntivo

39 Il meccanismo dei certificati bianchi ENEA/AEEG Le attività ENEA riguardano: Attività di istruttoria a supporto delle decisioni in merito all approvazione di PPPM Attività di verifica tecnica finalizzata alla quantificazione dei risparmi conseguiti dai progetti Attività di controllo per verificare la correttezza e veridicità delle dichiarazioni GTR (gruppo tecnico ristretto) e collegio di esperti di tecnologie e/o processi settoriali interni ENEA o esterni

40 Il meccanismo dei certificati bianchi

41 Il mercato dei certificati bianchi: prezzi 120 prezzo di riferimento ( /tee)

42 Il mercato dei certificati bianchi: volumi certificati scambiati

43 Il mercato dei certificati bianchi: risultati Risparmi energetici certificati al 31 dicembre 2011, fonte AEEG : tee Ripartizione tipologia % 9% 24% 67% Tee I Tee II Tee III Ripartizione metodologia % 3% 23% 74% Standard Analitico Consuntivo

44 Opportunità progetti a consuntivo Finalità dei progetti a consuntivo I TEE incentivano Il miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali Il contenimento delle perdite di energia I TEE non incentivano La replica di impianti giunti a fine vita La correzione di errori di progettazione L adeguamento alla normativa La proposta a consuntivo è caratterizzata dalla individuazione di un algoritmo per la valutazione dei risparmi La formulazione di un algoritmo ad hoc, dei relativi parametri fissi e variabili è oggetto di proposta, insieme al programma di misura che si intende adottare Non è la tipologia di intervento di energy saving che viene effettuato in azienda che garantisce l ottenimento dei certificati bianchi ma è la dimostrazione che lo stesso rappresenta una BAT

45 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

46 Conclusioni Carbon markets: i progetti CDM rappresentano oggi l unico strumento utilizzabile all interno del sistema EU-ETS per compliance e che sarà utilizzato nei nuovi sistemi Cape and Trade di Nuova Zelanda, Australia, Cina, etc Opportunità per gli Associati Federchimica: Visione globale sulla gestione del portafoglio CO2 attraverso un processo di education Gestione integrata di tutti i certificati ambientali Ottimizzare il portafoglio attraverso la partecipazione a progetti CDM Uno sguardo al mercato volontario

47 Conclusioni Certificati bianchi: rappresentano un importante opportunità di cambiamento e crescita da saper cogliere per attivare un circuito virtuoso nel quale risparmio, energia e sostenibilità diventano fattori di sviluppo e competizione Opportunità per gli Associati Federchimica: Metodologia per il monitoraggio e la misura dei consumi e dei risparmi Certificazione dei risparmi conseguiti dal 2005 Migliorare l efficienza energetica negli usi finali Investire in nuova efficienza grazie all efficienza

48 Grazie per l attenzione Electrade S.p.A. Sede Legale Via Campo Marzio Bassano del Grappa (VI) P.IVA Sede Operativa Via A. Solari Milano Renato Valla Head of Trading mob tel fax tel fax

49 Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità? 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia Renato Valla Head of Trading Electrade SpA Milan October 17, 2012 Auditorium Federchimica

Strumenti finanziari a supporto dei TEE. David Rizzi Green Markets Manager Electrade S.p.A. 27/02/2013

Strumenti finanziari a supporto dei TEE. David Rizzi Green Markets Manager Electrade S.p.A. 27/02/2013 Strumenti finanziari a supporto dei TEE David Rizzi Green Markets Manager Electrade S.p.A. 27/02/2013 Chi siamo I nostri numeri Electrade S.p.A. rappresenta oggi un operatore qualificato sui principali

Dettagli

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia 2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia EU-ETS: Le esperienze nelle transazioni come incentivo finanziario per l industria chimica 11 Ottobre 2011, Federchimica Guido Busato, Managing Director P.

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 25 settembre 2013 Kyoto meccanismi flessibili Il protocollo di Kyoto

Dettagli

Carbon Solutions in UniCredit Group. Giorgio Capurri Public and Community Relations

Carbon Solutions in UniCredit Group. Giorgio Capurri Public and Community Relations Carbon Solutions in UniCredit Group Giorgio Capurri Public and Community Relations Green Globe Banking Award - Roma, 22 Aprile 2008 UN GRANDE GRUPPO BANCARIO EUROPEO Gruppo UniCredit Dati principali 1

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Roma 25.06.2013. L importanza dei Carbon Markets

Roma 25.06.2013. L importanza dei Carbon Markets Roma 25.06.2013 L importanza dei Carbon Markets Fine della prima fase di lancio delle energie rinnovabili Crescita selvaggia di impianti di produzione (overcapacity produttiva in Italia 30%; 40%) in gran

Dettagli

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto SUSTAINABILITY SERVICES Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto Massimiliano Rigo 24 ottobre 2006 ADVISORY 2006 KPMG Advisory

Dettagli

Pure Solutions, Sustainable Energy

Pure Solutions, Sustainable Energy Pure Solutions, Sustainable Energy Puraction supporta le aziende e le amministrazioni pubbliche che, per obbligo normativo o per libera scelta, vogliono ridurre l impatto ambientale delle loro attività,

Dettagli

STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER

STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER OBIETTIVI Presentare il mercato della CO2 e la sua evoluzione e introdurre agli strumenti per gestire, valorizzare e ridurre il maggior costo del portafoglio

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

STRATEGIE DI CARBON MANAGEMENT PER LE PMI. Lorenzo Monaco Carbon Business Developer Puraction Srl

STRATEGIE DI CARBON MANAGEMENT PER LE PMI. Lorenzo Monaco Carbon Business Developer Puraction Srl STRATEGIE DI CARBON MANAGEMENT PER LE PMI Lorenzo Monaco Carbon Business Developer Puraction Srl Agenda Scenario Normativo post 2012 fase III (2013 2020) Andamento prezzo EUA/CER Strategie di Carbon Management

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 11 LUGLIO 2013 307/2013/R/EEL DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ONERI DERIVANTI AI PRODUTTORI CIP 6 DALL APPLICAZIONE DELL EMISSION TRADING SYSTEM, A DECORRERE DALL ANNO

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Modelli integrati territoriali per l utilizzo dei biocarburanti Università di Teramo spapa@unite.it Riscaldamento terrestre Secondo

Dettagli

Strategie di gestione del rischio CO2

Strategie di gestione del rischio CO2 Strategie di gestione del rischio CO2 Ester Benigni Responsabile Portfolio Management AEM Trading società del Gruppo A2A Milano, 3 aprile 2008 1 Nascita di un nuovo player 1 gennaio 2008 AZIONISTI COMUNE

Dettagli

Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A. Milano, 22 aprile 2010

Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A. Milano, 22 aprile 2010 Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A Milano, 22 aprile 2010 Agenda - 1 A2A, mercati ambientali ed Emissions Trading Un giorno al mercato This information was prepared by A2A and it is not

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica.

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 19 aprile 2012 CDM Inquadramento nelle politiche climatiche La risposta internazionale al problema

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Obiettivi (Progetto esecutivo)

Obiettivi (Progetto esecutivo) Programma delle Ricerche Strategiche 2004/2005 Produzione e uso razionale e sostenibile dell energia - Parte III Project leader: Alessandro Colombo Emission trading in Lombardia: Studio per una ipotesi

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO Giovanni Maiocchi UNIVERSITÀ DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2008-4- 2

Dettagli

Energia A2A: una forza che genera vantaggi.

Energia A2A: una forza che genera vantaggi. Energia A2A: una forza che genera vantaggi. Una solida realtà, un Gruppo che cresce. Diga di San Giacomo (SO) A2A: i numeri per un ruolo da leader. A2A, forte degli oltre 100 anni di attività di AEM Milano

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ONERI DERIVANTI AI PRODUTTORI CIP 6 DALL APPLICAZIONE DELL EMISSION TRADING SYSTEM

Dettagli

Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane Un opportunità sprecata

Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane Un opportunità sprecata Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane Un opportunità sprecata Nel 2009 il mercato europeo delle emissioni si è tradotto in un guadagno netto e non in un costo per le imprese italiane. Nonostante

Dettagli

Green Investor Day 8 Maggio 2014

Green Investor Day 8 Maggio 2014 Green Investor Day 8 Maggio 2014 Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 operations@icasco.it trading@icasco.it icasco VEDOGREEN VISIONE del «green» da operatore

Dettagli

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Gennaio 2014 L'Organizzazione Federchimica è la Federazione Nazionale dell Industria Chimica,

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Alcuni Dati sul Clima La temperatura media del pianeta è in crescita (0,3-0,6 C dal 1860) Il livello dei mari è aumentato (10-25 cm) Il 20 secolo è il più caldo

Dettagli

Axpo Italia. Clienti Top

Axpo Italia. Clienti Top Axpo Italia Partner Strategico sull Energia Axpo Italia è il partner ideale delle grandi realtà industriali per affrontare con successo il mercato energetico (energia elettrica, gas, quote CO2, certificati

Dettagli

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Comunicato Stampa Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Il report di EcoWay primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading della commodity CO 2 - sui dati

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Carbon Management: accenni di Carbon Finance e gestione delle coperture a mercato. Roma, 24 Settembre 2013

Carbon Management: accenni di Carbon Finance e gestione delle coperture a mercato. Roma, 24 Settembre 2013 Carbon Management: accenni di Carbon Finance e gestione delle coperture a mercato Roma, 24 Settembre 2013 OBIETTIVI Presentare l evoluzione del mercato della CO2 e introdurre agli strumenti avanzati utili

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

Incontro informativo. Il mercato delle quote di emissione del GME

Incontro informativo. Il mercato delle quote di emissione del GME ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontro informativo Il mercato delle quote di emissione del GME Stefano Alaimo Milano, 16 marzo 2007 Il mercato delle

Dettagli

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini Emission Trading: i costi del Protocollo Giovanni Straffelini Dicembre 2004: la Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto Il 18 febbraio il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore ed è vincolante per

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

I mercati per l ambiente. Corso di Progettazione di Sistemi Energetici

I mercati per l ambiente. Corso di Progettazione di Sistemi Energetici I mercati per l ambiente Corso di Progettazione di Sistemi Energetici I mercati ambientali Nel contesto delle politiche di sviluppo delle fonti rinnovabili e dell efficienza energetica, il GME organizza

Dettagli

Industria del recupero e packaging chain

Industria del recupero e packaging chain Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo, 3 novembre 2004 Giancarlo Longhi Direttore Generale 1 Le positive conseguenze dell industria

Dettagli

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Milano, 28-02-06 www.kyototarget.org Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

ABB SACE. Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

ABB SACE. Titoli di Efficienza Energetica (TEE) ABB SACE Titoli di Efficienza Energetica (TEE) Motivazioni per l introduzione dei TEE Dipendenza energetica dai paesi esportatori di energia Impegni assunti con la ratifica del protocollo di Kyoto Aumento

Dettagli

MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore

MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore MECCANISMI FLESSIBILI di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore AGENDA Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM:

Dettagli

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra H 2 Info: Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova galleria Spagna, 35 35127 Padova tel 049 8991811 fax 049 761156

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto. volontari

Il Protocollo di Kyoto. volontari Il Protocollo di Kyoto I Meccanismi obbligatori e volontari Il Protocollo di Kyoto Firmato nel 1997 Ratificato da 153 paesi Entrato in vigore il 16 febbraio 2005 A livello globale 5,2% rispetto al 90 Il

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La società Pag. 1. Commercializzazione di energia elettrica e gas in Italia Pag. 3. La produzione di energia elettrica in Italia Pag.

La società Pag. 1. Commercializzazione di energia elettrica e gas in Italia Pag. 3. La produzione di energia elettrica in Italia Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società Pag. 1 Commercializzazione di energia elettrica e gas in Italia Pag. 3 La produzione di energia elettrica in Italia Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 7 Genova,

Dettagli

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Andrea Ronchi Business Development Manager Milano, 6 Maggio 2015 www.ecoway.it Member of: EcoWay S.p.a. L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima società italiana

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE CO2

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE CO2 Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE CO2 icasco IT S YOUR DESK PROFILO icasco è una delle società leader in Italia per il trading dei crediti ambientali.

Dettagli

IL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM IL CARBON MARKET I PROGETTI SUGLI IDROFLUOROCARBURI L ITALIA ED IL CDM UN ESEMPIO DI PROJECT DESIGN DOCUMENT

IL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM IL CARBON MARKET I PROGETTI SUGLI IDROFLUOROCARBURI L ITALIA ED IL CDM UN ESEMPIO DI PROJECT DESIGN DOCUMENT SOMMARIO: IL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM IL CARBON MARKET I PROGETTI SUGLI IDROFLUOROCARBURI L ITALIA ED IL CDM UN ESEMPIO DI PROJECT DESIGN DOCUMENT Il Clean Development Mechanism è uno degli strumenti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 29 luglio 2010 - ARG/elt 117/10 Criteri per la determinazione dei crediti spettanti ai sensi dell articolo 2 del decreto-legge 20 maggio 2010, n. 72, ai gestori degli impianti o parti di

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

primo piano The carbon market: major operational carbon funds and financed projects

primo piano The carbon market: major operational carbon funds and financed projects Il mercato del carbonio: principali carbon funds esistenti e progetti finanziati Anil Markandya*, Veronica Nobili** I meccanismi flessibili previsti dal Protocollo di Kyoto hanno via via determinato un

Dettagli

Workshop Industria. Le opportunità offerte dai Titoli di Efficienza Energetica. Francesco Santangelo Massimo Cassibba eni spa divisione gas & power

Workshop Industria. Le opportunità offerte dai Titoli di Efficienza Energetica. Francesco Santangelo Massimo Cassibba eni spa divisione gas & power Workshop Industria Le opportunità offerte dai Titoli di Efficienza Energetica Francesco Santangelo Massimo Cassibba eni spa divisione gas & power Agenda Milestones della normativa dei progetti Eni come

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MARCO FANNO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE L-33 Classe delle lauree in SCIENZE ECONOMICHE Tesi di laurea L Emission

Dettagli

L applicazione della direttiva sull emission trading

L applicazione della direttiva sull emission trading L applicazione della direttiva sull emission trading FIRE Il mercato dell efficienza energetica: opportunità legate all incontro fra gli attori 19-20 ottobre 2006 Isola di S. Servolo Venezia Mario Contaldi

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra e cambiamenti climatici Il ruolo dell industria d i italiana Paolo Zelano, Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra il meccanismo I gas responsabili dell'effetto

Dettagli

ENERGY SERVICE COMPANY

ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY SERVICE COMPANY WE BUILD YOUR FUTURE IN A GREEN WAY ORGANIGRAMMA LEGENDA CEO: Chief Executive Officer RMS: Responsible Management System TEC: Technical Manager SAL: Sales Manager ADM: Administration

Dettagli

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE VII Introduzione... XIII Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE CAPITOLO 1 STRUMENTI ECONOMICI A TUTELA DELL AMBIENTE E TRADABLE POLLUTION RIGHTS 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2015 Pubblicato in data 3 febbraio 2016 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) CAMPAGNA COMUNE EFFICIENTE www.carolloimpianti.it/teecomune Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company noi siamo ESCo La società F.lli

Dettagli

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Dott.ssa Elisa Scanzi ERSAF Prof. Maurizio Borin UNIPD - Patto di collaborazione Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni

Dettagli

ENG TEAM & PARTNERS ENG TEAM & PARTNERS

ENG TEAM & PARTNERS ENG TEAM & PARTNERS Chi siamo LA SOCIETA ENG TEAM & PARTNERS è una società di consulenza del Nord Est Italia. Gli ambiti in cui opera sono molteplici proponendosi con competenze specifiche nei settori delle infrastrutture,

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica)

CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica) Energia: istruzioni per l uso Mezzacorona (TN), 13 dicembre 2005 Certificati bianchi, verdi e neri Polo Tecnologico per l Energia l srl - Trento CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica)

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA I Mercati Finanziari dell Energia FRANCESCO BERTUSI Università degli Studi di Ferrara, 29 Giugno 2011 COMMODITY

Dettagli

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE I nuovi incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Seminario regionale informale su Kyoto e dintorni Bologna, 11 luglio 2005 Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Domenico Gaudioso Agenzia per la Protezione dell Ambiente

Dettagli

Titoli di Efficienza Energetica Certificati Verdi Emission Trading Incentivi in conto energia FV

Titoli di Efficienza Energetica Certificati Verdi Emission Trading Incentivi in conto energia FV Università degli Studi di Parma 29 Novembre 2006 Titoli di Efficienza Energetica Certificati Verdi Emission Trading Incentivi in conto energia FV Sara Moretti Introduzione Lo Sviluppo Sostenibile è quello

Dettagli

Nel febbraio 2011, grazie ad un aumento del capitale sociale pari a 1.000.000 di, icasco è diventata Società per Azioni.

Nel febbraio 2011, grazie ad un aumento del capitale sociale pari a 1.000.000 di, icasco è diventata Società per Azioni. COMPANY PROFILE OVERVIEW Fondata il 13 ottobre 2009 dagli azionisti di Studio Bartucci e dall AD Pietro Valaguzza, icasco S.p.A. è leader in Italia per il trading dei crediti ambientali. Nata come società

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Certificati Bianchi: normative e benefici economici Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Risparmio energetico Paesi Ocse-11 Il grafico mostra il risparmio energetico generato da interventi

Dettagli

ELETTROGREEN POWER S.r.l.

ELETTROGREEN POWER S.r.l. PRESENTAZIONE ATTIVITA Latina, 18 settembre 2012 PRESENTAZIONE ATTIVITA Elettrogreen Power fondata a Genova nel 2006; qualificata come E.S.Co. dal 2006; costituita da un team di ingegneri e dottori in

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile FORUM GREEN ENERGY Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile Roma 17 giugno 2011 Gruppo CVA CERTIFICAZIONI INCENTIVI GRUPPO CVA Posizionamento CVA nel mercato

Dettagli

IL MECCANISMO VIRTUOSO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO (in vigore dal 16 febbraio 2005)

IL MECCANISMO VIRTUOSO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO (in vigore dal 16 febbraio 2005) EFFETTO SERRA IL MECCANISMO VIRTUOSO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO (in vigore dal 16 febbraio 2005) OBIETTIVO: RIDUZIONE, DA PARTE DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI, DELLE EMISSIONI DI ELEMENTI INQUINANTI (GAS SERRA)IN

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per T.E.E. (certificati bianchi) Energy MAnagement COmpany Chi siamo Siamo Energia&Progetti Srl una Energy MAnagement

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2014 Pubblicato in data 02 febbraio 2015 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 4 IL REGISTRO NAZIONALE DELLE QUOTE E DELLE EMISSIONI...10

2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 4 IL REGISTRO NAZIONALE DELLE QUOTE E DELLE EMISSIONI...10 2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 2.1 IL PROTOCOLLO DI KYOTO... 3 2.2 LE UNITÀ DI KYOTO... 4 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 3.1 LA DIRETTIVA EMISSION TRADING (ET)... 6 3.2 I SETTORI INDUSTRIALI REGOLATI DALLA

Dettagli

I titoli di efficienza energetica L esperienza delle utilities

I titoli di efficienza energetica L esperienza delle utilities Ferrara, 23 maggio 2012 Il contributo del servizio idrico al piano nazionale di efficienza energetica I titoli di efficienza energetica L esperienza delle utilities Fabio Santini Direttore Area Mercato

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002 Indice Alcune implicazioni della

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli