Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità?"

Transcript

1 Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità? 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia Renato Valla Head of Trading Electrade SpA Milan October 17, 2012 Auditorium Federchimica

2 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

3 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

4 Electrade Spa: chi siamo Electrade S.p.A. rappresenta oggi un operatore qualificato sui principali mercati energetici mondiali. In Italia è leader nella compravendita di energia elettrica da fonti rinnovabili, Certificati Verdi e Titoli di Efficienza Energetica sul mercato organizzato e bilaterale In Europa è attiva nel trading di energia elettrica sui mercati di Italia, Germania, Francia, Svizzera, Austria, Grecia e Slovenia come operatore bilaterale, operatore di mercato delle rispettive borse elettriche (Epex Spot, Lagie e Bsp) e responsabile di bilanciamento Nel mondo è operatore sui mercati internazionali della CO 2 in qualità di buyer di progetti CDM in Sud America, Africa e Asia e trader di titoli EUA, CER ed ERU nel mercato dell ETS In Sudamerica ha avviato progetti per la produzione di energia da impianti idroelettrici ecosostenibili

5 Electrade Spa: power trading La divisione Power Trading si occupa di negoziare, sui mercati elettrici europei e OTC, contratti di acquisto e vendita di energia elettrica e strumenti finanziari con finalità di trading e di hedging Electrade opera sui mercati di Italia, Germania, Francia, Svizzera, Austria, Grecia e Slovenia in qualità di operatore di mercato (borse IPEX, EPEX SPOT, LAGIE, BSP) operatore bilaterale responsabile di bilanciamento Dal 2011, grazie alla crescita dei volumi scambiati, alla solidità e ai risultati ottenuti, Electrade ha deciso di rafforzare la propria presenza sui mercati organizzati dell Europa Centrale ed Orientale

6 Electrade Spa: green markets La divisione Mercati Ambientali gestisce la compravendita sui mercati organizzati e attraverso contratti bilaterali di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Certificati Verdi e CO-FER Titoli di Efficienza Energetica Inoltre studia soluzioni dedicate per produttori con impianti qualificati IAFR e ICO-FER clienti industriali soggetti obbligati ESCO

7 Electrade Spa: green markets Electrade detiene una partecipazione Consul System S.r.l., Energy Service Company leader nel mercato italiano per numero di titoli di efficienza energetica ottenuti da progetti a consuntivo. Efficienza energetica Consulenza CDM Clienti industriali Oltre 3 millioni TEE generati Steel Oil Refinery Paper Cement Glass Energy Chemical

8 Electrade Spa: power generation Electrade è direttamente impegnata nello sviluppo di progetti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia e all estero sul territorio nazionale è interessata ad investire sia nell acquisizione di progetti che nelle concessioni e nelle autorizzazioni per la costruzione di nuovi impianti di piccola e media taglia a livello internazionale ha interesse ad investire nei Paesi emergenti in un ottica di rispetto ambientale limitato impatto degli impianti sul territorio

9 Electrade Spa: carbon markets La divisione Carbon Markets di Electrade partecipa attivamente ai meccanismi flessibili del Protocollo di Kyoto e all Emission Trading per la riduzione delle emissioni di CO 2 Electrade è interessata a sviluppare progetti di riduzione delle emissioni di CO2 a livello mondiale con partner strategici, project developer internazionali e locali. Opera in qualità di buyer, di progetti CDM per l ottenimento di titoli che attestano la riduzione di emissione di CO 2 al trading di titoli EUA, CER ed ERU sul mercato europeo dell EU-ETS e alla gestione del portafoglio titoli di operatori industriali e soggetti compliance

10 Electrade Spa: carbon markets Italian Player CDM Market ENEL 106 Electrade Edison Asja Ambiente Italia 12 Italcementi Iride Mercato ERG Cementerie Aldo Barbetti Italian Carbon Fund Annual CERs Delivery Portfolio of 29 CDM projects for a total volume of around 10 million CERs up to

11 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

12 Protocollo di Kyoto Sottoscrizione Protocollo Kyoto UNFCCC 11/12/1997 Entrata in vigore 16/02/2005 con la ratifica della Russia Obbligo di riduzione delle emissioni almeno del 5% rispetto all anno base 1990 Settori coinvolti: - Attività energetiche - Produzione e trasformazione metalli ferrosi - Industria dei prodotti minerali - Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici - Impianti industriali per la fabbricazione della carta

13 Meccanismi flessibili del Protocollo di Kyoto Clean Development Mechanism (CDM) Emission Trading Scheme (ETS) Joint Implementation (JI) Meccanismi flessibili del Protocollo

14 Meccanismi flessibili: ETS Direttiva 2003/87/CE: Mercato dello scambio delle quote di emissione ETS DIRITTI DI EMISSIONE PNA assegna le quote di emissione (EUAs) ad ogni impianto 1 quota = 1 tonn/co2 eq EMISSION TO CAP Ciascun produttore restituisce un numero di quote pari alla differenza tra quanto emesso e quanto allocato CICLO ANNUALE DELL ETS FEBBRAIO assegnazione quote impianto per anno seguente MARZO invio report emissioni generate anno precedente APRILE il gestore consegna un numero di quote pari alle emissioni anno prima MAGGIO pubblicazione emissioni sul sito web Registro Comunitario CARBON MARKET Scambio dei diritti di emissione e dei crediti EUAs, CERs (CDM) ed ERUs (JI)

15 Piano Nazionale di Allocazione Redatto dagli Stati membri per fissare un tetto massimo nazionale di quote allocate alle imprese nei diversi periodi di riferimento Riflette i target di riduzione stabiliti dal Protocollo di Kyoto Definisce le quantità specifiche di CO2 consentite per i singoli impianti nei settori soggetti alla Direttiva 2003/87/CE Per ogni installazione le allocazioni devono tener conto del potenziale di riduzione delle emissioni e non devono essere in quantità superiore al necessario Ogni impianto è tenuto a rispettare il tetto di quote assegnato nel periodo di riferimento. Eventuali eccedenze potranno essere vendute sul mercato; eventuali mancanze dovranno essere acquisite attraverso uno dei meccanismi disponibili Fase I ( ) Allocate gratuitamente il 95% delle quote di emissione (il 5% asta) Fase II ( ) Allocazione a mezzo d asta per il settore energetico e raffinazione. Allocazione gratuita 80% (20% asta) per tutti gli altri settori ITALIA - PNA approvato il 22/02/ Impegno riduzione 6,5% (1990) ITALIA - PNA approvato il 15/05/ Impegno riduzione 12,2% (totale quote 195,8 Mtonn)

16 Meccanismi Flessibili: CDM e JI CDM Consente ai paesi industrializzati di realizzare progetti in paesi in via di sviluppo (baseline&credit) JI Consente ai paesi industrializzati di realizzare progetti in altri paesi dello stesso gruppo (baseline&credit) CERs = emissioni baseline - emissioni progetto CERs rivenduti sul mercato/accumulati Promozione sviluppo sostenibile nei paesi terzi Riduzione del costo di abbattimento delle emissioni Contratti di compravendita ERPA ERUs = emissioni baselline - emissioni progetto ERUs rivenduti sul mercato/accumulati Riduzione dei costi complessivi di adempimento ai vincoli del protocollo di Kyoto, permettendo l abbattimento delle emissioni lì dove è economicamente più conveniente Paesi soggetti a vincolo di riduzione Paesi soggetti a vincolo di riduzione Italia CERs PVS Italia Progetto Progetto Brasile ERUs Romania Investimento Paesi non soggetti a vincolo di riduzione Investimento Paesi con economia in transizione

17 Progetti CDM: requisiti minimi Analisi degli impatti ambientali delle attività progettuali (a discrezione del Paese ospitante) Esclusi i progetti nucleari Rilascio dei certificati CERs (a conclusione dell intero ciclo di progetto, a seguito di attività certificate di monitoraggio) Autorizzazione da parte delle Autorità Nazionali Accreditate (DNA) dei paesi coinvolti Dal 2005 conversione di CERs in quote emissione da parte di Stati Membri in cambio dei crediti ottenuti mediante i progetti

18 I Maturazione dei progetti CDM Investimento in un progetto Pagamento immediato in base al numero di CERs previsti all anno per tutta la durata del progetto Rischio per chi compra Ottimo per chi vende Crediti CDM Acquisto crediti da un progetto sviluppato da altri Contratti di opzione Contratti forward prezzo fisso (rischio medio), prezzo variabile (maggiore incertezza) Contratti spot massima flessibilità Vantaggi CDM Diffusione di tecnologia nei PVS, (costi marginali di abbattimento delle emissioni minori rispetto al paese di origine Internazionalizzazione delle imprese e apertura dei mercati

19 Mercato della CO2: approccio strategico per la riduzione delle emissioni

20 Mercato della CO2: monete di scambio 1/2 Compliance Markets Mercato del Protocollo di Kyoto CER ERU AAU VER Mercato Volontario EU Emission Trading Scheme EUA

21 Mercato della CO2: monete di scambio 2/2 Tipologia di certificato EUA European Unit Allowances Caratteristiche Diritti di emissione allocati agli impianti dai Governi degli Stati Membri nell ambito dell ETS attraverso i Piani Nazionali di Allocazione (PNA) valide per il periodo di allocazione, ma anche per la FASE III (post 2012) quotate su piattaforme di scambio organizzate e OTC banking tra fasi: FASE I no, FASE II si AAU Amount Unit Allowances CER Certified Emission Reductions I Paesi che hanno ricevuto le quote di allocazione, attraverso il Piano Nazionale di Allocazione, possono rivenderle ad altri Paesi sotto forma di crediti chiamati Assigned Amount Units non possono essere utilizzate dalle compagnie EU ETS per la loro compliance; non sono sostitutive delle EUAs; possibilità di banking per la fase post 2012; ottenibili da progetti di riduzione delle emissioni in Paesi in Via di Sviluppo Primary CER: originati dal Project Developer Secondary CER: venduti da un acquirente di Primary sulle piattaforme di scambio Limitazione: 5-25% delle quote allocate agli impianti Banking tra fasi: concesso ERU Emission Reduction Units VER Voluntary Emission Reduction Prodotti da progetti JI Spendibili nell ambito dell ETS al pari dei CERs Limitazione: il massimo numero utilizzabile calcolato in quota % rispetto alle allocazioni assegnate a ciascun impianto commodity rilasciata a seguito di progetti di riduzione di CO2 volontari, verificati da una terza parte indipendente appartengono alla normativa Kyoto scambiabili ad un prezzo minimo fissato contrattualmente, su apposite piattaforme di scambio internazionali (voluntary market)

22 Mercato della CO2: tipo di contrattazioni Perchè: coprire il rischio di non compliance (hedging); speculazione Dove: bilateralmente piattaforme elettroniche organizzate Scambi Bilaterali* Forward Trading di CO2 Mercati Organizzati Spot Trasparenza (quantità e prezzo) Efficienza (incontro domanda e offerta) Liquidità (garanzia costante offerte sell e buy) Velocità (scambi real time) Scambi Bilaterali* negoziazioni che avvengono al di fuori dei circuiti borsistici; compravendita dei diritti di emissione che non figurano nei volumi di borsa; effettuati da intermediari, investitori, banche, soggetti ETS al di fuori di un mercato organizzato.

23 Mercato della CO2: principali borse Le principali borse di CO2 europee che forniscono un servizio all interno dello scambio previsto dal sistema EU ETS sono: EEX (Spot, forward, OTC), ECX (principalmente derivati CO2), BLUENEXT (Spot, forward), Nordpool (Spot, forward) Nord Europa Regno Unito Francia Germania

24 Mercato della CO2: drivers del prezzo delle EUA Questioni politiche e regolatorie Fattori fondamentali Piano Nazionale di Allocazione Impatto condizioni climatiche EU Linking Directive Prezzo EUAs Emission to cap ratio Banking/Borrowing quote di emissione Tasso del fuel switching

25 Drivers di prezzo: questioni politiche e regolatorie Piano Nazionale di Allocazione emissioni > cap cortezza di mercato emissioni < cap lunghezza di mercato indicatore del livello di trading EU Linking Directive Link tra l ETS e i meccanismi flessibili (CDM, JI) incentivo trasferimento tecnologie pulite dai Paesi industrializzati ai Paesi in Via di Sviluppo Cap importazioni CER/ERU (aumento offerta crediti CERS comporta impatto negativo sui prezzi delle EUAs) Banking/Borrowing quote di emissione Banking possibilità di utilizzare quote ottenute anche in periodi successivi effetto positivo controbilanciato dalla diminuzione della liquidità nel caso in cui molti partecipanti accumulano le quote non scambiandole Borrowing anticipare l utilizzo delle quote al periodo precedente rispetto a quello al quale le quote si riferiscono aumento di flessibilità, riduzione dei costi di adempimento per le imprese, impatto liquidità

26 Drivers di prezzo: fattori fondamentali Impatto condizioni climatiche impatto sui prezzi EUAs a medio termine aumento delle emissioni a causa delle condizioni climatiche avverse, aumenta ila richiesta di EUA il freddo comporta aumento del consumo di energia, aumento emissioni CO2 precipitazioni e velocità del vento impattano sulla produzione di energia generata da combustibili non fossili, riducendo in tal modo la domanda di EUA Emission to cap ratio (Emissioni Cap)/ Cap ratio >0 cortezza del mercato, prezzo EUAs aumenta ratio < 0 lunghezza del mercato, prezzo EUAs diminuisce Tasso del fuel switching carbone = 2,5% più inquinante del natural gas produzione di energia dal carbone aumenta la richiesta dei crediti di Co2 Correlazione positiva oil carbon se il prezzo dell oil diminuisce, i produttori switchano a gas naturale, riducendo la domanda di crediti di carbonio

27 Mercato della CO2: indicatori dei prezzi EUA e CER 1/2 Indicatore Domanda crediti CO2 Offerta crediti CO2 P EUAs P CERs Crescita economica PNA Target di riduzione (stringente) Domanda di energia Clima (temperature basse) Clima (vento/sole che incentiva la produzione da fonti rinnovabili, alternativa alla produzione termoelettrica) - - -

28 Mercato della CO2: indicatori dei prezzi EUA e CER 2/2 Indicatore Domanda crediti CO2 Offerta crediti CO2 P EUAs P CERs Progetti CDM registrati Crediti CERs rilasciati Costo delle tecnologie ecofriendly Aste quote di emissione Scorte crude oil (rapporto DOE) - - -

29 Mercato della CO2: fattori che influenzano il prezzo dei CERs Fattore Mercato primario Mercato secondario Livello domanda/offerta da parte delle compagnie EU e dei governi Dinamiche del prezzo (correlazione forte con i prezzi dei EUAs) X X Termini del contratto ERPA Costi marginali per riduzione emissioni Fase del ciclo di vita del progetto (maturity del progetto) Livello del price floor cinese* X X X X Price floor cinese* Strategia del governo cinese sul minimo prezzo CER Progetti CDM in Cina attraenti per l alta concentrazione di elevati volumi di CO2 I sellers utilizzano il price floor cinese per le loro negoziazioni Stimato attorno agli 8-10,50 /tonn, dipende dalla tipologia del progetto

30 Soluzioni di trading: spread spot EUA-CER 7 Spread Spot EUA - CER ( )

31 Soluzioni di trading: profitti con SWAP EUA CER Spread EUA DEC 2012/CER DEC 2012 = 6,21 /tonn quotazione 15 ottobre 2012 Obiettivo: fare profitto attraverso lo Swap EUA/CER per quei clienti che abbiano ancora la possibilità di usare CER nella % indicata nel PNA riportato sotto sulla base del proprio settore di appartenenza. Settore industriale = società settore elettrico Conto APAT = ha ricevuto tonn di EUA % CERs utilizzabile per compliance = 19,30% Operazione di scambio Swap = tonn di EUA con tonn di CER Rischio cliente = nessuno Profit = 6,21 /tonn (prezzi concorrenti di EUA e CER), profitto pari a /tonn Fonte: UNFCC Prima operazione Seller: Cliente Buyer: Mercato S.p.A Commodity: EUA Quantità: tonn Prezzo: 7,70 /ton Ricavo: /tonn Seconda operazione Seller: Mercato S.p.A Buyer: Cliente Commodity: CER Quantità: tonn Prezzo: 1,49 /ton Ricavo: /tonn Net Present Value = /tonn

32 Soluzioni di trading: profitti con SWAP EUA CER A chi serve Aziende che si trovano in posizione neutra lunga di quote Obiettivo Monetizzare il differenziale di prezzo tra EUAs e CERs E possibile per le aziende vendere un quantitativo di EUAs sul mercato, acquistando contestualmente CERs, per la % garantita dalla normativa. Il vantaggio di tale operazione consiste nello sfruttamento del differenziale di prezzo delle due commodities. ESEMPIO Azienda: cartiera % utilizzo CERs: 7,5% Allocazione annua: tonn/co2 Compliance: lunghezza di EUAs Operazione: vendita di EUA (7,5% * ) e acquisto di CERs. L azienda paga /tonn (3.750 CERs * 1,49 /tonn) e incassa /tonn (3.750 * 7,70 /tonn). Incassa il netto dell operazione pari a /tonn senza alcun rischio normativo e operativo.

33 Soluzioni di trading: acquisto Primary CERs A chi serve Aziende che si trovano in posizione corta di quote Obiettivo Coprirsi ad un costo inferiore rispetto alla quotazione dell EUA Viene data la possibilità alle aziende di approvvigionarsi, previa PRENOTAZIONE, di certificati generati da progetti CDM, NON ancora rilasciati dalle Nazioni Unite. Il prezzo di questa commodity varia tra gli 1 e gli 2 /tonn e prevede la consegna delle quote già partire dal 2010; il contratto potrà essere utilizzato per la compliance una volta registrato presso l organo di vigilanza per i progetti CDM (Executive Board).

34 Soluzioni di trading: acquisto Secondary CERs A chi serve Aziende che si trovano in posizione corta di quote Obiettivo Coprirsi ad un costo minore 1 CER = 1 EUA = 1 tonn/co2 1 EUA = 7,70 /tonn 1 CER = 1,49 /tonn Risulta più conveniente approvvigionarsi sul mercato di una commodity meno costosa a parità di possibile utilizzo in termini di compliance. Tale operazione è possibile entro la % definita dal PNA per l utilizzo dei crediti CERs.

35 Soluzioni di trading: lending A chi serve A tutte le aziende a prescindere dalla loro posizione corta neutra - lunga Obiettivo Ottenere un premio per il prestito delle quote L azienda effettua un trasferimento di allowances alla propria controparte a Giugno 2011 ad esempio. A febbraio 2012 la controparte restituisce le quote trasferite a Giugno 2011 e restituisce un extra di quote (ad esempio tra l 1,5 3%). Di fatto l azienda presta le proprie quote ad una controparte per un PREMIO.

36 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

37 Il meccanismo dei certificati bianchi I TEE (DM 20 luglio 2004) permettono: un risparmio di energia primaria; riduzione della dipendenza energetica dall estero e maggiore sicurezza di approvvigionamento; riduzione dell inquinamento; maggiore controllo dei picchi di domanda elettrica e possibilità di ridurre il rischio di blackout; aumento dell offerta di prodotti e servizi energetici orientati all efficienza negli usi dell energia. Soggetti coinvolti: Distributori di energia elettrica e gas naturale con più di clienti finali Le Energy Service Company (ESCo)

38 Il meccanismo dei certificati bianchi I certificati bianchi sono emessi dal GME a favore dei soggetti che hanno conseguito i risparmi energetici prefissati; l emissione dei titoli viene effettuata sulla base di una comunicazione dell AEEG che certifica i risparmi conseguiti; l AEEG verifica e controlla che i progetti siano stati effettivamente realizzati in conformità con le disposizioni dei decreti e delle regole attuative definita dall AEEG stessa Progetti con valutazione standardizzata Progetti con valutazione analitica Progetti con valutazione a consuntivo

39 Il meccanismo dei certificati bianchi ENEA/AEEG Le attività ENEA riguardano: Attività di istruttoria a supporto delle decisioni in merito all approvazione di PPPM Attività di verifica tecnica finalizzata alla quantificazione dei risparmi conseguiti dai progetti Attività di controllo per verificare la correttezza e veridicità delle dichiarazioni GTR (gruppo tecnico ristretto) e collegio di esperti di tecnologie e/o processi settoriali interni ENEA o esterni

40 Il meccanismo dei certificati bianchi

41 Il mercato dei certificati bianchi: prezzi 120 prezzo di riferimento ( /tee)

42 Il mercato dei certificati bianchi: volumi certificati scambiati

43 Il mercato dei certificati bianchi: risultati Risparmi energetici certificati al 31 dicembre 2011, fonte AEEG : tee Ripartizione tipologia % 9% 24% 67% Tee I Tee II Tee III Ripartizione metodologia % 3% 23% 74% Standard Analitico Consuntivo

44 Opportunità progetti a consuntivo Finalità dei progetti a consuntivo I TEE incentivano Il miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali Il contenimento delle perdite di energia I TEE non incentivano La replica di impianti giunti a fine vita La correzione di errori di progettazione L adeguamento alla normativa La proposta a consuntivo è caratterizzata dalla individuazione di un algoritmo per la valutazione dei risparmi La formulazione di un algoritmo ad hoc, dei relativi parametri fissi e variabili è oggetto di proposta, insieme al programma di misura che si intende adottare Non è la tipologia di intervento di energy saving che viene effettuato in azienda che garantisce l ottenimento dei certificati bianchi ma è la dimostrazione che lo stesso rappresenta una BAT

45 Agenda Electrade Spa: chi siamo Mercati ambientali: il protocollo di Kyoto Mercati ambientali: il meccanismo dei certificati bianchi Conclusioni

46 Conclusioni Carbon markets: i progetti CDM rappresentano oggi l unico strumento utilizzabile all interno del sistema EU-ETS per compliance e che sarà utilizzato nei nuovi sistemi Cape and Trade di Nuova Zelanda, Australia, Cina, etc Opportunità per gli Associati Federchimica: Visione globale sulla gestione del portafoglio CO2 attraverso un processo di education Gestione integrata di tutti i certificati ambientali Ottimizzare il portafoglio attraverso la partecipazione a progetti CDM Uno sguardo al mercato volontario

47 Conclusioni Certificati bianchi: rappresentano un importante opportunità di cambiamento e crescita da saper cogliere per attivare un circuito virtuoso nel quale risparmio, energia e sostenibilità diventano fattori di sviluppo e competizione Opportunità per gli Associati Federchimica: Metodologia per il monitoraggio e la misura dei consumi e dei risparmi Certificazione dei risparmi conseguiti dal 2005 Migliorare l efficienza energetica negli usi finali Investire in nuova efficienza grazie all efficienza

48 Grazie per l attenzione Electrade S.p.A. Sede Legale Via Campo Marzio Bassano del Grappa (VI) P.IVA Sede Operativa Via A. Solari Milano Renato Valla Head of Trading mob tel fax tel fax

49 Il contributo dei mercati ambientali: quali opportunità? 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia Renato Valla Head of Trading Electrade SpA Milan October 17, 2012 Auditorium Federchimica

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO IL NOTIZIARIO DELLA BORSA ITALIANA DELL'ENERGIA un progetto del GME in collaborazione con il Gruppo Adnkronos NEWSLETTER del n.78 GENNAIO '15 approfondimenti UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli