POLITECNICO DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI MILANO"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Laboratorio di analisi dell informazione e dei processi aziendali SECONDA DELIVERABLE Parte GESTIONALE GRUPPO 02 Maccalli Alessandra Mat: Magistretti Marta Mat: Malanchini Angela Mat: Manzi Francesco Mat: Nicò Emanuela Mat:

2 Obiettivi dell analisi. pag. 5 Schema dell analisi.. pag. 6 Flusso delle attività.. pag. 7 Flusso.. pag. 8 Logiche e procedure... pag. 19 Organizzazione... pag. 21 Macrostruttura... pag. 22 Process ownership pag. 25 Microstruttura pag. 26 Linear Responsibility Charting. pag.. 31

3 Competenze & risorse pag. 33 Competenze / Mansioni... pag. 34 Posizionamento pag. 36 Competenze... pag. 37 Risorse pag. 43 Pianificazione e controllo prestazioni pag. 47 Strategia di controllo.. pag. 48 Griglia stakeholder / Prestazioni.. pag. 49 Griglia segmentazioni pag. 51 Ciclo di controllo... pag. 54 Supporto tecnologico e costi..... pag. 58

4 Tecnologie pag. 59 Tecnologie..... pag. 60 Che cosa manca pag. 62 Limiti e problematiche tecnologie esistenti pag. 63 Possibili soluzioni... pag. 65 Che cosa non va.. pag. 67

5 Analizzare le variabili che determinano le prestazioni del processo Evidenziare le criticità della situazione AS-IS e le aree in cui è necessario intervenire Proporre diverse soluzioni per migliorare le performance in queste aree

6 Si utilizza il MODELLO DELLE DETERMINANTI: le prestazioni di processo sono determinate da una gamma limitata di variabili. Flusso attività Organizza- zione Competenze Pianificazione Tecnologia Flusso Macro organizzazione Competenze Strategia Architettura Regole Micro organizzazione Organici Tecnologia Prestazioni Ownership Contesto Costo

7 Flusso Logiche e procedure

8 VALORE DELLE ATTIVITA Fasi analizzate POSSIBILI RISULTATI DIMINUZIONE TEMPI E COSTI DEL PROCESSO

9 Contatto con il cliente Attività che non aggiungono valore Ricontatto cliente Il cliente potenziale può chiedere di essere ricontattato. Questa attività è critica perchè può portare alla perdita di un cliente potenziale se non effettuata, ma allo stesso tempo comporta un aumento del tempo di risposta del processo, e può essere duplicata (più agenti contattano lo stesso cliente), con un inutile dispendio di risorse. Possibili soluzioni Creare un sistema dove l agente possa inserire i dati del cliente lasciando una posizione aperta (interessato, non interessato, da ricontattare ); Fornire una lista di clienti potenziali diversa per ciascun agente in modo tale da evitare la duplicazione dell attività. Preparazione della documentazione necessaria all incontro L agente deve preparare l offerta più adeguata a seconda del segmento di clientela a cui si rivolge. Questa attività è critica perché comporta un aumento di tempo ma non eliminabile se si vuole che la vendita abbia successo. Grazie a maggiori informazioni sulla clientela potenziale, l agente potrebbe preparare un offerta più mirata; Creare una documentazione standard con un portafoglio di offerte specifico per ciascun segmento di clientela, in modo tale che l agente non debba prepararla per ogni appuntamento.

10 Definizione opzioni contrattuali Attività che non aggiungono valore Selezione opzioni, preventivi, simulazioni Queste attività sono fondamentali per la creazione dell output. Tuttavia grazie ai miglioramenti proposti nella slide precedente si potrebbero ridurre notevolmente i tempi ad esse dedicati. Completamento copia cartacea ed inserimento dell ordine a sistema; Per disposizione dell Autorità, le copie cartacee sono obbligatorie; tuttavia questa attività crea un inutile duplicazione dell output, provoca un aumento dei tempi di risposta (perché l agente deve tornare in ufficio per poter inserire l ordine a sistema) e rende necessarie ulteriori attività di controllo(si veda la fase di document check). Possibili soluzioni Applicare le soluzioni proposte in precedenza in modo che l agente giunga dal cliente più preparato e con un offerta più specifica. Fornire all agente una strumentazione che permetta di inserire l ordine a sistema presso il cliente, in modo tale che la copia cartacea sia una stampa dell ordine e si evitino in questo modo discordanze. Inserire un controllo a campione sui venditori a rischio per evitare la falsificazione dei contratti, realizzato da un operatore indipendente.

11 Document check Attività che non aggiungono valore Controllo discordanze Il personale del contact center verifica che i dati registrati a sistema e sul contratto coincidano. Questa attività non crea valore per il cliente perché non concorre a realizzare l output e allunga i tempi di risposta. Inoltre risulta eliminabile, grazie a un miglior svolgimento delle fasi a monte. Possibili soluzioni Applicare la soluzione proposta in precedenza in modo che non sia necessaria una verifica. Se fosse impossibile eliminare l attività, fare in modo che le agenzie carichino gli ordini a sistema con una frequenza almeno giornaliera. Il document check diventa quindi immediato e si evitano le proteste da parte dei clienti. Segnalazione scarti all agenzia e all area manager In caso di esito negativo del document check,il contact center provvede a contattare l agente. Questa attività non aggiunge valore per il cliente ma è importante per il funzionamento del processo. Tuttavia è eliminabile perché duplicata. Operatore Segnalazione all agente Area Manager Segnalazione Area Manager Contatta l agente Eliminando il controllo delle discordanze anche questa attività verrebbe eliminata. Se fosse ompossibile, è sufficiente che il contact center segnali gli scarti all Area Manager. Sarà poi l Area Manager che provvederà, nel caso lo ritenga necessario (ad esempio se la situazione si ripete), ad avvisare l agenzia.

12 Verifiche Amministrative Attività che non aggiungono valore Il personale del contact center analizza il credito del cliente e ne verifica la solvibilità.. In caso di esito negativo il cliente non è accettato e viene data comunicazione all agente. L intera fase quindi non concorre alla creazione dell output però è necessaria per il processo. Possibili soluzioni Realizzare la verifica della solvibilità in modo automatico tramite un sistema. Nel caso ciò non fosse possibile almeno fare in modo che l agente sia messo al corrente in modo automatico dell esito delle verifiche. Attivazione Fornitura Questa fase non ha attività critiche.

13 Bollettazione La bollettazione può essere svolta con tre processi differenti (contatore elettronico e meccanico e, in questo caso, mono-orario e auto-lettura). Nei singoli processi non esistono attività che non generano valore poiché sono tutte finalizzate alla creazione dell output per il cliente: la fattura. Tuttavia il processo di bollettazione con contatore elettronico è il più efficiente poiché consente di eliminare alcune attività che invece sono fondamentali negli altri processi: Processo considerato Contatore meccanico mono-oraria Contatore meccanico auto-lettura Attività eliminabili Conguaglio fra rilevazione cliente e consumo effettivo In caso di bollettazione mono-oraria si fattura sul consumo presunto. Si rende necessario quindi una fase in cui si verifica il consumo effettivo. Verifica dati inseriti dal cliente In caso di bollettazione mediante autolettura è necessario che i dati dichiarati dall utente rientrino in una gamma di valori accettabili. Possibili soluzioni Eliminabile se tutti i clienti adottassero l auto-lettura, che attualmente è usata solo dal 30% degli utenti. Per incoraggiarne l utilizzo, l azienda potrebbe adottare una forma incentivante (sconti sulla bolletta: non si paga l uscita dell operatore). Eliminabile sostituendo tutti i contatori meccanici con contatori elettronici, che rilevano i consumi in modo automatico. Considerare anche il trade off di costi che questa operazione implica

14 Customer Care Attività che non aggiungono valore Possibili soluzioni Registrazione della richiesta da parte dell operatore Contact Center Il personale del contact center registra la richiesta del cliente e la inoltra alle funzioni di competenza. Questa attività è necessaria per esaudire le richieste del cliente ma in molti casi potrebbe essere eliminabile. Registrazione richiesta Contatta funzioni di competenza Telefonata cliente Mettere a disposizione dell operatore le informazioni sullo stato di avanzamento dei reclami. One call solution: interagendo con le funzioni tecniche ed amministrative l operatore porta avanti l esigenza del cliente fino alla soluzione. Telefonate di ricontatto outbound Un esperto ricontatta il cliente durante i periodi di basso traffico per risolvere le richieste. Questa attività ha valore per il cliente perché produce l output (soddisfacimento delle richieste) ma potrebbe essere evitata svolgendo in modo più efficace le attività a monte. Risoluzione richiesta Richiesta soddisfatta Programma tel outbound Adottando le soluzioni proposte precedentemente questa attività viene automaticamente evitata.

15 Aggiunge valore Indispensabile Output richiesto dal cliente Duplicata Eliminabile cambiando organizzazione Evitabile svolgendo meglio le attività a monte Contatto cliente Ricontattare cliente Preparazione documentazione Definizione opzioni contrattuali Selezione opzioni Completamento copia cartacea e inserimento ordine Document check Controllo discordanze Segnalazione scarti

16 Aggiunge valore Indispensabile Output richiesto dal cliente Duplicata Eliminabile cambiando organizzazione Evitabile svolgendo meglio le attività a monte Verifiche Amministrative (Si considera l intera l fase) Bollettazione Conguaglio Verifica dati inseriti Customer Care Registrazione richiesta Telefonate di ricontatto

17 LINEARITA DEL PROCESSO Il processo analizzato è sostanzialmente lineare, non vi sono interventi di livelli gerarchici superiori che bloccano il processo. Non esistono attività che hanno come unico scopo la sincronizzazione del processo. Operatore Richiesta intervento Programma telefonata Funzioni di competenza Solo nel Customer Care l operatore non è in grado di risolvere le richieste del cliente e di portare avanti il processo, ma richiede l intervento delle funzioni di competenza. Se si riuscisse ad evitare ciò, si avrebbe una notevole diminuzione di tempi, costi e una maggiore soddisfazione del cliente. Notifica Supervisore

18 SEQUENZA LOGICA DELLE ATTIVITA Le attività del processo seguono sostanzialmente una sequenza logica. MA Aumentando il coordinamento Maggior efficienza ed efficacia Criticità Controllo dati Verifiche amministrative & document check: Probabilmente queste due attività vengono svolte in sequenza per un problema di saturazione delle risorse (sono infatti gli stessi operatori di Contact Center ad occuparsi di entrambe). Possibili Soluzioni L agente dovrebbe essere in grado di controllare già presso il cliente i dati e i suoi estremi bancari; non ha senso che queste operazioni siano svolte successivamente poiché creano inutili ricicli (se i dati sono errati l agente ricontatta il cliente ). Svolgendole in parallelo però si avrebbe una forte diminuzione del tempo di risposta. Def opzioni contrattuali Document check Verifiche Attivazione conto Amministrative Controllo dei valori di autolettura: Un immediato controllo che tali valori rientrino in una gamma accettabile consentirebbe di evitare l invio di fatture errate, richieste di rimborsi

19 SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEI CONTROLLI L incidenza delle operazioni di controllo è giustificata se si considera l attuale processo. E comunque possibile apportare dei miglioramenti Criticità Ispezioni mensili alle agenzie: potrebbero essere evitate pur continuando a monitorare la qualità della forza vendita. Possibili Soluzioni Far compilare a ciascun agente un report in modo da comunicare automaticamente il numero, l importo e la distribuzione dei contratti firmati. Verifica della rescissione del contratto nei primi 10 giorni dalla firma: questa eventualità va costantemente monitorata perché porta all annullamento del contratto e all interruzione dell intero processo. Questa fase potrebbe essere semplificata se tutti gli operatori potessero accedere ad una scheda-cliente in cui fosse indicato lo stato di avanzamento del processo. In questo modo, nel momento in cui giungesse la richiesta di recesso da parte del cliente, l operatore potrebbe immediatamente risalire allo stadio a cui il contratto si trova, e quindi provvedere a bloccare il processo. Si potrebbe così evitare di svolgere inutilmente alcune attività.

20 STANDARDIZZAZIONE DELLE ATTIVITA Non esiste nelle fasi iniziali Criticità Contatto cliente, definizione opzioni In queste fasi ciascun agente si comporta in modo differente, seguendo una propria logica. Possibili soluzioni Adottare delle procedure, in particolare nella fase di primo contatto, riduce i tempi di risposta e migliora la produttività dell agente stesso. LE ATTIVITA SONO SVOLTE IN LOTTI GRANDI O IN LOTTI UNITARI? Il processo si svolge prevalentemente on demand ovvero ogni singola richiesta viene portata fino in fondo. Tuttavia Raggruppamenti File dei nuovi contratti: in questo caso viene realizzato un raggruppamento opportuno. Customer Care: potrebbe essere opportuno anche un raggruppamento delle richieste simili pervenute al contact center. Motivazioni Si inoltra una richiesta di attivazione conto contemporanea per più clienti al distributore locale. Si minimizzerebbe così l impiego delle risorse, come l intervento di un esperto o l uscita di un tecnico.

21 Macrostruttura Process ownership Microstruttura Linear Responsibility Charting

22 AD Le staff rappresentate a sinistra offrono servizi centralizzati alle divisioni sottostanti. Pianificatore controllo R. U. Servizi generali Legale Le staff rappresentate a destra sono staff di indirizzo e controllo, che supportano l AD. Acquisti Relazioni esterne Amministrazione IT Duplicazion e dell IT Energy local Energy town Commerciale marketing Operation IT Commerciale marketing Operation IT Produzione Vendita Sviluppo business Elaborazione dati Sviluppo software Manutenzione software Produzione Vendita Sviluppo business Elaborazione dati Sviluppo software Manutenzione software Produzione Distribuzione Trading Produzione Distribuzione Trading

23 Caratteristiche dell organigramma Peculiarità Osservazioni Logica organizzativa sottesa Manca la logica di prodotto. Primo livello DIVISIONI GEOGRAFICHE Secondo livello FUNZIONI Terzo livello FUNZIONI AD Non potendo modificare la macrostruttura è necessario supplire a questa mancanza con un adeguata visione di processo. Quarto livello DIVISIONI PER CLIENTE Staff Sfaff Energy local Energy town Commerciale marketing Produzione Vendita Sviluppo business Operation IT Struttura medesima per Energy Town Grandi clienti PMI Microbusiness residenziali

24 Unità organizzative Criticità Orientamento alle funzioni Le unità organizzative sono orientate per funzioni e non per processo: scarsa efficacia verso il cliente miopia funzionale Duplicazione delle strutture A seguito della fusione si ha: - asimmetrie (presenza di coordinamento). - IT presente sia a livello di staff che a livello di operations: necessità di interfaccia creando dei loop decisionali. (si veda la rappresentazione) IT staff IT EnergyTown IT EnergyLocal Possibili soluzioni Organizzazione processiva. Divisioni per cliente ad un livello più alto. dell organigramma. Unificazione delle strutture iniziando dallo staff, per sfruttare le sinergie. Eliminazione del coordinamento. Assenza di: - Responsabilità (definizione obiettivi) - Autorità (autonomia decisionale) - Compiti (definizione del lavoro) Operations Dare la giusta delega agli attori coinvolti. Empowerment. Standardizzazione di determinate attività.

25 Process ownership Criticità Mancanza di process owner Gli obiettivi sono definiti da un unica persona, il responsabile vendite. Tuttavia il processo non è ingegnerizzato. Mancanza del case manager Non esiste una persona che prenda a carico tutte le transazioni con il cliente. Responsabile dei venditori Possibili soluzioni Introduzione di un process owner che oltre a definire gli obiettivi di processo: Fornisca gli strumenti Pianifichi e controlli Abbia il mandato per ridisegnare il processo Dia una visione globale sul cliente Controlli le prestazioni del processo Introduzione di un case manager: Garantisca l esito soddisfacente di tutte le transazioni con il cliente

26 Abbiamo esploso solo il segmento desiderato

27 Microstruttura: Bilanciamento Criticità Mancanza di una visione globale Le strutture di vendita, marketing, customer care sono giustapposte. (Si veda rappresentazione di fianco) Possibili soluzioni Introdurre process owner. (vedi slide precedente) Post vendita non bilanciato Bassa ownership Bassa strumentazione Turn over elevato Necessità di una visione globale Introdurre help desk interno. Suddividere operatori in base alla tipologia di chiamata, in modo che non si debbano rivolgere alle funzioni di competenza ma riescano a rispondere con successo alla richiesta del cliente.

28 Microstruttura: Parcellizzazione As is Basso livello di parcellizzazione Tutte le attività di una mansione sono svolte dalla medesima figura professionale A mansioni diverse sono associate figure diverse. Ma Mancanza di organizzazione processiva: Job customer Job experience Attore Mansione Vendita Document check e verifiche amministrative Attivazione conto Customer care Agente Operatore contact center interno Pianificazione commerciale Operatore contact center esterno

29 Microstruttura: Integrazione Criticità Informazioni non sono gestite da chi le usa Carenza nella raccolta di informazioni delle varie attività del processo. Inaccessibilità dell informazione in alcune attività del processo. INFORMAZIONE Possibili soluzioni Applicazione di un sistema di gestione delle informazioni relativi ad un cliente. (Vedi parte tecnologica) Informazione elaborata e gestita il più possibile da chi opera nei processi. Mancanza di integrazione Non esiste integrazione tra le attività di supporto e le corrispondenti attività primarie. Centralizzazione dei processi di supporto. Burocratizzazione. INTEGRAZIONE AS - IS TO - BE Scomporre le attività di supporto e metterle nei processi primari. Responsabilizzare gli staff si supporto, attraverso incentivi sul servizio.

30 Microstruttura: Delega Criticità Delega generalmente presente ma non supportata da strumenti I venditori hanno la delega necessaria, ma non gestiscono personalmente le informazioni sui clienti. Possibili soluzioni Fornire gli strumenti necessari ai venditori per sfruttare al meglio la delega ricevuta. Bilanciamento adeguato delle informazioni sulle risorse. Mancanza di delega all interno del contact center Gli operatori del contact center non hanno né la delega né le competenze per poter risolvere autonomamente le problematiche. Adottare un adeguata formazione per gli operatori del contact center, specializzandoli per tipologie di richieste.

31 AREA MANAGER CONTACT CENTER AGENTE VENDITA CONTACT CENTER ESTERNO PIANIFICAZIONE COMMERCIALE CONTATTO CON IL CLIENTE - - D, E - - DEFINIZIONE OPZIONI CONTRATTUALI - - D, E - - DOCUMENT CHECK VERIFICHE AMMINISTRATIV E ATTIVAZIONE CONTO I - - E E - I I I - - E CONTROLLO CONCOMITANTE I E BOLLETTAZIONE A E ISPEZIONI EX POST D, I E CUSTOMER CARE I - - E - D: decide E: esegue A: assiste collabora I: riceve informazioni

32 Linear Responsability Charting Analisi per righe Contatto con il cliente / Definizione opzioni contrattuali: assenza di monitoraggio delle informazioni. E necessario uno scambio di informazioni tra la pianificazione commerciale e i venditori per rendere più efficiente ed efficace il processo. Document check / Verifiche amministrative: essendo una fase di controllo è giusto che manchi il decisore; per tale ragione il processo può essere standardizzato. Attivazione conto: il contact center esterno giustamente riceve le informazioni sui clienti. Essendo una fase operativa non necessita di decisore. Controllo concomitante: è giusto che l area manager venga informata riguardo ai contratti che vengono rescissi. A questo dovrebbe però seguire una fase di ricontatto del cliente per svolgere azioni di retention. Bollettazione: il contact center interviene nel caso il cliente manifesti problemi nell esecuzione dell auto-lettura. Ispezioni ex-post: corretto dimensionamento delle varie responsabilità. Customer care: il contact center esterno dovrebbe essere in grado di prendere delle decisioni. Analisi per colonne Area manager: dovrebbe essere maggiormente coinvolto nelle varie fasi nel ruolo di decisore. Contact center: ha responsabilità commisurate al suo ruolo di controller. Agente vendita: è giustamente coinvolto solo nelle prime fasi del processo. Contact center esterno: dovrebbe avere più delega per risolvere autonomamente la maggior parte dei problemi posti dai clienti. Pianificazione commerciale: dovrebbe essere maggiormente coinvolto con ruoli di decisore e ricevere maggiori informazioni dalle altre aree.

33 Competenze / Mansioni Posizionamento Competenze Risorse

34 Competenze richieste e possedute AGENTE COMPETENZE RICHIESTE specifiche Capacità relazionali Buona esperienza COMPETENZE POSSEDUTE Pochi venditori con grande esperienza. Giovani poco preparati. MIGLIORAMENTI Training on the job: creazione di team di lavoro con a capo i venditori più esperti per fornire formazione continua. Preparazione sul contenuto della modulistica dei contratti. OPERATORE CONTACT CENTER generiche Non sono richieste competenze specifiche Gli operatori possiedono le competenze richieste Diminuzione del turn over per aumentare l esperienza degli operatori. Standardizzazione delle competenze attraverso norme e procedure. SUPERVISORE CONTACT CENTER specifiche Devono supportare gli operatori che non hanno competenze specialistiche Gli operatori possiedono le competenze richieste Allungare l orario di lavoro dei supervisori anche negli orari delle chiamate outbound OPERATORE HELP DESK specifiche Gli operatori possiedono le competenze richieste

35 Competenze / mansioni VENDITA DOCUMENT CHECK E VERIFICHE AMMINISTRATIVE CUSTOMER CARE CONOSCENZA DEL PRODOTTO PRODOTTO SI NO NO CONOSCENZA CARATTERISTICHE CLIENTE NO (l agente non può controllare direttamente i dati del cliente, né la solvibilità e non ha accesso ai dati dei contratti) SI SI (dispone dei dati anagrafici dei clienti) CONOSCENZA DELLA MODULISTICA MODULISTICA SI SI SI Posizionamento delle competenze rispetto alle mansioni: abbiamo evidenziato in giallo le aree da migliorare perchè le competenze non sono sufficienti.

36 Posizionamento: competenze di mestiere e di processo Competenze di mestiere Agente Operatore contact center Supervisore contact center Operatore help desk SI NO SI SI Competenze di processo NON SUFFICIENTI NON SUFFICIENTI SI SI COMPETENZE DI MESTIERE B A AGENTE OPERATORE CONTACT CENTER SUPERVISORE CONTACT CENTER OPERATORE HELP DESK B A COMPETENZE DI PROCESSO Configuratore di offerte per i venditori aumento competenze di processo aumento competenze di mestiere Ricorso all help desk aumenta le competenze di dominio L operatore contact center dovrebbe conoscere meglio i processi interni di SuperEnergy per essere più efficiente nel fornire le risposte ai clienti

37 Accesso alle informazioni Agente Non conosce quali clienti sono già stati contattati da altre agenzie concorrenti. Non hanno accesso diretto ai dati del contratto del cliente. Non hanno una visione sulla fase di postvendita quindi non sanno quali sono i clienti che reclamano. MIGLIORAMENT I Operatore contact center Non dispone delle informazioni sulla storia delle chiamate e sullo stato di avanzamento dei reclami e delle richieste. Attraverso sistemi di SFA Sales Force Automation gli agenti possono memorizzare le posizioni aperte,tracciare tutti i contatti con i clienti,gestire gli ordini e avere informazioni sui prodotti. Dev essere possibile per gli agenti visionare dei report del call center che tengano traccia dei reclami dei clienti. Il contact center deve prevedere un sistema che associ ad una scheda cliente le richieste e lo stato di avanzamento di queste, in modo tale che gli operatori conoscano la situazione.

38 Gestione della conoscenza Assenza di sistemi di knowledge management: manca condivisione della conoscenza e dell esperienza. Ciclo di vita della conoscenza Condivisione Trasferimento Generazione / Reperimento Capitalizzazione La conoscenza è alla base di ogni servizio di successo: il capitale intellettuale e l esperienza sono un asset da gestire come le risorse economiche. La conoscenza appartiene al singolo individuo ed occorre uno sforzo sistematico per fare in modo che questa venga trasferita all organizzazione.

39 Formazione Venditori training on the job: formazione all interno del contesto lavorativo e durante l esperienza di lavoro; Operatori del call center standardizzazione delle competenze: serie di regole e norme che permettano agli operatori di sapere come comportarsi in qualsiasi situazione. Da CONOSCENZA CONOSCENZA TACITA ESPLICITA CONOSCENZA TACITA Socializzazione Interiorizzazione A CONOSCENZA ESPLICITA Esteriorizzazione Combinazione CONOSCENZA TACITA: si basa sull esperienza personale. E più difficile da tradurre in parole e comunicare ad altri. CONOSCENZA ESPLICITA: èla conoscenza formale e può essere codificata.

40 Metodo per favorire la socializzazione 1. Eliminazione della concorrenza tra le diverse agenzie. 2. Team di lavoro con a capo il venditore più esperto. 3. Incentivi sul team: i venditori dovrebbero avere un vantaggio economico sul successo del proprio team di lavoro. Per evitare la concorrenza tra team diversi e favorire la comunicazione si dovrebbero suddividere i team su segmenti di clienti diversi. 1. Permette un migliore flusso di informazione tra i venditori. 2. Permette di imparare attraverso l esperienza diretta e l osservazione. 3. Garantisce che tra i venditori ci sia il maggiore scambio di informazioni ed evita che gli agenti siano restii a condividere le conoscenze acquisite.

41 Metodo per favorire l esteriorizzazionel 1. Sistemi people to system accessibili a tutti i venditori 2. Moduli di formazione continua 1. Gli agenti potrebbero codificare ed archiviare eventuali casi di successo in un data base che associa ai clienti opportunamente segmentati dei contratti personalizzati 2. Corsi di vendita e comunicazione e aggiornamento continuo sulle modalità di compilazione della modulistica. Metodo per favorire la combinazione 1. Portale 2. Forum 1. Garantiscono la comunicazione continua e in tempo reale per chiarimenti, informazioni, dubbi, ecc..

42 Metodo per favorire l interiorizzazionel 1.Norme e procedure: riguarda soprattutto gli operatori del call center perchè sono coloro che svolgono un lavoro più ripetitivo. 1. Attraverso la ripetizione interiorizzano le regole ed imparano ad agire in un determinato modo.

43 Bilanciamento delle risorse per gli agenti Le agenzie non hanno l esclusiva sul territorio ma sono in concorrenza tra di loro Non sono fissate delle regole chiare di distribuzione della clientela sugli agenti. Tutti i venditori operano con lo stesso portafoglio di offerte. Svantaggi: Le agenzie dovrebbero avere l esclusiva in modo tale da abbattere la concorrenza, favorire il flusso di conoscenze e permettere una più facile allocazione delle risorse Non avendo delle procedure e regole chiare di distribuzione della clientela aumentano molto i tempi richiesti Non c è un uso intelligente delle risorse: sarebbe necessario associare i clienti che apportano maggiore valore, agli agenti più esperti L agente giusto al posto giusto

44 Bilanciamento delle risorse per gli agenti Soluzione: l agente giusto al posto giusto Venditore senior Venditori giovani alle prime armi Valore del cliente Team segmentati sulla dimensione del cliente con a capo i più esperti Vantaggi: 1. Semplice allocazione delle risorse 2. Minore dispersione delle conoscenze 3. Specializzazione maggiore degli agenti 4. Miglioramento delle condizioni di lavoro: aumenta la motivazione degli agenti

45 Livello di saturazione Agenti: Non ci sono problemi di saturazione di questa risorsa, è solo necessario utilizzare un mix migliore per sfruttare al meglio l esperienza. Operatori contact center: Gli operatori sono saturi perché devono gestire più attività: Ogni operatore gestisce circa 80 chiamate al giorno. Contatti outbound Contatti inbound PROBLEMA SOLUZIONE I centri devono servire chiamate inbound con punte orarie,mediamente le chiamate: Si concentrano tra le 10 e le 13 e tra le 15 e le 18. Hanno durata media intorno a 180 secondi. Hanno andamento discendente da lunedì a venerdì. Presentano un picco d inverno e una flessione d estate. 1) Supervisori Super Energy devono essere presenti anche alla sera quando avvengono le telefonate di ricontatto outbound. 2) Help desk interno al contact center. 3) Riformulazione degli SLA per garantire un maggior tempo a disposizione per ciascun cliente e un migliore rapporto tra numero operatori e chiamate.

46 Competenze richieste e possedute Competenze di mestiere e di processo Accesso alle informazioni Gestione della conoscenza Bilanciament o risorse Saturazione risorse E necessaria una maggiore formazione degli agenti su: Aspetti commerciali Compilazione della modulistica. L agente e l operatore contact center devono avere una maggiore visione di processo. L accesso alle informazioni non è sufficiente per gli agenti e il contact center. Sono completamente assenti sistemi di condivisione della conoscenza, knowledge management. Le risorse non sono ben bilanciate: è necessario associare l agente più esperto ai clienti più profittevoli. Il numero di agenti è sufficiente. Per il contact center sarebbe opportuno che fornisse un maggior numero di persone per garantire un minor tempo di risposta e più qualità.

47 Strategia di controllo: Griglia Stakeholder / Prestazioni Griglia delle segmentazioni Ciclo di controllo Supporto tecnologico e costi

48 Qualità Servizio Costo Agente Cliente Manager Operatore contact center 1. Affidabilità della forza vendita 2. Tasso di reclami 3. Tasso di recesso 4. Conformità della forza vendita 1. Qualità del processo vendita (offerta, personalizzazione, ) 1. Soddisfazione del lavoro 1. Turnover 2. Affidabilità sistema 3. Soddisfazione 1. Tempo di risposta 2. Puntualità 3. Ordini perfetti 1. Tempo di risposta 2. Tempo di attesa al contact center 3. Puntualità 4. Ordini perfetti 5. Flessibilità 6. Ad hoc: capacità e disponibilità agente 1. Agente perfetto 1. Tempo di risposta 2. Tassi errore sistema 1. Produttività delle risorse umane 2. Valore di acquisizione del cliente 3. Costo unitario 1. Costo totale cliente 1. Costo esecuzione 2. Costo di preparazione 1. Costo esecuzione INPUT: n. clienti potenziali OUTPUT: n. di conti attivati RISORSE UMANE: n. agenti e n. operatori contact center

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli