Rassegna Web del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Web del 24.04.2014"

Transcript

1 Rassegna Web del POLITICA E ISTITUZIONI... 3 LOMBARDIA: VERTICE REGIONE-QUESTURE-PREFETTURE. PARTE TAVOLO DI LAVORO PER NUOVO SISTEMA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONI SALE GIOCO. LICENZA DI PS NON BASTA... 3 GIOCO PATOLOGICO, MARONI: UNA LEGGE NAZIONALE SUL MODELLO DI QUELLA LOMBARDA... 4 NEWSLOT, LA REGIONE LOMBARDIA SI COSTITUISCE AL CONSIGLIO DI STATO PER LA CHIUSURA DELLA SALA IN CORSO VERCELLI... 5 MARCHE: CIRIACI, MIA PDL SUL GIOCO FERMA IN CONSIGLIO. NECESSARIE REGOLE SU SALE, GIOCATORI E CONTROLLI... 5 NEWSLOT E VLT... 6 TRAVAGLIATO (BS), GIOCO BANDITO IN TUTTO IL COMUNE: FRA I 'LUOGHI SENSIBILI' CI SONO ANCHE LE EDICOLE SACRE... 6 AVERSA (CE). PRESENTATA MOZIONE ANTI SLOT, SCONTO DEL 50% SULLA TARI PER GLI ESERCIZI CHE LE ELIMINANO 6 SCOMMESSE, POKER E ONLINE... 7 SCOMMESSE VIRTUALI, SISAL MATCHPOINT RADDOPPIA CON KIRON... 7 RODANO (AAMS): BETTING EXCHANGE: IN FASE DI STUDIO LA LIQUIDITÀ CONDIVISA CON UK E SPAGNA... 7 MORABITO (POKERLIVEITALIA): IL POKER LIVE PUÒ RINASCERE DAL CONFRONTO... 7 CRONACA... 8 INDAGINE DEMOSKOPIKA, GIRO D AFFARI NDRANGHETA: DAL GIOCO D AZZARDO 1,3 MILIARDI DI EURO... 8 BARI, CAPITALE DELL AZZARDO: NELLE SALE BINGO ANCHE BAMBINI DI 6 ANNI... 8 OPINIONI E COMMENTI... 9 GINESTRA (PRES. AGISCO): VIA SUBITO SLOT E VIDEOLOTTERY DA CED E CTD. I BOOKMAKER SENZA CONCESSIONE NON HANNO ALCUNA INTENZIONE DI SANARE LA SITUAZIONE... 9 MONDO TURCHIA, VENERDÌ SCADE IL TERMINE PER LA PRIVATIZZAZIONE DELLA LOTTERIA NAZIONALE. POSSIBILE LA PARTECIPAZIONE DI GTECH LA RUSSIA SPAZZA VIA IL POKER ONLINE: CENTINAIA DI DOMINI DI GIOCO CHIUSI A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI LOMBARDIA: VERTICE REGIONE-QUESTURE-PREFETTURE. PARTE TAVOLO DI LAVORO PER NUOVO SISTEMA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONI SALE GIOCO. LICENZA DI PS NON BASTA Ore 10:56 Regione Lombardia: Vertice a porte chiuse tra Maroni e i Questori sul tema ludopatie Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, oggi incontrerà i questori della Lombardia per discutere sul tema delle ludopatie, proprio in riferimento alla legge regionale approvata recentemente in Consiglio. Il vertice è a porte chiuse e saranno saranno presenti anche l Anci e il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. rg/agimeg Ore 15:15 Ludopatie: Maroni (Pres. Reg. Lombardia), Nostra regione all avanguardia. Vogliamo creare un sistema che aiuti chi è in difficoltà Quello di oggi è un incontro importante, alla presenza di Anci e di tutti i questori e prefetti della Lombardia. Vogliamo discutere delle iniziative concrete per attuare la legge regionale che la Lombardia ha approvato per contrastare le ludopatie. Sono le parole del presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, prima dell inizio del vertice con i questori e con i prefetti per discutere dell applicazione della legge regionale in materia di giochi. La nostra Regione ha aggiunto Maroni anche nel contrasto delle ludopatie è all avanguardia. Vogliamo creare un sistema che aiuti chi è in difficoltà.speriamo che il Parlamento prenda spunto dalla nostra norma per fare una legge nazionale, con i medesimi contenuti. lp/agimeg Ore 16:06 Lombardia, parte tavolo di lavoro per determinare nuovo sistema di rilascio autorizzazioni per sale gioco La Lombardia costituirà un tavolo di lavoro coordinato per fissare un nuovo sistema da sperimentare in Regione per il rilascio delle autorizzazioni all apertura di nuove sale gioco, sale bingo o videolottery. Il tavolo sarà presieduto dall assessore al Territorio, e vi parteciperanno la Regione stessa, l Anci, il Comune di Milano, le Prefetture e le Questure. E quanto si è deciso oggi nel corso del vertice a porte chiuse con questori e prefetti, al centro dell incontro l applicazione della legge regionale sulle ludopatie. Secondo il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, sulla questione delle ludopatie esiste un concorso di interessi pubblici di pari rilievo facenti capo ad amministrazioni diverse, statali (Ministero dell Interno, concorso pubblico in materia di sicurezza) da un lato e territoriali dall altro (Regione Lombardia, interesse pubblico a tutela dei più deboli e degli affetti da ludopatie), con la conseguenza che il regime di pubblica sicurezza convive con eventuali norme di legge regionali o regolamentazioni comunali che, muovendo su un piano diverso rispetto a quello della licenza di Polizia, pongono limiti all apertura di sale gioco, sale bingo e Vlt. lp/agimeg Ore 16:21 Lombardia, Maroni: Licenza di PS non basta, serve autorizzazione di Regione e Comune La licenza di pubblica sicurezza rilasciata dalle Questure, da sola non può più bastare. Serve anche un autorizzazione di carattere amministrativo, rilasciata dalla Regione o dai Comuni, perché si possa aprire il locale. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia al termine del vertice a porte chiuse con questori e prefetti, nel corso del quale si è discusso dell applicazione della legge regionale sulle ludopatie. Il tavolo che abbiamo costituito oggi sotto e che sarà guidato dell assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo stabilirà in che modo regolamentare e fare in modo che questo concorso di interessi di pari rilievo abbiano la stessa rilevanza. Il tavolo si riunirà già nei prossimi giorni per individuare le procedure e dare piena attuazione a questo nuovo sistema. Una sperimentazione importante perché vede insieme il Ministero dell Interno attraverso prefetture e questure, la Regione e i Comuni a tutela dei soggetti deboli per evitare che si rovinino nelle sale slot ha concluso Maroni. lp/agimeg Ore 16:25 Ludopatie: Beccalossi (Ass. Reg. Lombardia), Con la nostra legge a disposizione oltre un milione di euro per i voucher con i quali curarsi La legge votata dal Consiglio regionale è stata fatta per contrastare un fenomeno assai diffuso, una vera e propria patologia, nonostante la regolamentazione del gioco non sia una competenza specifica della Regione. Sono le parole dell assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo in regione Lombardia Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 3

4 Viviana Beccalossi, che ha partecipato al vertice con i questori e i prefetti della Lombardia per discutere dell applicazione della legge regionale sulle ludopatie. La ludopatia ha ricordato la Beccalossi non è un vizio, ma una vera e propria patologia che colpisce migliaia di persone, tanto e vero che i fondi che la nostra legge mette a disposizione (oltre 1 milione di euro) servono per finanziare i voucher, attraverso cui le persone si possono curare. rg/agimeg GIOCO PATOLOGICO, MARONI: UNA LEGGE NAZIONALE SUL MODELLO DI QUELLA LOMBARDA (GIOCONEWS 24/04/2014) "Quello di oggi è un incontro importante, alla presenza di Anci e di tutti i questori e prefetti della Lombardia. Vogliamo discutere con loro delle iniziative concrete in attuazione della legge regionale che la Lombardia ha approvato per contrastare questo fenomeno". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, prima dell'inizio del vertice con i questori e con i prefetti della Regione Lombardia per discutere dell'applicazione della legge regionale sulle ludopatie. TUTTI I SOGGETTI COINVOLTI - Il governatore, affermando che il gioco d'azzardo a livello patologico "drena risorse e rovina le famiglie", ha sottolineato l'importanza della riunione di oggi che vede attorno allo stesso tavolo "tutti i soggetti coinvolti. La nostra Regione - ha ricordato - anche nel contrasto delle ludopatie è all'avanguardia. Vogliamo creare un sistema che aiuti chi è in difficoltà, che affronti la situazione di chi cede al vizio e si rovina. Speriamo che il Parlamento prenda spunto dalla nostra norma per fare una legge nazionale con i contenuti della nostra legge regionale". GLI ESITI DELL INCONTRO - L'incontro di oggi sull'applicazione della legge regionale sulle ludopatie, tenutosi a Palazzo Lombardia, si è chiuso con la decisione di costituire un tavolo di lavoro coordinato dall'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo, al quale parteciperanno Regione Lombardia, Anci, Comune di Milano, Prefetture e Questure per stabilire un nuovo sistema da sperimentare in Lombardia per il rilascio delle autorizzazioni all'apertura di nuove sale gioco, sale bingo o videolottery. LA CIRCOLARE DEL VIMINALE - Il presidente della Regione Lombardia, ha ricordato una circolare del Dipartimento della Pubblica sicurezza del Ministero dell'interno, secondo la quale sulla materia esiste "un concorso di interessi pubblici di pari rilievo facenti capo ad amministrazioni diverse, statali (Ministero dell'interno, concorso pubblico in materia di sicurezza) da un lato e territoriali dall'altro (Regione Lombardia, interesse pubblico a tutela dei più deboli e degli affetti da ludopatie), con la conseguenza che il regime di pubblica sicurezza convive con eventuali norme di legge regionali o regolamentazioni comunali che, muovendo su un piano diverso rispetto a quello della licenza di Polizia, pongono limiti all'apertura di sale gioco, sale bingo e Vlt". NON SOLO POLIZIA - Alla luce di queste considerazioni, il governatore ha fatto presente che, grazie al confronto avuto oggi con Prefetti e Questori, è emerso il fatto che "l'autorizzazione di Ps rilasciata dalle Questure, da sola non può più bastare. Serve - ha spiegato - anche un'autorizzazione di carattere amministrativo, rilasciata dalla Regione o dai Comuni, perché si possa aprire il locale. Come regolamentare e fare in modo che questo 'concorso di interessi di pari rilievo' abbiano la stessa rilevanza, sarà oggetto del lavoro del tavolo che abbiamo costituito oggi sotto la guida dell'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo, che si riunirà già nei prossimi giorni con l'obiettivo di individuare le procedure per dare piena attuazione a questo nuovo sistema. Una sperimentazione importante - ha sottolineato il presidente - perché vede insieme il Ministero dell'interno attraverso prefetture e questure, la Regione e i Comuni a tutela dei soggetti deboli per evitare che si rovinino nelle sale slot". L'INTERVENTO DELLA BECCALOSSI - "La legge votata all'unanimità dal Consiglio regionale è stata fatta per contrastare un fenomeno assai diffuso, una vera e propria patologia, che ha dati molto preoccupanti, nonostante la regolamentazione del gioco non sia una competenza specifica della Regione". Lo ha detto l'assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo, Viviana Baccalossi, durante il vertice con i questori e con i prefetti della Lombardia per discutere dell'applicazione della legge regionale sulle ludopatie. VERA E PROPRIA PATOLOGIA - Oltre a Pavia, ha ricordato l'assessore, in cui c'è una spesa pro capite di 2100 euro per il gioco (8% del Pil), "molte altre province sono coinvolte. Con la legge 8, che è in vigore, abbiamo Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 4

5 risposto alle richieste arrivate dalle famiglie dei ludopatici e dagli amministratori comunali, che si trovano spesso a lottare con pochi strumenti contro questo fenomeno". Molto spesso infatti le ordinanze dei Comuni vengono impugnate e il Tar dà torto ai Comuni stessi. "La ludopatia - ha ricordato l'assessore - non è un vizio o un fenomeno economico transitorio ma è una vera e propria patologia che colpisce migliaia di persone, tanto è vero che i fondi che la nostra legge mette a disposizione (oltre 1 milione di euro) servono per finanziare i voucher, attraverso cui le persone si possono curare, grazie anche all'attività del terzo settore". I PALETTI DELLE NORME - L'assessore ha ricordato anche i paletti che fissa la legge come il divieto di aprire una sala gioco o attivare una macchinetta a 500 metri da luoghi sensibili come chiese, oratori, scuole e case di risposo, oltre che la realizzazione di campagne di sensibilizzazione curate dalle Asl e dalle scuole. "Insieme alla legge 8 - ha sottolineato l'assessore - abbiamo anche approvato una proposta di legge al Parlamento, consapevoli come siamo che molto dipende dal livello nazionale. Ci rendiamo conto che, in un momento di difficoltà economica, gli 8 miliardi di euro di gettito garantito dal gioco fanno comodo ma si spendono molti fondi, se non di più, per la cura delle persone malate e per far fronte a ciò che è legato a ludopatia". RILASCIO LICENZE - Per quanto riguarda il rilascio delle licenze, l'assessore ha fatto appello alla più stretta collaborazione di tutti e ha sottolineato l'opportunità che "si tenga conto della nostra legge, che è in vigore e che è stata votata all'unanimità". L'assessore ha anche ricordato come "intorno ai luoghi dove si gioca sia aumentata in maniera forte la criminalità". RILASCIO LICENZE - Per quanto riguarda il rilascio delle licenze, l'assessore ha fatto appello alla più stretta collaborazione di tutti e ha sottolineato l'opportunità che "si tenga conto della nostra legge, che è in vigore e che è stata votata all'unanimità". L'assessore ha anche ricordato come "intorno ai luoghi dove si gioca sia aumentata in maniera forte la criminalità". NEWSLOT, LA REGIONE LOMBARDIA SI COSTITUISCE AL CONSIGLIO DI STATO PER LA CHIUSURA DELLA SALA IN CORSO VERCELLI (AGIMEG - 24/04/2014) La Giunta della Lombardia ha ufficializzato la decisione di costituirsi nel giudizio promosso avanti il Consiglio di Stato per l annullamento dell ordinanza n. 381/2014 resa dal Tar Lombardia concernente la determinazione della distanza dai luoghi sensibili per la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d azzardo lecito proposizione di ricorso incidentale. Con questa ordinanza cautelare, il TAR ha confermato la sospensione dell ordinanza con cui il Comune di Milano disponeva la chiusura della sala giochi di corso Vercelli, a Milano. Il giudice ha ritenuto non fondata la questione di illegittimità costituzionale della l.r. n. 8 del Inoltre, secondo il giudice, la d.g.r. n del 2014 (relativa alle distanze dai luoghi sensibili da osservarsi nella collocazione di apparecchi per il gioco d azzardo leciti ed emanata in attuazione della legge regionale n. 8/2013) deve intendersi riferita alle nuove autorizzazioni, in quanto le nuove collocazioni previste nella delibera in esame sarebbero atecnici riferimenti alle procedure instaurate successivamente alla pubblicazione della delibera. Nel caso di specie, il giudice ha quindi ritenuto che, avendo il Questore rilasciato la propria autorizzazione prima della pubblicazione della d.g.r. n del 2014, non potesse applicarsi la nuova disciplina regionale. L ordinanza in esame ha, su quest ultimo punto, apparentemente deciso in senso difforme rispetto all ordinanza n. 339 del 2014, riguardante un caso in comune di Cantù, in cui il TAR Milano differente sezione ha decretato che la legge regionale poteva dirsi immediatamente applicabile con riguardo alle limitazioni alla collocazione di apparecchi da gioco. lp/agimeg MARCHE: CIRIACI, MIA PDL SUL GIOCO FERMA IN CONSIGLIO. NECESSARIE REGOLE SU SALE, GIOCATORI E CONTROLLI (AGIMEG - 24/04/2014) Ho presentato da tempo una proposta di legge regionale sulla regolamentazione del gioco, ferma in Consiglio regionale. Sono le parole del consigliere regionale di Forza Italia Graziella Ciriaci, vice presidente della Commissione Attività produttive nella Regione Marche che ha poi aggiunto: Ora 411 Comuni italiani hanno presentato una pdl di iniziativa popolare sull argomento a testimonianza di quanto sia non rinviabile affrontare questo problema. La proposta di legge in questione costituisce uno Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 5

6 strumento operativo idoneo per contrastare, limitare e sopprimere la diffusione del gioco incontrollato così come regole relative alle sale, ai giocatori e ai controlli. lp/agimeg NEWSLOT E VLT TRAVAGLIATO (BS), GIOCO BANDITO IN TUTTO IL COMUNE: FRA I 'LUOGHI SENSIBILI' CI SONO ANCHE LE EDICOLE SACRE (GIOCONEWS 24/04/2014) Non solo scuole, ospedali, centri di aggregazione sociale o chiese, ma ora anche le 'santelle', vale a dire le edicole sacre che spesso si trovano in campagna o lungo le statali. Ci sono pure loro fra i punti sensibili individuati dal Comune di Travagliato, un paese di 13mila persone in provincia di Brescia, che ha recentemente adottato la legge regionale della Lombardia. "Con questo atto, le nuove installazioni di apparecchi da gioco sono vietate a 500 metri dai luoghi tradizionalmente più frequentati dalle categorie più 'vulnerabili', praticamente bandite (al 99%) in tutto il territorio comunale", come conferma a Gioconews.it l assessore al Commercio Christian Bertozzi. "Nel nostro piccolo, stiamo facendo e faremo tutto il possbile - ricorda Bertozzi -, ma il Comune non può sostitursi allo Stato e alla coscienza degli individui. Visto che sul gioco online non possiamo fare nulla, agiremo su quello 'visibile'". CENSIMENTO DELLE SLOT - In parallelo, prosegue l'assessore, "abbiamo fatto il primo censimento degli apparecchi presenti in tutta Travagliato. Ce ne sono almeno 3 o 4 in ogni locale pubblico, dai bar alle lavanderie, ai tabaccai, ma non abbiamo riscontrato alcuna irregolarità da parte degli esercenti. Proseguiremo con i controlli, grazie al supporto della polizia municipale, per assicurarci che sia effettivamente impedito l'accesso dei minori e che i gestori assicurino la sorveglianza". SENSIBILIZZAZIONE, MA NIENTE INCENTIVI - E per le installazioni già in essere, come intende agire il Comune? "Su quelle non possiamo fare nulla - conclude Bertozzi: non possiamo promettere sgravi fiscali a chi decide di recedere, visti i tempi di magra, ma vogliamo promuovere iniziative di sensibilizzazione, che giochino un po' sulla 'questione morale'. Per questo motivo, il 12 maggio Travagliato ospiterà una serata dello 'No slot tour' organizzato dalla Regione nei comuni della Lombardia". AVERSA (CE). PRESENTATA MOZIONE ANTI SLOT, SCONTO DEL 50% SULLA TARI PER GLI ESERCIZI CHE LE ELIMINANO (JAMMA 24/04/2014) Nella seduta di ieri i consiglieri comunali di Aversa, Salvino Cella e Salvatore Candida, hanno presentato una mozione anti slot al fine di sollecitare sindaco e giunta ad incentivare tutti gli esercizi commerciali che fossero disposti ad eliminare dal proprio locale le slot machine attraverso la riduzione di non meno del 50% della tassa sui rifiuti. Constatato che ad Aversa si legge nella mozione come in tante altre città, è sempre più frequente imbattersi in locali pubblici che offrono alla propria clientela la possibilità di giocare alle slot machine. Considerando che il giocatore assiduo è di fatto sottolinea la nota un soggetto affetto da sindrome da gioco patologico, con ripercussioni problematiche non solo sul giocatore bensì per tutto il nucleo familiare che, nella maggior parte, dei casi si vede dissolvere e che nella stragrande maggioranza dei casi i reali gestori delle slot machine sono persone non trasparenti, per non affermare altro, e che comunque, in quasi tutti i casi le slot machine non sono in rete e quindi manomesse con un aggravio sul giocatore. Considerando, inoltre, conclude il documento che l amministrazione comunale non ha potere di iniziative dirette al contrasto del proliferare di questa piaga sociale ma che, tuttavia, ha potere fiscale in materia e che in tutte le città d Italia le amministrazioni si stanno muovendo per disincentivare questo tipo di gioco che ha portato, purtroppo, tante persone a togliersi la vita per aver distrutto la propria famiglia, in qualità di consiglieri comunali sottoponiamo all attenzione del Consiglio una mozione finalizzata a sollecitare sindaco e giunta ad incentivare tutti gli esercizi commerciali che fossero disposti ad eliminare dal proprio locale le slot machine attraverso la riduzione di non meno del 50% della tassa sui rifiuti. Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 6

7 SCOMMESSE, POKER E ONLINE SCOMMESSE VIRTUALI, SISAL MATCHPOINT RADDOPPIA CON KIRON (AGIMEG - 24/04/2014) Sisal Matchpoint, il brand delle scommesse di Sisal Group, e` il primo operatore a portare nella sua rete di vendita una seconda proposta di gioco per le Virtual Race, avendo concluso positivamente il processo di certificazione e collaudo della piattaforma Kiron, che si andra` ad aggiungere a quella Inspired. Grazie all innesto di Kiron, Sisal Matchpoint potra` garantire ai propri clienti la piu` ricca e variegata offerta sul mercato delle scommesse virtuali, con tutte le discipline possibili: calcio, ippica, corse di cani, automobilismo, ciclismo, motociclismo e tennis. Il mercato dei giochi virtuali, nato in Italia solo pochi mesi fa, ha superato le migliori aspettative, raggiungendo nel solo mese di marzo una raccolta complessiva superiore ai 105 milioni di euro. In questo contesto Sisal Matchpoint conferma, anche grazie alla doppia piattaforma, il suo ruolo da assoluta protagonista. lp/agimeg RODANO (AAMS): BETTING EXCHANGE: IN FASE DI STUDIO LA LIQUIDITÀ CONDIVISA CON UK E SPAGNA (AGIMEG - 24/04/2014) L introduzione del Betting Exchange è solo l ultimo tassello della scelta, operata da tutti i governi che si sono succeduti dal 2000 in poi, di regolamentare via via tutti quei giochi online già largamente disponibili su internet e offerti da operatori su cui lo Stato non poteva operare alcun controllo. Questa operazione ha riportato alla luce una larga fetta del gioco illegale, e ciò ha consentito ai giocatori italiani di trovare giochi simili a quelli precedentemente offerti solo dal circuito illegale, ma in un ambiente sicuro e strettamente monitorato. Lo spiega Francesco Rodano, a capo dell Ufficio Gioco a Distanza dei Monopoli. Tante le aspettative nei confronti del nuovo gioco e sia gli operatori sia gli scommettitori si chiedono se l Italia sarà terreno fertile per il betting exchange. Due fattori aiuterebbero: l introduzione delle scommesse ippiche e la liquidità condivisa con altri paesi, soluzioni non facili come spiega Rodano a Bettingexchange.it. Se si guarda l Europa spiega Rodano attualmente il Betting Exchange è regolamentato nel Regno Unito e lo sarà a breve in Spagna. Si tratta di due giurisdizioni con cui AAMS ha già, da anni, una stretta collaborazione. La possibilità di condividere la liquidità, per i giochi multi-giocatore, con questi Paesi è molto interessante ed è attualmente in una fase di studio preliminare. E ancora presto per ipotizzare se e quando si riuscirà effettivamente a realizzare il progetto. Le scommesse ippiche, per motivi storici, hanno tuttora una disciplina completamente distinta e indipendente da quella delle altre scommesse sportive. Un eventuale armonizzazione in futuro dipenderà da decisioni dell autorità politica e non del regolatore. La prossima attuazione della Delega fiscale (legge 11 marzo 2014, n. 23) potrà rappresentare un occasione di razionalizzazione dell intero comparto dei giochi pubblici. cz/agimeg MORABITO (POKERLIVEITALIA): IL POKER LIVE PUÒ RINASCERE DAL CONFRONTO (AGIMEG - 24/04/2014) Confronti, anche con toni accesi, con l idea di capire cosa ne sarà del poker live, quali errori sono stati commessi e ricordare le battagli vinte. Il mondo del texas hold em dal vivo sta trovando un punto di aggregazione sui social network e in particolare sul gruppo Pokerliveitalia. Ne parla l ideatore Vincenzo M0rabito. Sono trascorsi quasi tre mesi dall apertura del gruppo Pokerliveitalia. Si sono susseguite diverse domande in questo periodo, da parte di giocatori, amici, organizzatori, imprenditori, operatori, staff di diverse organizzazioni, giornalisti di settore e non. Oggi riporta Morabito si ribadisce un concetto, un valore che sta alla base di tutto e per farlo si ricorre ad un esempio. Un giocatore prende posto a un tavolo da gioco, con in mano le sue carte, si trova nella solitudine più assoluta in compagnia dei sui avversari. Affronta una prova il cui l esito dipende solo da se. Nel far questo, il giocatore, sa di trovarsi in una partita in cui ogni regola del gioco è affascinante. Il gioco è un corpo a corpo con il destino e nel caso del poker, l elemento dell abilità quando applicabile, è un enorme valore aggiunto. Chi gioca si trova insieme e al contempo, Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 7

8 contro i compagni di gioco ed è proprio in quel momento che nasce la perfetta sintesi che egli percepisce: aggregazione e scontro, due elementi di difficile coniugazione in un unico preciso istante. E questa sintesi che riunisce in un sol colpo tutto l io immaginabile, con le paure, il coraggio, il valore,l abilità, il controllo, l empatia, la razionalità, la socievolezza, l intraprendenza, le capacità tutte. Mettersi in gioco non è una cosa affatto semplice, è un qualcosa di incredibilmente complesso, ma è proprio l implacabile definizione della regola nella sua necessaria limpida chiarezza e semplicità, a rendere questa esperienza irripetibile. Domande e risposte, in attesa che qualcosa arrivi dalle istituzioni. Questo è il vero motivo che spinge alla ricerca di risposte che, come dire, trascendono dall io. Ma in tutto ciò ci si trova in un campo senza precise regole in cui, a farla da padrone, è proprio l egocentrismo. Giocatori, organizzatori, appassionati, amici e avversari, intorno al tavolo sono tutti uguali, soli e insieme, nello stesso istante. Per questo si vuol fortemente estrema chiarezza sul passato, sul presente e sul futuro del poker live e, anche se alle volte i toni vanno oltre le righe, nel cuore di ciascuno c è solo il gran desiderio di confrontarsi liberamente, da soli e tutti insieme e con regole implacabili, come se ci si trovasse tutti seduti intorno a un gran tavolo da gioco la cui partita possa esser la più bella mai giocata. cz/agimeg CRONACA INDAGINE DEMOSKOPIKA, GIRO D AFFARI NDRANGHETA: DAL GIOCO D AZZARDO 1,3 MILIARDI DI EURO (AGIMEG - 24/04/2014) La ndrangheta ha una struttura unitaria, con una sorta di consiglio di amministrazione e Presidente. E quanto emerge dalle indagini delle Dda di Reggio Calabria e Catanzaro, riportate nella relazione annuale della Direzione Nazionale Antimafia. Da una recente indagine di Demoskopika è stato rilevato che la ndrangheta ha un giro d affari complessivo di 53 miliardi di euro. Il maggiore introito è garantito dal traffico di stupefacenti (guadagni per 24,2 miliardi di euro). Seguono il riciclaggio, (19,6 miliardi), estorsioni e usura (2,9 miliardi), appalti pubblici (2,4 miliardi) e gioco d azzardo (1,3 miliardi di euro). rg/agimeg BARI, CAPITALE DELL AZZARDO: NELLE SALE BINGO ANCHE BAMBINI DI 6 ANNI (REDATTORESOCIALE.IT - 24/04/2014) Impressionanti le cifre del capoluogo pugliese: più di tra slot machine e videolottery in quasi duemila esercizi; 1,6 miliardi spesi ogni anno nella provincia. Escluso il circuito illegale gestito dalle mafie. Il commento della Fondazione antiusura di don D Urso ROMA - Bari è una delle capitali italiane del gioco d azzardo, con una media di slot machine per negozio che fa paura: 4,5 per ogni esercizio commerciale, in luoghi come bar, ristoranti, edicole, alberghi e tabaccherie. Nell intera città le slot sono 6.154, posizionate in esercizi: per averle non occorre l autorizzazione della questura. A tutto ciò si aggiungono tre sale bingo, apparecchi di videolottery (Vlt) distribuite in 142 casinò e 406 centri scommesse, oltre alle sale scommesse illegali, gestite dalle mafie, che non si contano e che attraggono maggiormente la clientela in quanto offrono vincite più alte. Queste ultime sfuggono alla rete controllata dall Agenzia delle dogane e dei monopoli (Aams) gestita dalla Sogei, la società generale d informatica controllata al 100 per cento dal ministero dell Economia e delle Finanze, che gestisce il sistema informativo del gioco pubblico in Italia. Le organizzazioni criminali che lucrano sul gioco d azzardo, mettono tranquillamente in conto, alla voce perdite, le multe comminate dall Agenzie delle dogane: 2 milioni di sanzioni registrate nel 2013 per irregolarità sono ben poca cosa rispetto ai lauti guadagni che la malavita ottiene sfruttando la dipendenza dal gioco di tanti. Per i controllori (Guardia di finanza, Carabinieri, Agenzia delle dogane e dei monopoli e Polizia postale) districarsi in una siffatta giungla non è semplice: le sale scommesse illegali possono nascere con autorizzazioni diverse, come quelle per centri di trasmissioni dati, cartolibrerie, foto copisterie. Del resto, nella sola Bari, ci sono pur sempre operatori del mondo del gioco d azzardo da tenere d occhio, fra concessionari, esercenti, costruttori di macchinette, gestori e proprietari di apparecchi. Un business vero ed estremo che sta rovinando una città. Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 8

9 A dipingere le tinte fosche del quadro, una vera e propria emergenza sociale ai tempi di una crisi economica che non passa, è l'osservatorio della Fondazione antiusura San Nicola e Santi Medici, presieduta da don Alberto D Urso, che ha dedicato la sua vita al riscatto di chi si lascia depredare dal gioco d azzardo e dall usura. «Slot machine e gioco d'azzardo hanno ridotto sul lastrico numerosi nuclei familiari. Il lavoro non c è e si prova l azzardo. Purtroppo lo Stato, pessimo maestro e primo indebitato, non dà buon esempio. La gente si sta vendendo tutto, nelle sale bingo ormai si vedono anche bambini di 6 anni con le loro famiglie, negli autogrill gli adolescenti in gita scolastica buttano al vento le loro paghette col gratta-e-vinci», afferma il sacerdote che denuncia questa vera e propria subcultura del rischio. Basti pensare che la spesa pro capite per il gioco, in Puglia, è in media di circa mille euro all anno; Taranto, con la crisi dell Ilva in casa, sperpera nel gioco d azzardo ben euro per persona, Brindisi arriva a euro e Bari a euro. Rovinati dal gioco e dall'usura (c è chi chiede in prestito soldi poiché dannato dal vizio del gioco), secondo l'identikit fatto dalla Fondazione di don D Urso, sono soprattutto uomini tra i 40 e i 55 anni, impiegati e operai, capifamiglia che dovrebbero portare il pane a casa invece di infilarlo nelle slot. Il legame fra usurai e gioco d azzardo è strettissimo. «I casi di dipendenze croniche, di persone che ormai sono per la strada, di intere famiglie tenute sotto scacco dagli strozzini fanno parte della vita quotidiana di Bari», continua don D Urso. Tra lotterie, gratta e vinci, scommesse online la provincia di Bari brucia in media milioni di euro ogni anno. I numeri del consumo dell'azzardo in Puglia restano allarmanti: quasi 4 miliardi di euro consumati dai pugliesi nel 2012, senza contare quelli dissipati nel cosiddetto gioco online, non facilmente quantificabili e quelli dilapidati nel gioco illegale. (Paolo Giovannelli) OPINIONI E COMMENTI GINESTRA (PRES. AGISCO): VIA SUBITO SLOT E VIDEOLOTTERY DA CED E CTD. I BOOKMAKER SENZA CONCESSIONE NON HANNO ALCUNA INTENZIONE DI SANARE LA SITUAZIONE (AGIMEG - 24/04/2014) L Amministrazione dovrebbe essere più incisiva con i concessionari degli apparecchi da intrattenimento, fissare un termine perentorio e imporre che entro tale data le slot e le vlt vengano rimosse da ced e ctd. Francesco Ginestra, presidente di Agisco, non nasconde che nel problema delle slot istallate nei centri collegati ai bookmaker esteri, una parte delle responsabilità sia anche dei concessionari autorizzati. Oltretutto sottolinea ad Agimeg, alcune di queste compagnie operano sia nel settore degli apparecchi, sia in quello delle scommesse. Da un lato si scagliano contro gli operatori esteri per la raccolta delle scommesse, dall altro non fanno molte distinzioni quando si tratta di istallare le macchine. E una situazione surreale, non dovrebbe mai accadere che per accrescere la propria presenza sul territorio, si accettino simili compromessi spiega ancora Ginestra. La prima cosa che andrebbe chiesta ai concessionari degli apparecchi è il numero di macchine istallate nei ced e nei ctd, per avere una piena cognizione del fenomeno. Ginestra quindi plaude all intervento di Fanelli e pone l accento sulla questione delle ludopatie, Non si può avere questa polverizzazione incondizionata della presenza delle macchine sul territorio, in una fase come questa in cui si sta parlando di ridurre il numero degli apparecchi. E sottolinea ancora una volta che, nonostante tutti gli annunci, i bookmaker esteri: non hanno alcuna intenzione di sanare la situazione e hanno l unico obiettivo di operare in spregio delle regole. L ultimo bando delle scommesse ne è la prova. Non hanno fatto che riproporre le solite critiche sulla discriminatorietà della gara, questa volta facendo leva sulla durata delle concessioni. Ma hanno taciuto su due aspetti: da un lato, una simile durata delle concessioni ha causato gli stessi problemi anche alla rete legale. Dall altro, i loro ced e ctd erano preesistenti, il tempo per ammortizzare gli investimenti lo hanno già avuto prima di acquistare la concessione. lp/agimeg Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 9

10 MONDO TURCHIA, VENERDÌ SCADE IL TERMINE PER LA PRIVATIZZAZIONE DELLA LOTTERIA NAZIONALE. POSSIBILE LA PARTECIPAZIONE DI GTECH (AGIMEG - 24/04/2014) Turchia, scadrà alle 16 del 25 aprile venerdì prossimo il termine per presentare le offerte preliminari per la privatizzazione della lotteria nazionale Milli Piyango. Entro il 20 maggio dovranno essere presentate le offerte definitive. Il vincitore si aggiudicherà una licenza di dieci anni per offrire in via esclusiva i giochi della lotteria sia attraverso la rete a terra, sia attraverso i canali digitali. Il termine originario scadeva il 13 febbraio scorso. Nel 2012 Milli Piyango ha registrato una raccolta di oltre 2,2 miliardi di lire turche (oltre 710 milioni di euro, al cambio attuale), dato in crescita del 10%, e profitti lordi per 558 milioni di lire turche (180 milioni di euro), + 13,8%. I giochi numerici hanno rappresentato il 67% del mercato, le lotterie tradizionali il 25%, quelle istantanee l 8%. Secondo l ente per le privatizzazioni turco, la lotteria ha un grosso potenziale di crescita dal momento che nel 2012 controllava il 20% del mercato dei giochi. Tuttavia la quota nel 2010 era del 23%. La privatizzazione per la lotteria ha avuto comunque un iter travagliato. Già nel 2009 il Governo turco aveva tentato di vendere Milli Piyango, ma le parti interessate (OPAP e Turkcell) non erano d accordo sulla valutazione proposta dal bando di gara. Una seconda gara, a novembre scorso è andata deserta. Il governo di Ankara punta ad incassare dalla privatizzazione circa 2 miliardi di dollari nell arco dei dieci anni. Tra i possibili partecipanti Camelot e Gtech. In particolare, l Ad della compagnia italiana Marco Sala, presentando i risultati del 2013, aveva definito la gara Piuttosto interessante. Stiamo valutando se presentare un offerta, prenderemo una decisione a aprile. Secondo alcune indiscrezioni pubblicate da IlSole24Ore a inizio mese, poi, Gtech era prossima a siglare accordi con alcune banche, tra cui Bnp Paribas e Société Générale. lp/agimeg LA RUSSIA SPAZZA VIA IL POKER ONLINE: CENTINAIA DI DOMINI DI GIOCO CHIUSI (GIOCONEWS 24/04/2014) Alla faccia dell'aggiornamento. La Russia ha chiuso centinaia di domini di gioco d'azzardo nell'ultima rivisitazione del registro ufficiale della Black list. Non solo PokerStars-Rational Group e bwin.party che si sono viste chiudere tantissimi domini alternativi per essere raggiunti dai players russi. Sono tantissimi i siti chiusi. E, a differenza dell'italia, il blocco arriva dagli Isp, gli Internet Service Provider, e non è un semplice oscuramento. Si chiama 'Roskomnadzor' e già dal nome spaventa la black list aperta nel 2012 e che ad oggi contiene quasi nomi di domini internet che si occupano di gioco. Tra questi i domini di gioco sono prima arrivati a 50 e ora hanno sballato i 100. Gli altri portali oscurati sono siti porno che promuono attività criminali. Ma ora la lista è molto più ampia e ci sono FullTiltPoker.com, PartyPoker, Ladbrokes e Unibet tanto per fare qualche nome. Ultima aggiunta 888poker e tanti altri marchi derivati come Pacific Poker. Una strage anche per le skins di ipoker come Betfair, William Hill, Bet365, Betsson, Intertops Us-Sud e Winner.com. Tuttavia alcuni principali operatori voglio continuare a servire il mercato russo e pare che PokerStars abbia deciso di raccogliere lo stesso il gioco: "I nostri termini e le nostre condizioni sono chiari e vogliono permetterci di offrire poker solo nei mercati regolamentati ma le misure adottate dalla Russia sono talmente inique che non possono influire sulla capacità dei giocatori di giocare su Full Tilt Poker e PokerStars". I fondi dei players sono comunque al sicuro. Bwin.party è un altro operatore che continua a servire il mercato russo nonostante sia nella black list. L'azienda si ritirò da molti mercati in cui venne vietato il gioco ma il colosso austro-americano rimase attivo proprio in Russia fino ai giorni di blocco. Rassegna WEB di giovedì 24 aprile 2014 Pag. 10

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni il caso MARIA TERESA MARTINENGO Anche gli anziani sono a rischio di dipendenza dal gioco d azzardo. E non importa se la pensione è modesta, anzi. La speranza di potersi permettere un «piccolo lusso», la

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Delibera Numero 36 del 31/03/2016

Delibera Numero 36 del 31/03/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 36 del 31/03/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE DI AZIONI PER

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): "AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE

GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): "AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE SCOMMESSE DA BAR E ROMA - Razionalizzare la rete di scommesse in Italia che "non può sopportare più di 3 mila punti fisici (contro gli

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA GIOCO D'AZZARDO: CEIS DON PICCHI, "A ROMA L'80% DEI GIOCATORI VITTIME DI SLOT E SCOMMESSE SPORTIVE" ROMA - Maschio,

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI 15 - SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE ORDINANZA N. 362 del 26/11/2015 OGGETTO: Disciplina comunale degli orari di esercizio delle sale giochi autorizzate ai sensi

Dettagli

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia COMUNE DI BRESCIA Settore Statistica, audit, programmazione e controllo di gestione Servizio Statistica New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia Documentazione per la Commissione Consiliare Commercio,

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Il gioco online in Italia Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Titolo, Le nuove Capri frontiere 8-9 ottobre del mercato consumer, Capri 8 ottobre 2009 Il gioco

Dettagli

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso APPUNTI RELAZIONE METTIAMO IN GIOCO LA LEGALITA NEL TERRITORIO Segretario Gervasio Capogrossi Roma 17 febbraio 2015 Ringraziamento agli invitati Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 228 DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 228 DEL CONSIGLIO COMUNALE copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 228 DEL CONSIGLIO COMUNALE PROT. N. 00017889 / AMMCCMO0400144 - seduta pubblica - MOZIONE N. 144 PRESENTATA IN DATA 20.11.2013 DAL CONSIGLIERE BACCHIN AD OGGETTO SCONTO

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2589 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2589 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2589 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA N. 9 Del 29/01/2016 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI CON VINCITA

Dettagli

Comune di Pesaro. Difensore Civico Relazione. Attività anno 2012

Comune di Pesaro. Difensore Civico Relazione. Attività anno 2012 Comune di Pesaro Difensore Civico Relazione Attività anno 2012 Difensore Civico del Comune di Pesaro dott. Benedetto Pansini 1 Sig. Sindaco, Signori Consiglieri, sarò molto più breve rispetto al contenuto

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

Città di Albino. Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N.

Città di Albino. Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. Città di Albino Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. 21 DEL 20/04/2015 OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP).

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). (Lazio, BUR 8 agosto 2013, n. 64) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO.

ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 18 del 22/01/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 AAMS Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 SOMMARIO 3 LA REALTÀ VIRTUALE 4 IL QUADRO NORMATIVO 5 IL PANORAMA INTERNAZIONALE 7 LE AZIONI DI AAMS 11 RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Settore proponente: Commercio Servizi Cimiteriali IL SINDACO ORDINANZA N. 103 DEL 16/12/2015 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI ESRCIZIO DELLE SALE GIOCHI E DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ELABORAZIONE DATI A CURA DEL CENTRO STUDI AUTOMAT INDICE DEL DOCUMENTO AUDIZIONE DR. MAGISTRO ALLA COMMISSIONE FINANZE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI...2 SCENARIO

Dettagli

2 Bollettino Ufficiale. Supplemento n. 43 - Martedì 22 ottobre 2013

2 Bollettino Ufficiale. Supplemento n. 43 - Martedì 22 ottobre 2013 2 Bollettino Ufficiale Supplemento n. 43 - Martedì 22 ottobre 2013 Legge regionale 21 ottobre 2013 - n. 8 Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d azzardo patologico la seguente legge regionale:

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (30)

LEGGE REGIONALE N. (30) approvata dal Consiglio regionale nella seduta dell 1 febbraio 2014 -----

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

NOTIZIE CONTRASTANTI. Cordialità E.Bernardi. La Provincia di Como. il caso

NOTIZIE CONTRASTANTI. Cordialità E.Bernardi. La Provincia di Como. il caso NOTIZIE CONTRASTANTI Da un lato i Casinò che si premuniscono, con annessa fregola politica verso le sorti dei medesimi, dall altro le amministrazioni comunali di ogni colore politico stanno cercando di

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1353

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1353 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 1353 Misure di contrasto al fenomeno della ludopatia e razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico 17/08/2015-14:05 Indice

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

MOZIONE. Il Senato, considerato che:

MOZIONE. Il Senato, considerato che: MOZIONE Il Senato, considerato che: in questi ultimi anni il mercato dei giochi nel nostro Paese è cresciuto a livelli esponenziali. Non c'è angolo delle nostre città dove non siano sorti game point ad

Dettagli

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 Oggetto: DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI ESERCIZIO PER LE ATTIVITA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, COMMERCIO SU AREA PUBBLICA, SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini.

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini. C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 068 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: MOZIONE SU GIOCO D AZZARDO L anno duemilaquindici il giorno ventuno del mese di luglio alle ore

Dettagli

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento in attuazione di quanto disposto

Dettagli

Alcune proposte per combattere l azzardo. Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015

Alcune proposte per combattere l azzardo. Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015 Alcune proposte per combattere l azzardo Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015 Alcune premesse Prima di arrivare al tavolo della regolazione, sono necessarie alcune premesse sull azzardo e sull azzardo

Dettagli

Il lavoro del nuovo esecutivo in materia di giochi e scommesse. Di Stefano Sbordoni

Il lavoro del nuovo esecutivo in materia di giochi e scommesse. Di Stefano Sbordoni Dl fiscale. Versamento Preu con F24, tassa sulla vincite e requisiti antimafia. Tutte le modifiche per il settore giochi In: Politica, Primopiano 4 aprile 2012-16:47 Le peculiarietà del sistema concessorio.

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese Codice Ente 11083 C.C. N. 73 del 26.11.2007 COPIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: MOZIONE URGENTE CONCERNENTE IL DIVIETO DI VENDITA DEI GRATTA E

Dettagli

Bet Analytics The Social Betting Strategy

Bet Analytics The Social Betting Strategy Bet Analytics The Social Betting Strategy Antonino Marco Giardina Marzo 2012 Premessa Pronosticare i risultati di specifici eventi e puntare sugli stessi è alla base di tutte le scommesse sportive L esigenza

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO Legge Regionale Toscana L.R. 18 ottobre 2013, n. 57 Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Gioco patologico: più consulenza giorno e notte

Gioco patologico: più consulenza giorno e notte Il quotidiano RSI del 4 dicembre 2014 Telefono Amico contro la dipendenza dal gioco d'azzardo http://www.rsi.ch/la1/programmi/informazione/il-quotidiano/il-quotidiano-3099550.html CDT del 5 dicembre pag.

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Lazise Provincia di Verona n. 223 Registro deliberazioni del 19-12-2013 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITÀ

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Protocollo n 2011/30011/giochi/UD Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 510 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Possamai, Cappon, Stoppato, Caner e Finco INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA LUDOPATIA

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE

DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE In Italia il fenomeno del gioco d azzardo ha dimensioni molto rilevanti 1, come si

Dettagli

Rassegna Stampa. Martedì 08 aprile 2014

Rassegna Stampa. Martedì 08 aprile 2014 Rassegna Stampa Martedì 08 aprile 2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 08 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CONTRO LE SALE DA GIOCO E VIDEO-POKER. L'anno Duemilatredici il giorno Ventinove del mese di Maggio alle ore 17.30, nella sala delle adunanze consiliari

Dettagli

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA !!""!""!#$" INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Installazione di New Slot e apparecchi da divertimento

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] Al COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Servizio SUAP DISTRIBUZIONE E GESTIONE DI GIOCHI Segnalazione Certificata Inizio Attività NUOVA APERTURA TRASFERIMENTO DI SEDE (allegare vecchia

Dettagli

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem).

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem). Roma, 3 maggio 2010 Agli Uffici Regionali e loro Sezioni distaccate Loro sedi Agli Uffici della Direzione per i giochi Sede Prot. n1325 /Strategie/UCA Al Responsabile per le attività normative, legali

Dettagli