Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014"

Transcript

1 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria

2 Sintesi Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014: l'impatto della crisi economica non è stato tanto pesante come ci si attendeva. Le differenze sul piano dell'innovazione si riducono nuovamente anche se a un ritmo modesto. L'edizione dello scorso anno esponeva l'impatto della crisi tradottosi nelle turbative del processo di convergenza dell'innovazione tra gli Stati membri. L'edizione di quest'anno indica che si avvertono di nuovo segnali positivi negli Stati membri via via che migliora la resa sul piano innovativo e riprende il processo di recupero dei paesi meno innovativi. Otto dimensioni dell'innovazione e 25 indicatori analizzano il rendimento del sistema unionale per l'innovazione... Il sistema di misurazione utilizzato nel quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" distingue tra 3 tipi principali di indicatori e 8 dimensioni dell'innovazione per un totale di 25 indicatori diversi. L'indicatore elementi abilitanti fa il punto dei principali volani dell'innovazione esogeni alle aziende e copre 3 dimensioni dell'innovazione: Risorse umane, Sistemi di ricerca aperti, eccellenti e attraenti, nonché Finanziamenti e aiuti. L'indicatore Attività delle imprese mette in luce gli sforzi di innovazione a livello di azienda, raggruppandoli in 3 dimensioni dell'innovazione: Investimenti delle imprese, Collaborazioni e attività imprenditoriali, e Attivi intellettuali. L'indicatore Risultati mette in luce le attività innovative condotte dalle aziende lungo 2 dimensioni dell'innovazione: Innovatori e Effetti economici. e gli Stati membri sono classificati in quattro gruppi di performance basati sulla loro resa innovativa media. A seconda della loro resa innovativa media gli Stati membri rientrano in quattro diversi gruppi di rendimento: Danimarca (DK), Finlandia (FI), Germania (DE) e Svezia (SE) sono Leader dell'innovazione con un rendimento innovativo ben al di sopra della media unionale; Austria (AT), Belgio (BE), Cipro (CY), Estonia (EE), Francia (FR), Irlanda (IE), Lussemburgo (LU), Paesi Bassi (NL), Slovenia (SI) e Regno Unito (UK) sono Paesi che tengono il passo con una resa innovativa superiore o vicina alla media unionale; la resa di Croazia (HR), Repubblica ceca (CZ), Grecia (EL), Ungheria (HU), Italia (IT), Lituania (LT), Malta (MT), Polonia (PL), Portogallo (PT), Slovacchia (SK) e Spagna (ES) è inferiore alla media unionale. Questi paesi sono "Innovatori moderati"; Bulgaria (BG), Lettonia (LV) e Romania (RO) sono Paesi in ritardo e il loro rendimento sul piano dell'innovazione è ben al di sotto della media unionale. Il sistema innovativo della Svezia è di nuovo al primo posto nell'ue e la graduatoria generale rimane relativamente stabile La Svezia presenta di nuovo il sistema innovativo meglio funzionante di tutta l'ue, seguita da Danimarca, Germania e Finlandia. Nel complesso, il posizionamento dei membri di questo gruppo nella graduatoria è rimasto relativamente stabile rispetto alla precedente edizione del quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" e la Polonia è l'unico paese che ha cambiato gruppo passando da quello dei "paesi in ritardo" a quello degli "innovatori moderati". ma si registrano alcuni cambiamenti all'interno dei gruppi di rendimento. 2

3 Come ogni anno vi sono diversi movimenti verso l'alto e verso il basso all'interno di ciascun gruppo di rendimento. La Danimarca e la Germania hanno invertito i loro posti nella graduatoria dei leader dell'innovazione. Tra i "paesi che tengono il passo" il Lussemburgo ha rimpiazzato i Paesi Bassi al primo posto di questa categoria e l'irlanda e l'austria si sono scambiate reciprocamente il piazzamento nella graduatoria come è successo anche per Estonia e Cipro. Tra gli "innovatori moderati" l'italia è in posizione di punta seguita dalla Repubblica ceca, che ha superato la Spagna e il Portogallo. L'Ungheria e la Slovacchia, come anche Malta e la Croazia, si sono scambiate reciprocamente i posti nella graduatoria. Lo stesso è accaduto a Romania e Lettonia, ma nel gruppo dei "paesi in ritardo". Figura 1: Rendimento innovativo degli Stati membri dell'ue BG LV RO PL LT HR MT SK HU EL PT ES CZ IT CY EE SI EU FR AT IE UK BE NL LU FI DE DK SE MODEST INNOVATORS MODERATE INNOVATORS INNOVATION FOLLOWERS INNOVATION LEADERS I paesi maggiormente innovativi abbinano ai loro validi sistemi d'innovazione elementi di forza in tutte le dimensioni. I paesi maggiormente innovativi presentano i risultati migliori in tutte le dimensioni: dalla ricerca e innovazione passando alle attività innovative delle imprese fino agli output dell'innovazione e agli effetti economici, il che rispecchia un sistema nazionale equilibrato di ricerca e innovazione. I " leader dell'innovazione", seguiti dai "paesi che tengono il passo", continuano a presentare la varianza più contenuta nel loro rendimento lungo tutte e otto le dimensioni dell'innovazione. Ciò significa che in tutte le dimensioni la resa dei "leader dell'innovazione" Svezia, Danimarca, Germania e Finlandia non è molto diversa. I "leader dell'innovazione" sono anche per lo più al vertice e nettamente al di sopra della media unionale. Soltanto nella seconda dimensione "Sistemi di ricerca aperti, eccellenti e attraenti" la Germania si situa leggermente al di sotto della media dell'ue. ma alcuni altri paesi raggiungono un piazzamento elevato in singole dimensioni Tuttavia, alcuni altri paesi raggiungono un piazzamento elevato se si esaminano le singole dimensioni. Svezia, Finlandia, Irlanda e Regno Unito sono al meglio nelle Risorse umane; Danimarca, Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito raggiungono posizioni di punta in Sistemi di ricerca aperti, eccellenti e attraenti; Estonia, Finlandia, Svezia e Danimarca danno il meglio di sé in Finanziamenti e aiuti; Svezia, Germania, Finlandia e Slovenia hanno i migliori piazzamenti per quanto concerne gli Investimenti delle imprese; Danimarca, Regno Unito, Belgio e Svezia sono ai vertici della dimensione Collaborazioni e attività imprenditoriali; Danimarca, Austria, Germania e Svezia figurano ai primi posti nella categoria Attivi intellettuali; Germania, Lussemburgo, Svezia e Irlanda sono al top nella dimensione Innovatori mentre Irlanda, Germania, 3

4 Lussemburgo e Danimarca raggiungono i risultati migliori nella dimensione Effetti economici. Nel complesso l'ue sta migliorando la propria resa innovativa e Portogallo, Estonia e Lettonia sono i leader della crescita dell'innovazione Nel complesso il tasso di crescita medio annuale dell'ue per quanto concerne il rendimento sul piano dell'innovazione ha raggiunto l'1,7% nel periodo di otto anni ( ) analizzato e tutti gli Stati membri hanno migliorato la loro capacità di innovazione. Portogallo, Estonia e Lettonia sono i leader della crescita dell'innovazione. I tassi più contenuti di crescita dell'innovazione si sono registrati in Svezia, Regno Unito e Croazia. ma anche all'interno dei gruppi vi sono differenze nella crescita innovativa. Nel gruppo dei "leader dell'innovazione" i risultati della Germania hanno registrato il miglioramento più sensibile mentre quelli della Svezia hanno presentato il tasso di crescita più basso all'interno di questo gruppo. L'Estonia è il paese che tiene il passo con la crescita più elevata mentre il Regno Unito ha quella più ridotta. Nel gruppo degli innovatori moderati il Portogallo ha fatto i progressi maggiori mentre la Croazia presenta il tasso di progressione più basso. Tra i paesi in ritardo i progressi maggiori li ha compiuti la Lettonia. Resta il fatto però che il gap dell'innovazione si restringe lentamente Nel complesso i risultati di quest'anno indicano che il rendimento innovativo tra gli Stati membri registra una convergenza, ma che il processo di convergenza ha subito un rallentamento. Di conseguenza il livello di convergenza sul piano della resa innovativa è ritornato al livello del 2009 e sussistono notevoli differenze tra gli Stati membri particolarmente per quanto concerne l'eccellenza sul piano delle conoscenze e l'internazionalizzazione nonché la cooperazione nell'innovazione aziendale. Le differenze di rendimento tra tutti gli Stati membri sono più contenute in relazione alle risorse umane laddove il paese con i risultati migliori (Svezia) supera di ben tre volte il paese col rendimento minore, Malta. Differenze particolarmente grandi sussistono tuttavia sul piano della competitività internazionale della base scientifica (Sistemi di ricerca aperti, eccellenti e attraenti) e della cooperazione nell'innovazione aziendale misurata nella dimensione Collaborazioni e attività imprenditoriali. In entrambe le dimensioni il paese che meglio si delinea (Danimarca) presenta risultati rispettivamente nove e sette volte migliori dei paesi col rendimento minore, segnatamente la Lettonia e la Romania. Mentre le Risorse umane e l'apertura del sistema di ricerca europeo hanno registrato la crescita più grande sul piano del rendimento innovativo Se si esaminano le singole dimensioni, Sistemi di ricerca aperti, eccellenti e attraenti ha contribuito maggiormente al rendimento innovativo complessivo degli ultimi otto anni, seguita dalla crescita registrata nelle Risorse umane. Se si esaminano i singoli indicatori, i marchi commerciali della Comunità hanno contribuito maggiormente all'aumento della resa innovativa, seguiti dai titolari di dottorato non-ue e dalle copubblicazioni scientifiche internazionali. Un miglioramento relativamente buono lo si è constatato sul piano della collaborazione delle PMI per l'innovazione e della commercializzazione dei saperi come risulta dalle entrate provenienti dall'estero derivanti da licenze e brevetti. si è constatata un crescita negativa per quanto concerne gli investimenti delle aziende per l'innovazione e il sostegno finanziario all'innovazione. Lungo due dimensioni la variazione complessiva del rendimento è stata negativa: Investimenti delle imprese e Finanziamenti e aiuti. In particolare, alla crescita positiva 4

5 della spesa pubblica per R&S (1,8%) ha fatto da contraltare un declino continuo degli investimenti di venture capital (-2,8%). Inoltre, un miglioramento sul piano della spesa delle imprese per R&S (2,0%) è stato controbilanciato negativamente dalle spese per l'innovazione diverse da quelle per attività di R&S (-4,7%). Su una scala europea allargata la Svizzera ha confermato la sua posizione di punta superando tutti gli Stati membri dell'ue Se si tiene conto dei paesi europei siti fuori dell'ue, anche quest'anno la Svizzera conferma la propria posizione di leader assoluto dell'innovazione continuando a superare tutti gli Stati membri dell'ue e presentando i risultati migliori in relazione a ben 9 indicatori. L'Islanda è uno dei paesi che tengono il passo che presenta una resa superiore alla media unionale, la Norvegia e la Serbia sono innovatori moderati e l'ex Repubblica iugoslava di Macedonia e la Turchia sono paesi in ritardo. e sul piano internazionale la Corea del Sud e gli USA difendono la loro posizione di principali innovatori globali. Esaminando il rendimento dei sistemi d'innovazione in una prospettiva globale, la Corea del Sud, gli USA e il Giappone superano con distacco l'ue. Gli Stati Uniti e la Corea del Sud superano entrambi l'ue del 17% e il Giappone la distanzia del 13%. Mentre il divario tra gli USA e il Giappone si riduce, esso si allarga con la Corea del Sud. I principali "leader dell'innovazione" USA, Giappone e Corea del Sud, dominano l'ue in particolare sul piano di indicatori che colgono l'attività delle imprese misurata in termini di spesa di R&S nel settore imprenditoriale, sul piano delle co-pubblicazioni pubblico-private e dei brevetti PCT (trattato di cooperazione in materia di brevetti), ma anche in tema di risultati educativi misurati in base alla percentuale della popolazione che ha completato un'istruzione terziaria. Rispetto ad altri partner internazionali chiave, l'ue continua a dominare sul piano del rendimento l'australia e il Canada, che registrano rispettivamente il 62% e il 79% a petto dei risultati dell'ue. Il vantaggio sul piano del rendimento è ancora più grande se si esaminano i BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica). Tale vantaggio è stabile o aumenta addirittura rispetto a tutti i BRICS, fatta eccezione per la Cina. Il rendimento attuale della Cina sul piano dell'innovazione si situa al 44% del livello dell'ue e continua a rimontare il distacco ad un tasso più celere e più elevato rispetto all'ue. Nota metodologica Il quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 si avvale dei dati più recenti di Eurostat e di altre fonti internazionalmente riconosciute: i dati del 2012 tengono conto di 11 indicatori, quelli del 2011 di 4 indicatori, quelli del 2010 di 9 indicatori e quelli del 2009 di 1 indicatore. Il quadro di valutazione "L'Europa dell'innovazione" 2014 fa una valutazione comparativa del rendimento innovativo degli Stati membri dell'ue e mette in luce i relativi punti di forza e punti deboli dei loro sistemi di ricerca e innovazione. Esso segue le tendenze dell'innovazione in tutti gli Stati membri dell'ue, a partire da questa edizione anche della Croazia in quanto 28 Stato membro, nonché dell'islanda, dell'ex Repubblica iugoslava di Macedonia, della Norvegia, della Serbia, della Svizzera e della Turchia. Esso comprende anche un raffronto tra l'ue e 10 competitori globali. Il rendimento medio sul piano dell'innovazione è misurato sintetizzando la resa innovativa in base a 25 indicatori equiponderati in un indicatore composito: l'indice sintetico dell'innovazione. Quest'anno il quadro di valutazione 2014 è corredato dal Quadro di valutazione dell'innovazione regionale

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

LA PAC 2014-2020. Le decisioni dell Ue e le scelte nazionali. Quaderni. A cura di Fabrizio De Filippis

LA PAC 2014-2020. Le decisioni dell Ue e le scelte nazionali. Quaderni. A cura di Fabrizio De Filippis LA PAC 2014-2020 Le decisioni dell Ue e le scelte nazionali A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Gabriele Canali, Fabrizio De Filippis, Angelo Frascarelli, Roberto Henke, Paolo Magaraggia, Fabio

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE ABSTRACT A CURA DELL UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO LUGLIO 2008 2 DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Misurare la povertà tra i bambini e gli adolescenti

Misurare la povertà tra i bambini e gli adolescenti UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 10 Misurare la povertà tra i bambini e gli adolescenti Un nuovo quadro comparativo della povertà infantile in alcuni paesi a reddito medio-alto La Innocenti

Dettagli

Figli della recessione

Figli della recessione UNICEF Innocenti Report Card 12 La condizione dell'infanzia nei paesi ricchi Figli della recessione L'impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei paesi ricchi La Innocenti Report Card 12

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

La Germania può essere un termine di paragone per l Italia? Istruzione e formazione in un economia di mercato coordinata

La Germania può essere un termine di paragone per l Italia? Istruzione e formazione in un economia di mercato coordinata La Germania può essere un termine di paragone per l Italia? Istruzione e formazione in un economia di mercato coordinata Gabriele Ballarino e Daniele Checchi Università di Milano 1 Abstract La Germania

Dettagli

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri Strategia per la crescita digitale 2014-2020 Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma 3 marzo 2015 Strategia per la crescita digitale 2014-2020 1 Premessa 4 1. Obiettivi strategici 7 2. Il contesto di

Dettagli

di dott.ssa Letizia Massa

di dott.ssa Letizia Massa 1 Il diritto alla cultura nel diritto comunitario di dott.ssa Letizia Massa SOMMARIO: -1. Premessa generale; -2. L'Unione Europea e l'istruzione; -3. Diritti umani nell'ue; diritto all'istruzione come

Dettagli

La nuova Pac 2014-2020

La nuova Pac 2014-2020 La nuova Pac 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele Canali, Mario

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Rapporto di ricerca Il lavoro part-time. Italia e Lombardia nel contesto europeo

Rapporto di ricerca Il lavoro part-time. Italia e Lombardia nel contesto europeo Progetto FSE Obiettivo 3 Misura E1 Rapporto di ricerca Il lavoro part-time. Italia e Lombardia nel contesto europeo Istituto per la Ricerca Sociale Unioncamere Lombardia Centro di Iniziativa Europea 30

Dettagli

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI Sommario Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI BANCA MPS Area Rischi di Gruppo e Ristrutturazioni Performance di bilancio e prospettive economiche

Dettagli

Commissione europea. Una valuta unica per un Europa unita. dal 1957

Commissione europea. Una valuta unica per un Europa unita. dal 1957 Commissione europea Una valuta unica per un Europa unita dal 1957 Une Europe, une monnaie Una valuta unica per un Europa unita SOMMARIO Cos è l Unione economica e monetaria?... 1 La strada verso l Unione

Dettagli