Immacolata Calabrese Silvana Rampone. with. Sarah Gudgeon Thomas Burke. Step by step guide to the language tasks and activities.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immacolata Calabrese Silvana Rampone. with. Sarah Gudgeon Thomas Burke. Step by step guide to the language tasks and activities."

Transcript

1 S C U O L A P R I M A R I A Immacolata Calabrese Silvana Rampone with Sarah Gudgeon Thomas Burke Step by step guide to the language tasks and activities Special sections Fun and Games Consolidation tasks From School to Home Unit language tests Festivities notes Portfolio checklist Action Stories DVD/VHS notes TEACHER S GUIDE 1 1

2 Table of Contents Introduction p. 3 Classroom English p. 11 Syllabus p. 12 Unit 1 Hello p. 14 Fun and Games 1 My World p. 21 Fun and Games 2 From School to Home p. 25 Test 1 p. 26 Unit 2 Colours p. 27 Fun and Games 3 My World p. 35 Fun and Games 4 From School to Home p. 36 Test 2 p. 37 Unit 3 Numbers p. 38 Fun and Games 5 My World p. 46 Fun and Games 6 From School to Home p. 47 Test 3 p. 48 Unit 4 Shapes p. 49 Fun and Games 7 My World p. 56 Fun and Games 8 From School to Home p. 57 Test 4 p. 58 Unit 5 The classroom p. 59 Fun and Games 9 My World p. 66 Fun and Games 10 From School to Home p. 67 Test 5 p. 68 Festivities p. 69 Action Stories The ugly duckling p. 72 Action Stories The little red fish p. 75 Portfolio Checklist p. 78 Practice Book Model Answers p. 79 2

3 ENGLISH ROUNDABOUT Introduction Il progetto di English Roundabout trae origine dall idea che l apprendimento di una lingua sia un continuo processo evolutivo. Gli allievi potranno scendere e salire dalla giostra linguistica di English Roundabout, apprendendo nuove nozioni, riutilizzando e consolidando la lingua, divertendosi. L approccio all insegnamento della lingua inglese, nei cinque anni di corso, si evolve con il passare degli anni, in relazione al naturale sviluppo degli alunni e alle innumerevoli abilità che i bambini acquisiscono con il trascorrere del tempo, a partire dalle capacità di lettura e di scrittura in italiano. Il corso completo di English Roundabout copre i primi cinque anni di insegnamento della lingua inglese previsti dalla scuola primaria italiana. Indicazioni curricolari e obiettivi di apprendimento All inizio di ogni unità della guida insegnante è presente una tabella che elenca le funzioni, il lessico e le strutture presenti all interno dell unità stessa. Le indicazioni presenti nella sezione Portfolio Checklist permettono, invece, di valutare le funzioni linguistiche che i bambini dovrebbero aver acquisito durante l anno scolastico e si basano sui requisiti dei livelli della Comunità Europea, che sono parte integrante della verifica della lingua straniera. Alla fine del quinto anno gli alunni avranno acquisito tutte le conoscenze previste dal quadro europeo A1. Imparare ad apprendere Quando i bambini imparano una lingua straniera eseguono nuove attività che non hanno mai svolto prima, ma necessarie per l apprendimento di una lingua straniera, come ad esempio il gioco di ruolo, la ripetizione di frasi e il lavoro di coppia. Un aspetto fondamentale di cui gli insegnanti devono tener conto, in particolare nei primi anni, è che insegnare una lingua straniera non comporta solamente l insegnamento di vocaboli e strutture, ma, in particolar modo, l apprendimento di un metodo di studio. Gli alunni non hanno preconcetti riguardo le attività che sono chiamati a eseguire, ma devono capire che stanno imparando una lingua viva, da usare come strumento di comunicazione. Gli insegnanti di lingua inglese devono porre un attenzione maggiore, soprattutto nei primi mesi di scuola, affinchè i bambini imparino come devono lavorare quando li si invita a svolgere nuove attività, quali ad esempio il lavoro di coppia, il gioco di ruolo, ecc. Lavoro di coppia Lo scopo delle lezioni è di far apprendere la lingua inglese come strumento comunicativo e questo obiettivo non potrà essere raggiunto se l insegnamento sarà focalizzato al solo rapporto allievo-insegnante. L intenzione di English Roundabout è di insegnare la lingua e permettere ai bambini di praticarla in attività comunicative fra di loro, in coppia o in gruppo. 3

4 Divisione dei bambini per i lavori di coppia È importante che l insegnante suddivida mentalmente la classe in diversi livelli di apprendimento: chi sa lavorare autonomamente; chi ha bisogno di essere guidato; chi ha bisogno di essere seguito attentamente. Quando l insegnante chiede ai bambini di lavorare a coppia o in gruppo è importante che il gruppo sia formato in modo tale che gli alunni più autonomi possano lavorare con i bambini che necessitano, invece, di essere guidati, per garantire un reciproco supporto. Prima di chiedere ai bambini di lavorare a coppia o in gruppo, l insegnante dovrà abituare gli alunni a cambiare posto: Franca change places with Emma. Paolo change places with Franco. Se questa procedura diventa parte integrante della routine della classe, i bambini non esiteranno a cambiare posto all inizio di ogni lezione. Questa abitudine permetterà agli insegnanti di avere il completo controllo nella formazione di coppie che lavoreranno insieme durante le attività di comunicazione orale. Consegne degli esercizi Scrittura Molti alunni della prima classe della scuola primaria non sono in grado di leggere o scrivere in italiano e, in questi casi, l insegnante può ignorare le consegne degli esercizi (anche se le istruzioni serviranno successivamente come promemoria). A mano a mano che gli alunni progrediranno nei loro studi, le consegne diventeranno più facili da riconoscere e, quindi, più utili. L insegnante valuterà quale sia il momento opporturno per invitare gli alunni a copiare le parole in lingua inglese dalla lavagna. Il Practice Book 1 introduce gradualmente parole da copiare prendendo spunto dalle tematiche trattate all interno del volume studente 1. Insegnare inglese in classe Gli adulti imparano la lingua inglese per svariati motivi. Gli alunni della scuola secondaria di primo grado imparano una seconda lingua non solo per ragioni scolastiche, ma anche per capire i testi delle loro canzoni preferite, per scrivere a un amico, per corrispondere via o per navigare in Internet. I bambini della scuola primaria, invece, non nutrono ancora questi interessi e l utilizzo della lingua inglese è strettamente legato a bisogni linguistici limitati all utilizzo in classe. Per questo motivo, l insegnante dovrebbe usare la lingua in ogni occasione, specialmente per le istruzioni generali o per le consegne degli esercizi. Una panoramica delle istruzioni di base fornisce l idea dell importanza degli esercizi di ascolto presenti nel volume e degli innumerevoli contributi che i bambini apporteranno durante l apprendimento della lingua, quali ad esempio il completare parti di disegni, costruire lavoretti, ecc. Qui di seguito verrà fornito un elenco dei principali comandi: Listen. Complete the picture. Listen and point. Draw. Listen and repeat. Colour. Listen and circle. Circle. 4

5 Utilizzo del CD audio Passaggi pre-listening Listen and tick. Listen and match. Listen and number. Listen and colour. Sing. Copy and make. Colour and keep. Complete and colour. Ask and answer. Altri comandi aggiuntivi possono essere usati agevolmente in classe, quali: Open your books at page Be quiet! Close your books, please. Come here, please. Quando i bambini saranno in grado di leggere le parole in inglese, l insegnante potrà copiare le domande più frequenti su grandi fogli di carta e appenderli sui muri della classe, per incoraggiare i bambini a utilizzare determinate frasi. Ad esempio: Can I use a red pencil, please? Can I go to the toilet, please? Can I open the window, please? Le numerose attività di ascolto, come ad esempio Listen and repeat o Listen and complete, sono molto importanti nel volume di classe prima perché i bambini non hanno ancora imparato a leggere e a scrivere attività, queste ultime, che permettono ai bambini di consolidare la lingua appresa. Prima dell utilizzo del CD audio l insegnante dovrebbe: a. leggere le note presenti nella guida, in cui è contenuto anche del materiale aggiuntivo; b. leggere il testo delle registrazioni per controllare il lessico proposto; c. ascoltare la registrazione dell esercizio prima di proporlo alla classe, in quanto potrebbe essere più veloce o più lento di quanto ci si aspetti; d. accertarsi che i bambini abbiano ripassato il lessico che stanno per ascoltare; e. invitare i bambini a osservare attentamente le illustrazioni e discuterne prima di proporre l ascolto; f. accertarsi che i bambini abbiano a portata di mano tutto il materiale per svolgere l esercizio. L insegnante dovrà assicurare la migliore qualità di riproduzione acustica della registrazione accertandosi che eventuali rumori esterni non disturbino l ascolto e la comprensione della registrazione. Nell eventualità si dovessero presentare dei problemi durante la riproduzione del CD audio la migliore soluzione possibile è mandare indietro la traccia e ascoltare nuovamente l esercizio. È molto importante sfruttare il bottone della pausa, per dare il tempo sufficiente ai bambini di ripetere le frasi e di completare gli esercizi. 5

6 Passaggi post-listening Canzoni Una volta concluso l ascolto vero e proprio dell esercizio, si può ancora sfruttare il materiale per utleriori approfondimenti. Dopo l ascolto della registrazione si consiglia di tener conto di alcuni aspetti: a. se si tratta di un esercizio di colorazione, i bambini hanno avuto il tempo necessario per completare la colorazione? b. se l esercizio consiste nell ascoltare e segnare con un tick, numerare o collegare è importante chiedersi se tutti i bambini hanno risposto a tutte le domande; c. è stato deciso come correggere l esercizio (variabile dal tipo di richiesta dell esercizio stesso)? Alcuni possibili modi di correzione degli esercizi di ascolto: i bambini sono invitati a lavorare a coppie o in piccoli gruppi e a comparare le risposte; l insegnante può chiedere a singoli allievi le riposte e poi domandare al resto della classe se sono d accordo; l insegnante può chiedere agli alunni di rispondere alle domande oralmente, assicurandosi che tutti i bambini abbiano fornito la propria risposta; i bambini sono invitati a scrivere le proprie risposte alla lavagna. Se l insegnante necessita di vedere tutti i lavori corretti, può chiedere agli alunni di venire alla cattedra in coppia. Quando l insegnante chiede agli alunni di completare un esercizio di ascolto, deve far partire la registrazione solo quando i bambini saranno pronti, assicurandosi che abbiano il materiale necessario per svolgere l esercizio. Ad esempio: Unit 2, page 12, exercise 4, Listen and colour. Prima di far ascoltare la registrazione l insegnante dovrebbe far ripassare ai bambini i vocaboli inerenti i colori e informarli di quello che andranno ad ascoltare. È necessario anche assicurarsi che ogni bambino abbia una matita in mano. Questa registrazione usa una tecnica che l insegnante troverà anche in altre attività di ascolto, in cui, ad esempio, uno dei colori non viene menzionato. I bambini devono essere informati di questa modalità di esecuzione prima dell ascolto della registrazione. Questo tipo di esercizio è molto utile per stimolare l attenzione dei bambini, ma è importante che gli alunni siano consapevoli della tipologia dell esercizio che sono chiamati a svolgere prima di cominciare. È presente almeno una canzone in ogni unità del volume. Le canzoni ripropongono il lessico appreso all interno dell unità stessa e introducono anche nuovi vocaboli. La canzone è sempre collegata a un esercizio successivo. L insegnante potrà aiutare gli alunni a memorizzare la canzone usando il supporto visuale della lavagna. Alla fine del volume studente sono riportati i testi completi di tutte le canzoni. L insegnante potrà farle cantare ai bambini sia in concomitanza con lo svolgimento dell esercizio stesso, sia in un secondo momento a sua scelta. La versione karaoke di tutte le canzoni è presente sul CD audio, sul DVD/VHS e può, anche, essere scaricata dal sito: Utilizzo del DVD/VHS Molti insegnanti utilizzano il DVD/VHS in classe per l insegnamento di una seconda lingua. L intrinseco valore di guardare la televisione durante una lezione di lingua inglese è che i bambini verranno maggiormente motivati, utilizzando uno strumento, quale la televisione, che solitamente è associato a una pura attività ludica. 6

7 L utilizzo del DVD consente di gestire il contenuto del volume più agevolmente, in quanto è diviso in facili e gestibili tracce, mentre per permettere un migliore utilizzo del VHS è stato inserito un riferimento alle singole unità in ogni videata. Il materiale video presente nel livello 1 può essere diviso in due categorie fondamentali: - Esercizi di ascolto I bambini sono invitati a guardare gli esercizi di ascolto, dopo averli svolti in classe. In questo modo, potranno paragonare le proprie risposte con quelle che appariranno sul video e eventualmente potranno essere invitati a correggerle e a valutare il lavoro svolto. - Versione karaoke delle canzoni Se gli alunni hanno memorizzato le parole delle canzoni, la versione karaoke può essere utilizzata anche prima che abbiano effettivamente imparato a leggere. Associare suoni a parole aiuterà i bambini nel momento in cui inizieranno a acquisire maggiori competenze di lettura. Struttura di English Roundabout Student s Book 1 Il volume English Roundabout 1 è diviso in cinque unità. Ogni unità propone la stessa sequenza di presentazione linguistica. Il numero di ore/lezioni necessario per lo svolgimento di tutti gli esercizi presenti all interno del volume studente insieme ai giochi e ai test presenti nella guida insegnante varia in relazione alla complessità degli input linguistici e al livello della classe: quanto più una classe è brillante, quanto meno tempo sarà necessario per il ripasso prima di presentare nuovi vocaboli o strutture. Una panoramica generale della struttura dell unità e una descrizione delle differenti sezioni fornirà una visione del progressivo insegnamento della lingua inglese. Nuovo linguaggio-presentazione Il nuovo lessico è abitualmente presentato nell apertura di ogni unità (una pagina e mezza) di English Roundabout 1. I bambini sono sempre invitati a contribuire all interno di queste pagine, aggiungendo un disegno personale, colorando una parte della pagina o completando parti del disegno stesso. Questa attività permette ai singoli bambini di personalizzare l atto di apprendere una lingua. La presentazione del nuovo linguaggio è seguita da varie attività linguistiche utili a consolidare e a estendere gli input iniziali. Numerose attività di ascolto garantiscono una maggiore memorizzazione della lingua e della pronuncia. Chatter Chums (amici chiacchieroni) Copy and Make È una sezione che ricorre in tutte le unità del volume. Il suo scopo è il consolidamento dell abilità orale attraverso dialoghi guidati. L insegnante dovrà far svolgere gli esercizi presenti all interno di questa sezione a coppie. È importante che l esercizio venga presentato in maniera chiara affinchè i bambini sappiano quello che dovranno fare. Prima di far svolgere l esercizio presente nella sezione Chatter Chums gli insegnanti potranno far ascoltare ai bambini, brevi dialoghi e invitare, poi, coppie di alunni a drammatizzarli davanti alla classe. Si potrà, poi, invitare i bambini a continuare il lavoro di coppia al proprio posto. I brevi dialoghi servono per consolidare la struttura linguistica fondamentale introdotta nell unità. I bambini sono invitati a costruire un oggetto che potrà essere sfruttato per altre attività linguistiche che garantiranno un maggiore e un migliore consolidamento della lingua descritta nell unità. Potrebbe essere una buona idea lasciare uno spazio fisico all interno della classe adibito alla custodia dei lavoretti realizzati, che potranno così essere utilizzati in più occasioni durante l anno scolastico. 7

8 Curricular Corner In questa rubrica vengono introdotti aspetti della lingua inglese basati su altre materie curricolari, come matematica, storia, geografia, scienze e convivenza civile. Anche se i bambini non studiano specificamente tutte queste materie durante il primo anno della scuola primaria, si tratta, comunque, di nozioni legate alla loro conoscenza e scoperta del mondo. Trattare queste tematiche utilizzando l inglese è divertente e stimolante linguisticamente e culturalmente. Revision Roundabout In questa sezione si fornisce agli alunni la possibilità di ripassare vocaboli e strutture lessicali precedentemente presentati nell unità stessa e nelle unità precedenti. È un importante opportunità per l alunno per il ripasso e per il consolidamento di strutture e vocaboli precedentemente appresi. Il successo nel completamento di questa sezione alla fine di ogni unità dà ai bambini un forte senso di realizzazione. Lo scopo di questa pagina è, in effetti, quello di permettere ai bambini di autovalutarsi e di ripassare la lingua. The Beam Machine Stories Glossario CD audio DVD/VHS Le unità si concludono con una divertente storia che vede i protagonisti del corso alle prese con uno strano macchinario: la beam machine, la macchina dei raggi. Nel volume di classe prima, queste entusiasmanti storie sono illustrate, prive di testo, e prevedono un attività di ascolto. È presente un glossario illustrato alla fine del volume studente 1. I vocaboli sono divisi in set lessicali per facilitare la consultazione da parte dei bambini. A corredo della Guida insegnante è previsto un CD audio che include tutte le canzoni, le attività di ascolto del libro studente e anche il materiale aggiuntivo presente nella guida, come la registrazione dei test e le Action Stories. Il riferimento alle singole tracce è presente sia nel libro studente sia nella guida. La prima parte del DVD/VHS per gli anni include esercizi animati del volume 1 e la versione karaoke delle canzoni. Teacher s Resource Kit 1-2/3 Il Teacher s Resource Kit di English Roundabout 1 comprende: una guida insegnante, un CD audio, un DVD/VHS, poster, divertenti flashcard, lezioni fotocopiabili da utilizzare in classe e ulteriore materiale supplementare. 8

9 Guida insegnante La guida insegnante è un volume ricco di materiale supplementare di facile e agevole utilizzo. La Guida è stata scritta da due insegnanti della scuola primaria e segue fedelmente la struttura del libro studente. All interno di questo volume sono presenti sezioni innovative quali: Fun and Games Si tratta di una serie di giochi linguistici strutturati per ripassare e consolidare la grammatica e il vocabolario in un contesto divertente. Sono schede fotocopiabili che possono essere distribuite in classe per un migliore utilizzo della lingua. Questa sezione si divide in due gruppi di attività: My World I materiali inseriti in questa sezione rappresentano un supporto ai contenuti delle singole unità con particolare riferimento alla routine quotidiana e ai contenuti delle storie inserite alla fine del volume. From School to Home I materiali di questa sezione sono, invece, finalizzati al collegamento scuola-famiglia. Nella maggior parte delle situazioni, il tempo di esposizione dei bambini alla lingua inglese è limitato unicamente alle esperienze che vivono all interno della classe. Molto spesso, queste esperienze restano ancorate a questo contesto e poco o nulla delle attività svolte, delle occasioni di apprendimento fornite, viene trasferito dagli alunni all esterno della scuola, interrompendo, così, quel canale privilegiato di comunicazione tra scuola e famiglia che è il racconto diretto da parte dei bambini. Il materiale prodotto individualmente da ogni alunno può essere riposto in una cartellina dal titolo Now, I know. Ogni alunno porterà a casa la cartellina per mostrarla ai genitori e soprattutto per utilizzarne i materiali come traccia di racconto e occasione per condividere, attraverso giochi o attività, le esperienze scolastiche con la famiglia. In questo modo, ciascuno potrà dimostrare quanto e che cosa ha imparato, facilitando i bambini nella risposta alla domanda che cosa hai fatto oggi a scuola durante la lezione di inglese?. Action Stories La Guida include una serie di entusiasmanti storie fotocopiabili che possono essere utilizzate come supporto didattico. Per ciascuna storia vengono proposte numerose attività da svolgere prima e dopo l ascolto della registrazione. Queste divertenti storie sono ideali per la memorizzazione di nuovi vocaboli e per il gioco di coppia. Le note presenti all interno della Guida suggeriscono altri possibili modi di utilizzo di questo materiale. Le storie possono essere ascoltate più volte prima di farle recitare in classe e possono essere utilizzate come supplemento linguistico per le attività di dialogo. Le registrazioni delle storie possono essere anche scaricate dal sito: Test L ultima pagina di ciascuna unità è dedicata a un test di valutazione linguistica inerente l unità stessa che può essere fotocopiato e distribuito in classe. 9

10 Il doppio scopo di questi test è di dare ai bambini la soddisfazione di prendere coscienza dei progressi fatti nell apprendimento della lingua e forniscono all insegnante una visione d insieme delle aree comuni di errore, in modo tale da impostare un proficuo ripasso. Poster Quattro poster illustrati sono allegati alla Guida insegnante. I poster propongono vari set lessicali e possono essere usati per la presentazione iniziale di vocaboli o per il ripasso di strutture lessicali. Le illustrazioni includono anche vocaboli non presenti all interno del volume, per arricchire ulteriormente il lessico proposto alla classe. Practice Book Il Practice Book è disponibile per ogni livello di English Roundabout e offre agli alunni un utile strumento di consolidamento linguistico per tutte le tematiche introdotte nel libro studente. I Practice Book sono ideali per il lavoro in classe, ma anche come compiti a casa. Propongono brevi ma essenziali esercizi che collegano la lezione e danno agli alunni l opportunità di non perdere il contatto con la lingua inglese nei giorni in cui non ci sono lezioni. Nel Practice Book 1 le abilità di scrittura e di lettura sono presentate prima rispetto al volume studente. L insegnante dovrà valutare quando è meglio proporre gli esercizi specialmente durante i primi tre mesi di lezione. All interno della Guida insegnante si trovano le soluzioni di alcuni esercizi presentati nel Practice Book 1. 10

11 Classroom English Open your books at page Close your books, please. Close the door, please. Copy this word, please. Go to your desk, please. Stand up, please. Come here, please. Sit down, please. Look at the pictures on page Look at the blackboard. Listen and repeat. Listen and circle. Listen and complete. Listen and point. Listen and match. Listen and colour. Listen and number. Listen and tick. Work with a friend. Sing the song. Draw and colour. Copy and make. Colour and keep. Complete the picture. Ask and answer. Colour. Circle. Write. 11

12 Syllabus UNIT 1 Funzioni Lessico Strutture Comprendere e rispondere a un saluto. Presentarsi. Chiedere e dire il nome. Salutare in diversi momenti della giornata. Comprendere e eseguire semplici istruzioni. Hello/Hi. Goodbye/Bye-bye. Good morning. Good afternoon. Good evening. Goodnight. What s your name? My name s... This is... Listen. Repeat. Point. Draw. Match. Number. Complete. UNIT 2 Funzioni Lessico Strutture Riconoscere e nominare i colori. Riconoscere e nominare animali domestici. Abbinare colori ad animali. Comprendere ed eseguire semplici istruzioni. Red. Orange. Yellow. Green. Pink. Purple. Blue. Brown. White. Grey. Black. A cat. A dog. A hamster. A budgie. A parrot. A goldfish. What colour is Point. it? Draw. It s Match. It s a parrot, a Number. cat Complete. Listen. Colour. Repeat. UNIT 3 Funzioni Lessico Strutture Riconoscere e nominare i numeri da 1 a 10. Riconoscere e nominare giocattoli. Chiedere e dire l età. Formulare auguri. Ringraziare. Comprendere e eseguire comandi e istruzioni. Train. Teddy bear. Skipping rope. Doll. Bicycle. Ball. One. Two. Three. Four. Five. Six. Seven. Eight. Nine. Ten. How old are you? I m... Happy birthday! Thank you! 12

13 Syllabus UNIT 4 Funzioni Lessico Strutture Identificare e nominare gli oggetti scolastici. dentificare e nominare forme geometriche. Descrivere quantità e colore di oggetti scolastici e forme geometriche. Eseguire comandi e istruzioni. Schoolbag. Pen. Pencil. Rubber. Ruler. Pencil case. Triangle. Square. Circle. Rectangle. What is it? It s... What s in your...? A... UNIT 5 Funzioni Lessico Strutture Riconoscere e nominare elementi strutturali e di arredo dell aula. Associare il nome scritto all immagine corrispondente Comprendere e eseguire comandi e istruzioni Classroom. Blackboard. Window. Desk. Chair. Door. Book. School. Stand up, please. Sit down, please. Open/Close..., please. Go to your desk/classroom, please. Come here, please. Copy this word, please. 13

14 UNIT 1 Hello Funzioni Lessico Strutture Comprendere e rispondere a un saluto. Presentarsi. Chiedere e dire il nome. Salutare in diversi momenti della giornata. Comprendere e eseguire semplici istruzioni. Hello/Hi. Goodbye/Bye-bye. Good morning. Good afternoon. Good evening. Goodnight. What s your name? My name s... This is... Listen. Repeat. Point. Draw. Match. Number. Complete. Before using the book Fate ascoltare due volte la canzone e chiedete agli alunni se ricordano qualche parola tra quelle ripetute nel testo. Focalizzate l attenzione sul significato in italiano della parola Roundabout (giostra) e fate notare che la stessa parola compare nel titolo del libro. Spiegate agli alunni che devono ascoltare la canzone una terza volta, alzarsi e risedersi ogni volta che sentono la parola Roundabout. Modificate il gioco chiedendo ai bambini di alzarsi quando sentono Roundabout e sedersi quando sentono English. TAPESCRIPT Track 1- K 62 Roundabout. Roundabout. Roundabout. Roundabout is English. Roundabout is fun. Roundabout is all around, for us it s number one. 14 Roundabout. Roundabout. Roundabout. Welcome to the roundabout. Welcome to the class. Welcome to the English lesson. We learn English fast. Roundabout. Roundabout. Roundabout. Roundabout is English. Roundabout is fun. Roundabout is all around, for us it s number one. La versione karaoke delle canzoni è anche presente sul DVD/VHS. Preparate gli stand-up puppets che trovate nella sezione Fun and Games 1, alle pagine 21 e 23. Fotocopiate le pagine in formato A3, invitate i bambini a colorare

15 i personaggi, plastificate le pagine, ritagliate gli standup puppets e riponeteli in un contenitore magico (Magic Bag) (ad esempio: un vecchio cappello, una scatola, un sacchetto di stoffa, una borsa o una valigia) che poi userete in diverse occasioni durante l anno scolastico per introdurre lessico e strutture linguistiche. Presentate il contenitore magico ai bambini spiegando che al suo interno ci saranno molte sorprese che li aiuteranno a scoprire il fantastico mondo di English Roundabout. Aprite il contenitore creando un atmosfera di suspense, estraete e presentate i vari personaggi appoggiandoli sulla cattedra: Hello, everyone! My name is Ben. This is Max the dog. Hello! My name is Sunita. This is Cleo the cat. Hi! My name is Jane. This is Harry the parrot. Dite agli alunni di rispondere al saluto dei personaggi: Hello, Ben! Hello, Max! Hello, Sunita! Hello, Cleo! Hi, Jane! Hi, Harry! Page 2 Ex. 1 Listen and point. Mostrate il vostro libro e dite Open your books at page two and three (poiché gli alunni potrebbero non conoscere ancora i numeri in inglese, è consigliabile scriverli sempre alla lavagna in cifra). Dite agli alunni di ascoltare la registrazione e indicare il personaggio che di volta in volta si presenta. Chiedete poi di indicare i personaggi sulla pagina del libro secondo le vostre istruzioni Point to Sunita, point to Ben, ecc. TAPESCRIPT Track 2 Ben: Hello, everyone! My name is Ben. This is Max the dog. Woof, woof! Sunita: Hello! My name is Sunita. This is Cleo the cat. Miaow, miaow! Jane: Hi! My name is Jane. This is Harry the parrot. Hello! Hello! Hello! Page 2 Ex. 2 Listen and repeat. Fate ascoltare la registrazione e dite agli alunni di ripetere Listen and repeat. Chiedete ai bambini di fare il gesto di saluto mentre ripetono le parole. TAPESCRIPT Track 3 Girl: Hello! Boy: Hi! Boy: Hello! Girl: Hi! FOLLOW UP Obiettivo: salutare e presentarsi. Ad ogni lezione entrate in classe presentandovi: Hello! My name is... e invitate gli alunni a rispondere al vostro saluto: Hello, Mrs 15 UNIT 1 Distribuite gli stand-up puppets ad alcuni alunni che dovranno girare per la classe salutando i compagni immedesimandosi nel proprio personaggio. Ad esempio: un bambino con il puppet di Ben saluta un compagno, Hello! My name is Ben e il bambino senza puppet dovrà rispondere presentandosi: Hello Ben, my name is, e così via. Dite agli alunni di disporsi in cerchio Let s make a circle; lanciate una palla morbida a un bambino salutandolo e presentandovi: Hello! My name is, il bambino che riceve la palla risponde al saluto, si presenta e lancia a sua volta la palla a un compagno. Se un bambino non riesce ad afferrare la palla lanciata dal compagno, l insegnante la recupera e riprende il gioco utilizzando questa volta il saluto Hi! Practice Book page 2 Gli alunni si disegnano e scrivono il proprio nome sulla linea tratteggiata. L attività può essere svolta a scuola o utilizzata come compito a casa. Page 3 Ex. 3 Draw. Dite Open your books at page three e chiedete agli alunni di completare il disegno del pagliaccio di pagina 2 disegnando nel cerchio bianco il proprio viso oppure un volto a piacere che vogliono dare al pagliaccio. Page 3 Ex. 4 Listen and repeat. Listen and tick. Invitate i bambini ad avere una matita a disposizione vicino al volume. Fate osservare le quattro immagini spiegando che rappresentano diversi momenti della giornata e chiedete agli alunni di spiegarvi a quali momenti della giornata si riferiscono. In caso di difficoltà, dite che la seconda immagine rappresenta il pomeriggio e chiedete successivamente agli alunni di indicarvi che cosa rappresentano le altre tre immagini. Mentre i bambini verbalizzano le immagini (mattino, pomeriggio, sera, notte) formulate le parole in inglese morning, afternoon, evening, night. Fate ascoltare la registrazione e spiegate che oltre ai saluti Hello e Hi, che corrispondono, entrambi, a ciao, ci sono altri saluti che possono essere utilizzati in diversi momenti della giornata: Good morning (al mattino), Good afternoon (al pomeriggio, dopo mezzogiorno), Good evening (alla sera, dopo le cinque), Goodnight (prima di andare a dormire). Fate riascoltare i saluti, uno alla volta, chiedendo agli alunni di dirne il corrispondente significa-

16 to in italiano (buongiorno, buon pomeriggio, buona sera, buona notte). Fate ascoltare ancora una volta la registrazione, chiedete di ripetere e contrassegnare con un tick ( ) il quadratino sotto l immagine corrispondente al saluto ascoltato. TAPESCRIPT Track 4 Good morning Good afternoon Goodnight Good evening FOLLOW UP Obiettivo: salutare nei diversi momenti della giornata. Associate un azione mimica a ogni saluto; dite i saluti in ordine sparso e gli alunni mimeranno l azione corrispondente oppure mimate l azione e gli alunni devono dire il saluto corrispondente. Ad esempio: Good morning (far finta di alzarsi dal letto e stiracchiarsi), Good afternoon (far finta di andare in bicicletta), Good evening (far finta di cenare), Goodnight (far finta di dormire). Practice Book pages 3-4 Gli alunni completano il disegno nelle parti tratteggiate e si esercitano a ripetere i saluti. L attività può essere svolta a scuola o utilizzata come compito a casa. Max, il cane). Durante l ascolto, dite ai bambini di indicare sul libro i personaggi che parlano di volta in volta e invitateli a formulare ipotesi sull identità dei due nuovi personaggi (la mamma e il papà di Ben). TAPESCRIPT Track 5 Sunita: Goodbye Mrs Price. Ben: Bye-bye mum. Dad: Bye-bye Gwen. Mum: Bye-bye everybody. Max: Woof, woof! Page 4 Ex. 6 Listen and repeat. Fate ascoltare la registrazione e contemporaneamente mimate il gesto di saluto (sarebbe opportuno d ora in poi utilizzare le forme di saluto Good morning o Good afternoon, a seconda dell orario, all inizio della lezione e Bye-bye o Goodbye al termine della lezione). Riproponete più volte l ascolto e chiedete ai bambini di ripetere i saluti. TAPESCRIPT Track 6 Bye Goodbye Bye-bye Bye Goodbye Bye-bye Page 4 Ex. 7 Draw. Dite ai bambini di disegnare e colorare la palla con cui sta giocando Max. FOLLOW UP Obiettivo: utilizzare le forme di saluto, invitare a entrare. Goodbye Invitare gli alunni a uscire, uno alla volta, dall aula. La classe deve invitare il bambino a entrare utilizzando la formula Come in. Il bambino entra, saluta e si presenta utilizzando la forma di saluto appropriata al momento della giornata. Ad esempio: Good morning, my name is..., i compagni rispondono al saluto con Good morning (nome dell alunno). Il bambino si dirige verso la porta e prima di uscire saluta i compagni dicendo Goodbye; la classe risponde con Bye-bye. Page 4 Ex. 5 Listen and point. Dite Open your books at page four and look at the picture; chiedete agli alunni se riconoscono qualche personaggio utilizzando la formula Who s this? (dovrebbero facilmente riconoscere Sunita, Ben e 16 Practice Book pages 5-6 Gli alunni completano il disegno nelle parti tratteggiate e si esercitano a ripetere il saluto. L attività può essere svolta a scuola o utilizzata come compito a casa.

17 UNIT 1 TAPESCRIPT Track 7 - K 8 Good morning, good morning. Time to get up, time to get up. Good morning, good morning to you! Good afternoon, good afternoon. Time to play, time to play. Good afternoon, good afternoon to you! Good evening, good evening. Time to eat, time to eat. Good evening, good evening to you! Goodnight, goodnight. Time to sleep, time to sleep. Goodnight, goodnight to you! Page 5 Ex. 8 Listen and tick. Sing. Dite Open your books at page five; fate osservare le immagini, mimare le azioni rappresentate e indicare in quale parte della giornata si svolgono le varie scene. Mime the actions. Is it morning, afternoon, evening or night? Invitate i bambini a avere una matita a disposizione vicino al volume per effettuare l esercizio connesso alla registrazione. Durante l ascolto: fate ascoltare una prima volta la registrazione e chiedete agli alunni se hanno riconosciuto qualche parola; riproponete l ascolto accompagnando la canzone con gesti che possano facilitare la comprensione e la memorizzazione del testo. Ad esempio: time to get up (mimare l azione dell alzarsi dal letto, stiracchiandosi); time to play (mimare l azione del giocare a palla); time to eat (mimare l azione del portare un cucchiaio alla bocca); time to sleep (congiungere le mani e adagiarvi il viso sopra); spiegate agli alunni che devono ascoltare attentamente e mettere un tick ( ) nel quadratino sotto le immagini, nell ordine in cui vengono presentate nella canzone; fate eseguire la canzone ripetendola due volte: la prima volta i maschi dovranno cantare la prima e la terza strofa e le femmine la seconda e la quarta; la seconda volta fate eseguire la canzone alla classe intera; quando gli alunni avranno acquisito sicurezza, potete utilizzare la versione karaoke senza parole (Track 8). La versione karaoke delle canzoni è presente sul DVD/VHS. 17 Practice Book page 7 Gli alunni completano le scritte dei saluti. L attività può essere svolta a scuola o utilizzata come compito a casa. Page 6 Ex. 9 Listen and match. Dite Open your books at page six and look at the pictures; spiegate che ogni immagine fa riferimento a un saluto diverso. Fate ascoltare la registrazione e chiedete ai bambini di collegare con una linea i numeri ai disegni corrispondenti al saluto ascoltato, Listen and match. TAPESCRIPT Track 9 1. Boys and girls: Good afternoon, Mrs Brown. Teacher: Good afternoon, everyone. 2. Gwen: Good morning, Ben. Ben: Good morning, mum.

18 3. Gwen: Goodnight, Ben. Ben: Goodnight, mum. 4. Ben: Good evening, Mr Smith. Mr Smith: Good evening, Ben. Good evening, Max. Page 6 Ex. 10 Listen. Fate ascoltare il dialogo tra i due bambini. Dopo l ascolto, indicate Ben sul vostro libro e chiedete What s his name?; fate la stessa cosa con Rebecca, What s her name? Non preoccupatevi dell introduzione di his e her, i bambini coglieranno solo il significato globale della domanda e risponderanno Ben e Rebecca. TAPESCRIPT Track 10 Ben: Hello. What s your name? Rebecca: My name s Rebecca. What s your name? Ben: My name s Ben. FOLLOW UP Obiettivo: esercitarsi nell uso della struttura: What s your name? My name is What s your name? Chiedete a un alunno di coprirsi il viso appoggiandosi alla porta in modo da non riuscire a vedere il resto della classe. Chiamate con un gesto della mano un compagno che si avvicinerà al bambino appoggiato all armadio e busserà alla sua schiena, TOC-TOC. Il bambino con il viso coperto chiederà What s your name? e il compagno che ha bussato risponderà alterando la voce (ad esempio tappandosi il naso, ecc.) My name s inventandosi un nome. Se il compagno sarà in grado di riconoscere la sua vera identità, dovrà dire il nome del compagno che ha bussato, il quale dovrà a questo punto prenderne il posto. Se invece non indovinerà di quale compagno si tratta, si dovrà ripetere nuovamente il gioco. 18 Chatter Chums Page 7 Ex. 11 Listen and repeat. Questa sezione è dedicata al lavoro di coppia: è un valido strumento per ripassare i vocaboli appresi e per l interazione dei bambini che possono approfondire la conoscenza reciproca attraverso l utilizzo di una nuova lingua. Dite Open your books at page seven; chiedete agli alunni di ascoltare e ripetere il dialogo tra i due bambini. TAPESCRIPT Track 11 Boy: What s your name? Girl: My name s Mary. Girl: What s your name? Boy: My name s Paul. Fate esercitare i bambini a coppia nel chiedersi, a turno, What s your name? e rispondere My name s Mostrate agli alunni gli stand-up puppets dei personaggi del libro (Fun and Games 1 a pagina 21 e 23) e invitateli a ripetere il loro nome. Mettete i puppets sulla cattedra; chiamate due bambini, invitate un bambino a scegliere un personaggio e a rispondere alla domanda del compagno What s your name? con il nome del personaggio scelto (ad esempio: My name s Ben). Fate ripetere l esercizio, a turno, a tutti i bambini. Potete aggiungere altre immagini, tratte da riviste. Copy and Make Page 7 Ex. 12 Copy and Make. Colour and keep. È molto importante per bambini di questa età fissare concretamente le strutture che man mano apprendono e mantenere nel tempo una traccia del proprio percorso di apprendimento, così come

19 è altrettanto importante il loro coinvolgimento in piccoli progetti di manualità che implichino la realizzazione di prodotti visibili, utilizzabili e personali. Fate realizzare un librettino sui saluti nei diversi momenti della giornata seguendo le istruzioni Let s make a booklet. Gli alunni devono: dividere un foglio formato A4 in quattro riquadri e rappresentare, in ogni spazio, un saluto: Good morning, Good afternoon, Good evening, Goodnight; ritagliare le quattro scenette; incollare le scenette su quattro cartoncini colorati; bucare i cartoncini; unire i quattro cartoncini in un libretto utilizzando un nastrino colorato. Questa è una delle pochissime volte in cui i bambini devono scrivere/copiare delle parole all interno del volume. Se i bambini non sono in grado di copiare le parole dalla lavagna, possono copiarle dai compagni che sono in grado di farlo o potete invitarli a portare i loro lavori alla cattedra aiutandoli a completarli. UNIT 1 TAPESCRIPT Track Good morning 2. Goodnight 3. Good afternoon 4. Good evening Page 8 Ex. 14 Complete the picture. Chiedete ai bambini di completare e colorare il disegno del sole e della luna utilizzando le matite colorate. Complete the picture and colour. Revision Roundabout Page 9 Ex. 15 Listen and match. Le attività presentate in questa sezione includono esercizi di revisione dei contenuti. Dite Open your books at page nine; chiedete agli alunni di ascoltare i saluti e di collegare il numero all immagine di riferimento. Listen and match. (Risposte: numero 1 = prima vignetta seconda fila; numero 2 = prima vignetta prima fila; numero 3 = terza vignetta seconda fila; numero 4 = seconda vignetta prima fila; numero 5 = terza vignetta prima fila; numero 6 = seconda vignetta seconda fila). Page 8 Ex. 13 Listen and number. Chiedete ai bambini di avere una matita a disposizione. Dite Open your books at page eight; spiegate agli alunni che devono ascoltare la registrazione, osservare le immagini e numerarle nell ordine in cui vengono presentate. 19

20 TAPESCRIPT Track Ben: Good morning, Mr Smith. 2. Ben: Hello, dad. 3. Ben: Hi, Sunita. 4. Ben: Goodbye, Mr Smith. 5. Ben: Bye, Sunita. 6. Ben: Bye-bye, dad. Page 9 Ex. 16 Listen and number. Chiedete agli alunni di ascoltare e numerare le immagini nell ordine in cui i saluti vengono presentati. TAPESCRIPT Track Good afternoon 2. Goodnight 3. Good morning 4. Good evening Practice Book pages 8-9 Gli alunni disegnano gli oggetti nelle vignette giuste. L attività può essere svolta a scuola o utilizzata come compito a casa. Distribuite una fotocopia della scheda che rappresenta i vari saluti a ogni alunno. Dite ai bambini che devono colorare le tesserine, ritagliarle e riporle in una busta di plastica (se possibile, plastificate la pagina prima di far ritagliare le tesserine). Spiegate le regole del gioco del domino che consiste nell accostare due tessere con lo stesso saluto, identificare e dire il saluto rappresentato. Quando gli alunni hanno acquisito familiarità con il gioco, fatelo riporre nell apposita cartellina e dite di portarlo a casa per giocarvi con la famiglia. TEST 1 page 26 Cut and stick in the right order. Distribuite una fotocopia del test a ogni bambino. Dite agli alunni di ritagliare le immagini dei diversi momenti della giornata e di incollarle in sequenza, una di seguito all altra, su una pagina del quaderno. Invitateli a colorare le immagini. Nel frattempo, chiamate un bambino alla volta a mostrarvi il lavoro svolto e a dirvi i saluti corrispondenti ai diversi momenti della giornata. FUN AND GAMES 1 My WorldW Stand-up puppets pages Fotocopiate le pagine con i vari personaggi del libro (Sunita, Ben, Max, Jane, Cleo e Harry), ingrandite in formato A3 e incollatele su un cartoncino rigido; fate colorare i personaggi, plastificate le varie parti e invitate i bambini a ritagliarle. Utilizzate gli stand-up puppets per le attività previste nella prima unità e anche nelle successive, per i giochi di Memory e come burattini per favorire l interazione orale. FUN AND GAMES 2 From School to Home Greetings domino page 25 Ricordiamo che i materiali presenti in questa sezione sono finalizzati alla comunicazione scuola-famiglia. Il materiale prodotto individualmente da ogni alunno può essere riposto in una cartellina dal titolo Now, I know. Ogni alunno porterà a casa la cartellina per mostrarla ai genitori e soprattutto per utilizzare i materiali al suo interno come traccia di racconto e occasione per condividere, attraverso giochi o attività, le esperienze scolastiche con la famiglia. In questo modo gli alunni potranno dimostrare quanto e che cosa hanno imparato, rispondendo alla ricorrente domanda dei genitori Che cosa hai fatto oggi a scuola nella lezione d inglese?. 20

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO DI MUGELLO MATERIALE PER L INSEGNANTE PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI Scuola dell infanzia DOCENTE REFERENTE: ANNA MARIA BRUNETTO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

S S SONG. p. 43. p. 44. Presentation

S S SONG. p. 43. p. 44. Presentation L E S S O N P L A N SONG p. 43 What time, what time is it now? It s seven, seven o clock. What time, what time is it now? It s seven, seven o clock. It s time, time to rock, time to rock, time to rock.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Insegnare può essere facile

Insegnare può essere facile Insegnare può essere facile Raccomandazioni per lo staff della formazione permanente per rendere i loro corsi accessibili Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli