Nessuna ripresa sotto l albero

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nessuna ripresa sotto l albero"

Transcript

1

2 Nessuna ripresa sotto l albero di Giovanna Mancini14 dicembre 2014 Non ci sarà nemmeno quest'anno alcun miracolo a Natale, ma almeno, dopo anni di consumi in frenata, la propensione degli italiani agli acquisti per i regali da mettere sotto l'albero dovrebbe mantenersi sugli stessi livelli dello scorso anno, con una spesa media stimata da Confcommercio in 171 euro a persona. Mentre il Rapporto Club Consumo di Prometeia prevede per tutto il 2014 un aumento dei consumi interni di 1,2 miliardi rispetto al 2013 (+0,1% in termini reali), che raggiungono quota 813 miliardi, tornando in pratica ai livelli di 15 anni fa. Anche il dato di stabilità degli acquisti per il Natale risulta sbiadito dal confronto con il 2009, quando la spesa media, rileva l'indagine ConfcommercioFormat, era stata di 289 euro. «Un crollo del 40,7% che dà il polso di una situazione ancora molto difficile sul fronte dell'occupazione e dei redditi commenta il responsabile Ufficio studi di Confcommercio, Marco Bella. Abbiamo arrestato la caduta, ma i consumi non si riprendono». Secondo l'indagine, aumentano rispetto all'anno scorso le persone intenzionate a spendere meno di 100 euro per i regali Natale (il 33,2% del totale) e diminuiscono quelle che contano di spenderne tra 100 e 300 (il 61,9%). Tutti indicatori di una situazione di perdurante prudenza da parte degli italiani, che devono fare i conti con una riduzione ormai strutturale dei redditi e con scadenze fiscali pressanti e, soprattutto, incerte

3 nella quantità. Proprio alcune misure di leva fiscale sono tuttavia alla base della ripresina dei consumi prevista da Prometeia, sostenuta soprattutto dal rallentamento dell'inflazione e dall'acquisto di beni durevoli, che hanno beneficiato di strumenti come la detrazione Irpef per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici nell'ambito delle ristrutturazioni edilizie. «Più che di ripresa parlerei di stabilizzazione e arresto della caduta osserva Andrea Dossena, economista di Prometeia. I consumi restano bassi e si amplia la forbice tra il Nord e il Sud del Paese». Un lieve aumento della spesa (dell'1% annuo) è atteso per i 2015 e il 2016 anche se, osserva Dossena, «il recupero dei consumi sarà più lento rispetto a quello dei redditi, favorito anche da misure come il bonus di 80 euro». Pesano, ancora una volta, la mancanza di fiducia degli italiani e l'incertezza sulla ripresa del mercato del lavoro nel brevemedio termine. Non a caso, fa notare il presidente di Ascom Roma e Lazio, Rosario Cerra, «nel 2015 è atteso il picco dei depositi bancari in Italia. Mancano i soldi e quei pochi che ci sono si mettono da parte, perché non si sa che cosa accadrà in futuro, né sul fronte occupazione, né su quello della tassazione». Non aiutano, osserva ancora Cerra, vicende come quella degli scandali emersi nell'inchiesta Mafia Capitale. Per questo Confcommercio Roma dà una lettura positiva dei dati diffusi ieri sugli acquisti di Natale: «A Roma prevediamo una spesa media per i regali di 250 euro a famiglia e di circa 400 euro per una tavola per sei persone prosegue Cerra. L'86% dei consumatori è intenzionato a spendere per i regali: meno dell'anno scorso, ma è comunque un dato superiore alle nostre aspettative». A livello nazionale l'indagine Confcommercio registra la crescita dei regali tecnologici, un trend costante negli ultimi anni: la spesa per beni hitech da regalare a Natale è aumentata, tra il 2012 e il 2014, dal 10 al 15%. «Un segnale positivo osserva Mariano Bella perché dimostra che gli italiani non restano indietro sul fronte dell'innovazione rispetto agli altri Paesi. Meno positivo se si considera che la maggior parte di questi prodotti è importata dall'estero e dunque, poiché la torta degli acquisti rimane invariata, le spese per questi oggetti rosicchiano quella per altri beni, come l'abbigliamento, realizzati in Italia». Stabile invece, a Natale, la spesa per i generi alimentari, che si conferma assieme ai giocattoli in cima alla lista dei propositi di acquisto. In aumento del 7,9%, infine, le persone che comprano i regali anche online (il 38%): siamo ancora indietro rispetto agli altri Paese europei, ma la crescita è significativa e, prevede Mariano Bella: «Il boom deve ancora venire. Ci aspettiamo il picco nei prossimi anni, quando i figli dei baby boomers diventeranno capi famiglia».

4 leggi l articolo completo - navigation

5 Natale 2014, spesa media regali ferma a 171 euro come un anno fa. In crescita smartphone, tablet e hi tech La crisi colpisce maggiormente i giovanissimi che per azzeccare la giusta combinazione prezzo-prodotto puntano sullo shopping on line. Delicatezze alimentari e buon vino restano in cima ai desideri Roma, 13 dicembre Meno spesa ma più tecnologia nei regali di Natale degli italiani. Secondo l'indagine Confcommercio-Format Research tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro. La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013) e quelli di smartphone e tablet. COSI' IL DETTAGLIO - Le intenzioni di spesa degli italiani per le prossime festività natalizie riguardano generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%), ma in forte crescita i regali elettronici - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) -, ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%). In calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). GLI 'SPENDACCIONI' - Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

6 CONFCOMMERCIO, A NATALE SI SPENDERÀ MENO MA AL REGALO NON SI RINUNCIA 13 dicembre 2014 ROMA (ITALPRESS) - Per Natale generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%). In calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). Confcommercio,in collaborazione con Format Research, ha realizzato un'indagine sugli acquisti e le intenzioni di spesa degli italiani per le prossime festività natalizie. Tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). I punti vendita della grande distribuzione (per il 63,7%) e i negozi tradizionali (per il 54,9%) restano i canali principali per gli acquisti di Natale. In aumento la percentuale di italiani che acquisterà online (38% nel 2014, +7,9% rispetto al 2013), soprattutto giovani tra i 18 e i 34 anni, residenti nelle regioni del Nord, con titolo di studio medio/alto.

7 A Natale si taglia il budget ma ai regali non si rinuncia Articolo pubblicato il: 13/12/2014 La tradizione dei regali di Natale regge nonostante la crisi. Gli italiani sono sempre più costretti a tagliare drasticamente il budget ma la stragrande maggioranza, l'85,2%, al dono sotto l'albero soprattutto per i familiari più stretti o anche a un 'pensierino' per gli amici non intende rinunciare. E mentre aumenta la percentuale di acquisti on line, sono i generi alimentari (73,3%) e i giocattoli ad essere i più gettonati mentre crescono decisamente i prodotti tecnologici, da smartphone a tablet. E' questa la fotografia che scatta l'indagine sugli acquisti e le intenzioni di spesa degli italiani per le ormai imminenti festività natalizie, realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia in collaborazione con Format Research. Su cosa regaleranno gli italiani a Natale, il trend appare, dunque, chiaro. Nel dettaglio, alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati. Vanno per la maggiore i regali elettronici, smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), come chiavett usb, paly station e console. Crescono anche prodotti come vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%). In calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). E altrettanto netta è l'intenzione degli italiani di tagliare le spese. Tre consumatori su cinque, infatti, dichiarano di voler spendere meno dello scorso anno per i regali natalizi. Il 95,1% dei consumatori stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. begin affiliation zone script end affiliation zone script Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per persona per i regali di Natale si attesta a 171 euro, sostanzialmente in linea con il valore dello scorso anno ma il 40,7% in meno rispetto al 2009 (era pari a circa 289 euro). Questa stima, evidenzia la ricerca, restituisce la gravità della crisi dei redditi e dei consumi anche nella metrica degli acquisti dei regali di Natale. Nonostante i tagli, la tradizione dei regali di Natale regge. L 85,2% degli italiani non rinuncerà agli acquisti natalizi (-0,6% sul 2013), soprattutto per i familiari più stretti (coniuge, figli, genitori, fratelli per il 57,7%), i parenti in generale (52%), i conoscenti (39%), se stessi (38,9%), gli amici (37,7%). Per lo shopping natalizio, gli italiani si recheranno presso i punti vendita della grande distribuzione

8 (per il 63,7%) ed i negozi tradizionali (per il 54,9%) restano i canali principali per gli acquisti di Natale. Ma aumenta la percentuale di italiani che acquisterà online (38% nel 2014, +7,9% rispetto al 2013), soprattutto giovani tra i 18 e i 34 anni, residenti nelle regioni del Nord, con titolo di studio medio/alto. Il 66% dei consumatori pagherà gli acquisti in contanti, il 25% tramite bancomat, il 9% con carta di credito. Sebbene rappresenti una ristrettissima minoranza, raddoppia la percentuale di consumatori che si troverà costretta a chiedere un prestito per acquistare i regali natalizi (1,4%, erano lo 0,7% l anno scorso).

9 Natale: Confcommercio, spesa regali giu' a 171 euro(-40% in 5 anni) 10:13 13 DIC 2014 (AGI) - Roma, 13 dic. - Si riduce il budget per i regali natalizi ma gli italiani non rinunciano a riporre i doni sotto all'albero di Natale. Secondo un'indagine realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia in collaborazione con Format Research, generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli piu' acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spendera' meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013); la spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). Per quanto riguarda gli acquisti, generi alimentari e giocattoli continuano a rappresentare le due tipologie di prodotto in cima alla lista dei regali. In aumento la ricerca del regalo "tecnologico", con la scelta di smartphone, di tablet, di prodotti tecnologici in generale (chiavetta usb, play station e console). Gli italiani taglieranno soprattutto su calzature, prodotti per la cura della persona, abbigliamento, articoli sportivi e telefoni cellulari. Nel dettaglio della spesa, tre consumatori su cinque dichiarano di voler spendere meno dello scorso anno per i regali natalizi. Il 95,1% dei consumatori stanziera' un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% e' intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, piu' degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di eta' compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per persona per i regali di Natale si attesta a 171 euro, sostanzialmente in linea con il valore dello scorso anno ma il 40,7% in meno rispetto al 2009 (era pari a circa 289 euro). Questa stima restituisce la gravita' della crisi dei redditi e dei consumi anche nella metrica degli acquisti dei regali di Natale. Il 66% dei consumatori paghera' gli acquisti in contanti, il 25% tramite bancomat, il 9% con carta di credito. Sebbene rappresenti una ristrettissima minoranza, raddoppia la percentuale di consumatori che si trovera' costretta a chiedere un prestito per acquistare i regali natalizi (1,4%, erano lo 0,7% l'anno scorso). Nonostante tutto, insomma, regge la tradizione dei regali di Natale. L'85,2% degli italiani non rinuncera' agli acquisti natalizi (-0,6% sul 2013), soprattutto per i familiari piu' stretti (coniuge, figli, genitori, fratelli per il 57,7%), i parenti in generale (52%), i conoscenti (39%), se stessi (38,9%), gli amici (37,7%). I punti vendita della grande distribuzione (per il 63,7%) ed i negozi tradizionali (per il 54,9%) restano i canali principali per gli acquisti di Natale. In aumento la percentuale di italiani che acquistera' online (38% nel 2014, +7,9% rispetto al 2013), soprattutto giovani tra i 18 e i 34 anni, residenti nelle regioni del Nord, con titolo di studio medio/alto. 5_anni eco-rt10027

10 Natale, Confcommercio: 3 italiani su 5 tagliano sui regali Spesa media di 171 euro, il 95,1% stanzierà meno di 300 euro Roma, 13 dic. (askanews) - Gli italiani spendono meno ma non rinunciano al regalo di Natale. Sono infatti tre su cinque i consumatori che dichiarano di voler tagliare la spesa per i regali natalizi. Il 95,1% stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). Questo il quadro sugli acquisti natalizi che emerge da un'indagine Confcommercio-Format. In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici": smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

11 Natale, Confcommercio: 3 italiani su 5 tagliano sui regali Spesa media di 171 euro, il 95,1% stanzierà meno di 300 euro Roma, 13 dic. (askanews) - Gli italiani spendono meno ma non rinunciano al regalo di Natale. Sono infatti tre su cinque i consumatori che dichiarano di voler tagliare la spesa per i regali natalizi. Il 95,1% stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). Questo il quadro sugli acquisti natalizi che emerge da un'indagine Confcommercio-Format. In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici": smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

12 :10 Natale, gli italiani non riunciano ai regali Confcommercio,in collaborazione con Format Research, ha realizzato un'indagine sugli acquisti e le intenzioni di spesa degli italiani per le prossime festività natalizie. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

13 Natale, Confcommercio: la tradizione batte la crisi, l 85,2% degli italiani non rinuncia ai regali La tradizione batte la crisi economica e così, nonostante il periodo di magra, gli italiani non rinunciano ai regali di Natale. È quanto emerge da uno studio di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con Format Research, secondo cui quest anno, anche se con budget limitato, l 85,2% degli italiani non rinuncerà a comprare i regali soprattutto per i familiari più stretti e un pensierino per gli amic. In questo contesto, aumenta la percentuale di acquisti on line e sono i generi alimentari e i giocattoli ad essere i più gettonati mentre crescono decisamente i prodotti tecnologici, da smartphone a tablet. Nel dettaglio, i doni alimentari si piazzano al 73,3%, i giochi al 51,6%,. Per quanto riguarda i regali elettronici, gli smartphone registrano +3,5%, i tablet +1,4%, i prodotti tecnologici in genere +1,8%, come chiavett usb, paly station e console. Crescono anche prodotti come vino +1,5% ed elettrodomestici +1,2%. In calo i prodotti per la cura della persona -2,7% e le calzature -2,1%. Tre consumatori su cinque dichiarano inoltre di voler spendere meno dello scorso anno per i regali natalizi. Il 95,1% dei consumatori pone un budget non superiore ai 300 euro e aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro.

14 Natale: Confcommercio, spesa regali a 171 euro, calo del 40% 13 DICEMBRE 2014, Si riduce il budget per i regali natalizi ma gli italiani non rinunciano a riporre i doni sotto all'albero di Natale. Secondo un'indagine realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia in collaborazione con Format Research, generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013); la spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). Per quanto riguarda gli acquisti, generi alimentari e giocattoli continuano a rappresentare le due tipologie di prodotto in cima alla lista dei regali. In aumento la ricerca del regalo "tecnologico", con la scelta di smartphone, di tablet, di prodotti tecnologici in generale (chiavetta usb, play station e console). Gli italiani taglieranno soprattutto su calzature, prodotti per la cura della persona, abbigliamento, articoli sportivi e telefoni cellulari. Nel dettaglio della spesa, tre consumatori su cinque dichiarano di voler spendere meno dello scorso anno per i regali natalizi. Il 95,1% dei consumatori stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per persona per i regali di Natale si attesta a 171 euro, sostanzialmente in linea con il valore dello scorso anno ma il 40,7% in meno rispetto al 2009 (era pari a circa 289 euro). Questa stima restituisce la gravità della crisi dei redditi e dei consumi anche nella metrica degli acquisti dei regali di Natale. Il 66% dei consumatori pagherà gli acquisti in contanti, il 25% tramite bancomat, il 9% con carta di credito. Sebbene rappresenti una ristrettissima minoranza, raddoppia la percentuale di consumatori che si troverà costretta a chiedere un prestito per acquistare i regali natalizi (1,4%, erano lo 0,7% l'anno scorso). Nonostante tutto, insomma, regge la tradizione dei regali di Natale. L'85,2% degli italiani non rinuncerà agli acquisti natalizi (-0,6% sul 2013), soprattutto per i familiari più stretti (coniuge, figli, genitori, fratelli per il 57,7%), i parenti in generale (52%), i conoscenti (39%), se stessi (38,9%), gli amici (37,7%). I punti vendita della grande distribuzione (per il 63,7%) ed i negozi tradizionali (per il 54,9%) restano i canali principali per gli acquisti di Natale. In aumento la percentuale di italiani che acquisterà online (38% nel 2014, +7,9% rispetto al 2013), soprattutto giovani tra i 18 e i 34 anni, residenti nelle regioni del Nord, con titolo di studio medio/alto. (AGI)

15 Natale, Confcommercio: 3 italiani su 5 tagliano sui regali Autore: Redazione - 13 dicembre 2014 Roma, 13 dic. Gli italiani spendono meno ma non rinunciano al regalo di Natale. Sono infatti tre su cinque i consumatori che dichiarano di voler tagliare la spesa per i regali natalizi. Il 95,1% stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). Questo il quadro sugli acquisti natalizi che emerge da un indagine Confcommercio- Format. In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali elettronici : smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

16 Natale, Confcommercio: 3 italiani su 5 tagliano sui regali Roma, 13 dic. (askanews) - Gli italiani spendono meno ma non rinunciano al regalo di Natale. Sono infatti tre su cinque i consumatori che dichiarano di voler tagliare la spesa per i regali natalizi. Il 95,1% stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). Questo il quadro sugli acquisti natalizi che emerge da un'indagine Confcommercio-Format. tagliano-sui-regali

17 Notizie Flash: 1/a edizione - L'economia (AdnKronos) - Roma. La tradizione dei regali di Natale regge nonostante la crisi. Gli italiani sono sempre più costretti a tagliare drasticamente il budget ma la stragrande maggioranza, l'85,2%, al dono sotto l'albero soprattutto per i familiari più stretti o anche a un 'pensierino' per gli amici non intende rinunciare. E mentre aumenta la percentuale di acquisti on line, sono i generi alimentari (73,3%) e i giocattoli ad essere i più gettonati mentre crescono decisamente i prodotti tecnologici, da smartphone a tablet. E' questa la fotografia che scatta l'indagine sugli acquisti e le intenzioni di spesa degli italiani per le ormai imminenti festività natalizie, realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia in collaborazione con Format Research. Su cosa regaleranno gli italiani a Natale, il trend appare, dunque, chiaro. Nel dettaglio, alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati. Vanno per la maggiore i regali?elettronici?, smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), come chiavette usb, play station e console. Crescono anche prodotti come vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%). In calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). E altrettanto netta è l'intenzione degli italiani di tagliare le spese. Tre consumatori su cinque, infatti, dichiarano di voler spendere meno dello scorso anno per i regali natalizi. Il 95,1% dei consumatori stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. 13/789c7ff57bbfe90bb1b59a2da1aaa166/Notizie_Flash_1a_edizione_-_Leconomia.html

18 La spesa per i regali scende a 171 euro (-40% in 5 anni) Sabato, 13 dicembre :18:00 Si riduce il budget per i regali natalizi ma gli italiani non rinunciano a riporre i doni sotto all'albero di Natale. Secondo un'indagine realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia in collaborazione con Format Research, generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli piu' acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (- 2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spendera' meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013); la spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). A segnalare l'intenzione di fare una villeggiatura con il partner - rivela il sondaggio - e' il 35% degli intervistati, contro il 26% dello scorso anno. Capodanno rimane l'occasione piu' scelta per un viaggio: per la fine dell'anno sara' in vacanza quasi un italiano su dieci (il 9%). Il 5% degli intervistati ha invece indicato Natale, mentre il 7% andra' in villeggiatura in un altro periodo delle prossime feste. Il 37% di chi ha intenzione di fare una vacanza durante le prossime feste andra' in viaggio con la famiglia: una quota in leggera diminuzione rispetto al 39% rilevato nel Cala invece la percentuale di italiani in vacanza con gli amici, che passa dal 26 al 21%, e di chi invece sceglie di viaggiare solo (dal 7 al 5%). Stabili al 2% i fedelissimi dei gruppi organizzati. In media, le vacanze degli italiani nel 2014 dureranno 6,3 giorni, un dato in linea con il 2013, quando la durata media delle villeggiature si era assestata sui 6 giorni. Quest'anno, pero', si segnala la diminuzione delle mini-vacanze di due giorni, indicate dall'11% dei nostri concittadini contro il 14% del 2013, ed il contemporaneo aumento della quota di chi invece fara' un viaggio di 6-7 giorni, passata dal 10% dello scorso anno al 15%. Quasi 1 italiano su 3 (il 31%) scegliera' di alloggiare in casa di amici o parenti. Il 23% preferisce per le prossime vacanze un albergo o una pensione, mentre il 20% pernottera' in una casa in affitto, un B&B o un ostello. Stabile al 9% - come lo scorso anno - la quota di italiani che sceglie di stare in campeggio, camper, villaggio, agriturismo, altre strutture all'aria aperta, mentre diminuiscono ulteriormente i nostri concittadini che approfitteranno di una seconda casa di proprieta': nel 2014 sono il 17%, nel 2007 erano il 21%. Il 66% dei consumatori paghera' gli acquisti in contanti, il 25% tramite bancomat, il 9% con carta di credito. Sebbene rappresenti una ristrettissima minoranza, raddoppia la percentuale di consumatori che si trovera' costretta a chiedere un prestito per acquistare i regali natalizi (1,4%, erano lo 0,7% l'anno scorso). Nonostante tutto, insomma, regge la tradizione dei regali di Natale. L'85,2% degli italiani non rinuncera' agli acquisti natalizi (-0,6% sul 2013), soprattutto per i familiari piu' stretti (coniuge, figli, genitori, fratelli per il 57,7%), i parenti in generale (52%), i conoscenti (39%), se stessi (38,9%), gli amici (37,7%). I punti vendita della grande distribuzione (per il 63,7%) ed i negozi tradizionali (per il 54,9%) restano i canali principali per gli acquisti di Natale. In aumento la percentuale di italiani che acquistera' online (38% nel 2014, +7,9% rispetto al 2013), soprattutto giovani tra i 18 e i 34 anni, residenti nelle regioni del Nord, con titolo di studio medio/alto.

19 Natale, Natale, Confcommercio: 3 italiani su 5 tagliano sui regali Roma, 13 dic. (askanews) - Gli italiani spendono meno ma non rinunciano al regalo di Natale. Sono infatti tre su cinque i consumatori che dichiarano di voler tagliare la spesa per i regali natalizi. Il 95,1% stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). Questo il quadro sugli acquisti natalizi che emerge da un'indagine Confcommercio-Format. In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici": smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). tml?ultimora

20 Natale: spesa media per regali 171 euro, -40% sul 2009 Renato Marino - domenica 14 dicembre 2014 Confcommercio-Format: un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro per i regali di Natale, solo il 4,9% più di 300 euro. Il budget a disposizione per il Natale 2014 si riduce rispetto a quello già magro del Tre italiani su cinque infatti ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale secondo una indagine Confcommercio-Format che fotografa la crisi del potere d'acquisto degli italiani, con oltre la metà di essi che dovrà spendere la tredicesima in tasse, rate di mutuo e bollette. A dovere tagliare più di tutti il budget per gli acquisti natalizi sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), le fascia di età tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, specie quelle residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. Secondo l'indagine di Confcommercio-Format la spesa media per i regali si attesterà quest'anno a 171 euro, cifra in linea con lo scorso anno ma in flessione di oltre il 40% rispetto al Sempre secondo lo studio un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro e solo il 4,9% si dice orientato a spendere più di 300 euro. Quali saranno gli articoli e i regali che saranno più acquistati per queste festività natalizie? I generi alimentari per allestire la tavola delle feste e i giocattoli da regalare ai più piccoli restano gli articoli maggiormente gettonati, in crescita però anche i regali del comparto elettronica e hi-tech, come smartphone, tablet, chiavette usb e console di videogiochi, ma anche vino ed elettrodomestici. Risultano invece in calo gli acquisti di prodotti per la cura della persona, di calzature, abbigliamento, articoli sportivi. In ogni caso aumentano gli acquisti online, da molti trovati più convenienti: +7,9% sul Il 66% dei consumatori pagherà lo shopping natalizio in contanti, il 25% con bancomat, il 9% con carta di credito. Confcommercio ricorda ancora che raddoppia rispetto all'anno scorso la percentuale di consumatori che chiederà un prestito per acquistare i regali natalizi (1,4%).

21 Crisi: Tre italiani su cinque riducono il budget per i regali di Natale Tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale. È quanto emerge da un'indagine Confcommercio-Format. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. L'indagine mostra che la spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). Un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%). fine entry Redazione Borsainside

22 Natale, Confcommercio: 3 italiani su 5 tagliano sui regali Roma, 13 dic. (askanews) - Gli italiani spendono meno ma non rinunciano al regalo di Natale. Sono infatti tre su cinque i consumatori che dichiarano di voler tagliare la spesa per i regali natalizi. Il 95,1% stanzierà un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). Questo il quadro sugli acquisti natalizi che emerge da un'indagine Confcommercio-Format. In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici": smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (- 2,7%) e le calzature (-2,1%). In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

23 Confcommercio: regali di Natale sempre più low cost SALERNO, 14 DICEMBRE Quest'anno gli Italiani, come da tradizione, non rinunceranno ai regali di Natale, ma avranno a disposizione un budget ridotto rispetto agli altri anni. Corsa ai regali: gli italiani quest'anno hanno deciso di risparmiare Secondo un'indagine condotta da Confcommercio imprese per l'italia, in collaborazione con Format Research, si stima che gli articoli più acquistati saranno i generi alimentari con una spesa del 73,3%, ed i giocattoli del 51,6%. In rialzo la scelta di acquistare regali elettronici: smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%), elettrodomestici (+1,2%). In calo, invece, i prodotti per la cura della persona: (-2,7%) e le calzature (-2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che più di altri hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovani fino ai 24 anni, la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). La crisi economica e il conseguente calo dei redditi delle famiglie, si fa sentire sopratutto in questo periodo dell'anno, dove, in vista delle festività, ci sono uscite maggiori per l'acquisto dei regali. Ma come purtroppo si evince dai dati, la corsa all'acquisto è notevolmente rallentata. Nonostante ciò gli italiani hanno scelto di non rinunciare del tutto ai regali: L'85,2% degli italiani non rinuncerà agli acquisti natalizi (-0,6% sul 2013), sopratutto per i familiari e parenti in generale (52%).In più quest'anno una buona parte degli italiani utilizzerà un nuovo canale di shopping: al classico negozio si preferiranno gli acquisti on-line (+ 38% rispetto al 2013): in particolare saranno i giovani tra i tra i 18 e i 34 anni che vivono nelle regioni del Nord e che hanno un titolo di studio medio-alto a fare gli acquisti online con carta bancomat per il 25%.

24 CONFCOMMERCIO Natale, cala ancora il budget per i regali 14/12/2014 Si riduce il budget per i regali natalizi ma gli italiani non rinunciano a riporre i doni sotto all'albero di Natale. Secondo un'indagine realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia Si riduce il budget per i regali natalizi ma gli italiani non rinunciano a riporre i doni sotto all'albero di Natale. Secondo un'indagine realizzata da Confcommercio-Imprese per l'italia in collaborazione con Format Research, generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli piu' acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (- 2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spendera' meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013); la spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013). Per quanto riguarda gli acquisti, generi alimentari e giocattoli continuano a rappresentare le due tipologie di prodotto in cima alla lista dei regali. In aumento la ricerca del regalo "tecnologico", con la scelta di smartphone, di tablet, di prodotti tecnologici in generale (chiavetta usb, play station e console). Gli italiani taglieranno soprattutto su calzature, prodotti per la cura della persona, abbigliamento, articoli sportivi e telefoni cellulari. Nel dettaglio della spesa, tre consumatori su cinque dichiarano di voler spendere meno dello scorso anno per i regali natalizi. Il 95,1% dei consumatori stanziera' un budget non superiore ai 300 euro (era meno del 70% nel 2009). In particolare, aumentano coloro che contano di spendere meno di 100 euro (sono il 33,2% nel 2014 contro il 31,5% dello scorso anno) e diminuiscono quelli che spenderanno tra i 100 e i 300 euro (sono il 61,9% rispetto al 63,5% del 2013). Soltanto il 4,9% e' intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, piu' degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di eta' compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per persona per i regali di Natale si attesta a 171 euro, sostanzialmente in linea con il valore dello scorso anno ma il 40,7% in meno rispetto al 2009 (era pari a circa 289 euro). Questa stima restituisce la gravita' della crisi dei redditi e dei consumi anche nella metrica degli acquisti dei regali di Natale. Il 66% dei consumatori paghera' gli acquisti in contanti, il 25% tramite bancomat, il 9% con carta di credito. Sebbene rappresenti una ristrettissima minoranza, raddoppia la percentuale di consumatori che si trovera' costretta a chiedere un prestito per acquistare i regali natalizi (1,4%, erano lo 0,7% l'anno scorso). Nonostante tutto, insomma, regge la tradizione dei regali di Natale. L'85,2% degli italiani non rinuncera' agli acquisti natalizi (-0,6% sul 2013), soprattutto per i familiari piu' stretti (coniuge, figli, genitori, fratelli per il 57,7%), i parenti in generale (52%), i conoscenti (39%), se stessi (38,9%), gli amici (37,7%). I punti vendita della grande distribuzione (per il 63,7%) ed i negozi tradizionali (per il 54,9%) restano i canali principali per gli acquisti di Natale. In aumento la percentuale di italiani che acquistera' online (38% nel 2014, +7,9% rispetto al 2013), soprattutto giovani tra i 18 e i 34 anni, residenti nelle regioni del Nord, con titolo di studio medio/alto. Nella busta paga di oltre 30 milioni di italiani arriva la tredicesima ma per oltre la meta' (51 per cento) dovrà essere destinata al pagamento di tasse, mutui, rate e bollette, mentre solo il 26 per cento la usera' per i regali e il 23 per cento per il risparmio. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè in occasione dell'arrivo

25 delle tredicesime che porteranno circa 39 miliardi di euro aggiuntivi nelle busta paga di lavoratori dipendenti e pensionati, con un aumento dell'uno per cento rispetto allo scorso anno. L'arrivo della tredicesima - sottolinea la Coldiretti - anticipa quest'anno la scadenza del 16 dicembre nella quale si verifica un vero e proprio ingorgo fiscale con il pagamento tra l'altro d di Imu e Tasi e Tari mentre è prossimo il pagamento del canone rai. La tredicesima è dunque sostanzialmente già spesa per la maggioranza degli italiani che la ricevono ma - precisa la Coldiretti - c'è anche un 23 per cento che ha la possibilità e decide di metterla da parte per il futuro incerto. Il risultato - continua la Coldiretti - è che poco piu' di un italiano su quattro (26 per cento) la userà per lo shopping di Natale che si concentra proprio negli ultimi dieci giorni.

26 Confcommercio: Natale parsimonioso ma al regalo non si rinuncia: preferito il "tecnologico" Domenica 14 Dicembre 2014 CONSUMATORI Roma immagine qui per alineamento a destra - google_ad_section_start Confcommercio,in collaborazione con Format Research, ha realizzato un'indagine sugli acquisti e le intenzioni di spesa degli italiani per le prossime festività natalizie. Generi alimentari (73,3%) e giocattoli (51,6%) restano gli articoli più acquistati; in crescita i regali "elettronici" - smartphone (+3,5%), tablet (+1,4%), prodotti tecnologici in genere (+1,8%) - ma anche vino (+1,5%) ed elettrodomestici (+1,2%); in calo i prodotti per la cura della persona (-2,7%) e le calzature (-2,1%); tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (+1,7% rispetto al 2013). Soltanto il 4,9% è intenzionato a spendere oltre 300 euro. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il budget per gli acquisti natalizi, sono in prevalenza i giovanissimi (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, soprattutto residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per i regali si attesta a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in riduzione di oltre il 40% rispetto al 2009 (era di 289 euro circa); in aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013).

27 NATALE DA RISPARMIO, SENZA RINUNCIARE AI REGALI Questo Natale i risparmi non permetteranno di festeggiare in maniera spensierata, ma l 85,2% degli intervistati non rinuncia al regalo. I regali si acquistano soprattutto online, sono soprattutto generi alimentari per il 73,3%, ed i giocattoli e i dispositivi tecnologici come gli smartphone ed i tablet, sono i regali più impacchettati. È Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con Format Research che ha svolto l indagine sul Natale Ma cosa regaleranno gli italiani a Natale? Abbiamo già detto prodotti alimentari per il 73,3% e giocattoli per il 51,6%. Nuovi smartphone saranno acquistati dal +3,5%, ed i tablet salgono di +1,4%, e poi altri prodotti tecnologici in genere crescono dell 1,8%. Il vino subisce un incremento, dell 1,5% ed elettrodomestici +1,2%. Sono in diminuzione i prodotti per la cura della persona -2,7% e le calzature (-2,1%). Tre italiani su cinque hanno detto che spenderanno meno dello scorso anno per i regali. Il budget che verrà utilizzato non sarà maggiore di 300 euro. Gli italiani faranno i proprio acquisti nella grande distribuzione per il 63,7%, nei negozi tradizionali per il 54,9%. Aumenta la percentuale di italiani che acquisterà online, saranno il 38% nel 2014, +7,9% rispetto al Saranno i giovani tra i 18 e i 34 anni che vivono nelle regioni del Nord e che hanno titolo di studio medio/alto a fare gli acquisti online con carta bancomat per il 25%, in contanti per il 66%.

ECONOMIA NATALE, SPESA RIDOTTA PER SEI ITALIANI SU DIECI

ECONOMIA NATALE, SPESA RIDOTTA PER SEI ITALIANI SU DIECI ECONOMIA NATALE, SPESA RIDOTTA PER SEI ITALIANI SU DIECI Budget ridotto per gli under 34. Tagli su abbigliamento, calzature e viaggi. Ma Confesercenti è più ottimista. Meno spesa per la maggior parte degli

Dettagli

Natale, aumentano gli acquisti on line In cima generi alimentari e vestiario

Natale, aumentano gli acquisti on line In cima generi alimentari e vestiario Natale, aumentano gli acquisti on line In cima generi alimentari e vestiario Sabato 19 Dicembre alle 08:59 C'è chi la corsa sfrenata agli acquisti per i regali la eviterà volentieri e ovvierà grazie al

Dettagli

A NATALE 6 ITALIANI SU 10 RIDURRANNO LE SPESE: IN AUMENTO SPESA TECNOLOGICA

A NATALE 6 ITALIANI SU 10 RIDURRANNO LE SPESE: IN AUMENTO SPESA TECNOLOGICA A NATALE 6 ITALIANI SU 10 RIDURRANNO LE SPESE: IN AUMENTO SPESA TECNOLOGICA Sabato 7 Dicembre 2013 COMMERCIO Roma - Prodotti alimentari in cima alle preferenze d'acquisto per il prossimo Natale. Tre italiani

Dettagli

CONFCOMMERCIO: SI RIDUCE SPESA REGALI, MA FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE

CONFCOMMERCIO: SI RIDUCE SPESA REGALI, MA FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE CONFCOMMERCIO: SI RIDUCE SPESA REGALI, MA FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE Meno spesa per la maggior parte degli italiani, regali destinati principalmente ai parenti e prodotti alimentari in cima

Dettagli

Indagine Confcommercio-Format Ricerche NATALE, SI RIDUCE LA SPESA PER I REGALI. E FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE

Indagine Confcommercio-Format Ricerche NATALE, SI RIDUCE LA SPESA PER I REGALI. E FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE Indagine Confcommercio-Format Ricerche NATALE, SI RIDUCE LA SPESA PER I REGALI. E FRA I GIOVANI È BOOM DI ACQUISTI ON LINE 09 dicembre, ore 17:13 Roma%&%(Ign)%&%Quasi%6%italiani%su%10%intenzionati%a%spendere%complessivamente%meno%rispetto%allo%scorso%

Dettagli

PER QUESTO CAPODANNO CI SARÀ UNA REPLICA

PER QUESTO CAPODANNO CI SARÀ UNA REPLICA DOMENICA 29 DICEMBRE 2013 13:08 Le previsioni di Fipe-Confcommercio PER QUESTO CAPODANNO CI SARÀ UNA REPLICA di Elisabetta Tonni Anche per il Capodanno, come avvenuto per il Natale, gli italiani tenderanno

Dettagli

SALDI INVERNALI, CONFCOMMERCIO VEDE NERO

SALDI INVERNALI, CONFCOMMERCIO VEDE NERO SALDI, L'ALLARME DI CONFCOMMERCIO: SEMPRE MENO GLI ITALIANI CHE ACQUISTANO Suona la campanella dei saldi, da sabato in tutta Italia, ma non è più ressa come un tempo, colpa della crisi che ha svuotato

Dettagli

Le famiglie e le festività natalizie Monza e Lombardia

Le famiglie e le festività natalizie Monza e Lombardia Le famiglie e le festività natalizie Monza e Lombardia con il coordinamento scientifico di Metodologia e caratteristiche: il campione Somministrazione telefonica di un questionario a 900 responsabili degli

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

CONSUMI E VACANZE DI NATALE 2015 LE NOSTRE CONSIDERAZIONI

CONSUMI E VACANZE DI NATALE 2015 LE NOSTRE CONSIDERAZIONI CONSUMI E VACANZE DI NATALE 2015 Il 2015 si chiude con un Italia Migliore Per gli italiani nel 2015 il paese è migliorato DAL NATALE GLI ITALIANI VORREBBERO PIÙ GIUSTIZIA ED EQUITÀ: via privilegi ed abusi

Dettagli

CONSUMI E VACANZE DI NATALE 2015

CONSUMI E VACANZE DI NATALE 2015 CONSUMI E VACANZE DI NATALE 2015 L atteggiamento verso il Natale Rispetto allo scorso anno si aspetta che questo Natale sarà: uguale 57 46 48 59 peggiore 19 32 29 25 migliore 24 22 23 16 non sa- non risponde

Dettagli

Al via i saldi invernali 2015 in tutte le città italiane

Al via i saldi invernali 2015 in tutte le città italiane Al via i saldi invernali 2015 in tutte le città italiane Inviato da Massimiliano Volpe il Ven, 02/01/2015-09:24 Per gli amanti dello shopping è fissato per sabato 3 gennaio l'appuntamento con i saldi invernali,

Dettagli

AGLI ITALIANI PIACE TAROCCATO, CRESCE IL MERCATO DEI FALSI

AGLI ITALIANI PIACE TAROCCATO, CRESCE IL MERCATO DEI FALSI AGLI ITALIANI PIACE TAROCCATO, CRESCE IL MERCATO DEI FALSI SCRITTO DA ANDREA MARTIRE ON 04 NOVEMBRE 2013 Gli italiani rinunciano ai viaggi, ad andare al ristorante, ad investire nel mattone ma non alla

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Milano, 2 settembre 2011 COMUNICATO STAMPA La fiducia degli Italiani è in calo per il terzo mese consecutivo, mai così in basso da gennaio 2008. E lo stesso vale per la previsione sull andamento della

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

Indagine Gennaio 2016

Indagine Gennaio 2016 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Gennaio 2016 Dati rilevati nel mese di Dicembre 2015 Milano, 8 gennaio Comunicato

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 Roma, 16 ottobre 2013 - Sono sempre più numerose le famiglie che non riescono a far fronte alle spese

Dettagli

Il presente comunicato e i precedenti sono disponibili on-line: http://www.adhoccommunication.it Info.findomestic.it

Il presente comunicato e i precedenti sono disponibili on-line: http://www.adhoccommunication.it Info.findomestic.it Milano, 4 ottobre 2011 COMUNICATO STAMPA Quasi dimezzato, nell arco di soli 30 giorni, il numero di italiani che pensano di aumentare i propri risparmi nei prossimi 12 mesi. In calo anche la fiducia, che

Dettagli

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA Per le vendite al dettaglio complessive in Europa durante il periodo natalizio si prevede un aumento

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

INVASIONE DI FALSE BORSE GRIFFATE MA 1 SU 4 NON CI RINUNCIA

INVASIONE DI FALSE BORSE GRIFFATE MA 1 SU 4 NON CI RINUNCIA INVASIONE DI FALSE BORSE GRIFFATE MA 1 SU 4 NON CI RINUNCIA ROMA - Alla borsa griffata 'taroccata' non rinuncia un consumatore italiano su quattro. Emerge da un'indagine Confcommercio- Format. Oltre alle

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna dicembre 2013 1 SOMMARIO 1 LA DESCRIZIONE DEL PANEL... 3 2 L INDAGINE SULLE VENDITE NEL PERIODO NATALIZIO... 6

Dettagli

Indagine Confcommercio-Format su contraffazione e abusivismo

Indagine Confcommercio-Format su contraffazione e abusivismo Argomenti: Sala stampa Comunicati stampa Indagine Confcommercio-Format su contraffazione e abusivismo 188/15 Roma, 19.11.2015 Aumenta l'acquisto illegale di abbigliamento, calzature e pelletteria, mentre

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015 09/07/2015 Gazzetta di Modena Pagina 16 Saldi, una partenza col freno a mano: «Colpa del caldo» 1 09/07/2015 Il Resto del Carlino

Dettagli

Indagine Settembre 2015

Indagine Settembre 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Settembre 2015 Dati rilevati nel mese di Agosto 2015 Milano, 1 settembre Comunicato

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 di 3

COMUNICATO STAMPA. 1 di 3 1 di 3 COMUNICATO STAMPA Estate 2014, indagine Confesercenti-Swg: dopo la crisi, per un italiano su due sarà un estate di stagnazione. Torna a crescere (+6%) il numero di vacanzieri: saranno oltre 27 milioni

Dettagli

I trend dei consumi: ROPO guiderà gli acquisti natalizi degli italiani.

I trend dei consumi: ROPO guiderà gli acquisti natalizi degli italiani. Dicembre 2015-1 I trend dei consumi: ROPO guiderà gli acquisti natalizi degli italiani. L 85% dei consumatori quest anno acquisterà online parte dei suoi regali di Natale 1 La vasta disponibilità di prodotti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013) San Marino, 4 Novembre 2014 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2013) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 24 a cura del Gruppo GfK Italia GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 La consueta indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia, è stata realizzata da GfK Italia, su incarico

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna ottobre 2012 SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 1.1 La descrizione del campione... 1 2. L INDAGINE SULLE VENDITE PER

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014)

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014) San Marino, 2 Settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2014) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012) San Marino, 26 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2012) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine gennaio 2014 Dati rilevati nel mese di dicembre 2013 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le vacanze

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le vacanze OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e le vacanze Il Gazzettino, 12.07.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

Press Kit NATALE 2012

Press Kit NATALE 2012 Press Kit NATALE 2012 Press Kit LE TENDENZE PER IL NATALE 2012 EBAY PRESENTA I RISULTATI DELL INDAGINE TNS 1 DEDICATA AL NATALE 2012 Il Natale è da sempre un periodo cruciale per le famiglie italiane:

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

E UNA RIPRESA NEL 2015 ANCHE IN ITALIA SI SLOW INTERROMPE LA CADUTA DEL PIL

E UNA RIPRESA NEL 2015 ANCHE IN ITALIA SI SLOW INTERROMPE LA CADUTA DEL PIL E UNA RIPRESA SLOW NEL 2015 ANCHE IN ITALIA SI INTERROMPE LA CADUTA DEL PIL. GRAZIE ALLA DISCESA DEL PETROLIO, ALLA BCE E AI PRIMI INTERVENTI DEL GOVERNO UNA FINESTRA DI BUONE OPPORTUNITÀ QE IL DINAMISMO

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 760 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 10 Settembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 04 luglio 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 04 luglio 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 04 luglio 2014 03/07/2014 Emilianet 03/07/2014 Emilianet DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 04 luglio 2014 Dossier Confcommercio Modena Consumi a 0,7%, la speranza

Dettagli

Alla Conferenza Stampa erano presenti:

Alla Conferenza Stampa erano presenti: Alla Conferenza Stampa erano presenti: Edilizia e Territorio (Il Sole 24 ore) Agi Omniroma Uilweb.tv Sat 2000 (canale 801 del satellite) Tecnostrutture Il Diario del Lavoro (La notizia dovrebbe essere

Dettagli

RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI

RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI Abbiamo scelto di segnalare questa grande indagine nella Russia, per fornire delle informazioni che reputiamo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI L ESTATE 2013 DEI TEDESCHI Panorama Turismo Mare Italia è il centro ricerca specializzato sul turismo balneare di JFC INDICE

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2012 l 80% delle famiglie colpite direttamente dalla crisi, quasi il 90% dei nostri concittadini ha ridotto le spese

COMUNICATO STAMPA. Nel 2012 l 80% delle famiglie colpite direttamente dalla crisi, quasi il 90% dei nostri concittadini ha ridotto le spese Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA PROSPETTIVE 2013, SONDAGGIO CONFESERCENTI SWG: CRISI DI FIDUCIA, QUASI NOVE SU DIECI NON CREDONO IN UN MIGLIORAMENTO DELLA SITUAZIONE ECONOMICA ITALIANA. SEI SU DIECI VOGLIONO

Dettagli

Estate 2016: cresce la capacità di spesa prevista, ma meno Italiani (ed Europei) andranno in vacanza

Estate 2016: cresce la capacità di spesa prevista, ma meno Italiani (ed Europei) andranno in vacanza 18 Maggio 2016 Press release Estate 2016: cresce la capacità di spesa prevista, ma meno Italiani (ed Europei) andranno in vacanza 16 edizione del barometro Vacanze Europ Assistance - Ipsos Cresce considerevolmente

Dettagli

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 Sintesi della ricerca L Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 è un progetto del Centro Einaudi e di

Dettagli

Campobasso - 10 giugno 2014 - Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso - 10 giugno 2014 - Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 1 giugno 214 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Andamento dei prestiti bancari a dicembre 213 (variazioni, dati corretti per le cartolarizzazioni) totale imprese famiglie Italia

Dettagli

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Secondo recenti indagini i conti correnti italiani sono tra i più cari d Europa, con costi di gestione

Dettagli

Le pillole di. TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani. (maggio 2014) Ufficio studi. Notizie, commenti, istruzioni ed altro

Le pillole di. TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani. (maggio 2014) Ufficio studi. Notizie, commenti, istruzioni ed altro Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani (maggio 2014) Ufficio studi a cura di : Luciano Sbraga Giulia R. Erba PREMESSA La rilevazione

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014 Risultati di sintesi 2 Rilevazione Saldi invernali 2014 - I risultati Panel e note metodologiche Altri beni persona 9% Altre merceologie 6% Calzature 14% Abbigliamento

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671 Format-Confcommercio: il web cambia gli acquisti, anche quelli tradizionali Il web chiama al cambiamento anche i negozi tradizionali, che dovranno imparare a coinvolgere i clienti creando una esperienza

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA SPESE NATALE 2012, SONDAGGIO CONFESERCENTI SWG: LA SPERANZA CONTRO LA CRISI E L INCOGNITA DEL FUTURO, DONNE PIÙ OTTIMISTE DEGLI UOMINI EFFETTO NATALE RIDOTTO: A DICEMBRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Roma, 22 luglio 2005. Ufficio Stampa

COMUNICATO STAMPA. Roma, 22 luglio 2005. Ufficio Stampa Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA TURISMO: SONDAGGIO SWG-CONFESERCENTI; LA CRISI ECONOMICA FA PIU PAURA DEL TERRORISMO. 2 MILIONI DI PERSONE E 3 MILIARDI DI EURO IN MENO PER L ESTATE 2005. VACANZE PIU BREVI,

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

Commercio con l estero e consumi in Italia

Commercio con l estero e consumi in Italia Commercio con l estero e consumi in Italia Secondo i dati presenti nella banca dati Coeweb (Istat), l import/export nazionale di Piante vive e prodotti della floricoltura (escluse le merci al di sotto

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

INDAGINE SUI CONSUMI FAMIGLIE SAMMARINESI E LO STILE DI VITA DELLE (ANNO DI RIFERIMENTO 2011)

INDAGINE SUI CONSUMI FAMIGLIE SAMMARINESI E LO STILE DI VITA DELLE (ANNO DI RIFERIMENTO 2011) REPUBBLICA DI SAN MARINO UFFICIO INFORMATICA, TECNOLOGIA, DATI E STATISTICA INDAGINE SUI CONSUMI E LO STILE DI VITA DELLE FAMIGLIE SAMMARINESI (ANNO DI RIFERIMENTO 2011) 1 Indagine sui consumi e lo stile

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 3 bollettino mensile Marzo 2011 Aprile 2011 A cura di Storia

Dettagli