Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Gestione del Rischio da Movimentazione Pazienti : Misure di Prevenzione & Obiettivi di Miglioramento L IDONEITÀ DEGLI ADDETTI ALL ASSISTENZA ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI Silvia Cairoli

2 Verifica efficacia Valutazione rischio Interventi strutturali? Strategie preventive condivise Procedura di scelta attrezzature A lungo termine Formazione addestramento operatori Dotazione di attrezzature adeguate

3 PAL SANITA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI (MMP) REGIONE LOMBARDIA PROGETTO OBIETTIVO Interventi operativi per la promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro in Lombardia per il triennio Struttura delle Informazioni RMI_A Valutazione del rischio RMI_B Sorveglianza Sanitaria RMI_C Informazione Formazione RMI_D Organizzazione c

4 PAL SANITA : MMP numero TOTALE ESPOSTI PER RISCHIO SPECIFICO PROTOCOLLO DI SS MIRATO AL RISCHIO ( ed applicazione delle indicazione delle Linee Guida Regionali per attuazione del D.Lgs. 626/94 ) IDONEITÀ con LIMITAZIONI SPECIFICHE per rischio da MMP ASSENTEISMO : Indicare la tipologia del dato (infortuni, malattie o entrambi) RMI_B Sorveglianza Sanitaria

5 PAL SANITA : MMP VARIABILI DANNO INCIDENZA LOMBALGIA ACUTA : DEFINIZIONE Lombalgia Acuta "Vera" INCIDENZA LOMBALGIA CRONICA : criteri adottati per definire una lombalgia come cronica l INCIDENZA PATOLOGIE APPARATO LOCOMOTORE: patologie degenerative del rachide (suddivise per distretto) to) e della spalla solo se documentate strumentalmente MALATTIE PROFESSIONALI: denunce patologie apparato muscoloscheletrico degli ultimi tre anni RMI_B Sorveglianza Sanitaria

6 PAL SANITA : MMP VARIABILI DANNO LOMBALGIA ACUTA "VERA" "presenza di dolore lombare con o senza irradiazione che ha costretto il soggetto all'immobilità e durato almeno due giorni o uno se con assunzione di farmaci PERCHE LOMBALGIE ACUTE? DIMOSTRATA CAPACITA DI STIMOLAZIONE DOLOROSA, A LIVELLO DEL RACHIDE LOMBARE, IN RAPPORTO AL SOVRACCARICO BIOMECCANICO RMI_B Sorveglianza Sanitaria (RADWIN, YASSI, EPM)

7 MMP-SORVEGLIANZA SANITARIA- ELABORAZIONE INFORMAZIONI- DATI QUALITATIVI DISPONIBILITA' DATI SU MSD COME MAL.PROF SEGNALATE DISPONIBILITA' DATI INCIDENZA PATOLOGIE MSD DISPONIBILITA' STIME SU RICORSO A VISITE ESAMI COMPLEMENTARI VALUTATA INCIDENZA LOMBALGIA CRONICA si (%)- tutti si (%)- rsa FORNISCE DATI LOMBALGIA ACUTA VALUTATA INCIDENZA LOMBALGIA ACUTA si (%)- presidi DISPONIBILITA' DATI ASSENZE PER MSD PREVALENZA (%) POSITIVI

8 LIVELLO DI ESPOSIZIONE E PREVISIONE DI PATOLOGIE % PAT. LOMBARI PARI A 5,6 VOLTE SUPERIORE % PAT. LOMBARI PARI A 2,4 VOLTE SUPERIORE PAT. LOMBARI SOVRAPPONIBILI A POPOLAZIONE DI NON ESPOSTI (N.E=1-4.6%) 2 STUDI DI ASSOCIAZIONE RISCHIO/DANNO CON SOSTANZIALE CONFERMA DEL GRADO DI ASSOCIAZIONE (400 reparti e 6000 esposti)

9 STUDI MULTICENTRICI EPM 1999 E 2002 CONCLUSIONI l Riscontrate problematiche comuni quali: l alte prevalenze di lombalgie acute ( 4 volte le l popolazioni di riferimento) (N.E 2,3%) il fenomeno è più presente nei reparti di riabilitazione, geriatrici e nelle RSA l La percentuale di soggetti portatori di inidoneità alla movimentazione di carichi è stata stimata all 8%: 12% RSA 6,3% ospedali

10 MYERS AND SILVERSTEIN Studio prospettico 18 mesi in Assistenti Infermieristici di Nursing home Infortuni Elevata incidenza combinata di: SPALLA RACHIDE LOMBARE

11 ESPERIENZA IN REGIONE LIGURIA SCREENING SESSO TOTALE SOGGETTI INTERVISTATI TOTALE SOGGETTI ESPOSTI % ETA MEDIA DANNO ANZIANITA MEDIA REPARTO ATTUALE ANZIANITA MEDIA PROFILO REPARTI M ,9 42,9 8,5 15,4 F ,1 42,2 8,2 15,0 TOTALE ,0 42,3 8,4 15,3

12 MEDIA DEI GIORNI DI ASSENZA PER MALATTIA NEI SOGGETTI INTERVISTATI SESSO DISTURBI ARTI SUPERIORI DISTURBIRA CHIDE LOMBALGIA ACUTA DISTURBI MUSCOLO- SCHELETRICI ASSENZE TOTALI MALATTIA % M 1,1 1,9 0,9 3 8,7 34,8 F 0,9 2,8 1,0 3,7 10,6 34,5 TOTALE GIORNI DI ASSENZA PER MALATTIA NEI SOGGETTI INTERVISTATI SESSO DISTURBI ARTI SUPERIORI DISTURBI RACHIDE LOMBALGIA ACUTA DISTURBI MUSCOLO- SCHELETRICI ASSENZE TOTALI MALATTIA N % ESPERIENZA IN REGIONE LIGURIA

13 Giorni di assenza Per L.A Per DMS % 34.4%

14 Giorni di assenza per DMS % 20784

15 COSTI DELLA MANCATA PREVENZIONE: ESPERIENZA DI RSA NORD ITALIA 2010 COSTO DEL PERSONALE : Lavoratori con limitazioni / prescrizioni LBP sul totale dei dipendenti pari al ~ 75% del bilancio totale (80 milioni ) costo medio per dipendente LIMITAZIONI/PRESCRIZIONI: 80% PER LBP 300 x % persone = che lavorano meno /anno di quanto serve all azienda 300 persone insoddisfatte del proprio lavoro 300 persone da recuperare duecento milioni ~ età media dei nostri dipendenti: 45 anni anzianità media dei nostri dipendenti: 22 anni 18 anni a fine rapporto 15

16 La collaborazione del MC alla valutazione del rischio Valutazione del rischio D.Lgs 81/08 SORVEGLIANZA SANITARIA MIGLIORE Gestione dei soggetti con ridotte capacità lavorative

17 QUALI STRUMENTI PER IL MC Gestione dei soggetti con ridotte capacità lavorative COME LEGGERE ED INTERPRETARE LA SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO QUALI ASPETTI/PARAMETRI CI SAREBBERO ULTERIORMENTE UTILI??? COSA SI ASPETTA IL SERVIZIO del PERSONALE E COORDINATORI DI REPARTO PER RIUSCIRE A GESTIRE??? UOOML CEMOC -

18 I DETERMINANTI FONDAMENTALI DEL RISCHIO SPECIFICO Presenza operatori nei turni Cosa determina un aumento del sovraccarico biomeccanico Mancato utilizzo RAPPORTO NUMERICO PAZIENTI/OPERATORI ASSENZA/CARENZA AUSILI INADEGUATA FORMAZIONE SPECIFICA INADEGUATEZZA ARREDI/AMBIENTE UOOML CEMOC -

19 STRUMENTI PER IL MC: 2) L INTERPRETAZIONE DELLE MOVIMENTAZIONI COMPITI DI MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI: MOVIMENTAZIONE MANUALE: descrivere i compiti che Spostamento Parziale (SP) Sollevamento totale (ST) comportano sollevamento totale o parziale dei pazienti MA CON MODALITA GESTUALI SENZA ATTREZZATURE SCORRETTE Indicare per ogni turno la quantità di compiti che prevedono mattino pomeriggio notte mattino pomeriggio notte operazioni di movimentazione manuale dei pazienti A B C D E F sollevamento verso il cuscino rotazioni nel letto (per cambio decubito) letto degenza/carrozzina e viceversa sollevamento da seduto a stazione eretta letto degenza/barella e viceversa carrozzina/wc e viceversa sollevamento tronco altro ELEVATO SOVRACCARICO BIOMECCANICO RACHIDE LOMBARE (PICCO) ALTO SOVRACCARICO BIOMECCANICO RACHIDE LOMBARE MEDIO SOVRACCARICO BIOMECC. RACHIDE LOMBARE ACCETTABILE SOVRACCARICO BIOM. RACHIDE LOMBARE IL SOVRACCARICO BIOMECCANICO (MARRAS JAEGER)

20 MOVIMENTAZIONE AUSILIATA: descrivere i compiti in cui il sollevamento totale o parziale dei pazienti è ausiliato dalle attrezzature presenti MANCA FORMAZIONE ADEGUATA E PERMANENTE Indicare per ogni turno la quantità di compiti che prevedono operazioni di movimentazione AUSILIATA dei pazienti Sollevamento totale (ST) AUSILIATO (SOLLEVATORE LETTO) ma permangono modalità mattino scorrette pomeriggio notte te IL SOVRACCARICO altro BIOMECCANICO (MARRAS JAEGER) Spostamento Parziale (SP) AUSILIATO ma permangono mattino modalità scorrette pomeriggio notte G H I L M N sollevamento verso il cuscino rotazioni nel letto (per cambio decubito) x letto degenza/carrozzina e viceversa sollevamento da seduto a stazione eretta letto degenza/barella e viceversa carrozzina/wc e viceversa altro altro MOVIMENTAZIONE AUSILIATA: descrivere i compiti in cui il sollevamento totale o parziale dei pazienti è ausiliato dalle OPERAZIONI MMPz attrezzature presenti SEMPRE AUSILIATE + FORMAZIONE PERMANENTE Indicare per ogni turno la quantità di compiti che prevedono operazioni di movimentazione AUSILIATA dei pazienti Sollevamento totale (ST) AUSILIATO (SOLLEVATORE LETTO A MINORI) ma CON mattino FORMAZIONE pomeriggio notte te Spostamento Parziale (SP) AUSILIATO ma CON FORMAZIONE mattino pomeriggio notte G H I L M N sollevamento verso il cuscino rotazioni nel letto (per cambio decubito) x letto degenza/carrozzina e viceversa sollevamento da seduto a stazione eretta letto degenza/barella e viceversa carrozzina/wc e viceversa altro

21 Non idoneità a MMP (un anno ) Idoneo alle sole operazione ausiliate; Riabilitazione e formazione No sollevamento tot e/o parz senza attrezzature, No notte (elevata frequenza soll. verso cuscino non ausiliati) e controllo ad un anno Idoneo, verifica formazione, disponibilità ausilii no sollevamento totale Idoneo, verifica formazione, disponibilità ausilii

22 RUOLI E PROCESSO DI GESTIONE DIRETTORE, RSPP, Rls MEDICO COMPETENTE Gestione dei soggetti con ridotte capacità lavorative UFFICIO PERSONALE COORDINAMENTO LAVORATORI FORMATORI

23 PROSSIMI APPUNTAMENTI FORMATIVI UTILI ALLA GESTIONE DEL DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI CORSO DI FORMAZIONE PER INTERPRETAZIONE DEL RISCHIO SPECIFICO, E GESTIONE AZIENDALE DELLA COLLOCAZIONE LAVORATIVA giornata Prima giornata: IL RACHIDE 26 MARZO 2013 Seconda giornata: ARTI SUPERIORI 21 MAGGIO 2013 Presentazione seminariale 3 DICEMBRE 2013 partecipanti Medici del Lavoro e Medici Competenti dell area sanitaria ASL MILANO 1 E 2 ALTRE ASL SEMINARIO 3 DICEMBRE 2013: Esperienze di gestione aziendale di collocazione lavorativa complesse Medici del Lavoro e Medici Competenti dell area sanitaria, ed è aperto anche alle figure coinvolte nella gestione del personale. ISCRIZIONI

24 U.O. CEMOC - EPM Dipartimento di di Medicina Preventiva e del Lavoro Clinica del Lavoro -MILANO PER INFORMAZIONE CORSI/SEMINARI: Segreteria Miria Belviso Olga Menoni Silvia Cairoli

25

26 . APPROCCIO DORTMUND (JAGER) N.B.: SOLLEVAMENTI EFFETTUATI DA 1 OPERATORE Attività analizzata Sollevamento tronco paziente da supino a seduto sul letto (o viceversa) Da sdraiato a seduto sul bordo del letto Sollevamento pz verso il cuscino (infermiere lungo il bordo del letto) Sollevamento pz verso il cuscino (infermiere alla testa del letto) Muovere il paziente verso il bordo del letto Forze compressive medie (range) scorrette corrette Corrette+ausili 340 kg ( ) 500 kg ( ) 690 kg ( ) 570 kg ( ) 490 kg ( ) 230 kg ( ) 270 kg ( ) 410 kg ( ) 250 kg ( ) 260 kg ( ) ////////// ////////// 280 kg ( ) 240 kg ( ) 190 kg ( ) Livello di rischio Paziente PC completamente cooperante Tecnica corretta + paziente PC In tutti gli altri casi Tecnica corretta + paziente PC In tutti gli altri casi Tecnica corretta + ausili minori con paziente PC In tutti gli altri casi Tecnica corretta o ausili minori o paziente PC Paz PC + ausili minori Paz PC + tecnica corretta In tutti gli altri casi UOOML CEMOC -

27 . APPROCCIO DORTMUND (JAGER) A MMP Sollevare 1 gamba di pz supino (infermiere lungo il bordo del letto) Sollevare la testata del letto con paziente Trasferimento da seduto sul letto a sedia Sollevamento da seduto a stazione eretta o viceversa 280 kg ( ) 430 kg ( ) 510 kg ( ) 490 kg ( ) ////////// ////////// In tutti i casi 410 kg ( ) 370 kg ( ) 250 kg ( ) ////////// 310 kg ( ) ////////// Trasferimento da letto a barella ////////// ////////// 240 kg ( ) Tecnica corretta+ pz PC completamente cooperante In tutti gli altri casi Paz PC completamente cooperante di max 70 kg + ausili minori Tecniche corrette o ausili minori In tutti gli altri casi Paz PC completamente cooperante di max 70 kg + ausili minori e tecniche corrette In tutti gli altri casi Paz PC + ausili minori (NON ANALIZZATI COMPITI DI MOVIMENTAZIONE CON PAZIENTI NC poiché SEMPRE AD ALTO RISCHIO) UOOML CEMOC -

Prevenzione nel settore sanità: esperienze della UOOML CEMOC di Milano

Prevenzione nel settore sanità: esperienze della UOOML CEMOC di Milano Prevenzione nel settore sanità: esperienze della UOOML CEMOC di Milano OLGA MENONI UOOML CEMOC Fondazione IRCCS Cà Granda Principale Obiettivo Prevenzione WMSDs e gestione dei soggetti patologici UOOML

Dettagli

La Movimentazione Manuale Di Pazienti: Valutazione E Gestione Del Rischio per gli Addetti All assistenza In RSA OLGA MENONI UOOML CEMOC Fondazione IRCCS Cà Granda REPARTI: MAPO INDEX Da 0,5 a 4 RAPPORTO

Dettagli

RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI

RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI Chi Siamo? RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI Siamo dipendenti pubblici che lavorano nella Fondazione Ca Granda Ospedale Policlinico di Milano in Clinica del Lavoro Dipartimento di Medicina

Dettagli

ESERCITAZIONE SULL APPLICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO IN REPARTO DI DEGENZA

ESERCITAZIONE SULL APPLICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO IN REPARTO DI DEGENZA U.O. CEMOC - EPM Dipartimento di di Medicina Preventiva e del Lavoro Clinica del Lavoro - VIA SAN BARNABA,8 - MILANO epmsegreteria@tiscali.it Tel Tel 02 0250320156 Fax Fax 02 025032 0150 epmospedali@tiscali.it

Dettagli

SCHEDA COMPLETA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI REPARTI DI DEGENZA (ISTITUTI GERIATRICI E RSA) 1.

SCHEDA COMPLETA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI REPARTI DI DEGENZA (ISTITUTI GERIATRICI E RSA) 1. SCHEDA COMPLETA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI REPARTI DI DEGENZA (ISTITUTI GERIATRICI E RSA) 1. COLLOQUIO DATI AZIENDALI RESIDENZA: REPARTO: CODICE REPARTO : NUMERO

Dettagli

Esperienze di di intervento partecipato e definizione di di buone pratiche per la prevenzione dei dei WMSDs nella lavorazione del Parmigiano-Reggiano

Esperienze di di intervento partecipato e definizione di di buone pratiche per la prevenzione dei dei WMSDs nella lavorazione del Parmigiano-Reggiano DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Gruppo Caseifici di Area Vasta delle Province di Reggio Emilia, Modena, Parma e Piacenza Quarto Seminario Internazionale La prevenzione e gestione del rischio da sovraccarico

Dettagli

SCHEDA COMPLETA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI REPARTI DI DEGENZA 1. COLLOQUIO DATI AZIENDALI

SCHEDA COMPLETA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI REPARTI DI DEGENZA 1. COLLOQUIO DATI AZIENDALI SCHEDA COMPLETA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI REPARTI DI DEGENZA 1. COLLOQUIO DATI AZIENDALI OSPEDALE : REPARTO : CODICE REPARTO : NUMERO LETTI : NUMERO MEDIO GIORNI

Dettagli

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno.

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno. MEDICINA del LAVORO AZIENDALE Struttura di Staff alla DIREZIONE GENERALE Sede Istituzionale : via Nizza 146 Salerno, via G. Falcone 50 Nocera Inferiore Sede Operativa: D.E.A. III livello - P.O. Umberto

Dettagli

La movimentazione dei pazienti

La movimentazione dei pazienti La movimentazione dei pazienti INCIDENZA DI LBP NEI REPARTI FATTORI CHE DETERMINANO POSTURE INCONGRUE PAZIENTI NON AUTOSUFFICIENTI DIMINUIRE I CARICHI DISCALI Attrezzature da lavoro e uso delle stesse

Dettagli

MMP Approccio sistemico alla gestione del rischio in Azienda: uno studio pilota

MMP Approccio sistemico alla gestione del rischio in Azienda: uno studio pilota MMP Approccio sistemico alla gestione del rischio in Azienda: uno studio pilota Nucleo Operativo per la Tutela della Salute e della Sicurezza in Azienda Dr.ssa Rosanna Fortuna Background 1. Il problema

Dettagli

Osservazioni sui dati delle idoneità lavorative dei dipendenti del Comprensorio Cesenate dell A.U.S.L. della Romagna

Osservazioni sui dati delle idoneità lavorative dei dipendenti del Comprensorio Cesenate dell A.U.S.L. della Romagna Osservazioni sui dati delle idoneità lavorative dei dipendenti del Comprensorio Cesenate dell A.U.S.L. della Romagna Dottor Sirri Andrea Cesena 5 dicembre 2014 Numero di lavoratori occupati al 31/12/2013

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA. Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA. Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione PREMESSA LA PROBLEMATICA IN DISCUSSIONE NELL INCONTRO E

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI IN AMBITO SANITARIO OLGA MENONI

LA GESTIONE DEL RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI IN AMBITO SANITARIO OLGA MENONI LA GESTIONE DEL RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI IN AMBITO SANITARIO OLGA MENONI epmospedali@tiscali.it GLI ATTORI DEL PROCESSO DI GESTIONE DIRETTORE GENERALE RSPP, Rls MEDICO COMPETENTE LA GESTIONE

Dettagli

CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani

CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani I disturbi al rachide costituiscono in tutto il mondo la principale causa di assenze dal lavoro, ripercuotendosi in elevatissimi costi sociali. Il

Dettagli

DATI GENERALI DEL CAMPIONE. I risultati della Ricerca. Intervistati per Regione 18/04/2014. UOC Medicina del Lavoro: Battevi Natale

DATI GENERALI DEL CAMPIONE. I risultati della Ricerca. Intervistati per Regione 18/04/2014. UOC Medicina del Lavoro: Battevi Natale I risultati della Ricerca DATI GENERALI DEL CAMPIONE UOC Medicina del Lavoro: Battevi Natale REGIONE Intervistati per Regione Questionari Previsti Questionari Raccolti FRIULI 150 405 270 TOSCANA 300 342

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

1. COLLOQUIO. Nº OPERATORI CHE EFFETTUANO MMP: segnare il numero complessivo di operatori per ogni profili professionale.

1. COLLOQUIO. Nº OPERATORI CHE EFFETTUANO MMP: segnare il numero complessivo di operatori per ogni profili professionale. SCHEDA COMPLETA PER LA RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE PAZIENTI NEI SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO OSPEDALE : PRONTO SOCCORSO : Codice 1. COLLOQUIO data Nº OPERATORI CHE EFFETTUANO MMP: segnare

Dettagli

LAVORO PROLUNGATO E WMSDs

LAVORO PROLUNGATO E WMSDs LAVORO PROLUNGATO E WMSDs Dott.ssa Rossella Marchi Milano, 24 febbraio 2010 Crisi strutturale dei sistemi sanitari nei paesi industrializzati Crescita esponenziale della spesa sanitaria Andamento demografico

Dettagli

DA UNA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE AD UNA GESTIONE CONDIVISA DEL RISCHIO. Dott. Giuseppe Sergi AUSL Piacenza

DA UNA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE AD UNA GESTIONE CONDIVISA DEL RISCHIO. Dott. Giuseppe Sergi AUSL Piacenza DA UNA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE AD UNA GESTIONE CONDIVISA DEL RISCHIO Dott. Giuseppe Sergi AUSL Piacenza DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE Donna di 40 anni, peso 56 kg, altezza 164 cm Mansione

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME MODELLO DI PROCEDURA DI COLLOCAZIONI LAVORATIVE COMPLESSE: l esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME MODELLO DI PROCEDURA DI COLLOCAZIONI LAVORATIVE COMPLESSE: l esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME MODELLO DI PROCEDURA DI COLLOCAZIONI LAVORATIVE COMPLESSE: l esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Silvia Fiorio Medico Competente Ospedale G. Fracastoro

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

Movimentazione manuale dei pazienti nelle strutture sanitarie: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione Como 27 maggio 2016

Movimentazione manuale dei pazienti nelle strutture sanitarie: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione Como 27 maggio 2016 Movimentazione manuale dei pazienti ne: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione Como 27 maggio 2016 ATS Città Metropolitana di Milano Medico del Lavoro Roberto Dighera 2 le strutture sanitarie

Dettagli

Percorsi formativi Anno 2012. Unità di Ricerca EPM Ergonomia della Postura e del Movimento

Percorsi formativi Anno 2012. Unità di Ricerca EPM Ergonomia della Postura e del Movimento La prevenzione e la gestione dei rischi da sovraccarico biomeccanico e da stress correlato al lavoro. Valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria e progettazione ergonomica Percorsi formativi Anno 2012

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni Rev. 0 del 22/10/2010 Ravenna/Lugo/Faenza Aprile/Maggio 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI: l esperienza di Anni Azzurri

FORMAZIONE DEI FORMATORI: l esperienza di Anni Azzurri FORMAZIONE DEI FORMATORI: l esperienza di Anni Azzurri Aula Magna Mangiagalli - 13.03.2013 Relatore: Enrico Rinaldi, Responsabile Sicurezza Gruppo KOS premessa Residenze Anni Azzurri è una società che

Dettagli

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte Dati e prospettive Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE LAVORATIVA Nei prossimi anni si prevede un invecchiamento della popolazione

Dettagli

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO Nelle pause di lavoro (ufficiali e non) evitare di rimanere seduti e di impegnare la vista (es. leggendo il giornale o navigando su Internet) Art.175 D.Lgs.81 - Pause stabilite

Dettagli

QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE

QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE QUESTIONARIO ANAMNESTICO DELLE PATOLOGIE DEGLI ARTI SUPERIORI E DEL RACHIDE Prima parte Data di compilazione Azienda Reparto Mansione Cognome Nome Data di nascita età sesso Anzianità mansione Anzianità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO MOVIMENTAZIONE ED ASSISTENZA PAZIENTI OSPEDALIZZATI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO MOVIMENTAZIONE ED ASSISTENZA PAZIENTI OSPEDALIZZATI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO MOVIMENTAZIONE ED ASSISTENZA PAZIENTI OSPEDALIZZATI Azienda Sede BLUCAR COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via Diaz 18 Datore di lavoro Rossi Paolo Responsabile Servizio

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DI PAZIENTI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DI PAZIENTI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DI PAZIENTI L indice MAPO non è ancora perfettamente validato ma può fornire importanti indicazioni sia per indirizzare le iniziative di prevenzione, nelle

Dettagli

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi)

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi) La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi). L argomento della patologia da sovraccarico biomeccanico lavorativo

Dettagli

Il Medico competente e la Valutazione del rischio da Movimentazione carichi

Il Medico competente e la Valutazione del rischio da Movimentazione carichi Il Medico competente e la Valutazione del rischio da Movimentazione carichi Pisa, 5 Novembre 2010 Dott. Giovanni Guglielmi U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero - Universitaria Pisana

Dettagli

Compiti e obblighi del Medico Competente

Compiti e obblighi del Medico Competente DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA AREA DIPARTIMENTALE MONTAGNA U.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Il ruolo degli RLS nella prevenzione dei rischi di natura ergonomica e da sovraccarico

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Nicola Magnavita Istituto di Medicina del Lavoro, UCSC, Roma

Nicola Magnavita Istituto di Medicina del Lavoro, UCSC, Roma Nicola Magnavita Istituto di Medicina del Lavoro, UCSC, Roma Finalità Questo studio indaga le relazioni tra caratteristiche individuali, fattori di rischio professionali fisici e psicosociali e disturbi

Dettagli

L ambiente come elemento di rischio

L ambiente come elemento di rischio 13 marzo 2013 L ambiente come elemento di rischio Giorgio Zecchi Servizio PSAL Azienda USL di Reggio Emilia L ambiente come elemento di rischio - postazioni di lavoro non ergonomiche - spazi liberi di

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

La Gestione del Rischio da Movimentazione Manuale di Pazienti:

La Gestione del Rischio da Movimentazione Manuale di Pazienti: La Gestione del Rischio da Movimentazione Manuale di Pazienti: confronto internazionale di idee per soluzioni ergonomiche L esperienza UNEBA nella gestione del Rischio da Movimentazione Pazienti in RSA

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 La tutela della salute negli ambienti di lavoro La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Art. 18. Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

MOVIMENTO E BENESSERE

MOVIMENTO E BENESSERE Corso di aggiornamento 2011-2012 MOVIMENTO E BENESSERE I fisioterapisti della S.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Direttore ff Dott. Franzè Franco In collaborazione con Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

USL 3 PISTOIA Dipartimento della Prevenzione e USL 10 FIRENZE Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Centro Paese

USL 3 PISTOIA Dipartimento della Prevenzione e USL 10 FIRENZE Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Centro Paese Allegato B Modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZONE A POLVERI DI FARINA NEL COMPARTO PANIFICATORI TITOLO DELLA SOLUZIONE MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi CORSO DI FORMAZIONE La valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate La movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI e allegato XXXIII DLgs 81/2008) Rovigo. 19 aprile 2013 Dott.ssa Valeria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Definizione Azioni od operazioni comprendenti, non solo quelle

Dettagli

Idoneità al lavoro e valutazioni medico-legali. Nicola Magnavita

Idoneità al lavoro e valutazioni medico-legali. Nicola Magnavita Idoneità al lavoro e valutazioni medico-legali Nicola Magnavita Visite mediche Sono obbligatorie (D. Lgs 626/94) per tutti i lavoratori che effettuano abitualmente movimentazione di carichi Il carico

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Associazione VIDAS Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Giada Lonati Direttore Sociosanitario Giorgio Trojsi Segretario Generale 9 marzo 2015 VIDAS: Volontari Italiani Domiciliari Assistenza

Dettagli

Prevenzione nel settore della sanità: esperienze del Servizio PSAL

Prevenzione nel settore della sanità: esperienze del Servizio PSAL Prevenzione nel settore della sanità: esperienze del Servizio PSAL Milano, 6 novembre 2012 Intervento a cura di: Dip. Prev. Medico S.c. P.S.A.L. Progetto ospedali 2000-2001 La filosofia: affrontare temi

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: MOVIMENTAZIONE DEL PAZIENTE PER MEZZO DEGLI AUSILI MANUALI

GESTIONE IN SICUREZZA: MOVIMENTAZIONE DEL PAZIENTE PER MEZZO DEGLI AUSILI MANUALI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

a cura di ENRICO OCCHIPINTI

a cura di ENRICO OCCHIPINTI INTRODUZIONE AL SEMINARIO Idoneità per i lavoratori esposti a sovraccarico biomeccanico del rachide : il punto di vista dell'epm a cura di ENRICO OCCHIPINTI Unità di ricerca epm Ergonomia della Postura

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4

1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4 2. INFORMAZIONI PRELIMINARI... 5 2.1 ANAGRAFICA AZIENDALE... 5 2.2 DESCRIZIONE DELL ATTIVITA... 6 2.3 DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DEGLI

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE

SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ed ATTIVITA DISTRETTUALI I quadri sono stati eseguiti dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari e donati all

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE ATTIVITA LAVORATIVA ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE PUNTO DI PARTENZA Decreto legislativo 81 del 2008: Articolo 41: Nei casi ed alle condizioni previste dall ordinamento

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Il percorso riabilitativo del paziente ortopedico operato agli arti inferiori: utilizzo di una nuova scheda di valutazione.

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

CORSI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO FORMATORI PER LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI

CORSI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO FORMATORI PER LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI IPASVI Viterbo Regione Lazio Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Azienda Sanitaria Locale Viterbo CORSI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO FORMATORI PER LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI

Dettagli

PROGETTO VIBRISKS. Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca

PROGETTO VIBRISKS. Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca VIBRAZIONI E MALATTIE MUSCOLO SCHELETRICHE PROGETTO VIBRISKS Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca I disturbi muscolo scheletrici da sovraccarico biomeccanico si sviluppano quando le forze carichi ) che

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

RICERCA DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

RICERCA DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA Argomenti Salute e Sicurezza 6/14: ricerca disturbi nei lavoratori della GDO - ASL su rischi emergenti nel commercio - responsabilità datore di lavoro in caso di malattie professionali - motivazioni reintegro

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO - 2 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO - 2 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO PATOLOGIE DELL ARTO SUPERIORE DA TRAUMA CUMULATIVO IN ADDETTI A MOVIMENTI RIPETITIVI DI UNA LAVANDERIA INDUSTRIALE E DI UN AZIENDA DI STAMPAGGIO DI MATERIE PLASTICHE PREMESSA I disturbi a carico dell apparato

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi SEDE Ospedale di Ivrea (Asl TO 4) Piazza della Credenza Primo piano Blocco B ORGANICO PER TURNO Mattino(6-14): 4

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI. Ing. M. Giammarino

RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI. Ing. M. Giammarino RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Ing. M. Giammarino DECRETO LEGISLATIVO N.81 DEL 9 APRILE 2008 Titolo VI Movimentazione manuale carichi Movimentazione manuale carichi Operazioni di

Dettagli

CORSO PRECONGRESSUALE: LA SORVERGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Seconda Parte Firenze mercoledì 25 novembre 2009

CORSO PRECONGRESSUALE: LA SORVERGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Seconda Parte Firenze mercoledì 25 novembre 2009 70 Congresso Nazionale SIMLII Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale CORSO PRECONGRESSUALE: LA SORVERGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Seconda Parte Firenze mercoledì 25 novembre 2009

Dettagli

IL METODO MAPO PER L ANALISI E LA PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI

IL METODO MAPO PER L ANALISI E LA PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI Salute e lavoro Collana fondata da A. Grieco e diretta da E. Occhipinti IL METODO MAPO PER L ANALISI E LA PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI Manuale pratico per la raccolta e la trattazione

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Movimentazione manuale dei pazienti nei reparti/servizi del Presidio Ospedaliero Fatebenefratelli e Oftalmico che non prevedono il regime di ricovero

Movimentazione manuale dei pazienti nei reparti/servizi del Presidio Ospedaliero Fatebenefratelli e Oftalmico che non prevedono il regime di ricovero DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Pag. 1 di 16 Movimentazione manuale dei pazienti nei reparti/servizi del Presidio Ospedaliero Fatebenefratelli e Oftalmico che non prevedono il regime di ricovero Nota:

Dettagli

I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE. Le lombalgie non chirurgiche

I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE. Le lombalgie non chirurgiche I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE Le lombalgie non chirurgiche Relatrici: Fiorenza Paci- Annalisa Zampini 18 marzo 2015 Feltre - ore 18.00 GLI ATTACCHI DI DOLORE LOMBARE SONO RICORRENTI

Dettagli

ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei cantieri e nelle attività estrattive

ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei cantieri e nelle attività estrattive ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei patologie professionali alla schiena Le condizioni di rischio da prendere in considerazione ai fini del riconoscimento dell origine professionale

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

Prevenzione e gestione del mal di schiena nel personale sanitario: i dati della provincia di Verona

Prevenzione e gestione del mal di schiena nel personale sanitario: i dati della provincia di Verona Verona, 6 dicembre 2007 Prevenzione e gestione del mal di schiena nel personale sanitario: i dati della provincia di Verona Mario Gobbi - Spisal Ulss 20 Verona spisal@ulss20.verona.it http://prevenzione.ulss20.verona.it

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Descrizione di uno strumento informatico per la gestione dei dati sanitari delle patologie

Descrizione di uno strumento informatico per la gestione dei dati sanitari delle patologie Descrizione di uno strumento informatico per la gestione dei dati sanitari delle patologie lavoro-correlate dell arto superiore: PAS-Versilia (progetto dell Area Vasta Nord-Ovest Regione Toscana). M. Pinelli

Dettagli

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 ---

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- Allegato n.1 PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- DI RICERCA IN MATERIA DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA DENOMINATO Rilevazione Delle Malattie Professionali nelle aree Del Fucino e Valle Peligna ALLEGATO

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

Anno 2014: stato di fatto

Anno 2014: stato di fatto Protocollo d intesa tra INAIL,ASL (UOC PSAL) e Ospedale di Circolo di Varese(UOOML) in tema di malattie professionali Deliberazione n.411 del 07.08.2013 e Progetto triennale: analisi dell andamento delle

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO IN RSA Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO in RSA definizione di RSA -SIGG Struttura del territorio destinata ad accogliere gli anziani

Dettagli

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi,

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi, SINDROME DEL TUNNEL CARPALE ED IMPRESE DI PULIZIA: UN BINOMIO DA NON TRASCURARE. D. di Carlo, G.Tangredi, M. Giudici, K. Papini Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro Azienda G. Salvini Garbagnate

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO: IL RUOLO DEL DIRIGENTE E DEL PREPOSTO

LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO: IL RUOLO DEL DIRIGENTE E DEL PREPOSTO LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO: IL RUOLO DEL DIRIGENTE E DEL PREPOSTO Servizio Prevenzione e Protezione Via Albertoni, 15-40138 BOLOGNA 051.63.64585-FAX 051.63.64587 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI DEFINIZIONE: Per movimentazione manuale dei carichi (MMC) si intendono tutte le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico effettuate da uno o più di lavoratori,

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ******

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ****** Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL Nei giorni scorsi è stato pubblicato dall INAIL il II volume delle Schede di rischio da sovraccarico biomeccanico

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli