Business Impact Analsys - BIA (A case study) Servizi erogati da Cineca per conto del MIUR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Impact Analsys - BIA (A case study) Servizi erogati da Cineca per conto del MIUR"

Transcript

1 Business Impact Analsys - BIA (A case study) Servizi erogati da Cineca per conto del MIUR

2 Obiettivo Obiettivo del presente documento è di illustrare le attività di Business Impact Analysis svolte per i servizi erogati da CINECA per conto del Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (MIUR) in termini di metodologia adottata e risultati ottenuti. Verranno in particolare descritti i passi seguiti e risultati ottenuti per: l identificazione dei servizi critici e quindi del perimetro del piano di Continuità Operativa l identificazione dei processi, delle catene tecnologiche e dei dati a supporto dei servizi l identificazione delle dipendenze tra processi, applicazioni e dati l analisi dei requisiti di continuità operativa in termini di Recovery Time Objective (RTO), Recovery Point Objective (RPO)

3 Approccio metodologico Il servizio è erogato attraverso dei processi che sono stati distinti in: Esempi di processi chiave: Processo raccolta dati: che mette a disposizione del servizio tutta una serie di dati, ad es: dati sui docenti, dati registrazione utente, dati su progetti vari etc.. fondamentali per la corretta erogazione del servizio stesso Processo di valutazione: processo necessario per servizi che necessitano di una valutazione e creazione di una graduatoria (Es: FIRB, PRIN, Futuro in ricerca etc ) Esempi di processi di supporto: Consulenza applicativa: processo di supporto agli utenti per il corretto o migliore utilizzo dei servizi, per la valutazione di criticità o nuovi requisiti processi chiave processi di supporto I processi chiave sono peculiari del servizio in questione, necessari alla sua corretta erogazione e direttamente collegati con il risultato realizzato. I processi di supporto possono essere generici e funzionali a più servizi, ma possono non essere strettamente necessari per la corretta erogazione e non sono direttamente collegati con il risultato del processo.

4 Applicazioni Ciascuno dei processi che supportano il servizio, può essere più o meno abilitato/automatizzato informaticamente da una o più applicazioni software

5 Flussi informativi Ciascuna applicazione è rappresentata a sua volta come un sistema semplice che, in base a dei dati in input, produce dei dati in output. Definiamo flussi informativi lo scambio di dati in input ed output alle applicazioni

6 Criteri di valutazione degli impatti Per ciascun servizio sono stati valutati i possibili scenari di impatto a scelta tra 4 scenari predefiniti. Impatto reputazionale Impatto economico Impatto operativo (inefficienze del servizio per gli utenti e/o per chi eroga) Impatto normativo Per impatto si intende il livello di gravità della conseguenza di un evento che causi interruzione del servizio e/o perdita dei dati. Il livello di gravità viene valutato dal proprietario del servizio o comunque da chi, per il ruolo che ricopre, ne deve e ne può rendere conto; eventuali impatti per gli utenti del servizio si rifletteranno, normalmente, su impatti per l erogatore. Per questo motivo nella valutazione abbiamo considerato solo la valutazione del proprietario e non dell utente.

7 Livello di impatto Le valutazioni sono attribuite sulla base di una scala a 4 valori: basso, medio-basso, medio-alto, alto. La scala a quattro valori è stata scelta per compatibilità con le scale predisposte nelle schede di autovalutazione di DigitPA. impatto basso:un impatto, seppure esistente, trascurabile negli effetti, per gli utenti del servizio e per l erogatore. Si considera tale un disservizio fisiologico accettabile che non pregiudica in alcun modo le caratteristiche qualitative del servizio né tantomeno viola standard e/o normative. Richiede interventi non significativi e differibili per il completo ripristino. impatto medio-basso: un impatto che non sia trascurabile nelle conseguenze, per gli utenti del servizio e per l erogatore. Si considera tale un disservizio che pregiudichi la qualità complessiva del servizio o la sua percezione da parte degli utenti in modo non elevato ma neanche trascurabile. Richiede interventi di carattere organizzativo e/o tecnologico per il rientro alla normale attività che comportano un limitato onere finanziario e/o disagio organizzativo.

8 Livelli di impatto impatto medio-alto: un impatto serio per gli utenti del servizio e/o per l erogatore. Pregiudica la qualità del servizio e/o la sua percezione da parte degli utenti in modo rilevante. Richiede interventi di carattere organizzativo e/o tecnologico per il rientro alla normale attività che comportano sempre un onere finanziario e disagi organizzativi. impatto alto: un impatto che pregiudica seriamente la qualità del servizio, comporta una seria violazione contrattuale, la perdita di una licenza, di un settore di mercato, di un importante cliente, con scarse possibilità di recupero se non con elevatissimi costi paragonabili all investimento fatto per la realizzazione del servizio stesso. Viene messo in discussione il futuro del servizio stesso, in alcuni casi, per i servizi più critici viene messa in discussione la sopravvivenza aziendale.

9 Impatto in funzione del tempo di interruzione Per arrivare ad identificare i servizi più critici si è introdotto un meccanismo di valutazione degli impatti in funzione della durata della interruzione del servizio. Per ciascuna delle tipologie di impatto il meccanismo prevede che venga attribuito un valore di impatto (scala a 4 valori) all avanzare del tempo di interruzione del servizio stesso (a valori prefissati: >96).

10 RTO L impatto in funzione del tempo di interruzione viene utilizzato per la determinazione del Recovery Time Objective (RTO). L' RTO, viene attribuito al servizio nel suo insieme (non alle singole applicazioni che lo costituiscono e che quindi erediteranno il requisito). Sulla base delle curve di impatto è stato stabilito di porre come requisito di ripristino dei servizi, RTO, il valore, in termini di ore, corrispondente al passaggio dell impatto da una gravità di livello medio-basso ad una di livello medio-alto.

11 Priorità di ripristino Ai fini della prioritizzazione nella recovery dei servizi aventi stesso RTO, si considerano maggiormente critici: i servizi che nella evoluzione temporale a parità di durata di interruzione hanno valore di impatto più elevato (rapidità di crescita dell'impatto) i servizi che a parità di durata di interruzione e valore di impatto hanno impatti in un numero maggiore di scenari (es. reputazione + operativo) vedi oltre

12 Impatto in funzione della perdita dei dati L impatto causato dalla perdita dati, per un dato servizio, è stimato sulla base dei dati più critici gestiti dal servizio stesso. I dati sono censiti nell ambito del rilevamento delle applicazioni che supportano i processi del servizio. Quindi un servizio può gestire flussi di dati con criticità diverse.

13 Impatto in funzione della perdita dei dati Per identificare i servizi con maggiore criticità nella gestione dei dati, si è introdotto un meccanismo di valutazione degli impatti sul servizio in funzione del periodo di perdita di dati. Il valore di impatto identificato è quello richiesto per i dati più critici, e viene attribuito all intero servizio. Per ciascuna delle tipologie di impatto il meccanismo prevede che venga attribuito un valore di impatto (scala a 4 valori) all avanzare del tempo di perdita dei dati (a valori prefissati: >96).

14 RPO Il requisito di consistenza dei dati, RPO, viene attribuito ai singoli dati gestiti; pertanto per uno stesso servizio, costituito da più applicazioni che trattano diversi dati, potrebbero esserci diversi RPO per i diversi dati. Come già detto, verrà considerato il valore di RPO più basso richiesto per i dati più critici trattati dal servizio. Analogamente al requisito RTO, sulla base delle curve di impatto è stato stabilito di porre come requisito di consistenza dei dati RPO il valore, in termini di ore, corrispondente al passaggio dell impatto da una gravità di livello medio-basso ad una di livello medio-alto.

15 Dipendenze Il modello si basa sull assunto che possano esistere diversi gradi di dipendenza tra i servizi censiti pur avendo cercato di considerare quanto più possibile servizi autoconsistenti. Tali dipendenze possono essere dovute a condivisione di parti di processo o a condivisione di sistemi applicativi e/o Data Base. Le interdipendenze hanno impatto diretto: sulla definzione del perimetro dei servizi critici sul riallinemento dei valori di RTO e RPO A questo scopo nel censimento dei processi e delle applicazioni vengono riportate le eventuali dipendenze.

16 Dipendenza Indiretta Due applicazioni diverse (concorrenti nell ambito dello stesso servizio o di servizi a loro volta diversi) condividono per alcune funzioni lo stesso DataBase schema : l applicazione B, per il suo funzionamento, richiede la lettura e/o successiva elaborazione di dati presenti nel DB schema X e prodotti precedentemente dall applicazione A. in questo tipo di dipendenza, per l esecuzione dell applicazione B, non è richiesta la contemporanea esecuzione dell applicazione A ma è sufficiente che siano presenti i dati richiesti nel DB schema X prodotti in modo del tutto asincrono dall applicazione A.

17 Dipendenza diretta Due applicazioni diverse (concorrenti nell ambito dello stesso servizio o di servizi a loro volta diversi) condividono per alcune funzioni lo stesso DataBase schema : l applicazione B, per il suo funzionamento, richiede la lettura e/o successiva elaborazione di dati presenti nel DB schema X e prodotti precedentemente dall applicazione A. in questo tipo di dipendenza, per l esecuzione dell applicazione B, è richiesta la contemporanea esecuzione dell applicazione A che produce in modo pressoché sincrono i dati richiesti e li rende disponibili nel DB schema X.

18 Servizi interdipendenti Un applicazione relativa ad un certo servizio, per il suo corretto funzionamento dipende dall esecuzione di molte applicazioni relative ad un altro servizio. Questo tipo di dipendenza indica una forte correlazione tra due servizi. I rispettivi requisiti di continuità dovranno essere opportunamente allineati.

19 Verifica ed allineamento dei risultati Il modello realizzato consente di verificare la coerenza dei dati raccolti e di allineare i valori di RTO/RPO dove necessario. A tale scopo sono state definite le seguenti regole: Regola 1: tutte le applicazioni funzionali (prodromiche) ad un servizio ereditano l RTO assegnato al servizio stesso Regola 2: applicazioni che dipendono direttamente (dipendenza di tipo 2 o 3) da altre applicazioni con RTO più alto contagiano queste ultime con il loro RTO Regola 3: una stessa applicazione funzionale a più servizi eredita l RTO del servizio più critico Regola 4: I DB su cui accedono diverse applicazioni ereditano l RTO dell applicazione con RTO più basso; Regola 5: RPO diversi per lo stesso dato (che può essere diversamente critico a seconda delle applicazioni) vengono allineati all RPO più basso Regola 6: a ciascun servizio viene attribuito un valore di RPO allineato al valore di RPO del dato più critico tra quelli scambiati dalle applicazioni a supporto

20 Strumenti utilizzati Schede di raccolta informazioni (Schede di BIA) atte a: Identificare i processi le catene tecnologiche e i dati a supporto dei servizi Identificare le dipendenze tra processi, applicazioni e dati Identificare i valori di RTO/RPO

21 Strumenti utilizzati Db access per facilitare il consolidamento dei dati raccolti e le successive elaborazioni è stato creato un db in Microsoft Access in modo da rispondere ai requisiti di: raccolta ed organizzazione dei dati presenti nelle schede di BIA capacità di immagazzinamento di un numero elevato di dati creazione di una struttura E-R (Entità-Relazioni) che mettesse in relazione le diverse componenti del servizio (processi, applicazioni, dati) e gli attributi assegnati (impatti, direzione del flusso dati); questi elementi sono in relazione molti-a-molti tra di loro il che ne rende difficile la gestione con excel possibilità di produrre report sui dati di interesse in un formato adeguato (es.: tabelle filtrate in funzione dei valori necessari alle verifiche di allineamento dei dati) facilità nella manutenzione dei dati processati

22 DB Access I dati provenienti dalle schede di BIA sono stati organizzati all interno della base dati con lo scopo di: estrapolare dei valori di sintesi per RTO/RPO da associare a ciascun servizio critico evidenziare eventuali disomogeneità tra i valori di RTO/RPO per le varie applicazioni

23 Tabelle master Elenco_servizi: lista di tutti i servizi abilitati da CINECA per MIUR con i relativi valori di impatto nel tempo Elenco_applicazioni: lista di tutte le applicazioni che vanno ad erogare i servizi analizzati Elenco_db: lista di tutti i database schema nei quali le applicazioni vanno a scrivere in output Elenco_dati: lista di tutte le tipologie di dati che vengono gestite dalle varie applicazioni in scrittura nei db schema di destinazione Elenco_processi: lista di tutti i processi chiave nell erogazione dei servizi Servizi_processi_applicazioni: tabella ponte nella quale sono state definite le relazioni tra i servizi ed i processi chiave Matrice_RPO: tabella ponte nella quale sono stati definite le relazioni tra gli altri dati master (es: applicazioni che erogano un determinato servizio, quale tipologia di dati vanno a scrivere ed in quale db etc )

24 Diagramma Entità-Relazioni

25 Risultati Servizi analizzati: sono stati individuati un totale di 43 servizi erogati da CINECA per conto del MIUR. Servizi critici in perimetro: sulla base dei risultati emersi nel corso dell analisi i servizi considerati critici per i quali si ritiene necessario il ricorso ad un piano di Continuità Operativa, sono 26. La scelta è stata fatta considerando critici servizi che: raggiungono, seppure con tempi diversi, un livello di impatto alto (4) (mentre i servizi ritenuti non critici raggiungono al più un valore di impatto medio-alto) raggiungono un livello di impatto almeno pari al medio-alto (3) in un tempo pari o inferiore a 48 ore

26 Risultati Numero di applicazioni a supporto dei servizi: per i 43 servizi analizzati sono state rilevate 179 applicazioni informatiche che supportano i processi sottesi. Di queste, 129 supportano i servizi critici.

27 Processi core Risultati Dall analisi dei 43 servizi è emersa la presenza di 261 processi, di cui 192 appartenenti ai 26 servizi critici. N.B.: sono stati rilevati i processi automatizzati dalle applicazioni Cineca, non sono stati rilevati eventuali altri processi di erogazione del servizio a carico dell organizzazione MIUR. Processi di supporto I processi di supporto individuati sono comuni a tutti i servizi analizzati: Consulenza applicativa Manutenzione applicativa Supporto sistemistico Elaborazione Dati

28 Tipologia di dati trattati: Risultati I dati trattati, relativi ai flussi informativi univoci rilevati tra tutte le 179 applicazioni sono 300 I dati trattati, relativi ai flussi informativi univoci rilevati tra le 129 applicazioni critiche sono 183

29 Risultati Flussi informativi: I flussi informativi rilevati in input e output alle 179 applicazioni, prese singolarmente, sono circa (il numero è superiore al numero dei dati univoci in quanto lo stesso dato univoco può essere in input ad un applicazione ed in output ad un altra oppure in input/output a più applicazioni). I flussi informativi rilevati in input e output alle 129 applicazioni critiche, prese singolarmente, sono circa

30 Risultati Analisi delle dipendenze: Non sono emerse delle dipendenze di tipo 2 (dirette condivisione DB sincrona)

31 Risultati Grado di condivisione DB: ll numero totale di database schema utilizzati dalle applicazioni analizzate è 56. Circa il 36% dei database schema (20 su 56) sono condivisi da almeno 3 applicazioni, mentre circa il 21% (11) condividono almeno 7 applicazioni.

32 Risultati

33 Tabelle riassuntive Valutazione impatti sui servizi (TUTTI) Servizi critici e valori di RTO/RPO

34 Principali scenari di impatto rilevati Sono stati valutati come scenari di impatto realistici, esclusivamente quelli: reputazionali operativi Nel caso entrambi gli scenari fossero applicabili in caso di interruzione di un servizio è stato definito un valore che identifica quello predominante: il valore 1 è attribuito allo scenario predominante, 2 allo scenario secondario; in caso di equivalenza viene attribuito il valore 1 ad entrambi gli scenari. L ordine degli scenari di impatto e la loro eventuale concomitanza non sono stati tenuti in considerazione per la selezione dei servizi critici, fatta solo in base ai valori risultanti di RTO ed RPO. Nell ambito dei servizi critici, il dato è comunque importante per evidenziare eventuali priorità nel recovery del servizio.

35 Principali scenari di impatto rilevati

36 Statistiche degli RTO e RPO Le statistiche si intendono dopo gli aggiustamenti con le regole di verifica precedentemente illustrate

37 Statistiche degli RTO e RPO Le statistiche si intendono dopo gli aggiustamenti con le regole di verifica precedentemente illustrate

38 Organizzazione I due Dipartimenti CINECA che si occupano della erogazione/gestione/sviluppo di servizi MIUR sono: Dipartimento MIUR Dipartimento DSET (Dipartimento Sistemi e Tecnologie)

39 Infrastruttura Tecnologica Alla BIA sono stati allegati i documenti che descrivono le componenti tecnologiche di dettaglio delle infrastrutture che erogano i servizi critici

40 Conclusione L'indagine ha consentito di: Rilevare/censire tutti i servizi erogati per MIUR Identificare i servizi critici Identificare i valori di RTO/RPO Identificare i processi, le risorse organizzative e tecnologiche a supporto dei servizi critici Identificare le interdipendenze funzionali tra applicazioni, dati e servizi (verificando un elevato grado di interallacciamento e condivisione )

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione 1 1. INTRODUZIONE ALLO STRUMENTO DI SUPPORTO ALL AUTOVALUTAZIONE Lo strumento

Dettagli

Aldo Lupi Ancitel Lombardia

Aldo Lupi Ancitel Lombardia BUSINESS CONTINUITY E DISASTER RECOVERY PER LE PA: OBBLIGHI DI LEGGE, STRATEGIE E OPPORTUNITA I RELATORI TELECOM Enzo Mario Bagnacani-Top Clients& Public Sector - Marketing Responsabile Infrastructure

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Offerta tecnica. Allegato III Modelli di documentazione

Offerta tecnica. Allegato III Modelli di documentazione Offerta tecnica Allegato III Modelli di documentazione Gestione, sviluppo e manutenzione dell architettura software di Business Intelligence in uso presso Cestec S.p.A. Redatto da Omnia Service Italia

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a CERTIQUALITY La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301 Dott. Nicola Gatta Direzione Marketing & Industry Management

Dettagli

BASI DATI BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA. Lezione II - BioIngInfMed

BASI DATI BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA. Lezione II - BioIngInfMed BASI DATI BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA 1 Sistema Informativo Un sistema informativo (SI) è un componente di una organizzazione il cui obiettivo è gestire le informazioni utili per gli scopi dell

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Agenda dell incontro 2 A. Premesse: 1. Introduzione e sintesi del quadro normativo 2. Stato di avanzamento dei

Dettagli

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Procedure d emergenza e Business Continuity Plan Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Loreto Ottobre 2011 La business continuity è in sostanza l insieme di attività

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE ALLEGATO 2 GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE EVOLUTIVA, GESTIONE APPLICATIVA, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, ASSISTENZA AGLI UTENTI E

Dettagli

Corso di Specializzazione in Gestione dei Servizi IT Motivazioni, contenuti, obiettivi

Corso di Specializzazione in Gestione dei Servizi IT Motivazioni, contenuti, obiettivi Corso di Specializzazione in Gestione dei Servizi IT Motivazioni, contenuti, obiettivi 4 febbraio 2013 Tullio Vardanega Dipartimento di Matematica Università di Padova tullio.vardanega@math.unipd.it David

Dettagli

Urbi DR-ASP. Descrizione servizio di DR per ASP. Aprile 2012

Urbi DR-ASP. Descrizione servizio di DR per ASP. Aprile 2012 Urbi DR-ASP Aprile 2012 Descrizione servizio di DR per ASP PA DIGITALE Spa Documento Riservato Ultima Revisione luglio 2012 E fatto divieto la copia, la riproduzione e qualsiasi uso di questo P.1/3 Premessa...

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis

L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis DEL NUOVO CAD DEL NUOVO CAD Franco Ardito Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte Franco Ardito Programma

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Allegato 1. Tabella 1 - Gli atenei coinvolti

Allegato 1. Tabella 1 - Gli atenei coinvolti Allegato 1 Il check-up Il metodo seguito. La ricerca ha coinvolto 19 atenei, cui è stato somministrato un questionario di autovalutazione, proposto dal gruppo di lavoro e validato in riunioni di sotto-gruppo.

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATICO PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEI

IL SISTEMA INFORMATICO PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEI IL SISTEMA INFORMATICO PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEI CONTRATTI DI SERVIZIO TPL IL CONTESTO Con la riforma del settore dei trasporti pubblici locali, avviata con il D.Lgs. 422/97 e s.m.i., è stata

Dettagli

ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO TECNICO. Requisiti di qualità specifici della fornitura

ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO TECNICO. Requisiti di qualità specifici della fornitura CONSIP S.p.A. ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO TECNICO Requisiti di qualità specifici della fornitura Capitolato relativo all affidamento dei servizi di Sviluppo, Manutenzione, Assistenza e Servizi intellettivi

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A.

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. DEFINIZIONI CONTINUITÀ OPERATIVA capacità di reagire e rispondere a eventi imprevisti che compromettano il funzionamento ICT DISASTER RECOVERY sinonimo

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe Business continuity per la PA Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma Generalità sul disaster recovery Disaster recovery e sicurezza Aspetti

Dettagli

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Dott. Nicola Gatta Direzione

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 10 e 11 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 Risk Analysis I termini risk analysis

Dettagli

Direzione dei Sistemi Informativi e dell Innovazione

Direzione dei Sistemi Informativi e dell Innovazione Direzione dei Sistemi Informativi e dell Innovazione Guida alla determinazione e comparazione degli elementi di costo relativi ai servizi stipendiali erogati dal Ministero dell Economia e delle Finanze

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

ALLEGATO B GARA N. 115/DA/06

ALLEGATO B GARA N. 115/DA/06 ALLEGATO B GARA N. 115/DA/06 1 di 9 ALLEGATO B... 1 Premessa... 3 Sub-elemento B1) Qualità ed efficienza del servizio... 3 Sub-elemento B2) erogazione del servizio... 4 Sub-elemento B3) Strumentazione...

Dettagli

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING Allegato B DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING 1. INTRODUZIONE Il presente allegato ha lo scopo di descrivere gli aspetti del collegamento telematico tra Istituto Cassiere ed Automobile

Dettagli

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica Relatore:

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI Cos è un processo aziendale Processo come trasformazione (dal verbo procedere ) Processo aziendale: insieme di attività interdipendenti finalizzate a un obiettivo

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Premessa. 1. Funzionalità del portale.. 1. Servizi per gli utenti esterni all Amministrazione Scolastica... 3

Premessa. 1. Funzionalità del portale.. 1. Servizi per gli utenti esterni all Amministrazione Scolastica... 3 edumonitor MONITORAGGIO ED ANALISI DEI PERCORSI SCOLASTICI REALIZZATI PER PREVENIRE IL DISAGIO GIOVANILE Guida al Portale Premessa. 1 Funzionalità del portale.. 1 Servizi per gli utenti esterni all Amministrazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Artifact Centric Business Processes (I)

Artifact Centric Business Processes (I) Introduzione Autore: Docente: Prof. Giuseppe De Giacomo Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA - Universitá di Roma 16 Novembre 2008 Una visione assiomatica La modellazione dei processi di

Dettagli

Valutazione tecnico economica dell acquisizione del software

Valutazione tecnico economica dell acquisizione del software Valutazione tecnico economica dell acquisizione del software un possibile approccio Pierluigi Mazzuca Direttore Customer & Partner experience Microsoft Italia Agenda La normativa corrente in materia di

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Basi di dati Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Esempio Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina una tabella contenente grandi quantità di informazioni, sulla quale è possibile

Dettagli

Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche

Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche Forum Bancario organizzato dal FITD: "L'introduzione degli International Financial Reporting Standards" Milano, 27 e 28 novembre

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012 Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? FORUM PA 2012 Roma, venerdì 18 maggio 2012 MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi Contenuti Contesto di riferimento

Dettagli

Il risk management secondo il «Modello» ex D.Lgs. 231/2001

Il risk management secondo il «Modello» ex D.Lgs. 231/2001 Il risk management secondo il «Modello» ex D.Lgs. 231/2001 di Alberto Pesenato (*) e Elisa Pesenato (**) La gestione del rischio (risk management) conseguente alla valutazione dello stesso (risk assessment)

Dettagli

Gestione della Sicurezza Informatica

Gestione della Sicurezza Informatica Gestione della Sicurezza Informatica La sicurezza informatica è composta da un organizzativinsieme di misure di tipo: tecnologico o normativo La politica di sicurezza si concretizza nella stesura di un

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Ristrutturazione dello dello Studio professionale:

Ristrutturazione dello dello Studio professionale: Aggiornamento Fiscale, per la consulenza d impresa e del lavoro Dispensa Seminario operativo Ristrutturazione dello dello Studio professionale: riorganizzazione e controllo di gestione A cura di Matteo

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Microsoft Office 2007 Master

Microsoft Office 2007 Master Microsoft Office 2007 Master Word 2007, Excel 2007, PowerPoint 2007, Access 2007, Outlook 2007 Descrizione del corso Il corso è rivolto a coloro che, in possesso di conoscenze informatiche di base, intendano

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Corso di Analisi dei Processi Aziendali

Corso di Analisi dei Processi Aziendali Corso di Analisi dei Processi Aziendali PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it Ridurre i tempi e i costi operativi mediante l efficace

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Lezione 10 Business Process Modeling

Lezione 10 Business Process Modeling Lezione 10 Business Process Modeling Ingegneria dei Processi Aziendali Modulo 1 - Servizi Web Unità didattica 1 Protocolli Web Ernesto Damiani Università di Milano Step dell evoluzione del business process

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Centro studi, sviluppo e promozione della formazione aziendale. Direttore : Giuseppe Martini. La costruzione del PEG. Procedura operativa

Centro studi, sviluppo e promozione della formazione aziendale. Direttore : Giuseppe Martini. La costruzione del PEG. Procedura operativa .. Centro studi, sviluppo e promozione della formazione aziendale Direttore : Giuseppe Martini La costruzione del PEG Procedura operativa Dispensa realizzata per il Comune di COMO ago 2000 Riproduzione

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

il CLOUD a norma di legge

il CLOUD a norma di legge il CLOUD a norma di legge COS È IL CLOUD COMPUTING. Con il termine CLOUD COMPUTING, o semplicemente CLOUD, ci si riferisce a un insieme di tecnologie e di modalità di fruizione di servizi informatici che

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE 51 Dichiarazione d intenti (mission statement) La dichiarazione d intenti ha il compito di stabilire degli obiettivi dal punto di vista del mercato, e in parte dal

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc.

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc. CLUSIT Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica Linea guida per l analisi di rischio Codice doc.to: CS_CERT/SC1/T3 Stato: Draft 1 2 INDICE 1. Introduzione....4 2. Scopo della presente

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA 6.1 Gestione delle risorse Per attuare, mantenere e migliorare continuamente il SGQ e per conseguire la soddisfazione degli Utenti ed il raggiungimento degli obiettivi, il LS Majorana garantisce - la disponibilità

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

Conferenza dei Presidenti dell Assemblea, dei Consigli Regionali e delle Province Autonome. Gruppo di Lavoro Legislazione regionale

Conferenza dei Presidenti dell Assemblea, dei Consigli Regionali e delle Province Autonome. Gruppo di Lavoro Legislazione regionale Conferenza dei Presidenti dell Assemblea, dei Consigli Regionali e delle Province Autonome Gruppo di Lavoro Legislazione regionale Griglia di controllo per l analisi di fattibilitàdelle leggi Il gruppo

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

La Metodologia adottata nel Corso

La Metodologia adottata nel Corso La Metodologia adottata nel Corso 1 Mission Statement + Glossario + Lista Funzionalià 3 Descrizione 6 Funzionalità 2 Schema 4 Schema 5 concettuale Logico EA Relazionale Codice Transazioni In PL/SQL Schema

Dettagli

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007 Basi di dati Concetti introduttivi Ultima modifica: 26/02/2007 ESEMPIO INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Informatica Aule Docenti Entità Relazioni Interrogazioni St udent i Database 2 Tabella (I) STUDENTE

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Pagina 1 di 10 DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Sommario...1 1.Scopo/Obiettivo... 2 1.1.Scopo...2 1.2.Obiettivo...2 2.Campo di applicazione...2 3.Modifiche alle revisioni precedenti...2 4.Definizioni...

Dettagli

ISTRUZIONI D USO DEL SOFTWARE

ISTRUZIONI D USO DEL SOFTWARE Protocollo ITACA PUGLIA Strumento di qualità energetica e Protocollo Completo ISTRUZIONI D USO DEL SOFTWARE Indice 1. Premessa 3 2. Fogli di calcolo del framework 3 2.1. Foglio Progetto 3 2.2. Foglio Elenco

Dettagli

Hitachi Data Systems Company Overview and Direction

Hitachi Data Systems Company Overview and Direction Hitachi Data Systems Company Overview and Direction Roberto Salucci Solutions Consultant Giugno, 2006 2005 Hitachi Data Systems Hitachi Data Systems Corporation Wholly owned subsidiary of Hitachi,Ltd.

Dettagli