S.C. GESTIONE EMERGENZE ISTRUZIONI OPERATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.C. GESTIONE EMERGENZE ISTRUZIONI OPERATIVE"

Transcript

1 iii S.C. GESTIONE EMERGENZE PROGETTO FORMATIVO SVILUPPO DELLE PROCEDURE PER L IMPLEMENTAZIONE DELLA CONTINUITÀ OPERATIVA NELLA ASL 3 GENOVESE (BUSINESS CONTINUITY) ISTRUZIONI OPERATIVE Codice: GEN-DS-IL- continuità-00 Rev.00 Data: 15/03/2011 Approvato Redatto Funzione Responsabile Firma Data S. C Gestione Dottoressa Emergenze Speranza Sensi 15 marzo 2011 S. C. Gestione Dottoressa Emergenze Speranza Sensi 15 marzo 2011 Dottor Gaetano Dottore Dottoressa Stefania Venuti Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 1/71

2 REVISIONI Rev. Data Redattore/i - firma/e Descrizione 0.0 Commenti e osservazioni al documento da ritornare a: S.C. Gestione Emergenze Segnalazione inviata da: data: Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 2/71

3 1. INDICE 1. INDICE Pagina 3 2. SCOPO Pagina 4 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Pagina 5 4. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI Pagina 7 5. PREMESSA Pagina BUSINESS CONTINUITY Pagina ASL 3 GENOVESE: MISSIONE E STRATEGIE Pagina BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT (BCM) PER LA CONTINUITA OPERATIVA NELL ASL 3 GENOVESE 9.. PROGETTO FORMATIVO SVILUPPO DELLE PROCEDURE PER L IMPLEMENTAZIONE DELLA CONTINUITA OPERATIVA (BUSINESS CONTINUITY) Pagina 23 Pagina Metodologia del progetto Pagina Gli aspetti organizzativi più importanti Pagina Principali contenuti metodologici delle fasi dell attività Pagina 29 FASE 0 - Linee di progettazione Pagina 29 FASE 1 - Analisi d impatto Pagina 32 FASE 2 - Soluzioni Pagina 42 FASE 3 - Realizzazione Pagina 46 FASE 4 - Mantenimento - Verifica - Miglioramento Continuo Pagina RESPONSABILITA Pagina ACCESSIBILITA Pagina 57 APPENDICE Pagina 58 Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 3/71

4 2. SCOPO 2.1 APPLICABILITA Ai Referenti aziendali all Emergenza Ai Direttori Distretti Ai Direttori Dipartimenti Al Direttore POU Ai Direttori delle Strutture. Ai Dirigenti del ruolo Sanitario,Amministrativo, Tecnico, Professionale Al Personale del Comparto 2.2 OBIETTIVO Acquisire le competenze necessarie ad allestire il processo di Continuità Operativa (Business Continuity) 2.3 OGGETTO Istruzioni operative per lo sviluppo del Progetto Formativo Sviluppo delle procedure per l implementazione della Continuità Assistenziale (Business Continuity) Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 4/71

5 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 3.1 Norme in materia di Continuità Operativa Direttiva 16 gennaio 2002 Sicurezza informatica e delle telecomunicazioni nelle pubbliche amministrazioni G.U. 22 marzo 2002, n. 69 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali G.U. 29 luglio 2003, n S.O. n. 123 Decreto Legislativo 7 marzo 2005 n. 82 Codice dell amministrazione digitale G.U.16 maggio 2005, n S. O. n. 93 DPCM 31 maggio 2005 Razionalizzazione in merito all'uso delle applicazioni informatiche e servizi ex articolo 1, commi 92, 193 e 194 della legge n. 311 del 2004 (Finanziaria 2005). G.U. 18 giugno 2005 n. 140 DPCM 6 agosto 1997 n. 452 Regolamento recante approvazione del capitolato di cui all'articolo 12, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, relativo alla locazione e all'acquisto di apparecchiature informatiche, nonché alla licenza d'uso dei programmi. G.U. 30 dicembre 1997 n.302 Decreto Legislativo 30 dicembre 2010 n. 235 Modifiche ed integrazioni al Decreto Legislativo 7 marzo 2005 n. 82, recante Codice dell amministrazione digitale, a norma dell art. 33 della legge 18 giugno 2009, n. 69 G.U.10 gennaio 2011, n Standard internazionali principali in materia di Continuità Operativa BS :2006 Code of Practice for BCM (è l evoluzione dello standard PAS56) BS :2007 A Specification for BCM PAS56 Guide to Business Continuity Management superato da Standard BS :2006 NFPA1600 Standard on Disaster/Emergency Management and Business Continuity Programs 2010 Edition SS507 Singapore Standards for Business Continuity / Disaster Recovery (BC/DR)Service Providers BS 7799 Standard di sicurezza informatica ora ritirato e sostituito dagli Standard ISO 27001: 2005 e ISO 27002:2007 Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 5/71

6 UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 Information technology Security techniques techniquesinformation security management systems - Requirements UNI CEI ISO/IEC 27002:2007 Information technology Security techniques Code of practice for information security management UNI CEI ISO/IEC 24762:2008 Information technology - Security techniques - Guidelines for information and communications technology disaster recovery services 3.3. Altri Documenti di riferimento in materia di Continuità Operativa CNIPA Linee guida alla continuità operativa nella Pubblica Amministrazione i Quaderni n. 28, giugno 2006; Supplemento al n. 10/2006 del periodico InnovAzione CNIPA La continuità operativa delle Pubbliche Amministrazioni miniguida 10, 2008; Supplemento al n. 1/2008 del periodico InnovAzione DigitPA Continuità operativa - FAQ Digital &Law Departement-Studio Legale Lisi e FORUM PA, Luigi Foglia: Una breve guida alla continuità operativa nella Pubblica Amministrazione 8 marzo 2011 Consorzio ABI Lab Metodologia per la realizzazione del piano di continuità operativa Versione Base settembre 2004 SwissBanking Raccomandazioni per il Business Continuity Management novembre Atti e Documenti Aziendali Deliberazione n.835 del 21 Luglio Piano per la preparazione e la risposta ad emergenze di sanità pubblica della ASL3 Genovese Codice GEN-DIG-MG-SistemaGestione-03 del 3/12/2007 Manuale del Sistema di Gestione Deliberazione 838 del 27/06/ Manuale del Sistema Aziendale di Gestione della risposta alle emergenze di sanità pubblica (SGE) Codice:GEN-ESP-LG Sistema Gestione Emergenze-00:del 30/06/08 - Linee Guida SGE ASL 3 Genovese Codice:GEN-DS-IL-emergenza influenza A/H1N1-00 del 10/7/ Gestione dell emergenza correlata all infezione da nuovo virus influenzale A/H1N1 nell area metropolitana genovese Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 6/71

7 4. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4.1 Sigle BCM BCP BIA RTO RPO PDCA Business Continuity Management Business Continuity Planning Business Impact Analysis Recovery Time Objective Recovery Point Objective Plan-Do-Check-Act. 4.2 Glossario Attività critiche. quelle attività che devono essere svolte per consegnare i prodotti e servizi fondamentali che consentono alle organizzazioni di soddisfare i suoi più sensibili ai tempi o- biettivi Backlog Processing: trattamento a posteriori di lavori non ancora evasi o accumulati a causa di un interruzione dei processi operativi o l adozione di processi alternativi. Business Continuity Management (BCM) processo di gestione della continuità operativa. Il Business Continuity Management è stato definito dal Business Continuity Institute (Bci- Uk) come Un processo gestionale atto a identificare i potenziali impatti che minacciano un organizzazione e ha l obiettivo di predisporre soluzioni in grado di fornire supporto nella costruzione della resilienza e di dare un efficace risposta che salvaguardi gli interessi dei key stakeholder, l immagine e le attività che creano valore per l organizzazione. Business Continuity Planning (BCP) Piano di continuità di business Piano preventivo circostanziato relativo alle misure atte a garantire la continuazione dell attività operativa o la ripresa tempestiva e ordinata dei processi critici in casi di emergenza. Business Continuity Reporting: reportistica sulle attività nell ambito del BCM e specificatamente sullo stato degli interventi per far fronte alle crisi. Business Continuity Strategy Strategia di continuità del business definizione delle procedure generali per rispondere e gestire la situazione di crisi e per mantenere o ripristinare l attività. Business Continuity Testing: verifica sistematica a intervalli periodici dei Business Continuità Planning, in particolare sotto il profilo della loro implementazione, efficacia e attualità. Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 7/71

8 Business Impact Analysis (BIA) Analisi dell impatto sul business Il processo di analisi delle funzioni aziendali e degli effetti che può subire il business al verificarsi di determinati eventi critici. Business Recovery: ripristino di specifici processi e attività operative dopo un interruzione o misure da adottare in seguito a un evento dannoso. Ciclo di Deming (Ciclo PDCA):. Modello studiato per il miglioramento continuo della qualità dei sistemi di gestione, articolato attraverso le fasi della definizione, realizzazione, esercizio, monitoraggio, revisione, manutenzione e miglioramento continuo dei processi Continuità Assistenziale: insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell azienda le attività finalizzate a garantire il soddisfacimento delle necessità sanitarie fondamentali Crisi: situazione di emergenza che richiede decisioni critiche, esula dalle normali competenze direttive e decisionali e non può essere gestita con i mezzi ordinari. Disastro una calamità improvvisa e non pianificata che causa gravi danni o perdite. Emergenza: una situazione reale o una minaccia, che possa causare distruzione, danni e/o interruzione delle normali attività operative di una azienda. Gestione della continuità operativa:: comprende tutte le iniziative volte a ridurre a un livello accettabile i danni conseguenti a incidenti e catastrofi che colpiscono direttamente o indirettamente un azienda. La continuità operativa dell Azienda è garantita dall attività delle Strutture volta ad assicurare i processi operativi delle funzioni essenziali della stessa Interoperabilità: capacità di personale, organizzazioni, sistemi diversi al lavoro insieme senza soluzione di continuità Istruzioni Operative: insieme di indicazioni procedurali, finalizzate ad assistere i Referenti per l Emergenza della ASL 3 Genovese e le Strutture aziendali nello sviluppo del Progetto Formativo Minaccia: pericolo incombente Mission Critical: servizi critici o attività di supporto al business (interne o in outsourcing) senza i quali l organizzazione non può raggiungere i propri obiettivi Mitigazione: attività adottate per ridurre gli impatti derivanti dai pericoli Pericolo: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 8/71

9 Prodotti/Processi/Servizi Critici: prodotti/processi/servizi che, per la rilevanza dei danni conseguenti alla loro indisponibilità, hanno conseguenze dirette sul cliente e pertanto necessitano di alti livelli di continuità operativa da conseguire mediante misure di emergenza da attivare in caso di incidente Ripristino : Restituzione all integrità e funzionalità originarierischio: probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alle loro combinazioni. Risk assessment valutazione del rischio (e, con riferimento ai lavoratori: valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli d salute e sicurezza) Risorse critiche: risorse di un azienda (personale, edifici, IT/dati, fornitori esterni ecc.) che, in caso di mancanza, comportano l interruzione o la perdita di processi operativi critici RPO (Recovery Point Objective) Periodo di tempo massimo che può intercorrere tra l ultimo salvataggio dei dati di un processo e il verificarsi dell evento che causa l arresto del processo. RTO (Recovery Time Objective) Massima durata tollerata dall interruzione occorsa Massimo periodo di tempo entro il quale il processo deve essere ripristinato ovvero essere riportato nelle condizioni per poter ripartire Ruoli e responsabilità Definisce la categoria delle funzioni organizzative all interno di un organizzazione che hanno lo scopo di specificare le figure operative che pianificano e gestiscono il sistema di protezione evidenziando le responsabilità e le attività di loro competenza Vulnerabilità : debolezze del processo che, qualora minacciate, potrebbero comportare un danno per l Azienda.. La vulnerabilità quindi non compromette di per sé un sistema, ma in concomitanza di un evento indesiderato definito come minaccia potrebbe comportare un danno per l Azienda. Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 9/71

10 5. PREMESSA Molti degli eventi calamitosi accaduti nell ultimo decennio, hanno determinato conseguenze che hanno accresciuta la sensibilità verso questi avvenimenti e hanno anche messo in luce la vulnerabilità delle imprese, dei sistemi e dei lavoratori. Occorre anche ricordare che al di là degli eventi disastrosi ci sono quelli più normali, dai blackout elettrici, agli allagamenti, alle gelificazioni, agli incendi,. che possono causare una perdita dell operatività che richiede un intervento attivo per essere ripristinata Oggi sempre più le aziende e le amministrazioni sono consapevoli che eventi di crisi potrebbero mettere a rischio persino la loro stessa sopravvivenza e che è pertanto necessario prestare significativa attenzione alla continuità operativa e allo sviluppo della capacità di rispondere in modo adeguato a situazioni di disastro le cui conseguenze,. in caso di eventi estremi, possono mettere fuori gioco un azienda o un amministrazione. La continuità operativa, pertanto, dipende dalla capacità di individuare quanto necessario per ripartire in tempi tali da contenere le perdite. L attenzione va quindi posta più su come rimediare alla perdita di operatività, che sulle singole cause di questa perdita Ovviamente non sarà sempre possibile essere preparati per ogni calamità, ma se il principio della organizzazione preventiva è assunto quale presupposto della routine è chiaro che, nel tempo, i meccanismi generali individuati nelle fasi di pianificazione, comprese le procedure di continuità, non potranno che essere assorbite nelle procedure ordinarie, ed evolvere con queste, determinando un più elevato livello di preparazione e di capacità Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 10/71

11 Per raggiungere questo obiettivo è sempre più diffuso da parte delle imprese lo sviluppo di strategie tali da permettere l individuazione di soluzioni volte al mantenimento della continuità operativa a fronte di eventi di crisi, che potrebbero metterne a rischio persino la sopravvivenza, che si concretizzano nella redazione e manutenzione di piani di gestione della continuità ; coerenti con i possibili scenari e il livello di accettazione del rischio La Commissione Europea nel documento Strategy for Generic Preparedness Planning Technical guidance on generic preparedness planning for public health emergencies pubblicato il 1 dicembre 2009, raccomanda il Business Continuity Planning (BCP) per la gestione della crisi. Il Nuovo Regolamento Sanitario Internazionale, approvato dall Assemblea Mondiale della Sanità il 27 maggio 2005 (Risoluzione WHO ) ed entrato in vigore il 15 giugno 2007 prevede che ogni Stato Parte deve sviluppare, mantenere e rafforzare entro il 15 giugno 2012 la capacità di sorveglianza e di risposta pronta ed efficace ai rischi per la sanità pubblica e alle emergenze sanitarie di interesse internazionale Diverse norme sono state emanate nel nostro Paese negli ultimi anni in materia di continuità operativa, prevalentemente indirizzate al settore dell ICT e per la protezione dei dati. La continuità operativa dei servizi della pubblica amministrazione è disciplinata dal Decreto Legislativo 30/12/2010 n. 235 Modifiche ed integrazioni al Decreto Legislativo 7 marzo 2005 n. 82, recante Codice dell amministrazione digitale, che, entrato in vigore il 25 gennaio 2011, stabilisce che entro 15 mesi (25 aprile 2012) le pubbliche amministrazioni predisporranno appositi piani di emergenza idonei ad assicurare, in caso di eventi disastrosi, la continuità delle operazioni indispensabili a fornire servizi e il ritorno alla normale operatività Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 11/71

12 6. BUSINESS CONTINUITY La capacità strategica e tattica di una azienda o di una amministrazione di continuare ad esercitare il proprio business a fronte di eventi inattesi che possono colpirla è definita business continuity. Devono infatti attuarsi le condizioni per essere pronti ad affrontare, in modo efficiente ed efficace, le situazioni di emergenza e quindi pianificare le possibili soluzioni per consentire di aumentare la resilienza e la capacità di risposta, in maniera da salvaguardare gli interessi dei clienti e dei fornitori, le attività produttive, l'immagine, riducendo i rischi e le conseguenze sul piano organizzativo, gestionale, amministrativo, legale. La business continuity, ai fini di un corretto bilanciamento rischi/costi, richiede una complessa attività di analisi degli impatti, conseguenti a eventuali disastri, e di individuazione delle soluzioni che riescono a ridurne le conseguenze a livelli accettabili dall azienda e coerenti con i costi da sostenere e può essere implementata e mantenuta a costi controllati,: purché sia realizzata dopo una rigorosa ed esaustiva attività di pianificazione ed un elevata attenzione, nella fase attuativa, a tutti i principali fattori, in primis, al fattore umano Il processo di gestione che fornisce una base per la pianificazione volta ad assicurare la capacità strategica e tattica a lungo termine dell azienda/amministrazione di continuare ad esercitare l attività del proprio business a fronte di eventi rovinosi inattesi che possono colpirla è chiamata Business Continuity Management (BCM). Il Business Continuity Management è stato definito dal Business Continuity Institute (Bci- Uk) come Un processo gestionale olistico atto a identificare i potenziali impatti che minacciano un organizzazione e ha l obiettivo di predisporre soluzioni in grado di fornire supporto nella costruzione della resilienza e di dare un efficace risposta che salvaguardi gli interessi dei key stakeholder, l immagine e le attività che creano valore per l organizzazione. Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 12/71

13 L attività BCM che deve garantire la continuità o la ripresa tempestiva dell operosità nelle situazioni di crisi, interessa, in linea di massima, tutti i settori produttivi e organizzativi di un azienda/amministrazione; Le soluzioni organizzative e tecnologiche adottate devono essere funzionali alle politiche dell organizzazione, alla mission e all ambito definito di intervento, all identificazione delle minacce e valutazione dell impatto, alla valutazione della vulnerabilità dell organizzazione, dei punti deboli aziendali e del livello accettabile di rischio; Il BCM deve garantire, nel modo migliore possibile, l osservanza delle disposizioni legali, normative, contrattuali e interne anche in caso di crisi. L obiettivo principale del BCM è di consentire a un organizzazione il funzionamento anche in situazioni critiche, grazie all implementazione di: - Strategie mirate di ripristino delle attività della catena del valore; - Piani di gestione delle emergenze; - Piani di continuità operativa coerenti con il processo aziendale di risk management. Per sviluppare un processo di Business Continuity Management in grado di individuare delle soluzioni utili alla gestione dell emergenza e al ripristino dei processi critici, è opportuno seguire un approccio strutturato che preveda una continua revisione dei risultati ottenuti. Standard di riferimento Nel dicembre 2006 la British Standards Institute ha pubblicato un nuovo standard, BS che si applica a tutte le organizzazioni indipendentemente dal tipo, dimensione e settore di appartenenza, private o pubbliche (prima della sua pubblicazione si faceva riferimento prevalentemente ad una guida PAS56 che descriveva i processi, i principi e la terminologia del BCM e allo standard BS7799 che trattava la continuità operativa solo in modo sommario in funzione esclusivamente della gestione della sicurezza informatica). Fonti diverse riportano che entro il 2011 lo Standard BS25999 potrebbe essere sostituito da uno standard internazionale ISO (che verosimilmente manterrà gli elementi base del BS25999, pur essendo più preciso ed esigente) Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 13/71

14 Che cos è BS 25999? E uno standard, sviluppato da British Standards Institute in Gran Bretagna e successivamente recepito in tutto il mondo, che identifica i processi, i principi e la terminologia per la Gestione della Business Continuity (BCM). ovvero per rispondere agli incidenti che minacciano l interruzione delle quotidiane attività di business Lo standard lavora su obiettivi ampi e per questo motivo non è prescrittivo, in modo da essere applicabile a tutte le organizzazioni, siano esse piccole, medie, grandi, locali, nazionali o globali, pubbliche o private. BS si compone di due parti, complementari e integrabili: BS25999 Parte prima BS :2006 Codice di Pratica: pubblicato nel novembre 2006, definisce i processi, i principi e la terminologia per affrontare progetti di business continuity e propone una sintesi metodologica delle migliori pratiche in tema di gestione della continuità operativa (BCM), fornendo una base per comprendere, sviluppare, e attuare la continuità di business all interno di un organizzazione BS25999 Parte seconda BS :2007 Specifica. pubblicata nel novembre 2007, specifica come un organizzazione può implementare, mantenere e migliorare un sistema di gestione della Business Continuity. I requisiti di cui allo standard sono generici e destinati ad essere applicabili a tutte le organizzazioni (o parti di esse), indipendentemente dal tipo, dimensione e natura del business. Il grado di applicazione dei requisiti dipende dell ambiente operativo, dall organizzazione e dalla sua complessità e sarà influenzato da norme e regolamenti, dalle esigenze dei clienti, dai prodotti e servizi, dai procedimenti impiegati e dalle dimensioni e dalla struttura dell organizzazione Per soddisfare i requisiti della norma, pertanto, un'organizzazione deve progettare un BCM che sia adeguato alle sue esigenze e che soddisfi i bisogni dei propri stakeholder. Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 14/71

15 Lo standard BS adotta come modello il ciclo di Deming - PDCA (PLAN-DO- CHECK-ACT),.familiare agli utenti di altri sistemi di gestione quali ISO 9001, ISO ecc. (con i quali BS ha molti parallelismi), e costituisce un indispensabile guida metodologica per il mantenimento ed il continuo miglioramento del livello di prestazione di un attività ed una solida base dei processi di pianificazione. Ciclo di Deming PLAN PIANIFICARE DO REALIZZARE CHECK VERIFICARE. ACT MANTENERE O MI- GLIORARE Le relazioni tra la norma ISO 9001 ed il BS sottolineano la convergenza e la sinergia dei due approcci e la possibilità di utilizzare il sistema di gestione della qualità come struttura di base per soddisfare i requisiti generali del sistema di Business Continuity Management e di Risk Management. In APPENDICE sono riportate: la Tabella 1 e la Tabella 2 che presentano un analisi di dettaglio da cui si evince una sostanziale corrispondenza dei requisiti e delle definizioni tra lo standard BS /2 e la norma ISO 9001 (gli elementi comuni, da cui derivano le potenziali sinergie, comprendono i processi relativi a: gestione di documenti e registrazioni, formazione del personale, verifiche ispettive interne, riesame della direzione, gestione di azioni correttive e preventive e miglioramento continuo). La Tabella 3 che presenta un confronto tra ISO 9001:2000 e ISO 9001:2008 da cui si evince come la nuova norma ISO 9001:2008, con i chiarimenti l introdotti dal concetto di rischio e di conformità ai requisiti del prodotto metta in luce quanta affinità ci sia fra qualità, business continuity e risk management. Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 15/71

16 6.1 Processo complessivo di Business Continuity Management Il processo di Business Continuity Management dà vita un ciclo continuo Business Continuity Life Cycle, che si sviluppa in una successione di fasi concatenate, ed evolve nel tempo recependo i mutamenti di business, organizzativi e tecnologici delle realtà in cui è applicato. La responsabilità è pertanto della Direzione (per la formalizzazione della strategia e il controllo dell ottemperanza) e delle singole Strutture (per la sua realizzazione). Le fasi del processo BCM, rappresentato nella figura che segue, sono Fase 1 - Definizione del programma di realizzazione del BCM Fase 2 - Diagnosi organizzativa e processo decisionale Fase 3 - Determinazione della strategia per il BCM Fase 4 - Sviluppo e implementaziione, mantenimento e riesame Fase 5 Validazione, mantenimento e riesame Fase 6 -Consolidamento del BCM nella cultura aziendale, svolto durante l intero processo Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 16/71

17 Il processo di Business Continuty Management BCM (Fonte: BS ) Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 17/71

18 Le macrofasi del BCM Per sviluppare un processo di Business Continuity Management in grado di individuare delle soluzioni utili alla gestione dell emergenza e al ripristino dei processi critici, è opportuno, come già detto, seguire un approccio strutturato che preveda una continua revisione dei risultati ottenuti e le cui macrofasi sono presentate nel seguito: 0. Pre-project planning Finalizzato a individuare gli ambiti d intervento e le modalità di gestione del processo Si raccolgono le informazioni preliminari per consolidare il piano operativo del progetto. 1. Business Impact Analysis Si analizzano in dettaglio i processi aziendali, il tempo di fermo accettabile (RTO), le risorse necessarie per il loro funzionamento. 2. Design - Business Continuity Strategy Si identificano le soluzioni alternative di continuità operativa e si imposta il piano per implementarle. 3. Implementation - Business Continuity Planning Si definisce la catena di comando (ruoli e responsabilità) in caso di disastro e si definiscono le procedure operative per la ripresa dei processi vitali. 4. Testing Si verificano le soluzioni implementate 5. Maintaining Si mantengono e migliorano le soluzioni implementate Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 18/71

19 I principali risultati attesi del processo di BCM sono: definizione delle risorse incaricate della gestione del BCM; documento della strategia di continuità operativa destinato alla Direzione Aziendale per l assenso piano degli interventi progettuali; piano di continuità operativa (Business Continuity Plan); risultati delle verifiche periodiche. La figura che segue presenta le macrofasi del processo di Business Continuity Management ANALISI PRELIMINARE DEFINIZIONE SOLUZIONE VERIFICA E UTILIZZO Pre-project planning Business Impact Design Implementation Maintenance Testing Analysis Improvement Definizione del perimetro di ntervento Impostazione e attivazione progetto Individuazione aree critiche prioritarie da ottoporre ad analisi Individuazione e valutazione processi critici per la opravvivenza del business Valutazione mpatti scenari di crisi Individuazione strategie alternative di continuità Definizione strategia di BC di riferimento Impostazione piano di implementazione Sviluppo/ redazione del Business Continuity Plan Identificazione e predisposizione infrastrutture e tecnologie Collaudo Preparazione del personale Realizzazione delle misure di trattamento e trasferimento dei rischi Monitoraggio delle soluzioni implementate Miglioramento delle misure implementate BUSINESS CONTINUITI PLANNING GESTIONE Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 19/71

20 7. ASL 3 GENOVESE: MISSIONE E STRATEGIE E obiettivo dell ASL 3 Genovese assicurare adeguati livelli di assistenza sanitaria, sulla base della normativa nazionale e regionale, attraverso la programmazione, la gestione e l erogazione di prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rese in maniera appropriata, con la tempestività necessaria e secondo adeguati criteri di qualità. Negli ultimi anni il settore sanitario ha subito profonde modificazioni diventando sempre più vasto, eterogeneo e competitivo e nello stesso interagiscono molteplici fattori, compositi e dinamici, tra i quali, la varietà delle prestazioni, la pluralità delle professioni, l esteso utilizzo di tecnologie, la varietà dei processi e dei risultati da conseguire, che devono coordinarsi e integrarsi per corrispondere ai bisogni di salute. I molteplici fattori, (strutturali tecnologici; organizzativo gestionali; fattori umani, individuali e del team; condizioni di lavoro; caratteristiche dell utenza; fattori esterni). concorrono a definire il grado di rischio del sistema sanitario. Per soddisfare le aspettative del cliente, è stato quindi necessario integrare l organizzazione con discipline e attività complesse, quali il controllo di gestione, la gestione del rischio clinico, la gestione delle risorse umane ecc. con l obiettivo di garantire il miglioramento continuo in ogni processo che caratterizza l attività dell Azienda. L Azienda infatti, in rispetto a quanto stabilito dal DPR 14 gennaio 1997, ha sviluppato, quale requisito organizzativo minimo per l esercizio dell attività sanitaria, le attività di gestione, valutazione e miglioramento della qualità. Nel 2004 ha quindi dato vita ad un Sistema di Gestione della Qualità come strumento organizzativo capace di includere progressivamente nella propria struttura i requisiti di tutte le norme di sistema (qualità, ambiente, sicurezza e salute, sicurezza delle informazioni, sostenibilità sociale) e naturalmente i vincoli provenienti da tutte le leggi e direttive applicabili. Azienda ASL 3 Codice GEN-DS-IL- continuità-00 Rev. 0.0 Data 15/3//2011 pag. 20/71

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Milano 23 novembre 2011

Milano 23 novembre 2011 ORBIT - Open Day Milano 23 novembre 2011 Carlo Loveri Agenda 14.30 Benvenuto 14.45 Business Continuity & Disaster Recovery Management: Cenni; Standards di riferimento; Best practices. Carlo Loveri CEO

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

numerazione potrebbe differire nella versione finale.

numerazione potrebbe differire nella versione finale. e atteso entro il 2011, è quello che assorbirà lo standard BS 25999-2 in uno standard internazionale, dando così notevole ulteriore impulso alla certificazione della CO. 3.6.1 Gli standard ISO 22399 e

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i.

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. BREVE GUIDA ALLA LETTURA... 5 1 OBIETTIVI E SCENARI

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART.

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. 50 BIS DEL CAD VERSIONE 2.4 DEL 30/07/2012 SOMMARIO 1. Introduzione 2

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del c. 3, lettera b) dell art. 50bis del Codice dell Amministrazione Digitale Aggiornamento 2013 1 Sommario GUIDA ALLA LETTURA...

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli